Sei sulla pagina 1di 15

Linee Guida

di genere

EGOVERNMENT
“Così, a
cavallo del nostro
secchio, ci affacceremo al
nuovo millennio, senza
sperare di trovarvi nulla di
più di quello che saremo
capaci di portarvi”.
Italo Calvino

1
✴ Linee Guida di genere per l’eGovernment della
Regione Emilia-Romagna

a cura di Federica Fabbiani e Marzia Vaccari - Associazione Orlando

Ringraziamenti

Si ringrazia

la Regione Emilia-Romagna per aver mostrato sensibilità verso questa tematica e, contestualmente, finanziato un progetto sperimentale e
innovativo, sia per i contenuti sia per la metodologia utilizzata;

Sandra Lotti, coordinatrice del progetto CRC Emilia-Romagna, per il supporto alla realizzazione del progetto;

Fernanda Minuz, presidente dell’Associazione Orlando, per l’attenta revisione dei vari report, i preziosi suggerimenti per la valorizzazione di
tutte le differenze (di genere, di etnia, di generazione), ed il continuo sostegno durante tutte le fasi del progetto;

Leda Guidi, responsabile dei Servizi di Comunicazione con i cittadini e della Rete Civica Iperbole del Comune di Bologna. e Gabriella Fabbri,
responsabile del Servizio Sistemi Informativi (Ufficio Sviluppo Comunicazioni) del Comune di Ferrara;

Elena Camerin e Patrizia Bassi per il supporto all’infrastruttura tecnologica;

le partecipanti agli Incontri di avvicinamento: Ludovica Baraldi, Annalita Bellei, Ivana Benni, Jiulita Biason, Rosella Bisato Cocchi, Gabriella
Cappelletti, Ingrid Checchi, Franca Chiesa, Giulia Maria Ciarpaglini, Mara Cinquepalmi, Nicoletta Cocchi, Giancarla Codrignani, Vilma Collina,
Clara Colombarini, Marina Contarini, Giovanna Corvetta, Beatrice Cristofoli, Ilaria Di Bonito, Monica Farnetti, Adriana Faustini, Graziella Fornasari,
Gigliola Garassino, Maria Cristina Gardi, Samira Garni, Silvia Govoni, Graziana Grazi, Elda Guerra, Liliana Guidetti, Raffaella Lamberti, Francesca
Leggio, Laura Loreti, Leda Manara, Chiara Mancini, Monica Mangolini, Isa Maiorelli, Silvia Marri, Mara Melone, Gioia Nicosia, Anna Maria
Padovano, Laura Palermo, Anna Maria Palumbo, Elisabetta Pavani, Letizia Penazzi, Clelia Pesce, Maria Fiorella Petrucci, Tatiana Platon, Milena
Schiavina, Sara Strazzari, Giovanna Tucci, Giovanna Re, Chiara Sebastiani, Francesca Sturaro, Luciana Tufani, Rossella Urbinati, Gioia Virgilio,
Graziella Vaccari, Gabriella Vergoni, Simona Zanini.

