Sei sulla pagina 1di 262

Marco Fincati

RQI Il Segreto dellAuto-Star-Bene


ISBN 9788890966507
2014 Q Institute
Prima edizione: Marzo 2014
Seconda edizione: Aprile 2014
Tutti i diritti sono riservati
Coordinamento editoriale: Enrico Caldari
Editing: Silla Gambardella
Foto di copertina: Carla Pagano
Progetto grafico: Tatticadv.it
Impaginazione: EDI.MAT sas, Bologna
Stampa: Pointer, via Citerella 3/b, Dogana (RSM)
Q Institute
Cambiare il mondo, partendo da s
via Rivo Fontanelle 64 47892 Acquaviva (RSM)
www.qinstitute.sm
Metodo RQI un marchio registrato ad utilizzo esclusivo di Q Institute.
vietata ogni forma di utilizzo, diffusione o sfruttamento non autorizzata.
Disclaimer:
Il lettore accetta di essere lunico responsabile di qualsiasi effetto risultante dallapplicazione delle tecniche descritte. Lautore n i praticanti delle tecniche descritte
possono sostituire un medico, uno psicologo o un professionista della salute. Rivolgiti
sempre ad un professionista riconosciuto per la diagnosi dei tuoi problemi e prima
di utilizzare qualsiasi tecnica o dispositivo.

indice
Prefazione di Enrico Caldari

vii

Introduzione

Capitolo 1 Le vere cause che ci impediscono di star bene

Capitolo 2 Come funziona la nostra mente

46

Capitolo 3 Il Metodo RQI

74

Capitolo 4 Le 3 soluzioni e i 5 elementi

100

Capitolo 5 Soluzione RQI1 Materia:


Acqua Informazionale e Alimentazione Vibrazionale

116

Capitolo 6 Soluzione RQI2 Energia:


Biotecnologie Olistiche

157

Capitolo 7 Soluzione RQI3 Spirito:


Inconscio e Consapevolezza

202

Capitolo 8 Il percorso RQI

234

Appendice Altre testimonianze

241

Risorse utili

252

A tutti quelli che stanno cambiando il mondo,


partendo da s.

Prefazione
di Enrico Caldari
Ho conosciuto Marco a Rimini a settembre del 2012. Era tra
il pubblico di una conferenza che unassociazione locale mi
aveva invitato a tenere. Allepoca lavoravo come consulente
per varie aziende in diversi settori ed ero socio fondatore e
investitore in altrettante altre, con risultati a volte brillanti e
a volte meno. Inoltre portavo avanti da alcuni anni lattivit
non-profit di divulgatore su temi a me cari (sostenibilit ambientale e riforma del sistema monetario), mosso dal nobile
intento di voler contribuire in qualche modo a cambiare il
mondo che lascer ai miei nipoti.
Negli anni immediatamente precedenti il mio incontro con
Marco mi ero confrontato con lo stress, finendo un paio di volte allospedale per problemi fisici ad esso correlati. E proprio
perch non ho mai sopportato gli ospedali mi ero gi avvicinato alle cosiddette terapie olistiche, ottenendo stimoli e
risultati interessanti. Avevo inoltre gi in parte risolto attraverso scelte alternative i miei problemi con lalimentazione,
dopo che mi era stato diagnosticato quellinsieme di disturbi

VII

e intolleranze che ho poi definito ironicamente sindrome da


stazione di servizio autostradale, e cio linsieme dei disturbi digestivi, intestinali e metabolici causati dallabitudine di
mangiare troppo spesso in autogrill.
Pur sentendomi fortunato da ogni punto di vista fisico, economico, sentimentale e familiare non ero ancora pienamente soddisfatto della mia vita. Mi trovavo periodicamente in
balia di alti e bassi, periodi di ispirazione e motivazione
seguiti da periodi di depressione e spossatezza, messo a dura
prova, come tutti, dagli eventi della mia vita personale e dalla
crisi che mi circondava. Prima di apprendere le tecniche
insegnate da Marco, gli spunti pi interessanti mi erano arrivati da alcuni autori e discipline che mi avevano introdotto
al lavoro su di s e ad un concetto di spiritualit molto
VIII

pi pratico e concreto di quello che mi avevano insegnato al


catechismo. Ma non ero ancora riuscito a portare nella mia
vita risultati tangibili. E non mi sentivo felice.
Quando Marco mi chiese di partecipare come co-relatore ad un
corso che avrebbe tenuto a Rimini, a dicembre 2012, accettai
per un solo motivo. Le sue grandi suggestioni razionalmente
non mi convincevano, il suo modo di esporle era lontanissimo
dal mio stile, e lui e le persone che collaboravano allepoca alla
diffusione del suo lavoro erano quanto di pi eccentrico, curioso e disorganizzato potessi immaginare. Ma le sue tecniche
funzionavano. Lavevo provato sulla mia pelle. Dopo solo una
seduta guidata da Marco, senza che io sapessi nulla del Metodo RQI, applicando semplici procedure e tecniche che non
avevo mai visto prima, blocchi interiori che mi portavo dietro
da anni erano svaniti nel nulla. Serenit, appagamento e legge-

rezza, che avevo ormai dimenticato, sembravano aver trovato


un modo semplice per rientrare nella mia vita quotidiana.
Mi resi conto che le tecniche di Marco potevano mettere letteralmente il turbo alla mia crescita personale e alla mia
realizzazione su questa terra, e fare lo stesso per chiunque le
avesse applicate, in qualunque ambito della vita umana. Non
solo Salute e Benessere fisico, ma anche Autostima, Relazioni,
Lavoro e Benessere economico. Non ci sono limiti ai risultati
che si possono ottenere applicandole correttamente. E soprattutto sono semplici e alla portata di tutti.
Quando a inizio 2013 Marco mi chiese di aiutarlo professionalmente a diffondere il Metodo RQI, ancora non la reputavo
una scelta fattibile. Troppe incognite e troppi rischi, in un settore che non conoscevo e con tante altre attivit gi avviate
che avrei dovuto mettere da parte. Ma decisi di affidarmi alle
tecniche che Marco mi aveva insegnato per fare quella scelta importante, dato che le avevo gi iniziate a sperimentare
con successo non solo sulla mia salute fisica ed emotiva, ma
anche in ambito professionale. E infatti la risposta del mio S
superiore fu diversa da quella che la mia mente si aspettava.
Il mio cuore diceva che dovevo farlo, dovevo mollare il resto
e collaborare con lui.
Un anno dopo, guardandomi indietro, so che quella scelta
stata giusta, come tutte quelle prese applicando correttamente il Metodo RQI. Guardando i risultati raggiunti con Marco
grazie a ci che ora insegniamo insieme, mi rendo conto che
visti da fuori sembrerebbero incredibili. Oggi migliaia di persone in Italia conoscono il Metodo RQI, lo applicano e ne hanno

IX

testimoniato lefficacia in ogni ambito della loro vita, per s e


per i propri cari. Per diffonderlo abbiamo creato Q Institute,
il primo istituto al mondo nato per promuovere conoscenze e
strumenti pratici per rendersi indipendenti e felici. Cambiare
il mondo, partendo da s diventato il nostro motto ufficiale.
I corsi in aula organizzati finora sono andati costantemente
sold-out, arrivando a riempire sale con centinaia di partecipanti, da tutta Italia e addirittura dallestero, e convincendoci
a registrarli e renderli disponibili anche a distanza, sotto forma
di corsi multimediali online. Ci siamo dati obiettivi importanti, tra cui la diffusione internazionale del Metodo RQI e il
Q Project, e abbiamo gi iniziato a realizzarli, partendo ogni
giorno dal lavoro su noi stessi. Lunica condizione che chiesi
a Marco di rispettare per collaborarare con lui stata infatti
questa: partire ogni giorno dallapplicazione del Metodo RQI
X

su noi stessi e su ci che facciamo insieme. Oggi siamo come


fratelli, continuiamo ad applicarlo ogni giorno ed questo il
segreto dei risultati che stiamo ottenendo.
Questo libro una grande opportunit che spero tanti potranno cogliere. Serve solo abbandonare per un attimo i dubbi
che la mente razionale e le vecchie credenze ci fanno sorgere
di fronte a ci che ancora non conosciamo, come anchio ho
dovuto fare allinizio, e lasciarsi guidare dal cuore primancora
di comprendere come sia facile farlo, applicando proprio il
Metodo RQI.
Esso rappresenta un passo fondamentale per capire ci che
possibile fare della nostra vita scoprendo come funziona
davvero il nostro inconscio, come comunicare con esso, come
rimetterci in contatto con ci che abbiamo dentro, con lener-

gia che pervade ogni parte di noi, le persone che abbiamo


intorno e lintero universo che ci circonda, attingendo alla
quale non ci sono limiti a ci che possiamo realizzare.
il segreto pi ben celato che sia mai stato rivelato e ora
tutti hanno lopportunit di scoprirlo: il segreto dellautostar-bene.
Febbraio 2014

XI

INTRODUZIONE
COM NATO IL METODO RQI

Devo ringraziare le due ernie che nel 1999 resero la mia vita
un po meno agiata e la mia schiena un po pi dolorante se
cominciai ad appassionarmi alla medicina energetica e informazionale, dalla quale poi derivato il Metodo RQI.
A quei tempi lavoravo in fabbrica come operaio specializzato,
ma dato che il lavoro comportava molti sforzi fisici, fui costretto a licenziarmi. Indeciso su quale altro lavoro intraprendere,
mi iscrissi alluniversit e, dopo essermi pagato gli studi e mantenuto grazie a svariati lavori occasionali (pizzaiolo, cameriere,
facchino...), iniziai a lavorare come informatore scientifico dapprima part-time, e poi, ottenuta la laurea, a tempo pieno
- per unimportante azienda di prodotti fitoterapici. Parallelamente, per mia passione, mi divertivo ad approfondire le conoscenze in ambito salutistico come ricercatore indipendente.
Ogni giorno toccavo con mano come certi prodotti - la cui
validit scientifica era pi che dimostrata - avessero tuttavia
risultati molto diversi a seconda delle persone che li utilizzavano: per alcuni funzionavano, per altri no. Questo fece nascere
in me lo stimolo a comprendere come mai ci si verificasse.

In quegli anni sentivo parlare di discipline olistiche. Esse


avevano un approccio molto diverso rispetto alla medicina accademica, in quanto ricercavano la causa del problema, piuttosto che limitarsi al solo sintomo. Inoltre, rimasi colpito dal
fatto che la maggior parte dei medici e del personale ospedaliero o sanitario non usasse i farmaci tradizionali per curarsi,
ma ricorresse proprio alle medicine cosiddette alternative.
Iniziai quindi a frequentare numerosi corsi, delle pi svariate
discipline: yoga, meditazione, reiki, shiatsu, agopuntura... Mi
dedicai con la curiosit di uno studente universitario alla lettura
di libri su medicina vibrazionale, kinesiologia applicata, biotecnologie olistiche, epigenetica e psicologie energetiche. stato
un percorso lungo e appassionante, e anche molto oneroso.
2

Pi studiavo e pi volevo sapere, indagare, scoprire, scavare


in profondit. Lobiettivo era offrire un servizio migliore alle
persone con le quali avevo a che fare ogni giorno, nella mia
attivit lavorativa, ma fu anche una sfida con me stesso. E con
le mie due ernie.
Nel 2007 ci fu un momento che segn uno spartiacque nella
mia lunga ricerca. Fu quando partecipai a una conferenza organizzata a Rimini e dal titolo La Fisica Quantistica al servizio della salute. Qui sentii per la prima volta alcuni rinomati
professori introdurre il concetto di biofotoni e spiegare le
applicazioni pratiche derivate dalla loro conoscenza. Fu illuminante ascoltare un nuovo tipo di approccio alla cura dellessere umano: un approccio che partiva dal vedere luomo come
un sistema biofisico prima che un sistema biochimico.
In effetti, a pensarci bene, ogni apparecchiatura medica atta a

diagnosticare una patologia legge il corpo dal punto di vista


biofisico: anche le mie due ernie erano state diagnosticate
grazie a una risonanza magnetica. Perch allora la terapia
aveva poi previsto un approccio biochimico, con la somministrazione di antinfiammatori e miorilassanti?
Quel giorno conobbi anche un personaggio piuttosto originale. Faceva il rabdomante e il radioestesista (di professione era
un terapista nonch un ricercatore olistico). Mi disse di essere
in grado di mettersi in comunicazione con le frequenze del
corpo delle persone, attraverso delle bacchette, e di individuare quelle corrette e quelle squilibrate. Una volta trovate
le frequenze squilibrate, era capace di indirizzare le persone
allauto-guarigione attraverso tecniche olistiche. Sia in fase
di diagnosi sia in fase di scelta della terapia, utilizzava la comunicazione inconscia. Al momento ero un poco scettico, ma
non avevo nulla da perdere. E poi quello che il rabdomante
diceva, aveva una certa coerenza, almeno dal punto di vista
teorico, con quanto era stato appena esposto durante il congresso. Cos prevalse la mia curiosit. Fissai un appuntamento
nel suo studio e mi feci visitare.
Lui mi consigli lutilizzo di generatori di frequenza, indic
quali frequenze mi occorrevano e disse che il mio corpo sarebbe entrato in risonanza con esse. Mi diede i tempi e i
modi con cui somministrarle. E nel giro di sette mesi le ernie
guarirono del tutto. Da allora, la sciatalgia un lontanissimo
ricordo. Non solo: ai tempi ero miope e stavo perdendo molti
capelli. Le biofrequenze di quel generatore mi aiutarono a
recuperare le diottrie che avevo perduto quando ero ancora
adolescente e arrestarono il principio di calvizie, stimolando
il cuoio capelluto a una ricrescita di capelli oramai insperata.

Fu allora che capii il principio dellauto-guarigione: il nostro


corpo semplicemente unantenna che risponde agli stimoli
esterni. Se lo sottoponiamo agli stimoli giusti, favoriremo in lui
le risposte giuste, e la salute si ristabilir di conseguenza. Cominciai a fare un percorso di formazione che comprese sia lapprendimento di metodologie per la comunicazione con linconscio sia lapprendimento di abilit e conoscenze per imparare
a riequilibrare le informazioni e le frequenze del corpo umano.
Allargai i miei campi di interesse in due direzioni: da una parte,
abbracciai le antiche filosofie orientali (la Medicina Tradizionale
Cinese in primis), dallaltra esplorai i nuovi confini della Fisica
Quantistica.
Dallesperienza accumulata e dal grande valore che riuscirono
4

a trasmettermi queste discipline ho ideato il Metodo RQI.


Negli anni che seguirono, affinai il Metodo attraverso continue visite di persone con i pi svariati problemi, fisici e psicologici; misurai il campo energetico di oltre 1000 persone
con unapposita apparecchiatura, chiamata Bodyscanner, e
verificai il risultato ottenuto da tale macchina con il risultato
ottenuto dai miei test kinesiologici. In tutti i casi, i risultati
furono identici, e perci realizzai che era inutile affidarsi a
una macchina, quando un test muscolare eseguito in maniera
corretta altrettanto affidabile.
Ho comunicato con linconscio di nascituri nel liquido amniotico e con quello di anziani fino a 95 anni di et. Non ho mai
trovato una persona che non avesse bisogno di un riequilibrio
energetico.

Questi primi 1000 test e altri 1000 almeno che ne seguirono


mi misero di fronte a unaltra verit: tutti coloro che avevano
un problema fisico, avevano in realt un problema di squilibrio energetico. Questo conferm ci che le antiche filosofie
orientali sostenevano circa il concetto di salute e, allo stesso
tempo, avallava quanto la moderna medicina informazionale
ci dice attraverso i suoi principi.
Tuttavia, se dieci soggetti da me testati avevano lo stesso problema, non a tutti serviva la stessa soluzione per ripristinare il
proprio stato di salute.
E questo mi conferm ancora una volta la bellezza e la complessit dellessere umano e linscindibile rapporto tra il corpo
e la mente (tant che la medicina olistica parla di corpomente). Ognuno di noi unico e irripetibile: non pu essere
catalogato dentro protocolli standard uguali per tutti. Ed
questo il grande errore della medicina allopatica.
Sebbene mi trovassi di fronte a una complessit di squilibri e
ad una altrettanto vasta possibilit di soluzioni, la coscienza
collettiva di tutte le persone assistite mi indic che vi erano
sempre tre grandi macro-aree entro le quali circoscrivere e
risolvere i problemi e che esse corrispondevano alle tre dimensioni del nostro essere: materia, energia, spirito.
Le tre soluzioni del Metodo RQI nascono da qui.
Quello che ho ideato un metodo pratico, semplice e accessibile a tutti, che permette attraverso la comunicazione con
linconscio (che responsabile per il 95% delle nostre azioni)
di individuare le vere cause che hanno generato ogni situazione di squilibrio e individuare qual la miglior soluzione
per s stessi.

Questo Metodo non si pu paragonare ad altre tecniche.


Sono partito da principi della Fisica Quantistica, ho attinto
da diverse altre scuole (Psych-K, Hooponopono, Quantum
Entrainement, ), mi sono ispirato ad alcuni celebri pensatori
(Lipton, Brizzi, Castaneda) e ho poi delineato un approccio
pratico, affinandolo sul campo, con le persone. E ho semplificato la kinesiologia per comunicare con linconscio, in modo
che chiunque possa applicarla da solo.
Il Metodo RQI non guarisce la malattia, ma d al corpo gli
strumenti necessari affinch si riattivi un processo di autoguarigione. Non si eliminano i sintomi di un disagio, ma le
sue cause. Eliminate le cause, il corpo ristabilisce il proprio
equilibrio, a volte anche in pochi minuti!
6

Voglio precisare che non tutti gli scienziati e ricercatori citati


nel mio libro conoscono il mio Metodo. Pertanto non lo avvallano. Semmai, lo hanno ispirato. Non sono loro che seguono
me, ma sono io che ho seguito loro, con molta umilt e profonda gratitudine.
Alcuni di questi scienziati o ricercatori, hanno condotto studi
prettamente teorici, e dalle loro basi teoriche ho studiato un
approccio pratico, con fini salutistici. Altri, invece, hanno conseguito eccellenti risultati anche in campo pratico, seguendo
strade parallele alla mia.
Voglio inoltre precisare che in questo libro non offro e non
mi interessa offrire - una dimostrazione scientifica del Metodo: non mai stata la mia priorit. Ritengo che uno studio
scientifico sia meno importante delleffettivo, reale riscontro

che il Metodo ha avuto e sta avendo sulle persone (nel libro


puoi leggere alcune loro testimonianze).
Tuttavia, in futuro non escludo il fatto di cimentarmi in uno
studio scientifico ampio e articolato che possa servire non
tanto a dare pi autorevolezza al Metodo, quanto a offrire un
ulteriore strumento alle persone che, sentendone parlare per
la prima volta, desiderano avere numeri alla mano.
Il primo obiettivo del Metodo lo stesso che nel 2007 mi
fece iniziare questa splendida avventura di ricerca: rendere
le persone il pi autosufficienti possibile. La salute importante, ed il primo passo per lautosufficienza. logico che,
se non si sta bene, non si pu fare nientaltro. Ma una volta
riconquistata la salute, si pu (si deve) espandere lautosufficienza in ogni ambito della propria vita: economico, sociale,
ambientale. E cos scoprirai come il percorso suggerito dal
Metodo RQI ti porter a ripensare a concetti quali lavoro,
carriera, sussistenza, ambiente e denaro.
Allora, se sei daccordo con me, possiamo iniziare. Sar un
grande onore poter condividere con te le mie esperienze.
Spero tu possa farne tesoro.
Buona lettura!
Marco Fincati

LE VERE CAUSE CHE CI IMPEDISCONO


DI STAR BENE

Il 27 settembre 1905, un fisico tedesco dai capelli arruffati e


di nome Albert Einstein present al mondo lequazione che
avrebbe cambiato la scienza moderna:
E 5 mc 2
Detta a parole: lenergia uguale alla massa per il quadrato
della velocit della luce. Ovvero: energia e materia sono la
stessa cosa.
Einstein comprese che la massa, considerata isolatamente,
non si conserva, ma soggetta a continue variazioni. In particolare, aumenta in quantit quando assorbe energia, mentre
diminuisce quando perde energia. Da ci ne consegue che
la massa non altro che una forma di energia e che il manifestarsi di un particolare tipo di materia corrisponde alla
presenza di una determinata quantit di energia, la quale
espressione dellaccelerazione delle molecole che costituiscono quella medesima materia.
Pi energia c, pi le molecole di quella materia saranno
veloci (accelerate). Meno energia c, pi le molecole saranno lente. Questo comporta che la materia cambier stato o
conformazione in base alla sua energia.

Facciamo un esempio pratico. Una molecola formata da due


atomi di idrogeno e uno di ossigeno pu presentarsi allo stato
liquido (acqua), solido (ghiaccio) o gassoso (vapore acqueo)
a seconda delleccitazione (accelerazione) dei suoi elettroni
intorno al nucleo. Eppure la molecola sempre la stessa. Lelettrone, che rispetto al nucleo come un chicco di riso su
Piazza San Pietro, ha la facolt di farci vedere il ghiaccio (se
rallentato al punto da essere percepibile ai nostri sensi) o
di nasconderci lumidit (se sufficientemente agitato,
ad esempio dopo che la molecola stata riscaldata e che ha
assorbito nuova energia sotto forma di calore).
il passaggio dalla Fisica Newtoniana, che ragionava solo
sul piano biochimico e che vedeva latomo semplicemente
come un composto di particelle, alla Fisica Quantistica, che si
10

avvale di un approccio biofisico e che definisce latomo come


un aggregato di energia invisibile.
Infatti, i primi scienziati che cominciarono a indagare i segreti della formula di Einstein, osservando e ingrandendo con
microscopi potentissimi le particelle subatomiche (neutroni,
protoni, elettroni) di alcuni atomi, si accorsero che le stesse
particelle, oltre un certo ingrandimento, non erano pi visibili. Ne dedussero che il manifestarsi delle particelle altro
non che la conseguenza delle forze esercitate dal campo
elettromagnetico entro il quale si verifica una certa quantit
di energia. Pertanto, mentre latomo newtoniano era fatto di
materia tangibile, oggi latomo quantistico composto di...
quanti, che sono frazioni di energia.
Allo stesso modo, luniverso non fatto di materia sospesa
nello spazio vuoto, ma di energia, che si pu aggregare o

disgregare in modo diverso. Questo spiegherebbe anche alcuni fenomeni che la Fisica Newtoniana non era mai riuscita a
definire, come ad esempio la natura della luce, che per certi
versi presenta le caratteristiche di unonda e per altri mostra
alcune propriet tipiche delle particelle.
Pi in generale, tutta la materia pu essere contemporaneamente definita un qualcosa di solido (particella) e un campo
di forza immateriale (onda).
TUTTO ENERGIA
Ma allora, che cos esattamente la realt?
Ogni oggetto una manifestazione di energia, con un grado
diverso di ordine. Alcune di queste manifestazioni di energia
sono percepibili ai nostri sensi (lacqua, il ghiaccio), altre invece no (lumidit).
Ordine ed energia sono inversamente proporzionali. Pi c
energia, e meno c ordine, ovvero pi difficile vedere lenergia strutturarsi, ordinarsi in una determinata forma. Meno
c energia, pi c ordine, perch le particelle, rallentando
tenderanno a rendersi visibili.
La forma pi essenziale e pi ricca di energia londa.
Unonda infinita e senza limiti. La sua energia si propaga
ovunque e pu attraversare anche la materia. Laddove le
onde si sovrappongono, si creano particelle subatomiche.
Quando le particelle diventano pi compatte, si trasformano
in atomi. Gli atomi si stringono gli uni contro gli altri formando le molecole, e le molecole a loro volta si dispongono in
forme fisiche.
Pi tangibile lordine di una cosa, meno energia essa esprime.

11

ORDINE ED ENERGIA
Onda: quantit massima di energia



n particelle sub-atomiche
n atomo
n molecola
n oggetto: minore quantit di energia

Che cos un tromba daria? Se eliminassimo la polvere che


essa solleva da terra, non vedremmo nulla. Ma se ci sbattessimo addosso, essa ci distruggerebbe. Il suo vortice ha un grado di energia enorme, ma ai nostri occhi appare inconsistente.
Nel momento in cui essa cede energia, per, noi cominciamo
a vedere pi nitidamente la sabbia che il movimento turbinoso ha trasportato. La tromba daria un campo magnetico.
12

Lo stesso latomo: un campo magnetico che prende forma


attraverso la sua energia. Con una formula matematica, possiamo tradurlo esattamente cos:
E 5 mc 2
Ciascuno dei 118 atomi della tavola degli elementi quindi
formato da vortici di energia in costante vibrazione e rotazione. Latomo come una trottola, che oscilla ed emette
energia.
Qualunque struttura fisica nelluniverso irradia una specifica
configurazione energetica. E ogni manifestazione di energia
caratterizzata da tre determinati elementi:
a) una frequenza
b) una lunghezza donda
c) uno spettro cromatico

LA FREQUENZA
Poich non il nostro scopo scrivere un saggio di Fisica
Quantistica, ma solo introdurre alcuni concetti che siano propedeutici al comprendere le basi teoriche del Metodo RQI,
soffermiamo la nostra attenzione solo sulla frequenza.
Con frequenza si intende il numero degli eventi che vengono
ripetuti in una data unit di tempo. In fisica, quando ci si riferisce ai fenomeni ondulatori, la frequenza indica il numero di
giri che un elettrone compie intorno al nucleo in un secondo.
Maggiore la frequenza, maggiore laccelerazione della
nostra particella.
Di conseguenza, ogni frequenza indice di una determinata
quantit di energia, e si misura in Hertz (Hz). Dire che una
particella ha una frequenza media pari a 10 Hz significa che
il suo elettrone si muove alla velocit di 10 giri al secondo
intorno al proprio nucleo.
Le frequenze degli atomi presenti nelluniverso sono comprese in un range che va da 0,1 Hz fino a 53 Ghz. Nel caso dei
campi elettromagnetici possono raggiungere frequenze molto
pi alte, esprimibili anche in TeraHz. La frequenza 0,1 Hz
quella che viene definita come la frequenza della coerenza
cuore-cervello ed la stessa frequenza sulla quale il nostro
cuore si sintonizza quando proviamo unesperienza di amore,
gratitudine e comprensione: in quel momento, lelettrone di
un atomo che compone una molecola del cuore impiega 10
secondi per fare un giro intorno al proprio nucleo. Invece, si
crede che lenergia scatenata dal Big Bang durante la creazione del mondo avesse una frequenza di 53 Ghz.

13

IL SOLE: LORIGINE DELLA VITA


Anche il Sole energia, e arriva a irradiare qualche milione di
diverse frequenze.
Senza le frequenza che il Sole ci invia, non potremmo vivere.
Ma se vero che il Sole ci invia energia, altrettanto vero che
lenergia inviataci dal Sole non sotto forma di calore.
Il Sole non d calore! D energia!
Se ci avventurassimo in una spedizione astronautica oltre latmosfera terrestre, scopriremmo che lo spazio freddo. La
nostra Galassia ha una temperatura pari allo zero assoluto:
273,15 C.
Allora come fa la Terra a essere scaldata dal Sole? La Terra si
scalda perch in sintonia con le frequenze del Sole.
La Terra filtra tramite latmosfera le frequenze non benefiche
14

del Sole (ad esempio, i raggi Gamma e parte degli UV) e


lascia passare quelle utili alla vita (ad esempio, gli infrarossi:
utili per la melatonina e per lassorbimento della vitamina D).
Le frequenze utili sono le stesse gi presenti allinterno della
Terra. Quando la Terra le assorbe, esse cominciano a risuonare, manifestando nuova energia sotto forma di luce e calore.
lo stesso principio per il quale noi possiamo accordare una
chitarra utilizzando un diapason. Per chi non si intende di musica, il diapason una forcella di acciaio dotata di un manico.
Quando si batte la forcella su una superficie, essa comincia
a vibrare ed emette una frequenza, in genere intorno ai 440
Hz, che la stessa frequenza della nota musicale La. Il chitarrista, ruotando la chiave che tende la corda del La (la quinta
corda), trover la nota giusta nel momento in cui la corda
stessa, stimolata dal suono emesso dal diapason, comincer
a vibrare da sola.

Solo quando la corda del La avr una tensione tale da poter


generare una frequenza di 440 Hz, essa comincer a vibrare
in accordo con il diapason. Allo stesso modo, tutta la vita sulla Terra un equilibrio di frequenze. La Terra vive perch
vibra alle frequenze del Sole.
Le culture ancestrali spiegavano questo fenomeno con unimmagine evocativa quale lincontro del seme del Padre (il Sole)
nellovulo della Madre (la Terra).
Oggi sappiamo che la vita un equilibrio di frequenze, che
risuonano in armonia tra loro.

15

Lo spettro elettromagnetico

BIOFREQUENZE E BIOFOTONI:
IL RUOLO DELLAMBIENTE
Al pari della Terra, che vibra per risonanza con le frequenze del Sole, anche luomo pu vivere solo risuonando con
lambiente circostante, dal quale riceve tutte le informazioni
e lenergia di cui ha bisogno.

Il fisico tedesco Fritz Albert Popp scopr che, allinterno del


corpo umano, la risonanza e la trasmissione di energia e di
informazioni garantita dai biofotoni.
Per capire il concetto di biofotone, bisogna spiegare cos il
fotone. Il fotone una quantit elementare (quanto) di energia elettromagnetica, che rispetta le leggi della Meccanica
Quantistica. I fotoni sono luce e, di conseguenza, onde ed
energia. I biofotoni sono le frequenze della vita e sono presenti in ogni nostra cellula. Il biofotone quellenergia che
sottende alla forma e alla costituzione di ogni atomo e molecola del nostro corpo. Grazie ai biofotoni, ogni cellula del
corpo pu scambiarsi informazioni con le altre vibrando alla
stessa frequenza donda.
Il professor Popp scopr che, grazie ai biofotoni, anche luomo emette una debolissima luce laser, che manifestazione
16

dellesistenza di un suo specifico campo elettromagnetico.


Tale campo elettromagnetico permette la crescita e lo sviluppo di ogni cellula. La scoperta affascinante che lo spettro
di frequenza di un uomo in buona salute coincide con le
frequenze del Sole che risuonano sulla Terra. Gli studi di
Popp dimostrerebbero scientificamente lesistenza dellAura,
che in molte culture viene definita come un sottile campo di
radiazione luminosa, invisibile allocchio umano, che circonderebbe e animerebbe tutti gli esseri viventi (persone, animali e
piante) come una sorta di bozzolo o alone, e che sopravviverebbe al decadimento dellessere biologico.
Ad avvalorare ulteriormente questa teoria, ci sono anche le
fotografie dellaura scattate con un procedimento fotografico
noto come effetto Kirlian, dal nome del suo ideatore, Semen
Davidovic Kirlian, il quale nel 1939 conferm la presenza di
un alone luminoso attorno agli esseri viventi.

LE FREQUENZE NEGLI ORGANI DEL CORPO UMANO


Organo Frequenza/Nota
Sangue

321.9 (E)

Surrene

492.8 (B)

Rene

319.88 (Eb)

Fegato

317.83 (Eb)

Vescica

352 (F)

Intestino

281 (C#)

Polmone

220 (A)

Colon

176 (F)

Vescica biliare

164.3 (E)

Pancreas

117.3 (C#)

Stomaco

110 (A)

Cervello

315.8 (Eb)

Cellule grasse

295.8 (C#)

Muscoli

324 (E)

Ossa

418.3 (Ab)

Curiosit: nelluomo, il Chakra transpersonale ha una


frequenza di 273 Hz, molto simile alla frequenza di 272.2
Hz, che la frequenza di orbita della Terra.

Per questo il Sole (nelle giuste dosi!) ci fa bene e ci rende vitali


e di buon umore. Al contrario, lassenza del Sole e delle sue
frequenze potrebbe, a lungo andare, inficiare la nostra salute.
Le popolazioni del Nord Europa, dove in inverno le giornate
sono molto brevi (a Oslo, il giorno del 21 dicembre solstizio
dinverno dura meno di 6 ore!), presentano la pi alta percentuale di casi di depressione. A Norilsk, una citt mineraria
russa, a 400 chilometri a sud del circolo polare artico, molti

17

appartamenti sono dotati di lampade a raggi ultravioletti per


riprodurre la luce solare e cercare di mantenere il giusto equilibrio sonno e veglia dei suoi abitanti.
In Cina stato scoperto un villaggio di persone ultracentenarie
nel distretto di Yang Pu. Studi geologici sul territorio hanno
evidenziato che in quella regione il terreno era ricco di minerali
che emettevano biofrequenze. In sostanza, questi minerali lavoravano come ripetitori e trasmettitori delle stesse frequenze del Sole e garantivano agli abitanti della regione di ricevere
sempre le frequenze pi benefiche per la propria salute.
Altri studi hanno confermato che anche in alcuni luoghi sacri,
mete di pellegrinaggio da parte dei credenti, sono presenti
biofrequenze. Ecco (forse) spiegate tutte le guarigioni avvenute a Lourdes e Medjugorje.
18

Le frequenze dellambiente hanno quindi la propriet di


trasmetterci le informazioni corrette affinch le cellule del
nostro corpo vivano in buona salute. Che lambiente determini il nostro stato di salute la conclusione a cui giunto
anche il ricercatore e scienziato americano Bruce Lipton. Egli
spiega che il cervello di ogni cellula non il suo nucleo
(diversi esperimenti hanno dimostrato che una cellula senza
nucleo continua a espletare le proprie funzioni biologiche!),
ma la membrana cellulare, sulla quale sono poste le proteine
recettore. Tali proteine sono responsabili di ricevere segnali
dallesterno e di elaborarli in comandi da far svolgere alle
proteine effettori, che si trovano sempre sulla membrana
cellulare, ma nella parte interna, e comunicano con tutti gli
organuli nel citoplasma della cellula. Non quindi il nucleo
(qualcosa di interno alla cellula) a garantirle la vita, ma
sono gli stimoli ambientali a imporre a ogni organismo un

determinato comportamento, nel momento in cui essi vengono tradotti e interpretati attraverso la decodifica di segnali energetici. In sostanza, il professor Lipton ha dimostrato
a livello chimico quello che Popp aveva teorizzato a livello
quantistico: la vita dipende da una trasmissione di informazioni e le informazioni viaggiano attraverso le frequenze
presenti nellambiente.
Queste scoperte hanno la potenzialit di rivoluzionare le nostre vite e il nostro approccio alla guarigione in caso di malattia. Ma di questo parleremo pi avanti.

ALCUNE FREQUENZE BENEFICHE E I LORO EFFETTI


SULLA SALUTE
396 HZ Liberi dal senso di colpa e ansia
417 HZ Cambiamento, lasciare andare il passato
528 HZ Riparazione e armonizzazione DNA
639 HZ Apertura e connessione nei rapporti umani
741 HZ Stimolare il risveglio interiore
852 HZ Ritorno allordine spirituale
interessante notare che queste frequenze sono tutte
multipli di 3. Si pu verificarlo velocemente sommando le
singole cifre che le compongono. Ad esempio, la frequenza 417 pu essere scomposta in: 4 + 1 + 7 = 12. E 12 un
multiplo di 3. Come gi dimostrato da Fibonacci, la natura
risponde a un ordine rintracciabile anche nei suoi numeri!
La musicoterapia si basa su motivi musicali i cui suoni corrispondono a una di queste frequenze benefiche. Molti
dei pi famosi compositori di musica classica (da Mozart a
Beethoven a Bach) utilizzavano frequenze benefiche.

19

INTERFERENZE COSTRUTTIVE E DISTRUTTIVE


Oltre alle frequenze benefiche, purtroppo oggi siamo circondati anche da frequenze nocive per luomo. Queste sono la
principale causa del sorgere di nuove malattie, tipiche del
mondo contemporaneo. Lelettrosmog comprende le frequenze di cellulari, ripetitori radio, computer con Wi-fi, telecomandi, tastiere senza fili, dispositivi bluetooth, etc. Anche
di questo parleremo pi avanti. Ora ci serve rispondere a una
domanda: perch alcune frequenze possono farci bene e altre
possono farci male? Per capirlo, dobbiamo spiegare come si
comportano due onde quando si incontrano ed entrano in
relazione tra loro.
Linterferenza quel fenomeno dovuto alla sovrapposizione,
20

in un punto dello spazio, di due o pi onde. Incontrandosi,


come se le onde si scambiassero informazioni sulle loro
specifiche frequenze al fine di formare ununica onda, frutto
delladdizione delle due frequenze iniziali. Se le due onde
sono in fase (se cio oscilleranno alternando valori crescenti
e decrescenti nello stesso momento), allora si sommeranno
e lintensit risultante sar maggiore rispetto a quella di ogni
singola intensit originaria. Si parla in questo caso di interferenza costruttiva. Al contrario, se le due onde non sono in fase, allora tenderanno ad annullarsi a vicenda (si potr arrivare
addirittura a non verificare pi alcun fenomeno ondulatorio).
In tal caso si parla di interferenza distruttiva.
Le frequenze che interferiscono in maniera negativa con le
frequenze vitali delluomo, causando interferenze distruttive,
a lungo andare, danneggiano le sue cellule. Al contrario, le

Interferenze costruttive e distruttive

frequenze che sono in fase con le biofrequenze umane, mantengono lorganismo in buona salute e, se malato, lo aiutano
a guarire.
La medicina ufficiale, tuttavia, non sta ancora facendo tesoro
di queste nozioni. Una delle rare eccezioni in cui si utilizzano le frequenze per curare le persone sono le onde durto
che si utilizzano, per esempio, per frantumare i calcoli biliari.
esattamente lo stesso principio per il quale Maria Callas
avrebbe potuto frantumare un bicchiere di cristallo con le sole
frequenze della sua voce.
Il Metodo RQI nasce per sfruttare appieno i principi della Fisica Quantistica. Esso si prefigge di insegnare ad auto-guarirsi
in modo relativamente rapido (a volte addirittura istantaneo!)
e senza effetti collaterali. In sostanza, lorganismo che si
auto-guarisce nel momento in cui si riappropria delle corrette
frequenze vitali. Lapproccio del Metodo RQI un approccio
olistico, che vede luomo come un tuttuno. Infatti, parlando

21

di materia cio avendo un approccio tradizionale possiamo dividere il corpo e studiare ogni parte separatamente
(gli organi, i tessuti, le ghiandole); ma se parliamo di onde di
energia non possiamo farlo. Cos come lenergia permea ogni
angolo delluniverso ed indivisibile, allo stesso modo luomo
va guardato nel suo insieme.
LA MALATTIA: UNO SQUILIBRIO ENERGETICO
Questo ce lo avevano gi insegnato i cinesi, pi di 6000 anni
fa, con lagopuntura.
I cinesi per primi scoprirono che allinterno del corpo umano
ci sono dei flussi di informazione organizzati e ordinati che
veicolano lenergia. Questi flussi di informazione costituiscono
una rete di canali ai quali la medicina cinese diede il nome
22

di meridiani. Oggi possiamo affermare che i meridiani sono


delle vie di superconduttivit elettromagnetica: sono i punti
del corpo dove pi facile intervenire sul flusso di energia.
La malattia quindi unalterazione del corretto passaggio
di energia, che genera uno squilibrio energetico. Infatti ogni
patologia la conseguenza di un eccesso o di un difetto di
energia. Se avviene un blocco dellenergia che circola in un
determinato meridiano, allora si pu verificare una congestione (ovvero un aumento di energia) che provocher una
problematica calda (dolori, infiammazioni, mal di testa...) a
uno o pi organi o alle parti del corpo che comunicano con
quel determinato meridiano.
Al contrario, nel meridiano successivo si potrebbe verificare una mancanza di energia che indebolir lorgano ad esso
collegato, creando una problematica fredda (intestino pigro,
problematiche della pelle, ritenzione idrica...). Se ci si fa caso,

spesso quando qualcuno malato presenta sintomi diffusi in


pi parti del corpo, che apparentemente! sembrano non
avere relazione tra loro.
Lagopuntura stimola i meridiani per ripristinare in loro il giusto grado di energia. Scomparso lo squilibrio energetico, inizia la guarigione.
In realt, possiamo affermare che ogni modalit curativa lavora con lenergia e sullenergia, ma ciascuna lo fa a un livello
diverso, che pu essere:
* livello fisico (chiropratica, fisioterapia)
* livello molecolare (farmacologia, fitoterapia)
* livello energetico e vibrazionale (agopuntura, omeopatia,
discipline olistiche, infrarossi, ultrasuoni...)
Detto ci, importante sapere che agire direttamente sulle
frequenze indubbiamente il metodo di cura pi efficace per
almeno due motivi.
Primo. Le sostanze chimiche e nutrizionali vengono trasmesse
da una molecola allaltra al ritmo di un centimetro al secondo, e a ogni passaggio qualcosa va perduto. Invece, lenergia delle biofrequenze viaggia a 300mila km/s, e quasi nulla
va perduto nel processo di trasmissione. Questo possibile
perch, in accordo con quanto teorizzato dal professor Fritz
Albert Popp, le cellule hanno la capacit di recepire e integrare i segnali luminosi, percependo di essi sia la frequenza
che la direzione.
Secondo. Le biofrequenze sono allorigine della vita, sono
loro che precedono la formazione di atomi e molecole,
dando loro una determinata configurazione energetica. Se le
biofrequenze sono corrette, allora la biofisica (campo ener-

23

getico) e la biochimica (molecole) dei nostri organismi sono


e rimangono corrette.
Agire solo a livello biochimico senza intervenire sul piano
energetico, significa agire per il tempo in cui il rimedio
biochimico da noi adottato (il principio attivo di un farmaco,
un integratore di vitamine...) sar in circolo nel nostro corpo.
Finito il suo effetto, il livello energetico del nostro corpo torner come prima.
Eppure oggi la medicina ufficiale (che ha meno di un secolo!) ignora o finge di ignorare questo sapere, anche adesso
che la Fisica Quantistica lo ha comprovato, e ci suggerisce di
rassegnarci alla dipendenza a vita da un farmaco per il controllo della pressione o del colesterolo.
GLI EFFETTI COLLATERALI
DELLA MEDICINA ALLOPATICA

24

Secondo la medicina allopatica, basata sulla Fisica Newtoniana,


luomo non un sistema biofisico, ma un sistema biochimico. Tutto regolato dal principio di causa ed effetto. Tuttavia,
quando non si guarda luomo nella sua totalit, spesso risalire
alla cause risulta difficile, se non impossibile. ancora una volta
la medicina cinese che ci insegna, ad esempio, che se qualcuno ha un problema a un occhio, esso potrebbe dipendere dal
fegato, poich entrambi sono connessi sullo stesso meridiano.
Perci, unalimentazione detossinante per il fegato potrebbe
risolvere un problema di vista meglio di un qualsiasi collirio. La
medicina allopatica, invece, spesso troppo miope e in molti
casi non pu fare altro che curare i sintomi senza risalire alle
cause.
A chiunque sar capitato di avere cercato la soluzione alla

propria malattia per tentativi, ascoltando pi di un consulto medico. Il fatto che ogni medico, poich specializzato in
un determinato ramo della medicina, focalizzato sul proprio
campo di conoscenze e non ha le risorse necessarie per affrontare il disagio del proprio paziente in modo olistico, come
dovrebbe sempre essere. Al contrario, credenza diffusa che
pi la visita sar specialistica, pi la diagnosi sar precisa e la
terapia specifica. E pi la terapia sar specifica, pi la cura sar
efficace. In questo modo, per, spesso si ignorano o se si conoscono si sottovalutano gli effetti collaterali di ogni terapia
farmacologia.
A dire il vero, gli effetti collaterali dovrebbero chiamarsi effetti
laterali. Poich essi si presentano sempre. Infatti, ogni sostanza che immettiamo nel nostro corpo interagisce con determinate proteine funzionali, le quali possono determinare le
funzioni di organi o distretti completamente diversi tra loro.
In sostanza, lo stesso segnale (un enzima, una proteina) simultaneamente recepito e interpretato dalle cellule di tutto
il corpo e pu essere usato in ciascun organo o tessuto per
svolgere compiti totalmente differenti. quello che si verifica quando, ad esempio, si assumono degli antinfiammatori
non-steroidei che riducono le prostaglandine e che, allo stesso tempo, bloccano le cicloossigenasi: nel primo caso, interrompono il processo di infiammazione; nel secondo, causano
diminuzione del muco gastrico e favoriscono la gastrite.
Prendiamo un altro esempio: la chemioterapia. La chemio
danneggia il DNA delle cellule che si dividono rapidamente.
Le cellule cancerogene si dividono rapidamente. Il problema
che anche le cellule immunitarie si dividono rapidamente!

25

Che cosa ci fa guarire dal cancro? Al di l della terapia, la


nostra risposta immunitaria. La chemio non distrugger mai il
100% delle cellule cancerogene. Nella migliore ipotesi, eliminer il 60, massimo l80 per cento delle cellule malate. Quelle
che rimangono, saranno distrutte dal sistema immunitario. La
chemio quindi distrugge (anche) lunica cosa che pu salvarci
la vita.
Uno studio del 2009 ha inoltre affermato che tra le concause
dei tumori di oggi, ci sono le lastre che furono prescritte a
dismisura negli anni Ottanta.
E cosa dire poi degli antibiotici? Gli antibiotici uccidono indiscriminatamente i batteri presenti nel corpo umano. Ma
molti di questi batteri sono utili alluomo poich vivono in
26

simbiosi con il nostro organismo e ci aiutano a svolgere determinate funzioni. La flora intestinale costituita da batteri
che ci aiutano a digerire gli alimenti scomponendoli in enzimi. Ma c di pi: gli evoluzionisti ritengono che i mitocondri
presenti in ogni cellula del nostro corpo siano batteri che,
durante levoluzione dalla cellula procariota a quella eucariota, stabilirono con questultima un rapporto di simbiosi
allo scopo di fornirle energia. Ecco perch, dopo una cura
antibiotica, ci sentiamo sempre deboli: siamo privati della
nostra energia non solo a livello intestinale, ma anche a livello cellulare!
Gli effetti collaterali devono farci riflettere sulle malattie iatrogene, le malattie dovute a terapie mediche.
Secondo le prudenti stime pubblicate sul Journal of the American Medical Association, esse costituiscono la terza causa di

morte negli Stati Uniti. Pi di 120.000 persone muoiono ogni


anno a causa degli effeti collaterali dei farmaci. Un recentissimo studio, basato sui risultati di studi statistici governativi
nellarco di dieci anni, ha dipinto il problema a tinte ancora
pi fosche: le malattie iatrogene sono ormai al primo posto
tra le cause di morte negli Stati Uniti, e le reazioni indesiderate allassunzione di farmaci sono responsabili di pi di 300.000
decessi ogni anno.
GLI INTERESSI DELLE CASE FARMACEUTICHE
Come possibile che alla luce di tutto questo sapere, la medicina allopatica continui ad essere la soluzione pi ovvia?
Il dottor Giuseppe De Pace, chirurgo ortopedico ospedaliero,
autore di una denuncia che si diffusa in internet, afferma: La
medicina ufficiale falsa ed solo strumento di potere delle
Multinazionali della Salute. Noi medici siamo plagiati, fin dallinizio, dagli insegnamenti universitari che ci vengono propinati
da un manipolo di professori che hanno il solo interesse di
lasciarci nellignoranza sulla vera origine delle malattie.
Davvero gli interessi delle case farmaceutiche ci tengono nellignoranza? Se nellEra di internet non riusciamo ancora ad attingere a un sapere condiviso, ci devessere un perch. Perch
in alcuni paesi dEuropa la nimesulide, il principio attivo di un
famoso farmaco da banco antinfiammatorio, stato dichiarato
cancerogeno, mentre in altri no? Perch in Italia il cellulare
privo di rischi comprovati per la salute, mentre in Belgio
stato dimostrato scientificamente che le sue frequenze fanno
male in modo particolare ai bambini, il cui cervello ancora in
fase di sviluppo? Perch l esiste una legge che vieta i telefonini ai ragazzi fino ai 14 anni mentre altrove non si sa niente?

27

Il professor Giuseppe Genovesi, specialista in endocrinologia,


psichiatria e immunologia presso il dipartimento di fisiopatologia medica al Policlinico Umberto I afferma: Ai medici non
si insegna n la Fisica Quantistica, n la Medicina Tradizionale
Cinese. Usano apparecchiature biofisiche per la diagnosi (la
risonanza magnetica, la tac, lecografia...) ma curano in modo
chimico. Questa una contraddizione.
In effetti, tutte le industrie moderne hanno appreso nuove
conoscenze dalla Fisica Quantistica e hanno sviluppato prodotti orientandosi verso lelettronica e lenergia: il microchip,
il lettore ottico e anche il telecomando sono frutto della nuova scienza.
Lunica industria che rimasta pi indietro lindustria medica, almeno per quanto riguarda laspetto terapeutico.
E se in passato vi fu qualche timido tentativo solitario, esso fu
28

dimenticato o peggio ancora volutamente ignorato.


