Sei sulla pagina 1di 4

ESERCITAZIONE 6

Esercizio 1

Si

di un circuito RC.

consideri la configurazione circuitale riportata in figura, utilizzata per studiare il comportamento

!" !
!"
!

In

cui valori di frequenza e di ampiezza sono riportati in tabella. Utilizzando l’oscilloscopio sono stati misurati i valori di ampiezza e di sfasamento del corrispondente segnale sinusoidale in uscita dal circuito (eccetto che per frequenza f = 132.6 Hz).

ingresso al circuito sono stati applicati, mediante il generatore di funzione, segnali sinusoidali i

Frequenza (Hz)

A (ingresso)

A (uscita)

Angolo di

Guadagno

Guadagno (dB)

(V)

(V)

sfasamento (°)

2

1

1

0

   

20

10

10

-8

   

132.6

1

       

320

10

3.8

-67

   

16 K

100

0.8

-90

   

La figura 1 riporta le tracce osservate sullo schermo dell’oscilloscopio per la frequenza di ingresso f

= 132.6 Hz Ch 1 Ch 2
= 132.6 Hz
Ch
1
Ch 2

Figura 1

guadagno verticale = 500 mV/div

1

1.1 Completare la tabella, utilizzando la figura 1 per stimare l’ampiezza del segnale sinusoidale in uscita a frequenza f = 132.6 Hz e lo sfasamento e calcolando il valore del guadagno alle diverse frequenze.

1.2 Sulla base della precedente tabella, stimare il guadagno statico G 0 , la frequenza di taglio f t , la pulsazione di taglio t e la costante di tempo , riportando le rispettive unità di misura.

1.3 Sapendo che la capacità C = 100 nF, qual è il valore della resistenza R?

1.4 Scrivere l’espressione della funzione di risposta armonica del sistema G(j )e l’espressione della risposta al gradino unitario z U (t).

Generare un file .m che esegue i seguenti punti:

1.5 Genera il modulo (non in dB) e l’argomento (in gradi) della funzione di trasferimento del filtro in esame, per valori di compresi tra 10 0 e 10 5 rad/s con passo unitario.

1.6 Grafica il diagramma dei moduli e il diagramma delle fasi, visualizzando anche la griglia (istruzione grid).

1.7 Genera il segnale di ingresso e il segnale di uscita in corrispondenza alla frequenza di taglio, su un intervallo di tempo pari a 2 T (T = periodo), con passo sufficientemente fitto. Per determinare esattamente l’ampiezza e lo sfasamento del segnale di uscita, si utilizzi il modulo e l’argomento delle funzione di risposta armonica del sistema.

1.8 Visualizza i due segnali in uno stesso grafico.

1.9 Genera il segnale x(t) su un intervallo di 2 secondi, usando un t molto fitto (5000 punti), essendo il segnale x(t) così definito:

x(t) = x 1 (t)+x 2 (t)+x 3 (t) x 1 (t) è un segnale sinusoidale di ampiezza picco-picco pari a 6 V e frequenza di 1 Hz, x 2 (t) è un segnale sinusoidale di ampiezza picco-picco pari a 3 V e frequenza di 2 Hz e x 3 (t) è un segnale sinusoidale di ampiezza picco-picco pari a 2 V e frequenza 4 Hz.

1.10 Genera il segnale y(t) così definito:

y(t)=x(t)+r(t), dove r(t) è un rumore sovrapposto i cui valori sono uniformemente distribuiti nell’intervallo [-1 1] V.

1.11 Visualizza in una stessa figura, ma in due grafici separati (istruzione subplot), il segnale affetto da rumore y(t) e il segnale utile x(t)

1.12 Filtra il segnale y(t) usando il circuito in esame (istruzioni tf e lsim), e visualizza in uno stesso grafico il segnale y(t) e il segnale filtrato z(t).

1.13 Si supponga di sostituire la resistenza R del circuito con una nuova resistenza R 1 di valore pari a 5.6 k . Determinare i nuovi valori di costante di tempo ( 1 ), pulsazione di taglio ( t1 ) e frequenza di taglio (f t1 ). Se si utilizzasse questo nuovo circuito per filtrare il segnale, il filtraggio del rumore risulterebbe migliore o peggiore?

