Sei sulla pagina 1di 40

SCHEDE

TECNICHE DI
PRODOTTO
SCHEDE
TECNICHE DI
PRODOTTO
SOMMARIO
pag. 3
Gli edifici ASTRON
corrispondono alle vostre esigenze
pag. 4
Edifici su misura
pag. 5
Un sistema costruttivo completo
pag. 6
La struttura primaria
pag. 7
La struttura secondaria
pag. 8
Copertura PR
pag. 10
Copertura ASTROTEC
pag. 12
Copertura doppio strato DSR
pag. 14
Copertura POLAR
pag. 15
Copertura tipo SPACETEC /MULTITEC
pag. 16
Isolante ASTROTHERM
pag. 18
Parete PA
pag. 20
Parete EUROTEC
pag. 22
Parete SINUTEC
pag. 24
Parete SINUTHERM
pag. 26
Parete POLAR
pag. 27
Sistema di Parete a Cassetta
pag. 28
Contropareti PI/PG
pag. 29
Vie di corsa per carroponte
pag. 30
Soppalchi
2
GLI EDIFICI ASTRON
CORRISPONDONO
ALLE VOSTRE ESIGENZE

Astron è la società N°1 in EUROPA per la


fabbricazione di edifici in acciaio con: I VANTAGGI:
- più di 40 anni d’esperienza • Luci libere da 10 m fino a 100 m senza pilastri intermedi
- più di 35.000.000 di m2 di edifici costruiti • La qualità EN ISO 9001 : 2000
- settori di impiego • Il rispetto delle consegne e dei budget di spesa
(Fabbriche, centri commerciali,depositi, gara- • La corrispondenza ai particolari architettonici
ges, impianti sportivi, hangar, capannoni) • Una facilità per futuri ampliamenti
- capacità produttiva dello stabilimento pari a • Uno spazio coperto con la massima fruibilità
fino a 100 strutture alla settimana • Dei costi di manutenzione minimi
- una presenza commerciale in tutti i paesi Eu- • Una assistenza che si occupa di tutte le fasi del costruire
ropei. • Uno stabilimento con capacità produttiva di 70 edifici
alla settimana
• un grande gruppo Europeo vicino a voi
La capacità produttiva ASTRON è abbinata alla
competenza del concessionario ASTRON, un
professionista del settore che rappresenta:

- un interlocutore vicino a voi


- la soddisfazione delle esigenze vostre e di
quelle del vostro progettista in materia di
soluzioni costruttive
- un servizio completo
- una operazione chiavi in mano
- la conoscenza delle disposizioni di legge e
delle normative in materia di costruzioni
- tempi di consegna brevi e il rispetto dei costi
- una professionalità applicata ai tempi di mon-
taggio
- un servizio e delle prestazioni identiche in
ogni paese d’Europa.

3
EDIFICI
SU MISURA
Le dimensioni fornite qui di seguito rappresentano le situazioni più ricorrenti.
ASTRON può oltrepassare questi limiti con valutazioni e realizzazioni specifiche.

Tipologia * Qualisiasi dimensione intermedia è possibíle Luce Pendenza Altezza alla Interassi
** A seconda del sistema di co pertura del tetto grondaia dei portali
ASTRON, della larghezza e degli accessori (m) (%) (**) (m) (*) (m) (*)

AZM1 15,00 - 30,00 2 - 33 4,20 - 9,00


Edifici al luce libera, con pilastri 30,00 - 60,00 10 - 33 4,20 - 12,00
rastremati

AZM2 /3 / 4 M2 18,00 - 30,00 2 - 33 4,20 - 7,20


Edifici a luci modulari con pilastri 30,00 - 72,00 2 - 33 4,20 - 12,00
rastremati e pilastri intermedi M3 27,00 - 72,00 2 - 33 4,20 - 9,00
a sezione tubolare o H M4 36,00 - 72,00 2 - 33 4,20 - 9,00

AP 3,00 - 15,00 2 - 33 3,00 - 6,60


Edificio secondario ( Appendice)

5,00 - 12,00
AL 6,00 - 12,00 2 - 10 3,00 - 6,60
Edifici con copertura a pendenza co-
stante, pilastri ad ali parallele

AE 10,00 - 20,00 2 - 33 3,30 - 6,60


Edifici a luce libera, pilastri ad parallele

AS 42,00 - 72,00 20 5,40 - 9,00


Edifici a grande luce libera,
pilastri rastremati

AT variabile 33 4,2 variabile


Edifici ad uso sportivo (TENNIS, 50/17
CALCETTO) con pilastri ad ali
parallele, copertura a doppia
pendenza o poligonale

4
11 15
11

20
10 8 7

19
18 2
4 12

UN SISTEMA
3 5
13
16

COSTRUTTIVO
17
6
12

2
17

FLESSIBILE E
1
4

14 COMPLETO
1 Trave 6 Lamiera copertura 11 Estrattore circolare 16 Tettoia
2 Pilastro 7 Lamiera di parete 12 Portone sezionale 17 Parapetto
3 Controvento 8 Isolante 13 Portoncino pedonale 18 Vie di corsa per carroponte
4 Arcarecci 9 Grondaia esterna 14 Finestra 19 Carroponte
5 Correntina 10 Estrattore statico 15 Cupolino di colmo 20 Soppalco

Il sistema ASTRON vi consente:

- l’integrazione con i materiali più comuni per


IL SISTEMA ASTRON COMPRENDE:
costruire (mattoni, vetro, legno, calcestruzzo) • Tutti gli elementi di struttura primaria e secondaria
• Gli elementi di assemblaggio
- l’ottimizzazione dell’edificio in base: • 6 diversi sistemi di copertura
• 6 diversi sistemi di parete
• alle vostre specifiche esigenze • I fissaggi
• agli impieghi specifici • Le guarnizioni di tenuta
• agli imperativi della vostra attività (luci • L’isolante termico e acustico ASTROTHERM
libere senza pilastri intermedi per es. Da 10 m • Le contropareti
fino a 100 m) • Le parti di finitura
• Gli accessori integrati
- l’inserimento di pensiline: • Le vie di corsa per carroponte
• I soppalchi
• a prolungamento del tetto
• a parete

- l’esecuzione di parapetti:

• a parziale tamponamento
• a completa chiusura del tetto • Membro della Associazione Socotec Qualité
(F) N.304
- una produzione ed un montaggio di qualità: • Attestazioni e certificati tecnici Europei:
CSTB (F), EMI (H), TZUS (CZ), Boverket (S),
• certificazione EN ISO 9001 : 2000 ITB (PL), .....

5
LA STRUTTURA
PRIMARIA
La struttura primaria è l’insieme degli elementi
strutturali che trasmettono i carichi permanenti e
accidentali alle fondazioni.

LA STRUTTURA DI TESTATA:
I VANTAGGI: La struttura di testa è un portale leggero co-
• Una sezione dal profilo estetico stituito da pilastri a profilo ricostruito saldato,
• Un volume utile maggiore a disposizione laminati a caldo o per profilatura che sosten-
• Un montaggio facile, rapido e sicuro gono una trave a forma di Zeta profilata a
• Una eccellente adattabilità alle più diverse superfici freddo. I sistemi di bullonatura, le controven-
tature (a croce di S.Andrea) ed i bulloni di
ancoraggio completano il portale.