2
✴ INDICE

✴Premessa 04

✴Introduzione 05

✴Linee guida 06
‣ Ideazione 07
‣ Progettazione 09
‣ Comunicazione 12

✴Glossario 15

3
✴ PREMESSA Sappiamo che da un punto di vista dell’hardware e del software,
molte Pubbliche Amministrazioni sono pronte ad affrontare la richieste
della partecipazione attiva della cittadinanza; tuttavia, appare evidente
Le Linee Guida di genere per l’eGovernment sono il risultato del che la sola esistenza di strutture di partecipazione non può garantire la
progetto Azioni di contrasto al divario digitale di genere, condotto motivazione a partecipare. Dalla nostra indagine, in virtù soprattutto
dall’Associazione Orlando e finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, della forte interazione durante gli incontri di gruppo, veri e propri
che ha previsto una serie di misure per contrastare il gender digital laboratori in cui la tecnologia era lo schermo su cui proiettare nuovi
divide e le eventuali barriere culturali per le donne nell’uso dei servizi di modelli di relazione con l’Istituzione, abbiamo avuto la conferma che
eGovernment della Pubblica Amministrazione regionale. Il progetto si è due sono le principali barriere culturali che allontanano alcune fasce di
svolto in tre fasi interagenti e profondamente interrelate: utenza femminile da una maggiore partecipazione alla vita digitale: la
1. censimento ed analisi in ottica di genere dei servizi di mancanza di una mediazione umana con la macchina e la dispersione
eGovernment dei siti della Regione Emilia-Romagna, da cui sono di tempo ed impegno nella ricerca di materiali on line.
derivate una repertoriazione ed una classificazione delle
informazioni e dei servizi on line per le cittadine, pubblicate nel Crediamo che il progetto abbia affrontato questo deficit
report Egovernment: le opportunità offerte alle cittadine in Emilia- partecipativo in modo adeguato, tentando di innescare un processo di
Romagna; innovazione in cui l’aspetto tecnologico fosse affiancato da
2. analisi partecipata e socializzazione dei risultati della prima un’attenzione sociale: servono spazi e tempi che si pongano
fase con un campione di utenza significativo (donne con esigenza all’intersezione tra lo sviluppo tecnico/informatico e la cura della
di conciliazione, pensionate, migranti) del Comune di Bologna e relazione. La convergenza dei media consente nuove forme di fruizione
del Comune di Ferrara, i cui risultati sono stati riportati nel report delle informazioni e dei servizi sul web, ma è urgente porre le base per il
Misure per contrastare il digital ed il knowledge divide di genere. consolidamento di un rapporto di fiducia reciproca, reso opaco da
3. Stesura e pubblicazione delle Linee Guida di genere per un’eccedenza della tecnica e da una sempre maggiore residualità della
l’eGovernment. creatività. Serve dare voce e visibilità ad un’utenza fortemente attiva e
produttiva: di significato, di senso e di immaginari; solo così, è possibile
Il progetto ha previsto, parallelamente alle varie azioni, uno favorire l’emersione di fabbisogni latenti e di metabisogni di donne ed
specifico sviluppo del motore di ricerca Cercatrice di rete, prototipo uomini, ugualmente fondamentali per un buon equilibrio personale e
sviluppato dall’Associazione Orlando e dedicato ai servizi di collettivo.
eGovernment; vero e proprio software segnato dalla differenza di
genere, Cercatrice è stata popolata con gli indirizzi web dei servizi Ci auguriamo che le Linee Guida di genere per l’eGovernment
interattivi e delle informazioni dei Comuni emiliano-romagnoli sui temi della Pubblica Amministrazione dell’Emilia-Romagna possano costituire
che, come si vedrà, sono stati identificati come di pertinenza del genere una base per approfondimenti futuri e/o uno spunto per diversificare le
femminile. Precisiamo che il database di Cercatrice è stato strategie operative al fine di far emergere alcune delle problematiche –
implementato anche con le url delle informazioni sui servizi proprio in difficoltà di accesso, scarsa reperibilità delle informazioni, linguaggio
virtù della forte richiesta delle partecipanti agli incontri di progetto. non inclusivo delle differenze in primis – evidenziate dal progetto. Ci
Non solo servizi transattivi, quindi, ma anche ‘semplici’ informazioni: auguriamo soprattutto di creare cognizione sul tema presso un numero
abbiamo infatti rilevato che la possibilità di effettuare tutta la pratica on crescente di persone; stimolare l’attivazione di pubblici predisposti
line non è così determinante come l’avere indicazioni precise e puntuali favorevolmente; assecondare un’ulteriore ricerca di informazione.
su che cosa fare, come gestire, dove andare, a chi chiedere… Abbiamo
soprattutto scoperto che queste informazioni, quand’anche presenti ed Questo testo si compone di tre parti principali:
aggiornate, non sono facilmente reperibili, ragione per la quale risulta • l’Introduzione spiega l’importanza dell’integrazione di una
strategica l’adozione di un motore di ricerca dedicato, una sorta di prospettiva di genere nella progettazione dei servizi di eGovernment,
intermediario non neutro che parla una lingua sessuata. consentendo di analizzare gli effetti delle strategie sulla vita di donne
e uomini a cominciare dall’individuazione dei loro diversi bisogni.
Il progetto si è avvalso della collaborazione dei Comuni di Bologna • le Linee guida: si tratta di suggerimenti ad uso delle/degli
e di Ferrara, scelti per l’attenzione alle politiche di genere e la varietà addette/addetti ai lavori, che concorrono, in vario peso e misura, allo
dei servizi on line; come anticipato, in ciascun Comune sono stati sviluppo di un’eGovernment emiliano-romagnola con approccio di
organizzati degli incontri con gruppi di donne eterogenei per età, genere. Sono suddivise in tre sezioni - ideazione, progettazione e
appartenenza culturale, estrazione professionale e background comunicazione - da considerare quali aspetti chiave della filiera
formativo: si è trattato di testare e tarare le informazioni ed i servizi di produttiva di un servizio digitale. Ricordando sempre che
eGovernment e, contestualmente, dotare le utenti delle competenze e “l’eGovernment non è, come qualcuno ha sostenuto, la semplice
delle attitudini necessarie alla fruizione ed all’uso efficace applicazione dell’e-commerce alla pubblica amministrazione…La
dell’Amministrazione Pubblica on line. Si è chiesto alle partecipanti di pubblica amministrazione è tenuta a garantire l’eguaglianza di
testare il livello e la qualità dei servizi on line, valutarne l'usabilità e trattamento e l’accessibilità delle informazioni e dei servizi pubblici,
l'utilità, ed infine raccogliere idee / suggerimenti / consigli perseguendo gli interessi della cittadinanza globalmente intesa”.
per l'erogazione di servizi ed informazioni via web realmente efficaci per • il Glossario di genere, perché non c’è percorso comune
migliorare la qualità della vita di cittadine e cittadini. possibile se non ci si capisce.

