Sei sulla pagina 1di 5

ORIGIN OF THE EARTHS MOON L'origine della Luna della Terra stata oggetto di speculazione scientifica dal 1700.

. Ipotesi gravi hanno incluso la cattura della luna dalla terra dall'instabilit di rotazione o l'impatto di un oggetto molto grande. l'ipotesi dell'impatto attualmente sostenuta da molti scienziati. Vari aspetti anomali della luna - in particolare il suo status di grande satellite di un altro pianeta terrestre - si spiegano con questo concetto. Per la maggior parte, le ipotesi per l'origine della luna sono applicabili anche Caronte, il satellite di Plutone. Charon l'unico esempio nel sistema solare in cui un satellite rappresenta una significativa frazione della massa del primario. Per brevit, ci concentreremo la nostra discussione sulla luna, molto meno si sa Caronte. Le prime sonde lunari fornito valori accurati del momento adimensionale della luna di inerzia che ha confermato l'assenza di un significativo nucleo di ferro dedotto da studi astronomici. Il ritorno di campioni lunari intensificato dibattito, ma non ha portato alla risoluzione immediata dell'origine della luna perch la storia geologica pi tardi della luna ha cancellato i dettagli della sua formazione. In breve, il campionamento indicato che la Luna si formata agli inizi del sistema solare (prima 4,4 miliardi di anni), e che la sua parte esterna era caldo nel corso della sua storia pi antica. inoltre, il campionamento dimostrato che la luna grossolanamente simile in composizione al mantello terrestre, ma pi impoverito in elementi pi volatili rispetto al silicio e ferro solubili elementi siderophile. questa osservazione importante perch la luna non include un nucleo di grandi dimensioni che potesse estrarre questi elementi dal mantello. TIDES ON THE MOON AND THE EARTH L'attrazione gravitazionale della luna produce maree sulla terra e, per converso, la terra produce anche maree solid body sulla luna. Di marea deformazione della luna e la terra sono rilevanti per le diverse ipotesi per l'origine della luna. il nostro obiettivo nel discutere di questo argomento quello di ottenere il rapporto dimensionale tra la deformazione delle maree e la distanza dalla terra alla luna, si cercher inoltre di ottenere la distanza alla quale la luna sarebbe stata interrotta dalle forze di marea, conosciuti come il limite di Roche. Faremo in modo esplicito prima calcolare le maree sulla Luna e quindi applicare l'analisi a terra. Sulla terra, maree verificarsi sia sul lato rivolto verso la luna e il lato opposto della luna. bassa marea si verificano quando la luna sorge all'orizzonte. cos, maree sono associate alla seconda armonica del potenziale gravitazionale. la forma delle superfici equipotenziali sulla Luna si ottiene espandendo il potenziale gravitazionale della terra e il moto orbitale della luna in armoniche sferiche in coordinate lunari. In primo luogo, il potenziale ad un certo punto della causa r_m luna per la gravit della Terra (con l'algebra sostanziale) FORMULA (11.44) dove r_m la distanza dal centro della luna, r_e la forma distanza dal centro della luna al centro della terra, e M_E la massa della terra. lunare teta_m "colatitudine" definita con riguardo al punto "subearth" sulla superficie della luna trova sulla linea tra i centri dei due pianeti. come solo la seconda armonica di interesse, si esprimer il potenziale in coordinate cartesiane FORMULA (11.45) dove x nella direzione della terra, e Z il (Nord) in direzione del polo dell'orbita. il moto orbitale della Luna intorno al centro di massa del sistema Terra-Luna produce accelerazioni.

poich lo stesso lato della luna affaccia sempre la terra, il potenziale dal moto della luna FORMULA (11.46) dove R la distanza misurata dal centro di massa del sistema nel piano orbitale. La posizione del centro di massa in luna centrato coordinate viene ottenuta dalla media ponderata FORMULA (11.47) M_M dove la massa della luna. il vettore R a un punto della luna dal centro di massa lungo il piano orbitale cos FORMULA (11.48) dove y-coordiante perpendicolare a X e Z, e j il versore in quella direzione. il potenziale di movimento pertanto FORMULA (11.49) Applicando la terza legge di Keplero, l'equazione diventa FORMULA (11.50) Il potenziale di marea lunare la somma di U_E e U_omega. la posizione di una superficie equipotenziale non influenzata dalle condizioni costanti nelle due equazioni. i termini lineari in x, corrispondenti alla prima armonica nell'equazione (11,45) e (11,50), quasi annullare perch la x_c distanza approssimativamente uguale alla terra-luna r_e distanza. il restante periodo al r_0m raggio della luna di r_om ordine * GM_m / r_e ^ 2. i termini per x ^ 2, ^ 2 y, z ^ 2 nelle equazioni (11.45) e (11.50) sono legati alla seconda armonica. perch siamo interessati nelle maree che si verificano su un corpo che non necessariamente corotate con la sua orbita, possiamo trattare i termini in x ^ 2 + y ^ 2 nell'equazione (11.50) che sono legati al potenziale gravitazionale della terra. in particolare, i termini dell'equazione (11,50) produrre un ellitticit statico di rotazione, mentre i termini dell'equazione (11,45) producono maree che variano con il tempo se lo stesso punto non sempre di fronte alla terra. (maree sulla luna variano perche 'l'orbita attuale ellittica). per ottenere una superficie equipotenziale, uniamo il potenziale perturbante nell'equazione (11,44) con il potenziale dalla massa della luna. se la luna considerata essere una sfera rigida, il potenziale gravitazione dalla sua massa FORMULA (11.51) la forma della superficie equipotenziale rappresentato in armoniche sferiche, FORMULA (11.52) r_0m dove il raggio medio della luna, l_2 = (2/3) P_02 normalizzata per dare unit di variazione tra il polo e l'equatore, e _m l'ellitticit prolato della superficie equipotenziale prodotta dalla marea. la seconda armonica della variazione del potenziale su questa superficie FORMULA (11.53) dove il primo termine corrisponde alla variazione del potenziale con la distanza dal centro della luna nell'equazione (11,51) e il secondo termine corrisponde alla variazione di

