Sei sulla pagina 1di 258

Università degli studi di Trieste

Facoltà di Ingegneria

Corso di laurea in Ingegneria civile ed ambientale - curriculum


civile

Progetto di Strutture

Ristrutturazione di un edificio ad uso scolastico sito a Gorizia (GO)

Professore:

Prof. Isaia CLEMENTE

Studenti:

Riccardo CANTARINI

Stefano FOLLADOR

Olaf SIMONETTIG
INDICE

1 GENERALITÀ DELL’OPERA E DEI MATERIALI ........................................................... 7


1.1 DESCRIZIONE GENERALE DELL'OPERA .................................................................. 7
1.2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO .................................................................................. 8
1.3 PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEI MATERIALI UTILIZZATI .......................... 9
1.3.1 Calcestruzzo C25/30 (NTC 2008; par.11.2.10.3) ....................................................... 9
1.3.2 Barre di armatura B450C ........................................................................................... 9
1.3.3 Legno lamellare incollato omogeneo GL32h ........................................................... 10
1.3.4 Legno massiccio C30 ............................................................................................... 10
2 PROGETTO E VERIFICA DEI SOLAI IN LATERO CEMENTO .................................. 11
2.1 ANALISI DEI CARICHI ................................................................................................ 14
2.2 PREDIMENSIONAMENTO E VERIFICHE SLU-SLE – “SOLAIO 1” ....................... 17
2.2.1 Predimensionamento ................................................................................................ 17
2.2.2 Verifiche SLU .......................................................................................................... 19
2.2.3 Verifiche SLE ........................................................................................................... 24
2.3 CORDOLO IN CEMENTO ARMATO .......................................................................... 35
2.3.1 Dimensionamento iniziale ........................................................................................ 35
2.3.2 Verifiche SLU .......................................................................................................... 36
2.3.3 Verifiche SLE ........................................................................................................... 39
2.4 PROGETTO E VERIFICA DEGLI APPOGGI DEL SOLAIO ...................................... 45
2.4.1 Predimensionamento ................................................................................................ 45
2.4.2 Verifica dell’appoggio .............................................................................................. 46
3 PROGETTO E VERIFICA DEI SOLAI DEL PRIMO PIANO IN MISTO LEGNO -
CALCESTRUZZO........................................................................................................................... 47
3.1 ANALISI DEI CARICHI ................................................................................................ 49
3.2 PREDIMENSIONAMENTO E VERIFICHE SLU-SLE – “SOLAIO 1” ....................... 51
3.2.1 Predimensionamento ................................................................................................ 51
3.2.2 Verifiche SLU a tempo iniziale (t = 0) ..................................................................... 56
3.2.3 Verifiche SLE a tempo iniziale (t = 0) ..................................................................... 60
3.2.4 Verifiche SLU a tempo finale (t = ∞)....................................................................... 62
3.2.5 Verifiche SLE a tempo finale (t = ∞) ....................................................................... 66

1
3.3 PREDIMENSIONAMENTO E VERIFICHE SLU-SLE – “SOLAIO 2” ....................... 69
3.3.1 Predimensionamento ................................................................................................ 69
3.3.2 Verifiche SLU a tempo iniziale (t = 0) ..................................................................... 74
3.3.3 Verifiche SLE a tempo iniziale (t = 0) ..................................................................... 78
3.3.4 Verifiche SLU a tempo finale (t = ∞)....................................................................... 80
3.3.5 Verifiche SLE a tempo finale (t = ∞) ....................................................................... 84
3.4 NORME DI RIFERIMENTO .......................................................................................... 87
4 PROGETTO E VERIFICA DEI SOLAI IN LEGNO DEL SECONDO PIANO E DEI
SOLAI DEL SOTTOTETTO ......................................................................................................... 88
4.1 ANALISI DEI CARICHI ................................................................................................ 90
4.2 PREDIMENSIONAMENTO E VERIFICHE SLU-SLE – “SOLAIO 1” ....................... 92
4.2.1 Predimensionamento ................................................................................................ 92
4.2.2 Verifiche SLU a tempo iniziale (t = 0) ..................................................................... 98
4.2.3 Verifiche SLE a tempo iniziale (t = 0) ................................................................... 102
4.2.4 Verifiche SLU a tempo finale (t = ∞)..................................................................... 104
4.2.5 Verifiche SLE a tempo finale (t = ∞) ..................................................................... 108
5 PROGETTO E VERIFICA DEGI ELEMENTI STRUTTURALI DI COPERTURA ... 111
5.1 ANALISI DEI CARICHI .............................................................................................. 114
5.2 TRAVISECONDARIE .................................................................................................. 116
5.2.1 Verifiche SLU ........................................................................................................ 117
5.2.2 Verifiche SLE ......................................................................................................... 124
5.3 TRAVE DI COLMO ..................................................................................................... 126
5.3.1 Verifiche SLU ........................................................................................................ 128
5.3.2 Verifiche SLE ......................................................................................................... 130
5.4 TRAVE DI DISPLUVIO ............................................................................................... 131
5.4.1 Verifiche SLU ........................................................................................................ 133
5.4.2 Verifiche SLE ......................................................................................................... 135
5.5 CAPRIATA ................................................................................................................... 136
5.5.1 Verifiche di sicurezza ............................................................................................. 138
6 PROGETTO E VERIFICA DI UNA SCALA ..................................................................... 142
6.1 LA RAMPA ................................................................................................................... 143
6.1.1 Analisi dei carichi ................................................................................................... 143
6.1.2 Dimensionamento ................................................................................................... 144
2
6.1.3 Verifica SLU flessione ........................................................................................... 144
6.1.4 Verifica SLU taglio ................................................................................................ 146
6.1.5 Verifica SLU del taglio negli appoggi ................................................................... 147
6.1.6 Verifica SLE tensioni di esercizio .......................................................................... 148
6.1.7 Verifica SLE di deformazione ................................................................................ 150
6.1.8 Verifica SLE di fessurazione .................................................................................. 155
6.2 IL PIANEROTTOLO .................................................................................................... 159
6.2.1 Analisi dei carichi ................................................................................................... 159
6.2.2 Dimensionamento ................................................................................................... 160
6.2.3 Verifica SLU flessione ........................................................................................... 160
6.2.4 Verifica SLU taglio ................................................................................................ 162
6.2.5 Verifica SLU del taglio negli appoggi ................................................................... 163
6.2.6 Verifica SLE tensioni di esercizio .......................................................................... 164
6.2.7 Verifica SLE di deformazione ................................................................................ 166
6.2.8 Verifica SLE di fessurazione .................................................................................. 171
7 VERIFICA DEGLI ELEMENTI IN MURATURA ESISTENTI ..................................... 175
7.1 INTRODUZIONE ......................................................................................................... 175
7.2 MATERIALI ................................................................................................................. 178
7.3 ANALISI DEI CARICHI .............................................................................................. 180
7.3.1 Vento ...................................................................................................................... 181
7.3.2 Carichi verticali ...................................................................................................... 185
7.4 IL MODELLO ............................................................................................................... 189
7.4.1 Le caratteristiche geometriche................................................................................ 190
7.4.2 Carichi .................................................................................................................... 198
7.5 VERIFICHE MASCHI MURARI ................................................................................. 200
7.5.1 Verifica a pressoflessione per azioni fuori piano ................................................... 203
7.5.2 Verifica a pressoflessione per azioni nel piano ...................................................... 203
7.5.3 Verifica a taglio ...................................................................................................... 204
7.6 VERIFICA DELLE FASCE DI PIANO ....................................................................... 205
7.6.1 Verifica a pressoflessione ....................................................................................... 205
7.6.2 Verifica a taglio ...................................................................................................... 205
8 INTERVENTO SULLA MURATURA ESISTENTE ........................................................ 206

3
8.1 IL METODO CAM ....................................................................................................... 206
8.2 CALCOLO DEGLI ELEMENTI DI CONTENIMENTO ............................................ 208
8.3 VERIFICA DEL TERRENO IN FONDAZIONE ......................................................... 210
9 PROGETTO E VERIFICA DELLA SCALA ANTINCENDIO IN ACCIAIO ............... 211
9.1 ANALISI DEI CARICHI .............................................................................................. 211
9.2 ELEMENTI STRUTTURALI UTILIZZATI ................................................................ 213
9.2.1 HEB 160 ................................................................................................................. 214
9.2.2 UPN 180 ................................................................................................................. 214
9.3 MODELLO DELLA STRUTTURA ............................................................................. 215
9.4 VERIFICA SLE DI DEFORMAZIONE ....................................................................... 216
9.5 VERIFICA DEI MONTANTI ....................................................................................... 217
9.5.1 Verifica Fx massimo: HEB160 M95-96-97 ........................................................... 217
9.5.2 Verifica Fx minimo: HEB160 M1-2-3 ................................................................... 218
9.5.3 Verifica Fy massimo: HEB160 M4-5-6 ................................................................. 219
9.5.4 Verifica Fy minimo: HEB160 M4-5-6 ................................................................... 220
9.5.5 Verifica Fz massimo: HEB160 M15-16 ................................................................. 221
9.5.6 Verifica Fz minimo: HEB160 M13-14 .................................................................. 222
9.5.7 Verifica My massimo: HEB160 M15-16 ............................................................... 223
9.5.8 Verifica My minimo: HEB160 M1-2-3.................................................................. 224
9.5.9 Verifica Mz massimo: HEB160 M15-16 ............................................................... 225
9.5.10 Verifica Mz minimo: HEB160 M15-16 ............................................................. 226
9.6 VERIFICA DELLE TRAVI .......................................................................................... 227
9.6.1 Verifica Fx massimo: HEB160 T18-53-54 ............................................................ 227
9.6.2 Verifica Fx minimo: HEB160 T19-55-56 .............................................................. 228
9.6.3 Verifica Fy massimo: HEB160 T60-61-62-99 ....................................................... 229
9.6.4 Verifica Fy minimo: HEB160 T19-55-56 .............................................................. 230
9.6.5 Verifica Fz massimo: HEB160 T18-53-54 ............................................................ 231
9.6.6 Verifica Fz minimo: HEB160 T60-61-62-99 ......................................................... 232
9.6.7 Verifica My massimo: HEB160 T18-53-54 ........................................................... 233
9.6.8 Verifica My minimo: HEB160 T60-61-62-99 ....................................................... 234
9.6.9 Verifica Mz massimo: HEB160 T18-53-54 ........................................................... 235
9.6.10 Verifica Mz minimo: HEB160 T19-55-56 ......................................................... 236

4
9.7 VERIFICA DEI COSCIALI .......................................................................................... 237
9.7.1 Verifica Fx massimo: UPN180 R38-39 ................................................................. 237
9.7.2 Verifica Fx minimo: UPN180 R33-42-49 .............................................................. 238
9.7.3 Verifica Fy massimo: UPN180 R34-43-47 ............................................................ 239
9.7.4 Verifica Fy minimo: UPN180 R34-43-47 .............................................................. 240
9.7.5 Verifica Fz massimo: UPN180 R36-45-46 ............................................................ 241
9.7.6 Verifica Fz minimo: UPN180 R36-45-46 .............................................................. 242
9.7.7 Verifica My massimo: UPN180 R23-30-37 ........................................................... 243
9.7.8 Verifica My minimo: UPN180 R31-40-41 ............................................................ 244
9.7.9 Verifica Mz massimo: UPN180 R36-45-46 ........................................................... 245
9.7.10 Verifica Mz minimo: UPN180 R82-83-105 ....................................................... 246
9.8 VERIFICA DEI GIUNTI .............................................................................................. 247
9.8.1 Verifica della flangia bullonata .............................................................................. 247
9.8.2 Verifica del giunto interno ..................................................................................... 249
9.8.3 Verifica del giunto esterno ..................................................................................... 250
9.9 VERIFICA DEI PLINTI DI FONDAZIONE ................................................................ 251
9.9.1 Verifica al momento massimo della flangia di fondazione .................................... 251
9.9.2 Verifica alle sollecitazioni assiali massime della flangia di fondazione ................ 254
9.9.3 Verifica del terreno di fondazione .......................................................................... 257

5
6
1 GENERALITÀ DELL’OPERA E DEI MATERIALI

1.1 DESCRIZIONE GENERALE DELL'OPERA

L’organismo edilizio oggetto di ristrutturazione è sito nel comune di Gorizia in via Pier Antonio
Codelli. L’intervento si pone l’obiettivo di riqualificare l’edificio al fine di renderlo idoneo all’uso
pubblico scolastico.

L’edificio consta quattro piani fuori terra, la struttura portante è in muratura realizzata con
mattoni pieni intervallati da uno strato di malta cementizia.

Il tetto, a falde inclinate, è realizzato con elementi lignei quali travi di colmo, puntoni, tavolato e
capriate, nonché da tegole in laterizio a formare un manto di copertura.

L’edificio poggia su di una fondazione continua realizzata in muratura ed avente una dimensione
in pianta superiore rispetto ai muri sovrastanti.

L’intervento di ristrutturazione prevede le seguenti operazioni:

1) nuovo solaio piano terra in latero-cemento;


2) nuovi solai piano primo e secondo in legno-calcestruzzo (travi in legno lamellare più
soletta di calcestruzzo armato collaborante);
3) nuovo solaio sottotetto in legno tradizionale (travi in legno lamellare più tavolato non
collaborante);
4) nuova copertura in legno massiccio;
5) nuova struttura in cemento armato per collegamento verticale (scale);
6) interventi di consolidamento della muratura esistente.

La struttura portante in muratura è stata modellata e verificata secondo uno schema a telaio
equivalente, l'analisi statica lineare è stata eseguita con il software strutturale Robot Structural
Analysis Professional 2013 (Autodesk).

Tutti gli altri elementi strutturali sono stati calcolati e verificati con schemi statici semplificati, in
ogni caso cautelativi.

7
1.2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Tutti i calcoli sono eseguiti secondo i criteri della scienza delle costruzioni. Le verifiche sono
svolte utilizzando il metodo degli stati limite. Le unità di misura utilizzate sono quelle del Sistema
Internazionale SI.

Gli elementi strutturali non espressamente riportati nella relazione sono stati comunque calcolati
adimensionati secondo i criteri sopra citati; analogamente le verifiche che non risultano esplicitate
si intendono comunque soddisfatte.

Tutti i calcoli e le verifiche sono redatti in conformità alla normativa vigente in materia, ed in
particolare:

D.M. 14/01/2008 “Norme Tecniche per le Costruzioni”, con l'ausilio della Circolare 2
febbraio2009, n. 617 “Istruzioni per l'applicazione delle nuove Norme Tecniche per le
Costruzioni di cui al D.M. 14 gennaio 2008”;
CNR-DT 206/2007 “Istruzioni per il Progetto, l’Esecuzione e il Controllo delle Strutture in
Legno”;
EC2 – “Progettazione delle strutture in calcestruzzo”;
EC5 – “Progettazione delle strutture in legno”;
EC6 – “Progettazione di strutture in muratura”.

8
1.3 PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEI MATERIALI UTILIZZATI

1.3.1 Calcestruzzo C25/30 (NTC 2008; par.11.2.10.3)

Simbolo Formula Valore Unità di misura


fck 0,83* Rck 24,9 N/mm2
Rck 30 N/mm2
γc 1,5
αcc 0,85
fcm fck + 8 32,9 N/mm2
fcd αcc* fck/ γc 14,11 N/mm2
fctm 0,30*fck2/3 2,58 N/mm2
fctk 0,70* fctm 1,79 N/mm2
fctd fctk / γc 1,19 N/mm2
Ecm 22000*(fcm /10)0,3 31447,16 N/mm2
εcu 0,035
Tabella 1.1

1.3.2 Barre di armatura B450C

Simbolo Formula Valore Unità di misura


fyk 450 N/mm2
γs 1,15
fsd fyk / γs 391,30 N/mm2
εsu 0,01
Es 208000 N/mm2
εyd fsd/ Es 0,0019
Tabella 1.2

9
1.3.3 Legno lamellare incollato omogeneo GL32h

Parametro Simbolo Valore Unità di misura


R. a flessione fm,g,k 32,0 N/mm2
R. a trazione parallela ft,0,g,k 22,5 N/mm2
R. a trazione perpendicolare ft,90,g,k 0,50 N/mm2
R. a compressione parallela alle fibre fc,0,g,k 29,0 N/mm2
R. a compressione perpendicolare alle fibre fc,90,g,k 3,30 N/mm2
R. a taglio fV,g,k 3,80 N/mm2
Modulo elastico medio parallelo alle fibre E0,g,mean 13700 N/mm2
Modulo elastico caratteristico parallelo alle fibre E0,g,0,5 11100 N/mm2
Modulo elastico caratteristico perpendicolare alle fibre E90,g,mean 460 N/mm2
Modulo di taglio medio Gg,mean 850 N/mm2
Massa volumica ρg,k 430 kg/m3
Coef. Sicurezza SLU m 1,45
Classe di servizio 1 Kmod 0,8

1.3.4 Legno massiccio C30

Parametro Simbolo Valore Unità di misura


R. a flessione fm, k 30,0 N/mm2
R. a trazione ft,0,g,k 18,0 N/mm2
R. a compressione fc,90, k 2,70 N/mm2
R. a taglio fv, k 3,00 N/mm2
Modulo elastico medio parallelo alle fibre E0, mean 12000 N/mm2
Modulo elastico caratteristico parallelo alle fibre E0, 05 9400 N/mm2
Modulo di taglio medio Gmean 690 N/mm2
Massa volumica ρk 460 kg/m3
Coef. Sicurezza SLU γm 1,45
βc 0,2
Kdef 0,8

10
2 PROGETTO E VERIFICA DEI SOLAI IN LATERO CEMENTO

Per il rifacimento del solaio del piano rialzato è previsto l’uso di travetti tralicciati
prefabbricati con soletta di completamento in calcestruzzo, armata con rete elettrosaldata ed
eventuali ferri B450C nelle zone a momento negativo.

Si è dimensionato il solaio in base ai due schemi limite di appoggio perfetto e incastro


perfetto. Grazie alle sue capacità duttili, il solaio in opera raggiungerà un suo equilibrio interno ed
una configurazione congruente, con valori delle sollecitazioni inferiori o al più uguali a quelle
stimate in fase di progetto, con riferimento ai suddetti casi limite.

Con riferimento alla pianta del piano rialzato, sono stati individuati dodici ambienti (con
numerazione progressiva da1 a 12) come indicato nello schema sottostante:

Figura 2.1

11
1. Per gli ambienti caratterizzati da luci libere di inflessione più grandi (segno architettonico
orditura solaio colore azzurro) si è scelto di utilizzare un travetto tralicciato binato TRIGON
tipo T7 prodotto dalla ditta Giuliane Solai; tale tipologia di solaio sarà in seguito indicata
con il numero 1 (SOLAIO 1);
2. Per gli ambienti contrassegnati dall’orditura del solaio di colore verde corrispondenti al
corridoio, si è scelto il travetto tralicciato singolo TRIGON tipo T1; tale tipologia di solaio
sarà in seguito indicata con il numero 2 (SOLAIO 2).
3. Per gli ambienti contrassegnati dall’orditura del solaio di colore magenta corrispondenti
all’ingresso ed alla parte retrostante, si è scelto il travetto tralicciato singolo TRIGON tipo
T3; tale tipologia di solaio sarà in seguito indicata con il numero 3 (SOLAIO 3).

La struttura del travetto tralicciato è costituita da un fondello in laterizio, avente base di


12cm, altezza di 4cm e spessore di 1cm, riempito con calcestruzzo avente una resistenza
caratteristica Rck superiore a 30N/mm2. Nel fondello viene posizionata l’armatura: quella di base è
costituita da un traliccio elettrosaldato di altezza pari a 12,5cm, costituito da 2φ5,25 inferiori, da
1φ7 superiore e da due greche continue φ5 poste lateralmente; esso garantisce una perfetta
continuità tra travetto tralicciato e getto integrativo. Il travetto tipo 0 prevede un’armatura costituita
dal solo traliccio di base; vengono proposti ulteriori 4 tipi di travetti, aventi armature crescenti. E’
prevista inoltre la possibilità di inserire delle barre aggiuntive, in acciaio FeB44k, sopra il fondello
in laterizio, annegandole nel getto in opera di calcestruzzo. In figura sottostante è rappresentata la
geometria del travetto TRIGON e le varie tipologie previste in catalogo.

12
Inoltre si riportano anche le sezioni delle due tipologie di solai, rispettivamente quella a
travetto singolo e a travetto binato:

13
2.1 ANALISI DEI CARICHI

Oltre allo strato portante, la cui sezione varierà in funzione delle diverse luci, si propone un
pacchetto di finitura uniforme per tutti gli ambienti del piano in esame. Questo pacchetto
rappresenterà il peso permanente portato (G2k) e sarà composto dai seguenti materiali così
distribuiti:

Strato Peso specifico [kN/mc] Spessore [cm] Carico [kN/mq]


Piastrelle 20,00 1,00 0,20
malta 20,00 1,00 0,20
massetto in cls alleggerito 14,00 6,00 0,84
Isolamento Celenit 3,60 5,00 0,18
Intonaco 20,00 1,50 0,30
Tramezzi 0,80
Antincendio REI 120 3,60 5,00 0,18
Totale G2k 19,50 2,70
Tabella 2.1 Analisi dei Carichi

Quindi i carichi totali agenti saranno così composti:

Per il “Solaio 1”

CARICHI AGENTI
G1k Peso proprio strutturale 4,21 kN/mq
G2k Peso proprio non strutturale 2,70 kN/mq
Qk Carico variabile 6,00 kN/mq
Totale 12,91 kN/mq

CARICHI AGENTI SULLA TRAVE


G1k Peso proprio strutturale 3,03 kN/m
G2k Peso proprio non strutturale 1,94 kN/m
Qk Carico variabile 4,32 kN/m
Totale 9,30 kN/m

14
Con G1k peso del solaio in opera, G2k dipende dal tipo di finiture (tabella 2.1) e Qk dipende dal
tipo di destinazione d’uso del solaio (NTC 2008, pag.13)

Per il “Solaio 2”ed il “Solaio 3” cambia solo G1k (diminuisce il peso proprio strutturale)

Combinando i suddetti carichi caratteristici, secondo normativa, moltiplicando ciascuno di essi


per gli opportuni coefficienti amplificativi, si ottiene i valori di progetto dei carichi considerati.

COEFFICIENTI
γg1 Coef. Parziali lato carichi 1,3
γg2 Coef. Parziali lato carichi 1,5
γq1 Coef. Parziali lato carichi 1,5
ψq0 Coef. Di combinazione 1,0
ψq1 Coef. Di combinazione 0,9
ψq2 Coef. Di combinazione 0,8

Quindi dalla combinazione dei carichi si ottengono le caratteristiche della sollecitazione:

Combinazione fondamentale, generalmente impiegata per gli stati limite ultimi (SLU):

Fd = G1 G1 + G2 G2 + P P+ Q1 Qk1 + Q2 02 Qk2 + Q3 03 Qk3 + … (2.5.1)

Combinazione caratteristica (rara), generalmente impiegata per gli stati limite di esercizio
(SLE) irreversibili, da utilizzarsi nelle verifiche alle tensioni ammissibili di cui al § 2.7:

Fd = G1 + G2 + P + Qk1 + 02 Qk2 + 03 Qk3+ … (2.5.2)

Combinazione frequente, generalmente impiegata per gli stati limite di esercizio (SLE)
reversibili:

Fd = G1 + G2 +P+ 11 Qk1 + 22 Qk2 + 23 Qk3 + … (2.5.3)

Combinazione quasi permanente (SLE), generalmente impiegata per gli effetti a lungo
termine:

Fd = G1 + G2 + P + 21 Qk1 + 22 Qk2 + 23 Qk3 + … (2.5.4)


15
SLU SLE
Comb.Quasi
Comb.Favorevole Comb.Sfavorevole Comb.Rara Comb.Freq
Perm.
G1d [kN/m] 3,03 3,94 3,03 3,03 3,03
G2d [kN/m] 0,00 2,92 1,94 1,94 1,94
Q1d [kN/m] 0,00 6,48 4,32 3,89 3,46
Fd [kN/m] 3,03 13,34 9,30 8,86 8,43

Con Fd carico per ogni azione.

16
2.2 PREDIMENSIONAMENTO E VERIFICHE SLU-SLE – “SOLAIO 1”

2.2.1 Predimensionamento

Scelta del travetto

L’altezza totale minima del solaio, comprensiva dello spessore di cappa, viene determinata dalla
condizione hmin = L/25 essendo L la luce di progetto.

Luce solaio, L : 7,00 m


Altezza totale minima, hmin: 280 mm (< htot)

A questo punto si sceglie nel dettaglio il tipo di travetto da utilizzare che nel nostro caso risulterà
essere il seguente:

Tipo: Trigon T7
Altezza laterizio, h: 240mm
Altezza soletta, s: 60mm
Altezza totale solaio, htot : 300mm
Peso in opera: 4,21kN/m2

17
Sezione del traliccio

Dimensionamento

GEOMETRIA DELLA SEZIONE [mm]


bw Larghezza base 240
i Interasse travetti 720
s Spessore soletta cls 60
h Altezza travetti-pignatte 240
htot Altezza totale solaio (strutturale) 300

L Luce solaio 7,00 m


Tabella 2.2

Sezione resistente

Come sezione resistente si assume quella di seguito indicata in fig. 2.1: in essa si intendono
associati due travetti TRIGON T7, ciascuno con la propria armatura commerciale.

2.1: Sezione resistente “solaio 1”

18
2.2.2 Verifiche SLU

Calcolo sollecitazioni, verifiche a flessione e calcolo armatura

Il solaio viene dimensionato e verificato come una serie di travi accostate con sezione a T. È
stato adottato uno schema statico di trave in semplice appoggio. Non è stato considerato necessario
tener conto di eventuali momenti negativi vista la natura del cordolo su cui poggia il solaio.
Tuttavia sono stati previsti all’appoggio dei ferri superiori per riprendere l’eventuale momento
negativo e contenere la fessurazione. I diagrammi delle sollecitazioni inoltre sono stati traslati della
quantità a = 0,9 d, con d altezza utile della sezione.

La sezione di controllo che è stata verificata è quella di mezzeria in cui si ha il massimo


momento sollecitante che in questo caso sarà positivo. Inoltre per tutte le sezioni si è dimensionata
un'area minima di armatura mediante la relazione

quindi si è passati ad un area commerciale superiore o uguale alla minima ed infine si sono
valutati i momenti resistenti delle sezioni con riferimento ai diagrammi di calcolo tensione-
deformazione del calcestruzzo e dell'acciaio.

SOLLECITAZIONE (SLU)
Nsd 0,00 kN
Msd+ 81,67 kNm
Msd- 0,00 kNm
Tabella 2.3

19
Geometria sezione
[mm] Materiali fk γm αcc Riduzione fd
per s ≤
50 mm
bw 240 C25/30 25 1,5 0,85 1,00 14,17
i 720 B450C 450 1,15 391,30
s 60
h 240 Ecm 31475,81 εcu 3,50E-03
htot 300 Es 200000,00 εc4 7,00E-04
yg 184,3 Es/Ec 6,35 εsu 1,00E-02
εsd 1,96E-03
Sollecitazione
Nsd [kN] 0,00
Msd+ [kNm] 81,69
Msd- [kNm] 0,0
Progettazione Armatura
[mm] [mm] [mmq] [mm] [mm] [mm] [mmq] [mm]
strato barre n φ As d n φ As' d'
1 4 5,25 86,6 280 3,0 6,0 84,8 50
2 4 14 615,8 280 0,0 0,0
3 2 14 307,9 260 0,0
4 0,0 0,0
As totale 1010,2 As' totale 84,8
d_medio 273,9 d_medio 50,0

Verifica Momento resistente a positivo


[mm] [mm]
x 54,2 x2-3 72,6
x3-4 179,6

Campo 2 TRUE

εc 2,40E-03 εs σs εs' σs'


λ1 0,71 1,00E-02 -391,3 1,88E-04 37,6
[mmq] 1,00E-02 -391,3 0,00E+00 0,0
Ac_eff1 27678,54 9,29E-03 -391,3 0,00E+00 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 392,1 Mrd(Fc) 37,8


Fs -395,3 Mrd(As) 62,5
Fs' 3,2 Mrd(As') 0,2
Nrd 0,0 Mrd 100,6 kNm VERIFICATO
(Nrd-Nsd)^2 0,0

Campo 3 FALSE

εc 3,50E-03 εs σs εs' σs'


λ2 0,80 1,46E-02 -391,3 2,74E-04 54,8
[mmq] 1,46E-02 -391,3 0,00E+00 0,0
Ac_eff1 31245,27 1,33E-02 -391,3 0,00E+00 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 442,6 Mrd(Fc) 41,6


Fs -395,3 Mrd(As) 62,5
Fs' 4,6 Mrd(As') 0,3
Ntot 52,0 Mrd 104,5 kNm NON VERIFICATO
(Nrd-Nsd)^2 2702,5

20
Verifica Momento Resistente a Negativo
[mm] [mm]
x 26,9 x2-3 64,8
x3-4 160,4

Campo 2 TRUE

εc 9,83E-04 εs σs εs' σs'


λ1 0,29 3,07E-04 61,5 1,00E-02 -391,3
[mmq] 3,07E-04 61,5 0,00E+00 0,0
Ac_eff1 1856,65 -5,89E-04 -117,8 0,00E+00 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 26,3 Mrd(Fc) -4,7


Fs 6,9 Mrd(As) -1,9
Fs' -33,2 Mrd(As') -2,2
Nrd 0,0 Mrd -8,8 kNm VERIFICATO
(Nrd-Nsd)^2 0,0

Campo 3 FALSE

εc 3,50E-03 εs σs εs' σs'


λ2 0,80 8,94E-04 178,7 2,91E-02 -391,3
[mmq] 8,94E-04 178,7 0,00E+00 0,0
Ac_eff2 5156,37 -1,71E-03 -342,6 0,00E+00 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 73,0 Mrd(Fc) -12,7


Fs 20,0 Mrd(As) -1,9
Fs' -33,2 Mrd(As') -2,2
Ntot 59,9 Mrd -16,7 kNm NON VERIFICATO
(Nrd-Nsd)^2 3587,0

21
Verifica a taglio

Come noto il solaio in laterocemento è un tipico elemento non armato a taglio. In questo caso,
come richiesto da normativa, il taglio resistente viene valutato considerando solo il contributo
resistivo a trazione del calcestruzzo. Con riferimento all'elemento fessurato da momento flettente, la
resistenza al taglio è stata valutata secondo la formula 4.1.14 riportata nel DM14-01-2008:

VRd= {0,18× k × (100 ×ρ1× fck)1/3 / γc + 0,15×σcp}× bw×d ≥ (vmin+ 0,15× σcp) × bwd (4.1.14)

con
k = 1 + (200/d)1/2≤ 2
vmin = 0,035k3/2fck1/2
e dove
d è l’altezza utile della sezione (in mm);
ρ1 = Asl /(bw ×d) è il rapporto geometrico di armatura longitudinale (≤ 0,02);
σcp = NEd/Ac è la tensione media di compressione nella sezione (≤ 0,2 fcd);
bw è la larghezza minima della sezione(in mm)
Geometria sezione
Riduzion
e per s
[mm] Materiali fk γm αcc ≤ 50 mm fd
bw 240 C25/30 25 1,5 0,85 1,00 14,17
i 720 B450C 450 1,15 391,30
s 60
h 240 Ecm 31475,81 εcu 3,50E-03
htot 300 Es 200000,00 εc4 7,00E-04
yg 184,3 Es/Ec 6,35 εsu 1,00E-02
εsd 1,96E-03
Sollecitazione
Nsd [kN] 0,00
Vsd [kN] 46,68
Msd [kNm] 81,69
Progettazione Armatura
[mm] [mm] [mmq] [mm] [mm] [mm] [mmq] [mm]
strato barre n φ As d n φ As' d'
1 4 5,25 86,6 280 3,0 6,0 84,8 50
2 4 14 615,8 280 0,0
3 2 10 157,1 260 0,0
4 0,0 0,0
As totale 859,4 As' totale 84,8
Verifica elemento non armato a taglio, fessurato da momento flettente (NTC2008
4.1.2.1.3.1)
d_medio 276,3
k 1,85 1,85
ρl 0,0130 0,0130
σcp 0,00 0,00 vmin 0,4
Vrd 47,0 Vrd_min 29,2 VERO

Verifica dell'armatura agli appoggi

Come prescritto da normativa, inoltre, si verifica che in corrispondenza degli appoggi le


22
armature longitudinali siano in grado di assorbire uno sforzo pari al taglio sull'appoggio. A tal fine
si utilizza, solo nelle zone di appoggio e per la sola lunghezza necessaria, un ferro B450C da porre
prima del getto sopra il fondello del traliccio.

As *fyd> Vsd

Lunghezza minima degli ancoraggi

La lunghezza di ancoraggio è funzione della tensione tangenziale ultima di aderenza calcolata


come segue:

fbd= f bk / γc

con

f bk = fctk*η *2,25

dove

η = 1 per barre con diametro minore o uguale a 32 mm;

fyd tensione a snervamento dell'acciaio

fbd tensione ultima di aderenza. L'eurocodice riporta una tabella per i valori di fbd in funzione
della classe del calcestruzzo (fck 25--> fbd = 2,7 N/mm2)

In definitiva la lunghezza di ancoraggio minima è ricavata dalla seguente:

Lb = fyd* Ø / fbd* 4

in cui Ø è il diametro della barra longitudinale in grado di assorbire uno sforzo di trazione pari al
taglio. Nel caso in esame si ha a disposizione un 14 e la lunghezza di ancoraggio risulta pari a Lb=
50,7 cm. Si assume Lb=55 cm.

23
2.2.3 Verifiche SLE

Calcolo sollecitazioni

I carichi caratteristici, individuati nell’analisi dei carichi, sono utilizzati nella scrittura di tutte le
possibili combinazioni di carico previste in condizioni d’esercizio dalla norma. In generale ci sono
tre tipi di combinazioni, e di ognuna si sceglie la più gravosa:

Verifica delle tensioni di esercizio (DM14-1-2008, par.4.1.2.2.5)

Valutati i massimi momenti sollecitanti positivi e negativi, dovuti alle combinazioni


caratteristica e quasi permanente delle azioni, si calcolano le massime tensioni sia nel calcestruzzo
sia nelle armature, ipotizzando: la conservazione delle sezioni piane, la possibilità di
parzializzazione della sezione reagente per l’ipotesi di resistenza a trazione nulla del calcestruzzo, e
un comportamento elastico lineare dei due materiali base costituenti la sezione ossia l’acciaio
d’armatura e il calcestruzzo.

Si deve verificare che le tensioni calcolate nelle suddette ipotesi, siano inferiori ai massimi
valori consentiti di seguito riportati.

La massima tensione di compressione del calcestruzzo σc, deve rispettare la limitazione:

σ c < 0,60 fck per combinazione caratteristica (rara);


σ c < 0,45 fck per combinazione quasi permanente

Per l’acciaio la tensione massima σs, per effetto delle azioni dovute alla combinazione
caratteristica, deve rispettare la limitazione seguente:

σs < 0,8 fyk

Essendo:

σc = Msde * x / Jid
σs = n * Msde * (d – x) / Jid
24
con: x ordinata dell’asse neutro
Jid momento d’inerzia della sezione ideale reagente;
d altezza utile della sezione

Geometria sezione
Riduzione
Material per s ≤ 50
[mm] i fk γm αcc mm fd
bw 240 C25/30 25 1,5 0,85 1,00 14,17
i 720 B450C 450 1,15 391,30
s 60
h 240 Ecm 31475,81 εcu 3,50E-03
htot 300 Es 200000,00 εc4 7,00E-04
yg 184,3 Es/Ec 6,35 εsu 1,00E-02
n 15,00 εsd 1,96E-03
Sollecitazio QUASI
Sollecitazione RARA ne PERM.

Nsd [kN] 0,00 Nsd [kN] 0,00


Msd [kNm] 56,93 Msd [kNm] 51,64

Progettazione Armatura
[mm] [mm] [mmq] [mm] [mm] [mm] [mmq] [mm]
strato barre n φ As d n φ As' d'
1 4 5,25 86,6 280 3,0 6,0 84,8 50
2 4 14 615,8 280 0,0
3 2 14 307,9 260 0,0
4 0,0 0,0
As totale 1010,2 As' totale 84,8

Verifica Tensioni di esercizio: Comb. RARA


[mm]
x 68,4

σc 4,97 εs σs εs' σs' abs(σs) abs(σs')


1,15E-03 -230,9 1,00E-04 20,0 230,9 20,0
1,15E-03 -230,9 0,00E+00 0,0 230,9 0,0
Ac_eff1 45209,5 1,05E-03 -209,1 0,00E+00 0,0 209,1 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0 0,0 0,0

Verifica
Fc 224,8 Ac*braccio 4201016,3 Tensioni RARA
Fs -226,5 n*As*braccio 7224581,9 cls VERIFICATO <,6 fcd
Fs' 1,7 n*As'*braccio 22467,7 Arm.inf VERIFICATO <,8 fsd
Nrd 0,0 Mrd 56,9 kNm Arm.sup VERIFICATO <,8 fsd
(Nrd-Nsd)^2 0,0 (Mrd-Msd)^2 0,0

Verifica Tensioni di esercizio: Comb. QUASI


PERMANENTE
[mm]
x 68,4

σc 4,51 εs σs εs' σs' abs(σs) abs(σs')


1,05E-03 -209,4 9,09E-05 18,2 209,4 18,2
1,05E-03 -209,4 0,00E+00 0,0 209,4 0,0
Ac_eff2 45209,5 9,48E-04 -189,6 0,00E+00 0,0 189,6 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0 0,0 0,0

Verifica QUASI
Fc 203,9 Ac*braccio 4201016,3 Tensioni PERM.
Fs -205,5 n*As*braccio 7224581,9 cls VERIFICATO <,45 fcd
Fs' 1,5 n*As'*braccio 22467,7 Arm.inf VERIFICATO <,8 fsd
Nrd 0,0 Mrd 51,6 kNm Arm.sup VERIFICATO <,8 fsd
(Nrd-Nsd)^2 0,0 (Mrd-Msd)^2 0,0

25
Verifica di fessurazione ( DM 14-1-2008, par.4.1.2.2.4)

Il DM 14-01-2008 prescrive di determinare la verifica a fessurazione in dipendenza del tipo di


ambiente, dal tipo di armatura, dalla combinazione di carico considerata.

Per ambienti ordinari e armature poco sensibili, si deve effettuare:


la verifica di apertura delle fessure con riferimento al valore limite w2 = 0,3 mm, per le
sollecitazioni derivanti dalla combinazione frequente;
la verifica di apertura delle fessure con riferimento al valore limite w2 =0,3 mm, per le
sollecitazioni derivanti dalla combinazione quasi permanente.

Il valore di calcolo wd da confrontare con il limite normativo suddetto, risulta così definito:

dove:

smax è la distanza massima tra le fessure.

in cui:

φ è il diametro delle barre. Se nella sezione considerata sono impiegate barre di


diametro diverso, si raccomanda di adottare un opportuno diametro equivalente, φeq.
Se n1 è il numero di barre di diametro φ1 ed n2 è il numero di barre di diametro φ2, si
raccomanda di utilizzare l’espressione seguente:
26
c è il ricoprimento dell’armatura;

k1 = 0,8 per barre ad aderenza migliorata,


= 1,6 per barre lisce;

k2 = 0,5 nel caso di flessione,


= 1,0 nel caso di trazione semplice.

k3 = 3,4;

k4 = 0,425.

La deformazione unitaria media delle barre εsm può essere calcolata con l’espressione:

in cui:

σs è la tensione nell’armatura tesa valutata considerando la sezione fessurata;

αe è il rapporto Es/Ecm;

ρeff è pari a As/Ac,eff

Ac,eff è l’area efficace di calcestruzzo teso attorno all’armatura, di altezza hc,ef, dove hc,ef è
il valore minore tra 2,5 (h - d ), (h - x )/3 e h /2 (vedere Figura C4.1.9). Nel caso di
elementi in trazione, in cui esistono due aree efficaci, l’una all’estradosso e l’altra
all’intradosso, entrambe le aree vanno considerate separatamente;

kt è un fattore dipendente dalla durata del carico e vale:

kt = 0,6 per carichi di breve durata,

kt = 0,4 per carichi di lunga durata.

27
Fig. C4.1.9 Area tesa efficace

Geometria sezione Materiali


Riduzio
ne per
s ≤ 50
[mm] Materiali fk γm αcc mm fd
bw 240 C25/30 25 1,5 0,85 1,00 14,17
i 720 B450C 450 1,15 391,30
s 60
3,50E-
h 240 Ecm 31475,81 εcu 03
200000,0 7,00E-
htot 300 Es 0 εc4 04
1,00E-
yg 184,3 Es/Ec 6,35 εsu 02
1,96E-
n 15,00 εsd 03
Sollecitazione FREQUENTE Sollecitazione QUASI PERM.

