Sei sulla pagina 1di 3

P ROGETTO INFORMATICA E DIDATTICA

di Marina Andalò

IT A L I A N O

Piccoli scrittori
crescono
L a scuola non può ignorare il ruolo che gli strumen-
ti digitali svolgono, in maniera sempre più invasi-
va, nella vita dei suoi allievi. Questo non significa che
essa debba abbandonare gli strumenti tradizionali co-
me il libro, dei quali è indubbio il valore formativo. La
scommessa che gli insegnanti devono affrontare è riu-
scire a integrare vecchi e nuovi strumenti, portando
anche dentro al web i contenuti essenziali, che sono voltella, Media Education, La Scuola, Brescia 2005).
la base e la garanzia per la formazione della perso- Così come la frequentazione e l’uso dei libri garanti-
na. Il professor Pier Cesare Rivoltella, parlando del rap- scono la formazione di competenze utili per lo svilup-
porto tra educazione e nuovi media, asserisce: “L’e- po cognitivo e sociale dell’alunno, l’uso dei media di-
ducazione consiste nel fornire ai soggetti chiavi inter- gitali facilita lo sviluppo di altre competenze. Si trat-
pretative per vivere nella loro cultura. Sarebbe curio- ta dunque di riuscire a far crescere i nostri alunni in-
so che nel caso dei media questo non avvenisse. So- tegrando la cultura dei libri con la cultura del compu-
prattutto finirebbe per generare una divaricazione tra ter e della rete.
l’esperienza dei ragazzi e il sistema formativo finen- Nel presente contributo cercheremo di proporre alcu-
do per disorientarli: come se il mondo e la scuola, ne attività che ci consentono di utilizzare il computer
quello che vivono tutti i giorni e quello che i loro edu- e la rete per sviluppare le capacità di scrittura e di rie-
catori dicono, fossero due cose differenti” (da P.C. Ri- laborazione personale di testi e idee.

Percorso 1
CLASSI I e II – UN LIBRO DIGITALE
Un’abilità da sviluppare fin dalle prime classi è sicuramen-
DISCIPLINE COINVOLTE: te la capacità di dividere in sequenze un testo narrativo,
• Italiano / Italiano L2
di coglierne le fasi e i passaggi fondamentali e di riraccon-
OBIETTIVI DISCIPLINARI: tare la storia sia oralmente che per scritto. In rete trovia-
• Conoscere gli elementi costitutivi di una storia mo diversi software che ci permettono di costruire un li-
• Saper scrivere brevi frasi e didascalie bro digitale con testo e illustrazioni, che poi possiamo con-
TEMPI PREVISTI PER LO SVOLGIMENTO DEL PERCORSO dividere sul web, sfogliare al computer oppure stampare.
• 1 ora alla settimana per quattro settimane L’uso di questi software ha diverse implicazioni: da un la-
to i bambini sono costretti a individuare le sequenze da il-
SOFTWARE NECESSARI (liberamente scaricabili da internet) lustrare e quindi a operare scelte e ad agire sul testo letto
• Raccontami una storia: www.lacartellabella.com
• Costruisci una fiaba: www.impariamoascrivere.it
o inventato e poi a riscrivere le varie parti; dall’altra, nel mo-
mento in cui noi condividiamo in rete il nostro prodotto
digitale, portiamo nel web dei contenuti, in questo caso

LA VITA SCOLASTICA / n. 14 / 2011 25


Progetto informatica e didattica

una storia, che rendono internet un luogo non in antite- il nostro lavoro, quindi è importante prevedere una sessio-
si ai libri ma in cui i vari strumenti si integrano. ne di lavoro che possa concludersi per non perdere ciò
Uno di questi software è Raccontami una storia. È un che abbiamo fatto.
programma realizzato dall’insegnante Alina Savioli, che si Un altro software che ci permette di costruire una fiaba scri-
può usare on line e che permette di analizzare, costruire vendo i testi e scegliendo personaggi e ambienti è Co-
e scrivere una storia. struisci una fiaba.
• Colleghiamoci al sito http://www.lacartellabella.com/ • Colleghiamoci al sito http://www.impariamoascrive
fiabe/raccontami.htm re.it/giochi.php
• Clicchiamo su Gioca on line • Clicchiamo su Costruisci una fiaba e scegliamo Gioca
• Clicchiamo su Play e scegliamo uno dei tre percorsi pro- • Dopo aver letto la parte iniziale di spiegazione iniziamo
posti a costruire la nostra storia
• Se scegliamo “Come si scrive una storia?” ne possiamo • Inseriamo titolo e autore
scrivere una seguendo una guida che ci accompagna pas- • Scegliamo tra quelli disponibili i personaggi e l’ambien-
so passo attraverso tutti i momenti costitutivi te cliccandoci con il mouse e trascinandoli nell’apposito ri-
• Con l’opzione “Inventa una storia guardando le figure” quadro e poi descriviamoli nello spazio accanto
possiamo prendere spunto da im- • Procediamo quindi nelle varie
magini animate fasi della scrittura seguendo le in-
• Scegliendo “Scrivi una storia con dicazioni.
lettere e immagini” abbiamo a di- Alla fine possiamo salvare, rive-
sposizione stili e caratteri diversi, dere il nostro lavoro, animare le
nonché alcune “emoticon” per scene con l’aiuto di una bacchet-
personalizzare il nostro scritto. ta magica, modificare la nostra
fiaba e stamparla. Una volta sal-
Alla fine del percorso possiamo vato il lavoro, il titolo appare nel-
stampare la nostra storia oppure la pagina iniziale del programma
convertirla in .pdf scegliendo l’ap- e possiamo rivederlo e farlo rive-
posito programma dall’opzione dere quando vogliamo.
stampa e condividerla con chi vo-
La pagina iniziale del software
gliamo; non possiamo però salvare “Costruisci una storia”