potenziale dalla gravit terrestre. la variazione zero su una superficie equipotenziale. risolvendo per l'ellitticit d FORMULA (11.54) che pu essere espressa in termini di densit lunare FORMULA (11.55) un'approssimazione per il cambiamento della superficie equipotenziale della terra calcolato rinominando masse FORMULA (11.56) dove r_E il raggio planetario della terra. in termini di densit della terra, questa espressione FORMULA (11.57) di questa equazione indica, l'ampiezza delle maree dipende dal cubo della distanza dalla terra e la luna. come dimostrano le equazioni (11.55) e (11.57), le maree sollevate sulla luna dalla terra sono 50 volte pi grande (rispetto al raggio planetario) rispetto a quelli allevati sulla terra dalla luna. nella derivazione di cui sopra, la luna e la terra sono stati assunti ad essere rigido. le parti solide della terra vengono deformati dal potenziale gravitazionale associato a maree. se la terra (o la luna) si comportava come un fluido sulla scala temporale delle maree, siamo in grado di determinare l'effetto di auto-gravitazione del rigonfiamento di marea moltiplicando per l'auto-gravitazione coefficiente ottenuto dall'equazione (10.28). il movimento della superficie terrestre sarebbe quindi pari al moto della equipotenziale assunta dal mare. trascurando gli effetti di inerzia, non marea sarebbe stato osservato sui mareografi marini fissati alla superficie della terra. maree osservate - e quindi la deformazione interna della terra - si verificano tra quelle di un corpo rigido e quelli per un corpo fluido. Storicamente, questa relazione ha permesso la determinazione delle propriet elastiche dell'interno della Terra prima che i dati sismologici sono resi disponibili. Limite di Roche'S Le forze di marea sarebbe sufficiente a distruggere la luna se era molto vicino alla terra. la distanza critica per rottura noto come il limite di Roche - calcolato trovando la separazione dove la superficie della luna fuori di una superficie chiusa equipotenziale. In sintesi, questa situazione che si verifica quando il raggio della luna raggiunge il punto di librazione in cui la gravit della terra, la gravit della luna, e l'accelerazione di un oggetto con la rotazione cancel luna, FORMULA (11.58) dove r_E la distanza dal centro della Terra, r_m la distanza dal centro della luna, e r_c la distanza dal centro di massa. instabilit si verifica quando la r_m distanza uguale al raggio r_0m lunare. Per un corpo piccolo, la distanza dal centro di massa r_c essenzialmente la

distanza dal centro della terra, r_e. la velocit di rotazione orbita approssimativamente dato da ^ 2 = GM_e / r_e ^ 3. Notando che la distanza r_ "= r_e - r_m, il r_R distanza critica per la r_e separazione si ottiene impostando r_m pari al r_0m raggio lunare FORMULA (11,59) In termini di densit, questa relazione espressa come FORMULA (11,60) La seconda espressione indica che il limite di Roche dipende dalla densit della luna, ma non sensibile alle sue dimensioni. Il limite risultante pu essere applicata a planetesimi grandi avvicinano la terra (in rotazione casuale di questi organi ignorato o esplicitamente trattati). l'equazione (11,60) d come limite di Roche 1,7 raggi terrestri, che si applica a un corpo rigido co-ruotanti. approcci pi sofisticati che includono in modo esplicito ellitticit auto-gravit e rotazione dare limite di Roche come tre raggi di terra per un corpo fluido avente la stessa massa come la luna. perch implica che l'instabilit _m dell'ordine di unit, la stima dimensionale nell'equazione (11,59) / (11,60) pu essere ottenuto anche dalle equazioni (11.54) a (11,57). per interrompere un oggetto, la sollecitazione di marea presso limite di Roche deve essere paragonabile alla pressione iniziale centrale in oggetto, che proporzionale al quadrato del suo raggio. pressione centrale della luna in oggetto, che proporzionale al quadrato del suo raggio. Pressione centrale della luna di circa 10GPa supera di gran lunga a breve termine resistenza dei materiali. Di conseguenza, l'ipotesi che lunare oggetti di dimensioni sono fluidi potrebbe essere giustificata. Piccoli oggetti, tuttavia, pu sopravvivere ravvicinato perch hanno la forza finita. Oggetti pi grandi tendono a rompersi in una parte interna che pu entrare in collisione con la Terra e una parte esterna che sfugge. DISSIPAZIONE CORRENTE la dissipazione di energia delle maree fa s che la distanza orbitale della luna ad aumentare e la velocit di rotazione della terra a diminuire. momento angolare rimane costante durante questo processo, FORMULA (11,61) dove I_E il momento della Terra di inerzia, _E il tasso di rotazione della terra, la luna si ipotizza di mantenere la stessa parte verso la terra, e la distanza del centro della terra dal centro di massa viene ignorato. L'energia nel sistema comprende l'energia cinetica della Terra, l'energia cinetica della luna, e l'energia potenziale gravitazionale della luna rispetto alla terra, FORMULA (11,62) Questa espressione semplificata sostituendo come nell'equazione (11,50) FORMULA (11,63)