Negli anni Venti e Trenta, ad esempio, il dottor Royal Ramon
Rife ottenne ripetuti successi nei pazienti affetti da cancro ricorrendo a una terapia basata esclusivamente sulle frequenze.
Grazie a un potente microscopio di sua invenzione, Rife fu
la prima persona al mondo in grado di vedere i virus. Nel
1920 riusc a identificare e isolare quello che defin il virus del
cancro umano a cui diede il nome di bacillo X. Come se ci
non bastasse, il medico americano invent un dispositivo che
attraverso lemissione di onde elettromagnetiche era in grado
di distruggere le cellule cancerose che si trovavano dentro il
suo raggio dazione.
I risultati di Rife furono ben presto dimenticati. O forse solo
occultati, se vera la statistica secondo la quale la stragrande
maggioranza di coloro che lavorano in ospedale, tra medici e
infermieri, non ricorre ai farmaci per curarsi.

ESAMI BIOFISICI E TERAPIE BIOCHIMICHE


La medicina ufficiale utilizza diverse apparecchiature che
rivelano le frequenze e le energie biofisiche del nostro
corpo, quando necessario effettuare una diagnosi. Tuttavia, al momento della terapia, lapproccio pi scontato
quello biochimico o chirurgico.
Di seguito, un elenco con alcuni degli esami pi noti e la
loro funzione:
* Elettrocardiogramma (ECG): la registrazione e la riproduzione grafica dellattivit elettrica del cuore, che si
verifica nel ciclo cardiaco;
* Elettroencefalogramma (EEG): la registrazione dellattivit elettrica dellencefalo;
* Tomografia Assiale Computerizzata (TAC): un esame
basato sulluso di radiazioni ionizzanti (raggi X) che fornisce unimmagine bidimensionale, ovvero sul piano trasversale del corpo umano;
* Risonanza Magnetica (RM): un esame che utilizza radiazioni elettromagnetiche, innocue per lorganismo, che attraverso lelaborazione di un computer forniscono unimmagine bidimensionale, su vari piani, del corpo umano.

Eppure quando si tratta con i pazienti, il farmaco o la chirurgia


sono ancora la soluzione pi scontata.
Il fatto che la medicina informazionale rapida e definitiva.
Oggi invece il medico deve vendere. E il paziente deve tornare dal medico. Altrimenti dove sarebbe il business?
Secondo il report 2008-2009 dellOMS sullo stato di salute nei
paesi europei, nella nostra societ, il 68% delle persone muore per malattie croniche, le malattie fredde della Medicina

29

Tradizionale Cinese. Esse non sono altro che perenni stati di


disequilibrio energetico!
In Italia il Sistema Sanitario Nazionale incide di circa il 30% sulle spese dello Stato. Nel 2012, la compartecipazione dei cittadini italiani alla spesa sanitaria nazionale (ovvero i ticket da
loro pagati) stato pari a un importo di 4.4 miliardi di euro,
di cui 2 miliardi per lacquisto di farmaci. Cosa succederebbe
se potessimo risparmiare tutti quei soldi?
LO STRESS, LA VERA CAUSA
NellAntica Cina il medico si pagava quando si godeva di buona salute e si smetteva di pagarlo in caso di malattia. Il medico
era colui che aiutava a stare bene, non colui che aiutava a
guarire.
30

Infatti, unaltra falsa credenza che ci insegna la medicina ufficiale, che noi abbiamo bisogno di qualcuno che ci curi.
Ma noi nasciamo gi come una macchina perfetta e il nostro
corpo ha tutte le risorse per auto-guarirsi. Dobbiamo solo
lasciarglielo fare. Come?
Ricordiamo quanto abbiamo gi imparato e definiamo in modo ancora pi dettagliato cos la malattia.
Se tutto energia, se tutta la materia si presenta con una determinata configurazione energetica, attraverso lespressione
di una frequenza, allora la malattia semplicemente un errore
informazionale, ovvero un errore che non permette alle cellule
di ricevere i giusti segnali (le giuste frequenze) per risuonare
e vibrare, e mantenersi in buona salute.
E da cosa dovuto questo errore informazionale?
La causa solo una: lo stress.

Con il termine stress si intende qualsiasi tipo di interferenza negativa. Quando il nostro organismo avverte una
minaccia, si predispone in quella che Lipton definisce la modalit lotta o fuggi.
Il nostro sistema nervoso autonomo costituito da porzioni
anatomicamente e funzionalmente distinte ma sinergiche:
il sistema nervoso parasimpatico e il sistema nervoso simpatico.
Il primo responsabile dei meccanismi di crescita, il secondo
dei meccanismi di protezione. I processi di crescita stimolati
dal sistema parasimpatico permettono alla cellula di avere
uno scambio aperto con lambiente e di acquisire da esso
tutti i nutrimenti di cui necessita.
I processi di protezione attivati dal sistema simpatico, al contrario, mettono la cellula in uno stato difensivo, inibendo
la produzione di energia vitale, poich essa non riceve pi
nutrimento dallesterno.
Lo stress si manifesta quando il nostro organismo ritiene che
noi corriamo qualche tipo di pericolo, sia emozionale, che fisico. La risposta di lotta o fuggi necessaria per salvarci la
vita in caso di emergenza. Le funzioni vitali vengono temporaneamente sospese affinch lorganismo si concentri con
tutte le sue energie alleliminazione della minaccia esterna:
quello che accade, per esempio, quando si ha linfluenza
e non si avverte il desiderio di mangiare. Le energie del nostro corpo che solitamente sono impiegate per la digestione,
vengono ora destinate alla battaglia contro il virus o il batterio responsabile nella nostra infezione. E la temperatura corporea sale. Ma questo stato di allarme fisico non dovrebbe
essere mantenuto oltre il tempo utile. Il problema che la
persona media, a causa di situazioni di stress ripetute e con-

31

tinue, rimane nella modalit lotta o fuggi per lunghi periodi di tempo. Quando questo accade, alla fine lorganismo
cede e ci presenta il conto sotto forma di sintomi. Afferma
il dottor Alexander Loyd, psicologo e naturopata: Quando
lo stress situazionale si accumula nel tempo, crea un livello
di stress fisiologico. E questo provoca quasi ogni disturbo e
malattia. Leffetto cumulativo di uno stress frequente senza
possibilit di recupero fa s che lorganismo semplicemente
ceda o muoia.
Unintolleranza alimentare genere nellorganismo di chi la
soffre una risposta del tipo lotta o fuggi. Il sistema simpatico riconosce nellalimento non tollerato un nemico e attiva
un meccanismo di protezione della cellula. Il cibo non entra
nella cellula e, allo stesso tempo, dalla cellula non escono le
32

tossine.
Anche i metalli pesanti possono ostruire le proteine recettore
della membrana cellulare e non permettere il giusto flusso
di energia nel corpo. Oggi risaputo che lalluminio tra le
concause dellinsorgenza del morbo di Alzheimer.
E i tumori? A livello chimico, il tumore la condizione in cui la
cellula non riceve pi ossigeno. Lossigeno non passa perch
la cellula in modalit di difesa a causa di qualche agente
esterno. Il professore Pier Luigi Biava, medico presso lIstituto
di Ricerca e Cura di Carattere scientifico di Milano, definisce
il tumore come un errore informazionale.
Anche linvecchiamento frutto dello stress. Il collasso collagenico, ad esempio, avviene perch la pelle non riceve pi
ossigeno (cosa pi frequente nei fumatori): i nutrienti non arrivano al tessuto, la carnosina comincia a mancare e la pelle
raggrinzisce.

LA GENETICA NON CENTRA


Anche il professor Lipton afferma che il 98% delle malattie
causato dallo stress e che solo il 2% genetico. Ma aggiunge ci che genetico si pu interpretare come stress
ereditato dai genitori. Dice lo scienziato americano: Lidea
che i geni controllino la biologia non mai stata provata.
Le malattie comuni a una famiglia sono comuni perch la
famiglia vive nello stesso ambiente. Cos si spiega perch
le popolazioni che condiscono ogni piatto con il burro, in
molti casi hanno il colesterolo alto e larteriosclerosi, mentre i
giapponesi che si cibano di pesce ricco di Omega 3 raramente presentano problemi cardiaci. Afferma ancora Lipton: La
gran parte dei tumori maligni dovuta ad alterazioni epigenetiche indotte dallambiente, e non da geni difettosi.
Nel libro La biologia delle credenze, il ricercatore spiega che
la causa responsabile dei movimenti che generano il comportamento delle proteine il cambiamento delle loro cariche
elettromagnetiche e non il DNA! Infatti, ogni proteina interagisce costantemente con gli stimoli esterni, grazie ai quali
riceve segnali sotto forma di cariche positive o negative. In
base ai segnali, la proteina cambia dunque conformazione
(gli aminoacidi che la compongono ruotano lungo la sua
spina dorsale) per riequilibrare le sue cariche. Il cambiamento genera movimento, e il movimento viene impiegato
per svolgere un lavoro (la digestione, la respirazione, etc). Se
le proteine ricevono segnali ambientali sbagliati o nocivi, esse
cambieranno la loro conformazione in modo anomalo. E nel
momento in cui dovranno duplicarsi sul DNA, si duplicheranno con un errore informazionale. Lerrore non parte quindi dal
DNA, ma dallambiente!

33

LEPIGENETICA
Lepigenetica la scienza che studia come lambiente influenza la vita. Essa fa parte della Nuova Biologia, che ha
ormai screditato la teoria secondo la quale i geni influenzano la nostra salute. Secondo lepigenetica, infatti, tutto
quello a cui soggetto un essere vivente riconducibile
agli stimoli che egli riceve dallambiente e a come esso
stesso li interpreta.
Epi-genetico significa al di sopra dei geni. Uno studio
condotto dallUniversit di Montreal ha evidenziato che
il cervello dei bambini che sono stati vittime di maltrattamenti fisici, soggetto a modificazioni genetiche che
potrebbe portare gli stessi bambini ad essere violenti in
et adulta. Lo stesso studio ha evidenziato che le persone
pi violente sono quelle sopravvissute a tentati omicidi.
34

Tuttavia, lo studio giunto alla conclusione che i geni non


influenzano la nostra salute o il nostro comportamento, ma
possono predisporre pi facilmente un soggetto a determinate risposte comportamentali. Non tutte le persone
che hanno subito violenze saranno quindi violente, ma,
in un ambiente ostile, avranno pi facilit ad attuare una
risposta violenta, proprio a causa delle modificazioni genetiche del loro cervello.
E ancora: esperimenti su bambini nati prematuri e che
sono rimasti in incubatrice per diverse settimane, hanno
riscontrato che, se uno di questi neonati fosse stato accarezzato ogni giorno sulla schiena, per soli dieci minuti
al giorno, avrebbe sviluppato un cervello di dimensioni
pi grandi e con quoziente intellettivo maggiore di quello
dei bimbi che invece non avessero ricevuto coccole. Allo

stesso modo, stato dimostrato che un neonato che non


viene mai abbracciato o preso in braccio, destinato a
morire! Ecco dunque che ogni creatura ha bisogno del
contatto con lambiente.

Lo stress che riceviamo dallambiente dunque ci che


determina il nostro grado di salute o malattia.
Quanti tipi di stress esistono?
Test condotti personalmente su oltre 1000 soggetti, mi hanno
portato a suddividere lo stress in tre grandi macro-aree e ad
attribuire a ciascuna di esse una percentuale di rilevanza:
1) stress fisico, 15-20%
2) stress energetico, 15-20%
3) stress emotivo, 60-70%
Vediamoli ora nel dettaglio.
LO STRESS FISICO
Lo stress fisico pu essere causato da un lavoro meccanico
eccessivo, prolungato o sbagliato (ne sono un esempio gli
infortuni muscolari quali contratture, tendiniti, lesioni, infiammazioni...) o dalle tossine nellambiente. Le tossine potremmo
definirle, in generale, inquinamento, ovvero unalterazione
dellhabitat di origine antropica. Questo dato da tutte quelle sostanze che non sia naturale respirare o ingerire, come:
conservanti nel cibo, gas di scarico, scie chimiche rilasciate
dagli aerei.
Secondo alcuni scienziati, in un anno siamo esposti a pi di
80mila sostanze chimiche e metalli pesanti, che respiriamo.

35

Non si pensi solo al fumo, ma anche a tutti quei prodotti con


i quali entriamo in contatto ogni giorno: detersivi, coloranti,
conservanti, profumi, additivi chimici. Questo mette a dura
prova la capacit del nostro corpo di disintossicarsi (o meglio, de-tossinarsi), in quanto la maggior parte di queste
sostanze vengono eliminate con difficolt dal fegato, dai reni
e da altri organi. importante sapere che quello che ci viene
offerto dalla societ, non sempre naturalmente accettato
dal nostro essere.
Prendiamo lesempio dellalluminio. Lalluminio particolarmente tossico per il sistema nervoso, con una serie di sintomi
che possono includere disturbi del sonno, nervosismo, instabilit emotiva, perdita di memoria, mal di testa e compromissione intellettiva. Esso pu fermare la capacit del corpo di digerire e fare uso di calcio, fosforo e fluoro. Questo impedisce la
36

crescita delle ossa e ne riduce la densit. Ciascuna di queste


situazioni pu portare a debolezza e a deformazione della
struttura scheletrica, con effetti paralizzanti. Lavvelenamento
pu anche provocare dolori muscolari, disturbi del linguaggio, anemia, problemi digestivi, diminuzione della funzionalit epatica, coliche renali e compromissione della funzionalit
renale. Oggi lalluminio si trova nel nostro cibo (soprattutto
quello in scatola), nellacqua, nel suolo e in molti oggetti di
uso quotidiano (anche la pelle pu assorbire i metalli, per contatto). Lalluminio spesso aggiunto ai prodotti per ligiene,
come gli antitraspiranti e i bagnoschiuma. Anche le pentole
contengono lalluminio e la cottura ad alta temperatura pu
inquinare i cibi che vi si cucinano.
I farmaci da banco possono essere una delle maggiori fonti di
alluminio: coloro che assumono spesso aspirina tamponata,

come le persone con artrite, possono assumere fino a 700 mg


di questo metallo ogni giorno. Dal momento che lalluminio
contribuisce al danno osseo, laspirina aumenta effettivamente lartrite. Una bustina tipica di antiacidi pu contenere fino
a 200 mg di alluminio.
Evitare lalluminio nella nostra societ impossibile. Ma ci
sono diversi metodi per de-tossinarsi da esso, come da molti
altri metalli pesanti o agenti inquinanti a cui siamo sottoposti
ogni giorno.
STRESS ENERGETICO
Lo stress energetico avviene nel momento in cui il nostro corpo sottoposto per lunghi periodi a frequenze nocive per
le nostre cellule. Lelettrosmog una specifica forma di inquinamento che consiste in una contaminazione elettromagnetica. Essa causata dalle onde dei cellulari, dalle antenne
paraboliche, dai dispositivi Wi-fi o bluetooth e dai ripetitori in
generale. Oggi laumento di tali frequenze incredibile. Lelettrosmog sta causando una serie di preoccupazioni da parte dei dipartimenti di sanit e dei vari governi europei tant
che, anche in Italia, a breve entreranno in vigore una serie di
normative per salvaguardare la salute dei lavoratori nei posti
di lavoro.
Leccessiva esposizione a fonti di elettrosmog da anni una
delle concause accertate di tumori (soprattutto le leucemie).
Ma negli ultimi anni linquinamento da onde elettromagnetiche sta facendo insorge anche nuove malattie. La Sensibilit
Chimica Multipla (MCS) deriva dallesposizione prolungata
alle frequenze nocive, quali quelle dei ripetitori. Uno dei casi

37

pi popolari in Italia stato quello di una donna di cinquanta


anni di Talzano, che ha depositato un esposto querela alla
Procura di Arezzo contro un colosso della telefonia. La sua
casa infatti dista meno di 100 metri da unantenna che irradia
segnale ai cellulari, che le crea numerosi disagi. La malattia

ELETTROSMOG DOMESTICO
Le fonti visibili pi comuni dellelettrosmog domestico, i
loro effetti tipici e le contromisure applicabili. il risultato
di pi di 3.500 rilevamenti effettuati in ambienti abitativi

38

Apparecchi
Televisori

Disturbi
Cefalee, sindromi ansiose, disturbi della vista

Cellulari

Possibili lesioni celebrali, disturbi della vista,


cataratta, alterazioni metaboliche

Linee alta media e


bassa tensione esterne
e/o interne alla casa

Disturbi del sonno, cefalea, stati di tensione


emotiva, rischio di tumori solidi e leucemie,
formicolii, depressione.

Computer e monitor

Cefalee, disturbi gastrici, tumori gastroenterici,


difficolt di concentrazione, depressione,
allergie, squilibri ormonali, disturbi della vista

Coperte elettriche

Disturbi del sonno, emicranie, depressione,


irritabilit, fobie, disturbi cardiaci

Forni a microonde

Rischi per le gestanti, rischio di tumore, deficit


immunologici, disturbi della vista

Lampade alogene

Rischio di leucemie e tumori celebrali, deficit


immunitari, disturbi visivi

Lampade a
incandescenza

Cefalee, rischio di tumore al cervello, disturbi


alla vista, difficolt di concentrazione, astenia,
irritabilit, impotenza

Radiosveglie elettriche

Disturbi del sonno, disturbi del ritmo cardiaco,


rischio di tumore al cervello, cefalee mattutine

di cui soffre un numero sempre pi alto di italiani le sarebbe


stata diagnosticata al Policlinico Umberto I di Roma. I sintomi
tipici sono svenimenti, difficolt respiratorie, cefalee ed eruzioni cutanee. La donna afferma che la sua vita cambiata
da quando la malattia si manifestata: era uninsegnante ma

e di lavoro da collaboratori della Societ Internazionale


Ricerca Elettrosmog e dellIstituto di Bioarchitettura di
Rosenheim.
Rimedi
Distanza minima 2 metri
Distanza minima dallantenna 30 cm, usare lauricolare con il cellulare
lontano dal corpo
Se sussistono rischi lo si pu determinare con un rilevamento strumentale
e una corretta riprogettazione interna

Mantenere una distanza il pi possibile elevata. Fare pause orarie.


Preferire apparecchi a bassa emissione e monitor LCD

Utilizzare la coperta solo per riscaldare il letto e staccare poi la spina

Distanza minima dal forno acceso: 2 metri

Distanza minima 1,5 metri

Distanza minima 1,5 metri. Rinunciare alle lampade ad incandescenza

Distanza minima 1,5 metri. Uso di sveglie a batteria

39

stata riformata perch non poteva lavorare a contatto con


computer e cellulari. Non al sicuro nemmeno a casa nonostante usi protezioni, mascherine e abbia schermato anche
linterno della sua abitazione.
STRESS EMOTIVO
Lo stress emotivo lostacolo principale al nostro vivere bene e in modo equilibrato. La nostra vita determinata dalle
nostre emozioni. In base alle parole che usiamo con gli altri o
che gli altri usano con noi, si co-creano e di conseguenza
si manifestano determinate reazioni che spesso dipendono dalle nostre esperienze emozionali. Se alcune di queste
esperienze le percepiamo come impositive e stressanti, viene
meno la nostra serenit.
40

Cosa ci succederebbe se entrassimo in un luogo, magari il


posto di lavoro, e qui entrassimo in contatto con persone
nervose? Nella maggior parte dei casi proveremmo tensione anche noi e, a lungo andare, potremmo anche percepire
linsorgere un piccolo disagio fisico: mal di testa, senso di
stanchezza, noia, etc.
Il dottor Gay Hendricks, in Conscious breathing, spiega le
conseguenze di un eccessivo stress emotivo: Quando unemozione molto dolorosa, la nostra prima reazione smettere di respirare. Si tratta di un riflesso di protezione. Immediatamente dopo siamo invasi da un flusso di adrenalina e
il sistema simpatico fa battere pi velocemente il cuore. Le
cellule ricevono meno ossigeno e al loro interno si crea un
ambiente tossico. La sensazione di mancanza di respiro il
primo sintomo della crisi di panico: uno stress emotivo concentrato in pochissimo tempo.

Dal 2001 al 2011, in seguito allattentato alle Torri Gemelle


che ha scosso lAmerica e cambiato gli equilibri internazionali, il consumo di farmaci aumentato del 110%. Linstabilit
politica e dei mercati finanziari ha generato stress, e lo stress
malattia.
Al contrario, una mente capace di gestire lo stress emotivo
fondamentale per il mantenimento di una buona salute. I romani dicevano: Mens sana in corpore sano. E avevano ragione.
Un esercizio come la meditazione capace di ridurre lo stress
e migliorare il benessere, sia fisiologico che psicologico. La
ricerca mostra che la meditazione porta lo schema di onde
cerebrali nello stato Alfa, un livello di coscienza tranquillo e
rilassato, in grado di promuovere la guarigione. Mostra anche
che i livelli ormonali, oltre ad altri composti biochimici che denotano la presenza di stress nel sangue, di solito diminuiscono
grazie a una pratica meditativa regolare.
La meditazione riduce lattivit dellamigdala, lorgano nel
quale il cervello elabora la paura. Inoltre essa fa trasferire
lattivit cerebrale dalla corteccia frontale destra, pi attiva
quando si prova stress, alla corteccia frontale sinistra, pi attiva quando si in stato di calma.

APPROFONDIMENTO SULLA MEDITAZIONE


Nel 1978 R. Keith Wallance, fisiologo dellUTCLA, dimostr gli effetti diretti della meditazione sullinvecchiamento. Egli misur tre parametri biologici: la pressione sanguigna, la vista e ludito. Tutti e tre i fattori migliorarono con
la pratica continua e Wallance afferm che in questi casi
let biologica stava strutturalmente lavorando a rovescio.

41

Coloro che avevano praticato la meditazione per cinque


anni avevano unet biologica (secondo i test fisiologici)
che era funzionalmente inferiore di cinque anni rispetto
allindicazione della loro et cronologica.
Lendocrinologo Deepak Chopra e il suo collega, dottor
Jay Glaser, hanno inoltre dimostrato che la meditazione inverte linvecchiamento biologico. Nel libro Ageless Body,
Timeless Mind illustrano il loro studio condotto sullormone DHEA. Esso lunico ormone attualmente conosciuto
che declini con let, a partire dai 25 anni, in cui raggiunge il suo massimo. Ogni volta che si ha una reazione allo
stress, una parte delle riserve di DHEA viene utilizzata per
produrre vari ormoni collegati allo stress, come ad esempio
ladrenalina e il cortisolo. Di conseguenza, se una persona
potesse resistere agli effetti dello stress o addirittura alte42

rarli, i livelli di DHEA rimarrebbero alti. Se ci accadesse,


laltrimenti inevitabile processo di invecchiamento che accompagna il declino dei livelli di DHEA potrebbe invertirsi.
Glaser esamin i livelli di DHEA di 328 persone che praticavano la meditazione e paragon i risultati con quelli di
1.462 persone che non la praticavano. Fra tutti i gruppi
formati da donne, i livelli erano pi alti fra le praticanti. Tra
gli uomini, si rivelarono pi alti in otto su undici gruppi.
Gli uomini che praticavano la meditazione al di sopra dei
45 anni avevano il 23% in pi di DHEA, che saliva al 47%
per le donne. Questi livelli si rivelarono indipendenti da
dieta, esercizio fisico, peso e consumo di alcool. I loro
livelli di DHEA erano quelli che si sarebbero aspettati in
uomini e donne di 5 o 10 anni pi giovani.
Dal libro di Peter Kelder, I cinque Tibetani.

UNA QUESTIONE DI FREQUENZE


Ora che sappiamo che lo stress la vera causa che ci fa ammalare, serve trovare unaltra risposta: come facciamo a eliminare lo stress? Poich non sempre possibile fare a meno
dei cellulari o nascondersi dai ripetitori, n evitare le polveri
inquinanti e tanto meno la plastica o i metalli pesanti presenti
negli alimenti, poich davvero non possibile eliminare la
maggior parte delle frequenze nocive, allora la soluzione
... aumentare le frequenze benefiche!
Questo deve avvenire in due passaggi: dobbiamo prima capire
esattamente quale tipo di stress ci sta ostacolando, e successivamente possiamo trovare la frequenza che ci sar utile per
attivare la nostra auto-guarigione e ripristinare la nostra salute.
E chi pu dirci perch siamo stressati e cosa dobbiamo fare
per riequilibrarci?
Le nostre risposte agli stimoli ambientali sono controllate
dalle nostre percezioni. E le nostre percezioni sono memorizzate nella nostra mente inconscia. la nostra mente
inconscia che gestisce le funzioni del nostro corpo e che
controlla i processi simpatici e parasimpatici.
la nostra mente inconscia che controlla il 95% della nostra
vita. lei che ci permette di respirare, digerire, fare rimarginare una ferita senza che noi comandiamo nulla al nostro
corpo. lei che determina la pressione sanguigna o il battito
cardiaco. lei che monitora costantemente lo stato di salute
di ogni nostra singola cellula e che verifica dove c stress
e dove occorre intervenire. la nostra mente inconscia che
attiva i meccanismi di difesa o quelli di crescita.
Imparando a comunicare con il nostro inconscio, possiamo

43

anche risalire alle vere cause e capire quali strumenti ci servono per promuovere in noi la nostra auto-guarigione. Questo
esattamente quello che si propone di fare il Metodo RQI.
Ma prima dobbiamo capire come funziona la nostra mente.
TESTIMONIANZE
Riprendersi la propria responsabilit
Grazie! Complimenti per i tuoi studi e le tue conclusioni.
ora di riappropriarsi del proprio potere personale e di lasciare
cadere il buio in cui siamo stati tenuti e in cui, ahim, molti
continuano testardamente a voler vivere, pur di non prendersi
la responsabilit assoluta delle proprie vite! Perci il tuo lavoro encomiabile e c bisogno che molti diffondano queste
conoscenze. Di nuovo auguri.
Miranda

44

Nuova biologia? Un mondo nuovo


Ciao Marco, con le tue conoscenze mi hai catapultato in un
nuovo mondo e sto faticosamente cercando di districarmi.
Dammi il tempo per fare mente locale sulle tue idee rivoluzionarie. Grazie.
Daniele
Un lavoro chiaro sullequilibrio energetico
Buonasera Marco, ho visto i video e li ho trovati molto interessanti, hai un modo molto semplice di dare informazioni sul
corpo umano, sulla chimica, e ti faccio dei sinceri complimenti. Devo dire che da sempre penso a queste cose e ho letto
molti libri sullequilibrio energetico e sul come raggiungerlo,
ho partecipato a svariati corsi e mi sono sottoposta a diverse

metodologie di riequilibrio come lagopuntura, la pranoterapia, reiki, shiatsu ecc.. ci sono molti metodi definibili utili per
abbandonare lo stress e imparare a gestire le emozioni, ma
richiedono un impegno assiduo, una concentrazione mentale
non sempre possibile con lo stile di vita attuale. Grazie del
tuo lavoro.
Sara
NOTA: Se vuoi sentire e vedere la mia spiegazione di questi contenuti, puoi ricevere i video gratuiti iscrivendoti su:
www.rqi.me

45

COME FUNZIONA LA NOSTRA MENTE

Il nostro cervello diviso in due emisferi cerebrali, i quali elaborano le informazioni in maniera indipendente e, tuttavia,
funzionano in modo complementare.
Lemisfero sinistro pensa in astratto, mentre quello destro
pensa per immagini. Il primo concettualizza e razionalizza;
il secondo vede il mondo attraverso i sensi ed emotivo.
46

Lemisfero sinistro pratico, logico e analitico; scompone la


realt e ricerca il dettaglio. Lemisfero destro creativo, immaginativo e sintetico; ha una visione olistica che gli permette
di vedere il tutto come uno. Lemisfero sinistro volitivo e
stabilisce mete e obiettivi. Gli piace sperimentare e provare
cose nuove. Al contrario, lemisfero destro abituale e ricerca
sempre sicurezza; per questo non gli piace cambiare.
Oltre ai due emisferi, il nostro cervello costituito anche da
due differenti zone molto particolari, dove si ritiene abbiano
sede le nostre due menti. La corteccia prefrontale quella
parte del cervello che ci distingue da ogni altro essere vivente
sulla Terra la sede della nostra mente conscia; il tronco encefalico, invece, si suppone essere la sede della nostra mente
inconscia.
La mente conscia la nostra memoria a breve termine e lavora per un massimo di venti secondi. Al contrario, la mente

LA SPECIALIZZAZIONE DEGLI EMISFERI


Emisfero Sinistro

Emisfero Destro

Pensa in astratto

Pensa per immagini

Concettualizza

Vede il mondo attraverso

i sensi

Razionale Emotivo
Pratico Creativo
Logico Immaginativo
Elabora le informazioni

Percepisce e pensa in

in maniera lineare

modo olistico

Analizza Sintetizza
Volitivo Abituale
Stabilisce mete

Ricerca sicurezza

Ama provare cose nuove

Non gli piace cambiare

inconscia depositaria della nostra memoria a lungo termine.


qui che conserviamo il nostro sapere: le poesie che abbiamo imparato a scuola o i nuovi vocaboli della lingua straniera che stiamo studiando. La mente conscia ha cognizione
del trascorrere del tempo e distingue tra passato, presente e
futuro. Al contrario, la mente inconscia conosce solo il tempo presente. La mente conscia pu svolgere poche funzioni
per volta. Di norma, essa capace di compiere da uno a tre
compiti nello stesso momento. Le donne possono arrivare a
svolgere fino a sette funzioni contemporaneamente. Infatti,
nonostante il cervello femminile sia pi piccolo per dimensioni
di quello maschile, secondo diversi studi risultato capace di

47

LE CARATTERISTICHE DELLE DUE MENTI


Mente Conscia

Mente Inconscia

Memoria a breve termine

Memoria a lungo termine

(fino a 20)
Passato e futuro

Presente

1-3 eventi alla volta

64.000 funzioni

(donne fino a 7: hanno un

contemporaneamente

pezzo di cervello in pi,


che si attiva dopo i 50
anni)

48

Riesce a elaborare fino

Riesce a elaborare fino a

a 40 stimoli per volta

20 milioni di stimoli per

2.000 bit di informazioni al

volta 4.000.000.000 bit

secondo

di informazioni al secondo

Controlla dall1% al 5%

Controlla dall95% al 99%

della nostra vita

della nostra vita

svolgere pi operazioni di quello del sesso opposto, soprattutto dopo i cinquantanni, quando viene attivata una nuova
porzione di materia grigia. Tuttavia, n la mente conscia maschile n quella femminile possono competere con la potenza
della mente inconscia, che gestisce qualcosa come 64.000
funzioni insieme. Essa, infatti, pu elaborare fino a 20 milioni
di stimoli contemporaneamente (a una velocit di 4 miliardi di
bit di informazioni al secondo), contro i soli 40 stimoli (2.000
bit di informazioni) che pu elaborare la mente conscia.
Che significato ha tutto questo?

Le nostre due menti, con funzioni tanto diverse e specifiche,


sono un dono che la Natura ci ha fatto per aiutarci a gestire le
informazioni che riceviamo dallambiente. E poich abbiamo
gi imparato che tutto informazione (tutto frequenza) e
che dalla decodifica delle informazioni dipende la nostra vita,
le due menti ricoprono un ruolo importantissimo: quello di
farci interagire con luniverso. Vediamo ora come, comunicando tra loro, esse svolgono questo compito.
COME FUNZIONANO LE DUE MENTI
In psicologia, la mente conscia definita anche madre. La
mente inconscia chiamata bambino.
La madre riceve ed elabora le informazioni che provengono
dallesterno e le insegna al bambino.
Il bambino, che privo di capacit di giudizio, memorizza
in modo incondizionato quanto appreso dalla madre ed
pronto a ripetere ci che lei gli ha precedentemente insegnato quando riconosce il verificarsi di una situazione identica a
quella del momento dellapprendimento. Attraverso questa
sinergia, la madre non deve ripetere tutte le volte al bambino
quello che deve fare. Il bambino agisce in modo riflesso.
Se paragonassimo la nostra mente a un computer, potremmo dire che la mente conscia il nostro software e la mente
inconscia il nostro hardware. Noi utilizziamo il software per
elaborare dati e lhardware per memorizzarli. Nel momento in
cui avremo bisogno di recuperare determinate informazioni,
ci baster semplicemente recuperare il rispettivo file allinterno del nostro disco rigido. Non dovremo riscrivere lo stesso
documento tutte le volte.

49

In questo modo, la nostra mente inconscia sgrava la nostra mente conscia dal compito di analisi e interpretazione
costante della realt. E noi possiamo essere molto pi veloci
nel rispondere agli stimoli ambientali e nello svolgere compiti
precedentemente appresi. Infatti, come abbiamo gi visto, la
mente inconscia di gran lunga pi veloce e pi potente
di quella conscia.

COSA VEDONO LA MENTE INCONSCIA E LA MENTE


CONSCIA IN UN SECONDO
Si pu illustrare cos il potere di elaborazione delle immagini della mente conscia e della mente inconscia. La fotografia che avete davanti formata da 20.000.000 di pixel,
ognuno dei quali rappresenta un Bit di informazione rice50

vuto dal sistema nervoso in un secondo. Quanto di questa


informazione raggiunge la mente conscia? Nel riquadro
inferiore, il puntino (indicato con la freccia) rappresenta il
totale delle informazioni processate dalla mente conscia.
In realt il puntino 10 volte pi grande di quanto arriva
alla coscienza, abbiamo dovuto ingrandirlo perch altrimenti sarebbe stato quasi invisibile. Al contrario, la mente
inconscia elabora tutte le informazioni in un secondo e ci
permette quindi di vedere istantaneamente la foto.

Per capire come e quando si attivano le due menti, pu essere


utile un esempio pratico. Quando si sale per la prima volta su
un automobile per imparare a guidare, listruttore ci insegner
tante cose da fare insieme: il piede destro comanda il pedale
dellacceleratore o del freno, mentre quello sinistro agisce
sulla frizione; con le mani dobbiamo sterzare o azionare la leva
del cambio o inserire le frecce; con gli occhi dobbiamo non
solo guardare la strada davanti a noi, ma anche controllare di
tanto in tanto lo specchietto retrovisore o quelli laterali. Allinizio, saremo molto impacciati e faremo fatica a coordinare
bene tutti i movimenti. Poi, mano a mano che la nostra mente
conscia, facendo sempre pi pratica, permetter alla nostra
mente inconscia di assimilare ogni differente compito, saremo capaci di guidare senza pensare. Addirittura, potremmo
tranquillamente conversare con qualcuno seduto a fianco a
noi o ascoltare lautoradio durante la guida. E ancora, abituati
giorno dopo giorno a fare lo stesso percorso da casa a lavoro,
alla fine potrebbe capitare di accorgerci che siamo giunti nei
pressi del nostro ufficio senza avere badato minimamente alla
strada che abbiamo percorso.
interessante notare che il nostro apprendimento tramite il
dialogo tra mente conscia e inconscia non solo concettuale,
n riguarda soltanto lacquisizione di una determinata capacit, quale pu essere la guida di unautomobile. La nostra
mente inconscia memorizza e immagazzina ogni genere di
informazione, comprese le emozioni e le sensazioni (anche
loro sono informazioni!).
A chiunque sar capitato di ascoltare una canzone a distanza
di anni e di percepire lo stesso identico sentimento provato
tanto tempo prima, quando ascolt quel brano per la prima

51

volta. Questa la magia della mente inconscia, per la quale


esiste solo il presente.
Questo meccanismo ancora pi prezioso se ci rendiamo
conto che la mente inconscia colei che ha a che fare con tutti gli stimoli ambientali, i quali, come abbiamo ormai capito,
comprendono tutte quelle informazioni/frequenze (chimiche,
energetiche ed emotive) che ci fanno interagire con luniverso
e dalle quali dipende il nostro stato di salute.
Infatti, poich molto pi veloce della mente conscia, la nostra mente inconscia che per prima attiva una risposta riflessa,
traducendo le informazioni che riceve dallesterno in compiti
da svolgere. E cos la nostra mente inconscia che gestisce
tutte le nostre funzioni biologiche quali il respiro, la digestio52

ne, la crescita. lei che rimargina le ferite, regola il battito


cardiaco e la pressione arteriosa; ed sempre lei che attiva
una scarica di adrenalina in vista di un pericolo o che ci fa
battere forte il cuore quando ci innamoriamo.
La mente conscia non potrebbe svolgere tutto questo lavoro
insieme. Non ne avrebbe la capacit: le manca la necessaria velocit e non sufficientemente capace di eseguire pi
programmi contemporaneamente. Cosa succederebbe se dovessimo ricordarci a ogni istante di respirare? Cosa succederebbe se, dopo aver mangiato, dovessimo anche impegnarci
a comandare agli enzimi del nostro stomaco di scomporre e
metabolizzare le sostanze nutritive appena ingerite? Cosa succederebbe se, dopo esserci tagliati, dovessimo guidare con
il pensiero le piastrine del nostro sangue in direzione dello
strato di derma da rigenerare? Per fortuna, ci pensa la mente

53

inconscia. Essa governa il 95-99% della nostra vita. Senza che


noi ne siamo consapevoli.
E cos la nostra mente inconscia che conosce perfettamente le nostre condizioni di salute (ogni notte, mentre
dormiamo, essa effettua uno screening di tutte le cellule
del nostro corpo, verificandone lo stato) ed lei che sa ci
di cui abbiamo bisogno per mantenerci sani o per guarirci,
in caso di malattia. lei che sa di cosa abbiamo bisogno per
nutrirci, svilupparci, rigenerarci o riequilibrarci. A patto che
glielo lasciamo fare...

QUANDO LE DUE MENTI SI FRAINTENDONO


Abbiamo visto che linconscio reagisce per riflesso a ci che
ha appreso dalla mente conscia.
Ma cosa succede se la mente conscia, nel momento in cui elabora per la prima volta uno stimolo ambientale, lo interpreta
in modo sbagliato e, di conseguenza, fornisce uninformazione errata alla mente inconscia? E ancora: cosa succede se la
mente inconscia confonde due stimoli diversi tra loro, ritenendoli uguali, poich entrambi presentano qualcosa in comune,
pur essendo in realt due situazioni totalmente differenti?
Succede che la mente inconscia attua una risposta riflessa
non appropriata.
quello che pu capitare emotivamente a molte persone nel
54

momento in cui affrontano situazioni di vita che hanno tratti


in comune con un loro precedente vissuto. Alcune persone
possono scoprire di provare gioia o paura davanti a un paesaggio, a una persona o ad un evento perch in quel paesaggio, in quella persona o in quellevento c un elemento che
richiama per somiglianza una situazione in cui esse hanno provato per lappunto gioia o paura. Si pu essere consapevoli di questo elemento comune (come quando ascoltiamo
una canzone per noi evocativa: siamo capaci di identificare
con precisione lattimo del nostro passato che il nostro cuore
sta ricordando), oppure no. Per esempio, il nostro inconscio
pu ricordarsi che il nostro insegnante del liceo, che tanto ci
stava antipatico, vestiva spesso un doppiopetto blu. E cos,
ogni volta che noi rivedremo una persona che indossa una
giacca simile e per giunta dello stesso colore, proveremo lo
stesso sentimento di antipatia che avevamo per quel profes-

sore. Eppure noi non siamo consapevoli dellinformazione che


un doppiopetto blu comunica alla nostra mente inconscia.
In alcuni casi, questo fraintendimento tra mente conscia e
mente inconscia ci crea solo qualche problema emotivo legato al momento. In altri casi, i traumi di origine psicologica
possono condurre allinsorgenza di disturbi o malattie. Il
dottor John Sarno, docente di Medicina Clinica Riabilitativa
presso la New York University School of Medicine, afferma: Il
dolore cronico e varie altre malattie sono causate da rabbia e
ira represse nella mente inconscia. Non sapete di avere queste cose dentro di voi perch non ne siete coscienti. La crisi
di panico un esempio di errore comunicativo: linconscio
percepisce un pericolo laddove il pensiero conscio non lo vede. Ma anche il cancro un esempio di errore informazionale.
Secondo il dottor Ryke Geerd Hamer, oncologo tedesco,
esponente della medicina germanica moderna, qualsiasi tumore un conflitto tra il bambino (mente inconscia) e la
madre (mente conscia). Questo conflitto si origina nel momento in cui le due menti non riescono a comunicare in modo
corretto tra loro. Ecco allora che il conflitto psichico genera
una risposta inappropriata che si ripercuote anche a livello
fisico.
Che i traumi di origine psicologica si possano manifestare
in malattie visibili qualcosa che la medicina cinese ci ha
tramandato da tempo. Secondo lantica tradizione orientale,
infatti, ogni disturbo fisico espressione di uninterferenza
emotiva. Questo palese nel momento in cui adottiamo un
approccio olistico e guardiamo alluomo come a un tuttuno,
dove materia e spirito non sono pi separabili.
Per lo stesso motivo, sempre secondo il dottor Hamer, la ma-

55

lattia ha una sua logica. Essa la risposta appropriata del


cervello a unanomalia, a un trauma esterno (cio il conflitto
di cui parlavamo) e fa parte di un programma di sopravvivenza
della specie. Risolto il trauma, il cervello inverte lordine e
il corpo passa alla fase di riparazione.
Quanto la mente e il corpo siano strettamente collegati, ce lo
ricorda anche il ricercatore Bruce Lipton. Il professore americano afferma che i pensieri, lenergia della mente, influenzano
direttamente il modo in cui il cervello fisico controlla i processi
fisiologici del corpo. Lenergia del pensiero pu attivare oppure inibire le proteine che attivano le funzioni della cellula attraverso i meccanismi dellinterferenza costruttiva o distruttiva.
E chi decide se linterferenza costruttiva o distruttiva? A
56

questo punto, la risposta dovrebbe essere gi chiara. Se


vero che gli stimoli di tipo chimico sono letti dalle proteine
recettore della membrana cellulare, altrettanto vero che le
stesse proteine recettore devono sempre attuare una decodifica del segnale, e tale decodifica dettata loro dalle informazioni depositate nella mente inconscia. La quale a sua volta si
rif alla mente conscia. Ed qui che pu nascondersi lerrore.
Infatti, gi sappiamo che le nostre risposte agli stimoli ambientali sono controllate dalle nostre percezioni. Ma non tutte
le percezioni sono esatte. Le percezioni che traggono origine
dalla mente conscia sono soggette alla sua capacit di giudizio e forniscono una interpretazione soggettiva degli stimoli
ricevuti. Le percezioni della mente conscia sono chiamate credenze. Le credenze leggono la realt con gli occhi
dellosservatore e agiscono come il filtro di un obiettivo

per una macchina fotografica: in base al nostro personale


giudizio, esse cambiano il modo in cui vediamo il mondo. Di
conseguenza, il nostro funzionamento biologico si adatta a
quel modo di vedere, poich da esso si attiva una specifica
risposta che dipende dalla precedente interpretazione degli
stimoli ambientali, siano essi chimici, energetici o emotivi.
Pu sembrare sorprendente, ma le credenze fanno memoria in tutto il nostro corpo. Ed proprio per questo che
hanno conseguenze su tutta la nostra macchina biologica.
Come spiega il dottor Alexander Loyd, le memorie cellulari
sono ricordi di esperienze che traggono origine dalle nostre
credenze e che si legano alle molecole-segnale di ciascuna
dei 75-100 trilioni di cellule di cui siamo composti, come se
il nostro corpo fosse un diario su cui viene scritto, per ogni
nuova esperienza, una nuova pagina. Una volta depositate,
le memorie cellulari fanno capo alla mente inconscia (proprio
perch sono memorie a lungo termine), la quale le riattiva
al momento del bisogno, cio quando essa percepisce uno
stimolo simile a quello che le ha generate. Linconscio possiede dei meccanismi di protezione di tali memorie, al fine della
sopravvivenza. Per questo motivo, noi siamo consapevoli di
meno del 10% dei nostri ricordi: tutto il resto lo custodiamo allinterno del nostro inconscio, e ci difficile scoprirlo,
finch non impariamo a comunicare con esso.
A dimostrare scientificamente lesistenza di memorie cellulari
che invadono tutto il nostro corpo, ci sono i numerosi casi di
persone che sono state sottoposte a trapianto di organi e
che, successivamente alloperazione chirurgica, hanno riferito di avere immediatamente sviluppato hobby o interessi o

57

addirittura gusti personali che non avevano mai avuto prima.


Per esempio, c il caso di una signora americana che, dopo
un trapianto di rene, cominci inspiegabilmente a coltivare
la passione per le moto, per la birra e il pollo fritto. Difatti, si
seppe che il suo donatore di rene era un ragazzo motociclista
con i medesimi gusti culinari, esperiti dalla signora in questione per la prima volta nella sua vita dopo loperazione.
Questo esempio, per quanto possa sembrare assurdo, in realt ci fa percepire quanto le nostre credenze siano permeanti e decisive nel decretare il nostro agire. Ci in cui crediamo
definisce ci in cui ci identifichiamo: i nostri gusti, le nostre
passioni e persino le nostre emozioni. Ecco allora che ci in
cui crediamo diventa ci che siamo.
EPIGENETICA E CREDENZE
58

Lepigenetica una branca della genetica e studia come lambiente influenza la vita. Essa fa parte della Nuova Biologia,
che ha ormai screditato la teoria secondo la quale i geni influenzano la nostra salute. Secondo lepigenetica, infatti, tutto
quello a cui soggetto un essere vivente riconducibile agli
stimoli che egli riceve dallambiente e a come li interpreta.
Come ci ricorda lo scienziato Bruce Lipton, sono le nostre
credenze ad attivare le risposte delle proteine-recettore delle nostre cellule agli stimoli ambientali e, di conseguenza, a
determinare la nostra biologia.
La genetica quindi non centra. Questa di per s una bella
notizia. Significa che ciascuno di noi ha le stesse opportunit di
sopravvivenza, e la sua qualit di vita dipender dal modo in cui
riuscir a fare comunicare in modo corretto le sue due menti.

LA BIOLOGIA PRIMA E DOPO


Prima: il Dogma del DNA
DNA n RNA n proteina
Adesso: la Nuova Biologia delle Credenze
Segnale ambientale n proteine regolatrici n DNA n
n RNA n proteina

Ma se i geni non centrano, perch esistono le malattie ereditarie? Perch se un genitore diventa calvo prima dei 40 anni,
suo figlio ha buone probabilit di emularlo quando raggiunger la sua et?
Le risposte sono due. Primo: perch si vive nello stesso ambiente e quindi si influenzati dallo stesso stress. Secondo:
perch noi siamo stati educati dai nostri genitori e la loro
educazione non altro che una trasmissione di informazioni,
percezioni, credenze. Pi o meno consapevolmente, i genitori nutrono i propri figli dei loro stessi punti di vista, dei
loro stessi sogni o timori, delle loro stesse speranze, paure
e opinioni. Questo avviene soprattutto nei primi sei anni di
vita, quando il cervello del bambino non ha ancora sviluppato
una propria capacit di giudizio (proprio come il bambino
della mente inconscia) e assimila tutto ci che riceve dallambiente memorizzandolo in automatico, e poi riproducendolo
per riflesso.
In sostanza, i bambini caricano la sapienza del mondo trasmessa loro dallesterno (dai genitori o dalla televisione o
dalle maestre dasilo) direttamente nellinconscio. Le credenze che essi sviluppano nei loro primi sei anni di vita sono

59

definite credenze pre-linguistiche, e possono condizionarli per


tutta la vita.
I gesuiti, da sempre riconosciuti come grandi educatori, erano
soliti affermare: Dateci un bambino prima che abbia compiuto sei anni e ne faremo un ecclesiastico.
Cosa succede se la madre (intesa come mamma ma anche
come mente conscia) insegna al bambino (inteso come figlio o come mente inconscia) ad avere sempre paura?
Il bambino prender per vera la situazione di paura segnalata dalla madre e di fronte ad essa attuer sempre un meccanismo di difesa, anche se non necessario. lorigine del
conflitto, che porta il bambino a comportarsi in modo non
naturale.
60

Facciamo un esempio pratico. Tutti i neonati sanno nuotare.


Per loro, lacqua un habitat assolutamente familiare. Altrimenti, come avrebbero potuto sopravvivere nel liquido amniotico per nove mesi?
Tuttavia, molti bambini disimparano a nuotare e finiscono addirittura con il coltivare una vera e propria fobia per
lacqua. Perch accaduto tutto ci? Molto probabilmente
perch, quando erano piccoli, qualcuno dei due genitori ha
comunicato loro che lacqua pericolosa e che bisogna starne
alla larga. La credenza limitante dei genitori (mente conscia)
ha influenzato (e modificato!) la risposta comportamentale del
bambino (mente inconscia).
La nostra mente estremamente potente e allo stesso tempo
estremamente delicata da gestire, al punto che una paura
conscia pu cancellare una capacit subconscia. Luomo pi
dipendente dallapprendimento di qualunque altra specie.

