Sei sulla pagina 1di 23

ESAME DI STATO A.S.

2018/2019
B-PARTE DISCIPLINARE

CONSUNTIVO DELLE ATTIVITA' DISCIPLINARI

1) MATERIA
Tecnologia e Progettazione di Sistemi Informatici e Telecomunicazioni

2) DOCENTE
Prof.Carosso Luca
Prof.Soldani Nicola

3) LIBRI DI TESTO ADOTTATI


Titolo: Tecnologia e Progettazione di Sistemi Informatici e di Telecomunicazione.
Autori: Paolo Camagni e Riccardo Nikolassy
Editore: Hoepli edizione 2014.

4) ORE DI LEZIONE EFFETTUATE NELL'A.S. 2018/2019 (considerando n. 33 settimane


di lezione)
N. ore 116 su N. ore 132 previste dal Piano di Studio

5) OBIETTIVI RAGGIUNTI (in termini di conoscenze, competenze e capacità):

Saper riconoscere gli stili architetturali fondamentali per sistemi distribuiti. Comprendere il
modello Client-Server. Avere chiaro il concetto di elaborazione distribuita. Le caratteristiche del
modello client-server. L’evoluzione del modello client-server. Avere chiaro il concetto di
applicazione di rete.
Saper riconoscere le diverse tipologie di sistema distribuiti. Saper classificare le architetture
distribuite. Individuare i benefici della distribuzione e i punti critici della distribuzione. Confrontare
la distribuzione con l’elaborazione concentrata. Scegliere i protocolli per le applicazioni di rete.
Individuare le diverse applicazioni distribuite.

Saper gestire i protocolli di rete . acquisire il modello di comunicazione in una network.


Conoscere il concetto di Socket. Conoscere le famiglie e le tipologie di Socket. Apprendere le
modalità di connessione del protocollo TCP e UDP. Conoscere la comunicazione multicast. Saper
utilizzare le caratteristiche della comunicazione con i Socket Java. Acquisire il protocollo UDP nel
linguaggio Java. Utilizzo delle classi Classe Socket e Server Socket. Saper realizzare una
comunicazione client server TCP o UDP in Java. Realizzazione di un server multiplo in Java.
Applicazioni multicast in Java.

Acquisire le caratteristiche della programmazione gerarchica. Sintassi e grammatica del linguaggio


XML. Conoscenza di XML , DTD , XMLSchema, XPath, XSLT. Gestione dei dati tramite file
XML. Conversione del dato XML in file HTML.

Realizzare e progettare una applicazione web. Acquisire le caratteristiche delle servlet. Conoscere il
ciclo di vita di una Servlet. Utilizzo di un container web. Conoscere i Tag HTML per l’inserimento
e l’invio di dati tramite metodo get e post.

1
A. S. 2018/2019 - Documento del 15/5 – Parte disciplinare –
GIUDIZIO ALUNNI
OTTIMO 3
BUONO 5
SUFFICIENTE 5
INSUFFICIENTE 2
GRAVEMENTE INSUFFICIENTE 1

6) CONTENUTI (vedi programma allegato).

7) METODO D'INSEGNAMENTO
Lezione in classe corredata da esempi, slide e dispense riassuntive prodotte dall’insegnante. Lezione
interattiva con interventi in laboratorio. Utilizzo dell’ambiente laboratoriale: ogni studente ha avuto
a sua disposizione un pc per testare quanto appreso nelle ore di lezione teoriche.

8) MEZZI E STRUMENTI DI LAVORO


Dispense, proiettore per slide, personal computer. Ambiente di sviluppo BlueJ, NetBeans.

9) SPAZI UTILIZZATI
Laboratorio Archimede.

10) TEMPI IMPIEGATI IN ORE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA DIVISO


IN MACROTEMATICHE

I sistemi distribuiti. 22h


I Socket e i protocolli per la comunicazione di rete. 66h
Il linguaggio XML. 22h
Le servlet. 10H
Sistema operativo Android 12H

11) STRUMENTI DI VERIFICA


Le attività di verifica proposte sono state di natura scritta ed orale e pratica. Gli studenti sono
stati chiamati, di volta in volta, a dimostrare la propria capacità di analizzare e sintetizzare gli
argomenti affrontati nella disciplina in oggetto, rapportandosi anche alle altre materie, nell’ottica
di un conseguimento di conoscenze trasversali e della capacità di organizzare una cultura tecnica
ad ampio respiro.

2
A. S. 2018/2019 - Documento del 15/5 – Parte disciplinare –
12) OSSERVAZIONI
La Classe è costituita da 16 allievi, due femmine e 14 maschi. La Classe risulta composta da 15
allievi che hanno effettuato il medesimo percorso didattico sin dal terzo anno e uno che si è inseriti
dal quarto anno. All'interno della Classe, in generale, si è evidenziata da parte di un terzo degli
alunni, una innata passione per la materia, ed una buona propensione alle attività scolastiche
domestiche da parte di alcuni ha reso i risultati più che positivi. Nel corso del primo quadrimestre i
richiami dell’insegnate allo studio domestico hanno permesso di raggiungere i risultati prefissati.
Nel secondo quadrimestre l’impegno e la partecipazione di buona parte degli allievi si sono fatti
più regolari eccezione fatta per due, in altri casi i risultati sono stati migliori delle aspettative. Nel
complesso la preparazione si può ritenere, per due terzi della Classe, buona, in alcuni casi anche
ottima, in un caso particolare eccellente. Si segnala inoltre un notevole numero di assenze da parte
di uno studente che ha reso assai difficile reperire le votazioni necessarie al giudizio finale.
Le lezioni si sono svolte dedicando un tempo considerevole allo studio insieme ai ragazzi, alla
visione del materiale didattico e alla ripetizione di alcuni argomenti, soprattutto degli anni
precedenti, per andare incontro a una migliore preparazione generale.
Due studenti hanno mostrato una certa superficialità nello studio domestico e qualche difficoltà
nella rielaborazione dei contenuti, anche a causa di lacune pregresse. In generale la maggior parte
degli studenti della classe ha saputo organizzarsi nello studio individuale, anche se è risultato in
alcuni casi programmato in prossimità delle verifiche anziché costante. La classe tuttavia ha saputo
organizzarsi nella gestione delle programmazione delle verifiche.
La partecipazione al dialogo educativo per la maggioranza degli studenti è stata sempre
responsabile.

