Sei sulla pagina 1di 2
* CASA MIA # Testo di L. ALBERTELLI Musica di R. SOFFICI Moderato (nocalizzato) aa Tor - noaca - sa, sia-moin tan- ti sul tre - no, Dol - ce spo - sa nel tuo let- to ri- po - a, Ca - sam - a de -voan-co-raandar vi - a. o zs Do Do Lacs Sol = oc - chi stan - chi ma nel cuo- reil se - re - = al mat- ti = - nto sai dia-ver - mi vi - ci - Non chia-mar = - mi, io non pos- so vol - tar - > = 2 es f 7a Do-potan-ti me-si di la-vo-ro mi ri-po-se-rd, A- prila va- li- gia ceil ve-sti-to che so-gna-vi tu,— Por-to nel mio sguar-do la mia don-na} tut-to quel che ho, die-tro quel-la por-ta le mie co-se io ri-tro-ve-ro, guar-da-tial-lo spec-chiotu sei bel-la non le-var-lo pia... tor-no ver-so oc-chi sco-no-sciu-ti che a-marnon: —_____ la mia lin-guasen-ti- ro No-stal-gia che pas-sae va Que- sta vol-ta,.chi lo sa,—— nao tl Ecizioni Musicali FONO FILM stl - Via Berchet, 2 - 20121 Milano, © Copyright 1971 by Edizioni Musicali FONO FILM stl Tutt | dirt riservat quel che di - co ca- pi- fi - noaquan-do du - re- ra. for- se Vul-ti-ma sa-ra. (wocalissato) Lam sol ripete ad libitum (vocalissato) De Sol7 Do Torno a casa, siamo in tanti sul treno, occhi stanchi ma nel cuore il sereno. Dopo tanti mesi di lavoro mi [riposerd, dietro quella porta le mie cose io [ritroverd, la mia‘ lingua sentird quel che dico capird. Dolce sposa nel tuo letto riposa, al mattino sai di avermi vicino. Apri la valigia c’8 il vestito che {sognavi tu. guardati allo specchio tu sei bella {non levarlo pid. Nostalgia che passa e va fino a quando durera. Casa mia devo ancora andar via. Non chiamarmi, io non posso voltarmi. Porto nel mio sguardo la mia [donna, @ tutto quel che ho tomo verso occhi sconosciuti che [amar non so. Questa volta, chi lo sa, forse T'ultima sara.