NOI SIAMO come I NOSTRI GENITORI


Qualis pater talis filius com il padre, cos il figlio -,
dicevano gli Antichi Romani. E il loro proverbio rimasto
vivo fino ad oggi. Infatti, in ogni detto popolare c sempre una profonda verit. Per farti rendere conto di quanto effettivamente noi siamo la copia dei nostri genitori,
ti propongo un esercizio divertente e allo stesso tempo
sbalorditivo.
Prendi un foglio di carta e piegalo in quattro. Poi riaprilo e
scrivi nel primo quadrante, in alto a sinistra, i pregi di tuo
padre, quelli che tu pensi che lui abbia. Poi, nel secondo
quadrante, in alto a destra, scrivi i suoi difetti, sempre in
base alla tua opinione personale. Ora fai lo stesso con tua
madre, nei due quadranti rimanenti: scrivi nella colonna in
basso a sinistra i suoi pregi e in quella di destra i suoi difetti.
Ora, pensa a due o tre tuoi amici che conosci da molto
tempo: amici dinfanzia o con i quali hai speso molto tempo insieme. Chiedi a ciascuno di loro di stilare una lista
dei tuoi pregi e dei tuoi difetti, secondo la loro opinione.
Quando le avranno completate e te le avranno consegnate, leggile e... noterai che i pregi e i difetti che loro hanno trovato in te sono un mix di pregi e difetti che tu hai
trovato in tuo padre o in tua madre. Provare per credere.

LAPPRENDIMENTO PRENATALE
Lapprendimento di un neonato comincia ancor prima che
egli nasca. Gi nella pancia della mamma, egli soggetto
a tutte le emozioni e credenze dei genitori. Il dottor Peter
W. Nathanielsz, in Life in the Womb: The Origin of Health

61

and Disease, scrive: La qualit della vita nellutero, la nostra dimora temporanea fino al momento della nascita,
programma la nostra predisposizione alle malattie coronariche, allictus cerebrale, al diabete, allobesit e a una
quantit di altri fattori che potranno verificarsi nel corso
della vita.
Anche lautismo, un disturbo che riguarda alcune anormalit nello sviluppo del cervello, sembra trarre la sua origine
dal feto di una madre stressata. Una ricerca condotta dai
dottori Kinney, Munir, Crowley e Miller (2008) ha evidenziato che lo stress prenatale, che pu essere caratterizzato
da eventi della vita quotidiana o da fattori ambientali che
angosciano una donna incinta, potrebbe contribuire allautismo, in particolare come parte di uninterazione tra i geni
e lambiente. Si affermato che lautismo possa avere a
62

che fare con lo stress prenatale grazie a degli studi che


hanno esaminato diversi agenti stressanti, come la perdita
del lavoro o un litigio familiare, con esperimenti naturali
che coinvolgono lesposizione prenatale a una tempesta.
Infatti, studi sugli animali hanno testato che lo stress prenatale pu far crollare lo sviluppo del cervello e produrre
comportamenti molto simili ai sintomi dellautismo.
Lambiente non inizia dalla nascita. Lambiente inizia non
appena c lambiente. Il liquido amniotico un ambiente e, tramite la madre, in comunicazione con tutto ci
che il mondo esterno. Nel 1944, durante il cosiddetto
Inverno della fame olandese, i nazisti occuparono lOlanda. Per varie ragioni, decisero di sequestrare tutto il
cibo e dirottarlo verso la Germania. Per tre mesi, decine
di migliaia di olandesi patirono la fame e molti di essi

morirono per denutrizione. Le donne gravide durante la


carestia, soprattutto quelle tra il quarto e il sesto mese
di gestazione, hanno insegnato qualcosa di unico ai loro feti. Quanto sar ostile l fuori? Quanto sar ricco?
Quanto mi potr offrire lambiente? Non ricevere sufficiente nutrimento dallesterno, ha predisposto quei feti
ad essere molto avidi di zuccheri e di grassi, cercando di
conservarne ogni molecola per la sopravvivenza. I bimbi
che nacquero in quel periodo risultarono pi predisposti
allobesit e a problemi di pressione.

NOI SIAMO POTENZIALMENTE SANI,


POI LA SOCIET CI FA AMMALARE
Le conseguenze di una madre troppo premurosa sono molto
simili a quelle che si possono verificare quando accettiamo
per vere delle non-verit, le quali spianano la strada al conflitto tra le due menti.
Oggi la nostra societ piena di menzogne e di inganni, che
spesso la nostra mente conscia non sa riconoscere e che quindi trasmette in modo errato al nostro inconscio.
Linformazione quotidiana ci traumatizza. I media ci inculcano la politica del nemico: il terrorismo, la crisi economica,
linstabilit dei mercati finanziari, leffetto serra... e tutto questo ci mette paura. E la paura annebbia la nostra capacit di
giudizio. In questo modo, noi non siamo pi padroni di noi
stessi e il potere delle lobby o gli interessi dei politici ci possono manipolare molto pi facilmente. Allo stesso modo, la
pubblicit utilizza meccanismi che vanno a scavare nel nostro

63

inconscio. Prima ci inculcano una paura o un desiderio, poi ci


offrono la soluzione per sentirci sicuri o appagati. In questo
modo gli spot ci spingono a comprare anche cose di cui non
avremmo bisogno.
I media, cos come la pubblicit, sono come una madre che
dice al proprio bambino di fare attenzione a tutto. Ci inculcano credenze limitanti e ci mettono in guardia. Noi ci
nutriamo ogni giorno di queste informazioni, al punto che
oramai le riteniamo vere e cos le digeriamo nel nostro
inconscio, senza nemmeno esserne consapevoli. E il nostro
agire rispecchia quanto abbiamo metabolizzato: anche se
abbiamo soldi, non li spendiamo, perch ci dicono che c la
crisi; anche se non abbiamo bisogno di quel paio di scarpe
nuove, lo compriamo, perch ci dicono che sono di moda.
64

Ma tutto questo ci estranea dalla nostra vera natura e ci manda in tilt. il conflitto di cui parla il dottor Hamer. la modalit lotta o fuggi di cui parla il professor Bruce Lipton.
Ma cosa avviene esattamente nel nostro corpo quando si
verifica tutto ci? Quali sono le conseguenze biochimiche
di un conflitto (= errore informazionale) generato da una
credenza limitante che ci mette in modalit lotta o fuggi?
dalla credenza alla malattia
Credenza limitante (= non-verit = errore informazionale)
n conflitto (= modalit lotta o fuggi)


n stress
n disequilibrio energetico
n malattia

LE INFLUENZE DELLA CULTURA E DELLA SOCIET


Le nostre credenze determinano il nostro stato di salute,
e la societ svolge un ruolo di primaria importanza nella
formazione delle nostre credenze.
Nelluomo, lapprendimento innanzitutto nelle relazioni
sociali. Noi siamo modellati dalla nostra societ e dalla
nostra cultura. Buddha diceva: Nulla si pu comprendere
in isolamento dal suo ambiente. LUno nel tutto e il tutto
nellUno.
Ci sono societ dove la criminalit sconosciuta. In comunit come quelle degli Amish o degli Hutteriti non
esistono casi di omicidio. Nei kibbutz ebraici, i livelli di
violenza sono cos bassi che lo stato di Israele non punisce
i criminali con il carcere, ma li spedisci allinterno di una
delle tante comunit basate sulla propriet comune al fine
di rieducarli.
Il sistema economico contemporaneo si basa sulla competizione e sulla concorrenza. Esso apre la via a una societ stratificata e individualista, dove spesso le difficolt
di alcuni diventano occasione di guadagno per altri. Ecco
perch noi diventiamo competitivi. Ma alla nascita, ciascuno di noi viene al mondo solo con i semplici bisogni
di sopravvivenza. Se potessimo sempre soddisfare completamente i nostri bisogni elementari, non avremmo la
necessit di competere con gli altri, e ci scambieremmo
amore. Tuttavia, la nostra societ, proprio per come
stratificata e organizzata, non permette a tutti di soddisfare i propri bisogni. Inoltre, la pubblicit e i media ci
inculcano falsi bisogni, facendoci credere che ci manchi
sempre qualcosa.

65

SIMPATICO E PARASIMPATICO
Tutti i meccanismi di sopravvivenza di cui sono dotate le cellule del nostro corpo rispondono a due sole categorie funzionali: crescita o protezione.
Possiamo interpretare ogni stimolo esterno come amico,
oppure come nemico. Se ci sar amico, lo ameremo. Se ci
sar nemico, lo temeremo. Quando amiamo una persona, ci
apriamo a lei, siamo recettivi nei suoi confronti e vogliamo trascorrere del tempo insieme e scambiarci opinioni. Ma quando
percepiamo una persona come nostra nemica, prima di odiarla,
ne abbiamo paura. Il razzismo, per esempio, una forma di
odio che nasce da una paura, la paura per chi diverso o sconosciuto. Pertanto, il contrario di amore non odio. Il contrario
66

di amore paura. Di fronte a una persona di cui abbiamo paura


ci chiudiamo, tendiamo a evitarla e rinunciamo a ogni scambio
reciproco.
impossibile provare contemporaneamente amore e paura.
O proveremo amore, o proveremo paura. Allo stesso modo, il
nostro corpo pu attivare una sola delle due modalit funzionali di sopravvivenza: la modalit di crescita (nel momento in
cui percepiamo gli stimoli esterni come interferenze costruttive), o la modalit di protezione (qualora gli stimoli ambientali
vengano percepiti come interferenze distruttive).
Quando le proteine-recettore poste sulla membrana cellulare
entrano in contatto con una sostanza dallesterno, possono o
considerarla un nutriente, e quindi lasciarla passare allinterno
della membrana cellulare, oppure considerarla una tossina, e
quindi non lasciarla penetrare allinterno del citoplasma.

In presenza di un metallo pesante, per esempio, la membrana


cellulare ne comprende la tossicit e si difende chiudendosi e
rifiutando ogni tipo di scambio con lambiente. Quando i metalli pesanti sono troppi, allora la cellula sar cos concentrata
a proteggersi che non potr pi aprirsi per ricevere sufficiente
nutrimento dallesterno. Una cellula chiusa non riceve ossigeno
ed destinata ad ammalarsi. Al contrario, quando la cellula
percepisce uno stimolo amico, si prepara a riceverlo e ne sfrutta i benefici per nutrirsi, crescere, svilupparsi e rigenerarsi. Come abbiamo gi visto nel primo capitolo, lo stimolo pu essere
biochimico, ma anche energetico o addirittura emozionale.
I colori emanano frequenze, cos come la musica. Ci sono
colori e melodie che emettono frequenze benefiche ed per
questo che le persone possono guarire attraverso la cromoterapia o la musicoterapia semplicemente pitturando le pareti
della propria stanza da letto di un colore che emette una
frequenza rilassante o ascoltando la Pastorale di Beethoven.
La modalit di crescita attivata e gestita dal nostro sistema
parasimpatico. La modalit di protezione attivata e gestita
dal nostro sistema simpatico.
SIMPATICO
PARASIMPATICO
Sistema surrenale
Sistema immunitario
Lotta e fuggi
Presenza, adesso
Inconsapevolezza Consapevolezza
Protezione Crescita
Conflitto Coerenza
Programmi riflessi
Intelligenza
Difesa Creativit
Chiusura e stress
Scambio aperto con lambiente
Inibizione dellenergia vitale Flusso di energia vitale
PAURA
AMORE

67

Il sistema parasimpatico attivatore anche del sistema immunitario e interpreta le informazioni ambientali (le frequenze)
per nutrire, accrescere, riparare e proteggere tutte le nostre
cellule. Una cellula in modalit parasimpatica, ovvero in modalit di crescita e di guarigione, praticamente inattaccabile.
Quando siamo in modalit parasimpatica, siamo in Presenza,
cio siamo concentrati sullattimo presente e viviamo consapevoli di quello che ci sta accadendo. La meditazione un
momento in cui, per lappunto, spegniamo ogni nostro pensiero legato al passato o al futuro e ci concentriamo sul presente. Cos annulliamo ogni genere di paura. Infatti, la paura
semplicemente la proiezione nel futuro delle conseguenze
che pu generare un pericolo, e spesso questa proiezione
futura si alimenta del ricordo di una nostra sofferenza legata al
passato. Siamo anche pi intelligenti, perch le cellule (quelle
68

di tutto il corpo, e quindi anche quelle cerebrali), aprendosi e


ricevendo i nutrienti, respirano e ricevono la giusta ossigenazione. Per lo stesso motivo, siamo pi riflessivi e quindi anche
pi creativi. Viviamo in pieno amore. In modalit parasimpatica, lenergia del nostro corpo libera di circolare ovunque,
comprese le viscere e gli organi.
Il sistema simpatico attivatore dellasse HPA, lasse ipotalamico-ipofisiario-surrenalico. A differenza del sistema immunitario, che ci preserva da minacce interne (virus, batteri, tossine), lasse HPA ci difende dalle minacce esterne. Pensate a
una gazella che viene inseguita da un leone. Ella percepisce la
presenza del leone anche a distanza e il suo istinto la prepara
a scappare dal predatore. Come abbiamo gi visto, noi non
possiamo essere contemporaneamente in modalit di crescita
o di protezione. Il corpo dovr scegliere di volta in volta quale

delle due attivare. E quale avr la priorit nel caso in cui ci troveremo di fronte a un leone pronto a sbranarci? ovvio che
il nostro inconscio percepir come prioritario scappare dalla
minaccia esterna, che rischia di mettere fine alla nostra vita.
Ecco allora che gli ormoni surrenali prendono il sopravvento e
reprimono direttamente lazione del sistema immunitario per
conservare le energie: tutte le nostre forza dovranno essere
impiegate per affrontare il pericolo imminente. la modalit
lotta o fuggi di Lipton.
Il sistema HPA molto efficiente per uno stress acuto e improvviso, ma non stato concepito per essere attivato in
continuazione. Purtroppo, la nostra societ oggi ci mette costantemente in situazioni di stress e, sebbene non viviamo pi
nella savana, le nostre vite sono ancora popolate da insidie. E
cos noi rischiamo di trascorrere la maggior parte del nostro
tempo in modalit simpatica: il lavoro in ufficio, i problemi
daffitto, la vita coniugale, i figli da mandare a scuola... Gli
ormoni surrenali vengono continuamente liberati dal nostro
corpo, inibendo lattivazione del sistema immunitario. E noi
ci ammaliamo. Tra laltro, gli ormoni reprimono anche lattivit della corteccia cerebrale prefrontale, il centro dellattivit cosciente, volitiva. Ed ecco spiegato perch i media, nel
momento in cui ci incutono terrore con le loro informazioni
sabotanti, riescono a manipolare le nostre coscienze. Stanno
semplicemente mandandoci in modalit lotta o fuggi, disattivando la nostra mente conscia.
Pressioni prodotte da preoccupazioni o paure croniche generano in noi stress. E se linconscio stressato, il sistema
immunitario non funziona correttamente. Infatti, ai pazienti
sottoposti a trapianto di organi, per evitarne il rigetto, viene
somministrato il cortisolo, lormone dello stress, in modo che

69

sia bloccato il loro sistema immunitario e il rigetto sia evitato.


Ma se il sistema immunitario sempre bloccato, facile comprendere che il corpo, prima o poi, si ammaler.
Quando il sistema simpatico attivato, rilascia il cortisolo,
che se da una parte ci fornisce nellimmediato una grande
energia fisiologica per combattere un pericolo o per fuggire (attraverso un aumento improvviso di glicemia nel sangue), allo stesso tempo inibisce il DHEA, un ormone che
responsabile della rigenerazione cellulare e che contrasta
linvecchiamento. Laumento di glicemia e la diminuzione di
DHEA producono effetti negativi: la sintesi di DNA, RNA,
proteine e GH (lormone della crescita) vengono inibite, aumenta la concentrazione sanguigna di sodio e diminuisce
quella di potassio, si va incontro a catabolismo muscolare,
scheletrico e delle mucose gastroenteriche. Tale condizione,
70

se protratta nel tempo, ci presenta il conto attraverso malattie quali: decalcificazione, diminuzione del tono muscolare,
iperglicemia, diabete mellito, colite, impotenza, diminuzione della memoria e disturbi psichici quali apatia, euforia o
depressione.
Il dottor Gay Hendricks, in Conscious Breathing, afferma:
Quando unemozione molto dolorosa, la nostra prima reazione smettere di respirare. Si tratta di un riflesso di protezione. Immediatamente dopo siamo invasi da un flusso di
adrenalina e il sistema simpatico fa battere pi velocemente
il cuore. Le cellule ricevono meno ossigeno e al loro interno
si crea un ambiente tossico.
Qui non si tratta di spaventare nessuno, ma solo di prendere maggiore consapevolezza dei meccanismi che regolano il
nostro corpo.
E di trovare le giuste soluzioni per vivere in buona salute.

Ora: come facciamo a ritornare in modalit parasimpatica?


Purtroppo, non basta il solo pensiero positivo. Perch la consapevolezza di quel pensiero positivo potrebbe fermarsi solo alla mente conscia. E, come abbiamo gi visto, la mente
inconscia molto pi forte della conscia, depositaria delle
memorie cellulari immagazzinate in tutto il corpo e ha priorit
di azione quando percepisce un pericolo esterno.
Per dirla con un paragone, potremmo dire che la mente conscia il nostro cervello e la mente inconscia il nostro cuore.
Quanto il cervello e il cuore sono in conflitto, vince il cuore.
E allora fondamentale ritornare allinconscio e chiedere
a lui qual il problema per il quale esso attiva la modalit
lotta o fuggi.
Nel vangelo apocrifo di Tommaso, si trova scritto: Quando
due sposi (conscio-inconscio) faranno la pace in casa (corpo),
troveranno il Regno dei Cieli (pace). ci che avviene quando i nostri due emisferi comunicano tra loro. Comunicando, si
trasmettono informazioni, evitano fraintendimenti e annullano
il conflitto. Essere in pace significa essere in coerenza con la
propria natura. Solo quando sapremo realmente chi siamo,
sapremo anche cosa fare. Ce lo dir la nostra mente inconscia.
E quando saremo in coerenza con la nostra natura, saremo
in amore e il nostro corpo si aprir alla modalit di crescita.
Quando noi siamo in parasimpatico, le due menti si sono
sposate, e la pace dentro di noi! A quel punto, viviamo
il presente (perch siamo in Presenza!) e la nostra macchina biologica pu sfruttare appieno le sue capacit di autoguarigione. I nostri valori di cortisolo scenderanno e i livelli di
DHEA (lormone dellet e della giovinezza) aumenteranno.
A proposito: secondo il biologo e virologo francese Luc Mon-

71

tagnier, se riuscissimo ad annullare completamente lo stress


inutile intorno a noi, trascorrendo la maggior parte del nostro
tempo in parasimpatico, potremmo vivere almeno fino a 120
anni.
Solo quando siamo in parasimpatico, possiamo prima capire
le cause che ci hanno condotto allerrore informazionale e
poi trovare le soluzioni per riportare armonia tra conscio e
inconscio, ripristinando il corretto funzionamento della nostra macchina biologica e riappropriandoci della nostra vera
dimensione di pace interiore.
questo quello che si prefigge il Metodo RQI: metterci in
coerenza per trovare le cause che ci mandano in modalit
lotta o fuggi e annullarle attraverso soluzioni che ci riportano in modalit di crescita. Lo stress che ci manda in modalit
72

lotta o fuggi pu appartenere a un diverso livello: materia,


energia, spirito. Per ciascuno di essi, il Metodo RQI ci guida
attraverso tre percorsi di soluzioni.
TESTIMONIANZE
Un salto quantico nella crescita personale
Grazie, grazie, grazie di vero cuore. Sapevo che questo
corso mi avrebbe fatto fare un salto quantico, ma non immaginavo fino a questo punto!(...) La mia percezione della
realt completamente cambiata... Ho molte pi certezze
e molte meno paure, vedo le persone, le situazioni in modo
completamente diverso, in ogni mio gesto c la certezza che
sia quello giusto (...). Mi rispetto molto di pi (...) mi godo il
presente, stare nel momento ed ESSERCI veramente con tutta
me stessa una cosa fantastica. (...) A Marco grazie per aver

messo ordine nella mia testa, qualche anno fa avevo iniziato a


costruire un puzzle che ora, grazie a lui, sta prendendo forma.
Ed un puzzle bellissimo!
Claudia
Guardare con occhi e cuore diversi
Grazie di essere entrati con discrezione nel mio quotidiano.
Avete aperto la mia mente aiutandomi a guardare diversamente le cose e gli altri. Ho parlato con tanti professionisti,
chiedendo aiuto, ma finora nessuno con tanta semplicit era
riuscito tanto.
Carmen
Un metodo olistico
Caro Marco, il tuo colossale lavoro mette ordine a tutto
quanto ho finora letto e studiato sugli argomenti che tratti.
Finalmente dopo il tuo Master non dovr pi correre da un
corso a un altro perch il tuo approccio li contiene tutti, li
unifica e allo stesso tempo li supera in una prospettiva ancora
pi ampia. Sono molto felice di essere approdata a te! Grazie
e a presto.
Susanna, counselor
NOTA: Se vuoi sentire e vedere la mia spiegazione di questi contenuti, puoi ricevere i video gratuiti iscrivendoti su:
www.rqi.me

73

IL METODO RQI

Iniziamo dal nome. RQI lacronimo di Riequilibrio Quantico


Integrato.
A questo punto del libro, ci chiaro che tutto energia e che
tutto pu essere modificato a partire dalle sue frequenze
energetiche. Lenergia sempre presente, ma a volte non riu74

sciamo a farla fluire come dovrebbe, perch congestionata


in un punto; altre volte invece ne liberiamo troppa, e allora ci
indeboliamo e andiamo in deficit. Il Metodo RQI si prefigge
quindi di riequilibrare i corretti flussi di energia.
Parliamo di riequilibrio quantico in riferimento alla fisica
quantistica, le cui leggi e teorie sono applicate e condivise
dal Metodo RQI.
Gli scienziati, da Einstein in poi, definiscono quanto una
unit minima di energia, un pacchetto di energia. Lo stesso concetto di quanto usato dai fisici anche per indicare una singola particella. Questo ci ricorda la doppia natura
della materia, che pu essere considerata o come semplice
informazione frequenza invisibile o come materia reale,
visibile.
Come fa il Metodo RQI a riequilibrare la nostra energia? Lo
fa attraverso diverse soluzioni, integrando al suo interno le

dottrine di antica tradizione orientale alle pi recenti scoperte


della nuova scienza contemporanea.
Il Metodo RQI non vuole dare una soluzione univoca per
tutti, proprio perch ciascuno di noi un soggetto unico e, di
conseguenza, le sue risposte non saranno identiche a quelle
di un altro soggetto sottoposto al medesimo approccio. Le
psicologie quantistiche ci insegnano che noi non siamo un
mero aggregato di cellule che risponde solo a stimoli chimici: la nostra componente spirituale ed energetica ci offre un
campo di azioni e delle variabili di risposta comportamentali
molto pi ampi.
Per questo riduttivo proporre sempre la stessa soluzione a
un problema comune: se dieci persone soffrono di emicrania, cinque potrebbero risentire di una carenza nutrizionale,
quattro potrebbero avere una tensione emotiva e un altro
potrebbe soffrire dellinterferenza elettromagnetica causata
da un ripetitore vicino casa...
Mi piace ricordare che non esistono tecniche giuste o tecniche
sbagliate, ma solo tecniche con determinate basi scientifiche,
che possono risultare appropriate per determinati soggetti in
determinate situazioni e inutili o addirittura controproducenti
per altri. Il Metodo RQI lascia quindi unampia apertura di
possibilit circa limpiego di diverse soluzioni o tecniche, anche quelle che non troverai in questo libro ma di cui sei gi
a conoscenza.
Un esempio pratico: attraverso il Metodo RQI, per mezzo di
un test muscolare ideato ed elaborato appositamente, potresti scoprire di avere uno stress di tipo emotivo, e che la
soluzione migliore per te riprendere a praticare lo Yoga, la
disciplina che avevi iniziato anni prima e che hai interrotto ne-

75

gli ultimi tempi. Anche se il Metodo non parla nello specifico


di Yoga, tuttavia questa pratica rientra nellambito olistico
unisce spirito e corpo e opera sul piano energetico.
Un altro aspetto importante da sottolineare che il Metodo
RQI non va contro la malattia, ma contro le cause di stress
che hanno generato la malattia. Lo scopo non debellare i sintomi (come purtroppo ahim! fanno la maggior
parte dei medicinali), ma annullare le cause. Attraverso le
soluzioni del Metodo RQI, il nostro corpo ritrover il suo
equilibrio energetico e a quel punto si trover nelle giuste condizioni per auto-star-bene: qualora sia ammalato, si
auto-guarir; e una volta guarito, si manterr in equilibrio e
funzioner come la Natura ha stabilito che debba funzionare.
76

Una piccola parentesi prima di illustrare nello specifico le diverse fasi di cui si costituisce il Metodo. Il nostro corpo energia,
ma anche il nostro pensiero energia. Infatti si parla di onde
cerebrali. E le onde sono frequenze. Come abbiamo visto nel
primo capitolo, oltre il 60% del nostro stress dipende da cause emotive, cio legate ai nostri pensieri. Lo afferma anche il
dottor Enzo Soresi, oncologo, anatomopatologo e tisiologo:
il pensiero che ci fa ammalare o guarire. Compreso ci,
possiamo capire anche come una mente sana ci aiuter a migliorare tutti gli ambiti della nostra vita. Ecco quindi che il Metodo RQI, partendo da un approccio olistico che non pu pi
separare la mente dal corpo, mette in comunicazione tra loro
le nostre menti (conscio, inconscio e superconscio) e ci aiuta a:
a) eliminare lo stress per auto-star-bene o auto-guarirci;
b) migliorare le relazioni con gli altri partendo dal capire chi
noi siamo;

c) fare le scelte giuste nella vita di tutti i giorni, nellambito


lavorativo e privato.
Il Metodo RQI qualcosa di pi di una tecnica volta solo al
raggiungimento del benessere fisico, linizio di un percorso
che ti porter a lavorare su pi piani, compreso quello spirituale, per trovare soluzioni che ti serviranno anche in ambito
sociale, psicologico, relazionale, economico ed esistenziale.
Questa nuova consapevolezza ti render indipendente, autonomo e capace di relazionarti agli altri e a tutto ci che ti
arriver dallesterno con maggiore cognizione e intenzionalit.
La nostra societ purtroppo ci ha inculcato la credenza limitante che noi abbiamo bisogno degli altri per guarirci e che
solo un altro una figura esperta che ha studiato al nostro
posto pu dirci cosa dobbiamo fare: il medico, lo psicologo, il prete. In realt, ciascuno di noi possiede gi tutte le
risposte dentro di s. E le risposte che si hanno dentro di s
sono molto pi precise di quelle che possono arrivarci da
un approccio esterno e che sebbene sia frutto di studi approfonditi e verificati rimangono sempre troppo generiche
e standardizzate, poich non considerano le variabili legate
alla vita e alle esperienze personali.
Le figure professionali sono molto importanti, soprattutto in
fase di diagnosi di una malattia. Pi raramente invece possono
aiutarci a risalire alle cause che hanno generato un nostro problema, o quella stessa malattia. Il problema il nostro, appartiene a noi. Medici, operatori sanitari e psicologi difficilmente
possono conoscere tutta la nostra storia personale, tanto meno
possono entrare nel nostro inconscio (impresa ardua anche
per noi, senza i giusti strumenti) e indagare le nostre memorie
traumatiche. Siamo noi che dobbiamo tornare ad ascoltarci.

77

Confrontarsi con un professionista sempre importante, ma


affidandoci solo agli altri, restando passivi, disimpariamo ad
ascoltarci e perdiamo quella fiducia in noi stessi che alla base del nostro auto-star-bene. Parafrasando un famoso
detto popolare, il Metodo RQI non intende sfamarti per la
durata di un pasto, ma preferisce darti una canna da pesca, e
insegnarti a pescare. Affinch tu ti possa scoprire e aiutare
da solo.

LA GERARCHIA DELLA CONOSCENZA:


LE DUE PIRAMIDI
Da dove nasce il Metodo RQI?
Per dirla in breve, arriva dal nuovo ovvero: riscoperto
approccio olistico.
Per spiegarlo meglio, bisogna introdurre il concetto di
78

gerarchia della conoscenza scientifica e spiegare come


questa sia cambiata con le scoperte dellultimo secolo.
Tutto il nostro sapere pu essere raggruppato in diverse
discipline: la matematica, la fisica, la chimica, e via dicendo. Ciascuna di queste materie sembrerebbe apparentemente indipendente dalle altre. In realt, non cos. Esiste
un rapporto gerarchico tra i diversi rami della scienza e
questo rapporto espresso da quella che viene definita
la piramide della conoscenza scientifica.
Alla base della piramide c la Matematica, che la chiave
di tutto ci che vi al di sopra. Come scrive il rinomato fisico italiano Vittorio Marchi nel suo libro La Scienza dellUno, curioso ricordare che la parola numero deve la sua
etimologia al termine sanscrito numb, che significa Dio.
In effetti, i numi erano gli di o le divinit del mondo

classico (dal latino, numen,is = divinit; dal greco, nous =


intelligenza, pensiero creatore).
Quando i concetti matematici vengono applicati alle forze
della natura, in quelle che definiamo Leggi dellUniverso, abbiamo la Fisica. I fattori della fisica quali la gravit, la velocit della luce e cos via, vengono applicati
allo studio della chimica. Mediante la chimica, le forze
delluniverso agiscono sugli elementi naturali per gettare
le fondamenta del nostro mondo, che studiamo attraverso
la Geologia. Lespressione di ogni campo di conoscenza
soggiacente giunge cos, indirettamente o direttamente,
a influenzare il modo in cui la vita espressa nel nostro
mondo: ecco che il gradino successivo la Biologia.
Dietro ad ogni motivazione che sta dietro al comportamento della vita, c infine la Psicologia: essa la cima
della gerarchia della conoscenza scientifica.
Da questa piramide, si desume non solo che ciascun
campo collegato a tutti i campi sottostanti, ma anche
che, quando le nuove scoperte modificano il modo in cui
percepiamo noi stessi a qualunque livello della gerarchia,
tutto ci che sta sopra deve riflettere quella nuova concezione. Per esempio, Newton ha potuto creare la scienza della fisica soltanto dopo aver sviluppato il ramo della
matematica noto come Calcolo Differenziale.
Cos, ogni scoperta ci porta a rivoluzionare completamente ogni gradino della piramide.
Un tempo, la nostra matematica si basava sulla Geometria
Euclidea. Dalla Geometria Euclidea e dal Calcolo Differenziale, abbiamo sviluppato la Fisica Newtoniana. Dalla
Fisica Newtoniana, derivata la Fisica Chimica e, sopra

79

di essa, la biologia intesa come Genetica Darwiniana e la


psicologia basata sulla chimica. Questa era la piramide del
Materialismo Scientifico.
Ora, la Geometria dei Frattali ci ha aperto la spiegazione
un nuovo tipo di fisica, la Fisica Quantistica. Dalla Fisica
Quantistica abbiamo potuto comprendere il dualismo onda/particella e, studiando le frequenze, abbiamo potuto
sviluppare la Chimica Vibrazionale. Perci abbiamo compreso il potere delle nostre credenze nel leggere gli stimoli ambientali, e abbiamo sviluppato la cosiddetta Nuova
Biologia, basata sullEpigenetica Lamarckiana. Lultimo
gradino, quello della psicologia, ora improntato a un approccio energetico, e viene definita Psicologia Quantistica.
Questa la nuova piramide dellOlismo, che non distingue pi tra materia, energia e spirito, ma che comprende
80

come tutti questi livelli di realt siano correlati e interdipendenti. Il Metodo RQI nasce da qui.
Materialismo
Gerarchia scientifico
Olismo
Matematica Geometria Euclidea Geometria dei Frattali
Fisica
Fisica Newtoniana
Fisica Quantistica
Chimica
Fisica Chimica
Chimica Vibrazionale
Biologia
Genetica Darwiniana Epigenetica Lamarckiana
Psicologia

Psicologia Chimica

Psicologia Quantistica

I GRECI E LOLISMO
Che mente e corpo siano una cosa sola (la medicina olistica
usa il termine mente-corpo), lo sapevano bene gli antichi
greci. Ecco cosa scriveva Platone, in una lettera allamico

Carmide: Non dovresti curare gli occhi senza curare la testa o la testa senza curare il corpo. Cos anche non dovresti
curare il corpo senza curare lanima. Questo il motivo per
cui la cura di molte malattie sconosciuta ai medici, perch essi sono ignoranti del Tutto e dal fatto che anchesso dovrebbe essere studiato, dal momento che una parte
specifica del corpo non potr stare bene a meno che non
stia bene il Tutto. Una lezione valida anche ai giorni nostri.

LE QUATTRO FASI DEL METODO RQI


Per una migliore applicazione, ho pensato di semplificare al
massimo il Metodo RQI e dividerlo in quattro fasi:
fase 1) comunicare con linconscio n test muscolare RQI
fase 2) individuare le cause di stress n test dei deboli
fase 3) trovare la soluzione n test delle soluzioni
fase 4) risolvere il problema n tecnica specifica RQI
FASE 1: COMUNICARE CON LINCONSCIO
Ormai ci chiaro che la nostra mente inconscia controlla oltre
il 95% della nostra vita, dalle nostre funzioni vitali al nostro sistema immunitario, fino alle nostre emozioni. Possiamo quindi
comprendere quanto sia importante imparare a comunicare
con la mente inconscia, se vogliamo prendere piena consapevolezza della nostra esistenza. Imparare a comunicare con
la nostra Mente Profonda lunico modo per determinare
autonomamente se i flussi di energia nel nostro corpo sono
corretti o scorretti e per individuare velocemente eventuali
motivi di stress, dentro e fuori di noi. Esistono diverse tec-

81

niche per verificare le frequenze vibrazionali intorno a s: il


pendolino, la rabdomanzia, lantenna di Lecher, la radionica,
fino ai macchinari pi moderni, come il Bodyscanner. Tuttavia,
la comunit scientifica non riconosce tutti i metodi con lo stesso
grado di autorevolezza. Oggi, tra le tecniche pi affermate e
riconosciute anche in ambito medico per leggere le frequenze
del corpo umano, c il test kinesiologico, lo stesso proposto
da molti chiropratici. La parola chinesiologia deriva dal greco
e significa studio dei movimenti. Il test kinesiologico infatti
non altro che un test muscolare. Il concetto che sta alla base
di tale metodo che la nostra mente inconscia ha una velocit
di risposta diversa a seconda che si trovi di fronte a situazioni
di equilibrio o di disequilibrio. Lo stesso avviene quando essa
si trova di fronte a verit (che riconosce come una situazione di
equilibrio) o a non-verit (che costituiscono di per s uninterfe82

renza negativa). In generale, quando la mente conscia esprime


una convinzione in conflitto con una verit precedentemente
appresa e registrata nella mente subconscia, il conflitto mentale
si esprime attraverso un indebolimento della muscolatura. Cos,
verificando se la nostra risposta neurologica a una frase o
a uno stimolo sar forte o debole, possiamo capire anche se linterferenza da essa generata sar percepita come
costruttiva o distruttiva.

Il test muscolare del Metodo RQI, pur basandosi su assunti


della kinesiologia, unico nel suo genere poich frutto di studi ed esperienze sul campo. Si caratterizza per la sua praticit
di esecuzione, conseguita dopo unattenta analisi statistica
e pratica. Lobiettivo era creare uno strumento utile a tutti e
applicabile e riproducibile da chiunque.
Un altro aspetto importante che il test del Metodo RQI
in continua evoluzione, poich si basa sulla coscienza collettiva. Per tale motivo, in questo libro troverai tutti i principi
sui quali si basa il Metodo, ma solo un accenno alle tecniche
specifiche. Primo, perch non possibile apprenderle solo
leggendo un testo ( come volere imparare a nuotare senza
tuffarsi in acqua); secondo perch singole modifiche alle procedure possono influenzare notevolmente i risultati.
Per ora ti basti sapere che il test RQI risponde a domande
che abbiano come risposta s o no: una risposta forte
del test costituisce un s; una risposta debole del test
costituisce un no.

Questo tutto quello che ti serve sapere ora, per comprendere il funzionamento delle 4 fasi del Metodo RQI che sono
oggetto di questo capitolo.

83

CONSIGLI
Piccolo consiglio: come ogni tecnica, anche il test kinesiologico pu avere bisogno di esercizio. bene provare a testarti
pi volte, per prendere confidenza con la tecnica. Tuttavia, ti
suggerisco di non farlo ripetendo sempre le stesse frasi, altrimenti linconscio riconosce che non ti stai fidando di lui e ti
dar risultati erronei. Ricorda: linconscio come un bambino.
Per farlo funzionare, bisogna dargli fiducia, altrimenti si chiude
in s stesso. Molte persone hanno difficolt a imparare il test
proprio perch scettiche nei confronti del Metodo o perch
mancano di autostima.
Ti invito a ritagliarti un tuo spazio personale dove eseguire il
tuo auto-test, per dare una certa sacralit al momento. Puoi
scegliere un luogo a te familiare, dove spendi diverso tempo
84

della tua quotidianit, e decidere di dedicarti alla comunicazione con linconscio in un preciso momento della giornata.
Fai attenzione: il test segue lintenzione delle tue parole e
la sua forza risiede sul fatto che esso privo di interpretazione. Non c un altro che interpreta i tuoi sintomi, perch
tutto affidato al tuo inconscio. E la sai una cosa? Linconscio
riconoscere tutte le lingue del mondo, perci il test valido in
ogni idioma. Infatti, ogni suono una frequenza e linconscio
legge le vibrazioni emesse da ogni parola. Curioso, vero?

FATTI AIUTARE DA UN FACILITATORE


Allinizio, potrai farti aiutare anche da unaltra persona per
eseguire il test muscolare. Farsi aiutare da un facilitatore
utile soprattutto allinizio, per prendere confidenza con
il test e per rendersi conto dellefficacia e dellesattezza
dello stesso.

FASE 2: INDIVIDUARE LE CAUSE DI STRESS


Quando avrai imparato a effettuare correttamente il test
muscolare, potrai usarlo per comunicare con il tuo inconscio
e capire quali sono le cause che non ti permettono di stare
bene. Come abbiamo gi visto nel primo capitolo, lo stress
la causa di ogni nostro disagio o malattia ed esso pu essere legato a un fattore fisico, energetico o emotivo. Queste
sono le tre grandi aree o cause generiche che consiglio di
indagare. Successivamente, potrai chiedere al tuo inconscio
se ci sono cause pi specifiche di stress, legate a una tua particolare situazione di vita. Le cause specifiche sono diverse
per ciascuno di noi e le potremo individuare in un secondo
momento.
Le cause generiche sono correlate ai tre tipi di stress che
abbiamo gi analizzato nel primo capitolo: stress fisico, stress
energetico e stress emotivo. Nel dettaglio, quelle che la coscienza collettiva ha rivelato essere pi utili da testare sono:
a) Disequilibrio dei 5 Elementi (Fuoco, Terra, Metallo, Acqua, Legno). Secondo la medicina cinese, ogni cibo ad esempio appartiene a un determinato elemento, che si caratterizza per colore e valenza energetica. Nutrendoci ogni giorno,
dovremmo cercare di rispettare lequilibrio di questi cinque
elementi, non abusarne di nessuno, n tralasciarne alcuno. Se
legato a una cattiva alimentazione, il disequilibrio dei 5 Elementi pu essere considerato uno stress di natura materiale.
Se invece legato a un aspetto psicosomatico, lo possiamo
legare allaspetto Spirito. In generale, lo squilibrio dei 5 Elementi una conseguenza pi che una causa, ma necessario
testare questo punto perch di fondamentale importanza
per procedere alla fase 3 del Metodo. Senza un equilibrio
dei 5 Elementi, infatti, vanificato ogni nostro intervento sul

85

piano energetico del nostro corpo. Approfondiremo meglio


questo punto nel prossimo capitolo.
b) Tossine nellambiente. In questa categoria rientrano tutti i
metalli pesanti, i conservanti dei cibi, le sostanze dannose per
la nostra salute, i gas di scarico delle auto, il fumo di sigaretta,
e pi in generale tutto ci che entra nel nostro organismo e
non gli permette di veicolare in modo corretto le informazioni.
c) Elettrosmog. Comprende le interferenze distruttive originate dai campi elettromagnetici e generate da dispositivi
quali cellulari, cordless, wi-fi, antenne, ripetitori, etc.
d) Stress emotivo. lo stress legato ai pensieri della nostra mente conscia di fronte alle difficolt della vita, che ci
mettono in uno stato di paura e che quindi possono attivare
il nostro sistema simpatico: relazioni complicate, un lavoro
alienante, un ambiente che non ci piace, le preoccupazioni
86

legate al futuro, etc.


Primo passo: testare le cause generiche
Per prima cosa, testiamo ciascuno dei quattro punti appena
proposti. Testare per prime le cause generiche di grande
aiuto, perch permette di capire a quale categoria di stress
legato un fattore. Ad esempio, potremmo soffrire di mal di
testa e pensare che abbiamo un problema fisico, mentre in
realt esso legato solo allinterferenza del wi-fi del nostro
ufficio, oppure al pensiero della montagna di lavoro che ci
spetta da svolgere.
Predisponendoti per fare il test, inizia pronunciando la frase:
Equilibrio dei cinque elementi. Esegui il test e verifica se
il risultato stato forte o debole. Se il risultato stato
forte, significa che quel fattore non per te causa di stress.
Al contrario, un risultato debole indice che il tuo inconscio

sta riscontrando un problema/disequilibrio relativamente a


quellaspetto appena testato. Se ti utile, segna su un foglio
di carta il risultato ottenuto.
Ora rifai il test muscolare pronunciando come frase la seconda
causa generica: Tossine nellambiente e tutto ci ad esso
collegato. Verifica ancora se il risultato forte o debole,
e segnalo ancora per iscritto. Ora ripeti ancora con il test con
la terza e la quarta causa generica: Elettrosmog e tutto
ci ad esso collegato; Stress emotivo e tutto ci ad esso
collegato.
AUTO-STAR-BENE, SE LINCONSCIO CI BOICOTTA
Quando testiamo i 5 Elementi e le cause generiche, dovremmo aggiungere un ulteriore test preliminare: quello
che verifica il reale desiderio dellinconscio di intraprendere un percorso di guarigione. Esistono situazioni in cui
la nostra mente ha subito un trauma tale da perdere le
motivazioni per tornare a stare bene. Per testarti, la frase
da ripetere : Auto-star-bene... e tutto ci ad esso collegato. Se il risultato forte, il tuo inconscio pronto
a guidarti verso la guarigione. In caso contrario, dovresti
prima individuare quali siano le cause che per cos dire
hanno minato listinto di sopravvivenza del tuo inconscio
e il suo amore per la vita. Risolte le cause che ti impediscono di orientare le tue forze verso la guarigione, potrai
finalmente proseguire.
Secondo passo: testare le cause specifiche
Ora che abbiamo testato le cause generiche, possiamo addentrarci nella nostra analisi e testarci sulle cause specifiche
che, secondo il nostro soggettivo sentire, costituiscono dei

87

potenziali o reali fattori ansiogeni nelle nostre vite. Ecco una


lista di possibili cause specifiche:
autostima
dolore e perdita
relazioni sociali
salute e corpo
soldi e lavoro

ESEMPI DI CAUSE SPECIFICHE, SOTTOINSIEME DI


CAUSE GENERICHE
Le cause specifiche possono essere considerate anche come sottoinsieme delle cause generiche. In tal senso, la loro
ricerca pu avvenire testando una specifica voce secondo
quanto riportato dagli esempi nella seguente tabella.
88

Causa generica: 5 Elementi;


cause specifiche: elemento Metallo; elemento Acqua; elemento Legno; elemento Fuoco; elemento Terra.
Causa generica: tossine;
cause specifiche: per ingestione (cibi e acqua); per via aerea (smog, fumo); per contatto (metalli pesanti).
Causa generica: elettrosmog;
cause specifiche: cellulare, cordless, wi-fi, abitazione o posto di lavoro, etc.
Causa generica: stress emotivo;
cause specifiche: relazioni personali; attivit lavorativa;
problemi economici; fobia specifica.

Consiglio: quando testi una causa specifica, evita di utilizzare


la parola paura, perch essa confonde linconscio. E nella
maggior parte dei casi falser il risultato, indebolendolo (la
parola paura mette gi in allarme linconscio, poich gli segnala un potenziale pericolo). Perci, invece di pronunciare la
frase: Paura dei cani e tutto ci ad esso collegato, limitati
a dire: Cani e tutto ci ad esso collegato. Il test segue
lintenzione, e il tuo inconscio sa gi che la tua intenzione
trovare i punti deboli. Non c bisogno che specifichi che i
cani sono una tua fobia.
A volte potresti conseguire solo risultati forte. Se hai gi
escluso la possibilit di essere in sovrastress e se quindi sei
davvero sicuro che il tuo inconscio in pace su ogni fattore
specifico, puoi provare a ri-testarti aggiungendo la parola
migliorare. Questo molto utile, ad esempio, per gli atleti professionisti che intendono massimizzare i risultati dei
loro allenamenti. Un calciatore potrebbe gi essere bravo a
battere sia i rigori che le punizioni. Allora potrebbe rivolgersi
allinconscio per chiedergli come affinare ancora queste due
abilit.

89

ESEMPIO DI RISULTATI OTTENUTI CON IL TEST


DEI DEBOLI
Cause generiche
equilibrio 5 Elementi n debole ( una causa di stress)
metalli pesanti n forte (non una causa di stress)
elettrosmog n forte
stress emotivo n forte
Cause specifiche
autostima n forte
dolore e perdita n forte
relazioni sociali n debole
salute e corpo n forte
soldi n forte

FASE 3: TROVARE LE SOLUZIONI


90

Dopo avere annotato tutti i risultati ottenuti dai test delle


cause specifiche e delle cause generiche, siamo pronti per
verificare quali soluzioni dobbiamo attuare per risolvere i nostri deboli. Ancora una volta il test kinesiologico ci verr in
aiuto.
Guardiamo lesempio che abbiamo riportato nel box: sono risultati deboli le voci equilibrio dei 5 Elementi e relazioni
sociali. Questi saranno i due ambiti sui quali dovremmo lavorare. Un disequilibrio dei 5 Elementi ci indica che potremmo
essere stressati nellambito materia o energia. Una problematica legata alle relazioni personali invece correlata alla sfera
degli affetti, e quindi uno stress di tipo emotivo. In questo
esempio, abbiamo trovato due cause di stress. Le due problematiche sembrerebbero essere indipendenti (proprio perch
legate a due tipologie di stress differente), ma potrebbe ac-

cadere anche di trovare due o pi problematiche correlate tra


loro, che abbiano cio una causa di stress comune.
Quale sia lorigine dei fattori di stress, lo capiremo ancora
meglio dalle soluzioni che troveremo.
Ora il punto focale: quali sono le soluzioni?
Ricordate lesempio della molecola di acqua, che pu presentarsi in tre stati. Liquido, solido e gassoso. Cos anche luomo ha tre dimensioni: fisica, energetica e spirituale. Egli un
corpo (materia) che vive, si muove, cresce e invecchia (usa
energia) che pensa, che si emoziona e che per chi daccordo che siamo qualcosa in pi di un semplice aggregato di
atomi che ha unanima (spirito).
Allo stesso modo, possiamo agire su ciascuna delle tre dimensioni delluomo attraverso una diversa soluzione, che agisca
sul piano materiale, energetico o emotivo:

91

a) piano materiale n
n RQI1 Materia Acqua Informazionale e Alimentazione
Vibrazionale
b) piano energetico n
n RQI2 Energia Biotecnologie Olistiche
c) piano emotivo n
n RQI3 Spirito Inconscio e Consapevolezza
Le soluzioni che ho elaborato sono il frutto di test effettuati su
oltre 2000 persone. la nostra coscienza collettiva (vedi box
Il Superconscio) che ha condotto a queste soluzioni, che
scopriremo nel dettaglio nei successivi capitoli. importante
sapere che ciascuna di queste soluzioni lavora sul piano
energetico-informazionale, ripristinando le corrette frequenze del corpo umano.

Ritorniamo ai nostri deboli. Consideriamo il primo: I 5


Elementi. Pensando a questo punto, preparati a eseguire
ancora una volta il test kinesiologico. Stavolta, dovrai effettuare tre test, ciascuno dei quali volto a verificare quale (o
quali) delle tre soluzioni sono adatte a risolvere il problema.
I test che hanno avuto come risultato forte sono quelli che
ti indicano la soluzione (o le soluzioni) appropriate per riequilibrare i 5 Elementi. Fai attenzione: nel test delle cause, abbiamo considerato i risultati che sono stati debole, perch
linconscio ha risposto debolmente a una situazione percepita
come reale fonte di stress. Ora, invece, nel test delle soluzioni, dobbiamo fare attenzione ai risultati forte, poich significa che linconscio percepisce quelle soluzioni come idonee,
e quindi le approva.
Ora, seguendo il nostro esempio iniziale, nel test delle cause
92

specifiche avevamo trovato anche un altro debole: relazioni sociali.


Rifai il test delle soluzioni tre volte, testando ciascuna volta
una delle tre soluzioni: RQI Materia, RQI Energia e RQI Spirito.
Nel box che segue riportato un esempio dei risultati che
si potrebbero ottenere. Ci serve per affrontare la quarta e
ultima fase.

