Sei sulla pagina 1di 68

Bayer per lambiente: questo opuscolo

stampato su carta proveniente da foreste gestite in


maniera corretta e responsabile
Casa Balcone Giardino
Esposizione pag.02
Terriccio pag.03
Irrigazione pag.03
Rinvaso e concimazione pag.04
Difesa da insetti pag.11
Difesa da funghi pag.15
Giardino senza malerbe pag.16
Gli insetti utili pag.18
Le formiche pag.20
Le zanzare pag.22
Tappeto erboso
Scelata del prato pag.24
Impianto pag.25
Concimazione pag.26
Manutenzione pag.26
Difesa da insetti pag.27
Difesa da funghi pag.27
Controllo delle malerbe pag.28
Il muschio nel prato pag.29
Orto
Concimazione pag.34
Difesa da insetti pag.35
Difesa da funghi pag.37
Frutteto
Concimazione pag.40
Calendari dei trattamenti pag.42
Difesa da insetti pag.48
Difesa da funghi pag.51
Olivo
Concimazione pag.53
Difesa da insetti pag.53
Difesa da funghi pag.54
Agrumi
Concimazione pag.53
Difesa da insetti pag.53
Difesa da funghi pag.54
Vite
Concimazione pag.58
Difesa da insetti pag.58
Difesa da funghi pag.61
Calendario dei trattamenti pag.62
Schematizzazione che aiuta a riconoscere il momento in
cui normalmente presente lavversit (mesi colorati in
verde).
G F M A M G L A S O N D
= marchio registrato
Manual e
Bayer Garden, con il manuale del giardinaggio,
vuol far avvicinare tutti al piacere di passare il
tempo in mezzo al verde: veder crescere diversi
tipi di piante, ornamentali, da orto e da frutto,
raccogliere linsalata quando ancora tenera,
pronta per essere portata in tavola!
Accanto ai consigli per la difesa con prodotti di
sintesi stata inserita una sezione denominata
protezione biologica in cui la difesa delle
piante ottenuta con limpiego dei prodotti di
origine naturale, ammessi in agricoltura biolo-
gica.
Coltivare un hobby non semplice: le piante
sono esseri viventi con necessit proprie e dob-
biamo tener conto di molti fattori che possono
essere determinanti nel risultato, come lesposi-
zione al sole e il tipo di terreno e dobbiamo se-
guirle passo passo nella loro crescita aiutandole
con i fertilizzanti e difendendole con gli agrofar-
maci, utilizzati razionalmente, in modo da salva-
guardare lambiente.
Alla fine saremo ricompensati ampiamente e
inorgogliti dai colori e dai preziosi doni del no-
stro giardino.
Per oltre 30 anni Loredano Lazzarini ha ideato e rea-
lizzato i manuali Bayer Garden; il suo contributo
stato fondamentale per comunicare a tutti gli amanti
del verde utili nozioni tecniche e simpatiche informa-
zioni.
Per la prima volta questo manuale viene stampato
senza il suo competente contributo, utilizzando le sue
splendide immagine e rielaborando i suoi testi.
A lui, amico e collega, va il nostro
pensiero e il nostro ringraziamento.
del Gi ardi naggi o 2013
ESPOSIZIONE
Per le piante da esterno, ricordate di posizionare le
specie acidofile quali ortensie, camelie, rododendri,
azalee e gardenie, a mezzombra, mentre riponete in
buona esposizione le specie eliofile, quali gerani, rose, girasoli, petunie,
surfinie e altre.
Per quanto riguarda le piante da appartamento, che prediligono tutto
lanno temperature superiori a 10C (per questo motivo vanno riposte in
casa durante i mesi inver-
nali), tenete presente che:
Ficus benjamin, Ficus ro-
busta, Ficus elastica, Dief-
fenbachia spp., Caladium
spp. vanno posizionate vi-
cino alle finestre, esposte
alla luce diffusa (non ai
raggi diretti del sole); Calla,
Monstera, Photos e Philo-
dendron possono essere
posizionate anche a qual-
che metro dalle finestre,
avendo bisogno di una
esposizione media alla
luce diffusa; Aglaonema,
Anthurium, Ficus lirata,
Spatiphillum, e Syngonium
possono essere posizio-
nate anche lontano dalla fi-
nestra, accontentandosi di
una bassa illuminazione.
2
Casa
Balcone
Giardino
F
o
t
o

L
.

L
a
z
z
a
r
i
n
i
F
o
t
o

A
.

Z
o
r
l
o
n
i

-

A
g
e
r

S
C
TERRICCIO/
SUBSTRATO
Ogni tipo di pianta ha bisogno di
uno specifico terriccio. In linea ge-
nerale, le acidofile necessitano di
un terriccio acido (specifico per aci-
dofile) acquistabile nei garden cen-
ter. Le piante grasse necessitano di
un terriccio molto drenante e leg-
gero: anche in questo caso esi-
stono in commercio speciali terricci
per cactacee. Anche le orchidee
vanno coltivate su speciali sub-
strati, costituiti essenzialmente da
corteccia e sfagno. Tutte le altre
piante si accontentano di un terric-
cio universale di qualit. Una pra-
tica molto utile per aumentare la
permeabilit e il drenaggio del sub-
strato consiste nellaggiungere sabbia mescolandola, in ragione di un terzo,
al terriccio scelto: in questo modo aumenteremo la porosit, cio la quan-
tit di spazi vuoti nella terra, a vantaggio dello sviluppo e attivit delle ra-
dici.
IRRIGAZIONE
E fondamentale per tenere in
buona salute le nostre piante. Te-
nete sempre in considerazione il
fabbisogno idrico delle specie colti-
vate prima di provvedere a irrigare.
Un semplice impianto di irrigazione
automatica, connesso ad una cen-
tralina elettronica facilmente pro-
grammabile, permette di dosare
bene (regolando il flusso di acqua
emesso dai gocciolatori) la quantit
dacqua da apportare alle piante e
di irrigarle anche in nostra assenza.
Infine permetter di eseguire le irri-
gazioni nel momento pi opportuno
della giornata, la mattina presto o la
sera, per il corretto turno irriguo
consentendo di risparmiare notevoli
quantit di acqua a tutto vantaggio
dellambiente.
3
F
o
t
o

A
.

Z
o
r
l
o
n
i

-

A
g
e
r

S
C
RINVASO E CONCIMAZIONE
Piante fiorite
Per ottenere una fioritura abbondante e prolungata di gerani, impatiens,
petunie e altre piante da fiore, manteniamole in condizioni di sviluppo otti-
mali: in caso di coltivazione in contenitore, sono importanti la scelta del
vaso, lutilizzo di un terriccio di buona qualit, una giusta bagnatura e una
nutrizione adeguata, eseguita con concimi specifici come Baycote e Bayfo-
lan, in grado di soddisfare lapporto non solo di azoto, fosforo e po-
tassio, ma anche di microelementi, per un arco di
tempo prolungato.
Al trapianto o rinvaso di piante in vaso, a fine
inverno o alla ripresa vegetativa, miscelate il
terriccio con concime granulare Baycote Ge-
rani e Piante Fiorite (3,5-6 g per litro di ter-
riccio). Usate il dosaggio pi alto per le
colture pi esigenti come geranio e garo-
fano. Al rinvaso ricordatevi di posizionare
sul fondo del vaso un quantitativo di argilla
espansa dello spessore di 3-4 cm, che faciliter
il drenaggio dellacqua in eccesso.
Durante le fasi di maggiore sviluppo e di fioritura
pu essere utilizzato concime liquido Bayfolan
Gerani e Piante Fiorite (1 tappo in 4 litri dac-
qua). Per la concimazione di piante deperite
per stress idrico o attacchi parassitari, applicate
Bayfolan Gerani e Piante Fiorite.
In aiuola la concimazione delle piante annuali da
fiore deve rispettare le esigenze nutrizionali della
pianta, tenendo conto delle caratteristiche del
terreno.
Al momento della preparazione del terreno effet-
tuate una concimazione con Bayfolan Natria, concime di origine naturale,
che migliora le caratteristiche del terreno (80-100 g/m); prima del tra-
pianto, utilizzate Baycote Gerani e Piante Fiorite (50-100 g/m - durata di
nutrizione circa 6 mesi), spargendolo uniformemente tra le file e non sulla
chioma o a ridosso dello stelo, interrandolo. In alternativa impiegate Bayfo-
lan Multi Orti e Giardini (30-40 g/10 m - durata circa 4 mesi). Durante la
4
Operazioni da effettuare al rinvaso o al trapianto
Aggiungete
al terriccio il
concime
Mescolate
il terriccio
con il con-
cime.
Trasferite la
miscela nel
vaso e fate
seguire una
leggera irri-
gazione.
F
o
t
o

A
.

Z
a
p
p
a
t
a

-

A
g
e
r

S
C
stagione vegetativa integrate ogni 7-10 giorni la concimazione di base con
il concime liquido Bayfolan Gerani e Piante Fiorite.
Le piante biennali e quelle perenni, dal secondo anno, richiedono una con-
cimazione alla ripresa vegetativa con Baycote Gerani e Piante Fiorite (50-
100 g/m) che assicura una buona nutrizione per circa 6 mesi. In
alternativa utilizzate Bayfolan Multi Orti e Giardini a 30 g/m al momento
della lavorazione del terreno, prima del
trapianto o della semina, 20 g/m dopo
3-4 settimane dallimpianto e 30 g/m
prima della fioritura primaverile.
Bulbose
Le bulbose a fioritura primaverile (tuli-
pani, narcisi, giacinti, allium ecc.) si
concimano in autunno, al momento
della vangatura, con Bayfolan Multi Orti
e Giardini (50 g/m) e a fine inverno o
allinizio della primavera, quando la ve-
getazione spunta dal terreno, con Bay-
folan Multi Orti e Giardini (30-50 g/m).
Se i bulbi rimangono a dimora, effet-
tuate una seconda concimazione alla
fioritura con 30-50 g/m del medesimo
prodotto.
Per ottenere abbondanti fioriture dai
bulbi a fioritura estiva (gladioli e iris)
spargete 50 g/m di Bayfolan Multi Orti e Giardini al momento della lavora-
zione del terreno o in pre-impianto e 30 g/m ogni 4 settimane, fino alla fine
della fioritura.
Le bulbose in vaso necessitano Bayfolan Universale (1 tappo in 4 litri dac-
qua) ogni 7-10 giorni fino alla fine della fioritura.
5
F
o
t
o

L
.

L
a
z
z
a
r
i
n
i
F
o
t
o

L
.

L
a
z
z
a
r
i
n
i
Piante verdi dappartamento
Al trapianto o al momento del rinvaso della vo-
stra pianta verde dappartamento, miscelate
al terriccio Baycote Universale (3,5-6 g per
litro di terriccio), quindi irrigate legger-
mente. Questa concimazione fornir nu-
trienti per circa 6 mesi, in maniera
programmata, secondo le reali esigenze
della pianta.
Per le colture gi in vaso o che non
hanno ricevuto unadeguata concima-
zione al rinvaso, intervenite alla ripresa
vegetativa con Baycote Universale (3,5-6 g
per litro di terriccio). In seguito impiegate con-
cime liquido Bayfolan Piante Verdi (1 tappo in 4
litri dacqua). In autunno continuate con Bayfolan Piante
Verdi, oppure effettuate una seconda distribuzione di Baycote Universale,
ma a dose ridotta. I concimi granulari Baycote, a cessione programmata,
evitano la formazione di eccessi di salinit e quindi danni alle radici.
Piante Acidofile
Piante acidofile, quali aza-
lee, rododendri, camelie, or-
tensie, pieris e altre,
necessitano un terreno
acido, a pH basso.
A fine inverno, durante le
operazioni di trapianto o rin-
vaso, miscelate il terriccio
con Baycote Acidofile (3,5-6
g per litro di terriccio). Que-
sta concimazione garantir
nutrimento per circa 6 mesi.
Durante la primavera con-
sigliabile integrare la conci-
mazione effettuata al rinvaso distribuendo settimanalmente concime
liquido Bayfolan Acidofile (1 tappo in 4 litri dacqua). Per piante coltivate
nel medesimo contenitore da pi anni, che hanno sfruttato il substrato e
non possono essere rinvasate, conviene effettuare una concimazione pri-
maverile con Baycote Acidofile. La dotazione in microelementi serve a rico-
stituire il necessario equilibrio nutrizionale del terreno ormai sfruttato.
Durante la stagione vegetativa, integrate la concimazione di base con con-
cime liquido Bayfolan Acidofile (1 tappo in 4 litri dacqua) ogni 7 giorni du-
rante primavera e autunno e ogni 10-14 giorni durante lestate.
Al momento di mettere a dimora una pianta in piena terra, bene prepa-
rare una buca di impianto che sia tre volte pi larga della zolla della pianta.
Per riempire la buca, utilizzate torba acida (pH 3,5-4,5) mescolata con
Baycote Acidofile (3,5-6 g/litro di torba). La concimazione dimpianto suf-
ficiente per il primo anno di coltura; negli anni seguenti concimate a fine in-
6
F
o
t
o

A
.

