Sei sulla pagina 1di 13

La bellezza nella scienza

La bellezza nella scienza

Cosa la conoscenza
Il conoscere listante in cui io prendo coscienza che quello che ho di fronte comincia ad essere importante per me La conoscenza non una attivit fra le altre del soggetto umano, ma la forma stessa del suo rapporto con la realt Considerate la vostra semenza. Fatti non foste per viere come bruti. Ma per seguir virtute e canoscenza Dante

Quale nesso esiste fra conoscenza, realt e soggetto?


La realt si rende evidente nella nostra esperienza, non si forma , non si costruisce ma si rende evidente Allorigine della conoscenza e dellesperienza si trova questo insostituibile darsi del fenomeno Il soggetto (luomo) , la ragione non la sorgente della manifestazione della realt ma il testimone Nessuno pu conoscere da solo. Conoscere un verbo che si realizza solo al plurale La conoscenza porta sempre allo stupore

Solo lo stupore conosce


Il mondo che lo scienziato osserva e indaga , anzitutto esiste lintero territorio dei rapporti interni nella teoria atomica improvvisamente chiara. Che questi rapporti interni mostrino, in tutta la loro astrazione matematica, un grado incredibile di semplicit, un dono che noi possiamo solo accettare con umilt. Heisenberg

La ragione umana innanzitutto provocata, commossa dallesserci della realt Ci che si vede dipende da come lo si guarda. Poich l osservare non solo un ricevere, uno svelare, ma al tempo stesso un atto creativo S. Kierkegaard La capacit di stupore rende pi attenti, disposti a interagire con essa, a lasciarsi provocare e quindi a rispondere mettendo in gioco tutta la propria capacit razionale La pi bella e profonda emozione che possiamo provare il senso di mistero. Sta qui il seme di ogni arte, di ogni vera scienza. Luomo per il quale non pi familiare il sentimento del mistero, che ha perso la facolt di meravigliarsi e umiliarsi davanti alla creazione come un uomo morto, o almeno cieco. Einstein

La bellezza che conquista lo scienziato ha a che fare con la capacit della natura di mostrarsi in una enorme variet di forme e di fenomeni tra loro diversi che dipendono, o sono compatibili, con un numero piccolo di leggi semplici e sintetiche. Quali sono le caratteristiche delle teorie fisiche che ci danno un senso di bellezza. la bellezza, cos come lamore o la paura, non si definiscono: si riconoscono quando si provano . Per bellezza di una teoria fisica intendo: - la bellezza meccanica dei suoi simboli sulla pagina stampata - la bellezza come eleganza (in grado di raggiungere un risultato potente con un minimo di complicazioni) - la bellezza come semplicit delle idee - il senso di inevitabilit che ci sa dare Weinberg

Anche la matematica stata spesso ispirata da un senso profondo dellordine, della proporzione, dellarmonia e della bellezza del reale. Non c matematica senza poesia. Lo stupore di un matematico davanti allo spettacolo di un teorema dimostrato quanto mai suggestivo del fatto che la matematica tocca un livello reale oggettivo e non si traduce in unarbitraria costruzione della fantasia Un matematico il quale non abbia in s nulla di poetico non sar mai un matematico completo Weierstrass

La matematica bella perch ..


un sapere continuo, niente viene perso nel tempo un sapere universale (non vale per un solo oggetto ma per qualunque oggetto astratto che possiede certe caratteristiche) Utilizza un linguaggio universale, necessariamente simbolico La matematica capacit di sintesi La matematica intuizione, saper vedere oltre

La matematica una scienza che richiede molta immaginazione . impossibile essere matematico senza avere lanimo del poeta. . Immaginazione e invenzione sono la stessa cosa. A me pare che il poeta deve soltanto percepire qualcosa che gli altri non percepiscono, vedere pi lontano. E il matematico deve fare la stessa cosa.
S. Kowalewskaya

. ALLORA AL LAVORO

Risolvere un problema significa trovare una strada per uscire dalla difficolt, una strada per aggirare lostacolo, per raggiungere uno scopo che non sia immediatamente raggiungibile. Lesperienza della risoluzione di un problema pu essere come una improvvisa chiarificazione che porta luce, ordine, collegamento e scopo ai dettagli che prima apparivano oscuri. Dopo che lidea venuta noi vediamo qualcosa di pi, pi significati, pi scopi, pi relazioni. Un ingrediente essenziale del problema il desiderio,la volont e la decisione di risolverlo. Un problema diventa il vostro problema, lo possedete veramente, quando decidete di farlo, quando desiderate risolverlo
George Polya

La capacit di studiare, comprendere e impadronirsi degli argomenti in ambito matematico simile, sotto certi aspetti, al saper nuotare o andare in bicicletta, due abilit che non possono essere raggiunte stando fermi. H.S.M. Coxeter

La cap aci t di stu por e ren de pi att ent i, dis pos ti a inte rag ire con la rea lt , a las cia rsi pro voc are e qui ndi a risp ond ere me tte ndo in gio co tut ta la pro pri a cap ac it raz ion ale