Sei sulla pagina 1di 32

A CAVALLO

DELLE ROMAGNE
Percorso equestre
Marina Romea / Marradi

FITETREC - ANTE
A cavallo delle Romagne
Pubblicazione a cura
dell’Assessorato
al Turismo della Provincia
di Ravenna e della
Associazione FITETREC-ANTE.

Progetto e testi
Claudio Cotignoli,
Beniamino Morgagni,
Lucia Torselli, Cristina Vioni
A CAVALLO
DELLE ROMAGNE
Percorso equestre
Marina Romea / Marradi

FITETREC-ANTE

Negli ultimi anni si è registrato un ritorno


d’interesse per il turismo a cavallo. Anche in
Romagna, come nel resto d’Italia e d’Europa, la pro-
duzione e l’impiego del cavallo hanno subito un’evo-
luzione in virtù dell’elevato tenore di vita e della
diffusione delle attività di svago e tempo libero.
Il numero delle persone, che pratica l’equitazione
nel senso più ampio del termine, è aumentato
considerevolmente. Allevare cavalli è una passione
prima ancora di essere una mera attività lavorativa
e commerciale. Ancora oggi, il cavallo rimane,
nell’immaginario collettivo, un animale magico.
Sarà per il suo sguardo dolce e profondo, per l’ele-
ganza del suo incedere, per la naturale distinzione
di cui la natura l’ha dotato o forse per il retaggio
culturale che ce lo fa riconoscere come il “servo
degli Dei”. Comunque sia, il cavallo mantiene intat-
to il suo fascino. Per questo motivo continua a tro-
vare schiere di appassionati estimatori, di cavalieri
e di proprietari entusiasti che considerano il cavallo
un hobby e non solo un’attività remunerativa.
Molti, ci auguriamo tutti loro, gradiranno questa
nostra guida; avranno, grazie ad essa, l’opportunità
di immergersi in un ambiente naturale straordinario,
per tanti versi unico, e di apprezzare la professiona-
lità e il radicato senso di ospitalità dei nostri ristora-
tori e albergatori.

Andrea Corsini
Assessore al Turismo della Provincia di Ravenna
Un percorso
equestre fra
natura e cultura