• Trattamenti:
- Gli elementi profilati a freddo sono zincati.
LA STRUTTURA PRIMARIA - Gli elementi laminati a caldo o ricostruiti
saldati ricevono la stessa protezione dei portali
COMPRENDE: intermedi.
• I portali intermedi
• I portali di testata LE CONTROVENTATURE:
• Le controventature
• Le mensole per carroponte La controventatura è il dispositivo che assicura
• Le strutture per i soppalchi la stabilità longitudinale dell’edificio sotto la
spinta delle forze orizzontali. Le croci di
S.Andrea sono disposte in copertura ed in pare-
CARATTERISTICHE: te in corrispondenza di uno o più interassi, in
base all’importanza degli sforzi ed alla lunghez-
I PORTALI INTERMEDI: za dell’edificio. Dei pilastri di controventatura o
dei portali a base incastrata possono rimpiazza-
Questa struttura è costituita da un portale i cui re la presenza delle croci di controventatura
elementi ad anima piena vengono realizzati ove in parete vi siano delle esigenze tecniche
con il procedimento PRS (Profilo Ricostruito o di natura estetica.
Saldato)
Nelle strutture a più moduli, i pilastri potranno NOTA: Per analoghe esigenze, la controven-
essere tubolari, a profili laminati a caldo oppure tatura del portale di testa può essere fatta con
a profilo ricostruito saldato. pilastri d’angolo in sostituzione delle contro-
Gli sbadacchi di stabilizzazione, la bulloneria ventature a croce.
ed i tirafondi completano struttura.
In generale il vincolo tra pilastro e fondazione
è del tipo a cerniera. In alternativa il vincolo è di LE MENSOLE PER LE VIE DI CORSA DEL CAR-
tipo ad incastro. ROPONTE:

• Qualità dell’acciaio utilizzato EN 10025, Le mensole di sostegno delle vie di corsa


parte 2 vengono dimensionate e bullonate sull’ala
- profili ricostruiti: S355J2+N della colonna.
- profili laminati a caldo: S 235 o S 355
LE VIE DI CORSA DEL CARROPONTE:
• Trattamenti:
- tutti i profili vengono sabbiati con un tratta- Vedere la sezione dedicata a tale argomento.
mento grado SA 2.5
- su ogni profilo viene applicata una verni- LA STRUTTURA DEI SOPPALCHI:
ciatura primaria (primer di colore rosso, blu o
grigio chiaro di spessore variabile da 80 mi- Vedere la sezione dedicata a tale argomento.
cron)
- in opzione, una verniciatura di protezione NOTA: Il documento "SPECIFICHE TECNICHE
puo’ venire fornita con uno spessore da 100 ASTRON" contiene più ampie informazioni sul
microns prodotto.

6
LA STRUTTURA
SECONDARIA
La struttura secondaria è l’insieme degli elementi di sostegno delle
lamiere di copertura e di parete con la funzione di
trasmettere i carichi accidentali e addizionali alla struttura primaria.

LA STRUTTURA
SECONDARIA COMPRENDE: I VANTAGGI:
• Facilità di trasporto
• gli arcarecci • Protezione zincata totale
• le correntine di parete • Praticità di fissaggio della controparete
• i telai • Eventuale sede di passaggio per impiantistica

CARATTERISTICHE:
• Qualità d’acciaio ad alto limite elastico S 350
GD + Z 275, EN10326

GLI ARCARECCI DI COPERTURA:

Gli arcarecci sono dei profili zincati a forma di


Zeta, ottenuti per profilatura a freddo.
Vengono disposti in corrispondenza dei portali
principali con sovrapposizioni che garantiscono
il funzionamento statico a trave continua.
Gli arcarecci di riva possono essere a profilo a
forma di C oppure a doppio Zeta.
Gli arcarecci sono fissati tra di loro ed alla
struttura tramite bulloni galvanizzati. arcarecci

LE CORRENTINE DI PARETE:

Le correntine di parete come gli arcarecci, sono


a profilo Zeta, zincate e realizzate per profilatura
a freddo.
I fissaggi sono di due tipi:

- in continuo, con posizionamento all’esterno


dei pilastri e reciprocamente bullonate a trave
continua.
- all’interno delle due ali dei pilastri, con vin- correntine di parete
colo isostatico, tramite delle asolature e delle (trave continua)
mensole per il fissaggio.

Entrambi i sistemi sono possibili per le pareti la-


terali e per le testate.

I TELAI:

I telai per le finestre ed i portoni sono essen-


zialmente dei profili a forma di L , di C o di Ze-
ta, ottenuti per profilatura a freddo di coils zin-
cati.
correntine
di parete
(trave isostatica)

7
COPERTURA PR
La copertura PR è costituita da una lamiera di protezione in
acciaio preverniciato, fissata con viti autoperforanti agli
arcarecci; guarnizioni e giunti a profilo, in schiuma di neoprene,
garantiscono la tenuta all’acqua.

ISES ATOUTS:
VANTAGGI:
• Una soluzione economica e funzionale
CARATTERISTICHE:
• La copertura più venduta (referenze pari a più di
• Solution
20 économique
milioni di m2) et fonctionnelle LA LAMIERA PR (Pannel Roof):

• Un profilo piacevole sur le marché (1,5 millions de mètres
Toiture la plus répandue
La lamiera PR è in acciaio nervato profilato in
• carrés vendus) rapido e semplice
Un montaggio
• Simplicité et rapidité
• Un abbattimento de mise buono
acustico en oeuvre continuo da coils preverniciati.
• Nombreux accessoires
• I fissaggi con viti inox spécialement développés
• Qualità dell’acciaio secondo la EN 10326 e
• Guarnizioni di tenuta all’acqua e all’aria con spessori nominali:
• Accessori specificatamente sviluppati. - S 550 GD per uno spessore nominale di
0.55mm
- S 350 GD per uno spessore nominale di
0.63mm
• Larghezza utile: 900 mm (3 moduli da 300
mm)
• Altezza delle nervature principali: 32 mm
• Altezza delle nervature secondarie: 5 mm
• Trattamenti protettivi di due tipi:
- Trattamento dell’acciaio:

> Il nucleo d’acciaio è protetto su ogni lato da


uno strato di ALUZINCO.
- Trattamento di verniciatura:

> Il nucleo di acciaio è protetto su ogni lato da


25 µ superpolyestere o uno strato di zincatura, di GALFAN o di ALU-
185 g/m2 ALUZINCO PVDF, primer incluso ZINCO.

acciaio protetto con: > Il rivestimento esterno è costituito da uno


275 g/m2 zinko strato primario sul quale si applica un tratta-
Nucleo di acciaio 150 g/m2 ALUZINCO mento:
oppure 255 g/m2 GALFAN • superpoliestere
• oppure PVDF
185g/m2 ALUZINCO 8 µ protezione interna in una ampia gamma di colori.
> Altri rivestimenti su richiesta.

I FISSAGGI:

La lamiera PR viene fissata alla struttura


secondaria tramite delle viti autoperforanti in
acciaio inox (Ved. disegno)
Le viti sono provviste di una rosetta conica in
acciaio, sulla quale è stata vulcanizzata una
rosetta sigillante di materiale morbido ed
elastico in grado di resistere, mantenendo una
plasticità durevole, ai raggi UV ed alle
intemperie.
LA STRUTTURA SECONDARIA:

8
LA STRUTTURA SECONDARIA:

La struttura secondaria è essenzialmente


costituita da arcarecci a forma di Zeta,
generalmente posizionati ad interasse di 1.50 m.
(Ved. capitolo "Struttura secondaria")

LA TENUTA ALL’ACQUA:

La tenuta all’acqua in corrispondenza delle


sovrapposizioni longitudinali e trasversali è
garantita da un giunto di tenuta autoadesivo
che rimane morbido tra le lamiere, assicurando
l’impermeabilità.
Ai bordi la tenuta si completa con un profilo
sagomato in neoprene (Parapasseri).

ISOLANTE Spessore 40 50 60 80 80 100* 120*


ASTROTHERM: (mm) +Isob. +Isob.+Isob.
La lamiera PR in accoppiamento con l’isolante Um [W/(m2·K)] 0,99 0,91 0,77 0,57 0,48 0,43 0,39
ASTROTHERM consente di ottenere un comfort * Per questi spessori, l’isolante è spedito in 2 rotoli
termico ed acustico per l’intera copertura. (Ved.
capitolo "ASTROTHERM")

ACCESSORI:
Una ampia gamma di accessori è stata speci-
ficatamente sviluppata per essere integrata al
profilo della lamiera, permettendo un comple-
tamento della copertura con accessori di qualità,
di buona finitura e di eccellente tenuta.

- traslucidi a semplice a doppio strato


- evacuatori di fumo
- aperture nella copertura
- aeratori statici lineari o circolari
- cupolini
- camini e attraversamenti

CERTIFICAZIONI:
• Certificazione Francese:
Avis technique (CSTB): N° 5/02-1572
• Certificazione Tedesca:
Zulassung N° Z-14.1-88

NOTA: Il documento " SPECIFICHE TECNICHE


ASTRON" ed il classificatore "ACCESSORI"
contengono ancor più ampie informazioni sul
prodotto.

9
COPERTURA
ASTROTEC
La copertura ASTROTEC detta "flottante" è costituita da
lamiere piane con i bordi rialzati che vengono fissate agli
arcarecci mediante supporti scorrevoli; la tenuta all’acqua
è assicurata da una guarnizione.

