Sei sulla pagina 1di 3

TM Hi.Capa 4.

3 MF Custom

Intro La serie Hi.Capa lanciata dalla Tokio Marui intorno al 2005, e (stra)copiata dalla quasi totalit di produttori di Asg corte a gas, ripropone le fattezze del progetto 2011, evoluzione della celeberrima Colt 1911, dotata di fusto polimerico per caricatori bifilari ad alta capacit. La versione 4.3, denominata Tactical Custom dalla TM stessa, riproduce nello specifico una serie prodotta dalla americana STI, denominato Tactical, caratterizzato dal dust cover lungo con ricavata una slitta porta accessori tattici. Destinata (nella versione real steel) all'impiego da parte dei reparti speciali di polizia e dei corpi militari USA, la replica ASG ben si presta sia ad un contesto tattico, come backup nei wargame, sia ad un contesto sportivo, potendo ben figurare per rapidit di brandeggio nel Tiro Dinamico Sportivo Airsoft division. Se la replica in oggetto non ha bisogno di particolari presentazioni, voglio proporre agli utenti del forum questa mia personale personalizzazione, basata sostanzialmente sulla sostituzione del carrello e dello spingipallino, con il prezioso sostegno di Alex, che ringrazio ufficialmente per la disponibilit e la tanta pazienza accordatami. Costruzione La 4.3 TM di base una delle repliche pi qualitativamente riuscite del panorama armiero nel softair. La plastica del fusto ben spessa e robusta, sufficientemente elastica ma non molle, ottimamente grippante e rifinita. Tuttavia, come ho gi fatto notare in altri post, la realizzazione nello stesso materiale del carrello evidenzia limiti sulla lunga distanza, considerata la leva hold open in alluminio, che attivandosi a fine caricatore provoca, col tempo, un rigonfiamento e successiva rottura nella parte posteriore della sua sede sul carrello stesso. Come anticipato, mi sono rivolto al buon Alex per sopperire al problema, tanto estetico quanto funzionale, e lui mi ha inviato, a mezzo Babbo Natale, uno splendido carrellino WE in alluminio, di nuova concezione, con il mirino in fusione unica, ma con la tacca sostituibile, notevolmente pi leggero rispetto a quelli pari marca che ho visto fin'ora. L'installazione ha comportato una modifica della gabbietta del blowback, che stata snellita in corrispondenza degli incastri laterali, fino a garantirne un corretto accomodamento nella sede del carrello, senza tuttavia giochi con il medesimo. Le guide metalliche del fusto e la parte inferiore della suddetta gabbietta sono state lucidate con carta vetro fine.

La canna esterna originale in ottimo Abs stata mantenuta. L'hop up regolabile, invariato anch'esso, sebbene denunci una regolazione quantomento approssimativa. L'asta di guida della molla di recupero carrello in metallo a lunghezza piena, ho aggiunto una rondella in acciaio dello spessore di 1,5mm circa per aumentare la compressione della molla stessa e rendere pi rapido il ciclo di fuoco senza penalizzare l'affidabilit. Per quanto riguarda lo spingipallino, quello originale Marui mi ha salutato, tranciandosi nettamente in due, durante i primi colpi di collaudo, costringendomi a cercare uno spingipallino AOS arancione, del tipo rinforzato per sparare anche col CO2, sempre su consiglio di Alex. La testa blowback rimasta l'originale Marui, gi molto efficiente. Il dust cover a lunghezza piena, in esso ricavata, come anticipato, una slitta per l'aggancio di accessori tattici nella parte inferiore dell'asg. Il caricatore originale andato perso durante un wargame (), al suo posto abbiamo quello che costituiva il backup, ossia la versione lunga da 31bb della 5.1. Bifilare, pesante, sposta significativamente il baricentro dell'asg verso l'impugnatura, sebbene il dust cover metallico, il nuovo carrello e l'asta guidamolla piena aiutino a mantenere un certo equilibrio d'insieme. Sicure Il parco sicure ricalca quello classico del progetto 1911, eccezion fatta per la non riproducibile sicura al percussore delle real steel pi recenti. Abbiamo quindi la sicura dorsale, integrata nell'elsa, che se non premuta impedisce l'arretramento del grilletto. Il cane dotato di mezza monta di sicurezza, inutile in ambito sportivo, impareggiabile in quello tatticooperativo. E' infine presente la classica thumb safety, la sicura al pollice che blocca il cane in posizione di armamento e il carrello in chiusura, che consente di portare l'asg nella fatidica condizione uno, ossia con pallino in canna e cane armato. Mire

Il parco mire si compone di mirino che, nell'originale TM, innestato a coda di rondine nel carrello, peraltro in modo abbastanza morbido, per consentire la regolazione del punto d'impatto sul piano orizzontale, mentre la tacca, a imitazione Novak's, fissa, e la sua vite superiore il secondo punto di vincolo della gabbietta blowback, in compartecipazione con il grano esagonale che protrude dalla faccia posteriore del carrello, in corripondenza con la sede del percussore delle real steel. Nel mio esemplare ho ritenuto opportuno migliorare l'acquisizione delle mire colorando l'intero contorno della finestra della tacca in tinta arancio acceso, a contrasto con un dot dorato sul mirino. Scatto Lo scatto il classico in singola azione, ossia il grilletto si limita a far sganciare il cane sul percussore, mentre l'armamento dello stesso demandato allo scarrellamento o al pollice del tiratore. Non possibile regolare il collasso di retroscatto, che comunque ottimamente tarato gi per quote di costruzione ottimali. Mentre ero intento nella ricerca dello spingipallino ho approfittato per smontare l'intero pacchetto di scatto, rimuovere il vecchio lubrificante e dare una modesta passata di grasso bianco al litio, in quantit sufficiente. Un piccolo grattamento che appesantiva in origine lo scatto cos svanito, possibile sentire nettamente l'ingaggio della leva di sparo, nel secondo tempo di trazione sul grilletto, con benefici in termini di precisione e, secondo l'ambito, di sicurezza. Conclusioni La sostituzione del carrello non ha comportato alcun deficit prestazionale rispetto alla configurazione originale, anzi ha aumentato il realismo generale e la solidit dell'insieme. A tutt'oggi si conferma la migliore scelta tanto in ambito tattico-operativo, quanto in quello sportivo, per rapidit di ripetizione del colpo, precisione, affidabilit, e per l'elevata capacit del caricatore. Considerato quanto recentemente stabilito dal D.lgs. 204/2010, entrato in vigore lo scorso luglio, il carrellino in abs non verr buttato, ma verniciato nei primi 3cm anteriori, e montato durante in trasporto della replica senza comunque il sistema blowback, solo con canna e asta guidamolla, svolgendo il nobile compito di tutelare la mia fedina penale dalle grinfie di qualche funzionario troppo pignolo e solerte...