Proprio perché il nostro percorso si svolge Russi


lungo la meravigliosa e ricca provincia di Ravenna sorge su un'area di antico insediamento e conserva
perché invece che fare un viaggio di quattro giorni importanti monumenti, quali la Villa Romana del
non progettiamo una vacanza di una settimana I secolo a.C., con pavimenti musivi di pregio,
dando un meritato riposo al nostro cavallo e una il Palazzo San Giacomo, residenza estiva dei conti
integrazione culturale-storica alla nostra avventura? Rasponi di Ravenna, della fine del XVI secolo, e la
La provincia di Ravenna nasce dall'Appennino tosco- Pieve di San Pancrazio, probabilmente dell'VIII seco-
romagnolo, e si estende nella Pianura Padana sino lo. Da non perdere una visita al Museo dell'Arredo
ad incontrare il mare Adriatico. Il paesaggio si distin- Contemporaneo.
gue per la varietà ambientale. Dalla fascia costiera,
compresa nell'area del Parco del Delta del Po, Bagnacavallo
segnata da pinete, spiagge, dune, valli, stagni di conserva un antico centro storico, costruito su
acqua dolce e salmastra si passa alla vasta pianura, un'originale pianta medievale, caratterizzato dalla
disegnata dalla centuriazione romana e dalla lunga singolare struttura sinuosa, da vie porticate e dalla
opera di bonifica e caratterizzata da orti, vigneti e presenza di un gran numero di palazzi nobiliari ed
frutteti; fino ad arrivare alle dolci colline e ai crinali, edifici religiosi. Magnifica è la Pieve di San Pietro
ai calanchi, alle grotte e ai boschi dell'Appennino. in Sylvis (VII sec.) con notevoli affreschi trecenteschi
La provincia ravennate è meta frequentata dal nell'abside. Altro gioiello architettonico è Piazza
turismo internazionale per i monumenti, per la storia Nuova, antica sede di pescherie e macellerie, portica-
millenaria, per i poeti che vi hanno soggiornato ta e di forma ovale, che risale al 1758. Altri edifici
e che l'hanno cantata, per la bellezza dei paesaggi, di pregio sono: la Collegiata di S. Michele, la Torre
per la preziosità delle sue acque termali, per le rino- Civica, il Teatro Goldoni, il Convento di San Francesco.
mate marine. Meritano una visita il Centro Culturale Le Cappuccine,
Già all’inizio della nostra avventura siamo a il Podere Pantaleone, e a pochi chilometri in località
pochi chilometri da Ravenna: ben 8 dei suoi monu- Villanova, il Museo della Civiltà Palustre.
menti sono stati dichiarati dall'Unesco "patrimonio
dell'umanità" per la suprema maestria artistica Lugo
dell'arte del mosaico. San Vitale, il Mausoleo di sede di uno dei mercati più antichi d'Italia, il suo
Galla Placidia, il Battistero Neoniano, Sant'Apollinare simbolo è la Rocca estense, all'interno della quale
Nuovo e in Classe, il Battistero degli Ariani, è possibile visitare il suggestivo giardino pensile.
la Cappella Arcivescovile e il Mausoleo di Teodorico Di fronte sorge il Pavaglione, imponente quadriporti-
costituiscono un patrimonio di 1500 anni di storia. co completato nel 1783 per il mercato dei bachi da
Man mano che il percorso si snoda lungo il territorio seta. Della città settecentesca si possono ammirare
della provincia abbiamo l’opportunità di poter tocca- anche il Teatro Rossini e la Chiesa del Carmine.
re cittadine e paesi ricchi di storia di queste terre: Di impatto il Museo Francesco Baracca, e nei mesi
di luglio e agosto il Parco del Loto, che offre Casola Valsenio
una splendida fioritura. è un caratteristico borgo al centro della verde
vallata del Senio; da vedere: l'Abbazia di Valsenio,
Faenza complesso benedettino del X secolo, il Cardello,
il suo toponimo significa ceramica in molte lingue, foresteria dell'abbazia che divenne poi dimora
tra cui il francese faïance e l'inglese faience, ma dello scrittore Alfredo Oriani e il Giardino delle Erbe
Faenza non è solo ceramica; conserva nel centro “Augusto Rinaldi Ceroni”, una chicca di profumi
storico chiese e palazzi di grande valore. e colori.
Da vedere: la Cattedrale disegnata da Giuliano da
Maiano (XV secolo), a fianco la Torre Civica che intro- Inoltre nel nostro viaggio possiamo, oltre che di sto-
duce la scenografia di Piazza del Popolo sulla quale ria, far tesoro anche dell’artigianato e della gastrono-
si affacciano il Palazzo del Podestà e il Palazzo del mia che incontreremo: a Ravenna è tuttora vivissima
Municipio, il settecentesco Palazzo Milzetti, il Teatro l'arte del mosaico, nei mercatini, nei negozi e nelle
Masini, la Chiesa della Commenda, il Museo gallerie si possono acquistare mosaici moderni
Internazionale delle Ceramiche. originali, o riproduzioni di mosaici antichi; a Faenza
le numerose botteghe artigiane custodiscono l'arte
Brisighella della ceramica tradizionale, arricchendola con nuove
mostra tutto il fascino del suo impianto urbanistico proposte; a Villanova di Bagnacavallo molto partico-
con la particolarità dell’antica Via del Borgo, soprae- lare e interessante è la lavorazione delle erbe palustri
levata e porticata, è detta anche Via degli Asini per- e del legno. Preziosi sono i prodotti della provincia
ché era percorsa dalle carovane di asini diretti alle ravennate, a partire dal sale di Cervia, l'olio di
cave di gesso. Da non perdere: la Rocca medievale, Brisighella, lo scalogno di Riolo, utilizzati sapiente-
la Torre dell'Orologio (1290), il Museo della Civiltà mente, nel corso dei secoli, per cucinare, conservare,
Contadina, la bellissima Pieve del Tho del IX secolo, condire. Divisa tra terra e mare, la gastronomia
il Parco Carnè, la Grotta della Tanaccia. tipica di questa terra è fatta di succulente grigliate
di carne, tagliatelle e cappelletti, "rustide" di mare
Riolo Terme con il saporito pesce azzurro, rane e anguille per
città d'acque, conosciuta già in epoca romana,
conserva una poderosa Rocca quattrocentesca,
interessante esempio di fortificazione militare;
meritano una visita: le Terme, con il padiglione
liberty, il Golf Club "La Torre", e la Vena del Gesso,
lunga cresta rocciosa di luccicante selenite,
definita pietra di luna per i suoi riflessi, che da Riolo
Terme va verso Brisighella.
Istruzioni
per il viaggio

