Sei sulla pagina 1di 13
2 3.1L METODO DELLE FORZE, 1 metodo delle forze, nella sus accezione pit generale, applicato alia risolusione 41 sisteni elastici, consiste ello sconnettere 41 sistema dato in una serie Ai sottosi~ stent ai cui siano gia note (0 factinente calcolabili) le Aeformabilita, evidenziando le forze incognite che i singolt sottosistent erano in grado i acanbiarei prina della scon- nessione. La struttura cos? sconnessa dicesi struttura di servizio: o: sendo 1a struttura di servizio conposta da sistent elenente- Ti @ agevole calcolare le deformazioni indotte in corrispon- Gonza deile sconnessioni dalle forze incognite ivi evidenzia fe © Gai carichi nott agents aul sietena ste: - Imponendo poi 11 rispetto della congruenza da parte della struttura ai servizio st ottiene un siatena di oquazioni 14 Rear la cui risoluzione fornisce 4 valori delle forze inco- a fet b eS nals y+ Si ® sconnessa 1a atruttura data in due sottosistemt acts (mensole) evidensiando le forze ¥ © % ed 11 momento x. ccon 4 motodi indécati nel precedente capitolo @ agevole ri- cavare spostanenti e rotazioni degli estrent liberi delle mensole. $1 imporrA quindi, per 11 rispetto della congruenza del punto 2 che gli spostamenti relativi siano nulii + wey <0 spostanento relative 1ungo 1'asse z= 0 { spostanento relative lunge 1 ° rotarione relativa degl{ estrent liberi In pration, per uniformita 4i procedinento, 1 usa sconnet- tere la struttura data inserendo opportunamente delle cer~ niere ed evidentiando dei monenti, in modo da ricondurre 41 sistema dato ad un eistena isostatico, costituite da tra vA An condizioni ai vincole equivalenti al semplice appog- gio. Nella fattispecte, 1a strutture dell 'esenpio precedente vei ebbe sconnessa cone segue + tip aan Fig. 3.2 ¢ le condision 41 congruenza aivensone [ssc qeictive tn t= rotarione relativa in 3 = 0 Poich® in pratica per aste prisnatiche possono tragcurarsi le Aeformazion’ cavente a arioni aseialt ¢ da aziont ai taglio, 41 caicole delle rotation! delle singole aste nei punti at sconnessione risulta grandenente senplificate dipendendo queste solanente dal monento incognito applicato © dalla con ponente dei caricni normale aii‘asse celia trave stessa. ESERCTIIO 3.1 xasouvere 1a trave i fig, 3.3a con 41 metodo delle forze, Ty, -~" Fig. 3.38) 5 calcoleza ora 1a rotasione relativa del nodo 1 applicando 42 principio ai sovrapposizione degli effetet (fg. 3.38)) © facendo ricorso ai rigultati ai esercizi precedentenente avoltt 4, UIT, Pig. 3.30) a rotazione elativa del nodo 1, che per congruenza con 1a struttura data dovea essere nulla, sari espressa dalla rela som sbbene possa soabrare pleonastico, ei 8 evidensiato iT'nomento iy agente sull'incastro' 1. Tale modo ai procedere riguitera particofarmente vantaggioes nel Gato di incastri cedevol! elasticanente. cost facen- 40, inoitre, si rispetta 1"equilibrio della trave. stone tet Mae Xt bo OKC sn oul ai @ tndteato con dye 7 sotastone relativa del nodo 1 per effetto dela iper~ rotazione relativa del node 1 per effetto det caricht tor ae do 1 come ® note la ratassona relative pud esprinersi cone aiffe~ ; Senza algebrica fra la rotazione 41 destra e quetia a1 sint- || NB atea () @ pertanto sark Sane 7 toa 7 Mts Shor 7 toa ~ 108 enuto conto che a destra vi @ un incastro fisso e perfetta mente rigide #ar3 Para ~ P10a~ © fe rleordando 1 risultatt degli esercizi 2.16 © 2.17 ei ba a ee ues) * es One Por te x 11 segno weno indica che 11 momento x, ha verso opposto a quello tpotizzato. Noto pertanto 11 monento che agisce all'‘estr: sta 1 gona (C) oveianente e1 potrebbe adattare pure 1a convelbione inve: Ga (einistra meno destra); purcht ef antenga valida pol per facto i calcolo. % trave O-1 & innediato tracciare 1 diagrammi del momento Hlettonte © del taglio (fig. 3.30). wer (2) ney 1h yer) quaitative punt Fig. 3.20) BSERCIZIO 3. Risolvere la trave di fig. 3.4a sneagtrata elasticanente nel, eT ye {+ ___} yum Fig. 3.40) 11 proceainento @ sdentico a quello del:'esefeisio