Sei sulla pagina 1di 12

6

Soluzione di strutture iperstatiche:


il metodo delle forze
Tema 6.1 Si risolva la struttura staticamente indeterminata riportata in gura 6.1,
scrivendo le condizioni di congruenza in modo diretto. Si determini inoltre il valore
dello spostamento verticale per la sezione S indicata.
Fig. 6.1: Struttura relativa al tema 6.1.
La struttura proposta e 2 volte iperstatica. La gura 6.2 illustra il sistema S
(eq)
staticamente equivalente alla struttura assegnata, insieme con le condizioni di con-
gruenza che ne assicurano lequivalenza cinematica. Inoltre, sempre in gura 6.2,
insieme con i corrispondenti diagrammi del momento ettente, sono riportati gli
schemi S
(0)
, S
(1)
e S
(2)
di modo che, per sovrapposizione degli eetti, risulta: S
(eq)
=
S
(0)
+X
1
S
(1)
+X
2
S
(2)
, essendo X
i
(i = 1, 2) le incognite iperstatiche.
Le equazioni di congruenza corrispondenti ai vincoli iperstatici considerati possono
allora porsi nella forma equivalente:
59
60 6. IL METODO DELLE FORZE
Fig. 6.2: Schema equivalente e schemi parziali utilizzati per la risoluzione della struttura
relativa al tema 6.1.
_
v
B
= v
(0)
B
+X
1
v
(1)
B
+X
2
v
(2)
B
= 0
w
D
= w
(0)
D
+X
1
w
(1)
D
+X
2
w
(2)
D
=
X
2
k
In particolare, trascurando la deformabilit`a tagliante per i diversi tratti ed operando
per composizione cinematica nei diversi schemi, si ricava:
v
(0)
B
= v
(0,)
B
+v
(0,k

)
B
+v
(0,m)
B
= +
m
k

+
m
2
2EI
w
(0)
D
= w
(0,)
D
+w
(0,k

)
D
+w
(0,m)
D
=
(0,k

)
A
+w
(0,m)
C
+
(0,m)
C

=
m
k

2
m
2
EI
G. Vairo - Universit` a di Roma Tor Vergata
61
v
(1)
B
= v
(1,k

)
B
+v
(1,X
1
=1)
B
=

2
k

+

3
3EI
w
(1)
D
= w
(1,k

)
D
+w
(1,X
1
=1)
D
=
(1,k

)
A
+w
(1,X
1
=1)
C
+
(1,X
1
=1)
C

=

2
k


3
2EI
v
(2)
B
= v
(2,k

)
B
+v
(2,X
2
=1)
B
=

2
k


3
2EI
w
(2)
D
= w
(2,k

)
D
+w
(2,X
2
=1)
D
=

2
k

+

3
3EI
+
2
3
EI
=

2
k

+
7
3
3EI
Pertanto, limposizione delle condizioni di congruenza discusse, conduce al seguente
sistema risolvente per le incognite iperstatiche:
_

2
k

+

3
3EI

2
k


3
2EI

2
k


3
2EI

2
k

+
7
3
3EI
+
1
k
_
_
X
1
X
2
_
=
_
+
m
k

+
m
2
2EI

m
k

2
m
2
EI
_
Determinata la soluzione (X
1
, X
2
), lo spostamento v
S
si determina banalmente at-
traverso la sovrapposizione degli eetti:
v
S
= v
(0)
S
+X
1
v
(1)
S
+X
2
v
(2)
S
essendo
v
(0)
S
= +
m
k