Fare trekking a cavallo è una possibilità alla portata di disponibile è sempre di diametro mostruoso e
tutti i cavalieri che abbiano una certa familiarità con la lunghina serve a poco?), una piccola torcia a pila
l’uscita in campagna e che può essere resa un’espe- e naturalmente capezza e lunghina.
rienza straordinaria con un minimo di preparazione Per quanto riguarda l’abbigliamento è importante
precedente. Così, se abbiamo questa intenzione, avere calzature comode non solo per cavalcare,
sarà meglio, nel periodo precedente, allenare un po' ma anche per camminare, ideali scarponcini e ghette
il nostro quadrupede. Una preparazione di base (o chaps). Vestitevi a strati, con magliette, camice,
potrebbe essere costituita da una-due sedute di felpe da mettere e togliere a piacere. Non dimentica-
allenamento settimanali nel tondino e una uscita nel tevi un cappello, se soffrite il sole ed il caldo, ed
fine settimana, cominciando con passeggiate di una- anche uno stick solare ad alta protezione (naso ed
due ore fino a quattro-cinque. Questo a partire da un avambracci ustionati sono un classico dei trekking
paio di mesi prima. Mentre si è fuori è consigliabile estivi). Utile anche il classico gilet multitasche dove
scendere e fare anche qualche tratto a piedi, questo tenere un coltellino a serramanico, soldi, documenti
per sgranchire i nostri muscoli ed abituare il cavallo e telefonino.
a seguirci senza superarci. Facciamo in modo che la
ferratura, al momento della partenza, non sia troppo
vecchia né troppa nuova, l’ideale è che abbia circa Promemoria per il cavaliere
una settimana-dieci giorni. Nel frattempo possiamo È doveroso ricordare ai cavalieri di usare sempre
preparare anche un po' di attrezzatura: assicuriamoci un comportamento corretto durante il viaggio,
che tutti i finimenti siamo in buone condizioni, che di non recare danni alle proprietà private che
nei punti di maggiore sfregamento siamo ben imbotti- si andranno ad attraversare, di richiudere eventuali
ti e magari aggiungiamo un altro sottosella rispetto al cancelli trovati chiusi che delimitano i pascoli
solito. Indispensabili le bisacce e, se sono nuove, pro- montani e non, di utilizzare tutte le informazioni
vatele prima ed aggiungete legacci per farle stare descritte in questo documento.
assolutamente ferme! In queste metteremo alcune Consiglio molto utile è quello di fare di tanto
cose altrettanto necessarie: la borraccia o anche bot- in tanto il “Punto Carta” verificando se vi trovate
tigliette da mezzo litro e magari portate anche il sec- esattamente dove pensate di essere.
chio pieghevole per il cavallo. Esagerate sempre, con Partite molto più tranquilli dopo aver controllato
l’acqua! Portate anche un impermeabile, un paio di accuratamente tutto l’equipaggiamento necessario
ferri di ricambio (tenete da conto un vecchio anteriore sia per il cavallo che per il cavaliere.
ed un posteriore e fatevi dare alcuni chiodi dal vostro Buon Viaggio!
maniscalco), alcuni laccetti per le riparazioni di emer-
genza e una corda di qualche metro (avete mai notato
che quando è ora di legare il cavallo l’unico albero
Cartografia
distanza cartografia
Marina Romea
104 km.
Marradi carta d’unione
Carta d’unione durata del viaggio scala 1:250.000
4 giorni
carta 1/10
scala 1:25.000
1° giorno distanza
31 km.
Marina Romea
Punte Alberete
tempo percorrenza
carta 1 ore 6
Il cavaliere può scegliere un’ampia carraia vi por-
di partire dal Circolo terà dopo aver percorso
Ippico Ravennate (sede circa 4 Km. fino alla sta-
estiva) oppure dal tale Romea.
Centro Ippico Cavallo L’attraversamento della
Felice. Il primo centro statale viene effettuato
citato si trova a ridosso passando facilmente
del fiume Lamone, sotto al ponte dalla
punto di partenza della parte interna dell’argine
prima tappa. Chi doves- per poi risalire e passare
se scegliere di partire di nuovo all’esterno
dal centro Cavallo Felice dove una strada bianca
troverà molto facile rag- costeggia nuovamente
giungere la spiaggia a l’argine alla vostra
poche centinaia di metri destra e l’oasi di Punte
e risalire verso Nord Alberete alla vostra sini-
lungo il bagnasciuga stra. Si prosegue diritto
fino a raggiungere per la strada bianca fino
la foce del Lamone. alla sua fine per poi
Si parte costeggiando proseguire risalendo
all’esterno l’argine sul colmo dell’argine
destro del Lamone dove del fiume Lamone.
>

1° giorno distanza
31 km.
San Romualdo
Mezzano
tempo percorrenza
carta 2 ore 6

allevamento
scuderia “La Torre”

