Sei sulla pagina 1di 2

RELAZIONE DI FISICA

Nome e cognome: Pepe Giorgia


Classe: II M
Data: 29/01/15

TITOLO:
Secondo principio della dinamica.

OBIETTIVO:
Dimostrare il secondo principio della dinamica
con la carrucola sulla rotaia a cuscino daria.

STRUMENTI:
-Cronometro
-Carrucola
-Rotaia ad aria
-Filo
-Pesetto
-Bilancia (con sensibilit pari a d= 1g)
-Alcuni pesetti cilindrici di 50 g luno

PROCEDIMENTO:
Si collega la carrucola con il pesetto per
mezzo del filo, si misura la distanza da
prendere in considerazione sulla rotaia e si posiziona
la carrucola su di essa. Quando la rotaia in accesa e
la carrucola sta facendo il suo percorso si prendono i
tempi pi volte e andando avanti con le misurazioni
viene aumentata la massa della carrucola attraverso i
pesetti cilindrici che vengono posti ai lati di essa.

OSSERVAZIONI:
I dati cos ottenuti vengono riportati nella tabella seguente.
m1
0,189 kg
0,289 kg
0,389 kg
0,489 kg

m2
0,006 kg
0,006 kg
0,006 kg
0,006 kg

m1+m2
0,195 kg
0,295 kg
0,395 kg
0,495 kg

s
0,80 m
0,80 m
0,80 m
0,80 m

t
2,20 s
2,70 s
3,30 s
3,70 s

a=2s:t2
0,33 m/s2
0,22 m/s2
0,15 m/s2
0,12 m/s2

F = ma
0,064
0,065
0,059
0,059

Come si pu notare dalla tabella la massa e laccelerazione sono inversamente


proporzionali tra loro.

CONCLUSIONE:
Lesperimento riuscito anche se nellultima colonna i dati sono diversi un po luno
dallaltro.