Sei sulla pagina 1di 2

ERMETISMO Termine con cui viene designata la civilt letteraria (soprattutto poetica e critica) svoltasi in Italia nella prima

met del Novecento, e culminata nel periodo che va dalla prima alla seconda guerra mondiale. In origine il nome di Ermetismo fu introdotto con unintenzione polemica e dispregiativa, come sinonimo di oscurit, di incomprensibilit. In seguito andato assumendo un significato esclusivamente storico e designativo. Le origini dell Ermetismo risalgono alla polemica contro lultima tradizione ottocentesca, esemplatasi sulle esperienze carducciane e dannunziane, di cui i crepuscolari gi avevano respinto la retorica nazionalista o storica o sensuale. LErmetismo italiano fa propria la crisi sociale europea della seconda met dellOttocento, giunta tardi in Italia per ragioni storiche (lunit recente, il tardo sviluppo industriale, ecc.), trasferendosi nella poesia come senso della precariet delluomo e della sua esistenza come terrore della solitudine in un universo ostile, in una natura non pi considerata come spazio per lesperienza e la ricerca scientifica (come aveva fatto lottimismo romantico e positivista), ma avvertita come incombente presenza di simboli da interpretare o da esorcizzare. Questa visione del mondo e delluomo si traduce nellidea della poesia come autonomia. Testimonianza di questa situazione sono, allinizio, le poesie di guerra di G. Ungaretti, in cui abbandonata ogni retorica eroica, ogni consolazione di solidariet con luguale soffrire degli altri uomini, ogni rifugio nella speranza o nella contemplazione della natura: luomo solo, ha distrutto le illusioni e gli inganni guardando fino in fondo nella sua condizione disperata in un mondo ostile e spietato. La poetica della crisi caratteristica dellErmetismo raggiunge una pi complessa elaborazione e una pi profonda coscienza negli anni fra le due guerre: si fissano i principi essenziali della poesia intesa come atto puro, esercizio assoluto di linguaggio, che in tanto vale in quanto riesce a esprimere lintuizione lirica nella sua originaria purezza, senza lintervento di preoccupazioni strutturali, tecniche, metriche, di comunicabilit, di chiarezza. Ogni motivo logico, narrativo, esplicativo, rifiutato come attentato allintatta purezza della lirica. Non esiste altra realt che abbia un significato oltre quella interiore del poeta. nella poetica ermetica la parola tende a perdere ogni contenuto di socialit, di tradizione, di cultura, diviene pura metafora lirica. Loscura meditazione ermetica sul negativo conclude alla dichiarazione della necessit di prendere coscienza della crisi delluomo, della vanit delle sue speranze, della realt del suo essere solo, in un mondo ostile, prigioniero di una necessit che lo stringe; e sar la voce altissima di Montale a proclamarlo ( Non domandarci la formula che mondi possa aprirti, / s qualche storta sillaba e secca come un ramo. / Codesto solo, oggi, possiamo dirti, / ci che non siamo, ci che non vogliamo ) contro ogni retorica ottimista. La critica ermetica giunta a fissare alcuni punti fondamentali: essenziale attenzione al linguaggio, che della poesia costituisce il fondamento concreto; indagine sul farsi della poesia, cio sul processo per il quale il poeta traduce in parola lintuizione lirica; concezione della letteratura come coscienza del mondo, come guida spirituale.

Fondamentale funzione esercitarono le riviste dellErmetismo: soprattutto quelle fiorentine, come Solaria, che dal 1926 al 1936 costitu il centro della nuova letteratura italiana, Letteratura, che successe a Solaria nel 1937 e continu la sua azione fino alla crisi definitiva della guerra (1943), e Frontespizio (dal 1929 al 1940) che, nel suo cattolicesimo, accolse anche voci estranee allErmetismo. Teso alla purezza assoluta dellintuizione lirica, lErmetismo ha avuto minore influenza sulla prosa narrativa. Con la guerra, la lotta per la resistenza e la liberazione dal fascismo tutti i principi su cui era fondato lErmetismo sono posti in crisi: la sua visione delluomo e del mondo rifiutata in nome di un nuovo realismo, di un nuovo impegno morale e sociale. Sui due nomi centrali, pur cos diversi, di Montale e di Ungaretti, lErmetismo fonda la sua testimonianza di poesia: soprattutto in Montale si raccoglie la pi alta espressione della crisi delluomo contemporaneo.