Sei sulla pagina 1di 325

Guida alla pianificazione, distribuzione e

gestione di Dynamics 365

Versione: 8.2

Visualizza online la versione più recente di questo documento.


Pianificare
Installare
Funzionamento di

1
Contenuto
Guida alla pianificazione, distribuzione e gestione di Dynamics 365 ........................................................ 1

Pianificazione di Dynamics 365 locale .................................................................................................... 18


In questa sezione ................................................................................................................................. 18
Sezioni correlate ................................................................................................................................... 18

Pianificare la distribuzione di Microsoft Dynamics 365 ........................................................................... 18


Risorse per pianificare e preparare gli utenti per Microsoft Dynamics 365 ......................................... 19
Vedere anche ....................................................................................................................................... 19

Edizioni e licenze di Microsoft Dynamics 365 .......................................................................................... 20


Edizioni e licenze per le distribuzioni locali .......................................................................................... 20
Licenze di Microsoft Dynamics 365 (online) ......................................................................................... 20
Vedere anche ....................................................................................................................................... 21

Requisiti di sistema e tecnologie necessarie di Microsoft Dynamics 365 ............................................... 21


Vedere anche ....................................................................................................................................... 22

Requisiti hardware per il server di Microsoft Dynamics 365 .................................................................... 22


Vedere anche ....................................................................................................................................... 23

Requisiti hardware per Microsoft SQL Server per il Server Microsoft Dynamics 365 ............................. 23
Vedere anche ....................................................................................................................................... 24

Requisiti software per il Server Microsoft Dynamics 365 ........................................................................ 24


In questo argomento ............................................................................................................................ 24
Sistema operativo Windows Server ..................................................................................................... 25
Virtualizzazione del server ................................................................................................................... 26
Modalità di Active Directory .................................................................................................................. 26
Internet Information Services (IIS) ....................................................................................................... 26
Edizioni di SQL Server ......................................................................................................................... 27
Accesso a Microsoft Dynamics 365 da Internet - Autenticazione basata sulle attestazioni e requisiti di
una distribuzione con connessione Internet ..................................................................................... 28
Prerequisiti per i componenti software ................................................................................................. 29
Verificare i prerequisiti .......................................................................................................................... 30
Vedere anche ....................................................................................................................................... 31

Active Directory e requisiti di rete per Microsoft Dynamics 365 .............................................................. 31


Federazione e supporto dell'autenticazione basata sulle attestazioni ................................................. 31
Active Directory Federation Services ................................................................................................... 31
Certificati digitali ................................................................................................................................... 31
Supporto di IPv6 ................................................................................................................................... 32
Vedere anche ....................................................................................................................................... 32

2
Requisiti di report di Microsoft Dynamics 365 ......................................................................................... 32
In questo argomento ............................................................................................................................ 33
Vedere anche ....................................................................................................................................... 35

Supporto di versioni in lingue diverse in Microsoft Dynamics 365 .......................................................... 35


Requisiti per la lingua in Server Microsoft Dynamics 365 .................................................................... 36
Vedere anche ....................................................................................................................................... 37

Prerequisiti e considerazioni per la pianificazione della distribuzione di Microsoft Dynamics 365 ......... 37
In questa sezione ................................................................................................................................. 37
Vedere anche ....................................................................................................................................... 37

Requisiti hardware ................................................................................................................................... 38


Vedere anche ....................................................................................................................................... 38

Requisiti software .................................................................................................................................... 38


Vedere anche ....................................................................................................................................... 39

Installazione e configurazione di SQL Server .......................................................................................... 39


In questa sezione ................................................................................................................................. 40
Sezioni correlate ................................................................................................................................... 40

Raccomandazioni e requisiti di SQL Server per Microsoft Dynamics 365 .............................................. 40


In questo argomento ............................................................................................................................ 40
Elementi consigliati generali ................................................................................................................. 40
Migliorare le prestazioni quando si utilizza Microsoft Dynamics 365 con SQL Server 2016 ............... 42
Vedere anche ....................................................................................................................................... 43

Distribuzione di SQL Server .................................................................................................................... 43


In questo argomento ............................................................................................................................ 43
Considerazioni sulla distribuzione di SQL Server ................................................................................ 44
Regole di confronto e ordinamento delle impostazioni locali della lingua ............................................ 45
Configurazioni del disco e percorsi dei file ........................................................................................... 45
Percorso dei file di programma di SQL Server..................................................................................... 46
Percorso dei file di dati di SQL Server ................................................................................................. 46
Microsoft Dynamics 365 considerazioni di ridenominazione del database .......................................... 46
Crittografia dei dati trasparente di SQL (TDE) ..................................................................................... 48
OLTP in memoria di SQL Server ......................................................................................................... 48
Vedere anche ....................................................................................................................................... 48

Risorse aggiuntive per SQL Server ......................................................................................................... 48


Vedere anche ....................................................................................................................................... 48

Requisiti per la pianificazione di SQL Server Reporting Services ........................................................... 49


Requisiti delle estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 ............................................................ 50
Vedere anche ....................................................................................................................................... 51

3
Considerazioni sulla sicurezza per Microsoft Dynamics 365 .................................................................. 51
In questo argomento ............................................................................................................................ 51
Quale tipo di account di servizio è consigliabile scegliere? ................................................................. 51
Autorizzazioni minime necessarie per l'installazione e i servizi di Microsoft Dynamics CRM ............. 52
File di installazione di Microsoft Dynamics CRM ................................................................................. 56
Vedere anche ....................................................................................................................................... 56

Procedure consigliate per la sicurezza di Microsoft Dynamics 365 ........................................................ 56


Gestire il nome dell'entità servizio in Microsoft Dynamics 365 ............................................................ 57
Vedere anche ....................................................................................................................................... 58

Procedure consigliate di amministrazione per le distribuzioni locali di Microsoft Dynamics 365 ............ 58
Vedere anche ....................................................................................................................................... 59

Considerazioni sulla sicurezza del sistema operativo e della tecnologia della piattaforma per Microsoft
Dynamics 365 ....................................................................................................................................... 59
In questo argomento ............................................................................................................................ 60
Protezione di Windows Server ............................................................................................................. 60
Proteggere SQL Server ........................................................................................................................ 61
Protezione di Exchange Server e Outlook ........................................................................................... 62
Proteggere i dispositivi mobili ............................................................................................................... 63
Vedere anche ....................................................................................................................................... 63

Porte di rete per Microsoft Dynamics 365 ............................................................................................... 63


In questo argomento ............................................................................................................................ 63
Porte di rete per l'applicazione Web Microsoft Dynamics 365 ............................................................. 63
Porte di rete per i ruoli server di servizio asincrono, server applicazioni Web e servizio di
elaborazione in modalità sandbox. ................................................................................................... 65
Porte di rete per i ruoli server Servizio Web organizzazione ............................................................... 65
Porte di rete utilizzate dal computer SQL Server che esegue i ruoli server delle estensioni di report di
SQL Server e Microsoft Dynamics 365 ............................................................................................. 66
Vedere anche ....................................................................................................................................... 67

Rischi e vulnerabilità noti ......................................................................................................................... 67


In questo argomento ............................................................................................................................ 67
Rischi quando gli utenti si connettono a Dynamics 365 in una rete non sicura ................................... 67
Consigli di sicurezza nelle distribuzioni dei ruoli server ....................................................................... 68
Autenticazione autonoma ..................................................................................................................... 68
Isolare il ruolo HelpServer per le distribuzioni con connessione Internet ............................................ 68
Problemi e limiti dell'autenticazione basata sulle attestazioni .............................................................. 69
Proteggere il file web.config ................................................................................................................. 69
Le chiamate Internet in uscita tramite codice personalizzato eseguito dal servizio di elaborazione in
modalità sandbox sono abilitate ....................................................................................................... 70
Proteggere la comunicazione tra server .............................................................................................. 70

4
Attacchi di rebinding DNS .................................................................................................................... 71
JavaScript consentito per URL Power BI in dashboard personali ....................................................... 71
Vedere anche ....................................................................................................................................... 71

Configurazioni supportate di Microsoft Dynamics 365 ............................................................................ 72


Requisiti di Active Directory.................................................................................................................. 72
Distribuzione con un solo server .......................................................................................................... 73
In questa sezione ................................................................................................................................. 73
Vedere anche ....................................................................................................................................... 73

Distribuzione con più server Microsoft Dynamics 365 ............................................................................. 74


Installare i ruoli server eseguendo il programma di installazione del server Microsoft Dynamics 365 74
Posizione del server Microsoft Dynamics 365 ..................................................................................... 74
Posizione del controller di dominio di Active Directory e di SQL Server .............................................. 75
Vedere anche ....................................................................................................................................... 75

Ruoli server di Microsoft Dynamics 365 .................................................................................................. 75


In questo argomento ............................................................................................................................ 76
Gruppi di ruoli server disponibili ........................................................................................................... 76
Ruoli server individuali disponibili ........................................................................................................ 77
Definizione degli ambiti ........................................................................................................................ 80
Definizione delle modalità di installazione ............................................................................................ 80
Installare il servizio asincronia Microsoft Dynamics 365 per elaborare solo gli eventi asincroni o le e-
mail.................................................................................................................................................... 81
Requisiti per i ruoli server di Microsoft Dynamics 365 ......................................................................... 81
Vedere anche ....................................................................................................................................... 83

Supporto per le topologie a più server Microsoft Dynamics 365 ............................................................. 83


In questo argomento ............................................................................................................................ 84
Topologia con cinque server ................................................................................................................ 84
Topologia di Active Directory con più foreste e più domini .................................................................. 85
Vedere anche ....................................................................................................................................... 88

Pianificare l'aggiornamento a Microsoft Dynamics CRM 2016 Server .................................................... 88


In questo argomento ............................................................................................................................ 88
Passaggi consigliati per l'aggiornamento ............................................................................................. 89
Opzioni di aggiornamento di Microsoft Dynamics Server .................................................................... 89
Versioni del server Microsoft Dynamics supportate per l'aggiornamento ............................................ 90
Aggiornare il codice Product Key ......................................................................................................... 90
Autorizzazioni e privilegi degli utenti .................................................................................................... 90
Condivisione di SQL Server ................................................................................................................. 91
Suggerimenti per eseguire correttamente l'aggiornamento ................................................................. 91
Passaggi successivi ............................................................................................................................. 91
Vedere anche ....................................................................................................................................... 92

5
Problemi e considerazioni prima di eseguire l'aggiornamento ................................................................ 92
Aggiornamento da Microsoft Dynamics CRM 2015 a Microsoft Dynamics CRM 2016 ....................... 92
Aggiornamento dalle versioni precedenti di Microsoft Dynamics CRM ............................................... 93
Vedere anche ....................................................................................................................................... 93

Aggiornare la distribuzione di Microsoft Dynamics .................................................................................. 93


In questo argomento ............................................................................................................................ 93
Processo di aggiornamento.................................................................................................................. 94
Prepararsi all'aggiornamento ............................................................................................................... 94
Definire l'ambiente di prova .................................................................................................................. 97
Aggiornare e convalidare l'ambiente di prova ...................................................................................... 98
Come procedere in caso di installazione o migrazione non riuscita? .................................................. 98
Vedere anche ....................................................................................................................................... 99

Opzioni di distribuzione avanzate per il server Microsoft Dynamics 365 ................................................ 99


Usare un pacchetto locale per aggiornare i file del programma di installazione .................................. 99
Aggiungere o rimuovere ruoli server .................................................................................................... 99
Utilizzare Windows PowerShell per eseguire attività di distribuzione ................................................ 100
In questa sezione ............................................................................................................................... 100
Vedere anche ..................................................................................................................................... 100

Configurare una distribuzione con connessione Internet di Microsoft Dynamics 365 ........................... 100
In questo argomento .......................................................................................................................... 101
Informazioni sull'autenticazione basata sulle attestazioni .................................................................. 101
Procedure consigliate per server con connessione Internet .............................................................. 101
Configurazione di IFD ......................................................................................................................... 102
Vedere anche ..................................................................................................................................... 103

Distribuzione con più organizzazioni ..................................................................................................... 103


Vedere anche ..................................................................................................................................... 103

Accesso facilitato in Microsoft Dynamics 365 ........................................................................................ 103


Funzionalità di accessibilità nei browser ............................................................................................ 104
Vedere anche ..................................................................................................................................... 104

Installazione di Dynamics 365 locale ..................................................................................................... 104


In questa sezione ............................................................................................................................... 105
Sezioni correlate ................................................................................................................................. 105

Installare o aggiornare il server Microsoft Dynamics CRM ................................................................... 105


Componenti installati dal programma di installazione del server Microsoft Dynamics 2016 ............. 106
Vedere anche ..................................................................................................................................... 110

Installazione del server Microsoft Dynamics CRM ................................................................................ 110


Installa Server Microsoft Dynamics CRM ........................................................................................... 110

6
File di installazione di Microsoft Dynamics CRM ............................................................................... 110
In questa sezione ............................................................................................................................... 111
Vedere anche ..................................................................................................................................... 111

Installare i ruoli Front-end e Back-end di Microsoft Dynamics CRM ..................................................... 112


In questo argomento .......................................................................................................................... 112
Installare il ruolo Server back-end ...................................................................................................... 112
Installare il ruolo Server front-end ...................................................................................................... 115
Creare l'organizzazione di Microsoft Dynamics CRM ........................................................................ 119
Vedere anche ..................................................................................................................................... 119

Installare il ruolo Server Full Server Microsoft Dynamics CRM in un server senza Microsoft Dynamics
CRM installato .................................................................................................................................... 119
Installare il software del server Microsoft Dynamics CRM ................................................................. 120
Vedere anche ..................................................................................................................................... 124

Installare il server Microsoft Dynamics CRM in più computer ............................................................... 124


In questo argomento .......................................................................................................................... 125
Informazioni generali sulla configurazione a più server ..................................................................... 125
Passaggio 1: Abilitare il bilanciamento del carico di rete ................................................................... 126
Passaggio 2: Configurare Active Directory ........................................................................................ 126
Passaggio 3: Installare i server Microsoft Dynamics CRM ................................................................ 127
Passaggio 4: Configura il clustering di failover per la distribuzione ................................................... 128
Passaggio 5: Verificare e monitorare l'installazione cluster ............................................................... 130
Vedere anche ..................................................................................................................................... 130

Installa Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM ...................................................................... 130


Installa le estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM ............................................................... 131
Vedere anche ..................................................................................................................................... 132

Impostare i database di configurazione e dell'organizzazione per il failover di SQL Server AlwaysOn 132
Prerequisiti.......................................................................................................................................... 133
Abilitare SQL Server AlwaysOn ......................................................................................................... 133
Creare il gruppo di disponibilità .......................................................................................................... 134
Creare gli account di accesso di SQL per i gruppi di sicurezza di Microsoft Dynamics 365 in tutte le
repliche secondarie ......................................................................................................................... 135
Aggiornare le stringhe di connessione del database di configurazione nel registro di sistema di
Windows.......................................................................................................................................... 136
Aggiornare la stringa di connessione nel database di configurazione ............................................... 137
Riavviare i servizi IIS e Microsoft Dynamics 365 ............................................................................... 137
Monitorare il gruppo di disponibilità e testare il failover ..................................................................... 138
Vedere anche ..................................................................................................................................... 138