proceden x ‘te, In questo caso,potch® l'tneastro @ cedavole elasticamen- te, 1a rotaxtone relativa (-) deli'estreno 1 aard : Oty yt 8 (ra +X, + 10a 7 P4g9) = 2 3 2 iy) = ° Dalltespressione di x, appare che {1 momento flettente del~ la trave al nodo 1 & senpre negative, ma, grazie alla flea sibilita della molla, infertore a quello d'incastro perfetto. AL Linite af ha incastro perfetto Lim x, = ~ to Pertanto lo stato tensionale di una trave incastrata elasts camente & intermedio a quello di una trave con un incastro perfetto © a quello di una trave senplicenente appoggiata. ESERCI#IO 3.9 Risolvere 1a trave di fig. 3.58 soggetta ad un cedinento an- golare rigide dato 3, all‘estreno 1. (7) NOTA: por brevita di scrittura ai onette 1'indice rine EGhaendo comungue cvora in avanti che ei eracca ai rotazione relative. 8 CTT) ene QUOT, | eto [TIT vig. 3.50) i SAP? 4 ___f Bquazione @i congruensa PAS COM TO Yel caso in cus siano assent 1 carieht esternt (peo) risul— 2 2 ayy 11 valore My, cost ottenuto si definiece rigiderza angolare Aizetes del node 1 doll'acts 0-1. EBSERCIZIO 3.4 Risolvere 1a struttura in fig, 3.68 © calcolare 1a rotastone # del punto 0. Fig. 3.60) Sea Een 7 Fig. 3.60) vom Pr natet Bquarione at congruenza 1 Pay tog 8 e 1 1 ves: + ae = Oo X Giagramm! del momento, del taglio ¢ is deformate qualita- tiva sono pertanto agevolnentedisegnanili (fig. 3.60). ° 1 er tH Ores IY { Pig. 3.6¢) Noto ii diagranna dei monenti (e quindi quello delle cvrva~ ture y"(2) = -M(z)/2a) & agevole calcolare 1a rotazione 4 con 4 corollars di Yohr e ei lascia al lettore, per eserci- 2io, 12 compito ai sviluppare 4 calcoli. Risulterd infine ome h?-d a. gue don ons" Garo TZ Bs + OM aes Posto M= 1 si ottione che 1a geformapiiiea angolare 0 fles~ subslse8 diretta della trave in esane vale 0 * 3B owianente, cone @ facile verificare, 1a flessibilies indi- BSERCIZIO 3.5 (proposto) 4 sacemet fey 7 Rigolvere 1a trave ai fig. 3.7. | (Wea 1a risoluzione neti 'appendice A) Fig. 3.7 a ESERCIEZO 3.6 (proposto) Risolvere 1a trave i fig. 2.8, a ++ (Wed 1a risolurione nell'appendice A) ESERCT#IO 3.7 Rigolvare 1a trave di fig. 3.98) soggetta ad un cedimento- rigido noton dell'estreno 8 ' 0" iL—1—_# Fig. 3-90) applicando 1a sovrapposizione degli effetti (fig. 3.9) 8 et fay ¢ sy > 0 5, 7 (0) ~ tag = (0) - 1 i‘ fx aes tage deo ml og E 715.3.9 e Squasioni &i congruence tan Hat Onn Mt dag en se ¢ ast tbo 0 fen atta Matty m0 ahh t shy gd =o Le aziont interne © 1a deformata risultano quindt Sea a peewee Risolvere la trave di fig. 3.10 sosgetta ad un cedinento an- golare noto 9 alltestreno A & sees ¥ Ri (Weds 18 risoluzione tn appendice 2) 729749: 10) ESERCT2I0 3.9 Risolvere il precedente 4d servizio (£1. 3.118) jercizio con la seguente struttura Pig. 3.118) ee Ia struttura ai servizio proposta risulta tperstatica, non fessendo stato svincolato 1'ineastro in B. Tuttavia ® possi- bile ricorrere ancora al metodo delle forze facendo riferimen to alltesercizio 3.4 che of fornisce 41 valore della flessibi Lita dell'estreno A della trave A-B iperstaticn Fig. 3.11b) 4a cul per congruensa in A waco tte xP (per 4 Giagramni M(z) e T(z) vedi appendice a) ESERCT2IO 3.10 (proposto) Facendo riferinento ai rigultati dell'esercizio 2.15 risolve re la soyumite Leave soyyetta a distorefone Wermica. “ Sono dati 1 = 400m b =30.cn @ = 0.00001 en/em °c ap = 30% B= 2,5 x 10° g/en? (Weds solusione in appendice A) f ESERCTEIO 3.11 (proposto) i Riferendovi ai risultati dell'esercizio precedente, cercate 44 giuetificare Le seguenti o = 11 valore dei monenti all'incastro non dipende dalla luce srvaziont: della trave = ta deformata presenta 2 flessi pur essendo costante 11 @tagranna ded ronentt msmnezaro 2.12 Neglt esercizi finora presentatt si 2 sempre trascurato 11 contribute della deformazione assiale, Eelstono tuttavia Get casi, come quello qut proposto, in cui tale contribute non ® pit trascurabile. Si operer’ ancora con 11 metodo delle Forze, valutando anche lo spostanento retativo