Sei sulla pagina 1di 1

Sport nella Sclerosi Multipla

La Sclerosi Multipla (SM) lede la trasmissione e conduzione nervosa con sintomi diversi quali fatica muscolare e difcolt motorie. Studi hanno dimostrato che persone con SM hanno una pi bassa capacit massima aerobica rispetto alla media delle persone non affette (PonichteraMulcare JA, 1983,1995). La spasticit dei muscoli antagonisti pu essere causa di riduzione della produzione di forza concentrica degli agonisti. Per molti anni stata sconsigliata lattivit sica ai pazienti con SM a causa dellinstabilit provata durante gli esercizi come conseguenza dellaumento della temperatura corporea. Negli ultimi dieci anni si cominciato a prescrivere attivit sica avendone visti i notevoli beneci che una pratica regolare porta (Petajan JH,1999; Ponichtera-Mulcare JA, 1993; Sutherland G, 2001). Uno studio italiano ha visto come una prescrizione di attivit aerobica, allenamento di resistenza in associazione con esercizi di coordinazione ed equilibrio pu ridurre il grado di disabilit e migliorare la qualit di vita anche nei pazienti con un EDSS alto (Guerra E, 2010). E stato costituito un protocollo di valutazione clinica per prescrivere la corretta quantit di attivit sica per il singolo paziente comprendente uno studio elettrocardiograco atto a valutare eventuali artmie e malattie cardiovascolari e una valutazione della tolleranza al calore (infatti gli esercizi dovranno essere praticati in ambiente fresco proprio per evitare il troppo surriscaldamento corporeo). Solo a seguito di questo screening si potr essere seguiti da allenatori professionisti addestrati nello specico.

Sport nella Sclerosi Multipla


La Sclerosi Multipla (SM) lede la trasmissione e conduzione nervosa con sintomi diversi quali fatica muscolare e difcolt motorie. Studi hanno dimostrato che persone con SM hanno una pi bassa capacit massima aerobica rispetto alla media delle persone non affette (PonichteraMulcare JA, 1983,1995). La spasticit dei muscoli antagonisti pu essere causa di riduzione della produzione di forza concentrica degli agonisti. Per molti anni stata sconsigliata lattivit sica ai pazienti con SM a causa dellinstabilit provata durante gli esercizi come conseguenza dellaumento della temperatura corporea. Negli ultimi dieci anni si cominciato a prescrivere attivit sica avendone visti i notevoli beneci che una pratica regolare porta (Petajan JH,1999; Ponichtera-Mulcare JA, 1993; Sutherland G, 2001). Uno studio italiano ha visto come una prescrizione di attivit aerobica, allenamento di resistenza in associazione con esercizi di coordinazione ed equilibrio pu ridurre il grado di disabilit e migliorare la qualit di vita anche nei pazienti con un EDSS alto (Guerra E, 2010). E stato costituito un protocollo di valutazione clinica per prescrivere la corretta quantit di attivit sica per il singolo paziente comprendente uno studio elettrocardiograco atto a valutare eventuali artmie e malattie cardiovascolari e una valutazione della tolleranza al calore (infatti gli esercizi dovranno essere praticati in ambiente fresco proprio per evitare il troppo surriscaldamento corporeo). Solo a seguito di questo screening si potr essere seguiti da allenatori professionisti addestrati nello specico.