Sei sulla pagina 1di 4

RELAZIONE DI VALUTAZIONE INTERMEDIA

Relazione di valutazione intermedia Il Progetto 3T: Tessere Tanti Testi con CIPI sta coinvolgendo n. 10 classi del Circolo, appartenenti alle Scuole di San Bortolo, Tezze, Costo e Montorso. Il Progetto si rivolge allAREA DEI LINGUAGGI, ponendosi tra gli obiettivi formativi lo sviluppo di forme comunicazionali multiple, mediante lapporto dei saperi formali, informali e non formali. pensato come un percorso di apprendimento learning centered, in cui i tanti testi, tessuti insieme in forma significativa, rappresentano il cavallo di battaglia per lo sviluppo di molteplici linguaggi e codici per lespressione consapevole, la co-costruzione riflessiva e la rappresentazione autentica di conoscenze e di significati. Allinterno del gruppo di Ricerca-Azione ci si posti (e ci si sta ponendo) il problema di tradurre in pratica tale percorso mediante la sperimentazione di una didattica-attiva per UdA (Unit di Apprendimento) imperniate, in unottica europea, su competenze chiave, coerenti con quanto previsto dalla certificazione di Istituto e in continuit con quanto in via di elaborazione da parte di molte scuole superiori del Veneto e del Vicentino in particolare, nellambito della RVC (Rete Veneta Competenze, progetto 1758). Il focus del percorso formativo sta nel cercare di promuovere in primis le competenze contemplate nel documento di certificazione di Istituto (comunicare, collaborare e partecipare, risolvere problemi), parallelamente alla competenza di CITTADINANZA, secondo le Indicazioni Fioroni (DM 139/2007). Lidea di incoraggiare una cittadinanza a 360, caratterizzante il cittadino competente nellattuale fluida societ (knowledge society): il bambino di oggi dovrebbe diventare un cittadino capace di agire, re-agire e co-agire pensando, in una societ in cui lunica certezza lincertezza. Nellambito del Progetto 3T: Tessere Tanti Testi con Cip si sta perci sperimentando una didattica costruttivista, learning centered, attenta alla centralit dellallievo, che diventa soggetto attivo del proprio percorso di apprendimento. In questo contesto le tecnologie, da quelle dellinformazione e comunicazione (legate al web 1.0) a quelle emergenti, le tecnologie digitali e sociali (web 2.0), possono diventare per gli studenti: partner intellettuali che aiutano a pensare, sottolineando come gli studenti apprendano con le tecnologie e non dalle tecnologie; strumenti/artefatti che valorizzano, accanto al sapere formale, quello informale e non formale; strumenti che offrono scaffolding cognitivo e affettivo.

Ecco allora emergere lidea di cittadinanza intesa anche come cittadinanza digitale volta a ridurre il digital divide, importante causa del knowledge divide.

La storia di Cip, tratta dal libro di Mario Lodi, scelta questanno come filo conduttore del Progetto, nonch come mezzo facilitatore di comunicazione e di ricerca di significato, consente di promuovere quei valori formativi che costituiscono il fondamento della competenza finora esplicitata e racchiusi nellacronimo CIPI: C: Crescere insieme a scuola e in famiglia I: Imparare cooperando P: Partecipare comunicando attivamente I: Integrarsi responsabilmente nella societ
Lo sfondo integratore del Progetto rappresentato dalla Convenzione dei diritti del fanciullo, da cui si stanno estrapolando alcuni articoli significativi, che consentono al bambino di riflettere sul cosa, come e perch del suo percorso di apprendimento e di crescita individuale e sociale. Lo slogan Voliamo con Cip verso il futuro... facendo tesoro del nostro passato e del nostro presente, riassume il contenuto delle UdA che si stanno realizzando attraverso modalit interdisciplinari nelle classi coinvolte nel Progetto: Nasce Cip e nasco io, legata ai capitoli del libro Nascita di Cip e Il mondo. Classi seconde delle Scuole Primarie di San Bortolo e di Tezze. Io, tu, noi e il mondo, legata ai capitoli del libro Alla scoperta del mondo, Margher, Nel cespuglio. Classi seconde della Scuola Primaria di San Bortolo. Scopriamo con Cip i segreti del Nastro dArgento, legata alle lettura dei capitoli del libro Nascita di Cip, Il mondo, Il buco fondo e nero, Prigioniero, Alla scoperta del mondo. Classe terza della Scuola Primaria di Tezze. SCopriamo Insieme limPortanza della rIsorsa acqua, legata ai capitoli del libro Il mondo, Alla scoperta del mondo, Nel cespuglio. Classe quinta della Scuola Primaria di Costo. I prodotti che si stanno co-costruendo con gli alunni sono condivisi socialmente negli ambienti di apprendimento del Progetto. In particolare: Il Learning Seed Nasce Cip e nasco io, nel wiki 3T (http://progetto3t-tessere-tantitesti.wikispaces.com/Nasce+Cip%C3%AC+e+nasco+io). La narrazione e documentazione del percorso formativo negli articoli, commenti e pagine del blog 3T (http://progetto3t.wordpress.com). Le narrazioni a puntate nel podcast 3T

(http://progetto3t.podomatic.com/). La valutazione degli apprendimenti, in linea con le scelte pedagogiche e metodologico-didattiche del Progetto, ha come focus la competenza intesa come sapere agito individuale e collettivo. Lattenzione, pertanto, rivolta a tutte le dimensioni del soggetto che apprende in un fare attivo, costruttivo, autentico, consapevole, intenzionale. I risultati finora ottenuti sono incoraggianti e lasciano intravedere un significativo sviluppo non solo delle conoscenze e abilit, ma anche delle capacit legate alla sfera affettivo-emozionale e relazionale-sociale degli alunni.

Arzignano, l 27 febbraio 2012 Lins. Referente di progetto Barbara Bevilacqua