Sei sulla pagina 1di 10

Leonardo da Vinci

• Nacque a Vinci nel 1452


,si formò nella bottega
di Andrea del
Verrocchio, bottega
molto famosa.La sua
fama lo portò a
compiere lunghi
soggiorni dove
approfondì gli studi in
ingegneria.Morì nel
1519 nel castello di
Cloux,Amboise
(Francia),quando
godeva di una fama
leggendaria
I suoi studi
• Anche se egli non
conosceva il latino studiava
anatomia,
• Astronomia,zoologia,mecca
nica,etc.Come si vede alla
destra,egli fu il primo a
studiare anatomia
dissezzionando le parti del
corpo,in questo caso il
cranio. Il manto della
vergine,si riscontra anche
Il cavaliere sul cavallo
impennato
• Sono stati ritrovati dei disegni/schizzi di
Leonardo da Vinci, tra cui il più celebre
è «il cavaliere sul cavallo
impennato»,raccolta reale del castello
di Windsor, caratterizzato da linee
fittamente tratteggiate e parallele.Il
segno è rapido e il contorno marcato da
più tratti.Si vede un cavaliere che
brandisce una spade sopra il nemico a
terra.
L‘ annunciazione
• L’angelo, con le ali ancora spiegate, è
proteso verso la Vergine uscita da
casa sua.
• La vergine porge la mano sinistra
• Tra il giardino dell’anncucciazione e
lo sfondo paesaggistico si aggiunge il
filtro,costituito da essenze
arboree,come i cipressi.Queste figure
arboree danno un senso di intimità al
primo piano.Poco lontano si vede un
monte .La nuvola che avvolge
l’ultimo tratto del monte sta a
indicare la grande altezza del monte
stesso di cui,dal basso è impedita la
vista completa ,in aderenza con le
future note geo-meteorologiche di
Leonardo

• Olio su tavola 1472-1475


L’annunciazione

Il leggio marmoreo, dal profilo convesso-


concavo e sostenuto a zampe di leone, ricorre
a modelli ornamentali comuni alla scultura e
alla pittura quattrocentesca fiorentina.Ornato
anche di foglie, che abbracciano gli spigoli
convessi, volute a spirale che sostengono il
ripiano, insieme a festoni di fiori, conchiglie e
svolazzi di nastri.Numerose anche le varietà di
erbe che costituiscono il tappeto erboso di
fronte alla Vergine.Questo grazie all’interesse
che Leonardo aveva per la botanica.
Adorazione dei magi
• Il dipinto degli Uffizi reca delle
indecisioni ed delle
distorsioni.Quest’opera dimostra
come Leonardo avesse una
nuova visione artistica.
•  Infatti riuscì a
rivoluzionare il tema
tradizionale sia
nell'iconografia che
nell'impostazione
compositiva. Decise di
centrare l'episodio in un
momento ben preciso,
nel momento in cui il
La Vergine delle rocce

Il 25 aprile 1483, Bartolomeo Scorione stipulò un

contratto col giovane artista arrivato da

Firenze.Questo dipinto presenta dei particolari,

come le specie erbose in basso che sono da

riflessi luminosi.La Vergine è al centro.Il suo

braccio destro è teso ad abbracciare San

Giovannino.Invece la sua mano sinistra si apre in

un gesto protettivo sul capo del bambino

benedicente.L’angelo, sorregge il Bambino

divino.Nella Vergine delle rocce Leonardo realizza

una composizione piramidale.

In essa, inoltre, si rendono evidenti due concezioni


Il cenacolo

• Ludovico Sforza, nel 1495 affidò a Leonardo l’incarico di affrescare il refettorio del
Convento di Santa Maria delle Grazie con un cenacolo, cioè la rappresentazione
dell’ultima cena di Gesù con gli apostoli.Leonardo immaginò una scatola prospettica
in grado di produrre la sensazione che lo spazio reale continuasse in quello virtuale
dipinto dall’artista.Il pittore non scelse la tecnica dell’affresco,ma sperimentò altre
soluzioni.Purtroppo tale tecnica si rivelò poco resistente e duratura.
La Gioconda
• Una nota manoscritta di Agostino Vespucci afferma che
la Gioconda è stata iniziata nel 1500, mentre Leonardo
lavorava per la battaglia d’Anghiari.Inoltre questo
manoscritto dice che il soggetto è Lisa Gherardini, moglie
di Francese del Giocondo.Leonardo continuò a lavorare
nel tempo modificandolo infatti alla sua morte
presentava tratti non finiti.
• Nel dipinto ci sono due scenari diversi:
• Il paesaggio deserto e roccioso con due laghi;
• E il ritratto della Monna Lisa seduta su una sedia.
• La Gioconda è proposta di tre quarti, con il braccio
sinistro poggiato sul bracciolo di una sedia, e con la
mano destra su quella sinistra.


Sant’Anna
• Anch’essa iniziata nel 1500, la Sant’Anna del
Louvre viene dipinta per celebrare le
riconquistate libertà repubblicane, in armonia
con l’incarico che Leonardo da Vinci e
Michelangelo avevano avuto per gli affreschi
della sala del gran consiglio.Il dipinto venne
portato da Leonardo con sé in Francia insieme
alla Gioconda. Quattro personaggi sono
immersi in un ambiente naturale contro uno
sfondo di acqua e montagne azzurrate. La
scena raffigura il piccolo Gesù che gioca con
l’agnellino mentre gira la testa rispondendo al
richiamo della madre.Sant’Anna osserva la
scena con un dolce sorriso con sua figlia Maria
in braccio.