Sei sulla pagina 1di 4

CITTA DI CELANO

(Provincia di LAquila)
Nota legale: documento di interesse pubblico senza valore legale - I nomi non pubblici sono stati oscurati. Elaborazione digitale a cura di L F - 2011

COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 137 Del 19-11-2011 Oggetto: PIANO PROVINCIALE DI DIMENSIONAMENTO SCOLASTICO ANNO 2012/2013- DELIBERA DI INDIRIZZO Lanno duemilaundici il giorno diciannove del mese di novembre alle ore 17:00, presso questa Sede Municipale, convocata nei modi di legge, si riunita la Giunta Comunale. Dei Signori componenti della Giunta Comunale di questo Comune:
PICCONE FILIPPO MORGANTE ELIO PIPERNI CESIDIO SANTILLI SETTIMIO DEL CORVO GIANLUCA FRIGIONI VITTORIANO BONALDI ERMANNO SINDACO VICE SINDACO ASSESSORE ASSESSORE ASSESSORE ASSESSORE ASSESSORE P P P P A P P

ne risultano presenti n. 6 e assenti n. 1. Partecipa il Segretario Generale DOTT. ATTILI GIAMPIERO. Il Sindaco, accertato il numero legale, dichiara aperta la seduta ed invita la Giunta Comunale ad esaminare e ad assumere le proprie determinazioni sulla proposta di deliberazione indicata in oggetto. LA GIUNTA COMUNALE Vista lallegata proposta di deliberazione; Considerato che sulla proposta stessa, ai sensi dellart. 49, comma 1, del D.Lgs. n. 267/2000: a) il Dirigente dellArea interessata, per quanto concerne la regolarit tecnica ha espresso PARERE: Favorevole Visti la legge n. 241/1990, il D.Lgs. n. 267/2000 e lo Statuto Comunale; Con votazione favorevole unanime resa nei modi e termini di legge; DELIBERA Di approvare in ogni sua parte la proposta di deliberazione che, allegata al presente provvedimento, ne costituisce parte integrante e sostanziale. Quindi, LA GIUNTA COMUNALE Ravvisata lurgenza del provvedere; Con votazione favorevole unanime resa nei modi e termini di legge; DELIBERA Di dichiarare la presente deliberazione immediatamente eseguibile, ai sensi dellart. 134, comma 4, del D.Lgs. n. 267/2000.

VISTO lart.21 della Legge 15 marzo 1997, n. 59, concernente la Delega al Governo per il conferimento di funzioni e compiti alle Regioni ed EE.LL. per la riforma della P.A. e per la semplificazione amministrativa; CONSIDERATO il D.Lgs 31 marzo 1998, n. 112, Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle Regioni e agli EE.LL., in attuazione del Capo I della legge 15 marzo 1997, n. 59 e preso atto degli artt. 138 e 139; PRESO ATTO del D.P.R. 18 giugno 1998, n. 233, recante norme per il dimensionamento ottimale delle istituzioni scolastiche e per la determinazione degli organici funzionali dei singoli istituti, a norma dellart. 21 Legge n. 59 del 16 luglio 1997; VISTO il D.P.R. 8 marzo 1999, n. 275, concernente il Regolamento recante norme in materia di autonomia scolastica; CONSIDERATO che lart. 64 del Decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, prevede, al comma 3, la predisposizione di un piano programmatico di interventi e misure finalizzati ad un pi razionale utilizzo delle risorse umane e strumentali disponibili e ad una maggiore efficacia ed efficienza del sistema scolastico e, al comma 4, in attuazione del predetto piano e in relazione agli interventi e alle misure annuali ivi individuati, ladozione di uno o pi regolamenti, ai sensi dellart. 17/c della Legge 23 agosto 1998, n. 400; PRESO ATTO del Piano programmatico di cui allart. 64 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, predisposto dal Ministro dellIstruzione, dellUniversit e della Ricerca, di concerto con il Ministro dellEconomia e delle Finanze; VISTO il D.P.R. 20 marzo 2009, n. 81 Norme per la riorganizzazione della rete scolastica e il razionale ed efficace utilizzo delle risorse umane della scuola, ai sensi dellart. 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133. ESAMINATO il D.P.R. 20 marzo 2009, n. 89 Revisione dellassetto ordinamentale, organizzativo e didattico della scuola dellinfanzia e del primo ciclo di istruzione ai sensi dellart. 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2001, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133. VISTA la L. 15 luglio 2011, n. 111, art. 19, comma 4 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98 recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria: Per garantire un processo di continuit didattica nell'ambito dello stesso ciclo di istruzione, a decorrere dall'anno scolastico 2011-2012 la scuola dell'infanzia, la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado sono aggregate in istituti comprensivi, con la conseguente soppressione delle istituzioni scolastiche autonome costituite separatamente da direzioni didattiche e scuole secondarie di I grado; gli istituti compresivi per acquisire l'autonomia devono essere costituiti con almeno 1.000 alunni, ridotti a 500 per le istituzioni site nelle piccole isole, nei comuni montani, nelle aree geografiche caratterizzate da specificit linguistiche VISTA la legge di stabilit del 12.11.2011 n. 183 (G.U. del 14.11.11), art. 3 comma 69 che modifica lart 19 comma 5 del d.l. 98 del 06.07.2011 convertito dalla legge 111 del 15.07.2011 prevedendo che: allart. 19, comma 5, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio n 111, la parola 500 sostituita dalla seguente 600 e la parola 300 sostituita dalla seguente 400; VISTE le richieste dei dirigenti scolastici dellIstituto Omnicomprensivo Tommaso da Celano e della Direzione Didattica Statale Celano di mantenere le due autonomie scolastiche.

