Sei sulla pagina 1di 7

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

Reg. delib. n. 2023 Prot. n.

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE

OGGETTO:
Modificazioni del decreto del Presidente della Provincia 28 marzo 2018, n. 2-77/Leg. (Regolamento
di esecuzione dell'articolo 21 della legge provinciale 17 settembre 2013, n. 19 (legge provinciale sulla
valutazione d'impatto ambientale 2013), in materia di autorizzazione unica territoriale, e modificazioni
del decreto del Presidente della Provincia 20 luglio 2015, n. 9-23/Leg., che dà esecuzione alla
medesima legge e modifica disposizioni regolamentari connesse).

Il giorno 13 Dicembre 2019 ad ore 08:15 nella sala delle Sedute


in seguito a convocazione disposta con avviso agli assessori, si è riunita
LA GIUNTA PROVINCIALE
sotto la presidenza del

PRESIDENTE MAURIZIO FUGATTI

Presenti: VICEPRESIDENTE MARIO TONINA


ASSESSORE ROBERTO FAILONI
STEFANIA SEGNANA
ACHILLE SPINELLI
GIULIA ZANOTELLI

Assenti: ASSESSORE MIRKO BISESTI


MATTIA GOTTARDI

Assiste: IL DIRIGENTE ENRICO MENAPACE

Il Presidente, constatato il numero legale degli intervenuti, dichiara aperta la seduta

Pag 1 di 5 RIFERIMENTO : 2019-D338-00206


Num. prog. 1 di 7
Il Relatore comunica:

Con decreto del Presidente della Provincia 28 marzo 2018, n. 2-77/Leg., è entrato in vigore dal 20
aprile 2018 il regolamento provinciale che, dando altresì attuazione a livello locale al decreto del
Presidente della Repubblica 13 marzo 2013, n. 59, disciplina il procedimento dell’autorizzazione
unica territoriale (AUT), che accorpa in un unico provvedimento il rilascio di una serie di
autorizzazioni in materia di tutela dell’ambiente dagli inquinamenti, di tutela del paesaggio e di
governo del territorio, improntandosi al principio di semplificazione e razionalizzazione delle
procedure e di riduzione dei relativi oneri amministrativi a carico delle imprese.
Considerata la rilevante e complessa portata innovativa della procedura amministrativa introdotta
con il predetto regolamento e al fine di sperimentarne e agevolarne l'armonica applicazione tra
ambiti diversificati che attualmente fanno capo a diverse strutture provinciali e ai Comuni, il
regolamento prevede un regime transitorio fino al 31 dicembre 2019 durante il quale la disciplina
dell'AUT nei casi delle autorizzazioni diverse da quelle già contemplate dal d.P.R 59 del 2013 si
applica solo se richiesto dal soggetto interessato, salvo specifiche eccezioni.
L'esperienza maturata nei primi diciotto mesi di applicazione del regolamento ha evidenziato la
necessità di specificare alcune fattispecie particolarmente controverse, anche nell'ottica di agevolare
la corretta interpretazione delle disposizioni da parte dei soggetti interessati.
Sotto il profilo procedurale, è emersa, altresì, l'esigenza di rideterminare alcuni termini relativi alla
fase di avvio del procedimento per quanto riguarda la necessaria verifica della documentazione
presentata a corredo della domanda di AUT e la conseguente eventuale richiesta di produrre
integrazioni volte al perfezionamento della domanda.
Il presente regolamento apporta quindi alcune modifiche al d.P.P. 2-77 del 2018 ritenute necessarie
e che riguardano, in particolare, l'art. 3, rubricato “Ambito di applicazione”, l'art. 5 “Avvio del
procedimento di AUT”, l'art. 10 “Modifiche dell'impianto o dell'attività” e l'art. 15 “Disposizioni
transitorie”. Lo schema di regolamento è suddiviso in quattro articoli, con il contenuto di seguito
sintetizzato.
L'art. 1 reca modificazioni all'art. 3 del d.P.P. n. 2-77 del 2018 volte a precisare l’ambito di
applicazione dell’AUT ed in particolare, che:

• la disciplina dell'AUT, in quanto rivolta alle imprese, si applica non solo alle imprese quali
soggetti giuridici, ma anche agli enti pubblici quando esercitano attività di impresa
(inserimento del comma 1-bis);
• è esclusa l'applicazione dell'AUT nel caso di procedimenti di sanatoria specificamente in
materia di edilizia (specificazione al termine della lettera a) del comma 10);
• è esclusa l'applicazione dell'AUT nel caso di autorizzazioni agli scarichi previste dall'art. 23,
comma 7-septies, del testo unico provinciale sulla tutela dell'ambiente dagli inquinamenti
1987, in quanto quest'ultima disposizione, recentemente introdotta nel testo unico, riguarda
un'ipotesi già di per sé semplificatoria del procedimento amministrativo che prevede il
rinnovo tacito dell'autorizzazione (inserimento della lettera b bis) nel comma 10).
L'art. 2 reca modificazioni all'art. 5 del d.P.P. n. 2-77 del 2018 volte a rimodulare i termini
procedimentali al fine, in particolare, di dare priorità alla fase di verifica preliminare di regolarità
formale delle istanze da parte della struttura provinciale competente ed alla fase dedicata
all’istruttoria di merito da parte dei servizi provinciali e dei comuni, riducendo invece la durata della
fase conclusiva del procedimento dedicata alla stesura dell’atto decisorio (sostituzione dei termini ai
commi 2 e 3 e inserimento di un termine intermedio al comma 4).