Percorso 2
CLASSI III, IV e V – SCRIVIAMO IN UN BLOG
Uno dei problemi che spesso dobbiamo affrontare nel-
DISCIPLINE COINVOLTE:
l’insegnamento della lingua italiana è favorire la motiva-
• Italiano / Italiano L2
zione a produrre autonomamente testi scritti. Spesso chie-
OBIETTIVI DISCIPLINARI: diamo ai ragazzi di scrivere senza che essi ne sentano la
• Saper scrivere correttamente un testo necessità, gli stimoli giungono esclusivamente dall’inse-
• Usare un blog gnante, che ne resta anche l’unico destinatario. I ragazzi
TEMPI PREVISTI PER LO SVOLGIMENTO DEL PERCORSO: scrivono solo per rispondere a un’esigenza estrinseca o
• 1 ora alla settimana per quattro settimane per essere valutati, ma senza una reale motivazione. In
SOFTWARE NECESSARI (liberamente scaricabili da internet)
questo l’uso del computer e di internet ci offre un valido
• Wordpress http://it.wordpress.com/ aiuto, in quanto ci permette, attraverso la videoscrittura,
• Trool www.trool.it di scrivere in modo più agevole e senza la difficoltà esecu-
tiva grafica e, attraverso la condivisione in rete, di scrivere

26 LA VITA SCOLASTICA / n. 14 / 2011


Progetto informatica e didattica

per essere letti, cioè di scrivere per Da questo momento il nostro sito è at-
esprimere i nostri pensieri o le no- tivo e lo possiamo raggiungere digi-
stre esperienze, dando alla scrittura tando l’indirizzo https://nomeute
una valenza sociale. A questo scopo nte.wordpress.com.
è molto utile l’uso dei blog. Oggi
sembrano un po’ superati dai social Trool invece è un portale realizzato
network, tipo Facebook o Twitter, per favorire l’utilizzo sicuro del web da
che permettono una condivisione parte dei ragazzi. Per avere l’autoriz-
maggiore e più immediata. A scopo zazione a scrivere sul blog dobbiamo
didattico tuttavia il blog rimane uno seguire la seguente procedura:
strumento utile per potenziare le abi- • Inviamo una mail a trool@istitu
lità linguistiche e contemporanea- todeglinnocenti.it e attendiamo
mente per stimolare a un uso non l’invio di un codice classe
passivo della rete. Per usare i blog • Colleghiamoci al sito www.trool.it,
nella didattica abbiamo diverse pos- clicchiamo su Login e poi su Crea nuo-
sibilità. La prima è usare una piat- La pagina di Trool per creare vo profilo
taforma gratuita come Wordpress un nuovo utente • Nella scheda che appare creiamo il
e creare un blog di classe; oppure nostro avatar e inseriamo un nome
possiamo utilizzare una piattaforma già esistente come utente, un indirizzo e-mail e una password, scriviamo poi
Trool, il portale gestito dalla Regione Toscana e dall’Istitu- il codice che ci è stato assegnato e risolviamo il quesito ma-
to degli Innocenti, per far scrivere i post ai ragazzi. tematico.
A questo punto il nostro account è creato, ma siamo in
Wordpress è una piattaforma open source. La scelta di attesa di autorizzazione. Una volta che siamo stati auto-
tale strumento è dovuta alla sua immediatezza e facilità rizzati possiamo scrivere nel blog, ma i post che inseriamo
d’uso, oltre al fatto che è libera da banner pubblicitari. non vengono immediatamente pubblicati perché sono
• Colleghiamoci al sito http://it.wordpress.com/, clic- sottoposti alla supervisione di una redazione che ne con-
chiamo su Registrati ora e creiamo il nostro account trolla il contenuto. Sono invece liberi i commenti, quindi
• Scegliamo il nome del nostro blog e inseriamo un indi- ognuno di noi può in ogni momento dire la sua su ciò che
rizzo e-mail valido, su cui arriverà un link per l’attivazione scrivono gli altri.
dell’account
• Dalla scheda Il mio account clicchiamo su utenti e regi-
striamo gli alunni della classe autorizzandoli a pubblicare
i contenuti sul blog

Lavora con noi sul sito


www.lavitascolastica.it
Collegandoti al sito www.lavitascolastica.it > Area Extra >
Didattica > Progetto Informatica e didattica trovi:
1. link diretti da dove scaricare immediatamente i software necessari;
2. indicazioni e tutorial per usare Story jumper un utile programma
per creare libri digitali con testo e immagini;
3. spiegazioni più dettagliate per l’uso di Wordpress e di Trool;
4. riflessioni sull’utilità dei blog e proposte didattiche;
5. la presentazione del blog di una scuola vincitrice del premio
Il blog della scuola
di Arzignano
“A scuola di innovazione 2010”.

LA VITA SCOLASTICA / n. 14 / 2011 27