Allegato: programma svolto nell'anno scolastico 2018/2019.

L’insegnante
( )

3
A. S. 2018/2019 - Documento del 15/5 – Parte disciplinare –
ESAME DI STATO A.S. 2018/2019

B-PARTE DISCIPLINARE
( da compilare da parte di ciascun docente )

CONSUNTIVO DELLE ATTIVITA' DISCIPLINARI

1) MATERIA Informatica

2) DOCENTE Prof. Ciomei Michele

3) LIBRI DI TESTO ADOTTATI Informatica per Istituti Tecnici Tecnologici di A. Lorenzi E.


Cavalli ISBN 978-88-268-1840-5

4) ORE DI LEZIONE EFFETTUATE NELL'A.S. 2018//2019 (considerando n. 33 settimane


di lezione)
N. ore 198 previste dal Piano di Studio
5) OBIETTIVI RAGGIUNTI (in termini di conoscenze, competenze e capacità):
Conoscere le caratteristiche e le funzionalità di un DBMS
Conoscere i fondamenti dell’interazione tra client, server e database in un’applicazione web
Saper progettare database
Saper implementare database con MySql
Saper realizzare semplici siti web dinamici sfruttando il linguaggio PHP.

6) CONTENUTI (vedi programma allegato).

7) METODO D'INSEGNAMENTO
Lezioni frontali, problem solving, schematizzazioni, progetti di gruppo.

8) MEZZI E STRUMENTI DI LAVORO


Utilizzo del proiettore, del laboratorio di informatica

9) SPAZI UTILIZZATI
Laboratorio di informatica, aula con dotata di LIM

10) TEMPI IMPIEGATI IN ORE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA DIVISO IN


MACROTEMATICHE

Modulo Descrizione Durata in ore Periodo

1 Le basi di dati 12 Primo Trimestre


Modulo Descrizione Durata in ore Periodo

2 La progettazione concettuale: il 44 Primo Trimestre


modello E/R

Modulo Descrizione Durata in ore Periodo

3 La progettazione logica: il modello 43 Primo Trimestre


relazionale

Modulo Descrizione Durata in ore Periodo

4 Lo standard SQL 43 Secondo


Pentamestre

Modulo Descrizione Durata in ore Periodo

5 La programmazione lato server: PHP 43 Secondo


Pentamestre
Modulo Descrizione Durata in ore Periodo

6 Preparazione all’esame di stato: 13 Secondo


progettazione database e sito web Pentamestre
dinamico

11) STRUMENTI DI VERIFICA


Test scritti, interrogazioni orali, prove pratiche
12) OSSERVAZIONI
Nessuna
Allegato: programma svolto nell'anno scolastico 2018/2019.

L’insegnante
( Ciomei Michele )
ESAME DI STATO A.S. 2018/2019
B-PARTE DISCIPLINARE
(da compilare da parte di ciascun docente)

CONSUNTIVO DELLE ATTIVITA' DISCIPLINARI

1) MATERIA: ITALIANO E STORIA

2) DOCENTE: RICCIO ANTONIO

3) LIBRI DI TESTO ADOTTATI:


- Baldi-Giusso-Razzetti-Zaccaria, L’attualità della letteratura, Paravìa (ITALIANO)
- Desideri-Codovini, Storia e Storiografia, D’Anna (STORIA)

4) ORE DI LEZIONE EFFETTUATE NELL'A.S. 2018/2019 (considerando n. 33 settimane


di lezione)
N. ore 150 su N. ore 169 previste dal Piano di Studio

5) OBIETTIVI RAGGIUNTI (in termini di conoscenze, competenze e capacità):


