Sei sulla pagina 1di 6

Il grande confronto con l’arte antica.

Estetica ci porta più direttamente in quell’ambito

di storia della cultura, comparazione culturale che è il futuro della ricerca umanistica.

I classici ci danno gli strumenti.

PROTOCOLLI: relazioni in gruppo. PAOLO D’ANGELO: Lacoonte. Estetica e Lessing: autore


trasversale che ci interroga sulla cultura in generale, adatto a nostra contemporaneità.
Riflessioni sull’immagine attualissime. Insegna estetica Uni Roma Tre. Ricerche variegate:
estetica dal 700 a romanticismo tedesco, filo italiana, estetica del paesaggio, estetica
contemporanea di ambito analitico.

Classico dell’estetica.

Poetica di Aristotele, Scienza nuova di Vico, Critica del giudizio di Kant, Estetica Hegel e
Schelling. In questo quadro Lacoonte è opera con particolarità. No grande classico ma opera
straordinariamente influente. Letterariamente non è opera felicissima.

Artista figurativo a imitare poeta o viceversa. Nel dibattito contemporaneo sono emerse
discussioni simili. Scudo di enea e scudo di achille. Capitoli finali piccole aggiunte. Lessing aveva
scritto prima di Winckelman: storia dell’arte nell’antichità. Sembrano delle aggiunte rispetto al
corpo dell’opera. Teorici dell’arte, estetica. Le parti principali si trovano disseminate nel testo.
Ci sono parti polemiche, erudite, alcune debordanti come quella con spence, calusse etc.

Con tutti questi limiti/caratteristiche dell’argomentare del tempo. Opera resta opera
forndamentale: miniera dal punto di vista concettuale. Sdoganamento del brutto o pagine sul
terribile, disgustoso. L’impo del lacoonte sta nel grande tema enunciato nel sottotitolo:
confronto tra capacità espressiva delle singole arti, rapporti reciproci questione unità e
differenze. La grande questione del sistema delle arti e loro limiti che attraversa tutta storia
estetica moderna. Lacoonte ha avuto influenza enorme.

Lacoonte sembra indicare compito che si ripresenta nella storia dell’estetica. Storia
dell’estetica è costellata da nuovi lacoonti. André Gide, anni 30 900: ogni 30 anni rimetterla in
discussione accettarla o respingerla.

Fin da subito nella storia dell’estetica le generazioni hanno voluto ridiscutere il problema di
lessing e offrire propria sistemazione. Helder pubblica discussione tutta consacrata a
discussione di Lessing. Servette critiche di helder gran classico di estetica non tradotta in
italiano. Invece è tradotta una sulla scultura e pittura.

Fine ‘700 Schlegel nel suo scritto su studio poesia greca ripresenta problemi Lacoonte dicendo
che cultura moderna si caratterizza per mescolare generi artistici puri. Riprendere il problema
di Lessing. Shlegel si chiedeva come sarà possibile salvaguardare i confini fra le arti.
Salvaguardare differenze fra le arti.

1797 shlegel. Dopo 30 anni sistema delle arti di Hegel: reazione alla commistione delle arti
propria del romanticismo. Hegel da romantico diventa acerrimo nemico dei romantici. Sistema
dei generi artistici separati. H dice che arti commiste sono come i generi anfibi nelle specie
naturali, paragona le arti miste non strettamente classificabili come ornitorinchi dell’arte,
esseri che non si sa come classificare. Sistema delle arti di hegel: arti maggiori e arti minori
escluse categorialmente. Il concetto non si adatta a queste mescolanze estemporanee.
Schelling atteggiamento opposto. Mette in moto corrispondenze trasversali tra le arti:
architettura è musica congelata. Senso di un ripetersi degli sspetti delle arti l uno nell’altro.
Plastica nella musica è architettura.

Arti spaziali e arti temporali.

