Sei sulla pagina 1di 1

La Valsusa

N. 1 - GIOVED 5 GENNAIO 2012

Chiesa Oggi 47

Ha incontrato i volontari dei Cav di Val Susa e Val Sangone, e i giovani del Mpv provenienti da tutta Italia

Carlo Casini: diciamo SI alla Vita


SUSA - Eutanasia, aborto, testamento biogico. Sono temi di stringente attualit, delicati, drammatici. Questioni per che riguardano la nostra umanit, e sulla quale spesso si scontrano ideologie e posizioni diverse. Limpegno delle tante volontarie e volontari del Movimento per la Vita e dei Centri di Aiuto alla Vita, notevole. In tutta Italia ci sono queste associazioni, che hanno come primo impegno lassistenza alle donne, in gravidanza o appena diventate mamme, cos come alle loro famiglie. Susa ha ospitato, dal 29 dicembre al 2 gennaio, il meeting dei giovani del Movimento per la Vita Italiano. Hanno pernottato al convento di San Francesco di Susa, e ci sono stati tutta una serie di appuntamenti organizzati dal presidente dei giovani Leo Pergamo, insieme ad Alberto Tibaudi (presidente di FederviPa), Claudio Larocca (presidente del Cav di Rivoli) e al Cav Oulx - Alta Valle Susa. Tra le iniziative, la visita alla Sacra di San Michele, oltre che della citt di Susa, il museo diocesano, e a Torino la basilica di Maria Ausiliatrice e il Sermig di Ernesto Olivero. Lappuntamento clou, con un dibattito aperto al pubblico, stato venerd 30 dicembre, con il convegno intitolato Per la Vita, e con principale relatore il presidente del Movimento per la Vita italiano Carlo Casini. Levento stato organizzato dal Centro di Aiuto alla Vita Oulx - Alta Valle Susa e ha visto come altri relatori don Romeo Zuppa, direttore della Commissione diocesana per la Famiglia, e il dottor Fracchia, medico oncologo, che ha tenuto una riflessione sul ruolo che il medico deve avere nei momenti pi delicati del fine vita, e sul valore dello sguardo del malato e per il malato. Allincontro hanno partecipato alcuni volontari e volontarie dei Cav di zona, da Oulx a Giaveno, fino a Rivoli. Prima di far partire i lavori, sono intervenuti per il saluto iniziale il presidente di FederviPa Alberto Tibaudi e il presidente del Movimento per la Vita di Torino, Walter Boero. Prezioso e importante lintervento di saluto del sindaco di Susa, Gemma Amprino, presente insieme allassessore Roberto Follis. Il sindaco - togliendo via ogni retorica - ha introdotto i

Il presidente nazionale del Movimento per la Vita in visita a Susa

lavori del convegno con una lettera particolarmente toccante, che ha commosso il pubblico. E la lettera-testamento lasciata al sindaco da un suo congiunto, mancato proprio il giorno prima, a causa di una lunga e dolorosa malattia. In questa lettera, luomo manifestava un forte e chiaro s alla Vita, nonostante la sofferenza e la malattia, vista come un mezzo di miglioramento e di preparazione alla vita dopo la morte. Carlo Casini, approfittando anche della sua esperienza politica come europarlamentare, ha illustrato le difficolt nel rapporto tra lEuropa e la tutela della Vita: In Italia la situazione migliore rispetto ad altre nazioni, anche se gli aborti legali sono oggi 130.000 allanno, senza con-

tare quelli clandestini. La sfida difficile quella di far capire che la tutela della Vita equivale alla difesa del Bene comune, e della dignit umana. Riprendendo lintervento del dottor Fracchia, ci si concentrati sullapproccio verso luomo, verso lo sguardo della persona che sta soffrendo. Che per i cristiani, e per i sacerdoti, equivale spesso allo sguardo verso il Crocefisso, come ha spiegato don Romeo Zuppa: La Chiesa in prima linea per la difesa della Vita, perch ogni uomo porta in s limmagine di Dio, e non pu mai essere considerato un mezzo. Durante lincontro si dibattuto anche sulla questione del libero arbitrio riguardo alle scelte difficili e al bivio della sofferenza, e del drammatico episodio di quei genitori che hanno obbligato la figlia ad abortire, ricorrendo pure ad un giudice. A tal proposito, il prof.

Nelle foto: il convegno con Carlo Casini a Susa (al centro), lintervento del sindaco Gemma Amprino (a destra) e il pubblico presente. A sinistra e in basso: i giovani del Movimento per la Vita Italiano in visita alla Sacra di San Michele

Boero ha ricordato un episodio simile avvenuto a Torino, ma con lieto fine, quando i volontari del Cav hanno salvato la vita del bambino, riuscendo a tutelare la mamma offrendo alternative concrete allinterruzione di gravidanza. Casini rimasto contento per laccoglienza ed il calore mostrato a Susa. Nel tardo pomeriggio del 30 ha avuto unudienza con il vescovo Alfonso Badini Confalonieri, come occasione preziosa di scambio e confronto sui temi della Vita. Contenti anche i giovani venuti da tutta Italia in vacanza a Susa: Non si pu non ripensare alle sensazioni, ai paesaggi, alle persone che in questi 5 giorni hanno letteralmente inondato il cuore di ognuno - raccontano sul loro sito internet www.giovaniprolife.org - ricordo che rimarr per sempre in noi.
FABIO TANZILLI

Caprie
Abbiamo tenuto le nostre lanterne accese con una piccola luce rossa, gialla, verde. Abbiamo vegliato e pregato perch lamore, la fede e la speranza non venissero meno. E ora tu, caro Ges, tu sei in mezzo a noi! Giungano a tutti i fanciulli e alle loro famiglie gli auguri per un cammino luminoso.

Caprie

CALENDARIO DIOCESANO
13 gennaio: Almese, Casa dellAmicizia( Piazzale della chiesa vecchia, casato Vicendone ,17): Preghiera Giovani, dalle 20,45 alle 22,30. 14 gennaio: Torino, Oasi Santa Chiara ( via Luisa del Carretto,6): Sabato del silenzio, inizio ore 9. 18 gennaio: Susa, Cattedrale: Inizio della Settimana di preghiera per l Unit dei Cristiani. Testo di riferimento: 1Cor. 15,51-58. Ore 21.

Natale di luce

Un presepe nel Trittico

La chiesa di Caprie, questanno, ha un presepe in pi, il trittico di Simone, un disegno che riproduce in mosaico la Nativit. Complimenti al piccolo artista.

Lincontro di preghiera del 13 gennaio spostato a domenica 29 gennaio alle ore 16.15, con la lettura dei messaggi adorazione eucaristica, rosario e alle 17.30 santa messa con la comunit. Un invito particolare alla partecipazione ai pellegrini di Mediugorje perch lanno nuovo sia di crescita di fede, speranza, carit per la chiesa che vive nel nostro territorio.

Incontro di preghiera a Caprie