Il gruppo risulta composto da sedici ragazzi, due femmine e quattordici maschi, dei quali due con
DSA. La classe non ha goduto di una continuità didattica per quanto concerne la cattedra di Lettere.
Dal punto di vista disciplinare, nel corso dell’anno scolastico, gli alunni sono stati perlopiù educati
e corretti, ma non sono mancati episodi di inadempienza totale o parziale alle assegnazioni
domestiche e di assenze strategiche, in sede di verifica, ragione per la quale il rendimento della
classe è stato quasi sempre positivo, seppure con qualche discontinuità. Inoltre sono state riscontrate
notevoli difficoltà da parte di alcuni studenti nella produzione scritta, in particolar modo nel
redigere un’analisi del testo, un saggio breve o un tema di carattere generale. Una parte degli alunni
ha presentato con continuità valutazioni positive in entrambe le materie, grazie ad uno studio
costante e/o ordinato. Un’altra parte di essi presenta valutazioni intorno alla sufficienza, con una
tendenza molto evidente ad una preparazione finalizzata alle verifiche. Pochi i casi di insufficienza.
Per l’insegnamento della Letteratura si è cercato di fornire un inquadramento generale dell’autore, a
cui è seguita la trattazione di uno o più testi della sua produzione, la cui analisi è stata compiuta con
attenzione; in via occasionale, ci si è avvalsi della visione di film o di filmati. Per l’insegnamento di
Storia, invece, la spiegazione è stata integrata talvolta dalla lettura del libro di testo, dalla visione di
documentari, capaci di catturare l’attenzione dei discenti, talaltra da documenti o approfondimenti,
presenti sul libro oppure proposti dal docente. La capacità espositiva risulta nel complesso
sufficiente e per alcuni alunni discreta.
Gli studenti, giunti alla fine del loro percorso formativo, sono in grado di:
- leggere in modo autonomo diversi tipi di testo; - esporre in modo quasi sempre efficace gli
argomenti trattati; - analizzare i testi antologici, anche dal punto di vista stilistico e retorico,
proponendo semplici valutazioni critiche intertestuali; - analizzare le vicende letterarie
italiane e metterle in rapporto ai fatti storico-culturali; - strutturare un testo secondo le
tipologie previste dall’Esame di Stato, dimostrando una sufficiente competenza linguistico-
espressiva.

6) CONTENUTI (vedi programma allegato).

7) METODO D'INSEGNAMENTO

A. S. 2018/2019 - Documento del 15/5 – Parte disciplinare – 1


Le metodologie adottate sono state finalizzate allo stimolo della comprensione e allo sviluppo di
conoscenze e competenze in presentia e in autonomia.
Lo studio delle discipline è stato affrontato maggiormente secondo il metodo della lezione
frontale interattiva.
Italiano
Per l’insegnamento della Letteratura, dopo aver fornito un quadro generale sul contesto storico e
sulla corrente letteraria dell’autore da affrontare, ne veniva illustrata la biografia, la poetica e la
produzione letteraria. Lo studio delle opere letterarie è stato impostato mediante il supporto del
libro di testo o di fotocopie; l’analisi dei testi poetici e narrativi è stata svolta prestando
attenzione alle loro peculiarità stilistiche.
Storia
Per l’insegnamento di Storia, invece, la spiegazione è stata integrata talvolta dalla lettura del
libro di testo o di dispense, dalla visione di documentari, capaci di catturare l’attenzione dei
discenti, talaltra da documenti o approfondimenti, presenti sul libro oppure proposti dal docente.

Oltre alle lezioni frontali, sono state proposte:


- lezioni multimediali, attraverso l’uso della LIM;
- flipped classroom;
- peer tutoring;
- ricerche.

8) MEZZI E STRUMENTI DI LAVORO


I mezzi di comunicazione delle informazioni si sono articolati nelle seguenti forme:
- verbale;
- dispense;
- scritta (libri di testo, schede, dossier di documentazione, giornali);
- audiovisiva (diapositive, film, documentari).

9) SPAZI UTILIZZATI
Le lezioni si sono concentrate nell’aula della classe.

10) TEMPI IMPIEGATI IN ORE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA DIVISO


IN MACROTEMATICHE
ITALIANO
ARGOMENTI ORE
1. Leopardi 20
2. Contesto storico dell’età postunitaria 2
3. La contestazione ideologica e stilistica
degli Scapigliati 6
4. Il romanzo del secondo Ottocento in
Europa e in Italia:
- il Positivismo 4
- il Naturalismo francese (Madame Bovary
di Flaubert; Assomoir di Zolà) 16
- Verismo: Verga preverista, le tecniche
narrative, Novelle e Ciclo dei Vinti) 12
5. Giosue Carducci 5
6. Il Simbolismo in Europa e in Italia: 2
- Baudelaire e i poeti maledetti 4
- Giovanni Pascoli (la poetica del
fanciullino) 12

A. S. 2018/2019 - Documento del 15/5 – Parte disciplinare – 2


7. Tra fine Ottocento e primo Novecento:
- D’annunzio vita e pensiero: 2
tra Estetismo e Superomismo 5
il poeta 2
- Italo Svevo (Differenze tra Una vita e
Senilità da un lato e La coscienza di Zeno
dall’altro) 8
ANCORA DA SVOLGERE:
- Luigi Pirandello
- Ungaretti e l’Ermetismo

STORIA
ARGOMENTI ORE
1. Seconda rivoluzione industriale e società
di massa nella Belle Epoque 4
2. Il Nazionalismo e le grandi potenze
d’Europa e del mondo 5
3. L’Italia giolittiana 5
4. La Prima guerra mondiale 6
5. La Rivoluzione bolscevica (1917-24) 5
6. Il dopoguerra in Europa e nei domini
coloniali (India e Medioriente) 4
7. L’avvento del Fascismo in Italia 6
8. Crisi economica del ’29 e New Deal 2
9. Confronto tra i totalitarismi: 2
- Germania nazista 2
- Unione sovietica stalinista 2
- Italia fascista 2
10. La Seconda guerra mondiale 5
ANCORA DA SVOLGERE:
11. La Guerra fredda
12. Approfondimento sulla Costituzione

11) STRUMENTI DI VERIFICA


Prove tradizionali, come interrogazioni e verifiche scritte. Nello specifico:
- prove strutturate a risposta chiusa;
- prove strutturate a risposta aperta;
- prove semistrutturate;
- interventi dal banco;
- compiti a casa.
Le conoscenze e le capacità espositive dei ragazzi sono state analizzate attraverso interrogazioni e
prove semistrutturate, rispondenti ad un’impostazione che tenesse conto non solo degli aspetti
teorici, ma anche di quelli interpretativi, ambedue fondamentali in sede di discussione e di
valutazione delle prove.
Per quanto riguarda lo scritto di italiano è stato proposto un congruo numero di verifiche, relative
alle diverse tipologie della prova d’esame, della quale sono state effettuate due simulazioni, previste
dal MIUR.