Nsd [kN] 0,00 Nsd [kN] 0,00


Msd [kNm] 54,29 Msd [kNm] 51,64
Progettazione Armatura
[mm] [mm] [mmq] [mm] [mm] [mm] [mmq] [mm]
strato barre n φ As d n φ As' d'
1 4 5,25 86,6 280 3,0 6,0 84,8 50
2 4 14 615,8 280 0,0
3 2 14 307,9 260 0,0
4 0,0 0,0
As totale 1010,2 As' totale 84,8
d_medio 273,9 d_medio 50,0

28
Verifica Fessurazioni: Comb. FREQUENTE
Calcolo baricentro sezione interamente reagente
area y Sx
soletta 43200,0 270,0 1,17E+07 yg 164,6 [mm]
nervatura 57600,0 120,0 6,91E+06
n*acciaio inf 15153,3 26,1 3,95E+05
n*acciaio sup 1272,3 250,0 3,18E+05
totale 117225,6 1,93E+07

Calcolo Momento di Inerzia Sezione Interamente Reagente


area braccio^2 Ix
soletta 43200,0 72900,0 3,15E+09 Ig 1,17E+09 [mm4]
nervatura 57600,0 19200,0 1,11E+09 W' 7,12E+06 [mm3]
n*acciaio inf 15153,3 681,0 1,03E+07 M' 1,82E+01 [kNm]
n*acciaio sup 1272,3 62500,0 7,95E+07
totale 117225,6 4,35E+09

Calcolo Asse Neutro


[mm] [mm]
x 68,4

σc 1,59 εs σs εs' σs'


3,69E-04 -73,8 3,20E-05 6,4
3,69E-04 -73,8 0,00E+00 0,0
Ac_eff1 45209,5 3,34E-04 -66,8 0,00E+00 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

4201016,
Fc 71,9 Ac*braccio 4
7224581,
Fs -72,4 n*As*braccio 4
n*As'*bracci
Fs' 0,5 o 22467,7
Nrd 0,0
(Nrd-Nsd)^2 0,0
Calcolo ε_sm

σs 71,7
kt 0,6
hc,eff 65,2 65,2 77,2 150,0
ρ_eff 0,1
fctm 2,6
α_e 15,0
ε_sm 1,24E-04
ε_sm,min 2,15E-04
ε_sm,d 2,15E-04

Calcolo Δ_smax

c 20,0 [mm]
φ_eq 12,3 [mm]
condizione 130,6 [mm]
k_1 0,8
k_2 0,5
k_3 3,4
k_4 0,425
Δ_smax 100,3 [mm]

Calcolo e verifica w_d

w_d 0,0216 [mm] w_3 0,4 [mm] VERIFICATO

29
Verifica Fessurazioni: Comb. QUASI PERMANENTE
Calcolo baricentro sezione interamente reagente
area y Sx
soletta 43200,0 270,0 1,17E+07 yg 164,6 [mm]
nervatura 57600,0 120,0 6,91E+06
n*acciaio inf 15153,3 26,1 3,95E+05
n*acciaio sup 1272,3 250,0 3,18E+05
totale 117225,6 1,93E+07

Calcolo Momento di Inerzia Sezione Interamente Reagente


area braccio^2 Ix
soletta 43200,0 72900,0 3,15E+09 Ig 1,17E+09 [mm4]
nervatura 57600,0 19200,0 1,11E+09 W' 7,12E+06 [mm3]
n*acciaio inf 15153,3 681,0 1,03E+07 M' 1,82E+01 [kNm]
n*acciaio sup 1272,3 62500,0 7,95E+07
totale 117225,6 4,35E+09

Calcolo Asse Neutro


[mm]
x 68,4

abs(σs'
σc 1,59 εs σs εs' σs' abs(σs) )
3,69E-04 -73,8 3,20E-05 6,4 73,8 6,4
3,69E-04 -73,8 0,00E+00 0,0 73,8 0,0
Ac_eff2 45209,5 3,34E-04 -66,8 0,00E+00 0,0 66,8 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0 0,0 0,0

4201016,
Fc 71,9 Ac*braccio 4
7224581,
Fs -72,4 n*As*braccio 4
n*As'*bracci
Fs' 0,5 o 22467,7
Nrd 0,0
(Nrd-Nsd)^2 0,0
Calcolo ε_sm

σ_s 71,7
kt 0,4
hc,eff 65,2 65,2 77,2 150,0
ρ_eff 0,1
fctm 2,6
α_e 15,0
ε_sm 2,02E-04
ε_sm,min 2,15E-04
ε_sm,d 2,15E-04

Calcolo Δ_smax

c 20,0 [mm]
φ_eq 12,3 [mm]
condizione 130,6 [mm]
k_1 0,8
k_2 0,5
k_3 3,4
k_4 0,425
Δ_smax 100,3 [mm]

Calcolo e verifica w_d

w_d 0,0216 [mm] w_2 0,3 [mm] VERIFICATO

30
Verifica di deformabilità ( DM14-1-2008, par.4.1.2.2.6)

A riguardo la norma adottata dice (cfr.4.1.2.2.2): “Il calcolo della deformazione flessionale di
solai e travi si effettua in genere mediante integrazione delle curvature tenendo conto della
viscosità del calcestruzzo e, se del caso, degli effetti del ritiro.

Per il calcolo delle deformazioni flessionali si considera lo stato non fessurato (sezione
interamente reagente) per tutte le parti della struttura per le quali, nelle condizioni di carico
considerate, le tensioni di trazione nel calcestruzzo non superano la sua resistenza media fctm a
trazione. Per le altre parti si fa riferimento allo stato fessurato, potendosi considerare l’effetto
irrigidente del calcestruzzo teso fra le fessure.

Per quanto riguarda la salvaguardia dell’aspetto e della funzionalità dell’opera, le frecce a


lungo termine di travi e solai, calcolate sotto la condizione quasi permanente dei carichi, non
dovrebbero superare il limite di 1/250 della luce.

Per quanto riguarda l’integrità delle pareti divisorie e di tamponamento portate, le frecce di
travi e solai, calcolate sotto la condizione quasi permanente dei carichi, non dovrebbero superare
il limite di 1/500 della luce. In tale verifica la freccia totale calcolata può essere depurata dalla
parte presente prima dell’esecuzione delle pareti. Detto valore si riferisce al caso di pareti
divisorie in muratura.”

Geometria sezione
Riduzion
e per s
[mm] Materiali fk γm αcc ≤ 50 mm fd
bw 240 C25/30 25 1,5 0,85 1,00 14,17
i 720 B450C 450 1,15 391,3
s 60
h 240 Ecm 31475,81 εcu 3,50E-03
htot 300 Es 200000,00 εc4 7,00E-04
yg 184,3 Es/Ec 6,35 εsu 1,00E-02
\phi 1,9 εsd 1,96E-03

Sollecitazion Sollecitazio Sollecitazio QUASI


e RARA ne FREQUENTE ne PERM.

Nsd [kN] 0,00 Nsd [kN] 0,00 Nsd [kN] 0,00


Msd [kNm] 56,93 Msd [kNm] 54,29 Msd [kNm] 51,64
Controfreccia -20,00 [mm]
Progettazione Armatura
[mm] [mm] [mmq] [mm] [mm] [mm] [mmq] [mm]
strato barre n φ As d n φ As' d'
1 4 5,25 86,6 280 3,0 6,0 84,8 50
2 4 14 615,8 280 0,0 0,0 0,0 0,0
3 2 14 307,9 260 0,0
4 0,0 0,0
As'
As totale 1010,2 totale 84,8
d_medio 273,9 d_medio 50,0

31
n 15
Calcolo baricentro sezione interamente reagente
area y Sx
soletta 43200,0 270,0 1,17E+07 yg 164,6 [mm]
nervatura 57600,0 120,0 6,91E+06
n*arm.inf 15153,3 26,1 3,95E+05
n*arm.sup 1272,3 250,0 3,18E+05
117225,
totale 6 1,93E+07
Calcolo Momento di Inerzia Sezione Interamente
Reagente
area y^2 Ix
soletta 43200,0 72900,0 3,15E+09 Ig 1,17E+09 [mm4]
nervatura 57600,0 19200,0 1,11E+09 W' 7,12E+06 [mm3]
n*arm.inf 15153,3 681,0 1,03E+07 M' 1,82E+01 [kNm]
n*arm.sup 1272,3 62500,0 7,95E+07
117225,
totale 6 4,35E+09
Calcolo Asse Neutro
[mm]
x 68,4
σc 4,97 εs σs εs' σs'
1,15E-03 -230,9 1,00E-04 20,0
1,15E-03 -230,9 0,00E+00 0,0
Ac_eff_inf 45209,5 1,05E-03 -209,1 0,00E+00 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 224,8 Ac*y 4201016,3


Fs -226,5 n*As*y 7224582,0
Fs' 1,7 n*As'*y 22467,7
Nrd 0,0
(Nrd-Nsd)^2 0,0
Calcolo Baricentro Sezione Parzializzata
area y Sx
soletta 43200,0 270,0 1,17E+07 Ygf 208,5 [mm]
nervatura 2009,5 235,8 4,74E+05
n*arm.inf 15153,3 26,1 3,95E+05
n*arm.sup 1272,3 250,0 3,18E+05
totale 61635,1 1,29E+07
Calcolo Momento di Inerzia Sezione Parzializzata
area y^2 Ix
671255809
soletta 43200,0 72900,0 3,15E+09 If ,1 [mm4]
nervatura 2009,5 55608,0 1,12E+08
n*arm.inf 15153,3 681,0 1,03E+07
n*arm.sup 1272,3 62500,0 7,95E+07
totale 61635,1 3,35E+09

32
n 6,35
Calcolo baricentro sezione interamente reagente
area y Sx
soletta 43200,0 270,0 1,17E+07 yg 175,2 [mm]
nervatura 57600,0 120,0 6,91E+06
n*arm.inf 6419,0 26,1 1,68E+05
n*arm.sup 539,0 250,0 1,35E+05
totale 107758,0 1,89E+07
Calcolo Momento di Inerzia Sezione Interamente Reagente
area y^2 Ix
soletta 43200,0 72900,0 3,15E+09 Ig 9,86E+08 [mm4]
nervatura 57600,0 19200,0 1,11E+09 W' 5,63E+06 [mm3]
n*arm.inf 6419,0 681,0 4,37E+06 M' 1,44E+01 [kNm]
n*arm.sup 539,0 62500,0 3,37E+07
totale 107758,0 4,29E+09
Calcolo Asse Neutro
[mm]
x 45,2
σc 6,76 εs σs εs' σs'
1,12E-03 -223,1 -2,28E-05 -4,6
1,12E-03 -223,1 0,00E+00 0,0
Ac_eff_ist 32540,6 1,02E-03 -204,1 0,00E+00 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 220,0 Ac*y 3275183,3


Fs -219,6 n*As*y 5150582,7
Fs' -0,4 n*As'*y -3765,3
Nrd 0,0
(Nrd-Nsd)^2 0,0
Calcolo Baricentro Sezione Parzializzata
area y Sx
soletta 32540,6 277,4 9,03E+06 Ygf 236,2 [mm]
nervatura 0,0 0,0 0,00E+00
n*arm.inf 6419,0 26,1 1,68E+05
n*arm.sup 539,0 250,0 1,35E+05
totale 39498,6 9,33E+06
Calcolo Momento di Inerzia Sezione Parzializzata
area y^2 Ix
soletta 32540,6 76952,1 2,50E+09 If 338705763,0 [mm4]
nervatura 0,0 0,0 0,00E+00
n*arm.inf 6419,0 681,0 4,37E+06
n*arm.sup 539,0 62500,0 3,37E+07
totale 39498,6 2,54E+09

33
Verifica Deformazioni: Comb. RARA
Calcolo Parametro di Rigidezza Caratteristico della trave
t=infinito t=0
Ecm/(1+\phi) 10853,7 Ecm 31475,8
I 1,17E+09 [mm4] I 9,86E+08 [mm4]
If 6,71E+08 [mm4] If 3,39E+08 [mm4]
c 1,0 c 1,0
β 0,3 β 0,3
\xi 0,9 \xi 0,9
p 7,87E-14 p 3,22E-14
pf 1,37E-13 pf 9,38E-14
p* 1,31E-13 p* 8,99E-14
Calcolo della Freccia in mezzeria per trave semplicemente appoggiata soggetta ad un carico uniforme
q 9,3 [N/mm]
luce 7000,0 [mm]
f,inf 38,15 [mm] f,ist 26,11 [mm]
controfreccia -20,0 [mm]
freccia finale 18,15 [mm]
(f,inf-f,ist) 12,03 [mm]
Valori Limite della Freccia
1/250*l 28,0 [mm] VERIFICATO
1/500*l 14,0 [mm] VERIFICATO
Verifica Deformazioni: Comb. FREQUENTE
Calcolo Parametro di Rigidezza Caratteristico della trave
t=infinito t=0
Ecm/(1+\phi) 10853,7 Ecm 31475,8
I 1,17E+09 [mm4] I 9,86E+08 [mm4]
If 6,71E+08 [mm4] If 3,39E+08 [mm4]
c 0,5 c 0,5
β 0,3 β 0,3
\xi 0,9 \xi 1,0
p 7,87E-14 p 3,22E-14
pf 1,37E-13 pf 9,38E-14
p* 1,34E-13 p* 9,16E-14
Calcolo della Freccia in mezzeria per trave semplicemente appoggiata soggetta ad un carico uniforme
q 8,9 [N/mm]
luce 7000,0 [mm]
f,inf 37,12 [mm] f,ist 25,39 [mm]
controfreccia -20,00 [mm]
freccia finale 17,12 [mm]
(f,inf-f,ist) 11,73 [mm]
Valori Limite della Freccia
1/250*l 28,0 [mm] VERIFICATO
1/500*l 14,0 [mm] VERIFICATO

Verifica Deformazioni: Comb. QUASI PERMANENTE


Calcolo Parametro di Rigidezza Caratteristico della trave
t=infinito t=0
Ecm/(1+\phi) 10853,7 Ecm 31475,8
I 1,17E+09 [mm4] I 9,86E+08 [mm4]
If 6,71E+08 [mm4] If 3,39E+08 [mm4]
c 0,5 c 0,5
β 0,4 β 0,3
\xi 0,9 \xi 1,0
p 7,87E-14 p 3,22E-14
pf 1,37E-13 pf 9,38E-14
p* 1,34E-13 p* 9,14E-14
Calcolo della Freccia in mezzeria per trave semplicemente appoggiata soggetta ad un carico uniforme
q 8,4 [N/mm]
luce 7000,0 [mm]
f,inf 35,22 [mm] f,ist 24,09 [mm]
controfreccia -20,00 [mm]
freccia finale 15,22 [mm]
(f,inf-f,ist) 11,13 [mm]
Valori Limite della Freccia
1/250*l 28,0 [mm] VERIFICATO
1/500*l 14,0 [mm] VERIFICATO

34
2.3 CORDOLO IN CEMENTO ARMATO

L’edificio in muratura portante è concepito come una struttura tridimensionale scatolare, perciò è
necessario garantire adeguati collegamenti tra le murature ed i solai, oltre che tra le murature stesse.
La normativa (DM 20/11/1987) prevede per le zone non sismiche la realizzazione di cordoli in
cemento armato, di larghezza pari ad almeno 2/3 della muratura sottostante, comunque non
inferiore a 12 cm, e di altezza almeno pari a quella del solaio, comunque non inferiore alla metà
dello spessore del muro, e con armatura di diametro non inferiore ai 16 mm.
Inoltre, per i primi tre solai, a partire dall’alto, l’armatura minima dei cordoli sarà di almeno 6
cm2 con diametro non inferiore a 12mm. Nei piani sottostanti gli ultimi tre, detta armatura minima
sarà aumentata di 2 cm2 ad ogni piano.
Va sottolineato che la stessa armatura dovrà essere prevista nel cordolo di base interposto tra la
fondazione e la struttura in elevazione. Infine, le armature non devono essere inferiori allo 0,60%
dell’area del cordolo.
Poiché le murature esistenti sono in pietra e hanno uno spessore elevato, i cordoli saranno realizzati
all’esterno della muratura per evitare interventi troppo invasivi.
I cordoli saranno collegati alle murature tramite code di rondine disposte nelle murature con
interasse di 1,50 m.

2.3.1 Dimensionamento iniziale

Geometria sezione
[mm] Materiali fk γm αcc Riduzione fd
per s ≤ 50
mm
bw 250 C25/30 25 1,5 0,85 1,00 14,17
i 0 B450C 450 1,15 391,30
s 0
h 300 Ecm 31475,81 εcu 3,50E-03
htot 300 Es 200000,00 εc4 7,00E-04
yg 150,0 Es/Ec 6,35 εsu 1,00E-02
εsd 1,96E-03

Sollecitazione

Nsd [kN] 0,00


Msd+ [kNm] 18,23
Msd- [kNm] 18,2

Progettazione Armatura

[mm] [mm] [mmq] [mm] [mm] [mm] [mmq] [mm]


strato barre n φ As d n φ As' d'
1 2 14 307,9 260 2,0 14,0 307,9 40
2 0,0 0,0
3 0,0 0,0
4 0,0 0,0
As totale 307,9 As' totale 307,9
d_medio 260,0 d_medio 40,0
35
2.3.2 Verifiche SLU

Verifica momento resistente positivo

[mm] [mm]
x 45,0 x2-3 67,4
x3-4 166,8

Campo 2 TRUE

εc 2,09E-03 εs σs εs' σs'


λ1 0,67 1,00E-02 -391,3 2,33E-04 46,6
[mmq] 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
Ac_eff1 7490,70 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 106,1 Mrd(Fc) 14,3


Fs -120,5 Mrd(As) 13,3
Fs' 14,4 Mrd(As') 1,6
Nrd 0,0 Mrd 29,2 kNm VERIFICATO
(Nrd-Nsd)^2 0,0

Campo 3 FALSE

εc 3,50E-03 εs σs εs' σs'


λ2 0,80 1,67E-02 -391,3 3,90E-04 77,9
[mmq] 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
Ac_eff1 9002,40 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 127,5 Mrd(Fc) 16,8


Fs -120,5 Mrd(As) 13,3
Fs' 24,0 Mrd(As') 2,6
Ntot 31,1 Mrd 32,7 kNm NON VERIFICATO
(Nrd-Nsd)^2 964,6

36
Verifica momento resistente negativo
[mm] [mm]
x 45,0 x2-3 67,4
x3-4 166,8

Campo 2 TRUE

εc 2,09E-03 εs σs εs' σs'


λ1 0,67 2,33E-04 46,5 1,00E-02 -391,3
[mmq] 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
Ac_eff1 7487,50 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 106,1 Mrd(Fc) -14,3


Fs 14,3 Mrd(As) -1,6
Fs' -120,5 Mrd(As') -13,3
Nrd -0,1 Mrd -29,1 kNm VERIFICATO
(Nrd-Nsd)^2 0,0

Campo 3 FALSE

εc 3,50E-03 εs σs εs' σs'


λ2 0,80 3,89E-04 77,8 1,67E-02 -391,3
[mmq] 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
Ac_eff2 9000,00 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 127,5 Mrd(Fc) -16,8


Fs 23,9 Mrd(As) -1,6
Fs' -120,5 Mrd(As') -13,3
Ntot 31,0 Mrd -31,7 kNm NON VERIFICATO
(Nrd-Nsd)^2 959,3

Verifica a taglio

Geometria sezione
Riduzione
per s ≤
[mm] Materiali fk γm αcc 50 mm fd
bw 250 C25/30 25 1,5 0,85 0,80 11,33
i 0 B450C 450 1,15 391,30
s 0
h 300 Ecm 31475,81 εcu 3,50E-03
htot 300 Es 200000,00 εc4 7,00E-04
yg 150,0 Es/Ec 6,35 εsu 1,00E-02
εsd 1,96E-03
Sollecitazione
Nsd [kN] 0,00
Vsd [kN] 48,62
Msd [kNm] 18,23

37
Progettazione Armatura Longitudinale
[mm] [mm] [mm2] [mm] [mm] [mm] [mm2] [mm]
strato barre n φ As d n φ As' d'
1 2 14,00 307,9 260 2,0 14,0 307,9 40
2 0,0 0,0
3 0,0 0,0
4 0,0 0,0
As totale 307,9 As' totale 307,9
d_medio 260,0 d_medio 40,0
Progettazione Armatura Trasversale
[mm] [mm2] [mm] [gradi] [radianti]
Bracci φsw Asw p \alpha \alpha
2,0 8,00 100,5 150 90,00 1,57

Calcolo Resistenza a Taglio-Trazione


Vrsd,min
Cotg θ 1,0 2,5 1,0
Vrsd 61,4 153,4 61,4 [kN]
Calcolo Resistenza a Taglio-Compressione
f'cd 5,7
sigma_cp 0,0
condizione non compressa [0-0,25]*fcd [0,25-0,5]*fcd [0,5-1]*fcd
\alpha_c 1,0 0,0 0,0 0,0
Vrcd,min
Cotg θ 1,0 2,5 2,5
Vrcd 165,8 114,3 114,3 [kN]
Verifica Resistenza a Taglio
Vrd,min 61,4 [kN]
Vsd<Vrd,min VERIFICATO

38
2.3.3 Verifiche SLE

Verifica tensioni d’esercizio


Geometria sezione
Riduzione
per s ≤
[mm] Materiali fk γm αcc 50 mm fd
bw 250 C25/30 25 1,5 0,85 1,00 14,17
i 0 B450C 450 1,15 391,30
s 0
h 300 Ecm 31475,81 εcu 3,50E-03
htot 300 Es 200000,00 εc4 7,00E-04
yg 150,0 Es/Ec 6,35 εsu 1,00E-02
n 15,00 εsd 1,96E-03

Sollecitazione RARA Sollecitazione QUASI PERM.

Nsd [kN] 0,00 Nsd [kN] 0,00


Msd [kNm] 12,71 Msd [kNm] 11,53

Progettazione Armatura
[mm] [mm] [mmq] [mm] [mm] [mm] [mmq] [mm]
strato barre n φ As d n φ As' d'
1 2 14,00 307,9 260 2,0 14,0 307,9 40
2 0,0 0,0
3 0,0 0,0
4 0,0 0,0
As totale 307,9 As' totale 307,9

Verifica Tensioni di esercizio: Comb. RARA


[mm]
x 58,2

σc 3,33 εs σs εs' σs' abs(σs) abs(σs')


8,65E-04 -172,9 7,81E-05 15,6 172,9 15,6
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0 0,0 0,0
Ac_eff1 14557,1 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0 0,0 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0 0,0 0,0

Fc 48,4 Ac*braccio 1901014,4 Verifica TensioniRARA


Fs -53,2 n*As*braccio 1760300,5 cls VERIFICATO <,6 fcd
Fs' 4,8 n*As'*braccio 159026,9 Arm.inf VERIFICATO <,8 fsd
Nrd 0,0 Mrd 12,7 kNm Arm.sup VERIFICATO <,8 fsd
(Nrd-Nsd)^2 0,0 (Mrd-Msd)^2 0,0

Verifica Tensioni di esercizio: Comb. QUASI


PERMANENTE
[mm]
x 58,2

σc 3,02 εs σs εs' σs' abs(σs) abs(σs')


7,84E-04 -156,9 7,09E-05 14,2 156,9 14,2
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0 0,0 0,0
Ac_eff2 14557,1 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0 0,0 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0 0,0 0,0

Verifica
Fc 43,9 Ac*braccio 1901014,4 Tensioni QUASI PERM.
Fs -48,3 n*As*braccio 1760300,5 cls VERIFICATO <,45 fcd
Fs' 4,4 n*As'*braccio 159026,9 Arm.inf VERIFICATO <,8 fsd
Nrd 0,0 Mrd 11,5 kNm Arm.sup VERIFICATO <,8 fsd
(Nrd-Nsd)^2 0,0 (Mrd-Msd)^2 0,0

39
Verifica fessurazione
Geometria sezione Materiali
Riduzione
per s ≤
[mm] Materiali fk γm αcc 50 mm fd
bw 250 C25/30 25 1,5 0,85 0,80 11,33
i 0 B450C 450 1,15 391,30
s 0
h 300 Ecm 31475,81 εcu 3,50E-03
htot 300 Es 200000,00 εc4 7,00E-04
yg 150,0 Es/Ec 6,35 εsu 1,00E-02
n 15,00 εsd 1,96E-03
Sollecitazione FREQUENTE Sollecitazione QUASI PERM.

Nsd [kN] 0,00 Nsd [kN] 0,00


Msd [kNm] 12,12 Msd [kNm] 11,53
Progettazione Armatura
[mm] [mm] [mmq] [mm] [mm] [mm] [mmq] [mm]
strato barre n φ As d n φ As' d'
1 2 14,00 307,9 260 2,0 14,0 307,9 40
2 0,0 0,0
3 0,0 0,0
4 0,0 0,0
As totale 307,9 As' totale 307,9
d_medio 260,0 d_medio 40,0

Verifica Fessurazioni: Comb. FREQUENTE


Calcolo baricentro sezione interamente reagente
area y Sx
soletta 0,0 300,0 0,0 yg 150,0 [mm]
nervatura 75000,0 150,0 11250000,0
n*acciaio inf 4618,1 40,0 184725,6
n*acciaio sup 4618,1 260,0 1200716,7
totale 84236,3 12635442,4

Calcolo Momento di Inerzia Sezione Interamente Reagente


area braccio^2 Ix
soletta 0,0 90000,0 0,0 Ig 674259017,1 [mm4]
nervatura 75000,0 30000,0 2250000000,0 W' 4495060,1 [mm3]
n*acciaio inf 4618,1 1600,0 7389025,9 M' 11,5 [kNm]
n*acciaio sup 4618,1 67600,0 312186345,2
totale 84236,3 2569575371,1

Calcolo Asse Neutro


[mm] [mm]
x 58,2

σc 3,01 εs σs εs' σs'


7,82E-04 -156,4 7,07E-05 14,1
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
Ac_eff1 14557,1 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 43,8 Ac*braccio 1901014,4


Fs -48,2 n*As*braccio 1760300,6
Fs' 4,4 n*As'*braccio 159026,9
Nrd 0,0
(Nrd-Nsd)^2 0,0
Calcolo ε_sm

σs 156,4
kt 0,6
hc,eff 80,6 100,0 80,6 150,0
ρ_eff 0,0
fctm 2,6
α_e 15,0
ε_sm 1,65E-04
ε_sm,min 4,69E-04
ε_sm,d 4,69E-04

40
Calcolo Δ_smax

c 20,0 [mm]
φ_eq 14,0 [mm]
condizione 135,0 [mm]
k_1 0,8
k_2 0,5
k_3 3,4
k_4 0,425
Δ_smax 223,7 [mm]

Calcolo e verifica w_d

w_d 0,1050 [mm] w_3 0,4 [mm] VERIFICATO

Verifica Fessurazioni: Comb. QUASI PERMANENTE


Calcolo baricentro sezione interamente reagente
area y Sx
soletta 0,0 300,0 0,0 yg 150,0 [mm]
nervatura 75000,0 150,0 11250000,0
n*acciaio inf 4618,1 40,0 184725,6
n*acciaio sup 4618,1 260,0 1200716,7
totale 84236,3 12635442,4

Calcolo Momento di Inerzia Sezione Interamente Reagente


area braccio^2 Ix
soletta 0,0 90000,0 0,0 Ig 674259017,1 [mm4]
nervatura 75000,0 30000,0 2250000000,0 W' 4495060,1 [mm3]
n*acciaio inf 4618,1 1600,0 7389025,9 M' 11,5 [kNm]
n*acciaio sup 4618,1 67600,0 312186345,2
totale 84236,3 2569575371,1

Calcolo Asse Neutro


[mm]
x 58,2

σc 3,01 εs σs εs' σs' abs(σs) abs(σs')


7,82E-04 -156,4 7,07E-05 14,1 156,4 14,1
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0 0,0 0,0
Ac_eff2 14557,1 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0 0,0 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0 0,0 0,0

Fc 43,8 Ac*braccio 1901014,4


Fs -48,2 n*As*braccio 1760300,6
Fs' 4,4 n*As'*braccio 159026,9
Nrd 0,0
(Nrd-Nsd)^2 0,0
Calcolo ε_sm

σ_s 156,4
kt 0,4
hc,eff 80,6 100,0 80,6 150,0
ρ_eff 0,0
fctm 2,6
α_e 15,0
ε_sm 3,71E-04
ε_sm,min 4,69E-04
ε_sm,d 4,69E-04

Calcolo Δ_smax
c 20,0 [mm]
φ_eq 14,0 [mm]
condizione 135,0 [mm]
k_1 0,8
k_2 0,5
k_3 3,4
k_4 0,425
Δ_smax 223,7 [mm]

Calcolo e verifica w_d


w_d 0,1050 [mm] w_2 0,3 [mm] VERIFICATO

41
Verifica deformazione
Geometria sezione
Riduzione
per s ≤
[mm] Materiali fk γm αcc 50 mm fd
bw 250 C25/30 25 1,5 0,85 0,80 11,33
i 0 B450C 450 1,15 391,30
s 0
h 300 Ecm 31475,81 εcu 3,50E-03
htot 300 Es 200000,00 εc4 7,00E-04
yg 150,0 Es/Ec 6,35 εsu 1,00E-02
\phi 1,9 εsd 1,96E-03

Sollecitazione RARA Sollecitazione FREQUENTE Sollecitazione QUASI PERM.

Nsd [kN] 0,00 Nsd [kN] 0,00 Nsd [kN] 0,00


Msd [kNm] 12,71 Msd [kNm] 12,12 Msd [kNm] 11,53
Controfreccia 0,00 [mm]
Progettazione Armatura
[mm] [mm] [mmq] [mm] [mm] [mm] [mmq] [mm]
strato barre n φ As d n φ As' d'
1 2 14,00 307,9 260 2,0 14,0 307,9 40
2 0,0 0,0
3 0,0 0,0
4 0,0 0,0
As totale 307,9 As' totale 307,9
d_medio 260,0 d_medio 40,0

n 15
Calcolo baricentro sezione interamente reagente
area y Sx
soletta 0,0 300,0 0,0 yg 150,0 [mm]
nervatura 75000,0 150,0 11250000,0
n*arm.inf 4618,1 40,0 184725,6
n*arm.sup 4618,1 260,0 1200716,7
totale 84236,3 12635442,4
Calcolo Momento di Inerzia Sezione Interamente Reagente
area y^2 Ix
soletta 0,0 90000,0 0,0 Ig 674259017,1 [mm4]
nervatura 75000,0 30000,0 2250000000,0 W' 4495060,1 [mm3]
n*arm.inf 4618,1 1600,0 7389025,9 M' 11,5 [kNm]
n*arm.sup 4618,1 67600,0 312186345,2
totale 84236,3 2569575371,1
Calcolo Asse Neutro
[mm]
x 58,2
σc 3,33 εs σs εs' σs'
8,65E-04 -172,9 7,81E-05 15,6
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
Ac_eff_inf 14557,0 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 48,4 Ac*y 1901013,6


Fs -53,2 n*As*y 1760301,7
Fs' 4,8 n*As'*y 159026,7
Nrd 0,0
(Nrd-Nsd)^2 0,0
Calcolo Baricentro Sezione Parzializzata
area y Sx
soletta 0,0 300,0 0,0 Ygf 224,0 [mm]
nervatura 14557,0 270,9 3943298,9
n*arm.inf 4618,1 40,0 184725,6
n*arm.sup 4618,1 260,0 1200716,7
totale 23793,3 5328741,2
Calcolo Momento di Inerzia Sezione Parzializzata
area y^2 Ix
soletta 0,0 90000,0 0,0 If 194337444,8 [mm4]
nervatura 14557,0 73379,2 1068184082,9
n*arm.inf 4618,1 1600,0 7389025,9
n*arm.sup 4618,1 67600,0 312186345,2
totale 23793,3 1387759454,0
42
n 6,35
Calcolo baricentro sezione interamente reagente
area y Sx
soletta 0,0 300,0 0,0 yg 150,0 [mm]
nervatura 75000,0 150,0 11250000,0
n*arm.inf 1956,3 40,0 78250,9
n*arm.sup 1956,3 260,0 508630,5
totale 78912,5 11836881,4
Calcolo Momento di Inerzia Sezione Interamente Reagente
area y^2 Ix
soletta 0,0 90000,0 0,0 Ig 609841765,2 [mm4]
nervatura 75000,0 30000,0 2250000000,0 W' 4065611,8 [mm3]
n*arm.inf 1956,3 1600,0 3130034,1 M' 10,4 [kNm]
n*arm.sup 1956,3 67600,0 132243939,2
totale 78912,5 2385373973,3
Calcolo Asse Neutro
[mm]
x 41,3
σc 4,98 εs σs εs' σs'
8,39E-04 -167,7 4,81E-06 1,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
Ac_eff_ist 10313,5 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 51,4 Ac*y 1405201,8


Fs -51,6 n*As*y 1141025,4
Fs' 0,3 n*As'*y 6541,3
Nrd 0,0
(Nrd-Nsd)^2 0,0
Calcolo Baricentro Sezione Parzializzata
area y Sx
soletta 0,0 300,0 0,0 Ygf 243,8 [mm]
nervatura 10313,5 279,4 2881316,0
n*arm.inf 1956,3 40,0 78250,9
n*arm.sup 1956,3 260,0 508630,5
totale 14226,1 3468197,4
Calcolo Momento di Inerzia Sezione Parzializzata
area y^2 Ix
soletta 0,0 90000,0 0,0 If 94817131,6 [mm4]
nervatura 10313,5 78049,3 804961835,3
n*arm.inf 1956,3 1600,0 3130034,1
n*arm.sup 1956,3 67600,0 132243939,2
totale 14226,1 940335808,6

Verifica Deformazioni: Comb. RARA


Calcolo Parametro di Rigidezza Caratteristico della trave
t=infinito t=0
Ecm/(1+\phi) 10853,7 Ecm 31475,8
I 674259017,1 [mm4] I 609841765,2 [mm4]
If 194337444,8 [mm4] If 94817131,6 [mm4]
c 1,0 c 1,0
β 0,9 β 0,8
\xi 0,2 \xi 0,3
p 1,37E-13 p 5,21E-14
pf 4,74E-13 pf 3,35E-13
p* 1,98E-13 p* 1,46E-13
Calcolo della Freccia in mezzeria per trave semplicemente appoggiata soggetta ad un carico uniforme
q 45,2 [N/mm]
luce 1500,0 [mm]
f,inf 0,59 [mm] f,ist 0,43 [mm]
controfreccia 0,0 [mm]
freccia finale 0,59 [mm]
(f,inf-f,ist) 0,16 [mm]
Valori Limite della Freccia
1/250*l 6,0 [mm] VERIFICATO
1/500*l 3,0 [mm] VERIFICATO

43
Verifica Deformazioni: Comb. FREQUENTE
Calcolo Parametro di Rigidezza Caratteristico della trave
t=infinito t=0
Ecm/(1+\phi) 10853,7 Ecm 31475,8
I 674259017,1 [mm4] I 609841765,2 [mm4]
If 194337444,8 [mm4] If 94817131,6 [mm4]
c 0,5 c 0,5
β 0,9 β 0,9
\xi 0,5 \xi 0,6
p 1,37E-13 p 5,21E-14
pf 4,74E-13 pf 3,35E-13
p* 3,22E-13 p* 2,31E-13
Calcolo della Freccia in mezzeria per trave semplicemente appoggiata soggetta ad un carico uniforme
q 43,1 [N/mm]
luce 1500,0 [mm]
f,inf 0,92 [mm] f,ist 0,66 [mm]
controfreccia 0,00 [mm]
freccia finale 0,92 [mm]
(f,inf-f,ist) 0,26 [mm]
Valori Limite della Freccia
1/250*l 6,0 [mm] VERIFICATO
1/500*l 3,0 [mm] VERIFICATO

Verifica Deformazioni: Comb. QUASI PERMANENTE


Calcolo Parametro di Rigidezza Caratteristico della trave
t=infinito t=0
Ecm/(1+\phi) 10853,7 Ecm 31475,8
I 674259017,1 [mm4] I 609841765,2 [mm4]
If 194337444,8 [mm4] If 94817131,6 [mm4]
c 0,5 c 0,5
β 1,0 β 0,9
\xi 0,5 \xi 0,6
p 1,37E-13 p 5,21E-14
pf 4,74E-13 pf 3,35E-13
p* 3,06E-13 p* 2,20E-13
Calcolo della Freccia in mezzeria per trave semplicemente appoggiata soggetta ad un carico uniforme
q 41,0 [N/mm]
luce 1500,0 [mm]
f,inf 0,83 [mm] f,ist 0,59 [mm]
controfreccia 0,00 [mm]
freccia finale 0,83 [mm]
(f,inf-f,ist) 0,23 [mm]
Valori Limite della Freccia
1/250*l 6,0 [mm] VERIFICATO
1/500*l 3,0 [mm] VERIFICATO

60,24 48,62 VERIFICATO

fbd 2,7 N/mm2

44
2.4 PROGETTO E VERIFICA DEGLI APPOGGI DEL SOLAIO

Dati cordolo:
- bcor = 250 mm
- hcor = 300 mm
- interrasse appoggi: 1,50 m
- Vmax = 48,62 kN

Materiale:
- C25/20 fcd = 14,11 MPa
- B450C fsd = 391,3 MPa

Dati muratura:
- fk = 2,30 MPa
- FC = 1,2
- γm =2
- fd = 0,96

2.4.1 Predimensionamento

b = 250 mm
t = 250 mm
β =1 (a favore di sicurezza)

L’area di appoggio risulta verificata allo schiacciamento della muratura.

45
Dati appoggio solaio:
- b = 250 mm
- t = 250 mm
- h = 300 mm
- d = 260 mm
- λ = cotg θ = [1; 1,25]

Figura 2.2: schema delle forze per il calcolo di θ

(Nell’ipotesi che Vmax sia applicato in mezzeria del cordolo oppure


all’estremità)

2.4.2 Verifica dell’appoggio

Si prescrive dunque un appoggio di dimensioni 250x250 mm ogni 1,5 m armato con 3 staffe Ø10

46
3 PROGETTO E VERIFICA DEI SOLAI DEL PRIMO PIANO IN
MISTO LEGNO -CALCESTRUZZO

Per la ristrutturazione dei solai del primo piano dell’edificio si è optato per la soluzione legno-
calcestruzzo, basata sull’accoppiamento di una soletta in cemento armato casserata da un pannello
in legno a scaglie orientate OSB/2, con una trave in legno lamellare omogeneo.

Come indicato nello schema sottostante (Fig.3.2), sulla pianta si sono individuate due diverse
luci per quanto riguarda i solai, rispettivamente di 7,00 e 2,70 m. Si è deciso quindi di adoperare
due tipologie di solaio, entrambe caratterizzate dalla soletta in cemento armato e dai pannelli
OSB/2, accoppiati alle seguenti travi:

trave in legno lamellare G32h, di dimensioni 0,12 m * 0,36 m, per il solaio di seguito
nominato “Solaio 1” che è stato adottato per gli ambienti di luce 7,00 m;
trave in legno lamellare G24h, di dimensioni 0,12 m*0,28 m, per il solaio di seguito
nominato “Solaio 2” che è stato adottato per gli ambienti in corrispondenza del corridoio,
aventi luce di 2,70 m.

In entrambe le tipologie di solaio, la connessione soletta-pannello-trave è da realizzarsi con


connettori a pioli di diametro 1,4 cm e passo 15 cm. Le travi in entrambi i tipi di solaio, sono poste
ad interasse di 60 cm. I pannelli OSB sono disponibili in lunghezze commerciali di un metro, e
hanno uno spessore di 2 cm.

 Sezione resistente

La sezione resistente assunta a base dei calcoli, per i due tipi di solaio, risulta composta:
da un pannello di larghezza B = 60 cm e altezza pari allo spessore del pannello;
dalla trave sottostante in lamellare, di dimensioni opportune a seconda del tipo di solaio
figura 3.1

Figura 3.1

47
Figura 3.2: orditura solai primo piano in misto legno cemento
48
3.1 ANALISI DEI CARICHI

Oltre allo strato portante, la cui sezione varierà in funzione delle diverse luci, si propone un
pacchetto di finitura uniforme per tutti gli ambienti del piano in esame. Questo pacchetto
rappresenterà il peso permanente portato (G2k) e sarà composto dai seguenti materiali così
distribuiti:

Strato Peso specifico [kN/mc] Spessore [cm] Carico [kN/mq]


Piastrelle 20,00 1,00 0,20
malta 20,00 1,00 0,20
massetto in cls
14,00 6,00 0,84
alleggerito
Isolamento Celenit 3,60 5,00 0,18
Intonaco 20,00 1,50 0,30
Tramezzi 0,80
Antincendio REI 120 3,60 5,00 0,18
TotaleG2k 19,50 2,70
Tabella 3.1

Quindi i carichi totali agenti saranno così composti:

Per il “Solaio 1”

CARICHIAGENTI
G1k Peso proprio strutturale 2,00 kN/mq
G2k Peso proprio non strutturale 2,70 kN/mq
Qk Carico variabile 3,00 kN/mq
Totale 7,70 kN/mq
Tabella 3.2

CARICHI AGENTI SULLA TRAVE


G1k Peso proprio strutturale 1,20 kN/m
G2k Peso proprio non strutturale 1,62 kN/m
Qk Carico variabile 1,80 kN/m
Totale 4,62 kN/m
Tabella 3.3

Con G1k peso del solaio in opera, G2k dipende dal tipo di finiture (Tab.3.1.1) e Qk dipende dal
tipo di destinazione d’uso del solaio (NTC 2008, pag.13)

49
Per il “Solaio 2” cambia solo G1k (diminuisce il peso proprio strutturale)

Combinando i suddetti carichi caratteristici, secondo normativa riferita alla categoria C. i.e.
ambienti suscettibili di affollamento, moltiplicando ciascuno di essi per gli opportuni coefficienti
amplificativi, si ottiene i valori di progetto dei carichi considerati.