Z
o
r
l
o
n
i

-

A
g
e
r

S
C
verno, distribuendo 50-100 g/m di Baycote Acidofile (durata di nutrizione 6
mesi).
Le acidofile sono piante che temono gli eccessi di concimazione e il rista-
gno dacqua. Lirrigazione con acqua calcarea o il terreno non adatto pro-
vocano clorosi (ingiallimento delle foglie) dovuta a carenza di ferro. Per
prevenirla distribuire mensilmente Baysol Rinverdente.
Piante legnose e cespugli
La concimazione di cespugli e piante le-
gnose, coltivate in vaso o in fioriere sui
terrazzi, deve tenere presente che il
volume di terra a disposizione delle
radici relativamente piccolo in rap-
porto alla dimensione della chioma.
Le frequenti irrigazioni dilavano gli
elementi nutritivi dal terriccio e le ra-
dici sono spesso soggette a stress
da sbalzi termici o da carenza di
acqua.
Al momento del rinvaso, distribuite Bay-
cote Universale (3,5-6 g per litro di terriccio)
miscelandolo al terreno e ripetete lapplicazione
dopo 6 mesi. Fate seguire una normale irrigazione. Successivamente, per
fioriere di dimensioni ridotte rispetto allo sviluppo della chioma, o per piante
che sono coltivate nel medesimo contenitore da pi di due anni, concimate
con Baycote Universale alla dose di 4-5 g/litro di terriccio per piante molto
esigenti, come ortensia, oleandro e boungavillea, o con un notevole svi-
luppo vegetativo, oppure alla dose di 3-4 g per piante a sviluppo pi ridotto
o meno esigenti, come ibisco e pitosforo, e 2 g per lauroceraso e tasso. In
zone con una buona condizione climatica, la concimazione con Baycote
Universale va effettuata a marzo e ripetuta a luglio; in zone pi fredde, al
termine del rischio di gelate; le piante a maggiore sviluppo vegetativo ne-
cessitano una integrazione nutritiva alla fine di agosto.
I cespugli in piena terra, sia spoglianti che sempreverdi, singoli o in gruppi
a siepe, richiedono una concimazione che assicuri unabbondante fioritura
ed unaccentuata colorazione del fogliame. Spargete, alla lavorazione del
terreno, o a fine inverno, Bayfolan Natria, concime di origine natu-
rale che migliora le caratteristiche del terreno stesso (80-100
g/m) collocandolo alla base delle piante, ad una distanza
di almeno 15 cm dal tronco e interrandolo, leggermente.
Ripetete la concimazione ogni 4-6 mesi (durante il pe-
riodo estivo e sulle conifere usate il dosaggio pi
basso).
Rosai
Allimpianto di rose in giardino, mescolate la terra di
riempimento della buca con Baycote Rose (3,5-6 g per
litro di terriccio), efficace per circa 6 mesi, oppure distribui-
telo in superficie (40-60 g/m) e interratelo con una leggera
7
F
o
t
o
A
.
Z
o
r
lo
n
i
-
A
g
e
r
S
C
Foto A. Z
a
p
p
a
ta
-
A
g
e
r
S
C
zappettatura. Durante il primo anno nor-
malmente non necessaria alcuna inte-
grazione nutritiva.
Dal secondo anno occorre concimare in
primavera, alla ripresa vegetativa, con
Baycote Rose (40-70 g/m). Durante la
stagione vegetativa, per avere uno svi-
luppo pi rigoglioso e fioriture pi abbon-
danti, integrate la concimazione di
copertura intervenendo con Bayfolan Ge-
rani e Piante fiorite (1 misurino ogni 4 litri
dacqua di irrigazione).
Nel caso di rose coltivate in contenitore, utilizzate terriccio per rose; ad
ogni 10 litri di terriccio mescolate 45-50 g di Baycote Rose (durata di nutri-
zione 6 mesi); tale concimazione sar sufficiente per il primo anno.
Durante lanno la concimazione pu essere integrata mediante fertirriga-
zione ogni 7-10 giorni con fertilizzante liquido Bayfolan Gerani e Piante
Fiorite o distribuendo Baycote Rose sulla superficie del terreno, alla dose
di 3,5-5 g/litro di terriccio, evitando di collocarlo a contatto con il colletto
della pianta. Il prodotto pu essere leggermente interrato o posto in muc-
chietti dentro piccole buche aperte con la pressione del pollice. La conci-
mazione va ripetuta annualmente (dopo la potatura) e sar sufficiente per
tutta la stagione.
Alberi
Durante i primi anni dimpianto, gli alberi a foglia caduca usufruiscono di
una concimazione intensa e completa, raggiungendo rapidamente la di-
mensione sufficiente per svolgere la loro funzione ornamentale in giardino.
Una volta raggiunta la maturit non richiedono ulteriori apporti di concime.
Allimpianto, mescolate alla terra di riempimento della buca Bayfolan Na-
tria, concime di origine naturale che migliora le caratteristiche del terreno
(100 g buca) oppure Bayfolan Multi Orti e Giardini (20-40 g per piante pic-
cole, 50-100 g per piante medie e 100-200 g per piante grandi). Durante la
stagione successiva allimpianto, non necessario concimare. Negli anni
successivi spargete, a fine in-
verno, Bayfolan Multi Orti e
Giardini alle dosi sopra indi-
cate o, in alternativa, Bayfolan
Natria (50-100 g/m).
Il concime va distribuito su
unarea leggermente pi
ampia di quella corrispon-
dente alla proiezione al suolo
della chioma della pianta, a
partire da almeno 30 cm dal
tronco. Per alberi che cre-
scono su tappeti erbosi, ne-
cessario distribuire il concime
quando lerba in fase di ri-
poso o a inizio vegetazione.
8
F
o
t
o

L
.

L
a
z
z
a
r
i
n
i
F
o
t
o

L
.

L
a
z
z
a
r
i
n
i
9
Nutrizione
Per nutrire al meglio i gerani occorre dar loro gli ele-
menti nutritivi essenziali per uno sviluppo ottimale. A
fine inverno o alla ripresa vegetativa, durante le ope-
razioni di rinvaso, preparate il terriccio miscelandolo
con il concime granulare Baycote Gerani e Piante Fio-
rite (3,5-6 g/litro di terriccio). Grazie alla tecnologia
della cessione programmata i granuli di concime rilasciano gradata-
mente gli elementi essenziali per la pianta, nutrendola per circa 6 mesi.
Durante le fasi di maggiore sviluppo e fioritura, opportuno integrare ogni
7-10 giorni con il concime liquido Bayfolan Gerani e Piante Fiorite (1
tappo per 4 litri dacqua), diluito nellacqua di irrigazione.
Lepidottero dei gerani
Cacyreus marshalli un lepidottero originario dellAfrica, diffuso in tutta
Italia, che causa notevoli danni ai gerani coltivati: a fine stagione le piante
sono parzialmente rinsecchite e defogliate, spesso senza fiori e con i ca-
ratteristici fori duscita a livello degli internodi dei fusti. Ladulto svolge atti-
vit diurna in luoghi caldi e assolati. Le ali, di color bruno-bronzo e
marrone, terminano con due codine
lunghe e sottili. Depone uova sin-
gole da cui fuoriescono piccole larve
bianche che penetrano nei fusti e vi
scavano gallerie discendenti. Le
larve mature, di colore verde con
strisce lilla, escono dai getti e si nu-
trono di foglie, fiori e apici, creando
danni simili a quelli di altri fitofagi. In
Italia Cacyreus marshalli compie 5-6 generazioni allanno.
Casa e balcone: trattate con Calypso Protector AL oppure con Calypso
Plus alla comparsa dei primi danni. Ripetete il trattamento dopo 7 giorni.
Giardino: trattate, alla comparsa del parassita, con Calypso Garden Pro-
tector: diluite 50 ml di prodotto in 1 litro di acqua e irrigate le piante.
Ruggine del geranio
Sulla pagina inferiore delle foglie del geranio,
compaiono pustole circolari da cui fuoriesce una
polvere di colore rossastro o aranciato; le foglie
colpite seccano e la pianta si indebolisce; talvolta
le pustole si formano anche sugli steli.
Casa e balcone: spruzzate Flint Max AL sulla ve-
getazione. Ripetete il trattamento ogni 10-14
giorni.
Giardino: trattate con Folicur Giardino diluendo
3,5 ml/litro dacqua e spruzzate sulle foglie.
F
o
t
o

R
e
d

F
o
x
Geranio Perfetto
Nutrizione
Rosai in piena terra: allimpianto, miscelate il terric-
cio di riempimento con Baycote Rose (3,5-6 g/litro di
terriccio) oppure distribuitelo in superficie (40-70
g/m). Dal 2 anno, concimate annual-
mente con Baycote Rose (40-70 g/m).
Durante la primavera e lestate, per avere
uno sviluppo pi rigoglioso e fioriture pi ab-
bondanti, intervenite settimanalmente con Bayfo-
lan Gerani e Piante fiorite (un tappo in 4 litri dacqua).
Rosai in contenitore: al trapianto miscelate il terriccio con Baycote
Rose (3,5-6 g/litro di terriccio). Dal 2 anno, concimate annualmente
con Baycote Rose (3,5-6 g/litro di volume del contenitore) evitando di
collocarlo nei pressi del colletto. La concimazione pu essere effet-
tuata anche mediante fertirrigazione sciogliendo nellacqua ogni 7-10
giorni Bayfolan Gerani e Piante fiorite (un tappo in 4 litri dacqua).
Afidi e tentredini
Casa e balcone: su rose in vaso, trattate preventivamente, a inizio pri-
mavera, con Provado Facile, linnovativo insetticida in pillole che, ap-
plicato nel vaso, elimina gli afidi per almeno tre mesi. In alternativa si
possono utilizzare altri prodotti a pronto uso, come Calypso Protector
AL o laerosol Calypso Plus.
Giardino: trattate preventivamente, a inizio primavera, con Calypso
Garden Protector (15-20 ml/1 litro dacqua) distribuito via spray. Que-
sto prodotto si pu impiegare anche per irrigazione, su piante in vaso,
alla dose di 30-50 ml/1 litro dacqua.
Oidio
Casa e balcone: trattate con Flint Max AL oppure con Folicur AE (pro-
dotti pronti alluso).
Giardino: trattamento spray con Folicur Giardino (3,5 ml/litro dacqua).
Ticchiolatura
Durante lestate, e soprattutto in autunno, sulle foglie delle rose
compaiono macchie di varia dimensione, di colore bruno nera-
stro, con margini raggiati; in seguito, le foglie in-
gialliscono e cadono. In caso di forte infezione, le
piante restano completamente defogliate, i rami
stentano a lignificare e restano sensibili al freddo.
Casa e balcone: trattate alla comparsa dei primi
sintomi con Flint Max AL. Ripetete dopo 10 giorni
Giardino: trattamento spray con Folicur Giardino
(2,5-3,5 ml/litro dacqua).
10
F
o
t
o

A
g
r
o
S
e
r
v
i
c
e

R
&
S
F
o
t
o

A
g
r
o
S
e
r
v
i
c
e

R
&
S
F
o
t
o

A
.

Z
o
r
l
o
n
i

-

A
g
e
r

S
C
Rosa Perfetta
Afidi
Sugli apici dei germogli, sotto le foglie e sui boccioli,
compaiono piccoli insetti, verdi o bruni, poco mobili,
riuniti in colonie, che provocano decolorazioni e defor-
mazioni del lembo fogliare e rallentano la crescita e la
fioritura delle piante. La vegetazione viene imbrattata
dalla melata, una sostanza zuccherina e appiccicosa
emessa dagli afidi. Inoltre facilitano il proliferare delle
formiche in quanto li allevano per nutrirsi della melata
Casa e balcone: su piante ornamentali coltivate in
vaso, trattate preventivamente, a inizio primavera,
con Provado Facile, linsetticida in pillole che, appli-
cato nel vaso, garantisce una protezione duratura da
afidi, mosca bianca e cocciniglie. A inizio infestazione,
somministrate Calypso Protector AL, nuovo prodotto
pronto all'uso a largo spettro d'azione. Gli amanti
delle bombolette spray possono usare Calypso Plus.
Giardino: trattate preventivamente, a inizio primavera,
con Calypso Garden Protector (15 ml/1 litro
dacqua) dato spray; si pu impiegare anche
per irrigazione su piante in vaso (30-50 ml/1
litro dacqua). Per trattamenti su piante singole si possono utilizzare pro-
dotti pronti alluso come sopra indicato.
Mosca bianca - Aleurodidi
Sulla pagina inferiore di numerose ornamentali (gerbera,
stella di natale, fuchsia, lantana, ibisco e altre) si ammas-
sano piccole mosche bianche, che si alzano rapidamente
in volo quando la pianta viene mossa; causano indeboli-
mento della vegetazione e la fioritura viene rallentata.
Difesa: con Calypso Garden Protector alla dose di 20 ml/1
litro dacqua se applicato spray, 50 ml in 1 litro se appli-
cato per irrigazione. Per trattamenti su piante singole (a
inizio primavera) utilizzate Calypso Protector AL o Calypso
Plus AE.
11
DIFESA da insetti e altro
G F M A M G L A S O N D
F
o
t
o

J
.

M
e
y
e
r
G F M A M G L A S O N D
A inizio stagione basta introdurre la pillola
nel vaso, per proteggere la pianta per
circa 3 mesi da afidi, mosca bianca e coc-
ciniglie. E la soluzione ideale per la prote-
zione di piante floreali e ornamentali in
vaso.
Provado

Facile
la pillola insetticida pronta per luso
Metcalfa
E un piccolo insetto che attacca la maggior
parte delle piante ornamentali. Compare a
primavera inoltrata e provoca danni per tutta
lestate. Le neanidi (forma giovanile) vivono
sulla pagina inferiore delle foglie o insieme
agli adulti, che compiono brevi voli.
Difesa: alla comparsa delle forme giovanili,
intervenite con prodotti pronti alluso come
Calypso Protector AL oppure Calypso Plus
AE su attacchi ridotti. Con attacchi estesi,
impiegate Calypso Garden Protector (20 ml/1
litro dacqua).
Cocciniglie
Quelle scudettate si caratterizzano per gli scudetti di colore marrone o
biancastro/grigio, tondeggianti o di forma allungata, appiattiti o fortemente
convessi.
Quelle cotonose si trovano sulle giovani foglie, sullo stelo, allascella dei
piccioli, nelle anfrattuosit della corteccia e sono piccoli insetti rosati o grigi
avvolti in una secrezione cotonosa di cera bianca. La chioma, in caso di
forte attacco, viene sporcata dalla deposizione di escrementi zuccherini ed
appiccicosi (melata) su cui si svi-
luppa una muffa nera e polveru-
lenta (fumaggine). Come gli afidi
posso essere allevate dalle for-
miche.
Casa e balcone: trattate in ma-
niera preventiva con Provado Fa-
cile. In caso di infestazioni in atto
trattate con Calypso Protector
AL o Calypso Plus AE.
Giardino: trattate a fine inverno
con Oliocin (30 ml/1 litro dacqua) + Calypso
Garden Protector (20 ml/1 litro dacqua) e in
vegetazione con Calypso Garden Protector
alla medesima dose.
12
F
o
t
o
:

A
.

Z
o
r
l
o
n
i

-

A
g
e
r

S
C
G F M A M G L A S O N D
Insetticida innovativo con azione riso-
lutiva e duratura su afidi, mosca
bianca, cocciniglie, larve di lepidotteri,
larve di oziorrinco, tentredini e met-
calfa, se applicato alla comparsa dei
primi insetti. Si applica spray (15-20
ml/1 litro dacqua) oppure, su piante in
vaso, con lacqua di irrigazione (30-50 ml/1 litro
dacqua).
G F M A M G L A S O N D
F
o
t
o
:

C
.

P
e
r
u
c
c
h
i
n
i
F
o
t
o
:

M
.

S
o
b
r
e
r
o
Calypso

Garden Protector
Larve defogliatrici
A fine estate e in autunno, foglie e fiori mostrano erosioni pi o meno
ampie, in alcuni casi re-
stano intatte le sole ner-
vature. Sulla vegetazione
si possono notare larve
di vario colore e dimen-
sioni, intente nellattivit
alimentare. Alcune larve
di colore grigio o marron-
cino hanno abitudini ali-
mentari notturne e
passano il giorno nascoste nel terreno, alla base della pianta.
Casa e balcone: trattate con Calypso Plus AE alla comparsa delle larve. In
alternativa usate Calypso Protector AL oppure Decis Protector AL. Ripetete
il trattamento dopo 7-10 giorni.
Giardino: alla comparsa delle larve, trattate con Decis Jet (0,6-1,25 ml/1
litro dacqua) e ripetete il trattamento ogni 7
giorni. In alternativa usate Success (8-10 ml/10
litri dacqua).
Ifantria
E un lepidottero che compie 2 generazioni al-
lanno: gli adulti della prima generazione de-
pongono le uova tra fine aprile e inizio giugno;
quelli della seconda generazione, in piena
estate. Le larve inizialmente vivono gregarie in
nidi formati da una tela sericea e si nutrono di
foglie. Successivamente, abbandonano i nidi. A
maturit, le larve, che hanno raggiunto la lun-
ghezza di 3-4 cm, si rifugiano nelle anfrattuo-
sit del tronco e formano un bozzolo. Gli adulti
sono farfalline biancastre. LIfantria attacca
piante arboree e piante da frutto, nutrendosi
delle foglie; sulle pomacee pu compiere erosioni anche sui frutti.
Giardino: per contenere linfestazione utile asportare e bruciare i rami in-
festati. Alla comparsa delle larve, trattate con Success (6-10 ml/10 litri dac-
qua) oppure con Decis Jet (6-8 ml/10 litri dacqua).
13
Nuovo insetticida sistemico che viene trasportato in tutta la vegetazione con
la linfa, pronto alluso, per proteggere le piante ornamentali e
floreali dai pi dannosi insetti, anche se riparati in punti difficili
da raggiungere. Con Calypso Protector AL niente pi afidi,
cocciniglie, lepidotteri (compreso quello del geranio), tentre-
dini, mosche bianche e metcalfa. Applicate il prodotto alla
prima comparsa degli insetti.
Calypso

Protector AL
G F M A M G L A S O N D
G F M A M G L A S O N D
F
o
t
o
:

V
.