Aggiornare un Server Microsoft Dynamics CRM ................................................................................... 138


Opzioni di aggiornamento .................................................................................................................. 139

7
In questa sezione ............................................................................................................................... 139

Preparativi per l'aggiornamento del server di Microsoft Dynamics CRM .............................................. 139
Tempo di inattività stimato dovuto all'aggiornamento ........................................................................ 140
Prerequisiti software ........................................................................................................................... 140
Vedere anche ..................................................................................................................................... 141

Eseguire l'aggiornamento da Microsoft Dynamics Server 2015 ............................................................ 141


Attività da eseguire prima dell'aggiornamento ................................................................................... 142
Eseguire l'aggiornamento ................................................................................................................... 142
Vedere anche ..................................................................................................................................... 144

Aggiornamento da Dynamics CRM Server 2013 o Dynamics Server 2011 .......................................... 145
In questo argomento .......................................................................................................................... 145
Procedure consigliate per l'aggiornamento di Dynamics CRM .......................................................... 145
Aggiornamento sul posto: aggiornare una distribuzione di CRM 2013 utilizzando un codice Product
Key valido di CRM 2015 ................................................................................................................. 146
Aggiornamento della migrazione: aggiornare una distribuzione di CRM 2013 utilizzando un codice
Product Key valido di una versione di valutazione di CRM 2015 ................................................... 147
Migrare da CRM 2011 ........................................................................................................................ 149
Vedere anche ..................................................................................................................................... 149

Aggiornare le Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM ............................................................ 149


Vedere anche ..................................................................................................................................... 150

Dopo l'aggiornamento ............................................................................................................................ 150


Procedure successive all'aggiornamento dei server .......................................................................... 150
Procedure successive all'aggiornamento dei client ........................................................................... 151
Vedere anche ..................................................................................................................................... 151

Configurare IFD per Microsoft Dynamics 365 ....................................................................................... 151


In questa sezione ............................................................................................................................... 152
Vedere anche ..................................................................................................................................... 152

Implementare l'autenticazione basata sulle attestazioni: accesso interno ............................................ 152


In questa sezione ............................................................................................................................... 152
Vedere anche ..................................................................................................................................... 153

Distribuire e configurare AD FS ............................................................................................................. 153


Distribuire un server federativo .......................................................................................................... 153
Configurare AD FS per Windows Server 2012 R2 ............................................................................. 153
Verifica dell'installazione AD FS ......................................................................................................... 154
Vedere anche ..................................................................................................................................... 155

Configurare il server Microsoft Dynamics 365 per l'autenticazione basata sulle attestazioni ............... 155
In questo argomento .......................................................................................................................... 156

8
Impostare il binding del server Microsoft Dynamics 365 su HTTPS e configurare gli indirizzi Web dei
domini radice ................................................................................................................................... 156
Account CRMAppPool e certificato di crittografia di Microsoft Dynamics CRM ................................. 157
Configurazione dell'autenticazione basata sulle attestazioni mediante la Configurazione guidata
autenticazione basata sulle attestazioni ......................................................................................... 158
Configurazione dell'autenticazione basata sulle attestazioni mediante Windows PowerShell .......... 159
Impostare le autorizzazioni Lettura per l'account ADFSAppPool ...................................................... 160
Vedere anche ..................................................................................................................................... 160

Configurare il server AD FS per l'autenticazione basata sulle attestazioni ........................................... 160


Configurare il trust del provider di attestazioni ................................................................................... 160
Configurare un trust della relying party .............................................................................................. 161
Abilitare l'autenticazione basata su form ............................................................................................ 163
Vedere anche ..................................................................................................................................... 164

Aggiungere il sito Web di AD FS all'area di sicurezza Intranet locale ................................................... 165


Aggiungere il server AD FS all'area di sicurezza intranet locale ....................................................... 165
Vedere anche ..................................................................................................................................... 165

Testare l'autenticazione basata sulle attestazioni interna ..................................................................... 165


Risoluzione dei problemi .................................................................................................................... 166
Vedere anche ..................................................................................................................................... 166

Implementare l'autenticazione basata sulle attestazioni: accesso esterno ........................................... 166


In questa sezione ............................................................................................................................... 166
Vedere anche ..................................................................................................................................... 166

Configurare il server Microsoft Dynamics 365 per IFD. ......................................................................... 167


Configurare una distribuzione con connessione Internet utilizzando la Configurazione guidata
distribuzione con connessione Internet .......................................................................................... 167
Vedere anche ..................................................................................................................................... 171

Configurare il server AD FS per IFD ...................................................................................................... 171


Configurare trust della relying party. .................................................................................................. 171
Vedere anche ..................................................................................................................................... 172

Testare l'autenticazione basata sulle attestazioni esterna .................................................................... 173


Vedere anche ..................................................................................................................................... 173

Dynamics 365 per tablet e IFD .............................................................................................................. 174


Vedere anche ..................................................................................................................................... 174

Dynamics 365 per telefoni e IFD ........................................................................................................... 174


Vedere anche ..................................................................................................................................... 175

9
Configurare Microsoft Dynamics 365 per Outlook per l'utilizzo dell'autenticazione basata sulle
attestazioni ......................................................................................................................................... 175
Impostare un client per l'autenticazione basata sulle attestazioni ..................................................... 176
Utilizzare un file di modello amministrativo (con estensione adm) .................................................... 176
Vedere anche ..................................................................................................................................... 177

Risoluzione dei problemi per la distribuzione IFD del Server Microsoft Dynamics 365 ........................ 177
Breve elenco di controllo .................................................................................................................... 177
ADFS .................................................................................................................................................. 178
Errore HTTP 401.1 - Autorizzazione negata: accesso negato ........................................................... 181
Differenza di ora tra i due server ........................................................................................................ 181
Vedere anche ..................................................................................................................................... 181

Risoluzione dei problemi relativi all'installazione e all'aggiornamento .................................................. 181


File di registro ..................................................................................................................................... 181
Vedere anche ..................................................................................................................................... 182

Installare o aggiornare i Language Pack ............................................................................................... 182


Informazioni generali sui Language Pack .......................................................................................... 182
In questa sezione ............................................................................................................................... 183
Vedere anche ..................................................................................................................................... 183

Installare e abilitare un Language Pack ................................................................................................ 183


Installare il Language Pack (solo locale) ............................................................................................ 183
Vedere anche ..................................................................................................................................... 184

Aggiornare e abilitare un Language Pack ............................................................................................. 184


Vedere anche ..................................................................................................................................... 185

Installa Estensione per la modifica dei report di Microsoft Dynamics CRM .......................................... 185
Installare il plug-in .............................................................................................................................. 186
Vedere anche ..................................................................................................................................... 187

Disinstallare, ripristinare e modificare Microsoft Dynamics 365 ............................................................ 187


In questa sezione ............................................................................................................................... 187
Vedere anche ..................................................................................................................................... 188

Disinstallare, modificare o ripristinare il server Microsoft Dynamics 365 .............................................. 188


Vedere anche ..................................................................................................................................... 190

Disinstalla o ripristina le estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 .............................................. 190


Vedere anche ..................................................................................................................................... 190

Disinstallare o ripristinare l'estensione per la modifica dei report di Microsoft Dynamics 365 .............. 190
Vedere anche ..................................................................................................................................... 191

10
Disinstallare o ripristinare un Language Pack di Microsoft Dynamics 365 ............................................ 191
Disinstallare un Language Pack ......................................................................................................... 191
Vedere anche ..................................................................................................................................... 192

Utilizzare il prompt dei comandi per installare Microsoft Dynamics Server 365 .................................... 192
Procedure generali ............................................................................................................................. 192
Problemi noti....................................................................................................................................... 193
In questa sezione ............................................................................................................................... 194
Vedere anche ..................................................................................................................................... 194

Installare il Server Microsoft Dynamics CRM mediante un prompt dei comandi .................................. 194
Parametri ............................................................................................................................................ 195
Vedere anche ..................................................................................................................................... 195

Microsoft Dynamics CRMFile di configurazione XML per il server ........................................................ 195


Riferimento del file di configurazione ................................................................................................. 196
Vedere anche ..................................................................................................................................... 204

Esempio di file di configurazione XML per il server ............................................................................... 204


Vedere anche ..................................................................................................................................... 207

Esempio di file di configurazione XML per il server per l'installazione con gruppi già creati ................ 207
Vedere anche ..................................................................................................................................... 208

Installare i ruoli server di Microsoft Dynamics CRM usando il prompt dei comandi .............................. 208
File di configurazione XML per i ruoli server ...................................................................................... 209
Vedere anche ..................................................................................................................................... 210

Esempio di file di configurazione XML per l'installazione dei soli ruoli WebApplicationServer e
OrganizationWebService .................................................................................................................... 211
Vedere anche ..................................................................................................................................... 212

Esempio di file di configurazione XML che installa solo il ruolo HelpServer ......................................... 212
Vedere anche ..................................................................................................................................... 214

Installare le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 mediante un prompt dei comandi ........... 214
Requisiti delle estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 .......................................................... 214
Esempio di comando .......................................................................................................................... 215
Vedere anche ..................................................................................................................................... 215

File di configurazione XML delle estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 ................................. 215
Vedere anche ..................................................................................................................................... 217

Esempio di file di configurazione XML delle estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM ............. 217
Vedere anche ..................................................................................................................................... 218

11
Installare l'Estensione per la modifica dei report di Microsoft Dynamics 365 mediante un prompt dei
comandi .............................................................................................................................................. 218
Vedere anche ..................................................................................................................................... 219

File di configurazione XML per l'estensione per la modifica dei report di Microsoft Dynamics 365 ...... 219
Vedere anche ..................................................................................................................................... 221

Esempio di file di configurazione XML per l'estensione per la modifica dei report di Microsoft Dynamics
CRM ................................................................................................................................................... 221
Vedere anche ..................................................................................................................................... 221

Linee guida per le operazioni di post-installazione e configurazione per Microsoft Dynamics 365 ...... 222
In questo argomento .......................................................................................................................... 222
Aggiornare la distribuzione a Dynamics 365 ...................................................................................... 222
Copiare la chiave di crittografia dell'organizzazione .......................................................................... 222
Rendere più sicure le comunicazioni di rete tra client e server Dynamics 365 .................................. 223
Configurare una distribuzione con connessione Internet di Dynamics 365 ....................................... 223
Aggiungere o rimuovere dati di esempio ............................................................................................ 224
Completare le attività di configurazione per le nuove organizzazioni ................................................ 224
Importare una soluzione da Microsoft Dynamics Marketplace .......................................................... 224
Come è possibile disabilitare il video di presentazione della navigazione? ....................................... 225
Configurare Windows Server 2012 R2 per le applicazioni Dynamics 365 che utilizzano OAuth ...... 225
Formazione e adozione da parte degli utenti ..................................................................................... 227
Vedere anche ..................................................................................................................................... 227

Funzionamento di Dynamics 365 locale ................................................................................................ 227


In questa sezione ............................................................................................................................... 227
Sezioni correlate ................................................................................................................................. 228

Funzionamento di Microsoft Dynamics 365 ........................................................................................... 228


In questa sezione ............................................................................................................................... 228
Sezioni correlate ................................................................................................................................. 228

Amministrare la distribuzione utilizzando Windows PowerShell ........................................................... 229


In questo argomento .......................................................................................................................... 229
Iniziare a utilizzare i cmdlet PowerShell di Dynamics 365 ................................................................. 229
Utilizzare i cmdlet di PowerShell ........................................................................................................ 230
Impostare le proprietà utilizzando i cmdlet di PowerShell .................................................................. 230
Recuperare gli argomenti della guida relativi ai cmdlet di Dynamics 365 PowerShell ...................... 231
Aggiornare le impostazioni di configurazione della distribuzione utilizzando PowerShell ................. 231
Vedere anche ..................................................................................................................................... 231

Aggiornare le impostazioni di configurazione della distribuzione .......................................................... 231


In questo argomento .......................................................................................................................... 231
AsyncSettings ..................................................................................................................................... 232

12
ClaimsSettings ................................................................................................................................... 233
CustomCodeSettings ......................................................................................................................... 234
DashboardSettings ............................................................................................................................. 234
DupSettings ........................................................................................................................................ 234
EtmSettings ........................................................................................................................................ 235
IfdSettings........................................................................................................................................... 235
ImportSettings .................................................................................................................................... 236
MarketplaceSettings ........................................................................................................................... 236
MonitoringSettings .............................................................................................................................. 237
MultiEntityQuickFindSettings.............................................................................................................. 237
OAuthClaimsSettings ......................................................................................................................... 238
QuickFindSettings .............................................................................................................................. 238
SqmSettings ....................................................................................................................................... 239
TeamSettings ..................................................................................................................................... 239
ThrottleSettings .................................................................................................................................. 239
TraceSettings ..................................................................................................................................... 241
WebAddressSettings .......................................................................................................................... 242
WorkflowSettings ................................................................................................................................ 243
YammerSettings ................................................................................................................................. 243
Vedere anche ..................................................................................................................................... 243

Configurare le impostazioni delle attestazioni ....................................................................................... 243


Requisiti .............................................................................................................................................. 243
Dimostra ............................................................................................................................................. 244
Esempio.............................................................................................................................................. 244
Vedere anche ..................................................................................................................................... 245

Configurare le impostazioni IFD ............................................................................................................ 245


Requisiti .............................................................................................................................................. 245
Dimostra ............................................................................................................................................. 245
Esempio.............................................................................................................................................. 245
Vedere anche ..................................................................................................................................... 247

Configurare le impostazioni di indirizzo Web......................................................................................... 247


Requisiti .............................................................................................................................................. 247
Dimostra ............................................................................................................................................. 247
Esempio.............................................................................................................................................. 247
Vedere anche ..................................................................................................................................... 249

Usare Gestione distribuzione per gestire la distribuzione ..................................................................... 249


In questa sezione ............................................................................................................................... 249
Vedere anche ..................................................................................................................................... 250

Proprietà della distribuzione di Microsoft Dynamics 365 ....................................................................... 250

13
Vedere anche ..................................................................................................................................... 253

Modificare il codice Product Key ........................................................................................................... 253


Modificare il codice Product Key ........................................................................................................ 254
Vedere anche ..................................................................................................................................... 254

Utilizzare Windows PowerShell per eseguire attività di Gestione distribuzione .................................... 254
Registrare il cmdlet Microsoft Dynamics 365 ..................................................................................... 254
Vedere anche ..................................................................................................................................... 255

Configurare l'autenticazione basata sulle attestazioni ........................................................................... 255


Vedere anche ..................................................................................................................................... 257

Disabilitare l'autenticazione basata sulle attestazioni ............................................................................ 257


Disabilitare l'autenticazione basata sulle attestazioni ........................................................................ 258
Vedere anche ..................................................................................................................................... 258

Configurare una distribuzione con connessione Internet ...................................................................... 258


Vedere anche ..................................................................................................................................... 260

Disabilitare una distribuzione con connessione Internet ....................................................................... 260