COEFFICIENTI
γg1 Coef. Parziali lato carichi 1,3
γg2 Coef. Parziali lato carichi 1,5
γq1 Coef. Parziali lato carichi 1,5
ψq0 Coef. Di combinazione 0,7
ψq1 Coef. Di combinazione 0,7
ψq2 Coef. Di combinazione 0,6
Tabella 3.4

Quindi dalla combinazione dei carichi si ottengono le caratteristiche della sollecitazione:

SLU SLE
Comb.Favorevole Comb.Sfavorevole Comb.Rara Comb.Freq Comb.Quasi Perm.
2
G1d [kN/m ] 2,00 2,60 2,00 2,00 2,00
2
G2d [kN/m ] 0,00 4,05 2,70 2,70 2,70
2
Q1d [kN/m ] 0,00 4,50 3,00 2,10 1,80
2
Fd [kN/m ] 2,00 11,15 7,70 6,80 6,50
Tabella 3.5

SLU SLE
Comb.Favorevole Comb.Sfavorevole Comb.Rara Comb.Freq Comb.Quasi Perm.
G1d [kN/m] 1,20 1,56 1,20 1,20 1,20
G2d [kN/m] 0,00 2,43 1,62 1,62 1,62
Q1d [kN/m] 0,00 2,70 1,80 1,26 1,08
Fd [kN/m] 1,20 7,14 4,62 4,08 3,90
Tabella 3.6

Con Fd carico per ogni azione.

50
3.2 PREDIMENSIONAMENTO E VERIFICHE SLU-SLE – “SOLAIO 1”

3.2.1 Predimensionamento

Si riporta di seguito il calcolo del solaio di legno con soletta collaborante in calcestruzzo per
locali di abitazione e relativi servizi. La connessione legno-calcestruzzo è considerata deformabile
in accordo alle nuove Norme Tecniche per le Costruzioni di cui al D.M. 14.01.2008 (NTC). Le
NTC prevedono al punto 4.4.1 che

“La valutazione della sicurezza deve essere svolta secondo il metodo agli stati limite” e che
“I requisiti di resistenza, funzionalità e robustezza si garantiscono verificando gli stati limite ultimi
e gli stati limite di esercizio della struttura, dei singoli componenti strutturali e dei collegamenti”.

Gli ultimi due capoversi del punto 4.4.2 prevedono rispettivamente che

“In presenza di giunti meccanici si deve, di regola, considerare l’influenza della


deformabilità degli stessi. Per tutte le strutture, in particolare per quelle composte da parti con
diverso comportamento reologico, le verifiche, per gli stati limite ultimi e di esercizio, devono
essere effettuate con riferimento, oltre che alle condizioni iniziali, anche alle condizioni finali (a
tempo infinito)”.

In particolare, per le verifiche degli stati limite di esercizio, il punto 4.4.7 delle NTC
prescrive che

“In generale nella valutazione delle deformazioni delle strutture si deve tener conto della
deformabilità dei collegamenti” e che “Considerando il particolare comportamento reologico del
legno e dei materiali derivanti dal legno, si devono valutare sia la deformazione istantanea sia la
deformazione a lungo termine”.

Il secondo capoverso del punto 4.4.10 stabilisce che

“Le verifiche dell’elemento composto dovranno tener conto degli scorrimenti nelle unioni. A
tale scopo e ammesso adottare per le unioni un legame lineare tra sforzo e scorrimento”.

Appare quindi chiaro, oltre che tecnicamente corretto, come la sicurezza e la funzionalità del
solaio composto legno-calcestruzzo debbano essere valutati considerando la deformabilità della
connessione, in condizioni sia iniziali sia finali (a tempo infinito). Per il calcolo della capacita
portante del sistema legno-connettore-calcestruzzo si e fatto riferimento alla procedura riportata
nell’appendice B della UNI EN 1995-1-1:2009 [5], nel rispetto delle relative ipotesi.

Vita nominale e classi d’uso della costruzione:


Vita nominale dell’opera VN = 50anni
Classe d’uso dell’opera = Classe III
51
Geometria della sezione

Caratteristiche geometriche [cm]


L Luce 700
h1 Spessore soletta 6
h0 spessore tavolato 3
h2 altezza trave 36
H Altezza TOT solaio 45

b base trave 12
i interasse travi 60
d connettori a pioli 1,4
Smin passo dei connettori agl’appoggi 15
Smax passo dei connettori in campata 15
Lc infissione dei connettori - Soletta 4,5 ≥ 2,5 diam
Lw infissione dei connettori - Trave 14 ≥ 6 diam.
Tabella 3.7

Quindi la trave considerata ha dimensioni 12 cm per 36cm di altezza e presenta un interasse di


60cm. Lo spessore del soprastante tavolato sarà di 3 centimetri, completerà invece la parte
strutturale una soletta di 6cm.

Limiti Deformabilità [mm]


F lim,in = L/600 freccia lim. Iniziale (t=0) 11,7
F lim,fin= L/400 freccia lim. Finale (t=∞) 17,5
Tabella 3.8

Connettori

Barre Ø14 ad aderenza migliorata in acciaio B450C conforme al D.M. 14.01.2008

fy nom 450 N/mm2


ft nom (fu,k) 540 N/mm2

Coefficienti parziali di sicurezza dei materiali

Calcestruzzo γc = 1,5
Legno γw = 1,45 (Tab. 4.4.III NTC)
Connettore γv = 1,5 (Tab. 4.4.III NTC)

52
Resistenza di calcolo dei materiali

Legno:

Il valore di calcolo di una proprietà del legno e calcolato dalla relazione:

da cui si ottiene (fm,k e ft,0,k sono moltiplicati per il coefficiente kh):

Per Kmod = 0,90


Fm,d 19,86 N/mm2
Ft,0,d 13,97 N/mm2
Ft,90,d 0,31 N/mm2
Fc,0,d 18,00 N/mm2
Fc,90,d 2,05 N/mm2
Fvd 2,36 N/mm2

Per Kmod= 0,60


Fm,d 13,24 N/mm2
Ft,0,d 9,31 N/mm2
Ft,90,d 0,21 N/mm2
Fc,0,d 12,00 N/mm2
Fc,90,d 1,37 N/mm2
Fvd 1,57 N/mm2
Tabella 3.9

Calcestruzzo:

D’ora in avanti, per le verifiche si fa riferimento alla combinazione dei carichi che comprendono
sia le azioni permanenti (strutturali e non) e sia i carichi variabili (kmod = 0,90), poiché tale
situazione, nel caso oggetto di studio, risulta più gravosa rispetto a quella con i soli carichi
permanenti (kmod = 0,60).

53
Capacità portante dei connettori

Il valore di progetto della capacità portante del singolo connettore e pari al minore dei seguenti
valori (non si considera la resistenza caratteristica all’estrazione Fax,Rk):

dove:

My,Rk e il valore caratteristico del momento di snervamento del connettore che si


ricava dalla seguente espressione:

Fh,k e il valore caratteristico della resistenza a rifollamento del legno (per unioni con
perforatura) pari a30,32N/mm2 dato dalla seguente formula:

con:
d = 14 mm
ρk = 430 kg/m3

Capacità portante singolo connettore di progetto F v,r,d

Fv,Rk 18.638,30 N
F h,k(res a rifollamento legno) 30,32 N/mm2
M y,Rk (mom di snervamento connet.) 154.684,90 Nmm
Fh,k*Lw*d 59.434,26 N
F h,k*Lw*d*[…] 26.166,77 N
2,3*rad… 18.638,30 N
Fv,Rd 11.182,98 N

54
La capacita portante del connettore sarà quindi data dalla formula:

con:
kmod = 0,9
γv = 1,50
Fv,Rk(min) = 18.638,30N

Rigidezza dei connettori

Per le unioni legno-calcestruzzo e per il tipo di connettore adottato, il modulo di scorrimento


istantaneo Kser, sotto l’azione dei carichi allo stato limite di esercizio, viene ricavato dalla seguente
relazione (con ρk in kg/m3 e d in mm):

Quindi Kser = 12.483,34 N/mm

con:
d = 14 mm
ρk = 430 kg/m3

mentre il modulo di scorrimento istantaneo Ku, sotto l’azione dei carichi allo stato limite
ultimo, e ricavato dalla seguente formula:

e vale quindi Ku = 8.322,23 N/mm

Interasse equvalente di calcolo dei connettori

I connettori sono posti con passo di 15 cm su tutta le lunghezza della trave. Essendo il passo
massimo non superiore a 4 volte il passo minimo, ai fini dei calcoli si può adottare un passo
equivalente pari a:

Interasse Equiv. Di calcolo


Seq 15,00 cm

55
3.2.2 Verifiche SLU a tempo iniziale (t = 0)

Carichi per le verifiche

Carichi e sollecitazioni massime riferite all’interasse delle travi per verifica allo SLU:

Per le verifiche si adottano le formulazioni riportate nell’appendice B dell’Eurocodice 5.

Tabella 3.10 Geometria degli elementi resistenti del solaio con distribuzione delle tensioni normali

CLS (materiale 1) LEGNO (materiale 2)


h1 60,00 mm h2 360,00 mm
b1 600,00 mm b2 120,00 mm
A1 36.000,00 mm2 A2 43.200,00 mm2
J1 1,08E+07 mm4 J2 4,67E+08 mm4
E1 31447 N/mm2 E2 13700 N/mm2

56
E da notare che la formula 2f riportata nell’Appendice B dell’Eurocodice 5 non contiene il
termine (2*h0) in quanto le due sezioni 1 e 2 sono a diretto contatto. L’inserimento del termine
(2*h0) e la sostituzione di (h1 + h2 + 2*h0)/2 con (a1 + a2) permette di tener conto dello spessore di
quanto compreso tra l’estradosso della trave e l’intradosso della soletta.

57
Verifica calcestruzzo

Le tensioni normali indicate in Figura 3 sono calcolate dalle seguenti formule:

da cui si ricavano le seguenti tensioni normali per le verifiche (la soletta risulta tesa nellaparte
inferiore):

Verifica legno

Le tensioni normali indicate in Figura 3 sono calcolate dalle seguenti formule:

da cui la verifica a tensoflessione fornisce:

58
La massima tensione tangenziale e la relativa verifica e pari a:

Verifica connettori

Lo sforzo agente sul connettore e la relativa verifica e pari a:

59
3.2.3 Verifiche SLE a tempo iniziale (t = 0)

Verifica di deformabilità del solaio

La verifica della freccia istantanea e condotta con la combinazione di carico rara(combinazione


caratteristica). Facendo riferimento alla Figura 3 e alla formulazione dell’Appendice B
dell’Eurocodice 5, adottando per il modulo di scorrimento il valore Kser= 12.483,34 N/mm, la
rigidezza efficace e pari a:

60
Per la verifica delle frecce, il contributo della deformabilità a taglio del sistema trave-soletta e
convenzionalmente riferito al solo legno ed assunto pari a:

La freccia istantanea a tempo t = 0 e pari a:

Verifica tensione e compressione del calcestruzzo

Adottando i parametri ricavati per la verifica di deformabilità del solaio e procedendo come per
le verifiche allo SLU, la massima tensione di compressione del calcestruzzo in esercizio nelle
combinazioni rara e quasi permanente risultano:

per combinazione caratteristica (rara)

per combinazione quasi permanente

61
3.2.4 Verifiche SLU a tempo finale (t = ∞)

Per tener conto degli effetti viscosi del legno e del calcestruzzo si adottano i seguenti valori delle
rigidezze delle unioni e dei materiali:

62
Procedendo come a tempo iniziale si ottiene:

63
Verifica calcestruzzo

Le tensioni normali indicate in Figura 3 sono calcolate dalle seguenti formule:

da cui si ricavano le seguenti tensioni normali per le verifiche (la soletta risulta tesa nellaparte
inferiore):

Verifica legno

Le tensioni normali indicate in Figura 3 sono calcolate dalle seguenti formule:

64
da cui la verifica a tensoflessione fornisce:

La massima tensione tangenziale e la relativa verifica e pari a:

Verifica connettori

Lo sforzo agente sul connettore e la relativa verifica e pari a:

65
3.2.5 Verifiche SLE a tempo finale (t = ∞)

Verifiche di deformabilità del solaio

La verifica della freccia finale e condotta con la combinazione di carico quasi permanente.
Facendo riferimento alla Figura 3 e alla formulazione dell’appendice B dell’Eurocodice 5,
adottando per il modulo di scorrimento il valore Kser,fin = 6457 N/mm, la rigidezza efficace e pari a:

66
La freccia finale a tempo t = ∞ e pari a:

La norma del CNR, al punto 6.4.1, per le verifiche agli stati limite d’esercizio prescrive che

“Per il calcolo della deformazione finale (Ufin) occorre valutare la deformazione a lungo
termine per la combinazione di carico quasi permanente e sommare a quest’ultima la deformazione
istantanea dovuta alla sola aliquota mancante, nella combinazione quasi permanente, del carico
accidentale prevalente (da intendersi come il carico variabile di base della combinazione rara).”

In base di queste indicazioni, la freccia finale e pari a:

dove:

da cui risulta:

67
Verifiche tensione di compressione del calcestruzzo

Adottando i parametri ricavati per la verifica di deformabilità del solaio e procedendo come per
le verifiche allo SLU, la massima tensione di compressione del calcestruzzo in esercizio nelle
combinazioni rara e quasi permanente risultano:

per combinazione caratteristica (rara)

per combinazione quasi permanente

68
3.3 PREDIMENSIONAMENTO E VERIFICHE SLU-SLE – “SOLAIO 2”

3.3.1 Predimensionamento

Si riporta di seguito il calcolo del solaio di legno con soletta collaborante in calcestruzzo per
ambienti suscettibili di affollamento. La connessione legno-calcestruzzo è considerata deformabile
in accordo alle nuove Norme Tecniche per le Costruzioni di cui al D.M. 14.01.2008 (NTC).
Il calcolo verrà eseguito analogamente a quello del ”Solaio1” in legno misto cemento, con la sola
differenza che lavoreremo su luce minore pari a 2,55m.

Vita nominale e classi d’uso della costruzione

Vita nominale dell’opera VN = 50anni


Classe d’uso dell’opera = Classe III

Geometria della sezione

Caratteristiche geometriche [cm]


L Luce 255
h1 Spessore soletta 6
h0 spessore tavolato 1,5
h2 altezza trave 26
H Altezza TOT solaio 33,5

b base trave 12
i interasse travi 60
d connettori a pioli 1,4
Smin passo dei connettori agl’appoggi 10
Smax passo dei connettori in campata 20
Lc infissione dei connettori - Soletta 4,5 ≥ 2,5 diam
Lw infissione dei connettori - Trave 14 ≥ 6 diam.

Quindi la trave considerata ha dimensioni 12cm per 26cm di altezza e presenta un interasse di
60cm. Lo spessore del soprastante tavolato sarà di 1,5 centimetri, completerà invece la parte
strutturale una soletta di 6cm.

Limiti Deformabilità [mm]


F lim,in = L/600 freccia lim. Iniziale (t=0) 4,3
F lim,fin= L/400 freccia lim. Finale (t=∞) 6,4

69
 Connettori

Barre Ø14 ad aderenza migliorata in acciaio B450C conforme al D.M. 14.01.2008


fy nom = 450 N/mm2
ft nom (fu,k) = 540 N/mm2

Coefficienti parziali di sicurezza dei materiali

Calcestruzzo γc = 1,5
Legno γw = 1,45 (Tab. 4.4.III NTC)
Connettore γv = 1,5 (Tab. 4.4.III NTC)

Resistenza di calcolo dei materiali

Legno:

Il valore di calcolo di una proprietà del legno e calcolato dalla relazione:

da cui si ottiene (fm,k e ft,0,k sono moltiplicati per il coefficiente kh):

Per Kmod = 0,90


Fm,d 19,86 N/mm2
Ft,0,d 13,97 N/mm2
Ft,90,d 0,31 N/mm2
Fc,0,d 18,00 N/mm2
Fc,90,d 2,05 N/mm2
Fvd 2,36 N/mm2

Per Kmod= 0,60


Fm,d 13,24 N/mm2
Ft,0,d 9,31 N/mm2
Ft,90,d 0,21 N/mm2
Fc,0,d 12,00 N/mm2
Fc,90,d 1,37 N/mm2
Fvd 1,57 N/mm2
70
Calcestruzzo:

D’ora in avanti, per le verifiche si fa riferimento alla combinazione dei carichi che comprendono
sia le azioni permanenti (strutturali e non) e sia i carichi variabili (kmod= 0,90), poiché tale
situazione, nel caso oggetto di studio, risulta più gravosa rispetto a quella con i soli carichi
permanenti (kmod = 0,60).

Capacità portante dei connettori

Il valore di progetto della capacità portante del singolo connettore e pari al minore dei seguenti
valori (non si considera la resistenza caratteristica all’estrazione Fax,Rk):

dove:

My,Rk e il valore caratteristico del momento di snervamento del connettore che si ricava
dalla seguente espressione:

Fh,k e il valore caratteristico della resistenza a rifollamento del legno (per unioni con
perforatura) pari a30,32N/mm2 dato dalla seguente formula:
71
con:
d = 14 mm
ρk = 430 kg/m3

Capacità portante singolo connettore di progetto F v,r,d


Fv,Rk 18.638,30 N
F h,k(res a rifollamento legno) 30,32 N/mm2
M y,Rk (mom di snervamento connet.) 154.684,90 Nmm
Fh,k*Lw*d 59.434,26 N
F h,k*Lw*d*[…] 26.166,77 N
2,3*rad… 18.638,30 N
Fv,Rd 11.182,98 N

La capacità portante del connettore sarà quindi data dalla formula:

con:
kmod = 0,9
γv = 1,50
Fv,Rk(min) = 18.638,30 N

Rigidezza dei connettori

Per le unioni legno-calcestruzzo e per il tipo di connettore adottato, il modulo di scorrimento


istantaneo Kser, sotto l’azione dei carichi allo stato limite di esercizio, viene ricavato dalla seguente
relazione (con ρk in kg/m3 e d in mm):

Quindi Kser = 12.483,34 N/mm


con:
d = 14 mm
ρk = 430 kg/m3

72
mentre il modulo di scorrimento istantaneo Ku, sotto l’azione dei carichi allo stato limite ultimo è
ricavato dalla seguente formula:

e vale quindi Ku = 8.322,23 N/mm

Interasse equvalente di calcolo dei connettori

I connettori sono posti con passo di 15 cm su tutta le lunghezza della trave. Essendo il passo
massimo non superiore a 4 volte il passo minimo, ai fini dei calcoli si può adottare un passo
equivalente pari a:

Interasse Equiv. Di calcolo


Seq 12,50 cm

73
3.3.2 Verifiche SLU a tempo iniziale (t = 0)

Carichi per le verifiche

Carichi e sollecitazioni massime riferite all’interasse delle travi per verifica allo SLU:

Per le verifiche si adottano le formulazioni riportate nell’appendice B dell’Eurocodice 5.

Figura 3.3 geometria degli elementi resistenti del solaio con distribuzione delle tensioni normali

CLS (materiale 1) LEGNO (materiale 2)


h1 60,00 mm h2 360,00 mm
b1 600,00 mm b2 120,00 mm
A1 36.000,00 mm2 A2 43.200,00 mm2
J1 1,08E+07 mm4 J2 4,67E+08 mm4
E1 31447 N/mm2 E2 13700 N/mm2

74
E da notare che la formula 2f riportata nell’Appendice B dell’Eurocodice 5 non contiene il
termine (2*h0) in quanto le due sezioni 1 e 2 sono a diretto contatto. L’inserimento del termine
(2*h0) e la sostituzione di (h1 + h2 + 2*h0)/2 con (a1 + a2) permette di tener conto dello spessore di
quanto compreso tra l’estradosso della trave e l’intradosso della soletta.

75
Verifica calcestruzzo

Le tensioni normali indicate in Figura 3 sono calcolate dalle seguenti formule:

da cui si ricavano le seguenti tensioni normali per le verifiche (la soletta risulta tesa nella parte
inferiore):

Verifica legno

Le tensioni normali indicate in Figura 3 sono calcolate dalle seguenti formule:

76
da cui la verifica a tensoflessione fornisce:

La massima tensione tangenziale e la relativa verifica e pari a:

Verifica connettori

Lo sforzo agente sul connettore e la relativa verifica e pari a:

77
3.3.3 Verifiche SLE a tempo iniziale (t = 0)

Verifica di deformabilità del solaio

La verifica della freccia istantanea e condotta con la combinazione di carico rara(combinazione


caratteristica). Facendo riferimento alla Figura 3 e alla formulazione dell’Appendice B
dell’Eurocodice 5, adottando per il modulo di scorrimento il valore Kser= 12.483,34 N/mm, la
rigidezza efficace e pari a:

78
Per la verifica delle frecce, il contributo della deformabilità a taglio del sistema trave-soletta e
convenzionalmente riferito al solo legno ed assunto pari a:

La freccia istantanea a tempo t = 0 e pari a:

Verifica tensione e compressione del calcestruzzo

Adottando i parametri ricavati per la verifica di deformabilità del solaio e procedendo come per
le verifiche allo SLU, la massima tensione di compressione del calcestruzzo in esercizio nelle
combinazioni rara e quasi permanente risultano:

per combinazione caratteristica (rara)

per combinazione quasi permanente

79
3.3.4 Verifiche SLU a tempo finale (t = ∞)

Per tener conto degli effetti viscosi del legno e del calcestruzzo si adottano i seguenti valori delle
rigidezze delle unioni e dei materiali:

80
Procedendo come a tempo iniziale si ottiene:

81
Verifica calcestruzzo

Le tensioni normali indicate in Figura 3 sono calcolate dalle seguenti formule:

da cui si ricavano le seguenti tensioni normali per le verifiche (la soletta risulta tesa nella parte
inferiore):

Verifica legno

Le tensioni normali indicate in Figura 3 sono calcolate dalle seguenti formule:

82
da cui la verifica a tensoflessione fornisce:

La massima tensione tangenziale e la relativa verifica e pari a:

Verifica connettori

Lo sforzo agente sul connettore e la relativa verifica e pari a:

83
3.3.5 Verifiche SLE a tempo finale (t = ∞)

Verifiche di deformabilità del solaio

La verifica della freccia finale e condotta con la combinazione di carico quasi permanente.
Facendo riferimento alla Figura 3 e alla formulazione dell’appendice B dell’Eurocodice 5,
adottando per il modulo di scorrimento il valore Kser,fin = 6457 N/mm, la rigidezza efficace e pari a:

84
La freccia finale a tempo t = ∞ e pari a:

La norma del CNR, al punto 6.4.1, per le verifiche agli stati limite d’esercizio prescrive che

“Per il calcolo della deformazione finale (Ufin) occorre valutare la deformazione a lungo
termine per la combinazione di carico quasi permanente e sommare a quest’ultima la deformazione
istantanea dovuta alla sola aliquota mancante, nella combinazione quasi permanente, del carico
accidentale prevalente (da intendersi come il carico variabile di base della combinazione rara).”

In base di queste indicazioni, la freccia finale e pari a:

dove:

da cui risulta:

85
Verifiche tensione di compressione del calcestruzzo

Adottando i parametri ricavati per la verifica di deformabilità del solaio e procedendo come per
le verifiche allo SLU, la massima tensione di compressione del calcestruzzo in esercizio nelle
combinazioni rara e quasi permanente risultano:

per combinazione caratteristica (rara)

per combinazione quasi permanente

86
3.4 NORME DI RIFERIMENTO

D.M. 14 gennaio 2008 – Approvazione delle nuove norme tecniche per le costruzioni.

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 – Istruzioni per l’applicazione delle “Norme tecniche per
le costruzioni” di cui al D.M. 14 gennaio 2008.

CNR-DT 206/2007 – Istruzioni per la progettazione, l’esecuzione ed il controllo delle


strutture in legno.

 Eurocodice 2 – Progettazione delle strutture di calcestruzzo – Parte 1-1: Regole generali e


regole per gli edifici (UNI EN 1992-1-1:2005).

 Eurocodice 5 – Progettazione delle strutture di legno – Parte 1-1: Regole generali e regole
per gli edifici (UNI EN 1995-1-1:2009).

87
4 PROGETTO E VERIFICA DEI SOLAI IN LEGNO DEL
SECONDO PIANO E DEI SOLAI DEL SOTTOTETTO

Per la ristrutturazione dei solai del secondo piano dell’edificio, si è optato per la soluzione legno-
legno, basata sull’accoppiamento di un pannello strutturale in legno a scaglie orientate OSB/4 con
una trave in legno lamellare omogeneo.

Come indicato nello schema sottostante (Fig.4.2), sulla pianta si sono individuate due diverse
luci per quanto riguarda i solai, rispettivamente di 7,00 e 2,70 m. Si è deciso quindi di adoperare
due tipologie di solaio, entrambe caratterizzate dal tavolato strutturale di pannelli OSB/4, accoppiati
alle seguenti travi:

trave in legno lamellare G32h, di dimensioni 0,12 m * 0,36 m, per il solaio di seguito
nominato “Solaio 1” che è stato adottato per gli ambienti di luce 7,00 m;
trave in legno lamellare G24h, di dimensioni 0,12 m*0,28 m, per il solaio di seguito
nominato “Solaio 2” che è stato adottato per gli ambienti in corrispondenza del corridoio,
aventi luce di 2,70 m.

In entrambe le tipologie di solaio, la connessione pannello-trave è da realizzarsi con connettori a


pioli di diametro 1,4 cm e passo 30 cm agli appoggi e 50 cm in campata. Le travi in entrambi i tipi
di solaio, sono poste ad interasse di 60 cm. I pannelli OSB sono disponibili in lunghezze
commerciali di un metro, e hanno uno spessore di 4 cm.

Sezione resistente

La sezione resistente assunta a base dei calcoli, per i due tipi di solaio, risulta composta:

da un pannello di larghezza B = 60 cm e altezza pari allo spessore del pannello;


dalla trave sottostante in lamellare, di dimensioni opportune a seconda del tipo di solaio
(Fig.4.1).

Figura 4.1
88
Figura 4.2: orditura solai in legno del secondo piano
89
4.1 ANALISI DEI CARICHI

Oltre allo strato portante, la cui sezione varierà in funzione delle diverse luci, si propone un
pacchetto di finitura uniforme per tutti gli ambienti del piano in esame. Questo pacchetto
rappresenterà il peso permanente portato (G2k) e sarà composto dai seguenti materiali così
distribuiti:

Strato Peso specifico [kN/mc] Spessore [cm] Carico [kN/mq]


Piastrelle 20,00 1,00 0,20
malta 20,00 1,00 0,20
massetto in cls
14,00 6,00 0,84
alleggerito
Isolamento Celenit 3,60 5,00 0,18
Intonaco 20,00 1,50 0,30
Tramezzi 0,80
Antincendio REI 120 3,60 5,00 0,18
TotaleG2k 19,50 2,70
Tabella 4.1

Quindi i carichi totali agenti saranno così composti:

Per il “Solaio 1”

CARICHIAGENTI
G1k Peso proprio strutturale 0,60 kN/mq
G2k Peso proprio non strutturale 2,70 kN/mq
Qk Carico variabile 3,00 kN/mq
Totale 6,30 kN/mq

CARICHI AGENTI SULLA TRAVE


G1k Peso proprio strutturale 0,30 kN/m
G2k Peso proprio non strutturale 1,35 kN/m
Qk Carico variabile 1,50 kN/m
Totale 3,15 kN/m

Con G1k peso del solaio in opera, G2k dipende dal tipo di finiture (Tab.4.1) e Qk dipende dal
tipo di destinazione d’uso del solaio (NTC 2008, pag.13)

Per il “Solaio 2” cambia solo G1k (diminuisce il peso proprio strutturale)


90
Combinando i suddetti carichi caratteristici, secondo normativa riferita alla categoria C. i.e.
ambienti suscettibili di affollamento, moltiplicando ciascuno di essi per gli opportuni coefficienti
amplificativi, si ottiene i valori di progetto dei carichi considerati.

COEFFICIENTI
γg1 Coef. Parziali lato carichi 1,3
γg2 Coef. Parziali lato carichi 1,5
γq1 Coef. Parziali lato carichi 1,5
ψq0 Coef. Di combinazione 0,7
ψq1 Coef. Di combinazione 0,7
ψq2 Coef. Di combinazione 0,6

Quindi dalla combinazione dei carichi si ottengono le caratteristiche della sollecitazione:

SLU SLE
Comb.Favorevole Comb.Sfavorevole Comb.Rara Comb.Freq Comb.Quasi Perm.
2
G1d [kN/m ] 0,60 0,78 0,60 0,60 0,60
G2d [kN/m2] 0,00 4,05 2,70 2,70 2,70
Q1d [kN/m2] 0,00 4,50 3,00 2,10 1,80
Fd [kN/m2] 0,60 9,33 6,30 5,40 5,10

SLU SLE
Comb.Favorevole Comb.Sfavorevole Comb.Rara Comb.Freq Comb.Quasi Perm.
G1d [kN/m] 0,36 0,47 0,36 0,36 0,36
G2d [kN/m] 0,00 2,43 1,62 1,62 1,62
Q1d [kN/m] 0,00 2,70 1,80 1,26 1,08
Fd [kN/m] 0, 36 5,60 3,78 3,24 3,06

Con Fd carico per ogni azione.

91
4.2 PREDIMENSIONAMENTO E VERIFICHE SLU-SLE – “SOLAIO 1”

4.2.1 Predimensionamento

Si riporta di seguito il calcolo del solaio in legno per ambienti suscettibili di affollamento. La
connessione legno-pannello e considerata deformabile in accordo alle nuove Norme Tecniche per le
Costruzioni di cui al D.M. 14.01.2008 (NTC). Le NTC prevedono al punto 4.4.1 che

“La valutazione della sicurezza deve essere svolta secondo il metodo agli stati limite” e che “I
requisiti di resistenza, funzionalità e robustezza si garantiscono verificando gli stati limite ultimi e
gli stati limite di esercizio della struttura, dei singoli componenti strutturali e dei collegamenti”.

Gli ultimi due capoversi del punto 4.4.2 prevedono rispettivamente che

“In presenza di giunti meccanici si deve, di regola, considerare l’influenza della deformabilità
degli stessi. Per tutte le strutture, in particolare per quelle composte da parti con diverso
comportamento reologico, le verifiche, per gli stati limite ultimi e di esercizio, devono essere
effettuate con riferimento, oltre che alle condizioni iniziali, anche alle condizioni finali (a tempo
infinito)”.

In particolare, per le verifiche degli stati limite di esercizio, il punto 4.4.7 delle NTC prescrive
che

“In generale nella valutazione delle deformazioni delle strutture si deve tener conto della
deformabilità dei collegamenti” e che “Considerando il particolare comportamento reologico del
legno e dei materiali derivanti dal legno, si devono valutare sia la deformazione istantanea sia la
deformazione a lungo termine”.

Il secondo capoverso del punto 4.4.10 stabilisce che

“Le verifiche dell’elemento composto dovranno tener conto degli scorrimenti nelle unioni. A tale
scopo e ammesso adottare per le unioni un legame lineare tra sforzo e scorrimento”.

Appare quindi chiaro, oltre che tecnicamente corretto, come la sicurezza e la funzionalità del
solaio composto legno-pannello debbano essere valutati considerando la deformabilità della
connessione, in condizioni sia iniziali sia finali (a tempo infinito). Per il calcolo della capacita
portante del sistema legno-pannello si e fatto riferimento alla procedura riportata nell’appendice B
della UNI EN 1995-1-1:2009 [5], nel rispetto delle relative ipotesi.

Vita nominale e classi d’uso della costruzione

Vita nominale dell’opera VN = 50anni


Classe d’uso dell’opera = Classe III
92
Geometria della sezione

Caratteristiche geometriche [cm]


L Luce 700
h0 spessore tavolato 4
h2 altezza trave 36
H Altezza TOT solaio 40

b base trave 12
i interasse travi 60
d connettori a pioli 1,4
Smin passo dei connettori agl’appoggi 30
Smax passo dei connettori in campata 50
Lc infissione dei connettori - Soletta 4,5 ≥ 2,5 diam
Lw infissione dei connettori - Trave 14 ≥ 6 diam.
Tabella 4.2

Quindi la trave considerata ha dimensioni 12cm per 36cm di altezza e presenta un interasse di
60cm,lo spessore del soprastante tavolato sarà invece di 4 centimetri.

Limiti Deformabilità [mm]


F lim,in = L/500 freccia lim. Iniziale (t=0) 14,0
F lim,fin= L/250 freccia lim. Finale (t=∞) 28,0

Connettori

Barre Ø14 ad aderenza migliorata in acciaio B450C conforme al D.M. 14.01.2008

fy nom = 450 N/mm2


ft nom (fu,k) = 540 N/mm2

Coefficienti parziali di sicurezza dei materiali

Pannello OSB γosb = 1,5


Legno γw = 1,45 (Tab. 4.4.III NTC)
Connettore γv = 1,5 (Tab. 4.4.III NTC)

93
Resistenza di calcolo dei materiali

Legno:

Il valore di calcolo di una proprietà del legno e calcolato dalla relazione:

da cui si ottiene (fm,k e ft,0,k sono moltiplicati per il coefficiente kh):

Per Kmod = 0,90


Fm,d 19,86 N/mm2
Ft,0,d 13,97 N/mm2
Ft,90,d 0,31 N/mm2
Fc,0,d 18,00 N/mm2
Fc,90,d 2,05 N/mm2
Fvd 2,36 N/mm2

Per Kmod= 0,60


Fm,d 13,24 N/mm2
Ft,0,d 9,31 N/mm2
Ft,90,d 0,21 N/mm2
Fc,0,d 12,00 N/mm2
Fc,90,d 1,37 N/mm2
Fvd 1,57 N/mm2

Pannello OSB:

Per Kmod = 0,70


Fm,0,d 9,80 N/mm2
Ft,0,d 5,09 N/mm2
Ft,90,d 3,73 N/mm2
Fc,0,d 7,93 N/mm2
Fc,90,d 6,39 N/mm2
Fvd 3,22 N/mm2
Fm,90,d 5,32 N/mm2

94
Per Kmod= 0,30
Fm,0,d 4,20 N/mm2
Ft,0,d 2,18 N/mm2
Ft,90,d 1,60 N/mm2
Fc,0,d 3,40 N/mm2
Fc,90,d 2,74 N/mm2
Fvd 1,38 N/mm2
Fm,90,d 2,28 N/mm2

D’ora in avanti, per le verifiche si fa riferimento alla combinazione dei carichi che comprendono
sia le azioni permanenti (strutturali e non) e sia i carichi variabili (kmod= 0,90), poiché tale
situazione, nel caso oggetto di studio, risulta più gravosa rispetto a quella con i soli carichi
permanenti (kmod = 0,60).

Capacità portante dei connettori

Il valore di progetto della capacità portante del singolo connettore e pari al minore dei seguenti
valori (non si considera la resistenza caratteristica all’estrazione Fax,Rk):

dove:

My,Rk e il valore caratteristico del momento di snervamento del connettore che si


ricava dalla seguente espressione:

Fh,k e il valore caratteristico della resistenza a rifollamento del legno (per unioni con
preforatura) pari a30,32N/mm2 dato dalla seguente formula:

95
con:
d = 14 mm
ρk = 430 kg/m3

Capacità portante singolo connettore di progetto F v,r,d


Fv,Rk 18.638,30 N
F h,k(res a rifollamento legno) 30,32 N/mm2
M y,Rk (mom di snervamento connet.) 154.684,90 Nmm
Fh,k*Lw*d 59.434,26 N
F h,k*Lw*d*[…] 26.166,77 N
2,3*rad… 18.638,30 N
Fv,Rd 11.182,98 N

La capacita portante del connettore sarà quindi data dalla formula:

con:
kmod = 0,9
γv = 1,50
Fv,Rk(min) = 18.638,30 N

Rigidezza dei connettori

Per le unioni legno-calcestruzzo e per il tipo di connettore adottato, il modulo discorrimento


istantaneo Kser, sotto l’azione dei carichi allo stato limite di esercizio, viene ricavato dalla seguente
relazione (con ρk in kg/m3 e d in mm):

Quindi Kser = 12.483,34 N/mm

con:
d = 14 mm
ρk = 430 kg/m3

96
mentre il modulo di scorrimento istantaneo Ku, sotto l’azione dei carichi allo stato limite
ultimo, e ricavato dalla seguente formula:

e vale quindi Ku = 8.322,23 N/mm

Interasse equvalente di calcolo dei connettori

I connettori sono posti con passo di 15 cm su tutta le lunghezza della trave. Essendo il passo
massimo non superiore a 4 volte il passo minimo, ai fini dei calcoli si può adottare un passo
equivalente pari a:

Interasse Equiv. Di calcolo


Seq 35,00 cm

97
4.2.2 Verifiche SLU a tempo iniziale (t = 0)

Carichi per le verifiche

Carichi e sollecitazioni massime riferite all’interasse delle travi per verifica allo SLU:

Per le verifiche si adottano le formulazioni riportate nell’appendice B dell’Eurocodice 5.

Tabella 4.3: geometria degli elementi resistenti del solaio con distribuzione delle tensioni normali

PANNELLO (materiale 1) LEGNO (materiale 2)


h1 40,00 mm h2 360,00 mm
b1 600,00 mm b2 120,00 mm
A1 24.000,00 mm2 A2 43.200,00 mm2
J1 3,20E+06 mm4 J2 4,67E+08 mm4
E1 4730 N/mm2 E2 13700 N/mm2

98
E da notare che la formula 2f riportata nell’Appendice B dell’Eurocodice 5 non contiene il
termine (2*h0) in quanto le due sezioni 1 e 2 sono a diretto contatto. L’inserimento del termine
(2*h0) e la sostituzione di (h1 + h2 + 2*h0)/2 con (a1 + a2) permette di tener conto dello spessore di
quanto compreso tra l’estradosso della trave e l’intradosso della soletta.

99
Verifica pannello OSB

Le tensioni normali indicate in Figura 4.3 sono calcolate dalle seguenti formule:

da cui si ricavano le seguenti tensioni normali per le verifiche (la soletta risulta tesa nella parte
inferiore):

100
Verifica legno

Le tensioni normali indicate in Figura 3 sono calcolate dalle seguenti formule:

da cui la verifica a tensoflessione fornisce:

La massima tensione tangenziale e la relativa verifica e pari a:

Verifica connettori

Lo sforzo agente sul connettore e la relativa verifica e pari a:

101
4.2.3 Verifiche SLE a tempo iniziale (t = 0)

Verifica di deformabilità del solaio

La verifica della freccia istantanea e condotta con la combinazione di carico rara(combinazione


caratteristica). Facendo riferimento alla Figura 4.3 e alla formulazione dell’Appendice B
dell’Eurocodice 5, adottando per il modulo di scorrimento il valore Kser= 12.483,34 N/mm, la
rigidezza efficace e pari a:

102
Per la verifica delle frecce, il contributo della deformabilità a taglio del sistema trave-pannello
OSB e convenzionalmente riferito al solo legno ed assunto pari a:

La freccia istantanea a tempo t = 0 e pari a:

Verifica tensione e compressione del calcestruzzo

Adottando i parametri ricavati per la verifica di deformabilità del solaio e procedendo come per
le verifiche allo SLU, la massima tensione di compressione del calcestruzzo in esercizio nelle
combinazioni rara e quasi permanente risultano:

per combinazione caratteristica (rara)

per combinazione quasi permanente

103
4.2.4 Verifiche SLU a tempo finale (t = ∞)

Per tener conto degli effetti viscosi del legno e del calcestruzzo si adottano i seguenti valori delle
rigidezze delle unioni e dei materiali:

104
Procedendo come a tempo iniziale si ottiene:

105
Verifica pannello OSB

Le tensioni normali indicate in Figura 4.3 sono calcolate dalle seguenti formule:

da cui si ricavano le seguenti tensioni normali per le verifiche (la soletta risulta tesa nella parte
inferiore):

Verifica legno

Le tensioni normali indicate in Figura 3 sono calcolate dalle seguenti formule:

106
da cui la verifica a tensoflessione fornisce:

La massima tensione tangenziale e la relativa verifica e pari a:

Verifica connettori

Lo sforzo agente sul connettore e la relativa verifica e pari a:

107
4.2.5 Verifiche SLE a tempo finale (t = ∞)

Verifiche di deformabilità del solaio

La verifica della freccia finale e condotta con la combinazione di carico quasi permanente.
Facendo riferimento alla Figura 4.3 e alla formulazione dell’appendice B dell’Eurocodice 5,
adottando per il modulo di scorrimento il valore Kser,fin = 6457 N/mm, la rigidezza efficace e pari a:

108
La freccia finale a tempo t = ∞ e pari a:

La norma del CNR, al punto 6.4.1, per le verifiche agli stati limite d’esercizio prescrive che

“Per il calcolo della deformazione finale (Ufin) occorre valutare la deformazione a lungo
termine per la combinazione di carico quasi permanente e sommare a quest’ultima la deformazione
istantanea dovuta alla sola aliquota mancante, nella combinazione quasi permanente, del carico
accidentale prevalente (da intendersi come il carico variabile di base della combinazione rara).”