D
e

N
a
r
d
i
F
o
t
o
:


A
g
r
o
S
e
r
v
i
c
e

R
&
S
I
N
S
E
T
T
I
C
I
D
A
S
I S
T
E
M
I
C
O
F
o
t
o
:

L
.

L
a
z
z
a
r
i
n
i
Oziorrinco
E un insetto dannoso i cui adulti, lunghi 1-
2 cm, neri o bruni, provocano, durante la
notte, erosioni sulla lamina fogliare; le
larve, apode, bianche o col capo marrone
dorato, lucifughe, si alimentano durante
linverno delle radici e del colletto dei fusti
pi giovani, provocando lappassimento e
la morte della pianta.
Difesa: contro gli adulti utilizzate Decis Pro-
tect AL , in caso di forte attacco ripetete il
trattamento ogni 7-15 giorni. Per piante in
vaso, le larve possono essere eliminate irri-
gando con Calypso Garden Protector (30-
50 ml in 1 litro d'acqua d'irrigazione).
Acari - Ragnetto rosso
Le foglie attaccate da acari, assumono un
colore caratteristico, con riflessi metallici,
infine seccano; sulla pagina inferiore della
foglia, con una lente, si possono vedere
piccoli parassiti rossastri o giallastri molto
mobili che in caso di infestazioni massicce
formano ragnatele.
Casa e balcone: trattate con Tau AL. Se
necessario ripetete il trattamento dopo 7-
10 giorni.
Giardino: alla comparsa degli acari sulla
vegetazione, somministrate Borneo (2,5-5
ml/10 litri)
Lumache
Tutte le parti verdi delle piante vengono
mangiate da questi molluschi, che escono
soprattutto di notte o dopo una pioggia ab-
bondante. Il danno creato porta la pianta
ad arrestare il proprio sviluppo. Tipici sono i
residui di bava che lasciano sulla vegeta-
zione erosa
Difesa: trattate con Natria Lumachicida
Giardino (25-50 g su 10 m). Per piante in
vaso, somministrate 1,5 g per vaso. In al-
ternativa utilizzate Mesurol M Plus (10-30
g/10 m
2
).
14
G F M A M G L A S O N D
G F M A M G L A S O N D
G F M A M G L A S O N D
F
o
t
o

C
.

P
e
r
u
c
c
h
i
n
i
DIFESA da patologie fungine
Mal bianco o Oidio
Sulle foglie e sui fiori si forma una rada efflore-
scenza biancastra, che pu estendersi veloce-
mente allintera chioma e provocare il
disseccamento degli organi colpiti.
Casa e balcone: trattate con Flint Max AL o in al-
ternativa con Folicur AE (pronti alluso).
Giardino: trattate con Folicur Giardino alla dose
di 2,5-3,5 ml/litro e ripetete dopo 7-14 giorni.
Ruggine
Sulla pagina inferiore delle foglie di alcune
piante (garofano, geranio, crisantemo, rosa e
altre) si formano pustole circolari da cui fuorie-
sce una polvere di colore rossastro o aranciato;
le foglie colpite seccano e la pianta si indeboli-
sce, talvolta le pustole si formano anche sugli
steli.
Casa e balcone: trattate con Flint Max AL o in
alternativa con Folicur AE (pronti alluso).
Giardino: trattate con Folicur Giardino alla dose
di 3,5 ml/litro e ripetete dopo 7-14 giorni.
Ticchiolatura
Durante lestate e soprattutto in autunno, sulle
foglie mature si sviluppano macchie di varia di-
mensione, da bruno-violetto a nero, con mar-
gini raggiati; in seguito le foglie ingialliscono e
cadono. In caso di forte infezione le piante re-
stano completamente defogliate, i rami sten-
tano a lignificare e restano sensibili al freddo.
Casa e balcone: trattate settimanalmente con
Folicur AE oppure con Flint Max AL.
Giardino: trattate con Folicur Giardino alla dose
di 3,5 ml/litro e ripetete dopo 7-14 giorni.
15
G F M A M G L A S O N D
F
o
t
o

M
.

M
o
c
h
e
t
t
i
G F M A M G L A S O N D
G F M A M G L A S O N D
Fungicida fogliare sistemico pronto alluso con doppio principio attivo in grado di
controllare i funghi pi diffusi fra le piante floreali e ornamentali: oidio, ruggine e
ticchiolatura. Ha attivit sistemica ed sufficiente spruzzarlo alla prima com-
parsa dei sintomi perch sia in grado di proteggere anche la vegetazione della
pianta che si sviluppa dopo il trattamento.
Flint

Max AL
16
GIARDINO SENZA MALERBE
Le erbe infestanti devono essere tenute sotto controllo perch, svi-
luppandosi, entrano in competizione con le piante che coltiviamo e
le danneggiano sottraendo loro elementi nutritivi ed acqua. Se in-
vece crescono nei vialetti dei giardini, li deturpano gravemente. La-
sciate libere di espandersi riescono rapidamente a colonizzare
lintera superficie. Si possono eliminare strappandole a mano o con
una zappetta, ma un lavoro che costa molta fatica e i risultati sono
di breve durata.
Diserbo totale di vialetti e incolti
Una soluzione comoda e semplice per contrastare la crescita di specie in-
festanti lutilizzo di Rasikal Quick, un diserbante assorbito per via fo-
gliare, ideale per leliminazione di specie annuali e
perenni presenti in viali, giardini, orti e piccoli frutteti. Il
prodotto va applicato per irrorazione su infestanti ben
sviluppate: diluite 50-100 ml di Rasikal Quick in 3-4
litri di acqua per diserbare circa 100 m di superficie;
irrorate la soluzione ottenuta avendo cura di bagnare
bene le piante infestanti e di prestare attenzione e
non bagnare le piante di interesse. Rasikal Quick
viene assorbito dalle foglie e traslocato nelle radici e
negli organi sotterranei, devitalizzando la pianta infe-
stante. Lazione erbicida del prodotto sar visibile
poco alla volta. In alternativa, si pu utilizzare Natria
Erbicida, a base di acido pelargonico, pronto alluso o
concentrato; sono prodotti di origine naturale ad atti-
vit erbicida totale, non sistemica. Oltre a contenere
le infestanti, Natria Erbicida controlla anche muschi e
alghe. La formulazione concentrata va diluita alla dose di 200-ml/litro dac-
qua per trattare 10 m2. Natria Erbicida, in primavera, mostra la sua effica-
cia poche ore dopo il trattamento.
Diserbo sottochioma
Per tenere puliti i filari di alberi da frutto e il sottochioma di alberi e arbusti
ornamentali, pu essere usato Rasikal Quick alla comparsa delle infestanti
(50-100 ml/3-4 L dacqua su 100 m) avendo cura di non bagnare il tronco
o altre parti verdi della pianta. Ad azione pi rapida, ma meno duratura, si
pu usare Natria Ebicida solo sotto le ornamentali.
Diserbo di terreni destinati alla semina
Prima della messa a dimora delle piantine o della semina, per eliminare le
infestanti in sviluppo, distribuite Rasikal Quick (50 ml in 4 litri di acqua per
100 m), prodotto che agisce solo sulle erbe presenti al momento dellap-
plicazione e, una volta nel terreno, viene rapidamente degradato dai mi-
crorganismi; consente la semina o il trapianto delle colture gi nella
settimana successiva al trattamento. Durante i trattamenti evitate di portare
il prodotto a contatto con lapparato fogliare delle piante che si vogliono
mantenere, prestando attenzione a non irrorare in presenza di vento.
F
o
t
o

L
.

L
a
z
z
a
r
i
n
i
17
Criteri dintervento per la difesa
delle piante floreali e ornamentali
Parassiti
Quando
trattare
Afidi
Alla
comparsa
Mosca
bianca
Metcalfa
Oziorrinco
Cocciniglie
Larve
defogliatrici
Alla
comparsa
Oidio
Ai primi
sintomi
Ruggine
Ticchiolatura
Chiocciole
e
Lumache
Alla
comparsa
Casa Giardino
Calypso
Protector AL
Calypso Plus AE
Provado Facile
Calypso Garden Protector Nellacqua di irrigazione per larve
Decis Protect AL per gli adulti
Provado Facile
Calypso Protector AL
Calypso Plus AE
Calypso Garden Protector
Oliocin
Preventivo
Con
infestazione
Folicur AE
Flint Max AL
Folicur Giardino
Natria Lumachicida Giardino
Mesurol M Plus
oppure
Diserbo
totale
Alla
comparsa
oppure
oppure
oppure
Calypso Garden
Protector
Piretro Actigreen
oppure
Decis Protect AL
oppure
Decis Jet
Success
oppure
Natria Erbicida
Rasikal Quick
oppure
Prodotti
Acari
Alla
comparsa
Borneo Tau AL
Alla
comparsa
Preventivo
18
Oltre agli insetti dannosi per le colture, ve ne
sono molti che non danneggiano la pianta
sulla quale vengono ospitati, ma, al contra-
rio, risultano utili e fondamentali per la colti-
vazione e per la vita in generale, per questo
motivo vengono definiti insetti utili; si tratta
prevalentemente di insetti impollinatori, pre-
datori e parassitoidi.
Le moderne tecniche di coltivazione preve-
dono lintegrazione e coesistenza di insetti
utili e difesa attuata con pratiche preventive,
pratiche agronomiche e accurata sommini-
strazione di prodotti insetticidi. Alla base di
questa strategia, detta lotta integrata, vi
la necessit di proteggere e, allo stesso
tempo, sfruttare il beneficio apportato dagli
insetti utili.
Gli impollinatori, quali api, bombi e altri, sono
necessari per la fecondazione dei fiori e
quindi per la prosecuzione della vita sul no-
stro pianeta. Albert Einstein afferm che se
un giorno le api dovessero scomparire, al-
GLI INSETTI UTILI
Sotto e a sinistra, Crisopa
F
o
t
o

A
.

Z
o
r
l
o
n
i

-

A
g
e
r

S
C
Ape su un fiore di melo
Bombo su zinnia
luomo resterebbero soltanto quattro anni
di vita.
I predatori si nutrono di insetti. Il preda-
tore pi noto la Coccinella (Coccinella
septempunctata), che si nutre di afidi,
cocciniglie ed acari: una sola coccinella
pu mangiare, in una giornata, decine di
afidi. Altri coccinellidi predatori sono
Cryptolaemus montrouzieri, le cui larve si
nutrono delle uova e delle forme giovanili
di cocciniglie; Rodolia cardinalis, che si
nutre di cocciniglie cotonose; Adalia bi-
punctata, predatrice di afidi. Meno nota,
ma ugualmente utile, la Crisopa (Chry-
soperla carnea) le cui larve sono preda-
trici molto voraci di afidi, cocciniglie e
acari: ogni larva infatti in grado di man-
giare centinaia di afidi. Altri predatori
sono i Sirfidi (famiglia dei Syrphidae), in-
setti ditteri molto simili alle mosche ma
con il corpo vivacemente colorato come
le vespe; le larve dei Sirfidi si nutrono di
afidi, succhiandoli e svuotandoli; gli adulti
favoriscono limpollinazione dei fiori.
Gli acari fitoseidi, tra cui Phytoseiulus
persimilis e altri appartenenti al genere
Amblyseius, sono aracnidi simili al ra-
gnetto rosso, utili predatori di questul-
timo oltre che di tripidi.
I parassitoidi controllano gli insetti dan-
nosi parassitizzandoli. Fra i parassitoidi
vanno ricordati gli insetti Imenotteri,
come alcune vespe con lunghe zampe e
antenne (Icneumonidi e Braconidi) che
depongono le uova allinterno di altri insetti
ospiti (tra cui afidi e cocciniglie dannose),
per consentire alle loro larve di cibarsi di questi, provocandone
la morte. Altri depongono le uova allinterno delle mine fogliari
scavate dalle larve di lepidotteri minatori, altri ancora (Edovum
puttleri e Trichogramma maidis) depongono le uova rispettiva-
mente allinterno delle uova deposte dalla dorifora della patata e
della piralide del mais. Trichogramma evanescens e Tricho-
gramma brassicae controllano infine le nottue e la tignola del-
luva.
Oltre agli insetti utili anche i ragni contribuiscono a contenere
la popolazione degli insetti dannosi.
Seguire attentamente le istruzioni riportate nelletichetta
degli insetticidi aiuta a rispettare questi insetti amici.
Ragno
Coccinella
Imenottero parassitoide
Acaro fitoseide
19
Le formiche sono insetti sociali che vivono riunite in formicai. Se ne cono-
scono pi di 6000 specie ma la formica pi diffusa nellorto e nel giardino
la formica nera (Lasius niger); possibile inoltre trovarvi la formica ar-
gentina (Linepithema humile) e la formica faraone (Monomorium pharao-
nis). Queste, spesso, entrano in casa alla ricerca di cibo.
La formica nera vive nel terreno in
piccoli nidi contenenti 15-30000 indivi-
dui e si adatta a tutti gli ambienti, di
colore nero o bruno scuro; le operaie
sono lunghe dai 2 ai 5 millimetri. Sono
ghiotte di sostanze zuccherine in parti-
colare della melata rilasciata da afidi e
cocciniglie. La cosa curiosa che que-
ste formiche allevano gli afidi per
poter disporre delle loro secrezioni
zuccherine! Invadono le case alla ri-
cerca di miele, marmellata e dolci.
La formica argentina fra le pi dan-
nose, si nutre di ogni tipo di sostanza
commestibile e pu diffondere germi
patogeni tanto che ne prevista la
lotta obbligatoria. Predilige il caldo
umido. Nidifica nel suolo, sotto le pietre
e nelle cavit dei muri. Le operaie sono di color castano chiaro, lunghe 2-
2,5 mm, in grado di infilarsi dovunque. Hanno labitudine di spostarsi in
lunghe file.
La formica faraone una formica di un paio di millimetri, di colore tra
locra e il marrone. Non ama la luce, onnivora, anche se predilige le
carni. Le operaie si spostano a grande distanza da formicaio. Si ritrova fa-
cilmente negli ambienti antropici, soprattutto se caldi. Come la formica ar-
gentina, anche questa pu essere vettore di germi patogeni e si rivela
aggressiva anche verso luomo.
Difesa: Bayer Garden dispone di una gamma completa di soluzioni per di-
fendersi dalle formiche.
20
Formica Nera
Un chicco duva
preso dassalto
dalle formiche, at-
tratte dalle so-
stanze zuccherine
(foto Luciana Bar-
tolini)
LE FORMICHE
Formica Faraone
Formica Argentina
Le zanzare sono insetti
ditteri le cui forme giovanili
(larve e pupe) vivono nellacqua. Gli adulti
hanno una lunghezza che pu variare da 3 a 15 mm.
Le femmine adulte sono provviste di apparato boccale
di tipo pungente-succhiante, che per-
mette loro di perforare la pelle e succhiare il
sangue. Il volo delle zanzare in prevalenza notturno, a
partire dal tramonto fino alle prime luci del giorno: le pun-
ture si hanno normalmente al crepuscolo anche se alcune
specie hanno abitudini notturne e altre, come la famigerata
zanzara tigre, attaccano anche di giorno. Le zanzare sono
attratte dalluomo e possono arrivare a raggiungerlo anche
a 5-6 km dal punto in cui sono sfarfallate. Le femmine di
zanzara, dopo essere state fecondate ed essersi alimentate
di sangue, vanno a deporre le uova in luoghi con acqua sta-
gnante dove nasceranno le larve che vivranno sotto il pelo
dellacqua. Le zanzare per moltiplicarsi hanno quindi biso-
gno di acqua stagnante e basta loro poco: luomo le aiuta
creando ad arte habitat perfetti per la loro riproduzione
come:
- sottovasi dei fiori con riserva dacqua,
- secchi, catini e contenitori vari, anche rovesciati, in cui ri-
mane acqua piovana,
- canali a cielo aperto dove lacqua resta stagnante,
- le grondaie che non fanno defluire completamente lacqua
dopo le piogge, i chiusini stradali ecc.
Molte specie di zanzara svernano in luoghi riparati come,
ad esempio, le cantine e i chiusini stradali; altre, le Aedes,
come uovo.
Solo alcune hanno rilevante importanza sanitaria: Culex pi-
piens pu trasmettere encefaliti virali, mentre alcune Anopheles, comuni
nelle zone paludose, sono vettori del plasmodio della malaria.
Difesa: per quanto possibile, consigliabile evitare, sui terrazzi o in giar-
dino, la presenza di acqua stagnante come ad esempio nei sottovasi dei
fiori o in secchi. Bayer Garden dispone una gamma completa di soluzioni
per difendersi dalle zanzare.
22
F
o
t
o

U
n
.

