Sei sulla pagina 1di 2

MultimediArt Senegal: quando la musica unisce

Uno scambio culturale tra artisti sardi e senegalesi


all’insegna della contaminazione
Tra Dakar e il Sulcis Iglesiente: incontri, lezioni di musica e di cultura dei due Paesi,
scoperta degli strumenti musicali tipici delle due aree geografiche. Il progetto approderà
alla creazione di un disco con musiche e brani originali creando un inedito connubio tra
cultura sarda e senegalese

Il progetto MultimediArt Senegal nasce nel cuore del Sulcis Iglesiente e si muove con l’obiettivo
di creare, o favorire, condizioni di cooperazione tra persone di culture e mentalità diverse, che si
ritrovano a vivere nella stessa area geografica, e che, pur non condividendo gli stessi problemi
percorrono comunque la strada dell'integrazione. Il filo conduttore del progetto è dato dalla
musica. L’idea è quella di una «contaminazione» delle due musicalità, sarda e senegalese,
affiancandole e facendole convivere in nuove, originali produzioni. Il percorso si muove tra
incontri, lezioni di musica e di cultura dei due Paesi, scoperta degli strumenti musicali tipici delle
due aree geografiche, ma anche mirando ad un risultato concreto: la creazione di un disco con
musiche e brani originali che possano viaggiare a livello internazionale diffondendo la cultura sarda
e senegalese.

Il progetto vede coinvolti i comuni sardi di Carbonia (capofila) e Perdaxius, l’Anci Sardegna,
l’università di Cagliari (Dipartimento di Studi storici, geografici, artistici), l’associazione culturale
senegalese Kër Thiossiane e l’associazione Cherimus (ideatore del progetto).

MultimediArt Senegal si pone diversi obbiettivi, tra i quali: la valorizzazione del patrimonio
culturale e promozione del dialogo interculturale, il rafforzamento delle potenzialità artistico-
culturali di un gruppo selezionato di giovani artisti senegalesi della città di Dakar, grazie al
contributo dell'associazione Kër Thiossiane (http://www.sicap1695.phpnet.org), specializzata in
questo settore.

Il progetto, inoltre, prevede l'avvio di un percorso multiculturale e delle conoscenze e competenze


musicali di un gruppo di giovani artisti di Dakar che, attraverso seminari e workshop, tenuti da
personale specializzato dei diversi partner, saranno accompagnati nell'approfondimento culturale e
storico delle proprie musiche tradizionali e contemporanee, anche mediante uso di nuove tecnologie
e strumentazioni multimediali.

Il risultato finale sarà un cd nel quale saranno registrati brani composti ad hoc, frutto di
esperimenti e nuove produzioni, misti alle tradizioni musicali dei due Paesi; e un dvd che tenga
traccia dell'incontro fra i musicisti, e alcuni concerti che si svolgeranno a Dakar, a Perdaxius e
a Carbonia.
Il progetto, inoltre, prevede l'avvio di un percorso multiculturale di scambio di conoscenze e
competenze musicali di un gruppo di giovani artisti di Dakar, che attraverso seminari e workshop,
tenuti da personale specializzato dei diversi partner, saranno accompagnati nell'approfondimento

Ufficio Stampa:
culturale e storico delle proprie musiche tradizionali e contemporanee, anche mediante uso di nuove
tecnologie e strumentazioni multimediali.

Il progetto ha partecipato al bando sulla Legge regionale n. 19/96 su “Norme in materia di


cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale” e riguarda la
sezione “Valorizzazione patrimonio culturale e promozione del dialogo interculturale”.

Il via ufficiale al progetto sarà per giovedì 16 febbraio, quando partirà da Cagliari un gruppo di
lavoro per il primo vero passo del progetto. Il gruppo di lavoro composto, tra gli altri, da Marco
Lutzu, etnomusicologo dell'Università di Cagliari e il musicista Alberto Balia, coordinatore della
parte musicale, sarà a Dakar per gettare le basi di un ambizioso e innovativo progetto di
collaborazione tra il Sulcis Iglesiente e il Senegal.

###

Ufficio Stampa: