Sei sulla pagina 1di 10

Associazione

Amiche
dell’Italia

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE “AMICHE DELL'ITALIA”

Ai sensi della legge II, cap. 12, comma 1 dell'anno 1989 sul diritto d'associazione e secondo i
requisiti richiesti dalla legge CLVI del 1997 sugli organi di pubblica utilità, si istituisce
l'Associazione Amiche dell'Italia.
L'assemblea generale di fondazione dell'Associazione Amiche dell'Italia approva, in data 15
ottobre 2008, il seguente statuto.
I.
L'ASSOCIAZIONE
Preambolo
Le fondatrici dell'Associazione Amiche dell'Italia sono donne residenti in Ungheria,
principalmente ma non esclusivamente di cittadinanza italiana, cioè donne legate all'Italia o
interessate alla lingua e alla cultura italiana, cioè all'Italia, che hanno fondato l'Associazione
appositamente in considerazione di questo legame e di questo interesse. Le fondatrici
dell'Associazione si sono unite in Ungheria sulla base di questo interesse, la conoscenza
reciproca è diventata più intensa nel segno di questo legame che ha portato alla nascita dell'idea
dell'Associazione. La denominazione italiana dell'Associazione esprime la mentalità della stessa
associazione, la sua composizione, l'orientamento linguistico e la vocazione internazionale.
Le fondatrici desiderano, nel rispetto e con il supporto di tale finalita', realizzare gli scopi
dell'Associazione e illustrare come le proprie attività siano collegate all'Italia. Il nome
dell'Associazione esprime la volonta di rafforzare la natura internazionale del legame con l'Italia.
1. Nome dell'Associazione: Amiche dell'Italia Egyesület
Sede dell'Associazione: 1052 Budapest, Haris köz, 6. III. em. 2.
2. Ordinamento giuridico dell'Associazione: L'Associazione è un organo giuridico
indipendente, rappresentato dal presidente e dal segretario generale.
3. Scopo dell'Associazione
Scopi dell'Associazione sono quelli di promuovere incontri tra cittadine italiane residenti in
Ungheria e favorire una migliore conoscenza reciproca, nonché una più approfondita conoscenza
del Paese ospitante. Per realizzare tali scopi, l'Associazione favorisce la partecipazione di
cittadine straniere purché con una buona conoscenza della lingua italiana. Scopo costituisce
altresì l'attività caritatevole e l'aiuto a bambini bisognosi, a malati e a istituti. L'Associazione
organizza raccolte di fondi e manifestazioni per il raggiungimento di tali scopi, utilizzando tali
entrate per scopi caritatevoli.
L'Associazione garantisce che dai suoi servizi caritativi possano partecipare anche persone
oltre ai propri membri. L'Associazione può indire dei concorsi per sovvenzioni per qualsiasi
scopo. Il concorso non può essere organizzato con modalità dalle quali – con tutte le
considerazioni del caso – si possa riscontrare che il vincitore del concorso sia stato
predeterminato (concorso simulato).
Un concorso simulato non può servire come base per l'attribuzione di sovvenzioni.
L'Associazione può, nell'interesse del raggiungimento dei suoi scopi e della garanzia delle sue
condizioni economiche, esercitare attività economico-imprenditoriali, sebbene queste non siano
l'attività principale dell'Associazione.
L'Associazione può esercitare attività economiche solo nell'interesse del raggiungimento dei
suoi scopi di pubblica utilità, non causando loro danno.
Non può suddividere i proventi ottenuti nel corso della gestione economica, bensì deve utilizzarli
per le attività previste dagli obiettivi dell'associazione. Qualora l'Associazione volesse compiere
degli investimenti, l'assemblea generale è tenuta a redigere ed approvare un apposito
regolamento in proposito.

Associazione Amiche dell ‘ Italia


H - 1052 Budapest ,Haris köz 6 ,3 em . ,2
e - mail : amichedellitalia @ gmail .com
Associazione
Amiche
dell’Italia
L'Associazione può indire dei concorsi per sovvenzioni per qualsiasi scopo. Il concorso non può
essere organizzato con modalità dalle quali – con tutte le considerazioni del caso – si possa
riscontrare che il vincitore del concorso sia stato predeterminato (concorso simulato).
Un concorso simulato non può servire come base per l'attribuzione di sovvenzioni.
L'associazione può offrire borse di studio e sussidi una tantum; nell'interesse della realizzazione
ottimale degli scopi dell'Associazione, può assumere personale a tempo pieno o part-time.
L'Associazione non esercita attività politiche o religiose, è indipendente dai partiti, non offre loro
sostegno materiale né riceve sussidi da questi, inoltre non propone e non sostiene candidati al
Parlamento o agli organi locali e comunali.
Categoria di classificazione dell'Associazione: Organo di pubblica utilità.
Ai sensi della legge CLVI del 1997, par. 26 comma C, l'attività di pubblica utilità esercitabile
dall'Associazione è:

1. tutela della salute, prevenzione delle malattie, attività di cura e riabilitazione sanitaria
2. attività sociali, aiuti alle famiglie, assistenza agli anziani
4. educazione, istruzione, sviluppo delle capacità, attività divulgative
5. attività culturali
11. sostegno sociale a gruppi in situazioni disagevoli a parità di probabilità.

II.
SOCI
4. Possono richiedere l'ammissione all'Associazione le persone fisiche e le persone giuridiche
che approvano gli obiettivi dell'Associazione.

I soci possono essere:


a) socio ordinario
b) socio onorario
c) socio sostenitore

5. Possono scegliere lo status di socio ordinario dell'Associazione le persone fisiche e giuridiche


che, al momento dell'iscrizione, approvano lo statuto dell'Associazione, si assumono gli obblighi
derivanti dalla condizione di socio e pagano la quota d'associazione di 2000 Ft, cioè duemila
fiorini, che comprende la quota associativa relativa all'anno in questione.
Le fondatrici stabiliscono di pagare, al momento della fondazione, 10.000 Ft come quota
d'associazione, che comprende anche la quota associativa relativa all'anno di fondazione.
Il candidato può richiedere l'ammissione tramite la presentazione di una dichiarazione di
associazione compilata e firmata. Alla dichiarazione, nel caso sia una persona giuridica a
richiedere l'ammissione, dovrà essere allegata una certificazione.
La dichiarazione di associazione deve essere presentata alla Segreteria dell'Associazione. Su
suggerimento del presidente, il segretario generale trasmette la richiesta all'Assemblea, la quale
decide l'ammissione a maggioranza semplice.
I membri dell'associazione godono degli stessi diritti, che esercitano nel corso delle loro attività.
Diritti dei Soci ordinari dell'associazione:
a) possono prendere parte all'Assemblea generale dell'Associazione
b) possono esercitare il diritto di voto consultivo, di proposta e di voto
c) possono proporre e scegliere i candidati alle varie cariche
d) possono far parte di diritto alle manifestazioni dell'Associazione
e) possono utilizzare le agevolazioni offerte dall'Associazione
f) possono raccogliere referenze dai direttori degli organi collegiali e dai funzionari.