3
2
+
m
2EI
3
2

v
(1)
S
= v
(1,k

)
S
+v
(1,X
1
=1)
B

(1,X
1
=1)
B

2
=

k

3
2
+

3
3EI
+

2
2EI

2
v
(2)
S
= v
(2,k

)
S
+v
(2,X
2
=1)
S
=

k

3
2


2EI
_
3
2

_
2
G. Vairo - Universit` a di Roma Tor Vergata
62 6. IL METODO DELLE FORZE
Tema 6.2 Si risolva la struttura staticamente indeterminata riportata in gura 6.3,
scrivendo le condizioni di congruenza in modo diretto. Si determini inoltre il lavoro
di deformazione.
Fig. 6.3: Struttura relativa al tema 6.2.
Fig. 6.4: Schema equivalente e schemi parziali utilizzati per la risoluzione della struttura
relativa al tema 6.2.
G. Vairo - Universit` a di Roma Tor Vergata
63
La struttura proposta e 3 volte iperstatica. La gura 6.4 illustra il sistema S
(eq)
staticamente equivalente alla struttura assegnata, insieme con le condizioni di con-
gruenza che ne assicurano lequivalenza cinematica. Inoltre, sempre in gura 6.4,
insieme con i corrispondenti diagrammi del momento ettente, sono riportati gli
schemi S
(0)
, S
(1)
, S
(2)
e S
(3)
di modo che, per sovrapposizione degli eetti, risul-
ta: S
(eq)
= S
(0)
+ X
1
S
(1)
+ X
2
S
(2)
+ X
3
S
(3)
, essendo X
i
(i = 1, 2, 3) le incognite
iperstatiche.
Le equazioni di congruenza corrispondenti ai vincoli iperstatici considerati possono
allora porsi nella forma equivalente:
_

B
=
+
B

B
=
(0)
B
+X
1

(1)
B
+X
2

(2)
B
+X
3

(3)
B
= 0
w
D
= w
+
D
w

D
= w
(0)
D
+X
1
w
(1)
D
+X
2
w
(2)
D
X
3
w
(3)
D
= 0

D
=
+
D

D
=
(0)
D
+X
1

(1)
D
+X
2

(2)
D
+X
3

(3)
D
= 0
In particolare, operando nei diversi schemi per composizione cinematica e trascurando
gli eetti di deformabilit`a tagliante ed assiale sui diversi tratti, si ricava:

(0)
B
=
(0,k)
B
+
(0,)
B
+
(0,F)
B
=
2F
k

F
2
6EI
w
(0)
D
= w
(0,F)
D
=
F
3
2EI

(0)
D
=
(0,k)
D
+
(0,)
D
+
(0,F)
D
=
F
k


2
+
2
3
F
2
EI

(1)
B
=
(1,k)
B
+
(1,X
1
=1)
B
=
4
k
2
+
2
3EI
w
(1)
D
= 0

(1)
D
=
(1,k)
D
+
(1,X
1
=1)
D
=
2
k
2
+

6EI

(2)
B
= 0
w
(2)
D
=

3
3EI

(2)
D
=

2
2EI

(3)
B
=
(3,k)
B
+
(3,X
3
=1)
B
=
2
k
2
+

6EI
w
(3)
D
=

2
2EI

(3)
D
=
(3,k)
D
+
(3,X
3
=1)
D
=
1
k
2
+
10
3

EI
G. Vairo - Universit` a di Roma Tor Vergata
64 6. IL METODO DELLE FORZE
essendo la distorsione angolare distribuita (positiva) sul tratto AC, associata alla
distribuzione di temperatura a gradiente costante assegnata.
Pertanto, limposizione delle condizioni di congruenza discusse, conduce al seguente
sistema risolvente per le incognite iperstatiche:
_
_
4
k
2
+
2
3EI
0
2
k
2
+