>
A questo punto si che vi porterà di nuovo invece proseguire attra- Mezzano, piccola loca-
prosegue sempre diritto sul colmo. Percorrete versare la strada e conti- lità in provincia di
seguendo il corso del ancora 5,5 Km. ricordan- nuare diritto sull’argine Ravenna.
fiume sull’argine che do che siete sempre per 8,5 Km. fino a che Attenzione all’attraver-
si può percorrere sia sull’argine destro, ed non sarete in vista della samento della statale:
sul colmo ed in parte incontrerete di nuovo ferrovia. Poco prima, è una strada molto traf-
sulla panca esterna fino una strada asfaltata potrete scendere con ficata con scarsa visibi-
a raggiungere un primo con relativo ponte, poco una rampa verso l’inter- lità per il traffico prove-
attraversamento di stra- trafficata, strada che da no del fiume e passare niente dalla vostra
da asfaltata con relativo Torri di Mezzano condu- sotto al ponte ferrovia- destra.
ponte, strada che da ce a Savarna. A questo rio e risalire immediata-
Ravenna porta a punto c’è la possibilità mente a sinistra lungo
S. Alberto. Questo attra- di fare tappa un breve sentiero che
versamento può essere all’Allevamento vi riporta di nuovo sul
effettuato facilmente Scuderia La Torre di colmo. Avrete percorso
passando sotto al ponte Savarna. Per raggiun- circa 600 metri prima
dalla parte interna del- gerlo attraversare il di incrociare la strada
l’argine proseguendo ponte di Grattacoppa e Reale, strada asfaltata
sempre diritti all’interno seguire l’indicazione che da Ravenna condu-
fino alla prima rampa sulla carta. Per chi vuole ce a Ferrara. Siete a
1° giorno distanza
31 km.
Villanova Traversara

carta 3 tempo percorrenza


ore 6
Dopo aver attraversato a Villanova (fino a poco
la statale proseguite tempo fa vi era un
sempre sull’argine, ponte militare con piano
dopo circa 4 Km. vedre- in tavole di legno).
te dalla parte opposta Ricordando ancora
del fiume il campanile che siete sull’argine
di Villanova di destro del fiume
Bagnacavallo, piccolo Lamone, proseguite
paese noto per sempre diritto ancora
la lavorazione delle per 4 Km. circa e
erbe palustri. avrete raggiunto il Cte
Proseguite diritto di Santerno, ai piedi
sull’argine attraversan- del fiume, punto sosta
do la strada che con eventuale per la prima
un ponte conduce giornata di viaggio.
2° giorno distanza
30 km.
Bagnacavallo
Boncellino
tempo percorrenza
carta 4 ore 6

Proseguendo oltre e risalite dopo circa 200


al Cte poche centinaia metri. Ricordiamoci che
di metri sempre sull’ar- dal ponte di Traversara
gine si raggiunge un siamo sull’argine sini-
ponte stretto e a senso stro del fiume Lamone.
unico alternato; è consi- Alla prima rampa a
gliabile attraversarlo con destra raggiungete
il cavallo alla mano e la strada asfaltata sotto-
subito dopo il ponte pro- stante (via Boncellino)
seguire sull’argine a costeggiando una casa
sinistra. Alle vostre spal- abitata e proseguite fino
le avete lasciato il picco- a che la strada passa
lo centro abitato di sotto al ponte ferroviario
Traversara. Dopo circa (linea Ravenna - Lugo).
800 metri incontrerete Per un eventuale punto
l’autostrada, la attraver- tappa prima del ponte
sate passando comoda- girate a destra lungo
mente sotto con una una diritta carrareccia
rampa che prima scende che costeggia tutta la
e poi risale subito. ferrovia ed aggirando
Percorsi altri 500 metri una vecchia casa canto-
la S.S. San Vitale incro- niera giungerete al
cia il vostro percorso. Mosquito Ranch.
Poco prima del ponte
scendete all’interno del-
l’argine, passate sotto
Tornando dal Mosquito dell’argine e dopo un
Ranch o se volete prose- breve tratto asfaltato
guire passate sotto al riprendete l’erba fino
piccolo ponte ferroviario al ponte della strada
e risalite sull’argine asfaltata via Madrara,
dopo 200 metri: atten- località Ponte di Ferro,
zione alla sbarra strada che da Russi
ai piedi della rampa. porta a Cotignola.
Noterete, subito dopo Attenzione all’attraver-
essere risaliti, all’interno samento a causa della
del fiume una piccola scarsa visibilità del traf-
cascata artificiale detta fico proveniente dalla
Il Muraglione, località vostra sinistra.
dove il famoso brigante Appena effettuato
Romagnolo Stefano l’attraversamento incon-
Pelloni detto il Passatore trerete la linea ferrovia-
traghettava i passanti ria Ravenna - Faenza,
da una parte all’altra del passate sotto all’interno
fiume. Proseguite sem- dell’argine e risalite
pre sull’argine fino a poco dopo.
raggiungere il piccolo
paese di Boncellino con
chiesa e campo sportivo
ai piedi dell’argine, con-
tinuate il vostro percor-
so sempre sul colmo
2° giorno distanza
30 km.
Verso Faenza