1910: un autore oggi poco noto ma all’epoca piuttosto famoso in America. Il nuovo Laoconte.
La polemica è con il romanticismo che mescola tutte le arti e alla volta di una posizione
antimodernista. Le arti devono stare separate non si devono mescolare, quanto piu si è
classici: identificabilità delle arti. Mescolare= derive romantiche da evitare. Vndit?

900 nasce con CINEMA mette in discussione: connessione arti visive e arti temporali che
sembrerebbe impossibile o cmq non praticabile sulla base della distinzione lessingiana.
Quando arriva cine ecco un modo che ci fa ripensare rapporto spazio e tempo: regista russo la
pensa cosi. C’è chi reagisce in senso lessingiano Arnheim: il film come arte pubblica il secondo
o terzo Nuovo Lacoonte: tesi è che cinema debe essere cinema, commistioni sonoro e
immagine sono indebolimenti capacità espressive del cinema.

1960 galvano della volpe critica del gusto, terza parte si chiama Lacoonte 1960. Idea di rifiutare
arti che si intrecciano fra di loro. Pregiudizio contro cinema sonoro, contro cinema a colori.

Qualche anni dopo SEMIOTICA: tentativi identificare linguaggi artistici si presenta come nuovo
Lacoonte. Il progetto Lacconte lineamenti di una estetic asemiotica.

Da pochi mesi pe uscito Renato Barilli: Per un nuovo Lacoonte una mappa delle arti nell’epoca
digitale. Cosa ci puo dire Lessing nell’epoca in cui le arti vanno verso il digitale

Opera che ha avuto tante riprese e riscrittura.

ORA OPERA STESSA

AUTORE: Lessing 1729 nasce vicino a Bresna studia teologia e medicina e intanto si dedica al
teatro. Opera teorica: Drammaturgia d’amburgo. Riflessioni sul teatro ch eriflette la sua
esperienza di regista, impresario teatrale, direttore teatro di amburgo. `protagonista dell
illuminismo tedesco, difende religione naturale rispetto a religione rivelata. Drammaturgo,
scrittore di teatro.

TITOLO interessante e provocatorio. SOTTOTITOLO: confini pittura e poesia. Titolo di una


scultura, gruppo marmoreo famosissimo. Conservato in vaticano, ina delle opere piu influenti
nella storia della scultura. Sacerdote troiano lacoonte hqa intuito stratagemma greci per
entrare nella citta vuole ammonire compratioti ma dei hanno deciso altrimenti e mandano due
serprenti a uccidere lui e i figli.

Statua ritrovata a roma nel 506 facendo scavi viene alla luce grosso gruppo marmoreo.

Giuliano Lasangallo come vede emergere questo lo collega a cio che dice plinio il vecchio nella
storia naturale: dice che questa statua è nell casa di tito imperatore. È l opera piu straordinaria
della pittura e statuaria ed è fatta in un unico blocco di marcmo. Fatta da polidoro etc. Scultori
tutti di rodi. L opera è questa ma ci sono problemi archeologici. Per esempio che realmente è
fatto da sette blocchi di marmo. Quando sono state ritrovate le sculture nella grotta di tiberio
vicino a sberlonga sono state torvate sculture con lafirma degli stessi artisti di rodi.

perA CHE ha di mira studio strumenti espressivi tra le arti ha come titolo scultura. CROCE
INTERPRETATIVA. La separazione delle arti vale per le altre arti ma non vale per pittura e
scultura. Non c’è differenziazione dei mezzi espressivi di scultura e pittura. Sovrapposizione
non crea problemi all’epoca di lessing. Fa parte della storia dell’arte. Quanto i pittori si sono
educati sulle sculture antiche.

Scultura è arte del tatto. Non solo della vista. Obiezione di Herder.