4
✴ INTRODUZIONE
Del perché integrare la prospettiva di
genere nella progettazione dei servizi di
eGovernment
In una società in cui il riprodursi di differenze, troppo spesso
equiparabili a forme più o meno gravi di disuguaglianze, determina
inevitabili conflitti, emerge sempre più forte la necessità di definire
la questione delle “diversità” come bisogno effettivo di Think different
“opportunità equivalenti”. Queste ultime, in contesti sociali
(Apple )
fortemente differenziati e segmentati, rappresentano pratiche
fondamentali per il realizzarsi di una Società dell’Informazione equa
e sostenibile in termini di rispetto per tutte le diversità (sesso, etnia,
generazione, scelte di vita).
politica del lavoro mirate all’ingresso o al reinserimento nel mercato del
lavoro, interventi in/formativi sulla salute delle donne e/o sulla
Anche da un punto di vista informatico/telematico, è opportuno
prevenzione di abusi e violenza); gli interventi indirettamente
riconoscere che uomini e donne hanno un diverso approccio all’uso del
riconducibili al genere tesi al sostegno del lavoro di cura e alla
computer e ad internet e che un’analisi di genere è importante quando
genitorialità (ad esempio, asili, scuole d’infanzia, assistenza domiciliare,
si lanciano servizi di eGovernment; una prospettiva differenziata in base
centri sportivi, centri per anziani) o tesi all’ambiente (quali la viabilità, i
al genere consente di analizzare gli effetti delle strategie sulla vita di
trasporti pubblici, le zone pedonalizzate, l’illuminazione stradale, le
donne e uomini a cominciare dall’individuazione dei loro diversi
zone verdi); e gli interventi definiti neutri rispetto al genere (ad esempio,
bisogni.  Le dinamiche di questa relazione permeano il modo in cui la
il pagamento delle tasse). Sulla base di questi livelli, abbiamo
società è strutturata ed il modo in cui le decisioni sono prese. Si tratta
identificato cinque aree, arricchite anche e soprattutto grazie agli input
di privilegiare la trasversalità della questione ‘donna’, ponendo in primo
delle partecipanti alle Azioni di avvicinamento, a ciascuna delle quali
piano alcuni aspetti su cui andare a confrontarsi, ed intersecando i
possono essere ricondotti bisogni differenti:
problemi di donne e uomini per creare una società plurale.
• lavoro/formazione con particolare attenzione al tema della
conciliazione lavoro e famiglia; questa area è segmentabile in
Partendo dal presupposto che il gender digital divide non riguardi
esigenze quali l’ingresso nel mondo del lavoro, il reinserimento
più l’uso e l’accesso delle nuove tecnologie (almeno non in Emilia-
lavorativo, l’imprenditoria femminile, i congedi parentali (maschili e
Romagna), bensì la progettazione e la produzione degli applicativi e
femminili), la conciliazione del lavoro con gli impegni familiari
degli strumenti informatici, si intende promuovere l’adozione di nuove
(richiesta part-time), la formazione continua;
pratiche progettuali in grado di prendere in considerazione alcune delle
• genitorialità, area indirettamente legata al genere femminile,
esigenze fondamentali delle donne nella vita quotidiana (ad esempio,
tuttavia di solito di pertinenza delle donne, che presuppone una serie
fare rete, migliorare le condizioni di vita, alleviare il carico del doppio
di servizi ai quali l’ente locale può rispondere con servizi di asilo
lavoro).
nido, scuola materna, altre scuole, attività ricreative, sportive,
culturali;
Adottare una prospettiva di genere significa principalmente
• salute/ambiente con particolare attenzione al tema della cura: di
• valorizzare il ruolo sociale ed economico delle differenze, il
sé, dei bambini, delle/gli anziane/i, dell’ambiente;
sostegno al cambiamento e la rimozione di pregiudizi e stereotipi,
• tempo libero in cui confluiscono la cultura (cinema, teatri e
promuovendo nuovi ed altri modelli sociali, lavorativi e culturali;
mostre), il volontariato (tema molto sentito dalle pensionate, per le
• migliorare e rendere accessibili i servizi e le informazioni che
quali, tra l’altro, il tempo libero si declina in modo molto diverso
possono migliorare la qualità della vita delle donne, perennemente in
rispetto ai coetanei), l’associazionismo (centri donne, centri culturali);
deficit in termini di conciliazione dei tempi e dei lavori.
• sicurezza personale, ed in particolare prevenzione agli abusi ed
alla violenza (iniziative a sostegno di case e città più sicure per le
Ruoli sociali e professionali che emergono soprattutto quando si donne) e sostegno per le vittime di violenza.
cerca capire che cosa significa realizzare un servizio on line sensibile al
genere. L’identificazione di questi servizi, infatti, ha significato una Crediamo che gli ambiti sopra identificati possano permettere di
classificazione in qualche modo correlata a bisogni specifici e/o leggere i processi di erogazione di informazioni e di servizi on line,
culturalmente indotti che caratterizzano la vita delle donne. Abbiamo definendo diversi livelli di consapevolezza e di attuazione di un’azione
individuato, mutuandole e rielaborandole dai documenti di Gender di eGovernment volta all’emersione delle differenze.
Auditing, tre livelli principali: le iniziative direttamente rivolte al genere
(ad esempio, incentivi per il reddito, per la disoccupazione, azioni di

5
LINEE GUIDA La prospettiva di genere nell’eGovernment

IDEAZIONE
"Quarantadue!" urlò Loonquawl. "Questo è tutto ciò che sai dire dopo un lavoro di sette milioni e mezzo di anni?"
"Ho controllato molto approfonditamente," disse il computer, "e questa è sicuramente la risposta. Ad essere sinceri, penso che il problema sia che
voi non abbiate mai saputo veramente qual è la domanda." (1)

Partiamo da un assunto principale ossia che l’on line non debba essere una semplice traduzione dei servizi erogati off line, ma che implichi
l’analisi e l’eventuale emersione di fabbisogni latenti e/o metabisogni. E per questo, bisogna sapere prima di tutto qual è il target e qual è il contesto
d’uso dei servizi in fase di definizione; può essere importante rispondere ad una serie di domande preliminari che aiutano ad identificare target e
contesto; ed, infine, può essere strategico inserire all’interno dei gruppi di progettazione persone con competenze trasversali, che di quel bisogno e
di quel contesto conoscono le potenzialità e le criticità. Anche grazie al web, si sta affermando un sistema emergente che sta modificando il
paradigma di funzionamento gerarchico; si basa su nuove forme di co-progettazione, partecipazione e negoziazione dal basso, e richiede una
riformulazione delle strategie di intervento sulla governance.