Disabilitare una distribuzione con connessione Internet .................................................................... 260
Vedere anche ..................................................................................................................................... 260

Amministratori distribuzione................................................................................................................... 260


Vedere anche ..................................................................................................................................... 261

Aggiungere un nuovo amministratore della distribuzione ...................................................................... 261


Aggiungi a Amministratori distribuzione ............................................................................................. 261
Vedere anche ..................................................................................................................................... 262

Rimuovere un amministratore della distribuzione.................................................................................. 262


Rimuovere un amministratore della distribuzione .............................................................................. 262
Vedere anche ..................................................................................................................................... 262

Gestisci organizzazioni .......................................................................................................................... 262


Per visualizzare la pagina Organizzazioni ......................................................................................... 263
Vedere anche ..................................................................................................................................... 263

Modificare gli attributi di un'organizzazione ........................................................................................... 263


Per modificare un'organizzazione ...................................................................................................... 263
Vedere anche ..................................................................................................................................... 264

Disabilitare o abilitare un'organizzazione .............................................................................................. 264


Disabilitare o abilitare un'organizzazione ........................................................................................... 265
Vedere anche ..................................................................................................................................... 265

14
Aggiungere una nuova organizzazione ................................................................................................. 265
Vedere anche ..................................................................................................................................... 267

Importa organizzazione ......................................................................................................................... 267


Vedere anche ..................................................................................................................................... 270

Aggiornare la versione di un'organizzazione ......................................................................................... 270


Aggiornare un'organizzazione tramite importazione .......................................................................... 270
Aggiornare un'organizzazione in loco ................................................................................................ 270
Vedere anche ..................................................................................................................................... 271

Aggiornare un'organizzazione ............................................................................................................... 271


Per aggiornare un'organizzazione disabilitata ................................................................................... 271
Gestione dell'aggiornamento .............................................................................................................. 271
Vedere anche ..................................................................................................................................... 272

Risoluzione dei problemi relativi all'importazione e all'aggiornamento delle organizzazioni ................. 272
Vedere anche ..................................................................................................................................... 272

Eliminare un'organizzazione .................................................................................................................. 272


Eliminare un'organizzazione .............................................................................................................. 273
Vedere anche ..................................................................................................................................... 273

Gestire i server ...................................................................................................................................... 273


Vedere anche ..................................................................................................................................... 273

Disabilitare o abilitare un server ............................................................................................................ 274


Disabilitare o abilitare un server ......................................................................................................... 274
Vedere anche ..................................................................................................................................... 275

Eliminare (rimuovere) un server Microsoft Dynamics 365 ..................................................................... 275


Eliminare un server ............................................................................................................................ 275
Vedere anche ..................................................................................................................................... 275

Risoluzione dei problemi e problemi noti per Microsoft Dynamics 365 ................................................. 276
In questa sezione ............................................................................................................................... 276
Vedere anche ..................................................................................................................................... 276

Monitorare e risolvere problemi di Microsoft Dynamics 365 .................................................................. 276


In questo argomento .......................................................................................................................... 277
Analisi a livello di distribuzione di Microsoft Dynamics 365 (solo versioni locali) .............................. 277
Analisi a livello di server di Microsoft Dynamics 365 (solo versioni locali) ......................................... 278
Abilitare l'analisi per le estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 per SQL Server Reporting
Services (solo versioni locali).......................................................................................................... 280
Abilitare l'analisi per Microsoft Dynamics 365 per Outlook ................................................................ 281
Abilitare l'analisi per il router di posta elettronica di Microsoft Dynamics 365.................................... 282

15
Abilitare l'analisi per Dynamics 365 per telefoni per Windows Phone ............................................... 284
Abilitare l'analisi in Dynamics 365 per tablet ...................................................................................... 295
System Center Operations Manager Management Pack per Microsoft Dynamics 365 (solo versioni
locali) ............................................................................................................................................... 309
Vedere anche ..................................................................................................................................... 309

Servizio di monitoraggio Microsoft Dynamics 365 ................................................................................. 309


Visualizzare i risultati del monitoraggio .............................................................................................. 309
Modificare le impostazioni di monitoraggio ........................................................................................ 310
Vedere anche ..................................................................................................................................... 311

Aggiornare Microsoft Dynamics CRM ................................................................................................... 311


In questo argomento .......................................................................................................................... 311
Che cosa è Dynamics 365 e come si ottiene? ................................................................................... 311
Aggiornamento del programma di installazione di Microsoft Dynamics CRM ................................... 312
Aggiornamenti all'applicazione Microsoft Dynamics CRM ................................................................. 312
Vedere anche ..................................................................................................................................... 313

Manutenzione del database di Microsoft Dynamics 365 ....................................................................... 313


In questa sezione ............................................................................................................................... 313
Vedere anche ..................................................................................................................................... 313

Indici del database dell'organizzazione Dynamics 365 ......................................................................... 314


Come recuperare l'elenco di tutti gli indici archiviati in un database dell'organizzazione .................. 314
Vedere anche ..................................................................................................................................... 315

Protezione e ripristino dei dati di Microsoft Dynamics 365 .................................................................... 315


In questa sezione ............................................................................................................................... 315
Vedere anche ..................................................................................................................................... 315

Servizio VSS Writer di Microsoft Dynamics 365. ................................................................................... 315


In questo argomento .......................................................................................................................... 316
Dipendenze ........................................................................................................................................ 316
Autorizzazioni obbligatorie ................................................................................................................. 316
Funzionalità ........................................................................................................................................ 316
Passaggi necessari per utilizzare System Center Data Protection Manager .................................... 317
Vedere anche ..................................................................................................................................... 317

Eseguire il backup del sistema Microsoft Dynamics 365 ...................................................................... 317


In questo argomento .......................................................................................................................... 317
Riepilogo dei requisiti di backup ......................................................................................................... 317
Selezione di un tipo e una tecnologia di backup ................................................................................ 318
Backup di Windows Server ................................................................................................................ 319
Backup di Active Directory ................................................................................................................. 319
Backup di SQL Server, incluso Reporting Services ........................................................................... 319

16
Eseguire il backup del server Microsoft Dynamics 365 ..................................................................... 321
Vedere anche ..................................................................................................................................... 321

Importare ed esportare personalizzazioni e soluzioni ........................................................................... 321


Vedere anche ..................................................................................................................................... 322

Ripristino di Microsoft Dynamics 365 in caso di errore ......................................................................... 322


Vedere anche ..................................................................................................................................... 322

Ripristino di SQL Server in caso di errore ............................................................................................. 323


Vedere anche ..................................................................................................................................... 324

Ripristino di Microsoft Dynamics 365 Server in caso di errore .............................................................. 324


Vedere anche ..................................................................................................................................... 324

Copyright................................................................................................................................................ 325

17
Pianificazione di Dynamics 365 locale
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
I professionisti IT e gli amministratori di Microsoft Dynamics 365 possono utilizzare le risorse e gli
argomenti della Guida come supporto per la distribuzione locali di Microsoft Dynamics 365.

In questa sezione
Pianificare la distribuzione di Microsoft Dynamics 365
Edizioni e licenze di Microsoft Dynamics 365
Requisiti di sistema e tecnologie necessarie di Microsoft Dynamics 365
Pianificare la distribuzione di Microsoft Dynamics 365
Opzioni di distribuzione avanzate per il server Microsoft Dynamics 365

Sezioni correlate
Installazione di Dynamics 365 locale
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn531101(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
Funzionamento di Dynamics 365 locale
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn531183(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Pianificare la distribuzione di Microsoft


Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Per le organizzazioni più grandi, la pianificazione di Dynamics 365 (locale) o Microsoft Dynamics 365
(online), come quella di qualsiasi altro software aziendale, rappresenta un'attività importante.Questa
guida è destinata al team responsabile della pianificazione di Microsoft Dynamics 365 e contiene tutte
le informazioni e tutti gli strumenti necessari per progettare correttamente un'implementazione.Nelle
organizzazioni di piccole dimensioni può accadere che una sola persona ricopra diversi ruoli.Nelle
organizzazioni più grandi è invece possibile che ogni ruolo sia suddiviso tra più persone.I ruoli in
questione sono:
• Responsabile di determinare le modalità di utilizzo di Microsoft Dynamics 365 per le attività
aziendali.Responsabili aziendali.Ciò include il mapping dei processi a Microsoft Dynamics 365, la
scelta dei valori predefiniti e l'identificazione di eventuali personalizzazioni necessarie.
• Responsabile di implementare le personalizzazioni pianificate.Personale tecnico addetto alla
personalizzazione.

18
• Responsabile per la determinazione di come verrà distribuito Microsoft Dynamics 365 nella rete e
di come utenti accederanno al sistema.Personale tecnico addetto alla rete.
• Responsabile della gestione di un progetto di implementazione a livello aziendale.Responsabile di
progetto.
Le organizzazioni che implementano il software Microsoft Dynamics 365 possono avvalersi dei servizi
di un fornitore di software indipendente (ISV, Independent Software Vendor) o di un rivenditore a valore
aggiunto, di un consulente o di un'altra organizzazione partner di Microsoft, in grado di fornire
assistenza durante l'implementazione e la gestione dell'installazione di Microsoft Dynamics 365.Ciò
premesso, è possibile che in questa guida siano presenti riferimenti a tali "partner", i quali forniscono
servizi di vario genere all'organizzazione.

Risorse per pianificare e preparare gli utenti per


Microsoft Dynamics 365
Tali risorse sono disponibili per consentire la pianificazione di una distribuzione di Dynamics 365
(locale) o Microsoft Dynamics 365 (online).

Microsoft Dynamics SureStep


Microsoft Dynamics Sure Step offre una metodologia completa per ciclo di vita del cliente per tutte le
soluzioni Microsoft Dynamics, che fornisce all'ecosistema Microsoft istruzioni complete dalle vendite
fino alla consegna, l'allineamento di regole per la gestione dei progetti e le procedure consigliate in
base al campo.Microsoft Dynamics Sure Step è progettato per consentire ai partner Microsoft
Dynamics di completare i progetti cliente rispettando le scadenze e il budget in modo efficace e
affidabile.Ulteriori informazioni:Guida di Microsoft Dynamics CRM Sure Step

Pianificazione di Microsoft Dynamics 365 (online)


Per un amministratore che deve pianificare e implementare Microsoft Dynamics 365 (online)
nell'organizzazione,TechNet: Gestire la sottoscrizione di Microsoft Dynamics CRM OnlineLa guida
consente inoltre agli utenti di organizzarsi con Microsoft Dynamics 365 (online).

Formazione e adozione da parte degli utenti


Ulteriori informazioni:Kit di adozione e formazione per Microsoft Dynamics CRM

Vedere anche
Pianificazione di Dynamics 365 locale
Edizioni e licenze di Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

19
Edizioni e licenze di Microsoft Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Microsoft Dynamics 365 è disponibile con opzioni di licenza in grado di rispondere alle esigenze delle
organizzazioni di piccole, medie e grandi dimensioni.

Edizioni e licenze per le distribuzioni locali


• .Server Microsoft Dynamics 365Edizione che può essere utilizzata da un numero illimitato di
utenti.Include funzionalità aggiuntive che consentono di supportare più organizzazioni, più istanze
di server e l'installazione distinta dei servizi basata sui ruoli.Grazie a tale tipo di installazione, è
possibile migliorare le prestazioni installando le funzionalità di Server Microsoft Dynamics 365 in
computer diversi.
• .Microsoft Dynamics 365 Workgroup ServerEdizione che può essere utilizzata al massimo da
cinque utenti.È limitata a una singola organizzazione e un singolo computer che esegue il Server
Microsoft Dynamics 365.

Licenze
Per il funzionamento di una distribuzione di Microsoft Dynamics 365 è necessario utilizzare un singolo
codice Product Key.Tuttavia, per i Server Microsoft Dynamics 365 in una distribuzione è necessaria
una licenza server.Solo l'edizione Server Microsoft Dynamics 365 dispone di licenze per più server
Microsoft Dynamics 365 o ruoli server in una distribuzione.L'edizione Microsoft Dynamics 365
Workgroup Server è limitata all'esecuzione di un solo server in una distribuzione.
Puoi visualizzare e aggiornare una licenza utilizzando i comandiGet-CrmAccessLicenseSet-
CrmProductKeyGestione distribuzione è uno snap-in di Microsoft Management Console (MMC)
utilizzabile dagli amministratori di sistema per gestire organizzazioni, server e licenze per le
distribuzioni di Microsoft Dynamics 365.
Scarica: Guida alla determinazione dei prezzi e contratti multilicenza di Microsoft Dynamics CRM 2016
locale

Tipi di licenze CAL (Client Access License)


È possibile visualizzare e modificare i tipi di licenza CAL per ogni utente
nell'areaUtentiImpostazioniPer ulteriori informazioni sulle licenze di Microsoft Dynamics 365,
vedereCome acquistare Microsoft Dynamics CRM

Licenze di Microsoft Dynamics 365 (online)


In Microsoft Dynamics 365 (online) sono disponibili potenti funzionalità e caratteristiche di Dynamics
365 fornite come servizio cloud da Microsoft, che consentono l'accesso immediato e illimitato, oltre a
prezzi prevedibili in base all'uso.I piani di licenza per Microsoft Dynamics 365 (online) stabiliscono la
quantità di funzionalità necessarie per gli utenti e sono forniti in licenza con una sottoscrizione.
Ulteriori informazioni: Piani delle licenze per Microsoft Dynamics CRM Online

20
Vedere anche
Amministrare la distribuzione utilizzando Windows PowerShell
Usare Gestione distribuzione per gestire la distribuzione
Pianificare la distribuzione di Microsoft Dynamics 365
Requisiti di sistema e tecnologie necessarie di Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Requisiti di sistema e tecnologie necessarie di


Microsoft Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
È necessario il seguente software per questa versione Dynamics 365 (locale):
• Microsoft Windows Server
• Un'infrastruttura Active Directory di Microsoft Windows Server
• Sito Web Internet Information Services (IIS)
• Servizio token di sicurezza basato sulle attestazioni (obbligatorio per le distribuzioni con Internet)
• Microsoft SQL Server
• Microsoft SQL Server Reporting Services
• Microsoft Exchange Server o accesso a un server di posta elettronica conforme a POP3
(necessario per la registrazione della posta elettronica)
• SharePoint Server (obbligatorio per la gestione dei documenti)
• Il dispositivo, l'app Microsoft Dynamics 365 o il Web browser supportati, ad esempio le versioni
successive di Internet Explorer o le versioni più recenti di Google Chrome, Apple Safari e Mozilla
Firefox
• Microsoft Office per Microsoft Dynamics 365 per Outlook e le altre funzionalità di integrazione di
Office

Nota
Per requisiti hardware e software dettagliati o versioni del prodotto specifiche e livelli del Service Pack
supportati, vedere i collegamenti nella sezione "In questa sezione" più avanti in questo argomento.