M
I
Larva di zanzara
Attenti alla zanzara tigre
La zanzara tigre, a differenza di quelle crepuscolari, attiva anche
in pieno giorno ed particolarmente aggressiva.
Vive prevalentemente nellerba alta, in siepi e arbusti ed in grado
di spostarsi di centinaia di metri. Vola in basso e punge soprattutto
le gambe.
F
o
t
o

B
a
r
t
o
l
i
n
i
LE ZANZARE
Adulto di zanzara
Prima di decidere la tipologia di prato che si intende seminare, occorre sa-
pere quale essenza pi adatta al clima delle nostra zona e al tipo di uti-
lizzo.
Le specie di graminacee usate per la formazione dei tappeti erbosi vengono
divise in due grandi gruppi:
- microterme: Poa, Festuca, Lolium, Agrotis e altre.
- macroterme: Cynodon, Pennisetum, Digitaria, Paspalum, Stenotaphrum,
Zoysia e altre.
La crescita delle radici delle specie del 1 gruppo avviene rapidamente con
temperature del suolo tra 10 e 19C; oltre i 23 C rallenta sempre di pi fino ad
arrestarsi oltre i 30C. Durante estati molto calde tendono ad andare in riposo.
La crescita delle radici delle specie del 2 gruppo , invece, molto attiva tra
23C e 32C e continua fino a 35C nel terreno.
Normalmente in commercio esistono confezioni costituite da pi variet di se-
menti, dette miscugli, costituiti da percentuali diverse di semi, in funzione
della superficie e della posizione geografica dove verranno messi a dimora. Il
nome del prato in termini commerciali acquisisce quindi diversi aggettivi in
funzione del tipo di miscuglio e del tipo di uso che si far del tappeto erboso.
24
Tappeto
erboso
F
o
t
o

L
.

L
a
z
z
a
r
i
n
i
SCELTA DEL PRATO - ESSENZE - MISCUGLI
Sementi per prato in commercio, composizione e tipologia di utilizzo:
PRATO OMBREGGIATO
Loietto perenne 50%
Festuca arundinacea 40%
Festuca rossa 10%
Per un tappeto erboso da far crescere in
unarea parzialmente in ombra
durante il giorno
PRATO
SOLEGGIATO
Loietto perenne 40%
Festuca arundinacea 49%
Festuca rossa 10%
Per un tappeto erboso da far crescere in
unarea sempre esposta alla luce solare
diretta.
PRATO CALPESTABILE
Loietto perenne 60%
Festuca arundinacea 37%
Poa pratensis 3%
Per un tappeto erboso spesso soggetto
a calpestio per il gioco dei bambini o per
la presenza di animali domestici
PRATO INGLESE
Loietto perenne 50%
Festuca rossa 25%
Festuca arundinacea 25%
Per un tappeto erboso poco soggetto al
calpestio e pi ad uso estetico
PRATO SPORT
Festuca arundinacea 80%
Poa pratensis 10%
Loietto perenne 10%
Per un tappeto erboso soggetto a conti-
nuo calpestio dovuto ad attivit sportiva
IMPIANTO
La preparazione del letto di semina richiede diversi interventi. Occorre,
come prima cosa, predisporre limpianto dirrigazione, se si intenzionati a
farlo:
effettuate unaratura superficiale a 15-25 cm di profondit o una vanga-
tura per preparare il terreno e portare in superficie i sassi. La lavorazione
deve essere fatta per tempo, onde lasciare esposto il terreno al sole del-
lestate o al freddo dellinverno (questultimo ne migliora la struttura);
correggete i suoli pesanti, con apporto di sabbia;
eliminate le erbe infestanti lavorando periodicamente il terreno per frantu-
mare le zolle ed interrare il concime. Se necessario, irrigate per favorire la
nascita delle infestanti, che poi saranno eliminate diserbando con Rasikal
Quick (40-100 ml/3-4 litri dacqua per 100 m) che consente leliminazione
delle infestanti nate e permette la semina del prato senza influire sulla ger-
minazione dei semi;
apportate la concimazione di base, utilizzando Bayfolan Multi Tappeti Er-
bosi (2 kg/100 m), concime ideale per la nutrizione di base volta a garan-
tire una buona partenza;
rullate 3-4 volte, soprattutto i terreni soffici, fate seguire una lavorazione
superficiale, quindi seminate.
La scelta del miscuglio di sementi pi adatto fondamentale per la riuscita
del tappeto erboso; a tal fine occorre valutare bene lambiente, il tipo di ter-
reno, la disponibilit idrica e lutilizzo del prato.
La semina pu essere effettuata in autunno o in primavera. bene semi-
nare in autunno le specie che prediligono climi freschi, facendo intercorrere
tra la semina e i primi geli almeno 4-6 settimane; mentre occorre seminare
in primavera le specie che prediligono temperature elevate.
Per una semina ottimale, spargete uniformemente i semi, effettuando due
passate incrociate ad angolo retto. Coprite quindi i semi rastrellando leg-
germente il terreno o distribuendo un leggero strato di terriccio o di torba:
linterramento deve avvenire fra i 3 e i 5 mm. Con terreni ricchi di sostanza
organica e soffici, eseguite ancora una leggera rullatura.
Le irrigazioni che seguiranno, dovranno essere effettuate prestando atten-
zione a non creare ruscellamenti, che possano spostare i semi.
25
F
o
t
o

L
.

L
a
z
z
a
r
i
n
i
CONCIMAZIONE
La concimazione dei tappeti erbosi deve compensare
le asportazioni di elementi nutritivi associati ai frequenti
tagli, in modo da permettere una crescita ottimale del
tappeto erboso.
Ciascun tappeto erboso, secondo lintensit di utilizzo
o di sfruttamento, ha delle esigenze nutrizionali di-
verse, per quantit, qualit e cronologia degli interventi,
esigenze che devono essere soddisfatte, tenendo pre-
sente fattori di base come la fertilit naturale del ter-
reno, la specie erbosa, le caratteristiche fisiche del
terreno, il tipo di crescita che si vuole ottenere, la rimo-
zione dei residui di tosatura, la stagione, il clima, la
qualit del seme e la quantit dacqua dirrigazione.
Bayfolan Multi Tappeti Erbosi studiato per soddisfare
al meglio le diverse esigenze che si possono creare
nella gestione di un tappeto erboso.
La distribuzione deve essere effettuata in maniera uni-
forme. E buona norma applicare il concime in due pas-
sate incrociate a 90 per avere una ripartizione
uniforme e far seguire unirrigazione di almeno 10 mm
dacqua.
Allimpianto distribuite e interrate Bayfolan Multi Tappeti
Erbosi (200 g/10 m).
La concimazione di base primaverile si effettua in
aprile (dopo il primo sfalcio) con Bayfolan Multi Tappeti Erbosi (400-500
g/10 m). Conviene anticipare il trattamento a marzo se non stata fatta
una concimazione in autunno o quando si deve stimolare la rigenerazione
dei campi sportivi usati durante linverno. La tecnologia innovativa della
cessione programmata, utilizzata per la formulazione di Bayfolan Multi
Tappeti Erbosi, consente una durata di 4 mesi che permette di seguire
nel tempo il fabbisogno di azoto dei tappeti erbosi e conseguentemente
di ridurre il numero dei trattamenti di concimazione. In alternativa utiliz-
zate Bayfolan PRO Universale ogni 2-3 mesi.
A fine estate la riduzione della temperatura favorisce la ripresa della
crescita dellerba che va stimolata con apporto di azoto, in modo da ir-
robustire il tappeto prima del periodo critico invernale. Applicate Bayfo-
lan Multi Tappeti Erbosi (300-400 g/10 m) che, grazie alla cessione
programmata, garantisce un apporto equilibrato e duraturo, senza ri-
schi di perdita di nutritenti con lacqua di irrigazione (in alternativa utiliz-
zate Bayfolan PRO Universale).
A primavera, la crescita rigogliosa del prato avviene a spese delle ri-
serve costituite in autunno e attraverso lassorbimento radicale, che quindi
deve trovare una giusta disponibilit di azoto.
MANUTENZIONE
Il taglio del prato (sfalcio) non ha solo la funzione di mantenere lerba alla
giusta altezza, ma anche quella di renderla pi vigorosa, pi fitta e di impe-
dirne la fioritura, che ne provocherebbe lesaurimento precoce.
26
ESIGENZA DI CONCIME
DELLE DIVERSE SPECIE
+
-
Con una corretta concimazione azotata
si regola lo sviluppo della vegetazione
Agrotis palustris
Cynodon ibridi
Cynodon dactylon
Poa nemoralis
Poa pratensis
Lolium perenne
Festuca arundinacea
Festuca rubra rubra
Laltezza del taglio deve essere eseguita in funzione delluso che si vuole fare del
prato. E importante che non sia troppo alto o troppo basso, da indebolire lappa-
rato radicale. Laltezza dipende dal tipo di erbe: quelle stolonifere (es. Agrotis e
Zoysia) sopportano meglio i tagli bassi di quelle a crescita eretta (es. Festuca e
Lolium). Laltezza del taglio va regolata anche a seconda della stagione: in prima-
vera occorre tosare alto per favorire la ripresa, durante lestate tagliate a livello
normale. Nei luoghi caldi, tosate alte le specie microterme, per mantenere pi fre-
sco lapparato radicale. Nelle zone dombra tagliate 1-2 cm pi alto per favorire la
fotosintesi. La frequenza del taglio in funzione della velocit di accrescimento,
vale per la regola di tagliare poco e spesso (non pi del 30% della lamina ad ogni
taglio).
Le irrigazioni sono necessarie per compensare la differenza tra lacqua traspirata
dallerba ed evaporata dal terreno con quella fornita dalle piogge, in modo da man-
tenere il tappeto erboso in crescita. La scarsit di acqua si manifesta inizialmente
con ingiallimento e perdita di elasticit delle foglie: alla comparsa dei primi sintomi
occorre irrigare. buona norma irrigare nelle prime ore del mattino per evitare lo
sviluppo dei funghi.
DIFESA da insetti
Tra i nemici dei tappeti erbosi un ruolo discreto svolto dagli insetti che, con la
loro attivit trofica, non solo a carico delle radici, ma anche della parte aerea, pos-
sono provocare gravi danni, soprattutto estetici, al manto verde. Gli insetti dannosi
del prato attaccano le radici e il colletto delle piante; fra questi vanno annoverati il
grillotalpa (Gryllotalpa gryllotalpa) e le larve di curculionidi (Sphenophorus striano-
punctatus), scarabeidi come il maggiolino (Melolontha melolontha), comuni zanza-
roni (Tipula oleracea e T. paludosa) e nottue, come le agrotidi (Agrotis ipsilon e
Agrotis segetum). Alcuni altri, come Spodoptera spp, cicaline e afidi possono attac-
care i fili derba e essere vettori di virus e funghi.
Difesa: trattate contro agrotidi e Spodoptera con Success (6 ml/100 m in 6 litri
dacqua) oppure Decis Jet (12,5-13,5 ml/10 litri) alla comparsa delle prime larve,
intervenendo nelle ore antecedenti il tramonto. Ripetete il trattamento dopo 7-10
giorni. Decis Jet efficace contro altri parassiti come afidi e cavallette.
DIFESA da malattie fungine
Tra le avversit dei tappeti erbosi, i funghi rappresentano motivo di costante preoc-
cupazione per i danni che producono e che, ancor pi, potrebbero produrre in as-
senza di adeguate misure di lotta. Nelle nostre condizioni ambientali sono presenti
tre differenti generi di funghi che danno altrettanti sintomi sui tappeti erbosi:
Microdochium nivale: provoca la comparsa di macchie cir-
colari di colore rossastro (diametro inferiore a 5 cm) che,
con il progredire della malattia, si allargano e assumono
colorazione grigiastra.
Sclerotinia homeocarpa: provoca la comparsa di macchie
clorotiche (3-6 cm di diametro), che tendono a necrotiz-
zare. Con il progredire della malattia le macchie si uni-
scono in ampie zone necrotiche dal contorno irregolare.
Rhizoctonia solani: provoca la comparsa di macchie che
possono raggiungere i 2 m di diametro. Si pu riscontrare
27
Microdochium nivale
un alone grigiastro intorno alla macchia o una ripresa vegetativa al loro
centro.
Difesa: trattate con Folicur SE o Folicur Giardino (90 ml/100 m in 10 litri
dacqua), intervenendo alla comparsa dei primi sintomi e successivamente
dopo 10-20 giorni in funzione dellandamento della malattia.
CONTROLLO DELLE MALERBE
Le infestanti dei tappeti erbosi rappresentano uno dei problemi pi fasti-
diosi per lhobbista.
Le normali operazioni di manutenzione, se ben effettuate, salvaguardano
lo stato di salute del tappeto erboso, tuttavia qualche volta compaiono in-
festanti che, se non controllate, compromettono la salute del prato in
breve tempo.
Due sono i gruppi di infestanti che troviamo nel tappeto erboso: le dicoti-
ledoni, o infestanti a foglia larga, e le monocotiledoni, o infestanti a foglia
stretta. bene riconoscere questi due gruppi al fine di poter intervenire
efficacemente e tempestivamente con prodotti erbicidi specifici.
Le infestanti a foglia larga sono specie dicotiledoni, molto diverse da
quelle che compongono il tappeto erboso (eccezion fatta per il prato di
Dicondra). Sono piante annuali, biennali o pluriennali a vita breve che si
sviluppano, fioriscono e vanno a seme nellarco di 1-3 mesi; se tagliate, ri-
crescono molto rapidamente, ad esempio Bellis perennis (margherita) ri-
forma il fiore in appena 8 giorni.
Le infestanti a foglia larga pi comuni sono Medi-
cago lupulina, Plantago major, Trifolium repens,
Bellis perennis, Taraxacum officinalis, Prunella
vulgaris e Potentilla reptans.
Difesa: il diserbo si effettua con Dicotex quando
le infestanti a foglia larga sono in sviluppo: appli-
cate Dicotex sul tappeto erboso con pompa a
spalla alla dose di 100 ml in 10 litri d'acqua utiliz-
zando i 10 L acqua su 100 m
2
. In alternativa pu
essere distribuito con un annaffiatoio diluendo 10
ml di prodotto in 10 litri di acqua distribuendo la
soluzione su 10 m
2
. Si consiglia di intervenire
nel tardo pomeriggio, quando il tappeto erboso
asciutto e non eccessivamente stressato dal
28
Digitaria spp.
Rhizoctonia solani Sclerotinia homeocarpa
caldo. Non bisogna tagliare il prato per almeno 5 giorni dopo il trattamento.
Dicotex non va utilizzato su prati di Dicondra. La confezione da 500 ml ha
un sistema autodosante.
Le infestanti a foglia stretta sono specie graminacee molto simili a quelle
che formano il tappeto erboso: le pi comuni sono Setaria viridis, Setaria
glauca, Digitaria sanguinalis, Echinochloa crus-galli, Poa annua e Eleusine
indica. La loro eliminazione una pratica delicata che richiede attenzione.
Difesa: contro di esse attivo Greenex, diserbante selettivo per i tappeti
erbosi efficace esclusivamente sulle graminacee sopra indicate e non sulle
varie specie di Agrotis, Poa (P. pratensis e P. trivialis), Lolium, Festuca ecc.
che formano il prato. Greenex esplica la sua migliore efficacia quando le
infestanti graminacee hanno sviluppato una sufficiente superficie fogliare. Il
trattamento con Greenex va eseguito almeno 4 giorni dopo lultimo
taglio, su prato pulito da residui di taglio o da foglie (40-70 ml in 5-6
litri dacqua per circa 100 m di superficie). Non si deve irrigare
nelle 3 ore successive al diserbo.
Evitate di intervenire col trattamento diserbante in presenza di tap-
peti erbosi stressati per la scarsa irrigazione o per condizioni di
caldo eccessivo e attendete che il prato si sia ristabilito (irrigare da
1 a 7 giorni prima del trattamento).
IL MUSCHIO NEL PRATO
I muschi sono piante briofite molto comuni che spesso si trovano a crescere
nel tappeto erboso. Questo appare rovinato da macchie verdi basse e com-
patte, pi o meno grandi: il muschio. Sono pi colpite quelle zone del giar-
dino in cui allinterno del terreno non presente un buon
circolo di aria. Il suo sviluppo infatti favorito da eccesso di
umidit (irrigazioni eccessive) e scarsit di raggi solari. Men-
tre per la scarsit di raggi solari non vi alcun rimedio, il ricir-
colo di aria nel terreno pu essere migliorato eseguendo la
foratura con un apposito rullo munito di punte (arieggiatura).
Il muschio si sviluppa anche in zone in cui le piante del prato,
per una scarsa quantit di minerali nel terreno non riescono a
svilupparsi al meglio.
Combattete lo sviluppo del muschio con Natria Erbicida con-
centrato alla dose di 17ml per litro dacqua da distribuire con
innaffiatoio direttamente sulle macchie di muschio.
Bellis perennis Trifolium repens
F
o
t
o