I VANTAGGI: CARATTERISTICHE:
• Lamiera con tecnologia ad incastro
• Tenuta all’acqua totale LA LAMIERA ASTROTEC:
• Aspetto estetico gradevole
• Nessuna vite passante attraverso la lamiera E’ una lamiera in acciaio piano ottenuta per
• Libera dilatazione della copertura profilatura a freddo con i bordi rialzati ,in cui è
• Assenza di ponti termici inserita in fase di fabbricazione, una guar-
• Durabilità nizione per la tenuta all’acqua.
• Numerosi accessori specificatamente studiati
• Qualità dell’acciaio: S 350 GD secondo le EN
10326
• Spessori nominali:
- 0,63 mm
- oppure 0,75 mm

• Larghezza utile: 600 mm


• Altezza delle nervature: 76 mm
• Trattamenti di protezione:
Il nucleo di acciaio è protetto in ogni lato da
uno strato di ALUZINCO.

I FISSAGGI:

• Fissaggi tra le lamiere

Le lamiere sono fissate longitudinalmente per


185 g/m2 ALUZINCO incastro dei bordi

• Fissaggi sugli arcarecci:


Nucleo di acciaio
Le lamiere vengono fissate agli arcarecci
mediante supporti scorrevoli incastrati nella
parte superiore tra le lamiere e nella parte
185 g/m2 ALUZINCO inferiore tramite viti autoperforanti.

Supporto scorrevole a baionetta I supporti scorrevoli (Ved. figura a lato) sono


composti da una parte fissa ed una mobile che
consente di seguire le dilatazioni della coper-
tura.

LA STRUTTURA SECONDARIA:

La struttura secondaria è essenzialmente


costituita da arcarecci a forma di Zeta con
interassi normalmente di 1.50 m (Ved. Cap.
"Struttura Secondaria")

10
TENUTA ALL’ACQUA:

• La tenuta longitudinale della lamiera è


garantita da una parte dal profilo delle
nervature che permette alle lamiere di
incastrarsi senza gioco e dall’altra per la
presenza della guarnizione che conserva nel
tempo le caratteristiche di morbidezza.
• La tenuta trasversale in corrispondenza delle
sovrapposizioni delle lamiere è assicurata da
guarnizioni in materiale adesivo e da un
collegamento metallico fissato con viti.

ISOLANTE
ASTROTHERM:
Spesore 50 60 80+ 100* 120*
Il posizionamento dei fissaggi scorrevoli a
baionetta tra le lamiere e la struttura secondaria (mm) +Isob.
consente la creazione di uno spazio che Um [W/(m2·K)] 0,85 0,65 0,42 0,42 0,39
consente la posa del materiale isolante *Per questi spessori, l’isolante viene spedito in 2 rotoli
ASTROTHERM senza alcuna compressione
dello strato isolante.
I ponti termici sono minimi e la prestazione
termica totale della copertura è elevato.

ACCESSORI:
Per il posizionamento degli accessori più
comuni, questo tipo di lamiera prevede degli
elementi di raccordo al proprio profilo. In tale
maniera è possibile prevedere delle aperture e
di posizionare gli evacuatori di fumo, i cupolini
a volta, dei semplici camini etc.

CERTIFICAZIONI:
• Certificazione Francese:
Avis tecnique (CSTB): N° 5/00-1487
• Certificazione Tedesca:
Zulassung N°Z-14.1-190

Nota: Il documento "SPECIFICHE TECNICHE"


ed il classificatore "ACCESSORI" contengono
ancor più ampie informazioni tecniche sul
prodotto.

11
COPERTURA
DOPPIO STRATO
La copertura doppio strato è realizzata da una copertura interna di tipo
tradizionale, tipo PR, sulla quale viene posizionata una struttura ausiliaria di
supporto per una lamiera esterna del tipo PR o ASTROTEC. Lo spazio
compreso tra le due lamiere viene destinato all’inserimento dell’isolante in
di vetro.
I VANTAGGI : CARATTERISTICHE:
• Elevata capacità isolante
• Eccellente classificazione di resistenza al fuoco LA COPERTURA INTERNA:
• Ottima correzione acustica con lamiera microforata
• Aspetto estetico curato Si tratta della lamiera PR. Le caratteristiche sono
• Montaggio facile e rapido le medesime della copertura PR. (Ved. a tale
proposito la sezione specifica di tale prodotto).

LA STRUTTURA DI SOSTEGNO:

La struttura di sostegno intermedia è costituita


da:
• Distanziatori OMEGA in acciaio zincato di
diversa altezza in base al coefficiente di
isolamento desiderato e fissati sull’orditura de-
gli arcarecci tramite viti autoperforanti passanti
la lamiera PR.
• Profili zincati a cavallo dei distanziatori
OMEGA sui quali sono fissati tramite viti
autoperforanti. Tali profili sono di norma
completati dall’inserimento di ISOBLOC sul
lato superiore, a condizione di la lamiera
esterna sia del tipo PR.

LA COPERTURA ESTERNA:

La lamiera di copertura può essere del tipo PR o


ASTROTEC. Per entrambe si fa riferimento alle
schede specifiche di prodotto.

ISOLANTE
ASTROTHERM:
Spessore 100 120 200 La lamiera PR in quanto tale svolge già la fun-
(mm) (50+50) (60+60) (60+60+80) zione di paravapore. L’isolante in lana di vetro
di spessore 100-120 fino a 200mm, occupa l’in-
Um [W/(m2 ·K)] 0,38 0,32 0,19 terspazio tra le due lamiere e richiede una posa
in opera semplice e rapida senza giunzioni par-
ticolari.
Inoltre l’assenza totale di colle consente una ec-
cellente classificazione di reazione al fuoco (A1
secondo le EN 13501-1).
Il principio di costruzione di tale tipologia di co-
pertura riduce considerevolmente i rischi di con-
densazione poiché in corrispondenza degli ar-
carecci non vi è alcun ponte termico.

12
LAMIERA INTERNA
MICROFORATA:
Qualora fosse richiesto un miglioramento del Nota: Il documento " SPECIFICHE TECNICHE
comfort acustico interno, il pannello PR può ASTRON " ed il classificatore " ACCESSORI "
venire fornito in una versione microforata ( circa contengono più ampie informazioni sul prodot-
25% ) . In tale caso viene denominato PG. to.

Per rendere ancora più estetica l’aspetto di tale


lamiera viene integrata la fornitura della fibra
isolante con un paravapore di colore nero.

ACCESSORI:
Gli accessori specificatamente studiati per es-
sere inseriti sulle lamiere ASTRON tipo PR ed
ASTROTEC si adattano perfettamente a tale
copertura garantendo una perfetta tenuta
idraulica.

13
COPERTURA
POLAR
La copertura POLAR é un sistema tetto completo realizzato con pannelli
sandwich. Il sistema tetto comprende ogni necessaria sottostruttura
secondaria per realizzare aperture, i sistemi di fissaggio e le scossaline ed
i profili di finitura.

CARATTERISTICHE:
I VANTAGGI:
• Elevato grado di isolamento termico PANNELLI POLAR:
• Finitura interna ad aspetto uniforme
• Rapidità di posa Diverse tipologie e differenti spessori possono
• Capacità portante per carichi elevati fare parte del sistema tetto POLAR.
• Numerosi accessori specificatamente sviluppati.
I pannelli sono conformi alle normative nazio-
nali ed alle specifiche di prodotto.

Si tratta di un accoppiamento di due lamiere in


acciaio nervato e preverniciato ottenute per
profilatura in continuo, che racchiudono uno
strato isolante di schiuma poliuretanica espansa
iniettata in impianto continuo senza impiego di
CFC.

I pannelli POLAR vengono prodotti a partire da


coils in acciaio zincato e sono disponibili in
differenti colorazioni e diversi trattamenti pro-
tettivi della lamiera esterna.

La superficie esterna della lamiera puo’ avere


diverse tipologie di profilatuta.

I valori U dei diversi prodotti sono in base ai dati


pubblicati dai produttori dei panelli.

I FISSAGGI:

Il pannello sandwich POLAR è fissato sugli


arcarecci di copertura con viti provviste di una
rosetta conica in acciaio sulla quale è stata
vulcanizzata una guarnizione in materiale
plastico durevole ed in grado di resistere nel
tempo.