In base di queste indicazioni, la freccia finale e pari a:

dove:

da cui risulta:

109
Verifiche tensione di compressione dei pannelli OSB

Adottando i parametri ricavati per la verifica di deformabilità del solaio e procedendo come per
le verifiche allo SLU, la massima tensione di compressione del calcestruzzo in esercizio nelle
combinazioni rara e quasi permanente risultano:

per combinazione caratteristica (rara)

per combinazione quasi permanente

110
5 PROGETTO E VERIFICA DEGI ELEMENTI STRUTTURALI
DI COPERTURA
La copertura è formata da due travi principali di colmo su cui poggiano una serie di travi
secondarie, a formare le falde del tetto. In seguito dovremo dimensionare anche le sei travi di
displuvio. Sapendo che le pareti perimetrali siano realizzate in muratura, si ipotizza la presenza di
un cordolo in cemento armato in sommità, sul quale è fissato un dormiente in legno al quale è
appoggiata e collegata la travatura secondaria della copertura.

Per quanto riguarda il cordolo, per le strutture in zona NON sismica, si può comunque far
riferimento a quanto previsto nel D.M. 20/11/1987 e riassunto di seguito:

In corrispondenza dei solai di piano e di copertura i cordoli si realizzeranno


generalmente in cemento armato, di larghezza pari ad almeno 2/3 della muratura
sottostante, e comunque non inferiore a 12 cm e di altezza almeno pari a quella del
solaio e comunque non inferiore alla metà dello spessore del muro.
L’armatura minima dei cordoli sarà di almeno 6cm2con diametro non inferiore a 12mm.
Le staffe devono essere costituite da tondi di diametro non inferiore a 6mm poste a
distanza non superiore a 30 cm.

Queste prescrizioni minime vengono riassunte meglio nello schema sottostante (Figura 5.1):

Figura 5.1

111
Per la copertura si è scelto di utilizzare invece come materiale di costruzione il legno massiccio,
di cui le caratteristiche al punto 1.3.4 della presente relazione.

Figura 5.2

La copertura prevede uno strato di ventilazione per migliorare il comportamento termico


dell’edificio. Essa è composta, nell’ordine partendo dall’estradosso, da:
coppi rossi 50cmx18cm;
guaina impermeabilizzante;
tavolato grezzo superiore di appoggio;
listelli in legno per lo strato di areazione;
strato di isolamento termo-acustico;
tavolato inferiore a vista di appoggio;
travetto in legno massiccio sezione 28x18 cm2.
I listelli per lo strato areato verranno disposti sopra i travetti e saranno inchiodati mediante viti
filettate che rendono solidali i 4 strati in legno.

Figura 5.3
112
Dal punto di vista strutturale, gli elementi portanti della copertura sono, in ordine a partire
dall’estradosso:

tavolato inferiore in legno;


travetti in legno;
le travi lignee di appoggio dei travetti: esse, a seconda della posizione nella copertura e del
conseguente ruolo strutturale, si suddividono come indicato in Fig. 5.2 in:

- travi di displuvio (A);


- trave principale di colmo (B);
- travi rompi tratta (C)

le capriate lignee (D) , costituenti appoggio di scarico delle travi principali di copertura sulle
murature portanti.

113
5.1 ANALISI DEI CARICHI

Sono considerate due combinazioni di carico allo stato limite ultimo, in quanto si hanno due
carichi variabili in copertura: il carico da neve e il carico da manutenzione.

Peso pacchetto copertura


Copertura Tegole 70,00 kg/m2
listelli e contro-listelli 3,00 kg/m2
telo traspirante 0,50 kg/m2
fibra di legno 160 mm 24,00 kg/m2
perline in abete 20mm 12,00 kg/m2
109,50 kg/m2
G2k 1,10 kN/m2

Peso travi secondarie


sezione trave 0,22 m
0,22 m
peso specifico 4,60 kN/m3
G1ksec 0,22 kN/m

Peso trave di colmo


sezione trave 0,28 m
0,28 m
peso specifico 4,60 kN/m3
G1kcolmo 0,36 kN/m

La normativa DM14-01-2008 fornisce indicazioni relative ai valori delle varie tipologie di


carichi variabili da considerare nei carichi a seconda delle tipologie di edifici.

carico variabile di manutenzione ,Q2k : 0,5 KN/m (tab.3.1.II DM14-01-2008)


secondo DM14-01-2008, si determina il carico neve a m2 dalla formula:

dove:
qs è il carico neve sulla copertura;
μi è il coefficiente di forma della copertura, fornito al successivo § 3.4.5;
qsk è il valore caratteristico di riferimento del carico neve al suolo [kN/m2], fornito al
successivo §3.4.2 per un periodo di ritorno di 50 anni;
CE è il coefficiente di esposizione di cui al § 3.4.3;
Ct è il coefficiente termico di cui al § 3.4.4.

Si ipotizza che il carico agisca in direzione verticale e lo si riferisce alla proiezione orizzontale
della superficie della copertura.
114
Il valore caratteristico da macrozonizzazione, tenendo conto che l’edificio è sito a Gorizia a
quota < 200 m.s.l.m, è di qsk=1 kN/m2. A favore di sicurezza prendiamo CE e Ct pari a 1, mentre
siccome la copertura è inclinata di meno di 25° μi = 0,8. Si ottiene quindi un qs= 0,8 kN/m2.

Carico da neve
coeff. Di forma 0,8
carico da neve suolo k 1 kN/m2 qsk
coeff. Esposizione 1 CE
coeff. Termico 1 Ct

Carico da Vento
Provincia di Gorizia Pressioni
Vb,0 25,00 m/s Coeff. pressione interna (Cpi) 0
a0 1000,00 m Pendenza 25°, vento ortogonale al colmo
ka 0,01 l/s α 25 °
as 84,00 m sopravento 0,4363 rad
Cpe -0,4667
vb 25,00 Cpe 0,3333
sottovento
qb (pressione cinetica di rif.) 390,63 N/m2 Cpe -0,5
ρ (densità aria) 1,25 kg/m3
Carico da Vento 25°
Ce (coeff. esposizione) 2,61 sopravento
kr 0,20 qw -0,4751 kN/m2
z0 0,10 m qw 0,3394 kN/m2
zmin 5,00 m sottovento
ct (coeff. topografia) 1,00 qw -0,5091 kN/m2
α (coeff. profilo) 5,30
Z (altezza edificio) 20,00 m

Combinando i suddetti carichi caratteristici, secondo normativa riferita alla categoria H1 i.e.
coperture e sottotetti accessibili per sola manutenzione, moltiplicando ciascuno di essi per gli
opportuni coefficienti amplificativi, si ottiene i valori di progetto dei carichi considerati.

COEFFICIENTI
γg1 Coef. Parziali lato carichi 1,3 1,0
γg2 Coef. Parziali lato carichi 1,5 0,0
γqk Coef. Parziali lato carichi 1,5 0,0

ψ0j ψ1j ψ2j


Categoria H Coef. Di combinazione 0,0 0,0 0,0
Neve ≤1000m Coef. Di combinazione 0,5 0,2 0,0
Vento Coef. Di combinazione 0,6 0,2 0,0
115
5.2 TRAVISECONDARIE

 Geometria e carichi

Nel calcolo si considerano tutte le azioni agenti sulla struttura:

Il peso proprio della struttura e della costruzione


Il carico dovuto all’azione della neve
Il carico dovuto all’azione del vento

Come materiale da costruzione per la generica trave secondaria, appoggiata sul muro esterno
della costruzione e sulla trave di colmo, si è scelto di utilizzare il legno massiccio C30 con le
seguenti caratteristiche geometriche:

Geometria dei travi secondarie


b 0,22 m
h 0,22 m
i 0,68 m
l1 0,66 m
l2 6,7 m

Figura 5.4

116
5.2.1 Verifiche SLU

 Proiezione dei carichi in copertura

Per determinare le azioni interne sulla trave inclinata si procede scomponendo i carichi
agenti in direzione ortogonale e parallela alla trave stessa, eseguendo il calcolo delle azioni e delle
deformate su una trave di lunghezza avente luce pari a caricata dall’equazione q
ortogonale.

I carichi totali agenti saranno dunque così composti:

Azioni Az. Perpendicolari


G1 0,22 kN/m 0,20 kN/m
Qk1 0,50 kN/m 0,45 kN/m
Qs 0,54 kN/m 0,45 kN/m
Sopravento
Qw -0,32 kN/m -0,32 kN/m
Qw 0,23 kN/m 0,23 kN/m
Sottovento
Qw -0,35 kN/m -0,35 kN/m

Nel nostro caso si osserva che l’entità del vento in depressione non è in grado di sollevare la
struttura o parte di essa e quindi non si considerano combinazioni di tale tipo; d’altro canto il
contributo dell’azione del vento in pressione è molto modesto.

 Combinazioni di calcolo

Le combinazioni delle azioni da adottarsi sono in accordo con il punto 2.5.3 del D.M.
14/01/2008. Nel caso di combinazioni di carichi di durata differente si deve far riferimento al carico
con la durata più breve per la determinazione della classe di durata della combinazione. Sono infatti
le sollecitazioni di valore più elevato a causare il danneggiamento e quindi la rottura del materiale:
queste sollecitazioni sono presenti soltanto durante l’azione contemporanea di tutti i carichi previsti
dalla combinazione considerata, che si verifica soltanto durante un lasso di tempo pari alla durata
dell’azione di più breve durata fra quelle contenute nell’azione considerata.

Le combinazioni significative sono quindi:

Combinazione I: Permanente Fd,I = G1 G1+ G2 G2

Combinazione II: Breve durata Fd,I = G1 G1+ G2 G2+ Q1 qs

117
 Calcolo delle sollecitazioni

Il calcolo delle sollecitazioni può avvenire considerando un carico uniformemente distribuito su


tutta la trave, trascurando per semplicità il fatto che in realtà il carico presente sullo sbalzo riduce
leggermente le sollecitazioni in campata, quindi si dovrebbe utilizzare coefficienti diversi:

Reazioni

Taglio

Momento

con

Figura 5.5

118
Nella seguente tabella si riportano le azioni interne determinanti per le verifiche allo stato
limite ultimo, nelle sezioni maggiormente sollecitate ( ):

Ra [kN] Rb [kN] V1[kN] V2[kN] V4[kN] M1=M2[kNm] M3[kNm]


Fd1 5,15 4,23 0,84 4,31 4,23 0,28 7,01
Fd2 10,61 8,71 1,73 8,88 8,71 0,57 14,44

 Verifiche di sicurezza

I valori della resistenza di calcolo si ottengono mediante la relazione:

con:

kmod coefficiente di correzione che tiene conto della durata dei carichi e dell’umidità
Xk valore caratteristico di una proprietà di resistenza
γm coefficiente parziale di sicurezza per il materiale

Nel caso in esame il valore di γm viene assunto pari a 1,5in quanto proposto dall’eurocodice
5 (coefficiente relativo al legno massiccio).

La copertura è da considerarsi nella classe di servizio 1 per quanto riguarda gli elementi
all’interno della costruzione (ambiente interno e riscaldato) e nella classe di servizio 2 per quanto
riguarda le parti di travi all’esterno dei muri della costruzione, ma comunque protette dal pacchetto
di copertura dall’esposizione diretta alle intemperie (ambiente esterno e riparato).

Conseguentemente secondo l’eurocodice 5, si ha:

Combinazione I: Permanente

Combinazione II: Breve durata

Le combinazioni di carico definite differiscono sia per la loro entità che per la durata del
carico. Le verifiche allo stato limite ultimo sono nella forma:

119
Si può quindi determinare a priori le combinazioni determinate in fase di verifica, infatti dal
momento che:

Si deduce che la combinazione determinante in fase di verifica è la II in quanto ha il peggior


rapporto tra carichi e coefficiente kmod.

 Verifica della resistenza a flessione

La sollecitazione massima è nella sezione 3 e vale (per combinazione II) 14,44 kNm. La
verifica prevede la seguente disuguaglianza:

dove il coefficiente di instabilità flesso-torsionale , poiché lo svergolamento delle


travi è impedito dal pacchetto di copertura.

Si ha:

La resistenza a flessione è dunque verificata:


in quanto

120
 Verifica di resistenza a taglio

La sollecitazione massima è nella sezione 2 e vale (per la combinazione II) 8,88 kN. La verifica
prevede la seguente disuguaglianza:

La resistenza a taglio è dunque verificata:


in quanto

 Verifica di resistenza nella sezione di appoggio sulla trave al colmo

L’appoggio della trave inclinata sulla trave di colmo può essere concepito in diversi modi. Una
possibile variante è realizzare un appoggio mediante giunti a “coda di rondine”.

Questa soluzione permette di avere dei vantaggi:


ridurre l’altezza complessiva della struttura di copertura
realizzare un intaglio molto minore sulla trave secondaria

D’altro canto:

si riduce la superficie d’appoggio disponibile per la trasmissione della forza all’appoggio


si realizzano degli intagli nella sezione della trave di colmo, riducendone quindi la sezione
(nel nostro caso questo fatto risulta essere meno gravoso in quanto la trave di colmo avrà
sezione quadrata)
121
 Verifica dell’intaglio

La forza di taglio vale (per la combinazione II) 8,71 kN. La verifica prevede la seguente
disuguaglianza:

per il legno massiccio

sarà quindi pari a 0,64

La resistenza a taglio è dunque verificata:

in quanto

122
 Verifica della compressione nella superficie di contatto tra le travi

A causa delle forze di contatto nella trave di colmo si ha una compressione ortogonale alla
fibratura, mentre nella trave secondaria si ha una compressione inclinata rispetto alla fibratura di
circa . Si esegue quindi la verifica a livello della trave di colmo, in quanto più
limitativa.

La forza di contatto vale:

Dato che eventuali deformazioni locali per schiacciamento ortogonale alla fibratura sono
accettabili si può aumentare di 1,5 il valore di calcolo della resistenza:

La resistenza a compressione ortogonale alla fibra è dunque verificata:

in quanto

123
5.2.2 Verifiche SLE

 Valori limite di freccia

Le deformazioni delle travi di copertura risultante dagli effetti delle azioni e dall’umidità deve
rimanere entro i limiti appropriati, per evitare danneggiamenti ai materiali di rivestimento e per
necessità funzionali ed estetiche.

La deformazione istantanea si calcola con riferimento alla combinazione di carico rara:

I valori delle frecce massime possono essere ricavati considerando:

Trascurando per semplicità la componente di freccia dovuta alla deformabilità tagliante


(comunque molto modesta su travi aventi un rapporto h/l maggiore di 20) si può quindi procedere
alle verifiche di freccia.

Essendo:

Si ottengono i seguenti valori di freccia:

124
125
5.3 TRAVE DI COLMO

 Geometria e carichi

Nel calcolo si considerano tutte le azioni agenti sulla struttura:

Il peso proprio della struttura e della costruzione


Il carico dovuto all’azione della neve

Si tratta di una trave con giacitura orizzontale in semplice appoggio su due capriate, per la quale
si è scelto di utilizzare il legno massiccio C30 con le seguenti caratteristiche geometriche:

Geometria dei travi secondarie


b 0,28 m
h 0,28 m
l 3,88 m

Le azioni agenti sulla trave di colmo sono dovute alle reazioni di appoggio delle travi
secondarie. Per semplicità di calcolo, commettendo un errore del tutto trascurabile, i carichi
vengono assunti come uniformemente ripetuti sulla trave (anziché come forze concentrate agenti
sulla trave ad interasse 0,68 m).

Figura 5.6

Il calcolo dei carichi agenti sulla trave di colmo viene eseguito in modo semplificato
considerando una lunghezze di influenza pari a linf = 6,7 m e trascurando l’effetto del vento.

126
Azioni permanenti

Le azioni permanenti sono date dal peso del pacchetto di copertura (G2k), dal peso delle travi
secondarie (G1ksec) e dal peso della trave di colmo (G1kcolmo):

Azioni variabili neve

127
5.3.1 Verifiche SLU

Si considera le azioni di breve durata:

Si ottiene:

 Verifica della resistenza a flessione

La verifica prevede la seguente disuguaglianza:

dove il coefficiente di instabilità flesso-torsionale deve essere valutato tenendo conto che
lo svergolamento delle travi di colmo è impedito dal controvento di falda, con un passo delle
struttura secondaria pari a 0,68 m.

Si ha:

128
La resistenza a flessione è dunque verificata:

in quanto

 Verifica della resistenza a taglio

La verifica prevede la seguente disuguaglianza:

La resistenza a taglio è dunque verificata:

in quanto

129
5.3.2 Verifiche SLE

 Valori limite di freccia

I valori delle frecce massime possono essere ricavate considerando:

Essendo:

Si ottengono i seguenti valori di freccia:

Breve termine

Lunga durata

Freccia finale

130
5.4 TRAVE DI DISPLUVIO

Si dimensiona l’elemento di displuvio più lungo e massimamente caricato: tale elemento è la


trave A(Fig.5.2), e la si intende per semplicità di calcolo e a vantaggio di sicurezza, caricata da
coppie di travetti ciascuna di lunghezza variabile linf assunta da 0 a 6,7m, ossia la luce massima dei
travetti che, nella realtà dell’edificio, caricano la trave in questione da un lato e le murature portanti
dall’altro. Ciascuno dei suddetti travetti scarica il peso proprio e quello portato, equivalente a metà
campata di travetto (dato che come anzidetto, questo è poggiante sulla muratura dall’altro lato),
sulla trave di displuvio per una lunghezza di carico pari all'interasse tra i travetti sulla trave stessa.

Per questo i carichi a metro lineare sulla trave si ottengono moltiplicando gli opportuni carichi a
mq per la lunghezza di travetto linf=6,7m (infatti, si è detto che ogni travetto scarica il peso
equivalente a metà campata) e per l’interasse i=0,68 m dei travetti, e dividendo il tutto per
l’interasse dei travetti valutato sulla trave, considerando pertanto l’inclinazione sull’orizzontale di
quest’ultima pari a 25°. Alla luce di tali considerazioni si giustificano i valori dedotti dall’analisi dei
carichi riportata di seguito.

Figura 5.7

131
 Geometria e carichi

Nel calcolo si considerano tutte le azioni agenti sulla struttura:

Il peso proprio della struttura e della costruzione


Il carico dovuto all’azione della neve

Si tratta di una trave con giacitura inclinata in triplice appoggi, per la quale si è scelto di
utilizzare il legno massiccio C30 con le seguenti caratteristiche geometriche:

Geometria della trave


b 0,3 m
h 0,3 m
l1 7,1 m
l2 3,2 m

Le azioni agenti sulla trave di displuvio sono dovute alle reazioni di appoggio delle travi
secondarie. Per semplicità di calcolo, commettendo un errore del tutto trascurabile, i carichi
vengono assunti come uniformemente ripetuti sulla trave (anziché come forze concentrate agenti
sulla trave ad interasse 0,68 m).

Azioni permanenti

Le azioni permanenti sono date dal peso del pacchetto di copertura (G2k), dal peso delle travi
secondarie (G1ksec) e dal peso della trave di displuvio (G1kdispl):

Azioni variabili neve

132
5.4.1 Verifiche SLU

Si considera le azioni di breve durata:

Si ottiene:

 Verifica della resistenza a flessione

La verifica prevede la seguente disuguaglianza:

dove il coefficiente di instabilità flesso-torsionale deve essere valutato tenendo conto che
lo svergolamento delle travi di colmo è impedito dal controvento di falda, con un passo delle
struttura secondaria pari a 0,68 m.

Si ha:

133
La resistenza a flessione è dunque verificata:

in quanto

 Verifica della resistenza a taglio

La verifica prevede la seguente disuguaglianza:

La resistenza a taglio è dunque verificata:

in quanto

134
5.4.2 Verifiche SLE

 Valori limite di freccia

I valori delle frecce massime possono essere ricavate considerando:

Essendo:

Si ottengono i seguenti valori di freccia:

Breve termine

Lunga durata

Freccia finale

135
5.5 CAPRIATA

Si considera la verifica di una capriata di “tipo moderno” con catena doppia in legno, collegata ai
puntoni mediante spinotti metallici:

Figura 5.8

 Geometria e carichi

Sezione Puntone
b 200 mm
h 200 mm
l 5,95 m

Sezione catena
b 140 mm
h 140 mm
l 10,75 m

Perni
d 16 mm

La capriata è soggetta al carico concentrato trasmesso dalle travi di colmo. Per semplicità si
assume che entrambe le travi trasmettano alla capriata un carico pari a 86,05 kN (combinazione di
carico di breve durata).

136
Risolvendo la struttura e trascurando il peso proprio degli elementi, si ottengono i seguenti
valori:

Nodo puntone-puntone:

Nodo catena puntone:

137
5.5.1 Verifiche di sicurezza

 Verifiche della stabilità del puntone

Trascurando il peso proprio dell’elemento (ipotesi più ragionevole), il puntone è soggetto


unicamente ad una sollecitazione di compressione che vale (per la combinazione di progetto con
carico da neve) 101,81 kN.

In generale lo sbandamento può avvenire in entrambe le direzioni principali dell'elemento e


quindi la verifica prevede la seguente disuguaglianza:

dove

La lunghezza di libera inflessione del puntone in entrambe le direzioni y e z è pari alla lunghezza
dell'elemento (l0y = l0z = 5,95m) e quindi, dato che l'inerzia minima si ha in direzione trasversale z,
questa sarà la direzione in cui l'elemento tende a sbandare:

Si ha quindi:

Resta quindi da calcolare il valore del coefficiente :

138
La resistenza ad instabilità è dunque verificata:

in quanto

 Verifica della resistenza della catena

La sollecitazione de trazione vale (per la combinazione di progetto con carico a neve) 92,27 kN.
La catena è costituita da elementi doppi di sezione 140 140 mm, collegato al puntone per mezzo di
giunti con perni (diametro 16 mm) a due piani di taglio: nel dimensionamento di tali elementi si
dovranno per tanto considerare gli effetti dell'indebolimento causato dalla connessione e dalle
eccentricità presenti nel nodo.

Nella verifica degli elementi della catena in corrispondenza del giunto di estremità si deve tener
conto dell'azione flettente indotta dall'eccentricità della forza di trazione trasmessa:

Figura 5.9

Una determinazione precisa del valore di tale eccentricità è difficile e in via semplificata si può
trascurare tale azione secondaria attraverso una riduzione della resistenza a trazione degli elementi
sollecitanti in modo eccentrico. In accordo con quanto previsto dalla norma DIN 1052:2004, nel
caso di giunti serrati mediante elementi di chiusura (nel caso in esame bulloni), per la verifica si
prevede la seguente disuguaglianza:

139
L'azione di tiro della catena (T = 92,27 kN) va divisa sui due elementi e quindi, tenendo conto
dell'indebolimento causato dalla connessione mediante il calcolo dell'area netta:

La resistenza a trazione è dunque verificata:

in quanto

140
 Verifica dell’appoggio della capriata

La sollecitazione di compressione all’appoggio vale (per la combinazione di progetto con carico


da neve) 43,03 kN.

Si prevede un appoggio in neoprene avente dimensione in pianta 210∙200 mm e la realizzazione


di una forcella in acciaio mediante 2 profili UPN saldati su una piastra di base ancorata al cordolo
mediante barre metalliche:

Figura 5.10

La verifica prevede la seguente disuguaglianza:

La resistenza a trazione è dunque verificata:

141
6 PROGETTO E VERIFICA DI UNA SCALA

La scala sarà realizzata con due solette in spessore (una per ogni rampa) studiata con schema
statico semplificato di semplice appoggio. Tali appoggi saranno forniti da una trave in spessore
realizzata per il pianerottolo e dagli archi in muratura corredati di cordolo armato. Il calcolo
dell'armatura viene fatto in corrispondenza della sezione dove si ha il momento massimo e
l'armatura viene poi disposta simmetricamente in zona tesa e in zona compressa. La soletta non
prevede apposita armatura a taglio, ma tuttavia vengono inserite delle barre Ø8 ÷ Ø10 con funzione
di ripartizione e collegamento dei vari strati di armatura. È comunque prevista la verifica a
taglioriferita ad elementi senza idonea armatura trasversale.

Figura 6.1

142
6.1 LA RAMPA

6.1.1 Analisi dei carichi

Di seguito si riporta l’analisi dei carichi per quanto riguarda la rampa che porta al piano
ammezzato.

Pacchetto finitura (Peso Permanente portato) G2k


Alzata (finito, compreso marmo) 0,15 m
Pedata (finito, compreso marmo) 0,30 m
Larghezza Rampa 4,44 m
Lunghezza Rampa 2,38 m
Spessore cls 0,15 m
Spessore Marmo 0,025 m

I seguenti valori sono riferiti ad un totale di 7 gradini, corrispondenti alla rampa che porta al
piano ammezzato.

Analisi dei Carichi - Rampa tipo 1


[kN] [kN/m] [kN/m2]
G1k1 39,63 16,65 3,75
G2k1 17,48 7,35 1,65
Q1k1 42,27 17,76 4,00

SLU SLE
Comb. Favorevole Comb.Sfavorevole Comb Rara Comb Freq Comb Quasi Perm.
coef G1k 1,00 1,30 1,00 1,00 1,00
coef G2k 0,00 1,50 1,00 1,00 1,00
coef Q1k 0,00 1,50 1,00 0,90 0,80

G1d [kN/mq] 3,75 4,88 3,75 3,75 3,75


G2d [kN/mq] 0,00 2,48 1,65 1,65 1,65
Q1d [kN/mq] 0,00 6,00 4,00 3,60 3,20
Fd [kN/mq] 3,75 13,36 9,40 9,00 8,60

Fd' [kN/m] 16,65 59,30 41,76 39,98 38,20


Mmax 11,79 41,99 29,57 28,31 27,05
Vmax 19,81 70,57 49,69 47,58 45,46

143
6.1.2 Dimensionamento

 Schema statico adottato

La rampa viene dimensionata e verificata come una trave a sezione rettangolare con altezza pari
allo spessore della soletta e base pari alla larghezza della rampa. Per tenere conto dell'indeterminata
rigidezza dei vincoli d'appoggio, si considera lo schema statico di trave in semplice appoggio.

6.1.3 Verifica SLU flessione

Geometria sezione
Riduzione
per s ≤
[mm] Materiali fk γm αcc 50 mm fd
bw 4440 C25/30 25 1,5 0,85 1,00 14,17
i 0 B450C 450 1,15 391,30
s 0
h 150 Ecm 31475,81 εcu 3,50E-03
htot 150 Es 200000,00 εc4 7,00E-04
yg 75,0 Es/Ec 6,35 εsu 1,00E-02
εsd 1,96E-03
Sollecitazione

Nsd [kN] -26,97


Msd+ [kNm] 30,09
Msd- [kNm] 0,0

Progettazione Armatura
[mm] [mm] [mmq] [mm] [mm] [mm] [mmq] [mm]
strato barre n φ As d n φ As' d'
1 22 8,00 1105,8 130 22,0 8,0 1105,8 25
2 0 0 0,0 0 0,0 0,0 0,0 0,0
3 0 0 0,0 0 0,0
4 0,0 0,0
As totale 1105,8 As' totale 1105,8
d_medio 130,0 d_medio 25,0

Verifica Momento resistente a positivo


[mm] [mm]
x 16,9 x2-3 33,7
x3-4 83,4

Campo 2 TRUE

εc 1,49E-03 εs σs εs' σs'


λ1 0,53 1,00E-02 -391,3 -7,17E-04 -143,4
[mmq] 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
Ac_eff1 39835,36 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

144
Fc 564,3 Mrd(Fc) 39,8
Fs -432,7 Mrd(As) 23,8
Fs' -158,6 Mrd(As') -7,9
Nrd -27,0 Mrd 55,7 kNm VERIFICATO
(Nrd-Nsd)^2 0,0

Campo 3 FALSE

εc 3,50E-03 εs σs εs' σs'


λ2 0,80 2,34E-02 -391,3 -1,68E-03 -336,1
[mmq] 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
Ac_eff1 59992,05 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 849,9 Mrd(Fc) 58,0


Fs -432,7 Mrd(As) 23,8
Fs' -371,7 Mrd(As') -18,6
Ntot 45,5 Mrd 63,2 kNm NON VERIFICATO
(Nrd-Nsd)^2 5245,1

Verifica Momento Resistente a Negativo


[mm] [mm]
x 16,8 x2-3 32,4
x3-4 80,2

Campo 2 TRUE

εc 1,26E-03 εs σs εs' σs'


λ1 0,45 -2,95E-04 -59,0 1,00E-02 -391,3
[mmq] 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
Ac_eff1 33243,60 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 471,0 Mrd(Fc) -33,6


Fs -65,2 Mrd(As) 3,6
Fs' -432,7 Mrd(As') -21,6
Nrd -27,0 Mrd -51,6 kNm VERIFICATO
(Nrd-Nsd)^2 0,0

Campo 3 FALSE

εc 3,50E-03 εs σs εs' σs'


λ2 0,80 -6,64E-04 -132,8 2,25E-02 -391,3
[mmq] 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
Ac_eff2 59711,10 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 845,9 Mrd(Fc) -57,8


Fs -146,9 Mrd(As) 3,6
Fs' -432,7 Mrd(As') -21,6
Ntot 266,3 Mrd -75,8 kNm NON VERIFICATO
(Nrd-Nsd)^2 86019,2

145
6.1.4 Verifica SLU taglio

Geometria sezione
Riduzione
per s ≤ 50
[mm] Materiali fk γm αcc mm fd
bw 4440 C25/30 25 1,5 0,85 0,80 11,33
i 0 B450C 450 1,15 391,30
s 0
h 150 Ecm 31475,81 εcu 3,50E-03
htot 150 Es 200000,00 εc4 7,00E-04
yg 75,0 Es/Ec 6,35 εsu 1,00E-02
εsd 1,96E-03
Sollecitazione

-
Nsd [kN] 26,97
Vsd [kN] 50,57
Msd [kNm] 30,09

Progettazione Armatura

[mm
[mm] [mm] [mmq] [mm] [mm] [mm] [mmq] ]
strato barre n φ As d n φ As' d'
1 8 22,00 3041,1 130 8,0 22,0 3041,1 25
2 0 0 0,0 0 0,0
3 0 0 0,0 0 0,0
4 0,0 0,0
As totale 3041,1 As' totale 3041,1

Verifica elemento non armato a taglio, fessurato da momento flettente (NTC2008


4.1.2.1.3.1)

d_medio 130,0
k 2,00 2,24
0,005
ρl 3 0,0053
σcp 0,00 0,00 vmin 0,5

Vrd 327,1 Vrd_min 285,7 VERIFICATO

146
6.1.5 Verifica SLU del taglio negli appoggi

Per la verifica del taglio negli appoggi si deve soddisfare la seguente condizione data da
normativa:

con

As area dell’armatura utilizzata (nel nostro caso il diametro è un ø8)


Vsd sollecitazione a taglio massima

e quindi:

il taglio negli appoggi risulta verificato.

La lunghezza minima di ancoraggio è invece funzione delle tensioni delle tensioni tangenziali
ultime di aderenza calcolata come:

con

fbk = con per barre con diametro minore o uguale a ø 32mm

In definitiva la lunghezza di ancoraggio è ricavata dalla seguente:

Nel caso in esame si ha a disposizione un ø 8 e la lunghezza di ancoraggio risulta pari a

147
6.1.6 Verifica SLE tensioni di esercizio

Geometria sezione

Riduzion
Material e per s
[mm] i fk γm αcc ≤ 50 mm fd
1,00
bw 4440 C28/35 28 1,5 0,85 15,87
i 0 B450C 450 1,15 391,30
s 0
h 150 Ecm 32308,25 εcu 3,50E-03
htot 150 Es 200000,00 εc4 7,00E-04
yg 75,0 Es/Ec 6,19 εsu 1,00E-02
n 15,00 εsd 1,96E-03

Sollecitazione RARA Sollecitazione QUASI PERM.

Nsd [kN] -18,26 Nsd [kN] -14,28


Msd [kNm] 20,37 Msd [kNm] 15,93

Progettazione Armatura

[mm] [mm] [mmq] [mm] [mm] [mm] [mmq] [mm]


strato barre n φ As d n φ As' d'
1 8 22,00 3041,1 130 8,0 22,0 3041,1 25
2 0 0 0,0 0 0,0 0,0 0,0 0,0
3 0 0 0,0 0 0,0
4 0,0
As totale 3041,1 As' totale 3041,1

Verifica Tensioni di esercizio: Comb. RARA


Calcolo Asse Neutro
[mm]

x 37,9
abs(σs’
1,68
σc,max εs σs εs' σs' abs(σs) )
σc,2 1,68 3,06E-04 -61,2 4,30E-05 8,6 61,2 8,6
Ac1_inf 0,0 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0 0,0 0,0
Ac2_inf 168477,8 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0 0,0 0,0
Ac,tot 168477,8 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0 0,0 0,0

Verifica QUASI
Fc 141,6 Ac1*br1 0,0 Tensioni PERM.
Fs -186,0 Ac2*br2 5252422,8 cls VERIFICATO <,6 fcd
Fs' 26,2 n*As*y 6086460,1 Arm.inf VERIFICATO <,8 fsd
Nrd -18,3 n*As'*y 778115,2 Arm.sup VERIFICATO <,8 fsd
(Nrd-Nsd)^2 0,0

148
Verifica Tensioni di esercizio: Comb. QUASI
PERMANENTE
Calcolo Asse Neutro
[mm]

x 37,5
abs(σs'
σc,max 1,31 εs σs εs' σs' abs(σs) )
σc,2 1,3 2,42E-04 -48,4 3,28E-05 6,6 48,4 6,6
Ac1_inf 0,0 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0 0,0 0,0
166571,
Ac2_inf 3 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0 0,0 0,0
166571,
Ac,tot 3 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0 0,0 0,0

Verifica QUASI
Fc 109,0 Ac1*br1 0,0 Tensioni PERM.
Fs -147,2 Ac2*br2 5204907,7 cls VERIFICATO <,45fcd
Fs' 19,9 n*As*y 6184836,8 Arm.inf VERIFICATO <,8 fsd
Nrd -18,3 n*As'*y 778115,2 Arm.sup VERIFICATO <,8 fsd
(Nrd-Nsd)^2 0,0

149
6.1.7 Verifica SLE di deformazione

Geometria sezione

Riduzione
per s ≤
[mm] Materiali fk γm αcc 50 mm fd
bw 4440 C25/30 25 1,5 0,85 0,80 11,33
i 0 B450C 450 1,15 391,30
s 0
h 150 Ecm 31475,81 εcu 3,50E-03
htot 150 Es 200000,00 εc4 7,00E-04
yg 75,0 Es/Ec 6,35 εsu 1,00E-02
\phi 1,9 εsd 1,96E-03

Sollecitazione RARA Sollecitazione FREQUENTE Sollecitazione QUASI PERM.

Nsd [kN] -18,26 Nsd [kN] -15,28 Nsd [kN] -14,28


Msd [kNm] 20,37 Msd [kNm] 17,04 Msd [kNm] 15,93

Controfreccia -20,00 [mm]

Progettazione Armatura

[mm] [mm] [mmq] [mm] [mm] [mm] [mmq] [mm]


strato barre n φ As d n φ As' d'
1 8 22,00 3041,1 130 8,0 22,0 3041,1 25
2 0 0 0,0 0 0,0 0,0 0,0 0,0
3 0 0 0,0 0 0,0
4 0,0 0,0
As totale 3041,1 As' totale 3041,1
d_medio 130,0 d_medio 25,0

150
n 6,35
Calcolo baricentro sezione interamente reagente
area y Sx
soletta 0,0 150,0 0,0 yg 74,9 [mm]
nervatura 666000,0 75,0 49950000,0
n*arm.inf 19323,2 20,0 386463,4
n*arm.sup 19323,2 125,0 2415396,2
totale 704646,3 52751859,6
Calcolo Momento di Inerzia Sezione Interamente Reagente
area y^2 Ix
soletta 0,0 22500,0 0,0 Ig 1355497264,1 [mm4]
nervatura 666000,0 7500,0 4995000000,0 W' 18106398,4 [mm3]
n*arm.inf 19323,2 400,0 7729267,8 M' 46,3 [kNm]
n*arm.sup 19323,2 15625,0 301924523,0
totale 704646,3 5304653790,8
Calcolo Asse Neutro
[mm]

x 27,8

σc,max 2,53 εs σs εs' σs'


σc,2 2,53 2,95E-04 -59,0 8,15E-06 1,6
Ac1_ist 0,0 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
Ac2_ist 123540,7 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
Ac,tot 123540,7 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 156,1 Ac1*br1 0,0


Fs -179,3 Ac2*br2 4059866,0
Fs' 5,0 n*As*y 3902662,2
Nrd -18,3 n*As'*y 98075,2

(Nrd-Nsd)^2 0,0
Calcolo Baricentro Sezione Parzializzata
area y Sx
soletta 0,0 150,0 0,0 Ygf 120,9 [mm]
nervatura 123540,7 136,1 16812373,1
n*arm.inf 19323,2 20,0 386463,4
n*arm.sup 19323,2 125,0 2415396,2
totale 162187,0 19614232,7
Calcolo Momento di Inerzia Sezione Parzializzata
area y^2 Ix
soletta 0,0 22500,0 0,0 If 225547025,7 [mm4]
nervatura 123540,7 18519,9 2287958237,9
n*arm.inf 19323,2 400,0 7729267,8
n*arm.sup 19323,2 15625,0 301924523,0
totale 162187,0 2597612028,7

151
Verifica Deformazioni: Comb. RARA

Calcolo Parametro di Rigidezza Caratteristico della trave


t=infinito t=0
Ecm/(1+\phi) 10853,7 Ecm 31475,8
I 1500709289,4 [mm4] I 1355497264,1 [mm4]
If 454187657,0 [mm4] If 225547025,7 [mm4]
c 1,0 c 1,0
β 2,5 β 2,3
\xi -5,4 \xi -4,2
p 6,14E-14 p 2,34E-14
pf 2,03E-13 pf 1,41E-13
p* -6,98E-13 p* -4,66E-13
Calcolo della Freccia in mezzeria per trave semplicemente appoggiata soggetta ad un carico uniforme
q 41,8 [N/mm]
luce 2380,0 [mm]
f,inf -12,17 [mm] f,ist -8,13 [mm]
controfreccia -20,0 [mm]
freccia finale -32,17 [mm]

(f,inf-f,ist) -4,04 [mm]

Valori Limite della Freccia


1/250*l 9,5 [mm] VERIFICATO
1/500*l 4,8 [mm] VERIFICATO

152
n 15
Calcolo baricentro sezione interamente reagente
area y Sx
soletta 0,0 150,0 0,0 yg 74,7 [mm]
nervatura 666000,0 75,0 49950000,0
n*arm.inf 45615,9 20,0 912318,5
n*arm.sup 45615,9 125,0 5701990,7
totale 757231,9 56564309,2
Calcolo Momento di Inerzia Sezione Interamente Reagente
area y^2 Ix
soletta 0,0 22500,0 0,0 Ig 1500709289,4 [mm4]
nervatura 666000,0 7500,0 4995000000,0 W' 20090139,7 [mm3]
n*arm.inf 45615,9 400,0 18246370,1 M' 51,4 [kNm]
n*arm.sup 45615,9 15625,0 712748833,3
totale 757231,9 5725995203,4
Calcolo Asse Neutro
[mm]

x 37,9

σc,max 1,68 εs σs εs' σs'


σc,2 1,68 3,06E-04 -61,2 4,30E-05 8,6
Ac1_inf 0,0 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
Ac2_inf 168477,7 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
Ac,tot 168477,7 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 141,6 Ac1*br1 0,0


Fs -186,0 Ac2*br2 5252421,4
Fs' 26,2 n*As*y 6086462,9
Nrd -18,3 n*As'*y 778114,7

(Nrd-Nsd)^2 0,0
Calcolo Baricentro Sezione Parzializzata
area y Sx
soletta 0,0 150,0 0,0 Ygf 110,5 [mm]
nervatura 168477,7 131,0 22075179,0
n*arm.inf 45615,9 20,0 912318,5
n*arm.sup 45615,9 125,0 5701990,7
totale 259709,6 28689488,2
Calcolo Momento di Inerzia Sezione Parzializzata
area y^2 Ix
soletta 0,0 22500,0 0,0 If 454187657,0 [mm4]
nervatura 168477,7 17168,1 2892450722,2
n*arm.inf 45615,9 400,0 18246370,1
n*arm.sup 45615,9 15625,0 712748833,3
totale 259709,6 3623445925,6

153
Verifica Deformazioni: Comb. FREQUENTE

Calcolo Parametro di Rigidezza Caratteristico della trave


t=infinito t=0
Ecm/(1+\phi) 10853,7 Ecm 31475,8
I 1500709289,4 [mm4] I 1355497264,1 [mm4]
If 454187657,0 [mm4] If 225547025,7 [mm4]
c 0,5 c 0,5
β 3,0 β 2,7
\xi -3,5 \xi -2,7
p 6,14E-14 p 2,34E-14
pf 2,03E-13 pf 1,41E-13
p* -4,41E-13 p* -2,93E-13
Calcolo della Freccia in mezzeria per trave semplicemente appoggiata soggetta ad un carico uniforme
q 40,0 [N/mm]
luce 2380,0 [mm]
f,inf -7,36 [mm] f,ist -4,89 [mm]
controfreccia -20,00 [mm]
freccia finale -27,36 [mm]

(f,inf-f,ist) -2,47 [mm]

Valori Limite della Freccia


1/250*l 9,5 [mm] VERIFICATO
1/500*l 4,8 [mm] VERIFICATO

Verifica Deformazioni: Comb. QUASI PERMANENTE


Calcolo Parametro di Rigidezza Caratteristico della trave
t=infinito t=0
Ecm/(1+\phi) 10853,7 Ecm 31475,8
I 1500709289,4 [mm4] I 1355497264,1 [mm4]
If 454187657,0 [mm4] If 225547025,7 [mm4]
c 0,5 c 0,5
β 3,2 β 2,9
\xi -4,2 \xi -3,2
p 6,14E-14 p 2,34E-14
pf 2,03E-13 pf 1,41E-13
p* -5,33E-13 p* -3,55E-13
Calcolo della Freccia in mezzeria per trave semplicemente appoggiata soggetta ad un carico uniforme
q 38,2 [N/mm]
luce 2380,0 [mm]
f,inf -8,51 [mm] f,ist -5,67 [mm]
controfreccia -20,00 [mm]
freccia finale -28,51 [mm]

(f,inf-f,ist) -2,84 [mm]

Valori Limite della Freccia


1/250*l 9,5 [mm] VERIFICATO
1/500*l 4,8 [mm] VERIFICATO

154
6.1.8 Verifica SLE di fessurazione

Geometria sezione
Materiali
Riduzione
per s ≤
[mm] Materiali fk γm αcc 50 mm fd
bw 4440 C25/30 25 1,5 0,85 0,80 11,33
i 0 B450C 450 1,15 391,30
s 0
h 150 Ecm 31475,81 εcu 3,50E-03
htot 150 Es 200000,00 εc4 7,00E-04
yg 75,0 Es/Ec 6,35 εsu 1,00E-02
n 15,00 εsd 1,96E-03

Sollecitazione FREQUENTE Sollecitazione QUASI PERM.

