Sei sulla pagina 1di 8

Il patrimonio culturale del clarinetto

La struttura del clarinetto


Il clarinetto è diviso in cinque parti: il bocchino, il
barilotto, il pezzo superiore, il pezzo inferiore e la
campana.
Il bocchino è la parte a forma di “becco” che viene
messa in bocca dal suonatore. Il bocchino è
composto a sua volta da tre parti che sono: l’ ancia,
la fascetta ed il copri bocchino.
Il barilotto
Il barilotto è la parte che unisce il bocchino al resto
dello strumento. Le sue dimensioni determinano
l’ intonazione di tutto il clarinetto.
Pezzo superiore o della mano sinistra e pezzo inferiore o della
mano destra
Il pezzo superiore o della mano sinistra è la parte sulla quale si posiziona la mano sinistra. Qui
sono montate le chiavi e sono ricavati i fori necessari per ottenere tutte le note.
Il pezzo inferiore o della mano destra è la parte sulla quale si posiziona la mano destra. Le
caratteristiche di questo pezzo sono le stesse del pezzo superiore. Sul retro è applicato il
“poggiadito” grazie al quale il pollice destro è in grado di sostenere lo strumento.
La campana
La campana è la parte finale dello strumento. Ha
una forma molto conica che ricorda quella di una
campana. La sua funzione è quella di amplificare il
suono prodotto dallo strumento.
Un po’ di storia
Lo chalumeau ,ossia un antenato del clarinetto fu soggetto ad innovazione attorno al
1690 da parte di Johann Christian Denner, un artigiano di Norimberga. Lo strumento
di Denner aveva sei fori anteriori e uno posteriore e due chiavi chiuse, una posta
sopra i fori anteriori e l'altra su quello posteriore, che chiudevano altri due fori.
Successivamente Denner e i suoi figli hanno spostato il foro della chiave posteriore e
lo hanno rimpicciolito per poterlo utilizzare sia come chiave del Si♭, sia come foro
portavoce, aprendo quindi le porte del registro superiore o "registro di clarinetto".
Come è fatto il clarinetto
• Alcuni clarinetti molto economici possono essere
costruiti utilizzando diverse plastiche e resine varie. Il
clarinetto professionale e, invece, costruito in un
legno nero di nome “ebano”.
Realizzato da:
• Michela Vencia
Ciao clarinettisti!!!
Buon apprendimento di
questo bellissimo
strumento