Sei sulla pagina 1di 5

Diritto Privato

04/10/2011 06.16.00

Il potere di emanare le leggi e generalmente affidato allo stato. - Lart.117 della costituzione prevede: le regioni assumono maggiore potere legislativo: Lo stato ha competenza esclusiva in alcune materie, la regione ha competenza concorrente in altre materie con lo stato (Stato scrive la legge regione attua). Per tutte le altre materie ha competenza esclusiva la regione. Ordinamenti Giuridici Sono multiformi e molto differenti tra di loro. Il nostro ordinamento si colloca nella tradizione giuridica della Civil Law= Diritto Civile, e viene dal diritto romano classico. Il diritto e nato quando luomo ha iniziato a riunirsi in collettivita, allinizio magari non scritto ma comunque presente. Fino al codice di hammurabi ecc ecc. Poi nellantica roma il diritto civile comincia a trovare una sua formulazione piu complessa e tendenzialmente completa. Lepilogo di questa evoluzione la troviamo nel Corpus Iuris Iustinianeo (Limperatore Giustiniano commissiona ad alcuni giuristi la raccolta delle leggi, dei diritti ecc e chiede loro di sistematizzare tutto cio x avere un manuale completo di tutte le leggi). Fu talmente importante che venne imitato da molti altri paesi e venne usato in tutti i luoghi dove cera la dominazione romana. Fino alla fine del 1700 d.C. resta il diritto romano classico come base per tutti gli altri, non ce ne sono altri in Europa Continentale se non espressioni locali aggiuntivi. Viene applicati dagli Iure Consultis (Sacerdoti, Preti) che nellambito delle singole comunita o feudi ricevono il potere di amministrare la giustizia nelle citta o villaggi.

Nel 1700 era lo Ius Commune, il diritto comune che accomunava tutti gli stati. A fine 700 Napoleone Bonaparte dice che il diritto romano va benissimo ma sono nate troppe consuetudini locali in Francia e confliggono con il Diritto Romano e che quindi va riorganizzato completamente il sistema giuridico. Cosi commissiona la creazione del codice civile nel 1803, emanato nel 1804. Code Civil Napoleon si apprezza per la completezza e sistematicita e viene facilmente esportato da Napoleone nei luoghi che conquista militarmente. Cosi anche in Italia, dove esistevano altri Codici Civili (Estense, Citta di Parma: esperienze modeste) entra in vigore il codice napoleonico nel 1865, tradotto in italiano. Tutti gli argomenti giuridici vengono definiti diritti del Civil Law: la grande famiglia del diritto romano. I paesi contrapposti, cioe di COMMON LAW (Gran Bretagna, Scozia, Stati Uniti e altre colonie britanniche) si distinguono per ragioni storiche: fino al 1150 la GB era politicamente e socialmente parlando era una cosa sola con leuropa continentale e viveva lesperienza di frammentazione di staterelli. Poi Guglielmo il Conquistatore parte e conquista la GB dalla Francia, creando un impero, il primo dellEuropa, organizzato, gestito da un imperatore, crea un sistema politico, sociale, economico organizzato e gestito dallimperatore. Questultimo impone in GB una gestione del Diritto non piu romana-classica ma basata sui principi fondamentali della dichiarativita: Le regole giuridiche non vengono espresse/emanate da un legislatore, ma esistono nella realta sociale, cioe di formazione consuetudinaria, di tal che il giudice quando decide la causa non ricava la regola da principi scritti formalmente ma da tessuti sociali e dichiara lesistenza di quella norma x risolvere il confronto. Questa sentenza diventa valida/vincolante per tutti gli altri giudici che si pronunciano su casi analoghi. In Inghilterra infatti non ce una costituzione scritta. Il giudice e bocca sociale e non applica leggi scritte ma consuetudinarie. Ora si sono molto avvicinati luno allaltro e un sistema intermedio sarebbe sicuramente il migliore. - Art. 2043 del Codice Civile e una clausola generale xk il legislatore non ci dice quale sia il danno ingiusto e le cagioni, i giudici interpretando quella clausola generale possono decidere di aumentare o ridurre la pena. Risarcimento per fatto illecito: qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha COMMESSO il fatto a risarcire il danno (Cod. Pen. 185). Altra famiglia: Cina, Unione Sovietica

