Sei sulla pagina 1di 3

Serenata

napulitana
Salvatore Di Giacomo Mario Pasquale Costa

 86          






 
Andantino

   
6      

 
    
 
 
 
      
 legando

8     


  


 




 
5

   
        
  
 
 
 
     
poco rall.

      

               
                            
9

                       
Dim- me dim- mea chi pien- zeas- se- ta- ta so- la sola ad- de- re- toa sti llas stre?

      
               
     
     
    
                
 

            
                    
  
    
14

                    
'Nfac- ci''o mu- ro'e rim- pet- to, stam- pa- ta ve- co 'n'om- bra eche- st'om- bra si

   
              

              
                  
  

                
                         
18

                  


tu! Fre- scaèa not- tee na lu- na d'ar- gien- to sa- glie 'ncie- loe cchiù ghian- caad- de-

           
                   
          
                   
  
 
Scritto con MuseScore, un software libero e gratuito: http://musescore.org/it
        
    
               
 
23

                
ven ta e nu scia- to, ogne tan- to d''o vien- to 'miez- z'a

                
      
                    
      

 
             
        
27

   
    
st'a- ria se sen- te'e pas- sà Ah, che not- te, che

   
      

          
col canto

       
        
           

    
   
31

    


notte! Ma pec- ché nun t'af- fac- ce? Ma pec- ché ma pec- ché mme ne

 
     
           
       
       
          
                   
 
35 

  
  
cacce, Ca- ta- rì, sen- za man- co pu- ter- te par- là? Ma ce sta nu des-

        
                   
       
col canto col canto

       
       
 
             
    
39

           
    
ti- no, eio ce cre- doe ce spe- ro, Ca- ta- ri' nun èo

   
       
              
  
  
2
 
             
      
43 rall.

       


     
ve- ro, tu cun- ten- ta nun si' Ca- ta- rì, Ca- ta-

   

               


     
  

   
rall. tempo

 

   

  
 

    

     
48

 

 

             
 

rì. tu cun- ten- ta nun sì, Ca- ta- rì. Ca- ta-

              
                 
     

 
   

   

    
52



                     

 
    


rì. tu cun- ten- ta nun sì!

 

       
        
poco rall.

          

Catarí’, Catarí’, mm’hê lassato… No, nun vène, nun vène…


tutto ‘nzieme st’ammore è fernuto, Ll’aggio visto p”a strada,
tutto ‘nzieme t’hê scívete a n’ato, cammená, core a core, cu n’ata…
mm’hê ‘nchiantato e mm’hê ditto: bonní! e, redenno, parlavano ‘e te…

E a chist’ato ca tu mo vuó’ bene, Tu si’ stata traduta…


staje penzanno e, scetata, ll’aspiette… Tu si’ stata lassata…
ma chist’ato, stasera, nun vène… Tu si’ stata ‘nchiantata…
e maje cchiù, t”o ddich’io, venarrá!… pure tu…pure tu!…

Scritto con MuseScore, un software libero e gratuito: http://musescore.org/it 3