L
.

L
a
z
z
a
r
i
n
i
F
o
t
o

L
.

L
a
z
z
a
r
i
n
i
29
F
o
t
o

L
.

L
a
z
z
a
r
i
n
i
30
Gennaio
Febbraio
Marzo
Aprile
Cura del tappeto
Concimazione
Patologie fungine
(sclerotinia, rizoctonia,
microdochium nivale)
Infestanti
a foglia larga
Infestanti
a foglia stretta
D
i
s
e
r
b
o
P
a
r
a
s
s
i
t
i
a
n
i
m
a
l
i
N
e
s
s
u
n
a

o
p
e
r
a
z
i
o
n
e
A
r
i
e
g
g
i
a
r
e

i
l

t
a
p
p
e
t
o

e
r
b
o
s
o
Bayfolan Multi
Durata
Dicotex



Larve di coleotteri
Agrotidi
Spodoptera
31
Maggio
Giugno
Luglio
Agosto
Settembre
Ottobre
Novembre
dicembre
erboso
Tappeti Erbosi
4 mesi
Dicotex
Greenex Greenex
Bayfolan Multi
Tappeti Erbosi
Durata 4 mesi
Success oppure Decis jet
Decis jet
Folicur SE o Folicur Giardino
N
e
s
s
u
n
a

o
p
e
r
a
z
i
o
n
e
Numerosi agrofarmaci oggi comunemente impiegati contengono so-
stanze attive di origine naturale (come il piretro) e sono quindi am-
messi per limpiego in agricoltura biologica. Luso di questi prodotti ha
da sempre rappresentato una soluzione preferita soprattutto dallhob-
bista e dal piccolo agricoltore. Riguardo allefficacia degli agrofarmaci
di origine naturale, se utilizzati seguendo le istruzioni duso, si pu
ottenere un buon livello di protezione delle piante in linea con le at-
tese di un utilizzatore consapevole delle caratteristiche dei prodotti.
Bayfolan

Natria concime
Concime in pellet di origine interamente naturale con titolo NPK 6-
5-13; inoltre apporta magnesio e zolfo (2-10). La parte azotata de-
riva da pellame e viene rilasciata lentamente nel tempo. La parte
minerale deriva da rocce (dolomiti e solfato di potassio). Bayfolan
Natria apporta anche carbonio organico che stimola la fertilit del
suolo da parte dei microorganismi.
Disponibile in confezioni da 5 kg.
Neemazal

T/S - insetticida
Insetticida translaminare a base di Azadiractina, principio attivo di origine
naturale estratto dallalbero di Neem. Neemazal T/S la soluzione ideale
per limpiego in orticoltura e in frutticoltura contro afidi, dorifora, mosca
bianca e larve di lepidotteri.
Disponibile in confezioni da 15 e da 75 ml.
Oliocin

- olio minerale
Olio minerale che esercita unazione insetticida-acaricida sulle uova inver-
nali ed estive e si impiega per la lotta contro cocciniglie, afidi e ragnetti
(acari) presenti su agrumi, pomacee, drupacee e olivo.
Puo' essere impiegato in qualsiasi stagione.
Disponibile in confezioni da 250 ml e da 1 litro.
32
LA GAMMA Natria
Gli ammessi
in agricoltura biologica
F
o
t
o

L
.

L
a
z
z
a
r
i
n
i
principi attivi riportati nellallegato II del regolamento
CE 834/07 e successive modifiche e/o integrazioni
33
Piretro ActiGreen - insetticida di contatto
Insetticida a base di piretro naturale di origine vegetale. Piretro ActiGreen
ha un rapido effetto abbattente, insetto-repellente e pu essere impie-
gato fino a 2 giorni dalla raccolta. autorizzato su un ampio numeri di
colture orticole, frutticole e ornamentali per il controllo di afidi, lepidot-
teri, tentredini e altro.
Disponibile in confezioni da 20 e 100 ml.
Success

- insetticida
Insetticida a base di spinosad, principio attivo derivato
dal batterio Saccharopolyspora spinosa comunemente
presente nel terreno. Agisce per ingestione e contatto
su larve di lepidotteri, dorifora, tripidi, liriomyza e altro.
Success autorizzato su oltre 90 colture ed ideale
per la difesa di orticole, frutticole e ornamentali.
Disponibile in confezioni da 10 e 50 ml.
Cupravit

Blu WG - fungicida rameico


Fungicidi a base di rame metallo da ossicloruro tetra-
rameico. La speciale formulazione in granuli idrodi-
spersibili (WG) assicura prontezza dazione e ottimale
applicazione del prodotto. Cupravit Blu WG ideale
per la protezione di colture orticole, frutticole, agrumi,
vite e olivo da peronospora, mal secco degli agrumi,
antracosi e altro.
Disponibile in confezione da 100 g e 1 Kg.
Serenade

Natria - fungicida battericida


Fungicida battericida a base di Bacillus subtilis
(ceppo QST 713) al 5,67%, un batterio presente in
natura che agisce preventivamente eliminando o ri-
ducendo lattacco di funghi e batteri parassiti. E in-
dicato per il controllo di ticchiolatura, botrite,
sclerotinia, monilia e batteriosi, su orticole, poma-
cee, drupacee e vite.
Disponibile in pratici sacchetti monodose (20 x 5g), da
diluire in acqua (1 bustina in 2 litri).
Natria Lumachicida
Lumachicida in esca granulare a elevato potere attrattivo, a
base di fosfato ferrico, sostanza naturale comunemente presente in na-
tura. Grazie alla sua speciale formulazione a umido lesca particolar-
mente resistente allacqua di pioggia e di irrigazione. Lumache e
chiocciole, una volta ingerito il formulato, smettono rapidamente di nutrirsi
e di danneggiare le colture interessate.
Disponibile in confezioni da 500 g e da 1 kg.
Ogni anno necessario effettuare la concimazione di fondo mediante lap-
porto di sostanza organica e la costituzione di una scorta di elementi nutri-
tivi poco mobili come fosforo e potassio. Si pratica in autunno-inverno, in
occasione della lavorazione del terreno.
La concimazione di fondo pre-
vede, nei terreni da orto sfrut-
tati intensivamente, la
distribuzione di Bayfolan Na-
tria, concime di origine natu-
rale che migliora le
caratteristiche del terreno (80-
100 g/m).
Il fabbisogno delle piante viene
poi soddisfatto dalla concima-
zione dimpianto e da quella di
copertura con Bayfolan Multi
Orti e giardini, particolarmente
utile per quegli ortaggi, come
asparagi, carciofi, cavoli e carote, che formano un apparato radicale pro-
fondo.
Allimpianto il prodotto va distribuito in genere a 30-50 g/m; fanno ecce-
zione lasparago, che ne richiede 60, e prezzemolo, aglio e lattuga che si
accontentano di 10-15 g/m
2
. La concimazione di copertura in genere si ef-
fettua in 2-3 interventi dando in totale fra i 50 e i 100 g/m, con leccezione
di fagiolo, fagiolino, pisello e alcune aromatiche che si accontentano di 30
g; per la lattuga bastano 10 g mentre il carciofo richiede 170 g. In alterna-
tiva usate Bayfolan PRO Universale alla dose di 4-5 kg/100 m ogni
2/3 mesi.
34
Orto
Domestico
Concime granulare di origine naturale particolarmente
adatto per le piante da giardino come alberi da frutto, or-
taggi, arbusti ornamentali e fiori. Grazie alla sua speciale
formulazione migliora le caratteristiche del terreno.
Bayfolan

Natria
F
o
t
o

L
.

L
a
z
z
a
r
i
n
i
CONCIMAZIONE
NB: le dosi indicate si riferiscono alla coltivazione nelle normali condizioni
ambientali, senza protezioni o coperture e con una terra da orto di medio
impasto e normalmente dotata di sostanza organica.
Nel distribuire i concimi bene localizzarli fra le file o attorno alla pianta a
una distanza di 10-15 cm dal fusto. Dopo ogni concimazione intervenite
con unirrigazione.
Nei terreni sabbiosi o con molto scheletro opportuno usare Bayfolan
Multi Orti e Giardini senza superare la dose di 30 g/m (3 kg su 100 m)
per volta; se sono richieste quantit maggiori, suddividerle in 2 interventi
successivi a 2-3 settimane di distanza.
DIFESA da insetti e altro
Afidi
Descrizione a pag. 11.
Protezione convenzionale: trattate con Confidor nellacqua di irrigazione
su colture appena trapiantate, o con applicazioni spray (5 ml/10 litri) su col-
ture gi sviluppate. In alternativa Decis Energy O-TEQ (12 ml/10 litri).
Protezione biologica: trattate con Neemazal T/S (20-30 ml/10 litri) oppure
con Piretro Actigreen (15 ml/10 litri).
Insetti del terreno (nottue ed elateridi)
Larve di vario color che vivono nel terreno e attaccano le radici o recidono
le piante giovani appena sopra il colletto. Molte hanno attivit notturna
Protezione convenzionale: distribuite sul terreno Teflustar (30-50 g/10 m)
e incorporate con un rastrello. Inoltre il prodotto contiene azoto e fosforo utili
a stimolare il germogliamento e la radicazione delle giovani piantine.
35
G F M A M G L A S O N D
F
o
t
o
:

V
.

F
i
n
e
t
t
i
G F M A M G L A S O N D
Mosca bianca - Aleurodidi
Sulla pagina inferiore di numerose specie orticole (melanzana,
zucchino, cetriolo e altre) si ammassano piccole mosche bian-
che, che si alzano rapidamente in volo quando la pianta viene
mossa; causano indebolimento della vegetazione e ritardo
della fioritura.
Protezione convenzionale: trattate con Confidor 200 SL op-
pure Confidor 200 O-TEQ nellacqua di irrigazione su colture
appena trapiantate, o con applicazioni spray (7,5 ml/10 litri) su
colture gi sviluppate. In alternativa, ai primi sintomi, trattate
con Decis Energy O-TEQ (10-17,5 ml/10 litri) oppure Movento
48 SC (20 ml/10 litri).
Protezione biologica: trattate con Neemazal
T/S (20-30 ml/10 litri).
Dorifora
Le foglie sono divorate da larve globose di colore
rosso-arancio o da adulti gialli striati di nero. Sulla pa-
gina inferiore delle foglie sono presenti ovature di co-
lore arancio-giallo.
Protezione convenzionale: trattate alla comparsa
dei primi adulti o in presenza delle uova con Decis
Energy O-TEQ (10 ml/10 litri).
Protezione biologica: trattate con Neemazal T/S
(20-30 ml/10 litri) oppure con Success (5 ml/10
litri).
Larve defogliatrici (cavolaia ecc.)
Le foglie sono erose da larve verdi-giallastre con puntini neri
oppure da larve verdi e pelose.
Protezione convenzionale: alla comparsa del parassita, trat-
tate con Decis Energy O-TEQ (10-12 ml/10 litri) o Decis Jet (5-
8 ml/10 litri) o Decis Protector AL (pronto alluso).
Protezione biologica: trattate con Success (8-10 ml/10 litri)
oppure con Piretro Actigreen (16-20 ml/10 litri).
Tignola del pomodoro Tuta absoluta
Si tratta di un lepidottero le cui larve si nutrono a
spese della parte epigea delle solanacee e in particolare del pomo-
doro. Ladulto una farfallina grigio-argentea di 6-7 mm. Le larve
scavano nelle foglie mine - gallerie - che inizialmente sono bianco-
argentee e in breve necrotizzano e imbruniscono, attaccano anche
i fusti e i frutti, sui quali provocano necrosi del calice e la comparsa
di fori di uscita in superficie.
Protezione biologica: alla comparsa delle larve, intervenite con
Success (8-10 ml/10 litri) ripetendo il trattamento dopo 10 giorni.
36
G F M A M G L A S O N D
G F M A M G L A S O N D
G F M A M G L A S O N D
F
o
t
o
:

V
.