Nsd [kN] -15,28 Nsd [kN] -14,28


Msd [kNm] 17,04 Msd [kNm] 15,93

Progettazione Armatura

[mm] [mm] [mmq] [mm] [mm] [mm] [mmq] [mm]


strato barre n φ As d n φ As' d'
1 8 22,00 3041,1 130 8,0 22,0 3041,1 25
2 0 0 0,0 0 0,0
3 0 0 0,0 0 0,0
4 0,0 0,0
As totale 3041,1 As' totale 3041,1
d_medio 130,0 d_medio 25,0

155
Verifica Fessurazioni: Comb. FREQUENTE

Calcolo baricentro sezione interamente reagente


area y Sx
soletta 0,0 150,0 0,0 yg 74,7 [mm]
nervatura 666000,0 75,0 49950000,0
n*acciaio inf 45615,9 20,0 912318,5
n*acciaio sup 45615,9 125,0 5701990,7
totale 757231,9 56564309,2

Calcolo Momento di Inerzia Sezione Interamente Reagente


area braccio^2 Ix
soletta 0,0 22500,0 0,0 Ig 1500709289,4 [mm4]
nervatura 666000,0 7500,0 4995000000,0 W' 20090139,7 [mm3]
n*acciaio inf 45615,9 400,0 18246370,1 M' 51,4 [kNm]
n*acciaio sup 45615,9 15625,0 712748833,3
totale 757231,9 5725995203,4

Calcolo Asse Neutro


[mm]

x 37,9

σc,max 1,41 εs σs εs' σs'


σc,2 1,41 2,56E-04 -51,2 3,60E-05 7,2
Ac1_inf 0,0 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
Ac2_inf 168475,5 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
Ac,tot 168475,5 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 118,5 Ac1*br1 0,0


Fs -155,6 Ac2*br2 5252366,9
Fs' 21,9 n*As*y 6086574,9
Nrd -15,3 n*As'*y 778095,1

(Nrd-Nsd)^2 0,0
Calcolo ε_sm

σs 51,2
kt 0,6
hc,eff 37,4 50,0 37,4 75,0
ρ_eff 0,0
fctm 2,6
α_e 15,0
ε_sm -2,78E-04
ε_sm,min 1,54E-04
ε_sm,d 1,54E-04

Calcolo Δ_smax

156
c 20,0 [mm]
φ_eq 22,0 [mm]
condizione 155,0 [mm]
k_1 0,8
k_2 0,5
k_3 3,4
k_4 0,425
Δ_smax 272,0 [mm]

Calcolo e verifica w_d

w_d 0,0418 [mm] w_3 0,4 [mm] VERIFICATO

Verifica Fessurazioni: Comb. QUASI PERMANENTE

Calcolo baricentro sezione interamente reagente


area y Sx
soletta 0,0 150,0 0,0 yg 74,7 [mm]
nervatura 666000,0 75,0 49950000,0
n*acciaio inf 45615,9 20,0 912318,5
n*acciaio sup 45615,9 125,0 5701990,7
totale 757231,9 56564309,2

Calcolo Momento di Inerzia Sezione Interamente Reagente


area braccio^2 Ix
soletta 0,0 22500,0 0,0 Ig 1500709289,4 [mm4]
nervatura 666000,0 7500,0 4995000000,0 W' 20090139,7 [mm3]
n*acciaio inf 45615,9 400,0 18246370,1 M' 51,4 [kNm]
n*acciaio sup 45615,9 15625,0 712748833,3
totale 757231,9 5725995203,4
Calcolo Asse Neutro
[mm]

x 37,8

σc,max 1,31 εs σs εs' σs'


σc,2 1,31 2,40E-04 -47,9 3,34E-05 6,7
Ac1_inf 0,0 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
Ac2_inf 167990,9 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
Ac,tot 167990,9 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 110,2 Ac1*br1 0,0


Fs -145,8 Ac2*br2 5255431,6
Fs' 20,3 n*As*y 6111370,3
Nrd -15,3 n*As'*y 773760,2

(Nrd-Nsd)^2 0,0

157
Calcolo ε_sm

σ_s 47,9
kt 0,4
hc,eff 37,4 50,0 37,4 75,0
ρ_eff 0,0
fctm 2,6
α_e 15,0
ε_sm -1,16E-04
ε_sm,min 1,44E-04
ε_sm,d 1,44E-04

Calcolo Δ_smax

c 20,0 [mm]
φ_eq 22,0 [mm]
condizione 155,0 [mm]
k_1 0,8
k_2 0,5
k_3 3,4
k_4 0,425
Δ_smax 272,2 [mm]

Calcolo e verifica w_d

w_d 0,0391 [mm] w_2 0,3 [mm] VERIFICATO

Per il calcolo di εsm, Δsmax, wd si è utilizzato le seguenti formule date dalla normativa:

158
6.2 IL PIANEROTTOLO

6.2.1 Analisi dei carichi

Di seguito si riporta l’analisi dei carichi per quanto riguarda il pianerottolo del primo piano.

Pacchetto finitura (Peso Permanente portato) G2k


Alzata (finito, compreso marmo) 0,15 m
Pedata (finito, compreso marmo) 0,30 m
Larghezza Rampa 4,44 m
Lunghezza Rampa 2,38 m
Spessore cls 0,15 m
Spessore Marmo 0,025 m

Analisi dei Carichi –Pianerottolo primo piano


[kN] [kN/m] [kN/m2]
G1k1 36,75 7,50 7,50
G2k1 0,00 0,00 0,00
Q1k1 19,60 4,00 4,00

SLU SLE
Comb. Comb. Comb. Comb. Comb
Favorevole Sfavorevole Rara Freq Quasi Perm.
coef G1k 1,00 1,30 1,00 1,00 1,00
coef G2k 0,00 1,50 1,00 1,00 1,00
coef Q1k 0,00 1,50 1,00 0,90 0,80

G1d [kN/mq] 7,50 9,75 7,50 7,50 7,50


G2d [kN/mq] 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00
Q1d [kN/mq] 0,00 6,00 4,00 3,60 3,20
Fd [kN/mq] 7,50 15,75 11,50 11,10 10,70

Fd' [kN/m] 7,50 15,75 11,50 11,10 10,70


Mmax 22,51 47,27 34,51 33,31 32,11
Vmax 18,38 38,59 28,18 27,20 26,22

159
6.2.2 Dimensionamento

6.2.3 Verifica SLU flessione

Geometria sezione
Riduzione
per s ≤
[mm] Materiali fk γm αcc 50 mm fd
bw 1000 C25/30 25 1,5 0,85 1,00 14,17
i 0 B450C 450 1,15 391,30
s 0
h 300 Ecm 31475,81 εcu 3,50E-03
htot 300 Es 200000,00 εc4 7,00E-04
yg 150,0 Es/Ec 6,35 εsu 1,00E-02
εsd 1,96E-03
Sollecitazione

Nsd [kN] 0,00


Msd+ [kNm] 151,40
Msd- [kNm] 0,0

Progettazione Armatura

[mm] [mm] [mmq] [mm] [mm] [mm] [mmq] [mm]


strato barre n φ As d n φ As' d'
1 6 18,00 1526,8 280 6,0 18,0 1526,8 25
2 0 0 0,0 280 0,0 0,0 0,0 0,0
3 0 0 0,0 0 0,0
4 0,0 0,0
As totale 1526,8 As' totale 1526,8
d_medio 280,0 d_medio 25,0

Verifica Momento resistente a positivo


[mm] [mm]
x 67,0 x2-3 72,6
x3-4 179,6

Campo 2 TRUE

εc 3,14E-03 εs σs εs' σs'


λ1 0,78 1,00E-02 -391,3 1,97E-03 391,3
[mmq] 1,00E-02 -391,3 0,00E+00 0,0
Ac_eff1 52065,27 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 737,6 Mrd(Fc) 91,4


Fs -597,4 Mrd(As) 77,7
Fs' 597,4 Mrd(As') 74,7

160
Nrd 737,6 Mrd 243,8 kNm VERIFICATO
(Nrd-Nsd)^2 544041,0
Campo 3 FALSE

εc 3,50E-03 εs σs εs' σs'


λ2 0,80 1,11E-02 -391,3 2,19E-03 391,3
[mmq] 1,11E-02 -391,3 0,00E+00 0,0
Ac_eff1 53581,51 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 759,1 Mrd(Fc) 93,5


Fs -597,4 Mrd(As) 77,7
Fs' 597,4 Mrd(As') 74,7
Ntot 759,1 Mrd 245,9 kNm NON VERIFICATO
(Nrd-Nsd)^2 576189,4

Verifica Momento Resistente a Negativo


[mm] [mm]
x 35,7 x2-3 71,3
x3-4 176,4

Campo 2 TRUE

εc 1,35E-03 εs σs εs' σs'


λ1 0,48 6,55E-04 131,1 1,00E-02 -391,3
[mmq] 6,55E-04 131,1 0,00E+00 0,0
Ac_eff1 17182,87 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 243,4 Mrd(Fc) -34,4


Fs 200,1 Mrd(As) -26,0
Fs' -597,4 Mrd(As') -74,7
Nrd -153,9 Mrd -135,1 kNm VERIFICATO
(Nrd-Nsd)^2 23681,3

Campo 3 FALSE

εc 3,50E-03 εs σs εs' σs'


λ2 0,80 1,54E-03 307,7 2,35E-02 -391,3
[mmq] 1,54E-03 307,7 0,00E+00 0,0
Ac_eff2 28547,94 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 404,4 Mrd(Fc) -54,9


Fs 469,8 Mrd(As) -26,0
Fs' -597,4 Mrd(As') -74,7
Ntot 276,7 Mrd -155,6 kNm NON VERIFICATO
(Nrd-Nsd)^2 76588,7

161
6.2.4 Verifica SLU taglio

Geometria sezione
Riduzion
e per s
[mm] Materiali fk γm αcc ≤ 50 mm fd
bw 1000 C25/30 25 1,5 0,85 0,80 11,33
i 0 B450C 450 1,15 391,30
s 0
h 300 Ecm 31475,81 εcu 3,50E-03
htot 300 Es 200000,00 εc4 7,00E-04
yg 150,0 Es/Ec 6,35 εsu 1,00E-02
εsd 1,96E-03
Sollecitazione

Nsd [kN] 0,00


Vsd [kN] 125,83
Msd [kNm] 151,40

Progettazione Armatura Longitudinale

[mm] [mm] [mm2] [mm] [mm] [mm] [mm2] [mm]


strato
barre n φ As d n φ As' d'
1 6 18,00 1526,8 280 6,0 18,0 1526,8 25
2 0 0 0,0 0,0
3 0,0 0,0
4 0,0 0,0
As'
As totale 1526,8 totale 1526,8
d_medio 280,0 d_medio 25,0
Progettazione Armatura Trasversale

[radiant
[mm] [mm2] [mm]
[gradi] i]
Bracci φsw Asw p \alpha \alpha
20,0 8,00 1005,3 150 90,00 1,57

Calcolo Resistenza a Taglio-Trazione


Vrsd,min
Cotg θ 1,0 2,5 1,0
Vrsd 660,9 1652,2 660,9 [kN]
Calcolo Resistenza a Taglio-
Compressione
f'cd 5,7
sigma_cp 0,0
non [0- [0,25- [0,5-
condizione compressa 0,25]*fcd 0,5]*fcd 1]*fcd
\alpha_c 1,0 0,0 0,0 0,0
Vrcd,min
Cotg θ 1,0 2,5 2,5
Vrcd 714,0 492,4 492,4 [kN]
Verifica Resistenza a
Taglio
Vrd,min 492,4 [kN]
Vsd<Vrd,min VERIFICATO

162
6.2.5 Verifica SLU del taglio negli appoggi

Per la verifica del taglio negli appoggi si deve soddisfare la seguente condizione data da
normativa:

con

As area dell’armatura utilizzata (nel nostro caso il diametro è un ø8)


Vsd sollecitazione a taglio massima

e quindi:

il taglio negli appoggi risulta verificato.

La lunghezza minima di ancoraggio è invece funzione delle tensioni delle tensioni tangenziali
ultime di aderenza calcolata come:

con

fbk = con per barre con diametro minore o uguale a ø 32mm

In definitiva la lunghezza di ancoraggio è ricavata dalla seguente:

Nel caso in esame si ha a disposizione un ø 8 e la lunghezza di ancoraggio risulta pari a

163
6.2.6 Verifica SLE tensioni di esercizio

Geometria sezione

Riduzione
Material per s ≤ 50
[mm] i fk γm αcc mm fd
1,00
bw 1000 C28/35 28 1,5 0,85 15,87
i 0 B450C 450 1,15 391,30
s 0
h 300 Ecm 32308,25 εcu 3,50E-03
htot 300 Es 200000,00 εc4 7,00E-04
yg 150,0 Es/Ec 6,19 εsu 1,00E-02
n 15,00 εsd 1,96E-03

Sollecitazio QUASI
Sollecitazione RARA ne PERM.

Nsd [kN] 0,00 Nsd [kN] 0,00


Msd [kNm] 100,93 Msd [kNm] 100,93

Progettazione Armatura

[mm] [mm] [mmq] [mm] [mm] [mm] [mmq] [mm]


strato barre n φ As d n φ As' d'
1 6 20,00 1885,0 280 6,0 20,0 1885,0 25
2 0 0 0,0 0 0,0 0,0 0,0 0,0
3 0 0 0,0 0 0,0
4 0,0
As totale 1885,0 As' totale 1885,0

Verifica Tensioni di esercizio: Comb. RARA

Calcolo Asse Neutro


[mm]

x 86,4

σc,max 6,32 εs σs εs' σs' abs(σs) abs(σs')


σc,2 6,32 1,06E-03 -212,1 3,37E-04 67,3 212,1 67,3
Ac1_inf 0,0 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0 0,0 0,0
86437,
Ac2_inf 6 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0 0,0 0,0
86437,
Ac,tot 6 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0 0,0 0,0

Verifica QUASI
Fc 273,0 Ac1*br1 0,0 Tensioni PERM.
Fs -399,9 Ac2*br2 5237577,1 cls VERIFICATO <,6 fcd
Fs' 126,9 n*As*y 8231026,4 Arm.inf VERIFICATO <,8 fsd
Nrd 0,0 n*As'*y 2512082,8 Arm.sup VERIFICATO <,8 fsd

(Nrd-Nsd)^2 0,0

164
Verifica Tensioni di esercizio: Comb. QUASI
PERMANENTE
Calcolo Asse Neutro
[mm]

x 86,4

σc,max 6,32 εs σs εs' σs' abs(σs) abs(σs')


σc,2 6,3 1,06E-03 -212,1 3,37E-04 67,3 212,1 67,3
Ac1_inf 0,0 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0 0,0 0,0
86437,
Ac2_inf 8 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0 0,0 0,0
86437,
Ac,tot 8 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0 0,0 0,0

Verifica QUASI
Fc 273,0 Ac1*br1 0,0 Tensioni PERM.
Fs -399,9 Ac2*br2 5237584,4 cls VERIFICATO <,45 fcd
Fs' 126,9 n*As*y 8231004,8 Arm.inf VERIFICATO <,8 fsd
Nrd 0,0 n*As'*y 2512082,8 Arm.sup VERIFICATO <,8 fsd

(Nrd-Nsd)^2 0,0

165
6.2.7 Verifica SLE di deformazione

Geometria sezione

Riduzione
Material per s ≤
[mm] i fk γm αcc 50 mm fd
bw 1000 C25/30 25 1,5 0,85 0,80 11,33
i 0 B450C 450 1,15 391,30
s 0
h 300 Ecm 31475,81 εcu 3,50E-03
htot 300 Es 200000,00 εc4 7,00E-04
yg 150,0 Es/Ec 6,35 εsu 1,00E-02
\phi 1,9 εsd 1,96E-03

Sollecitazione RARA Sollecitazione FREQUENTE Sollecitazione QUASI PERM.

Nsd [kN] 0,00 Nsd [kN] 0,00 Nsd [kN] 0,00


Msd [kNm] 100,93 Msd [kNm] 100,93 Msd [kNm] 100,93

Controfrecci
a -20,00 [mm]

Progettazione
Armatura

[mm] [mm] [mmq] [mm] [mm] [mm] [mmq] [mm]


strato barre n φ As d n φ As' d'
1 6 20,00 1885,0 280 6,0 20,0 1885,0 25
2 0 0 0,0 0 0,0 0,0 0,0 0,0
3 0 0 0,0 0 0,0
4 0,0 0,0
As'
As totale 1885,0 totale 1885,0
d_medio 280,0 d_medio 25,0

166
n 6,35
Calcolo baricentro sezione interamente reagente
area y Sx
soletta 0,0 300,0 0,0 yg 149,8 [mm]
nervatura 300000,0 150,0 45000000,0
n*arm.inf 11977,2 20,0 239543,4
n*arm.sup 11977,2 275,0 3293722,1
totale 323954,3 48533265,5
Calcolo Momento di Inerzia Sezione Interamente Reagente
area y^2 Ix
soletta 0,0 90000,0 0,0 Ig 2639546421,6 [mm4]
nervatura 300000,0 30000,0 9000000000,0 W' 17618689,3 [mm3]
n*arm.inf 11977,2 400,0 4790868,5 M' 45,1 [kNm]
n*arm.sup 11977,2 75625,0 905773569,1
totale 323954,3 9910564437,6
Calcolo Asse Neutro
[mm]

x 64,8

σc,max 9,85 εs σs εs' σs'


σc,2 9,85 1,04E-03 -207,7 1,92E-04 38,4
Ac1_ist 0,0 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
Ac2_ist 64814,4 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
Ac,tot 64814,4 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 319,1 Ac1*br1 0,0


Fs -391,6 Ac2*br2 4160928,2
Fs' 72,4 n*As*y 5169391,4
Nrd 0,0 n*As'*y 919671,8

(Nrd-Nsd)^2 0,0
Calcolo Baricentro Sezione Parzializzata
area y Sx
soletta 0,0 300,0 0,0 Ygf 235,2 [mm]
nervatura 64814,4 267,6 17343863,8
n*arm.inf 11977,2 20,0 239543,4
n*arm.sup 11977,2 275,0 3293722,1
totale 88768,7 20877129,3
Calcolo Momento di Inerzia Sezione Parzializzata
area y^2 Ix
soletta 0,0 90000,0 0,0 If 641656894,1 [mm4]
nervatura 64814,4 71605,9 4641093180,8
n*arm.inf 11977,2 400,0 4790868,5
n*arm.sup 11977,2 75625,0 905773569,1
totale 88768,7 5551657618,3

167
Verifica Deformazioni: Comb. RARA

Calcolo Parametro di Rigidezza Caratteristico della trave


t=infinito t=0
Ecm/(1+\phi) 10853,7 Ecm 31475,8
I 3169566655,6 [mm4] I 2639546421,6 [mm4]
If 1327515007,5 [mm4] If 641656894,1 [mm4]
c 1,0 c 1,0
β 0,5 β 0,4
\xi 0,7 \xi 0,8
p 2,91E-14 p 1,20E-14
pf 6,94E-14 pf 4,95E-14
p* 5,78E-14 p* 4,20E-14
Calcolo della Freccia in mezzeria per trave semplicemente appoggiata soggetta ad un carico uniforme
q 11,5 [N/mm]
luce 4900,0 [mm]
f,inf 4,99 [mm] f,ist 3,63 [mm]
controfreccia -20,0 [mm]
freccia finale -15,01 [mm]

(f,inf-f,ist) 1,36 [mm]

Valori Limite della Freccia


1/250*l 19,6 [mm] VERIFICATO
1/500*l 9,8 [mm] VERIFICATO

168
n 15
Calcolo baricentro sezione interamente reagente
area y Sx
soletta 0,0 300,0 0,0 yg 149,6 [mm]
nervatura 300000,0 150,0 45000000,0
n*arm.inf 28274,3 20,0 565486,7
n*arm.sup 28274,3 275,0 7775441,8
totale 356548,7 53340928,5
Calcolo Momento di Inerzia Sezione Interamente Reagente
area y^2 Ix
soletta 0,0 90000,0 0,0 Ig 3169566655,6 [mm4]
nervatura 300000,0 30000,0 9000000000,0 W' 21186447,3 [mm3]
n*arm.inf 28274,3 400,0 11309733,6 M' 54,2 [kNm]
n*arm.sup 28274,3 75625,0 2138246499,8
totale 356548,7 11149556233,4
Calcolo Asse Neutro
[mm]

x 86,4

σc,max 6,32 εs σs εs' σs'


σc,2 6,32 1,06E-03 -212,1 3,37E-04 67,3
Ac1_inf 0,0 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
Ac2_inf 86437,6 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
Ac,tot 86437,6 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 273,0 Ac1*br1 0,0


Fs -399,9 Ac2*br2 5237577,1
Fs' 126,9 n*As*y 8231026,4
Nrd 0,0 n*As'*y 2512082,8

(Nrd-Nsd)^2 0,0
Calcolo Baricentro Sezione Parzializzata
area y Sx
soletta 0,0 300,0 0,0 Ygf 213,6 [mm]
nervatura 86437,6 256,8 22195551,7
n*arm.inf 28274,3 20,0 565486,7
n*arm.sup 28274,3 275,0 7775441,8
totale 142986,3 30536480,2
Calcolo Momento di Inerzia Sezione Parzializzata
area y^2 Ix
soletta 0,0 90000,0 0,0 If 1327515007,5 [mm4]
nervatura 86437,6 65936,6 5699400349,9
n*arm.inf 28274,3 400,0 11309733,6
n*arm.sup 28274,3 75625,0 2138246499,8
totale 142986,3 7848956583,3

169
Verifica Deformazioni: Comb. FREQUENTE

Calcolo Parametro di Rigidezza Caratteristico della trave


t=infinito t=0
Ecm/(1+\phi) 10853,7 Ecm 31475,8
I 3169566655,6 [mm4] I 2639546421,6 [mm4]
If 1327515007,5 [mm4] If 641656894,1 [mm4]
c 0,5 c 0,5
β 0,5 β 0,4
\xi 0,9 \xi 0,9
p 2,91E-14 p 1,20E-14
pf 6,94E-14 pf 4,95E-14
p* 6,36E-14 p* 4,58E-14
Calcolo della Freccia in mezzeria per trave semplicemente appoggiata soggetta ad un carico uniforme
q 11,1 [N/mm]
luce 4900,0 [mm]
f,inf 5,30 [mm] f,ist 3,81 [mm]
controfreccia -20,00 [mm]
freccia finale -14,70 [mm]

(f,inf-f,ist) 1,48 [mm]

Valori Limite della Freccia


1/250*l 19,6 [mm] VERIFICATO
1/500*l 9,8 [mm] VERIFICATO

Verifica Deformazioni: Comb. QUASI PERMANENTE


Calcolo Parametro di Rigidezza Caratteristico della trave
t=infinito t=0
Ecm/(1+\phi) 10853,7 Ecm 31475,8
I 3169566655,6 [mm4] I 2639546421,6 [mm4]
If 1327515007,5 [mm4] If 641656894,1 [mm4]
c 0,5 c 0,5
β 0,5 β 0,4
\xi 0,9 \xi 0,9
p 2,91E-14 p 1,20E-14
pf 6,94E-14 pf 4,95E-14
p* 6,36E-14 p* 4,58E-14
Calcolo della Freccia in mezzeria per trave semplicemente appoggiata soggetta ad un carico uniforme
q 10,7 [N/mm]
luce 4900,0 [mm]
f,inf 5,11 [mm] f,ist 3,68 [mm]
controfreccia -20,00 [mm]
freccia finale -14,89 [mm]

(f,inf-f,ist) 1,43 [mm]

Valori Limite della Freccia


1/250*l 19,6 [mm] VERIFICATO
1/500*l 9,8 [mm] VERIFICATO

170
6.2.8 Verifica SLE di fessurazione

Geometria sezione
Materiali
Riduzione
per s ≤
[mm] Materiali fk γm αcc 50 mm fd
bw 1000 C25/30 25 1,5 0,85 0,80 11,33
i 0 B450C 450 1,15 391,30
s 0
h 300 Ecm 31475,81 εcu 3,50E-03
htot 300 Es 200000,00 εc4 7,00E-04
yg 150,0 Es/Ec 6,35 εsu 1,00E-02
n 15,00 εsd 1,96E-03

Sollecitazione FREQUENTE Sollecitazione QUASI PERM.

Nsd [kN] 0,00 Nsd [kN] 0,00


Msd [kNm] 100,93 Msd [kNm] 100,93

Progettazione Armatura

[mm] [mm] [mmq] [mm] [mm] [mm] [mmq] [mm]


strato barre n φ As d n φ As' d'
1 6 20,00 1885,0 280 6,0 20,0 1885,0 25
2 0 0 0,0 0 0,0
3 0 0 0,0 0 0,0
4 0,0 0,0
As totale 1885,0 As' totale 1885,0
d_medio 280,0 d_medio 25,0

171
Verifica Fessurazioni: Comb. FREQUENTE

Calcolo baricentro sezione interamente reagente


area y Sx
soletta 0,0 300,0 0,0 yg 149,6 [mm]
nervatura 300000,0 150,0 4,50E+07
n*acciaio inf 28274,3 20,0 5,65E+05
n*acciaio sup 28274,3 275,0 7,78E+06
totale 356548,7 5,33E+07

Calcolo Momento di Inerzia Sezione Interamente Reagente


area braccio^2 Ix
soletta 0,0 90000,0 0,0 Ig 3,17E+09 [mm4]
nervatura 300000,0 30000,0 9,00E+09 W' 2,12E+07 [mm3]
n*acciaio inf 28274,3 400,0 1,13E+07 M' 54,2 [kNm]
n*acciaio sup 28274,3 75625,0 2,14E+09
totale 356548,7 1,11E+10

Calcolo Asse Neutro


[mm]

x 86,4

σc,max 6,32 εs σs εs' σs'


σc,2 6,32 1,06E-03 -212,1 3,37E-04 67,3
Ac1_inf 0,0 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
Ac2_inf 86437,8 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
Ac,tot 86437,8 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 273,0 Ac1*br1 0,0


Fs -399,9 Ac2*br2 5,24E+06
Fs' 126,9 n*As*y 8,23E+06
Nrd 0,0 n*As'*y 2,51E+06

(Nrd-Nsd)^2 0,0
Calcolo ε_sm

σs 212,1
kt 0,6
hc,eff 50,0 50,0 71,2 150,0
ρ_eff 0,0
fctm 2,6
α_e 15,0
ε_sm 7,42E-04
ε_sm,min 6,36E-04
ε_sm,d 7,42E-04

Calcolo Δ_smax

172
c 20,0 [mm]
φ_eq 20,0 [mm]
condizione 150,0 [mm]
k_1 0,8
k_2 0,5
k_3 3,4
k_4 0,425
Δ_smax 158,2 [mm]

Calcolo e verifica w_d

w_d 0,1174 [mm] w_3 0,4 [mm] VERIFICATO

Verifica Fessurazioni: Comb. QUASI PERMANENTE


Calcolo baricentro sezione interamente reagente
area y Sx
soletta 0,0 300,0 0,00E+00 yg 149,6 [mm]
nervatura 300000,0 150,0 4,50E+07
n*acciaio inf 28274,3 20,0 5,65E+05
n*acciaio sup 28274,3 275,0 7,78E+06
totale 356548,7 5,33E+07

Calcolo Momento di Inerzia Sezione Interamente Reagente


area braccio^2 Ix
soletta 0,0 90000,0 0,0 Ig 3,17E+09 [mm4]
nervatura 300000,0 30000,0 9,00E+09 W' 2,12E+07 [mm3]
n*acciaio inf 28274,3 400,0 1,13E+07 M' 54,20 [kNm]
n*acciaio sup 28274,3 75625,0 2,14E+09
totale 356548,7 1,11E+10
Calcolo Asse Neutro
[mm]

x 86,4

σc,max 6,32 εs σs εs' σs'


σc,2 6,32 1,06E-03 -212,1 3,37E-04 67,3
Ac1_inf 0,0 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
Ac2_inf 86437,7 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0
Ac,tot 86437,7 0,00E+00 0,0 0,00E+00 0,0

Fc 273,0 Ac1*br1 0,00E+00


Fs -399,9 Ac2*br2 5,24E+06
Fs' 126,9 n*As*y 8,23E+06
Nrd 0,0 n*As'*y 2,51E+06

(Nrd-Nsd)^2 0,0

173
Calcolo ε_sm

σ_s 212,1
kt 0,4
hc,eff 50,0 50,0 71,2 150,0
ρ_eff 0,0
fctm 2,6
α_e 15,0
ε_sm 8,48E-04
ε_sm,min 6,36E-04
ε_sm,d 8,48E-04

Calcolo Δ_smax

c 20,0 [mm]
φ_eq 20,0 [mm]
condizione 150,0 [mm]
k_1 0,8
k_2 0,5
k_3 3,4
k_4 0,425
Δ_smax 158,2 [mm]

Calcolo e verifica w_d

w_d 0,1342 [mm] w_2 0,3 [mm] VERIFICATO

Per il calcolo di εsm, Δsmax, wd si è utilizzato le seguenti formule date dalla normativa:

174
7 VERIFICA DEGLI ELEMENTI IN MURATURA ESISTENTI

7.1 INTRODUZIONE

La muratura esistente dell’edificio in oggetto è a singolo paramento ed è costituita da mattoni


pieni in laterizio. Lo spessore della stessa è massimo al piano terra e decresce gradualmente ai piani
superiori variando di dimensione tra i setti perimetrali e quelli di spina. L’analisi della capacità
portante della muratura è stata effettuata mediante una modellazione a “telaio equivalente”
utilizzando il programma di calcolo dell’Autodesk – ROBOT STRUCTURAL ANALYSIS 2013.

Ipotesi teoriche della modellazione a telaio equivalente:

Figura 7.1

schematizzazione in elementi deformabili ad asse verticale (maschi) e ad asse orizzontale


(fasce);
le zone di intersezione tra fasce e maschi sono considerate infinitamente rigide;
i solai costituiscono un vincolo rigido nel piano.

Tale schematizzazione della struttura risulta accettabile nel caso in cui la geometria delle pareti e
la distribuzione delle aperture in esse presenti siano caratterizzate da una certa regolarità, in
particolare per quel che riguarda l’allineamento delle aperture. Nel caso in esame i setti perimetrali
rientrano abbondantemente nelle ipotesi del modello, al contrario di quelli di spina.
175
La struttura tridimensionale è stata schematizzata in 10 telai piani, 4 longitudinali (A, B, C, D) e
6 trasversali (1, 2, 3, 4, 5, 6) tra loro raccordati.

Ciascun telaio piano è caratterizzato da una geometria regolare:

Gli assi delle fasce sono allineati con l’asse medio del solaio;
Gli assi dei maschi sono allineati lungo la stessa verticale;

poiché nell’edificio esistente gli assi degli elementi strutturali non coincidono con il telaio così
schematizzato, per introdurre tali irregolarità sono usati i seguenti espedienti:

Eccentricità tra asse di calcolo ed asse dell’elemento


Scomposizione in più maschi murari per correggere l’assenza di una apertura tra un piano
e l’altro; tali maschi sono poi stati collegati tra di loro con un braccio rigido in modo tale
da comportarsi come se fossero un elemento unico.

Figura 7.2: Schema del modello tridimensionale

Essendo la geometria dell’edificio caratterizzata da una forometria irregolare ed essendo, al


contrario, il modello a telaio equivalente in tre dimensioni, sviluppato su una geometria regolare,
per ovviare a questa incongruenza si è introdotta, per ogni elemento (maschio o fascia) dei
parametri correttivi che vanno a descrivere il diverso posizionamento dell’elemento rispetto ai vari
assi che descrivono il telaio.

176
Figura 7.3: Schema dei 4 telai longitudinali e dei 6 trasversali

177
7.2 MATERIALI

Di seguito si riportano i valori di riferimento dei parametri meccanici (minimi e massimi) e peso
specifico medio per diverse tipologie di muratura, riferiti alle seguenti condizioni: malta di
caratteristiche scarse, assenza di ricorsi (listature), paramenti semplicemente accostati o mal
collegati, muratura non consolidata.

Tabella 7.1: Valori di riferimento da adottarsi nelle analisi in funzione del livello di conoscenza acquisito

fm resistenza media a compressione della muratura


τ0 resistenza media a taglio della muratura
E valore medio del modulo di elasticità normale
G valore medio del modulo di elasticità tangenziale
w peso specifico medio della muratura

Il riconoscimento della tipologia muraria deve essere condotto attraverso un dettagliato rilievo
degli aspetti costruttivi.
I valori indicati nella Tabella 7.1 sono da riferirsi a condizioni di muratura con malta di scadenti
caratteristiche, in assenza di ricorsi o listature che, con passo costante, regolarizzino la tessitura ed
in particolare l’orizzontalità dei corsi. Inoltre si assume che, per le murature storiche, queste siano a

178
paramenti scollegati, ovvero manchino sistematici elementi di connessione trasversale (o di
ammorsamento per ingranamento tra i paramenti murari).

La condizione che meglio approssima il nostro stato di fatto è dunque quella di muratura in
mattoni pieni e malta di calce che presenta i seguenti parametri meccanici:

fm [N/cm2] τ0[N/cm2] E[N/mm2] G[N/mm2] w[kN/m3]


min 180 6,0 1800 300 18
max 280 9,2 2400 400 18

Tabella 7.2: Muratura in mattoni pieni e malta di calce

179
7.3 ANALISI DEI CARICHI

Sulla muratura agiscono sia carichi verticali che carichi orizzontali. Trascurando il contributo del
sisma i carichi da considerare sono:
i carichi orizzontali - dovuti all’azione accidentale del vento nelle due direzioni
principali dell’edificio (considerando separatamente sia il caso in cui agiscano forze di
pressione che di depressione sulla muratura);
i carichi verticali - quelli permanenti del peso proprio delle pareti, dei solai a queste
appoggiati e della copertura
i carichi accidentali - dovuti al normale utilizzo dei solai, alla neve in copertura e al
vento.

Secondo quanto stabilito dalla NTC 2008 verranno prese 5 combinazioni di carico da verificare
singolarmente (prendendo di volta in volta un diverso carico variabile caratteristico):

Carico caratteristico neve:

Carico caratteristico vento in direzione x:

Carico caratteristico vento in direzione y:

con:
carichi permanenti
carichi accidentali
carichi da vento in direzione x
carichi da vento in direzione y

Le azioni verticali dovute ai solai sono già state ricavate nei paragrafi precedenti. Nel modello in
Robot Structural Analysis 2013 questi carichi (sommati anche al peso proprio del cordolo di ogni
interpiano) sono stati applicati direttamente sulle fasce.
I carichi da vento invece sono stati applicati sui maschi di ogni telaio con un contributo
proporzionale all’area d’influenza dei maschi stessi.

180
7.3.1 Vento

Il calcolo del vento è stato eseguito seguendo le specifiche della NTC 2008 ed è riferito a due
direzioni principali.
Le espressioni che la normativa indica per il calcolo del vento sono le seguenti:

con:
pressione cinetica di riferimento
coefficiente di esposizione
coefficiente di pressione
coefficiente dinamico
coefficiente d’attrito
superficie di riferimento

La pressione cinetica di riferimento ha la seguente espressione:

Dove è detta velocità di riferimento [m/sec] con periodo di ritorno di 50 anni; è detto
anche parametro di macrozonazione ed ha la seguente espressione:

Il coefficiente di esposizione è un parametro adimensionale che consente di tenere conto gli


effetti locali del sito dove è posta la costruzione e l’altezza dell’edificio dal suolo (parametro di
micro zonazione). L’espressione proposta dalla normativa (in analogia con il D.M. 16/01/1996) è la
seguente:

181
con:
coefficiente di profilo che dipende da e vale
e definisce la variazione di v con la quota (profilo logaritmico)

parametri tabellati in funzione della categoria di esposizione

coefficiente di topografia

I valori dei coefficienti di esposizione possono essere ricavati anche graficamente:

Il coefficiente di topografia considera le modifiche locali del profilo di velocità dipendenti


dalle caratteristiche topografiche e orografiche locali del sito. Essendo l’edificio in esame situato in
zona pianeggiante, questo coefficiente è stato preso pari a 1.

Il coefficiente dinamico tiene conto sia dell’amplificazione dinamica della struttura sia degli
effetti dovuti alla non contemporaneità delle massime pressioni locali e gli effetti amplificativi
dovuti alle vibrazioni strutturali. Può essere valutato con specifiche analisi adeguatamente
comprovate o in mancanza di queste, grazie a grafici consultabili in letteratura. In questo caso,
come è anche possibile vedere nel grafico seguente (riferito ad edifici tozzi in muratura o cemento
armato), il coefficiente dinamico ha un valore minore o uguale a 1. Si è deciso quindi a favore di
sicurezza di prenderlo pari ad 1.

182
Si è proceduto quindi con il calcolo delle azioni del vento.

Essendo l’edificio sito a Gorizia, si considerano i parametri della zona 1, con distanza oltre 30
km dalla costa, altitudine inferiore a 500m s.l.m. e classe di rugosità del terreno B. Consideriamo
inoltre l’altezza dell’edificio (z) pari a 16,50m. Con questi parametri otterremo una classe di
esposizione del sito III.

183
cat. esposizione Kr Z0[m] Zmin[m]
III 0,2 0,1 5

Velocità e pressione di riferimento


Densità dell'aria 1,25 kg/m3
Quota del sito as 85 m
Zona di riferimento zona1

velocità di riferimento vb 25 m/s


pressione di riferimento qb 0,3906 kN/m2

184
7.3.2 Carichi verticali

Come già anticipato in precedenza, i carichi verticali si riferiscono alle forze verticali che i solai
scaricano sui rispettivi cordoli, i quali a loro volta scaricano sulle fasce di piano alle quali sono
ancorati.

Si avrà quindi che le forze alle quali sono soggette le fasce sono le seguenti:

peso proprio delle fasce


peso proprio del cordolo
peso proprio del solaio
peso proprio dei carichi non strutturali
peso proprio delle tramezzature
carico accidentale da uso

I maschi murari invece sono soggetti, oltre che al peso proprio, ai carichi che le fasce scaricano
su di essi.