carta 5 tempo percorrenza


ore 6
Continuate il vostro
percorso sempre sopra
all’argine fino ad arriva-
re al ponte della
Castellina, ponte sulla
S.S. Faentina che da
Russi porta a Faenza.
Passate sotto all’interno
dell’argine e risalite
subito dopo. Proseguite
sopra all’argine per
diversi chilometri fino
a raggiungere il ponte
sopraelevato dell’auto-
strada A14. Passate
all’interno e risalite
subito, qui troverete
un ponte che vi porterà
sull’argine opposto,
proseguite a destra sul-
l’asfalto. La strada scen-
de dall’argine, ma voi
proseguite sopra facen-
do attenzione alla sbarra.
distanza
2° giorno
30 km.
Faenza e Laghetto
del Sole tempo percorrenza
ore 6
carta 6

Faenza
Continuate il percorso Faenza. Attraversate la percorso risale ed incon-
alternando a seconda strada sempre con atten- trate la strada asfaltata.
delle possibilità il colmo zione e proseguite sull’a- Proseguite sull’asfalto
dell’argine e la zona sfalto ai piedi del fiume per alcune centinaia di
esterna ai piedi dell’argi- fino a passare sotto al metri fino ad incontrare
ne fino ad intravedere ponte della via Emilia e un gruppo di case.
l’abitato di Faenza. appena passati il sotto- Imboccate la stradina a
Passate sotto il ponte passaggio risalite sull’ar- destra, in mezzo alle
della linea ferroviaria gine erboso e proseguite case, fino a ritornare a
Faenza-Forlì, risalite fino ad incontrare un’al- bordo torrente. Seguite il
immediatamente e poco tra strada asfaltata che torrente fino ad incrocia-
dopo vi troverete ad con un ponte alla vostra re la via Sbirra. Girate a
attraversare una strada destra porta a Faenza. In destra su questa strada
asfaltata. Dopo l’attra- quel punto esatto il tor- che diventerà bianca e si
versamento, facendo rente Marzeno si immet- avvicinerà dopo quasi un
attenzione al traffico cit- te nel fiume Lamone ed chilometro al torrente
tadino, proseguite lungo è proprio a questo punto Marzeno. Troverete alla
la pista ciclabile sopra che abbandonerete il vostra destra un guado,
all’argine e poco dopo fiume Lamone che vi ha solitamente con poca
arriverete ad un altro accompagnato per molto acqua, attraversatelo
attraversamento di stra- tempo. Attraversate la e prendete la sterrata
da asfaltata con relativo strada e scendete all’in- di fronte che sale legger-
ponte. Alla vostra sini- terno dell’argine del tor- mente scavata nella
stra una fontana, mentre rente Marzeno. Seguite il collina e raggiungerete
alla vostra destra il ponte corso d’acqua verso poco dopo una strada
che porta al centro di monte fino a quando il asfaltata.
3° giorno distanza
29 km.
Marzeno
Torre di Ceparano
tempo percorrenza
carta 7 ore 6