Altra Famiglia basata principalmente su leggi religiose, la religione supera lo stato e diventa legge ufficiale, quindi comporta e prevede anche pene concrete. Altra Famiglia: Diritto Muto, in paesi poco sviluppati, non scritto e rimesso alle decisioni dei saggi del luogo che governano i contenziosi con principi principalmente di equita. Ovviamente sono tutti diritti in Divenire, in continuo mutamento in relazione alla societa. In particolare quello cinese e indiano. Nel corso dei secoli gli approcci allo studio del diritto sono stati diversi, a seconda della sensibilita dei giuristi e dei politici. Sono esistite e esistono tre grandi concezioni giuristiche. 1: Giusnaturalismo: il diritto e mutevole e cangiante, dipende dalle decisioni delluomo ma il fondamento del diritto e naturale, e non puo essere messo in discussione. (es. diritto alla vita) E entrato in crisi decenni fa ed e oggi solo studiato a livello storico ma di principi naturalistici non ce ne sono. 2: Giuspositivismo/Giusnormativa: assume una posizione contraria alla precedente. Il diritto e tutto compreso di norme, tutto fatto di norme, tutto espresso in norme che non hanno alcuna derivazione naturale ma che sono create dalluomo attraverso procedimenti formalizzati a loro volta regolati da norme create dalluomo. La qualita della norma giuridica si verifica dalla formazione passata della stessa. Quindi limportante non e il contenuto della norma ma la forma e il processo formale dellemanazione della norma. Molto in voga negli anni 20 e 30 e giustificava anche leggi assurde come quelle razziali perche riteneva che il legislatore poteva emanare qualsiasi tipo di legge e consente in casi particolari leggi i cui effetti sono anche drammatici. Le consuetudini e le prassi non hanno alcun valore e tutto e creato dalluomo secondo i processi formali e temporali createsi con il tempo. 3: Giusrealismo: nasce da un approccio al diritto di COMMON LAW. Dicono che aldila del dato normativo positivo, ius positum=diritto posto, esistono una serie di altri diritti non creati dalluomo che non sono espressi formalmente ma che comunque operano. Non e importante il procedimento formale ma la forza che la regola giuridica ha di farsi accettare e rispettare dalla comunita, perche se non lo fosse a loro avviso sarebbe inefficacie. Per avere piena legittimazione le regole giuridiche devono farsi accettare dalla comunita nella quale vengono applicate.

Diritto Privato

04/10/2011 06.16.00

Analisi Economica del Diritto: approccio al diritto secondo il quale per valutare una norma e decidere se attuarla o no bisogna valutare gli effetti economici che avra sulla collettivita. Questo per consentire al legislatore di adottare ogni volta la regola giuridica piu efficiente e al giudice di interpretarla in maniera piu precisa. Lo fa applicando strumenti e tecniche microeconomiche (Per valutare limpatto economico), cioe studiando quanto influisce la legge sugli scambi tra aziende ecc. Secondo Klose: In mancanza di costi transattivi, qualsiasi allocazione delle risorse e economicamente efficiente. Costi transattivi: Costi quando le parti stabiliscono i patti. Allocazione delle risorse: A chi appartiene cosa. A Jayle invece Guido Calabresi che parla di economia (1970) che scrive il Contributo: allo studio del costo dei sinistri statali. SALTARE ULTIMO PARAGRAFO DI ANALISI ECONOMICA DEL LIBRO CON ESERCIZI ECONOMICI DEL DIRITTO

04/10/2011 06.16.00