ESEMPIO DI RISULTATI OTTENUTI CON IL TEST


DELLE SOLUZIONI
Equilibrio dei 5 Elementi:
RQI Materia n forte (questa una soluzione appropriata)
RQI Energia n debole (questa non una soluzione appropriata)
RQI Spirito n forte
Relazioni sociali:
RQI Materia n debole
RQI Energia n debole
RQI Spirito n forte

Attenzione: qualora nessuna delle soluzioni RQI rappresenti


la soluzione, consigliabile testare altre soluzioni di tua conoscenza: Omeopatia, Fiori di Bach, Shiatsu, Reiki, Hooponopono, e via dicendo. Il Metodo RQI non una tecnica chiusa,
ma un approccio per guidarti alla pura consapevolezza, comunicando con il tuo inconscio. il tuo inconscio che ti suggerir
le soluzioni pi appropriate, in base alla tua storia personale.
Sar quindi possibile che il tuo inconscio riconoscer come
adatta una tecnica che gi pratichi o che avevi appreso e
applicato in passato. Ti dir di pi: tra le soluzioni possibili,
contemplato anche il... riposo.

93

FASE 4: RISOLVERE IL PROBLEMA


Eccoci ora alla fase pratica: quella in cui possiamo attuare
la soluzione (o le soluzioni). Consideriamo ancora una volta
i risultati ottenuti dallesempio. Per riequilibrare i 5 Elementi, il nostro inconscio ci ha suggerito due possibili soluzioni:
RQI Materia ed RQI Spirito. Da quale soluzione iniziare? Puoi
scegliere tu, oppure puoi ancora una volta servirti del test
muscolare per interrogare il Superconscio e chiedere a lui da
dove cominciare. Ho parlato di Superconscio e non di inconscio perch stavolta ci rivolgeremo non pi a una delle nostre
menti, ma al campo di sapere universale, ovvero il S che
racchiude tutti i nostri s.

CONSCIO, INCONSCIO E SUPERCONSCIO


94

Come abbiamo visto nel secondo capitolo, il nostro cervello formato da due menti: Conscio e Inconscio.
Se dovessimo rappresentare le due menti graficamente,
potremmo pensare a un iceberg, come quello raffigurato
nella fotografia a pagina 53. La punta delliceberg, quella
che emerge dallacqua e di cui noi siamo appunto consapevoli, la mente Conscia.
Il Conscio la parte relativa al discernimento, alla razionalit, a tutto ci che conosciamo e ricordiamo con un certo
grado di consapevolezza.
La parte delliceberg che invece sommersa il nostro
Inconscio e ormai lo sappiamo rappresenta il 95% delle
nostre facolt mentali.
Questa parte di iceberg sommersa in realt suddivisa in
pi strati, a seconda del loro livello di profondit.

Nellordine, dal meno profondo al pi profondo, abbiamo:


* lInconscio Personale
* il Superconscio Personale
* lInconscio Collettivo
* lInconscio Atavico
LInconscio Personale la controparte pi nascosta del
Conscio dove vengono poste tutte le esperienze psicoemotive che hanno avuto per lindividuo unimportanza
significativa. Tali esperienze, pur essendo state rimosse
dal Conscio, rimangono comunque attive e determinano
in automatico scelte, azioni, reazioni e comportamenti.
Il Superconscio Personale il nostro Punto di Potere, cio
quella parte inconscia a cui possibile accedere mediante
tecniche e allenamento, al fine di poter gestire completamente in maniera autonoma una grande quantit di eventi,
di scelte, azioni e reazioni. definito anche come S Superiore ed quella parte della nostra mente che, nel Metodo
RQI, andiamo a interrogare nel momento in cui dobbiamo
decidere quale priorit dare alle soluzioni trovate.
LInconscio Collettivo , come afferma Carl Gustav Jung,
un contenitore psichico universale, allinterno del quale si
trovano tutte le esperienze del genere umano e mediante
il quale possibile accedere a profondi livelli di Conoscenza e Consapevolezza.
LInconscio Atavico per certi versi molto simile allInconscio Collettivo, pur andando ancora al di l dellesperienza
umana. Esso si collega a forme di Coscienza che, come dice la parola stessa, stanno ai primordi del genere umano e
della Creazione, oltre che a dati relativi ai Regni Animale,
Vegetale e Minerale.

95

Conscio n Madre n Io
Inconscio n Bambino
Superconscio n Padre n S Superiore
Coscienza Collettiva n Campo Morfogenetico o Matrix
Nel suo libro Guarigione Quantica, il medico chiropratico Frank Kinslow distingue bene la differenza tra Io e S
Superiore. LIo uninsieme di cose come la tua et,
il tuo genere sessuale, ci che ti piace e non ti piace, le
speranze e i ricordi, la cultura alla quale fai riferimento
che chiami la tua vita. Essa si evolve ogni giorno, e
segue il flusso delle tue credenze. Ma prima di essa, cera
il S, che Kinslow chiama Consapevolezza pura. Il S
Superiore esiste da sempre, prima che lIo nascesse e diventasse limmagine che ora tu identifichi con te stesso.
96

() A ogni stadio della tua vita, mentre il tuo corpo/mente


era impegnato a diventare ci che adesso, la tua consapevolezza rimasta silenziosamente vigile, un testimone
senza tempo. Il S immutabile e rappresenta la tua vera
essenza, sradicata dalle credenze che hai sviluppato e che
svilupperai nel corso della tua vita.
LInconscio Collettivo (o Coscienza Collettiva) quello che
il fisco tedesco Max Planck, premio Nobel nel 1918, chiamava Campo Morfogenetico. una specie di internet
allinterno del quale possiamo trovare tutte le informazioni presenti nellambiente. Esso definito dallinsieme dei
pensieri di tutte le persone e racchiude tutte le possibilit
di realt pensate e pensabili. Per questo, esso in continua evoluzione. E cos anche la Creazione, che non si ferma mai, ma che crea ogni giorno, attinge anche al nostro
potere di co-creatori attraverso i nostri pensieri.

Il biologo britannico Rupert Sheldrake, in una serie di


articoli apparsi sulla rivista Psychological Perspectives
(1987), spiega come il nostro DNA funge da sintonizzatore collegandosi al campo morfogenetico, che racchiude
la nostra conoscenza condivisa, per ricevere istruzioni su
come interpretare gli stimoli ambientali. Sheldrake spiega
che ogni organo, tessuto, cellula e struttura ha un proprio
campo. Voi non derivate i caratteri e laspetto dei vostri
genitori dal loro DNA, che lhardware, ma piuttosto scaricate i vostri tratti biologici generali dal campo collettivo
della razza umana.
Allo stesso modo, ogni ramo del sapere umano ha un
proprio campo morfico ben definito. Il chiropratico e naturopata americano Robert Bartlett, nel suo libro Matrix
Energetics, afferma che, nel momento in cui riuscissimo a
sintonizzarci su un determinato campo morfico, potremmo acquisire allistante tutte le competenze di quel determinato ramo del sapere. Proprio come accade quando
conosciamo lURL di un sito internet e, collegandoci ad
esso, possiamo accedere a tutte le informazioni di quel
sito.

Dal prossimo capitolo, analizzeremo insieme nel dettaglio tutte le soluzioni proposte dal Metodo RQI.

97

TESTIMONIANZE
Linconscio non sbaglia mai
Ho acquistato il corso multimediale appena uscito ed ho
iniziato ad applicare il Metodo da subito con ottimi riscontri.
A distanza di circa 2 anni posso dire che veramente eccezionale e utilissimo quando devo prendere delle decisioni
oltre che per capire cosa mi fa stare male e relative soluzioni
adatte a me. La cosa che continua a stupirmi che spesso le
decisioni che prenderei usando la Mente Razionale sono diverse da quelle che mi segnala lapplicazione del Metodo, ma
puntualmente sono queste ultime quelle che si dimostrano
corrette. Un grande grazie a Marco per aver implementato il
tutto in modo fruibile da tutti.
Federico, impiegato
98

Comunicare con linconscio facile


Ottimo corso. Grazie al Metodo RQI ho imparato a fare lauto-test muscolare per comunicare con il mio inconscio e quello degli altri, e dopo i primi tempi di sperimentazione, ora
preciso e mi viene sempre bene. Aggiungo che mi utile per
le nuove conoscenze acquisite sulle tre soluzioni: inconscio,
alimentazione e biotecnologie olistiche, di cui ho acquistato
anche il Corso e ho ricevuto i dispositivi. Ringrazio lideatore
del Metodo per aver messo a disposizione di tutti e a prezzi
bassi queste informazioni.
Dante, vigile del Fuoco
Scegliere con linconscio
Faccio il dentista e sto applicando il Metodo RQI alla mia
professione. Partendo dal fatto che ogni dente collegato

a un determinato meridiano, quindi a un organo, sto cominciando a rendere consapevoli i miei pazienti del fatto che
eliminando lo stress che ha fatto ammalare quel determinato organo possono evitare il peggioramento di determinate
patologie manifeste anche sui denti. Inoltre, nella mia professione mi trovo spesso di fronte alla situazione in cui devo
chiedere al mio paziente di scegliere tra due o pi tipi di
soluzioni. A volte perdo anche parecchio tempo per spiegare
due preventivi diversi e due metodologie di cura diverse. E il
pi delle volte il paziente non in grado di scegliere, perci
delega a me lultima decisione, e rimane in uno stato di inconsapevolezza. Allora ho cominciato a fare il test kinesiologico
al paziente. Cos il suo inconscio a darmi la risposta migliore
per lui. Ho notato che la scelta inconscia si rivela sempre la
pi appropriata. Un abbraccio
Alberto, odontoiatra
NOTA: Lunico modo per imparare ad applicare correttamente il vero auto-test muscolare e le procedure del
Metodo RQI, frutto di anni di ricerca ed esperienza con
migliaia di persone, attraverso il Corso Base Metodo
RQI Autotest e Comunicazione con lInconscio, disponibile anche in versione Multimediale, per la fruizione da
casa. Ti ricordo che puoi trovare tutte le informazioni su:
www.metodorqi.com

99

LE 3 SOLUZIONI E I 5 ELEMENTI

Immagina la tastiera di un pianoforte. Essa divisa in diverse


ottave. Ciascuna ottava presenta le stesse note, ma differisce
dalle altre per un diverso grado della scala diatonica. Ogni
ottava infatti lintervallo tra le stesse note posizionate a
livelli di frequenza diversa. La nota sempre la stessa, tant
100

che lorecchio umano tende a sentire due note separate da


unottava come se fossero uguali.
Cos siamo noi: possiamo considerare il nostro essere come
composto di diversi livelli, ciascuno dei quali siamo sempre
noi, ma ci descrive in modo proprio. Abbiamo gi visto che
questi nostri diversi livelli queste nostre ottave sono:
* la Materia (il nostro apparato biochimico: gli atomi e le molecole che compongono i nostri organi e il nostro corpo);
* lEnergia (il nostro apparato biofisico: il campo elettromagnetico generato dai nostri biofotoni);
* lo Spirito (la nostra anima, il nostro soffio vitale).
Loriginalit del Metodo RQI sta nella possibilit di approcciare ogni nostro problema o disequilibrio individuando correttamente la giusta ottava sulla quale lavorare. Trovata lottava da accordare, e applicata la relativa soluzione, riusci-

remo a riequilibrarci, cos come un musicista sa ripristinare


il suono del suo piano.

I TRE INVOLUCRI DELLUOMO SECONDO LO YOGA


Una descrizione delle tre dimensioni di cui siamo costituiti
ce la offre anche la filosofia orientale. Lo Yoga, la scienza
dellunione dellanima con lo spirito, ci parla di tre involucri. Lo yogi Paramahansa Yogananda li spiega cos:
Linvolucro corporeo dellanima ha una triplice natura.
Il corpo fisico, con cui luomo si identifica con tanto trasporto e tenacia, poco pi che materia inerte, un pugno
di minerali e composti chimici fatti di atomi grossolani.
Il corpo fisico riceve tutta la sua energia e le sue facolt
vitali da un luminoso corpo astrale, composto di viatroni
(i biofotoni scoperti da Fritz Albert Popp, ndr). A sua
volta, il corpo astrale vivificato da un corpo causale di
pura coscienza, costituito da tutti i principi ideazionali che
strutturano e sostengono gli strumenti astrali fisici usati
dallanima per interagire con la creazione di Dio.

Questo il grande vantaggio del Metodo RQI: esso permette di lavorare direttamente sulle cause e non sui sintomi,
come invece accade troppo spesso con la medicina ufficiale,
la quale il pi delle volte si riserva di agire solo sullottava pi
bassa, la Materia.
Prendiamo lesempio di una categoria di farmaci: gli antipsicotici. Essi sono sostanze chimiche che agiscono bloccando
alcune reazioni biochimiche del nostro corpo. In particolar
modo, gli psicofarmaci inibiscono i recettori nella via dopa-

101

minergica a livello del Sistema Nervoso Centrale. In sostanza,


essi si limitano a coprire i sintomi manifesti di un disturbo
emotivo latente, senza tuttavia risalire alle cause che creano
quel determinato disturbo. Eppure, nella maggior parte dei
casi, le cause di un attacco di ansia sono insite nel modo in
cui la persona che lo subisce percepisce il mondo intorno s.
Se il soggetto in questione non cambier il suo pensiero, la
pillola magica gli far scemare una tachicardia o una sudorazione eccessiva solo negli attimi in cui il suo principio attivo
star circolando nel suo corpo. Ma una volta esaurito leffetto,
lattacco di panico torner come prima. E allora c bisogno
di una nuova pillola. E mentre il disturbo emotivo non trova soluzione, gli effetti collaterali del farmaco si accumulano
lentamente. Pensateci bene: assurdo cercare di curare un
disagio emotivo con una pillola chimica!
102

Einstein affermava: Nessun problema pu essere risolto allo


stesso livello a cui stato posto. Figuriamoci risolvere un
problema emotivo (livello Spirito) a un livello addirittura pi
basso (livello Materia).
Tutto questo ci fa comprendere limportanza di agire sulle cause e non sui sintomi. Potr capitarti di verificare, attraverso
lauto-test, che il tuo inconscio trovi anche pi di una soluzione per risolvere un singolo e determinato tipo di squilibrio.
possibile, e anche logico: in tal caso, vorr dire che potrai agire
su pi livelli per ripristinare nuovamente la tua salute. Una soluzione potr essere pi veloce, unaltra pi facile per te, unaltra
ancora pi economica. Ma starai sempre agendo sulle cause, e
questo quello che conta. (In ogni caso, potrai sempre chiedere al tuo S Superiore quale sia la soluzione prioritaria).

Pertanto, ti ricordo che ciascuna delle tre soluzioni RQI indipendente dalle altre. Esse non vanno viste come un percorso
da seguire per gradi, dove lapprendimento della soluzione
RQI Materia propedeutico allutilizzo della soluzione RQI
Energia. Al contrario: ciascun livello, ciascuna ottava, un
espressione precisa del nostro essere. Per fare un altro esempio, chi pi recettivo al canale sensoriale uditivo, potr scoprire di trarre i maggiori benefici dalla musicoterapia; chi
pi recettivo al canale visivo, dalla cromoterapia. Di volta in
volta, sar il nostro inconscio a determinare su quale livello
convenga intervenire.
LE TRE SOLUZIONI
Qui di seguito, ecco una sintesi delle abilit che apprenderai e
dei benefici che potrai verificare su te stesso nel momento in
cui applicherai una determinata soluzione del Metodo RQI :

RQI1 Materia
Acqua Informazionale e Alimentazione Vibrazionale
* imparerai le reali propriet dellacqua e il suo ruolo fondamentale quale madre della vita;
* imparerai a individuare il giusto grado personale di idratazione (quanta acqua ti serve per mantenerti correttamente
idratato) attraverso il test muscolare;
* imparerai ad aumentare lenergia biofisica dellacqua (tecnicamente definita come grado di conducibilit elettrica) e,
attraverso di essa, ottimizzerai la circolazione dellenergia nel
tuo corpo, migliorando il tuo benessere generale e riducendo
significativamente tutte le problematiche fisiche e psichiche.
* imparerai a individuare la parola o laffermazione migliore

103

per informatizzare lacqua utilizzando la Legge dei 5 Elementi


e il test muscolare;
* imparerai a utilizzare il cibo per mantenere in equilibrio i 5
Elementi del tuo corpo; scoprirai che ogni cibo ha un determinato contenuto energetico e vibrazionale che diverso dal
mero concetto di caloria;
* imparerai a individuare eventuali intolleranze alimentari e a
scoprire i cibi migliori per la tua persona, ascoltando quello
che ti comunicher il tuo inconscio: scoprirai che alcuni cibi
saranno in risonanza con ci di cui hai bisogno e altri no.
* aumenterai lenergia biofisica dellacqua anche in assenza
di luce solare.
RQI2 Energia
Biotecnologie Olistiche
104

* apprenderai la base scientifica sulla quale sono costruite le


Biotecnologie Olistiche;
* imparerai a farti un check-up energetico, ovvero a individuare eventuali flussi energetici (meridiani) squilibrati e a trovare
la migliore soluzione per riequilibrarli;
* imparerai lagopuntura senza aghi. Comunicando con la tua
Mente Profonda e attraverso luso di Biotecnologie Olistiche,
sarai in grado di riequilibrare la tua energia vitale, ovvero il
corretto flusso energetico-informazionale nel tuo corpo;
* detossinerai lorganismo aumentando cos i livelli di glutatione e di carnosina;
* ridurrai i livelli di cortisolo, lormone dello stress;
* aumenterai le difese immunitarie, rendendoti pi forte agli
agenti patogeni esterni;
* otterrai lincremento dellenergia fisica, con un aumento sti-

mato tra l8% e il 30% di forza, resistenza, elasticit ed equilibrio;


* otterrai una riduzione della produzione di acido lattico e
migliorerai lossigenazione di tessuti e organi, migliorando
anche le loro propriet bioelettriche;
* otterrai una diminuzione del 90% dei dolori cronici o acuti,
generalizzati o localizzati;
* migliorerai il controllo dellappetito e il ciclo sonno-veglia;
* manterrai lo stato di benessere attraverso larmonizzazione
delle cariche elettriche e magnetiche, riducendo le disarmonie dovute allelettrosmog e alle geopatie;
* verificherai su te stesso una diminuzione generale dello
stress;
RQI3 Inconscio e Consapevolezza
* imparerai a individuare velocemente (in tempo reale, attraverso i test muscolari) eventuali fonti di stress o sovra stress
energetico dentro e fuori di te;
* imparerai a riequilibrare energeticamente linconscio, trasmutando rigidit o blocchi emozionali;
* imparerai a utilizzare al meglio il potere dellintenzione per
ripulire i traumi inconsci e riprogrammare linconscio al meglio, acquisendo le informazioni necessarie dal Campo Morfogenetico;
* imparerai a espandere la tua consapevolezza;
* imparerai ad applicare la Postura di Integrazione Emisferica
per mettere in equilibrio la comunicazione tra lemisfero sinistro (razionale) e destro (emotivo) del cervello, rilasciando in
pochi minuti il sovrastress e placando subito ansia e attacchi
di panico legati ai diversi ambiti della tua vita: autostima, re-

105

lazioni, dolore e perdita, potere personale e guarigione spirituale;


* raggiungerai lequilibrio energetico e psico-fisico;
* imparerai a utilizzare il potere dellIntenzione per modificare
la Mente Inconscia attraverso comandi imposti dalla Mente
Conscia;
* imparerai ad accedere alla Mente Superconscia (il S Superiore);
* Lascerai che sia la Mente Superconscia (che prende consapevolezza della realt) a liberarti da traumi pregressi, memorie, blocchi emozionali, per tornare finalmente alla condizione
di pace interiore;
* imparerai ad applicare la Legge dAttrazione: ripulirai tutte
le credenze (pensieri) auto-sabotanti che ti impediscono di
attirare quello che realmente vuoi nella tua vita.
106

I 5 ELEMENTI
Adesso entriamo nel pratico. Dopo aver eseguito lauto-test
e comunicato con linconscio, avrai gi compreso quali sono i
tuoi disequilibri e la tua Mente Profonda ti avr gi fatto comprendere quali sono le soluzioni pi adatte a te per risolverli.
Ora puoi iniziare a lavorarci, adottando la soluzione specifica.
Se per, tra i test preliminari, hai riscontrato un disequilibrio
dei 5 Elementi, il consiglio di sistemare prima questo aspetto, e solo successivamente di dedicarti agli altri tuoi fattori di
stress o situazioni da migliorare.
A tutto questo c una logica che trova la sua spiegazione
con la comprensione della Legge dei 5 Elementi, la legge
che regola i movimenti dei 14 meridiani principali. Questi
stessi meridiani sono stati riconosciuti anche dallOMS, lOr-

ganizzazione Mondiale della Sanit, sotto il nome di vie di


superconduttivit. Oltre ai meridiani, lOMS ha riconosciuto
anche circa 400 punti singolari della cute, ovvero punti caratterizzati da una bassa resistivit rispetto al resto della pelle
e anatomicamente dotati di molti pi recettori superficiali, e
dunque pi sensibili [WHO A proposed standard international acupunture nomenclature: report of a WHO scientific
group World Health Organization, Geneva, 1991].
Come abbiamo gi visto, i meridiani sono le autostrade di
cui il corpo umano si serve per determinare il giusto flusso di
energia nel nostro apparato psico-fisico. Se essi non sono in
perfetto equilibrio, pu verificarsi un eccesso o un difetto di
energia in un determinato punto a discapito di un altro, il che
indice di squilibrio energetico che, se non riequilibrato per
tempo, porter inevitabilmente al manifestarsi di una malattia.
Se operiamo con lenergia nel momento in cui le autostrade
del nostro corpo non sono gi perfettamente scorrevoli, allora
potremmo causare una pi grave congestione di energia,
con conseguente manifestarsi di dolorosi effetti.
La legge dei 5 Elementi ci dice che proprio grazie al loro
equilibrio che i meridiani possono funzionare bene e noi possiamo trarre il nostro corretto stato energetico, lenergia vitale
che i cinesi chiamavano Chi o Qi (Ki o Chi per i giapponesi).
I 14 meridiani principali, sono cos divisi:
* 2 meridiani ancestrali, detti Vaso Concezione e Vaso Governatore, che sono il patrimonio energetico che abbiamo ereditato dalla nascita. una forza non modificabile n rinnovabile
e una volta esaurita lindividuo muore;
* 2 meridiani di collegamento, il Triplice Riscaldatore e il Pericardio (o Maestro del Cuore), che assimilano lenergia dallambiente esterno attraverso la respirazione e lalimentazione.

107

* 10 meridiani legati agli organi, e organizzati in cinque coppie, ciascuna delle quali corrisponde a uno dei 5 Elementi.
Ogni coppia di meridiani che soggiace a un determinato Elemento comprende un organo interno (o vuoto) e un viscere,
ovvero un organo esterno (o pieno).

MEDICINA CINESE E MEDICINA INDIANA:


I 5 ELEMENTI E I CHAKRA
La Medicina Tradizionale Cinese li chiama 5 Elementi, la
Medicina Tradizionale Indiana o Ayurveda li chiama Chakra
inferiori (ai quali ne aggiunge due superiori, di livello spirituale). Entrambi descrivono, con linguaggio diverso, la
medesima manifestazione dei centri energetici del nostro
corpo. Ecco cosa scrive Yogananda a proposito: I cinque elementi sono forze strutturali, di natura vibratoria e
108

intrinsecamente intelligenti. Senza lelemento Terra non


esisterebbe la materia solida; senza lelemento Acqua non
esisterebbero i liquidi; senza lelemento Fuoco non esisterebbe il calore; senza lelemento Aria non esisterebbero
i gas; senza lelemento Etere (per noi il Legno, ndr) non
esisterebbe uno sfondo su cui mettere in scena lo spettacolo del film cosmico. Nel corpo, il prana (energia vibratoria cosmica) entra nel midollo allungato e poi si distingue
nelle cinque correnti elementari a opera dei cinque Chakra
inferiori: il centro coccigeo (Terra), il sacrale (Acqua), il
lombare (Fuoco), il dorsale (Aria) e il cervicale (Etere).

Nel dualismo che caratterizza ogni creatura presente in Natura, gli organi interni rappresentano il principio femminile
Yin, che tende allinteriorizzazione, a stare nascosto, a con-

densare e a raffreddare; al contrario, le viscere rappresentano


il principio maschile Yang, che tende allesteriorizzazione, a
manifestarsi, a muoversi e a scaldare.
Questo dualismo Yin-Yang lalternanza tra i complementari
e ci su cui si basa il ritmo stesso dellUniverso e della vita.
Infatti, tutto in Natura si svolge secondo un ritmo alternante:
il giorno e la notte, la luce e lombra, lestate e linverno, il caldo e il freddo, vuoto e pieno. E il nostro equilibrio energetico
legato al corretto flusso di energia nel dualismo Yin/Yang
di ognuno dei 5 Elementi e, allo stesso tempo, dipende dalla
perfetta armonia tra i due meridiani di collegamento: il vaso
concezione (che attraversa tutti gli organi interni Yin) e il vaso
governatore (che attraversa tutte le viscere Yang).
Per esempio, lelemento Acqua governa il meridiano Yin dei
reni e il meridiano Yang della vescica. Se il nostro corpo ha
un disequilibrio legato a questo elemento, verosimilmente
potremmo sviluppare una problematica fredda ai reni (ad
esempio, dei calcoli) o una problematica calda alla vescica
(ad esempio, cistite).
Se applichiamo una qualsiasi tecnica con i meridiani non ancora equilibrati, rischiamo di accelerare il verificarsi di squilibri,
poich le autostrade del nostro corpo non sono ancora
libere da blocchi e lenergia, invece di circolare liberamente,
si congestioner nel punto pi debole. Ecco perch, prima di
lavorare su un determinato fattore di stress, bene prima assicurarsi che i nostri 5 Elementi siano equilibrati, ed proprio
questo il punto di partenza del Metodo RQI
I cinesi riequilibravano i 5 Elementi attraverso lalimentazione
(nel Metodo, la soluzione RQI Materia) o attraverso lagopuntura (RQI Energia).

109

Metaforicamente, i punti dellagopuntura (i punti singolari riconosciuti dallOMS) possono essere paragonati a delle
chiuse, per mezzo delle quali, al momento del bisogno, possibile deviare lenergia verso altri canali. Attraverso la stimolazione dei punti dellagopuntura possibile portare lenergia in
superficie oppure variarla, liberando i meridiani congestionati
e nutrendo quelli che ne hanno poca.
Purtroppo, dagli anni 50 in poi, contemporaneamente alla
comparsa di apparecchi elettronici quali elettrodomestici, televisori, radio e poi computer e telefonini, gli effetti dellagopuntura sono sempre pi scemati. Infatti, lagopuntura agisce
sul campo elettrico del corpo umano, mentre gli apparecchi
elettronici emettono un campo elettromagnetico che migliaia di volte pi influente di quello elettrico. Pertanto, se avete
appena terminato una seduta dal vostro agopuntore e, usciti
110

dal suo studio, impugnate il telefono cellulare per rispondere


a una chiamata, sappiate che state gi alterando tutto il lavoro appena svolto dallagopuntore. Tuttavia, il Metodo RQI
ha trovato una soluzione anche a questo: le Biotecnologie
Olistiche permettono infatti di generare frequenze benefiche
agendo sul campo elettromagnetico. Lo scopriremo nella soluzione RQI Energia. Ma andiamo con ordine, e partiamo dal
primo livello di soluzioni: la Materia.

I 10 MERIDIANI DEI 5 ELEMENTI E I 2 MERIDIANI DI


COLLEGAMENTO YIN-YANG

Fuoco Terra Metallo Acqua Legno

Yin Cuore Milza Polmoni Reni Fegato


Yang I. Tenue Stomaco I. Crasso Vescica Cistifellea

Il metallo rappresenta laria. Infatti, legato ai polmoni.


Leggendo la tabella per colonne, si nota che i 5 Elementi
collegano a coppie i dieci meridiani degli organi (cuore
e intestino tenue, milza e stomaco, etc). Queste coppie
sono dette anche laghi. Oltre a questi 10 meridiani,
nellelemento Fuoco ci sono altri 2 meridiani, detti meridiani di Raccordo: il Triplice Riscaldatore e il Pericardio o
Maestro del Cuore. Il primo governa il sistema circolatorio
e linfatico; il secondo controlla la pressione sanguigna e
lemotivit.
Leggendo la tabella per righe, si nota il dualismo Ying e
Yang. Yin collega i cinque organi interni attraverso il meridiano Vaso Concezione (la Madre, il femminile, il freddo,
il vuoto), mentre Yang collega le cinque viscere attraverso il meridiano Vaso Governatore (il Padre, il maschile, il
caldo, il pieno). I meridiani di collegamento Concezione
e Governatore sono detti anche fiumi.
I meridiani esercitano la loro influenza non solo sullorgano loro corrispondente, ma anche su tutti quegli organi e
tessuti che si trovano lungo il loro percorso. Per esempio,
il meridiano dellintestino crasso influisce su indice, polso, gomito, muscolo deltoide, articolazione della spalla
e naso.
In tal modo, alle coppie dei meridiani che soggiaciono a
ciascuno dei 5 Elementi, vengono attribuiti anche determinati tessuti, funzioni e organo di senso, che a loro volta
vengono attribuiti a uno specifico elemento. Per esempio,
allelemento Legno corrisponde il fegato e la cistifellea e
a lui viene attribuita linfluenza su tendini, muscoli, occhi
e unghie.

111

Fuoco Terra Metallo Acqua Legno

Tessuti Vasi sang. Nervi

Pelle

Ossa

Muscoli

Organi Lingua Bocca Naso Orecchie Occhi


di senso

5 ELEMENTI E CORRISPONDENZE PSICOLOGICHE


A ciascuno dei cinque organi Yin sono associate delle corrispondenze psicologiche precise. Saperlo utile per comprendere meglio le cause emotive delle patologie fisiche.
Infatti, la Medicina Tradizionale Cinese vedeva il corpo e
la mente come un apparato unico, facendosi precursore
delle discipline olistiche.
Il fegato (Legno) rappresenta la sede del dinamismo e
dello spirito dintraprendenza. La sua pienezza (eccesso di
112

energia) porta a gelosia, alla collera violenta o alla nevrosi;


il suo vuoto (difetto di energia) porta allapatia, al poco
dinamismo e alla scarsit di idee.
Il cuore (Fuoco) associato alla creativit, al senso della morale e della rettitudine. Una carenza di energia del
cuore genera inquietudine, insonnia, timidezza; un eccesso di energia manifestata attraverso il riso smodato e
immotivato, alla divagazione e allipersensibilit. Anche
troppa gioia pu portare danno al cuore, poich lo mette
in sovraccarico emozionale.
La milza (Terra) la sede della riflessione, del proposito,
del pensiero analitico. Un suo deficit energetico provocher pensieri scoordinati o senso di ansiet; un suo eccesso
di energia sar causa di tendenza alla routine, di manie e
di rigidit mentale.

Il rene (Acqua) rappresenta la forza di volont, quella necessaria per portare a compimento gli obiettivi prefissati.
La sua pienezza di energia provoca temerariet; un suo
vuoto energetico causer panico, indecisione e paure immotivate.
Il polmone (Metallo) rappresenta la capacit di introspezione ed responsabile dellistinto di conservazione, della
tolleranza, della preoccupazione per il futuro. Un eccesso
di energia provoca un senso di tristezza con pensieri rivolti alla morte; una carenza di energia comporta facilit
al pianto, disinteresse per la vita ed eccessivo sentimentalismo.

TESTIMONIANZE
113

Il ruolo della nuova medicina? Auto-guarigione e crescita


personale
Credo che il Metodo RQI sia molto efficace perch una sintesi della Medicina Tradizionale Cinese e agopuntura messe
insieme alle nuove scoperte della Fisica Quantistica e tecniche
di Psicologia Energetica. Quindi tiene allessere umano in tutti
i suoi aspetti. Inoltre non solo un metodo per auto-guarirsi,
ma anche per crescere interiormente e proprio per questo
penso che sia molto valido. La crescita interiore delle persone
lindirizzo che la medicina, come ogni altro settore, dovr
prendere nella nuova societ.
Elia, studente di medicina
A ciascuno il suo rimedio
Ho appena finito di vedere un tuo video, molto bello quanto

detto da te sul chi c tra noi e la conoscenza, tra noi e Dio,


tra noi e la salute. Ed interessantissimo sapere come, a seconda dellindividuo, c un metodo curativo adatto a lui, dettato dallinconscio. Sai, ho praticato per 10 anni il buddismo
di Nichire Daishonin, basato sulla ripetizione di un Mantra e
i miei problemi non si sono risolti, e non capivo perch con
gli altri funzionava cos bene e con me no. E mi veniva detto:
Vuoi che funziona con tutti e con te no!? Come funziona con
noi, funziona anche per te! Forse ora c una spiegazione
a ci... Come dici tu, A OGNUNO IL SUO RIMEDIO. Ho un
problema alla voce da 20 anni. Credimi: le ho provate tutte
e ancora non lho risolto, sono continuamente triste ed altre
cose che non sto qui ad elencare... Spero, con il tuo aiuto di
essere arrivata al CAPOLINEA. Grazie di cuore.
Antonella
114

Nuovi orizzonti professionali


Il Metodo RQI ha rivoluzionato la metodica della mia professione ed ha aperto un nuovo mondo professionale del benessere e del riequilibrio dellessere, vi ringrazio enormemente
anche a nome dei miei pazienti che hanno potuto constatare
che siamo tutti collegati col tutto.
Arcangelo, terapista
Per un mondo migliore
Per interesse personale mi occupo da 30 anni di metodi alternativi alla medicina ufficiale. Ho toccato argomenti di ogni
genere con corsi e seminari vari, che comunque mi hanno
permesso di crescere due figlie senza uso di medicinali convenzionali ma con il buon senso e le tante alternative trovate
su questa strada. Devo dire che il Metodo ha dato una ri-

sposta logica al mio percorso a volte solitario e mi ha fatto


sentire bene trovare le stesse idee dindipendenza in persone
splendide come il suo ideatore, il dr. Marco Fincati. Un grazie
a chi, come lui, con coraggio lotta per il cambiamento verso
un mondo migliore!
Marta, libera professionista
NOTA: Ti ricordo che se vuoi sentire e vedere la mia spiegazione di questi contenuti e avere ulteriori approfondimenti, puoi ricevere i video gratuiti iscrivendoti su:
www.rqi.me

115

SOLUZIONE RQI1 MATERIA:


ACQUA INFORMAZIONALE E
ALIMENTAZIONE VIBRAZIONALE

In questo capitolo imparerai:


le reali propriet dellacqua e il suo ruolo fondamentale quale
madre della vita;
a individuare il giusto grado personale di idratazione (quanta
acqua ti serve per mantenerti correttamente idratato) attraverso
il test muscolare;
116

ad aumentare lenergia biofisica dellacqua (tecnicamente


definita come grado di conducibilit elettrica) e, attraverso
di essa, ottimizzerai la circolazione dellenergia nel tuo corpo,
migliorando il tuo benessere generale e riducendo significativamente tutte le problematiche fisiche e psichiche;
a individuare la parola o laffermazione migliore per informatizzare lacqua utilizzando la Legge dei 5 Elementi e il test muscolare;
a utilizzare il cibo per mantenere in equilibrio i 5 Elementi del
tuo corpo; scoprirai che ogni cibo ha un determinato contenuto
energetico e vibrazionale che diverso dal mero concetto di
caloria;
a individuare eventuali intolleranze alimentari e a scoprire i cibi
migliori per la tua persona, ascoltando quello che ti comunicher il tuo inconscio: scoprirai che alcuni cibi saranno in risonanza
con ci di cui hai bisogno e altri no.

Si stima che un uomo di 70 kg di peso corporeo sia composto


da circa 100 migliaia di miliardi di cellule. Solo il cervello,
composto da 100 miliardi di cellule, i neuroni.
Ogni cellula sana ha una carica elettrica di circa 75 mV (millivolt). La carica elettrica la differenza di potenziale tra linterno e lesterno della stessa cellula, ovvero tra linterno e
lesterno della sua membrana cellulare.
Moltiplicando il numero di cellule di un uomo per la loro singola carica potenziale di 75 mV, si ottiene unenergia pari a
7.500 miliardi di volt.
In parole povere, un uomo di 70 kg ha la potenzialit di circa
30 bombe atomiche allidrogeno!
Lenergia che abbiamo al nostro interno quella che permette a ogni cellula di svolgere le proprie funzioni di crescita,
rigenerazione e protezione. Ma come fa questa energia ad
essere trasmessa?
Il nostro corpo si avvale di uno specifico conduttore: lacqua. Lacqua infatti il solvente nel quale viene diluito ogni
alimento e ogni elemento con cui entra in contatto il nostro
corpo, rendendolo pi assimilabile e allentandone la durezza
o la tossicit. Essa il veicolo che trasporta in tutte le cellule
i principi nutritivi, garante della termoregolazione, agevola
lattivazione di enzimi, trasporta allesterno dellorganismo le
scorie e le tossine e nutre i tessuti dando sostegno alla nostra
struttura molle.
Lacqua svolge inoltre una certa funzione di ammortizzatore
nei confronti degli organi pi delicati quali locchio, lorecchio interno e il cervello. Questi, infatti, sono ricchi dacqua o
circondati da acqua, oppure posati su un cuscinetto dacqua.
Probabilmente le funzioni vitali che abbiamo elencato non ne

117

rappresentano nemmeno la totalit, per il fatto che alcune


delle attivit importantissime svolte dallacqua sono ancora in
parte sconosciute: tra queste, quella di fare da antenna e da
trasmettitore di informazioni; oppure di fungere da serbatoio
di memoria o di essere capace, al pari di una pila, di ricaricare
le nostre energie vitali.
LACQUA

118

Questo ci spiega perch il nostro corpo composto per grandissima parte di acqua. Essa costituisce circa l85% di peso corporeo nel neonato, poi diminuisce progressivamente
con let. In un adulto pari a circa il 70-75% del suo peso,
nellanziano pu scendere fino al 50%.
Allincirca i tre quarti di tutta lacqua di cui siamo composti
(67%, circa 30 litri in un soggetto adulto), contenuta allinterno delle cellule e costituisce il cosiddetto liquido intracellulare. Il restante quarto o poco pi (27%, pari a circa 12 litri)
si trova negli interstizi tra le cellule ed il cosiddetto liquido
extracellulare. Anche il plasma costituito per 3 litri di acqua
(pari al 6% di tutta lacqua presente nel nostro corpo).

I LIQUIDI CORPOREI CHE CONTENGONO PI ACQUA


Ecco le parti del corpo composte da una maggiore percentuale di acqua:
* liquido cerebrale e midollo osseo: 99%
* plasma sanguigno: 85%
* reni: 83%
* cuore: 79%
* cervello: 75%

Possiamo quindi affermare che senza acqua non c vita.


E non un caso se gi nel VII secolo a.C. il greco Talete, il
primo filosofo della storia del pensiero occidentale, cerc di
spiegare lorigine del Cosmo individuando nellacqua il principio di tutte le cose.
Se infatti analizziamo una molecola di acqua, scopriamo che
lidrogeno, lelemento che la compone insieme allossigeno,
anche il primo dei 118 elementi conosciuti (il suo numero
atomico 1, poich presenta un solo elettrone intorno al nucleo) e il pi abbondante in Natura. Basti pensare che il nostro
corpo composto per il 98% da atomi di idrogeno.

SIAMO DELLA STESSA SOSTANZA DELLE STELLE


I quattro elementi pi presenti nel corpo umano sono,
nellordine: idrogeno, azoto, ossigeno e carbonio. Essi
corrispondono ai quattro elementi pi abbondanti nelluniverso. Siamo fatti della stessa sostanza che costituisce
le stelle e le galassie.

LACQUA HA MEMORIA
Se poi non ci limitiamo a osservare solo la sua composizione
chimica, ma anche le sue propriet ondulatorie, scopriamo che
anche lacqua, come tutte le sostanze presenti nelluniverso,
emette segnali elettromagnetici e che tali segnali sono molto
importanti poich costituiscono vere e proprie informazioni.
Nel 1988, limmunologo francese Jacques Benveniste pubblic sulla prestigiosa rivista internazionale Nature i risultati
di rivoluzionari esperimenti che dimostravano come lacqua

119

fosse capace di mantenere una memoria/informazione di sostanze in essa disciolte o diluite. Per esempio, in una zona
geografica in cui ci fu unepidemia, Benveniste scopr che
lacqua aveva ancora impresse le informazioni del virus che
caus la malattia infettiva.
Ventanni pi tardi, il medico, biologo e virologo francese Luc
Montagnier, professore presso lIstituto Pasteur di Parigi, premio Nobel per la Medicina nel 2008, conferm scientificamente
ci che Benveniste aveva indagato in precedenza, e cio che
lacqua ha una memoria, la quale conserva in un certo modo la
sua storia: le caratteristiche dei siti dove stata, gli stimoli a
cui stata sottoposta, le sostanze con cui entrata in contatto.
In uno studio replicato anche dal fisico italiano Emilio Del Giudice per conto dellInternational Institute for Biophotonics di
120

Neuss (e i cui risultati furono pubblicati sul Journal of Physics),


il professor Montagnier not che alcune sequenze di DNA
possono indurre segnali elettromagnetici di bassa frequenza
in soluzioni acquose altamente diluite, le quali poi mantengono memoria delle caratteristiche del DNA stesso. Grazie a
questa scoperta, entrambi i ricercatori hanno spiegato che sar
possibile sviluppare sistemi diagnostici finora mai progettati basati sulla propriet informativa dellacqua biologica
presente nel corpo umano: malattie croniche come Alzheimer,
Parkinson, sclerosi multipla e artrite reumatoide, malattie virali
come Hiv, influenza A ed epatite C, informano lacqua dellorganismo della loro presenza, emettendo particolari segnali elettromagnetici, che possono poi essere letti e decifrati.
Non solo. Se da una parte sar possibile diagnosticare in anticipo una malattia prima ancora di averne i sintomi, dallaltro lato,

intervenendo sulla memoria dellacqua, ovvero informandola


a nostro piacimento, potremmo (e in parte gi possiamo!) realizzare rimedi curativi senza effetti collaterali, che basano il loro
meccanismo dazione sulle informazioni depositate nellacqua,
cos come avviene per la medicina omeopatica.
Infatti, cos come lacqua memorizza informazioni, allo
stesso tempo in grado di ritrasmetterle. A conferma di
ci c unaltra evidenza scientifica, fornita da un medico
italiano, il dottor Sergio Stagnaro, nel 2007. Egli combin un
raffinato e preciso metodo di investigazione clinica, studiato
e messo a punto da lui stesso, la Semiotica Biofisica Quantistica (SBQ), con i pi innovativi strumenti della nanotecnologia, in grado di captare e ritrasmettere i biofotoni emessi a
livello cellulare. Il dottor Stagnaro dimostr che, nei sistemi
biologici, molecole come ormoni e neurotrasmettitori, considerati dei messaggeri chimici, agiscono mediante un principio di Energia-Informazione (EI), ossia veicolano radiazioni
elettromagnetiche intrise di informazione qualitativamente
importante.
I suoi lavori erano perfettamente coerenti e in sintonia con gli
studi dello scienziato russo Peter Gariaev sulla genomica ondulatoria. Gariaev ipotizz e conferm che tutte le radiazioni
elettromagnetiche viaggiano da strutture trasmittenti (come i
neurotrasmettitori e gli ormoni) verso delle strutture riceventi
(come il DNA).
Lacqua agirebbe dapprima come un recettore, essendo in
grado di ricevere le frequenze donda e di memorizzarle (memoria); successivamente si comporterebbe come trasmettitore, trasmettendo le frequenze delle onde memorizzate (informazione).

121

LA QUALIT DELLACQUA
quindi facilmente comprensibile quanto lacqua sia importante per la salute del corpo umano e come dalla qualit
dellacqua dipenda la qualit della vita. Gi il premio Nobel Louis Pasteur afferm che beviamo il 90% delle nostre
malattie. Lidrologo Louis Claude Vincent, tra le massime
autorit della bioelettronica e socio ad honorem dellAssociazione Internazionale di Medicina Ortomolecolare, seppe chiarire che la tubercolosi, il cancro e tutte le malattie
degenerative provengono dalluso incontrollato dellacqua
potabile.
Il professor Vincent comp uno studio approfondito su dati
statistici relativi a malattie e mortalit in Europa e negli Stati Uniti, grazie ai quali dimostr inequivocabilmente il nesso
122

di proporzionalit diretta esistente tra la qualit dellacqua


potabile di una popolazione e il tasso di malattie e mortalit
della stessa.
Successivamente, mediante indici di bioelettronica, lidrologo
francese illustr come lacqua ideale dovrebbe presentare caratteristiche in sintonia con tre parametri biologici della vita:
* il grado di acidit/alcalinit (pH), che dovrebbe essere neutro, cio pari a 7, o meglio ancora leggermente basico, cio
tra 7,2 e 7,4, per poter contrastare il naturale processo di ossidazione-acidificazione dellorganismo. Il sangue, per esempio,
ha pH fisiologico pari a 7,3;
* il potenziale elettrico (rH2), che non dovrebbe superare i
valori di 25 e 28. Per fare alcuni esempi, sangue e saliva hanno
valori pari a 22 rH2, mentre lurina ha valore 24 rH2;
* la resistivit alla corrente elettrica (R), che dovrebbe essere
pi alto possibile e non inferiore a 6000 ohm.

Quando questi tre parametri risultano compresi nei valori indicati, evitano che i germi patogeni si riproducano, rendendo
lacqua biologicamente pura.
Tuttavia, bere acqua pura non basta. Affinch lacqua svolga
al meglio i suoi benefici, deve essere anche libera da sostanze
tossiche e altamente energetica.
Analizziamo ora questi due concetti.
Per sostanze tossiche si intendono tutti i metalli pesanti, i
pesticidi e addirittura le sostanze radioattive che lacqua pu
assorbire dai terreni inquinati dove viene raccolta. A ci, si
aggiunge lelettrosmog che lacqua pu presentare dopo essere stata a contatto di campi elettromagnetici.
Inoltre, bisogna ricordare che lestrazione chimica o fisica di
elementi inquinanti attraverso impianti di addolcimento, di
depurazione a osmosi inversa o di depurazione con filtri, per
quanto possano rendere lacqua priva di batteri, non la rendono pura secondo i tre parametri indicati dal dottor Vincent,
poich le informazioni negative dei componenti filtrati rimangono comunque memorizzate in essa.
In aggiunta a ci e arriviamo al concetto di valore energetico le acque trattate perdono la loro forza vitale originaria
di sorgente, che una delle componenti principali per definire
la qualit dellacqua.
Fu Alfred Bovis a stabilire uno dei metodi pi utilizzati oggi
per misurare la vitalit intesa come forza vibrazionale di
un elemento, di una molecola, di una cellula e addirittura di
un luogo. Il Regolo di Bovis lo strumento che ne permette la misurazione, e il Bovis lunit di misura adottata nel
Sistema Internazionale per definire le propriet vibratorie di
ogni sostanza o ambiente. Relativamente allacqua, maggiore
il numero di Bovis, migliore sar la sua capacit di funge-

123

re da conduttore e, di conseguenza, maggiore sar anche la


velocit con cui essa coadiuver le cellule del nostro corpo a
svolgere le loro funzioni.
Alcune ricerche hanno evidenziato che le acque in bottiglia
vibrano attorno ai 1.000-1.500 Bovis. Lacqua del rubinetto,
che non ha subito estrazione, imbottigliamento e trasporto,
vibra a circa 2.500-3.500 Bovis. Lacqua di alcune fonti sacre, come quella di Lourdes o Medjugorie, vibrano intorno ai
22.000 Bovis. In sostanza, meno lacqua ha subito interferenze
distruttive, e pi le sue vibrazioni sono forti.
Pertanto, unacqua sana pu essere solo quella naturale di
sorgente e non quella trattata.
La domanda ora : se non possiamo attingere allacqua di
sorgente, come possiamo cancellare le informazioni negative dellacqua? E come possiamo far riacquistare nuovamente
124

allacqua la sua originaria vitalit?


La soluzione esiste ed molto pi semplice di quello che si
pensi. Si pu ridare allacqua forza vitale sottoponendola
a frequenze benefiche. Tutti noi abbiamo a disposizione un
inesauribile generatore di tali frequenze, che risuona in armonia con le cellule del nostro corpo e che permette ogni forma
di vita sulla Terra: il Sole. Utilizzando in modo appropriato
la sua energia, possiamo incrementare la forza vibrazionale
dellacqua ed esaltarne le sue caratteristiche di conduttore
elettrico. Inoltre, attraverso lintenzione delle nostre parole,
che fungono allo stesso modo da frequenze benefiche, possiamo donare allacqua una determinata informazione, funzionale allo scopo salutare o curativo che vogliamo perseguire.
Prima di spiegare come sia possibile, dobbiamo fare un passo
indietro e conoscere le scoperte di un rinomato scienziato e
saggista giapponese.

