Sei sulla pagina 1di 3

Guagliune e miez a via.

Pe miez a via sient e voci de e guagliune


sacche vacante e stommache diune.
Vanno fujenno comme na saetta
e per chi e v ferm nun teneno rispetto.

Ma tutto o male ca teneno ncuorpo


e chi s avota e spalle e guarda e se ne fotte.
Ma quann o sole scarfa sta citt
pure lu core scuro sadda nnammur.
A sti guagliune nun e vo nisciune
perci arapimm e vasci e damml furtuna.
Figli da a malaciorte e vire sulo e notte
Fujeno comme o viento sfidano la morte.

Saglieno scennono s arrangiano e se vennono


Sta vita va nun a pu ferm
Astregne e dienti tutto po cagn.

Mo io nun crer a nisciuno


areto a nu muro,
mo nun pens curr e va,
na vita nova.

ca a vita scritta
chi t a leva e chi t a da

E nato sulo e sulo c restato


A colpa nun a soia si sta sempre arraggiato.
Criature senza suonno sarr omm senza scuorno
fuie accuss ca o munno se lluvaie a tuorno.

Ma na carezza nun ce costa niente


Arape o core do o chi delinquente,
e po verimm buone, so sempe guagliune
col proprio carico di odio e di sfurtuna.

Chi vo cagn nun ce fa paura


S aggrappa a libert e nun se sente sulo,
Guagliun e miez a via da o vommero a scampia,
so proprio lloro e figli ca stregne mpiett Dio.

Saglieno scennono s arrangiano e se vennono


Sta vita va nun a pu ferm
Astrigne e dienti tutto po cagn.

Mo io nun crer a nisciuno


areto a nu muro,
mo nun pens curr e va,
na vita nova.

ca a vita scritta
chi t a leva e chi t a da

Autore Luciano Restucci

Ottobre 2012