Dalla vostra cartina note- un ponte molto stretto


rete un incrocio: girate a sul torrente Marzeno il
sinistra e poi nella prima percorso si diparte sulla
strada ghiaiata a destra. destra lungo il torrente ai
Dopo poche centinaia di piedi di campi coltivati. Vi
metri arriverete ad una ricordo che vi trovate già
cabina Enel. Svoltando a sulle prime colline
sinistra si raggiunge faentine. Seguite
dopo circa 500 m. l’even- il corso del torrente dopo
tuale punto sosta aver oltrepassato un rivo-
Agriturismo Laghetto del lo troverete una rampa
Sole. Volendo invece pro- ampia in salita che vi por-
seguire attraversate il terà obbligatoriamente
cortile dell’unica casa sopra a campi coltivati a
colonica nelle vicinanze e frutti ed infine alla strada
raggiungete la strada Modiglianese. Vedrete
asfaltata parallela a quel- alla vostra sinistra il cam-
la che avete appena panile della chiesa di
abbandonato e girate Rivalta ed affiancato il
a sinistra lungo l’asfalto cimitero proprio a bordo
(poco traffico): attenzio- strada. Attraversate pro-
ne strada stretta. prio di fronte a dove siete
Seguendo la strada usciti facendo attenzione.
con l’aiuto della carta A bordo strada attraver-
vi accorgerete che cin- sate su un piccolo ponti-
quanta metri prima di cello un rivolo per rag-
giungere subito una pic- gete la strada asfaltata l’aiuto della carta, attra-
cola strada asfaltata che che porta a Modigliana. versando campi e frutteti
percorsa alla vostra A seconda delle possibi- arriverete ad una strada
destra in salita per poche lità rimanete a lato nei bianca. Prendete a sini-
centinaia di metri vi campi ora a destra poi stra in salita e fate atten-
porterà al centro Amico a sinistra per circa un chi- zione ad imboccare dopo
Cavallo, punto sosta lometro fino ad incontra- 600 m. circa una carra-
per cavalli e fine seconda re sulla vostra sinistra la reccia sterrata ed erbosa
tappa. via Ceparano, strada che diparte verso la Torre
asfaltata che dopo un di Ceparano. Attenzione
Partendo dal centro breve tratto pianeggiante alla folta vegetazione cre-
Amico Cavallo dovete, oltrepassa il torrente sciuta ai lati della carra-
con l’aiuto della carta Marzeno e comincia a reccia. In vista della torre,
e possibilmente con l’aiu- salire in curva. Dopo il girate attorno ad essa
to del gestore del centro, ponte 250 metri, sulla lasciandola alla vostra
Francesco, raggiungere e carta località Campora, sinistra leggermente
oltrepassare di poco la prendete a destra e pro- sopra di voi ed imboccate
località di Marzeno pas- seguite per circa 900 un piccolo sentiero con
sando a mezza costa metri per poi salire a segnavia bianco - rosso
della collina più o meno destra in salita lungo una CAI. Percorretelo in disce-
paralleli alla strada carrettabile. sa per breve tratto e sbu-
Modiglianese, usufruen- Raggiungerete cherete in un crinale con
do di carraie in mezzo in poco tempo una casa calanchi a scendere sia a
alle coltivazioni. rurale alla vostra sinistra, destra che a sinistra con
Appena oltrepassato proseguite diritto per lo un bellissimo panorama.
il centro abitato raggiun- sterrato e sempre con
3° giorno distanza
29 km.
Modigliana

carta 8 tempo percorrenza


ore 6
Imboccate la ripida car- ancora una volta a porta a Lutirano imbu-
rareccia a destra e bordo campo, ma sul cate uno stradello per
seguendola scendete lato opposto (seguite la poi girare subito a sini-
verso valle. Dopo aver carta). Arrivati ad un stra in salita, fra le case
oltrepassato una vec- bivio prendete la strada un sentiero via Crucis
chia casa che terrete di sinistra. Prima del che incrocerà una stra-
sulla vostra destra, con- ponte sul torrente svol- da asfaltata via dei Frati.
tinuate a scendere fino tate a destra nella car- Percorretela alla vostra
a giungere ad un ponti- rareccia a bordo dei destra continuando a
cello sul torrente frutteti. Seguitela fino salire per diversi chilo-
Marzeno. Attraversato il ad un guado. metri poi diventerà stra-
ponte, girate subito a Attraversandolo, arrive- da bianca, una volta
sinistra in una strada rete al Centro privato La raggiunto il crinale.
bianca che seguirete, Brileta, dove potrete far
passando davanti alla rifocillare il cavallo.
Chiesa di Tossino, fino Ripartendo dalla Brileta
alla Modiglianese. imboccate la ghiaiata di
Attraversate questa accesso al Centro, che
strada e girate a sinistra sale verso i Cimiteri.
subito dopo il muro. Arrivati sulla asfaltata
Seguite la Modiglianese girate a destra, raggiun-
a bordo campo per circa gete il centro di
400 m. fino a quando Modigliana e quindi il
non potrete più prose- sagrato della Chiesa.
guire e dovrete riattra- Fra la strada che porta a
versarla. Proseguite Tredozio e quella che
3° giorno distanza
29 km.
Abeto
tempo percorrenza
carta 9 ore 6