Dalla nostra indagine, abbiamo percepito che esistono fabbisogni difficilmente eludibili quando si considerano i servizi per le cittadine: la
sicurezza personale, ad esempio, un tema ‘caldo’ eppure sottovalutato on line dalla Pubblica Amministrazione, potrebbe essere affrontato con
nuove modalità di partecipazione civica. Esistono, ad esempio, forme di progettazione urbanistica partecipata che potrebbero ottenere grande
supporto dal coinvolgimento della cittadinanza digitale e che potrebbero vedere le donne coinvolte in prima persona; si pensi ad esempio, alla
possibilità di segnalare le zone buie della città, proprio quelle dove è magari è situata la fermata di un autobus e dove, quindi, esistono maggiori
rischi di pericolo sociale ai danni delle donne. Esperienze di partecipazione già esistenti, in sostanza, che possono concorrere a realizzare obiettivi
precisi, uscendo finalmente dall’episodicità e dalla marginalità.

6
“La costruzione di un servizio parte dall’analisi del contesto completo in cui l’utente
dovrebbe trovare risposta al problema grazie al servizio e deve poi articolarsi in una 1a
capacità propositiva di modelli attuativi, di verifica continua dell’efficacia dei modelli
Target e contesti d’uso
proposti e di gestione di tutte le componenti di complessità del servizio”. (2)

Individuazione, analisi ed
La progettazione software non è affare esclusivo del team di chi sviluppa e programma,
osservazione dell’utenza e dei contesti
ma si fonda su un approccio basato su un insieme di tecniche di progettazione, ivi incluse
d’uso rappresentativi
quelle della progettazione partecipata. Progettare per obiettivi fondati sulla "desiderabilità"
del servizio significa promuovere delle pratiche di progettazione che immaginano, simulano
e risolvono attività, scene e problemi dell’agire quotidiano.

L’osservazione dell’utente è una straordinaria fonte di ispirazione per trasformare la


tecnologia disponibile in innovazione. È dall’analisi dei bisogni reali, espliciti e /o latenti, che
possono emergere utili indicazioni sull’utilità della tecnologia, che può realmente offrire
risposte a bisogni reali. Si tratta di identificare e fare un’accurata profilazione delle/gli utenti
principali allo scopo di analizzarne le esigenze e prevedere le attività che il progetto/
prodotto svolgerà per soddisfarle.

Azioni:
• segmentare il target;
• fare interviste mirate a campione (donne con esigenze di conciliazione, pensionate,
migranti);
• analizzare i dati disaggregati per sesso (sia dei servizi on line sia dei servizi face to
face).

Delineare un servizio richiede una profonda comprensione dei bisogni che andrà a
1b soddisfare. E’ il momento preliminare delle domande durante il quale ogni aspetto deve
essere analizzato con un approccio costruttivo e con la consapevolezza delle inevitabili
Brainstorming cognitivo
differenze ed interessi esistenti. Ne deriva che le domande devono essere informate,
consapevoli e motivate.
Come il giornalismo, anche
l’eGovernment può affidarsi alla regola
Ogni servizio è in potenza la risoluzione di problemi collettivi: chi ha l’onore/onere di
delle 5 W: Who, What, When, Where,
realizzarlo riveste un ruolo interpretativo/diagnostico fondamentale in fase di interpretazione
Why
del contesto e della realtà di riferimento. Agire questo ruolo con efficacia significa proporre e
realizzare interventi che siano coerenti con i bisogni, le priorità e le risorse dell’utenza
preventivamente identificata.

Si può cominciare in molti modi, tra cui utile avvio può essere la regola delle 5 W del
giornalismo: tra tutte le cose che può essere importante raccontare, è fondamentale
rispondere subito a: chi?, che cosa?, quando?, dove? perché?

E si può poi continuare, ognuna/o con la curiosità creativa di cui è capace,


chiedendosi: a chi si rivolge il servizio e quali sono i principali elementi che caratterizzano le
categorie di utenza identificate? Quali sono i ruoli di genere nell’espletamento del servizio in
oggetto? Come i ruoli di genere differiscono in termini di accesso e controllo delle risorse?
Quale deficit di coinvolgimento/partecipazione può colmare il servizio in fase di studio? Il
target di utenza identificato è adeguatamente preparato per usufruire pienamente del
servizio? E le/i progettisti conoscono i bisogni di quella fascia di cittadinanza?

7
Integrare una prospettiva di genere significa valorizzare soggettività differenti in un 1c
percorso comune di socializzazione dei saperi: non iperspecializzazione solipsistica, bensì
condivisione della conoscenza per uno scambio reale all’interno di una pratica di relazione Team interdisciplinari
significatrice di differenza e promotrice di una modificazione dell’agire collettivo in ogni
campo. Il team di sviluppo è invitato a considerare le inevitabili divergenze di interessi, punti Inserire esperte di genere nei
di vista e percezioni come elementi di diversità positiva e di ricchezza in considerazione gruppi di lavoro per creare pool di
della complessità dell’intera comunità di riferimento. competenze trasversali in grado di
rispondere anche ad esigenze molto
Proponiamo come esempio di lavoro di un team interdisciplinare, la progettazione di diverse
Cercatrice, di cui, come detto, è stata implementata una versione dedicata all’eGovernment.
Durante il progetto Equal TechnéDonne, varie competenze - biblioteconomiche, linguistiche,
storico/bibliografiche e informatiche – si sono intersecate al fine di dotare il search engine di
suggerimenti dinamici, dedotti dal Thesaurus Linguaggio Donna e da due microthesauri
successivi, in cui sono presenti i necessari legami semantici. Spesso l’utente, soprattutto
quando ha poco tempo, non trova la parola adatta per restringere la propria ricerca ed
ottenere risultati mirati: il sistema dei Suggerimenti alla ricerca consente di selezionare una o
più parole orientando di fatto il percorso di navigazione e guidando verso un risultato
preciso.

Le utenti degli incontri hanno accolto con entusiasmo i Suggerimenti, apprezzando in


particolare la possibilità di declinare la ricerca da un punto di vista di genere ed affrontare il
problema sia nella costruzione della ricerca, sia nel reperimento delle informazioni/servizi.