Di seguito vengono riassunti i carichi verticali agenti sulle fasce di ogni piano:

G1k (pp murature)


Fascia Piano Solaio b_solaio h_solaio b1 b2 b3 b4
AB 0 1 10,85 7,54 25,19 24,90 31,81
AB 0 2 5,2 7,54 25,49 29,36 24,63 8,95
AB 0 3 4,89 7,54 13,22 14,78
AB 0 4 5,2 7,54 25,49 25,05 24,63 30,10
AB 0 5 10,85 7,54 25,19 31,81 27,95
BC 0 1 10,85 3,23 25,20 31,81
BC 0 2 5,2 3,23 8,93 24,63 8,93
BC 0 3 4,89 3,23 14,58
BC 0 4 5,2 3,23 8,93 24,63 8,93
BC 0 5 10,85 3,23 31,81 24,07
CD 0 2 5,2 7,46 29,41 28,16 24,15
CD 0 3 4,89 7,46 16,01
CD 0 4 5,2 7,46 23,30 28,16 29,41
AB 1 1 10,85 7,54 26,05 40,83 43,09
AB 1 2 5,2 7,54 25,35 39,83 40,71
AB 1 3 4,89 7,54 26,51 37,63
AB 1 4 5,2 7,54 25,35 39,04 47,60 21,14
AB 1 5 10,85 7,54 26,05 43,09 41,56
BC 1 1 10,85 3,23 26,05 43,09
BC 1 2 5,2 3,23 15,98 35,45 14,01
185
BC 1 3 4,89 3,23 24,61
BC 1 4 5,2 3,23 15,98 35,47 15,98
BC 1 5 10,85 3,23 43,09 32,35
CD 1 2 5,2 7,46 40,40 38,38 25,45
CD 1 3 4,89 7,46 26,38
CD 1 4 5,2 7,46 22,43 35,21 40,40
AB 2 1 10,85 7,54 23,94 43,49 37,38
AB 2 2 5,2 7,54 23,37 34,80 49,20
AB 2 3 4,89 7,54 24,33 42,78
AB 2 4 5,2 7,54 23,37 34,81 49,91
AB 2 5 10,85 7,54 23,94 37,38 46,35
BC 2 1 10,85 3,23 26,81 37,38
BC 2 2 5,2 3,23 16,70 32,40 16,70
BC 2 3 4,89 3,23 25,36
BC 2 4 5,2 3,23 16,70 32,40 16,70
BC 2 5 10,85 3,23 37,38 30,44
CD 2 2 5,2 7,46 35,18 37,45 25,45
CD 2 3 4,89 7,46 23,75
CD 2 4 5,2 7,46 23,44 32,24 35,18
AB 3 1 10,85 7,54 8,44 20,98 17,13
AB 3 2 5,2 7,54 8,07 15,91 22,83
AB 3 3 4,89 7,54 8,70 20,78
AB 3 4 5,2 7,54 8,07 15,91 22,83
AB 3 5 10,85 7,54 8,44 17,13 21,91
BC 3 1 10,85 3,23 8,44 17,13
BC 3 2 5,2 3,23 10,13 15,67 10,13
BC 3 3 4,89 3,23 13,70
BC 3 4 5,2 3,23 10,13 15,67 10,13
BC 3 5 10,85 3,23 17,13 13,71
CD 3 2 5,2 7,46 16,08 17,12 7,72
CD 3 3 4,89 7,46 16,98
CD 3 4 5,2 7,46 6,08 12,88 16,08

186
Q1k (acc. Solaio+tetto) G2k (elementi portanti secondari)
Fascia Piano Solaio b1 q1k b2 q1k b3 q1k b4 q1k b1 g2k b2 g2k b3 g2k b4 g2k
AB 0 1 20,80 20,80 5,20 23,95 0,00 23,95 5,99
AB 0 2 18,84 5,20 18,84 21,70 5,99 21,70 0,00
AB 0 3 14,59 5,20 14,59 5,20 16,81 5,99 16,81 5,99
AB 0 4 15,07 5,20 15,07 5,20 17,35 5,99 17,35 5,99
AB 0 5 18,99 5,20 18,99 5,20 21,87 5,99 21,87 5,99
BC 0 1 9,06 9,06 4,14 10,44 0,00 10,44 4,76
BC 0 2 9,68 9,68 11,16 0,00 11,16 0,00
BC 0 3 9,68 9,68 11,16 0,00 11,16 0,00
BC 0 4 9,68 9,68 11,16 0,00 11,16 0,00
BC 0 5 9,06 4,14 9,06 10,44 4,76 10,44 0,00
CD 0 2 14,93 5,20 14,93 5,20 17,20 5,99 17,20 5,99
CD 0 3 14,45 5,20 14,45 5,20 16,64 5,99 16,64 5,99
CD 0 4 14,93 5,20 14,93 5,20 17,20 5,99 17,20 5,99
AB 1 1 10,40 10,40 2,60 16,29 0,00 16,29 4,08
AB 1 2 9,42 2,60 9,42 14,76 4,08 14,76 0,00
AB 1 3 7,30 2,60 7,30 2,60 11,43 4,08 11,43 4,08
AB 1 4 7,54 2,60 7,54 2,60 11,80 4,08 11,80 4,08
AB 1 5 9,50 2,60 9,50 2,60 14,88 4,08 14,88 4,08
BC 1 1 4,53 4,53 2,07 7,10 0,00 7,10 3,24
BC 1 2 4,84 4,84 7,60 0,00 7,60 0,00
BC 1 3 4,84 4,84 7,60 0,00 7,60 0,00
BC 1 4 4,84 4,84 7,60 0,00 7,60 0,00
BC 1 5 4,53 2,07 4,53 7,10 3,24 7,10 0,00
CD 1 2 7,47 2,60 7,47 2,60 11,70 4,07 11,70 4,07
CD 1 3 7,23 2,60 7,23 2,60 11,32 4,07 11,32 4,07
CD 1 4 7,47 2,60 7,47 2,60 11,70 4,07 11,70 4,07
AB 2 1 10,40 10,40 2,60 11,44 0,00 11,44 2,86
AB 2 2 9,42 2,60 9,42 10,36 2,86 10,36 0,00
AB 2 3 9,30 9,30 2,60 10,23 0,00 10,23 2,86
AB 2 4 9,42 2,60 9,42 9,98 2,86 9,98 0,00
AB 2 5 9,50 2,60 9,50 2,60 10,43 2,86 10,43 2,86
BC 2 1 4,53 4,53 2,07 4,99 0,00 4,99 2,27
BC 2 2 4,84 4,84 5,34 0,00 5,34 0,00
BC 2 3 4,84 4,84 5,34 0,00 5,34 0,00
BC 2 4 4,84 4,84 5,34 0,00 5,34 0,00
BC 2 5 4,53 2,07 4,53 4,99 2,27 4,99 0,00
CD 2 2 7,47 2,60 7,47 2,60 8,21 2,86 8,21 2,86
CD 2 3 7,23 2,60 7,23 2,60 7,95 2,86 7,95 2,86
CD 2 4 7,47 2,60 7,47 2,60 8,21 2,86 8,21 2,86

187
AB 3 1 4,25 2,75 12,21 0,00 2,08 6,26
AB 3 2 4,25 12,01 0,52 1,88 0,00
AB 3 3 4,25 11,99 0,00 1,86 0,52
AB 3 4 4,25 11,64 0,52 1,51 0,00
AB 3 5 4,25 2,75 12,01 6,26 1,88 0,52
BC 3 1 4,91 2,75 0,91 0,00 11,04 6,15
BC 3 2 0,97 0,00 6,29 0,00
BC 3 3 1,97 3,71 9,43 0,00 16,99 0,00
BC 3 4 0,97 0,00 6,29 0,00
BC 3 5 2,75 4,91 0,91 6,15 11,04 0,00
CD 3 2 2,07 2,07 1,49 0,52 8,93 7,96
CD 3 3 2,53 1,81 2,53 1,91 5,98 5,01 5,98
CD 3 4 2,07 2,07 1,49 7,96 8,93 0,52

Altezze interpiano
H1 4,08 m
H2 5,00 m
H3 4,23 m
muratura 18,00 kN/m3

1 2 3 4 5
b_solaio 10,85 5,2 4,89 5,2 10,85

AB BC CD
h_solaio 7,54 3,23 7,46

188
7.4 IL MODELLO

Il primo passo per la creazione del modello in Robot Structural Analysis 2013 è stato quello di
individuare nella struttura i maschi e le fasce murarie. Non si è considerato reagenti le murature di
tramezzi (non portanti) e le parti di muratura portante che hanno subito interventi negli anni passati
(soprattutto nelle murature interne dove sono state modificate le aperture di ingresso ai vani); si è
trascurato quindi il contributo di questi elementi nell’analisi.

Dopo aver individuato gli elementi del telaio equivalente si è proceduto con la nomenclatura
(indispensabile per poter “leggere” e manipolare i dati di output del programma) e l’individuazione
delle caratteristiche dimensionali (altezza, spessore e lunghezza) degli stessi.

Dopo aver tracciato la geometria del telaio 3D in Robot Structural Analysis 2013, sono state
create delle sezioni tipo in materiale muratura. Ad ogni elemento è stata quindi assegnata una
sezione tipo.

Come anticipato, si è dovuto introdurre dei tratti infinitamente rigidi tra gli elementi concorrenti
in ogni nodo del telaio. Per fare ciò, si è utilizzato una funzione del programma grazie alla quale il
programma stesso è in grado di assegnare ad ogni elemento un tratto di lunghezza infinitamente
rigido in funzione della geometria delle sezioni concorrenti nel nodo.

Sono stati creati dei “gruppi” in Robot Structural Analysis 2013, riunendo tutti i maschi e le
fasce appartenenti allo stesso telaio bi-dimensionale. Ciò ha permesso di facilitare la lettura e
l’analisi dei dati di output, creando dei fogli di calcolo delle verifiche separati per ogni gruppo
(molto utile per analizzare criticamente la bontà del modello in fase finale).

189
7.4.1 Le caratteristiche geometriche

Di seguito si riporta le caratteristiche geometriche dei singoli elementi (prima dei maschi e poi
delle fasce di piano) secondo la nomenclatura utilizzata:

TELAIO PIANO TIPO M/F NUMERO H h' Heff b t Dh/2[cm] DH


1 1 M 1 4,08 4,08 4,08 10,31 0,60 0,0 0,0
1 2 M 1 5,00 5,00 5,00 10,31 0,45 0,0 0,0
1 3 M 1 4,23 4,23 4,23 10,31 0,45 0,0 0,0
2 1 M 1 4,08 2,84 2,90 0,42 0,60 3,1 6,1
2 1 M 2 4,08 1,60 2,00 0,78 0,60 20,2 40,3
2 1 M 3 4,08 1,60 2,07 0,90 0,60 23,3 46,5
2 1 M 4 4,08 2,95 3,03 0,64 0,60 4,1 8,2
2 2 M 1 5,00 2,84 2,95 0,42 0,45 5,3 10,6
2 2 M 2 5,00 1,60 2,15 0,78 0,45 27,6 55,3
2 2 M 3 5,00 1,60 2,24 0,90 0,45 31,9 63,8
2 2 M 4 5,00 2,97 3,12 0,64 0,45 7,3 14,6
2 3 M 1 4,23 2,84 2,91 0,42 0,45 3,4 6,9
2 3 M 2 4,23 1,60 2,03 0,78 0,45 21,4 42,7
2 3 M 3 4,23 1,60 2,09 0,90 0,45 24,7 49,3
2 3 M 4 4,23 2,97 3,06 0,64 0,45 4,5 9,1
3 1 M 1 4,08 4,08 4,08 7,01 0,60 0,0 0,0
3 1 M 2 4,08 4,08 4,08 7,01 0,60 0,0 0,0
3 2 M 1 5,00 5,00 5,00 7,01 0,45 0,0 0,0
3 2 M 2 5,00 5,00 5,00 7,01 0,45 0,0 0,0
3 3 M 1 4,23 4,23 4,23 7,01 0,45 0,0 0,0
3 3 M 2 4,23 4,23 4,23 7,01 0,45 0,0 0,0
4 1 M 1 4,08 4,08 4,08 7,01 0,45 0,0 0,0
4 1 M 2 4,08 4,08 4,08 7,01 0,45 0,0 0,0
4 2 M 1 5,00 5,00 5,00 7,01 0,45 0,0 0,0
4 3 M 1 4,23 4,23 4,23 7,01 0,45 0,0 0,0
5 1 M 1 4,08 2,81 2,86 0,36 0,60 2,7 5,4
5 1 M 2 4,08 2,60 2,67 0,35 0,60 3,3 6,6
5 1 M 3 4,08 2,60 2,66 0,31 0,60 2,9 5,9
5 1 M 4 4,08 2,60 2,66 0,34 0,60 3,2 6,5
5 1 M 5 4,08 2,60 2,65 0,25 0,60 2,4 4,7
5 1 M 6 4,08 2,53 2,72 0,91 0,45 9,3 18,6
5 1 M 7 4,08 3,73 3,87 4,60 0,45 7,2 14,4
5 2 M 1 5,00 3,04 3,12 0,36 0,45 3,9 7,7
5 2 M 2 5,00 2,60 2,71 0,35 0,45 5,4 10,8
5 2 M 3 5,00 2,60 2,70 0,31 0,45 4,8 9,5
5 2 M 4 5,00 2,60 2,70 0,34 0,45 5,2 10,5
190
5 2 M 5 5,00 2,60 2,68 0,25 0,45 3,8 7,7
5 2 M 6 5,00 3,36 3,51 0,91 0,45 7,4 14,8
5 2 M 7 5,00 4,06 4,18 1,50 0,45 5,8 11,6
5 2 M 8 5,00 5,00 5,00 4,60 0,45 0,0 0,0
5 3 M 1 4,23 3,04 3,09 0,36 0,45 2,3 4,7
5 3 M 2 4,23 2,60 2,67 0,35 0,45 3,7 7,3
5 3 M 3 4,23 2,60 2,66 0,31 0,45 3,2 6,5
5 3 M 4 4,23 2,60 2,67 0,34 0,45 3,6 7,1
5 3 M 5 4,23 2,60 2,65 0,25 0,45 2,6 5,2
5 3 M 6 4,23 3,34 3,42 0,91 0,45 4,0 8,1
5 3 M 7 4,23 4,04 4,06 1,50 0,45 1,2 2,4
5 3 M 8 4,23 4,23 4,23 4,60 0,45 0,0 0,0
6 1 M 1 4,08 4,08 4,08 10,31 0,60 0,0 0,0
6 2 M 1 5,00 5,00 5,00 10,31 0,45 0,0 0,0
6 3 M 1 4,23 4,23 4,23 10,31 0,45 0,0 0,0
A 1 M 1 4,08 3,05 3,14 0,80 0,60 4,5 9,0
A 1 M 2 4,08 2,60 2,78 0,97 0,60 9,2 18,4
A 1 M 3 4,08 2,60 2,78 0,97 0,60 9,2 18,4
A 1 M 4 4,08 2,60 2,78 0,97 0,60 9,2 18,4
A 1 M 5 4,08 2,60 2,91 1,61 0,60 15,3 30,5
A 1 M 6 4,08 2,60 2,79 0,98 0,60 9,3 18,6
A 1 M 7 4,91 3,20 3,46 1,48 0,60 13,2 26,4
A 1 M 8 4,91 3,20 3,46 1,48 0,60 13,2 26,4
A 1 M 9 4,08 2,60 2,79 0,98 0,60 9,3 18,6
A 1 M 10 4,08 2,60 2,91 1,61 0,60 15,3 30,5
A 1 M 11 4,08 2,60 2,78 0,97 0,60 9,2 18,4
A 1 M 12 4,08 2,60 2,78 0,97 0,60 9,2 18,4
A 1 M 13 4,08 2,60 2,78 0,97 0,60 9,2 18,4
A 1 M 14 4,08 3,05 3,14 0,80 0,60 4,5 9,0
A 2 M 1 5,00 3,77 3,85 0,74 0,45 4,0 8,0
A 2 M 2 5,00 3,20 3,38 0,97 0,45 9,1 18,2
A 2 M 3 5,00 3,20 3,38 0,97 0,45 9,1 18,2
A 2 M 4 5,00 3,20 3,38 0,97 0,45 9,1 18,2
A 2 M 5 5,00 3,20 3,50 1,61 0,45 15,1 30,2
A 2 M 6 5,00 3,20 3,38 0,98 0,45 9,2 18,4
A 2 M 7 5,00 3,20 3,48 1,48 0,45 13,9 27,8
A 2 M 8 5,00 3,20 3,48 1,48 0,45 13,9 27,8
A 2 M 9 5,00 3,20 3,38 0,98 0,45 9,2 18,4
A 2 M 10 5,00 3,20 3,50 1,61 0,45 15,1 30,2
A 2 M 11 5,00 3,20 3,38 0,97 0,45 9,1 18,2
A 2 M 12 5,00 3,20 3,38 0,97 0,45 9,1 18,2
A 2 M 13 5,00 3,20 3,38 0,97 0,45 9,1 18,2

191
A 2 M 14 5,00 3,77 3,85 0,74 0,45 4,0 8,0
A 3 M 1 4,23 3,05 3,15 0,74 0,45 4,8 9,5
A 3 M 2 4,23 2,60 2,80 0,97 0,45 10,1 20,3
A 3 M 3 4,23 2,60 2,80 0,97 0,45 10,1 20,3
A 3 M 4 4,23 2,60 2,80 0,97 0,45 10,1 20,3
A 3 M 5 4,23 2,60 2,94 1,61 0,45 16,8 33,6
A 3 M 6 4,23 2,60 2,80 0,98 0,45 10,2 20,5
A 3 M 7 4,23 2,60 2,91 1,48 0,45 15,5 30,9
A 3 M 8 4,23 2,60 2,91 1,48 0,45 15,5 30,9
A 3 M 9 4,23 2,60 2,80 0,98 0,45 10,2 20,5
A 3 M 10 4,23 2,60 2,94 1,61 0,45 16,8 33,6
A 3 M 11 4,23 2,60 2,80 0,97 0,45 10,1 20,3
A 3 M 12 4,23 2,60 2,80 0,97 0,45 10,1 20,3
A 3 M 13 4,23 2,60 2,80 0,97 0,45 10,1 20,3
A 3 M 14 4,23 3,05 3,15 0,74 0,45 4,8 9,5
B 1 M 1 4,08 3,54 3,72 3,50 0,60 8,9 17,8
B 1 M 2 4,08 2,53 2,69 0,79 0,60 8,1 16,1
B 1 M 3 4,08 2,53 2,84 1,50 0,60 15,3 30,6
B 1 M 4 4,08 2,53 2,77 1,16 0,60 11,8 23,7
B 1 M 5 4,08 2,53 3,14 3,00 0,60 30,6 61,3
B 1 M 6 4,08 2,53 3,06 2,59 0,60 26,4 52,9
B 1 M 7 4,08 2,53 3,04 2,48 0,60 25,3 50,6
B 1 M 8 4,08 2,53 3,08 2,71 0,60 27,7 55,3
B 1 M 9 4,08 2,87 3,03 1,17 0,60 8,2 16,4
B 1 M 10 4,08 3,64 3,70 1,50 0,60 3,0 6,0
B 1 M 11 4,08 4,08 4,08 6,06 0,60 0,0 0,0
B 2 M 1 5,00 5,00 5,00 3,50 0,45 0,0 0,0
B 2 M 2 5,00 3,64 3,83 1,50 0,45 9,3 18,7
B 2 M 3 5,00 2,98 3,16 0,79 0,45 8,9 17,9
B 2 M 4 5,00 2,75 3,09 1,24 0,45 16,9 33,8
B 2 M 5 5,00 2,75 3,55 2,95 0,45 40,2 80,5
B 2 M 6 5,00 2,75 3,70 3,48 0,45 47,5 94,9
B 2 M 7 5,00 3,82 4,20 3,71 0,45 19,1 38,2
B 2 M 8 5,00 4,96 4,96 1,50 0,45 0,2 0,4
B 2 M 9 5,00 3,64 4,02 3,08 0,45 19,2 38,4
B 2 M 10 5,00 2,75 2,97 0,80 0,45 10,9 21,8
B 2 M 11 5,00 4,50 4,72 6,00 0,45 11,1 22,2
B 3 M 1 4,23 4,23 4,23 3,44 0,45 0,0 0,0
B 3 M 2 4,23 3,79 3,85 1,50 0,45 2,9 5,8
B 3 M 3 4,23 3,04 3,18 1,08 0,45 7,0 14,1
B 3 M 4 4,23 2,73 2,88 0,81 0,45 7,4 14,8
B 3 M 5 4,23 3,62 3,79 3,10 0,45 8,7 17,4

192
B 3 M 6 4,23 4,23 4,23 1,45 0,45 0,0 0,0
B 3 M 7 4,23 3,75 3,90 3,53 0,45 7,5 15,1
B 3 M 8 4,23 3,77 3,92 3,66 0,45 7,4 14,9
B 3 M 9 4,23 4,23 4,23 1,50 0,45 0,0 0,0
B 3 M 10 4,23 4,23 4,23 3,08 0,45 0,0 0,0
B 3 M 11 4,23 3,53 3,63 1,50 0,45 5,0 9,9
B 3 M 12 4,23 2,91 3,01 0,64 0,45 4,8 9,7
B 3 M 13 4,23 4,23 4,23 6,16 0,45 0,0 0,0
C 1 M 1 4,08 3,06 3,15 0,80 0,60 4,4 8,9
C 1 M 2 4,08 1,60 2,10 0,97 0,60 25,1 50,1
C 1 M 3 4,08 1,60 2,10 0,97 0,60 25,1 50,1
C 1 M 4 4,08 1,60 2,10 0,97 0,60 25,1 50,1
C 1 M 5 4,08 2,57 3,13 2,85 0,60 27,9 55,8
C 1 M 6 4,08 2,53 2,98 2,20 0,60 22,5 44,9
C 1 M 7 4,08 2,53 2,65 0,57 0,60 5,8 11,6
C 1 M 8 4,08 2,53 2,72 0,93 0,60 9,5 19,0
C 1 M 9 4,08 2,53 3,45 4,49 0,60 45,8 91,7
C 1 M 10 4,08 2,53 2,78 1,22 0,60 12,5 24,9
C 1 M 11 4,08 2,57 3,25 3,48 0,60 34,1 68,2
C 1 M 12 4,08 3,04 3,13 0,77 0,60 4,4 8,8
C 2 M 1 5,00 3,03 3,19 0,74 0,45 8,0 16,0
C 2 M 2 5,00 1,60 2,29 0,97 0,45 34,4 68,7
C 2 M 3 5,00 1,60 2,29 0,97 0,45 34,4 68,7
C 2 M 4 5,00 1,60 2,29 0,97 0,45 34,4 68,7
C 2 M 5 5,00 2,68 3,46 2,69 0,45 38,8 77,6
C 2 M 6 5,00 2,53 3,30 2,36 0,45 38,4 76,8
C 2 M 7 5,00 2,53 2,72 0,57 0,45 9,3 18,5
C 2 M 8 5,00 2,53 2,75 0,67 0,45 10,9 21,8
C 2 M 9 5,00 2,53 4,08 4,75 0,45 77,3 154,6
C 2 M 10 5,00 2,53 2,93 1,22 0,45 19,9 39,7
C 2 M 11 5,00 2,57 3,67 3,48 0,45 54,8 109,7
C 2 M 12 5,00 3,01 3,17 0,71 0,45 7,8 15,6
C 3 M 1 4,23 3,03 3,13 0,74 0,45 4,9 9,8
C 3 M 2 4,23 1,60 2,13 0,97 0,45 26,6 53,1
C 3 M 3 4,23 1,60 2,13 0,97 0,45 26,6 53,1
C 3 M 4 4,23 1,60 2,13 0,97 0,45 26,6 53,1
C 3 M 5 4,23 2,57 3,20 2,91 0,45 31,3 62,7
C 3 M 6 4,23 2,53 3,02 2,19 0,45 24,5 49,1
C 3 M 7 4,23 2,53 2,69 0,70 0,45 7,8 15,7
C 3 M 8 4,23 2,53 2,70 0,78 0,45 8,7 17,5
C 3 M 9 4,23 2,53 3,59 4,75 0,45 53,2 106,4
C 3 M 10 4,23 2,53 2,80 1,22 0,45 13,7 27,3

193
C 3 M 11 4,23 2,56 3,32 3,48 0,45 37,8 75,7
C 3 M 12 4,23 3,01 3,11 0,71 0,45 4,8 9,6
D 1 M 1 4,08 3,93 3,97 3,39 0,60 2,2 4,3
D 1 M 2 4,08 3,10 3,16 0,54 0,60 2,8 5,7
D 1 M 3 3,00 1,78 1,88 0,45 0,60 5,1 10,3
D 1 M 4 3,00 1,98 2,12 0,80 0,60 6,9 13,7
D 1 M 5 3,00 1,93 2,01 0,45 0,60 4,2 8,3
D 1 M 6 4,08 3,16 3,21 0,54 0,60 2,6 5,2
D 1 M 7 4,08 3,93 3,97 3,39 0,60 2,2 4,3
D 2 M 1 5,00 4,86 4,89 3,39 0,45 1,6 3,3
D 2 M 2 5,00 3,45 3,67 1,50 0,45 11,2 22,5
D 2 M 3 5,00 2,86 2,99 0,54 0,45 6,7 13,5
D 2 M 4 4,31 4,19 4,19 0,45 0,45 0,2 0,4
D 2 M 5 4,31 1,60 2,05 0,80 0,45 22,6 45,2
D 2 M 6 4,31 4,31 4,31 0,45 0,45 0,0 0,0
D 2 M 7 5,00 5,00 5,00 0,54 0,45 0,0 0,0
D 2 M 8 5,00 4,86 4,89 3,39 0,45 1,6 3,3
D 3 M 1 4,23 4,23 4,23 3,39 0,45 0,0 0,0
D 3 M 2 4,23 3,13 3,31 1,50 0,45 8,8 17,6
D 3 M 3 4,23 2,54 2,66 0,54 0,45 6,0 12,0
D 3 M 4 6,55 2,86 3,05 0,45 0,45 9,7 19,4
D 3 M 5 6,55 1,60 2,43 0,80 0,45 41,3 82,5
D 3 M 6 6,55 6,54 6,54 0,45 0,45 0,0 0,0
D 3 M 7 4,23 4,23 4,23 0,54 0,45 0,0 0,0
D 3 M 8 4,23 3,88 3,98 3,39 0,45 5,1 10,2

194
TELAIO PIANO TIPO M/F NUMERO H h' Heff b t Dh/2 DH
2 1 F 1 0,00 1,70 0,45 0,0
2 1 F 2 0,00 1,70 0,45 0,0
2 1 F 3 0,00 1,70 0,45 0,0
2 1 F 4 0,00 1,77 0,45 0,0
2 2 F 1 0,00 2,40 0,45 0,0
2 2 F 2 0,00 2,40 0,45 0,0
2 2 F 3 0,00 2,40 0,45 0,0
2 2 F 4 0,00 2,47 0,45 0,0
2 3 F 1 0,00 0,45 0,45 0,0
2 3 F 2 0,00 0,45 0,45 0,0
2 3 F 3 0,00 0,45 0,45 0,0
2 3 F 4 0,00 1,65 0,45 0,0
3 1 F 1 0,00 1,77 0,45 0,0
3 2 F 1 0,00 2,47 0,45 0,0
3 3 F 1 0,00 1,65 0,45 0,0
4 1 F 1 0,00 1,77 0,45 0,0
4 2 F 1 0,00 2,47 0,45 0,0
4 3 F 1 0,00 1,65 0,45 0,0
5 1 F 1 0,00 1,70 0,45 0,0
5 1 F 2 0,00 1,70 0,45 0,0
5 1 F 3 0,00 1,70 0,45 0,0
5 1 F 4 0,00 1,70 0,45 0,0
5 1 F 5 0,00 1,70 0,45 0,0
5 1 F 6 0,00 1,77 0,45 0,0
5 2 F 1 0,00 2,40 0,45 0,0
5 2 F 2 0,00 2,40 0,45 0,0
5 2 F 3 0,00 2,40 0,45 0,0
5 2 F 4 0,00 2,40 0,45 0,0
5 2 F 5 0,00 2,40 0,45 0,0
5 2 F 6 0,00 2,47 0,45 0,0
5 3 F 1 0,00 0,45 0,45 0,0
5 3 F 2 0,00 0,45 0,45 0,0
5 3 F 3 0,00 0,45 0,45 0,0
5 3 F 4 0,00 0,45 0,45 0,0
5 3 F 5 0,00 0,45 0,45 0,0
5 3 F 6 0,00 1,65 0,45 0,0
A 1 F 1 0,00 1,70 0,45 0,0
A 1 F 2 0,00 1,70 0,45 0,0
A 1 F 3 0,00 1,70 0,45 0,0
A 1 F 4 0,00 1,70 0,45 0,0
A 1 F 5 0,00 1,70 0,45 0,0

195
A 1 F 6 0,00 1,70 0,45 0,0
A 1 F 7 0,00 1,70 0,45 0,0
A 1 F 8 0,00 1,70 0,45 0,0
A 1 F 9 0,00 1,70 0,45 0,0
A 1 F 10 0,00 1,70 0,45 0,0
A 1 F 11 0,00 1,70 0,45 0,0
A 1 F 12 0,00 1,70 0,45 0,0
A 1 F 13 0,00 1,70 0,45 0,0
A 2 F 1 0,00 1,80 0,45 0,0
A 2 F 2 0,00 1,80 0,45 0,0
A 2 F 3 0,00 1,80 0,45 0,0
A 2 F 4 0,00 1,80 0,45 0,0
A 2 F 5 0,00 1,80 0,45 0,0
A 2 F 6 0,00 1,80 0,45 0,0
A 2 F 7 0,00 1,80 0,45 0,0
A 2 F 8 0,00 1,80 0,45 0,0
A 2 F 9 0,00 1,80 0,45 0,0
A 2 F 10 0,00 1,80 0,45 0,0
A 2 F 11 0,00 1,80 0,45 0,0
A 2 F 12 0,00 1,80 0,45 0,0
A 2 F 13 0,00 1,80 0,45 0,0
A 3 F 1 0,00 0,45 0,45 0,0
A 3 F 2 0,00 0,45 0,45 0,0
A 3 F 3 0,00 0,45 0,45 0,0
A 3 F 4 0,00 0,45 0,45 0,0
A 3 F 5 0,00 0,45 0,45 0,0
A 3 F 6 0,00 0,45 0,45 0,0
A 3 F 7 0,00 0,45 0,45 0,0
A 3 F 8 0,00 0,45 0,45 0,0
A 3 F 9 0,00 0,45 0,45 0,0
A 3 F 10 0,00 0,45 0,45 0,0
A 3 F 11 0,00 0,45 0,45 0,0
A 3 F 12 0,00 0,45 0,45 0,0
A 3 F 13 0,00 0,45 0,45 0,0
B 1 F 1 0,00 1,77 0,60 0,0
B 1 F 2 0,00 1,77 0,60 0,0
B 1 F 3 0,00 1,77 0,60 0,0
B 1 F 4 0,00 1,77 0,60 0,0
B 1 F 5 0,00 1,77 0,60 0,0
B 2 F 1 0,00 2,47 0,45 0,0
B 2 F 2 0,00 2,47 0,45 0,0
B 2 F 3 0,00 2,47 0,45 0,0

196
B 2 F 4 0,00 2,47 0,45 0,0
B 3 F 1 0,00 1,65 0,45 0,0
B 3 F 2 0,00 1,65 0,45 0,0
B 3 F 3 0,00 1,65 0,45 0,0
B 3 F 4 0,00 1,65 0,45 0,0
C 1 F 1 0,00 1,70 0,45 0,0
C 1 F 2 0,00 1,70 0,45 0,0
C 1 F 3 0,00 1,70 0,45 0,0
C 1 F 4 0,00 1,70 0,45 0,0
C 1 F 5 0,00 1,77 0,60 0,0
C 1 F 6 0,00 1,77 0,60 0,0
C 1 F 7 0,00 1,77 0,60 0,0
C 1 F 8 0,00 1,77 0,60 0,0
C 1 F 9 0,00 1,77 0,60 0,0
C 1 F 10 0,00 1,77 0,60 0,0
C 1 F 11 0,00 1,70 0,45 0,0
C 2 F 1 0,00 2,40 0,45 0,0
C 2 F 2 0,00 2,40 0,45 0,0
C 2 F 3 0,00 2,40 0,45 0,0
C 2 F 4 0,00 2,40 0,45 0,0
C 2 F 5 0,00 2,47 0,45 0,0
C 2 F 6 0,00 2,47 0,45 0,0
C 2 F 7 0,00 2,47 0,45 0,0
C 2 F 8 0,00 2,47 0,45 0,0
C 2 F 9 0,00 2,47 0,45 0,0
C 2 F 10 0,00 2,47 0,45 0,0
C 2 F 11 0,00 2,40 0,45 0,0
C 3 F 1 0,00 0,45 0,45 0,0
C 3 F 2 0,00 0,45 0,45 0,0
C 3 F 3 0,00 0,45 0,45 0,0
C 3 F 4 0,00 0,45 0,45 0,0
C 3 F 5 0,00 1,65 0,45 0,0
C 3 F 6 0,00 1,65 0,45 0,0
C 3 F 7 0,00 1,65 0,45 0,0
C 3 F 8 0,00 1,65 0,45 0,0
C 3 F 9 0,00 1,65 0,45 0,0
C 3 F 10 0,00 1,65 0,45 0,0
C 3 F 11 0,00 0,45 0,45 0,0

con:
Heff altezza elemento
b lunghezza elemento
t spessore
197
7.4.2 Carichi

I carichi applicati alla struttura sono quelli riportati nei paragrafi precedenti. Sono state
considerate combinazioni di carico diverse in funzione della direzione e del verso del vento. Una
volta caricata la struttura, è stata eseguita l’analisi del modello.
Successivamente sono state eseguite le verifiche sui singoli elementi in muratura considerando di
volta in volta per ogni elemento la combinazione più gravosa per la specifica verifica, come esposto
in seguito.

Figura 7.4: Vista tridimensionale della geometria del modello in Robot Structural Analysis 2013

198
Figure 7.5: Vista tridimensionale dei maschi e delle fasce di piano - lato posteriore

Figure 7.6: Vista tridimensionale dei maschi e delle fasce di piano – facciata principale

199
7.5 VERIFICHE MASCHI MURARI

La graduale diminuzione dello spessore della muratura, dal basso verso l’alto, sposta il punto di
applicazione del carico verticale verso l’esterno generando effetti non trascurabili sulla muratura
stessa; nel caso peggiore la muratura potrebbe subire una parzializzazione della sezione. Le NTC
2008 prevedono di considerare, in fase di verifica delle murature, un’adeguata eccentricità dei
carichi verticali convenzionalmente calcolata come combinazione dei seguenti contributi:

1) eccentricità totale dei carichi verticali es: riguarda il carico verticale trasmesso dal solaio
appoggiato sul maschio murario ed il carico proveniente dalla muratura superiore

con:
dovuta alla eventuale posizione eccentrica del muro del piano superiore rispetto al piano
medio del muro da verificare;
eccentricità delle reazioni di appoggio dei solai soprastanti la sezione da verificare;
carico trasmesso dal muro sovrastante supposto centrato rispetto al muro stesso;
reazione di appoggio dei solai sovrastanti il muro da verificare;
eccentricità di rispetto al piano medio del muro da verificare;
eccentricità di rispetto al piano medio del muro da verificare.

Tali eccentricità sono da considerarsi positive o negative a seconda che diano luogo a momenti
di verso orario o antiorario.

2) eccentricità dovute a tolleranze di esecuzione ea: tiene conto delle tolleranze


morfologiche e dimensionali connesse alle tecnologie di esecuzione degli edifici in
muratura ed è funzione dell’altezza di piano h.

200
3) eccentricità dovuta ad azioni orizzontali agenti in direzione normale al piano del muro
ev:

con
Mv massimo momento flettente dovuto alle azioni orizzontali;
N forza normale nella sezione di verifica.

Le eccentricità , e vanno convenzionalmente combinate tra loro secondo le seguenti


espressioni:

I valori delle eccentricità così ricavate sono utilizzati per la valutazione del coefficiente di
riduzione della resistenza φt . Il valore di e1 è adottato per la verifica dei muri nelle loro sezioni di
estremità, mentre il valore di è adottato per la verifica della sezione dove è massimo il valore di
Mv. In ogni caso dove risultare:

4) eccentricità dovuta ad azioni orizzontali agenti nel piano del muro eb:

con:
Mb massimo momento flettente nel piano della muratura dovuta all’azione orizzontale agente
nel piano stesso;
N forza normale nella sezione di verifica.

201
Di seguito si riporta la tabella con i calcoli delle eccentricità:

indice TELAIO PIANO N1 sx N1 dx N1 pre N2 sx N2 dx N tot e_s1 e_s2 e_s e_1


A3 A 3 8,34 0,00 16,22 24,56 0,00 0,07 0,07 0,09
A2 A 2 23,79 24,56 20,09 68,44 0,00 0,03 0,03 0,05
A1 A 1 25,86 68,44 22,66 116,96 0,06 0,02 0,08 0,10
B3 B 3 21,87 0,00 1,84 4,61 28,32 0,00 0,01 0,01 0,03
B2 B 2 46,35 28,32 10,49 9,92 95,08 0,00 0,00 0,00 0,03
B1 B 1 41,67 95,08 13,83 12,12 162,70 0,00 0,00 0,00 0,02
C3 C 3 13,44 0,00 14,84 28,28 0,00 -0,05 -0,05 0,07
C2 C 2 29,48 28,28 9,92 67,68 0,00 -0,01 -0,01 0,04
C1 C 1 30,79 67,68 12,12 110,59 -0,07 -0,01 -0,08 0,10
D3 D 3 15,66 0,00 9,61 25,27 0,00 -0,04 -0,04 0,06
D2 D 2 31,15 25,27 15,51 71,93 0,00 -0,02 -0,02 0,05
D1 D 1 33,32 71,93 18,96 124,21 -0,06 -0,02 -0,08 0,10
13 1 3 17,13 0,00 8,96 26,09 0,00 0,03 0,03 0,06
12 1 2 37,38 26,09 4,90 68,37 0,00 0,01 0,01 0,03
11 1 1 43,09 68,37 6,00 117,46 0,07 0,01 0,08 0,10
23 2 3 8,93 0,00 4,72 13,65 0,00 0,03 0,03 0,06
22 2 2 21,08 13,65 3,55 38,28 0,00 0,01 0,01 0,03
21 2 1 19,73 38,28 3,96 61,97 0,07 0,01 0,08 0,10
33 3 3 14,04 0,00 0,35 4,70 19,09 0,00 0,02 0,02 0,04
32 3 2 28,89 19,09 4,51 4,51 57,00 0,00 0,00 0,00 0,03
31 3 1 32,07 57,00 5,32 5,32 99,71 0,00 0,00 0,00 0,02
43 4 3 13,11 0,00 4,52 0,17 17,80 0,00 -0,02 -0,02 0,05
42 4 2 25,94 17,80 3,55 0,95 48,24 0,00 -0,01 -0,01 0,03
41 4 1 25,84 48,24 5,32 5,32 84,72 0,00 0,00 0,00 0,02
53 5 3 10,71 0,00 4,90 0,52 16,13 0,00 -0,03 -0,03 0,05
52 5 2 24,98 16,13 4,51 4,03 49,65 0,00 0,00 0,00 0,03
51 5 1 25,82 49,65 5,32 4,08 84,87 -0,07 0,00 -0,07 0,09
63 6 3 17,13 0,00 8,96 26,09 0,00 -0,03 -0,03 0,06
62 6 2 37,38 26,09 4,90 68,37 0,00 -0,01 -0,01 0,03
61 6 1 43,09 68,37 6,00 117,46 -0,07 -0,01 -0,08 0,10

eccentricità accidentali
ea1 0,020
ea2 0,025
ea3 0,021

d1 0,075
d2 0,10

202
7.5.1 Verifica a pressoflessione per azioni fuori piano

La verifica secondo le NTC 2008 consiste nel confronto fra l’azione assiale sollecitante e
quella resistente ridotta per tener conto delle eccentricità:

7.5.2 Verifica a pressoflessione per azioni nel piano

La verifica secondo le NTC 2008 consiste nel verificare la seguente relazione:

203
7.5.3 Verifica a taglio

La verifica a taglio di un pannello murario dipende dal tipo di rottura cui sarà soggetto e
quest’ultima è strettamente legata alle dimensioni e al carico applicato sul maschio stesso. Infatti, si
avrà:
1) rottura per presso-flessione VRd,p (nel caso di elementi snelli):

2) rottura per scorrimento VRd,s (nel caso di basso sforzo normale):

3) rottura per fessurazione diagonale VRd,f (nel caso di elementi tozzi), formula proposta da
Turnsek e Cacovic:

Pertanto, il taglio resistente di progetto risulta essere:

4) rottura per carichi concentrati: nel caso in esame gli unici maschi da verificare a rottura
per carichi concentrati, sono quelli ad angolo, sui quali scaricano direttamente le travi di
displuvio. La verifica consiste nel controllare che:

204
7.6 VERIFICA DELLE FASCE DI PIANO

Analogamente a quanto già visto per i maschi murari, le fasce di piano devono essere sottoposte
alle seguenti verifiche:

verifica a presso-flessione;
verifica a taglio.

7.6.1 Verifica a pressoflessione

Nel caso in esame esistono elementi orizzontali, quali i cordoli, in grado di resistere a trazione e
fornire, quindi, una compressione alla muratura, pertanto, la resistenza a presso-flessione può essere
determinata nel modo seguente:

7.6.2 Verifica a taglio

La verifica a taglio di una fascia di piano dipende dal tipo di rottura cui sarà soggetta; esistono
quattro possibili meccanismi di rottura:

1) rottura a taglio puro VRd,t


2) rottura per presso-flessione VRd,p
3) rottura per scorrimento VRd,s
4) rottura per fessurazione diagonale VRd,f

Pertanto, il taglio resistente di progetto risulta essere:

205
8 INTERVENTO SULLA MURATURA ESISTENTE

Dai dati appena esaminati è possibile notare che non vengono verificati tutti gli elementi. Si
decide quindi di intervenire per consolidare i maschi e le fasce non verificate con il metodo delle
Cuciture Attive dei Manufatti (CAM) per il consolidamento ed il miglioramento sismico delle
strutture.