LA STRUTTURA SECONDARIA:

La struttura secondaria è essenzialmente


costituita da arcarecci a forma di Zeta con
In corrispondenza della riva la tenuta è ulteri- interasse di norma variabili da 1.50 m e 3.0 m.
ormente assicurata da un profilo di chiusura in (Ved. capitolo "Struttura Secondaria")
neoprene.
LA TENUTA ALL’ACQUA:
ACCESSORI:
La tenuta all’acqua in corrispondenza delle
Una ampia gamma di accessori sono stati sovrapposizioni longitudinali e trasversali dei
specificatamente sviluppati ed adattati al profilo pannelli è garantita da un giunto di tenuta
del pannello per garantire impermeabilità ed adesivo che rimane morbido nel tempo senza
estetica. invecchiare ed assicura l’impermeabilità.

14
COPERTURE TIPO
SPACETEC /MULTITEC
Entrambi i sistemi tetto impiegano lamiere in acciaio profilato e consentono la
realizzazione in opera delle coperture. SPACETEC è un sistema senza arcarecci, le
lamiere con alta nervatura vengono fissate direttamente sulla carpenteria principale.
MULTITEC è un sistema che viene fissato sugli arcarecci di copertura.

TETTO IN LAMIERA SPACETEC :


I VANTAGGI:
La copertura con lamiera profilata a freddo copre • Una vista piacevole ed estetica della copertura dall’interno
completamente l’interasse tra le colonne e viene dell’edificio : adatta per edifici del tipo sportivo, supermercati,
montata con i profili paralleli al colmo. showrooms, aeroporti, etc
• Pendenza del tetto 2-3% • Realizzazioni di parapetti semplici ed economici
• Possibilità di riduzione delle altezze di colmo
Il lato interno è zincato oppure verniciato grigio • Montaggio rapido e semplice.
con protezione in superpoliestere. • Accessori completamente integrati
Il grado di coibentazione del tetto è in funzione
del tipo di abbinamento con gli altri materiali
impiegati nella costruzione del tetto.

FISSAGGI :

Le lamiere SPACETEC vengono fissate diretta-


mente sulla ala esterna della struttura principale
con speciali chiodi in acciaio.
Le sovrapposizioni delle lamiere vengono otte-
nute con specifiche viti di cucitura.
SPACETEC non necessita di struttura secondaria.
La struttura secondaria è costituita unicamente
dalle controventature di falda. Nella parte infe-
riore dell’ala del portale vengono posizionati dei
semplici tubi di compressione per la tramissione
degli sforzi alle barre di controventatura. Telai per
aperture vengono forniti nello spessore della
lamiera di copertura.

TETTO MULTITEC CON GUAINA :


I VANTAGGI:
Il sistema tetto MULTITEC consiste in lamiere in
acciaio nervato. • Realizzazioni di parapetti semplici
• Idoneo per coperture di forma complessa
Il lato interno è zincato o verniciato bianco con • Possibilità di realizzare canalizzazioni di drenaggio
protezione in superpoliestere. • Elevate prestazioni termiche e di isolamento (in relazione agli
abbinamenti con gli altri materiali)
Il grado di coibentazione del tetto è in funzione • Possibilità di riduzione delle altezze di colmo
del tipo di abbinamento con gli altri materiali
impiegati nella costruzione del tetto.

I FISSAGGI :

Le lamiere MULTITEC vengono fissate sulla


struttura secondaria con viti autofilettanti. Le so-
vrapposizioni delle lamiere vengono ottenute con
specifiche viti di cucitura.
La struttura secondaria è normalmente del tipo a
profilo “ Z “ con interasse di 1,50 m interposti alle
strutture primarie.

15
ISOLANTE
ASTROTHERM
ASTROTHERM è un insieme isolante composto da un rotolo di lana di vetro
su cui viene applicata per mezzo di un collante adesivo, un film rinforzato
con funzione di paravapore. In aggiunta si può posizionare il feltro
isolante ISOBLOC per attenuare i ponti termici ed i coprigiunti
ALUSTRIP per migliorare l’aspetto estetico.

I VANTAGGI:
• Comfort termico ed acustico
• Elevato coefficiente di isolamento IL PARAVAPORE:
• Fornitura "su misura"
• Eccellente tenuta nel tempo Si tratta di un film rinforzato da una tramatura
• Ampia scelta di paravapore in fibra di vetro, incollato direttamente sull’iso-
• Rapidità di montaggio lante.
• Ottimi valori di reazione al fuoco
Il paravapore deborda sui due lati dalla lana di
vetro, così da formare due linguette per con-
sentire la cucitura dei rotoli. Queste stesse so-
no rinforzate da una doppia tramatura.
1200 mm Le caratteristiche dei tipi di paravapore disponi-
bili (ASA, AVS, MPS,KAS) sono indicate qui di
seguito.
La classe di reazione al fuoco ne determina il
loro impiego.

L’ADESIVO:
80 mm 60 mm
L’adesivo impiegato per unire il rotolo di isolan-
te e il paravapore consiste nella applicazione di
una colla adittivata con un prodotto specifico
per diminuire l’infiammabilità.

LA POSA IN OPERA:

CARATTERISTICHE: L’ isolante ASTROTHERM viene srotolato e


tesato sopra gli arcarecci e sopra le correntine
L’ISOLANTE: di parete (eccette nelle coperture a doppio stra-
to). La giunzione laterale dei rotoli viene fatta
Si tratta di un rotolo di lana di vetro di 1^ qua- per doppia cucitura delle linguette in modo da
lità a tessitura molto omogenea e senza residui ottenere la continuità del paravapore stesso.
di altro materiale, a base di fibre allungate ed
impregnate di resina termoindurente. L‘ ISOBLOC:

• Densità usuale: 16 kg/m3 Questi feltri di isolante disposti in corris-


• Conducibilità termica +/- 0,036 W/m·K pondenza degli arcarecci e delle correntine di
parete con la funzione di attenuare i ponti
• Spessori nominali (secondo NF B 29-201): termici.
40, 50, 60, 80, 100 e 120 mm Gli ISOBLOCS vengono realizzati in strisce a
• Larghezza utile: 1,20 m partire da elementi estrusi in polystirene.

• Lunghezza: i rotoli di isolante sono prodotti di


L’ ALUSTRIP:
lunghezza esatta per le esigenze di posa.
L’ALUSTRIP è una striscia laccata di alluminio e
• Consegne: ogni rotolo di isolante viene tesata sopra gli arcarecci in corrisponden-
ASTROTHERM è protetto da un sacco za delle giunzioni dei rotoli di isolante. In tale
di plastica ed è identificato per facilitare la modo si facilita la posa dei rotoli e coprendo il
corretta istallazione. giunto si migliora la finitura estetica.

16
Spessori
COEFFICIENTE DI nominali
(mm)
40 50 60 80 100
CONDUCIBILITÀ TERMICA:
U[W/(m2·K)] 0,78 0,64 0,54 0,42 0,34
COEFFICIENTE DI CONDUCIBILITÀ
TERMICA KU DELL’ ISOLANTE
NON INSTALLATO:
Spessori nominali
(mm)
40 50 60 80 80+ 100 100+ 120 120 + 200
I valori di U per ASTROTHERM permettono di
confrontare reciprocamente i differenti isolanti. PR 0,99 0,91 0,77 0,57 0,48 – 0,43* – 0,39 –

Copertura
COEFFICIENTE MEDIO DI ASTROTEC – 0,85 0,65 – 0,42 0,42* – 0,39* – –
CONDUCIBILITÀ TERMICA Um
DELL’ISOLANTE INSTALLATO: [W/(m2 K)] DSR – – – – – 0,38* – 0,32* – 0,19**
PA 0,90 0,71 0,56 0,48 0,44 – 0,36 – – –
Parete
I valori di Um riportati, si basano su misure SINUTEC
rilevate in strutture ASTRON che sono state EUROTEC 0,78 – – 0,43* – 0,36* – 0,29* – –
montate secondo le indicazioni e le prescri-
zioni fornite. I valori Um sono la media pon- + con ISOBLOC
* per questi spessori, l'isolante ASTROTHERM è spedito in due strati
derata del sistema parete e tetto totalmente chiu- ** per questi spessori, l'isolante ASTROTHERM è spedito in tre strati.
si; essi si basano su interassi standard di arca- Um coefficiente medio di conducibilità termica dell'isolante in opera, senza aperture, etc...
recci e correntine di parete, senza inserimento
di alcun accessorio o di altre strutture. Devo-
no essere considerati come preliminari e indi- CARATTERISTICHE DEI PARAVAPORE
cativi. Tipo Classificazione di Definizioni I vantaggi
reazione al fuoco
CERTIFICAZIONI: EN 13501-1
ASA A1 Film di alluminio preverniciato < non infiammabile
A tale proposito vogliate consultare la brochure + rete di rinforzo in fibra vetro < colore grigio chiaro
”ASTRON BUILDINGS European Approvals”. + film di alluminio