Il prototipo del motore di ricerca dedicato all’eGovernment della Pubblica


Amministrazione dell’Emilia-Romagna è sul portale del Server Donne -
Link: http://tinyurl.com/5ek7qa

✴Riepilogo

IDEAZIONE TARGET E CONTESTI D’USO BRAINSTORMING COGNITIVO TEAM INTERDISCIPLINARI

Individuazione, analisi ed Come il giornalismo, anche Inserire esperte di genere


osservazione dell’utenza e dei l’eGovernment può affidarsi alla nei gruppi di lavoro per creare
contesti d’uso rappresentativi regola delle 5 W: Who, What, pool di competenze trasversali
When, Where, Why in grado di rispondere anche ad
esigenze molto diverse

8
2

PROGETTAZIONE
"In una società che sta diventando più tecnica, dobbiamo assicurarci che la tecnologia diventi più sociale" (3)

La fase dell’ideazione dovrebbe consentire di giungere alla progettazione vera e propria con una cassetta degli attrezzi che, al di là dei

necessari aspetti infrastrutturali ed elementi tecnico/informatici, sia in grado di dare un diverso significato alle parole, identificare aspirazioni,
scoprire esigenze, esplorare altri percorsi di senso. E come spesso accade quando si ha a che fare con le storie delle donne, si sarà a quel punto
in grado di dare voce alle omissioni, alle dimenticanze, alle esclusioni.

Le Azioni di avvicinamento con le utenti hanno confermato che la questione di genere è trasversale e che le donne, per quel che ci è stato
possibile verificare, sono a favore di una proposta costruttiva in cui la questione di genere si integri onde evitare progettazione ghettizzante. Non
stiamo cioè parlando di creare un canale ‘donna’ apposito (visto come ghettizzante soprattutto dalle più giovani), ma di integrare i temi di
pertinenza femminile nei canali già creati, utilizzando un linguaggio vicino al sentire delle persone e realmente rispondente ai contenuti ivi inseriti.

Nel momento in cui le partecipanti hanno potuto valutare con cognizione di causa la potenzialità di un accesso digitale ai servizi, è cresciuta
l’aspettativa per i medesimi e la domanda si è fatta sempre più concreta: nello specifico, più facile accesso alle informazioni ed ai servizi (ad
esempio, informazioni rivolte alle migranti anche in lingua straniera oppure informazioni sui servizi delle donne all’interno delle pagine html e non in
altri formati da scaricare, il che rende tra l’altro il testo di quelle pagine difficilmente ricercabile). In aggiunta, è stato rilevato che, essendo le
informazioni su determinati argomenti (leggasi ad esempio ‘sicurezza personale’) ancora carenti, sarebbe importante continuare a dare
informazioni di base prima di orientare la progettazione verso lo sviluppo di servizi transattivi.

Oltre le contingenze personali (mancanza di tempo, difficoltà di interazione con la macchina, disistima della capacità informatiche), le
principali cause di frustrazione nell’uso dei servizi on line da parte del nostro campione di donne hanno riguardato: la necessità di registrarsi,
soprattutto in considerazione dell’elevata frammentarietà di siti e servizi che richiedono ognuno un sistema di identificazione differente; il dover
scaricare dei file per avere delle informazioni; troppa informazione irrilevante o non aggiornata; la mancanza di chiarezza nei menù sia a livello di
architettura delle informazioni sia a livello lessicale.

A nostro parere, la tecnologia cambierà nel momento in cui le donne entreranno in modo quantitativamente e qualitativamente rilevante nel
cuore della sua progettazione proprio perché portano competenze e valori diversi. In estrema sintesi, funzionalità, praticità ed efficacia. Lo
strumento deve servire a qualcosa di pratico ed essere funzionale rispetto all’azione da compiere, sia essa di natura professionale, relazionale e/o
ludica. Non serve, quindi, per misurarsi con/tro gli altri, ma per entrare in contatto con qualcuno/qualcuna o qualcosa, fare rete, migliorare le
condizioni di vita, alleviare il carico di quello che in genere è il doppio lavoro – lavoro di cura e lavoro retribuito.

E nel caso dei servizi di eGovernment, oltre ad essere fattibili economicamente, auspichiamo che siano nuovi ed innovativi (non ancora fatti
e, forse, neppure previsti), intertematici (che intersechino aspetti ambientali, sociali, culturali), monitorabili, e potenzialmente modellabili e
replicabili altrove.

9
Spesso nei servizi di eGovernment si tende a trasferire quanto viene offerto in formato
cartaceo, realizzando prodotti di scarsa efficacia comunicativa. 2a
Sviluppo ex novo
Riteniamo invece che sia importante progettare dei servizi ex novo: siamo infatti
consapevoli che i servizi di eGovernment sensibili al genere non possono essere
Inventare proposte di servizi
quantitativamente significativi se in tema di pari opportunità, come emerge dalla classifica
totalmente innovative in termini di
presentata recentemente dal World Economic Forum (4), l’Italia è fanalino di coda in Europa
risposta ai bisogni ed ai problemi della
(ultima dei paesi europei e 84esima della classifica mondiale). Per il WEF, che ha basato la
cittadinanza che siano in grado di
classifica sulla partecipazione economica al lavoro, l'educazione, la salute ed il potere
sfruttare le potenzialità del web
politico, le donne italiane sono sempre meno emancipate e tra le ultime al mondo in termini
di partecipazione attiva al lavoro. Non si può, in sostanza, attendere che i servizi di
eGovernment migliorino l’attenzione verso la popolazione femminile se sono replica di
quanto accade nel modo fisico.