GLI STUDI DI MASARU EMOTO


Il giapponese Masaru Emoto, dottore allUniversit municipale
di Yokohama, ha dimostrato come la coscienza umana abbia
un effetto sulla struttura molecolare dellacqua.
Dal 1999 in avanti, Emoto ha pubblicato diversi volumi di
un lavoro (successivamente raccolti e diventati un libro) dal
titolo I messaggi dallacqua, contenenti fotografie di cristalli
di acqua.
Per venticinque anni, lo scienziato giapponese prelev campioni dacqua dalla medesima sorgente e li sottopose a diversi stimoli, quali suoni, musica, parole. Successivamente, li
congel, affinch i campioni formassero strutture cristalline.
Dallosservazione delle fotografie di tali cristalli (analizzati al
microscopio secondo una tecnica messa a punto dallo stesso
scienziato) si evinse come parole, preghiere, musica e ambiente esercitassero un vero e proprio effetto fisico sulla struttura
cristallina dellacqua, modificandola di volta in volta.
Per esempio, Emoto cominci raccogliendo dellacqua del
bacino di Fujiwara, e la congel. Not che i cristalli formatisi
erano dispersi in modo caotico. Poi prov a esporre la stessa
acqua a una preghiera di gratitudine e la congel nuovamente. Questa volta, i cristalli si organizzarono in strutture belle e
raffinate, disposte in modo armonico e simmetrico.
Anche i cristalli ricavati congelando lacqua della fonte sacra di Lourdes si organizzarono in una struttura ordinata e
misteriosa che emanava il sentimento della gloria mistica e
che, secondo linterpretazione di Emoto, esprimeva i meriti
attribuiti a quella fonte dalla coscienza collettiva.
Anche la musica ebbe uninfluenza incredibile sullacqua. Una
delle fotografie pubblicate nel libro dello scienziato giappo-

125

nese mostra un cristallo dacqua sottoposto a una canzone


Heavy Metal. Questo genere di musica pieno di rabbia e
sembra avercela con il mondo interno. Di conseguenza, la
base esagonale del cristallo dacqua si framment in molti
pezzi. Al contrario, lacqua che aveva ascoltato lopera BWV
988 Variazione Goldberg di Bach present una struttura cristallina ordinata, evidenziando come dagli spigoli di ogni
esagono si erano formati altri esagoni. Infatti, il compositore
tedesco dedic questa musica al signor Goldberg in segno
di riconoscenza e gratitudine per tutto ci che egli aveva
fatto per lui.
Un altro degli esperimenti svolti dal professor Emoto fu con
le parole. Lacqua fu esposta a diverse scritte o frasi, ciascuna
delle quali indicava un sentimento. Utilizzando la parola grazie, lacqua congelata form dei cristalli ordinati e regolari,
126

molto simili a quelli ricavati dallacqua che aveva ascoltato un


brano di musica classica. Al contrario, lacqua esposta alla frase Mi hai stufato, io ti uccider, si cristallizz in una struttura
distorta, implosa e dispersa.
Emoto giunse alla conclusione che lacqua si comporta come
un nastro magnetico liquido, in grado di registrare le informazioni energetiche che riceve dallambiente. Conformandosi alle credenze della cultura orientale, Emoto afferm che
i cristalli sono energeticamente vivi e svolgono la funzionalit
di messaggeri, veicoli di informazioni. I suoi studi confermarono inoltre il potere creativo della vibrazione, che nella cultura giapponese definita hado (letteralmente: movimento
ondulatorio): unenergia estremamente sottile, invisibile allo
sguardo, ma capace di influenzare la materia poich agisce
sulle sue frequenze, essendo essa stessa frequenza. Hado pu
essere una musica, una parola, un pensiero, una preghiera,

una forma di energia quale il calore o la luce del Sole. Questo


ci ricorda i principi di Fisica Quantistica di cui abbiamo gi
ampiamente discusso nei capitoli precedenti.

127

INFORMARE LACQUA
Dunque, se anche non abbiamo la fortuna di abitare in una
baita di montagna a 2000 metri di altitudine, a stretto contatto con una sorgente incontaminata di acqua, possiamo
crearci da noi unacqua biologicamente pura, altamente
energetica e informazionale.
Informazionale un neologismo che ho coniato per definire
unacqua che ha ricevuto informazioni (sotto forma di frequenze) e che in grado di ritrasmetterle. Con il verbo informare, invece, indicher, da qui in avanti, la procedura per dare

informazioni allacqua, affinch poi lacqua stessa le possa


ritrasmettere.
Come abbiamo appena ricordato, il sole la fonte della nostra vita ed emette tutte le frequenze benefiche che risuonano
in armonia con il nostro corpo. Dal sole possiamo quindi attingere alle vibrazioni che modificheranno lacqua, donandole
maggiore energia. Oltre a ci, possiamo informare lacqua
utilizzando una parola o una frase specifica, proprio come fece
il dottor Masaru Emoto. In questo modo, lacqua acquister
le informazioni positive della nostra parola.
Ecco come fare nel pratico.
Tutto ci di cui hai bisogno una bottiglia di vetro blu. Usa
il vetro, che un elemento vivo, e non la plastica, che un
composto del petrolio e che, oltre i 35 gradi di temperatura,
comincia a rilasciare sostanze tossiche.
128

La bottiglia devessere di colore blu, poich questo colore


permette di filtrare le migliori frequenze benefiche per il corpo umano. Non utilizzare tappi di metallo, prediligi tappi in
materiale naturale come il sughero.
Riempi la bottiglia con acqua del rubinetto di casa. Come
abbiamo gi visto e come diverse analisi chimiche hanno pi
volte evidenziato, lacqua di casa per alcuni versi meglio di
quella in bottiglia ed sicuramente pi viva a livello energetico.
Ora, esponi la tua bottiglia al sole. Puoi metterla sulla finestra o sul terrazzo, per almeno unora di tempo. Pi tempo
la esporrai, pi energia la tua acqua assorbir. preferibile il
sole del mattino, poich quello che ha le frequenze migliori.
Se ci fai caso, quando si prende la tintarella, difficile scottarsi con il sole mattutino, ma molto pi facile ustionarsi con

LE MIGLIORI PAROLE PER LACQUA IN BASE AI


CINQUE ELEMENTI
Elemento

Parola o frase

Fuoco

amore, gioia, amo me stesso

Terra

sono realizzato, sono appagato

Metallo

il contrario di preoccupazione ________

Acqua

il contrario di paura ________

Legno

il contrario di rabbia ________

quello del pomeriggio. Infatti nelle prime ore della giornata il


Sole emette pi raggi infrarossi e meno ultravioletti.
Ti consiglio di esporre la tua bottiglia al sole senza tapparla.
In questo modo, il cloro che, seppur in piccole quantit, viene
usato per depurare lacqua erogata dal proprio comune di
residenza evaporer, senza lasciare il suo caratteristico odore,
che per molte persone pu risultare sgradevole.
Sulla bottiglia, puoi attaccare un post-it o unetichetta con la
parola o la frase che ti serve per darle la giusta informazione.
Nei corsi spiego bene come va scelta la parola, aiutandosi con
lauto-test. Per adesso, ti basti sapere che puoi riequilibrare
ciascuno dei 5 Elementi con una parola specifica. Infatti, ogni
elemento ha una corrispondenza psicologica ed emotiva con
un determinato sentimento. Per esempio, lelemento Fuoco
legato allamore, perci ho scoperto che per riequilibrare il
Fuoco la parola migliore amore incondizionato, oppure
la frase amo me stesso. Allo stesso modo, il disequilibrio
dellelemento Metallo causato da un senso di ansia, perci
la parola migliore sar una parola di significato opposto a

129

preoccupazione: in questo caso, ciascuno di noi potrebbe


trovare una parola soggettivamente pi significativa. Si potrebbe scegliere tra le parole pace, tranquillit, serenit, fede,
distacco, e via dicendo. Ciascuno avr la sua e potr verificarla
con lauto-test.
Una parola che ho verificato essere molto indicata per tutti
la parola Coerenza. Ha un significato per cos dire neutro
(non informa in modo preciso circa uno specifico elemento
da riequilibrare) ma invita il nostro essere a trovare la sua pi
intima connessione e interdipendenza tra i suoi livelli: materia,
energia e spirito.
Infatti, attraverso lAcqua Informazionale, noi stiamo agendo
su ciascuno dei tre livelli: stiamo bevendo unacqua (livello
materia) che ha aumentato la propria forza vibrazionale (livel130

lo energia) grazie al Sole, e che ha ricevuto uninformazione/


intenzione (livello spirito) per mezzo della parola o della frase
che le abbiamo attribuito.
A proposito della parola: essa valida in tutte le lingue perch, come abbiamo gi visto in precedenza, ogni parola risponde a una determinata vibrazione e lacqua riconosce
quella vibrazione.
Limportante utilizzare una sola parola per bottiglia. Se si
vive in famiglia e ciascuno dei membri del nucleo familiare necessita di una parola diversa, sar possibile informare lacqua
scrivendo sulla stessa etichetta tutte le parole o le frasi utili,
purch poi, chi beve, ripeta nella sua mente la propria parola,
rievocando lintenzione specifica. Questa pratica contribuisce
ad allenare linconscio.
Una volta che avrai preparato la tua acqua, conservala in un
posto protetto dallinfluenza di campi elettromagnetici che

potrebbero alterarne i valori energetici appena ottenuti. Ti


baster semplicemente porre la bottiglia su una base di legno, che un ottimo isolante, e possibilmente a livello del
pavimento, cos da proteggerla il pi possibile anche dai suoni (che, come sappiamo, sono frequenze). Non mettere la
bottiglia in frigorifero, poich al suo interno ci sono campi
elettromagnetici. Se vuoi acqua fresca, ti baster diluire in
una bottiglia che avrai prima refrigerato anche in frigorifero
una goccia di acqua presa dalla bottiglia di acqua precedentemente informata e conservata al sicuro. Versata la goccia,
scuoti la bottiglia fresca. Per lo stesso principio con il quale
vengono preparati e diluiti i prodotti omeopatici, una goccia
dAcqua Informazionale baster a trasferire le sue informazioni a migliaia di altre molecole dacqua.
Questo semplice trucco ti pu venire in aiuto anche quando
non avrai per lungo periodo delle buone giornate di sole. Se
ben conservata, una bottiglia di acqua informata pu mantenere il suo valore vibrazionale per almeno un mese.
Consiglio di bere uno o due bicchieri di Acqua Informazionale appena alzati, prima dei pasti e prima di coricarsi. Sono
questi i tre momenti della giornata in cui il nostro corpo ne
ha maggiore bisogno.
Inoltre, il test kinesiologico RQI utile per definire nello specifico di quanta acqua abbiamo bisogno ogni giorno (numero di
bicchieri) o per quanto tempo dovremmo bere unacqua informata con una determinata parola o frase allo scopo di riequilibrare uno specifico Elemento o risolvere un problema specifico.
Esiste poi un secondo metodo per informare lacqua, ed
quello che ricorre alle Biotecnologie Olistiche, attraverso luso
di una card specifica. Ma di questo parleremo nel prossimo
capitolo.

131

LACQUA: 20 MOTIVI PER BERNE ABBASTANZA


Ogni giorno perdiamo fisiologicamente un quantitativo pari
a circa 2,5 litri di liquidi attraverso urina, feci, sudore, respirazione. Ogni giorno necessario reintrodurre la medesima
quantit dacqua mangiando e soprattutto bevendo, per
non incorrere nel grave rischio di disidratarci. Infatti quando il contenuto dacqua nelle cellule scende al di sotto del
50%, pu accadere che i processi vitali si paralizzino, talvolta anche in modo irreversibile. Per esempio, la principale
causa di tumore al colon il non bere abbastanza, poich
lacqua ci che permette al nostro organismo di espellere le tossine. Idratarsi correttamente quindi la condizione per mantenere costante la temperatura e consentire a
ogni cellula di svolgere correttamente tutte le funzioni di
crescita, rigenerazione e protezione che le sono richieste.
132

Ecco tanti buoni motivi per berne abbastanza, curandone


la qualit:
Lacqua la sostanza principale per diluire le sostanze
nutritive, le vitamine e i minerali che ingeriamo; ci serve
per decomporre i cibi in piccoli elementi e poterli metabolizzare e assimilare facilmente.
Fornisce alle cellule lossigeno e trasporta i gas consumati dalle cellule nel polmone, per espellerli.
Raccoglie le scorie tossiche dalle differenti parti del
corpo e le trasporta al fegato e ai reni, affinch possano
essere espulse.
un grande aiuto alla corretta funzionalit delle articolazioni e aiuta a evitare dolori articolari e alla schiena.
Diminuisce il rischio di infarto e di ictus.
Aiuta le arterie di cuore e cervello ad essere elastiche.

un ottimo aiuto contro la stitichezza.


necessaria alla formazione dei neurotrasmettitori, inclusa la serotonina.
Pu essere daiuto contro la sindrome da deficit di attenzione nei bambini e negli adulti.
Lacqua pura il miglior liquido rigenerante al mondo.
Aiuta a mantenere la pelle liscia, rallentandone linvecchiamento.
Aumenta la capacit di prestazione del midollo osseo,
dove viene prodotto il sistema immunitario e dove si forma il sangue.
Aiuta a mantenere il sangue scorrevole (ematocrito).
Aiuta a normalizzare il ciclo sonno/veglia.
Ostacola la perdita di memoria dovuta al processo dinvecchiamento, con le malattie ad esso collegate.
La mancanza dacqua pu impedire la formazione degli
ormoni sessuali (perdita di libido).
Bere tanta acqua aiuta a dimagrire e a rimanere in forma.
Noi non possiamo immagazzinare acqua per un uso futuro, quindi dobbiamo bere costantemente tutti i giorni.
Bevendo poca acqua rischiamo che si depositino tossine
in organi importanti del nostro corpo come le articolazioni,
i reni ed il fegato.
Bere acqua in gravidanza aiuta contro la nausea.

FALSE CREDENZE
Le tecniche che possiamo utilizzare per aumentare la forza
vibrazionale dellacqua e renderla pura ci daranno anche un
altro grande vantaggio: trasformeranno il calcare, spesso pre-

133

sente nelle tubature di casa, in aragonite. Laragonite, che


un carbonato di calcio cristallizzato, assimilato dal nostro
corpo e, a differenza del calcare, non finisce nei reni, affaticandoli e rischiando di creare fastidiosi calcoli.
Ecco un punto importante: il calcare. Tutti noi sappiamo che
le acqua dure fanno male. Ma davvero cos?
Il periodico StarMeglio (n. 71, febbraio 2012), rivista della Azienda USL di Bologna, ha presentato un interessante
articolo che afferma la falsit di tale credenza. Eccone un
estratto:
A Bologna le acque hanno durezza medio-alta con valori
tra i 150-500 mg/l di residuo fisso e la durezza riscontrata
ne rappresenta un valore aggiunto dato che le acque dure
134

hanno un effetto protettivo sullapparato cardiovascolare


e secondo la letteratura scientifica non contribuiscono alla
calcolosi renale. Per cui non dovrebbero essere addolcite
le acque ad uso umano, ma solo quelle che si usano negli
elettrodomestici che vengono danneggiati dalle incrostazioni. Tutte le acque distribuite dallacquedotto di Bologna e
provincia rientrano ampiamente entro i limiti chimico-fisici e
microbiologici imposti dalle leggi. Quello che resta a carico
dellutente domestico scrostare periodicamente il rubinetto. Basta smontare il riduttore di flusso e immergerlo nellaceto per togliere il calcare.
Anche il dottor Bruno Seriolo, responsabile del Centro Osteoporosi dellUniversit di Genova, in unintervista rilasciata a Ermes Consumer sullacqua di rubinetto, ha spiegato il falso mito:

Le acque dure svolgono unazione protettiva nei riguardi delle


malattie cardiovascolari, in quanto il calcio riduce lassorbimento dei grassi a livello intestinale e il magnesio ha un effetto dilatatore sulle arterie e riveste una grande importanza per
la salute delluomo, in quanto responsabile di molti processi
metabolici essenziali. Invece, sono da evitare le acque addolcite, in quanto presentano un elevato tenore di sodio che
un fattore di rischio per lipertensione. Inoltre, le acque molli hanno unazione aggressiva e possono solubilizzare alcuni
metalli pesanti, tossici e cancerogeni (quali piombo, cromo
e arsenico), presenti nel materiale delle tubature dellacqua.
Pertanto, sono da preferire le acque dure che (come dimostrato in molti studi epidemiologici) non hanno effetti negativi
sulla salute delluomo, a meno che non siano presenti particolari patologie come una rilevante calcolosi renale. Esse comportano solo inconvenienti pratici legati alla vita domestica:
deposito di calcare nelle tubazioni e negli elettrodomestici,
cattiva cottura dei legumi, maggior consumo di detersivi, eccetera. Inoltre, recenti studi hanno dimostrato che unacqua
minerale ricca di calcio, pu addirittura aiutare a prevenire la
formazione di calcoli renali.
Anche il sito ufficiale di Publiacqua, acquadelrubinetto.it, spiega in quattro punti i vantaggi del bere lacqua di casa: comodit, risparmio economico, rispetto dellambiente e qualit. A
proposito della qualit, ecco riportato un estratto di quanto
scritto nel sito:
Lacqua del rubinetto sottoposta al controllo quotidiano del
gestore e ai controlli periodici dellASL.

135

Per questo motivo lacqua erogata da Publiacqua sicura e


disponibile tutti i giorni dal rubinetto di casa.
Le caratteristiche organolettiche (odore, sapore) sono quelle
che influenzano maggiormente la percezione dei cittadini nel
definire lacqua, buona o meno buona.
Una delle obiezioni pi frequenti di coloro che non bevono
lacqua di rubinetto riguarda appunto il suo sapore e odore di
cloro. Lacqua distribuita in rete, per legge, deve essere resa
sicura mediante aggiunta di cloro.
Per questo il cloro ritenuto da molti uno degli ostacoli principali alluso per bere dellacqua di casa. ()
Oltre a ci, bene sapere che il sapore e lodore di cloro possono essere eliminati semplicemente facendo riposare lacqua
in una brocca o in una bottiglia (aperta) prima di portarla in
tavola.
136

Anche la durezza e il contenuto di sodio sono aspetti sui quali


alta lattenzione dei cittadini.
Il calcio, principale componente della durezza di unacqua,
un elemento minerale necessario alla crescita e alla salute
dellorganismo; il sodio, al contrario, dannoso se in concentrazioni elevate: a differenza di quanto affermato da alcuni,
nellacqua del rubinetto i minerali si trovano in misura equilibrata per un corretto uso alimentare.
Le caratteristiche chimiche e fisiche dellacqua di rubinetto
non temono confronti con quelle riportate sulletichetta di
qualsiasi acqua imbottigliata in commercio.
CHE COS IL CIBO
Noi ingeriamo ogni giorno allincirca 3 chili di alimenti, tra
cibo e liquidi. In un anno, la stima prossima a una tonnellata.

Il cibo ci che ci permette di stare in vita, offrendo al nostro


corpo tutti i nutrienti, i sali, i minerali e le vitamine utili per il
suo corretto funzionamento.
Ma in che modo il cibo provvede al nostro sostentamento?
Quando un cibo viene ingerito, viene dapprima triturato
nella bocca, poi scomposto nei suoi elementi fondamentali
e quindi assorbito dallorganismo. A questo punto, grazie
allossigeno che respiriamo, il cibo subisce unulteriore trasformazione chimica lossidazione che produce calore:
il momento in cui lorganismo brucia i prodotti ingeriti per
farne il suo carburante e attraverso di esso svolgere tutte
le sue funzioni.
Il calore (energia termica) che un alimento in grado di produrre pu essere misurato con una speciale apparecchiatura
di laboratorio. Tale misura viene espressa in calorie. La caloria lunit di energia termica e corrisponde alla quantit
di calore necessaria per fare aumentare di 1C (esattamente
da 14.5C a 15.5C) la temperatura di un grammo dacqua
distillata.
Un grammo di proteine produce poco pi di 4 calorie; un
grammo di carboidrati ne produce poco meno di 4; un grammo di grasso arriva a produrre circa 9 calorie; un grammo di
alcool etilico ne produce allincirca 7.
Tuttavia, cos com espresso, il concetto di caloria incompleto e ingannevole. Infatti le calorie che possiamo leggere
sulle etichette dei cibi che compriamo al supermercato sono
calcolate in laboratorio, dove non presa affatto in considerazione lenergia che il corpo umano deve utilizzare per digerire
e assimilare quel determinato alimento. La dieta ufficiale ci
dice s quante calorie vengono fornite da uno specifico cibo,
ma non ci informa affatto su quante calorie il corpo deve con-

137

sumare per poterlo digerire, assimilare e liberarsi dalle tossine


derivate da tali processi.
Per esempio, un pezzo di carne magra, che verosimilmente
fornir circa 4,5 calorie al grammo, ne consuma probabilmente altrettante nelle tre ore successive necessarie per la sua digestione e assimilazione. Questo spiega perch alcune diete
dimagranti si basano sulla carne, e sulle proteine in generale.
Un alimento introdotto nel corpo umano si trova in un ambiente assai diverso da quello in cui viene bruciato in laboratorio per valutarne le calorie. Questa verifica stata fatta
misurando il flusso di energia nervosa nel corpo, prima e dopo
i pasti, composti di vari tipi di alimenti.
Si riscontrato che certi alimenti costringono il corpo a un
grande dispendio di energia per poter essere utilizzati. Questa manifestazione energetica ha portato a credere che gli
138

alimenti in oggetto accrescano lenergia corporea, mentre


vero il contrario: terminati i processi digestivi e assimilativi, il
corpo si ritrova con le riserve energetiche diminuite.
Per uscire da questo circolo vizioso, bisogna riconsiderare il
concetto di cibo e, in particolare modo, il concetto di energia
legato al cibo. Le calorie calcolate in laboratorio guardano al
cibo da un punto di vista biochimico; ma ora sappiamo che
noi siamo anche un apparato biofisico, pertanto dovremmo
riconsiderare il cibo allo stesso modo: non solo dal punto di
vista chimico, ma anche dal punto di vista fisico/vibrazionale.
OGNI CIBO HA UNA VIBRAZIONE
Lingegnere Andr Simoneton ha speso ventanni di ricerche
sugli effetti che gli alimenti possono avere sul corpo uma-

no. Poich tutto ci che vive, compreso il nostro organismo,


emette radiazioni, egli si chiese quali radiazioni lo indeboliscono e quali lo fortificano. Per portare avanti le sue ricerche,
us il contatore Geiger, la camera ionizzante di Wilson e il
biometro di Bovis, che graduato in Angstrom (A) e che pu
misurare anche le onde che sono lunghe solo un decimillionesimo di millimetro.
Con questo sistema, dopo numerosi controlli ed esperimenti
su persone sane e malate, Simoneton riusc a stabilire che
ogni essere umano in buona salute emette delle radiazioni
che vanno dai 6200 ai 7000 Angstrom. Tale lunghezza donda corrisponde al colore rosso dello spettro solare. Luomo
emetterebbe unaura di colore rosso che lo avvolge per un
diametro di 6 metri. Nelle persone malate, invece, tale vibrazione sempre pi bassa ed indice di un deficit energeticovibrazionale. Simoneton constat che sotto i 6200 Angstrom,
lorganismo non pu pi mantenere il suo corretto funzionamento e se tale deficit viene protratto nel tempo, ecco che
compaiono i sintomi di un qualche disturbo. Addirittura, il
ricercatore francese si accorse che a ogni disturbo fisico corrisponde un determinato valore di Angstrom. Per esempio,
linfluenza ha una lunghezza donda di 5460 A.
I suoi studi confermarono ci che noi oggi intendiamo per
concetto di salute e di malattia. Poich siamo esseri costituiti da biofotoni che emettono un campo elettromagnetico,
il concetto di salute va espresso in termini di energia funzionale, una forma di corrente nervosa anche chiamata
bioelettricit che fornisce gli impulsi necessari al movimento
degli arti e d vitalit a tutte le cellule del nostro organismo.
Lelettricit definita come un onda di elettroni che sono

139

costretti a muoversi da atomo ad atomo. Come abbiamo visto, questa onda garantita dalla carica elettrica di circa -75
millivolt che possiede ogni cellula ed veicolata dallacqua.
Al contrario, la malattia uninterruzione delle linee di comunicazione dei biofotoni che sono allinterno dellorganismo. Batteri, virus, funghi e sostanza inquinanti o tossiche
impediscono lo scambio di informazioni del tutto o in parte:
ci produce dapprima unalterazione elettrica della cellula,
successivamente unalterazione chimica e infine compaiono i
sintomi della malattia.

LE FREQUENZE DELLA VITA


Ogni colore presente in Natura possiede una precisa vibrazione e una lunghezza donda. Alcune lunghezze donda
sono indispensabili alla vita, altre invece sono insufficienti,
140

altre ancora nocive. Lunit di misura della lunghezza donda lAngstrom (A):
Infrarosso, da 7801 a 9000 A
Rosso, da 6201 a 7800 A
Arancio, da 5901 a 6200 A
Giallo, da 5801 a 5900 A
Verde, da 5201 a 5800 A
Blu, da 4501 a 5200 A
Indaco, da 4301 a 4500 A
Viola, da 3901 a 4300 A
Ultravioletto, da 3001 a 3900 A
Raggi X, da 2600 a 3900 A

Le frequenze che vanno dallInfrarosso al Giallo sono quelle indispensabili per la vita. Le frequenze comprese tra
il Verde e lUltravioletto sono frequenze insufficienti per
garantire la vita, ma comunque utili. I Raggi X sono invece
frequenze nocive per gli esseri umani.

QUALCHE ESEMPIO DI MALATTIE CON RELATIVI


VALORI VIBRAZIONALI
Durante le numerose rivelazioni di radiazioni misurate su
uomini sani e malati, lingegner Simoneton stabil anche
che la banda dei microbi e delle malattie va da 3100 A
(valore della meningite, colore ultra-violetto) ai 6250 A
(valore della dissenteria, colore infra-rosso). Di seguito,
alcuni esempi di lunghezza donda di specifiche malattie:
* Dissenteria: 6250 A
* Influenza: 5460 A
* Stafilococco: 5400 A
* Tubercolosi: 5525 A
* Tetano: 4900 A
* Cancro: 4874 A
* Difterite: 4500 A
* Meningococco: 3100 A
La scala Bovis-Simoneton trova grosse conferme non solo nei risultati concreti e sui grandi numeri del lavoro da
lui condotto, ma anche negli studi di grandi ricercatori
sui campi aurici delle persone, tra cui, per esempio, laustraliana Judith Collins, autrice di un testo basilare come
How to see and read the Human Aura, con foto reali dei
vari tipi di aura emessi dal corpo umano in condizioni di
salute e di malattia.

Dal punto di vista biochimico, luomo si garantisce una ricarica energetica attraverso il processo di ossidazione per mezzo
del quale digeriamo il cibo ingerito. Lossidazione avviene come conseguenza dellassorbimento di ossigeno e nutrimento
da parte delle cellule. Questo apporto energetico quello
che la dietologia classica misura con il concetto di caloria.

141

Tuttavia, prove di laboratorio hanno dimostrato che gli alimenti sintetici, pur fornendo unalimentazione equilibrata dal
punto di vista qualitativo e calorico, non sono sufficienti per
garantire uno sviluppo normale. Questo significa che, oltre ai
consueti elementi (proteine, carboidrati, grassi, vitamine e minerali), gli alimenti devono anche possedere qualcosaltro.
Come sosteneva il biochimico tedesco Ehrenfried Pfeiffer, sostenitore dellagricoltura biodinamica e seguace dello scienziato austriaco Rudolf Steiner: La vita pulsa in modo genuino
dal Sole, dal suolo e dalle vitamine vive. I minerali inorganici, i prodotti chimici e le vitamine sintetiche sono morti.
Mediante la cromatografia il dottor Pfeiffer dimostr che la
vitamina-C sintetica o acido ascorbico del tutto diversa dalla
vitamina-C dei frutti della rosa canina per esempio. Quello
che manca nellacido ascorbico il valore biologico o vitaliz142

zante!
Pfeiffer comprese che i cibi, grazie alla luce del Sole, immagazzinano alcune delle sue frequenze e che tali frequenze
sono prossime a quelle del corpo umano e quindi capaci di
garantirne la vita.
Infatti, se guardiamo luomo dal punto di vista biofisico, scopriamo che il nostro organismo si relaziona e adatta continuamente allinfluenza di ogni specie di radiazioni, siano
esse dovute a pensieri, emozioni, alimentazione, radiazioni
cosmiche, solari, terrestri, elettromagnetiche, etc. Cos come
il diapason fa vibrare la corda di chitarra del La perfettamente
accordata; cos come la Terra si scalda poich in risonanza
con le frequenze del Sole; allo stesso modo, luomo mantiene la propria salute per mezzo di vibrazioni energetiche
appropriate.

Per mantenere e conservare la propria integrit funzionale


e il proprio sistema vibratorio interno, luomo, come tutti gli
esseri viventi, si avvale di tre principali sorgenti, che risuonano
tutte in armonia con il suo essere: le onde telluriche e cosmiche; le onde elettromagnetiche dello spettro solare e le onde
vibrazional dei cibi.
GLI STUDI DI ANDR SIMONETON
Approfondendo il suo interesse per lo studio delle energie e
basandosi sulle ricerche e scoperte di altri grandi ricercatori,
come i francesi Andr Bovis e Louis Kervran e il russo Georges
Lakhowsky, Simoneton indag dettagliatamente la radiazione
emessa dagli alimenti e, in base alla forza vibrazionale di ciascuno di essi, arriv a classificarli in quattro grandi categorie:
1) Prima categoria: Alimenti Superiori (Radiazione superiore
a quella trovata nelluomo: da 10.000 a 6500 A);
2) Seconda categoria: Alimenti di Sostegno (Radiazione variabile tra 6500 e 3000 A);
3) Terza categoria: Alimenti Inferiori (Radiazione molto inferiore a quella trovata nel corpo umano: sotto i 3000 A);
4) Quarta categoria: Alimenti Morti (Alimenti che non emettono alcuna energia riscontrabile).
Lingegnere francese conferm in sostanza che il cibo non
altro che un condensatore di energia solare.
Pi il cibo ha ricevuto direttamente la luce del Sole, pi
fresco e meno ha subito processi di trasformazione, e pi
ricco di potere vibrazionale.
I germogli sono il primo prodotto della terra, e perci il pi
ricco di energia. Seguono i semi, poi gli ortaggi e la frutta

143

fresca e secca, quindi i cereali e i farinacei in generale, la frutta


oleosa, le olive, le mandorle, le noci, le noci di cocco, il burro
fresco, il formaggio non fermentato e le uova di giornata.
Prendiamo lesempio della frutta. Quando la frutta ha maturato correttamente sotto il calore del Sole, la sua radiazione
massima. Dopo la maturazione, la lunghezza donda stabile
per qualche giorno, spesso qualche settimana nel caso dei
frutti dinverno, per poi decrescere fino a zero. Mangiando un
frutto noi assorbiamo la radiazione del Sole e probabilmente
anche quella tellurica e cosmica. La sensazione di benessere
che proviamo nella regione dello stomaco dovuta proprio
a questo insieme di radiazioni immagazzinate nella pianta
-, che sappiamo oscillare tra lInfrarosso e lUltravioletto. Un
vero e proprio bagno solare locale!
La freschezza degli alimenti molto importante. Infatti la loro
144

vibrazione e la loro vitalit decrescono con il passare delle


ore e dei giorni. Dalla maturazione, le pere Williams hanno
circa 8 giorni in cui emettono radiazioni vitali, dopodich la
vibrazione scende a zero. Le pesche hanno una durata di
emissione di 10 giorni. Albicocche e prugne mostrano una
durata di circa 15 giorni. Il ciclo vitale di una banana di 24
giorni: nei primi 8 giorni, avendo una energia superiore ai
6000 A, il frutto rientra negli alimenti superiori, mentre nei
6 giorni successivi scivola negli alimenti di sostegno e, negli
ultimi 10 giorni, decade nella categoria degli alimenti inferiori. La logica conclusione che la frutta va mangiata matura
e prima possibile.
Molto interessante constatare che la lunghezza donda della
frutta e degli ortaggi disidratati rimane dentro la banda del
Viola e dellUltravioletto: 4/5000 A. Ma se immerse nellac-

qua (ovvero se sottoposte a un processo di re-idratazione) per


almeno 24 ore, la frutta e la verdura disidratate irradiano quasi
quanto appena colti. Secondo il paragnosta ceco Jan Merta,
la buccia di mele, pere e altra frutta o verdure, se lasciata
immersa in un bicchiere di acqua durante la notte, emette
vibrazioni salubri allacqua che poi pu essere bevuta.
Anche la cottura e la raffinazione degli alimenti toglie loro valore. La cottura, mera invenzione delluomo, distrugge enzimi
e vitamine, fa coagulare le proteine e rende inorganici i minerali. Solo la patata e il frumento fanno eccezione. La patata
cruda ha una vibrazione di 2000 A, cotta nellacqua arriva a
6000 A, mentre al forno (con buccia) raggiunge i 9000 A. Il
frumento ha una radianza di 8500 A, se cotto sale a 9000 A.
Per quanto riguarda la raffinazione, il pane integrale considerato un alimento superiore, mentre il pane bianco sempre
secondo le rilevazioni eseguite da Simoneton ha la stessa
vibrazione (4874 A) di una persona malata di cancro!
I legumi hanno una vibrazione che va da 7000 a 8000 A da
freschi, se seccati da pi di qualche settimana, la radiazione
bassa e, dopo parecchi mesi, non hanno pi alcuna vibrazione: questo il motivo per cui diventano pesanti e indigesti.
La carne considerata un alimento morto poich in essa non
rimane pi nulla dellenergia del Sole o del suolo.
Curiosit: anche il cibo percepisce le frequenze energizzanti
dellamore. Durante i suoi test, Simoneton scopr che i dolci
fatti in casa avevano un alto potere vibrazionale, tale da posizionarli tra gli alimenti superiori. Al contrario, i dolci industriali
che oggi compriamo al supermercato sono privi di vibrazione
e appartengono alla quarta e ultima categoria, quella degli
alimenti morti.

145

ESPERIMENTO: I 3 BARATTOLI DI RISO


Vuoi verificare con i tuoi occhi la potenza del pensiero e
della parola? Fai questo semplice esperimento. Prendi tre
barattoli di vetro e riempili ciascuno di riso gi cotto, aggiungendo un p dacqua. Ora prendi il primo barattolo e
attaccagli sopra unetichetta con la scritta: Ti amo. Mentre lo fai, puoi anche pronunciare ad alta voce o pensare a
ci che hai scritto, con lintenzione di emanare un messaggio daffetto. Poi chiudi il barattolo e mettilo in un armadietto, al riparo. Ora prendi il secondo barattolo di riso e
attaccagli sopra unaltra etichetta, stavolta con la scritta:
Ti odio. Anche in questo caso, puoi accompagnare il
tuo gesto con lintenzione delle tue parole. Riponi anche
questo barattolo nellarmadietto. E riponi ora anche il terzo barattolo, sul quale non applicherai nessuna etichetta.
146

Lascia i tre barattoli al chiuso per 21 giorni. Poi torna a


controllarli e verificherai tu stesso le diverse trasformazioni
che il riso contenuto nei tre barattoli avr subito.

GLI ANTICHI EGIZI GI LO SAPEVANO


Che il cibo fosse un aggregato di energia lo avevano gi molto chiaro gli Egizi, che praticavano la spagira, una disciplina
che presenta alcuni punti di contatto con lomeopatia e la
fitoterapia, anche se per certi altri aspetti ne differisce ed
molto pi profonda.
Letimologia del termine spagyria lo farebbe derivare da due
termini greci: spao, il cui significato estrarre, tirar fuori,
e geros (o geras), col significato di glifo divino. Per cui,
spagira significherebbe estrarre ci che divino. Questo

divino non altro che la forza vitale delle piante, la loro


energia vibrazionale.
Chi ancora oggi si occupa di spagyria, si occupa solo di corpi
viventi e non di semplici molecole derivate da estrazioni con
metodologie positivistiche.
La sua lavorazione, basata su antichi canoni, parte dalla raccolta delle piante, possibilmente spontanee e in base al loro
ciclo naturale, in una zona non inquinata, seguendo rigorosamente dei tempi per ogni singolo vegetale, sia nella raccolta
che nella sua lavorazione, come lora, il luogo, il giorno, il
periodo, cercando di rispettare la complementariet tra uomo
e regno vegetale.
Si estrae cos la vitalit della pianta, con energia che si manifesta allo stato nascente e con forza crescente.
Millenni dopo e arriviamo ai giorni nostri grazie alle scoperte della Fisica Quantistica, oggi anche noi possiamo comprendere quello che un tempo poteva avere dellincredibile.
Fu lo stesso Fritz Albert Popp, dopo aver scoperto che luomo, come ogni creatura vivente, emette un campo elettromagnetico generato dai suoi biofotoni, ad affermare: Noi
esseri umani non saremmo n vegetariani, n carnivori, n
onnivori, bens esseri che assorbono luce. Secondo il professor Popp, lenergia che noi otteniamo dallalimentazione
proprio quella della luce del Sole, immagazzinata dalle piante
e dagli animali.
Questo spiegherebbe come sia possibile che alcuni asceti
riescano a vivere anche senza cibo. Tra questi, c il mistico
indiano Prahlad Jani, che nel 2010, alla veneranda et di 82
anni, dichiar di non aver mangiato n bevuto nulla nei suoi
ultimi 70 anni di vita. LIndian Defence Institute of Physiology
and Allied Sciences lo sottopose a un test durato quindici

147

giorni, di fronte alle telecamere. Non solo Prahlad non mangi n bevve nulla, ma nemmeno cal di peso. Il mistico disse
che si stava nutrendo dellenergia cosmica, il Chi. Tutti i test
medici lo segnalarono come in perfetta salute e i ricercatori
lo descrissero come un soggetto addirittura in migliore salute
rispetto ai suoi coetanei.
APPLICAZIONI PRATICHE
Tornando alle scoperte di Andr Simoneton, le sue linee guida possono quindi esserci di aiuto per un approccio al cibo
non pi meramente dal punto di vista biochimico, ma anche
dal punto di vista biofisico.
Lo stesso Simoneton, coerentemente con quanto aveva indagato, diede molta importanza alle sue ricerche, e lappli148

cazione pratica delle sue scoperte gli salv letteralmente la


vita. A 23 anni, in piena Grande Guerra (1916), venne riformato dal servizio militare per bronchite bacillare e ricoverato
in un ospedale per tubercolosi. A 33 anni era alto 1,69 metri
e pesava ben 90 kg, aveva una colibacillosi aggravata da una
prostatite con cistite, da arteriosclerosi e da costipazione cronica. La sua situazione era molto grave e fu definita incurabile
per lepoca.
Fu allora che Simoneton intraprese un drastico cambio di regime alimentare, diventando vegetariano. Lapplicazione di
questo metodo nuovo fu lunga e faticosa, ma dopo sei mesi
vide gi i primi segnali di miglioramento e, in meno di un lustro, lingegnere francese riguadagn la salute completamente. Al punto tale che a 83 anni pedalava con la bicicletta per
70-80 km, giocava a tennis settimanalmente, sciava, nuotava
e faceva addirittura canottaggio.

SIAMO DAVVERO ESSERI ONNIVORI?


La credenza comune che luomo sia un essere onnivoro. Ma se invece non fosse cos, se fossimo davvero esseri
viventi creati per cibarci solo dei vegetali e dei frutti della
terra?
Premesso che di ogni dieta non mai bene farne un dogma, vediamo cosa ci dicono a riguardo alcuni celebri pensatori di ogni tempo.
Per ognuno il latte della propria specie di beneficio, ma
quello di altre specie dannoso
Ippocrate
La carne forza vitale fintanto che vive
M.L. Holzer-Sprenger
La gente mangia carne e pensa che diventer forte come
un bue. Dimenticando che il bue mangia lerba
Pino Caruso
Pensate alla terribile energia concentrata in ogni prodotto vegetale. Sotterrate una ghianda e unesplosione
si produce dando origine a una quercia. Sotterrate invece
un montone e non ne risulta che decomposizione e putridume
George Bernard Shaw
(...) dominate sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo
e sopra ogni animale che si muove sulla terra. Ecco, io vi
do ogni erba che fa seme sulla superficie di tutta la terra,
e ogni albero con il suo frutto: questo vi servir di nutrimento
Genesi 1:28-29

149

Io vi dico: non uccidete n uomini n animali, n il cibo


che va alla vostra bocca. Perch se voi vi nutrite di cibi vivi,
questi vi vivificheranno. Ma se voi uccidete il vostro cibo,
il cibo morto vi uccider. Perch la vita viene dalla vita e
dalla morte viene sempre la morte
Vangelo Esseno della Pace
Trovo inaccettabile che la violenza costituisca la base di
alcune delle nostre abitudini alimentari
Tenzin Gyatso, XIV Dalai Lama
Quella che chiamano eufemisticamente carne sono in
verit pezzi di cadaveri, di animali morti, ammazzati. Perch fare del proprio stomaco un cimitero?
Tiziano Terzani
150

Sono diventato vegetariano per ragioni etiche, oltre che


salutistiche. Nulla dar la possibilit di sopravvivenza sulla
terra quanto levoluzione verso una dieta vegetariana
Albert Einsten
Dalluccidere gli animali alluccidere gli uomini il passo
breve
Lev Tolstoj
Gli uomini continueranno ad ammazzarsi fra loro fintantoch massacreranno gli animali. Colui che semina luccisione e il dolore non pu raccogliere la gioia e lamore
Pitagora
Se sei convinto di essere naturalmente predisposto a
mangiar carne, prova anzitutto a uccidere tu stesso lanimale che vuoi mangiare. Ma ammazzalo tu in persona, con

le tue mani, senza ricorrere a un coltello o a un bastone o


a una scure. Fai come i lupi, gli orsi e i leoni, che ammazzano da s quanto mangiano...
Plutarco
Quando a tavola ci si trova davanti a una bistecca, non
si pensa che quella parte apparteneva a un animale da
accarezzare, da amare...
Umberto Veronesi
La caccia sempre una forma di guerra
Goethe
bello sedersi a tavola senza doversi preoccupare di che
cosa morto il nostro cibo
J.H. Kellogg
151

Mangiare la carne spegne il seme della grande compassione


Buddha Sakyamuni, Mahaparinirvana Sutra
vero che luomo il re degli animali, perch la sua
brutalit supera la loro. Viviamo grazie alla morte di altri.
Gi in giovane et ho rinnegato labitudine di cibarmi di
carne
Leonardo da Vinci

Con questo non voglio incoraggiarti a cambiare cos drasticamente il tuo regime alimentare. Ricordati che ciascuno di noi
un individuo con una storia e caratteristiche proprie e che
quello che pu essere andato bene per Simoneton, potrebbe
non essere ugualmente la tua soluzione.

Se sei un amante della carne, sarebbe controproducente chiedere al tuo corpo di bandire completamente dalla tua tavola
bistecche e filetti in un colpo solo. Lapproccio alla dieta deve
essere naturale. Altrimenti, privandoti di ci che ti piace (e che
piace al tuo inconscio), rischi di andare in modalit lotta o
fuggi.
Personalmente, sono contrario alle diete rigide.
Perci ti consiglio di eliminare determinati alimenti o categorie di alimenti solo se il test muscolare ti confermer di farlo.
Ai corsi insegno molto bene come testarsi.
Se il risultato del test sar forte, significa che quel cibo
percepito come positivo per il tuo corpo. Se il risultato sar
debole, significa che il tuo inconscio percepisce quel cibo
come non appropriato.
Questo metodo validissimo anche per trovare le intolleran152

ze alimentarti. Puoi cos dapprima trovare gli alimenti che ti


creano problemi digestivi, e successivamente, sempre con il
test kinesiologico, comprendere le cause che vi sono allorigine.
Ricorda, per, che dietro a unintolleranza alimentare, c
spesso un risvolto psicologico. Infatti, come ogni aspetto della
nostra vita, anche il modo in cui percepiamo il cibo legato
alle nostre credenze. Dalla mia esperienza, posso affermare
che dietro ad ogni intolleranza alimentare c un conflitto ad
esempio con una persona. Risolto il conflitto con quella persona, si torna a fare pace anche con quel determinato cibo. E
lintolleranza scompare.
Non quello che entra nella bocca contamina luomo; ma
quello che esce dalla bocca, che contamina luomo! (Matteo,
15:11).

FREQUENZE E COLORI PER


RIEQUILIBRARE I 5 ELEMENTI
Abbiamo appena visto che ogni cibo ha una determinata vibrazione. Ci significa che esso caratterizzato anche da una
determinata frequenza. In pratica, ogni cibo come se immagazzinasse al suo interno solo una parte delle frequenze che
riceve dal Sole. La Natura cos intelligente che ci permette
di percepire immediatamente la frequenza che caratterizza
ciascun alimento attraverso il suo colore. Per esempio, gli
spinaci, che sono di colore verde, avranno immagazzinato le
frequenze del Verde. E poich sappiamo che ogni colore
legato a uno dei 5 Elementi, allora risulta chiaro che, mangiando un cibo di un determinato colore, possiamo nutrire
lelemento corrispondente.
Ad esempio, lelemento Acqua legato alla tonalit azzurra,
con le sue varianti blu e viola. Non a caso, il pesce azzurro
quello che fa scendere il colesterolo, poich gli Omega 3 in
esso contenuto contribuiscono ad abbassare i trigliceridi, sicch il legame tra grassi e acqua inversamente proporzionale.
In questo modo, possiamo riequilibrare i 5 Elementi semplicemente attraverso il cibo. Una buona alimentazione
la base per assicurarci una buona salute, poich nel cibo la
Natura ci offre tutto ci di cui il nostro corpo ha bisogno per
nutrirsi e per rigenerarsi.
Gi nel 400 a.C. il medico greco Ippocrate, consapevole delle
potenzialit terapeutiche di ci che mangiamo, afferm: Fa
che il tuo cibo sia la medicina, e che la medicina sia il tuo cibo.
Anche secondo lo Yoganidra, lo Yoga della Conoscenza, La
salute uno stato dinamico di energia, equilibrio e vitalit e

153

il cibo, in quanto condensatore di energia solare, una delle


fonti che ci pu garantire questo equilibrio.
Ancora una volta, il Metodo RQI ci pu aiutare a capire se
abbiamo alcuni elementi squilibrati e quali essi siano. Una
volta individuato lelemento (o gli elementi) da riequilibrare,
possiamo servirci ancora una volta del test kinesiologico per
capire quali alimenti dobbiamo mangiare maggiormente.
Se, per esempio, scoprissimo di avere uno squilibrio nellelemento Fuoco, dovremmo provvedere a mangiare una maggiore quantit di cibi rossi. Potremmo cos prediligere alimenti
quali le fragole, le albicocche, le lenticchie rosse, i gamberetti.
Tuttavia, se vogliamo essere ancora pi precisi, possiamo testare singolarmente ogni alimento di colore rosso, per comprendere quale tra questi sia riconosciuto dal nostro inconscio
come pi indicato per riequilibrare il nostro flusso energetico.
154

Un altro aspetto importante da tenere in considerazione quando si lavora sui 5 Elementi attraverso il cibo, testare anche
per quanto tempo dovr essere tenuto un certo regime alimentare. Citando ancora lesempio dellelemento Fuoco in disequilibrio, bene chiedere al nostro inconscio per quanto tempo
si dovranno mangiare cibi di colore prevalentemente rosso.
TESTIMONIANZE
Guarire dalla psoriasi
Ho acquistato via internet il Corso Multimediale del Metodo RQI e ne sono rimasta affascinata, ma la cosa inimmaginabile e quasi magica che con lAcqua Informazionale, mio
marito sta letteralmente guarendo dalla psoriasi che gli si era
manifestata per la prima volta lanno in cui mor la mia mamma, in seguito a un investimento stradale (circa 17 anni fa).

una malattia autoimmune che viene considera inguaribile e


che gli stata diagnosticata pi volte dai diversi dermatologi
ai quali si rivolgeva per trovare un miglioramento. Premetto
che non so neppure come ho fatto a convincerlo a utilizzare
lAcqua Informazionale e non quella minerale leggermente
effervescente a cui era abituato.
Laura*, Albergatrice
*Nome di fantasia a tutela della privacy.