Associazione Amiche dell ‘ Italia


H - 1052 Budapest ,Haris köz 6 ,3 em . ,2
e - mail : amichedellitalia @ gmail .com
Associazione
Amiche
dell’Italia
Obblighi dei soci ordinari dell'Associazione:
a) devono rispettare le norme dello Statuto e degli altri regolamenti dell'Associazione così
come le delibere degli organi dell'Associazione;
b) devono portare a termine gli incarichi assunti volontariamente in relazione alle attività
dell'associazione e favorire, come si richiede loro, il raggiungimento degli scopi
dell'Associazione;
c) devono pagare senza ritardi la quota associativa annuale di 2000 Ft;
d) in primo grado è la presidenza a decidere l'accettazione dei nuovi soci ordinari;
L'assemblea generale può intervenire in secondo grado nell'ammissione dei soci.
6. Può diventare socio onorario dell'Associazione - su richiesta della Presidenza – colui che
sostiene e aiuta, sul territorio ungherese, gli obiettivi dell'Associazione con attività significative
esercitate nell'interesse dell'Associazione.
I soci onorari vengono invitati alle manifestazioni dell'Associazione. Il socio onorario non può
richiedere la carica, non ha diritto di voto, gli altri suoi diritti e i suoi doveri sono identici a quelli
dei soci ordinari.
In primo grado è la presidenza a decidere l'accettazione dei soci onorari.
L'assemblea generale può intervenire in secondo grado nell'ammissione dei soci onorari.
Possono essere proposti per il ruolo di socio onorario coloro che hanno esercitato per diverso
tempo, nell'ambito dell'Associazione, attività significative (presidente onorario, vicepresidente
onorario).
7. Può diventare socio sostenitore dell'Associazione la persona giuridica, l'organismo sociale
o amministrativo (PTK 685)che dimostra un interesse concreto per il sostegno regolare e
continuativo alle attività dell'Associazione.
I diritti di socio sostenitore delle persone giuridiche sono esercitati dal rappresentante. Il
rappresentante può prendere parte alle sedute collegiali dell'Assemblea, non ha diritto di voto,
non può essere proposto per la carica di socio onorario, gli altri suoi diritti e i suoi doveri sono
identici a quelli dei soci ordinari.
In primo grado è la presidenza a decidere l'accettazione dei soci sostenitori.
L'assemblea generale può intervenire in secondo grado nell'ammissione dei soci.
8. Lo status di socio perde la sua validità:
a) con l'uscita del socio dall'Associazione, che deve essere comunicata alla Presidenza in forma
scritta;
b) a causa dell'omissione di un anno del pagamento della quota annuale (dopo l'invito al
pagamento, dopo la scadenza dei 90 giorni concessi), lo status di socio viene annullato per
decisione del Presidente;
c) a causa della morte della persona fisica o della liquidazione senza successore legale della
persona giuridica;
d) con l'estinzione dell'Associazione.
III.
STRUTTURA E CARICHE DELL'ASSOCIAZIONE
9. Gli organi dell'Associazione
Gli organi collegiali dell'associazione:
a) Assemblea generale
b) Presidenza
c) Commissione di controllo

Associazione Amiche dell ‘ Italia


H - 1052 Budapest ,Haris köz 6 ,3 em . ,2
e - mail : amichedellitalia @ gmail .com
Associazione
Amiche
dell’Italia
Le cariche dell'associazione:
a) Presidente , Vice Presidente
b) Segretario generale , Vice Segretario
c) Tesoriere
d) Membri della commissione di controllo
f) Membri della Presidenza