F
i
n
e
t
t
i
G F M A M G L A S O N D
Acari Ragnetto rosso
Le foglie assumono un colore caratteri-
stico, con riflessi metallici e poi finiscono
col seccare; sulla pagina inferiore della fo-
glia, con una lente, si possono vedere pic-
coli parassiti rossastri o giallastri molto
mobili che, in caso di infestazioni mas-
sicce, formano delle ragnatele.
Protezione convenzionale: trattate, alla
comparsa del parassita, con Borneo (3,5
ml/10 litri).
Lumache
Tutte le parti verdi delle piante vengono man-
giate dalle lumache (chiocciole e limacce), che
escono soprattutto di notte o dopo una pioggia
abbondante. Il danno creato porta la pianta ad
arrestare il proprio sviluppo.
Protezione convenzionale: trattate con Mesu-
rol M plus (10-30 g/10 m oppure 2-3 g - pochi
granuli - attorno alle singole piante).
Protezione biologica: distribuite a spaglio Na-
tria Lumachicida (2,5-5 g/m)
Peronospora
Sulle foglie di diversi ortaggi si evidenziano mac-
chie clorotiche seguite da seccume; sulla pagina
inferiore si ha la comparsa di una tipica efflore-
scenza biancastra. Sul fusto si evidenzia la
presenza di macchie di seccume bruno che in-
teressa i tessuti sottostanti. Sui frutti immaturi
compaiono macchie irregolari, acquose, grigie,
poi brune e color cuoio; infine marcescenza dei
frutti.
Intervenite quando si presentano le condizioni
favorevoli allo sviluppo della malattia o alla
comparsa dei primi sintomi.
Protezione convenzionale: trattate con Me-
lody Compact (30-40 g/10 litri) ogni 7 giorni op-
pure R6 Bordeaux WG (40-60 g/10 litri
d'acqua) oppure Aliette (20-30 g/10 litri).
Protezione biologica: trattate con Cupravit Blu
WG (25-35 g/10 litri). Svolge unazione fungi-
cida anche su alternariosi di pomodoro e pa-
tata. Ripetete il trattamento ogni 7 giorni.
37
G F M A M G L A S O N D
G F M A M G L A S O N D
G F M A M G L A S O N D
DIFESA da patologie fungine
Mal bianco o Oidio
Le foglie e i tessuti vengono ricoperti da un fel-
tro farinoso e biancastro. In seguito le foglie in-
gialliscono e avvizziscono. In caso di forti
infestazioni il fungo colpisce anche fusti e frutti
con conseguente ingiallimento e avvizzimento.
Protezione convenzionale: trattate preventiva-
mente ogni 7-10 giorni con Folicur SE (29 ml/10
litri).
Alternaria Nerume
A livello fogliare, su pomodoro e patata, si svi-
luppano macchie brune, necrotiche e tondeg-
gianti, con zone concentriche e margine netto.
Sul colletto e sullo stelo sono presenti necrosi
brune, mentre sui frutti si sviluppano aree irre-
golari depresse, con aree concentriche, scure o
coperte da una muffa nerastra vellutata.
Protezione biologica: impiegate Cupravit Blu
WG (25-35 g/10 litri).
Botrite
Il fungo penetra nei tessuti attraverso piccole fe-
rite e si sviluppa rapidamente infettando in poco
tempo tutte le zone circostanti. Su alcune piante
(es. pomodoro) attacca fiori e frutti mentre su
altre (es. insalate) si sviluppa a livello dei fusti.
Determina la formazione di una muffa grigiastra
che si diffonde rapidamente causando danni
molto gravi.
Protezione convenzionale: trattate in fioritura
e allaccrescimento del frutto con Teldor Plus
(10-15 ml/10 litri). Ripetete dopo 14 giorni.
Protezione biologica: impiegate Serenade Na-
tria (25-40 g/10 litri) preventivamente a partire
dalla fioritura.
Sclerotinia della lattuga
Determina lesioni di colore bruno alla base della pianta
e lungo il fusto: successivamente si ha marcescenza
dei tessuti. Le parti colpite vengono coperte da una
muffetta cotonosa biancastra. Si sviluppa quando, per
pi giorni, si hanno temperature di 20C.
Protezione convenzionale: trattate quando il cespo
inizia a crescere con Teldor Plus (10-15 ml/10 litri); ri-
petete dopo 11-12 giorni.
Protezione biologica: impiegate Serenade Natria
(25-40 g/10 litri) preventivamente, a partire
dallaccrescimento del cespo.
38
G F M A M G L A S O N D
G F M A M G L A S O N D
G F M A M G L A S O N D
G F M A M G L A S O N D
39
Criteri dintervento per la difesa delle colture orticole
Parassiti Difesa
Agricoltura
biologica
Quando
trattare
Afidi
Alla
comparsa
o
preventivo
Mosca
bianca
Larve di
lepidotteri
Alla
comparsa
delle larve
Dorifora
Alla
comparsa
Insetti del
terreno e
Grillo talpa
Alla
comparsa
Oidio
Trattare
ogni
7-10 giorni
-
Folicur SE
ogni 10-14
giorni
Alla
comparsa
Peronospora
Alternaria
Botrite
Preventiva-
mente
Chiocciole
e
Lumache
Alla
comparsa
Confidor
Decis Energy O-TEQ
oppure
Confidor
Decis Energy O-TEQ
oppure
Decis Energy O-TEQ
Decis Jet
oppure
R6 Bordeaux WG
Melody Compact
oppure
Neemazal T/S
Success
Neemazal T/S
Success
oppure
Teflustar
Natria Lumachicida Mesurol M Plus
Folicur SE
Cupravit Blu WG
Serenade Natria Teldor Plus
Acari
Alla
comparsa
Borneo
La concimazione delle piante da frutto permette la formazione di una ri-
serva di elementi nutritivi nella zona di terreno vicina alle radici, che facilita
la crescita della pianta. Le concimazioni con Bayfolan Multi Orti e Giardini
(concime a cessione programmata con efficacia di circa 4 mesi) oppure
con Bayfolan Natria (concime di origine naturale che migliora le caratteri-
stiche del terreno), al momento dellimpianto, sono utili anche nellanno
successivo. Il fabbisogno di elementi nutritivi
nel corso della vita della pianta viene soddi-
sfatto con interventi in copertura, scaglionati
nel corso dellanno e dimensionati a seconda
dellet della pianta stessa e della sua produ-
zione. In alternativa a Bayfolan Multi Orti e
Giardini si pu utilizzare Bayfolan PRO Uni-
versale ogni 2-3 mesi.
Concimazione dimpianto: distribuite allim-
pianto Bayfolan Natria alla dose di 80 g per
piante di un anno e 100 g per piante con pi di
due anni. Il concime va mescolato con la terra
di riempimento della buca.
Concimazione di copertura: alla ripresa ve-
getativa, impiegate Bayfolan Multi Orti e Giar-
dini oppure Bayfolan Natria distribuendoli su
una superficie leggermente pi grande di
quella corrispondente alla proiezione al suolo
della chioma della pianta, badando di mante-
nersi a circa 30 cm dal tronco. Gli altri inter-
venti saranno dosati secondo le esigenze
della specie (vedi tabella).
Durante la stagione successiva allimpianto
40
CONCIMAZIONE
Zona da
concimare
30
cm
30
cm
Zona da
concimare
F
o
t
o

L
.

L
a
z
z
a
r
i
n
i
Frutteto
non sono necessarie concimazioni di copertura. Al terzo e al quarto anno
concimate utilizzando rispettivamente 1/2 e 3/4 dei quantitativi consigliati
per le piante in produzione. La concimazione di copertura risulta pi effi-
cace se viene interrata con una leggera lavorazione del terreno e viene se-
guita da unirrigazione. Se il terreno tenuto a prato, non superate la dose
unitaria di 50 g/m effettuando la concimazione quando il prato non in ve-
getazione o dopo il taglio e irrigate abbondantemente.
41
Bayfolan

Natria

nutre a lungo naturalmente


Fabbisogno in grammi per pianta per m di frutteto
Autunno Primavera Inizio Estate
Melo 40 30 - 50 - 100
Pero 40 40 - 50
Albicocco 20 20 - 50
Ciliegio 20 20 20 50
Pesco-Nettarino 20 20 20 50 - 100
Susino 20 20 20 50 - 100
Vite 60 - - 50 - 100
Olivo - 60 - 70 - 90
Nocciolo 20 - - -
Actinidia (kiwi) 100 60 - 60 - 80
Agrumi 40 60 - 80 - 100
Bayfolan Natria un concime organo-minerale pellettato con titolo
NPK (MgO-SO3) = 6-5-13 (2-10). A base di sostanze esclusivamente
di origine naturale; ammesso per limpiego in agricoltura biologica.
Il rapporto tra i nutrienti tale da rendere il prodotto ideale per la nu-
trizione di piante ornamentali, ortaggi e fruttiferi.
Bayfolan Natria nutre a lungo senza spreco di nutrienti perch li rila-
scia in maniera regolare grazie allattivit dei microrganismi del ter-
reno.
Una concimazione autunnale e/o in pre-trapianto migliora le caratte-
ristiche del terreno e nutre adeguatamente anche le piante pi esi-
genti. Bayfolan Natria il concime ideale per chi vuole nutrire il suo
orto e il suo giardino in maniera naturale o per chi vuole migliorare le
caratteristiche del suo terreno.
La componente minerale del prodotto deriva da sali di solfato potas-
sico, fosfato naturale tenero e dolomiti e non da farine animali.
Bayfolan Natria in pellet di dimensioni tali da poterlo distribuire fa-
cilmente, si presenta asciutto, stabile nel tempo e non genera cat-
tivo odore.
Autunno
o Primavera
Bayfolan Multi Orti e Giardini Bayfolan Natria
42
Parassiti animali
Cocciniglie
Minatori fogliari
Difesa
convenzionale
Agricoltura
biologica
Patologie fungine
Cancri rameali
Ticchiolatura
Ticchiolatura
Oidio
Difesa
convenzionale
Agricoltura
biologica
Afidi Cocciniglie Carpocapsa Acari
Pre e post fioritura
Aprile - Maggio

Syllit
Cupravit blu
Zolfo
Cocciniglie
Neemazal
T/S
Afidi
Parassiti
animali
Confidor Oil
Piretro Actigreen
Confidor
Orecchiette di topo
mazzetti divaricati
Marzo - Aprile
MELO calendario dei tr
Movento
48 SC
(solo post fioritura)
43
Carpocapsa
Ricamatori
Cocciniglie
Ticchiolatura
Oidio
Ticchiolatura
Batteriosi
Cancri rameali
Cancri rameali Oidio Ticchiolatura
Frutto dimensione
noce
Frutti sviluppati Caduta foglie
Maggio - Giugno Giugno - Settembre Ottobre - Novembre
Success
Folicur SE
Flo Solo ticchiolatura oppure Aliette
WG oppure Serenade Natria Solo ticchiolatura
Solo oidio
Success
Neemazal
T/S
Carpocapsa
Ricamatori
Afidi
Patologie
fungine
Oliocin
Contro acari: Borneo
Confidor Decis Jet
attamenti
Aliette
44
Parassiti animali Cocciniglie
Afidi
Tendredini
Difesa
convenzionale
Agricoltura
biologica
Patologie fungine
Ticchiolatura
Cancri Rameali
Ticchiolatura
Maculatura
bruna
Ticchiolatura
Maculatura
bruna
Difesa
convenzionale
Agricoltura
biologica
Confidor Oil Confidor

Cupravit Blu
Oliocin
Oliocin
Psilla Cocciniglie
Oliocin +
Decis Jet
Psilla Tentredini Afidi Carpocapsa Cocciniglie
Parassiti
animali
Mazzetti
divaricati
Post fioritura Allegagione
Marzo Aprile Maggio - Giugno
PERO calendario dei tratt
Movento
48 SC
Movento
48 SC
oppure
Syllit Flo Solo ticchio
Piretro Actigreen
Neemazal T/S
oppure
45
Psilla Carpocapsa
Cocciniglie
Psilla
Ticchiolatura
Maculatura
bruna
Ticchiolatura
Maculatura
bruna
Batteriosi
Cancri Rameali
Folicur SE
Piretro Actigreen
+
Oliocin
Success
WG oppure Serenade Natria Solo ticchiolatura
Oliocin
Ragnetto rosso Cancri rameali Ticchiolatura Maculatura bruna
Patologie
fungine
Accrescimento
frutti
Frutti sviluppati Pre-raccolta Caduta foglie
Giugno-Luglio Luglio-Agosto Ottobre-Novemb. Agosto-Ottobre
amenti
Contro acari: Borneo
olatura oppure Aliette
Decis Jet
Movento
48 SC
Aliette
Batteriosi
46
Parassiti animali
Afidi
Cocciniglie
Difesa
Agricoltura
biologica
Patologie fungine Bolla Bolla Monilia
Difesa
Agricoltura
biologica
Confidor Oil
Anarsia Cocciniglie Afidi Ragno rosso
Parassiti
animali
Ingrossamento
gemme
Bottoni rosa Piena fioritura
Febbraio Marzo Marzo
Pesco calendario dei tratta
Oliocin
Syllit Flo

Teldor Plus
Cupravit Blu WG
47
Afidi
Cocciniglie
Anarsia
Cidia
Cocciniglie
Anarsia
Cidia
Cocciniglie
Mal bianco Mal bianco Monilia
Cancri rameali
Bolla
Decis Jet
Decis Jet
Movento(solo cocciniglie)
Success (Solo lepidotteri)
Cancri rameali Bolla Mal bianco Monilia
Patologie
fungine
Scamiciatura
Accrescimento
frutti
Accrescimento frutti
frutti sviluppati
Caduta foglie
Aprile Aprile-Giugno Novembre Giugno-Agosto
menti
Neemazal T/S
Piretro Actigreen
oppure
Folicur SE
Teldor Plus
Syllit Flo
Cupravit Blu WG
Serenade Natria (Solo monilia)
Zolfo
oppure
Contro acari: Borneo
Oliocin (Solo cocciniglie)
(Solo monilia)
(Solo bolla)
F
o
t
o

R
.

A
n
g
e
l
i
n
i
oppure
Afidi
Descrizione pag 11
Protezione convenzionale: Pomacee: trattate
in pre-fioritura (orecchiette di topo), con Confi-
dor Oil (270 ml/10 litri); Drupacee: trattate in
pre-fioritura con Confidor Oil (200-250 ml/10
litri). Il trattamento in pre-fioritura con Confidor
Oil agisce anche su cocciniglie. In alternativa, in
post fioritura di pomacee e drupacee, trattate
alla comparsa dei parassiti con Confidor (5
ml/10 litri) che efficace anche su larve mina-
trici.
Protezione biologica: intervenite con Neema-
zal T/S (20-30 ml/10 litri) oppure con Piretro
ActiGreen (14-16 ml/10 litri) ripetendo il tratta-
mento ogni 7 giorni.
Cocciniglie
Sono caratterizzate da scudetti scuri tondeggianti e piatti oppure cotonosi.
Sono presenti sui rami e sulle foglie; i frutti colpiti presentano macchioline
rosso vivo.
Protezione convenzionale: trattate a fine inverno (da completa caduta foglie
a bottoni rosa) con Confidor Oil (250-270 ml/10 litri) o in post fioritura con Mo-
vento 48 SC (25-30ml in 10 litri).
Protezione biologica: trattate a fine inverno
con Oliocin (300 ml/10 litri d'acqua)
48
DIFESA da insetti e altro
G F M A M G L A S O N D
G F M A M G L A S O N D
F
o
t
o

E
.