Pag 2 di 5 RIFERIMENTO : 2019-D338-00206


Num. prog. 2 di 7
L’art. 3 reca modificazioni al comma 6 dell'art. 10 del d.P.P. n. 2-77 del 2018 volte ad aggiornare la
casistica delle modifiche alle AUT già in essere che si ritengono di scarsa rilevanza e quindi non
soggette ad autorizzazione.
In particolare, alla lettera b) del comma 6, si specifica che la fattispecie che lo spostamento del
punto di immissione in atmosfera all’interno di uno stabilimento deve intendersi anche per le
emissioni in forma diffusa oltre alle emissioni in forma convogliata.
La lettera g) del comma 6 viene, invece, soppressa in quanto la fattispecie ivi indicata, ovvero la
modifica della disposizione planimetrica o della tipologia dei contenitori di rifiuti non pericolosi
all’interno di un insediamento, inizialmente considerata in via principale in funzione
dell’autorizzazione in materia di gestione dei rifiuti, può avere particolare rilevo anche ai fini
urbanistici e di tutela del paesaggio.
L’art. 4, infine modifica l'art. 15 del d.P.P. n. 2-77 del 2018 sostituendo il termine del 31 dicembre
2019 attualmente previsto oltre il quale, nei casi delle autorizzazioni diverse da quelle contemplate
dal DPR 59 del 2013, il procedimento dell’AUT si applica solo se richiesto dal soggetto interessato,
con il nuovo termine del 31 dicembre 2022, al fine di collaudare l’efficacia delle altre modifiche
apportate al regolamento prima della confluenza nel procedimento di AUT delle fattispecie
autorizzatorie attualmente facoltative.
Sui contenuti della presente proposta, in osservanza alle direttive per la predisposizione degli atti
normativi impartire con la deliberazione della Giunta provinciale n. 1444 del 2013, da ultimo
modificata con deliberazione n. 355 del 2017, è stato acquisito il parere preventivo obbligatorio
delle strutture di staff. L’Unità di missione strategica semplificazione e digitalizzazione si è espressa
con nota di data 14 ottobre 2019, prot. n. 631989 rilevando di non avere osservazioni per gli aspetti
di competenza. L’Unità di missione strategia affari istituzionali e attività legislativa ha trasmesso il
proprio parere favorevole in data 18 ottobre 2019, prot. n. 6444039.
Il Consiglio delle Autonomie locali, con parere del 14 novembre 2019, prot. PAT n. 712745, si è
espresso favorevolmente in ordine alle modifiche proposte e anche la competente Commissione
consigliare con parere dell’11 dicembre 2019.

Tutto ciò premesso,

LA GIUNTA PROVINCIALE

• visto l’articolo 21 della legge provinciale 17 settembre 2013, n. 19 (Disciplina provinciale


sulla valutazione d'impatto ambientale);
• visto il decreto del Presidente della Provincia 28 marzo 2018, n. 2-77/Leg. “Regolamento di
esecuzione dell'articolo 21 della legge provinciale 17 settembre 2013, n. 19 (legge
provinciale sulla valutazione d'impatto ambientale 2013), in materia di autorizzazione unica
territoriale, e modificazioni del decreto del Presidente della Provincia 20 luglio 2015, n. 9-
23/Leg., che dà esecuzione alla medesima legge e modifica disposizioni regolamentari
connesse”;
• visto il parere del Consiglio delle autonomie locali del 14.11.2019, prot. PAT n. 712745;
• visto il parere della competente Commissione consigliare dell’11 dicembre 2019;
• richiamati gli atti in premessa;
• ad unanimità di voti, legalmente espressi,

Pag 3 di 5 RIFERIMENTO : 2019-D338-00206


Num. prog. 3 di 7
DELIBERA

1. di approvare, per le motivazioni esposte in premessa, le modificazioni al decreto del


Presidente della Provincia 28 marzo 2018, n. 2-77/Leg, concernente “Regolamento di
esecuzione dell'articolo 21 della legge provinciale 17 settembre 2013, n. 19 (legge
provinciale sulla valutazione d'impatto ambientale 2013), in materia di autorizzazione unica
territoriale, e modificazioni del decreto del Presidente della Provincia 20 luglio 2015, n. 9-
23/Leg., che dà esecuzione alla medesima legge e modifica disposizioni regolamentari
connesse”, riportate nel testo allegato che costituisce parte integrante e sostanziale della
presente deliberazione;

2. di disporre la pubblicazione del presente provvedimento nelle forme di legge;

3. il decreto del Presidente della Provincia di emanazione delle modifiche al proprio decreto 28
marzo 2018, n. 2-77/Leg., entrerà in vigore il quindicesimo giorno successivo alla sua
pubblicazione nel Bollettino ufficiale regionale.

