Sei sulla pagina 1di 6

Catalogo offerta formativa

Media Education 2019/2020


per insegnanti e studenti di
tutti i gradi scolastici

Didattica
e competenze digitali

Stare bene nella rete:


(Cyber)bullismo
e uso consapevole dei media

Fake News:
Affrontare la disinformazione online

Mobile Learning:
Lo smartphone a scuola?
Chi siamo?
Il gruppo Media Educa�on del Centro Educazione Media (CEM) è composto
da professionis� provenien� dai se�ori dell’educazione, della ricerca, della
formazione, della comunicazione e dell’informa�ca.
Siamo a�vi nell’ambito della formazione e della realizzazione di proge� educa�vi digitali,
rivol� a studen� e insegnan� delle scuole di tu� i gradi scolas�ci, studen� e docen� universitari,
così come genitori e tu� gli interessa� agli aspe� della Media Educa�on.

Cosa significa Le proposte


Media Education? formative
Il termine Media Educa�on include sia l’educazione Nel contesto della Media Educa�on il CEM
con i media, dunque gli strumen� da u�lizzare nei offre percorsi forma�vi e laboratoriali a
processi educa�vi e di formazione (dida�ca seconda delle diverse necessità di insegnan�, genitori
digitale), sia l’educazione ai media, e perciò l’uso e alunni.
consapevole e appropriato dei media.
Le a�vità si svolgono in forma di workshop, seminari oppure
Il team Media Educa�on di CEM è a�vo sin dalla laboratori. Tu� i percorsi sono ges�� in collaborazione con
nascita dell’associazione, nel 2007, al fine di i partecipan� e sulla base delle loro esigenze.
promuovere a scuola e nell’extra-scuola riflessioni
e buone pra�che sui media. Il nostro obie�vo non • Tempi e durata: pacche� di diversa durata (da
è solo un uso consapevole ma anche la capacità concordare in base ai proge�)
di u�lizzare i media per comunicare, socializzare, • Operatori: esper� CEM e �rocinan�
apprendere, insegnare e costruire conoscenza. • Cos�: in base al proge�o

Gli esper� di CEM lavorano con metodologie


partecipa�ve come il learning by doing e l'enquiry
based learning, partendo dal presupposto che per
comprendere i media sia necessario sperimentarli Tu� i corsi sono organizza� in forma
in modo a�vo. modulare e sono dunque combinabili fra
loro e ada�abili alle esigenze dei docen� e
delle scuole.
I nostri contatti
Sede legale: c/o Studio Astolfi, Presidente: Alexandra Berndt
Via Carpanelli 20 – 27100 Pavia centroeducazionemedia@gmail.com
Sede opera�va: Collegio Giasone del Maino, www.educazionemedia.it
Via Luino, 4 – 27100 Pavia 338 8624059
Proposta forma�va o1 Dida�ca e competenze digitali

L� ������� ��� 21����� ������ � �������������� �� �� �������� ������� �� �����������


� �� ����������� ���������, ����������� � �����������. P�� ��� ������ � ������ �����
�� ������ ��� ��� ��� ������������ ��������� ��� ������������� �� ����������, �� ����
��������� ����� �������� �� ����������, ��� ��� �� ���������� ��������.

P�� ���� ������, �� ������ �� �� ������� �� �������� ����� ���������� ��� ����������, ���
���������� ���� ������ �� ��������� �� �������� �� ����������, ������� � �������������
�������� �� �������� �������.

Il percorso forma�vo prevede le seguen�


a�vità per avvicinare i docen� alle
dida�che per competenze in chiave
digitale:

1) Introduzione alla dida�ca per


competenze a�raverso le tecnologie
dell’informazione e della comunicazione;

2) Metodo del digital storytelling come


strumento di costruzione di conoscenza e
competenza in contes� scolas�ci;

3) Strumen� e risorse digitali per un


proge�o di digital storytelling individuale
e/o collabora�vo.

Il percorso può essere facilmente


integrato con laboratori e/o workshop
dedica� agli studen� per migliorare e
applicare il nuovo metodo in classe so�o
la guida di un esperto CEM.
CEM 2017, Formazione docen� @IS A.Cairoli, Pavia
Proposta forma�va o2
STARE BENE NELLA RETE:
(CYBER)BULLISMO
E USO CONSAPEVOLE DEI SOCIAL MEDIA

I �������� CEM �������� � “����� ���� ����� ����” ������ � �������������� �


����������������� ��������, ���������� � �������� �� �� ��� ��� ����������� ��� S�����
N������ � ��� W��.

L'��������� ����� ������ �������� � ������ �� ������� �� ���� ���� �’�������� �� ������
��������� ����� ��������� ��������� � ���� ���������� ��� ��������� �� �� ������ � �����
�����, �������� �� ��� �������� �� �������� �������� �� ��������������� � �����������
������ “������”.