L
a
y
m
a
n
n
Carpocapsa, Cydia e Ricamatori
Sono lepidotteri molto comuni e particolarmente dannosi su melo e pero. I
frutti presentano un foro di penetrazione con fuoriuscita di rosura; allin-
terno si sviluppa una galleria che porta fino al centro del frutto, scavata
dalla larva, color rosa. Oppure la parte pi esterna del frutto presenta ro-
sure superficiali.
Protezione convenzionale: intervenite con
Decis Jet (5-8ml/10 litri dacqua), insetticida
di contatto.
Protezione biologica: trattate con Success
(10 ml/10 litri), avendo cura di effettuare il trattamento larvicida in presenza
degli adulti (generalmente con frutto a dimensione noce), ripetete il tratta-
mento dopo 7 giorni. I trattamenti su carpocapsa hanno efficacia anche nel
controllo dei lepidotteri ricamatori.
Tentredini
I frutticini presentano un foro e delle mine ben
visibili; allinterno presente una larva giallastra
con capo bruno.
Protezione convenzionale: prima della com-
parsa dei boccioli fiorali trattate con Confidor Oil
(250-270 ml/10 litri) oppure con Confidor (5
ml/10 litri) in post-fioritura.
Protezione biologica: trattate ai primi sintomi
con Piretro ActiGreen (14-16 ml/10 litri) ripe-
tendo il trattamento ogni 10 giorni.
Larve minatrici
Sulla pagina inferiore delle foglie sono visibili
mine diffuse a macchia dolio o ovali ed allun-
gate; sulla pagina superiore sono presenti pun-
teggiature biancastre. In alcuni casi sono visibili
mine a spirale.
Protezione convenzionale: utilizzate Confidor
(5 ml/10 litri) in post-fioritura.
Protezione biologica: effettuate un trattamento
con Success (8 ml/10 litri) in post-fioritura in
presenza delle prime larvette, avendo cura di ri-
peterlo dopo 7-10 giorni.
49
G F M A M G L A S O N D
G F M A M G L A S O N D
G F M A M G L A S O N D
Psilla
Gli insetti adulti sono molto piccoli, di colore giallo o bruno verdastro; colo-
nizzano germogli e producono abbondante melata. Sui rami e sulla pagina
inferiore delle foglie sono presenti uova di colore aranciato.
Protezione convenzionale: trattate a maggio con Oliocin (150 ml/10 litri) +
Decis Jet (5-8 ml/10 litri) oppure con Movento 48 SC (25-30 ml/10 litri) +
Oliocin (20 ml/10 litri).
Protezione biologica: somministrate, prima della comparsa di melata, Pi-
retro ActiGreen (14-16 ml/10 litri) + Oliocin (300 ml/10 litri) oppure Neema-
zal T/S (20-30 ml/10 litri), ripetendo il trattamento dopo 7 giorni.
Mosca delle ciliegie e della frutta
I frutti colpiti da mosca, rammolliscono; allin-
terno della polpa presente la larva, piccola e
biancastra.
Protezione convenzionale: trattate con Decis
Jet al viraggio di colore del frutto (5-8 ml/10 litri).
Ripetete il trattamento dopo 14 giorni.
Acari - ragnetto rosso
Sono piccoli parassiti rossastri o giallastri, visi-
bili con una lente sulla pagina inferiore della fo-
glia, in grado di formare sottili ragnatele. In
inverno depongono piccolissime uova rosse in
prossimit delle gemme.
Protezione convenzionale: trattate in inverno
con Oliocin (300-350 ml/10 litri) e, in vegeta-
zione, alla comparsa dei primi acari, con Bor-
neo (3,5-5 ml/10 litri).
50
G F M A M G L A S O N D
G F M A M G L A S O N D
F
o
t
o

V
.

V
e
n
t
u
r
i
n
i
F
o
t
o

V
.

V
e
n
t
u
r
i
n
i
G F M A M G L A S O N D
F
o
t
o

A
g
r
o
S
e
r
v
i
c
e

R
&
S
G F M A M G L A S O N D
DIFESA da patologie fungine
Mal bianco o Oidio
Le foglie apicali vengono accartoc-
ciate e coperte da una polvere bian-
castra; i mazzetti fiorali atrofizzati e
i petali carnosi e verdastri sono co-
perti da unefflorescenza bianca-
stra; i frutti, piccoli e deformi,
presentano una diffusa rugginosit
della buccia.
Protezione convenzionale: Poma-
cee: trattate con Folicur SE (23-29
ml /10 litri) a partire dalla fioritura.
Drupacee: trattate con Folicur SE
(29-43 ml/10 litri) a partire dalla piena fioritura.
Bolla del pesco
Le foglie si presentano bollose, carnose,
deformate e colorate di rosso vivo; i frutti-
cini sono mummificati e coperti di muffa
biancastra, i frutti presentano deformazioni
rossastre.
Protezione convenzionale: si devono ese-
guire due trattamenti con Syllit Flo (15-20
ml/10 litri), uno alla caduta delle foglie ed
uno a fine inverno. Durante il periodo vege-
tativo, impiegate Syllit Flo alla scamiciatura
(post fioritura) e durante laccrescimento del
frutto (10 ml/10 litri).
Protezione biologica: per i trattamenti in-
vernali pu essere utilizzato Cupravit Blu
WG (50-60 g/10 litri).
Cancro rameale
Provoca tacche depresse intorno alle
gemme e alle ramificazioni, fessurazioni
della corteccia e disseccamento della parte
distale dei rametti.
Protezione biologica: a fine inverno impie-
gate Cupravit Blu WG (50-60 g/10 litri).
51
G F M A M G L A S O N D
F
o
t
o

L
.

L
a
z
z
a
r
i
n
i
G F M A M G L A S O N D
Ticchiolatura (melo e pero)
E la pi grave avversit del melo. Macchie vellutate e brune si sviluppano
sulle foglie; macchie simili, poi suberificate, si hanno anche sui frutti con
conseguenti deformazioni.
Protezione convenzionale: dalla post-
fioritura effettuate trattamenti a cadenza
di 15 giorni con Folicur SE (23-29
ml/10 litri) oppure con Syllit Flo (8-15
ml/10 litri).
Protezione biologica: distribuite, ogni
15 giorni, Cupravit Blu WG (20-45 g/10
litri per trattamenti autunno invernali e
20-25 per trattamenti primaverili estivi),
o Serenade Natria (25-40 g/10 litri)
Monilia
Sono attaccati rami, foglie, fiori e frutti. I fiori attaccati imbruniscono
e disseccano. Sui frutti compaiono macchie tondeggianti di mar-
ciume, coperte da colonie fungine color nocciola, disposte a circoli
concentrici. I frutti si disintegrano o mummificano rapidamente.
Protezione convenzionale: su drupacee effettuate 1-2 trattamenti
con Teldor Plus (10-15 ml/10 litri) a cavallo della fioritura e altret-
tanti in pre-raccolta. In alternativa utilizzate Folicur SE (29-43 g/10
litri).
Protezione biologica: trattate con Cupravit Blu WG (25-45 g/10
litri) oppure con Serenade Natria (25-40 g/10
litri).
Maculatura bruna del pero
Colpisce principalmente il pero. Sul frutto si for-
mano macchie necrotiche, tondeggianti, di
estensione variabile, in corrispondenza delle
quali la polpa marcisce. Le prime manifesta-
zioni compaiono in aprile sulle foglie e, dallalle-
gagione, sui frutticini.
Protezione convenzionale: si pu controllare
con Folicur SE (29-43 ml/10 litri) oppure con
Aliette (25 g/10 litri). Si effettuano trattamenti
ogni 6-8 giorni da inizio fioritura ad accresci-
mento frutti.
Corineo (Drupacee)
I sintomi consistono in piccole macchie rosso-violacee circondate da
un alone clorotico su foglie e frutti.
Protezione convenzionale: trattate, in autunno e inverno, con Syllit
Flo (15-20 ml/10 litri).
Protezione biologica: trattate, in autunno e inverno, con Cupravit
Blu WG (50-60 g).
52
G F M A M G L A S O N D
G F M A M G L A S O N D
G F M A M G L A S O N D
G F M A M G L A S O N D
f
o
t
o

A
.

Z
a
p
p
a
t
a

-

A
g
e
r


S
C
Allimpianto mescolate, con la terra della buca, Bayfolan Natria. Le dosi va-
riano in funzione del diametro della buca stessa: 15-45 g/buca da 30 cm,
60-120 g/buca da 60 cm e 150-250 g/buca da 90 cm.
Successivamente applicate Bayfolan Multi Orti e Giardini ogni 4 mesi circa
(2-2,5 kg/pianta in produzione) avendo cura di distribuirlo sulla proiezione
della chioma a distanza di circa 20-30 cm dal tronco e quindi di interrarlo
leggermente e di bagnare. Molto importante la concimazione di settem-
bre, in grado di migliorare la qualit delle olive e ridurre lalternanza della
produzione. In alternativa utilizzate Bayfolan PRO Universale ogni 2-3 mesi
Cocciniglia mezzograno di pepe
I rametti e la pagina inferiore delle foglie sono infestati da insetti a forma di
mezzo grano di pepe e con una carenatura dorsale a forma di H. La loro
presenza provoca abbondante fumaggine.
Protezione convenzionale: trattate in inverno (fine febbraio) con Oliocin +
Decis Jet (100-150 ml + 7 ml/10 litri).
Protezione biologica: trattate con Oliocin + Piretro ActiGreen (100-200 ml
+ 15 ml/10 litri)
53
F
o
t
o

A
g
r
o
S
e
r
v
i
c
e

R
&
S
F
o
t
o

A
g
r
o
S
e
r
v
i
c
e

R
&
S
Olivo
CONCIMAZIONE
DIFESA da insetti
G F M A M G L A S O N D
F
o
t
o

L
.

L
a
z
z
a
r
i
n
i
Mosca dellolivo
Insetto chiave nella cura del-
lolivo, la femmina depone le
uova nelle olive causando una
ferita caratteristica di forma
triangolare dove, in seguito, si
svilupperanno le larve. General-
mente lattacco si verifica a par-
tire da agosto. Le olive colpite
cadono precocemente e quelle
raccolte sullalbero conferiscono
allolio pessima qualit.
Protezione convenzionale:
trattate con Confidor 200 O-TEQ (6 ml/10 litri)
oppure Decis Jet (8 ml/10 litri) non appena
compare ladulto e con le prime punture presenti sulle drupe. Se necessa-
rio ripetete lintervento dopo 7-10 giorni.
Tignola
Le larve sono di colore grigio
nocciola; quelle della prima ge-
nerazione penetrano nelle foglie
scavando delle mine a C ed
erodendo la pagina inferiore
della foglia; quelle della se-
conda attaccano i boccioli e li
distruggono; le larve della terza
si insediano nella giovane oliva e attaccano il
nocciolo.
Protezione convenzionale: trattate con Decis Jet (8 ml/10 litri).
Protezione biologica: trattate con Neemazal T/S (20-30 ml/10 litri).
DIFESA da patologie fungine
Occhio di pavone o cicloconio
Sulla pagina superiore delle foglie si svi-
luppano macchie tondeggianti di colore
grigio rossastro, con bordo scuro ed
alone giallastro. Ne risulta una forte de-
fogliazione invernale.
Protezione convenzionale: effettuate
un trattamento in ottobre e uno a fine in-
verno con Syllit Flo (10-18 ml/10 litri
dacqua).
Protezione biologica: trattate a fine in-
verno e allinvaiatura con Cupravit Blu
WG ( 25-35 g/10 litri).
54
G F M A M G L A S O N D
f
o
t
o

A
g
r
o
S
e
r
v
i
c
e

R
&
S
f
o
t
o

A
g
r
o
S
e
r
v
i
c
e

R
&
S
f
o
t
o

A
.

Z
o
r
l
o
n
i

-

A
g
e
r


S
C
G F M A M G L A S O N D
G F M A M G L A S O N D
Piante in vaso
Gli agrumi vengono coltivati in vaso sia nelle zone a clima mediterraneo
che in quelle a clima fresco, per sfruttarne il loro straordinario valore este-
tico.
Al rinvaso usate un terriccio drenante e lievemente acido (pH 5-6) mesco-
lato con 35-50 g di Baycote Agrumi ogni 10 litri di terriccio del vaso. Tale
concimazione di base sufficiente per la prima stagione di crescita, men-
tre in aprile e in ottobre sono necessari due apporti con un rinverdente a
base di chelato di ferro.
Negli anni successivi, per le piante coltivate in clima medi-
terraneo, occorre concimare in febbraio con Baycote
Agrumi, (35-50 g/10 litri di volume di terra), mentre per le
piante coltivate in clima freddo, e quindi svernate al riparo,
occorre concimare in aprile.
Impiegate la dose superiore per arancio e limone, e
quella inferiore per pompelmo, mandarino e kumquat. La
durata nutrizionale di Baycote Agrumi di circa 6 mesi.
Durante la stagione vegetativa integrate la concima-
zione di fondo con Bayfolan Agrumi (1 tappo in 4 litri
dacqua) ogni 10 giorni.
Piante in piena terra
Utilizzate Bayfolan Multi Orti
e Giardini seguendo i do-
saggi riportati nella ta-
bella, relativi a singola
pianta (in alternativa utiliz-
zate Bayfolan PRO Uni-
versale ogni 2-3 mesi).
Si pu utilizzare anche
Bayfolan Natria (80-100
g/m2), a fine inverno; di-
stribuite un rinverdente a
base di chelato di ferro.
55
Agrumi
CONCIMAZIONE
F
o
t
o

L
.

L
a
z
z
a
r
i
n
i
1 anno 200 g
2 anni 400 g
3 anni 600 g
4 anni 800 g
Dal 5 anno 1 kg
Et della pianta Dose
Quantit di Bayfolan Multi
Orti e Giardini per pianta
F
o
t
o

L
.

L
a
z
z
a
r
i
n
i
DIFESA da insetti
Cocciniglie
Gli agrumi sono attaccati da un gran numero di specie di-
verse di cocciniglie che arrecano gravi danni: attaccano rami,
foglie e frutti provocando sottrazione di linfa, disseccamento
dei rametti, cascola dei frutti e, con lemissione di melata, la
diffusione della fumaggine. Per controllare questi pericolosi fi-
tofagi importante potare in maniera appropriata la pianta, in
modo che lirraggiamento diretto della chioma limiti lo svi-
luppo di questi insetti.
Protezione convenzionale: trattate in primavera-estate con
Movento 48 SC (20 ml/10 litri) + Oliocin (25 ml/10 litri).
Protezione biologica: in primavera-estate usate Oliocin
(150-200 ml/10 litri) e ripetete lapplicazione dopo 7 giorni.
Per eliminare la fumaggine, che generalmente accompagna
le cocciniglie, intervenite a fine inverno con Cupravit Blu WG
(30 g/10 litri). In presenza di formiche, trattate con Piretro Ac-
tiGreen (16 ml/10 litri).
Minatrice serpentina degli agrumi
Attacca principalmente le giovani foglie degli
apici vegetativi; le larve scavano caratteristi-
che gallerie, provocando gravi danni.
Protezione convenzionale: trattate con
Confidor (7,5 ml/10 litri dacqua) da met a
fine giugno.
Protezione biologica: trattate con Neema-
zal T/S (20-30 ml/10 litri dacqua).
Afidi
Descrizione a pag. 11.
Protezione convenzionale: alla comparsa
delle prime forme mobili, trattate con Confi-
dor (5 ml/10 litri). Un trattamento risolutivo
per tutta la stagione.
Protezione biologica: impiegate Neemazal
T/S (20-30 ml/10 litri) e ripetete il tratta-
mento, se necessario, dopo 7-10 giorni
56
F
o
t
o

S
.

R
u
g
g
i
e
r
i
F
o
t
o

F
.

Q
u
a
r
a
n
t
e
l
l
i
G F M A M G L A S O N D
F
o
t
o

V
.

V
e
n
t
u
r
i
n
i
G F M A M G L A S O N D
G F M A M G L A S O N D
Mosca degli agrumi
I frutti attaccati presentano macchie giallo-
gnole, inconsistenti al tatto, quindi marci-
scono.
Protezione convenzionale: trattate con
Decis Jet (6-7 ml/10 litri), avendo cura di ba-
gnare bene la pianta.
Acari (ragnetto rosso)
Sulla pagina inferiore della foglia, con una
lente, si possono vedere piccoli parassiti ros-
sastri. Attaccano foglie e frutti causando clo-
rosi e deformazioni.
Protezione convenzionale: Intervenire alla
comparsa dei primi acari con Borneo (3,5-5
ml/10 litri).
DIFESA da patologie fungine
Fitoftora o gommosi
parassitaria
Interessa il fusto e le grosse
branche (non arriva mai molto
in alto) producendo necrosi
della corteccia che, sopra il
suolo, si fessura e lascia fuo-
riuscire gomma. Le parti colpite
sotto il suolo marciscono, le
piante attaccate si indeboli-
scono progressivamente ed infine seccano.
Protezione convenzionale: trattate con Aliette
(20-30 g/10 litri dacqua) una volta al mese a
partire dalla fioritura. In caso di forte intensit dellattacco integrate con
pennellature nelle zone infette del legno.
Antracnosi
Provoca il disseccamento di piccoli rami, foglie, gemme e fiori, mentre il
resto della pianta si presenta normale (almeno allinizio). I frutti ingialli-
scono e cadono per necrosi del peduncolo.
Protezione biologica: trattate con Cupravit Blu WG (25-30 g/10 litri dac-
qua).
57
G F M A M G L A S O N D
F
o
t
o

G
.