Attacco che faranno anche i romantici verso educazione pittore attraverso la scultura. Per i
romantici quello che conta è sche scrittura è arte pagana mentre scultura

Punto di partenza di lessing non è tanto questo che per lui è dato scontato. Quanto una
tradizione che lessing si colpisce direttamente: LA TRADIZIONE CHE RITIENE IDENTICHE O
LEGATE DA NESSI STRETTISSIMI LA PITTURA E LA POESIA. ACCOSTAMENTO ARTI VERBALI E
FIGURATIVE. Vecchio principio addirittura piu vecchio. Una formula originaria della
comparazine tra pittura e poesia risale al quinto secolo a. c. la poesiaè una pittura parlante
mentre pittura è poesia muta.

Arte poetica di ORAZIO: omogeneità fra le arti figurative e arti verbali.

Questo principio ha trovato applicazione, discussione molto estesa nel paragone delle arti:
fenomeno molto impo per l’estetica in cui a partire da 400 e soprattutto 500 le arti cominciano
a essere confrontate tra di loro.

Questo dibattito è antecedente

C’è chi fa operazione lessingiana: cosa puo fare un’arte o non puo fare es. Leonardo.
Superiorità pittura su poesia e scultura. Contrapposizione tra leonardo e pittore coi pennelli.

Il lungo dibattito sembra trovare un punto di equilibrio nella lezione sulla maggioranza delle
arti. Quale arte sia superiore alle altre di benedetto varchi: umanista, letterato che fa proprio
un confronto tra poesia e pittura e conferma l’assunto oraziano: sono due arti sorelle ma
soprattutto scultura e pittura sono una unica arte. Lessing è qui sulla scia del dibattito
cinquecentesco. Discussione su pittura e scultura.

Trionfa nel 600 e prima metà settecento. Idea arti sorelle. Pittura scultura ma anche poesia.
Arti con forti somiglianze espressive, forti convergenze. Domina idea che arti siano arti
congiunte, sorelle. Mario Pratz costruito intorno a questa equazione dominante nel seicento.
Fino prima meta settecento pittura e poesia convergenza.

Alla base della teoria degli emblemi studiata da Pratz) idea lettura allegorica delle immagini.
Imm

Grandi poemi: tanto piu grandi quanto danno origine a dipinti.giudicare la poesia in base a
pitture a cui da origine. KALUSSE francese pittore, archeologo e studioso. Tableaux

1757

Replica di lessing a queste posizioni muove di nuovo da una descrizione. La replica lessing la fa
scaturire da celebrerrima descrizione del Laccoonte fatta da Winckelman. La prende dai
pensieri sull’imitazione dell’arte greca. Opera che W aveva scritto quando ancora non era mai
stato in italia. P. 25 del Lacoonte Lessing descrizione di W del Lacoonte vaticano.enuncia
problema teorico da cui W parte.
Perché lo scultore non ha scolpito il marmo gridando tremendamente quando il poeta sí lo fa?

Perché il lacoonte in pietra non grida mentre quello letterario può gridare?

Greenberg ha scritto un nuovo Lacoonte, modernista totalment.e razionale, per la divisione. Il


posmoderno è architetture che sembrano sculture. Ormai la tecnica lo consente. Il
posmoderno è per l ibridazione dei linguaggi. Difficiel dire cosa è scultura. Arichitettura pittura
etc. IBRIDAZIONE DI LINGUAGGI

Ritorno della pittura pura

RIFORMULAZIONE VERBALE DELL’IMMAGINE. Cos apuo fare la critica d’arte rispetto


all’immagine, in che senso. Rapporto fra descrizione dell’opera. Rapporto fra descrizione
dell’opera e opera stessa. Il problema della critica d’arte.quanta critica d’arte ha vissuto dell
equivalente verbale. Celebrazione del critico d arte come scrittore. Tema lessingiano in
negativo. I grandi critici d arte che fanno grandi descrizioni fanno riprodurre verbalmente
un’opera che `equello che fa winckelman rispetto al lacoonte. Tradizione antichissima. Contro
lessing.

