Sei sulla pagina 1di 2

GUIDA AL DIRITTO Page 1 of 2

NEWS 24 | MONEY 24 | PROFESSIONISTI 24 | B2B 24 | MY 24 |

Casa24 | Job24 | Shopping24 | Luxury24 | Viaggi24 | ArtEconomy24 | Mobile | Banche Dati | Esperto Risponde | Formazione | Avvocati24 RADIO24 | 24MINUTI | RSS

Guida al Diritto
Benvenuto, Andrea Castellarin
Il tuo Profilo Servizi Attivi
Logout
> Banche Dati > Periodici > Libri

Scrivi alla redazione

<< INDIETRO STAMPA

SEMPLIFICAZIONE

Abrogazione delle disposizioni regolamentari affidata a un atto


ricognitivo del Governo

Il Sole 24 Ore - Guida al Diritto Numero 11 del 14/03/2009 Pagina 21

Occorre osservare che l'atto ricognitivo non è fonte del diritto e che esso non può costituire altro che
una mera indicazione, per l'interprete, delle norme ritenute implicitamente abrogate

il commento di IRENE TRICOMI

Una questione superata


La legge 9/ 2009 ha convertito con modificazioni il Dl n. 200 del 2008 (si veda per il testo «Guida al
Diritto» n. 2/2009, pagine 38 e seguenti) a oggetto misure urgenti in materia di semplificazione
normativa.
Il meccanismo del taglia leggi - Come si ricorderà (si veda Bricchetti-Pistorelli, «Su codice penale e
albi professionali lo snellimento crea il vuoto normativo», su «Guida al Diritto» n. 5/2009, pagine 111 e
seguenti), il decreto aveva provveduto a un'imponente operazione di abrogazione di quasi trentamila
testi normativi emanati nelle materie più varie tra il 21 aprile 1861 e il 31 dicembre 1947.
I due provvedimenti interessati - Tra questi risultavano abrogati anche il Dlgt 224/1944 (che abolì la
pena di morte sostituendola con l'ergastolo) e il Dlgt 288/1944 (che, tra l'tro, introdusse le attenuanti
generiche). Per altro l'effetto abrogativo era espressamente differito dall'articolo 2 del Dl n. 200 al
sessantesimo giorno dalla sua entrata in vigore. Con la legge di conversione il Parlamento ha ora
introdotto alcune modifiche.
Il nuovo meccanismo di abrogazione delle vecchie disposizioni - Innanzitutto l'abrogazione di
tutte le norme oggetto dell'intervento legislativo è stato ulteriormente differita dal comma 1 dell'articolo
2 al 16 dicembre 2009. Inoltre dall'elenco degli atti normativi abrogati (contenuto nell'allegato A alla
legge e al quale rinvia lo stesso articolo 2) sono stati espunti tanto il Dlgt n. 224 del 1944, quanto il Dlgt
n. 288 del 1944.
Deve dunque ritenersi che il mancato compimento del termine individuato nel decreto legge e la
successiva eliminazione da parte della legge di conversione di ogni riferimento ai su citati decreti
luogotenenziali abbiano definitivamente impedito l'abrogazione delle disposizioni in essi previste e
(laddove sussistesse in proposito qualche dubbio) di quelle dagli stessi introdotte nel codice.