Lungo questa strada, appena raggiunto il


dopo circa due chilome- confine fra Romagna e
tri da quando diventa Toscana. Alla casa scen-
bianca, vedrete salire a dete per la strada bian-
destra una ripida carra- ca a destra e percorrete-
reccia sassosa (con la tutta fino a fondo
sbarra) che vi potrà con- valle, sbucherete proprio
durre al Centro Equestre di fianco all’agriturismo
Il Lineto, con ospitalità Il Querceto in terra
cavalli. Proseguendo Toscana, località Abeto.
invece sulla strada, Il Ricovero cavalli di pro-
ampia e comoda e quasi prietà dell’agriturismo
tutta in piano, arriverete si trova a 500 metri
al Monte Monsignano sulla destra dell’agrituri-
ed alla località Cesata smo. Portatevi davanti
che si limita ad una casa all’agriturismo e
con cappella. Avete lasciandolo alla vostra
Il Lineto

sinistra, proseguite Di lato al rifugio dove


in piano per poche la strada fa una curva
centinaia di metri fino in salita si diparte un
ad attraversare il torren- sentiero con segnavia
te Acerreta per poi gira- bianco - rosso CAI.
re immediatamente a Prendete il sentiero
sinistra sempre lungo la ricordandovi che da ora
strada. in poi percorrerete dei
Raggiungete in breve la sentieri di montagna,
strada principale asfal- niente di pericoloso e
tata che da Modigliana difficile, ma occorre pre-
porta a Lutirano. stare comunque atten-
Svoltate a destra per zione e scendere da
cento metri e troverete cavallo qualora sia il
una strada che sale caso. Percorrete il sen-
lateralmente alla vostra tiero per alcuni chilome-
sinistra.Imboccate que- tri, senza mai perdere
sta strada asfaltata, ma d’occhio il segnavia,
con traffico scarso e sbucherete su una stra-
dopo diverse curve e da bianca che attraversa
tornanti in salita, rag- il crinale.
giungerete in località
Pian di Sopra, una picco-
la piana con ritrovo esti-
vo per gite organizzate.
distanza
4° giorno
14 km.
Marradi
tempo percorrenza
carta 10 ore 4
Percorretela alla vostra diroccate della località Raggiungete i recinti
destra in leggera disce- Valcava. Passate fra risalendo il Rio del Salto
sa per alcune centinaia i ruderi ed imboccherete e godetevi l’ospitalità
di metri e con l’aiuto un sentiero che breve- di Vincenzo al maneggio
della carta salite alla mente vi porterà sul La Casetta.
vostra sinistra lungo crinale opposto. Qui il nostro viaggio fini-
una sterrata molto Vi ricordo di chiudere sce, ma non è lontano
ripida per raggiungere tutti i cancelli che trove- il punto di inizio
il crinale. rete sul percorso per dell’ippovia toscana.
Non abbiamo più a evitare la fuga del
nostra disposizione bestiame al pascolo!!.
il segnavia del CAI Raggiunto il crinale,
e dobbiamo aiutarci incrocerete obbligato-
con la carta. Da questo riamente il largo sentie-
punto in poi tenete gli ro che da Marradi porta
occhi ben aperti perché a Gamogna. Ignoratelo
bisognerà imboccare e tagliate giù per il ver-
uno stradello a destra sante opposto da dove
che scende in mezzo siete risaliti lungo le
alla vegetazione “como- piste del pascolo fino ad
do, ma poco visibile incontrare un sentiero
l’imbocco”. Una volta che vi porta a fondo
imboccato lo stradello, valle. Siete già da tempo
percorretelo tutto fino dentro ai sentieri che
a fondo valle dove Vincenzo Moffa usa per
troverete alcune case fare passeggiate.
Il Lupo Maneggio Bertelli Ippoverde
Centri ippici, via S. Alberto 356 via Monte Colombo 6 Via Berlinguer 11
S. Eufemia (Ra) Riolo Terme (Ra)
ricoveri e San Romualdo (Ra)
0544-483321 339-3584554 www.ippoverde.it
punti sosta/
Numeri utili La Valletta Maneggio Baraccati Pietro
Numeri utili
via Forello 21 via Valpiana 5
I nominativi qui sotto elencati
S. Alberto (Ra) Brisighella (Ra)
possono risultare utili in caso
0544-528119 339-2450872
di necessità; non hanno
alcun legame o convenzione
Centri ippici, ricoveri Circolo Ippico La Marchesa Fregnano e Fregnanello