Vista la peculiarità del medium, si può forse ambire a realizzare nuovi approcci per la
costruzione di nuovi servizi. Pensiamo che un servizio on line funzioni al meglio quando tutta
la struttura logistica, organizzativa e produttiva è pensata e ottimizzata per l’interazione in
rete. Non si può affrontare, a nostro giudizio, la moderna complessità che si manifesta nelle
mille sfaccettature del cambiamento, della pluralità, e della velocità senza un lavoro creativo
di definizione di nuove forme organizzative e nuovi modelli relazionali da applicare alla nuova
sfera pubblica condivisa che è il web.

2b L’identificazione dei servizi on line “sensibili al genere” ha significato una


classificazione in qualche modo correlata a bisogni specifici e/o culturalmente indotti che
Focus sui temi di genere stanno caratterizzando la vita delle donne.

Lavoro/Formazione Punti di vista differenti (per questioni di genere, ma anche di generazione, di


Salute/Ambiente appartenenza etnica, di interessi culturali, di scelte di vita) comportano bisogni diversi ed è
Tempo libero così soprattutto in certi ambiti nei quali la differenza di genere emerge in tutta la sua unicità.
Genitorialità E non si tratta di una ideologizzazione dell’impostazione di genere, ma di avanzare delle
Sicurezza personale proposte dentro le quali sia prevista la valorizzazione di donne e uomini; quindi è prioritario il
recupero del valore dei generi nella loro duplicità (con risvolti maschili e femminili) ed il
proposito di mettere insieme voci che apparentemente sono neutre, ma che all’interno si
sdoppiano (ad esempio, il tempo libero si declina in modo molto diverso tra pensionate e
pensionati oppure le attività sportive/ricreative che si diversificano molto durante
l’adolescenza).

Si prenda il tema della salute: durante i nostri incontri, quasi tutte le partecipanti hanno
mostrato un interesse forte verso il reperimento di informazioni sulla salute con riferimento
specifico al benessere del corpo delle donne e che si esplicita nei termini di ambiente,
salute psichica, prevenzione, servizi anziani, vaccini bambini, cure palliative, sessualità...

Oppure si consideri la questione della mobilità e dei trasporti (informazioni sui taxi rosa,
i cui coupon devono essere rilasciati dai comuni; informazioni sulla localizzazione dei
parcheggi rosa, dove esistenti), che incide sulla percezione della possibilità di muoversi di
notte e/o da sole, soprattutto nelle grandi città.

10
Sappiamo che “il 36,8 per cento delle persone (oltre 7 milioni) vorrebbe navigare di
più”, sfruttare meglio e più intensivamente la Rete, utilizzare con maggiore cognizione di 2c
causa tutto quello che c’è on line. La domanda è una sola: perché non lo fa? Principalmente
“per mancanza di tempo (61,6 per cento, con punte che superano il 72 per cento tra i 35 e i
Cultura della ricerca
54 anni)” (5), che ostacola un uso più massiccio della rete; un dato prevedibile, che colpisce
particolarmente le donne, afflitte da sempre da corpose esigenze di conciliazione tra tempo Visibilità/reperibilità di
di lavoro e tempo di vita. Il ruolo sociale della donna, fortemente correlato all’età, incide informazioni o servizi in considerazione
pesantemente sul tempo a disposizione, e conseguentemente sulla necessità di un uso del target d’utenza, perennemente in
mirato del computer e della navigazione in rete. deficit di tempo da dedicare ad attività
extra
Non è nostro compito individuare politiche per una equa conciliazione dei tempi per
donne e uomini; tuttavia, possiamo suggerire di lavorare maggiormente sui motori di ricerca
per rendere i contenuti più facilmente accessibili e reperibili. E quando l’argomento è
espressamente dedicato alle donne (ad esempio, salute o sicurezza delle donne) integrare la
ricerca con la maschera di Cercatrice, che risponde alle query in un’ottica di genere. E lo fa
in due modi: 1. attraverso l’interfaccia, con i Suggerimenti alla ricerca, che consentono di
selezionare una o più parole di genere, orientando di fatto il percorso di navigazione e
guidando verso un risultato mirato (ad esempio, la voce violenza suggerisce centri
antiviolenza, movimento delle donne, sessismo, stupro, violenza carnale, violenza sessuale);
2. attraverso il software, con la selezione dei contenuti presenti nel database, che dà
risposte sessuate, cioè che afferiscono al mondo femminile (quindi, alla voce violenza, si
ottengono siti di informazione sulla violenza contro le donne e gli stupri).

Senza dimenticare le potenzialità offerte dal web 2.0 con il tagging sociale ed il
fltraggio collaborativo.

✴Riepilogo

PROGETTAZIONE SVILUPPO EX NOVO FOCUS SUI TEMI DI GENERE CULTURA DELLA RICERCA

Inventare proposte di Lavoro/Formazione Visibilità/reperibilità di


servizi totalmente innovative in Salute/Ambiente informazioni o servizi in
termini di risposta ai bisogni ed Tempo libero considerazione del target
ai problemi della cittadinanza Genitorialità d’utenza, perennemente in
che siano in grado di sfruttare Sicurezza personale deficit di tempo da dedicare ad
le potenzialità del web attività extra

11
3

COMUNICAZIONE
“It is not our differences that divide us. It is our inability to recognize, accept, and celebrate those differences” (Audre Lorde)
(Non sono le nostre differenze che ci dividono. E’ la nostra incapacità a riconoscere, accettare, e celebrare quelle differenze)

La perdita di contatto materiale tra chi eroga e chi fruisce di un servizio digitale richiede un’adeguata compensazione in termini di
comunicazione. E’ necessario che l’on line non deroghi dalla cura della relazione, nel tentativo spesso seducente, di automatizzare anche il
contatto interpersonale. On line come off line, e forse in misura anche maggiore vista l’arretratezza semantica del mondo digitale, è importante
informare per orientare, per consentire una scelta consapevole dei percorsi, per usare le informazioni, per sviluppare le competenze necessarie nei
diversi contesti, nelle diverse carriere e ruoli, nelle varie stagioni della vita, per sviluppare un pensiero creativo e responsabile.