Pelle idratata con lacqua informazionale


Le prime volte che ho provato a fare il test kinesiologico
avevo un po di difficolt. Poi, aiutato dallo staff del dr. Fincati,
abbiamo scoperto che avevo semplicemente bisogno di idratarmi di pi. Ho iniziato a utilizzare la bottiglia blu di acqua
informazionale, con la parola amore. Dopo una ventina di
giorni ho cominciato a trarne i primi benefici. Ora mi sento pi
energica. Prima utilizzavo una crema per il corpo per idratare
la mia pelle. Ora noto che posso farne spesso anche a meno.
Carla, fotografa
Recuperare la vista
Ho conosciuto il Metodo RQI grazie a un video su internet.
Ho percepito subito che fosse in linea con gli studi che stavo
gi facendo, per mio interesse personale. Cos mi sono fatto
il corso base. Pur non avendo particolari problemi di salute,
ho cominciato a bere acqua informazionale tutti i giorni e a
curare la mia alimentazione secondo le leggi dei 5 Elementi.
Dopo un paio di mesi, ho notato con mio grande stupore che
la mia vista stava migliorando e che non avevo pi bisogno
degli occhiali per guidare (fin da ragazzo ho avuto una leggera miopia di 0,75 o/sx e 0,50 o/dx). In quello stesso periodo,

155

ho fatto una visita di controllo dalloculista, che avevo gi programmato da tempo. Visitandomi e studiando i miei occhiali,
il dottore mi disse: Chi le ha prescritto queste lenti? Le butti
via, lei ci vede benissimo e queste le sono solo di ostacolo.
Stefano
NOTA: Lunico modo per imparare ad applicare correttamente questa soluzione e avere i dispositivi e gli accessori
necessari attraverso il Corso Avanzato RQI1 Materia
Acqua Informazionale e Alimentazione Vibrazionale, disponibile anche in versione Multimediale, per la fruizione
da casa. Ti ricordo che puoi trovare tutte le informazioni su:
www.metodorqi.com

156

SOLUZIONE RQI2 ENERGIA:


BIOTECNOLOGIE OLISTICHE

La conoscenza e lutilizzo delle Biotecnologie Olistiche


che apprenderai in questo capitolo ti permetteranno:
Lincremento dellenergia fisica, con aumento dall8% al 30%
di forza, resistenza, elasticit ed equilibrio
Il rilascio delle tossine accumulate
Il miglioramento del sistema immunitario
La riduzione e per addirittura il 90% dei casi la scomparsa
immediata di tutti i tipi di dolore acuti e cronici, per dolore generalizzato al corpo intero o per dolore localizzato
La diminuzione delle infiammazioni
La riduzione delle rughe, e di tutti i problemi estetici e di invecchiamento cutaneo (inestetismi della cellulite compresi)
La riduzione della perdita di capelli e il loro rinvigorimento
Il controllo e regolazione dellappetito
La riduzione dellacido lattico
Di migliorare lossigenazione agli organi e ai tessuti
Di migliorare le propriet bioelettriche degli organi
Una soluzione immediata per ridurre gli effetti dellelettrosmog (telefoni cellulari e wi-fi)
Di migliorare il sonno
Di migliorare le prestazioni sportive, professionali e sessuali
Di migliorare la salute in generale

157

Se, come Einstein ci insegna, energia e materia sono la stessa


cosa, allora possiamo guardare al nostro corpo non pi come
un insieme di cellule, ma come a un insieme di frequenze: le frequenze emesse da ciascuno degli atomi di cui siamo costituiti.
quello che fece il professor Fritz Albert Popp, quando scopr
lesistenza dei biofotoni.
Nel 1976, il ricercatore tedesco osserv che le cellule comunicano tra loro anche attraverso modalit non biochimiche,
ma elettro-magneticamente, attraverso cio segnali di luce.
Tali segnali di luce i biofotoni, appunto non sono altro che
laspetto energetico della materia: sono lenergia che la genera e che le d una forma, e confermano il fatto che, come
affermava Einstein: Tutta la materia, animata e non animata,
energia condensata.
Infatti la Fisica Quantistica definisce gli atomi come elementi
158

vibranti e lo stesso Popp scopr che le frequenze dei nostri


atomi formano un campo elettromagnetico e tale campo
elettromagnetico il mezzo di cui si serve il corpo per veicolare al suo interno tutte le informazioni necessarie per
mantenersi in vita. In sostanza, attraverso ciascuna frequenza
emessa, ogni atomo del nostro corpo comunica con gli altri.
Inoltre, proprio perch costituito da un campo elettromagnetico, il nostro corpo comunica anche con lambiente
esterno, interagendo con le frequenze in esso presente,
secondo le leggi dellinterferenza.
Il Sole, il cibo, ma anche le emozioni positive scaturite dai
rapporti umani, sono un diapason di frequenze che, entrando
in contatto con noi, ci fanno risuonare ci fanno cio vibrare,
ovvero vivere proprio come vibrerebbe una corda di chitarra
del La perfettamente accordata.

Tutto ci port Popp a comprendere il primato delle leggi


della biofisica sulla biochimica. Infatti, senza bioenergie non
ci sono reazioni biochimiche, poich solo le giuste comunicazioni bioenergetiche permettono delle giuste reazioni biochimiche.
Come avevamo gi visto nel capitolo precedente, lenergia
chimica energia per cos dire di deposito, energia stoccata: perch le nostre cellule possano utilizzarla, devono riconvertirla in vari modi e forme finali e una di queste la
riconversione in frequenze. Se non avvenisse questa riconversione, le nostre cellule non potrebbero operare nessuna
trasformazione della materia, perch sono le onde elettromagnetiche che eccitano gli stati elettronici delle molecole e
quindi ne determinano la reattivit chimica.
Le trasformazioni chimiche sono quindi solo laspetto materiale di processi che implicano anche aspetti quasi-immateriali,
come, per esempio, le trasformazioni dellenergia.
Se i fenomeni bioenergetici sono regolari, pi facilmente procederanno in modo regolare anche i fenomeni biochimici.
LA COERENZA
A questo punto fondamentale introdurre il concetto di Coerenza. Popp defin la Coerenza come lo stato del corpo in
cui i biofotoni vibrano in sintonia, in concordanza di fase e con
la stessa frequenza.
Il ricercatore tedesco scopr che gli organismi in buona salute
emettono biofotoni molto coerenti e gli organismi in cattiva
salute emettono fotoni meno coerenti.
Il fisico Emilio Del Giudice, che fu Primo Ricercatore presso

159

lIstituto Nazionale di Fisica Nucleare, definiva la Coerenza


come un movimento allunisono. E spiegava: Il gas un
insieme caotico di molecole. Abbassando la temperatura, diminuiamo lenergia totale, ma vengono eliminati i movimenti
superflui, incoerenti. Tutta lenergia comincia a risuonare, a
orientarsi verso la Coerenza. Abbiamo cos dapprima i liquidi,
e successivamente i solidi. Lo stato solido quello stato in
cui le particelle passano dallessere indipendenti al creare un
movimento coerente, che le porta ad aggregarsi. Per questo
le molecole possono interagire tra loro anche a livello chimico, solo se, dal punto di vista biofisico, sono in fase, cio
se risuonano tra loro. Luomo un sistema aperto che per
vivere ha bisogno di risuonare con un determinato numero
di oscillatori esterni in fase con lui: il sole, il cibo, le relazioni umane. La morte avviene quando un organismo non si
160

riconosce pi nellambiente e smette di risuonare con esso. In


sostanza, il mondo delle molecole guidato da segnali esterni
ai quali viene dato un determinato significato.
Ervin Laszlo, filosofo ed epistemologo ungherese, spiega il
concetto cos: La materia energia informata, energia
che ha preso una forma grazie allinformazione. Gli esseri
viventi sono viventi solo perch hanno le informazioni per vivere. Luniverso non caotico e nemmeno predeterminato, ma
ogni suo fenomeno risponde alle informazioni dellambiente.
Linformazione agisce sullenergia. Cos il corpo uno stato
fisico possibile, basato sulla Coerenza. Esso risuona con le
frequenze che gli appartengono. La malattia una rottura di
Coerenza.
Rollin McCraty, direttore della ricerca allIstituto HeartMath di
Boulder Creek, California, sintetizza in una frase: La Coerenza il naturale stato risonante del corpo umano.

IL CAMPO MORFICO O MORFOGENETICO


La scoperta dei biofotoni permise di spiegare tramite quale mezzo avvenissero le comunicazioni e sincronizzazioni
fra cellule di uno stesso organismo (ma anche tra colonie
o branchi di esseri della stessa specie), anche se restava
da comprendere dove fosse scritto il programma di costruzione di un organismo, dato che ancora oggi nessuno scienziato ha trovato nel DNA che, secondo quanto
osservato da Popp, la molecola che pi di ogni altra
deputata alla ricezione e alla trasmissione dei biofotoni
alcuna informazione codificata che corrisponda al piano di
sviluppo di un essere pluricellulare.
Unipotesi rivoluzionaria quella del biologo britannico
Rupert Sheldrake, il quale considera che tali programmi
vengano depositati e poi letti nei cosiddetti campi morfici. Da un punto di vista puramente fisico, i campi morfici
potrebbero essere contenuti nelle vibrazioni del Campo
di Punto Zero, ovvero in una struttura vibratoria del vuoto
quantistico.
Secondo Sheldrake, il campo morfico o morfogenetico
una struttura che contiene tutte le informazioni grazie alle
quali le cose assumono la loro forma o la loro organizzazione. Tale campo non fisso, ma si evolve, e la sua struttura
dipende da ci che accaduto in precedenza, vale a dire
che il campo contiene una sorta di memoria del passato.
Una volta che un nuovo campo ha cominciato a esistere,
esso si rafforza attraverso la ripetizione, cos diventa sempre pi probabile che il modello si riproponga. I campi divengono una sorta di memoria cumulativa, evolvendosi nel
tempo, e sono alla base della formazione delle abitudini.

161

La teoria dei campi morfici sostiene che se lo stesso fenomeno avviene pi volte, si forma un campo morfico, il quale esercita la sua influenza su sistemi successivi mediante
un processo chiamato risonanza morfica.
Se lindividuo di una specie impara un nuovo comportamento, il campo morfico cambia, mentre la risonanza
morfica, con una sorta di vibrazione, si trasmette allintera
specie. La risonanza morfica un processo per cui ogni
individuo facente parte di una specie attinge alla memoria
collettiva della specie (o campo morfico della specie) e si
sintonizza con i suoi membri passati, contribuendo cos
allulteriore sviluppo della specie stessa.

162

LE BIOFREQUENZE
Ora: se il corpo umano si nutre di energia, e lenergia si
esprime sotto forma di frequenza, quali sono le frequenze che
danno Coerenza al corpo umano?
Il nostro campo elettromagnetico risuona a un determinato
spettro di frequenze, le cosiddette biofrequenze.
Le biofrequenze le frequenze della vita sono le vibrazioni
che luomo riconosce come vitali e che utilizza per attivare
tutti i suoi processi biologici.
Per luomo, la maggior parte dellenergia radiante emessa
nello spettro infrarosso, da 2 micron fino a oltre 50 micron,
essendo queste le zone normalmente interessate ai processi
di vibrazione e rotazione molecolare. A una temperatura di
36 gradi centigradi, come quella del corpo umano, il picco
energetico demissione infrarossa intorno ai 9-9,5 micron.

Lemissione poi decade secondo una configurazione gaussiana nei due lati opposti, fino a raggiungere il minimo a circa 2
micron nellinfrarosso vicino e a circa 50 micron nellinfrarosso
lontano. In tempi recenti si avuta conferma che questa curva
demissione in realt si estende in una zona pi ampia nello
spettro elettromagnetico, comprendendo gli ultravioletti e
le microonde.
Le biofrequenze che riceviamo dallambiente sono il nostro
diapason naturale. Infatti, se veniamo sottoposti ad esse, il
nostro corpo, riconoscendole come proprie della sua natura,
comincia a risuonare, cio a vibrare, e quindi a liberare la
sua energia per svolgere tutte le proprie funzioni biologiche.
Oltre allutilizzo delle biofrequenze che troviamo disponibili
in natura (i raggi del Sole e lenergia solare immagazzinata dal
cibo, le emozioni positive, le radiazioni cosmiche e terrestri),
la scienza ci mette a disposizione diversi dispositivi in grado
di immagazzinare e restituirci le stesse frequenze.
Per la loro origine dimensionale frazionale, ricorsiva e dinamica, le biofrequenze posseggono la capacit di vibrare su
una gamma infinita di frequenze simili ma sempre diverse, e
quindi di entrare in risonanza e di armonizzare le frequenze
incoerenti e caotiche emesse da campi energetici circostanti.
Le biofrequenze risuonano su piani sottili con le diverse
frequenze dei campi emotivo e fisico, al fine di aiutare a
stabilire un nuovo equilibrio, condizione indispensabile per
attivare i processi di guarigione. Esse non agiscono sulla
malattia, sulla patologia, ma sullenergia. Esse risalgono alla
causa prima, intesa come squilibrio energetico dovuto allo
stress, e annullando lo stress permettono al corpo di autorigenerarsi e auto-guarirsi.

163

La riarmonizzazione delle biofrequenze del nostro corpo si


pu tradurre in benefici:
a) a livello fisico: attraverso un allentamento delle tensioni con
la scomparsa o lattenuazione di dolori;
b) a livello psichico: attraverso il riemergere della matrice
energetica di memorie negative e il loro graduale e dolce
rilascio.
Le biofrequenze sono compatibili con qualsiasi terapia e possono esaltarne gli effetti.
Quanto pi delle onde sono coerenti, tanto pi saranno in
grado di trasmettere informazioni a grande distanza, anche
in presenza di interferenze caotiche. La luce laser lesempio tipico: la stessa energia di una lampada da 60 watt ad
incandescenza (luce incoerente) illumina appena una stanza,
164

se viene resa monocromatica (una sola frequenza) e in fase


(quindi coerente), in grado di arrivare sulla Luna oppure di
tagliare una lamiera di ferro.
Qui di seguito elenchiamo quattro approcci diversi allutilizzo
delle biofrequenze, ripercorrendo brevemente la storia della
medicina energetica per arrivare infine a spiegare le Biotecnologie Olistiche sulle quali si basa la Soluzione RQI Energia
del Metodo RQI.
1. I GENERATORI DI BIOFREQUENZE
I generatori di biofrequenze sono apparecchiature che si
basano su un sistema brevettato costituito da un amalgama
di minerali miscelati in proporzioni adeguate, il quale genera uno spettro di frequenze biocompatibili e simili a quelle

emesse naturalmente dal corpo umano in uno stato di pieno


benessere. Tale biospettro comprende una gamma che va
dallo spettro visibile alla banda dei raggi infrarossi, fino alle
onde micron.
Lo spettro viene percepito dallorganismo come qualcosa di
fisiologicamente naturale e le informazioni biologiche che le
sue onde veicolano sono accettate e utilizzate per ripristinare
loriginale stato di salute.
Lobiettivo non per quello di supplire con un po di energia
esogena a un eventuale deficit di energia endogena; invece quello di sfruttare il fenomeno della risonanza, e quindi
di indurre gli elettroni, gli atomi, le molecole e i complessi
macromolecolari a vibrare nuovamente secondo le frequenze
giuste, il che vuol dire indurre le cellule a produrre nuovamente le reazioni biochimiche appropriate.
Infatti, per il naturale effetto di risonanza, quando due corpi
vibrano alla stessa frequenza il pi armonico tende ad armonizzare anche laltro.
Si potrebbe fare un esempio con il calore: un corpo pi caldo
tende a riscaldare il pi freddo.
Il flusso di biofrequenza generalmente indirizzato verso le
parti del corpo con problemi o in specifici punti di correlazione. Sottoponendosi a queste frequenze, vengono stimolate
delle opportune reazioni fisiche e biologiche che si traducono
non solo in un miglioramento della zona irraggiata ma anche
in un generale miglioramento della sensazione di benessere
percepita.
La sperimentazione ha dimostrato che tali apparecchiature
hanno effetti positivi su:

165

il sistema neuroendocrino
il metabolismo basale
il sistema nervoso
il sistema cardiovascolare
i parametri ematologici
la risposta immunitaria
Inoltre, i generatori di biofrequenze sono di significativo aiuto
per:
riequilibrare le biofrequenze naturali
combattere il precoce invecchiamento
aumentare la sensazione di benessere
rilassare la muscolatura
armonizzare la crescita
migliorare la concentrazione per lo studio ed il lavoro
166

TEST CON LA NAZIONALE DI CALCIO ITALIANA


Dal 21 luglio al 7 agosto 2008, il Laboratorio di Metodologia dellAllenamento e Biomeccanica del Settore Tecnico
FIGC, in collaborazione con lAssociazione Italiana Calciatori, ha effettuato dei test utilizzando dei generatori
di biofrequenze su 8 calciatori professionisti in ritiro precampionato a Coverciano, al fine di verificarne gli effetti
sul recupero fisico.
Il gruppo sperimentale (i cui risultati sono stati poi confrontati con un gruppo di controllo) ha effettuato 10 sedute (una al giorno) di trattamento, della durata di 30 minuti ciascuna. Per ciascun calciatore stata eseguita una
misurazione al giorno con una termocamera, sempre alla

stessa ora. Le immagini fornite dalla termocamera, con


una scala cromatica che va dal nero/viola al rosso, indicano
la temperatura superficiale del corpo, evidenziando che ci
sono parti del corpo pi fredde e altre pi calde.
Si quindi potuto notare le modificazioni termiche che il
corpo di ogni calciatore ha subito nel corso del trattamento: dopo una fase iniziale di assestamento (1-3 giorno),
in tutti i soggetti trattati si assistito a un progressivo
allineamento delle temperature su tutta la superficie del
corpo (ottimale allineamento frequenziale).
In generale, si verificato un miglioramento della microcircolazione tessutale, che molto evidente nel 50% dei
soggetti e in misura inferiore nel 50% restante.
In aggiunta alle immagini termiche radiometriche, sono
state utilizzate tecniche di elaborazione post-processing
in modalit detta multispettrale.
Tale esame ha consentito di verificare che, contemporaneamente al miglioramento del livello di microcircolazione
tessutale, mutata anche lemissione e lassorbimento in
determinate bande di frequenza nel range termico tra 8
e 14 micron. Si osservato quindi unottimizzazione delle
frequenze intorno al picco di emissione naturale del corpo
umano.
Infine, ai calciatori dei due gruppi testati stata monitorata la frequenza cardiaca durante un allenamento di
potenza aerobica effettuato al primo e allultimo giorno.
Dalla comparazione dei valori, stato messo in evidenza
che il gruppo che ha utilizzato tali apparecchiature ha presentato un miglioramento percentuale maggiore in tutte
le fasi del lavoro.

167

Tali apparecchiature si configurano come generatori portatili,


lettini, cabine. Il costo di tali apparecchiature varia da un minimo di 3.000 euro fino a circa 20.000 euro.
Le apparecchiature possono essere impiegate da professionisti del settore medico-sanitario, da specialisti del settore
estetico, da preparatori sportivi, da professionisti del settore
wellness.
Ogni applicazione richiede almeno 30 minuti. Poich lo spettro di biofrequenze fornito da tali generatori completo, esso
non lavora in modo specifico, ma fornisce al corpo tutte le
frequenze possibili. Sar poi il corpo, in base ai suoi disequilibri interni, a percepire di quali frequenze ha bisogno per
riequilibrarsi. Il processo di guarigione pu quindi necessitare
di pi sedute: da qualche settimana a qualche mese.
168

I GENERATORI DI BIOFREQUENZE
Tipologia di dispositivo: apparecchiatura ingombrante
Costo: 3.000-20.000 euro
Durata: fino a 20 anni
Frequenze: tutte
Tecnologia: usa le frequenza dei minerali
Impiego: necessita di un tecnico specializzato
Manutenzione: necessaria

2. CEROTTI INFORMATI CON PROTEINE SPECIFICHE


Poich i generatori di biofrequenze sono apparecchiature
specifiche ingombranti e costose, evidente che non sono
alla portata di tutti. Pertanto, sempre partendo dai principi di
bioenergetica, una rinomata azienda americana ha studiato

un prodotto per ovviare al problema. Lazienda ha progettato


dei cerotti altamente tecnologici che sfruttano la propriet del
campo termomagnetico umano, ma in modo passivo, senza
stimolazioni esterne e senza che nulla penetri nellorganismo.
Questi cerotti, caratterizzati da colori diversi in base alla loro
specifica funzione, hanno avuto il loro massimo impiego in
ambito sportivo e sono tuttora molto popolari tra gli atleti
professionisti di svariate discipline: dallNBA al calcio professionistico, sino ai Giochi Olimpici.
I cerotti americani sono composti da un tappeto di microcristalli di silicio posti in una soluzione organica a base di acqua,
aminoacidi, vitamine e ossigeno.
I microcristalli vengono collocati con precisione attraverso la
fabbricazione nanotecnologica che permette loro di innescare
il processo di ritrasmissione del segnale non appena entrano
in contatto con unonda elettromagnetica emessa sotto forma
di radiazioni infrarosse.
Questo proprio ci che avviene quando i cerotti entrano in
contatto con il campo magnetico del corpo: i microcristalli
reagiscono oscillando per risonanza e innescano il processo
di ri-trasmissione del segnale, emettendo la stessa frequenza
captata.
La differenza di programmazione tra i vari cerotti dipende
dagli amminoacidi e dalle vitamine presenti in essi, dato che
il codice di comunicazione della cellula costituito da questi
ultimi.
Come in una cellula la presenza di determinate vitamine e
aminoacidi comporta una modifica della radiazione elettromagnetica, cos la presenza di specifiche vitamine e aminoacidi nei cerotti arricchisce il segnale infrarosso ritrasmesso al

169

corpo, portando con s linformazione utile allorganismo per


ritornare ad una condizione di benessere.
Esistono diverse tipologie di cerotti, ciascuno con una sua
specifica informazione o gruppo di informazioni.
Teoricamente i cerotti si possono applicare su ogni punto del
corpo, tuttavia studi e sperimentazioni hanno dimostrato che
i punti pi efficaci corrispondono a punti di agopuntura ben
precisi e questo logico visto che tali punti hanno delle caratteristiche elettriche specifiche.
I cerotti che sfruttano questa tecnologia sono pi rapidi dei
generatori di biofrequenze, ma occorre conoscere esattamente qual la proteina o linformazione di cui ha bisogno il
corpo per ripristinare il suo equilibrio energetico. Pertanto,
bisogna comprare pi di un cerotto se gli squilibri sono di
170

natura diversa. Inoltre, i cerotti hanno una polarit, ed necessario avere le competenze giuste per imparare a usarli.
Lutilizzo di questa tecnologia ha un costo che varia da 3 a 6
euro al giorno, e talvolta occorrono fino a due mesi di terapia
I CEROTTI CON MICROCRISTALLI AL SILICIO
Tipologia di dispositivo: cerotti differenziati
Costo: dai 3 ai 6 euro al giorno
Durata: da 12 a 48 ore
Frequenze: una per cerotto
Tecnologia: i cerotti contengono la molecola che possiede
una determinata informazione
Impiego: necessita di conoscenze specifiche per la corretta applicazione
Manutenzione: usa e getta

per risolvere i problemi pi complessi. Pertanto, considerando


che i cerotti sono usa e getta e che hanno una durata che va
dalle 12 alle 48 ore, si risparmia solo sul breve periodo.
3. DISPOSITIVI CON ENTANGLEMENT QUANTISTICO
Unaltra tecnologia stata progettata e realizzata da unazienda italiana.
Si tratta di un dispositivo che ha le fattezze di un cerotto
circolare, della dimensione di 14mm di diametro, fatto di materiali particolari, sul quale viene stampata e plastificata una
doppia tecnologia la nanotecnologia e lelettronica a stato
solido che funziona per entanglement quantistico (vedi box).
Ogni cerotto rivestito da un adesivo nel quale sono dispersi nanocristalli chiamati quantum dots e nanotubuli di
carbonio, entrambi funzionalizzati per legarsi chimicamente
tra loro.
I quantum dots hanno la particolarit di essere una struttura
tale che, opportunamente eccitata da fotoni o da elettroni, si
comporta come superconduttrice allo zero assoluto. In questo
caso, se le lunghezze donda assorbite dai quantum dots sono
idonee, questi emettono fotoni tutti coerenti tra loro senza
quasi dispersione di energia.
Grazie al fatto di avere dimensioni di pochi nanometri, le nanostrutture contenute nel cerotto trascendono dalle leggi della fisica newtoniana e obbediscono alle molto meno intuitive
leggi della meccanica quantistica.
Con particolari procedure e apparecchiature, coadiuvato dalle
propriet dei nanotubi di carbonio, il produttore di tali dispositivi riuscito a creare un entanglement tra gli elettroni con-

171

finati nei nuclei dei quantum dots del cerotto e gli elettroni di
particolari partizioni di unit di memoria a stato solido.
Interferendo con opportune informazioni frequenziali sugli
elettroni delle unit di memoria, istantaneamente le stesse
identiche informazioni vengono trasferite agli elettroni dei
quantum dots contenuti nel cerotto.
Quando il dispositivo viene applicato, i quantum dots vengono eccitati dalle lunghezze donda emesse dal corpo del
soggetto (dallidonea quantit di energia sufficiente a far effettuare il salto quantistico) ed emettono fotoni, veicolando
le informazioni al corpo dello stesso.
Tali cerotti sono riconosciuti come dispositivi medici di classe
1 CE e sono stati pensati principalmente con lobiettivo di
stimolare la propriocezione, cio la percezione del cervello
e del sistema nervoso centrale nel riconoscere, attraverso i
172

propriocettori, il corretto posizionamento degli arti e degli


organi.
La differenza tra questa tecnologia e quella dei precedenti
cerotti americani, che qui viene imprigionata linformazione,
e non la molecola. E linformazione qualcosa in pi della
mera frequenza che caratterizza una determinata molecola.
Linformazione il valore significante elaborato dalla coscienza collettiva relativamente a quella determinata frequenza.
Linformazione implica quindi uninterpretazione del segnale.
Senza interpretazione, ogni segnale privo di valore poich
non pu essere definito. Questo si collega alla Biologia delle
Credenze del gi citato Lipton, per il quale sono le credenze
(linterpretazione delle frequenze che riceviamo dallambiente
e che rielaboriamo sotto forma di informazioni) ad attivare le
nostre risposte biochimiche. Questo concetto ci servir per

addentrarci nella terza soluzione del Metodo RQI (RQI Spirito): l andremo a lavorare sulle nostre credenze, modificando la percezione che abbiamo relativamente a determinate
frequenze o segnali che percepiamo come dannosi (interferenze distruttive), per trasformarli in neutrali o addirittura in
positivi (interferenze costruttive).
Il dispositivo di brevetto italiano non contiene quindi la parte
solida, materiale di una proteina, ma solo le sue frequenze.
Tali frequenze vengono poi elaborate in modo che siano coerenti con il nostro corpo, in base alla coscienza collettiva.
Questi dati vengono integrati e stipati in ununit di memoria
di un computer. Si crea quindi una sorta di scrittura: i dati
del computer vengono presi e inseriti allinterno del cerotto.
Tuttavia, linformazione non viene incisa come se fosse un
supporto DVD o USB, ma viene trasmessa attraverso il principio dellentanglement quantistico.
Non si sprogrammano, ma durano due anni. Dopo tale periodo, lazienda pu resettare e implementare le informazioni
nei suoi computer e il cerotto perde quindi i suoi dati ed
necessario comprarne uno nuovo.
Il dispositivo contiene circa 20 informazioni, a differenza del
suo collega americano, che specifico. Per questo, non serve
sapere esattamente quale sia la molecola o linformazione di
cui abbiamo bisogno: per risonanza, si attiveranno solo le
funzioni di cui il nostro corpo avr necessit al momento.
Un altro vantaggio che questi cerotti non hanno polarit:
possono quindi essere applicati da chiunque, anche da chi
non possiede una specifica formazione professionale, purch
abbia imparato il corretto metodo di applicazione. I corsi in

173

aula del Metodo RQI sono stati i primi ad insegnare tale


metodo ai privati.
Questa tecnologia stata testata attraverso misurazioni effettuate con lo strumento BFB ZENER certificato CE per la
misurazione dei livelli di energia dei meridiani sui punti Ryodoraku. In pochi mesi, il cerotto ha fatto ristabilire i livelli
di normo-energia delle persone. Si sono riscontrati risultati
importanti anche in ambito omotossicologico, relativamente
allo smaltimento di tossine da metalli pesanti. Uno studio
baropodometrico (attraverso una pedana per vedere come
viene distribuito il peso), ha evidenziato inoltre che i cerotti
aiutano a riequilibrare la postura senza pi dovere ricorrere
a plantari o solette o correzioni. Nel dettaglio, alcuni degli
obiettivi per i quali essi sono stati impiegati con risultati
174

positivi:
1) per ripristinare i flussi di energia (riequilibrio dei 5 Elementi)
2) per incrementare i livelli di energia
3) per ridurre la sensazione di dolore (a volte in pochi secondi o minuti)
4) per ridurre linfiammazione
5) per aumentare la produzione di antiossidanti
6) per lavorare sui patterns posturali errati
7) simmetrizzare le creste iliache (bacino) e ridurre la dismetria
degli arti inferiori
8) per la propriocezione (ossia la capacit del sistema nervoso centrale di percepire e riconoscere la posizione del corpo
nello spazio)
9) per migliorare le prestazioni sportive (e sessuali), accelerando anche i tempi di recupero
10) per ridurre luso di medicine che hanno effetti collaterali

DISPOSITIVI CON ENTANGLEMENT QUANTISTICO


Tipologia di dispositivo: cerotto
Costo: 100-150 euro a kit
Durata: circa 2 anni
Frequenze: circa 20 informazioni
Tecnologia: informati; lavorano per entanglement quantistico
Impiego: necessita di conoscenze circa i punti di agopuntura, oppure di un metodo, quale il Metodo RQI
Manutenzione: devono essere sostituiti ogni due anni

ENTANGLEMENT QUANTISTICO
Una frase usata in modo inflazionato dice che il battito
dali di una farfalla a Tokyo pu generare un uragano a
New York.
Questo tanto pi valido nella Meccanica Quantistica
dove, invece di considerare la materia come un aggregato fisico di atomi e molecole, la si considera come un
aggregato di energia, e tutto viene ricondotto a una frequenza. Non possiamo pi percepire nulla di separato,
semmai possiamo concepire la materia come una diversa
manifestazione di energia, dove frequenze simili vibrano
per risonanza.
Da queste basi nasce il fenomeno di Entanglement Quantistico o correlazione quantistica che lega indissolubilmente due particelle ad agire in modo sincrono, anche
se si trovano a grande distanza, addirittura ai lati opposti
delluniverso.
Detto con altre parole, lentanglement un fenomeno in

175

cui ogni stato quantico di un insieme di due o pi sistemi fisici dipende dallo stato di ciascun sistema, anche se
essi sono spazialmente separati. Viene a volte reso con il
termine non-separabilit. Secondo la Meccanica Quantistica, possibile realizzare un insieme costituito da due
particelle tale che, qualunque sia il valore di una certa
propriet osservabile assunto da una delle due, questo
influenzi istantaneamente il corrispondente valore assunto
dallaltra, che risulter invariabilmente uguale e opposto al
primo, nonostante la teoria postuli limpossibilit di predire con certezza il risultato di una misura. Ci rimane vero
anche nel caso che le due particelle si trovino distanziate,
senza alcun limite spaziale.
Uno degli esperimenti pi noti per dimostrare lesistenza
di tale fenomeno fu quello eseguito dal fisico francese
176

Alain Aspect nel 1982. Aspect esegu tale esperimento


per spiegare il Teorema di Bell, il quale ipotizz che, se
su una delle due particelle che provengono da una fonte
comune viene condotta unalterazione di stato, la seconda particella che sta viaggiando alla velocit della luce
in direzione opposta alla prima viene inspiegabilmente
alterata a causa della modificazione imposta alla prima
particella.
Cos nel 1982 Alain Aspect con la collaborazione di due
ricercatori dellIstituto di Ottica dellUniversit di Parigi,
raccolse la sfida per una rigorosa verifica delle ipotesi
non localistiche della teoria quantistica. Nel suo esperimento, Aspect utilizz una sofisticata apparecchiatura
allinterno della quale pose un atomo di calcio. Latomo di
calcio venne eccitato al fine di generare una coppia di fo-

toni correlati che si sarebbe mossa lungo percorsi opposti.


Lungo uno di questi percorsi, di tanto in tanto e in maniera
del tutto casuale, veniva inserito un filtro (un cristallo
birifrangente). Una volta che un fotone interagiva con esso, il filtro poteva, con una probabilit del 50%, deviare il
fotone oppure lasciarlo proseguire indisturbato per la sua
strada, facendosi attraversare. Agli estremi di ogni tragitto
previsto per ciascun fotone fu posto un rivelatore di fotoni.
La cosa straordinaria verificata da Aspect con le sue apparecchiature fu che, nel momento in cui lungo il Percorso
A veniva inserito il cristallo birifrangente e si produceva
una deviazione del fotone 1 verso il rivelatore C, anche
il fotone 2 (ovvero il fotone del Percorso B; il fotone separato e senza ostacoli davanti), spontaneamente e
istantaneamente, deviava verso il rivelatore. Praticamente,
latto di inserire il cristallo birifrangente con la conseguente deviazione del fotone 1, faceva istantaneamente e a
distanza deviare il fotone 2.
Tutto ci pu sembrare strano, ma quello che effettivamente accade quando si eseguono esperimenti su coppie
di particelle correlate.
Cos come due particelle, anche due persone possono essere correlate tra loro, specie se trascorrono molto tempo insieme. E questo significa che modificazioni subite da
un soggetto possono interessare anche laltro soggetto.
Nellesperimento Einstein-Podolsky-Rosen, eseguito dagli
omonimi scienziati nel 1935, i tre ricercatori presero due
soggetti che non si conoscevano, concessero loro alcuni
minuti per sviluppare una conoscenza superficiale e poi
li separarono di circa quindici metri, mettendoli ciascuno

177

allinterno di una gabbia di Faraday, una gabbia elettromagnetica.


La gabbia di Faraday progettata per impedire lingresso o luscita di frequenze radio e altri segnali. Per esempio, si potrebbe disporre unantenna di trasmissione FM in
una gabbia di Faraday e da una distanza di quindici metri
non si riuscirebbe a sintonizzare un apparecchio radio su
tali frequenze n a riceverle, perch la gabbia molto
efficace nel bloccare le frequenze.
In sostanza, la gabbia di Faraday blocca lenergia normale, ma consente il flusso di energia quantistica. Una
volta messi i due soggetti allinterno della gabbia, li collegarono a un elettroencefalografo (EEG), una macchina che
controlla lattivit neurologica. Proiettarono poi un fascio
di luce proveniente da una penna luminosa negli occhi del
178

primo soggetto, ma non in quelli del secondo. Puntare un


fascio di luce negli occhi di qualcuno in questo modo causa unattivit neurologica misurabile e un restringimento
visibile della pupilla. Nellattimo in cui lo fecero, lattivit
neurologica di entrambi i soggetti riflesse la stessa attivit
elettroencefalografica e lo stesso restringimento della pupilla. Successivamente, i tre ricercatori presero altre coppie di soggetti e li posero a distanze sempre maggiori fra
loro, ottenendo ogni volta il medesimo risultato.
Cosa significa tutto questo? Significa che possiamo utilizzare lentanglement quantistico per guarire le persone
a distanza. I dispositivi che funzionano per entanglement
lavorano proprio in questo modo. Ma c di pi. Non
necessario avvalersi di una tecnologia esterna, perch la
miglior tecnologia di cui noi siamo in possesso la nostra

mente. Nel documentario The Living Matrix, realizzato da un pool di scienziati e ricercatori americani, vengono raccontate le storie di persone che sono riuscite a
recuperare la salute grazie a terapie alternative, basate
sullentanglement quantistico tra due soggetti. Tra i tanti
episodi, c addirittura quello di un parente di una persona malata di cancro che stato invitato a lavorare su di
s. Per entanglement, si verificata la guarigione della
persona malata.
4. Q-DISK (BIOTECNOLOGIE OLISTICHE INTERIORI)
I dispositivi italiani che funzionano per entanglement quantistico sono stati una delle biotecnologie olistiche che ho suggerito ai miei corsi relativamente alla soluzione RQI Energia.
Tuttavia, poich i miei corsisti li avrebbero dovuti acquistare
pagandoli allazienda che li produceva, questo andava contro
la mia filosofia per due motivi. Primo, perch non voglio che
il Metodo RQI si leghi a un prodotto: lobiettivo principale
del Metodo proprio quello di svincolarsi da ogni sorta di
dipendenza. A che scopo liberarci dalluso dei farmaci se poi
dobbiamo acquistare una nuova soluzione? Certo, avremmo
in parte risolto il problema degli effetti collaterali legati al
mondo della biochimica farmaceutica, ma non quello della
nostra piena autonomia e libert.
Secondo, notai che la gente cominciava a identificare la soluzione RQI Energia nel cerotto e non pi in generale nella
metodologia. Il cerotto solo un mezzo per ottenere quello
che la Fisica Quantistica ci insegna, ma non il fine del Metodo
RQI. Io non voglio vendere n tecnologie n prodotti, ma

179

mettere a disposizioni di tutti un insieme di informazioni, competenze e strumenti che nascono dai nuovi confini tracciati
dalla nuova scienza. Le tecnologie e i prodotti cambiano un
anno con laltro: la vera soluzione sono le informazioni e gli
strumenti che i miei corsisti ricevono e che possono utilizzare
in piena libert, adattandole alle problematiche o alle situazioni della loro vita.
Ecco allora che, in collaborazione con Q-Institute, ho sviluppato dei dispositivi originali che non si trovano in commercio
per nostra scelta ma che sono regalati esclusivamente ai corsi
RQI. In questo modo, essi vengono percepiti come strumento
e non come prodotto. Per dirla tutta, quello che i dispositivi
sono in grado di fare, lo pu fare anche la mente umana, attraverso diverse tecniche, molte delle quali fanno parte della
180

soluzione RQI Spirito o del Master RQI. A maggior ragione,


quindi, invito sempre chiunque a non fermarsi a un cerotto...
I miei dispositivi si chiamano Q-Disk. Nascono dallo stesso
concetto dei dispositivi precedenti, con alcune implementazioni.
Primo: hanno molte frequenze in pi rispetto ai loro predecessori, il che li rende capaci di agire su uno spettro ancora
pi ampio di situazioni. Possiamo dire che contengono tutte
le frequenze gi presenti nei generatori di biofrequenze, ma
sono pi veloci ad agire, grazie al fatto che funzionano per
entanglement.
Secondo: in aggiunta a tutte le biofrequenze, i Q-Disk sono
caricati anche con la frequenza della Coerenza, che la frequenza capace di armonizzare qualsiasi forma di vita in natura.
Terzo: possono essere pi precisi dei loro predecessori poich

sono stati studiati e concepiti per adattarsi alle frequenze specifiche della persona che li utilizza. Infatti, a differenza degli
altri dispositivi, i Q-Disk non presentano frequenze standard
per ciascuna informazione che devono dare, ma presentano
un range di frequenze entro cui lavorare, e tale range risponde alle caratteristiche del soggetto che li impiega.
Facciamo un esempio pratico: se il corpo umano tende a produrre una determinata proteina quando riceve una frequenza
prossima a 3 Hz, potrebbe essere che il signor Mario abbia
bisogno di una frequenza di 3,1 Hz affinch il suo corpo attivi
quella reazione biochimica atta a produrre la proteina in questione e che sua moglie Lucia necessiti invece di un frequenza
pari 2,9 Hz.
Attraverso una specifica metodologia, il Q-Disk si adatta alla
persona e ci permette maggiori possibilit di successo e
risultati pi rapidi.
Quarto: non possono avere effetti collaterali.
Come i precedenti cerotti brevettati in Italia, anche i Q-Disk
non hanno polarit, perci non serve essere tecnici specializzati o avere competenze specifiche per saperli utilizzare. Lunico requisito sapere comunicare con linconscio per comprendere la causa della problematica e i relativi punti singolari
sui quali applicare i cerotti. quindi sufficiente applicare le
tecniche del Metodo RQI.
Tuttavia, un altro vantaggio dei Q-Disk che hanno un raggio
di azione di 4 centimetri, perci funzionano in modo efficace
anche se non si posizionano esattamente nel punto di agopuntura appropriato.
Inoltre, lavorano sui fiumi dei meridiani (e non solo sul meridiano specifico). In questo modo, fanno fluire lenergia, senza

181

mai congestionarla. Ci significa che, se si tengono pi tempo


del dovuto, poich lenergia che essi riattivano continua a
scorrere, evitano squilibri energetici dovuti a un surplus di
energia, tanto deleteri quanto un suo deficit.
Funzionano anche sui vestiti e addirittura! sul gesso e possono contribuire ad accelerare la calcificazione ossea.
Un accorgimento importante da ricordare durante lutilizzo
dei Q-Disk, di bere tanta acqua, per facilitare la trasmissione
del segnale dellinformazione. Il Q-Disk il comunicatore, ma
lacqua il conduttore.
I Q-Disk hanno durata pressoch... eterna. Non si deprogrammano e le loro informazioni vengono continuamente aggiornate attraverso il Campo Morfogenetico.

182

Q-DISK
Tipologia di dispositivo: cerotto
Costo: indefinibile (in omaggio con i corsi RQI)
Durata: non hanno scadenza
Frequenze: tutte quelle necessarie
Tecnologia: entanglement quantistico; caricati anche con
la frequenza della Coerenza, sfruttano principi derivati da
tecniche antiche e recenti, attraverso lapplicazione del Metodo RQI
Impiego: per tutti, purch si conosca il Metodo RQI
Manutenzione: non necessaria

Q-Disk. Quali applicazioni


Dato che i Q-Disk agiscono sul campo bioenergetico del corpo umano, le applicazioni per le quali essi possono essere

impiegati sono tutte quelle che hanno origine da uno squilibrio energetico. E poich medici e scienziati ci insegnano che
il 98% dei problemi di salute nascono da un nemico comune
chiamato stress e che questo stress agisce principalmente
squilibrando il nostro sistema biologico, allora comprensibile che il campo di applicazione dei Q-Disk davvero molto
ampio. Essi sono risultati efficaci non solo per luomo, ma
anche per gli animali. Con i Q-Disk, possibile:
migliorare lequilibrio dei 5 Elementi, cio i flussi energetici
del corpo;
incrementare forza, equilibrio ed elasticit del corpo, ad
ogni et;
aumentare il benessere generale e detossinare lorganismo;
risvegliare il potere auto-curante del corpo, anche negli animali;
ridurre dolori, infiammazioni e squilibri posturali;
migliorare il sonno e ridurre linvecchiamento cutaneo e
cellulare;
migliorare le prestazioni professionali, sportive e sessuali.
Vediamo ora nel dettaglio alcuni dei loro possibili impieghi.
a) Per tutte le applicazioni per cui usata lagopuntura
Nel 2002, lOMS effettu unanalisi dettagliata delle sperimentazioni scientifiche riguardo lagopuntura valutandone
lattendibilit, al fine di promuovere luso appropriato dellagopuntura in quegli stati membri in cui lagopuntura non
stata ampiamente utilizzata.
Ne concluse che le patologie, i sintomi e le condizioni per i
quali lagopuntura efficace sono almeno 28, tra cui:
Reazioni avverse alla radioterapia e/o chemioterapia

183

Rinite allergica
Colica biliare; Colica renale
Depressione
Dissenteria acuta bacillare
Dismenorrea primaria
Epigastralgia acuta
Dolore facciale; mal di denti
Mal di testa
Ipertensione arteriosa essenziale
Ipotensione arteriosa primaria
Induzione del parto
Dolore al ginocchio
Leucopenia
Lombalgia; cervicalgia; sciatalgia
Mal posizionamento del feto
184

Nausea gravidica; nausea e vomito


Periartrite della spalla
Gomito del tennista
Storte e strappi
Dolore postoperatorio
Artrite reumatoide
Distorsione
Ictus
Epicondilite
Successivamente al 2002, la stessa OMS ha allargato ulteriormente il numero delle malattie o patologie per le quali
lagopuntura efficace, includendone circa 60.
I Q-Disk, agendo sui punti singolari, effettuano lo stesso
lavoro, ma con una differenza importante: laddove lagopuntura agisce sul campo elettrico del corpo umano, i

Q-Disk agiscono invece sul campo elettromagnetico del


nostro corpo. Cosa significa nel concreto? Il campo elettromagnetico molto pi potente del campo elettrico e oggi,
immersi come siamo tra i ripetitori di wi-fi e le antenne telefoniche, lagopuntura potrebbe non essere pi la soluzione
opportuna. Infatti, basterebbe una sola chiamata al cellulare, appena dopo una seduta di agopuntura, per cancellare
molti degli effetti benefici della stessa. Al contrario, i Q-Disk
lavorano sullo stesso piano dei campi elettromagnetici e, di
conseguenza, sono in grado di sovrapporsi e quindi annullare (o per lo meno attenuare) le interferenze distruttive di
tali campi.
b) Per riequilibrare i 5 Elementi (e superare le credenze
limitanti che li hanno disequilibrati)
Come abbiamo gi ricordato, i Q-Disk lavorano sui fiumi
dei meridiani, con il vantaggio di far sempre scorrere lenergia
che, attraverso il loro utilizzo, viene sbloccata e riattivata. Per
questo evitano congestioni e il loro utilizzo non ha controindicazioni, nemmeno se protratto nel tempo. Il corpo sul quale
vengono applicati i Q-Disk riceve tutte le frequenze che essi
posseggono, ma sceglie solo quelle che gli sono necessarie
per ripristinare il suo equilibrio e riattivare i corretti processi
biochimici che ne caratterizzano la buona salute.
Il dottor Pierluigi Biava, medico e ricercatore presso lIstituto
di Ricerca e Cura di Carattere Scientifico, Multimedica, di Milano, da anni lavora con le biofrequenze a scopo terapeutico,
e spiega: Quale informazione dare al nostro corpo? A volte
difficile trovare quella giusta. Allora conviene dare allorganismo una ridondanza di informazioni, in modo tale che sia
lui a scegliere quelle di cui ha bisogno.

185

La particolarit dei Q-Disk che lavorano non solo sul piano


fisico, ma anche su quello emozionale. Poich anche i pensieri sono frequenze, applicando i Q-Disk in corrispondenza
dellorgano relativo a un determinato disturbo psichico, allora
sar anche possibile favorire un processo di rilascio delle
emozioni negative.
c) Per detossinare lorganismo
Quando il nostro organismo in buona salute e riceve le giuste biofrequenze, produce da solo due importanti proteine
che lo aiutano a liberarsi dalle tossine, dalle sostanze chimiche e dai metalli: queste due proteine sono il glutatione e la
carnosina.
Il glutatione il pi potente e importante fra gli antiossidanti
prodotti dallorganismo, ed presente in tutte le cellule vi186

venti. Viene costituito allinterno del citoplasma partendo dai


tre aminoacidi che lo compongono: la glicina, lacido glutammico e la cisteina.
deputato allinattivazione dei radicali liberi. Esso elimina
inoltre tutti gli xenobiotici, quelle sostanze chimiche estranee al sistema biologico e che includono: farmaci, vaccini,
contaminanti ambientali, agenti cancerogeni, insetticidi, alcol, ma anche composti di origine naturale e composti che si
originano per laggiunta di additivi chimici o in seguito alla
cottura dei cibi. Il glutatione anche un immunomodulatore: i
linfociti, in particolare quelli appartenenti ai sottotipi T, hanno
un elevata domanda di questa proteina.
La carnosina un dipeptide nato dalla combinazione dei due
aminoacidi alanina e istidina. Stabilizza la membrana cellulare
proteggendola dai danni causati dai radicali liberi e si trova in
grande quantit nei muscoli e nel cervello dei mammiferi. Uno

studio della Florida State University riporta che la carnosina


aiuta a modulare e proteggere le membrane e i nervi essenziali dalla tossicit derivante dalleccesso di zinco e rame.
Livelli elevati di carnosina sono associati a un miglioramento
della performance sportiva, specialmente aerobica. Questa
proteina ha labilit di immagazzinare acido lattico nei tessuti
muscolari e pu migliorare la risposta immunitaria. Inoltre,
aumenta i livelli di IGF1 libero, un ormone necessario per
mantenere giovani le cellule in tutto lorganismo.
I livelli di glutatione e di carnosina diminuiscono fisiologicamente con let. I Q-disk posseggono al loro interno linformazione di queste due proteine e contribuiscono ad attivarne
nel corpo la produzione, laddove il solo supplemento alimentare non basterebbe. Infatti, la cisteina che serve a sintetizzare
il glutatione scarsamente presente nei cibi e quella assunta per bocca, attraverso specifici integratori, rapidamente
catabolizzata nel tratto gastrointestinale e nel sangue, dove
possiede anche un potenziale tossico: assumerne un supplemento per via orale non quindi raccomandabile. Stimolare
il corpo a produrre la proteina attraverso linformazione precorritrice della sua biofrequenza, invece, privo di controindicazioni.
d) Per aumentare i livelli di DHEA e diminuire i livelli di
cortisolo
Eliminando lo stress e riequilibrando il flusso energetico del
corpo, i Q-Disk favoriscono lattivarsi del sistema parasimpatico. Ci si ripercuote positivamente anche su due ormoni
che sono direttamente e inversamente proporzionali al nostro
livello di stress: il cortisolo e il DHEA. Abbiamo gi parlato
di questi due ormoni nel primo capitolo. Qui, ti basti sapere

187

che lazione riequilibratrice dei Q-Disk porta benefici simili


a quelli della meditazione. Essi contribuiscono ad abbassare
i livelli di cortisolo, lormone prodotto dal nostro corpo in
situazioni di pericolo, quando entriamo nella modalit lotta
o fuggi, e ad innalzare i livelli di DHEA, lormone steroideo
pi abbondante nel sangue e precursore di tutti gli ormoni
steroidei, deputati a regolare numerose funzioni corporee. Tra
i benefici correlati alla presenza di DHEA, vi sono: aumento
della forza, della prestazione fisica e della performance sportiva; aumento del metabolismo basale, riduzione delle masse
adipose, miglioramento del sistema immunitario, stimolazione
del funzionamento neurologico e miglioramento delle capacit di memoria, prevenzione di malattie nervose degenerative,
prevenzione dellosteoporosi, dellarteriosclerosi e delle malattie cardiache, riduzione dei radicali liberi.
188

Il DHEA rientrerebbe tra i fattori pi importanti per stabilire la


reale et biologica di una persona, che si differenzia dalla
semplice et cronologica e che, in un modo pi preciso di
questultima, indice del nostro stato di salute.
f) Per contrastare gli effetti negativi dellelettrosmog
Agendo sul campo elettromagnetico, le biofrequenze emettono frequenze costruttive che contrastano quelle distruttive
emesse dai dispositivi elettronici quali cellulari, wi-fi, antenne,
ripetitori, cordless, bluetooth, e via dicendo.
Un dato su tutti interessante: in Italia, il decreto attuativo
DPCM del 8/907/2003 ha definitivamente fissato tre limiti
ai campi elettromagnetici a bassa frequenza generati dagli
elettrodotti: un limite di esposizione (pari a 100 microTesla/
minuto), un valore dattenzione (pari a 10 microTesla) e un
obiettivo di qualit (pari a 3 microTesla).