10. L'Assemblea Generale


L'Assemblea generale è il complesso dei soci;e' l'organo principale dell'Associazione. Prendono
parte all'Assemblea generale i rappresentanti delle persone giuridiche.
L'Assemblea può essere ordinaria e straordinaria. L'Assemblea generale ordinaria ha luogo una
volta l'anno. L'Assemblea straordinaria deve venire richiesta con una domanda firmata da
almeno un terzo dei soci, nella quale siano precisati i motivi e gli obiettivi della riunione. Inoltre è
necessario convocare l'Assemblea se lo richiede l'autorità giudiziaria della Capitale.
Il segretario generale convoca l'Assemblea in forma scritta. La convocazione è regolare se i soci
vengono informati in forma scritta e ricevono una copia dell'ordine del giorno con almeno otto
giorni di anticipo sul giorno prefissato per la seduta. Le sedute dell'Assemblea generale sono
pubbliche.
L'Assemblea generale ha il numero legale se è presente il 50% + 1 degli aventi diritto al voto.
Se il numero legale dell'Assemblea regolarmente convocata viene a mancare per numero dei
presenti minore di quello richiesto, una nuova assemblea deve venire convocata entro un
mese con lo stesso ordine del giorno. Questa seconda assemblea ha il numero legale
indifferentemente dal numero dei soci presenti.
L'Assemblea generale senza numero legale, nel caso delle condizioni fin qui indicate, può
raggiungere il numero legale solo se i soci convocati sono stati preventivamente informati.
L'Assemblea generale è presieduta dal Presidente o, in caso di impedimento, dal segretario
generale.
Le proposte che possono essere dibattute in Assemblea devono pervenire al Segretario Generale
dell'Associazione almeno con un giorno di anticipo sulla data dell'Assemblea.
I componenti dell'Assemblea possono, con maggioranza semplice, decidere di aggiungere altre
proposte all'ordine del giorno.
Il verbale dell'Assemblea deve essere redatto e autenticato dal Presidente dell'Assemblea e da
due membri dell'Assemblea scelti dal Presidente.
Le decisioni dell'Assemblea vengono generalmente prese con votazione aperta e maggioranza
semplice. In caso di parità di voti sarà decisivo il voto del Presidente dell'Assemblea.
Si ricorre al voto segreto su proposta del Presidente o su richiesta di un terzo dei membri. Nel caso
di interrogazioni personali il voto è sempre segreto.
Non può prendere parte alle decisioni dell'Assemblea Generale colui o i cui parenti stretti o
compagno/a (d'ora in poi parentela) che, grazie a queste decisioni:
- siano esentati da obblighi o responsabilità oppure
- beneficino di qualsiasi altro vantaggio o siano coinvolti in affari legali correlati.
Non è ritenuto un beneficio, nel quadro dei sussidi erogati dall'Associazione, la prestazione non
monetaria utilizzata da qualsiasi persona senza stipula di contratto nonché i sussidi erogati
dall'Associazione sulla base della relazione di un socio secondo quanto contenuto nello Statuto.
Non può ricoprire una carica di dirigente, per i due anni successivi alla liquidazione di un organo
di pubblica utilità, chi ha ricoperto una carica di dirigente in tale organo di pubblica utilità che non
abbia compensato per 2 anni il suo debito pubblico come previsto dalla legge sull'ordinamento
tributario.

Associazione Amiche dell ‘ Italia


H - 1052 Budapest ,Haris köz 6 ,3 em . ,2
e - mail : amichedellitalia @ gmail .com
Associazione
Amiche
dell’Italia
Il dirigente o la persona candidata alla carica deve informare anticipatamente l'organo interessato
del fatto che ricopre contemporaneamente una simile carica in altro organo di pubblica utilità.
Dopo le sedute dell'Assemblea e della Presidenza deve sempre essere redatto il verbale e
compilato il registro dai quali si possa verificare il contenuto, la data e la validità delle decisioni,
nonché la proporzione dei favorevoli e dei contrari (se possibile personalmente).
Il verbale ed il registro, così come i documenti che fungono da registro delle delibere, devono
essere conservati fra i documenti dell'Associazione, allegati e numerati progressivamente.
Il segretario dell'Associazione ne cura la manutenzione continua.
Le decisioni dell'Assemblea Generale e della Presidenza devono essere comunicate agli
interessati in forma scritta – in modo attestabile – entro due settimane dalla data della
decisione.
Tutti possono prendere visione dei documenti relativi all'attività dell'Associazione presso la
sede dell'Associazione – con un appuntamento fissato precedentemente con un rappresentante
dell'Associazione nonché farne delle copie a proprie spese.
Attraverso affissioni all'Istituto di Cultura (Bp, Bródy S. u. 8.) oppure tramite pubblicazioni
varie,l'Associazione rende pubbliche: la modalità di richiesta dei propri servizi, la possibilità di
sostegno, la modalità di funzionamento, la loro misura e le condizioni generali nonché il
rendiconto tecnico-economico derivato dalle attività.
Le sovvenzioni offerte dall'Associazione possono essere rese note a tutti.
Sfera d'attività dell'Assemblea Generale:
a) elegge gli organi dirigenti dell'Associazione: la Presidente e i suoi rappresentanti, il
Presidente, il Presidente Onorario, il Segretario Generale, il Tesoriere, i membri della
Presidenza, il Comitato di Controllo e i suoi membri.
b) Ha potere decisionale nella sfera di questioni fondamentali riguardanti l'Associazione e
presentate dal Presidente
c) Approva o modifica lo Statuto e gli altri ordinamenti dell'Associazione
d) Sulla base delle proposte del Presidente e del Segretario Generale, decide l'ammissione
dei soci
e) Indica la scadenza annuale della quota dell'Associazione
f) Valuta i ricorsi presentati contro le decisioni del Presidente riguardo all'esclusione di un
socio
g) Discute le proposte avanzate dai soci
h) Sulla base delle proposte del Presidente delibera a proposito della scelta dei candidati a
socio onorario
i) Approva il rendiconto annuale degli organi. L'Associazione deve redigere una relazione
riguardo alla pubblica utilità contemporaneamente all'approvazione del rendiconto
annuale. L'approvazione di tale relazione rientra nelle competenze esclusive
dell'Assemblea Generale. L'approvazione del rendiconto annuale della Associazione
deve avvenire contemporaneamente all'approvazione della relazione riguardo alla
pubblica utilità entro il 150° giorno dell'avvio successivo all'anno in oggetto, sulla base
della decisione unanime dell'assemblea
j) Determinazione del budget annuale
k) Unione con altri organismi sociali, proclamazione dello scioglimento
l) Revoca della carica di socio onorario, accettazione delle dimissioni dei soci onorari.