Proge�o 1
Stare bene nella rete
Il percorso forma�vo, che può essere ges�to
insieme o separatamente con docen� e
studen�, prevede tre momen� di riflessione:

1) Analisi dei rischi in rete;


2) Riconoscimento delle potenzialità e CEM 2019, Cyberbullismo @F.lli Cairoli, Gropello Cairoli

opportunità che la rete può offrire;


3) Strategie e strumen� per affrontare Proge�o 2
potenziali aggressioni online. Responsabilità online: aspe� informa�co-
giuridici dei social e del cyberbullismo
Metodologia:
• Analisi dei processi e dinamiche di 1) Percorso docen�: le�ura commentata
socializzazione online, a�raverso a�vità di della legge Ferrara, con analisi di casi concre�
brainstorming guidato; e indicazioni opera�ve
• Analisi delle dinamiche aggressive e di 2) Percorso studen�: uso consapevole
cyberbullismo sul web, a�raverso l’analisi della rete & dei diri� e doveri online
e la presentazione di casi con a�vità a (competenze di ci�adinanza digitale,
piccolo e grande gruppo; responsabilità giuridiche rela�ve all’essere
• Costruzione delle “linee guida per lo star online, sex�ng/revenge porn, cosa (non) è
bene online”, a�raverso a�vità di gruppo cyberbullismo)
e a�vità di role playing;
Metodologia:
I contenuti saranno tarati sulla base Percorso integrabile con workshop e seminari
delle età dei partecipanti. di approfondimento.
Proposta forma�va o3
Fake News:
Affrontare la disinformazione online

I� ����� ����’������������ ��������, ������� � ������ ����������� ���������� � ������


�����, ����������� ��� �� ����� ����������� �� ���������� ����� �� ������� � ����������
�� ��� ��������� ������� � ��������������� ����� ������.

È ���������� ������ ��� ��� ���������� ����� ���������� ����� ��������� ��� ������
���’������� ����� ���������� � ���������� ����� ��������������� ������. G�� ��������,
������, �������� ������������ ����� �������� ����� ���������� ���������� ��� ��� ������
���� ��������������� ������ � � ������ ������ ������������ ����� �������� ������.

Il percorso forma�vo è suddiviso in tre par�: Uno dei metodi più u�li per l’integrazione di
questa tema�ca all’interno del proprio
1) Analisi, da svolgersi con i programma è l’Enquiry Based Learning (EBL).
partecipan�, di �pologie e meccanismi
persuasivi della disinformazione in rete, in Il corso formerà gli insegnan� all’EBL con
par�colare in contesto giornalis�co e nei collegamen� concre� agli aspe� della
social media; disinformazione online.

2) Elaborazione comune di un decalogo L’obie�vo finale è quello di far valutare dagli


di consigli e uno degli strumen� concre� da studen� i percorsi propos� dai peer
u�lizzare per svelare, smen�re e segnalare a�raverso il digital output, e di creare così
una “fake news”; una comunità di giovani ci�adini digitali
responsabili, rispe�osi e autonomi.
3) Creazione di un output digitale (da
definire insieme all’insegnante) che analizzi
un caso concreto di disinformazione. Questo proge�o si basa sulle esperienze
acquisite grazie alla partecipazione di CEM al
proge�o europeo Digital Resistance,
promosso dalla Commissione Europea.
All’interno del proge�o vi è la possibilità di
Questo corso può essere svolto o solo con ampliare la propria a�vità a livello
i docen� (punto 1 e 2) che vogliano integrare internazionale: grazie alla rete di partner
la tema�ca “fake news” nei curricula europei, la fase di peer-to-peer learning può
scolas�ci, oppure insieme agli studen� in essere implementata insieme ad altre realtà
forma di workshop (punto 3). scolas�che europee.
Proposta forma�va o4
Mobile Learning:
Lo smartphone a scuola?

I� ������ �������� � ��� �������� ����������� ������ ���� ����� �’������������� �


������ � � ���� ����� ���������� ����’�������� �� �� ����������� �� ��������� ����� ������
(S���������, ������, �-������, PC ���������, ���.).

P�� ���������� �� �������� �� ������������� �� ������ �������� ������ ������ �����


�� �������������� ������� ��������, ��� ���� ���������, �� ����� �����������,
�������������, �������������� � �������, ����� � ��� �������������� ��������� ���������.

Questo percorso di formazione prevede un


approccio a 360 gradi, prevedendo tre
momen� forma�vi:

1) Analisi di metodologie, conce� e


percorsi dida�ci in mobile learning;

2) Ricerca e creazione di risorse


dida�che;

3) Elaborazione di una “classroom


policy” che regola l’u�lizzo dello
CEM 2019, A�vità Kahoot @IS A.Cairoli, Pavia smartphone da parte degli studen�.
@ IC Angelini, Pavia
CEM 2018, ClassroomPolicy

Il percorso può essere facilmente


integrato con laboratori e/o workshop
dedica� agli studen� per migliorare e
applicare il nuovo metodo in classe so�o
la guida di un esperto CEM.