Sei sulla pagina 1di 48
STORIA DEL JU JITSU A CURA DI GIULIO PENNA ARNALDO PALOMBI JU JITSU CENNI STORICI Il ju jitsu é uno dei pill antichi metodi di combattimento a mani nude ed anche se é difficile stabilire con esattezza le sue origini si pud affermare che ebbe il suo periodo di massimo sviluppo in Giappone tra il quindicesimo e il diciottesimo secolo. In particolare, verso la fine del 16° secolo, con la pace imposta dai Tokugawa ai feudatari, molti bushi, in precedenza impegnati a combattere nelle varie guerre che insanguinarono le Province del Giappone, persero la loro occupazione principale e i migliori misero a frutto la loro esperienza aprendo delle scuole e insegnando le conoscenze acquisite sui campi di battaglia. Con il tempo le scuole pill importanti si erano frazionate e verso la fine del 18° secolo si ebbe un ulteriore sviluppo dell’arte tanto che in questo periodo erano presenti sul territorio giapponese pit di 160 stili di ju jitsu. Le sorti di quest'arte marziale, quindi, furono strettamente legate alle vicende Storiche della classe dei samurai: il ju jitsu, infatti, era il principale metodo di combattimento corpo a corpo utilizzato dagli antichi guerrieri nipponici. E importante precisare che ogni famiglia di samurai aveva un particolare approccio allo studio delle arti marziali e prediligeva l'uso di particolari armi o strategie da utilizzare sui campi di battaglia; questi preziosi insegnamenti riguardanti l'arte de! combattimento e rigorosamente codificati, si tramandavano per generazioni. A questa regola non sfuggi il ju jitsu, che si sviluppd tecnicamente grazie alle intuizioni e alla genialita di maestri eccezionali, ognuno esponente di uno stile particolare, i quali, grazie alle numerose esperienze “sul campo”, fecero del ju jitsu una tra le pil efficaci e temibili arti marziali. II ju jitsu perd non é solo questo: esso fappresenta anche una sintesi di tutti quei valori, sociali, morali e religiosi che 3 ispiravano la societa giapponese del passato e che ancora oggi influenzano lo stile di vita di molti praticanti, anche occidentali. In particolare poi, la pratica del ju jitsu, e delle arti marziali in generale, fu sempre strettamente legata alla religione e alla trascendenza: furono tre le dottrine che influenzarono in maniera determinante la formazione spirituale del praticante marziale nell’antico Giappone: il Buddhismo Zen, lo Shintoismo e il Confucianesimo. Questa continua tensione verso qualcosa che andava oltre il mondo materiale e percepibile serviva all'uomo d’armi per distaccarsi dal continuo ed estenuante cimento bellico e a fargli meglio accettare il suo destino che inevitabilmente lo conduceva alla morte. Infatti, come riportato in numerose fonti storiche, nelle vite di ognuno dei grandi maestri del passato ci sono stati periodi di profonde meditazione ed ascesi volti a rafforzare lo spirito. Queste esperienze, a volte confuse con eventi sovrannaturali, mostrano il profondo e indissolubile legame tra la dura pratica guerriera e la ricerca della pace interiore. Principi Tecnici Il termine ju jitsu si compone di due ideogrammi: ju = dolce, cedevole e jitsu = arte; il significato di questi termini rispecchia il principio cardine su cui si fonda lo studio di quest'arte che é quello della “non-opposizione”. Nel ju jitsu, infatti, 'impiego della forza fisica é limitato e accuratamente dosato secondo i principi della cedevolezza e del “sei ryoku zen yo" owero il raggiungimento del massimo risultato con il minimo sforzo. Passiamo ad analizzare il primo principio, quello della cedevolezza. Spontaneamente, chi si trova ad affrontare un awersario in combattimento, oppure é costretto a difendere se stesso e/o altri da un’aggressione, tende ad impegnare nello scontro la massima quantita disponibile di forza fisica, con I'intento di