Importante
In genere nelle applicazioni Microsoft Dynamics 365 sono supportati la versione e il Service Pack (SP)
più recenti di tutti i componenti necessari, ad esempio Windows Server, Microsoft SQL Server e
Microsoft Office.Per un supporto completo della versione più recente di un componente necessario
occorre tuttavia applicare l'aggiornamento più recente di Microsoft Dynamics 365.
Microsoft Dynamics 365 conforme ai criteri di supporto di tutti i prodotti e le tecnologie dipendenti, tra

21
cui Microsoft Office o Microsoft Exchange Server.Ad esempio, il supporto Mainstream per Microsoft
Office 2010 è terminato in data 13/10/2015; anche il supporto Mainstream per Dynamics 365 per
Outlook in esecuzione in Microsoft Office 2010 è terminato pertanto nella stessa data.Per ulteriori
informazioni, vedereSelezionare un prodotto per le informazioni sul ciclo di vita

Prima di installare Microsoft Dynamics 365, vedere gli argomenti seguenti in cui sono fornite
informazioni dettagliate sui prodotti e le tecnologie necessari o facoltativi e le configurazioni supportate.

In questa sezione
Requisiti hardware per il server di Microsoft Dynamics 365
Requisiti hardware per Microsoft SQL Server per il Server Microsoft Dynamics 365
Requisiti software per il Server Microsoft Dynamics 365
Active Directory e requisiti di rete per Microsoft Dynamics 365
Requisiti di report di Microsoft Dynamics 365
Supporto di versioni in lingue diverse in Microsoft Dynamics 365

Vedere anche
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn531055(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn832129(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn832088(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn531078(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
Pianificare la distribuzione di Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Requisiti hardware per il server di Microsoft


Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Nella tabella seguente vengono elencati i requisiti hardware e software minimi e consigliati per questa
versione di Server Microsoft Dynamics 365 in esecuzione in una configurazione server completo.Tali
requisiti presuppongono che nel sistema non siano installati o in esecuzione altri componenti, ad
esempio Microsoft SQL Server, Microsoft SQL Server Reporting Services, Microsoft SharePoint o
Microsoft Exchange Server.

Componente *Requisiti minimi *Requisiti consigliati

Processore Processore dual-core da 1,5 CPU quad-core da 2 GHz con


GHz con architettura x64 o altro architettura x64 o superiore, ad
esempio i sistemi AMD Opteron

22
Componente *Requisiti minimi *Requisiti consigliati
processore compatibile o Intel Xeon
Memoria 4 GB di RAM 8 GB di RAM o superiore
Disco rigido 10 GB di spazio disponibile su 40 GB o più di spazio disponibile
disco rigido su disco rigido

* Le funzionalità e i requisiti effettivi del prodotto possono variare a seconda della configurazione del
sistema e del sistema operativo in uso.

Nota
Nel caso in cui venga eseguito Microsoft Dynamics 365 in un computer che non soddisfi i requisiti
consigliati le prestazioni potrebbero non essere adeguate.
Per i computer con più di 16 GB di RAM sarà necessario più spazio su disco per il paging, l'ibernazione
e i file di dump.
I requisiti minimi e consigliati si basano su test con una simulazione di carico di 320 utenti.

Vedere anche
Requisiti di sistema e tecnologie necessarie di Microsoft Dynamics 365
Requisiti hardware per Microsoft SQL Server per il Server Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Requisiti hardware per Microsoft SQL Server


per il Server Microsoft Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Devi disporre del motore di database di Microsoft SQL Server e di Microsoft SQL Server Reporting
Services per installare ed eseguire versioni locali di Server Microsoft Dynamics 365.Nella tabella
seguente vengono elencati i requisiti hardware e software minimi e consigliati per Microsoft SQL
Server.Tali requisiti presuppongono che nel sistema non siano installati o in esecuzione altri
componenti, ad esempio Server Microsoft Dynamics 365, Microsoft SQL Server Reporting Services,
SharePoint o Microsoft Exchange Server.

Componente *Requisiti minimi *Requisiti consigliati

Processore Processore dual-core da 1,5 CPU quad-core da 2 GHz con


GHz con architettura x64 o altro architettura x64 o superiore, ad
processore compatibile esempio i sistemi AMD Opteron
o Intel Xeon
Memoria 4 GB di RAM 16 GB di RAM o superiore

23
Componente *Requisiti minimi *Requisiti consigliati

Disco rigido Array di dischi rigidi SAS RAID 5 Array di dischi rigidi SAS RAID 5
o RAID 10 o RAID 10

* Le funzionalità e i requisiti effettivi del prodotto possono variare a seconda della configurazione del
sistema e del sistema operativo in uso.
La gestione dei database Microsoft Dynamics 365 in un computer che non soddisfi i requisiti consigliati
le prestazioni potrebbe non essere adeguata.
I requisiti minimi e consigliati si basano su test con una simulazione di carico di 320 utenti.

Vedere anche
Requisiti di sistema e tecnologie necessarie di Microsoft Dynamics 365
Requisiti hardware per il server di Microsoft Dynamics 365
Requisiti software per il Server Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Requisiti software per il Server Microsoft


Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Nella sezione seguente vengono elencati i requisiti a livello di software e applicazioni per questa
versione di Server Microsoft Dynamics 365.

In questo argomento
Sistema operativo Windows Server
Edizioni di Windows Server 2012 supportate
Installazioni dei componenti di base del server
Virtualizzazione del server
Modalità di Active Directory
Internet Information Services (IIS)
Edizioni di SQL Server
Accesso a Microsoft Dynamics 365 da Internet - Autenticazione basata sulle attestazioni e requisiti di
una distribuzione con connessione Internet
Prerequisiti per i componenti software
Verificare i prerequisiti

24
Sistema operativo Windows Server
Questa versione di Server Microsoft Dynamics 365 può essere installata solo su computer a 64 bit con
Windows Server.Le versioni ed edizioni specifiche di Windows Server supportate per l'installazione e
l'esecuzione di questa versione di Server Microsoft Dynamics 365 sono elencate nelle sezioni che
seguono.

Importante
Le seguenti versioni di Windows Server non sono supportate per l'installazione e l'esecuzione di questa
versione di Server Microsoft Dynamics 365.
• Windows Server 2012 Foundation
• Windows Server 2012 Essentials
• Edizioni di Microsoft Windows Small Business Server
• La famiglia Windows Server 2008 dei sistemi operativi Windows

Edizioni di Windows Server 2012 supportate


Le edizioni seguenti di Windows Server 2012 sono supportate per l'installazione e l'esecuzione di
Server Microsoft Dynamics 365:
• Windows Server 2012 R2 Datacenter
• Windows Server 2012 R2 Standard
• Windows Server 2012 Standard
• Windows Server 2012 Datacenter

Installazioni dei componenti di base del server


Ad eccezione dei ruoli Microsoft Dynamics 365Server della Guida e Estensioni di report di Microsoft
Dynamics 365, puoi installare qualsiasi ruolo server di Server Microsoft Dynamics 365 in
un'installazione dei componenti di base del server di Windows Server.L'installazione dei componenti di
base del server è l'opzione di installazione minima per la famiglia di sistemi operativi Windows
Server.L'installazione dei componenti di base del server fornisce un ambiente server a bassa
manutenzione con funzionalità limitate.Per ulteriori informazioni su questo tipo di installazione come è
implementata in Windows Server 2012, vediComponenti di base del server per Windows Server 2012

Importante
Per installare Server Microsoft Dynamics 365 su un Windows Server con componenti di base, devi
eseguire l'installazione in modalità non interattiva dalla riga di comando.Ulteriori informazioni:Utilizzare
il prompt dei comandi per installare Microsoft Dynamics Server 365
Il ruolo Server della Guida non può essere installato in un computer Windows Server eseguito in
modalità componenti di base.
Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 per SQL Server Reporting Services non può essere
installato in modalità componenti di base.Questo perché Microsoft SQL Server Reporting Services, che
è richiesto da Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 per SQL Server Reporting Services, non
può essere installato in Windows Server che viene eseguito in modalità componenti di base.

25
Virtualizzazione del server
I server Microsoft Dynamics 365 possono essere distribuiti in un ambiente virtualizzato utilizzando
Windows Server 2008 o Windows Server 2012 con Hyper-V o soluzioni di virtualizzazione di fornitori
aderenti al programma SVVP (Microsoft Windows Server Virtualization Validation Program).Prima di
tentare la virtualizzazione dell'installazione di Microsoft Dynamics 365, è importante comprendere i
limiti e le procedure consigliate relativi alla virtualizzazione del server.Per informazioni su Hyper-V,
vedere ilsito Web Microsoft sulla virtualizzazione

Modalità di Active Directory


In computer in cui è in esecuzione Server Microsoft Dynamics 365 deve essere membro del dominio
eseguito in una delle foreste del servizio directory Active Directory e con una delle modalità di dominio
seguenti:
• Windows Server 2008
• Windows Server 2008 R2
• Windows Server 2012
• Windows Server 2012 R2
Per ulteriori informazioni sui livelli funzionali della foresta e del dominio di Active Directory, vedere la
Guida dello snap-in Domini e trust di Active Directory di Microsoft Management Console (MMC).

Importante
• Il computer che esegue Microsoft Dynamics 365 non può fungere da controller di dominio Active
Directory.
• Quando si utilizza la procedura guidata Aggiunta utenti, vengono visualizzati solo gli utenti da
domini trusted nella foresta corrente.Gli utenti di foreste trusted esterne non sono supportati e non
vengono visualizzati nella procedura guidata.
• L'installazione di Server Microsoft Dynamics 365 in una directory LDAP eseguita in modalità ADAM
(Active Directory Application Mode) non è supportata.

Internet Information Services (IIS)


Questa versione di Server Microsoft Dynamics 365 supporta Internet Information Services (IIS) versioni
8.0 e 8.5.
È consigliabile installare ed eseguire IIS in modalità nativa prima di installare Server Microsoft
Dynamics 365.In ogni caso, se IIS non è installato ed è necessario per uno dei ruoli server di Microsoft
Dynamics 365, verrà installato automaticamente dal programma di Installazione server Microsoft
Dynamics CRM.

Importante
Microsoft Dynamics 365 non può utilizzare un sito Web che presenta più binding http o https.Benché

26
IIS supporti più associazioni http e https, esiste una limitazione all'utilizzo di associazioni aggiuntive a
Windows Communication Foundation (WCF).WCF è obbligatorio quando si usa Microsoft Dynamics
365 per Outlook.Prima di eseguire l'installazione o l'aggiornamento, è necessario rimuovere le
associazioni aggiuntive dal sito Web utilizzato per Microsoft Dynamics 365 o selezionare un sito Web
diverso.

Edizioni di SQL Server


È necessario che una delle seguenti edizioni di Microsoft SQL Server sia installata nelle versioni a 64
bit di Windows Server 2008 (SP2 o R2) o in computer Windows Server 2012 (RTM o R2) a 64 bit e che
sia in esecuzione e disponibile per Microsoft Dynamics 365:
• *Microsoft SQL Server 2016, Enterprise con aggiornamento cumulativo 2 (CU2)
• *Microsoft SQL Server 2016, Standard con aggiornamento cumulativo 2 (CU2)
• *Microsoft SQL Server 2016, Developer, con aggiornamento cumulativo 2 (CU2) (solo per uso non
di produzione)
• SQL Server 2014 Enterprise 64 bit, con SP2
• SQL Server 2014 Business Intelligence, 64 bit con SP2
• SQL Server 2014 Standard, 64 bit con SP2
• SQL Server 2014 Developer, 64 bit con SP2 (solo per uso non di produzione)
• Microsoft SQL Server 2012, Enterprise, SP3 a 64 bit
• Microsoft SQL Server 2012, Business Intelligence, 64 bit SP3
• Microsoft SQL Server 2012, Standard, SP3 a 64 bit
• Microsoft SQL Server 2012, Developer, a 64 bit SP3 (solo per uso non di produzione)

Importante
• *Per suggerimenti che consentono di migliorare le prestazioni quando si utilizza SQL Server 2016
con Microsoft Dynamics 365, vediMigliorare le prestazioni quando si utilizza Microsoft Dynamics
365 con SQL Server 2016
• Le versioni a 32 bit del motore di database di Microsoft SQL Server non sono supportate per
questa versione di Microsoft Dynamics 365.
• Le edizioni SQL Server Compact o Microsoft SQL Server Express non sono supportate per l'utilizzo
con questa versione di Server Microsoft Dynamics 365.
• Le versioni di Microsoft SQL Server 2008 non sono supportate per l'utilizzo con questa versione di
Server Microsoft Dynamics 365.

27
Accesso a Microsoft Dynamics 365 da Internet -
Autenticazione basata sulle attestazioni e requisiti di
una distribuzione con connessione Internet
Di seguito sono elencati gli elementi necessari o consigliati per la Distribuzione con connessione
Internet.Questa sezione presuppone che come servizio token di sicurezza si utilizzi Active Directory
Federation Services (ADFS).Per ulteriori informazioni sulla configurazione di Microsoft Dynamics 365
per l'autenticazione basata sulle attestazioni, vediConfigurare IFD per Microsoft Dynamics 365

Importante
L'esposizione del sito Web Microsoft Dynamics 365 in Internet a meno che non venga utilizzata
l'autenticazione basata sulle attestazioni e che Microsoft Dynamics 365 non sia configurato per IFD.
Analogamente, Outlook Anywhere (RPC su HTTP) non è supportato come soluzione per connettere
Dynamics 365 per Outlook a una distribuzione locale di Server Microsoft Dynamics 365 tramite
Internet.La distribuzione locale di Server Microsoft Dynamics 365 deve essere configurata per IFD
come descritto nell'argomentoConfigurare IFD per Microsoft Dynamics 365
Affinché Microsoft Dynamics 365 per tablet sia in grado di connettersi a una nuova distribuzione di
Server Microsoft Dynamics 365, è necessario eseguire un ripristino del Server Microsoft Dynamics 365
sul server che esegue IIS in cui il ruolo Server applicazione Web è installatodopoPer istruzioni sul
ripristino, vediDisinstallare, modificare o ripristinare il server Microsoft Dynamics 365

• Il computer in cui è installato Server Microsoft Dynamics 365 deve essere in grado di accedere a
un servizio servizio token di sicurezza, ad esempio un server federativo di Active Directory
Federation Services (ADFS).Server Microsoft Dynamics 365 supporta Active Directory Federation
Services (ADFS) versioni 2.0 (Windows Server 2008 e Windows Server 2008 R2), 2.1 (Windows
Server 2012) e 3.0 (Windows Server 2012 R2).
• Prima di configurare IFD, tenere presenti le condizioni indicate di seguito per i componenti Web:
• Se si installa Microsoft Dynamics 365 in una configurazione a server singolo, tenere presente
che Active Directory Federation Services 2.0 viene installato nel sito Web predefinito.È pertanto
necessario creare un nuovo sito Web per Microsoft Dynamics 365.
• Quando si esegue la Configurazione guidata distribuzione con connessione Internet, il Server
Microsoft Dynamics 365 deve essere in esecuzione in un sito Web configurato per l'utilizzo di
Transport Layer Security (TLS) o Secure Sockets Layer (SSL).L'Installazione server Microsoft
Dynamics CRM non configurerà il sito Web per TLS/SSL.
• È consigliabile che il sito Web di IIS, in cui sarà installata l'applicazione Web Microsoft
Dynamics 365, richieda TLS/SSL.
• Per il sito Web deve essere configurato un singolo binding.Per l'esecuzione di Microsoft
Dynamics 365 non è supportata la presenza di più binding di IIS, come nel caso di un sito Web
con un binding HTTPS e uno HTTP o due HTTPS o due binding HTTP.
• Accesso al file dei metadati della federazione Active Directory Federation Services (ADFS) dal
computer in cui viene eseguita la Configurazione guidata autenticazione basata sulle
attestazioni.Notare quanto segue:

28
• L'endpoint dei metadati di federazione deve utilizzare lo standard del modello WS-Trust
(Web Services Trust) 1.3.Gli endpoint che utilizzano uno standard precedente, ad esempio
WS-Trust 2005, non sono supportati.In Active Directory Federation Services 2.0 tutti gli
endpoint WS-Trust 1.3 contengono /trust/13/ nel percorso dell'URL.
• Certificati di crittografia.Sono necessari i certificati di crittografia seguenti.È possibile utilizzare
lo stesso certificato di crittografia per entrambi gli scopi, ad esempio quando si utilizza un
certificato con caratteri jolly:

Importante
Se si utilizza un certificato creato tramite una richiesta di certificato personalizzata, il modello
utilizzato deve essere il modelloChiave legacyLe richieste di certificato personalizzate create
tramite il modelloChiave CNGPer ulteriori informazioni sui modelli di richiesta di certificato
personalizzata, vedereCreare una richiesta di certificato personalizzata

• Crittografia attestazioni.Per l'autenticazione basata sulle attestazioni è necessario che le


identità forniscano un certificato di crittografia.Tale certificato deve essere considerato
attendibile dal computer in cui si sta installa il Server Microsoft Dynamics 365, pertanto
deve trovarsi nell'archivio Personale locale in cui viene eseguita la Configurazione guidata
autenticazione basata sulle attestazioni.
• Crittografia TLS/SSL (HTTPS).I certificati per la crittografia TLS/SSL devono essere validi
per nomi host del tipo org.contoso.com, auth.contoso.com e dev.contoso.com.Per
soddisfare questo requisito, è possibile utilizzare un certificato con singolo carattere jolly
(*.contoso.com), un certificato che supporti nomi alternativi dei soggetti oppure singoli
certificati per ogni nome.I singoli certificati per ogni nome host sono validi solo se si
utilizzano server diversi per ogni ruolo server Web.Per l'esecuzione di Microsoft Dynamics
365, non è supportata la presenza di più binding IIS, ad esempio un sito Web con due
binding HTTPS o HTTP.Per ulteriori informazioni sulle opzioni disponibili, contattare la
società che fornisce il servizio di certificazione o l'amministratore dell'autorità di
certificazione.
• L'accountCRMAppPoolÈ possibile utilizzare lo snap-in Certificati di Microsoft Management
Console (MMC) per modificare le autorizzazioni relative al certificato di crittografia disponibile
nell'archivio personale dell'account del computer locale.

Prerequisiti per i componenti software


I seguenti componenti di SQL Server devono essere installati e in esecuzione nel computer in cui è
presente SQL Server prima di installare Server Microsoft Dynamics 365:
• Word breaker di SQL
Questo requisito è valido solo per le edizioni di Microsoft Dynamics 365 in alcune lingue.Per
ulteriori informazioni sulle versioni dei word breaker per le lingue supportate da SQL Server,
vedereConfigurazione e gestione di word breaker e stemmer per la ricerca
• Servizio Agente SQL Server
• Indicizzazione full-text di SQL Server

29
I componenti seguenti devono essere installati e in esecuzione nel computer in cui verrà installato il
Server Microsoft Dynamics 365:
• Servizi
• Servizio di indicizzazione
Per installare questo servizio, vedere la documentazione di Windows Server.
• Amministrazione di IIS.
• Pubblicazione sul Web
• Servizio di condivisione delle porte Net.Tcp
• Windows Data Access Components (MDAC)
• Microsoft ASP.NET (questo componente deve essere registrato, ma non è necessario che sia in
esecuzione).

Verificare i prerequisiti
Prima di installare il Server Microsoft Dynamics 365, è necessario conoscere le informazioni seguenti:
• È possibile, ma se non necessario, installare Microsoft SQL Server nello stesso computer del
Server Microsoft Dynamics 365.
• Se il Server Microsoft Dynamics 365 e Microsoft SQL Server vengono installati in computer diversi,
tali computer devono trovarsi nello stesso dominio del servizio directory Active Directory.
• È possibile installare Microsoft SQL Server utilizzando l'autenticazione in modalità mista o
l'Autenticazione di Windows.Per una maggiore sicurezza è consigliabile l'Autenticazione di
Windows e per Microsoft Dynamics 365 verrà utilizzata solo l'Autenticazione di Windows.
• L'account di servizio utilizzato da SQL Server per accedere alla rete deve essere un account utente
di dominio (consigliato) o uno degli account di sistema predefiniti supportati di SQL Server (servizio
di rete, servizio locale o sistema locale).Se l'account di servizio di SQL Server corrisponde a quello
dell'amministratore locale, non sarà possibile installare Server Microsoft Dynamics 365.
• Il servizio SQL Server deve essere avviato ed è possibile configurarlo per l'avvio automatico
all'avvio del computer.
• Il servizio Microsoft SQL Server Reporting Services deve essere avviato e configurato per l'avvio
automatico all'avvio del computer.
• È necessario che il servizio Agente SQL Server sia avviato.È possibile configurare tale servizio in
modo che venga eseguito automaticamente all'avvio del computer.
• Benché non sia obbligatorio, è consigliabile accettare le impostazioni predefinite di SQL Server per
Designazione regole di confronto, Tipo di ordinamento e Regole di confronto SQL.Microsoft
Dynamics 365 supporta l'ordinamento con o senza distinzione tra maiuscole e minuscole.
• Per l'Installazione server Microsoft Dynamics CRM è necessario che almeno un protocollo di rete
sia abilitato per l'autenticazione tramite SQL Server.Per impostazione predefinita, il protocollo
TCP/IP viene abilitato al momento dell'installazione di SQL Server.I protocolli di rete sono
visualizzabili in Gestione configurazione SQL Server.

30
Vedere anche
Requisiti hardware per Microsoft SQL Server per il Server Microsoft Dynamics 365
Requisiti di report di Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Active Directory e requisiti di rete per Microsoft


Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Servizi di dominio Active Directory è una funzionalità dei sistemi operativi Windows Server.Servizi di
dominio Active Directory garantisce una struttura di directory e di protezione per applicazioni di rete
come Microsoft Dynamics 365.
Come per la maggior parte delle applicazioni che si basano su un servizio directory, Microsoft
Dynamics 365 presenta dipendenze importanti per il suo funzionamento, come l'impiego dei Servizi di
dominio Active Directory per l'archiviazione delle informazioni su utenti e gruppi e la creazione del
sistema di sicurezza dell'applicazione.
Server Microsoft Dynamics 365 può essere installato solo in Windows Server che è un membro di
dominio.Il dominio in cui si trova il server deve essere in esecuzione in uno dei seguenti livelli funzionali
di dominio di Active Directory elencati nell'argomentoModalità di Active Directory

Federazione e supporto dell'autenticazione basata


sulle attestazioni
Quando si configura Microsoft Dynamics 365 per l'accesso con connessione Internet, richiede servizi
federati che supportino l'autenticazione basata sulle attestazioni.Si consiglia Active Directory
Federation Services (ADFS) in Microsoft Windows Server.

Active Directory Federation Services


Active Directory Federation Services (ADFS) è una soluzione di accesso alle identità sicura,
ampiamente estendibile e scalabile per Internet che consente alle organizzazioni di autenticare gli
utenti di organizzazioni partner.L'utilizzo di AD FS in Microsoft Windows Server consente di concedere
in modo semplice e sicuro agli utenti esterni l'accesso alle risorse di dominio dell'organizzazione.AD FS
consente inoltre di semplificare l'integrazione tra le risorse non attendibili e le risorse di dominio
dell'organizzazione.
AD FS è disponibile come ruolo server in Windows Server.

Certificati digitali
Active Directory Federation Services (ADFS) richiede due tipi di certificati digitali:
• .Crittografia attestazioniPer l'autenticazione basata sulle attestazioni è necessario che le identità
forniscano un certificato di crittografia.Tale certificato deve essere considerato attendibile dal

31
computer in cui si installa il Server Microsoft Dynamics 365, pertanto deve trovarsi nell'archivio
Personale locale in cui viene eseguita la Configurazione guidata autenticazione basata sulle
attestazioni.
• .Crittografia TLS/SSL (HTTPS)I certificati per la crittografia TLS/SSL devono essere validi per
nomi host del tipo org.contoso.com, auth.contoso.com e dev.contoso.com.Per soddisfare questo
requisito, è possibile utilizzare un certificato con singolo carattere jolly (*.contoso.com), un
certificato che supporti nomi alternativi dei soggetti oppure singoli certificati per ogni nome.I singoli
certificati per ogni nome host sono validi solo se si utilizzano server diversi per ogni ruolo server
Web.Per l'esecuzione di Microsoft Dynamics 365, non è supportata la presenza di più binding IIS,
ad esempio un sito Web con due binding HTTPS o HTTP.Per ulteriori informazioni sulle opzioni
disponibili, contattare la società che fornisce il servizio di certificazione o l'amministratore
dell'autorità di certificazione.
Per soddisfare questi requisiti, l'organizzazione deve prevedere un'infrastruttura a chiave pubblica (PKI)
o un contratto con un provider di certificati digitali, ad esempio VeriSign, GoDaddy o Comodo.

Supporto di IPv6
Questa versione di Microsoft Dynamics 365 funziona con IPv6, anche congiuntamente a IPv4, negli
ambienti che adottano reti in cui IPv6 è supportato.

Vedere anche
Prerequisiti e considerazioni per la pianificazione della distribuzione di Microsoft Dynamics 365
Requisiti software
Installazione e configurazione di SQL Server

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Requisiti di report di Microsoft Dynamics 365


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 sono estensioni di elaborazione dei dati installate nel
server Microsoft SQL Server Reporting Services.Le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365
ricevono le informazioni di autenticazione dal Server Microsoft Dynamics 365 e le passano al server
Microsoft SQL Server Reporting Services.
Il programma di Installazione delle Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM include due
estensioni di elaborazione dei dati: l'Estensione per l'elaborazione dei dati Fetch e l'Estensione per
l'elaborazione dei dati di SQL.Per impostazione predefinita, tali estensioni vengono installate durante
l'Installazione delle Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM:
• L'Estensione per l'elaborazione dei dati Fetch è necessaria per creare, eseguire e pianificare report
basati su Fetch.
• L'Estensione per l'elaborazione dei dati di SQL è necessaria per creare, eseguire e pianificare i
report predefiniti o basati su SQL personalizzati in Microsoft Dynamics 365.

32
Non è necessario rimuovere Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 per eseguire Microsoft
Dynamics 365.Tuttavia, se si desidera creare, utilizzare o pianificare report in Microsoft Dynamics 365,
è necessario installare le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365.È necessario installare queste
estensioni anche se si desidera creare o importare un'organizzazione, ad esempio quando si esegue la
migrazione da una versione precedente di Microsoft Dynamics 365 tramite Gestione distribuzione.

In questo argomento
SQL Server Reporting Services
Requisiti delle estensioni di report di Microsoft Dynamics 365
Requisiti delle estensioni per la modifica dei report di Microsoft Dynamics 365

SQL Server Reporting Services


Microsoft SQL Server Reporting Services è necessario per le funzionalità di creazione report in
Microsoft Dynamics 365.
Le seguenti edizioni di Microsoft SQL Server possono essere utilizzate per i report di Microsoft
Dynamics 365 e devono essere installate su un computer Windows Server 2012 (x64 RTM o R2) a 64
bit in esecuzione e disponibile per Microsoft Dynamics 365:
• *Microsoft SQL Server 2016, Enterprise con aggiornamento cumulativo 2 (CU2)
• *Microsoft SQL Server 2016, Standard con aggiornamento cumulativo 2 (CU2)
• *Microsoft SQL Server 2016, Developer, con aggiornamento cumulativo 2 (CU2) (solo per uso non
di produzione)
• SQL Server 2014 Enterprise, 64 bit
• SQL Server 2014 Business Intelligence, 64 bit
• SQL Server 2014 Standard, 64 bit
• SQL Server 2014 Developer, 64 bit (solo per ambienti non di produzione)
• Microsoft SQL Server 2012, Enterprise, SP1 a 64 bit
• Microsoft SQL Server 2012, Business Intelligence, 64 bit SP1
• Microsoft SQL Server 2012, Standard, SP1 a 64 bit
• Microsoft SQL Server 2012, Developer, a 64 bit SP1 (solo per uso non di produzione)

Importante
• *Per suggerimenti che consentono di migliorare le prestazioni quando si usa SQL Server 2016 con
Microsoft Dynamics 365, vediMigliorare le prestazioni quando si utilizza Microsoft Dynamics 365
con SQL Server 2016
• Le versioni a 32-bit dei Reporting Services di Microsoft SQL Server 2012 non sono supportate per
questa versione di Microsoft Dynamics 365.
• Le edizioni SQL Server Compact o Microsoft SQL Server Express non sono supportate per l'utilizzo
con Server Microsoft Dynamics 365.
• Le versioni di Microsoft SQL Server 2008 non sono supportate per l'utilizzo con questa versione di

33
Server Microsoft Dynamics 365.
• L'utilizzo di un server SQL ServerReporting Services in modalità SharePoint non è supportato in
Microsoft Dynamics 365.Per ulteriori informazioni sulla modalità SharePoint dei Reporting Services
di Microsoft SQL Server 2012, vedereInstallare la modalità SharePoint per Reporting Services

Requisiti delle estensioni di report di Microsoft Dynamics 365


Per il componente delle Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 sono previsti i requisiti generali
seguenti:
• È necessario completare l'Installazione server Microsoft Dynamics CRMprima
• È possibile installare ed eseguire le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 in una sola
istanza di Microsoft SQL Server Reporting Services in un computer.
• L'account di identità che esegue l'istanza di Microsoft SQL Server Reporting Services in cui
vengono eseguite le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 non può essere il sistema
locale o un account virtuale.Questo requisito è essenziale per il funzionamento dei report di
Microsoft Dynamics 365 poiché l'account di identità deve essere aggiunto al gruppo di sicurezza di
Active DirectoryPrivReportingGroup
• Distribuzioni distinte di Microsoft Dynamics 365 non possono condividere un server Microsoft SQL
Server Reporting Services.Tuttavia, una singola distribuzione di Microsoft Dynamics 365 con più
organizzazione può utilizzare lo stesso server Microsoft SQL Server Reporting Services.
• È necessario eseguire Installazione delle Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM in un
computer con una versione supportata di Microsoft SQL Server Reporting Services.Per ulteriori
informazioni, vedereSQL Server Reporting Services
• Per set di dati di dimensioni contenute e un numero di utenti limitato, è possibile scegliere una
distribuzione con un solo server oppure una distribuzione con più server.Se i set di dati sono più
grandi e il numero di utenti è più elevato, le prestazioni diminuiscono rapidamente quando vengono
eseguiti report complessi.In tal caso è pertanto consigliabile utilizzare una distribuzione con più
server con un computer che esegue SQL Server per Microsoft Dynamics 365 e un altro server per
Microsoft SQL Server Reporting Services.