particolare con l’Ippovia
e punti sosta via Destra Canale 5 via Baccagnano 37
S. Savino (Ra) Brisighella (Ra)
Veterinari:
Circolo Ippico Ravennate 0545-52815 0546-81536
Mauro Molineris 335-5623366
via delle Valli
Mauro Gaddoni 337-594547
Marina Romea (Ra) Cte Santerno Il Poggiolo
Roberto Gottarelli 335-6144403
sede estiva 0544-446646 via Argine Destro Lamone 1 via Sintria 9
Onofrio Fabretti 348-2714413
sede invernale 0544-451043 Santerno (Ra) Valdifusa
Elena Tabanelli 335-8184863
0544-417496 Casola Valsenio (Ra)
Vincenzo Marzola 335-209136
Tenuta Augusta 0546-73049
Matteo Galliani 335-427253
S.S. Romea Nord al Km 11 Mosquito Ranch
via A. Poggi 8 - Mandriole (Ra) via S. Gervasio 20 Cà Budrio
Maniscalchi:
0544-449015 Bagnacavallo (Ra) via Serra 12
Franco Garoia 339-2144036
338-7330495 Baffadi
Werter Battistini 333-2153938
Circolo Ippico Cavallo Felice 0546-75129
Gabriele Visani 335-5729532
via Baiona 310 Centro Civico Rioni 0546-663334
Jonathan Venzi 348-2221364
Porto Corsini 0544-446355 via Sant’Orsola
Luca Guidorzi 348-2727411
Faenza (Ra) CE Brileta di Liverani Luigi
Bruno Ginepri 335-7031301
Circolo Ippico La Piallassa Sig. Savio 338-1747476 Modigliana (FC)
Maurizio Casadei 339-2339439
via Trieste 356 347-2845174
Marina di Ravenna (Ra) Amico cavallo
Trasportatori:
0544-531880 via Montespada 1 Il Querceto
Roberto Angelini 339-2350123
Faenza (Ra) Abeto di Lutirano
Valerio Grilli 336-568886
Circolo Ippico Equiland Club 0546-40283 Marradi (Fi)
via Staggi 199 055-8049900
Quadri tecnici FITETREC-ANTE
Porto Fuori (Ra) Il Laghetto del Sole
provinciali:
0544-421065 via Pittora 37 La Casetta
Claudio Cotignoli
Faenza (Ra) Marradi (Fi)
338-7330495
Cte B&B Bosca 0546-642196 055-8045094
Claudio Giovannini
via Bosca 64 - Classe (Ra)
349-4654535
339-4485162 Casetta dei Frati Centro turistico equestre
Giovanni Mazzanti
via dei Frati 8 "Il Lineto"
347-0547223
F.lli Valentini Modigliana (Ra) via Marradese 63 - 65
via Adda 3 - Savio (Ra) 0546-941445 47015 Modigliana (FC)
Sellerie:
0544-939575 0546-942423
Sisal fibre (Imola)
Cà de Gatti 339-4935284
0542-640131
La Casina Valentini via Roncona 1
La Nuova Cavallerizza (Forlì)
via dei Lombardi 66 S. Mamante in Oriolo Allevamento "La Torre"
0543-84757
Savio (Ra) Faenza (Ra) via Chiesa Vecchia 9
Selleria La Bizantina
0544-939213 0456-32037, 0546-642202 Savarna (RA)
(Ravenna)
0544-532189
0544-455095
Circolo Ippico Sole e Sale Torre del Marino 339-8292181
via Cervara 1 - Cervia (Ra) via Torre del Marino 45
0544-975088 Brisighella (Ra) Bed&Breakfast
0546-89190 "Il Tiglio"
Cte La Manera Via Carraia del Fiume 3
via Staggi 166 Valpiana Savarna (RA)
Porto Fuori (Ra) via Tura 7 - Brisighella (Ra) 0544-532189
0544-433247 0546-88050 338-1075600
Provincia di Ravenna Progetto grafico
Assessorato al Turismo Image (Ra)
piazza dei Caduti
per la Libertà, 2/4 Coordinamento
48100 Ravenna Tiziano Fiorini
tel. 0544 506011
fax 0544 506024 Art direction
ravennaintorno@mail.provincia.ra.it Massimo Casamenti
www.racine.ra.it/ravennaintorno
Foto
Lino Bottaro, autori vari
Archivio FITETREC-ANTE,
Archivio fotografico della
Provincia di Ravenna

Stampa
Tipografia Moderna, Ravenna

aprile 2006
Questa edizione modifica la precedente pubblicazione,
aggiornando in particolare tutti quei riferimenti utili
a trovare un supporto logistico nell’organizzazione
e nella realizzazione del proprio viaggio: centri
ippici, ricoveri, punti di sosta.
Per le restanti parti, la pubblicazione ripropone
l’edizione 2001, aggiornata e significativamente
innovativa rispetto alla prima edizione del 1993.
Le Guide e gli Accompagnatori della FITETREC-ANTE
saranno sempre disponibili a darvi una mano
ed un consiglio. Prepariamoci dunque per il viaggio
senza trascurare nulla, ma soprattutto prepariamo
in modo adeguato il nostro cavallo, che
naturalmente sarà il nostro compagno di avventura.