C
o
r
t
e
s
e
G F M A M G L A S O N D
G F M A M G L A S O N D
CONCIMAZIONE
La concimazione della vite si effettua
distribuendo lungo il filare, alla ri-
presa vegetativa, Bayfolan Natria (3-
4 kg/100 m per le variet di uva da
vino e 5-6 kg/100 m per quelle da
tavola) e poi, ogni 4 mesi, su variet
da tavola 6-7 kg/100 m e su quelle
da vino 3-4 kg/100 m di Bayfolan
Multi Orti e Giardini (durata deffica-
cia di circa 4 mesi). Dopo lapplica-
zione, interrate leggermente e fate
seguire una breve irrigazione. In al-
ternativa, utilizzate Bayfolan PRO
Universale ogni 2-3 mesi
DIFESA da insetti e altro
Tignole
Bottoni fiorali ed acini vengono dan-
neggiati da larve con capo nero:
creano nidi di fili sericei e perforano e
svuotano gli acini.
Protezione biologica: trattate con
Success (4-8 ml/10 litri dacqua) o
Neemazal T/S (20-30 ml/10 litri dac-
qua) alla comparsa dei primi adulti e
ripetete il trattamento a distanza di 7-
10 giorni. Il trattamento contro le ti-
gnole in pre-firitura ha efficacia
anche nel contenimento dei tripidi.
58
Vite
G F M A M G L A S O N D
F
o
t
o

L
.

L
a
z
z
a
r
i
n
i
Sintomi da ferrocarenza
f
o
t
o
:

V
.

B
e
l
l
e
t
t
a
t
o
59
Acari
Artropodi ad apparato boccale pungente suc-
chiante che vivono sulla pagina inferiore delle
foglie. Se si guarda con una lente si possono
vedere piccoli parassiti rossi o gialli, che pos-
sono provocare sottili ragnatele quando l in-
festazione risulta importante. In primavera il
sintomo tipico la presenza di germogli che
stentano a svilupparsi e ad allungarsi.
Protezione convenzionale: trattate alla com-
parsa dei primi sintomi con Borneo (2,5-5
ml/10 litri). Borneo, oltre che essere efficace
nel controllo degli acari, anche rispettoso
dellentomofauna utile che aiuta a controllare gli acari naturalmente.
Tripidi
Sono insetti molto piccoli
che, in particolar modo al
Sud e per le uve da tavola,
causano danni notevoli.
Hanno una spiccata predi-
lezione nel colonizzare i
fiori e la popolazione
esplode durante la piena
fioritura delluva da tavola
con sovrapposizione di
forme adulte e forme giovanili (dette neanidi). Gli adulti si nutrono preva-
lentemente di polline e la loro attivit si manifesta gi in prefioritura. In que-
sta fase si osservano punture del tripide sulle caliptre e presenza di uova
inserite anche nei pedicelli fiorali. Il vero danno provocato dalle punture
sugli acini le cui ferite sono facilmente visibili in fase di maturazione del-
luva. Inoltre la presenza di queste
lesioni predispone gli acini a mar-
ciumi sia in campo che in fase di
conservazione.
Protezione convenzionale: si deve
intervenire alla comparsa degli
adulti con Decis Jet (5 ml) ba-
gnando bene tutta la vegetazione e
soprattutto i fiori. Ripetete il tratta-
mento dopo 7-10 giorni alternando il
prodotto con Success.
Protezione biologica: trattate con
Success (8 ml). Bagnate bene la
vegetazione e i fiori e ripetete il trat-
tamento dopo 7-10 giorni, meglio se
alternando i prodotti.
G F M A M G L A S O N D
G F M A M G L A S O N D
f
o
t
o
:

G
.

C
o
r
t
e
s
e
f
o
t
o
:

G
.

C
o
r
t
e
s
e
Cicaline
Sono piccoli insetti con morfologia, abitudini e
talora dannosit abbastanza differenti. Alcune
di queste sono responsabili della trasmissione
di virus e altre malattie come la Flavescenza
dorata. Causano normalmente alterazioni fo-
gliari piuttosto evidenti dovute alle continue
punture dellinsetto, con conseguente arrossa-
mento del margine fogliare e diminuzione del-
lattivit fotosintetica.
Protezione convenzionale: trattate con Decis
Jet (5-8 ml/10 litri) alla compara delle prime
forme mobili.
Protezione biologica: trattate con Piretro Acti-
green (14-16 ml/10 litri) o con Neemazal T/S (20-30 ml/10 litri).
Cocciniglie
Si sviluppano preferenzialmente nei vigneti con fitta
vegetazione, dove la scarsa luminosit e la ridotta cir-
colazione dellaria favoriscono ristagni di umidit, cre-
ando un microambiente favorevole al loro sviluppo.
Oltre a causare danni diretti, conseguenti alla sottra-
zione della linfa, emettono secrezioni zuccherine
(melata) che richiamano le formiche e sulle quali si
sviluppano abbondanti fumaggini. Tra le cocciniglie
maggiormente dannose alla vite si ricordano le cocci-
niglie farinose (Planococcus ficus, Planococcus citri)
e altre specie come Targionia vitis, Parthenolecanium
corni e Pulvinaria vitis.
Protezione convenzionale: intervenite a partire
dallallegagione con Movento 48 SC (20-30 ml/10
litri).
Protezione biologica: trattate con Oliocin (300 ml/10 litri).
Metcalfa
E un piccolo insetto che spesso attacca la vite. Compare a pri-
mavera inoltrata provocando danni per tutta lestate, infe-
stando prevalentemente i tralci erbacei della vite.
Le neanidi (forma giovanile) vivono sulla pagina inferiore delle
foglie o insieme agli adulti, che compiono brevi voli.
La continua suzione di linfa da parte di questi insetti e il rilascio
per tutta la stagione di melata, sostanza di escrezione, causa
limbrattamento dei grappoli e delle foglie con possibilit di in-
sorgenza di fumaggini.
Protezione convenzionale: trattate con Decis Jet alla dose di
5-8 ml su 10 litri di acqua
Protezione biologica: trattate con Success (6-8
ml/10 litri) o con Piretro Actigreen (20 ml/10 litri).
60
G F M A M G L A S O N D
G F M A M G L A S O N D
G F M A M G L A S O N D
f
o
t
o
:

A
.

F
a
b
b
i
f
o
t
o
:

G
.

C
o
r
t
e
s
e
f
o
t
o
:

A
.
Z
o
r
l
o
n
i
61
Oidio o Mal bianco
E la seconda pi temibile malattia che colpisce la
vite dopo la peronospora. Anchessa introdotta in
Europa dalle Americhe alla fine dellottocento.
Provoca la formazione di macchie biancastre
sulla pagina superiore delle foglie. Lattacco non
sempre ben evidente e solo nel caso di gravi infe-
zioni si notano chiazze pi chiare con leggera
muffa biancastra. Sugli acini linfezione si eviden-
zia con una patina biancastra, polverulenta e
quindi con la loro spaccatura.
Protezione convenzionale: trattate con Folicur
SE (23 ml/10 litri).
Peronospora
E la pi pericolosa malattia della vite, arrivata in
Europa alla fine dellottocento ed endemica in tutte
le regioni. Sulla pagina superiore delle foglie si evi-
denzia la comparsa di macchie traslucide e, su
quella inferiore, macchie poligonali con formazione
di muffa biancastra; i tessuti interessati dissec-
cano. Sul grappolo, con attacchi precoci, si ha una
deformazione a uncino e una colorazione bruna-
stra. Lumidit favorisce la formazione di muffa
biancastra. Nel caso di attacchi tardivi non com-
pare la muffa ma gli acini dapprima imbruniscono
(sfumature violacee) e poi disseccano.
Protezione convenzionale: trattate con Melody
Compact (30-35 g/10 litri) oppure con Aliette (25 g/10 litri) da quando i tralci
sono lunghi 10 cm, ripetendo i trattamenti ogni 7-10 giorni. Nel caso di infe-
stazioni elevate trattate subito con R6 Bordeaux WG (50-60 g/10 litri) e
quindi con Melody Compact.
Protezione biologica: impiegate preventivamente Cupravit Blu WG (20-30
g/10 litri); in presenza di forti infezioni e tempo molto piovoso 25-40 g/10 litri).
Botrite
Il fungo penetra nei tessuti attraverso piccole ferite
che si creano in fioritura, o da attacchi di insetti, e si
sviluppa rapidamente infettando in poco tempo tutte
le zone circostanti. Sui grappoli determina una muffa
grigiastra che si diffonde rapidamente determinando
la marcescenza di alcuni acini e poi dellintero grap-
polo con danni molto gravi.
Protezione convenzionale: in pre-chiusura del grap-
polo, trattate con Teldor Plus (10-15 ml/10 litri).
Protezione biologica: in pre-chiusura del grap-
polo, impiegate Serenade Natria (25-40 g/10 litri).
DIFESA da patologie fungine
G F M A M G L A S O N D
G F M A M G L A S O N D
G F M A M G L A S O N D
f
o
t
o
:

R
.

C
o
n
s
o
l
a
r
o
62
Germoglia-
mento
Foglie
distese
Grappoli
visibili
Aprile Aprile-Maggio Maggio
Vite calendario dei tr
Tignola
Acari
Tripidi
Cicaline
Botrite
Oidio
Peronospora

Folicur

R6 Bordeaux WG
Aliette

f
o
t
o
:

R
.

A
n
g
e
l
i
n
i

63
G
r
a
p
p
o
l
i
s
e
p
a
r
a
t
i
Pre-fioritura
accrescim. acini
P
r
e
-
c
h
i
u
s
u
r
a
g
r
a
p
p
o
l
o
P
r
e
-
c
h
i
u
s
u
r
a
i
n
v
a
i
a
t
u
r
a
M
a
t
u
r
a
z
i
o
n
e
Maggio Maggio-Giugno Giugno-Luglio Luglio-Agosto Sett-Ottobre
attamenti
Teldor Plus
Serenade Natria
Borneo
Success oppure Neemazal T/S
Success oppure Neemazal T/S
SE ogni 10 - 14 giorni
Success
oppure Melody Compact ogni 7 - 10 giorni
Cupravit Blu WG
oppure
oppure
Zolfo
64
UTILIZZA CORRETTAMENTE I PRODOTTI
Il primo soccorso
La regola pi importante in caso di presunta intossicazione mantenere la
calma e non fare cose che potrebbero essere potenzialmente pi dannose
che utili.
Non somministrare il latte. Il latte favorisce lassorbimento di alcune
sostanze aggravando lintossicazione.
Non provocare il vomito, tanto meno con acqua e sale.
L'involontaria inalazione del proprio vomito pu causare polmoniti
chimiche a volte pi gravi dellavvelenamento stesso.
In caso di contatto con la pelle, lavare immediatamente e
accuratamente con acqua e sapone la parte interessata e
successivamente consultare un medico o un Centro Antiveleni.
In caso di contatto con gli occhi, lavarli immediatamente
mantenendoli aperti sotto acqua corrente per 10 -15 minuti e
Rispetta sempre queste 10 regole
La maggior parte dei prodotti per la cura delle piante ornamentali, orticole e da frutto ri-
chiede un attento utilizzo: occorre seguire le indicazioni riportate in etichetta ed in partico-
lare rispettare le dosi e le diluizioni consigliate. Inoltre, bisogna conservare i prodotti in
luoghi sicuri (armadietti chiusi), non alla portata dei bambini e degli animali domestici.
Anche per i fertilizzanti valgono le stesse regole di precauzione.
1. Leggere attentamente le istruzioni riportate sulle
etichette dei prodotti e soprattutto leggerle prima del-
luso. Nelle etichette sono riportate la composizione,
i consigli di prudenza e le modalit dimpiego. Con-
servare quindi le confezioni fino ad esaurimento dei
prodotti e smaltimento
dei contenitori.
2. Tenere tutti i prodotti per la cura del verde fuori dalla portata
dei bambini e degli animali, in luoghi non raggiungibili o chiusi
a chiave; evitare la presenza di bambini e
animali durante lutilizzo dei prodotti.
3. Non manomettere i tappi di sicurezza realizzati per impedire
lapertura dei prodotti da parte dei bambini.
65
PER LA CURA DELLE PIANTE!
Telefoni dei Centri Antiveleni
Ancona 0712181028
Bergamo 800883300
Catania 800410989
Firenze 0554277238
Genova 0105636246
Lecce 0832665374
Milano 0266101029
Napoli 0817472870
Reggio Calabria 0965811624
Roma 063054343
Telefonando al 118 da qualsiasi parte
d'Italia si viene messi in contatto con il
Centro Antiveleni pi vicino.
Si ringrazia per la collaborazione:
Centro Antiveleni di Bergamo
Az. Ospedali Riuniti
successivamente consultare un medico o
un Centro Antiveleni. Non
usare pomate o colliri di
propria iniziativa.
In caso di ingestione
indispensabile consultare
un medico o un Centro
Antiveleni i cui numeri di
telefono sono riportati a
lato
Finito di stampare nel Febbraio 2013 - Copyright 2013 by Bayer CropScience S.r.l - Copyright foto degli autori - Propriet letteraria riservata.
4. Non travasare nessun prodotto, n tal quale n diluito, in contenitori diversi da quelli spe-
cifici per il loro utilizzo (spruzzino, annaffiatoio, pompa a spalla ecc.). Travasare i prodotti in
bottiglie di acqua minerale o di bibite rappresenta una delle cause principali di intossica-
zione.
5. Non preparare quantitativi di soluzione superiori a quelli necessari ad
un uso immediato.
6. Non utilizzare i prodotti che trovano esclusivo impiego in ambito pro-
fessionale agricolo: queste categorie di pro-
dotti sono potenzialmente pi pericolose,
quindi bene che siano utilizzate solo da
operatori professionali.
7. Utilizzare mezzi di protezione (guanti, mascherina, tuta, oc-
chiali) sia durante la diluizione dei prodotti che durante l appli-
cazione.
8. Non mangiare, n bere, n fumare durante lutilizzo dei
prodotti e prima di essersi lavati accuratamente le mani.
9. Applicare i prodotti con la massima cautela: non trat-
tare in presenza di vento e preferire le prime ore del mat-
tino.
10. I contenitori vuoti dei prodotti devono essere smaltiti immediatamente.
Agrofarmaci autorizzati dal Ministero della Salute. Seguire attentamente le istruzioni. Le informazioni hanno carattere informativo e lutiliz-
zatore tenuto ad attenersi scrupolosamente a quanto riportato sulle etichette dei prodotti. Bayer CropScience S.r.l. declina ogni responsa-
bilit per luso improprio dei prodotti.
O
G

1
3
0
1
0
0
2
Il nuovo sito ricco di contenuti ag-
giornati facili da scoprire grazie al re-
styling grafico che agevola la
navigazione.
Semplicit nella ricerca dei prodotti,
disponibilit di consigli e buone prati-
che, oltre che focus su argomenti di
particolare interesse, sono i punti di
forza del nostro nuovo sito
www.bayergarden.it.