Requisiti delle estensioni per la modifica dei report di Microsoft


Dynamics 365
Estensione per la modifica dei report di Microsoft Dynamics 365 è necessario per poter creare report
basati su Fetch utilizzando SQL Server Data Tools.
È necessario installare Estensione per la modifica dei report di Microsoft Dynamics 365 in un PC con il
seguente software.
• Microsoft Visual Studio 2015, Microsoft Visual Studio 2013, Microsoft Visual Studio 2012 o
Microsoft Visual Studio 2010.

Nota

34
La compatibilità con Microsoft Visual Studio 2015 e Microsoft Visual Studio 2013 richiede
Aggiornamento di dicembre 2016 per Dynamics 365 (online e locale).

• SQL Server Data Tools (SSDT) viene installato con Microsoft Visual Studio.
• Per Microsoft Visual Studio 2015: SQL Server Data Tools è già incluso.
• Per Microsoft Visual Studio 2013: scarica e installaDownload: Microsoft SQL Server Data Tools
- Business Intelligence per Visual Studio 2013
• Per Microsoft Visual Studio 2012: scaricare e installareMicrosoft SQL Server Data Tools -
Business Intelligence per Visual Studio 2012
• Per Microsoft Visual Studio 2010: selezionare e installare la funzionalità di SQL Server Data
Tools (SSDT) inclusa con Microsoft SQL Server 2012 o Microsoft SQL Server 2012 Express
nel computer che esegue Visual Studio 2010.Download: Microsoft SQL Server 2012 Express
• Se l'organizzazione utilizza Microsoft Office 365, verificare che nel computer in cui è installata
l'Estensione per la modifica dei report di Microsoft Dynamics 365 sia installato anche l'Assistente
per l'accesso ai Microsoft Online Services.Se l'Assistente per l'accesso ai Microsoft Online Services
è già installato, esaminare la chiave del Registro di sistema
SOFTWARE\Microsoft\MSOIdentityCRL per verificare che la chiave TargetDir in MSOIdentityCRL
contenga msoidcli.dll.

Nota
L'autenticazione a più fattori con Estensione per la modifica dei report di Microsoft Dynamics 365 è
supportata con Aggiornamento di dicembre 2016 per Dynamics 365 (online e locale) o versioni
successive.

Vedere anche
Requisiti di sistema e tecnologie necessarie di Microsoft Dynamics 365
Supporto di versioni in lingue diverse in Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Supporto di versioni in lingue diverse in


Microsoft Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
In questa sezione vengono descritte le configurazioni supportate per versioni in lingue diverse di un
sistema Microsoft Dynamics 365.Non sono fornite informazioni sul supporto del Language Pack di
Microsoft Dynamics 365, ma vengono illustrate le configurazioni supportate per le versioni delle varie
lingue di base.Per ulteriori informazioni su Language Pack di Microsoft Dynamics 365, vedereInstallare
e abilitare un Language Pack

35
Requisiti per la lingua in Server Microsoft Dynamics
365
Quando si esegue Server Microsoft Dynamics 365 insieme ad applicazioni come ad esempio SQL
Server, devono essere soddisfatti i requisiti seguenti.Si noti che tutte le lingue disponibili di Dynamics
365 sono supportate.

Microsoft Dynamics 365 prodotto Requisito

Server Microsoft Dynamics 365 La lingua di base di Windows Server, SQL Server,
Microsoft .NET Framework, MDAC, e MSXML
deve essere o la stessa lingua di Server Microsoft
Dynamics 365 or l'inglese.Se un'applicazione non
è disponibile in una determinata lingua, può
essere usata la versione in inglese.
Microsoft Dynamics 365 per Outlook La lingua di base di Windows Server, Microsoft
SQL Server 2008 Express Edition, Internet
Explorer, Microsoft Office, Microsoft .NET
Framework, MDAC e MSXML non deve
necessariamente corrispondere a quella di
Dynamics 365 per Outlook in uso.
Gli stack client di una distribuzione possono
essere ognuno in una lingua diversa.
Server Microsoft Dynamics 365 e Microsoft La lingua di base della versione del Server
Dynamics 365 per Outlook Microsoft Dynamics 365 deve corrispondere a
quella utilizzata per Dynamics 365 per Outlook.
Non è ad esempio possibile che alcuni utenti
utilizzino la versione in tedesco di Dynamics 365
per Outlook e altri utenti utilizzino quella in
italiano.In uno scenario di questo tipo, è
consigliabile eseguire il provisioning del Language
Pack di Microsoft Dynamics 365 appropriato.

Ad esempio, si potrebbe avere la seguente configurazione con il tedesco come lingua di base per tutti i
programmi:
• Server Microsoft Dynamics 365
• Windows Server
• Microsoft SQL Server
• Microsoft Exchange Server
• MSXML
• .NET Framework
Un altro esempio potrebbe essere Server Microsoft Dynamics 365 con lo svedese come lingua di base
che potrebbe essere configurato con le applicazioni che utilizzano l'inglese come lingua di base:
• Windows Server
• Microsoft SQL Server

36
• Microsoft Exchange Server
• MSXML
• .NET Framework

Vedere anche
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/hh699822(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
Requisiti di sistema e tecnologie necessarie di Microsoft Dynamics 365
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn531170(CRM.7).aspx è
disponibile solo online.

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Prerequisiti e considerazioni per la


pianificazione della distribuzione di Microsoft
Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
In questa sezione viene elencato tutto ciò di cui è necessario disporre prima di installare Microsoft
Dynamics 365, ad esempio i componenti software e hardware necessari.Utilizzare questa sezione per
preparare la rete e verificare che tutti i requisiti siano soddisfatti prima di eseguire il programma di
Installazione server Microsoft Dynamics CRM.

In questa sezione
Requisiti hardware
Requisiti software
Active Directory e requisiti di rete per Microsoft Dynamics 365
Installazione e configurazione di SQL Server
Requisiti per la pianificazione di SQL Server Reporting Services

Vedere anche
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn832099(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
Pianificare la distribuzione di Microsoft Dynamics 365
Considerazioni sulla sicurezza per Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

37
Requisiti hardware
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
A seconda di come si prevede di distribuire il sistema, vale a dire in una soluzione a server unico, in
una soluzione a più server o in una soluzione cluster, l'hardware del computer in cui verranno eseguiti
Microsoft Dynamics 365 e i relativi componenti è molto importante se si desidera ottenere prestazioni
accettabili.
I requisiti hardware dipendono da molti fattori,tra cui:
• Numero di utenti che saranno supportati dall'implementazione di Dynamics 365 e modalità di
utilizzo dell'applicazione, ad esempio creazione di un numero elevato di report.
• Numero di server e relativa configurazione.
• Prestazioni e disponibilità di Microsoft SQL Server.
• Integrazione di Microsoft Dynamics 365 con i server di posta elettronica Microsoft Exchange Server
o POP3.
• Integrazione con SharePoint Server.
• Prestazioni dei server e della rete locale (LAN).
• Se gli utenti si connetteranno da domini e foreste non attendibili o da Internet.
Per un elenco di requisiti hardware consigliati, vedere questi argomenti.
Requisiti hardware per il server di Microsoft Dynamics 365
Requisiti hardware per Microsoft SQL Server per il Server Microsoft Dynamics 365

Vedere anche
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/hh699699(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/hh699680(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn531131(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn531170(CRM.7).aspx è
disponibile solo online.
Prerequisiti e considerazioni per la pianificazione della distribuzione di Microsoft Dynamics 365
Requisiti software

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Requisiti software
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Prima di installare una distribuzione locale di Microsoft Dynamics 365, è necessario installare,
configurare ed eseguire diverse funzionalità del sistema operativo, dell'applicazione e del software nel
computer in cui è in esecuzione Server Microsoft Dynamics 365 o in un altro computer nella rete.Alcuni

38
componenti software e del sistema operativo sono Windows Server, Microsoft SQL Server, Microsoft
SQL Server Reporting Services e .NET Framework.
Per un elenco completo di requisiti software consigliati, vedereRequisiti di sistema e tecnologie
necessarie di Microsoft Dynamics 365

Vedere anche
Prerequisiti e considerazioni per la pianificazione della distribuzione di Microsoft Dynamics 365
Requisiti hardware
Active Directory e requisiti di rete per Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Installazione e configurazione di SQL Server


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Per pianificare l'utilizzo di Microsoft SQL Server con Server Microsoft Dynamics 365, è necessario
comprendere il modo in cui Microsoft Dynamics 365 utilizza SQL Server e quali operazioni vengono
eseguite o meno dal programma di Installazione server Microsoft Dynamics CRM:
• Server Microsoft Dynamics 365 richiede versioni a 64 bit di SQL Server per memorizzare i
database che contengono i dati e i metadati di Microsoft Dynamics 365.Per informazioni dettagliate
specifiche, vedereEdizioni di SQL Server
• I report di Microsoft Dynamics 365 dipendono da Microsoft SQL Server Reporting Services , una
funzionalità di SQL Server.Reporting Services include due componenti server che vengono
utilizzati per memorizzare, visualizzare e gestire i report: Server di report e Gestione report.Un
terzo componente, Generatore report, viene utilizzato per personalizzare i report e scriverne di
nuovi.Il componente Progettazione report è disponibile per il download nell'Area download
Microsoft
• Il programma diInstallazione server Microsoft Dynamics CRM non installa il motore di database di
Microsoft SQL Server Reporting Serviceso SQL Server.
Le configurazioni possibili sono molte e variano in base all'utilizzo previsto di Microsoft Dynamics
365.Per informazioni sulle implicazioni relative alle funzionalità per l'installazione di Microsoft SQL
Server Reporting Services in un computer distinto, vediEdizioni e componenti di SQL Server
• Sebbene non sia consigliabile, è possibile installare SQL Server nello stesso computer del Server
Microsoft Dynamics 365.Per prestazioni ottimali invece, installare ed eseguire SQL Server in un
computer dedicato e distinto.Per prestazioni ottimali e maggiore disponibilità, installare ed eseguire
SQL Server in più computer dedicati distinti di una configurazione cluster.Per ulteriori informazioni,
vedereImpostare i database di configurazione e dell'organizzazione per il failover di SQL Server
AlwaysOn
• Analogamente, è consigliabile installare le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 in una
istanza di SQL Server distinta che esegue Microsoft SQL Server Reporting Services.Tuttavia, se
necessario, è possibile installare Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 in un'istanza di

39
SQL Server che esegue Microsoft SQL Server Reporting Services ma in cui sono archiviati anche i
database di Microsoft Dynamics 365.
• Tuttavia, in una distribuzione Microsoft Dynamics 365 in più organizzazioni, è possibile specificare
server di Reporting Services diversi o istanze del server quando si crea o si modifica
un'organizzazione. Solo un'istanza di Reporting Services è supportata per tutte le organizzazioni
della distribuzione.Per un migliore bilanciamento del carico dei report, è consigliabile configurare il
Server di report in un cluster di Bilanciamento carico di rete.Per ulteriori informazioni,
vedereConfigurare un server di report in un cluster per il bilanciamento del carico di rete
• Più server front-end Microsoft Dynamics 365 eseguiti in un cluster con bilanciamento del carico di
rete possono utilizzare lo stesso computer che esegue SQL Server.

In questa sezione
Raccomandazioni e requisiti di SQL Server per Microsoft Dynamics 365
Distribuzione di SQL Server
Risorse aggiuntive per SQL Server

Sezioni correlate
Prerequisiti e considerazioni per la pianificazione della distribuzione di Microsoft Dynamics 365
Requisiti per la pianificazione di SQL Server Reporting Services
© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Raccomandazioni e requisiti di SQL Server per


Microsoft Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
I seguenti requisiti ed elementi consigliati si applicano alle installazioni nuove ed esistenti di SQL
Server.

In questo argomento
Elementi consigliati generali
Migliorare le prestazioni quando si utilizza Microsoft Dynamics 365 con SQL Server 2016

Elementi consigliati generali


• Server Microsoft Dynamics 365 richiede che sia installata, in esecuzione e disponibile un'istanza di
Microsoft SQL Server Reporting Services.Come server di report è possibile utilizzare tutte le
installazioni delle edizioni di SQL Server supportate.Tuttavia, l'edizione di Reporting Services deve
corrispondere a quella di SQL Server.

40
• Per un elenco delle versioni di SQL Server supportate, vedereEdizioni di SQL Server
• Server Microsoft Dynamics 365 non è supportato con SQL Server in esecuzione su Windows
Server 2008 o Windows Server 2003.
• Se il Server Microsoft Dynamics 365 e SQL Server vengono installati in computer diversi, devono
trovarsi nello stesso dominio di Active Directory.
• Il programma di Installazione server Microsoft Dynamics CRM e Gestione distribuzione supportano
l'istanza predefinita o un'istanza denominata di SQL Server.
• Benché sia possibile installare SQL Server utilizzando l'Autenticazione di Windows o
l'autenticazione in modalità mista, l'Autenticazione di Windows è un prerequisito per Microsoft
Dynamics 365.
• L'account di servizio utilizzato da SQL Server per l'accesso alla rete deve essere un account utente
di dominio (scelta consigliata) oppure l'account del servizio di rete (non è possibile utilizzare un
account utente locale nel server).È consigliabile adottare una strategia che preveda l'utilizzo di un
account a bassi privilegi, in modo da non compromettere la sicurezza del server.
• È necessario che il servizio SQL Server sia avviato.È necessario configurare tale servizio in modo
che venga eseguito automaticamente all'avvio del computer.
• È necessario che Agente SQL Server sia avviato.È necessario configurare tale servizio in modo
che venga eseguito automaticamente all'avvio del computer.
• È necessario che il servizio di ricerca full-text di SQL Server sia installato e avviato.È necessario
configurare tale servizio in modo che venga eseguito automaticamente all'avvio del computer.
• Il programma di Installazione server Microsoft Dynamics CRM richiede una libreria di rete per
l'autenticazione di SQL Server.Per impostazione predefinita, quando si installa Microsoft SQL
Server sono abilitate le librerie di rete TCP/IP.Per l'autenticazione, SQL Server può utilizzare sia
TCP/IP che Named Pipe.Tuttavia, è necessario che il computer che esegue SQL Server sia
configurato per almeno una delle due librerie di rete.
• È consigliabile che il computer che esegue SQL Server si trovi nella stessa rete locale (LAN) del
computer che esegue i ruoli Server back-end di Server Microsoft Dynamics 365.Per una
descrizione dei ruoli server, vediRuoli server di Microsoft Dynamics 365
• Il computer che esegue SQL Server deve disporre di una quantità adeguata di spazio su disco e
memoria, nonché di un processore sufficientemente potente da supportare l'ambiente Microsoft
Dynamics 365.Per ulteriori informazioni, vediRequisiti hardware per il server di Microsoft Dynamics
365
• Benché non sia obbligatorio, è consigliabile accettare le impostazioni predefinite di SQL Server per
Designazione regole di confronto, Tipo di ordinamento e Regole di confronto SQL.Microsoft
Dynamics 365 supporta le regole di confronto seguenti:
• Distinzione maiuscole/minuscole
• Nessuna distinzione tra maiuscole e minuscole
• Distinzione tra caratteri accentati e non accentati
• Nessuna distinzione tra caratteri accentati e non accentati

41
• Tipo di ordinamento binario (ad esempio, Latin1_General_BIN)

Nota
In Microsoft Dynamics 365 l'ordine delle regole di confronto viene impostato a livello di database.Tale
impostazione può non coincidere con l'impostazione definita a livello di SQL Server.