Con la legge 9/2009 il Parlamento ha convertito in legge il decreto 200/2008 (si veda per il testo del Dl
200/2008 «Guida al Diritto» n. 2/2009, pagine 38 e seguenti), recante «Misure urgenti in materia di
semplificazione normativa». Si tratta come è noto, del secondo provvedimento a ciò dedicato, dopo
l'intervento già disposto con l'articolo 24 del decreto 112/2008.
La conversione del decreto legge - Vengono introdotte disposizioni volte a:
a) realizzare l'informatizzazione e la classificazione della normativa vigente «per facilitarne la ricerca e
la consultazione gratuita da parte dei cittadini», anche con riferimento alla normativa regionale (articolo
1);
b) disporre l'abrogazione espressa di ulteriori leggi, indicate nell'allegato 1 al decreto (articolo 2);
c) correggere in corsa l'elenco delle abrogazioni già disposte di leggi incluse nell'allegato A al decreto
legge 112/1998 (articolo 3). Si tratta di una «revoca di abrogazione già disposta» e non già di un
fenomeno di riviviscenza normativa, in quanto l'abrogazione delle leggi disposta dal citato articolo 24
ha effetto al centoottantesimo giorno dalla data di entrata in vigore del decreto 112/2008 (pubblicato
sulla Gazzetta Ufficiale del 25 giugno 2008) e, pertanto, non si è ancora verificata alla data di entrata
in vigore del presente decreto.
Non altrettanto può dirsi, invece, per le ulteriori «esclusioni dall'abrogazione» previste dal Dl 112/2008
ora introdotte dall'articolo 3, comma 1 bis. Infatti, tale esclusione si è fatta decorrere dalla data di
entrata in vigore del decreto 200/2008, che è antecedente al termine previsto per il prodursi dell'effetto
abrogativo, ma ciò si è fatto con norma aggiunta in sede di conversione, e quindi entrata in vigore solo
il 21 febbraio 2009, giorno successivo alla pubblicazione della legge di conversione, e, soprattutto,
successiva all'abrogazione già verificatasi. Occorre dunque, in quest'ultimo caso, parlare di
reviviscenza, sottolineando come - e a maggior ragione in sede di semplificazione normativa - non si
sia di fronte a un ordinato modo di legiferare.
Banca dati pubblica e gratuita della normativa vigente (Dl 200/2008) - L'articolo 1 del decreto
attribuisce al ministro per la Semplificazione normativa il compito di promuovere, assumere
direttamente e coordinare tutte le attività «volte a realizzare l'informatizzazione e la classificazione
della normativa vigente per facilitare la ricerca e la consultazione gratuita da parte dei cittadini». Allo
stesso tempo, viene disposta la convergenza, presso il Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi
della presidenza del Consiglio dei ministri, di «tutti i progetti di informatizzazione e di classificazione
della normativa statale e regionale in corso di realizzazione da parte delle amministrazioni pubbliche».
A tali fini, il ministro per la semplificazione normativa adotta, entro 180 giorni dalla data di entrata in
vigore della legge di conversione del decreto, uno o più decreti volti a coordinare le attività con quelle
già in corso per l'attuazione dell'articolo 14 della legge 246/2005, e - sentito il ministro per la pubblica
amministrazione e l'innovazione - le attività svolte da enti e organismi pubblici in materia di
informatizzazione e classificazione normativa, coordinando l'utilizzo del personale in queste impegnato
(comma 2). Inoltre, il ministro per la Semplificazione, di concerto con il ministro della Giustizia,
definisce criteri per le procedure di pubblicazione degli atti normativi in via telematica, onde superare
l'edizione cartacea della Gazzetta Ufficiale (che, ai sensi dell'articolo 27 comma 2, del Dl 112/2008, è
già sostituita dall'abbonamento telematico).
Per effetto delle modifiche operate in sede di conversione, viene ora previsto, sia che Camera e
Senato collaborino, sulla base di intese, alle attività di informatizzazione, sia che, per quanto riguarda
la normativa regionale, ciò avvenga in cooperazione con la «Conferenza dei Presidenti delle
Assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome».
Infine, viene ora espressamente inserito il divieto di finanziare, con somme «a carico dei bilanci
pubblici», «progetti di classificazione e di accesso alla normativa vigente» non rientranti tra le attività
disciplinate dal decreto in esame.
Abrogazioni espresse ( Dl 200/2008, articolo 2) - L'articolo 2 dispone l'abrogazione di una pluralità di
leggi, indicate nell'allegato 1, a decorrere dal 16 dicembre 2009, in tal senso sostituendo il precedente
termine rappresentato dal 60° giorno successivo all 'entrata in vigore del decreto legge medesimo.
La semplificazione normativa - La incongruità del termine originariamente previsto sia dal decreto
200/2008, sia dal precedente decreto 112/2008, era già stata rilevata, segnalando l'opportunità
dell'ampliamento dello spazio di riflessione lasciato allo stesso Governo e agli operatori, onde poter

http://www.guidaaldiritto.ilsole24ore.com/ContentGuidaDiritto/Doc.aspx?Numero=1... 13/05/2009
GUIDA AL DIRITTO Page 2 of 2

intervenire con correzioni. La modifica operata dal Parlamento (anche superiore, quanto alla durata, a
quella in precedenza disposta con riferimento al Dl n. 112) non può che essere pienamente condivisa.
Viene ora previsto che, per l'adozione dei decreti legislativi di cui all'articolo 14 comma 9, della legge
246/2005 (cioè ai fini del riassetto normativo ivi previsto), il ministro per la Semplificazione normativa,
sentito il ministro dell'Economia, «verifica la natura e le finalità dei soggetti che ricevono finanziamenti
a carico del bilancio dello Stato», tenendo conto di tali risultanze ai fini dell'emanazione dei predetti
decreti legislativi.
L'articolo 2, comma 2, del decreto in esame (come già l'articolo 24 del Dl 112/2008), affida
all'esecutivo il compito di definire «con atto ricognitivo», (da adottarsi, come ora previsto, entro il 16
dicembre 2009) le abrogazioni implicite di norme regolamentari.
Il Parlamento, che pure ha prescritto un termine (chiaramente ordinatorio) all'adozione dell'atto
ricognitivo e che lo stesso sia accompagnato «da una relazione volta ad illustrare i criteri adottati nella
ricognizione e i risultati della medesima», non ha invece ritenuto di prescrivere che l'abrogazione delle
norme regolamentari avvenga per il tramite di un apposito regolamento, preferendo quindi l'indubbia
chiarezza dell'abrogazione espressa.
È appena il caso di osservare, ancora una volta, che l'atto ricognitivo non è fonte del diritto e che esso
non può costituire altro che una mera indicazione, per l'interprete, delle norme da ritenere
implicitamente abrogate, senza alcuna cogenza.

TORNA SU

http://www.guidaaldiritto.ilsole24ore.com/ContentGuidaDiritto/Doc.aspx?Numero=1... 13/05/2009