Sei sulla pagina 1di 4

Concorso “Sperimenta anche tu” Sperimentando 2017

RELAZIONE

Titolo Esperimento GIU’ PER IL TUBO

Introduzione e Descrizione del fenomeno illustrato


Il lavoro consiste nello studio del moto di un magnete all’interno di un tubo di rame.
Il magnete in caduta è frenato dalle correnti indotte nel metallo del tubo prodotte dal movimento
di caduta del magnete stesso.
Si prende un tubo di rame e si posiziona all’interno di esso il magnete cilindrico. Bisogna lasciar
cadere il magnete all’interno del tubo di rame.
Si osserva che il magnete subisce un rallentamento causato dalle correnti indotte nel metallo.
Si può provare questo sistema con i quattro tubi e poi confrontare i dati relativi al tempo
impiegato per percorrere ognuno dei tubi e la velocità.

Motivazioni della scelta del particolare esperimento


La causa della discesa a rallentatore del magnete nel tubo di rame riguarda la legge di Lenz:
avvicinando un magnete a un tubo di materiale conduttore come ad esempio il rame la
variazione di flusso del campo magnetico genera nel circuito una corrente elettrica indotta.
Questo esperimento può essere paragonato alla gravità nello spazio ove la forza di gravità è
diversa da pianeta a pianeta. Ad esempio nello spazio il sole potrebbe dare inizio a un campo
magnetico il quale si oppone alla caduta, ad esempio, del pianeta contrastando l’effetto
dell’attrazione gravitazionale. Ecco perchè, cadendo all’interno del tubo, il magnete precipita
più lentamente di quanto farebbe se il tubo non ci fosse.

Descrizione dell’apparato sperimentale, materiale utilizzato, altre


caratteristiche specifiche

Materiali utilizzati:
Quattro tubi di rame ( diametro 40 mm )
1) altezza: 29.5 cm
2) altezza 39.5 cm
3) altezza 49.5 cm
4) altezza 59.3 cm

Magnete cilindrico in neodimio ( diametro 35 mm , forza di attrazione ca. 38 kg)

Cronometro manuale digitale

Eventuali misure e risultati ottenuti


Il moto del magnete all’interno del tubo non è uniformemente accelerato come quello di un
corpo che cade nel vuoto o di un magnete che cade in un tubo di plexiglas.
La forza peso del magnete ne fa aumentare la velocità.

1
Concorso “Sperimenta anche tu” Sperimentando 2017

Aumenta la rapidità di variazione del flusso del campo magnetico attraverso la sezione del tubo.
Si genera quindi una forza elettromotrice indotta per la Legge di Faraday-Newmann.
La corrente indotta nel tubo aumenta con la velocità di caduta del magnete.
Aumenta il campo magnetico indotto che, per la legge di Lenz, si oppone alla causa che l’ha
generato
Di conseguenza sul magnete aumenta la forza frenante, la velocità tende quindi a diminuire in
contrasto con l’effetto della forza peso.
Quindi dopo una fase transitoria iniziale si può raggiungere una condizione di equilibrio in cui
la forza risultante sul magnete è nulla e la sua velocità è costante

Abbiamo provato a misurare la velocità media nel magnete e abbiamo ottenuto i dati raccolti in
tabella confermando che la velocità del magnete è costante.

TABELLA RELATIVA AI DATI OTTENUTI:

diametro tubo d = 4 cm
t medio
h tubo (m) t1 (s) t2 (s) t3(s) (s) v (m/s)
0,295 2,05 2,08 2,03 2,05 0,144
0,395 2,63 2,71 2,75 2,70 0,146
0,495 3,36 3,39 3,33 3,36 0,147
0,593 3,98 3,91 3,91 3,93 0,151

0,7
velocità media
0,593
0,6
0,495
0,5
0,395
0,4
s (m)

0,295
0,3

0,2

0,1

0
0,00 1,00 2,00 3,00 4,00 5,00
t (s)

2
Concorso “Sperimenta anche tu” Sperimentando 2017

FOTO (con breve didascalia)

TUBI DI RAME

MAGNETE IN NEODIMIO

TUBI E MAGNETE

3
Concorso “Sperimenta anche tu” Sperimentando 2017

BIBLIOGRAFIA

- “Fisica e realtà” campo magnetico, induzione e onde elettromagnetiche, C.


Romeni, Zanichelli.
-
-
-
Scuola: ISISS Verdi Valdobbiadene (TV)

Docente referente: Bailo Michela

Docenti collaboratori: Geremia Antonio

Numero studenti: 6

Elenco studenti e classe di riferimento:

nome studente classe

Busetti Luca 2A Liceo Scientifico

Baratto Tommaso 2A Liceo Scientifico

Rossetto Giovanni 2A Liceo Scientifico

Bedin Luca 2A Liceo Scientifico

Adami Alessandro 2A Liceo Scientifico

Marsura Francesco 2A Liceo Scientifico