6EI
0

3
3EI


2
2EI

2
k
2
+

6EI


2
2EI
1
k
2
+
10
3

EI
_
_
_
_
X
1
X
2
X
3
_
_
=
_
_
2F
k

F
2
6EI
F
3
2EI

F
k


2
+
2
3
F
2
EI
_
_
Determinata la soluzione (X
1
, X
2
, X
3
), lenergia di deformazione pu`o valutarsi appli-
cando il teorema di Clapeyron sullo schema staticamente e cinematicamente equiva-
lente alla struttura assegnata
E =
1
2
Fv
D
=
1
2
_
Struttura
[M(z)]
2
EI
dz +
1
2
R
2
B
k
In particolare, la prima uguaglianza consente di valutare il lavoro di deformazione
attraverso le azioni esterne mentre la seconda corrisponde a procedere via azioni
interne. La funzione M(z) rappresenta la funzione momento ettente al variare della
coordinata z lungo la struttura e, cos` come lo spostamento relativo v
D
e la reazione
vincolare R
B
, si determina operando per sovrapposizione degli eetti:
M(z) = M
(0)
(z) +X
1
M
(1)
(z) +X
2
M
(2)
(z) +X
3
M
(3)
(z)
v
D
= v
+
D
v

D
= v
(0)
D
+X
1
v
(1)
D
+X
2
v
(2)
D
X
3
v
(3)
D
R
B
= R
(0)
B
+X
1
R
(1)
B
+X
2
R
(2)
B
X
3
R
(3)
B
essendo M
(0)
(z), M
(i)
(z) (i = 1, 2, 3) le funzioni momento ettente relative ai diversi
schemi considerati e risultando:
v
(0,el)
D
= v
(0,k)
D
+ v
(0,F)
D
=
F
k
+ 2
F
3
EI
v
(1)
D
= v
(1,k)
D
+ v
(1,X
1
=1)
D
=
2
k


2
6EI
v
(2)
D
= v
(2,X
2
=1)
D
=

3
2EI
v
(3)
D
= v
(3,k)
D
+ v
(3,X
3
=1)
D
=
1
k
+
2
3

2
EI
G. Vairo - Universit` a di Roma Tor Vergata
65
R
(0)
B
= F
R
(1)
B
=
2

R
(2)
B
= 0
R
(3)
B
=
1

avendo indicato con v


(0,el)
D
lo spostamento relativo verticale in D associato a soli
contributi elastici e cioe ottenuto non considerando il contributo anelastico associato
alla distorsione angolare distribuita .
G. Vairo - Universit` a di Roma Tor Vergata
66 6. IL METODO DELLE FORZE
Tema 6.3 Si risolva la struttura staticamente indeterminata riportata in gura 6.5,
scrivendo le condizioni di congruenza in modo diretto. Si determini inoltre il lavoro
di deformazione.
Fig. 6.5: Struttura relativa al tema 6.3.
La struttura proposta e 3 volte iperstatica. Come vincoli iperstatici possono consi-
derarsi il pendolo BE (rigido assialmente) ed i pendoli CE, CH (cedevoli elastica-
mente). La gura 6.6 illustra il sistema S
(eq)
staticamente equivalente alla struttura
assegnata, insieme con le condizioni di congruenza che ne assicurano lequivalenza
cinematica. Inoltre, sempre in gura 6.6, insieme con i corrispondenti diagrammi del
momento ettente, sono riportati gli schemi S
(0)
, S
(1)
, S
(2)
e S
(3)
di modo che, per
sovrapposizione degli eetti, risulta: S
(eq)
= S
(0)
+X
1
S
(1)
+X
2
S
(2)
+X
3
S
(3)
, essendo
X
i
(i = 1, 2, 3) le incognite iperstatiche.
I versori e
1
, e
2
indicati nella gura 6.6 risultano: e
1
=

2
2
(j k), e
2
=

2
2
(j + k).
Pertanto, assumendo indeformabili assialmente i tratti costituenti la struttura, le tre
equazioni di congruenza associate ai vincoli iperstatici scelti si pongono nella forma:
_
_
_
v
E
v
B
= 0