12) OSSERVAZIONI

A. S. 2018/2019 - Documento del 15/5 – Parte disciplinare – 3


La discontinuità nell’insegnamento delle discipline storico-letterarie ha influito sul livello di
preparazione generale della classe che, già all’inizio dell’anno scolastico, rivelava diffuse lacune
nell’ambito delle conoscenze culturali e delle competenze linguistiche, particolarmente scritte o
relative all’analisi testuale. Inoltre, l’attività didattica, iniziata ad ottobre per il ritardo delle nomine
dei docenti di terza fascia, non è stata agevolata dalla concomitanza di svariati fattori, tra i quali la
discontinuità dell’impegno di taluni studenti, la scarsa attitudine per molti di loro ad uno studio
autonomo e costante e, infine, dalle ripetute sospensioni straordinarie del lavoro in classe. Per
queste ragioni, il docente ha optato: da un lato, per un lavoro educativo, volto all’assunzione di
comportamenti rispettosi dei contesti sociali e della vita associativa; dall’altro, per un lavoro
formativo, basato sulla lettura, sulla comprensione e sulla critica dei testi proposti, piuttosto che un
lavoro quantitativo che puntasse al nozionismo su un elevato numero di argomenti storici e letterari.

Allegato: programma svolto nell'anno scolastico 2018/2019.

L’insegnante
Antonio Riccio

A. S. 2018/2019 - Documento del 15/5 – Parte disciplinare – 4


ESAME DI STATO A.S. 2018/2019
B-PARTE DISCIPLINARE
( da compilare da parte di ciascun docente )

CONSUNTIVO DELLE ATTIVITA' DISCIPLINARI Classe 5a D

1) MATERIA MATEMATICA

2) DOCENTE DAVID LUCCHESI

3) LIBRI DI TESTO ADOTTATI


Corso base verde di Matematica – di Bergamini, Trifone, Barozzi
volumi 4A, 4B, 5 ed Zanichelli

4) ORE DI LEZIONE EFFETTUATE NELL'A.S. 2018/2019


(considerando n. 33 settimane di lezione)

N. ore 80 su N. ore 99 previste dal Piano di Studio

5) OBIETTIVI RAGGIUNTI (in termini di conoscenze, competenze e capacità):

 Saper studiare completamente funzioni irrazionali, esponenziali, logaritmiche


 Conoscere e saper applicare i teoremi sulle funzioni derivabili
 Conoscere gli integrali indefiniti, e saperli risolvere con le tecniche base
 Conoscere l’integrale definito e saperlo applicare al problema del calcolo delle aree
 Conoscere e saper risolvere le più elementari equazioni differenziali del primo ordine
 Comunicare in modo efficace sapendo utilizzare il linguaggio della matematica

Sulla base degli obiettivi sopra indicati, il profitto conseguito dalla classe (alla data
attuale) risulta così ripartito:

Livello Numero alunni


Buono-Ottimo 3
Discreto 2
Sufficiente 5
Insufficiente 5
Gravemente insufficiente 1

6) CONTENUTI (vedi programma allegato).

A. S. 2018/2019 - Documento del 15/5 – Parte disciplinare – 1


7) METODO D'INSEGNAMENTO

I contenuti sono stati proposti prendendo spunto, quando questo è possibile, da esempi e problemi
concreti, usando al contempo un linguaggio chiaro e intuitivo procedendo poi (gradualmente) alla
introduzione del (necessario) rigore del linguaggio matematico.
Si è in genere proposto un metodo induttivo cercando di risalire dal particolare di alcuni problemi
specifici al generale della formula/procedimento risolutivo universale. Particolare riguardo è stato
posto alle eccezioni e alla risoluzione dei casi tipici.
Fra le metodologie di trasmissione di apprendimento sono state utilizzate:
- lezione frontale dell’insegnante,
- lezione aperta agli interventi degli alunni in forma di discussione.
- studio individuale a casa con svolgimento dei compiti assegnati,
- colloquio allievo-docente per rilevare eventuali problemi, incertezze, e per l’individuazione di
concetti che necessitano di ripetizione.
La trattazione degli argomenti è stata svolta attraverso l’uso sistematico del libro di testo e di
esercizi guida per l’applicazione delle tecniche di calcolo apprese.

8) MEZZI E STRUMENTI DI LAVORO

Per le lezioni e le esercitazioni si è adoperato principalmente il libro di testo, e l’ambiente aula


tradizionale, talvolta (negli anni precedenti) lavagna multimediale e Geogebra.

9) SPAZI UTILIZZATI

Aula, lavagne tradizionali, lavagna LIM.

10) TEMPI IMPIEGATI IN ORE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA DIVISO


IN MACROTEMATICHE

 Studio di funzioni algebriche e trascendenti, teoremi sulle funzioni continue e derivabili


ore 22
 Integrali indefiniti, tecniche di integrazione ore 34
 Integrale definito, Teorema fondamentale del calcolo integrale, calcolo delle aree ore 18
 Equazioni differenziali ore 6

11) STRUMENTI DI VERIFICA

Per le verifiche formative ci si è basati principalmente sulle esercitazioni svolte a casa, in classe o
nelle verifiche in itinere mentre per le verifiche sommative si sono svolti nel primo trimestre: due
compiti scritti, una o due interrogazioni più un test a risposta multipla per l’orale. Nel secondo
pentamestre: due o tre scritti, una o due interrogazioni più un test a risposte chiuse per l’orale.
Allegato: programma svolto nell'anno scolastico 2018/2019.