DELIBERA DI GIUNTA n. 137 del 19-11-2011 - pag. 2 - COMUNE DI CELANO

CONSIDERATO CHE lIstituto Omnicomprensivo ha una popolazione scolastica di 457 (352 Scuola Media e 105 listituto Tecnico Economico) e la Direzione Didattica Statale di n627 alunni; CONSIDERATO CHE il Comune di Celano e catalogato tra i comuni montani e che la legge prevede il mantenimento delle autonomie scolastiche per gli Istituti Omnicomprensivi con popolazione di almeno 400 alunni e per 600 per gli altri Istituti. CONSIDERATO INOLTRE che leventuale soppressione di una delle due istituzioni determinerebbe un danno organizzativo dei servizi e dellorganizzazione formativa didattica; ATTESO CHE il Comune di Celano ha sempre lavorato dintesa con le scuole esistenti per garantire lelta qualit dellofferta formativa scolastica coerente con il patrimonio socioculturale della popolazione; CONSTATATO INFINE che i Comuni limitrofi che risultano sottodimensionai hanno espresso lintendimento di aggregarsi a Celano, nel caso in cui venissero soppresse le autonomie scolastiche presenti sui loro territori; VISTI la legge n. 241/1990, il D.Lgs. n. 267/2000, lo Statuto comunale; Con voti unanimi, resi nei modi e forme di legge;

PROPONE DI DELIBERARE 1. Di esprimere parere contrario a qualsiasi ipotesi di soppressione e/o ridimensionamento della direzione didattica e dellIstituto Omnicomprensivo Tommaso da Celano per le ragioni esposte nelle premesse; 2. Conseguentemente, al fine di evitare un impoverimento della formazione scolastica avulsa dal contesto di riferimento, privando il Comune della possibilit di svolgere un ruolo di primo piano nella formazione degli alunni, di mantenere i due Istituti Scolastici autonomi con le rispettive dirigenze scolastiche:
TOMMASO DA CELANO PER UN TOT. ALUNNI 457 Scuola media statale Tommaso da Celano tot. Alunni 352 Istituto Tecnico Economico tot. Alunni 105 LA DIREZIONE DIDATTICA STATALE DI CELANO PER UN TOT. ALUNNI 627 N 3 plessi di scuole dellinfanzia N 3 plessi di scuola primaria
3.

tot. Alunni 233 tot. Alunni 394

Di dichiarare la presente deliberazione, con separata ed unanime votazione, immediatamente eseguibile ex art. 134 comma 4 del D.Lgs. n. 267/2000 Letto, approvato e sottoscritto a norma di legge. Segretario Generale F.to Dott. Giampiero Attili SINDACO F.to Sen. PICCONE FILIPPO

DELIBERA DI GIUNTA n. 137 del 19-11-2011 - pag. 3 - COMUNE DI CELANO

___________________________________________________________________________ ATTESTATO DI PUBBLICAZIONE Della suestesa deliberazione viene iniziata oggi la pubblicazione all'Albo Pretorio per 15 giorni consecutivi ai sensi dellart.124, comma 1 della Legge n.267/00 e contemporaneamente comunicata ai capigruppo consiliari ai sensi dellart.125, comma 1 della Legge n.267/00. L, 01-12-2011 Segretario Generale F.to Dott. Giampiero Attili F.to Il Messo Comunale ___________________________________________________________________________ CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE Il sottoscritto segretario comunale certifica che copia della presente deliberazione stata pubblicata allalbo pretorio per 15 giorni consecutivi dal 01-12-2011 al 16-12-2011, ai sensi dellart.124, comma 1 della Legge n.267/00 senza reclami. L, 17-12-2011 Segretario Generale F.to Dott. Giampiero Attili F.to Il Messo Comunale

copia conforme alloriginale L, 01-12-2011 Il Segretario Generale Dott. Giampiero Attili

DELIBERA DI GIUNTA n. 137 del 19-11-2011 - pag. 4 - COMUNE DI CELANO