Sei sulla pagina 1di 4

IL LINO

Il lino è la pianta da fibra più diffusa, coltivata


in Cina e Europa.
Il lino è una fibra tessile di origine vegetale
lunga 1m.La pianta è contenuta nel fusto
della pianta del lino (stele sottile).
l lino è una fibra “fresca”,perché disperde il
calore.
Viene usata per abiti estivi, lenzuola, tovaglie
pregiate e fini.
Dopo la raccolta c'è:
La seccatura:gli steli vengono fatti seccare
sotto il sole;
La macerazione:gli steli vengono battuti
sulle cime per togliere i semi. Si immergono
in vasche piene d' acqua, in cui si sciolgono
le sostanze gommose, poi si essiccano
ancora.
La maciullatura:gli steli secchi sono passati
tra due serie di rulli che frantumano la parte
legnosa. Si libera la fibra che è elastica e
resistente,con la strigliatura si allontanano gli
ultimi frammenti legnosi e si ottiene la
filaccia o lino greggio.
La pettinatura:le fibre sono passate tra dei
pettini che rendono parallele eliminando
quelle più corte.
Il lino viene raccolto in code, poi venduto alle
industrie tessili.

LA SETA

Il baco da seta è allevato in Asia orientale ed


è l'animale da fibra più piccolo.
La seta è un filamento sottile e lucente,
lungo più di 1 Km, si ricava dal bozzolo.
Le proprietà:questa fibra è sempre stata
molto apprezzata per le sue ottime
caratteristiche perché è leggera e a tempo
stesso molto resistente. Isola dal caldo o dal
freddo,mantiene bene la piega ed è
anche la più costosa.
La produzione dei bozzoli:le uova sono
prodotte da ditte specializzate. In estate ogni
farfalla femmina depone 500 piccolissime
uova. Queste sono vendute in sacchetti agli
allevatori.
La schiusa delle uova:avviene in primavera
quando le foglie di gelso germogliano, dopo
10 giorni.
La crescita del baco:è molto veloce, in 30
giorni da 30 mm diventano come un dito. Il
baco da seta adulto ha le seritteri
(ghiandole) dove è la sostanza che diventerà
seta.
La filatura del bozzolo:avviene su “bosco”
di paglia o di plastica già predisposto
dall'allevatore dove il baco si sistema, cerca
una biforcazione di un rametto, poi inizia a
“filare” muovendo la testa con moto
ondulatorio come per formare un 8 e cosi in
4 giorni costruisce il bozzolo con il baco
dentro.
L'estrazione della seta:
La raccolta:i bozzoli sono raccolti uno alla
volta e poi depositati nei canestri.
La stufatura:i bozzoli vengono riscaldati in
una stufa a vapore, per uccidere le crisalidi,
in modo di non far uscire la farfalla.
La trattura:l'estrazione della seta avviene
nelle
filande specializzate, che comprano i bozzoli
dagli allevatori:
• i bozzoli sono immersi nell'acqua calda
dove rammollisce la sostanza gommosa;
• con una piccola spazzola si cerca di
trovare l'inizio del filo del bozzolo;
• un macchina avvolge su un aspo i fili,
srotolando il bozzolo.
Le varietà commerciali:
La seta greggia:detta anche cruda, è il
prodotto della trattura, rigida e opaca.
La seta cotta:detta anche sgommata, ha
subito un lavaggio in acqua e sapone che a
sciolto la “gomma”, morbidissima e lucente.
La seta caricata:ha subito un'immersione in
un bagno di sali minerali che aderiscono alla
fibra;è più rigida e pesante della seta cotta,
ma in questo modo si recupera il 25%di peso
perso con la sgommatura.

Interessi correlati