Pescia 15 maggio 2019 L’insegnante


(Prof. D. Lucchesi)

A. S. 2018/2019 - Documento del 15/5 – Parte disciplinare – 2


ESAME DI STATO A.S. 2018/2019
B-PARTE DISCIPLINARE
( da compilare da parte di ciascun docente )

CONSUNTIVO DELLE ATTIVITA' DISCIPLINARI

1) MATERIA EDUCAZIONE FISICA

2) DOCENTE FABBRI FRANCO

3) LIBRI DI TESTO ADOTTATI Nessuno

4) ORE DI LEZIONE EFFETTUATE NELL'A.S. 2018/2019 (considerando n. 33 settimane


di lezione)
N. ore 60 su N. ore 66 previste dal Piano di Studio

5) OBIETTIVI RAGGIUNTI (in termini di conoscenze, competenze e capacità):


Le conoscenze acquisite dalla classe riguardano nozioni generali e specifiche di anatomia,
fisiologia e patologia essenziali per operare una prevenzione efficace soprattutto di malattie
cardiovascolari, respiratorie e osteo-articolari. Nell’ultima parte del programma si è curata
particolarmente l’alimentazione e la conoscenza dell’azione di determinati farmaci che possono
avere effetti collaterali e controindicazioni importanti.
Per quello che riguarda le competenze l’obiettivo raggiunto è stato quello di rendere gli studenti
non solo informati sugli argomenti trattati ma anche capaci di ragionare e riflettere sugli stessi, in
modo da approfondirli ulteriormente in futuro e farne un bagaglio definitivo nella propria crescita e
maturazione.
Le capacità ottenute sono quelle di riuscire a mettere in pratica efficacemente le conoscenze e
competenze suddette: uno degli scopi del lavoro svolto è stato quello di mettere gli studenti in grado
di effettuare una autovalutazione del proprio stato fisico e della propria salute e di impostare
autonomamente un programma motorio e alimentare adeguato. Altro obiettivo raggiunto è stato
quello di rendere gli studenti pienamente consapevoli dei meccanismi con cui certe abitudini di vita
o alimentari ( fumo, sedentarietà, obesità, sovraccarico, etc… ) provocano danni permanenti
all’organismo, diminuendo le aspettative di vita nonché la sua qualità; in tal modo hanno acquisito i
mezzi per poter operare una valida prevenzione.

6) CONTENUTI (vedi programma allegato).

7) METODO D'INSEGNAMENTO
Lezione frontale; lezione interattiva

8) MEZZI E STRUMENTI DI LAVORO


Modelli anatomici, LIM

9) SPAZI UTILIZZATI
Aula, palestra

A. S. 2011/2012 - Documento del 15/5 – Parte disciplinare – 1


10) TEMPI IMPIEGATI IN ORE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA DIVISO
IN MACROTEMATICHE
_________________________________________________________________________
_________________________________________________________________________
_________________________________________________________________________
_________________________________________________________________________
_________________________________________________________________________
_________________________________________________________________________
_________________________________________________________________________
_________________________________________________________________________
_________________________________________________________________________
_________________________________________________________________________

11) STRUMENTI DI VERIFICA


Verifiche orali e pratiche. Osservazione sistematica durante le esercitazioni di gioco

12) OSSERVAZIONI

Allegato: programma svolto nell'anno scolastico 2018/2019.

L’insegnante

A. S. 2011/2012 - Documento del 15/5 – Parte disciplinare – 2


ESAME DI STATO A.S. 2018/2019
B-PARTE DISCIPLINARE

CONSUNTIVO DELLE ATTIVITA' DISCIPLINARI

1) MATERIA:
Gestione Del Progetto E Organizzazione D’impresa

2) DOCENTE:
Prof.ssa Sapienza Agata Antonina

3) LIBRI DI TESTO ADOTTATI:


Titolo: “Gestione Progetto Organizzazione d’Impresa”
Autori: C. Iacobelli, M. Cottone, E. Gaido, G.M. Tarabba
Editore: Juvenilia Scuola; Mondadori.

4) ORE DI LEZIONE EFFETTUATE NELL'A.S. 2018/2019 (considerando n. 33 settimane


di lezione)
N. 81 ore su N. 99 ore previste dal piano di studi (valutazione al 30 aprile)

5) OBIETTIVI RAGGIUNTI (in termini di conoscenze, competenze e capacità):


Saper comprendere un progetto e pianificarlo in tutte le sue fasi, comprendendo le implicazioni
in termini di controllo dei tempi, anticipazione dei vincoli e delle opportunità.
Saper individuare gli elementi fondamentali per la gestione del team e dei conflitti, ossia delle
risorse umane e della comunicazione, nel project management.
Saper realizzare la Work Breakdown Structure e tracciare il Diagramma di Gantt per un progetto.
Saper utilizzare le tecniche reticolari per intervenire sulla modifica della durata di un progetto.

Comprensione dei concetti chiave che regolano le organizzazioni aziendali. Aver chiaro come
identificare la tipologia di struttura presente in una azienda e identificare le motivazioni che
determinano tale configurazione organizzativa.