dell'estreno B svincolato cone segue + a ae 4 are: ra areca tho => BT (0) ¥ we to = = g. FEAT, aa ap 0 -/}-—+-s | tho * fio = anyon, syea Ro * (0) = (a, SBT Pig. 3.136 Per 1a congruenza dovra seriverst rotazione relative in A= 0 rotazione relativa in B= 0 spostanento relative in B= 0 tan a * tea Xt Baan = My + (8,9 + Oyo) =O fan %* Yan % * fan > My + (a + Hq) = 0 Tan fa + Map Fo + Mgy + By + (n'gg + ntgg) = 0 © sostituendo nas 4 l acer sent ois % ta pie ae eygutty tg ths a + si gt. et Risolvendo nyo ay " ESERCTEIO 3.13 (proposto) Risolvere 1a seguente trave, caricata da una forza parallela all'asse della trave ate ¢ fen Fig. 3.16 th ot (Wed risoluzione in appendice a). BSERCIEIO 3.44 Wig. 3.182) Sach struteura di servizio Fi ‘Tracciare 4 diagrami 4, M, 7 fe 1a doformta qualitativa. Pig. 3.15b) « Sovrapposizione degli effetes Fig. 3.150) Esleolo 44 449 con 1 corottars as tobe as77 n vig. 9.158) peeve wn = fony = Joy? f= Ry Bown? 2, 3, 4 3 ne eine Hor ae aaa TO) = 0? - ay rave austiiaria | Fig. 3.150) per L'equilibrio alia rotazione intorno a@ » [Md ey arent en is Bquazione di congruenza nt ty =e fi Fig. 3.158) garyy) -fony run = punto 4 Mae Fe OMT M0447) © Mya tty em? Diagramma del tagiio 4 zo tat QOaas en? a O ® Pig. 3.1597 Diagramna aztone agsisle Bquilibrio nodo 2 ye het Boe Bow > on? cn? ny ‘an 19 oR Mag = a5 Pig. 3.150 Fig. 3.159) BSERCIBIO 3.15 2 po #2? Pet car “ In Ee yo condiziont ai congruence rotazione relativa in 1 = 0 rotazione relativa in 2 = rotazione relativa in 3 = 0 fe, sinbolicanente ea% + take + O13% t Ho ° Fars + Pane + 923% + F20 ayy + 452% + %39% + #99 7 come si nota si 8 indicate con lettera naiuscola 11 coetfi~ clente $44 = @44 Per evidensiare 41 fato che esso risulta joltto maggiore di quelli della medesina riga. An valore’ Per {1 calcolo det coefficienti 44, #1 applicheranno alla struttura di servizio singolamente 1 moments incognits x4=1 ¢ { cardchi esterni -2 O41 = ay a Soy” aT Say - te ge? Carient esterni Fig.3.166) Sietena risolvente 1 1 TEP + a + Te “8 2 Ly 2 1 pt tes * Sea * tes * hes” “h 1 1 + ee * er a 1a cul solusione & + = Bers Bet sat + PL _ Byaan x, 7g - SEE By] Bhat 0a SR BSERETAIO 3.46 Risolvere 1a seqvente struttura + Too> -F ot g 9 Q sg. 3.1709 each: By = cost. ce = 241. 108 xs/en) 2 stom, 5. 10% ent P= 2.000. xs/t a 93,0 0 Bracciare 1 diagranmi del mosento flettente, del taglic @ # dettvartone sesiale © disosnare 1a deformata qualitative. Calcolare 10 sportaneato della cerntece G) Fig. 3.170) 5 sed i a-2b 55 Diagrams, Ta aB-4e8] ye) Fig, 3.176) spostanento del punto @) Lo spostanento cercato pud essere calcolato ricorrendo anco— ra alle sovrapponibilita degli effettt + 2 tnt ent = Bosap «Yas - nent ent en Aye Bosh «Yt -aa ESERCIZIO 3.17 (proposto) Con riferinento ail'esercizio precedente calcolare 1'abbas~ samento del nodo 3 cof corollars ai Hohe. a Qssorvastons gulle strutture a nodi fisst GAL eserci2i finora svolti si riferivano a senplici travi o complessi ai travi ove ara evidente 1a "tisesta"(") aes noad sede di iperstatiche, vna volta annessa 1'ipotesi &1 indefor mabilitA agsiale delle aste (rettilines) tUn metodo che permette 4 ziconoscere innedtatanente se una ateuttura pd essere classificata "a nodi fissi" (0 sposta~ mento direttanente calcolabile) consiste noll'inserire cernte= re in coreiepondensa ai tutti 4 nodi, comprendendo fra questi anche gli estrent delle aste vincolate al solo, ed esaminare se 1a struttura che ne risulta sia eostatica, iperstatica, Spostatica o labile. Nei primi due casi, struttura ai servizio {stostatica © iper- station, 1a struttura reale ard a nodi fisst; negli ultimi ue casi, a nodi spostabili. Per esompio 1a struttura in figura a8 origine ad unt ateuttura isostaticn. Quindi @ 2 nodi fist. Fig. 3-170 Beeroisio 3.18 Rigolvere 1a aeguente struttura + Pana Pig, 3.188 anal wanes che TnGaT puaTEnS "WIS FISEEYS™, Ba TOR epostares {2) se infatet 1e aste non fossero rettilinee, anche trascuran~ Go 1a deformabilit® aacinle 1 nodi potrebbero’ spostarsi.