8.1 IL METODO CAM

Il sistema CAM o di Cucitura Attiva delle Murature è un sistema che prevede la realizzazione di
una specie di ingabbiatura con fasce in acciaio INOX, legate in modo tale da creare una rete di
contenimento di tutti i paramenti murari e degli elementi strutturali. Questo permette di passare dal
collasso per instabilità, quindi mancanza di equilibrio, al collasso per resistenza, in quanto si va ad
incrementare l’equilibrio globale (impostazione connessa dei sistemi, sistemi di forze chiusi,
ricentraggio delle azioni,…) e quello locale (compattazione dell’apparecchio murario,…).

I principali inconvenienti di questo sistema sono:

incertezza del risultato


disuniformità;
forte concentrazione;
onerosità.

I suoi principali aspetti positivi invece sono:

ruolo immediatamente attivo delle armature;


pieno impiego della resistenza delle armature;
tecnologia poco invasiva;
alta durabilità prevedendo l’uso (contenuto) di acciaio INOX;
eccellente continuità sia orizzontale che verticale;
alta efficacia nelle intersezioni;
inconsistente incremento delle masse;
ridotto numero di fori trasversali (da 4 6 a 2 a m2);
determina un benefico stato di compressione triassiale;
elimina il pericolo di separazione dei paramenti;
conferisce un forte incremento di resistenza a flessione;
è immediatamente efficace nel cerchiaggio dei pilastri;
segue agevolmente percorsi non rettilinei delle murature;

206
è contenuto nello spessore dei convenzionali intonaci;
è di facile posa in opera;
consente il collegamento tra murature ed elementi strutturali.

Questo metodo si ispira al principio di funzionamento delle terre armate o muri rinforzati.

Alcuni esempi di impiego:

207
8.2 CALCOLO DEGLI ELEMENTI DI CONTENIMENTO

Parametri di rinforzo CAM:

Nastro INOX AISI 304


tf 1,00 mm 0,001 m
bf 19,00 mm 0,019 m
R 30,00 mm 0,030 m
ftk 540,00 MPa
fyk 240,00 MPa
γm0 1,05
γm2 1,25
fsd 228,57 MPa 228571 kN/mq
fpret 200,00 MPa 200000 kN/mq

k1 =1,80 coefficiente adimensionale pari a ρm/1000;


ρm densità di massa della muratura espressa in kg/mc

208
MAGLIA Quinconce p_fh,b p_fv p_fh n_str,h n_str,v As,oriz s_oriz (As/s)oriz As,vert s_vert (As/s)vert As,tot

1 NO 0,50 0,50 0,50 1 1 3,80E-05 0,5 7,60E-05 3,80E-05 0,50 7,60E-05 1,52E-04
2 NO 0,45 0,45 0,45 1 2 3,80E-05 0,45 8,44E-05 7,60E-05 0,45 1,69E-04 2,53E-04
3 NO 0,50 0,15 0,50 3 0 1,14E-04 0,15 7,60E-04 0 0,50 0 7,60E-04
4 SI 0,25 0,50 0,50 1 4 3,80E-05 0,5 7,60E-05 1,52E-04 0,25 6,08E-04 6,84E-04

NB: verticale ed orizzontale sono espressi rispetto all'asse dell'elemento; orizzontale == perpendicolare
all'asse; verticale == parallelo all'asse
MAGLIA Quinconce p_fh,b p_fv p_fh n_str,h n_str,v As,oriz s_oriz (As/s)oriz As,vert s_vert (As/s)vert As,tot

1 SI 0,25 1,00 0,50 1 3 3,80E-05 1 3,80E-05 1,14E-04 0,25 4,56E-04 4,94E-04


2 SI 0,25 0,50 0,50 4 6 1,52E-04 0,5 3,04E-04 2,28E-04 0,25 9,12E-04 1,22E-03
3 NO 0,00 0,00 0,00 0 0 0 0 #DIV/0! 0 0,00 #DIV/0! #DIV/0!
4 SI 0,00 0,00 0,00 0 0 0 0 #DIV/0! 0 0,00 #DIV/0! #DIV/0!

209
8.3 VERIFICA DEL TERRENO IN FONDAZIONE

L’edificio in esame presenta una fondazione di tipo continuo che consiste in un semplice
allargamento della sezione dei muri al di sotto del livello del solaio seminterrato. Poiché non si
dispone di rilievi più precisi delle fondazioni, si è ipotizzato un allargamento di 20 cm su entrambi i
lati di ogni setto, e di 30 cm nel setto centrale a causa dei maggiori carichi gravanti.

La verifica è stata condotta in maniera semplificata, sommando le azioni verticali scaricate da


tutti i maschi appartenenti ad uno stesso setto, distribuendole poi su una superficie pari alla
lunghezza totale del setto moltiplicata per lo spessore dello stesso. La tensione così ottenuta è stata
poi confrontata con la tensione resistente a compressione del terreno. Si è potuto constatare che il
terreno resiste sotto l’azione di tutti i setti murari.

Di seguito vengono riportati i risultati numerici:

Dimensioni
B 102,00 cm larghezza base
b 60,00 cm larghezza muratura
d=h essendo fondazioni in muratura non
d 50,00 cm armate
h 50,00 cm

Sollecitazioni e resistenze Fondazione


N_sd kN Massiccia
P_p kN
f_t,rd 0,60 N/mm2
600,00 kN/m2

*Navier

Telaio N_sd (kN/m) M_sd (kNm/m) sigma_t,sd sigma_t,sd<f_t,rd

A 217,90 2,72 229,31 VERIFICATO


B 327,23 4,61 347,40 VERIFICATO
C 256,34 9,18 304,25 VERIFICATO
D 199,87 7,87 241,34 VERIFICATO
1 214,77 9,39 264,71 VERIFICATO
2 180,26 1,79 187,05 VERIFICATO
3 198,65 1,79 205,08 VERIFICATO
4 181,46 3,78 199,70 VERIFICATO
5 128,60 0,55 129,25 VERIFICATO
6 218,11 0,81 218,50 VERIFICATO

210
9 PROGETTO E VERIFICA DELLA SCALA ANTINCENDIO IN
ACCIAIO

9.1 ANALISI DEI CARICHI

Per quanto riguarda l’analisi dei carichi, la struttura dovrà resistere oltre al peso proprio, definito
come prodotto del peso specifico per il volume di acciaio utilizzato per la parte strutturale, anche
all’azione del vento e ad un sovraccarico dato da normativa di 4,00 kN/m2 (categoria C- Ambienti
suscettibili di affollamento – scale comuni).

In particolare si riportano i carichi per unità di superficie dovuti all’azione del vento:

z sopravento sottovento tangente


0,16 0,5341 -0,2671 0,0067
2,66 0,5341 -0,2671 0,0067
5,16 0,5400 -0,2700 0,0067
7,66 0,6155 -0,3078 0,0077
10,16 0,6719 -0,3360 0,0084
2
Tabella 9.1: Valori espressi in kN/m

Moltiplicando questi valori per l'altezza di sezione dell'elemento (altezza predimensionamento


H=200mm), si può così ottenere i carichi distribuiti sull'elemento:

z sopra sotto tangente


0,16 0,11 -0,05 0,0013
2,66 0,11 -0,05 0,0013
5,16 0,11 -0,05 0,0013
7,66 0,12 -0,06 0,0015
10,16 0,13 -0,07 0,0017
Tabella 9.2: Valori espressi in kN/m

Il coefficiente sottovento può essere usato per definire in direzione verticale la depressione che si
genera sui pianerottoli.

211
Figura 9.1: Carichi da vento in direzione Y

Figura 9.2: Carichi da vento in direzione X

212
9.2 ELEMENTI STRUTTURALI UTILIZZATI

Figura 9.3: Schema dei profilati che formano la scala in acciaio

213
9.2.1 HEB 160
Profilo usato per montanti e traversi principali:

9.2.2 UPN 180


Profilo usato per i cosciali:

214
9.3 MODELLO DELLA STRUTTURA

Figura 9.4: Schema statico adottato e numerazione degli elementi

215
9.4 VERIFICA SLE DI DEFORMAZIONE
Elemento Uz Utot[cm] Limiti L [m] Verifica

cosciale 0,4 0,4 1/250 5,15 TRUE


trave 0,4 0,4 1/250 1,50 TRUE

La rampa 23-24 e la trave principale 26-32-50 sono gli elementi che presentano le maggiori
deformazioni agli stati limite di esercizio. Dalle analisi eseguite entrambi risultano verificate.

Elemento Ux Uy Utot[cm] Altezza[m] Limite Verifica


δ P1 0,2 0,6 0,63 5,00 1/300 TRUE
δ P2 0,1 0,53 0,54 5,00 1/300 TRUE
Δ 0,3 1,1 1,14 10,00 1/300 TRUE

La nomenclatura è riferita a quella fornita dalla normativa e ripresa dalla seguente tabella:

216
9.5 VERIFICA DEI MONTANTI

9.5.1 Verifica Fx massimo: HEB160 M95-96-97


Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 160 mm Asse Y Asse Z
b 160,0 mm Iy 2,49E+07 mm4 Iz 8,89E+06 mm4
t_f 13,0 mm Wy_1 3,11E+05 mm3 Wz_1 1,11E+05 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 3,54E+05 mm3 Wz_pl 1,69E+05 mm3
r_1 15,0 mm i_y 6,78E+01 mm i_z 4,05E+01 mm
y_s 80,0 mm Sy 1,77E+05 mm3 Sz 8,40E+04 mm3
d 104,0 mm Torsione ed Instabilità locale
A 5,43E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,9 m2*m^-1 Iw 4,79E+10 mm6 It 3,11E+05 mm4
\gamma_g 42,6 kg*m^-1 i_w 3,77E+01 mm i_pc 7,89E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx 105,08 kN Mx 0 kNm
Fy 0,07 kN My -3,21 kNm
Fz 1,2 kN Mz 0,25 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1764 mm2 A_vy 4598 mm2
V_pl,Rd,z 227,94 kN V_pl,Rd,y 594,14 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.000,00 mm
N_crz 234,60 kN N_cry 657,10 kN
\lambda 2,33 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 3,74
\chi 0,15

Nb,Rd 182,25 kN

\psi 1,00
Mcr 146,42 kNm
kc 1,00
\alpha_lt 0,34
\lambda_lt 0,75
f 1,00
\lambda_lt0 0,40
\beta 0,75
\phi_lt 2,60
\chi_lt 0,20

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned 105,08 kN Myeq_ed 3,21 kNm Mzeq_ed 0,25 kNm
Nb_Rd 182,25 kN My_rd 13,01 kNm Mz_rd 20,88 kNm
Rapporto 0,58 Rapporto 0,25 Rapporto 0,01
TRUE

217
9.5.2 Verifica Fx minimo: HEB160 M1-2-3
Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 160 mm Asse Y Asse Z
b 160,0 mm Iy 2,49E+07 mm4 Iz 8,89E+06 mm4
t_f 13,0 mm Wy_1 3,11E+05 mm3 Wz_1 1,11E+05 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 3,54E+05 mm3 Wz_pl 1,69E+05 mm3
r_1 15,0 mm i_y 6,78E+01 mm i_z 4,05E+01 mm
y_s 80,0 mm Sy 1,77E+05 mm3 Sz 8,40E+04 mm3
d 104,0 mm Torsione ed Instabilità locale
A 5,43E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,9 m2*m^-1 Iw 4,79E+10 mm6 It 3,11E+05 mm4
\gamma_g 42,6 kg*m^-1 i_w 3,77E+01 mm i_pc 7,89E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx -4,46 kN Mx 0 kNm
Fy 0 kN My 3,9 kNm
Fz 1,42 kN Mz -0,01 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1764 mm2 A_vy 4598 mm2
V_pl,Rd,z 227,94 kN V_pl,Rd,y 594,14 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.000,00 mm
N_crz 234,60 kN N_cry 657,10 kN
\lambda 2,33 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 3,74
\chi 0,15

Nb,Rd 182,25 kN

\psi 1,00
Mcr 146,42 kNm
kc 1,00
\alpha_lt 0,34
\lambda_lt 0,75
f 1,00
\lambda_lt0 0,40
\beta 0,75
\phi_lt 2,60
\chi_lt 0,20

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned -4,46 kN Myeq_ed 2,93 kNm Mzeq_ed 0,01 kNm
Nb_Rd 182,25 kN My_rd 15,59 kNm Mz_rd 38,54 kNm
Rapporto -0,02 Rapporto 0,19 Rapporto 0,00
TRUE

218
9.5.3 Verifica Fy massimo: HEB160 M4-5-6
Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 160 mm Asse Y Asse Z
b 160,0 mm Iy 2,49E+07 mm4 Iz 8,89E+06 mm4
t_f 13,0 mm Wy_1 3,11E+05 mm3 Wz_1 1,11E+05 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 3,54E+05 mm3 Wz_pl 1,69E+05 mm3
r_1 15,0 mm i_y 6,78E+01 mm i_z 4,05E+01 mm
y_s 80,0 mm Sy 1,77E+05 mm3 Sz 8,40E+04 mm3
d 104,0 mm Torsione ed Instabilità locale
A 5,43E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,9 m2*m^-1 Iw 4,79E+10 mm6 It 3,11E+05 mm4
\gamma_g 42,6 kg*m^-1 i_w 3,77E+01 mm i_pc 7,89E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx 14,73 kN Mx 0 kNm
Fy 4,37 kN My -4,47 kNm
Fz 2,78 kN Mz 0,78 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1764 mm2 A_vy 4598 mm2
V_pl,Rd,z 227,94 kN V_pl,Rd,y 594,14 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.000,00 mm
N_crz 234,60 kN N_cry 657,10 kN
\lambda 2,33 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 3,74
\chi 0,15

Nb,Rd 182,25 kN

\psi 1,00
Mcr 146,42 kNm
kc 1,00
\alpha_lt 0,34
\lambda_lt 0,75
f 1,00
\lambda_lt0 0,40
\beta 0,75
\phi_lt 2,60
\chi_lt 0,20

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned 14,73 kN Myeq_ed 4,25 kNm Mzeq_ed 0,59 kNm
Nb_Rd 182,25 kN My_rd 15,14 kNm Mz_rd 35,45 kNm
Rapporto 0,08 Rapporto 0,28 Rapporto 0,02
TRUE

219
9.5.4 Verifica Fy minimo: HEB160 M4-5-6
Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 160 mm Asse Y Asse Z
b 160,0 mm Iy 2,49E+07 mm4 Iz 8,89E+06 mm4
t_f 13,0 mm Wy_1 3,11E+05 mm3 Wz_1 1,11E+05 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 3,54E+05 mm3 Wz_pl 1,69E+05 mm3
r_1 15,0 mm i_y 6,78E+01 mm i_z 4,05E+01 mm
y_s 80,0 mm Sy 1,77E+05 mm3 Sz 8,40E+04 mm3
d 104,0 mm Torsione ed Instabilità locale
A 5,43E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,9 m2*m^-1 Iw 4,79E+10 mm6 It 3,11E+05 mm4
\gamma_g 42,6 kg*m^-1 i_w 3,77E+01 mm i_pc 7,89E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx 27,17 kN Mx 0 kNm
Fy -0,91 kN My 0,5 kNm
Fz -0,4 kN Mz -0,35 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1764 mm2 A_vy 4598 mm2
V_pl,Rd,z 227,94 kN V_pl,Rd,y 594,14 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.000,00 mm
N_crz 234,60 kN N_cry 657,10 kN
\lambda 2,33 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 3,74
\chi 0,15

Nb,Rd 182,25 kN

\psi 1,00
Mcr 146,42 kNm
kc 1,00
\alpha_lt 0,34
\lambda_lt 0,75
f 1,00
\lambda_lt0 0,40
\beta 0,75
\phi_lt 2,60
\chi_lt 0,20

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned 27,17 kN Myeq_ed 0,47 kNm Mzeq_ed 0,28 kNm
Nb_Rd 182,25 kN My_rd 14,84 kNm Mz_rd 33,44 kNm
Rapporto 0,15 Rapporto 0,03 Rapporto 0,01
TRUE

220
9.5.5 Verifica Fz massimo: HEB160 M15-16
Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 160 mm Asse Y Asse Z
b 160,0 mm Iy 2,49E+07 mm4 Iz 8,89E+06 mm4
t_f 13,0 mm Wy_1 3,11E+05 mm3 Wz_1 1,11E+05 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 3,54E+05 mm3 Wz_pl 1,69E+05 mm3
r_1 15,0 mm i_y 6,78E+01 mm i_z 4,05E+01 mm
y_s 80,0 mm Sy 1,77E+05 mm3 Sz 8,40E+04 mm3
d 104,0 mm Torsione ed Instabilità locale
A 5,43E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,9 m2*m^-1 Iw 4,79E+10 mm6 It 3,11E+05 mm4
\gamma_g 42,6 kg*m^-1 i_w 3,77E+01 mm i_pc 7,89E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx 38,57 kN Mx 0 kNm
Fy 0,75 kN My -5,4 kNm
Fz 4,04 kN Mz 1,37 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1764 mm2 A_vy 4598 mm2
V_pl,Rd,z 227,94 kN V_pl,Rd,y 594,14 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.000,00 mm
N_crz 234,60 kN N_cry 657,10 kN
\lambda 2,33 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 3,74
\chi 0,15

Nb,Rd 182,25 kN

\psi 1,00
Mcr 146,42 kNm
kc 1,00
\alpha_lt 0,34
\lambda_lt 0,75
f 1,00
\lambda_lt0 0,40
\beta 0,75
\phi_lt 2,60
\chi_lt 0,20

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned 38,57 kN Myeq_ed 3,8 kNm Mzeq_ed 1,03 kNm
Nb_Rd 182,25 kN My_rd 14,58 kNm Mz_rd 31,61 kNm
Rapporto 0,21 Rapporto 0,26 Rapporto 0,03
TRUE

221
9.5.6 Verifica Fz minimo: HEB160 M13-14
Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 160 mm Asse Y Asse Z
b 160,0 mm Iy 2,49E+07 mm4 Iz 8,89E+06 mm4
t_f 13,0 mm Wy_1 3,11E+05 mm3 Wz_1 1,11E+05 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 3,54E+05 mm3 Wz_pl 1,69E+05 mm3
r_1 15,0 mm i_y 6,78E+01 mm i_z 4,05E+01 mm
y_s 80,0 mm Sy 1,77E+05 mm3 Sz 8,40E+04 mm3
d 104,0 mm Torsione ed Instabilità locale
A 5,43E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,9 m2*m^-1 Iw 4,79E+10 mm6 It 3,11E+05 mm4
\gamma_g 42,6 kg*m^-1 i_w 3,77E+01 mm i_pc 7,89E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx 40,63 kN Mx 0 kNm
Fy -0,01 kN My 1,9 kNm
Fz -2,2 kN Mz 0,02 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1764 mm2 A_vy 4598 mm2
V_pl,Rd,z 227,94 kN V_pl,Rd,y 594,14 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.000,00 mm
N_crz 234,60 kN N_cry 657,10 kN
\lambda 2,33 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 3,74
\chi 0,15

Nb,Rd 182,25 kN

\psi 1,00
Mcr 146,42 kNm
kc 1,00
\alpha_lt 0,34
\lambda_lt 0,75
f 1,00
\lambda_lt0 0,40
\beta 0,75
\phi_lt 2,60
\chi_lt 0,20

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned 40,63 kN Myeq_ed 2,96 kNm Mzeq_ed 0,46 kNm
Nb_Rd 182,25 kN My_rd 14,53 kNm Mz_rd 31,27 kNm
Rapporto 0,22 Rapporto 0,20 Rapporto 0,01
TRUE

222
9.5.7 Verifica My massimo: HEB160 M15-16
Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 160 mm Asse Y Asse Z
b 160,0 mm Iy 2,49E+07 mm4 Iz 8,89E+06 mm4
t_f 13,0 mm Wy_1 3,11E+05 mm3 Wz_1 1,11E+05 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 3,54E+05 mm3 Wz_pl 1,69E+05 mm3
r_1 15,0 mm i_y 6,78E+01 mm i_z 4,05E+01 mm
y_s 80,0 mm Sy 1,77E+05 mm3 Sz 8,40E+04 mm3
d 104,0 mm Torsione ed Instabilità locale
A 5,43E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,9 m2*m^-1 Iw 4,79E+10 mm6 It 3,11E+05 mm4
\gamma_g 42,6 kg*m^-1 i_w 3,77E+01 mm i_pc 7,89E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx 32,92 kN Mx 0 kNm
Fy -0,09 kN My 6,63 kNm
Fz 2,29 kN Mz 0 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1764 mm2 A_vy 4598 mm2
V_pl,Rd,z 227,94 kN V_pl,Rd,y 594,14 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.000,00 mm
N_crz 234,60 kN N_cry 657,10 kN
\lambda 2,33 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 3,74
\chi 0,15

Nb,Rd 182,25 kN

\psi 1,00
Mcr 146,42 kNm
kc 1,00
\alpha_lt 0,34
\lambda_lt 0,75
f 1,00
\lambda_lt0 0,40
\beta 0,75
\phi_lt 2,60
\chi_lt 0,20

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned 32,92 kN Myeq_ed 4,97 kNm Mzeq_ed 0,35 kNm
Nb_Rd 182,25 kN My_rd 14,71 kNm Mz_rd 32,52 kNm
Rapporto 0,18 Rapporto 0,34 Rapporto 0,01
TRUE

223
9.5.8 Verifica My minimo: HEB160 M1-2-3
Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 160 mm Asse Y Asse Z
b 160,0 mm Iy 2,49E+07 mm4 Iz 8,89E+06 mm4
t_f 13,0 mm Wy_1 3,11E+05 mm3 Wz_1 1,11E+05 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 3,54E+05 mm3 Wz_pl 1,69E+05 mm3
r_1 15,0 mm i_y 6,78E+01 mm i_z 4,05E+01 mm
y_s 80,0 mm Sy 1,77E+05 mm3 Sz 8,40E+04 mm3
d 104,0 mm Torsione ed Instabilità locale
A 5,43E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,9 m2*m^-1 Iw 4,79E+10 mm6 It 3,11E+05 mm4
\gamma_g 42,6 kg*m^-1 i_w 3,77E+01 mm i_pc 7,89E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx 4,16 kN Mx 0 kNm
Fy -0,02 kN My -6,21 kNm
Fz 2,43 kN Mz -0,09 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1764 mm2 A_vy 4598 mm2
V_pl,Rd,z 227,94 kN V_pl,Rd,y 594,14 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.000,00 mm
N_crz 234,60 kN N_cry 657,10 kN
\lambda 2,33 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 3,74
\chi 0,15

Nb,Rd 182,25 kN

\psi 1,00
Mcr 146,42 kNm
kc 1,00
\alpha_lt 0,34
\lambda_lt 0,75
f 1,00
\lambda_lt0 0,40
\beta 0,75
\phi_lt 2,60
\chi_lt 0,20

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned 4,16 kN Myeq_ed 6,21 kNm Mzeq_ed 0,09 kNm
Nb_Rd 182,25 kN My_rd 15,39 kNm Mz_rd 37,15 kNm
Rapporto 0,02 Rapporto 0,40 Rapporto 0,00
TRUE

224
9.5.9 Verifica Mz massimo: HEB160 M15-16
Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 160 mm Asse Y Asse Z
b 160,0 mm Iy 2,49E+07 mm4 Iz 8,89E+06 mm4
t_f 13,0 mm Wy_1 3,11E+05 mm3 Wz_1 1,11E+05 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 3,54E+05 mm3 Wz_pl 1,69E+05 mm3
r_1 15,0 mm i_y 6,78E+01 mm i_z 4,05E+01 mm
y_s 80,0 mm Sy 1,77E+05 mm3 Sz 8,40E+04 mm3
d 104,0 mm Torsione ed Instabilità locale
A 5,43E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,9 m2*m^-1 Iw 4,79E+10 mm6 It 3,11E+05 mm4
\gamma_g 42,6 kg*m^-1 i_w 3,77E+01 mm i_pc 7,89E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx 43,99 kN Mx 0 kNm
Fy 0,75 kN My -4,47 kNm
Fz 3,76 kN Mz 1,38 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1764 mm2 A_vy 4598 mm2
V_pl,Rd,z 227,94 kN V_pl,Rd,y 594,14 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.000,00 mm
N_crz 234,60 kN N_cry 657,10 kN
\lambda 2,33 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 3,74
\chi 0,15

Nb,Rd 182,25 kN

\psi 1,00
Mcr 146,42 kNm
kc 1,00
\alpha_lt 0,34
\lambda_lt 0,75
f 1,00
\lambda_lt0 0,40
\beta 0,75
\phi_lt 2,60
\chi_lt 0,20

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned 43,99 kN Myeq_ed 4,02 kNm Mzeq_ed 1,04 kNm
Nb_Rd 182,25 kN My_rd 14,45 kNm Mz_rd 30,73 kNm
Rapporto 0,24 Rapporto 0,28 Rapporto 0,03
TRUE

225
9.5.10 Verifica Mz minimo: HEB160 M15-16

Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 160 mm Asse Y Asse Z
b 160,0 mm Iy 2,49E+07 mm4 Iz 8,89E+06 mm4
t_f 13,0 mm Wy_1 3,11E+05 mm3 Wz_1 1,11E+05 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 3,54E+05 mm3 Wz_pl 1,69E+05 mm3
r_1 15,0 mm i_y 6,78E+01 mm i_z 4,05E+01 mm
y_s 80,0 mm Sy 1,77E+05 mm3 Sz 8,40E+04 mm3
d 104,0 mm Torsione ed Instabilità locale
A 5,43E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,9 m2*m^-1 Iw 4,79E+10 mm6 It 3,11E+05 mm4
\gamma_g 42,6 kg*m^-1 i_w 3,77E+01 mm i_pc 7,89E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx 37,25 kN Mx 0 kNm
Fy 0,74 kN My 5,07 kNm
Fz 3,83 kN Mz -0,62 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1764 mm2 A_vy 4598 mm2
V_pl,Rd,z 227,94 kN V_pl,Rd,y 594,14 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.000,00 mm
N_crz 234,60 kN N_cry 657,10 kN
\lambda 2,33 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 3,74
\chi 0,15

Nb,Rd 182,25 kN

\psi 1,00
Mcr 146,42 kNm
kc 1,00
\alpha_lt 0,34
\lambda_lt 0,75
f 1,00
\lambda_lt0 0,40
\beta 0,75
\phi_lt 2,60
\chi_lt 0,20

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned 37,25 kN Myeq_ed 4,04 kNm Mzeq_ed 1,02 kNm
Nb_Rd 182,25 kN My_rd 14,61 kNm Mz_rd 31,82 kNm
Rapporto 0,20 Rapporto 0,28 Rapporto 0,03
TRUE

226
9.6 VERIFICA DELLE TRAVI

9.6.1 Verifica Fx massimo: HEB160 T18-53-54


Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 160 mm Asse Y Asse Z
b 160,0 mm Iy 2,49E+07 mm4 Iz 8,89E+06 mm4
t_f 13,0 mm Wy_1 3,11E+05 mm3 Wz_1 1,11E+05 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 3,54E+05 mm3 Wz_pl 1,69E+05 mm3
r_1 15,0 mm i_y 6,78E+01 mm i_z 4,05E+01 mm
y_s 80,0 mm Sy 1,77E+05 mm3 Sz 8,40E+04 mm3
d 104,0 mm Torsione ed Instabilità locale
A 5,43E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,9 m2*m^-1 Iw 4,79E+10 mm6 It 3,11E+05 mm4
\gamma_g 42,6 kg*m^-1 i_w 3,77E+01 mm i_pc 7,89E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx 1,85 kN Mx 0 kNm
Fy 0,6 kN My 11,83 kNm
Fz -14,96 kN Mz 0,72 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1764 mm2 A_vy 4598 mm2
V_pl,Rd,z 227,94 kN V_pl,Rd,y 594,14 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.000,00 mm
N_crz 234,60 kN N_cry 657,10 kN
\lambda 2,33 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 3,74
\chi 0,15

Nb,Rd 182,25 kN

\psi 1,00
Mcr 146,42 kNm
kc 1,00
\alpha_lt 0,34
\lambda_lt 0,75
f 1,00
\lambda_lt0 0,40
\beta 0,75
\phi_lt 2,60
\chi_lt 0,20

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned 1,85 kN Myeq_ed 8,87 kNm Mzeq_ed 0,54 kNm
Nb_Rd 182,25 kN My_rd 15,44 kNm Mz_rd 37,53 kNm
Rapporto 0,01 Rapporto 0,57 Rapporto 0,01
TRUE

227
9.6.2 Verifica Fx minimo: HEB160 T19-55-56
Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 160 mm Asse Y Asse Z
b 160,0 mm Iy 2,49E+07 mm4 Iz 8,89E+06 mm4
t_f 13,0 mm Wy_1 3,11E+05 mm3 Wz_1 1,11E+05 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 3,54E+05 mm3 Wz_pl 1,69E+05 mm3
r_1 15,0 mm i_y 6,78E+01 mm i_z 4,05E+01 mm
y_s 80,0 mm Sy 1,77E+05 mm3 Sz 8,40E+04 mm3
d 104,0 mm Torsione ed Instabilità locale
A 5,43E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,9 m2*m^-1 Iw 4,79E+10 mm6 It 3,11E+05 mm4
\gamma_g 42,6 kg*m^-1 i_w 3,77E+01 mm i_pc 7,89E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx -2,29 kN Mx 0 kNm
Fy -0,55 kN My 0,68 kNm
Fz -4,94 kN Mz 1,29 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1764 mm2 A_vy 4598 mm2
V_pl,Rd,z 227,94 kN V_pl,Rd,y 594,14 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.000,00 mm
N_crz 234,60 kN N_cry 657,10 kN
\lambda 2,33 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 3,74
\chi 0,15

Nb,Rd 182,25 kN

\psi 1,00
Mcr 146,42 kNm
kc 1,00
\alpha_lt 0,34
\lambda_lt 0,75
f 1,00
\lambda_lt0 0,40
\beta 0,75
\phi_lt 2,60
\chi_lt 0,20

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned -2,29 kN Myeq_ed 0,56 kNm Mzeq_ed 1,72 kNm
Nb_Rd 182,25 kN My_rd 15,54 kNm Mz_rd 38,19 kNm
Rapporto -0,01 Rapporto 0,04 Rapporto 0,05
TRUE

228
9.6.3 Verifica Fy massimo: HEB160 T60-61-62-99
Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 160 mm Asse Y Asse Z
b 160,0 mm Iy 2,49E+07 mm4 Iz 8,89E+06 mm4
t_f 13,0 mm Wy_1 3,11E+05 mm3 Wz_1 1,11E+05 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 3,54E+05 mm3 Wz_pl 1,69E+05 mm3
r_1 15,0 mm i_y 6,78E+01 mm i_z 4,05E+01 mm
y_s 80,0 mm Sy 1,77E+05 mm3 Sz 8,40E+04 mm3
d 104,0 mm Torsione ed Instabilità locale
A 5,43E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,9 m2*m^-1 Iw 4,79E+10 mm6 It 3,11E+05 mm4
\gamma_g 42,6 kg*m^-1 i_w 3,77E+01 mm i_pc 7,89E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx -0,2 kN Mx 0 kNm
Fy 2,3 kN My 1,36 kNm
Fz 0,36 kN Mz -0,05 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1764 mm2 A_vy 4598 mm2
V_pl,Rd,z 227,94 kN V_pl,Rd,y 594,14 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.000,00 mm
N_crz 234,60 kN N_cry 657,10 kN
\lambda 2,33 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 3,74
\chi 0,15

Nb,Rd 182,25 kN

\psi 1,00
Mcr 146,42 kNm
kc 1,00
\alpha_lt 0,34
\lambda_lt 0,75
f 1,00
\lambda_lt0 0,40
\beta 0,75
\phi_lt 2,60
\chi_lt 0,20

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned -0,2 kN Myeq_ed 1,4 kNm Mzeq_ed 0,21 kNm
Nb_Rd 182,25 kN My_rd 15,49 kNm Mz_rd 37,86 kNm
Rapporto 0,00 Rapporto 0,09 Rapporto 0,01
TRUE

229
9.6.4 Verifica Fy minimo: HEB160 T19-55-56
Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 160 mm Asse Y Asse Z
b 160,0 mm Iy 2,49E+07 mm4 Iz 8,89E+06 mm4
t_f 13,0 mm Wy_1 3,11E+05 mm3 Wz_1 1,11E+05 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 3,54E+05 mm3 Wz_pl 1,69E+05 mm3
r_1 15,0 mm i_y 6,78E+01 mm i_z 4,05E+01 mm
y_s 80,0 mm Sy 1,77E+05 mm3 Sz 8,40E+04 mm3
d 104,0 mm Torsione ed Instabilità locale
A 5,43E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,9 m2*m^-1 Iw 4,79E+10 mm6 It 3,11E+05 mm4
\gamma_g 42,6 kg*m^-1 i_w 3,77E+01 mm i_pc 7,89E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx 0,63 kN Mx 0 kNm
Fy -4,01 kN My 5,65 kNm
Fz -0,47 kN Mz -0,27 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1764 mm2 A_vy 4598 mm2
V_pl,Rd,z 227,94 kN V_pl,Rd,y 594,14 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.000,00 mm
N_crz 234,60 kN N_cry 657,10 kN
\lambda 2,33 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 3,74
\chi 0,15

Nb,Rd 182,25 kN

\psi 1,00
Mcr 146,42 kNm
kc 1,00
\alpha_lt 0,34
\lambda_lt 0,75
f 1,00
\lambda_lt0 0,40
\beta 0,75
\phi_lt 2,60
\chi_lt 0,20

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned 0,63 kN Myeq_ed 5,65 kNm Mzeq_ed 0,2 kNm
Nb_Rd 182,25 kN My_rd 15,47 kNm Mz_rd 37,72 kNm
Rapporto 0,00 Rapporto 0,37 Rapporto 0,01
TRUE

230
9.6.5 Verifica Fz massimo: HEB160 T18-53-54
Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 160 mm Asse Y Asse Z
b 160,0 mm Iy 2,49E+07 mm4 Iz 8,89E+06 mm4
t_f 13,0 mm Wy_1 3,11E+05 mm3 Wz_1 1,11E+05 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 3,54E+05 mm3 Wz_pl 1,69E+05 mm3
r_1 15,0 mm i_y 6,78E+01 mm i_z 4,05E+01 mm
y_s 80,0 mm Sy 1,77E+05 mm3 Sz 8,40E+04 mm3
d 104,0 mm Torsione ed Instabilità locale
A 5,43E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,9 m2*m^-1 Iw 4,79E+10 mm6 It 3,11E+05 mm4
\gamma_g 42,6 kg*m^-1 i_w 3,77E+01 mm i_pc 7,89E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx 1,66 kN Mx 0 kNm
Fy -0,2 kN My -4,8 kNm
Fz 14,38 kN Mz 0 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1764 mm2 A_vy 4598 mm2
V_pl,Rd,z 227,94 kN V_pl,Rd,y 594,14 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.000,00 mm
N_crz 234,60 kN N_cry 657,10 kN
\lambda 2,33 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 3,74
\chi 0,15

Nb,Rd 182,25 kN

\psi 1,00
Mcr 146,42 kNm
kc 1,00
\alpha_lt 0,34
\lambda_lt 0,75
f 1,00
\lambda_lt0 0,40
\beta 0,75
\phi_lt 2,60
\chi_lt 0,20

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned 1,66 kN Myeq_ed 9,05 kNm Mzeq_ed 0,18 kNm
Nb_Rd 182,25 kN My_rd 15,45 kNm Mz_rd 37,56 kNm
Rapporto 0,01 Rapporto 0,59 Rapporto 0,00
TRUE

231
9.6.6 Verifica Fz minimo: HEB160 T60-61-62-99
Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 160 mm Asse Y Asse Z
b 160,0 mm Iy 2,49E+07 mm4 Iz 8,89E+06 mm4
t_f 13,0 mm Wy_1 3,11E+05 mm3 Wz_1 1,11E+05 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 3,54E+05 mm3 Wz_pl 1,69E+05 mm3
r_1 15,0 mm i_y 6,78E+01 mm i_z 4,05E+01 mm
y_s 80,0 mm Sy 1,77E+05 mm3 Sz 8,40E+04 mm3
d 104,0 mm Torsione ed Instabilità locale
A 5,43E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,9 m2*m^-1 Iw 4,79E+10 mm6 It 3,11E+05 mm4
\gamma_g 42,6 kg*m^-1 i_w 3,77E+01 mm i_pc 7,89E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx 0,68 kN Mx 0 kNm
Fy 0,45 kN My -14,04 kNm
Fz -19,53 kN Mz -0,02 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1764 mm2 A_vy 4598 mm2
V_pl,Rd,z 227,94 kN V_pl,Rd,y 594,14 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.000,00 mm
N_crz 234,60 kN N_cry 657,10 kN
\lambda 2,33 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 3,74
\chi 0,15

Nb,Rd 182,25 kN

\psi 1,00
Mcr 146,42 kNm
kc 1,00
\alpha_lt 0,34
\lambda_lt 0,75
f 1,00
\lambda_lt0 0,40
\beta 0,75
\phi_lt 2,60
\chi_lt 0,20

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned 0,68 kN Myeq_ed 10,53 kNm Mzeq_ed 0,39 kNm
Nb_Rd 182,25 kN My_rd 15,47 kNm Mz_rd 37,71 kNm
Rapporto 0,00 Rapporto 0,68 Rapporto 0,01
TRUE

232
9.6.7 Verifica My massimo: HEB160 T18-53-54
Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 160 mm Asse Y Asse Z
b 160,0 mm Iy 2,49E+07 mm4 Iz 8,89E+06 mm4
t_f 13,0 mm Wy_1 3,11E+05 mm3 Wz_1 1,11E+05 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 3,54E+05 mm3 Wz_pl 1,69E+05 mm3
r_1 15,0 mm i_y 6,78E+01 mm i_z 4,05E+01 mm
y_s 80,0 mm Sy 1,77E+05 mm3 Sz 8,40E+04 mm3
d 104,0 mm Torsione ed Instabilità locale
A 5,43E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,9 m2*m^-1 Iw 4,79E+10 mm6 It 3,11E+05 mm4
\gamma_g 42,6 kg*m^-1 i_w 3,77E+01 mm i_pc 7,89E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx 1,11 kN Mx 0 kNm
Fy -0,12 kN My 12,41 kNm
Fz -0,65 kN Mz 0,5 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1764 mm2 A_vy 4598 mm2
V_pl,Rd,z 227,94 kN V_pl,Rd,y 594,14 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.000,00 mm
N_crz 234,60 kN N_cry 657,10 kN
\lambda 2,33 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 3,74
\chi 0,15

Nb,Rd 182,25 kN

\psi 1,00
Mcr 146,42 kNm
kc 1,00
\alpha_lt 0,34
\lambda_lt 0,75
f 1,00
\lambda_lt0 0,40
\beta 0,75
\phi_lt 2,60
\chi_lt 0,20

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned 1,11 kN Myeq_ed 12,41 kNm Mzeq_ed 0,51 kNm
Nb_Rd 182,25 kN My_rd 15,46 kNm Mz_rd 37,64 kNm
Rapporto 0,01 Rapporto 0,80 Rapporto 0,01
TRUE

233
9.6.8 Verifica My minimo: HEB160 T60-61-62-99
Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 160 mm Asse Y Asse Z
b 160,0 mm Iy 2,49E+07 mm4 Iz 8,89E+06 mm4
t_f 13,0 mm Wy_1 3,11E+05 mm3 Wz_1 1,11E+05 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 3,54E+05 mm3 Wz_pl 1,69E+05 mm3
r_1 15,0 mm i_y 6,78E+01 mm i_z 4,05E+01 mm
y_s 80,0 mm Sy 1,77E+05 mm3 Sz 8,40E+04 mm3
d 104,0 mm Torsione ed Instabilità locale
A 5,43E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,9 m2*m^-1 Iw 4,79E+10 mm6 It 3,11E+05 mm4
\gamma_g 42,6 kg*m^-1 i_w 3,77E+01 mm i_pc 7,89E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx 0,27 kN Mx 0 kNm
Fy 0,5 kN My -14,18 kNm
Fz -19,51 kN Mz -0,02 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1764 mm2 A_vy 4598 mm2
V_pl,Rd,z 227,94 kN V_pl,Rd,y 594,14 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.000,00 mm
N_crz 234,60 kN N_cry 657,10 kN
\lambda 2,33 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 3,74
\chi 0,15

Nb,Rd 182,25 kN

\psi 1,00
Mcr 146,42 kNm
kc 1,00
\alpha_lt 0,34
\lambda_lt 0,75
f 1,00
\lambda_lt0 0,40
\beta 0,75
\phi_lt 2,60
\chi_lt 0,20

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned 0,27 kN Myeq_ed 10,64 kNm Mzeq_ed 0,44 kNm
Nb_Rd 182,25 kN My_rd 15,48 kNm Mz_rd 37,78 kNm
Rapporto 0,00 Rapporto 0,69 Rapporto 0,01
TRUE

234
9.6.9 Verifica Mz massimo: HEB160 T18-53-54
Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 160 mm Asse Y Asse Z
b 160,0 mm Iy 2,49E+07 mm4 Iz 8,89E+06 mm4
t_f 13,0 mm Wy_1 3,11E+05 mm3 Wz_1 1,11E+05 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 3,54E+05 mm3 Wz_pl 1,69E+05 mm3
r_1 15,0 mm i_y 6,78E+01 mm i_z 4,05E+01 mm
y_s 80,0 mm Sy 1,77E+05 mm3 Sz 8,40E+04 mm3
d 104,0 mm Torsione ed Instabilità locale
A 5,43E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,9 m2*m^-1 Iw 4,79E+10 mm6 It 3,11E+05 mm4
\gamma_g 42,6 kg*m^-1 i_w 3,77E+01 mm i_pc 7,89E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx 0,31 kN Mx 0 kNm
Fy -0,12 kN My 6,3 kNm
Fz -6,6 kN Mz 1,52 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1764 mm2 A_vy 4598 mm2
V_pl,Rd,z 227,94 kN V_pl,Rd,y 594,14 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.000,00 mm
N_crz 234,60 kN N_cry 657,10 kN
\lambda 2,33 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 3,74
\chi 0,15