2
2
(v
E
v
C
) =
X
2

2
EA

2
2
(v
H
v
C
) =
X
3

2
EA
Si vuole far notare che lipotesi di indeformabilit`a assiale dei tratti costituenti la
struttura consente, per il caso in esame, di porre: w
C
= w
E
= w
H
= 0.
G. Vairo - Universit` a di Roma Tor Vergata
67
Fig. 6.6: Schema equivalente e schemi parziali utilizzati per la risoluzione della struttura
relativa al tema 6.3.
Corrispondentemente, operando per sovrapposizione degli eetti, si ricava il seguente
sistema risolvente nelle tre incognite iperstatiche X
i
(i = 1, 2, 3):
_

_
v
(0)
E
v
(0)
B
+X
1
(v
(1)
E
v
(1)
B
) +X
2
(v
(2)
E
v
(2)
B
) +X
3
(v
(3)
E
v
(3)
B
) = 0

2
2
_
v
(0)
E
v
(0)
C
+X
1
(v
(1)
E
v
(1)
C
) +X
2
(v
(2)
E
v
(2)
C
) +X
3
(v
(3)
E
v
(3)
C
)
_
=
X
2

2
EA

2
2
_
v
(0)
H
v
(0)
C
+X
1
(v
(1)
H
v
(1)
C
) +X
2
(v
(2)
H
v
(2)
C
) +X
3
(v
(3)
H
v
(3)
C
)
_
=
X
3

2
EA
In particolare, operando nei diversi schemi per composizione cinematica e trascurando
gli eetti di deformabilit`a tagliante ed assiale sui diversi tratti, si ricava:
G. Vairo - Universit` a di Roma Tor Vergata
68 6. IL METODO DELLE FORZE
v
(0)
B
= v
(0,k

)
B
+v
(0,q)
B
=
2q
3
k

+
17q
4
24EI
v
(0)
C
= v
(0,k

)
C
+v
(0,q)
C
=
4q
3
k

+
2q
4
EI
v
(0)
E
= v
(0,)
E
+v
(0,m)
E
=

2

m
2
4EI
v
(0)
H
= v
(0,)
H
+v
(0,m)
H
=
3
2
+
m
2
3EI
v
(1)
B
= v
(1,k

)
B
+v
(1,X
1
=1)
B
=

2
k


3
3EI
v
(1)
C
= v
(1,k

)
C
+v
(1,X
1
=1)
C
=
2
2
k

5
3
6EI
v
(1)
E
=

3
6EI
v
(1)
H
=

3
4EI
v
(2)
B
= v
(2,k

)
B
+v
(2,X
2
=1)
B
=

2
2
k

2
3
12EI
v
(2)
C
= v
(2,k

)
C
+v
(2,X
2
=1)
C
=
2

2
2
k

2
3
3EI
v
(2)
E
=

2
3
12EI
v
(2)
H
=

2
3
8EI
v
(3)
B
= v
(3,k

)
B
+v
(3,X
3
=1)
B
=

2
2
k

2
3
12EI
v
(3)
C
= v
(3,k

)
C
+v
(3,X
3
=1)
C
=
2

2
2
k

2
3
3EI
v
(3)
E
=

2
3
8EI
v
(3)
H
=

2
3
2EI
Al solito, determinata la soluzione (X
1
, X
2
, X
3
), lenergia elastica immagazzinata
dalla struttura risulta
G. Vairo - Universit` a di Roma Tor Vergata
69
E =
1
2
_
Struttura
[M(z)]
2
EI
dz +
1
2
M
2
A
k

+
1
2
X
2
2

2
EA
+
1
2
X
2
3

2
EA
essendo
M(z) = M
(0)
(z) +X
1
M
(1)
(z) +X
2
M
(2)
(z) +X
3
M
(3)
(z)
M
A
= M
(0)
A
+X
1
M
(1)
A
+X
2
M
(2)
A
X
3
M
(3)
A
con
M
(0)
A
= 2q
2
M
(1)
A
=
M
(2)
A
=

2
M
(3)
A
=

2
G. Vairo - Universit` a di Roma Tor Vergata
70 6. IL METODO DELLE FORZE
G. Vairo - Universit` a di Roma Tor Vergata