Negli ultimi anni, il proliferare dell’informazione, proveniente da una pluralità di fonti differenti, ha dato luogo ad un fenomeno di
“disinformazione per eccesso”, in cui la molteplicità, la frammentazione e la contraddittorietà delle informazioni ha finito per “paralizzare”, anziché
orientare, le cittadine ed i cittadini. Diventa evidente che l’informazione di per sé non è sufficiente per comunicare e che, per stabilire
un’interazione consapevole tra emittente e ricevente, occorre stabilire apposite procedure che consentano di trasmettere informazioni dotate di
senso. Le informazioni, infatti, assumono un significato soltanto se organizzate in una sequenza di azioni logicamente correlate ed inserite
all’interno di uno specifico contesto di riferimento, in cui siano chiaramente definiti obiettivi, strategie e strumenti. E’ come se si stesse profilando
una offerta eccessivamente verticalizzata in cui viene a mancare il contesto in cui l’informazione è inserita. E la cittadinanza manca di un contatto
intermedio, spesso necessario per comprendere l’intero percorso.

Considerata l’importanza della comunicazione nell’influenzare l’evoluzione della cultura e dei comportamenti sociali, è importante porre
concreta attenzione al genere nelle strategie comunicative di informazioni e servizi di eGovernment. Serve sottolineare le differenze, tentando di
cartografare mappe di senso in riferimento a pratiche, pensieri, culture del vivere quotidiano di persone diverse per genere, etnia, generazione,
scelte di vita. Sembra quasi ridondante ricordare che il ruolo della Pubblica Amministrazione può essere determinante on line anche per
recuperare una forma di interazione diretta con la cittadinanza reciprocamente proficua e profittevole. Un canale preferenziale, quindi, in grado di
snellire alcune lentezze burocratiche, spesso inevitabili negli spazi fisici, e di tesaurizzare le pratiche quotidiane in presenza, velocizzando processi
e procedure.

Per quel che riguarda le intenzioni che muovono verso i servizi di eGovernment, la domanda riguarda ancora i servizi di informazione. Come
anticipato, è ancora troppo presto per concentrarsi unicamente sui servizi transattivi, concedendo sempre meno attenzione alle informazioni sui
servizi che poi possono essere completati off line. Nella nostra indagine, infatti, abbiamo rilevato che la possibilità di effettuare tutta la pratica on
line non è così determinante come l’avere indicazioni precise e puntuali su che cosa fare, come gestire, dove andare, a chi chiedere… La richiesta
non deve sorprendere: le donne, infatti, o meglio quei servizi che sono stati identificati come di pertinenza del genere femminile, perché afferenti
alle tematiche del lavoro, della genitorialità, della cura e della sicurezza personale, hanno una componente corporea non ancora eliminabile o
comunque non completamente gestibile on line.

12
Esiste un malessere tecnologico che può essere curato con una forte attenzione alla 3a
relazione. E l’elenco della ‘to do list’ è aperto ai suggerimenti di tutte/I; elenchiamo qualche
azione possibile nella consapevolezza che molto di più può essere fatto per far sentire le Cura della relazione
persone a proprio agio, evitando quel disorientamento che la tecnologia da sola asseconda.
Don’t forget the hi-touch when
Azioni: effettuare benchmark con incontri partecipativi con l’utenza target dei servizi; using the hi-tech
nominare i referenti delle informazioni e dei servizi (far sentire che ci sono delle persone
dietro lo schermo); completezza, accuratezza, affidabilità ed aggiornamento delle
informazioni; garantire un contatto umano interattivo; rimuovere la percezione che l’accesso
via computer abbia regole scarsamente comprensibili ed adattabili alle esigenze personali;
promuovere corsi di alfabetizzazione informatica e di computer literacy; assecondare,
quando richiesto, la mediazione umana con la macchina attraverso il coinvolgimento di
intermediarie; motivare la cittadinanza facendola sentire partecipe di un processo di cui è
co-protagonista.

Riannodando le fila con altre trame di genere (Linea guida, Indicatori e


Raccomandazioni varie), inseriamo tra le azioni utili ad una rappresentazione equa della 3b
società attuale, l’adozione di un linguaggio declinato al femminile, soprattutto o almeno
Linguaggio sessuato
quando i servizi sono rivolti espressamente alle donne. Un linguaggio falsamente neutro e
declinato al maschile non lascia comparire le donne, la loro vita, la loro storia, e le cancella
Cercare soluzioni per
assimilandole. L’adozione di un linguaggio sessuato, spesso considerato dissonante perché
rappresentare (sia con il linguaggio sia
desueto, è un primo passo verso l’emersione delle donne nella vita pubblica ed il riequilibrio
con l’iconografia) le differenze di
di una persistente dissimetria nei rapporti donna - uomo. Tutte le partecipanti al progetto
genere in modo equilibrato e
hanno rilevato l’importanza di un linguaggio inclusivo delle differenze, quindi di una possibile
rispettoso della realtà attuale
declinazione anche al femminile o, almeno, quando questo non sia possibile, di una reale
neutralità del linguaggio (per quanto molti siti siano declinati quasi interamente al maschile,
è facile che si perpetuino stereotipi di genere quando la comunicazione usa il femminile solo
per quei ruoli sociali e professionali tradizionali: la maestra, la badante, la segretaria).