AVS A2-s1, d0 Film di alluminio preverniciato < eccellente


classificazione
+ rete di rinforzo in fibra di vetro al fuoco
+ film di PVC < aspetto gradevole
< colore grigio chiaro
< modesta
permeabilità al vapore
acqueo
< ottimo rapporto
qualità/prezzo

MPS D-s3, d0 Film di vinile < resistente e soffice


+ rete di rinforzo in fibra di vetro < apparenza piacevole
+ film poliestere metalizzato < colore bianco
< buon coefficiente di
di riflesso della luce
< facile alla posa in
opera
KAS C-s1, d0 Film di alluminio <eccellente
classificazione
+ rete di rinforzo in fibra di vetro al fuoco
+ carta Kraft < debole permeabilità
al vapore acqueo
< colore di alluminio
< economico

Nota: il KAS non può venire impiegato che in abbinamento con una controlamiera in parete
o in copertura
(1) Rapporto di certificazione del CSTB n°CR 22976(AVS,MPS,KAS) e n° RE 35295 (ASA)
(2) DIN 4102 parte 1

17
PARETE
PA
La parete PA viene realizzata con lamiere in acciaio profilate e
fissate per mezzo di viti autoperforanti sulla orditura
secondaria.

I VANTAGGI: CARATTERISTICHE:
• Una soluzione economica, funzionale e duratura.
• Un elegante profilo con morbide nervature LA PARETE PA:
• Una facile sostituzione per eventuali riparazioni
• Un montaggio rapido e semplice E’ una lamiera nervata in acciaio preverniciato,
• Una ampia gamma di colori sagomato per profilatura con procedimento in
• Una protezione superficiale di qualità continuo a freddo.
• Degli accessori specificatamente studiati
• Scossaline e lattonerie già integrati • Qualità dell’acciaio: S 350 grado D secondo
EN 10326
• Spessore nominale: 0.50 mm
• Larghezza utile: 900 mm (3 moduli da 300
mm)
• Altezza delle nervature: 29 mm
• Trattamenti protettivi:

> Il nucleo d’acciaio è trattato su ogni lato da


uno strato di zinco, di GALFAN oppure di
ALUZINCO.

> Il rivestimento esterno è costituito da uno


strato protettivo di primer sul quale viene
applicato una protezione di superpoliestere o
di PVDF, colorato in una ampia gamma di co-
29 mm

lori.

> Il rivestimento interno è uno strato protettivo


di colore grigio chiaro.
900 mm

I FISSAGGI:

La lamiera PA e fissata alla baraccatura tramite


viti autoperforanti in acciaio con testa in nylon
25 µ superpolyestere o dello stesso colore della lamiera.
PVDF, primer incluso
acciaio protetto con:
275 g/m2 zinco
LA STRUTTURA SECONDARIA:
150 g/m2 ALUZINCO
oppure La struttura secondaria è essenzialmente
255 g/m2 GALFAN costituita da correntine di parete a forma di Z e
di C con interassi che variano da 1.80 m e 2.20
8 µ protezione interna m. (Ved. sez. "Struttura secondaria")

L’ISOLANTE ASTROTHERM:
La parete PA consente di posizionare, tra la la-
miera e la baraccatura, l’isolante ASTROTHERM,
Spessore 40 50 60 80 80+ 100+ permettendo un comfort termico ed acustico al-
(mm) +Isob. +Isob. l’interno dell’edificio.
Um [W/(m2 ·K)] 0,90 0,71 0,56 0,48 0,44 0,36

18
CONTROPARETE:
L’utilizzo di una controlamiera PI fissata alla ba-
raccatura secondaria, consente di ottenere dei
muri doppio strato in grado di assicurare una
maggiore finitura estetica nonché una protezio-
ne dell’isolante.

La controlamiera interna è disponibile anche


nella versione microforata (PG) in grado di au-
mentare l’assorbimento acustico interno.
(Ved. cap. " Contropareti ")

ACCESSORI:
Per garantire una eccellente tenuta all’aria e una
finitura accurata, e’ disponibile una gamma di
accessori integrati al profilo della lamiera PA.

- Porte a battente semplice o doppio


- Finestra in alluminio con profilo a taglio ter-
mico
- Pannello traslucido
- Griglia mobile di ventilazione
- Telai per portoni e finestre
- Scossaline di finitura e di raccordo

NOTA: Il documento " SPECIFICHE TECNICHE


ASTRON" ed il classificatore " ACCESSORI"
contengono più ampie
informazioni sul prodotto.

19
PARETE
EUROTEC
La parete EUROTEC è realizzata con lamiera a superficie goffrata,
con profilo a marcate nervature, fissata alla struttura secondaria per
mezzo di ganci interni senza che alcuna vite attraversi la lamiera.

I VANTAGGI: CARATTERISTICHE:
• Fissaggi nascosti e senza forature
• Aspetto esteticamente piacevole a superficie goffrata e LA PARETE EUROTEC:
con nervature profonde
• Solidità e sicurezza del tamponamento E’ una lamiera preverniciata in acciaio,
• Ampia gamma di colori sagomata per profilatura in continuo. La
• Qualità del trattamento: PVDF superficie esterna si presenta con un aspetto
• Durabilità goffrato.
• Numerosi accessori integrati.
• Qualità dell’acciaio: S 250 GD secondo EN
10326
• Spessore nominale:0.65 mm
• Larghezza utile:400 mm
• Altezza delle nervature laterali:80mm
• Trattamenti protettivi:

> Il nucleo di acciaio è protetto su ogni lato da


uno strato di zinco, di GALFAN oppure di
ALUZINCO.
80 mm

> Il rivestimento esterno è costituito da uno


40

strato di primer sul quale viene applicata una


protezione PVDF (Polifloruro di venile) colo-
rata in una vasta possibilità di colori.
400 mm > Il rivestimento interno è un primer di colore
grigio chiaro

I FISSAGGI:

La lamiera EUROTEC è fissata alla struttura se-


condaria per mezzo di ganci posizionati all’in-
terno e che non attraversano la lamiera.
Al piede le lamiere posano su un profilo su cui
vengono ancorate tramite bulloni zincati; per ta-
le scopo le lamiere sono preforate in stabilimen-
to.
I bulloni di fissaggio non sono visibili dall’ester-
no e ciò rende il pannello praticamente inamo-
vibile dall’esterno.

25 µ PVDF, primer
incluso LA STRUTTURA SECONDARIA:
acciaio protetto con:
275 g/m2 zinco La struttura secondaria è costituita essenzial-
150 g/m2 ALUZINCO mente dalle correntine di parete a forma Zeta e
oppure di C. L’interasse delle correntine dipende dalla
255 g/m2 GALFAN spinta del vento o da specifiche necessità co-
8 µ protezione interna struttive.
(Ved. sez. "Struttura secondaria")

20
ISOLANTE ASTROTHERM:
Diversi sistemi di isolante possono venire appli-
cati ad una parete EUROTEC. Si procede innan-
zitutto al riempimento delle onde della lamiera
con dei pannelli in fibra di vetro del tipo semiri-
gido. Questo isolante può essere ulteriormente
migliorato con l’aggiunta dell’isolante
ASTROTHERM o posizionando dei pannelli rigi-
di. Una controparete metallica o di altro tipo
può essere utilizzata a tale scopo.