Saper riconoscere la catena del valore di una organizzazione aziendale e i principi che regolano
la gestione per processi. Saper distinguere i processi primari da quelli di supporto.

Saper individuare il processo di produzione del Software, i ruoli e il rapporto cliente/fornitore.


Saper definire le attività presenti in un progetto Software, dall’analisi di fattibilità alla chiusura e
immissione sul mercato, del prodotto realizzato.

Saper riconoscere e valutare i principi della qualità del Software. Conoscere la normativa vigente
ISO 9000 e i sistemi per la gestione della qualità.

Saper distinguere e valutare pericoli e rischi in ambito lavorativo. Saper riconoscere gli obblighi
e le responsabilità per ogni soggetto dell’azienda. Saper individuare i riferimenti normativi vigenti
in materia di sicurezza sul lavoro.

6) CONTENUTI (vedi programma allegato).

A. S. 2018/2019 - Documento del 15/5 – Parte disciplinare – 1


7) METODO D'INSEGNAMENTO
Le lezioni sono state svolte in modo sia frontale che interattivo, utilizzando anche video, filmati,
presentazioni e lezioni di approfondimento, sia fornite dall’insegnante che autoprodotte dagli
studenti. E’ stata effettuata anche pratica in laboratorio. E’ stato inoltre realizzato il prodotto
“EcoWash” che ha partecipato alla manifestazione “Sì…Geniale!” che ha visto tutti gli studenti
entusiasticamente impegnati in tutte le fasi del progetto. (Vedi relazione allegata)

8) MEZZI E STRUMENTI DI LAVORO


Dispense, proiettore per slide e filmati.

9) SPAZI UTILIZZATI
Aula, Laboratorio Pascal.

10) TEMPI IMPIEGATI IN ORE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA DIVISO


IN MACROTEMATICHE

Elementi di economia e organizzazione aziendale 15h


Processi Aziendali 5h
Project Management e Progetti Informatici 49h
Qualità 15h
Sicurezza sul lavoro 15h

11) STRUMENTI DI VERIFICA


Prove pratiche. Verifiche orali. Prove scritte.

12) OSSERVAZIONI
Il gruppo classe, costituito da 15 allievi, ha mostrato curiosità ed interesse verso una materia dai
contenuti ritenuti inusuali per il loro indirizzo di studi, tendenzialmente ed esclusivamente pratico.
Per la maggioranza degli allievi il livello di interesse e di impegno durante l’anno scolastico si è
dimostrato via via crescente, portando all’acquisizione delle conoscenze degli argomenti affrontati,
approfonditi tramite la realizzazione di un vero e proprio prodotto integrando la produzione di Hw e
Sw con l’analisi della sua WBS.
Alcuni studenti presentano tuttavia difficoltà sia nell’esposizione che nella organizzazione dei
loro elaborati.
Alcuni alunni invece si sono particolarmente distinti, fin da subito, dimostrando una conoscenza
approfondita degli argomenti grazie al loro personale interesse e ad un’alta propensione all’attività
di studio domestico, raggiungendo una ottima preparazione.

Allegato: programma svolto nell'anno scolastico 2018/2019.

L’insegnante
(Agata A. Sapienza)

A. S. 2018/2019 - Documento del 15/5 – Parte disciplinare – 2


ESAME DI STATO A.S. 2018/2019
B-PARTE DISCIPLINARE
( da compilare da parte di ciascun docente )

CONSUNTIVO DELLE ATTIVITA' DISCIPLINARI

1) MATERIA Lingua Inglese

2) DOCENTE Liana Pennacchioni

3) LIBRI DI TESTO ADOTTATI


K. O’Malley “ English for New Technology” Pearson- Longman

4) ORE DI LEZIONE EFFETTUATE NELL'A.S. 2018/2019 (considerando n. 33 settimane


di lezione)
N. ore 86 su N. ore 99 previste dal Piano di Studio

5) OBIETTIVI RAGGIUNTI (in termini di conoscenze, competenze e capacità):


a) Stabilire rapporti interpersonali sostenendo una conversazione funzionalmente adeguata al
contesto e alla situazione su argomenti di carattere specifico all’indirizzo ;
b) Saper descrivere processi autonomamente con logica, correttezza lessicale e grammaticale;
c) Sapersi orientare nella comprensione di articoli, lettere, brani nella lingua straniera relativi al
settore specifico di indirizzo;
d) oltre agli obiettivi trasversali elencati nella parte A di questo documento.
La maggior parte della classe ha raggiunto pienamente gli obiettivi, alcuni alunni li hanno
raggiunti in modo superficiale e frammentario.

6) CONTENUTI (vedi programma allegato).

7) METODO D'INSEGNAMENTO
Le lezioni si sono svolte principalmente in lingua inglese, ampliando e approfondendo le
nozioni proposte dal testo e invitando gli alunni a riflettere sulle implicazioni pratiche e
multidisciplinari, anche attraverso la visione di due film. Si è cercato di far cogliere loro le
affinità e le diversità strutturali, invitandoli all’analisi degli aspetti morfo-sintattici.

8) MEZZI E STRUMENTI DI LAVORO

E’ stato usato principalmente il libro di testo e sono state fornite fotocopie. E’ stata utilizzata la LIM

9) SPAZI UTILIZZATI
Aula.