• Verificare tutte le opzioni di installazione di SQL Server e stabilire quali dovranno essere
selezionate durante l'esecuzione del programma di installazione.Per ulteriori informazioni,
vediInstallazione di SQL Server
• Se si prevede di installare SQL Server in un percorso diverso da quello predefinito, vederePercorsi
dei file per le istanze predefinite e denominate di SQL Server
È inoltre necessario tenere in considerazione i percorsi dei database di Microsoft Dynamics 365 nel
server e la configurazione del disco rigido che li supporterà.

Nota
Per un equilibrio ottimale tra prestazioni e tolleranza d'errore del disco, valutare le specifiche per le
unità RAID disponibili presso i fornitori di hardware.Formattare i dischi in cui si trovano i file dei
database di SQL Server in base ai requisiti per la tolleranza d'errore dell'applicazione e i parametri
delle prestazioni per le operazioni di I/O eseguite in tale partizione.

• Common Runtime Language (CLR) dovrebbe essere abilitato in SQL Server che ospita il database
dell'organizzazione Microsoft Dynamics 365.CLR può evidenziare un miglioramento significativo
nelle prestazioni di alcune funzionalità quali conversione del fuso orario quando si eseguono
dashboard, grafici, ricerche avanzate e hub del servizio interattivo di Microsoft Dynamics 365
.Ulteriori informazioni:Abilitazione dell'integrazione di CRL

Migliorare le prestazioni quando si utilizza Microsoft


Dynamics 365 con SQL Server 2016
Le impostazioni seguenti possono contribuire a migliorare le prestazioni dell'applicazione Microsoft
Dynamics 365 e devono essere configurate nell'istanza di SQL Server 2016 in cui vengono gestiti i
database dell'organizzazione Microsoft Dynamics 365.
• Accertati di eseguire SQL Server 2016 con aggiornamento cumulativo 2 (CU2).M.Blog degli
strumenti e del server: Aggiornamento cumulativo 2 per SQL Server 2016 RT
• Configura l'istanza di SQL Server in cui il database dell'organizzazione Microsoft Dynamics 365
viene gestito con il flag di analisi 1224.Questa impostazione disabilita la riassegnazione del blocco
in base al numero di blocchi e consente di ridurre l'utilizzo della CPU in SQL Server 2016.
Per determinare l'impostazione del flag di analisi 1224 esegui l'istruzione SQL seguente.Un valore
restituito pari a 0 per lo stato nell'output indica che il flag di analisi 1224 non è abilitato.
DBCC TRACESTATUS (1224)
Per impostare il flag di analisi 1224 come opzione di avvio, aggiungi l'opzione-T1224Ulteriori
informazioni:Opzioni di avvio del servizio del motore di database

42
• Se non sono già impostati, configura i database dell'organizzazione Microsoft Dynamics 365 per
utilizzare il livello di compatibilità110Ulteriori informazioni:Visualizzare o modificare il livello di
compatibilità di un database
• Configura il database dell'organizzazione Microsoft Dynamics 365 per l'utilizzo dei checkpoint
indiretti e un tempo di recupero di destinazione di 60 secondi.Per impostazione predefinita, i nuovi
database creati con SQL Server 2016 utilizzano i checkpoint indiretti e supportano un tempo di
recupero di destinazione di 60 secondi.Ulteriori informazioni:Modificare il tempo di recupero di
riferimento di un database (SQL Server)
Per determinare il tempo di recupero di destinazione esistente, esegui la seguente istruzione T-
SQL, dove<dbname>Un valore restituito pari a 0 indica che non è stato impostato un tempo di
recupero di destinazione.
SELECT target_recovery_time_in_seconds FROM sys.databases WHERE name = ‘<dbname>’
Per impostare il temo di recupero di destinazione di un database su 60 secondi, esegui la seguente
istruzione T-SQL.
ALTER DATABASE <dbname> SET TARGET_RECOVERY_TIME = 60 seconds;
Per informazioni sui vantaggi 2016 delle prestazioni di SQL Server, vediPost del blog del team di
consulenza per i clienti SQL Server: Come l'aggiornamento cumulativo 2 (CU2) di SQL Server 2016
può migliorare le prestazioni dei carichi di lavoro altamente concorrenti

Vedere anche
Installazione e configurazione di SQL Server
Distribuzione di SQL Server

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Distribuzione di SQL Server


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Se l'organizzazione utilizza Microsoft SQL Server per applicazioni diverse da Microsoft Dynamics 365,
è possibile che le prestazioni peggiorino, poiché le risorse vengono sfruttate da altre applicazioni.Se si
utilizza un computer che esegue SQL Server e questo è già utilizzato per altre applicazioni, è
necessario analizzare attentamente l'effetto che Microsoft Dynamics 365 avrà sull'installazione
esistente di SQL Server.Per informazioni sul monitoraggio di SQL Server, vedereStrumenti di
ottimizzazione e monitoraggio delle prestazioni
Per conseguire i migliori risultati possibili è consigliabile gestire i database di Microsoft Dynamics 365 in
un computer che esegue SQL Server e che supporterà solo Microsoft Dynamics 365 e nessun altro
database o applicazione di database.

In questo argomento
Considerazioni sulla distribuzione di SQL Server
Regole di confronto e ordinamento delle impostazioni locali della lingua

43
Configurazioni del disco e percorsi dei file
Percorso dei file di programma di SQL Server
Percorso dei file di dati di SQL Server
Microsoft Dynamics 365 considerazioni di ridenominazione del database
Crittografia dei dati trasparente di SQL (TDE)
OLTP in memoria di SQL Server

Considerazioni sulla distribuzione di SQL Server


Microsoft Dynamics 365 è un'applicazione che impiega i database in modo intensivo.Prima di distribuire
Microsoft Dynamics 365 in un'istanza di SQL Server, è consigliabile prendere in considerazione i
requisiti e le configurazioni di database indicati di seguito:
• Le tabelle di sistema di SQL Server non devono essere modificate prima dell'installazione di Server
Microsoft Dynamics 365.Modifica delle tabelle di sistema.Alcune applicazioni di database
potrebbero modificare le tabelle di sistema di SQL Server.In questo caso potrebbero verificarsi
problemi con Microsoft Dynamics 365 e i dati.
• È necessario installare l'indicizzazione full-text,Indicizzazione.necessaria per la funzionalità
Knowledge Base di Microsoft Dynamics 365.
• Durante un aggiornamento o una nuova installazione, Installazione server Microsoft Dynamics
CRM imposta il livello di compatibilità del database dell'organizzazione su 100, che corrisponde al
livello di compatibilità di Microsoft SQL Server 2008.Livello di compatibilità.
• .Aumento automaticoPer impostazione predefinita, i file di database dell'organizzazione Microsoft
Dynamics 365 vengono creati con un'impostazione per autogrowth pari a 256 megabyte.Nelle
versioni precedenti di Microsoft Dynamics 365 l'impostazione predefinita per autogrowth è pari a 1
megabyte.Se si eseguono transazioni con un utilizzo intensivo dei database, ad esempio
importazioni di grandi quantità di dati, è consigliabile aumentare il valore di autogrowth, per
migliorare le prestazioni.Per informazioni su come modificare l'impostazione di autogrowth per un
database, vedere la Guida di SQL Server Management Studio.
• Se si esegue SQL Server in un computer che esegue anche altre applicazioni, è consigliabile che
la memoria massima del server di SQL Server sia impostata su un valore non superiore alla metà
della RAM installata.Memoria massima del server.Per impostazione predefinita, la memoria
massima del server è impostata su 2147483647 megabyte nelle versioni recenti di SQL Server,
valore che causa problemi con SQL Server durante l'uso intensivo di Microsoft Dynamics
365.Ulteriori informazioni:MSDN: Opzioni per la memoria server
• In caso di prestazioni scarse di SQL Server, che si possono verificare a causa di istruzioni
complesse dell'indice, è consigliabile che il massimo grado di parallelismo di SQL Server sia
impostato su 1 per ottimizzare le prestazioni complessive dell'applicazione in sistemi
multiprocessore.Massimo grado di parallelismo.Ulteriori informazioni:MSDN: Opzione per
configurare il massimo grado di parallelismo
• L'esecuzione di Microsoft Dynamics 365 con SQL Server configurato per l'isolamento RCSI (Read
Committed Snapshot Isolation) è supportata per l'utilizzo con questa versione di Server Microsoft
Dynamics 365.RCSI.

44
Regole di confronto e ordinamento delle
impostazioni locali della lingua
L'installazione di SQL Server in una lingua diversa dall'inglese (Stati Uniti) può richiedere la modifica
della designazione delle regole di confronto.Nella tabella seguente è indicata la designazione delle
regole di confronto da utilizzare per alcune delle lingue disponibili.

Impostazioni Identificatore delle Designazione regole di Tabella codici


internazionali di impostazioni locali confronto
Windows (LCID)

Danese 0X406 Danish_Norwegian 1252


Olandese (Standard) 0X413 Latin1_General 1252
Inglese (Stati Uniti) 0X409 Latin1_General 1252
Francese (Francia) 0X40C French 1252
Tedesco (Germania) 0X407 Latin1_General 1252
Italiano 0X410 Latin1_General 1252
Portoghese (Brasile) 0X416 Latin1_General 1252
Spagnolo (ordinamento 0XC0A Modern_Spanish 1252
tradizionale)

Configurazioni del disco e percorsi dei file


Per l'istanza predefinita di SQL Server, la directory predefinita per i file di dati è \Programmi\Microsoft
SQL Server\MSSQL<ver><ver>È possibile specificare un percorso alternativo a quello predefinito sia
per i file di programma sia per i file di dati.

Nota
I percorsi predefiniti per i file di programma e i file di dati non sono necessariamente quelli migliori.Per
ottenere un equilibrio ottimale tra prestazioni e tolleranza d'errore, è necessario valutare le specifiche
per le unità RAID messe a disposizione dai fornitori dell'hardware.È possibile creare i database di
Microsoft Dynamics 365 nelle proprie partizioni, in particolare per questi file, e specificare i database
esistenti quando si esegue il programma di Installazione server Microsoft Dynamics CRM.I database
creati da Microsoft Dynamics 365 sono segnalati nel percorso dei file di dati specificato.Per ulteriori
informazioni, vederePercorso dei file di dati di SQL Server

Per impostazione predefinita, gli strumenti sono installati in \Program Files\Microsoft SQL
Server\110\Tools nell'unità di sistema.Questa cartella contiene i file predefiniti e denominati condivisi da
tutte le istanze di SQL Server.Tra gli strumenti sono inclusi Microsoft SQL Server Management Studio,
l'utilità della riga di comando T-SQL e lo strumento per le query SQL OSQL.
Durante l'Installazione di Microsoft SQL Server vengono installati file anche nella directory di sistema di
Windows.Il percorso dei file di sistema non può essere modificato.

45
Percorso dei file di programma di SQL Server
I file di programma di SQL Server si trovano in \Program Files\Microsoft SQL Server\MSSQL<ver>
Il percorso dei file binari è la directory radice in cui il programma di installazione crea le cartelle
contenenti i file di programma e altri file che normalmente non cambiano durante l'utilizzo di SQL
Server.Sebbene questi file non siano di sola lettura, le cartelle non contengono dati, registri, file di
backup o dati delle repliche.Pertanto, lo spazio da essi occupato dovrebbe aumentare in modo limitato
durante l'utilizzo di SQL Server e all'applicazione di aggiornamenti futuri.

Importante
I file di programma non possono essere installati in un'unità disco rimovibile.

Percorso dei file di dati di SQL Server


Ogni database di SQL Server è composto da uno o più file di database e uno o più file registro delle
transazioni.Microsoft Dynamics 365 crea almeno due database:
• Questo database contiene i metadati di Microsoft Dynamics 365, ad esempio le informazioni
relative alla configurazione e alla posizione specifiche di ogni database
dell'organizzazione.MSCRM_CONFIG.
• Questo è il database dell'organizzazione in cui vengono memorizzati i dati di Microsoft Dynamics
365, ad esempio tutti i record e gli impegni._MSCRM.NomeOrganizzazioneServer Microsoft
Dynamics 365 supporta più organizzazioni, quindi è possibile che vi siano database per più
organizzazioni.
Microsoft Dynamics 365 si basa inoltre sui database di sistema di SQL Server per archiviare le
informazioni di configurazione di Microsoft Dynamics 365.Tali database includono i database master e
msdb.I file di database associati a un database contengono tutti i relativi dati e tutte le relative
proprietà.I file registro delle transazioni contengono una registrazione delle attività di scrittura che
avvengono nel database, come la data in cui una riga viene aggiunta, modificata o rimossa.I file del
registro delle transazioni sono binari e non possono essere utilizzati per operazioni di controllo del
database.
Per informazioni su backup e ripristino per database di SQL Server compresi i file di registro delle
transazioni, vedereMSDN: Backup e ripristino dei database SQL Server

Microsoft Dynamics 365 considerazioni di


ridenominazione del database
Come descritto in precedenza, in una distribuzione di Dynamics 365 (locale) sono contenuti i database
seguenti:
• Un singolo database MSCRM_CONFIG
• Uno o più databaseNomeOrganizzazione
Il database di configurazione, MSCRM_CONFIG, non può essere rinominato.Se il database
MSCRM_CONFIG viene rinominato, il sistema Microsoft Dynamics 365 non funzionerà correttamente.
I database dell'organizzazione, OrganizationName_MSCRM, possono essere rinominati seguendo le
indicazioni e le considerazioni descritte in questa sezione.

46
Nomi di database dell'organizzazione
Nei database dell'organizzazione di Microsoft Dynamics 365 vengono utilizzati sia un nome visualizzato
sia uno univoco.
• Si tratta del nome visualizzato nell'applicazione Microsoft Dynamics 365, ad esempio nell'angolo in
alto a destra della schermata principale dell'applicazione.Nome visualizzato.Il nome visualizzato
può contenere spazi e fino a 250 caratteri.
• Si tratta del nome utilizzato per creare l'URL di connessione all'applicazione; il nome in questione
viene aggiunto automaticamente conNome univoco._MSCRMInoltre, è il nome fisico del database
come visualizzato nelle applicazioni SQL Server, ad esempio Microsoft SQL Server Management
Studio.Il nome non può contenere spazi, né più di 30 caratteri.