CONTROPARETE:
Secondo il sistema di isolante impiegato, la con-
troparete sarà fissata sui bordi interni della la-
miera EUROTEC, oppure su di una orditura di
fissaggio. L’orditura diviene indispensabile qua-
lora la lamiera EUROTEC venisse isolata. Spessore 40 80 100 120
(mm) (40+40) (40+60) (40+80)
Um [W/(m2 · K)] 0,78 0,43 0,36 0,29
ACCESSORI:
E’ stata sviluppata una ampia gamma di acces-
sori perfettamente integrati con il profilo del
pannello EUROTEC in grado di garantire una ec-
cellente tenuta e una accurata finitura estetica:
- porte a semplice e a doppio battente
- telai per portoni industriali
- finestre in alluminio a taglio termico
- griglie di ventilazione mobili e regolabili
- parti di raccordo e di finitura etc.

NOTA: Il documento " SPECIFICHE TECNICHE


ASTRON " ed il classificatore " ACCESSORI "
contengono più ampie informazioni sul
prodotto.

21
PARETE
SINUTEC

La parete SINUTEC è costituita da lamiere in acciaio a


profilo sinusoidale, fissate dall'esterno alla
orditura secondaria tramite viti autoperforanti.

I VANTAGGI: CARATTERISTICHE:
•Lamiera posata in orizzontale con leggera onda sinusoidale
•Fissaggi esterni di modesta visibilità
•Ottime prestazioni termiche dovute all'isolante in fibra di ve- LAMIERA SINUTEC:
tro
•Controparete interna con vantaggio di mascherare la strut- Si tratta di una lamiera a profilo sinusoidale, pre-
tura secondaria verniciata ottenuta per profilatura a freddo.
•Lamiera microforata interna finalizzata al confort acustico
•Ogni tipo di finiture e scossaline di raccordo • Qualità dell'acciaio: S 350 secondo EN 10326

• Spessore Nominale: 0.75 mm

• Larghezza: 988 mm (13 moduli da 76 mm)

• Altezza delle onde: 18 mm

> Il nocciolo d'acciaio è ricoperto da uno strato


di zinco (275 g/m2).

> Il trattamento del lato esterno è ottenuto con


uno strato di primer seguito da uno strato di
superpoliestere, disponibile in una ampia
gamma di colori.

> Il lato interno è un primer di colore grigio


chiaro.

I FISSAGGI:

La lamiera SINUTEC è fissata alla struttura se-


condaria con viti di acciaio autoperforanti
complete di teste in nylon del colore della la-
miera.

LA STRUTTURA SECONDARIA:

La struttura secondaria è costituita da una sotto-


struttuta zincata ad orditura verticale, ancorata
alle correntine di parete a sezione Z oppure C
(Vedere il capitolo “Struttura secondaria”).
25 µ superpolyestere o
PVDF, primer incluso

acciaio protetto con:


275 g/m2 zinco
ISOLANTE ASTROTHERM:
Quando vengono richieste prestazioni termiche
8 µ protezione interna e/o acustiche, la parete SINUTEC consente un
agevole posizionamento dell'isolante ASTRO-
THERM tra la lamiera e la barraccatura di parete.
(Vedere il capitolo “Isolante ASTROTHERM”).

22
CONTROPARE INTERNA:
Spessore 40 50 60 80 80 100
La controparete interna PI viene fissata dal- (mm) +Isob. +Isob.
l'interno alla struttura secondaria creando Um [W/(m2 · K)] 0,90 0,71 0,56 0,48 0,44 0,36
cosi' una parete doppio strato, proteggendo il
materassino isolante e fornendo alla parete una
eccellente finitura ed estetica. La struttura
secondaria è in questo modo non piu' visibile.
La controparete interna puo' essere montata in
versione (PI) qualora fosse richiesto un
assorbimento acustico. (Vedere il capitolo
“ Contropareti ”).

ACCESSORI:
Una gamma di accessori, totalmente com-
patibili con il profilo di parete di lamiera SINU-
TEC, sono disponibilli per garantire una perfetta
ermeticità ed una gradevole finitura estetica:

- singole o doppie porte pedonali,


- telai per portoni carrai,
- telai per finestrature, persiane di ventila-
zione a parete,
- scossaline e gocciolatoi, …

23
PARETE
SINUTHERM

La parete SINUTHERM consiste in un pannello sandwich


ancorato alla baraccatura per mezzo di viti autofilettanti che
rimangono nascoste nelle sovrapposizioni longitudinali dei pannelli.

I VANTAGGI: CARATTERISTICHE:
• Pannello sandwich a posa orizzontale
• Fissaggi esterni non visibili LA PARETE SINUTHERM:
• Ottime prestazioni termiche dovute all'isolante
• Rapidità di montaggio Pannello costituito da due lamiere di acciaio
• Ogni tipo di finiture e scossaline di raccordo nervato, all'interno del quale viene iniettata una
schiuma di poliuretano senza CFC.

Il lato esterno del pannello ha delle piege a


forma sinusoidale, il lato interno del pannello
presenta delle leggere nervature.

Le connessioni verticali tra pannello-pannello


sono coperte da un profilo di raccordo in allu-
minio.
Un film trasparente e asportabile viene
applicato in fase di produzione per proteggere
la superficie esterna del pannello da eventuali
danni durante il trasporto e la movimentazione
in cantiere.

• Qualità acciaio: S 320

• Spessore Nominale dell'acciaio delle lamiere:


0,63 / 0,75 mm

• Spessore totale del pannello: 84 mm

• Altezza: 1000 mm (8 moduli da 125 mm)


84 mm

• Classificazione di reazione al fuoco: B-s3, d0


1000 mm secondo le EN 13501-1

• Coefficiente medio di dispersione termica:


0,34 W/(m2 · K)

25 µ superpolyestere o > I pannelli sandwich SINUTHERM sono


PVDF, primer incluso realizzati con una lamiera protetta su ambo i
lati da uno strato GALFAN e nella parte
nucleo di acciaio con superficiale del lato esterno da una strato di
20 µ GALFAN
superpoliestere o di PVDF.

> Il lato interno ha un rivestimento protettivo in


schiuma poliuretanica superpoliestere.

nucleo di acciaio con


20 µ GALFAN
15 µ superpolyestere,
primer incluso

24
FISSAGGI:

I pannelli sono fissati agli elementi di sostegno


tramite viti autofilettanti che rimangono na-
scoste nelle sovrapposizioni longitudinali. Le
sovrapposizioni dei pannelli ricevono in fase
produttiva l'applicazione di un efficace mastice
a scopo sigillante.

STRUTTURA SECONDARIA:

La orditura verticale , zincata e a sezione Z,


viene bullonata sulla baraccatura di parete che
a sua volta è di noma realizzata con profili a
sezione Z o C. (Vedere il capitolo “Carpenteria
secondaria”). Gli interassi tra le differenti
orditure sono in funzione delle condizioni
locali di vento.

ACCESSORI:
Una gamma di accessori, totalmente com-
patibili con il profilo del pannello SINU-
THERM, sono disponibilli per garantire una
perfetta ermeticità ed una gradevole finitura
estetica:

- singole o doppie porte pedonali,


- telai per portoni carrai, per finestre, per-
siane di ventilazione a parete,
- scossaline e gocciolatoi

CERTIFICAZIONI:
• Certificazione Tedesca: Zulassung No Z-10.4-232

25
PARETE
POLAR
La parete POLAR é un sistema di parete
completo realizzato con pannelli sandwich. Il sistema
parete comprende ogni necessaria sottostruttura secondaria
per realizzare aperture, i sistemi di fissaggio e le scossaline ed i profili di finitura.

CARATTERISTICHE:
I VANTAGGI:
• Elevato grado di isolamento PANNELLI POLAR:
• Una finitura di buon livello estetico
• Facilità di pulizia Diverse tipologie e differenti spessori possono
• Rapidità di montaggio fare parte del sistema parete POLAR.
• Numerosi accessori espressamente studiati
I pannelli sono conformi alle normative nazio-
nali ed alle specifiche di prodotto.
Si tratta di un accoppiamento di due lamiere in
acciaio nervato e preverniciato ottenute per
profilatura in continuo, che racchiudono uno strato
isolante di schiuma poliuretanica espansa iniettata
in impianto continuo senza impiego di CFC.
Le guarnizioni laterali inserite in idonee tracce
garantiscono la perfetta tenuta tramite un profilo
dentellato.
Una pellicola trasparente protettiva della verni-
ciatura, viene rimossa dalla superficie del
pannello dopo la posa, avendone protetto la
finitura durante il trasporto ed il montaggio.
I pannelli POLAR vengono prodotti a partire da
coils in acciaio zincato e sono disponibili in
differenti colorazioni e diversi trattamenti
protettivi della lamiera esterna.
La superficie esterna della lamiera puo’ avere
diverse tipologie di profilatuta.
I valori U dei diversi prodotti sono in base ai dati
pubblicati dai produttori dei panelli.