11) La Presidenza
La Presidenza, formata da 3 membri, si occupa dei compiti relativi alla dirigenza operativa
dell'Associazione. Ne sono membri il Presidente e ulteriori 2 membri eletti dall'Assemblea a
maggioranza semplice e voto segreto.

Associazione Amiche dell ‘ Italia


H - 1052 Budapest ,Haris köz 6 ,3 em . ,2
e - mail : amichedellitalia @ gmail .com
Associazione
Amiche
dell’Italia
La durata della loro carica è 3 anni. Occasionalmente possono essere invitati alle sedute della
presidenza anche membri esterni, in relazione alle loro competenze. Non può prendere parte alle
decisioni della Presidenza colui che, o i cui parenti stretti (codice civile 685 comma b) o il
compagno/a (d'ora in poi parentela) grazie a queste decisioni:
siano esentati da obblighi o responsabilità, oppure
- beneficino di un qualsiasi altro vantaggio o siano coinvolti in affari legali correlati.
Non è ritenuto un beneficio, nel quadro dei sussidi erogati dell'Associazione, la prestazione non
monetaria utilizzata da qualsiasi persona senza stipula di contratto, nonché i sussidi erogati
dall'Associazione ai membri, sulla base della relazione di un socio secondo quanto contenuto
nello Statuto.
Non può ricoprire una carica di dirigente, per i due anni successivi alla liquidazione di un organo
di pubblica utilità, chi ha ricoperto una carica di dirigente in tale organo di pubblica utilità che non
abbia compensato per 2 anni il suo debito pubblico come previsto dalla legge sull'ordinamento
tributario.
Il Dirigente o la persona candidata alla carica, deve informare anticipatamente l'organo
interessato del fatto che ricopre contemporaneamente una simile carica in un altro organo di
pubblica utilità.
La presidenza convoca le sedute a seconda delle necessità, ma almeno con cadenza semestrale. Il
presidente convoca la riunione in forma scritta. La convocazione è considerata valida se i membri
hanno ricevuto l'invito in forma scritta e l'ordine del giorno almeno otto giorni prima della data
della riunione. La riunione di presidenza ha numero legale se è presente più della metà dei
membri aventi diritto di voto. Le decisioni vengono prese con votazione aperta e a maggioranza
semplice. In caso di parità di voti è decisivo il voto del Presidente. Le sedute della presidenza
sono pubbliche. In caso di mancanza del numero legale si dovrà convocare a più riprese la
riunione entro 15 giorni. Nelle riunioni riconvocate per mancanza iniziale di numero legale, il
numero legale si ha indipendentemente dal numero dei presenti.
La Presidenza decide su tutte le questioni che lo Statuto non abbia affidato alle competenze
esclusive dell'Assemblea Generale.