Nb,Rd 182,25 kN

\psi 1,00
Mcr 146,42 kNm
kc 1,00
\alpha_lt 0,34
\lambda_lt 0,75
f 1,00
\lambda_lt0 0,40
\beta 0,75
\phi_lt 2,60
\chi_lt 0,20

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned 0,31 kN Myeq_ed 6,96 kNm Mzeq_ed 1,52 kNm
Nb_Rd 182,25 kN My_rd 15,48 kNm Mz_rd 37,77 kNm
Rapporto 0,00 Rapporto 0,45 Rapporto 0,04
TRUE

235
9.6.10 Verifica Mz minimo: HEB160 T19-55-56
Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 160 mm Asse Y Asse Z
b 160,0 mm Iy 2,49E+07 mm4 Iz 8,89E+06 mm4
t_f 13,0 mm Wy_1 3,11E+05 mm3 Wz_1 1,11E+05 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 3,54E+05 mm3 Wz_pl 1,69E+05 mm3
r_1 15,0 mm i_y 6,78E+01 mm i_z 4,05E+01 mm
y_s 80,0 mm Sy 1,77E+05 mm3 Sz 8,40E+04 mm3
d 104,0 mm Torsione ed Instabilità locale
A 5,43E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,9 m2*m^-1 Iw 4,79E+10 mm6 It 3,11E+05 mm4
\gamma_g 42,6 kg*m^-1 i_w 3,77E+01 mm i_pc 7,89E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx 0,37 kN Mx 0 kNm
Fy -3,86 kN My 4,84 kNm
Fz -0,12 kN Mz -0,48 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1764 mm2 A_vy 4598 mm2
V_pl,Rd,z 227,94 kN V_pl,Rd,y 594,14 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.000,00 mm
N_crz 234,60 kN N_cry 657,10 kN
\lambda 2,33 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 3,74
\chi 0,15

Nb,Rd 182,25 kN

\psi 1,00
Mcr 146,42 kNm
kc 1,00
\alpha_lt 0,34
\lambda_lt 0,75
f 1,00
\lambda_lt0 0,40
\beta 1,00
\phi_lt 3,28
\chi_lt 0,15

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned 0,37 kN Myeq_ed 4,84 kNm Mzeq_ed 0,37 kNm
Nb_Rd 182,25 kN My_rd 12,24 kNm Mz_rd 37,76 kNm
Rapporto 0,00 Rapporto 0,40 Rapporto 0,01
TRUE

236
9.7 VERIFICA DEI COSCIALI

9.7.1 Verifica Fx massimo: UPN180 R38-39


Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 180 mm Asse Y Asse Z
b 70,0 mm Iy 1,35E+07 mm4 Iz 1,13E+06 mm4
t_f 11,0 mm Wy_1 1,50E+05 mm3 Wz_1 2,24E+04 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 1,79E+05 mm3 Wz_pl 4,25E+04 mm3
r_1 11,0 mm i_y 6,96E+01 mm i_z 2,01E+01 mm
y_s 19,3 mm Sy 8,96E+04 mm3 Sz mm3
d 133,4 mm Torsione ed Instabilità locale
A 2,80E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,6 m2*m^-1 Iw 5,59E+09 mm6 It 9,95E+04 mm4
\gamma_g 22,0 kg*m^-1 i_w 1,73E+01 mm i_pc 7,24E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx 6,06 kN Mx 0 kNm
Fy 0 kN My 0 kNm
Fz 1,46 kN Mz 0 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1590 mm2 A_vy 1732,8 mm2
V_pl,Rd,z 205,45 kN V_pl,Rd,y 223,91 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.150,00 mm
N_crz 28,11 kN N_cry 335,81 kN
\lambda 4,84 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 13,34
\chi 0,04

Nb,Rd 24,31 kN

\psi 1,00
Mcr 27,35 kNm
kc 0,91
\alpha_lt 0,76
\lambda_lt 1,24
f 0,97
\lambda_lt0 0,20
\beta 0,75
\phi_lt 9,67
\chi_lt 1,00

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned 6,06 kN Myeq_ed 2,2 kNm Mzeq_ed 0 kNm
Nb_Rd 24,31 kN My_rd 39,34 kNm Mz_rd 7,46 kNm
Rapporto 0,25 Rapporto 0,06 Rapporto 0,00
TRUE

237
9.7.2 Verifica Fx minimo: UPN180 R33-42-49
Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 180 mm Asse Y Asse Z
b 70,0 mm Iy 1,35E+07 mm4 Iz 1,13E+06 mm4
t_f 11,0 mm Wy_1 1,50E+05 mm3 Wz_1 2,24E+04 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 1,79E+05 mm3 Wz_pl 4,25E+04 mm3
r_1 11,0 mm i_y 6,96E+01 mm i_z 2,01E+01 mm
y_s 19,3 mm Sy 8,96E+04 mm3 Sz mm3
d 133,4 mm Torsione ed Instabilità locale
A 2,80E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,6 m2*m^-1 Iw 5,59E+09 mm6 It 9,95E+04 mm4
\gamma_g 22,0 kg*m^-1 i_w 1,73E+01 mm i_pc 7,24E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx -5,12 kN Mx 0 kNm
Fy 0 kN My 2,11 kNm
Fz -2,3 kN Mz 0 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1590 mm2 A_vy 1732,8 mm2
V_pl,Rd,z 205,45 kN V_pl,Rd,y 223,91 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.150,00 mm
N_crz 28,11 kN N_cry 335,81 kN
\lambda 4,84 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 13,34
\chi 0,04

Nb,Rd 24,31 kN

\psi 1,00
Mcr 27,35 kNm
kc 0,91
\alpha_lt 0,76
\lambda_lt 1,24
f 0,97
\lambda_lt0 0,20
\beta 0,75
\phi_lt 9,67
\chi_lt 1,00

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned 5,12 kN Myeq_ed 2,1 kNm Mzeq_ed 0 kNm
Nb_Rd 24,31 kN My_rd 40,67 kNm Mz_rd 11,24 kNm
Rapporto 0,21 Rapporto 0,05 Rapporto 0,00
TRUE

238
9.7.3 Verifica Fy massimo: UPN180 R34-43-47
Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 180 mm Asse Y Asse Z
b 70,0 mm Iy 1,35E+07 mm4 Iz 1,13E+06 mm4
t_f 11,0 mm Wy_1 1,50E+05 mm3 Wz_1 2,24E+04 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 1,79E+05 mm3 Wz_pl 4,25E+04 mm3
r_1 11,0 mm i_y 6,96E+01 mm i_z 2,01E+01 mm
y_s 19,3 mm Sy 8,96E+04 mm3 Sz mm3
d 133,4 mm Torsione ed Instabilità locale
A 2,80E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,6 m2*m^-1 Iw 5,59E+09 mm6 It 9,95E+04 mm4
\gamma_g 22,0 kg*m^-1 i_w 1,73E+01 mm i_pc 7,24E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx -0,79 kN Mx 0 kNm
Fy 0,49 kN My 0,88 kNm
Fz -0,55 kN Mz 0,03 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1590 mm2 A_vy 1732,8 mm2
V_pl,Rd,z 205,45 kN V_pl,Rd,y 223,91 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.150,00 mm
N_crz 28,11 kN N_cry 335,81 kN
\lambda 4,84 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 13,34
\chi 0,04

Nb,Rd 24,31 kN

\psi 1,00
Mcr 27,35 kNm
kc 0,91
\alpha_lt 0,76
\lambda_lt 1,24
f 0,97
\lambda_lt0 0,20
\beta 0,75
\phi_lt 9,67
\chi_lt 1,00

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned 0,79 kN Myeq_ed 0,88 kNm Mzeq_ed 0,09 kNm
Nb_Rd 24,31 kN My_rd 40,16 kNm Mz_rd 9,78 kNm
Rapporto 0,03 Rapporto 0,02 Rapporto 0,01
TRUE

239
9.7.4 Verifica Fy minimo: UPN180 R34-43-47
Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 180 mm Asse Y Asse Z
b 70,0 mm Iy 1,35E+07 mm4 Iz 1,13E+06 mm4
t_f 11,0 mm Wy_1 1,50E+05 mm3 Wz_1 2,24E+04 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 1,79E+05 mm3 Wz_pl 4,25E+04 mm3
r_1 11,0 mm i_y 6,96E+01 mm i_z 2,01E+01 mm
y_s 19,3 mm Sy 8,96E+04 mm3 Sz mm3
d 133,4 mm Torsione ed Instabilità locale
A 2,80E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,6 m2*m^-1 Iw 5,59E+09 mm6 It 9,95E+04 mm4
\gamma_g 22,0 kg*m^-1 i_w 1,73E+01 mm i_pc 7,24E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx 0,86 kN Mx 0 kNm
Fy -0,51 kN My 0,91 kNm
Fz 1,57 kN Mz 0,12 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1590 mm2 A_vy 1732,8 mm2
V_pl,Rd,z 205,45 kN V_pl,Rd,y 223,91 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.150,00 mm
N_crz 28,11 kN N_cry 335,81 kN
\lambda 4,84 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 13,34
\chi 0,04

Nb,Rd 24,31 kN

\psi 1,00
Mcr 27,35 kNm
kc 0,91
\alpha_lt 0,76
\lambda_lt 1,24
f 0,97
\lambda_lt0 0,20
\beta 0,75
\phi_lt 9,67
\chi_lt 1,00

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned 0,86 kN Myeq_ed 1,33 kNm Mzeq_ed 0,1 kNm
Nb_Rd 24,31 kN My_rd 39,96 kNm Mz_rd 9,22 kNm
Rapporto 0,04 Rapporto 0,03 Rapporto 0,01
TRUE

240
9.7.5 Verifica Fz massimo: UPN180 R36-45-46
Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 180 mm Asse Y Asse Z
b 70,0 mm Iy 1,35E+07 mm4 Iz 1,13E+06 mm4
t_f 11,0 mm Wy_1 1,50E+05 mm3 Wz_1 2,24E+04 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 1,79E+05 mm3 Wz_pl 4,25E+04 mm3
r_1 11,0 mm i_y 6,96E+01 mm i_z 2,01E+01 mm
y_s 19,3 mm Sy 8,96E+04 mm3 Sz mm3
d 133,4 mm Torsione ed Instabilità locale
A 2,80E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,6 m2*m^-1 Iw 5,59E+09 mm6 It 9,95E+04 mm4
\gamma_g 22,0 kg*m^-1 i_w 1,73E+01 mm i_pc 7,24E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx 0,11 kN Mx 0 kNm
Fy 0 kN My 0 kNm
Fz 9,12 kN Mz 0 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1590 mm2 A_vy 1732,8 mm2
V_pl,Rd,z 205,45 kN V_pl,Rd,y 223,91 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.150,00 mm
N_crz 28,11 kN N_cry 335,81 kN
\lambda 4,84 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 13,34
\chi 0,04

Nb,Rd 24,31 kN

\psi 1,00
Mcr 27,35 kNm
kc 0,91
\alpha_lt 0,76
\lambda_lt 1,24
f 0,97
\lambda_lt0 0,20
\beta 0,75
\phi_lt 9,67
\chi_lt 1,00

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned 0,11 kN Myeq_ed 1,26 kNm Mzeq_ed 0 kNm
Nb_Rd 24,31 kN My_rd 40,05 kNm Mz_rd 9,47 kNm
Rapporto 0,00 Rapporto 0,03 Rapporto 0,00
TRUE

241
9.7.6 Verifica Fz minimo: UPN180 R36-45-46
Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 180 mm Asse Y Asse Z
b 70,0 mm Iy 1,35E+07 mm4 Iz 1,13E+06 mm4
t_f 11,0 mm Wy_1 1,50E+05 mm3 Wz_1 2,24E+04 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 1,79E+05 mm3 Wz_pl 4,25E+04 mm3
r_1 11,0 mm i_y 6,96E+01 mm i_z 2,01E+01 mm
y_s 19,3 mm Sy 8,96E+04 mm3 Sz mm3
d 133,4 mm Torsione ed Instabilità locale
A 2,80E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,6 m2*m^-1 Iw 5,59E+09 mm6 It 9,95E+04 mm4
\gamma_g 22,0 kg*m^-1 i_w 1,73E+01 mm i_pc 7,24E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx -0,11 kN Mx 0 kNm
Fy 0 kN My -4,19 kNm
Fz -11,3 kN Mz 0 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1590 mm2 A_vy 1732,8 mm2
V_pl,Rd,z 205,45 kN V_pl,Rd,y 223,91 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.150,00 mm
N_crz 28,11 kN N_cry 335,81 kN
\lambda 4,84 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 13,34
\chi 0,04

Nb,Rd 24,31 kN

\psi 1,00
Mcr 27,35 kNm
kc 0,91
\alpha_lt 0,76
\lambda_lt 1,24
f 0,97
\lambda_lt0 0,20
\beta 0,75
\phi_lt 9,67
\chi_lt 1,00

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned 0,11 kN Myeq_ed 4,19 kNm Mzeq_ed 0 kNm
Nb_Rd 24,31 kN My_rd 40,08 kNm Mz_rd 9,55 kNm
Rapporto 0,00 Rapporto 0,10 Rapporto 0,00
TRUE

242
9.7.7 Verifica My massimo: UPN180 R23-30-37
Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 180 mm Asse Y Asse Z
b 70,0 mm Iy 1,35E+07 mm4 Iz 1,13E+06 mm4
t_f 11,0 mm Wy_1 1,50E+05 mm3 Wz_1 2,24E+04 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 1,79E+05 mm3 Wz_pl 4,25E+04 mm3
r_1 11,0 mm i_y 6,96E+01 mm i_z 2,01E+01 mm
y_s 19,3 mm Sy 8,96E+04 mm3 Sz mm3
d 133,4 mm Torsione ed Instabilità locale
A 2,80E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,6 m2*m^-1 Iw 5,59E+09 mm6 It 9,95E+04 mm4
\gamma_g 22,0 kg*m^-1 i_w 1,73E+01 mm i_pc 7,24E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx 0,1 kN Mx 0 kNm
Fy -0,2 kN My 4,19 kNm
Fz -4,96 kN Mz -0,1 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1590 mm2 A_vy 1732,8 mm2
V_pl,Rd,z 205,45 kN V_pl,Rd,y 223,91 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.150,00 mm
N_crz 28,11 kN N_cry 335,81 kN
\lambda 4,84 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 13,34
\chi 0,04

Nb,Rd 24,31 kN

\psi 1,00
Mcr 27,35 kNm
kc 0,91
\alpha_lt 0,76
\lambda_lt 1,24
f 0,97
\lambda_lt0 0,20
\beta 0,75
\phi_lt 9,67
\chi_lt 1,00

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned 0,1 kN Myeq_ed 4,19 kNm Mzeq_ed 0,02 kNm
Nb_Rd 24,31 kN My_rd 40,05 kNm Mz_rd 9,48 kNm
Rapporto 0,00 Rapporto 0,10 Rapporto 0,00
TRUE

243
9.7.8 Verifica My minimo: UPN180 R31-40-41
Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 180 mm Asse Y Asse Z
b 70,0 mm Iy 1,35E+07 mm4 Iz 1,13E+06 mm4
t_f 11,0 mm Wy_1 1,50E+05 mm3 Wz_1 2,24E+04 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 1,79E+05 mm3 Wz_pl 4,25E+04 mm3
r_1 11,0 mm i_y 6,96E+01 mm i_z 2,01E+01 mm
y_s 19,3 mm Sy 8,96E+04 mm3 Sz mm3
d 133,4 mm Torsione ed Instabilità locale
A 2,80E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,6 m2*m^-1 Iw 5,59E+09 mm6 It 9,95E+04 mm4
\gamma_g 22,0 kg*m^-1 i_w 1,73E+01 mm i_pc 7,24E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx -0,12 kN Mx 0 kNm
Fy 0,01 kN My -4,35 kNm
Fz 5,3 kN Mz 0 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1590 mm2 A_vy 1732,8 mm2
V_pl,Rd,z 205,45 kN V_pl,Rd,y 223,91 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.150,00 mm
N_crz 28,11 kN N_cry 335,81 kN
\lambda 4,84 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 13,34
\chi 0,04

Nb,Rd 24,31 kN

\psi 1,00
Mcr 27,35 kNm
kc 0,91
\alpha_lt 0,76
\lambda_lt 1,24
f 0,97
\lambda_lt0 0,20
\beta 0,75
\phi_lt 9,67
\chi_lt 1,00

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned 0,12 kN Myeq_ed 4,35 kNm Mzeq_ed 0,01 kNm
Nb_Rd 24,31 kN My_rd 40,08 kNm Mz_rd 9,55 kNm
Rapporto 0,00 Rapporto 0,11 Rapporto 0,00
TRUE

244
9.7.9 Verifica Mz massimo: UPN180 R36-45-46
Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 180 mm Asse Y Asse Z
b 70,0 mm Iy 1,35E+07 mm4 Iz 1,13E+06 mm4
t_f 11,0 mm Wy_1 1,50E+05 mm3 Wz_1 2,24E+04 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 1,79E+05 mm3 Wz_pl 4,25E+04 mm3
r_1 11,0 mm i_y 6,96E+01 mm i_z 2,01E+01 mm
y_s 19,3 mm Sy 8,96E+04 mm3 Sz mm3
d 133,4 mm Torsione ed Instabilità locale
A 2,80E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,6 m2*m^-1 Iw 5,59E+09 mm6 It 9,95E+04 mm4
\gamma_g 22,0 kg*m^-1 i_w 1,73E+01 mm i_pc 7,24E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx 0,26 kN Mx 0 kNm
Fy -0,11 kN My -0,02 kNm
Fz 0,37 kN Mz 0,14 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1590 mm2 A_vy 1732,8 mm2
V_pl,Rd,z 205,45 kN V_pl,Rd,y 223,91 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.150,00 mm
N_crz 28,11 kN N_cry 335,81 kN
\lambda 4,84 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 13,34
\chi 0,04

Nb,Rd 24,31 kN

\psi 1,00
Mcr 27,35 kNm
kc 0,91
\alpha_lt 0,76
\lambda_lt 1,24
f 0,97
\lambda_lt0 0,20
\beta 0,75
\phi_lt 9,67
\chi_lt 1,00

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned 0,26 kN Myeq_ed 0,74 kNm Mzeq_ed 0,1 kNm
Nb_Rd 24,31 kN My_rd 40,03 kNm Mz_rd 9,42 kNm
Rapporto 0,01 Rapporto 0,02 Rapporto 0,01
TRUE

245
9.7.10 Verifica Mz minimo: UPN180 R82-83-105
Caratteristiche
E 210000,0 Mpa \gamma_m0 1,05 fyk 235 Mpa
G 80769,2 Mpa \gamma_m1 1,05 ftk 360 Mpa
\ni 0,3 \gamma_m2 1,25
Dimensioni Proprietà geometriche del profilo
h 180 mm Asse Y Asse Z
b 70,0 mm Iy 1,35E+07 mm4 Iz 1,13E+06 mm4
t_f 11,0 mm Wy_1 1,50E+05 mm3 Wz_1 2,24E+04 mm3
t_w 8,0 mm Wy_pl 1,79E+05 mm3 Wz_pl 4,25E+04 mm3
r_1 11,0 mm i_y 6,96E+01 mm i_z 2,01E+01 mm
y_s 19,3 mm Sy 8,96E+04 mm3 Sz mm3
d 133,4 mm Torsione ed Instabilità locale
A 2,80E+03 mm2 Asse X Asse X
Al 0,6 m2*m^-1 Iw 5,59E+09 mm6 It 9,95E+04 mm4
\gamma_g 22,0 kg*m^-1 i_w 1,73E+01 mm i_pc 7,24E+01 mm

Sollecitazioni
Forze Momenti
Fx 0,01 kN Mx 0 kNm
Fy -0,3 kN My 0,04 kNm
Fz -0,16 kN Mz -0,22 kNm

Verifica a Taglio
A_vz 1590 mm2 A_vy 1732,8 mm2
V_pl,Rd,z 205,45 kN V_pl,Rd,y 223,91 kN
V_Ed<V_Rd TRUE V_Ed<V_Rd TRUE

VEd>,5*VRd FALSE VEd>,5*VRd FALSE


\rhohhh 0 \rho 0
fyk_rid 235 Mpa

Verifica Instabilità
L_cr 5.150,00 mm
N_crz 28,11 kN N_cry 335,81 kN
\lambda 4,84 adim.

curva inst. a b c d
f. imperfez. 0,21 0,34 0,49 0,76

\alpha 0,49
\phi 13,34
\chi 0,04

Nb,Rd 24,31 kN

\psi 1,00
Mcr 27,35 kNm
kc 0,91
\alpha_lt 0,76
\lambda_lt 1,24
f 0,97
\lambda_lt0 0,20
\beta 0,75
\phi_lt 9,67
\chi_lt 1,00

Verifica
Contributo 1 Contributo 2 Contributo 3
Ned 0,01 kN Myeq_ed 0,04 kNm Mzeq_ed 0,17 kNm
Nb_Rd 24,31 kN My_rd 40,06 kNm Mz_rd 9,51 kNm
Rapporto 0,00 Rapporto 0,00 Rapporto 0,02
TRUE

246
9.8 VERIFICA DEI GIUNTI

9.8.1 Verifica della flangia bullonata


Di seguito si riporta il calcolo dello sforzo nella flangia bullonata:
fyk 235 MPa
ftk 360 MPa

Dati bulloni Coef. Parziali di Sicurezza


Classe 4.6 g_M2 1,25
g_M3_SLU 1,25
fy,b 240 MPa g_M3_SLE 1,10
ft,b 400 MPa g_M7 1,10
Serraggio NO

N Diametro Ares d γ Fp,Cd


2 14 84 30 0 0,00
2 14 84 106 1 0,00
2 14 84 174 1 0,00
2 14 84 250 1 0,00

Dati sollecitazione
Ned -1,90 kN
Med 14,18 kNm

Calcolo Asse Neutro


x 30,01 mm
\sigma_s 30,79 MPa all'estremità del lembo compresso della piastra

\beta 0
Nc -1,90
(Ned-Nc)^2 0,00

Calcolo Tensioni Assiali nei bulloni e Verifica a Trazione del Bullone

Nb ≤ Ft,Rd
N Diametro Ares d sigma_sb Nb Ft,Rd Verifica
2 12 84 30 0,01 0,00 24,19 TRUE
2 12 84 106 -77,96 -6,55 24,19 TRUE
2 12 84 174 -147,72 -12,41 24,19 TRUE
2 14 84 250 -225,69 -18,96 24,19 TRUE

Verifica a Taglio del Bullone

Dati Sollecitazione
Ved -19,53 kN

Dati Bulloni
Ares 84 mm
Nf 1 numero dei piani di taglio per bullone
Nb 8 numero totale dei bulloni

Calcolo e Verifica
Vsd -2,44 kN Taglio sollecitante su ciascun bullone
Vrd 16,128 kN Taglio Resistente
Verifica TRUE Vsd<Vrd

247
Verifica a Rifollamento della flangia

Dati posizionamento Bulloni


e1 30 mm direzione parallela alla forza
e2 40 mm direzione perpendicolare alla forza
p1 68 mm direzione parallela alla forza
p2 80 mm direzione perpendicolare alla forza

d0 12 mm diametro nominale dei bulloni

Calcolo coefficienti alpha e k


bulloni di bordo interni
alpha 0,83 1,00
k 2,50 2,50
alpha*k 2,08 2,50

Calcolo e Verifica
Vsd -2,44 kN Forza sollecitante di rifollamento
Fb,Rd 93,60 kN Resistenza a rifollamento della flangia
Verifica TRUE Vsd<Fb,rd

Verifica a trazione della flangia

Flangia b t A lorda
160 13 2080
Bulloni A foro N fori A
14 2 28

A_netta 2052

Ved -19,53 kN Forza sollecitante di trazione


Ft,Rd,net 531,88 kN Resistenza della sezione indebolita dal foro
Verifica TRUE Ved<Ft,Rd,net

Verifica a taglio della flangia

Flangia h t A lorda
280 13 2080
Bulloni A foro N fori A
14 3 42

Av_netta 2038

Ved -19,53 kN Forza sollecitante di trazione


Fv,Rd,net 352,17 kN Resistenza della sezione indebolita dal foro
Verifica TRUE Ved<Ft,Rd,net

Verifica combinata a taglio e trazione della flangia

Fv,Ed 19,53 Ft,Ed 19,53


Fv,Rd 352,17 Ft,Rd 531,88
rap. 0,06 rap.*1,4 0,05

somma 0,11 ≤1 TRUE

Verifca a Punzonamento della Flangia

Fed ≤ Bp,Rd
d dm Fed Bp,Rd Verifica
30 19 0,00 134,09 TRUE Si considerano solo i bulloni
106 19 -6,55 134,09 TRUE soggetti a trazione
174 19 -12,41 134,09 TRUE
250 19 -18,96 134,09 TRUE

248
9.8.2 Verifica del giunto interno

Di seguito si riporta la verifica del giunto trave – colonna flangiato:


Dati Geometrici

Colonna Trave Sx Trave dx


profilo HEB 160 profilo HEB 160 profilo HEB 160
h_c 160,00 mm h_tsx 160 mm h_tdx 160,00 mm
b_c 160,00 mm b_tsx 160 mm b_tdx 160,00 mm
tf_c 13,00 mm tf_tsx 13 mm tf_tdx 13,00 mm
tw_c 8,00 mm tw_tsx 8 mm tw_tdx 8,00 mm
r1_c 15,00 mm r1_tsx 15 mm r1_tdx 15,00 mm
d_c 104,00 mm d_tsx 104 mm d_tdx 104,00 mm

Spessore della Flangia


tf 13,00 mm

Dati Materiale
Acciaio S235
fyk 235,00
ftk 360,00
gamma_M0 1,05

Dati Sollecitazione

Trave Sx Trave dx
Ned_sx -1,55 kN Ned_dx -0,14 kN
Med_sx -14,18 kNm Med_dx -10,94 kNm

Verifica Lembo Compresso


Pannello snello NO Se "NO" il pannello non soffre di instabilità

Calcolo di beff
beff_sx 179,00 mm beff_dx 179,00 mm

Calcolo del Braccio della Forza Interno


z_sx 147,00 mm z_dx 147,00 mm

Verifica
Fed_sx 95,69 kN Fed_dx 74,35 kN
Frd_sx 320,50 kN Frd_dx 320,50 kN
Fed<Frd TRUE Fed<Frd TRUE

Verifica Lembo Teso

m_res 6,30 kNm/m momento resistente lineare dell'ala della colonna


24*m_res 151,30 kNm/m

Fed_sx -97,24 kN Fed_dx -74,49 kN


Fed<Frd TRUE Fed<Frd TRUE

Verifica a Taglio del Pannello

tau_sd -26,49 MPa


tau_rd 134,29 MPa
S<R TRUE

249
9.8.3 Verifica del giunto esterno

Di seguito si riporta la verifica del giunto trave – colonna flangiato:


Dati Geometrici

Colonna Trave Sx Trave dx


profilo HEB 160 profilo HEB 160 profilo HEB 160
h_c 160,00 mm h_tsx 160 mm h_tdx 160,00 mm
b_c 160,00 mm b_tsx 160 mm b_tdx 160,00 mm
tf_c 13,00 mm tf_tsx 13 mm tf_tdx 13,00 mm
tw_c 8,00 mm tw_tsx 8 mm tw_tdx 8,00 mm
r1_c 15,00 mm r1_tsx 15 mm r1_tdx 15,00 mm
d_c 104,00 mm d_tsx 104 mm d_tdx 104,00 mm

Spessore della Flangia


tf 13,00 mm

Dati Materiale
Acciaio S235
fyk 235,00
ftk 360,00
gamma_M0 1,05

Dati Sollecitazione

Trave Sx Trave dx
Ned_sx -1,90 kN Ned_dx kN
Med_sx -10,37 kNm Med_dx kNm

Verifica Lembo Compresso


Pannello snello NO Se "NO" il pannello non soffre di instabilità

Calcolo di beff
beff_sx 179,00 mm beff_dx 179,00 mm

Calcolo del Braccio della Forza Interno


z_sx 147,00 mm z_dx 147,00 mm

Verifica
Fed_sx 69,59 kN Fed_dx 0,00 kN
Frd_sx 320,50 kN Frd_dx 320,50 kN
Fed<Frd TRUE Fed<Frd TRUE

Verifica Lembo Teso

m_res 6,30 kNm/m momento resistente lineare dell'ala della colonna


24*m_res 151,30 kNm/m

Fed_sx -71,49 kN Fed_dx 0,00 kN


Fed<Frd TRUE Fed<Frd TRUE

Verifica a Taglio del Pannello

tau_sd -84,79 MPa


tau_rd 134,29 MPa
S<R TRUE

250
9.9 VERIFICA DEI PLINTI DI FONDAZIONE

9.9.1 Verifica al momento massimo della flangia di fondazione


Di seguito si riporta la il calcolo dello sforzo nella flangia di fondazione:
Dati Geometrici Flangia Coef. Parziali di Sicurezza
b 360 mm g_M0 1,05
h 360 mm
t 20 mm
fyk 235 MPa
ftk 360 MPa

Dati Tirafondi Coef. Parziali di Sicurezza


a 30 mm g_M2 1,25
p 80 mm g_M3_SLU 1,25
fy,b 500 MPa g_M3_SLE 1,10
ft,b 650 MPa g_M7 1,10
Barre ad aderenza
Acciaio B500B g_s 1,15
fsk 500 MPa

Nt Diametro Ares d γ
2 16 157 50 0
2 16 157 310 1

Dati Geometrici Plinto


bp 560 mm plinto quadrato
hp 400 mm

Dati Calcestruzzo Coef. Parziali di Sicurezza


Classe C25/30 g_cls 1,5
fck 25 MPa alpha_cc 0,85
fbk 4,03 MPa
Ecm 31475,81 MPa

Coefficiente di Omogeneizzazione n
n 15

Dati sollecitazione
Ned 32,92 kN
Med 6,63 kNm
Ved 2,29 kN

Calcolo Asse Neutro


x 144,01 mm
\sigma_c 1,61 MPa ≤ fcd TRUE all'estremità del lembo
compresso della piastra
\beta 0
Nc 32,92
(Ned-Nc)^2 0,00

Calcolo Tensioni Assiali nei bulloni e Verifica a Trazione del Bullone

Nb ≤ Ft,Rd
N Diametro Ares d sigma_sb Nb Ft,Rd Verifica
2 16 157 50 1,05 0,16 73,48 TRUE
2 16 157 310 -1,85 -0,29 73,48 TRUE

Calcolo Tensioni Assiali nella barre ad aderenza

Nb ≤ Ft,Rd
N Diametro A d sigma_sb Nb Ft,Rd Verifica
2 16 201,06 50 1,05 0,21 87,42 TRUE
2 16 201,06 310 -1,85 -0,37 87,42 TRUE

251
Calcolo Lunghezza Minima di Aderenza Acciaio-Cls

Diametro 16,00 mm
Area 201,06 mm2

L_min 647,32 mm < hp FALSE Se falso è necessaria la


rosetta

Calcolo e Verifica delle Rosette

Diametro d
barra 16,00 da catalogo produttore
rondella 38,00

Verifica schiacciamento del cls


Area netta 933,05 mm2
Nb_max -0,37 kN
sigma_c_sd 0,40 MPa < fcd TRUE

Verifica a taglio del cls


t_rd_cls 3,54 MPa
lt 350,00 mm profondità tirafondi
r_max 150,00 mm
r' 202,07 mm < r_max FALSE Se falso prendere r_max
r 150,00 mm
S 164933,61 mm2
t_sd 0,00 MPa < t_rd_cls TRUE

Verifica a Taglio del Bullone

Dati Bulloni
Ares 115 mm t
Nf 1 numero dei piani di taglio per bullone
Nb 15 numero totale dei bulloni

Calcolo e Verifica
Vsd 0,15 kN Taglio sollecitante su ciascun bullone
Vrd 35,88 kN Taglio Resistente
Verifica TRUE Vsd<Vrd

Calcolo Spessore minimo della Flangia non rinforzata

Colonna HEB 160


h_c 160,00 mm
b_c 160,00 mm
h_cid 152,00 mm
b_cid 128,00 mm

Calcolo Lunghezza Libera di Inflessione


L 116,00 Lunghezza della Flangia non irrigidita

Calcolo del Momento Sollecitante

m_sd 2152,27 Nmm/mm


t_min 7,60 mm
t_min<t TRUE Se vero non è necessario prevedere dei rinforzi

252
Verifica a Rifollamento della flangia

Dati posizionamento Bulloni


e1 50 mm direzione parallela alla forza
e2 50 mm direzione perpendicolare alla forza
p1 260 mm direzione parallela alla forza
p2 260 mm direzione perpendicolare alla forza

d0 20 mm diametro nominale dei bulloni

Calcolo coefficienti alpha e k


bulloni di bordo interni
alpha 0,83 1,00
k 2,50 2,50
alpha*k 2,08 2,50

Calcolo e Verifica della Flangia


Vsd 0,15 kN Forza sollecitante di rifollamento
Fb,Rd 240,00 kN Resistenza a rifollamento della flangia
Verifica TRUE Vsd<Fb,rd

Verifica a trazione della flangia

Flangia b t A lorda
360 20 7200
Bulloni A foro N fori A
22 2 44

A_netta 7156

Ved 2,29 kN Forza sollecitante di trazione


Ft,Rd,net 1854,84 kN Resistenza della sezione indebolita dal foro
Verifica TRUE Ved<Ft,Rd,net

Verifica a taglio della flangia

Flangia h t A lorda
360 20 7200
Bulloni A foro N fori A
22 3 66

Av_netta 7134

Ved 2,29 kN Forza sollecitante di trazione


Fv,Rd,net 1232,76 kN Resistenza della sezione indebolita dal foro
Verifica TRUE Ved<Ft,Rd,net

Verifica combinata a taglio e trazione della flangia

Fv,Ed 2,29 Ft,Ed 2,29


Fv,Rd 1232,76 Ft,Rd 1854,84
rap. 0,00 rap.*1,4 0,00

somma 0,00 ≤1 TRUE

Verifca a Punzonamento della Flangia

Fed ≤ Bp,Rd
d dm Fed Bp,Rd Verifica
50 22 0,00 238,86 TRUE Si considerano solo i bulloni
310 22 -0,29 238,86 TRUE soggetti a trazione

253
9.9.2 Verifica alle sollecitazioni assiali massime della flangia di fondazione

Di seguito si riporta la il calcolo dello sforzo nella flangia di fondazione:


Dati Geometrici Flangia Coef. Parziali di Sicurezza
b 360 mm g_M0 1,05
h 360 mm
t 20 mm
fyk 235 MPa
ftk 360 MPa

Dati Tirafondi Coef. Parziali di Sicurezza


a 30 mm g_M2 1,25
p 80 mm g_M3_SLU 1,25
fy,b 500 MPa g_M3_SLE 1,10
ft,b 650 MPa g_M7 1,10
Barre ad aderenza
Acciaio B500B g_s 1,15
fsk 500 MPa

Nt Diametro Ares d γ
2 16 157 50 0
2 16 157 310 0

Dati Geometrici Plinto


bp 560 mm plinto quadrato
hp 400 mm

Dati Calcestruzzo Coef. Parziali di Sicurezza


Classe C25/30 g_cls 1,5
fck 25 MPa alpha_cc 0,85
fbk 4,03 MPa
Ecm 31475,81 MPa

Coefficiente di Omogeneizzazione n
n 15

Dati sollecitazione
Ned 105,08 kN
Med 3,21 kNm
Ved 2,29 kN

Calcolo Asse Neutro


x 533,54 mm
\sigma_c 1,22 MPa ≤ fcd TRUE all'estremità del lembo compresso
della piastra
\beta 1
Nc 105,08
(Ned-Nc)^2 0,00

Calcolo Tensioni Assiali nei bulloni e Verifica a Trazione del Bullone

Nb ≤ Ft,Rd
N Diametro Ares d sigma_sb Nb Ft,Rd Verifica
2 16 157 50 1,11 0,17 73,48 TRUE
2 16 157 310 0,51 0,08 73,48 TRUE

Calcolo Tensioni Assiali nella barre ad aderenza

Nb ≤ Ft,Rd
N Diametro A d sigma_sb Nb Ft,Rd Verifica
2 16 201,06 50 1,11 0,22 87,42 TRUE
2 16 201,06 310 0,51 0,10 87,42 TRUE

254
Calcolo Lunghezza Minima di Aderenza Acciaio-Cls

Diametro 16,00 mm
Area 201,06 mm2

L_min 647,32 mm < hp FALSE Se falso è necessaria la rosetta

Calcolo e Verifica delle Rosette

Diametro d
barra 16,00 da catalogo produttore
rondella 38,00

Verifica schiacciamento del cls


Area netta 933,05 mm2
Nb_max 0,10 kN
sigma_c_sd -0,11 MPa < fcd TRUE

Verifica a taglio del cls


t_rd_cls 3,54 MPa
lt 350,00 mm profondità tirafondi
r_max 150,00 mm
r' 202,07 mm < r_max FALSE Se falso prendere r_max
r 150,00 mm
S 164933,61 mm2
t_sd 0,00 MPa < t_rd_cls TRUE

Verifica a Taglio del Bullone

Dati Bulloni
Ares 115 mm
Nf 1 numero dei piani di taglio per bullone
Nb 15 numero totale dei bulloni

Calcolo e Verifica
Vsd 0,15 kN Taglio sollecitante su ciascun bullone
Vrd 35,88 kN Taglio Resistente
Verifica TRUE Vsd<Vrd

Calcolo Spessore minimo della Flangia non rinforzata

Colonna HEB 160


h_c 160,00 mm
b_c 160,00 mm
h_cid 152,00 mm
b_cid 128,00 mm

Calcolo Lunghezza Libera di Inflessione


L 116,00 Lunghezza della Flangia non irrigidita

Calcolo del Momento Sollecitante

m_sd 6452,88 Nmm/mm


t_min 13,15 mm
t_min<t TRUE Se vero non è necessario prevedere dei rinforzi

255
Verifica a Rifollamento della flangia

Dati posizionamento Bulloni


e1 50 mm direzione parallela alla forza
e2 50 mm direzione perpendicolare alla forza
p1 260 mm direzione parallela alla forza
p2 260 mm direzione perpendicolare alla forza

d0 20 mm diametro nominale dei bulloni

Calcolo coefficienti alpha e k


bulloni di bordo interni
alpha 0,83 1,00
k 2,50 2,50
alpha*k 2,08 2,50

Calcolo e Verifica della Flangia


Vsd 0,15 kN Forza sollecitante di rifollamento
Fb,Rd 240,00 kN Resistenza a rifollamento della flangia
Verifica TRUE Vsd<Fb,rd

Verifica a trazione della flangia

Flangia b t A lorda
360 20 7200
Bulloni A foro N fori A
22 2 44

A_netta 7156

Ved 2,29 kN Forza sollecitante di trazione


Ft,Rd,net 1854,84 kN Resistenza della sezione indebolita dal foro
Verifica TRUE Ved<Ft,Rd,net

Verifica a taglio della flangia

Flangia h t A lorda
360 20 7200
Bulloni A foro N fori A
22 3 66

Av_netta 7134

Ved 2,29 kN Forza sollecitante di trazione


Fv,Rd,net 1232,76 kN Resistenza della sezione indebolita dal foro
Verifica TRUE Ved<Ft,Rd,net

Verifica combinata a taglio e trazione della flangia

Fv,Ed 2,29 Ft,Ed 2,29


Fv,Rd 1232,76 Ft,Rd 1854,84
rap. 0,00 rap.*1,4 0,00

somma 0,00 ≤1 TRUE

Verifca a Punzonamento della Flangia

Fed ≤ Bp,Rd
d dm Fed Bp,Rd Verifica
50 22 0,00 238,86 TRUE Si considerano solo i bulloni
310 22 0,00 238,86 TRUE soggetti a trazione

256
9.9.3 Verifica del terreno di fondazione

Dimensioni
B 560,00 mm largh base
b 160,00 mm largh montante
h 400,00 mm d=h essendo fondazioni in muratura non armate
d 400,00 mm

La fondazione risulta quindi essere massiccia.

Sollecitazioni e resistenze
N_sd kN
P_p 4,08 kN
f_t,rd 600,00 kN/m2
0,60 N/mm2
g_M3 2,30

*Navier
Sez. tutta compressa Sez. Parzializzata
[kN] [kNm] [mm] [Mpa] [mm] [Mpa]
Telaio N_sd M_sd e e<=B/6 sigma_t,sd3 x sigma_t,sd2 sigma_t,sd<f_t,rd
A 105,08 3,21 29,41 TRUE 0,46 0,00 0,00 VERIFICATO
B 32,92 6,63 179,20 FALSE 0,00 302,39 0,44 VERIFICATO

257