I FISSAGGI:

Il pannello sandwich POLAR è fissato sulla


baraccatura di parete con viti in acciaio con
testa in nylon oppure con fissaggi nascosti.

LA STRUTTURA SECONDARIA:

La struttura secondaria è essenzialmente


costituita da correntine di parete a forma di
ACCESSORI: Zeta e di C.

Per garantire una eccellente tenuta ed una L’autostabilità dei pannelli consente di realizzare
estetica curata, è stata sviluppata una gamma degli interassi delle correntine assai elevati, in
di accessori perfettamente integrati con il funzione dello spessore e della spinta del vento.
pannello POLAR. ( Ved. paragrafo "Struttura secondaria")

26
SISTEMA DI
PARETE A CASSETTA
Il sistema di parete ad orditura orrizzontale consiste in lamiere in accaio nervato fissate
direttamente con chiodi speciali sull’ala esterna della colonna del portale.
Il rivestimento esterno della parete puo’ venire montato sia in maniera verticale che
orizzontale.

CARATTERISTICHE:
I VANTAGGI:
PANNELLO CASSETTA: • Aspetto interno piacevole.
• Realizzazioni di parapetti semplici
Lamiera in acciaio preverniciato ottenuta per • Telai per aperture integrati nello spessore della parete
profilatura a freddo. • Possibilità di rivestimenti orizzontali o verticali
• Elevate prestazioni termiche e di isolamento acustico
• Spessori nominali (variabili) • Montaggio veloce

• Larghezza di protezione: 600 mm

• Profondità delle nervature: 120 mm

Il lato interno (rivolto verso l’interno dell’edificio)


è verniciato grigio con una protezione in super-
poliestere.

I FISSAGGI:

Le lamiere a cassetta vengono fissate sull’ala


esterna della colonna del portale mediante chiodi
speciali.

STRUTTURA SECONDARIA:

Il sistema di parete con lamiera cassetta tampona


completamente l’interasse tra le colonne senza
necessità di ulteriori strutture secondarie.

I telai delle aperture di piccola e media


dimensione vengono forniti dello spessore della
parete.

ISOLAMENTO TERMICO:
Un isolante in pannelli di fibra di vetro è stato in
modo specifico sviluppato per le pareti a cassetta.
E’ possibile l’ulteriore utilizzo di ISOBLOC in
corrispondenza delle giunzioni per la riduzione
dei ponti termici.

ACCESSORI:
E’ disponibile una ampia gamma di accessori
capaci di garantire la tenuta alle intemperie
senza tralasciare l’estetica.

27
CONTROPARETE
PI/PG
La controparete PI è costituita da lamiere in acciaio profilate e fissate per mezzo di
viti autofilettanti sulla struttura secondaria di tipo principale o di semplice supporto,
e da scossaline orizzontali e verticali che ne consentono la finitura.

in nylon dello stesso colore della controlamiera


I VANTAGGI: interna.
• Finitura interna particolarmente curata
• Eccellente correzione acustica (controparete microfora- LE SCOSSALINE:
ta PG)
• Protezione dell’isolante In corrispondenza dei pilastri, in cima o al pie-
• Rapido montaggio de della lamiera sono previste delle scossaline di
• Sostituzione delle lamiere indipendente da quelle finitura dello stesso colore della controlamiera
esterne interna.
• Baraccatura di parete non visibile
CONTROPARETE
MICROFORATA PG:
Quando viene richiesta una correzione del
rumore interno, la controparete prevede una
controlamiera microforata TIPO PG. La per-
centuale dei fori è dell’ordine del 25% mentre le
onde non sono forate.
Una tela di fibra di vetro di colore nero può
venire posizionata dietro la lamiera per mig-
liorare l’aspetto estetico.

CARATTERISTICHE:
LA PARETE PI:

Si tratta di una lamiera preverniciata in acciaio,


con nervature profilate a freddo in ciclo conti-
nuo.

• Qualità dell’acciaio: S 350 GD secondo EN


10326
15 µ superpolyestere o
• Spessore nominale: 0,47 mm PVDF, primer incluso

• Larghezza utile: 1200 mm acciaio protetto con:


140 g/m2 zinco o
• Altezza delle nervature: 18,5 mm 130 g/m2 GALFAN

• Trattamenti e protezioni: 8 µ protezione interna

> Il nucleo di acciaio è protetto su ogni lato da Lato nascosto


uno strato di zincatura o di GALFAN.
> Il trattamento esterno è costituito da uno strato
primario sul quale si applica una protezione in
superpoliestere in tinta secondo la gamma co-
lori A01. Tutte le altre caratteristiche e protezioni sono
identiche a quelle della lamiera PR.
I FISSAGGI:
NOTA: Il documento "SPECIFICHE TECNICHE
La lamiera PI è fissata alla struttura secondaria ASTRON" contiene maggiori informazioni sui
tramite viti autofilettanti in acciaio con testa prodotti.

28
VIE DI CORSA
PER CARROPONTE
Ogni edificio ASTRON può essere studiato per l’inserimento
di uno o più carriponte.

LA FORNITURA ASTRON DELLE VIE DI


CORSA:
I VANTAGGI:
Le vie di corsa prevedono: • Integrazione perfetta nel progetto ASTRON
• Interassi dei portali ottimizzati
• Le travi con rotaie di scorrimento 50 x 30 mm • Dimensionamento in conformità alle Norme ed alle
saldate in modo discontinuo,(il collegamento prescrizioni
sugli appoggi tra le travi si fa in accoppia-
mento sbieco)

• I pezzi di ancoraggio (clips e bulloni)

• Trattamenti standard delle superfici: travi e


rotaie sono sabbiate SA 2.5 e verniciate con
un primer di spessore da 20 fino a 40 micron

• Disegni di montaggio e relazione di calcolo.

OPZIONI:

• Rotaie di scorrimento 60 x 40 mm

• Vie di corsa laminate: da A 45 fino a A 100


(secondo la DIN 536 T1 e 2 (12.74))

• Respingenti (senza tamponi elastici)

• Preparazione per ulteriori trattamenti di


zincatura

CARATTERISTICHE:
CARROPONTE:

• Capacità massima di sollevamento: 15 ton


• Luce massima: 25 m
• Classificazione:
- H2, B3 (secondo Norme DIN) • Tipologia di carroponte: I (monotrave) e II (bi-
- Francese (secondo CTICM) trave)
• Sistema di sollevamento: a gancio
• Deformazioni:
VIE DI CORSA (STANDARD):
> opzione 1: orizzontale 1/500, verticale 1/500
> opzione 2: orizzontale 1/800, verticale 1/700 • Travi isostatiche o continue (secondo le possi-
> Nota: la deformazione ammissibile è in fun- bilità)
zione del carroponte e delle modalità di im- • Lunghezza delle vie di corsa (= all’interasse
piego; pertanto la scelta del tipo di opzione ri- dei portali) da 6 a 9 m ( limitazione a 8 m per
cade sotto la responsabilità dell’utilizzatore le capacità di sollevamento superiori a 12,5
e/o del fornitore del carroponte. ton).

• Un carroponte per ogni via di corsa o nel ca-


so di più carroponte, la capacità equivalente Nota: tutti i valori di capacità superiori saranno
ottenuta con l’aggiunta di distanziatori. valutati e studiati caso per caso.