Incarichi della Presidenza:


- si occupa degli incarichi connessi alla dirigenza operativa dell'Associazione
- stende il rapporto, ad uso dell'Assemblea, che contiene le questioni fondamentali
connesse con l'Associazione
- decide in primo grado riguardo all'ammissione dei soci
- accoglie le richieste scritte dei soci in caso di dimissione volontaria di questi
- prende le decisioni per quanto riguarda la relazione dei soci
- elabora le proposte per l'assegnazione della carica di socio onorario.
La Presidenza riferisce all'Assemblea Generale a proposito delle attività esercitate nel
periodo fra le due sedute dell'Assemblea e l'Assemblea approva i vari provvedimenti.
La Presidenza informa i soci delle proprie decisioni fra le due sedute.
La Presidenza decide in primo grado l'esclusione dei soci; l'Assemblea Generale decide in
secondo grado. Motivi dell'esclusione:
- il socio, con le proprie azioni e il proprio comportamento, reca danno al raggiungimento
degli scopi dell'associazione;
in caso di mancato pagamento della quota annuale dopo i 90 giorni concessi.

Associazione Amiche dell ‘ Italia


H - 1052 Budapest ,Haris köz 6 ,3 em . ,2
e - mail : amichedellitalia @ gmail .com
Associazione
Amiche
dell’Italia
I membri della Presidenza sono:

1., Presidente dell'Associazione:

Cognome e nome: Guadalupi Marinella


Nome e cognome della madre da nubile: Maria Cristina Martina
Abitazione: 21047 Saronno (VA), Via Bergamo 32. –Italia
Luogo e data di nascita: Brindisi (BR), Italia, 1948.08.19.

2., Vice Presidente dell'Associazione:

Cognome e nome: Musso Teresita


Cognome e nome della madre da nubile: Gallo Romilla
Abitazione: 1126 Budapest, Fodor u. 12/A.
Luogo e data di nascita: Sarzana (SP), Italia, 1951.03.10.

3., Membro della Presidenza :

Cognome e nome: Gaetani Maria Carmela


Nome e cognome della madre da nubile: Maria Gueli Alletti
Abitazione: Frosinone (FR), Via Baden Powell 14. - Italia
Luogo e data di nascita: Terracina (LT), Italia, 1966.10.19.

12. Le cariche dell'Associazione


Cariche dell'associazione: membri della Presidenza, presidente, presidente onorario, segretario
generale, tesoriere, membri della commissione di controllo. Le cariche dell'Associazione sono
elette dall'Assemblea.
L'incarico di Presidente ha durata di 3 anni dal giorno dell'elezione. Dopo la fine del mandato il
Presidente può essere rieletto una volta. L'incarico di segretario e di tesoriere dura fino alla
revoca o alla rinuncia.
Incarichi del Presidente:
presiede le sedute dell'Assemblea Generale e della Presidenza
a) organizza conferenze ed altre manifestazioni
b) invita alla firma del verbale dell'Assemblea
c) indica l'orientamento dei lavori dell'Associazione
e) esercita il diritto di assegnazione dei sussidi, assieme al Segretario generale o ai membri
della Presidenza
f) rappresenta l'Associazione

INCARICHI DEL SEGRETARIO GENERALE


a) rappresenta l'Associazione
b) funge da consigliere del Presidente
c) in caso di impedimento del Presidente,presiede le sedute dell'Assemblea e/o della
Presidenza
d) in caso di assenza del Presidente, presiede le sedute della Presidenza
e) informa i soci delle attività dell'Associazione
f) prepara le sedute degli organi dirigenti, si assicura del loro funzionamento, provvede alla
esecuzione delle decisioni e cura la loro regolare registrazione.

Associazione Amiche dell ‘ Italia


H - 1052 Budapest ,Haris köz 6 ,3 em . ,2
e - mail : amichedellitalia @ gmail .com
Associazione
Amiche
dell’Italia
Il Segretario Generale dell'Associazione:
Cognome e nome: Poptean Ines
Cognome e nome della madre da nubile: Hanachiuc Gabriela
Abitazione: 1174 Budapest, Ady E. u. 69.
Luogo e data di nascita: Fagaras (Rom), 1968.05.26.