Il problema che qualsiasi apparecchio elettronico noi usiamo, supera di gran lunga il limite di esposizione fissato. Un
computer con wi-fi, per esempio, emette circa 300 microTesla/minuto: tre volte il limite stabilito dal decreto!
Tra gli apparecchi pi inquinanti, ci sono gli asciugacapelli e i
rasoi elettrici, che arrivano a emettere fino a 2000 microTesla.
Fortunatamente, vengono impiegati per poco tempo.
Ormai praticamente impossibile, almeno nelle societ occidentali, trovare un punto della terra privo di antenne e ripetitori. Allora, se non si possono eliminare tali campi elettromagnetici, generatori di frequenze distruttive, lunica soluzione
quella di... aumentare i campi elettromagnetici generatori
di frequenze costruttive. I Q-Disk sono una delle soluzioni
possibili.

I RISCHI DEI CELLULARI


La notizia non nuova. Sono anni che gli esperti studiano
gli effetti dei campi elettromagnetici generati dai nostri
apparecchi cellulari, ma ora ci sono ben 66 studi epidemiologici che non lasciano dubbi: le radiazioni elettromagnetiche sono responsabili dellaumento dei tumori
al cervello nella popolazione umana. Lo confermano, tra
laltro, 21 esperti che lavorano per lInternational Agency
for Research on Cancer (lAgenzia Internazionale per la
Ricerca sul Cancro) e lOms, lOrganizzazione Mondiale
della Sanit.
I telefonini operano in una frequenza che varia da circa
800 a 2400 megahertz, la stessa utilizzata dai forni a microonde. La loro potenza ovviamente molto inferiore,
altrimenti ci ucciderebbero in pochi secondi, cuocendoci

189

il cervello, ma comunque sufficiente a scaldare la nostra


materia grigia. In quella gamma di onde, le radiazioni prodotte sono radiazioni non ionizzanti o radiofrequenze, che
possono causare danni al DNA delle cellule del corpo e
incentivare la formazione di radicali liberi notoriamente
cancerogeni allinterno delle stesse cellule.
Uno dei rischi pi seri lo sviluppo del glioma, un tipo
di cancro dellencefalo. Lo studio Interphone, svolto in
13 paesi, ha stimato che per aumentare considerevolmente linsorgenza di questo tipo di tumore sufficiente
unesposizione di pi di 27 minuti al giorno alle radiazioni
emesse da un cellulare in un arco di 10 anni.
La notizia buona che bastano pochi e semplici accorgimenti per limitare i rischi. In media, un moderno smartphone emette circa 500 milliwatt di frequenza se tenuto allo190

recchio; se allontanato dal cranio di un solo centimetro, ne


irradier 400 milliwatt. E se allontanato a un palmo dalla
testa (circa 20 centimetri), irradier meno di 1 milliwatt al
cervello: 500 volte meno. Gli auricolari a filo, limitando
in maniera evidente il campo elettromagnetico prodotto
dal telefono cellulare, sarebbero la soluzione migliore, da
preferire addirittura agli auricolari bluetooth, che sono comunque unapparecchiatura elettronica.
I soggetti pi a rischio sono i bambini e i ragazzi fino a
20 anni. Il loro cervello ancora in fase di sviluppo ed
maggiormente suscettibile alle onde radio, sia per le dimensioni ridotte della loro testa, sia per le ossa del cranio
pi sottili.
Ma se i rischi sono cos evidenti, perch se ne parla cos
raramente? Ormai la telefonia mobile un affare da 40

miliardi di dollari lanno e gli interessi economici sono tali


che per chi ne fa un business la salute passa in secondo
piano. Per fare un esempio, il numero di cellulari in Italia
oggi pari a circa 44 milioni, maggiore addirittura di quello
delle automobili circolanti (erano 37 milioni nel 2010).
5. Q-CARD E Q-FOOD
Limpiego delle Biotecnologie Olistiche non si ferma al solo
corpo umano. Una delle nostre principali fonti di energia
il cibo, e con Q Institute ho sviluppato altri dispositivi che
emettono biofrequenze utili a migliorare la qualit degli
alimenti.
Tali dispositivi attraverso lemissione di onde scalari, danno agli elettroni dei cibi linformazione di alzarsi di orbita,
compiendo un salto quantico. Il salto quantico permette un
cambio di frequenza, e quindi di informazione. Tuttavia, ci
possibile solo sui cibi vivi, ovvero su quelli ricchi di acqua.
La Q-Card ha le sembianze di un badge ed utile per informatizzare lacqua nelle giornate nuvolose, quando non possiamo disporre dellenergia del Sole.
sufficiente posizionare la Q-Card per tre minuti sotto una
bottiglia di acqua (ma anche di vino e di birra, altri due alimenti vivi) per portare lenergia sottile dei liquidi fino a
100mila Bovis (quattro volte pi vitale di unacqua di sorgente
sacra) e trarne tutti i benefici.
Cos come abbiamo gi visto nel capitolo dedicato alla Soluzione RQI Materia, possibile informatizzare una bevanda con
una parola specifica, che possiamo scrivere su unetichetta da
porre tra la Q-Card e la bottiglia o direttamente sulla bottiglia.

191

Il Q-Food invece un disco costituito di materiali particolari, e


che stato studiato apposta per gli alimenti. Si pu utilizzare
come sottopiatto, sempre per un tempo di almeno 3 minuti,
oppure lasciare in frigorifero, per annullare le frequenze elettromagnetiche dellelettrodomestico e per donare maggiore
energia ai cibi. Grazie ai Q-Food, gli alimenti diminuiscono i
loro naturali processi di ossidazione e possono durare fino a
un quarto del tempo in pi rispetto alla loro consueta durata.
Inoltre, sia la Q-Card sia i Q-Food contribuiscono ad aumentare la basicit dei cibi, con tutti i benefici che ne conseguono.
Come ci ricorda il professor Valdo Vaccaro, laureato in Filosofia e Naturopatia e socio della sheltoniana American Natural Hygiene Society: Lacidosi uno dei pericoli pi gravi
del nostro organismo. Il corpo non tollera nessun acido libero,
nemmeno per un istante, tranne che nello stomaco durante
192

la digestione. Abbiamo gi 75-100 trilioni di cellule che per il


loro normale funzionamento ci scaricano nel corpo, senza sosta e 24 ore al giorno, i loro residui metabolici, di tipo acido e
potassico-dolciastro, per cui non abbiamo per niente bisogno
di acidificarci ulteriormente attraverso unalimentazione errata.
Il normale rapporto globale tra alcali e acidi nel corpo approssimativamente di 80% alcalino e 20% acido. Questa proporzione viene mantenuta grazie alla ruota dellequilibrio,
costituita dai cosiddetti sali-cuscinetto: il sodio, il potassio, il
calcio e il magnesio. Quando il pH basso, cio acido, lorganismo si demineralizza, ovvero si sacrifica in nome dellintegrit corporale: perde i suoi minerali nel tentativo di ripristinare
il giusto equilibrio biochimico. Ci d origine a una serie di
problemi: digestivi, cutanei, nervosi, osteoarticolari, endocrini,
immunitari, ormonali.
Come se non bastasse, il fisiologo tedesco Otto Heinrich War-

burg, nobel per la Medicina nel 1931, ci ha insegnato che


mancanza di ossigeno e acidosi sono due facce della stessa
medaglia, per cui quando c luna c inevitabilmente anche
laltra. Le sostanze acide respingono lossigeno, mentre quelle
alcaline lo trattengono. Cos chiaro perch tutte le forme di
tumore sono caratterizzate da due condizioni fondamentali:
acidosi (eccesso di acidit) e ipossia (mancanza di ossigeno).
Al contrario, come scrive George Crile nel suo The Origin of
Nature and Emotions: assolutamente impossibile per un
tumore proliferare nel corpo di una persona che si liberi in
continuazione della sua acidit nutrendosi con alimenti che
producano reazioni metaboliche alcaline e che aumenti il
consumo di acqua pura.
La qualit dellacqua di cui i cibi sono costituiti rappresenta
allo stesso tempo uno degli elementi che ne determinano
il grado di alcalinit. Q-Card e Q-Food, inducendo un salto
quantico negli elettroni, riescono a modificarne anche lo stato
acido-basico, favorendone la basicit.

ACIDO E BASICO
Perch il limone, che un alimento acido, in realt definito basico?
Valdo Vaccaro ci ricorda che Non dobbiamo parlare di
cibi acidi e alcalini, ma di cibi acidificanti e alcalinizzanti.
Infatti, non mai la condizione di partenza di un cibo a
determinarne lacidit o la basicit per il corpo umano,
quanto la capacit di quellalimento di trasformarsi metabolicamente in ceneri alcalinizzanti, grazie a interazioni
con altri elementi in zona duodeno. cos che i cibi alcali-

193

ni in partenza (carne, latte, uova, pesce) rilasciano nel duodeno ceneri acide e acidificanti, mentre i cibi acidognoli in
partenza (frutta e verdura cruda) rilasciano nel duodeno
ceneri alcaline, e sono dunque alcalinizzanti.
La scala Remer e Manz valuta la produzione di acido endogeno, tramite lindice di potenziale acido renale, siglato
PRAL. Il PRAL di un cibo si calcola valutando il suo contenuto in proteine, fosforo, potassio, magnesio e calcio,
rapportato al loro grado di assorbimento intestinale. Generalizzando al massimo, si pu dire che le proteine vegetali sono sinonimo di alcalinit, mentre quelle animali sono
sinonimo di acidit.
Tra gli alimenti pi alcalinizzanti secondo le tabelle PRAL,
ci sono: luva (21,8), fichi e fichi secchi (14,1), datteri
(13,7), sedano (5,2), carote ( 4,9), albicocche (4,8) zuc194

chine e zucche (4,6), patate e cavolfiori (4), ravanelli e


rape (3,7), melanzane (3,4), fagiolini verdi e pomodori
(3,1), cicoria (2), lattuga cappuccio (1,6), kiwi (4,1),
ciliege (3,6), ananas e arance (2,78), pere (2,9), mele
(2,2), anguria (1,9), mandorle (0,8), nocciole (2,8), ceci
(7,3).
Tra gli alimenti PRAL pi acidificanti troviamo: il grana
(+34), sottilette (+28,4), uovo (+8,2), tuorlo duovo (+28,2),
trota (+10,8), carne in scatola (+ 13,2), salame (+11,6),
prosciutto (+7,9), pollo (+8,7), aringhe e acciughe (+7),
cioccolato al latte (+2,4), birra (si va dal 0,2 al +0,9), olio
di oliva (livello zero, cio neutro), riso bianco stracotto
(+12), riso integrale (+4,6), fiocchi di avena (+10,7), pasta e
spaghetti (+6,4), pane di segale (+4,1), pane bianco (+3,7),
arachidi (+8,3), noci (+6,8), lenticchie (+3,5).

Se vero che lacidosi un fenomeno patologico relativo


alla dieta, anche vero che essa influenzabile anche
da fattori mentali o dalle abitudini di vita. Le emozioni
negative producono stati di acidosi che si somatizzano a
livello dello stomaco. Al contrario, un moderato e costante
esercizio fisico rende alcalino il corpo. Una respirazione
profonda e ritmata fa altrettanto.
6. Q-PIN
Lultima delle Biotecnologie Olistiche appartenenti alla famiglia Q la Q-Pin. Si tratta di una spilla che contiene linformazione della frequenza della Coerenza (0,1 Hz). Il suo scopo
quello di ritrovare la concentrazione, la lucidit mentale e
la Presenza in ambienti ostili, come per esempio il posto
di lavoro, ma anche il traffico cittadino, dove si spesso in
una situazione di attenzione tendente alla modalit lotta o
fuggi. La Q-Pin apre il terzo occhio, la sede della nostra
dimensione spirituale. Essa permette la stessa integrazione
emisferica che si pu raggiungere ascoltando musica a 432Hz.
Ma qui ci stiamo addentrando nei temi del capitolo dedicato
alla spiritualit. Perci lasciamo spazio alla terza soluzione.

I MOLTEPLICI SIGNIFICATI DELLA Q


Q-Disk, Q-card, Q-Food e Q-Pin. Cosa centra la Q?
I significati sono molteplici.
Primo: Q come Quantistica, la Fisica che spiega i fenomeni dai quali le Biotecnologie Olistiche traggono i propri
principi.

195

Secondo: Q come il suono Qi, Chi o Ki, che nella filosofia orientale simboleggia la nostra energia vitale.
Terzo: Q come la base della piramide, cos come viene
definita in geometria analitica.
La piramide metafora della nostra societ. Spesso ci
aspettiamo che i cambiamenti sociali arrivino dallalto, dai
vertici: dai nostri governanti o dai nostri politici. Purtroppo, raramente cos. Le grandi rivoluzioni (intese come
cambiamenti positivi atti a migliorare il sistema) sono partite sempre dal popolo: la rivoluzione francese, la rivoluzione americana, la fine della Guerra Fredda o i movimenti
contro lApartheid ne sono un esempio. Ecco che laugurio
proposto dal Metodo RQI quello di cominciare a cambiare noi stessi, singoli individui, alla base della piramide,
per cambiare poi la societ intorno a noi. Citando una ce196

lebre frase di Ghandi: Sii il cambiamento che vuoi vedere


nel mondo. Essa riassume in breve lobiettivo.
Cambiare il sistema dalla base ci ricorda anche la nostra
responsabilit individuale. Lamentarsi e stare a guardare
serve solo a giustificare il sistema in cui viviamo. A proposito, c anche una famosa storiella africana. Essa parla di
un colibr che, tutto solo, portando una goccia dacqua nel
suo becco, si dirigeva a spegnere un incendio divampato
nel mezzo della foresta. Tutti gli altri animali, osservandolo, lo prendevano in giro. Allora lelefante gli domand:
Colibr, cosa fai con quella goccia dacqua? Non penserai
mica di riuscire a spegnere lincendio da solo?. E il colibr
rispose: Io, faccio la mia parte.
Come avrai capito, il percorso suggerito dal Metodo RQI
non semplicemente un percorso per auto-star-bene. Il

proprio benessere fisico e spirituale per lappunto la


base di un cambiamento pi ampio, che partendo dal
singolo si rifletter nel mondo, nel momento in cui, una
volta che avrai preso maggiore consapevolezza di chi sei,
cambierai anche gli occhi con cui guardare la realt. E poich la Fisica Quantistica ci ricorda che losservatore cambia
losservato... allora constaterai che sar davvero possibile credere ancora in un mondo migliore. Il Metodo RQI
come una grande famiglia allinterno della quale, c
spazio per diversi livelli di cambiamento. In questo libro,
il cambiamento il tuo, quello individuale. Ma c anche
un cambiamento pi ampio, che riguarda la societ e il
sistema. Questo il percorso Q-Life. Un percorso che, rendendoti sempre pi consapevole delle scelte che fai ogni
giorno, mira a renderti libero nel sapere e nella cultura, nel
gestire la tua salute fisica ed emotiva, nellalimentazione e
nellapprovvigionamento di energia, nel lavoro e nellimpresa, fino ad essere davvero indipendente anche dal denaro.

TESTIMONIANZE
Efficacia sulle malattie psicosomatiche
La prima sensazione rilevata con le Biotecnologie Olistiche uno stato di pi calma e tranquillit, mi sta aiutando
nellapparato digerente e mi sto de-tossinando, un grosso
aiuto sullapparato scheletrico anche nelle mani dove soffro
un po di artrite e di artrosi. Ho notato anche un incremento
di equilibrio e di forza muscolare e di maggior convinzione
nelle decisioni, quindi lavorano bene anche sullambito psicosomatico. chiaro che anche le mie pratiche quotidiane di

197

meditazione e concentrazione influiscono sul tutto, ma devo


ammettere che i dispositivi hanno dato un incremento a tutto questo. Li sto provando solo su me proprio per verificare
anche come usarlo poi sugli altri. Grazie Marco del tuo interesse ed anche delle tua disponibilit. Spero che prima o poi
ci incontreremo.
Luigi, impiegato
Eliminare lo stress e vincere la cervicale
Ho iniziato a utilizzare le Biotecnologie Olistiche circa due
mesi fa per i miei problemi di cervicale e contratture legate a
situazioni di stress di cui soffro da diversi anni (avendo anche
due vertebre cervicali schiacciate). I risultati sono stati sorprendenti, gi dalla prima applicazione ho avvertito miglioramenti nella diminuzione del dolore e nellallentamento delle
198

contratture. Certo vero che bisogna bere per farli funzionare. Dopo una settimana lho spostato e ho cambiato punto.
stato quasi automatico, non so e lho messo al centro del
petto per far fronte a situazioni di stress emotivo. Attualmente, come sento aumentare le tensioni sfodero i miei dispositivi
e li posiziono eseguendo il test. Oggi stesso lho tolto e lho
regalato ad una mia amica che aveva forte torcicollo.
Barbara
Elastica come una ballerina
Ho conosciuto il Metodo RQI tramite internet, ho richiesto
i video gratuiti ed avendo un problema di salute, mi sono
iscritta al corso base. Ero claudicante in seguito a un incidente
dauto in cui mi sono rotta un piede in pi parti; dopo qualche
anno sorto un problema alle vertebre sacro lombari, cifosi,
lordosi e alluce valgo. Durante il corso il test mi ha indicato

le biotecnologie olistiche come soluzione e dopo un mese di


applicazione avevo gi risultati positivi. Oggi non zoppico pi
e non ho pi dolori, posso chinarmi e rialzarmi senza problemi. Mia figlia lavora in Giappone. Ci siamo sentiti su skype e
le ho fatto vedere che riuscivo a chinarmi toccando le punte
dei piedi con i palmi delle mani, senza piegare la gambe. Non
ci credeva. Ho anche ripreso a indossare le scarpe coi tacchi,
che non mettevo da tempo, e settimana scorsa ho ballato per
la prima volta dopo tanti anni. Un enorme GRAZIE a chi mi
ha permesso di ritornare a vivere: Marco Fincati e a tutto lo
staff del Metodo RQI!
Manuela, pensionata
Dolori cronici cancellati in due minuti
Ieri sera ho applicato due dispositivi Biotecnologie Olistiche
alla spalla destra di mio marito, che nello scorso marzo si era
lussata con completa fuoriuscita della testa dellomero dalla
sede articolare. Per alcuni mesi stato trattato da un osteopata in gamba che glielha ripristinata in toto, sciogliendo
aderenze e versamenti consequenziali. Persisteva un dolore
di fondo che si riacutizzava quotidianamente, con la sua attivit lavorativa. scontato dire che il dolore ha cominciato
subito ad attenuarsi per accorgersi stamane che era completamente scomparso, e che poteva fare ogni movimento
senza alcuna limitazione. Grande! Unora fa glieli ho applicati
alla spalla destra, dove il dolore molto pi forte, essendo di
natura infiammatoria e perdurando da pi tempo (anche se
in maniera discontinua). Dopo 2 minuti gi sentiva il dolore in
forte diminuzione e riusciva a portare il braccio in alto senza
provarne unesacerbazione. Non ho parole per ringraziarvi per
le vostre intuizioni. Dopo la visione del video di ieri sera, mi

199

venuta voglia di provare con le persone che mi si rivolgono


per gli acufeni, perch fatico a crederci che possa funzionare:
sarebbe meraviglioso! Solo che per ora devo fare una persona
per volta. Se procede cos, mi attrezzer in maniera pi consistente. A presto.
Clementina, infermiera
Sconfiggere la pubalgia in 18 minuti
Sono un personal trainer e lavoro in palestra. Un ragazzo
di 19 anni, si presentato a me chiedendomi di fargli una
scheda di allenamento solo per la parte superiore del corpo,
in quanto era un anno che soffriva di una pubalgia inguinale
acuta che non gli permetteva pi, non solo di giocare a calcio (il suo sport), ma addirittura lo infastidiva a camminare e
a praticare qualsiasi attivit che riguardasse gli arti inferiori
200

e anche laddome. Allora gli ho parlato dei corsi che stavo


facendo... Cos abbiamo ripreso appuntamento per fare i test
di chek up... Il test kinesiologico mi ha dato come soluzione
biotecnologie olistiche (Q-Disk). Ho usato con lui la tecnica
dei laghi e non quella da terapeuta, riequilibrando ogni singolo meridiano che lo necessitasse, in quanto erano le mie
prime applicazioni e volevo prendere pratica... Trovato punto
avanti e punto dietro, a quel punto ho chiesto lapplicazione
di un ulteriore dispositivo sul punto di dolore. Forte. Essendo
speculari sulla parte inguinale destra e sinistra e avendo 6 dispositivi, gliene ho quindi applicati in totale 4. Tenuti per 18
minuti. Dopo di che, ho testato di nuovo il dolore inguinale
ed passato da debole a forte. Chiesto il mantenimento
energetico, risultato per 20 giorni, solo di notte, su 2 punti.
Nellimmediato, alzandosi dalla sedia dove abbiamo fatto i

test, mi ha confermato di sentirsi meglio e di riuscire a camminare con meno fatica. Ha provato a fare dei balzi (per lui
molto pericolosi): tutto ok. Poi ha voluto provare a camminare sul tapis-roulant gradualmente, dalla camminata leggera
fino a una veloce e in pendenza, e successivamente anche di
corsa. Era/eravamo increduli. Era un anno che cercava di farsi
passare questo male! Altre esperienze personali le ho avute
con male a un ginocchio e mal di gola forte.
Davide, personal trainer
NOTA: Lunico modo per imparare ad applicare correttamente questa soluzione e avere i dispositivi e gli accessori
necessari attraverso il Corso Avanzato RQI2 Energia
Biotecnologie Olistiche, disponibile anche in versione
Multimediale, per la fruizione da casa. Ti ricordo che puoi
trovare tutte le informazioni su:
www.metodorqi.com

201

SOLUZIONE RQI3 SPIRITO:


INCONSCIO E CONSAPEVOLEZZA

Applicando la Soluzione RQI3 Spirito Inconscio


imparerai a:
Individuare velocemente, cio in tempo reale, eventuali
zone di stress o sovrastress energetico dentro e fuori di
te, attraverso lutilizzo di test muscolari.
Riequilibrare energeticamente linconscio, trasmutando
202

rigidit o blocchi emozionali.


Utilizzare al meglio il potere dellintenzione per ripulire traumi inconsci e riprogrammare linconscio al meglio
acquisendo le informazioni necessarie dal Campo Energetico.
Praticare la Postura di Integrazione Emisferica e quindi
mettere in equilibrio la comunicazione tra lemisfero sinistro (razionale) e lemisfero destro (emotivo) del cervello,
rilasciando in pochi minuti il sovrastress e placando subito
lansia e gli attacchi di panico legati ai diversi ambiti della tua vita: autostima, relazioni, dolore e perdita, potere
personale e guarigione spirituale.
Raggiungere lequilibrio energetico e psico-fisico.
Utilizzare il Potere dellIntenzione per modificare la Mente
Inconscia attraverso comandi imposti dalla Mente Conscia.

Applicando la Soluzione RQI3 Spirito


Consapevolezza imparerai a:
Accedere alla Mente Superconscia (il S Superiore).
Lasciare che sia la Mente Superconscia (che prende Consapevolezza della realt) a liberarti da traumi pregressi,
memorie, blocchi emozionali per tornare finalmente alla
condizione di pace interiore.
Applicare la vera Legge dAttrazione e cio ripulire tutte le credenze (pensieri) auto-sabotanti che impediscono
di attirare quello che realmente si vuole nella propria vita.

La Fisica Quantistica ci insegna che losservatore cambia losservato. E anche senza andare a scomodare la scienza dei
quanti, sappiamo che se cambiamo il punto dal quale guardiamo un oggetto, ne determineremo anche una prospettiva diversa. Si dice che quando i problemi appaiono troppo
grandi, bisognerebbe guardarli da un po pi lontano, per
farli apparire pi piccoli. In effetti, spesso tendiamo a immedesimarci troppo nelle nostre vite. Se invece provassimo
a osservarle dallesterno, come se non ci appartenessero,
come se noi ne fossimo spettatori, allora ci spoglieremmo
di tutto il trasporto emotivo che ci trascina inevitabilmente
a giudicare le cose per buone o cattive, per positive o negative.
Si soliti dire: Credo solo a quello che vedo, ma forse sarebbe meglio dire: Vedo solo quello in cui credo.
Per questo, nella Fisica Quantistica, il pensiero precede la
materia. il pensiero a creare.

203

IL PENSIERO CREATORE
Il concetto di pensiero creatore lo stesso che ritroviamo in tutte le filosofie orientali e anche in moltissime
religioni. Nella Genesi della Bibbia, per esempio, Dio ha
creato attraverso la parola, manifestazione del suo pensiero, e il Vangelo di Giovanni si apre cos: Nel principio
era la Parola, la Parola era con Dio, e la Parola era Dio.
Essa era nel principio con Dio. Ogni cosa stata fatta per
mezzo di lei, e senza di lei neppure una delle cose fatte
stata fatta. (Giovanni 1:1-3).

LESPERIMENTO DELLE DUE FESSURE


La Fisica Quantistica indica che tutte le possibilit sono gi
204

realt, anche se rimangono addormentate finch noi non


le risvegliamo con i nostri pensieri, sentimenti ed emozioni. In sostanza, pi diamo forza a un pensiero, pi accendiamo la possibilit che esso diventi reale. In tal senso,
noi stessi diventiamo co-creatori della realt. Questo
in perfetto accordo con quanto si dice nel Vangelo: Se
aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire
a questo sicomoro: Srdicati e trapintati nel mare, e vi
ubbidirebbe (Luca 17:5-6). E ancora Ges dice: Non sta
scritto nella vostra legge: Io ho detto: voi siete di?
(Giovanni 10:34).
La scienza moderna riuscita a dimostrare tutto ci attraverso lesperimento della doppia fenditura, per mezzo
del quale si voluto verificare la dualit onda-particella
della materia.
La prova sperimentale di tale strano comportamento

venne ottenuta nel 1927 da Clinton Davisson e Lester


Germer, che osservarono figure di difrazione facendo attraversare un cristallo di nichel da un fascio di elettroni.
Lesperimento venne condotto disponendo, tra una sorgente di luce e una lastra fotografica, una barriera opaca
con due fenditure parallele di larghezza opportuna. Il loro
esperimento si ispir a quello eseguito nel lontano 1801
da Thomas Young, ma Davisson e Germer lo riprodussero
in modo ancora pi preciso. Infatti, i due scienziati attivarono una sorgente estremamente debole di luce o elettroni, fino allemissione di un unico fotone, o elettrone per
volta. Si verific in tal modo che, in entrambi i casi, la lastra
non veniva impressionata in maniera continua, ma che si
formavano inizialmente singoli punti luminosi indicativi di
un comportamento corpuscolare. Essi risultavano dapprima diradati e dallapparente distribuzione caotica, ma,
aumentando man mano di numero, andavano poi a formare le frange di interferenza tipiche del comportamento
ondulatorio. Analogo risultato si ottenne anche utilizzando
particelle di maggiori dimensioni. Ci dimostr inequivocabilmente lesistenza del dualismo onda-corpuscolo, sia
della materia che della radiazione elettromagnetica.
Un altro aspetto essenziale dellesperimento delle due
fenditure la mancanza di conoscenza di quale fenditura
la particella abbia effettivamente attraversato: losservazione della figura di interferenza garantita infatti nel solo
caso in cui non si aggiungano allesperimento apparati di
misura atti a determinarlo. Se si interviene in tal modo, si
ottiene un esperimento which-way e il risultato finale
la scomparsa della figura di interferenza, ossia del com-

205

portamento ondulatorio, a favore di quello corpuscolare. Questo effetto ha motivato Niels Bohr ad introdurre
il principio di complementariet, secondo il quale i due
aspetti, corpuscolare e ondulatorio, non possono essere
osservati contemporaneamente in quanto si escludono a
vicenda.
Quindi, cos come le particelle elementari di materia, lanciate attraverso le due fessure in una lamina, si comportano in maniera differente a seconda se vengano osservate
oppure no, allo stesso modo tutta la realt pu assumere
forme diverse a seconda di come il nostro pensiero la percepisca. In Fisica Quantistica, questo concetto riassunto
dalla frase: Losservatore cambia losservato.

206

Il professore americano Amit Goswami, pioniere di un paradigma scientifico multidisciplinare fondato sul primato della
coscienza e conosciuto come Scienza allinterno della Coscienza, dice che nessuna possibilit ci preclusa, poich il
pensiero pu immaginare qualsiasi cosa: Se la realt fosse
predeterminata, io sarei insignificante. Ma poich la realt
una possibilit (cos come la particella e londa sono due
possibilit di manifestazione dellelettrone, ndr), quale scelgo? Sono io a creare la mia realt. La coscienza quindi la
vera essenza dellessere. Gli oggetti sono solo una possibilit
manifesta tra le tante, infinite possibilit della materia.
Come ci ricorda Salvatore Brizzi: Il mondo la mia ombra.
ci che io sono. Il mondo non ha volont, ma segue quello
che io sono. Se io cambio, il mondo cambia, riflettendo il mio
pensiero.
Questo nuovo approccio ci trasforma da soggetti passivi a

soggetti attivi nella creazione della nostra realt. In quanto


esseri pensanti, modificando il nostro giudizio su determinati
eventi, potremmo trasmutare situazioni di stress in situazioni
di non-stress. Tutto questo avr conseguenze non solo sulle
nostre percezioni, ma anche sulla nostra salute.
Afferma Bruce Litpon: La mente e il corpo sono strettamente
collegati. I pensieri, lenergia della mente, influenzano direttamente il modo in cui il cervello fisico controlla i processi fisiologici del corpo. Lenergia del pensiero pu attivare oppure
inibire le proteine che attivano le funzioni della cellula attraverso i meccanismi dellinterferenza costruttiva o distruttiva.
il pensiero, in sostanza, che interpreta la realt e che detta
al corpo come gestire i segnali ambientali: se percepiti come
amici, attivando una risposta parasimpatica, di crescita e
rigenerazione; se letti come nemici, attivando una risposta
simpatica, lotta o fuggi.
Secondo il fisico Emilio Del Giudice, Il mondo delle molecole
guidato da segnali esterni ai quali viene dato un determinato significato. Le nostre credenze sono la nostra interpretazione della realt. Ogni credenza si traduce in una reazione
molecolare. Credenze limitanti possono generare disequilibri
mentali ed evolvere in disturbi psichici.
Le malattie psicosomatiche sono la dimostrazione pi evidente che le emozioni scaturite da pensieri negativi sono in grado
di inficiare le funzioni di determinati organi o cellule del nostro
corpo.
Come sostiene il gi citato dottor Ryke Geerd Hamer, fondatore della Nuova Medicina Germanica: Ciascuna malattia
lespressione di un preciso conflitto.
Hamer speriment questa verit sulla sua pelle. Il dottore te-

207

desco si ammal di tumore ai testicoli dopo aver subito la


morte del figlio, assassinato. Lavorando come primario in ginecologia nella clinica oncologica universitaria di Monaco, gli
venne il dubbio che la sua malattia potesse essere in rapporto
allo choc della morte di suo figlio e quindi che il suo tumore
al testicolo non fosse scaturito da una cellula impazzita, ma
dovesse essere in relazione al cervello. Chiese ai suoi pazienti
se anchessi avessero vissuto un avvenimento terribile e scopr che tutti, in effetti, avevano subito un evento traumatico
prima di ammalarsi.
Se quindi cambiamo il nostro pensiero, possiamo guarire.
Albert Einstein sosteneva: La pi grande capacit del corpo
umano la sua capacit di auto-guarigione, ma questa forza
non indipendente dal nostro sistema di credenze... tutto
inizia da una convinzione.
208

SCARDINARE LE CREDENZE LIMITANTI


Una delle storie pi usate da motivatori e formatori in
tutto il mondo quella relativa a Roger Bannister, il primo
uomo al mondo che, nel 1954, riusc a coprire di corsa la
distanza di un miglio (circa 1.600 metri) in meno di quattro
minuti. La sua storia usata come metafora per dimostrare che qualcosa ritenuto impossibile dalla maggior parte
delle persone, a volte assolutamente possibile e basta
che una persona ci riesca, per rendere possibile a molte
altre di ottenere lo stesso risultato.
Andiamo a vedere, in ottica di persuasione, quali principi
entrano in gioco in questa storia. Il primo senza dubbio
il principio di autorit. Prima del 1954 la comunit scientifica mondiale aveva emesso una sentenza: luomo non

pu fisicamente coprire la distanza di un miglio in meno


di quattro minuti. Giustificazioni scientifiche relative alla
struttura dei nostri tendini, muscoli e della nostra struttura fisica in generale, venivano fornite e il tutto era confezionato in modo talmente autorevole da far rinunciare
in partenza la maggior parte degli atleti professionisti a
cercare di scendere sotto la soglia dei quattro minuti. Per
il principio di autorit, la sentenza emessa dai medici era
considerata una legge assoluta.
Bannister invece non era dello stesso avviso e la molla che
lo motiv a provare a infrangere questa barriera fu nientemeno che un grosso fallimento, quello alle Olimpiadi
di Helsinki del 1952 dove Bannister fin quarto e fuori dal
podio nella finale dei 1500 metri, quando il suo obiettivo
dichiarato era la medaglia doro. Nei giorni seguenti valut addirittura di smettere definitivamente di correre, poi
un nuovo grande obiettivo gli ridiede entusiasmo: provare
al mondo che gli scienziati avevano torto e che il corpo
umano poteva correre il miglio in meno di 4 minuti. Bannister sentiva che questo obiettivo era alla sua portata,
indipendentemente dai condizionamenti esterni.
Il giorno storico fu il 6 Maggio 1954: alla Oxford University, dopo mesi di allenamento specifico, Bannister corse il
miglio in 3594. Quasi svenne per lo sforzo alla fine della
corsa e per un attimo perse addirittura la vista, come ricorda nelle interviste, ma fu un trionfo, ricordato ancora
oggi con una targa commemorativa sul posto. Si potrebbe
pensare che questo exploit fu dato da sue straordinarie
capacit fisiche. Invece no. Solo 46 giorni dopo, il corridore finlandese John Landy, miglior lo stesso primato e,

209

nellanno successivo, decine e decine di corridori in tutto il


mondo corsero il miglio sotto i 4 minuti. Cosera successo?
Per il principio di prova sociale, sapere che qualcun altro lo
aveva fatto, ovvero che quellobiettivo non era pi impossibile, dava la determinazione e la voglia ad altri di provare
a farlo. E quando molte persone provano a fare qualcosa,
probabilmente qualcuno ci riesce. Per la cronaca, oggi il
record sul miglio detenuto da un atleta marocchino ed
di 343, mentre i 4 minuti sono un muro superato gi
dai migliori atleti delle scuole superiori in tutto il mondo.

LE PSICOLOGIE QUANTISTICHE
Tuttavia, non sempre sufficiente coltivare semplicemente
210

pensieri positivi per curare il corpo, perch le credenze si


radicano nellinconscio. E ci che pensa il nostro inconscio
spesso rimane nascosto alla consapevolezza del nostro pensiero conscio.
Come abbiamo gi visto, la mente conscia e la mente inconscia lavorano come il software e lhardware di un computer.
Il software elabora e inserisce dati (=programmi), lhardware
li archivia e li recupera nel momento in cui avverte che si
stanno ripresentando situazioni simili a quelle che li avevano
generati. Per questo motivo la mente inconscia ripetitiva,
abitudinaria e associativa. Al contrario, la mente conscia
creativa, ma limitata e molto meno potente del subconscio.
Una volta inseriti i dati nellhardware, il software non si ricorda
pi di quei dati, perch ha finito la sua funzione.
Possiamo perci inserire nuovi programmi attraverso il pen-

siero positivo della mente conscia, ma poich non possiamo


accedere alla mente inconscia per cancellare i vecchi, rischiamo di avere risposte riflesse dovute a traumi passati che il
nostro inconscio attiva senza avvisare la nostra mente conscia.
Dobbiamo quindi trovare un metodo per superare il limite
della mente conscia e accedere direttamente alla mente inconscia per ripulirla e riprogrammarla, altrimenti saremo sempre schiavi dei vecchi programmi.
La soluzione RQI Spirito del Metodo (a sua volta articolata nelle due vie Inconscio e Consapevolezza) si ispira a diverse
tecniche che lavorano sullinconscio attraverso le cosiddette
Psicologie Quantistiche.
Le Psicologie Quantistiche sono le pi recenti ed efficaci tecniche per liberarsi con facilit di programmi mentali quali
fobie, ansie, paure, sensi di colpa, mancanza di autostima e
memorie traumatiche.
Se utilizzate correttamente, ricreano velocemente armonia
nella persona e quindi nellambiente, poich lavorano direttamente sulla mente inconscia. Ci non avviene con le vecchie psicologie, che non eliminano le credenze limitanti, ma
piuttosto le insabbiano.
Il dottor Alexander Lloyd, nel suo libro The Healing Code,
spiega la differenza tra sopprimere e guarire. Egli afferma
che il coping attuato da determinate tecniche, come la Programmazione Neuro Linguistica, non cancella le nostre false
credenze, ma le sotterra: Il coping sopprime le memorie
cellulari, che per permangono. Ci insegna solo a cambiare
il modo di concepire un problema, ma il problema esiste ancora: voi avete imparato solo un metodo pi costruttivo per
gestire il dolore. Quando comunichiamo con linconscio, inve-

211

ce, possiamo trasformare lo schema energetico della memoria


cellulare distruttiva in uno schema sano, eliminare lo stress e
attivare il processo di guarigione.
Come ci si pu collegare alla nostra mente inconscia?
Nel capitolo 2, abbiamo visto che il nostro cervello costituito
da due emisferi, destro e sinistro. Quando si in integrazione
emisferica, cio quando lemisfero destro e lemisfero sinistro
sono in sintonia, la mente inconscia disponibile nei confronti
della mente conscia. quello che avviene quando ci troviamo
in uno stato di meditazione o di rilassamento o in un momento
di Presenza: le due menti non appaiono pi come separate,
ma si scambiano energia, come a formare un tao. Esse formano un circuito che non pi elettrico, cio basato sullalternanza acceso/spento, ma divengono un campo magnetico
212

che fa fluire lenergia liberamente, senza mai congestionarla,


e senza farsi influenzare dalle interferenze esterne. Il campo
magnetico lo stesso del cuore. Cominciamo a sentire con il
cuore, e non pi solo con la mente razionale. Non giudichiamo pi secondo il dualismo bene/male ma vediamo lUno.
Lintegrazione emisferica (vedremo pi avanti un esercizio che
ci aiuta a conseguirla in pochi minuti!) ci mantiene quindi in
modalit parasimpatica e non d luogo a tutte le fobie o paure che invece abbiamo in modalit simpatica. Quando siamo
in integrazione emisferica, siamo concentrati sul presente, e
conosciamo il nostro vero libero arbitrio. Non siamo pi attaccabili dal Volador (il Satana della Bibbia, lo Sfidante della psicologia pi recente) che costituisce lammasso di
programmi sedimentato nel nostro inconscio e responsabile
delle nostre risposte riflesse.

Il Volador ci che dentro di noi non ci lascia scegliere di fare


ci che vogliamo, ma lascia che linconscio scavalchi il conscio, proponendoci i suoi programmi riflessi, che sono spesso
programmi di paura, volti alla sopravvivenza.
Il motivatore americano Jack Canfield dice: Tutto quello che
vuoi sta dietro alla paura. Ed vero. La paura un sentimento che ci distoglie dallattimo presente, poich essa si
ricollega a emozioni passate o a dubbi futuri. Se la nostra
mente fosse libera dal ricordo di traumi passati, non potrebbe
provare paura, nemmeno di fronte a situazioni potenzialmente
pericolose, perch non ha lesperienza di riconoscerle tali.
E non avrebbe nemmeno loccasione di immaginare lesito
negativo di esperienze non ancora vissute.
Passato e futuro ci riagganciano al lavorare della mente,
mentre listante di Presenza, lattenzione sul qui-e-ora,
ci conducono in una dimensione superiore, perch al momento presente la mente non ha pi spazio e non pu muoversi
a suo piacimento come abituata a fare nei ricordi e nelle
anticipazioni.

LO SFIDANTE
Ogni essere umano che appare in vita sul nostro meraviglioso pianeta Terra ha diritto ad una vita piena, felice,
intensa, che gli permetta di esprimersi nella sua unicit
irripetibile, che gli porti il dono della Saggezza, e che gli
permetta di contribuire fattivamente al miglioramento delle condizioni di vita dellintera comunit umana. Questo
diritto, questo naturale retaggio ad una vita maestosa, gli
stato offuscato. Ma da che cosa? Che cosa si frappone
tra noi e la vita che desideriamo, i sogni che vogliamo re-

213

alizzare, la pace che desideriamo raggiungere? Siamo stati


condizionati a credere che qualcosa di esterno a noi stessi
sia la causa della nostra infelicit, ma non cos. Qualcosa
che agisce dentro di noi scatena al di fuori quellinferno
dal quale vogliamo fuggire, ma di cui non riusciamo a privarci. Qualcosa di cui spesso non conosciamo nemmeno
lesistenza, perch nessuno ci ha mai spiegato dove guardare; tranne, naturalmente, tutte le tradizioni di ricerca
interiore che hanno un fondamento nella Verit, perch
tutte, senza alcuna eccezione, indicano da sempre lesatto punto dove guardare e lesatto modo di liberarsi. Un
insieme di Forze agiscono su ogni essere umano al fine di
depotenziarlo e renderlo timoroso, debole, dubbioso, attaccato emozionalmente ad abitudini dannose, e portato
ad indugiare invece che ad agire. Questo insieme di Forze
214

sostenuto dalla nostra non conoscenza dei mezzi che


esse usano per depotenziarci, ma pu essere inattivato
per consentire finalmente alla Consapevolezza che alberga
in noi di dispiegarsi verso ci che realmente. Questo insieme di Forze ci che identifichiamo come lo Sfidante.
Testo tratto dal film-documentario Lo Sfidante

RQI INCONSCIO
La tecnica RQI Inconscio la prima delle tecniche della
soluzione RQI Spirito e, accedendo al nostro inconscio, ci
permette di lavorare su noi stessi essenzialmente in tre fasi. Per prima cosa, sempre avvalendoci del test muscolare
RQI, possiamo individuare velocemente (cio in tempo reale) eventuali zone di stress o sovrastress energetico; poi,

attraverso una determinata tecnica, chiamata Postura dIntegrazione Emisferica, possiamo riequilibrare energeticamente
linconscio, trasmutando rigidit o blocchi emozionali; infine,
possiamo utilizzare al meglio il potere dellintenzione per
ripulire traumi inconsci e riprogrammare linconscio al meglio, acquisendo le migliori e pi necessarie informazioni dal
campo energetico.
La tecnica RQI Inconscio particolarmente interessante perch non modifica una sola credenza alla volta, ma a cascata
va a cambiare tutte le credenze che sono connesse con la
principale. Questo perch la nostra mente inconscia associativa e confonde situazioni diverse, ma con dettagli simili.
Se, per esempio, sono sempre in bolletta, far pace con i
soldi mi permetter di far pace con i creditori e meraviglia! con la suocera. Come mai? Inconsapevolmente non
ho mai avuto tanti soldi perch inconsciamente ho sempre
associato il denaro a valori negativi. Linconscio ha fatto questa equivalenza: persona ricca = persona disonesta. Ora,
la suocera ha lunica colpa di essere ricca, perci linconscio
genera automaticamente lequazione suocera ricca = persona disonesta.
RQI Inconscio si pu applicare su:
a) problemi gi radicati = radici
b) unesperienza appena vissuta = rami
Le radici sono le memorie dellinconscio che affiorano
quando attiviamo una risposta a uno stimolo senza essere
in Presenza. Tali memorie si sono sedimentate, poich dal
momento in cui le abbiamo vissute, passato del tempo, a

215

volte anni, o addirittura possono appartenere alle nostre vite


passate (per chi crede nella reincarnazione) o a eventuali vite
parallele. Come abbiamo gi visto, le memorie agiscono per
associazione: se da bambini abbiamo visto nostra mamma
agitarsi per essersi bagnata le scarpe in una pozza dacqua,
potrebbe essere che da adulti non siamo in grado di nuotare
e abbiamo paura del mare, poich il nostro inconscio reagisce con una risposta di paura ogni volta che ci immergiamo
in acqua.
In altre situazioni, le nostre azioni riflesse sono la conseguenza
del funzionamento dei nostri neuroni specchio, una specifica
classe di neuroni che si attivano quando una persona (ma anche un animale) compie unazione e quando un altro soggetto
(o un altro animale) osserva la stessa azione e poi la ripete,
216

inconsapevolmente. Ti mai capitato di sorridere a un sorriso


ricevuto o di sbadigliare in seguito allo sbadiglio della persona con cui stavi conversando? In entrambi i casi, sono i tuoi
neuroni-specchio che hanno reagito molto pi velocemente
di te. In tali casi, lazione riflessa non ha ancora fatto radici,
cio non ancora sedimentata nellinconscio, perci si parla
di rami.
I rami possono trarre la loro origine anche dal campo morfogenetico di uno specifico ambiente. Infatti, avviene una
specie di entanglement comportamentale. Per esempio, se
ci troviamo in un luogo di lavoro dominato dal nervosismo,
sar pi facile attuare risposte comportamentali dettate dalla
paura o dalla mancanza di calma. Al contrario, se ci troviamo in un ambiente tranquillo, sar difficile comportarsi con
aggressivit.

LE SCIMMIE GIAPPONESI E BRASILIANE


Uno degli esperimenti pi curiosi che stato fatto per
verificare il funzionamento dei neuroni riflessi e linfluenza del campo morfogenetico quello che ha coinvolto
due gruppi di scimmie, poste a distanza tra loro: il primo
gruppo su una spiaggia giapponese e il secondo su una
spiaggia brasiliana. A tutte le scimmie furono date delle
patate da mangiare. A un certo punto dellesperimento,
una delle scimmie giapponesi intu che sciacquando la sua
patata nellacqua del mare, avrebbe eliminato la sabbia e
avrebbe assaporato meglio il gusto del cibo. E cos fece.
Le altre scimmie, notando che la loro compagna provava
piacere nel mangiare il tubero ripulito, cominciarono a imitarla. Ma la cosa ancora pi sorprendente fu che, immediatamente, anche dallaltra parte del mondo, sulla spiaggia
brasiliana, tutte le altre scimmie cominciarono a sciacquare
le loro patate prima di mangiarle. In questo esperimento
fu quindi dimostrata non solo lattivit dei neuroni riflessi
(osservo un comportamento e, inconsapevolmente, sono
portato a imitarlo), ma anche lentanglement quantistico,
e lesistenza del campo morfogenetico

In entrambi i casi, radici e rami non ci permettono di


essere pienamente padroni delle nostre azioni.
Lindiano Manitonquat (conosciuto anche come Medicine
Story), narratore e custode delle antiche tradizioni della trib
Wampanoag del Massachusetts, spiega cos il funzionamento
delle nostre risposte riflesso: In ventanni nelle prigioni, ho
imparato che se qualcuno ti ferisce perch stato ferito.

