Sei sulla pagina 1di 1

Laterza diBooK EI X

Finestra

i
BooK

■ Nel VI secolo a.C., la produzione ceramica di Corinto ■ Agli inizi del V secolo a.C., e dunque alla fine dell'età
entrò in crisi a vantaggio dell'Attica, la regione greca con arcaica, emerse la figura del pittore Sosia. autore della
capitale Atene, che conobbe un momento di grande fervore bellissima SiVir di Achille e Patroclo [fig. 2.8]. La
produttivo. Gli artisti ateniesi presero infatti le distanze kjlix era una coppa da portata, caratterizzata da un piede
dallo stile decorativo delle origini e iniziarono a produrre piuttosto alto e dalla bocca molto larga. Sosia vi dipinse
una pittura caratterizzata da scene a carattere narrativo una scena in cui Achille cura il braccio ferito di Patroclo,
2.5 Olpe Chigi, particolare.
abilmente composte. Si distinse, in questo contesto, il pittore che, seduto sul proprio scudo, mostra la gamba destra di
Exechias. Attivo fra il 550 e il 525 a.C. e grandemente scorcio, ossia piegata e rivolta verso lo spettatore. Le 2.8 Sosia, Kitlix di Achille e figure
apprezzato, in Grecia come in Etruria, è oggi considerato il Patroclo, 500 a.C. ca.,
sono ancora chiuse nella semplice linea di contorno: particolare. Ceramica a figure eppure, il
più grande dei pittori vascolari greci di età arcaica. disegno raffinatissimo e la perfezione dei modi rosse, altezza 10 cm, diametro
riescono
della bocca 32 cm. Berlino,
a suggerire efficaci effetti plastici. I volti, dipinti di Antikensammlung presso gli profilo,
Staatliche Museen.
■ Exechias trattò con grande originalità i temi per la prima volta non hanno gli occhi rappresentati
mitologici tradizionali, selezionando singole scene frontalmente. È ammirevole il tentativo di rendere il
ch e f i s sò i n i m m a g i n i c a r i c h e di t en s io n e o sentimento di premuroso affetto che legava i due eroi: d'altro canto, il soggetto è una pura
drammaticità. L'Anfora di Achille e Aiace [fig. 2.7], invenzione di Sosia, giacché non ci è stato tramandato dalla mitologia.
da lui firmata («Exechias mi fece e mi dipinse»),
presenta la bellissima scena dei due mitici eroi IL PUNTO SULLE TECNICHE
omerici che giocano a dadi in una breve pausa della
,

battaglia in corso. I due uomini, curvi sul gioco, sono La ceramografia "a figure nere" e "a figure
raffigurati di profilo, con le vesti e i capelli rosse"
2.7 Exechias, Anfora di
minutamente decorati, e portano le lance appoggiate Achille e Aiace, 550-525 a.C.
Ceramica dipinta a figure nere,
alle spalle. La stilizzazione delle figure e la altezza 61 cm. Roma, Museo
Etrusco-Gregoriano. Le tipologie dei vasi greci '4
permanenza di alcuni arcaismi, come l'occhio
frontale, rendono la scena grandiosa e solenne;
tuttavia, la composizione perfettamente equilibrata e l'atteggiamento disinvolto dei
due guerrieri riescono a calare il mito nel quotidiano.

p Scrivi qui per eseguire la ricerca

23:20
/.\
\ 1-74 9a 11)1/ i m b
20/03/2020