Pag 4 di 5 LM RIFERIMENTO : 2019-D338-00206


Num. prog. 4 di 7
Adunanza chiusa ad ore 09:45

Verbale letto, approvato e sottoscritto.


Elenco degli allegati parte integrante

001 Regolamento

IL PRESIDENTE
Maurizio Fugatti IL DIRIGENTE
Enrico Menapace

Pag 5 di 5 RIFERIMENTO : 2019-D338-00206


Num. prog. 5 di 7
REGOLAMENTO
concernente
Modificazioni del decreto del Presidente della Provincia 28 marzo 2018, n. 2-77/Leg
(Regolamento di esecuzione dell'articolo 21 della legge provinciale 17 settembre 2013, n. 19
(legge provinciale sulla valutazione d'impatto ambientale 2013), in materia di autorizzazione
unica territoriale, e modificazioni del decreto del Presidente della Provincia 20 luglio 2015, n. 9-
23/Leg., che dà esecuzione alla medesima legge e modifica disposizioni regolamentari
connesse).

Sommario
Art. 1...........................................................................................................................................2
Modificazioni dell’articolo 3 del decreto del Presidente della Provincia n. 2-77/Leg del 20182
Art. 2...........................................................................................................................................2
Modificazioni dell’articolo 5 del decreto del Presidente della Provincia n. 2-77/Leg del 20182
Art. 3...........................................................................................................................................2
Modificazioni dell’articolo 10 del decreto del Presidente della Provincia n. 2-77/Leg del 2018
....................................................................................................................................................2
Art. 4...........................................................................................................................................2
Modificazione dell’articolo 15 del decreto del Presidente della Provincia n. 2-77/Leg del
2018............................................................................................................................................2

Num. prog. 6 di 7
Art. 1
Modificazioni dell’articolo 3 del decreto del Presidente della Provincia n. 2-77/Leg del
2018

1. Dopo il comma 1 dell’articolo 3 del d.P.P. n. 2-77/Leg del 2018 è inserito il seguente:
“1 bis. La disciplina dell’AUT si applica anche agli enti pubblici quando esercitano attività di
impresa.”.
2. Nel comma 10 dell’articolo 3 del d.P.P. n. 2-77/Leg del 2018 le parole “nei seguenti
casi” sono soppresse.
3. Nella lettera a) del comma 10 dell’articolo 3 del d.P.P. n. 2-77/Leg del 2018 le parole
“procedimento di sanatoria” sono sostituite delle seguenti “procedimento di sanatoria edilizia”.
4. Dopo la lettera b) del comma 10 dell’articolo 3 del d.P.P. n. 2-77/Leg del 2018 è
inserita la seguente:
“b bis) alle autorizzazioni agli scarichi previste dall’articolo 23, comma 7 septies, del testo
unico provinciale sulla tutela dell'ambiente dagli inquinamenti 1987”.

Art. 2
Modificazioni dell’articolo 5 del decreto del Presidente della Provincia n. 2-77/Leg del
2018

1. Nel comma 2 dell’articolo 5 del d.P.P. n. 2-77/Leg del 2018 le parole: “Entro dieci
giorni” sono sostituite dalle seguenti “Entro venti giorni”.
2. Nel comma 3 dell’articolo 5 del d.P.P. n. 2-77/Leg del 2018 le parole: “Entro trenta
giorni” sono sostituite dalle seguenti “Entro quarantacinque giorni”.
3. Nel comma 4 dell’articolo 5 del d.P.P. n. 2-77/Leg del 2018 dopo le parole: “la
domanda o la documentazione presentate” sono inserite le seguenti “entro quaranta giorni dalla
data di ricevimento della domanda”.

Art. 3
Modificazioni dell’articolo 10 del decreto del Presidente della Provincia n. 2-77/Leg del
2018

1. Nella lettera b) del comma 6 dell’articolo 10 del d.P.P. n. 2-77/Leg del 2018 dopo le
parole: “punto di emissione in atmosfera” sono inserite le seguenti: “, anche se in forma
diffusa,”.
2. La lettera g) del comma 6 dell’articolo 10 del d.P.P. n. 2-77/Leg del 2018 è abrogata.

Art. 4
Modificazione dell’articolo 15 del decreto del Presidente della Provincia n. 2-77/Leg del
2018

1. Nel comma 3 dell’articolo 15 del d.P.P. n. 2-77/Leg del 2018, le parole: “fino al 31
dicembre 2019” sono sostituite dalle seguenti “fino al 31 dicembre 2022”.

Num. prog. 7 di 7