Non si tratta evidentemente di questione solo nominalistica, e non è certo un caso che
nel 1987 Alma Sabatini, scrivendo le Raccomandazioni per un uso non sessista della lingua Donna
italiana per la Commissione Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri,
osservava come “la lingua non solo riflette la società che la parla, ma ne condiziona e limita
il pensiero, l’immaginazione e lo sviluppo sociale e culturale” (6). Tra i molti punti, le
Raccomandazioni chiedono di evitare il maschile generalizzato (es: i diritti della persona e
non i diritti dell’uomo), usare il femminile dei titoli professionali in riferimento alle donne (es:
avvocata e direttora), evitare l’articolo con i cognomi femminili, es: Pollastrini e Levi
Montalcini), accordare il genere degli aggettivi con quello dei nomi che sono in maggioranza
(es: Paola, Francesco e Elena sono brave) o in caso di parità con l’ultimo nome (Paola,
Sergio, Francesco e Elena sono brave).

13
Non è sempre facile comprendere quale stile comunicativo adottare per supportare il
modello di relazione desiderato tra chi eroga e chi fruisce del servizio. Molte le combinazioni 3c
di stili possibili: comunicazione formale, informale, seducente, ammiccante, persuasiva,
istituzionale, solenne, leggera, giocosa, avvincente, distaccata. E nessuna tra queste è
Stili comunicativi
veramente la regola: come sempre dipende dal contesto e dal target di riferimento.
La soluzione migliore è sempre
Così la fine di questo percorso riporta all’inizio in un circolo virtuoso che pone le quella più semplice
persone (mittenti e riceventi) al centro dell’innovazione tecnologica.

✴Riepilogo

COMUNICAZIONE CURA DELLA RELAZIONE LINGUAGGIO SESSUATO STILI COMUNICATIVI

Don’t forget the hi-touch Cercare soluzioni per La soluzione migliore è


when using the hi-tech rappresentare con il linguaggio sempre quella più semplice
e l’iconografia le differenze di
genere in modo equilibrato e
rispettoso della realtà attuale

14
GLOSSARIO
Conciliazione tra tempi di vita e tempi di lavoro
sistemi che prendono in considerazione esigenze della
famiglia quali congedi parentali (di maternità e di paternità),
soluzioni per la cura dell’infanzia e della vecchiaia, sviluppo
di un contesto e di un’organizzazione di lavoro, per
agevolare la conciliazione tra vita professionale e vita
familiare di donne e uomini.

Dati disaggregati in base al genere


raccolta e classificazione di dati e informazioni statistiche
per genere per consentire un’analisi comparativa di genere.
Tag
Differenze di genere
le differenze sociali e culturali tra donne e uomini. Le
sessuate
differenze di genere variano da una società e da una
cultura all’altra, e si modificano nel tempo.

Gender auditing Prospettiva di genere


analisi e valutazione delle politiche, dei programmi e delle la considerazione e l’attenzione per le differenze legate al
istituzioni in considerazione del modo in cui essi applicano genere a cominciare dall'individuazione dei loro diversi
criteri legati al genere. bisogni in qualsiasi ambito/attività politici.

Gender digital divide Uguaglianza di genere


il divario digitale di genere indica un disequilibrio tra donne equità di trattamento tra i generi che può esprimersi sia in
e uomini nell'accesso alle nuove tecnologie e, per le una parità di trattamento sia in un trattamento diverso ma
nazioni più evolute, nel loro sviluppo e progettazione. considerato equivalente in termini di diritti, vantaggi,
obblighi e opportunità.
Genere
il maschile ed il femminile, intesi come risultante di un
complesso di modelli culturali e sociali. “Quando diciamo
genere intendiamo parlare di come donne e uomini sono
trattati nella società...Significa riconoscere che il mondo è
fatto di donne e di uomini e che ogni decisione deve tener
conto di entrambi” (Gertrude Mongella, Presidente del
Pan-African Parliament).

note BIBLIOGRAFIA
1. Guida galattica per gli autostoppisti, Douglas Adams,
• Costruire servizi digitali, Margherita Pillan e Susanna
Arnoldo Mondadori Editore, 1980 Sancassani, Apogeo, 2003
2. Costruire servizi digitali, Margherita Pillan e Susanna
• Il disagio tecnologico, Alan Cooper, Apogeo, 1999
Sancassani, Apogeo, 2003
• L’infinito singolare. Considerazioni sulla differenza sessuale nel
3. Analysis of European target groups related to inclusive
linguaggio, Patrizia Violi, Essedue Edizioni, 1986
eGovernment, 2006 (http://ec.europa.eu/
• Glossario delle Pari opportunità (http://
information_society/activities/egovernment/docs/pdf/
www.commissionepariopportunita.it/Glossario/)
analysis_target_groups.pdf)
• Report Egovernment: le opportunità offerte alle cittadine in
4. The Global Gender Gap Report, 2007 (http://
Emilia-Romagna, a cura di Federica Fabbiani e Marzia Vaccari,
www.weforum.org/pdf/gendergap/report2007.pdf)
2008
5. Rapporto Istat - Le tecnologie dell’informazione e della
• Report Misure per contrastare il digital ed il knowledge divide di
comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli
genere, a cura di Federica Fabbiani e Marzia Vaccari, 2008
individui. 2007 (http://www.istat.it/salastampa/comunicati/
non_calendario/20051227_01/testointegrale.pdf)
6. Raccomandazioni per un uso non sessista della lingua
italiana, in Il sessismo nella lingua italiana a cura di Alma
Sabatini, 1987 (http://www.innovazionepa.it/dipartimento/
docs_pdf/linguaggio_non_sessista.pdf)

15