29
I SOPPALCHI
I soppalchi sono realizzati di sovente negli edifici industriali e
commerciali. Corrispondono alla necessità di ulteriori spazi per lo
stoccaggio o per creare uffici interni al volume coperto.Prevedere
la loro presenza nella fase di progettazione di un edificio,
comporta sensibili economie, ben-
ché i soppalchi possano venire co-
I VANTAGGI: struiti su misura per edifici già
• Un unico fornitore per l’edificio e per il soppalco. esistenti.
• Aumento del volume utilizzabile
• Tempi di montaggio ridotti: la posa del soppalco è con-
temporanea all’edificio.
• Una qualità garantita dall’impiego di elementi prefabbri-
cati (acciaio o calcestruzzo)

ASTRON VI PROPONE QUATTRO TIPOLO-


GIE DI SOPPALCHI:

• Tecnologie innovative (impiego di elementi


prefabbricati in calcestruzzo):
- Sistema INODEK
- Sistema MONODEK
• Tecnologie tradizionali (impiego di calce-
struzzo gettato in opera)
- Sistema MULTIDEK
- Sistema COMDEK

SISTEMA INODEK:

La sezione asimmetrica delle travi (ala inferiore


maggiorata) consente la posa di elementi di
INODEK solaio (travi alveolari in calcestruzzo precom-
presso) sull’ala inferiore della trave.
Oltre alla ridotta altezza dello spessore del
solaio, questo sistema offre numerosi vantaggi:

• Utilizzo di elementi prefabbricati


• Tempi di costruzione ridotti
• Interasse dei pilastri fino a 7.50 m
• Una protezione antincendio di facile realizza-
zione (la sola ala inferiore viene protetta)
• La posa dell’impiantistica è facilitata perché
la presenza di travi in spessore consente di
inglobare il solaio nel profilo della trave.

SISTEMA MONODEK:

Le travi in acciaio sono costruite per la posa dei


solai prefabbricati in calcestruzzo.
L’elemento alveolare si posa sulle travi solita-
MONODEK mente situate tra gli assi dei portali dell’edificio
principale.

30
L’inserimento delle travi nel sistema costruttivo
consente di ottenere i seguenti vantaggi:

• Interassi che variano tra 5m e 9m


• Montaggi rapidi e facilitati
• Costi competitivi
• Un impiego ottimale dei materiali

SISTEMA MULTIDEK:

In generale, il calcestruzzo viene gettato sulla


lamiera in acciaio (cassero a perdere o soletta
collaborante).
Questo sistema offre i seguenti vantaggi:
MULTIDEK
• Luci fino a 9m
• Un interasse di norma pari a 3m, tra le travi
secondarie
• Una massima flessibilità per il posizionamen-
to di eventuali aperture o vani scala. questa
flessibilità esiste analogamente in termini di
progetto e di esecuzione del solaio.

SISTEMA COMDEK:

Le travi principali e quelle secondarie realizzate


con la controfreccia, sono dotate di connettori,
saldati sull’ala superiore. Questi assicurano la
collaborazione tra il getto in calcestruzzo armato
e aumentano la capacità portante del solaio.
L’interasse delle travi secondarie di +/- 2.5m,
concepito per un cassero metallico o con delle
predalles con un getto di calcestruzzo in opera,
riduce al minimo lo spessore del solaio.

L’alleanza tra la tecnica della costruzione mista


(acciaio-cemento) e l’impiego di acciaio ad alto
limite elastico, questo sistema consente di
ottenere i seguenti vantaggi:

• O grandi luci libere - si può arrivare fino a 16


m (a seconda dei carichi) - riducendo
considerevolmente il numero dei pilastri, COMDEK
consentendo così il migliore utilizzo dello
spazio sottostante.
• O elevati sovraccarichi.

Diversi sistemi di cassero possono venire


impiegati (Casseri tradizionali o metallici
oppure le predalles in calcestruzzo).

ASTRON può farsi carico della fornitura delle


travi alveolari e delle lamiere di cassero.

31
DETTAGLI DEI PRINCIPALI SOPPALCHI

massetto di finitura Pilastro

soletta

Trave max. 7,50 m


trave alveolare
INODEK
5 - 10 m

INODEK

massetto di finitura
Pilastro
soletta

trave alveolare Trave max. 9,00 m


MONODEK

5-12 m
MONODEK

max. 9,00 m

Trave
massetto di secondaria
finitura 2,00-3,00 m

soletta Trave
principale

cassero max. 8,00 m

trave secondaria

2-3m

MULTIDEK

max. 16,00 m

massetto di ± 2,50 m
finitura Trave
principale
soletta

max. 7,50 m
predalles,
cassero metallico Trave
secondaria
± 2,5 m trave secondaria

COMDEK

32
ALCUNE DELLE NOSTRE 33 000 REFERENZE...

Società Ubicazione Settore Superficie (m2)


ARBED D, L Produzione 20000
BERTRAND FAURE E, F, GB, PL Produzione, deposito, uffici 80200
BILLA PL Supermercati 23600
BMW B, D, DK, F, L, N Garage 18740
BRITISH AMERICAN TOBACCO RO, UA Produzione 13000
BROWN BOVERI CH Deposito 31000
CATERPILLAR B, E, NL Deposito 106600
CELATOSE D, E, F Produzione 41000
CHRYSLER B Distribuzione 33000
COCA-COLA RO Produzione, uffici 24580
DANZAS E, F Deposito 11500
DUPONT DE NEMOURS E, L Produzione 21000
EKOLAND PL Produzione, negozio 19400
ELECTROLUX F, H, L Produzione, deposito 25500
FASSON/AVERY L Produzione 18000
FIRESTONE E Produzione 13800
FTS F Produzione 32700
GOODYEAR F, L Deposito 32680
HÖRMANN CN, F, GB, H, PL, RUS Produzione 57000
IBM H Produzione 73500
INTERBREW B Deposito 10800
INTERMARCHÉ P, PL Supermercati 17500
ISOVER NL Deposito 30000
JOHNSON CONTROLS CZ Distribuzione 10000
KAWNEER/EURAMAX F, GB, NL Produzione 61000
KLASCO LV Deposito 8000
KLEBER D, F Deposito 102000
KRONOGROUP D, F, L, P, PL, RUS Produzione 250000
KRUPP D Produzione, deposito, uffici 18000
LUXAIR/AIRCARGO L Deposito 57000
LUXGUARD/GUARDIAN D, E, L, PL Produzione 347000
MAKRO PL Hypermercati 67000
MICHELIN E, F, P Deposito 12000
MITSUBISHI NL Distribuzione 10000
NATO D, L, NL Deposito 533000
NEMIROFF UA Produzione 15000
OSRAM F Produzione, deposito, uffici 14000
PARKER HANNIFIN CZ, D, F, PL, SK Produzione 33000
PEUGEOT D, F Garage, uffici 5300
PHILIP MORRIS H Deposito 6000
PHILIPS PL Produzione 33300
PILKINGTON PL Produzione 22600
RENAULT F Produzione, garage 11700
RWE D, DK Deposito 26500
SAMSUNG CN, D Produzione, uffici 24700
SCHWEPPES SUD Produzione, deposito, uffici 10000
SHELL E, F, NL Deposito 25000
SNCF F Deposito 12000
TONIC EMBALLAGE DZ Produzione 83000
VOEST ALPINE A Produzione, deposito, uffici 13000
ZANUSSI F Deposito 12500

33
Italia - Produzione

Ungheria - Stabilimento

Belgio - Produzione + Deposito

Portogallo - Supermercato

Germania - Produzione e Deposito

Lussemburgo - Uffici ed Industria

Germania - Uffici
Inghilterra - Uffici e Produzione

Francia - Produzione

Polonia - Uffici

Norvegia - Pattinaggio

Polonia - Uffici

Francia - Garage

Polonia - Deposito

Germania - Industria

U3
2006 stampato Dicembre 2005

ASTRON BUILDINGS S.A.


Route d’Ettelbruck
P.O. Box 152
L-9202 Diekirch, Lussemburgo
Tel.: +352 80291-1
Fax: +352 803466
info@astron.biz
www.astron.biz

ASTRON Buildings
Representative office
Via S. Martino Solferino 40
I-35122 Padova, Italy
Tel.: +39 333 3286388
Fax: +39 049 658367
info.it@astron.biz
www.astron.biz

ASTRON®, ASTRONET®, REFATEX® e CYPRION® sono marchi


registrati da ASTRON BUILDINGS.
© Copyright 1997-2005, ASTRON BUILDINGS.

Questa pubblicazione non é un documento contrattuale. Le informazioni


tecniche fornite in questo documento hanno valore indicativo e non coinvolge in
alcun caso la responsabilita dii ASTRON BUILDINGS o delle sue filiali. In caso di
contraddizione con altri documenti piú recenti, questi ultimi prevarranno.

A member of the Lindab Group


Stabilimento ASTRON a Diekirch (Lussemburgo): 28000 m2

Il vostro ASTRON Concessionario:

1.1
11
01/06
SSB 101-11