Il Vice Segretario dell'Associazione:


Cognome e nome: Váry Erzsébet
Cognome e nome della madre da nubile: Todorán Mária
Abitazione: 1028 Budapest, Rodostó u. 24.
Luogo e data di nascita: Nyírbátor, 1964.10.21.

IV
COMMISSIONE DI CONTROLLO
La commissione di controllo è l'organo di vigilanza dell'Associazione ed è formato da 3
persone. I membri della commissione di controllo sono revocabili per giusta causa. La
commissione di controllo stabilisce un proprio ordinamento.

Non può essere membro,Presidente, revisore della commissione colui che:


a) è Presidente o membro della presidenza
b) si trova, al di fuori del proprio incarico, in una relazione di lavoro con un
organismo di pubblica utilità, che si orienta verso lo sviluppo di altre attività o
in altre relazioni legali orientate a decisioni lavorative,se la legge non dispone
in altro modo
c) beneficia di sussidi erogati dall'organismo di pubblica utilità,escluso la
prestazione non monetaria utilizzata da qualsiasi persona senza stipula
di contratto
d) è parente stretto di persone ai punti a /c
e) è escluso ai sensi della legge 9 pr 1sugli organismi di pubblica utilita’
I membri della commissione si controllo non possono beneficiare di un onorario o di
rimborsi.
I membri della Commissione assumono l'incarico in conformità delle dichiarazioni
contenute nello Statuto.
La commissione di controllo si riunisce secondo le necessità, ma almeno una volta l'anno;
il loro operato deve adattarsi al regolamento della Presidenza.
I membri della commissione di controllo godono degli stessi diritti e degli stessi doveri, in
particolare:
sono autorizzati a controllare il funzionamento e la gestione dell'Associazione, a chiedere
rapporti, informazioni e chiarimenti all'assemblea e agli impiegati nell'Associazione, possono
controllare ed esaminare i registri e i documenti dell'Associazione
possono prendere parte alle sedute dell'assemblea generale con voto consultivo, sono tenuti ad
informare l'assemblea in caso di infrazione delle leggi o di gravi negligenze e a prendere
l'iniziativa per convocare l'assemblea.
Le sedute della commissione di controllo sono pubbliche. Viene redatto un verbale a numero
progressivo, così come le delibere. Il verbale deve contenere luogo e data della seduta,
membri presenti, nomi dei convocati, nome del verbalizzatore, ordine del giorno, interventi,
delibere e loro validità. Il verbale deve essere redatto in modo che sia verificabile la
percentuale di favorevoli e contrari alle decisioni.

Associazione Amiche dell ‘ Italia


H - 1052 Budapest ,Haris köz 6 ,3 em . ,2
e - mail : amichedellitalia @ gmail .com
Associazione
Amiche
dell’Italia
Ogni membro della commissione ha il diritto di includere nel verbale,vicino
all'indicazione del proprio nome, la votazione data ad una proposta. Il verbale deve essere
firmato dai membri della commissione che hanno preso parte alla riunione.
Sulla base della legge CLVI del 1997, pr 11:
a) l'organo ispettore controlla il funzionamento e la gestione dell'organismo di pubblica
utilità..Può richiedere rapporti dai dirigenti, informazioni o chiarimenti agli impiegati,
può visionare ed esaminare i registri e i documenti dell'organismo
b) i membri dell' organo ispettore possono prendere parte, o prendono parte se la legge o
gli atti lo prevedono, alle sedute degli organi dirigenti con diritto di voto consultivo.
c) l'organo ispettore è tenuto a informare l'organo dirigente preposto all'applicazione
delle delibere e a prendere l'iniziativa della convocazione,nel caso in cui venga a
conoscenza di:
- infrazioni della legge o gravi negligenze occorse nel funzionamento dell'organismo, la cui
soppressione,la prevenzione delle conseguenze o la diminuzione rendano necessaria una
decisione da parte dell'organo preposto;
- emergere di fatti che richiedono la responsabilità della dirigenza.
d) Se nell'interesse del ristabilimento del funzionamento legale, l'organo preposto non
mette in atto le necessarie disposizioni, l'organo ispettore è tenuto ad avvisare
immediatamente l'organo legale competente.
Presidente della Comissione di Controllo dell'Associazione:
Cognome e nome : Bakóné Radványi Katalin
Cognome e nome della madre da nubile: Urai Gizella
Abitazione: 1068 Budapest, Benczúr u. 11. II. em. 1.a
Luogo e data di nascita: Budapest, 1946.06.12.
I membri della Comissione del Controllo sono:

Cognome e nome: Ligabue Anita Marianna


Cognome e nome della madre da nubile: Lovas Irén
Abitazione: Budaörs, budai kerület, Tavasz u. 32.
Luogo e data di nascita: Budapest, 1969.09.08.

Cognome e nome: Mészáros Éva


Cognome e nome della madre da nubile: Zsemberi Ilona
Abitazione: 1054 Budapest, Alkotmány u. 23. III. em. 9.a
Luogo e data di nascita: Jászberény, 1964.02.06.

V
GESTIONE ECONOMICA
DELL'ASSOCIAZIONE

13.Strumenti finanziari dell'associazione

Entrate dell'associazione:
a) quote sociali
b) entrate derivanti dalle manifestazioni dell'Associazione
I soci ordinari dell'associazione pagano annualmente, a partire dall'anno di iscrizione, la
somma di HUF 2000.La somma della quota societaria viene stabilita dall'assemblea generale.

Associazione Amiche dell ‘ Italia


H - 1052 Budapest ,Haris köz 6 ,3 em . ,2
e - mail : amichedellitalia @ gmail .com
Associazione
Amiche
dell’Italia
14.Utilizzo della disponibilità finanziaria dell'Associazione.
L'Associazione redige annualmente un bilancio riguardo all'utilizzo della propria disponibilità
finanziaria.
Il Presidente rende pubblico il bilancio per l'anno seguente e il rendiconto dell'anno
precedente e lo sottopone all'approvazione dell'assemblea.
I pagamenti possono venire effettuati sulla base di una sottoscrizione del Presidente assieme a
uno di membri della presidenza.
L'Associazione risponde dei debiti con il proprio patrimonio. I membri –oltre al pagamento
della quota – non rispondono dei debiti della società con il loro patrimonio.
In caso di liquidazione della Associazione, l'assemblea dispone la destinazione del
patrimonio. L'Associazione viene liquidata quando l'assemblea esprime con maggioranza di
2/3 lo scioglimento o la fusione con altri organismi sociali. L'Associazione viene liquidata
anche quando l'autorità giudiziaria la scioglie o ne decreti lo scioglimento.
L'Associazione è tenuta, al momento dello scioglimento del suo ordinamento giuridico, a
regolare il debito pubblico maturato e ad adempiere agli obblighi derivati dal contratto di
servizio pubblico.
Tesoreriere dell'Associazione:
Cognome e nome: Egger Katharin
Cognome e nome della madre da nubile: Lienhardt Margrit
Abitazione: 40061 Minerbio, Via Fratelli Cervi 16. - Italia
Luogo e data di nascita: Frutigen (CHE), Italia, 1951.11.22.

VI
CONTROLLO DELL'ASSOCIAZIONE

15. Ai sensi della legge II del 1989,pr 14 comma 1 sul diritto di riunione,la Procura della
Repubblica vigila sull'attività legale dell'associazione.

VII
DISPOSIZIONI FINALI

16.Questo Statuto viene approvato dall'Assemblea generale fondatrice dell'Associazione il


15/10 /2008

Budapest,15 ottobre 2008

Guadalupi Marinella Poptean Ines


Il Presidente Il Segretario

Musso Teresita
Il Verbalizzatore

Dichiaro di avere redatto e contrassegnato il presente contratto a Budapest, il 15 ottobre


2008

Avv. Annamaria Botár


(Studio Legale Botar, 1052 Budapest, Haris köz 6. IV. em. 2)

Associazione Amiche dell ‘ Italia


H - 1052 Budapest ,Haris köz 6 ,3 em . ,2
e - mail : amichedellitalia @ gmail .com