217

Nasciamo buoni e innocenti: nessun bambino piccolo vorrebbe fare del male finch non subisce delle ferite. Allora, mosso
dal suo turbamento, impara a reagire facendo del male. Se
conserva quel sentimento di confusione troppo a lungo, potr
cominciare a ferire anche persone che non gli hanno fatto
niente. Secondo quello che ho osservato, persino allora non
vuole maltrattare o ferire, ma spinto a farlo da emozioni che
non capisce e non sa come gestire. Sotto tutte le ferite, le
emozioni cattive e sgradevoli che una persona porta dentro,
c ancora il bambino innocente che volevo soltanto vivere
ed essere amato.
Lesecuzione della tecnica RQI Inconscio si avvale sempre del
test kinesiologico e della tecnica di integrazione emisferica.
Il test kinesiologico ti permetter di capire se devi lavorare
218

sulle radici, sui rami o su entrambe. Nel caso di memorie


radici, lautotest ti aiuter a individuare anche let o la vita
passata in cui hai creato quella memoria. Potrai cos tornare
indietro sulla tua timeline e, a quel punto, utilizzare la Postura di Integrazione Emisferica (P.I.E.) per sciogliere il trauma.
Mentre farai la P.I.E., dovrai ricordarti di tenere davanti a te
un foglio dove avrai precedentemente scritto il trauma o il
problema che intendi rimuovere. Se il trauma legato a una
persona, potrai utilizzare anche una foto che la ritrae.

LA POSTURA DI INTEGRAZIONE EMISFERICA


La Postura di Integrazione Emisferica un esercizio che
scioglie ogni tensione e che suggerisco di attuare quando
pratichiamo RQI Inconscio e ci troviamo in presenza di una
memoria traumatica che dobbiamo ripulire. La postura
semplicissima, rapida ed efficace. Questa tecnica gi
utilizzata da alcuni psicologi per aiutare i soggetti colpiti
da un attacco di panico. Molte persone lo usano anche la
sera, appena coricati, per favorire il sonno.

219

Se lavori sulle radici, puoi ripulire linconscio utilizzando


anche altre tecniche legate alle Psicologie Quantistiche, se
gi ne conosci.
Attraverso RQI Inconscio scoprirai che le cause di alcune tue
paure o ansie sono legate a eventi passati che difficilmente avresti immaginato. Molte persone che lo hanno utilizzato
hanno risolto anche problemi di allergie o intolleranze alimentari che erano collegati a una mancanza di perdono verso un
luogo o una persona. I conflitti con altre persone sono infatti
una tra le maggiori cause di stress e, quindi, origine di disturbi.
Nel suo libro Il Perdono Assoluto, Colin Tipping racconta di
come, durante il suo lavoro di ipnoterapeuta clinico, si accorse
che molti dei suoi pazienti erano afflitti da malattie provocate
dalla mancanza di perdono.
220

Anche in Hooponopono il perdono uno dei quattro passi


verso la guarigione. Josaya lo definisce come lazione che
permette la trasmutazione dellenergia che noi percepiamo
come negativa in positiva.
Il perdono in sostanza quella forza che ci permette di liberarci da antichi rancori che perpetuiamo nei confronti di
qualcuno (o qualcosa: una situazione lavorativa, un episodio
di vita) e che interpretiamo come dannosi per noi. Perdonare
significa accettare che tutto perfetto cos com e che luniverso, attraverso situazioni a volte piacevoli, a volte spiacevoli,

la nostra scuola di vita. Il primo nome del nostro pianeta era


proprio Saras, che significa scuola. Perdonare significa
quindi ringraziare coloro che ci hanno offerto lopportunit
di crescere. Appreso linsegnamento, possiamo (dobbiamo)
lasciarli andare, perdonarli. Altrimenti, rischieremmo di rimanere intrappolati nei vecchi rancori e nelle vecchie ferite, e la
nostra anima verrebbe appesantita dai nostri vissuti interpretati come negativi e dai conseguenti blocchi emotivi. Questi
blocchi continuano a nutrire sentimenti di rabbia e frustrazione, dannosi per il nostro benessere psico-fisico.
RQI Inconscio una tecnica davvero potente per trovare e
rimuovere traumi passati. Infatti, nella maggioranza dei casi,
noi non abbiamo la pi pallida idea di dove sia nascosto il
ricordo che ci crea il blocco da cui poi deriva il problema con
cui abbiamo a che fare. A volte non immaginiamo nemmeno
che dobbiamo fare pace con una persona, che dobbiamo
perdonarla, perch consciamente pensiamo di averlo gi
fatto, mentre in realt il nostro inconscio ancora soffre per
quello che abbiamo vissuto rapportandoci con quella persona. Se, per guarire da tali memorie, ci affidassimo solo al
subconscio che nasconde il ricordo o al conscio che non
in grado di scovarlo, saremmo davvero in difficolt. Invece
abbiamo anche lIo Superiore, che sa precisamente cosa, come e dove intervenire. RQI Inconscio fa esattamente questo:

221

libera linconscio e permette di accedere al Superconscio (lIo


Superiore). A questo punto, la guarigione dal trauma sar per
cos dire automatica.
E c di pi: se noi guariamo noi stessi dalle memorie, che
sono la causa che innesca il verificarsi di un problema o di una
malattia, simultaneamente noi cancelliamo le stesse memorie
anche negli altri e trasformiamo le loro sensazioni risultanti
dai pensieri cancellati in pensieri e sentimenti di puro amore
e di salute ottimale.
Ogniqualvolta scioglierai un trauma con la tecnica RQI Inconscio, ricordati di festeggiare inventandoti un rituale tutto
tuo, personalizzato. Ti servir a dare importanza al momento
liberatorio e a fissare cos i benefici del cambiamento. anche
un atto di ringraziamento verso il tuo inconscio.
222

Ricordati anche di bere tanta acqua durante la pratica di questa


tecnica, poich essa assorbir molte energie. Alla fine di una
sessione di RQI Inconscio, potresti percepire una sensazione di
pace, sollievo e leggerezza interiore, tipica di chi si appena
liberato da un peso. Oppure, al contrario, potresti percepire un
po di movimenti interni al tuo cuore. C chi prova irrequietezza, ansia, desiderio di isolarsi, o c chi si trova nel bel mezzo
di una crisi di pianto. Significa che stai toccando il tuo corpo di
dolore e stai liberandoti da una o pi credenze limitanti che si
erano sedimentate nel tuo inconscio chiss da quanto tempo.
A volte il problema si pu risolvere allistante, altre volte ti
accorgerai dei risultati dopo 21 giorni.
Prima di utilizzare questa tecnica, ricordati di testare sempre
se RQI Inconscio la soluzione percepita come ideale dal tuo

inconscio per ripulire quel determinato trauma. Se cos non


fosse, puoi testare altre tecniche, finch ne troverai una che
risulti forte al test RQI. Potresti trovarla anche tra le tecniche di RQI Consapevolezza.
RQI Consapevolezza
Possiamo lavorare sulle nostre credenze limitanti anche in
modo consapevole. quello che si propone RQI Consapevolezza. Si tratta di una serie di tecniche che promuovono
la nostra concentrazione nellessere qui e ora, nel presente.
in questo modo che in perfetta Presenza riusciamo a
fermare la mente pensante, quella che ci fa vagare tra passato e futuro, caricandoci delle paura subite e delle ansie per
quello che sar.
Lobiettivo di queste tecniche spegnere per un attimo
lemisfero sinistro affinch si possa liberare la scintilla divina
dentro di noi.
Nel libro Yoga Sutra, Patanjali ci spiega che La concentrazione consiste nellimpedire le modificazioni del principio pensante. Nei momenti in cui non c concentrazione, lanima
assume la stessa forma delle modificazioni della mente. Ma
quando siamo concentrati, lanima si manifesta per quella che
la sua vera essenza.
Salvatore Brizzi ci ricorda che il Regno di Dio non un posto
fisico, ma uno stato di coscienza e definisce la concentrazione come la capacit di focalizzare la coscienza su un dato
soggetto e di mantenervela a volont. Concentrarsi su ogni
singola attivit della nostra esperienza, istante dopo istante,
rimanendo in uno stato di presenza e attenzione, la forma
pi potente di meditazione.

223

Possiamo definire la consapevolezza come la capacit di un


organismo di percepire, interpretare e rispondere alle informazioni ambientali. In quanto base dellintelligenza, essa
spazia da semplici risposte riflesse allazione conscia, quindi
allintelligenza pi avanzata offerta dallauto-consapevolezza.
Lauto-consapevolezza quel meccanismo neurologico che
dota gli individui della facolt di risposta o non risposta ai campi ambientali. La libert di scelta si traduce nel libero arbitrio.
Unaltra lezione sul concetto di consapevolezza ce la offre il
gi citato Manitonquat nel suo libro Gli antichi insegnamenti
dei nativi americani: Essere consapevoli delle nostre azioni
significa rendere ogni passo una preghiera. Vuol dire riverire
noi stessi e tutto ci che ci circonda e comprendere le nostre
relazioni. La relazione parit e riconoscimento della sacralit
224

di tutte le cose. Consapevolezza significa porgere la nostra


attenzione. Essere concentrati. Solo allora le nostre menti
sono aperte e non siamo pi presi dai nostri pensieri, idee,
credenze. Non stiamo giudicando. Non facciamo paragoni.
Ascoltiamo e osserviamo. Liberi dal giudizio, da confronti, teorie, atteggiamenti, bisogni o desideri, forse possiamo avere
lintuizione di ci che realmente . Solo cos possiamo affrontare la verit. Quando osserviamo la realt senza colorarla
con i nostri pregiudizi, opinioni, idee, emozioni, siamo pronti
a imparare e a crescere. Possiamo finalmente interagire con
la vita in modo equilibrato. La realt pu essere trovata solo
nel momento presente. Lunica realt qui e adesso. Pi siamo consapevoli del momento presente e pi siamo immersi
nellesistenza.
Secondo tutte le pi grandi tradizioni spirituali, il compito
dellumanit crescere nella consapevolezza e non smettere

mai di apprendere. Forse la Creazione ci ha condotto allevoluzione della mente per uno scopo.
Facciamo un esempio pratico. Immagina di trovarti in riva al
mare, ad osservare lalba di un nuovo giorno allorizzonte. Il
paesaggio incantevole, ma tu vaghi con la tua mente tra
i problemi della tua giornata lavorativa: sei angustiato da
progetti e preoccupazioni, pensi al futuro e al passato, non
sei realmente presente per apprezzare lesperienza che stai
facendo. Invece di godere dellalba, lasci che la ricchezza di
quellattimo scivoli via, sfiorandoti appena.
Ora, immagina la stessa situazione, ma poniamo che tu assuma un approccio diverso: cosa succederebbe se focalizzassi
la tua attenzione sui colori allorizzonte, che sfumano piano
piano dal rosso al rosa allazzurro tenue; se ti concentrassi
sullo sciabordio delle onde del mare e sullo strido di qualche
gabbiano che volteggia sulla spiaggia?
Essere consapevoli significa essere consci di quello che si sta
facendo. La consapevolezza sempre di qualcosa: quando
respiri consapevole, quella consapevolezza del respiro. E
puoi dire: Sono consapevole che sto respirando. Quando
cammini in modo consapevole, la tua consapevolezza di
camminare.
Tra le soluzioni RQI Consapevolezza, vi unimplementazione
della Tecnica dei due punti elaborata dal medico chiropratico Frank Kinslow. Mentre Kinslow utilizza la tecnica principalmente per problemi fisici, posizionando un dito sul punto in
cui la persona prova dolore e scegliendo laltro punto a piacere, nel Metodo RQI ho integrato tale tecnica con i principi
della Medicina Tradizionale Cinese. I due punti sono quindi

225

scelti tra alcuni dei punti di agopuntura disposti sui due meridiani Concezione e Governatore.
Per trovare il punto di agopuntura appropriato su ciascuno
dei due meridiani, utilizziamo ancora una volta il test kinesiologico.
Nella tabella seguente sono riportati i tre punti da testare per
il meridiano posteriore e i sei punti da testare per il meridiano
anteriore. Il punto anteriore e il punto posteriore che risulteranno forte allautotest, saranno quelli sui quali eseguire
la tecnica. Nel caso in cui avremo pi punti forte per uno
stesso meridiano, dovremmo testare il punto prioritario.
Punti fronte
del corpo
Ambito associato
gola
226

Elemento

autostima/comunicazione fuoco/acqua

timo legami

fuoco/terra

cuore

fuoco/terra

amore incondizionato

stomaco appagamento
intestino tenue

lasciare andare

terra
fuoco

intestino crasso armonia

metallo

Punti retro
del corpo
Ambito associato

Elemento

base collo

preoccupazioni

sacro paure
terzo occhio

veggenza, illuminazione

metallo
acqua

227

LEFFETTO MAHARISHI
Se il pensiero creatore, possibile creare un mondo migliore a partire dal nostro pensiero? La risposta s e trova
una spiegazione nel campo morfogenetico. Tutti i nostri
pensieri finiscono l e, se nutriamo il campo di pensieri
positivi, allora potremo aumentare le possibilit che anche
altre persone comincino a pensare in modo positivo.
Il mistico e filosofo indiano Maharishi Mahesh Yogi (19182008) sosteneva che se la radice quadrata delluno percento di una certa popolazione avesse praticato una forma di
meditazione (in praticolare, Maharishi praticava la Meditazione Trascendentale, MT), ci sarebbe stata una riduzione
dei crimini nellarea circostante. Maharishi lanci decine
di esperimenti in 24 citt americane.
In uno studio documentato, 4000 praticanti di MT sono
228

confluiti su Washington D.C., durante i roventi mesi di


giugno e luglio. Nonostante unondata di caldo estivo da
record (cosa che statisticamente si collega a un tasso di
criminalit pi elevato), i crimini hanno iniziato a diminuire, continuando a decrescere per tutta la durata dellesperimento, fino a registrare una diminuzione pari al 48%
rispetto alla media.
La probabilit statistica che questo risultato potesse coincidere con una variazione fortunosa del tasso di criminalit
fu praticamente zero (p < 0,000000002). Quando i meditatori tornarono a casa, piuttosto singolarmente il tasso di
criminalit cominci immediatamente a rialzarsi!
A proposito, anche lInstitute of HeartMath ha recentemente lanciato un esperimento mondiale per verificare
lipotesi che la coerenza o lincoerenza emotiva di gran-

di gruppi di persone possa influenzare profondamente il


campo. La loro Global Coherence Initiative uniniziativa scientifica volta a determinare linfluenza coordinata di
milioni di persone che praticano consapevolmente quello
che essi definiscono una premura amorevole e unintenzione focalizzata dal cuore e dirette a spostare la coscienza
globale dallinstabilit e dalla discordia allequilibrio, alla
cooperazione e alla pace perenne.
Il 23 aprile 1988, milioni di persone in pi di ottanta paesi
si sono riunite per il primo Grande Esperimento: una preghiera collettiva per la pace. Furono contattati degli scienziati che avevano accettato di misurare leffetto della veglia
sul battito cardiaco del pianeta. Quel giorno, migliaia di
persone hanno detto che successo loro qualcosa, che
hanno provato un sentimento che non soltanto li ha colpiti
nel profondo, ma che ha anche toccato il mondo intero.
Il 13 novembre 1998, durante la Guerra del Golfo, quando
un attacco aereo contro lIraq sembrava imminente, furono richieste preghiere di pace in tutto il mondo. Lo scienziato Gregg Braden, che stava tenendo una conferenza in
Florida, chiese alla gente di sentire la realt e di avere la
certezza che quella pace era gi presente in Iraq. Non stavamo pregando per la pace, ma ci stavamo focalizzando
su quella che era gi presente, anche se seppellita sotto
strati di confusione e diffidenza.
Proprio mentre la veglia di preghiera stava avendo luogo,
i jet americani erano gi decollati e in attesa di sganciare
le loro armi micidiali, ma il presidente Bill Clinton dette
inaspettatamente lordine di rientro e i jet tornarono a
terra senza sganciare una sola bomba.

229

RQI ESSERE
La seconda tecnica appartenente alla soluzione RQI Spirito Consapevolezza la tecnica RQI Essere. Essa ha come
obiettivo la pulizia delle credenze limitanti e di tutto ci che
impedisce lidentificazione con il S. Ci riesce attraverso lattivazione di un eu-sentimento, proprio come fa la tecnica dei
due punti.
Ecco come fare.
Per prima cosa, individua la parola che provoca in te il sorgere di un sentimento positivo. Fai prima un elenco di parole
che ti vengono in mente e che ti ispirano: amore, gioia, pace,
serenit, uno, armonia, fratellanza, leggerezza, sicurezza, etc.
Poi utilizza lautotest per scegliere quella appropriata tra le
tante.
230

Ora scrivi la tua parola su un foglio di carta.


Mantieni la tua attenzione su di essa per 8 minuti. Rimani
consapevole della tua parola e attento a non farti distrarre
da altro. Se durante latto di osservazione della tua parola
insorgeranno in te dei pensieri, prendine atto, senza filtrarli
n giudicarli, e annotali su un altro foglio di carta. Devi in
sostanza annotare tutto ci che crea interferenza tra te e la
tua parola.
Trascorsi gli 8 minuti, testa tutte le parole o i pensieri che hai
annotato per vedere quali saranno forte e quali debole.

Ora si tratta di pulire tutti i pensieri risultati debole, perch sono quelli che ti impediscono di connetterti alla tua parola. Potrai ripulire tali pensieri attraverso diverse tecniche,
tra cui RQI Inconscio e RQI Consapevolezza.
Come tua parola iniziale, puoi mettere anche un tuo obiettivo personale. Quando ripeterai lesercizio degli 8 minuti senza
avere alcun pensiero in interferenza con losservazione della
tua parola-obiettivo, significa che sarai pronto a raggiungere
quel determinato obiettivo.
TESTIMONIANZE
Sciogliere vecchi traumi inconsci e vincere la celiachia
Il Metodo RQI ha rivoluzionato positivamente la mia vita. Mi
ha permesso di sciogliere i traumi ed i conflitti che causavano
i miei problemi fisici e psichici. Con il Metodo RQI ho risolto
completamente le mie fobie e le mie paure: paura di perdere
il controllo, paura di fare brutta figura, paura dellignoto, paura
del futuro. Ho acquisito la fiducia in me stessa e nelle mie capacit. Ho migliorato le mie relazioni con gli altri. Ho risolto il
mio senso di colpa nei confronti della Siria. Dal punto di vista
fisico invece, ho sciolto il conflitto con il luogo (la Siria) che
la causa della mia celiachia, il mio percorso richiede 9 mesi di
tempo, per il rinnovo cellulare, ma, comunque, dopo due mesi, ho raccolto gi i frutti: il livello delle ferritina aumentato

231

arrivando a 32 ng/ml, cosa mai capitata in tutta la mia vita, nonostante lassunzione del ferro per bocca per molto tempo. Il
Metodo RQI mi ha permesso, sciogliendo il trauma della celiachia, di migliorare lassorbimento del ferro e di conseguenza di
migliorare i valori dellemoglobina e della ferritina nel sangue.
Fisicamente mi sento molta pi energica e forte. Grazie Marco
per aver ideato questo fantastico e rivoluzionario metodo!
Magidah, traduttrice
Dolori mestruali? Un ricordo
Ho unamica che durante i giorni del ciclo soffre di fortissimi
dolori, al punto da dover trascorrere una giornata intera a letto
e da non riuscire ad andare a lavorare. Settimana scorsa ero a
cena da lei, proprio durante uno di questi suoi giorni... Era
davvero a pezzi. Allora le ho chiesto se avesse voluto provare
232

una tecnica con me. La mia amica molto aperta alle novit e,
in virt della nostra amicizia, si lasciata condurre. Ho eseguito
il test RQI ed risultata forte la tecnica RQI Consapevolezza.
Lho applicata e le ho semplicemente chiesto di concentrarsi
sul respiro. Poi abbiamo cenato insieme. Durante le ore successive, il suo dolore scemato. La sera del giorno dopo, mi
ha richiamata sul telefonino, era molto contenta, e mi ha detto che per tutta la giornata stata benissimo... si era perfino
dimenticata del suo ciclo! Purtroppo mi sono dimenticata di
testare se avessimo dovuto intraprendere qualche tecnica per
il mantenimento. Ma sono curiosa di aspettare il prossimo ciclo
e di vedere se i dolori saranno nuovamente scomparsi...
Laura, medico

Realizzare obiettivi pratici in poco tempo


La frase del Dr. Fincati che mi rimasta pi impressa : Fatelo. Arrivate fino in cima e poi parlate dei risultati... Io, caro
Marco lho fatto. Ho lavorato in particolare su due obiettivi e...
dite quello che volete... pensatela come vi pare... ma si sono
realizzati! arrivato esattamente quanto richiesto. Ma per
ottenerlo sono andato fino in fondo con gli esercizi, arrivando
ad acquisire un discreto controllo dei miei pensieri. Si tratta di
una disciplina quotidiana che richiede poco tempo ma intenso
e allinizio non facile prendere queste nuove abitudini ma
incredibilmente, piano piano, il corpo apprende e la mente
esegue e la realt cambia di conseguenza. (...) Spero di avere
presto la possibilit di fare il Master perch ritengo che Marco
sia assolutamente una persona da conoscere e il mix frutto
dei suoi studi facilita tutti noi. Conoscendo molte discipline e
avendo letto di tutto su questi argomenti, consiglio vivamente
di fare i suoi corsi. Ripeto: mi sono messo a lavorare seriamente su due obiettivi e sono arrivati.
Fabrice, farmacista

NOTA: Lunico modo per imparare ad applicare correttamente questa soluzione attraverso il Corso Avanzato
RQI3 Spirito Inconscio e Consapevolezza, disponibile
anche in versione Multimediale, per la fruizione da casa. Ti
ricordo che puoi trovare tutte le informazioni su:
www.metodorqi.com

233

Il percorso RQI

Caro lettore,
innanzitutto GRAZIE per essere arrivato fin qui. Se hai letto
tutto il libro, significa che lo hai ritenuto interessante e i suoi
contenuti hanno risuonato con qualcosa dentro di te. Sono contento e spero che ti sia servito ad apprendere nuove
conoscenze e ad aprirti nuovi orizzonti utili alla tua vita. Per
234

imparare ad applicare correttamente le tecniche elencate in


questo volume, che non sono le uniche del Metodo RQI,
vorrei tuttavia ricordarti che necessario andare pi a fondo
nel loro studio, dopo questa lettura. Per insegnarti tutto efficacemente ho messo a punto dei Corsi Multimediali, dei Corsi
in Aula, e il Master RQI. Queste e altre tecniche ancora pi
efficaci e potenti credo infatti che non sia possibile spiegarle
in un libro, per diversi motivi. Primo perch hanno bisogno di
pratica e richiedono la guida di persone esperte o perlomeno
un corso specifico per poter essere apprese e interiorizzate;
secondo perch esse sono in costante evoluzione, modellandosi allevolversi della coscienza collettiva, grazie anche al mio
confronto continuo con chi le pratica.
A questo punto, potresti dunque chiederti: E allora, da dove
parto per imparare il Metodo RQI?

La grande famiglia del Metodo RQI, che gi conta decine di


migliaia di persone, in continua crescita grazie ad internet.
Su www.rqi.me puoi iscriverti per ricevere i miei video gratuiti
e rimanere aggiornato via email su tutti i contenuti e sullevoluzione del Metodo. Su www.metodorqi.com trovi invece
tutte le informazioni sul Metodo RQI, sui Corsi Multimediali
e in Aula, su come richiedere delle Consulenze Individuali,
e trovi spiegato tutto il Percorso RQI, che ti illustro anche
qui in breve.
Il primo passo per imparare il Metodo RQI pi semplice
di quanto credi. Puoi farlo comodamente da casa, attraverso
un computer o un tablet, grazie al Corso Multimediale Base
Metodo RQI Autotest e Comunicazione con lInconscio.
E la registrazione completa di un corso in aula di due giorni,
e nei video trovi tutte le procedure e gli esercizi da fare per
metterlo in pratica quotidianamente, guardando e riguardando le mie spiegazioni. Pressoch tutte le persone che hanno
seguito da casa questo Corso Multimediale sono riuscite da
subito a fare il test e ad individuare le soluzioni appropriate
ai loro problemi. Tra le soluzioni che linconscio suggerisce
come opportune, possono esserci anche tecniche o prodotti che gi si conoscono. Molte persone sono riuscite cos a
risolvere alcuni dei loro disagi e a raggiungere gli obiettivi
che si erano prefissati. Altri hanno poi voluto approfondire il
Metodo RQI attraverso i Corsi Avanzati Multimediali o i Corsi
Avanzati in Aula, per imparare altre tecniche che ho raccolto
e sintetizzato in anni di esperienza. Tra questi molti hanno
poi voluto completare il percorso del Metodo RQI frequentando anche il Master RQI, unesperienza unica non solo per
quello che insegno, ma anche per lalchimia che si crea tra

235

tutti i partecipanti. Mi piace definirla come unesperienza


per sentirsi Uno.
Il Corso Base propedeutico agli altri corsi, perch offre
le conoscenze di base per applicare correttamente tutte le
altre tecniche che insegno nei Corsi Avanzati e nel Master
RQI. Tutti i corsi sono aperti sia a privati e persone comuni,
che a terapisti e professionisti del benessere e della salute.
Devo dirti che oltre a tante persone comuni, sono tantissimi i
terapisti che hanno iniziato ad utilizzare il Metodo RQI nella
loro pratica, non solo terapisti alternativi e olistici, ma anche
medici, psicologi, dentisti e tanti altri professionisti, in ogni
branca della salute e del benessere. Sono tutti accomunati dallapertura di cuore, dalla seriet e dallinteresse vero
per il paziente, inteso non come colui a cui applicare un
236

protocollo standard, senza interessarsi minimamente dellorigine dei suoi disturbi, ma come colui che cerca un aiuto
per guarirsi, nel rispetto delle sue caratteristiche uniche e
irripetibili.
Eccoti di seguito un riepilogo del percorso.
CORSO BASE METODO RQI
Il Corso Base Metodo RQI Autotest e Comunicazione con
lInconscio consiste in oltre 12 ore di contenuti, disponibili
in versione Multimediale, grazie alla registrazione completa
realizzata durante lultimo Corso Base in Aula Metodo RQI
tenuto da me a San Marino. I contenuti del corso sono cos
strutturati:
Introduzione Teorica al Metodo RQI e al Q-Project
Primo Passo: Le Vere Cause

Secondo Passo: Chiedi al Tuo Inconscio


Introduzione alle 3 Soluzioni
Abbinati al Corso Base sono disponibili dei Bonus di grande
valore, che ti invito a scoprire direttamente sul sito.
CORSI AVANZATI METODO RQI
Successivamente al Corso Base, i Corsi Avanzati Metodo RQI
permettono, a chi lo sentir come prioritario, di approfondire lapplicazione su di s e sugli altri delle 3 Soluzioni. I Corsi
Avanzati sono disponibili in Aula e in versione Multimediale
da fruire da casa, e sono in costante aggiornamento grazie
alla continua pratica e sperimentazione del Metodo da parte
mia e dei miei stessi corsisti.
Anche abbinati ai Corsi Avanzati vengono offerti dei Bonus di
grande valore, tra cui i kit completi con tutte le biotecnologie
e gli accessori necessari ad applicare le tecniche apprese, su
di se, sui propri cari o nella propria attivit professionale. Ti
invito a scoprire i dettagli direttamente sul sito.
Ecco i Corsi Avanzati disponibili:
Corso Avanzato RQI1 Materia Acqua Informazionale e Alimentazione Vibrazionale
Corso Avanzato RQI2 Energia Biotecnologie Olistiche
Obiettivi:
Apprendere come applicare il Metodo RQI allacqua e
allalimentazione, conoscere le pi innovative biotecnologie
olistiche e come applicarle efficacemente a se e agli altri.
Applicare il Metodo RQI ai 5 Elementi della Medicina Tradizionale Cinese;
Individuare in meno di 5 minuti i meridiani squilibrati comunicando direttamente con la mente inconscia, e riequilibrarli

237

in maniera efficace ed efficiente, per raggiungere il perfetto


equilibrio dei 5 elementi.
Corso Avanzato RQI3 Spirito Inconscio e Consapevolezza
Obiettivi:
Individuare in brevissimo tempo tutte le credenze inconsce
auto-sabotanti e i pensieri ansiogeni.
Ripulire (de-programmare) in maniera efficace e permanente tutte le credenze e i pensieri ansiogeni (le vere cause di
stress), attraverso il Metodo RQI applicato allinconscio.
Imparare a spegnere i pensieri e a utilizzare la vera consapevolezza che ne consegue per favorire lauto-guarigione
di s e degli altri.
Applicare il Metodo RQI alla Legge di Attrazione.
238

Master RQI
Obiettivi:
Apprendere alcune delle tecniche pi potenti del Metodo RQI, per diventare veri Maestri di S (quindi Re del
proprio Regno). unesperienza unica in cui i partecipanti
avranno loccasione di scoprire e praticare il Metodo insieme
e di vivere esperienze comuni, per sentirsi sempre pi vicini
allUno.
RQI Ambiente Agricoltura Vibrazionale e Biotecnologie Ambientali
Obiettivi:
Applicare il Metodo RQI allauto-produzione alimentare e
al risparmio energetico.
Apprendere come applicare le pi innovative tecniche e

biotecnologie olistiche per ottimizzare consumi di casa, auto, per purificare lambiente e lacqua, per migliorare lautoproduzione alimentare (orto, orto urbano e orto sul terrazzo).
RQI Business Denaro, Lavoro e Impresa
Obiettivi:
Applicare il Metodo RQI alla crescita professionale, al benessere economico, allindipendenza finanziaria, alle attivit
autonome, imprenditoriali, di team e di network.
Tutti i Corsi Avanzati del Metodo RQI sono disponibili anche in versione multimediale, visionabile sul tuo computer o
tablet, per permetterti di conoscere e imparare le soluzioni
del Metodo RQI anche qualora ti sia impossibile spostarti
per frequentare un corso in aula. I kit e gli accessori necessari
per applicare le soluzioni ti verranno in questo caso spediti
direttamente a casa. Trovi maggiori informazioni e le date dei
Corsi in Aula su www.metodorqi.com, alle voci Corsi RQI
e Calendario.
CONSULENZE INDIVIDUALI RQI
Ti ricordo inoltre che se tu o i tuoi cari siete davvero impossibilitati a visionare un Corso Multimediale o a partecipare
a un Corso in Aula per apprendere le tecniche necessarie a
trovare e risolvere i vostri problemi autonomamente, potete
in alternativa richiedere un Check-Up RQI o una Consulenza
Individuale Avanzata per lapplicazione del Metodo. Ecco
in breve in cosa consistono (trovi maggiori informazioni su
www.metodorqi.com, alla voce Consulenze):

239

Check-up RQI con Facilitatore RQI Certificato


Disponibile per tutti, prevede lapplicazione di una procedura
specifica, divisa in due parti:
individuazione dei Problemi (squilibrio dei 5 elementi, problemi fisici, energetici, emotivi, relazionali, economici);
individuazione delle Soluzioni.
Verr poi indicato ad ognuno come apprendere o applicare
le Soluzioni Prioritarie per i problemi individuati. Questo per
rispettare la filosofia del Metodo RQI che vuole prima di
tutto insegnare ad Auto-Star-Bene, cio a non dipendere da
altri per il proprio benessere, e a testare sempre le Soluzioni
Prioritarie prima di scegliere quale applicare.
Consulenza Avanzata per lapplicazione delle Soluzioni RQI
con Facilitatore RQI Certificato
240

Per richiedere una Consulenza Avanzata per se stessi o per i


propri cari consigliato aver visionato il Corso Base Metodo
RQI, oppure aver gi fatto un Check-up RQI con un Facilitatore RQI. Questo per rispettare la filosofia del Metodo e per
essere certi che la Soluzione applicata sia quella prioritaria,
che avr quindi la massima efficacia.
Ora che anche tu conosci i segreti dellAuto-Star-Bene e tutte le opportunit offerte del Metodo RQI, se vuoi davvero
cambiare il mondo partendo da te, non hai pi scuse per non
farlo subito: sta a te scegliere liberamente!
Un abbraccio di Luce e Buona Vita,
Marco Fincati

APPENDICE
ALTRE TESTIMONIANZE
Risvegliarsi
Ho 51 anni, faccio il musicista e da alcuni anni, precisamente
da quando un grave infarto stava per farmi lasciare questa
terra, ho iniziato a risvegliarmi e a prendere la mia vita nelle
mie mani. Ringrazio quella malattia che stata una grandissima opportunit di crescita per me.
Da allora anchio, come lei, ho seguito corsi: EFT con Fredi,
varie conferenze di Brizzi, del quale ho letto tutte le pubblicazioni, Frank Kinslow lo scorso anno a Riccione, ho frequentato
i due livelli di Theta Healing, Hoponopono, ho letto Braden,
Achilli, Lipton e tanti altri...
Alcune di queste tecniche le pratico con buoni risultati...
Poi ho conosciuto il Metodo RQI e da allora passo le mie
ultime giornate di vacanza a studiarlo.
Inutile che scriva che per me RQI il sistema pi efficace e
completo per il miglioramento, ho condiviso i suoi video sulla
mia pagina Facebook e molti amici mi hanno ringraziato.
Mi interessa tantissimo proseguire nellapprendimento ai livelli successivi.
Mi scuso per essermi dilungato, ma erano cose che dovevo
scrivere. Con stima
Paolo

241

Responsabilit
Complimenti per la chiarezza, lentusiasmo e la praticit degli argomenti trattati. Mi fate ben sperare che il futuro sar
roseo per chi sapr prendersi la Responsabilit su di S.
Erasmo
Rafforzare il rapporto di coppia
Caro Marco, sarebbe una follia acquistare un video corso
per poi lasciarlo nel cassetto che ne pensi? Io e mia moglie
lo abbiamo guardato ogni giorno per pi di un mese, ed
stato un amore a prima vista. Abbiamo iniziato da subito a
praticare lauto-test. Quello che pi mi ha colpito sono stati
il tuo modo di insegnare, cosi dinamico e nello stesso tempo
simpatico, e la tranquillit di Enrico. Siete veramente due persone speciali. Sono sempre stato attratto da questi argomenti
242

anche se ho sempre continuato a fare il mio lavoro. Da pi di


ventanni, tutto quello che pu farmi crescere dentro e fuori
lo faccio mio, ma la cosa pi bella che anche mia moglie si
sta appassionando a questi percorsi e ti posso garantire che
condividere queste esperienze gioiose rafforzano di molto
il rapporto di coppia. Ora la nostra meta formarsi bene,
applicandolo su noi stessi e agli altri per fare tanta pratica. Vi
vogliamo bene un abbraccio di cuore
Agostino, operaio
Una rivoluzione interiore
Un metodo tanto semplice quanto efficace. Una rivoluzione
per chi desidera cominciare a conoscere veramente se stesso
con risposte dirette e fuori dalle regole imposte dalla vita che
conduciamo.
Aldo, tecnico elettronico

Obiettivo: autosufficienza
Tutto molto chiaro riguardo a come applicare i dispositivi
biotecnologie olistiche (...) Vorrei aggiungere che sono particolarmente colpita dagli obiettivi di Marco di rendere autosufficienti gli uomini, trovo meraviglioso che un giovane abbia
un progetto di vita cos alto e spero che ci siano tanti giovani
che la pensino come lui. Bravi comunque entrambi, perch si
capisce chiaramente da quanto dite che non state inseguendo
facili guadagni, ma che credete veramente che ci che state
facendo possa essere di aiuto allumanit. Non vedo lora di
ricevere i dispositivi per poter mettere in pratica gli insegnamenti e non escludo di voler approfondire largomento, se mi
sar possibile frequentare un corso in aula. Grazie per ora.
Marina, insegnante in pensione
Conciliare il sonno

243

Quando non riesco a dormire utilizzo il Metodo RQI , e pos

so testimoniare che funziona ed per me un aiuto prezioso


per conciliare il sonno. Sono felice di averti conosciuto, anche se indirettamente. Grazie infinite per quello che fate,
indispensabile che pi persone conoscano il tuo metodo, io
divulgher il pi possibile affinch pi persone possano beneficiare di questo metodo meraviglioso! Spero un giorno di
poter seguire i tuoi corsi fisicamente! Un abbraccio di Luce,
buona vita. *-*
Raffaella, infermiera in pensione
Arrivare alluno
Ciao Marco, non so se qua che ti posso scrivere, ma sento
il bisogno di ringraziarti di Cuore per tutto quello che fai.
Mi sono avvicinato al Metodo RQI non per un problema di

salute ma, come in tutto quello che faccio, per cercare lindipendenza sotto questo punto di vista. Avevo immaginato che
fossi in genio, ma la reale portata e le implicazioni dei tuoi insegnamenti la sto capendo a poco a poco, guardando i video, e
ancora non riesco a immaginarne i limiti. Sono le persone come
te che mi fanno sentire onorato di essere (volevo scrivere nato
in questo paese ma poco) umano. Sei una di quelle rare persone che sanno unire (portare allUno) molte cose: spiritualit,
filosofie, tecniche, azioni pratiche di ogni giorno e molto altro
ancora... e le rendi accessibili a tutti. un piacere ascoltarti.
Grazie, un abbraccio.
Salvatore
Risposte immediate e valide
Da diverso tempo mi occupo di crescita personale e be244

nessere psico-biologico. Nel Metodo RQI trovo risposte


immediate e valide. Sono sicura di volerlo approfondire per
portarlo nella mia realt, dove trovo che ce ne sia veramente
necessit. Gi iscritta al prossimo corso in aula che aspetto
con entusiasmo. Grazie!
Claudia, impiegata
Risanare una spalla in 3 minuti
Ho labitudine di sincerarmi in prima persona dellefficacia
di qualunque metodo e, con questo spirito, ho acquistato il
Corso Multimediale e lho fatto come se fossi stata in aula con
tutti quanti. Il risultato? Era da qualche anno che soffrivo di un
dolore alla scapola destra. Beh, ci sono voluti 3 minuti per far
scomparire un dolore che mi impediva parecchi movimenti.
Complimenti Marco.
Oriana

Trattare il mal di testa


Come prima utilizzazione delle Biotecnologie Olistiche ho
trattato con successo il mal di testa di mio figlio; ora mi cimenter con le spalle di mia moglie che sono doloranti da
qualche mese e che non hanno avuto benefici risolutivi con
le terapie provate fino ad ora. (...) Cordiali saluti.
Renzo, pediatra
Una speranza contro un brutto male
Ho contratto un male tanto brutto quanto comune, una donna su 9 nel veneto lo incontra nella vita. Ho cercato sollievo e
forza, le parole di Marco mi hanno molto aiutato. I dispositivi
Biotecnologie Olistiche sono stati e sono al momento molto
importanti. Mi aiutano ad essere serena e alleviano il dolore.
Io, come normale, sogno lauto-guarigione, ma forse non ho
ancora trovato limbocco per quella via. Comunque le Biotecnologie Olistiche sono davvero prodigiose, io non ne faccio
pi a meno. Auguri e pace a tutti.
Giovanna, impiegata
Riaprire il cassetto coi sogni della vita
Gli argomenti trattati, il vostro entusiasmo e i nobili propositi
che dimostrate nel corso in aula mi hanno molto emozionato
e sono in perfetta sintonia con quello a cui ho sempre creduto nel profondo di me stesso ma che, per un periodo della
mia vita, avevo perso di vista, dimenticato e chiuso dentro
ad un cassetto, passandone una buona met in uno stato di
tranquilla disperazione. La tua conoscenza mi arrivata al
momento giusto, qualche anno fa non lavrei nemmeno presa
in considerazione e probabilmente lavrei giudicata ridicola.
E siccome, come dici tu, le cose non succedono per caso,

245

mi sono convinto ad iscrivermi al corso avanzato. Ho ancora


qualcosetta da mettere a posto. Non vedo lora di conoscerti di persona.
Roberto, artigiano
Piacevoli vibrazioni come fare sesso
Un amico, dopo i primi due corsi RQI (ora sta facendo il
terzo livello) mi ha testato kinesiologicamente, su cosa fosse
prioritario lavorare per il mio benessere. Capito cosa fare e
su quali meridiani applicare i Q-Disk, abbiamo iniziato con la
prima applicazione, dopo poco il mio intestino ha iniziato a
farsi sentire e in un pomeriggio sono andata in bagno cos
tante volte che ho perso il conto! Ero completamente a terra e spolpata con terribili dolori addominali. Fortunatamente
poco alla volta mi sono ripresa. Lunica sensazione piacevole
246

che ho percepito era di una nuova apertura al torace, al cuore


e il seno che mi formicolava.
Dopo pochi giorni arrivato il momento della seconda applicazione e, diciamo cos, non sprizzavo proprio entusiasmo
nel farla visto comera andata la prima volta. Comunque mi
sono fatta coraggio, ho applicato i Q-Disk e mi sono sdraiata
buona buona sul divano ad occhi chiusi tranquillizzata dalla
vicinanza dellamico che mi ha testato. Poco alla volta ho iniziato a percepire leggerissime vibrazioni allutero che hanno
iniziato a diventare sempre pi forti tanto da causarmi brividi
in tutto il corpo. Non stavo facendo propriamente sesso ma
il piacere che stavo provando era quello di un orgasmo molto
pi amplificato, una sensazione cos non mi era mai capitata
prima! Mi sembrava di avere un utero fatto di luce!
Vorrei specificare che il lavoro non verteva su un malessere

a livello sessuale, anzi, direi che fare lamore con un uomo


sempre stata una cosa che mi sempre riuscita bene. Piuttosto ho sempre avuto molta pi difficolt ad esprimere il lato
dolce, materno ed emozionale di me stessa.
Dopo circa quaranta minuti ho aperto gli occhi e mi sentivo in
paradiso. Lamico in questione mi ha detto che avevo il sorriso stampato in faccia ed uno sguardo sognante, mi faceva
domande e io non lo sentivo.
Finito questo effetto mi rimasta addosso una sensazione di
dolce tenerezza.
Veronica
Conoscere se stessi
Attraverso RQI Spirito sono riuscita a entrare in contatto con
il mio S Superiore. Mi ha lasciato un messaggio, mi ha detto
che non ero mai sola e che avrei dovuto avere pi fiducia in
me. Ho capito anche che avevo qualche problema con le vite
passate, che ora sono riuscita a lasciare andare, grazie ad
altre tecniche RQI. Ora mi sento felice come non ricordo mai
di essere stata. Grazie.
Laura
Perdonare e guarire
Ho applicato la soluzione RQI Spirito, con mia madre. In
passato avevo lavorato molto su di me, e in effetti durante
la tecnica ho avuto la conferma che lavevo gi perdonata.
Era lei che avrebbe dovuto perdonare me. Mi sono surrogato
in lei attraverso la tecnica Q-link e ho chiesto il suo perdono.
Nel momento in cui lei lha fatto, ho sentito un beneficio in
tutto il corpo, un misto di pace, calma ed energia. Alla fine

247

della tecnica, ho testato alcuni problemi che avevo e sono


risultati risolti.
Angelo
Attingere alla ricchezza del campo morfico
Sono appassionato di ballo, specialmente di Tango. Vado
spesso a Rimini in pista e una sera, dopo aver frequentato
il Master, ho voluto sperimentare la tecnica del Q-link. Mi
sono collegato al campo morfico di un famoso ballerino
spagnolo. stato come se la sua bravura fosse scesa dentro di me. A un certo punto, una della compagne con cui
sono solito ballare, mi ha chiesto: Lorenzo, hai cambiato
insegnante?. E dopo di lei, unaltra donna con la quale ho
ballato mi ha domandato: Da quanti anni balli?. Loro non
sapevano nulla. La prossima volta prover la tecnica con Gia248

como Casanova...
Lorenzo, programmatore informatico
Auto-guarirsi
Salve dottor Fincati, finalmente sono qui per ringraziarla
perch il suo metodo mi ha letteralmente cambiato la vita.
Soffro (anzi soffrivo) da anni di spondilite anchilosante associata a problemi intestinali. Il mio reumatologo (80 euro
per una visita!) mi diceva che si trattava di una patologia
cronica che colpisce i soggetti geneticamente predisposti
e che di cure definitive al momento la scienza ufficiale non
ne ha. Niente, solo farmaci per alleviare i sintomi e ginnastica per mantenere le articolazioni elastiche: per non parlare
dei problemi intestinali (anche quelli dovuti alle genetica mi
dicevano...). Che ovviamente non mi permettevano di mangiare ci che desideravo. Arriva poi una sera e vedo un suo

video, un ricercatore indipendente di tecniche olistiche con


un passato da informatore di fitonutrienti: un background
scientifico di tutto rispetto, ho pensato; e cos ho ascoltato e
ho subito capito che si trattava di qualcosa di innovativo: comunicazione con linconscio tramite il test muscolare alle dita
delle mani (e qui avrei trovato i miei problemi), epigenetica
(si possono cambiare i geni col pensiero), acqua solarizzata
con bottiglia blu associata alla fisica quantistica (si danno
informazioni al corpo con le frequenze dei biofotoni). Tutto
ci che mi serviva, che ne poteva sapere un reumatologo
della mia spondilite anchilosante? Io avevo la soluzione col
metodo appreso dal suo corso online: col test muscolare ho
capito che si trattava delle tossine dovute probabilmente
allelettrosmog, con lepigenetica si possono modificare i
geni difettosi e lacqua informazionale mi avrebbe aiutato
in questo processo di auto-guarigione! Ma sa, dottor Fincati,
qual era il problema? Ora glielo dico: era un problema di
ordine vibrazionale (cio le frequenze erano negative), in
pratica io mangiavo in un punto con frequenze distruttive
dovute al router del mio pc; mi bastato spostare il router
e gi i sintomi sono diminuiti del 50%. Non essendo ancora
soddisfatto ho provato con lacqua informazionale e nel giro
di un paio dore mi sono sentito quasi come nuovo. A lei
dico: GRAZIE!
Salvatore, impiegato
Vincere la bulimia cambiando credenze
Sono arrivata al Master con molta tristezza interiore. Avevo
gi lavorato molto su di me e non capivo perch la mia vita
era ancora bloccata... Grazie alle tecniche imparate sono riuscita a eliminare tutti i sensi di colpa, a risanare linfluenza

249

delle vite passate e parallele; ho chiuso definitivamente con


la bulimia (lunica cosa che mi faceva ricadere nei vecchi problemi era la credenza che il cibo serviva a riempire il vuoto
interiore... ed ho guarito quella credenza!). Ho fatto pace con
la mia famiglia e con me stessa. Mi sento diversa, migliore.
stata unesperienza meravigliosa.
Marisa
La nuova scienza
Buongiorno a tutti, ieri sera appena rientrata ho guardato
nella libreria ed ho trovato Il Codice della Vita di Gregg
Braden. Lavevo acquistato anni fa, ma dopo qualche capitolo avevo lasciato perdere; ora inizia ad essere un pochino pi comprensibile il tutto. Grazie Marco, un abbraccio
grande!
250

Manuela
La magia del master
Ciao Marco, volevo semplicemente dirti un GRAZIE. Ho
partecipato a tutti i tuoi corsi e in breve ti dico che prima di
partecipare al Master avevo sempre un qualcosa alla gola e
un fastidio allorecchio sinistro (non ho fatto visite), ma dopo
il Master sono tornata a casa e mi sono resa conto che le sensazioni che avevo sono sparite e mi sento molto bene a livello
energetico. Sono rimasta sorpresa. Credo che al Master ci sia
un qualcosa di magico. Sto praticando i tuoi insegnamenti ho
risolto un dolore alle spalle, e oltre ai vari dolori ora spero di
raggiungere anche i miei obiettivi. Ti ringrazio ancora e grazie
a tutto lo staff. Un abbraccio!
Alessia

Poesia: inno alla vita


Non ho sognato,
ho partecipato e nel vortice mi hai attirato,
ne sto godendo e te ne sono grata
sorgente infinita gioia della vita,
non c distinzione
non ho padrone ma sola emozione,
voglio danzare in questo istante che non ha tempo
ma solo levento,
scrivo senza pensare
perch il seme comincia a germogliare,
non so chi sono ma ho un dono
la vita
ora apro le ali
e nel vortice mi lascio trasportare.
Vi abbraccio,
Ida

NOTA: Per lasciare la tua testimonianza scritta vai su:


www.metodorqi.com/lascia-testimonianza.html
Per vedere le Video-testimonianze di chi sta gi applicando il Metodo RQI vai sul nostro Canale YouTube. Ti consiglio di iscriverti al Canale per rimanere sempre aggiornato:
www.youtube.com/metodorqi
Infine, per essere aggiornato in tempo reale su tutte le
novit, vai sulla pagina Facebook ufficiale Metodo RQI e
clicca Mi piace:
www.facebook.com/riequilibrioquanticointegrato

251

RISORSE UTILI

Per ricevere i video gratuiti iscriviti su:


www.rqi.me
Per maggiori informazioni sul Metodo RQI, su Corsi in Aula,
Corsi Multimediali e per richiedere Consulenze Individuali:
www.metodorqi.com
252

Per informazioni sullofferta completa Q Institute:


www.qinstitute.sm
Canale YouTube Ufficiale:
www.youtube.com/metodorqi
Pagina Facebook Ufficiale:
www.facebook.com/riequilibrioquanticointegrato

Codice Sconto di 13 Euro


Gentile lettore, per premiare il tuo interesse Q Institute ti offre
un codice sconto del valore di 13 euro, da utilizzare per lacquisto di uno qualsiasi tra i nostri Corsi Multimediali o Corsi in Aula.
Sar sufficiente inserirlo al momento del pagamento.

Codice: 0111BOOK1

Interessi correlati