1.14 Genera, la risposta del sistema al gradino unitario per i due valori di resistenza, sull’intervallo [0 6 max ], dove max è il maggiore tra e 1 , utilizzando un passo sufficientemente fitto e visualizza le due risposte in uno stesso grafico (riportare le righe di codice). Per quale valore di resistenza viene raggiunta più rapidamente la condizione di regime?

2

Esercizio 2 Il file ‘misure.txt’ contiene i valori applicati in ingresso ad un sistema reale (prima colonna) e i corrispondenti valori misurati in uscita dal sistema (seconda colonna). Si vogliono approssimare i dati mediante il seguente modello non lineare:

y =

A

x

x

0

.

e Determinare i valori dei parametri A, x 0 e K che meglio approssimano i dati sperimentali nel senso dei minimi quadrati, e visualizzare in uno stesso grafico i dati sperimentali e la curva interpolante. Utilizzare i seguenti valori iniziali per i parametri: A = 2; x 0 = 25; K =3.

1 +

K

Esercizio 3 Si consideri un paziente sottoposto a ventilazione artificiale. Il sistema ventilatore-apparato respiratorio del paziente può essere schematizzato mediante l’analogo elettrico riportato in figura, dove R è la resistenza delle vie aeree, C è la complianza equivalente polmoni-cassa toracica, p aw (t)

è la pressione dell’aria nelle vie aeree (riferita alla pressione atmosferica), p alv (t) è la pressione

dell’aria nello spazio alveolare (riferita alla pressione atmosferica), q(t) è la portata d’aria imposta dal ventilatore artificiale. Indichiamo infine con V alv (t) il volume d’aria nello spazio alveolare.

C

R q p alv p aw
R
q
p alv
p aw

Il ventilatore impone una portata d’aria q(t) periodica con la seguente forma d’onda (su un periodo):

0

q max
q max

T i

T e
T e
la seguente forma d’onda (su un periodo): 0 q max T i T e T resp
la seguente forma d’onda (su un periodo): 0 q max T i T e T resp
la seguente forma d’onda (su un periodo): 0 q max T i T e T resp

T resp

T resp è il periodo respiratorio, T i è la durata della inspirazione, T e è la durata della espirazione e q max

è il massimo valore della portata inspiratoria. Si noti che al termine dell’inspirazione, il flusso si annulla per un breve intervallo: questo intervallo di tempo è noto come pausa inspiratoria.

3

3.1 I valori di portata d’aria q(t) imposti dal ventilatore artificiale sono memorizzati nel file ‘flu_art.mat’. In particolare, tale file contiene una matrice (‘flusso’) di 2 colonne: la prima colonna contiene l’asse dei tempi (in s) e la seconda colonna contiene i corrispondenti valori

di portata (in L/s) imposti dal ventilatore artificiale per un solo ciclo respiratorio. Utilizzando

Matlab, graficare q(t), inserendo anche la griglia (riportare le righe di codice). Osservando il grafico, indicare la durata del periodo respiratorio T resp , la durata dell’inspirazione T i , la

durata dell’espirazione T e e il valore massimo della portata inspirata (q max ) in L/min.

3.2 Tenendo conto dell’analogia elettrica: pressione tensione, portata corrente, volume carica, scrivere le espressioni di p alv (t), V alv (t) e p aw (t) in funzione di q(t).

3.3 Siano R = 2.5 cmH 2 O·s/L e C = 0.11 L/cmH 2 O, si vuole determinare l’andamento di p aw (t), di p alv (t) e di V alv (t) utilizzando Simulink. A questo scopo, utilizzare il blocco From Workspace per importare la variabile ‘flusso’ dallo Workspace di Matlab in Simulink ed utilizzare un blocco To Workspace per ciascuna delle tre grandezze in esame per poi visualizzarle in Matlab.

3.4 Eseguire la simulazione in Simulink tra 0 e T resp . Indicare il valore massimo che raggiungono

le tre grandezze (V alvmax , P alvmax , P awmax ).

3.5 Durante la pausa inspiratoria, è presente un plateau nella p aw (t). Indicare il valore della pressione di plateau (P plat ).

3.6 Che relazione sussiste tra p aw (t)e p alv (t) durante le pausa inspiratoria (cioè quando il flusso si annulla)?

4