All’epoca non c’erano foto quindi per fare vedere opere o si descrivono o fare disegno. Altro
mezzo espressivo. Lessing non lo tematizza e se lo facesse dovrebbe rendersi conto che suo
discorso parte da sssunto che non è il suo cioè che le opere si possono descrivere verbalmente.
Anche se oggi abbiamo capacità di riproduzione dell immagine in quanto tale. Parlare di
scultura era difficile. Hegel per esempio in italia non c’è mai stato. Tutto ciò che dice lo dice per
aver visto delle copie. Winckelman parla del lacoonte prima di velo visto.

Perché Lacoonte non grida? Secondo w una sofferenza scomposta non si addice a un
personaggio nobile.

Ciò che è consentito in poesia non è consentito in pittura o scultura. Un volto sfigurato dal
dolore sono accettabili in poesia dove non li vediamo ma non in pittura perché deformano e
rendono brutto. Premessa che Lessing si affretta a enunciare: vera legge arti figurative è la
bellezza p. 30 e 31 “presso antichi la bellezza è stata somma legge delle arti figurative”.

Poesia si serve dis segni arbitrari mentre la pittura di segni naturali: passaggio logico che
compie lessing. Differenza segnica, semiologica (anni 60-80).

SPAZIO E TEMPO

Ulteriore passaggio in cui lessing fissa differenza tra arti spaziali e temporali.

Pittura: uno accanto all’altro colori no in uno spazio temporale. Invece poesia suoni articolati
nel tempo. Arti della contemporaneità e della successione. Lessing deduce da questa
differenza una prescrizione. Cose che la pitttura non puo fare e fa male ma ci sono anche

Limiti reciproci . una pittura che x non riesce bene perché la freccia debe essere obiettivo. In
pittura viene bene per esempio un banchetto= qualcosa che si fa in presenza. P. 70

Lessing passa a piano trascrittivo annuncia principio cheper lui diventa una prescrizione. Veri
oggetti pittura sono corpi, veri oggetti poesia sono aizoni.

Descrizione maga alcina canto settimo dell’ariosto.


Mentre pittore ci saprebbe dipingere benissimo la mano di alcina, il poeta si debe
accontentare di riformulazioni vaghe che non permette visualizzazione. Problema illustrazione
romanzi, cinema personaggi. Tante situazioni si potrebbero applicare a questo discorso.

Al contrario la pittura non riesce a raccontare bene le azioni.

Due esempi:

1. Pittore che vuole raffigurare contemporaneamente rapto sabine e riconciliazione


sabine con i parenti.
2. Pittore che vuole rappresentare storia figlio prodigo in un unico dipinto

Pittura medievale si rappresentava diverse azioni. È fatto di abitudine. Noi leggiamo i dipinti
tendiamo a leggere i dipinti da sx a dx. Pensiamo che se c¡’è una cosa a destra molto frequente
nella rappresentazione pittorica. Affreschi etc. Non è vero che non siamo in grado di
ripristinare temporalità dell immagine pero è principio che sposta pittura a qualcosa di non
pittorico ma letteriario. Pittura narrativa a episodi

ANTECEDENTI DI QUESTA POSIZIONE: LIMITI ARTI FIGURATIVE RISPETTO ARTI LETTERARIE

1. Analogia che lui non conosce. Trattato pittura di leonardo che è diventato noto piu
tardi. Difficolta arti verbali nella descrizione
2. Testi piu vicini a lessing. Passaggi nelle riflessioni crticihce della scrittura e pittura di
debousse. Testto strano. Argomenti che vanno nel senso di lessing. La pittura è piu
efficace nel mettere in mostra corpi. Debeau.
3. Lettera sui sordomuti diderot. Perché l espressione di un poeta diventa ridicolo sulla
tela. Agli antipodi di quello che diceva buon poema se si puo rappresentare sulla tela

Poesia puo rappresentare la bellezza in movimento= GRAZIA. Nella storia ha avuto tante
declinazioni. Movimento aggraziato, danza. Letteratura puo descrivere perché puo descrivere
uno sviluppo. Poesia puo trasformare le cose in azioni, oggetti in sviluppi, processi. Esempio è
scudo di achille in omero

Artii figurative non possono descrivere azione. Per ovviare questo limite momento fecondo o
PREGNANTE ci consente di capire cio che precede azione rappresentata. Par terzo e cap 3 pag
73.