10) TEMPI IMPIEGATI IN ORE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA DIVISO


IN MACROTEMATICHE
 Ripasso strutture morfo-sintattiche n. 16
 Ripasso reading and listening skills n. 12
A. S. 2018/2019 - Documento del 15/5 – Parte disciplinare – 1
 Information Technology n.58

11) STRUMENTI DI VERIFICA


Per quanto riguarda le verifiche scritte sono stati usati i seguenti strumenti:
a) questionari a risposte aperte

Per quanto riguarda le verifiche orali sono stati usati i seguenti strumenti:
a) esposizione di argomenti spiegati o ascoltati
b) conversazione su argomenti trattati in classe

12) OSSERVAZIONI
La classe non ha mostrato una partecipazione molto attiva al dialogo educativo.
Alcuni studenti si sono mostrati più interessati e hanno studiato con più continuità ottenendo
buoni risultati, altri hanno mostrato un atteggiamento più passivo ed uno studio non sempre
adeguato ottenendo risultati non sempre sufficienti.

Allegato: programma svolto nell'anno scolastico 2018/2019.

L’insegnante
( )

A. S. 2018/2019 - Documento del 15/5 – Parte disciplinare – 2


Classe Quinta sez. D

ESAME DI STATO A.S. 2018/2019


B-PARTE DISCIPLINARE
( da compilare da parte di ciascun docente )

CONSUNTIVO DELLE ATTIVITA' DISCIPLINARI

1) MATERIA: INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA


2) DOCENTE: ROBERT SKOWRONSKI
3) LIBRI DI TESTO ADOTTATI: A. Famà / M. Giorda, ALLA RICERCA DEL SACRO, Ed.
Marietti Scuola

4) ORE DI LEZIONE EFFETTUATE NELL'A.S. 2018/2019 (considerando n. 33 settimane


di lezione)
N. ore 30 su N. 33 ore previste dal Piano di Studio

5) OBIETTIVI RAGGIUNTI (in termini di conoscenze, competenze e capacità):


Competenze: Cogliere la presenza e l'incidenza del cristianesimo nelle trasformazioni
storiche prodotte dalla cultura umanistica, scientifica e tecnologica. Sviluppare un maturo
senso critico e un personale progetto di vita, riflettendo sulla propria identità nel confronto
con il messaggio cristiano, aperto all'esercizio della giustizia e della solidarietà in un
contesto multiculturale.
Conoscenze: Interrogativi universali dell'uomo, risposte del cristianesimo, confronto
con le altre religioni. Ruolo della religione nella società contemporanea: secolarizzazione,
pluralismo, nuovi fermenti religiosi e globalizzazione
Abilità/ Capacità: Utilizzare un linguaggio religioso appropriato per spiegare contenuti,
simboli e influenza culturale del cristianesimo, distinguendo espressioni e pratiche religiose da
forme di fondamentalismo, superstizione, esoterismo. Impostare domande di senso e spiegare la
dimensione religiosa dell’uomo tra senso del limite, bisogno di salvezza e desiderio di
trascendenza, confrontando il concetto cristiano di persona, la sua dignità e il suo fine ultimo con
quello di altre religioni o sistemi di pensiero. Riconoscere il rilievo morale delle azioni umane
con particolare riferimento alle relazioni interpersonali, alla vita pubblica e allo sviluppo
scientifico e tecnologico.

6) CONTENUTI (vedi programma allegato).

7) METODO D'INSEGNAMENTO
Il rapporto fra esperienza dello studente e dato cristiano è il principio didattico fondamentale
assunto dal docente di religione (principio della “correlazione”). Il lavoro si è svolto
prevalentemente in classe.

8) MEZZI E STRUMENTI DI LAVORO


Libro di testo, dispense, fotocopie, film, ausili multimediali, internet.

9) SPAZI UTILIZZATI
Aula, aula con LIM.

A. S. 2018/2019 - Documento del 15/5 – Parte disciplinare – 1


10) TEMPI IMPIEGATI IN ORE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA DIVISO
IN MACROTEMATICHE
1. MODULO N° 1. – INTRODUZIONE ALLA DOTTRINA SOCIALE DELLA CHIESA
, durata ore: 6
2. MODULO N° 2. - L’OLOCAUSTO, SHOAH, GIORNATA DELLA MEMORIA
, durata ore: 6
3. MODULO N° 3. – L'EDUCAZIONE AI VALORI DELLA CITTADINANZA E
COSTITUZIONE
durata ore: 6
4. MODULO N° 4. - LE DOMANDE ESISTENZIALI DELL’UOMO
, durata ore: 6
5. MODULO N° 5 . - CONFRONTO SU ALCUNI TEMI DI ATTUALITÀ
, durata ore: 6

11) STRUMENTI DI VERIFICA


Interrogazioni brevi;
Interventi durante le lezioni.

12) OSSERVAZIONI
Due ore di lezione sono state dedicate rispettivamente alla illustrazione del programma e alla
sua valutazione finale.

Allegato: programma svolto nell'anno scolastico 2018/2019.

L’insegnante
(Robert Skowronski)

A. S. 2018/2019 - Documento del 15/5 – Parte disciplinare – 2


ESAME DI STATO A.S. 2018/2019
B-PARTE DISCIPLINARE

CONSUNTIVO DELLE ATTIVITA' DISCIPLINARI

1) MATERIA
Sistemi e Reti

2) DOCENTE
Prof.Carosso Luca
Prof.Soldani Nicola

3) LIBRI DI TESTO ADOTTATI


Titolo: Sistemi e Reti.
Autori: Luigi Lo Russo e Elena Bianchi
Editore: Hoepli edizione 2017.

4) ORE DI LEZIONE EFFETTUATE NELL'A.S. 2018/2019 (considerando n. 33 settimane


di lezione)
N. ore 112 su N. ore 132 previste dal Piano di Studio

5) OBIETTIVI RAGGIUNTI:

Comprendere il concetto di Applicazione di rete. Conoscere l’architettura gerarchica del Web.


Comprendere i meccanismi del protocollo http. Utilizzare i Comandi FTP. Saper individuare le
funzioni del client e del server FTP.

Conoscere le caratteristiche delle VLAN. Individuare pregi e difetti delle VLAN. Acquisire le
caratteristiche delle VLAN port based. Riconoscere VLAN tagged, untagged e ibride. Conoscere il
protocollo VTP. Conoscere l’Inter-VLAN routing.

Conoscere il significato di cifratura. Avere il concetto di chiave pubblica e chiave privata.


Riconoscere le tecniche monoalfabetiche di trasposizione e sostituzione. Distinguere le tecniche
polialfabetiche di Vigenere. Conoscere la crittografia a chiave simmetrica e pubblica. Individuare i
campi di applicazione delle Firme digitali. Conoscere la struttura dell’algoritmo MD5.

Conoscere le problematiche connesse alla sicurezza. Acquisire le tecniche per la sicurezza a livello
di sessione. Avere individuato i problemi di sicurezza delle email. Sapere il funzionamento del
protocollo SSL/TLS. Conoscere il concetto di proxy server di DMZ. Sapere le funzioni dei firewall.

Conoscere i componenti di una rete wireless. Apprendere le topologie e gli standard di


comunicazione wireless. Conoscere le modalità di sicurezza con crittografia WEP. Conoscere le
modalità di sicurezza WPA e WPA2.

1
A. S. 2018/2019 - Documento del 15/5 – Parte disciplinare –
GIUDIZIO ALUNNI
OTTIMO 4
BUONO 5
SUFFICIENTE 4
INSUFFICIENTE 2
GRAVEMENTE INSUFFICIENTE 1

6) CONTENUTI (vedi programma allegato).

7) METODO D'INSEGNAMENTO
Lezione in classe corredata da esempi, slide e dispense riassuntive prodotte dall’insegnante. Lezione
interattiva con interventi in laboratorio. Utilizzo dell’ambiente laboratoriale: ogni studente ha avuto
a sua disposizione un pc per testare quanto appreso nelle ore di lezione teoriche.

8) MEZZI E STRUMENTI DI LAVORO


Dispense, proiettore per slide, personal computer. Ambiente di simulazione Cisco packet tracer.

9) SPAZI UTILIZZATI
Laboratorio Archimede.

10) TEMPI IMPIEGATI IN ORE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA DIVISO


IN MACROTEMATICHE

Il livello delle applicazioni e ripasso indirizzamenti. 22h


VLAN : Virtual Local Area Network 32h
Tecniche crittografiche per la protezione dei dati 45h
La sicurezza delle reti. 12h
Wireless e reti mobili 10h

11) STRUMENTI DI VERIFICA


Le attività di verifica proposte sono state di natura scritta ed orale e pratica. Gli studenti sono
stati chiamati, di volta in volta, a dimostrare la propria capacità di analizzare e sintetizzare gli
argomenti affrontati nella disciplina in oggetto, rapportandosi anche alle altre materie, nell’ottica
di un conseguimento di conoscenze trasversali e della capacità di organizzare una cultura tecnica
ad ampio respiro.

2
A. S. 2018/2019 - Documento del 15/5 – Parte disciplinare –
12) OSSERVAZIONI
La Classe è costituita da 16 allievi, due femmine e 14 maschi. La Classe risulta composta da 15
allievi che hanno effettuato il medesimo percorso didattico sin dal terzo anno e uno che si è inseriti
dal quarto anno. All'interno della Classe, in generale, si è evidenziata da parte di un terzo degli
alunni, una innata passione per la materia, ed una buona propensione alle attività scolastiche
domestiche da parte di alcuni ha reso i risultati più che positivi. Nel corso del primo quadrimestre i
richiami dell’insegnate allo studio domestico hanno permesso di raggiungere i risultati prefissati.
Nel secondo quadrimestre l’impegno e la partecipazione di buona parte degli allievi si sono fatti
più regolari eccezione fatta per due, in altri casi i risultati sono stati migliori delle aspettative. Nel
complesso la preparazione si può ritenere, per due terzi della Classe, buona, in alcuni casi anche
ottima, in un caso particolare eccellente. Si segnala inoltre un notevole numero di assenze da parte
di uno studente che ha reso assai difficile reperire le votazioni necessarie al giudizio finale.
Le lezioni si sono svolte dedicando un tempo considerevole allo studio insieme ai ragazzi, alla
visione del materiale didattico e alla ripetizione di alcuni argomenti, soprattutto degli anni
precedenti, per andare incontro a una migliore preparazione generale.
Due studenti hanno mostrato una certa superficialità nello studio domestico e qualche difficoltà
nella rielaborazione dei contenuti, anche a causa di lacune pregresse. In generale la maggior parte
degli studenti della classe ha saputo organizzarsi nello studio individuale, anche se è risultato in
alcuni casi programmato in prossimità delle verifiche anziché costante. La classe tuttavia ha saputo
organizzarsi nella gestione delle programmazione delle verifiche.
La partecipazione al dialogo educativo per la maggioranza degli studenti è stata sempre
responsabile.

Allegato: programma svolto nell'anno scolastico 2018/2019.

L’insegnante
( )

3
A. S. 2018/2019 - Documento del 15/5 – Parte disciplinare –