Non sempre esposizione è felice. TEORIA MOMENTO FECONDO va rintracciata ma cmq non ha
impedito di diventare luogo comune teorico molto noto e ripreso. Problema temporalità
implicita immagine. Immagine non narrativa che non presenta scene successive ma anche
immagine singola la leggiamo successivamente.

Altri aspetti del testo non collegati a tesi principale arti visive arti temporali-spaziali.

RELATIVA LEGITTIMAZIONE DEL BRUTTO p. 98-99 capitolo tutto dedicato al brutto. Tesi
semplice: il brutto non si puo rappresentare in pittura pero invece in poesia puo essere
rappresentato. Snodo temporale. Esempi di lessing: siamo su una soglia epocale. Esempi tratti
da re lear e riccardo 3 di shakespeare ossia romanticismo, uscire dal classsicismo. Il brutto c’è
in sjekspear mentre no in racine, corneille. Ammette il brutto in poesia e non in pittura. Passo
successiva sara ammetterlo anche in pittura: grottesco, romanticismo nottursno. Cmq e
prescursore anche solo ammetterlo in poesia è passo nuovo. Classicismo non lo farebbe
nemmeno nella poesia. Infatti si rifa a autore non classico: shakspeare. Piena legittimazione
teorica del brutto con kant, hegel e rosenkrantz estetica del brutto. Appendice nel campo del
DISGUSTOSO. Lessing dice brutto si ma disgustoso no, nemmeno in letteratura. Il contatto con
parti corporee non accettate. Arte contemporanea fa molto uso di questi materiali.

Alternarsi epoche lacoontiche e anti lacoontiche. Oggi probabilmente ci troviamo in una epoca
ANTILACOONTICA. Sotto molti aspetti.

Voga iconologia: modo di parlare l’immagine, verbalizzare l immagine: lato critica.

Lato enorme proliferazione mezzi artistici: oggi si puo fare di tutto per fare arte, auto, carne
prodotti naturali, cera. Ogni mezzo è possibile per fare arte. Primo indizio enorme
ampliamento delle sfere. No materiali propriamente estetici. Messa in questione questione
temporalità e spazialità. Cinema e video. Arte visiva è istallazione, performance, messa in
scena. Abramovich cosa fa? Arte figurativa e teatro.azioni difficili da collocare in un’ottica
lessinghiana . questione bidimensionalità ormai completamente saltata. O questione
immobilità. Difficoltà ricondurre categorie lessinghiane territori espressione artistica arte
concettuale, body art etc. Forme che non stanno nello schema lessingiano.

Derrida memorie di cieco testo teorico anti lessinghiano. Sottolinea tutti elementi anti
lessinghiani. Il disegnatore come cieco. Far saltare distinzione tra arte visiva e arte tattile.
Matita del disegnatore come bastone del cieco, toccare invece che vedere. Idea temporalità
dell immagine. Elemento anti lacoonte. Per concludere veramente adesso cosa è vivo e cosa è
morto nel laccoonte a parere di paolo.

Vivo: attittudine analitica nei confronti delle arti. Come funzionanno mezzi espressivi delle arti.
Campo in cui l ha tanto da insegnarci e ha mostrato capacità di approfondimento eccezionali.
MORTO: Voltonà di dire quello che puo fare e non puo fare un altro. Ogni arte puo fare
tantissime cose che non ci immaginiamo. Spesso fare arte è fare cose che non ci immaginiamo
sia possibile fare. Ha intuitp questo limite della propria anlisi probabilmente perche inizio cap
26 frase:RAGIONARE TROPPO INTORNO ALL ARTE SOLO SULLA BASE DI CONCETTI GENERALI
prima o poi confutate nelle opere d arte. Salutare ammonimento contro tutte costruzioni
teoriche perché poi dalle arti possono venire le smentite.

L’espressività estrema è anti classica