Ridenominazione di database dell'organizzazione


Il nome visualizzato può essere modificato tramite la Modifica guidata organizzazione in Gestione
distribuzione.I passaggi fondamentali prevedono la disabilitazione dell'organizzazione e la successiva
esecuzione della Modifica guidata organizzazione .Per ulteriori informazioni, vedere la Guida di
Gestione distribuzione.
Sebbene non sia consigliabile, è possibile modificare il nome di un nome database univoco
dell'organizzazione (NomeOrganizzazionePer modificare il nome univoco del database, effettuare i
passaggi seguenti:

Avviso
La ridenominazione del nome univoco del database di un'organizzazione non è stata completamente
testata da Microsoft e può causare risultati imprevisti.La risoluzione di problemi causati dall'esecuzione
di questa procedura non può essere garantita.La ridenominazione del nome univoco del database
dell'organizzazione è a esclusivo rischio dell'utente.

Importante
Prima di avviare la procedura seguente, eseguire un backup completo del database dell'organizzazione
che si desidera rinominare.

Per effettuare i passaggi seguenti, è necessario disporre già di un database dell'organizzazione


funzionante creato dall'Installazione server Microsoft Dynamics CRM o importato da un metodo di
Microsoft Dynamics 365 supportato.
1. Ripristinare il backup del database dell'organizzazione in SQL Server in cui viene utilizzato il nome
desiderato e supportato da SQL Server.
2. Importare il database dell'organizzazione rinominato nella distribuzione Microsoft Dynamics 365
esistente utilizzando la Importazione guidata organizzazione in Gestione distribuzione.
3. Durante l'importazione, immettere i nomi univoco e visualizzato del database dell'organizzazione
che sono non correlati al nome originale del database.
4. Seguire le istruzioni sullo schermo per completare l'importazione.

47
5. Verificare che gli utenti di Microsoft Dynamics 365 dispongano del nuovo URL che verrà creato
come conseguenza della ridenominazione dell'organizzazione.

Crittografia dei dati trasparente di SQL (TDE)


La funzionalità Transparent Data Encryption (TDE) di Microsoft SQL Server è supportata per l'utilizzo
con Microsoft Dynamics 365.Tuttavia, test condotti internamente hanno rilevato che l'utilizzo di questa
funzionalità può causare una diminuzione delle prestazioni generali di circa il 10% se eseguita su un
database crittografato con lo stesso carico di lavoro.

OLTP in memoria di SQL Server


Attualmente, le tabelle di database Microsoft Dynamics 365 non supportano l'elaborazione delle
transazioni online in memoria SQL Server (OLTP).Per ulteriori informazioni su OLTP, vediOLTP in
memoria (ottimizzazione in memoria)

Vedere anche
Installazione e configurazione di SQL Server
Raccomandazioni e requisiti di SQL Server per Microsoft Dynamics 365
Risorse aggiuntive per SQL Server

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Risorse aggiuntive per SQL Server


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Per ulteriori informazioni su come pianificare ed eseguire l'installazione di Microsoft SQL Server,
vedere le risorse seguenti:
Microsoft SQL Server
Documentazione in linea per SQL Server
Centro soluzioni per Microsoft SQL Server

Vedere anche
Installazione e configurazione di SQL Server
Distribuzione di SQL Server
Requisiti per la pianificazione di SQL Server Reporting Services

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

48
Requisiti per la pianificazione di SQL Server
Reporting Services
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 sono estensioni per l'elaborazione dei dati installate
nel server Microsoft SQL Server Reporting Services.Le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365
ricevono le informazioni di autenticazione dal Server Microsoft Dynamics 365 e le passano al server
Microsoft SQL Server Reporting Services .Installazione delle Estensioni di report di Microsoft Dynamics
CRM include sia il Estensione per l'elaborazione dei dati Fetch che Estensione per l'elaborazione dei
dati di SQL.
Le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 sono necessarie per tutte le principali attività relative
ai report in Microsoft Dynamics 365, ad esempio l'utilizzo dei report predefiniti di Microsoft Dynamics
365, il caricamento di report personalizzati, la creazione di report con la Creazione guidata report o la
pianificazione dei report.È inoltre necessario installare le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365
prima di importare nuove organizzazioni o eseguirne il provisioning.
Tramite il programma di Installazione delle Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM vengono
eseguite le operazioni seguenti:
1. Installazione dell'Estensione per l'elaborazione dei dati Fetch e dell'Estensione per l'elaborazione
dei dati di SQL nel server Microsoft SQL Server Reporting Services.
2. Installazione nel server Microsoft SQL Server Reporting Services degli assembly personalizzati
utilizzati dai report predefiniti e dai report creati con la procedura guidata.
3. Creazione di report predefiniti (basati su SQL) per l'organizzazione predefinita sia nel server Server
Microsoft Dynamics 365 che nel server Microsoft SQL Server Reporting Services.
Nella tabella seguente vengono illustrate le opzioni relative ai report che saranno disponibili se si
installano le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365.

Report che funzioneranno


Estensioni Report predefiniti Report basati su Report di Report basati su
installate? SQL personalizzati Creazione Fetch personalizzati
guidata report
basati su Fetch

No Installazione pulita: • Non possono Non disponibili. Non possono


Non disponibili. essere essere caricati ed
eseguiti.
pianificati.
• Possono
essere caricati
ed eseguiti se il
Server
Microsoft
Dynamics 365
e SQL Server
sono installati

49
Estensioni Report predefiniti Report basati su Report di Report basati su
installate? SQL personalizzati Creazione Fetch personalizzati
guidata report
basati su Fetch
nello stesso
computer o se
è configurata
l'attendibilità
per la delega.
Sì Verranno pubblicati Possono essere Possono essere Possono essere
per l'organizzazione caricati ed eseguiti. creati, eseguiti e caricati, eseguiti e
predefinita. pianificati. pianificati.

Importante
Le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 non devono essere installate in un'istanza di
Microsoft SQL Server Reporting Services in esecuzione con un account membro del gruppo di accesso
all'istanza SQL Active Directory.Questa situazione può verificarsi se per l'esecuzione di Microsoft SQL
Server Reporting Services viene utilizzato lo stesso account del servizio o della funzionalità di Server
Microsoft Dynamics 365.Questo tipo di configurazione rende il sistema vulnerabile a determinati
attacchi.Durante l'installazione, il programma di installazione rileva tale scenario. Puoi fare clic sulla
Guida per informazioni sulla risoluzione di questo problema.

Si noti che quando si installano le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365, è possibile scegliere
di installare il componente in un server diverso, che esegue Reporting Services.Se si isolano in questo
modo le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 in un'istanza distinta di SQL Server, nella quale
non sono archiviati i database di Microsoft Dynamics 365, è possibile migliorare le prestazioni dei
report.

Requisiti delle estensioni di report di Microsoft


Dynamics 365
Per l'installazione delle Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 devono essere soddisfatti i
requisiti seguenti:
• È necessario completare l'Installazione server Microsoft Dynamics CRM prima di eseguire l'
Installazione delle Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM.
• Il programma di Installazione delle Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM deve essere
eseguito in un computer in cui è installato Microsoft SQL Server Reporting Services.Per set di dati
di dimensioni contenute e un numero di utenti limitato, è possibile scegliere una distribuzione con
un solo server oppure una distribuzione con più server con un computer che esegue SQL Server
per Microsoft Dynamics 365 e un altro server per Microsoft SQL Server Reporting Services.Se i set
di dati sono più grandi e il numero di utenti è più elevato, le prestazioni diminuiranno rapidamente
quando verranno eseguiti report complessi.

50
Vedere anche
Installazione e configurazione di SQL Server
Considerazioni sulla sicurezza del sistema operativo e della tecnologia della piattaforma per Microsoft
Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Considerazioni sulla sicurezza per Microsoft


Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Microsoft Dynamics 365 è progettato in modo da rendere la distribuzione più sicura.In questa sezione
sono disponibili informazioni e procedure consigliate per l'applicazione Microsoft Dynamics 365.Ulteriori
informazioni: L'argomento a cui si fa riferimento
http://technet.microsoft.com/library/hh699698(CRM.8).aspx è disponibile solo online.

In questo argomento
Quale tipo di account di servizio è consigliabile scegliere?
Autorizzazioni minime necessarie per l'installazione e i servizi di Microsoft Dynamics CRM
File di installazione di Microsoft Dynamics CRM

Quale tipo di account di servizio è consigliabile


scegliere?
Quando viene specificata un'identità per eseguire un servizio Microsoft Dynamics 365, è possibile
scegliere un account utente di dominio oppure l'account del servizio di rete.
Se il servizio interagisce con i servizi di rete, accede alle risorse di dominio come le condivisioni di file o
se utilizza le connessioni al server collegate in altri computer, è possibile utilizzare un account di
dominio con privilegi minimi.Molti impegni tra server possono essere eseguiti solo con un account
utente di dominio e possono offrire l'opzione più sicura.L'account deve essere creato in precedenza
dall'amministrazione di dominio nell'ambiente.

Nota
Quando viene configurato un servizio per utilizzare un account di dominio, è possibile isolare i privilegi
per l'applicazione, ma è necessario gestire manualmente le password oppure creare una soluzione
personalizzata per la gestione di queste password.Molte applicazioni server utilizzano questa strategia
per migliorare la protezione, ma questa strategia richiede un'ulteriore amministrazione e complessità.In
queste distribuzioni, gli amministratori di servizio impiegano un tempo considerevole in attività di
manutenzione come la gestione delle password di servizio e dei nomi SPN necessari per
l'autenticazione Kerberos.Inoltre, le attività di manutenzione possono interrompere il servizio.

51
L'account del servizio di rete è un account predefinito che ha più accesso alle risorse e agli oggetti
rispetto ai membri del gruppo degli utenti di dominio.I servizi in esecuzione come account del servizio di
rete accedono alle risorse di rete utilizzando le credenziali dell'account del computer nel formato
<domain_name>\<computer_name>$.Il nome effettivo dell'account è NT AUTHORITY\NETWORK
SERVICE.

Autorizzazioni minime necessarie per l'installazione e


i servizi di Microsoft Dynamics CRM
Microsoft Dynamics 365 è progettato in modo che le relative funzioni vengano eseguite con identità
distinte.Se si specifica un account utente di dominio a cui sono concesse solo le autorizzazioni
necessarie per abilitare un funzionamento particolare di una funzionalità specifica, è possibile
proteggere il sistema e ridurre la probabilità di exploit.
In questo argomento vengono descritte le autorizzazioni minime richieste dall'account utente per i
servizi e le funzionalità di Microsoft Dynamics 365.

Installazione di Microsoft Dynamics CRM Server 2016


L'account utente utilizzato per eseguire il programma di Server Microsoft Dynamics CRM
2016Configurazione che include la creazione dei database richiede le autorizzazioni minime seguenti:
• Appartenere al gruppo Domain Users di Active Directory.Per impostazione predefinita, Utenti e
computer di Active Directory aggiunge nuovi utenti al gruppo Domain Users.
• Appartenere al gruppo Administrators nel computer locale in cui viene eseguito il programma di
installazione.
• Disporre delle autorizzazioni di lettura e scrittura per la cartella Programmi locale.
• Appartenere al gruppo degli amministratori nel computer locale in cui si trova l'istanza di SQL
Server che verrà utilizzata per archiviare i database di Microsoft Dynamics 365.
• Appartenere al ruolo sysadmin per l'istanza di SQL Server che verrà utilizzata per archiviare i
database di Microsoft Dynamics 365.
• Disporre dell'autorizzazione per la creazione di unità organizzative e gruppi di sicurezza e
aggiungere le autorizzazioni di appartenenza ai gruppi di Active Directory.In alternativa è possibile
utilizzare un file di configurazione XML per l'installazione del Server Microsoft Dynamics CRM 2016
dopo la creazione dei gruppi di sicurezza.Per ulteriori informazioni, vedereUtilizzare il prompt dei
comandi per installare Microsoft Dynamics Server 365
• Se Microsoft SQL Server Reporting Services è installato in un server diverso, è necessario
aggiungere il ruolo Gestore contenuto al livello radice per l'installazione dell'account utente.È inoltre
necessario aggiungere il Ruolo di amministratore di sistema a livello dell'intero sito per
l'installazione dell'account utente.

Autorizzazioni per i servizi di Microsoft Dynamics 365 e l'identità del


pool di applicazioni di IIS
In questa sezione vengono elencate le autorizzazioni minime che gli account utente di dominio
richiedono per i servizi e i pool di applicazione IIS utilizzati da Microsoft Dynamics 365.

52
Importante
• Gli account di identità del pool di applicazioni (CRMAppPool) e dei servizi di Microsoft Dynamics
365 non devono essere configurati come utente di Microsoft Dynamics 365.In caso contrario,
possono verificarsi problemi di autenticazione e comportamenti imprevisti nell'applicazione per tutti
gli utenti di Microsoft Dynamics 365.Ulteriori informazioni:Problemi in CRM se l'account utente
CRMAppPool è un utente CRM
• Gli account dei servizi gestiti (account di servizio gestiti dal gruppo (gMSA) o account di servizio
gestiti singolarmente) e gli account virtuali (NT SERVICE\,<SERVICENAME>) non sono supportati
per l'esecuzione di servizi Microsoft Dynamics 365.

Le seguenti sottosezioni descrivono le autorizzazioni dell'account utente di dominio necessarie per ogni
identità del servizio o del pool di applicazioni:
Servizio di elaborazione in modalità sandbox Microsoft Dynamics 365
Servizio elaborazione eventi asincroni di Microsoft Dynamics 365 e Servizio elaborazione eventi
asincroni di Microsoft Dynamics 365 (manutenzione)
Servizio di monitoraggio Microsoft Dynamics 365
Servizio VSS Writer di Microsoft Dynamics 365.
Servizio Web di distribuzione (identità del pool di applicazioni CRMDeploymentServiceAppPool)
Servizio dell'applicazione (identità del pool di applicazioni di IIS CRMAppPool)

Servizio di elaborazione in modalità sandbox Microsoft Dynamics 365


• Appartenenza al gruppo degli utenti di dominio.
• All'account deve essere concessa l'autorizzazione all'accesso come servizio
• Autorizzazioni di lettura e scrittura a livello di cartella per la cartellaTrace%AppData%
• Autorizzazione di lettura per la
sottochiaveHKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\MSCRM
• È possibile che per l'account di servizio sia necessario un nome di entità servizio per l'URL
utilizzato per l'accesso al sito Web associato. Per impostare il nome di entità servizio per l'account
del Servizio di elaborazione in modalità sandbox, eseguire il comando indicato di seguito al prompt
dei comandi del computer che esegue il servizio.
SETSPN –a MSCRMSandboxService/<ComputerName> <service account>

Servizio elaborazione eventi asincroni di Microsoft Dynamics 365 e Servizio


elaborazione eventi asincroni di Microsoft Dynamics 365 (manutenzione)
• Appartenenza al gruppo degli utenti di dominio.
• Appartenenza a PrivUserGroup e SQLAccessGroup.Per impostazione predefinita, tali gruppi
vengono creati e viene garantita un'appartenenza appropriate durante il programma di Installazione
server Microsoft Dynamics CRM.
• Appartenenza al gruppo Performance Log Users locale predefinito.

53
• All'account deve essere concessa l'autorizzazione all'accesso come servizio
• Leggere e scrivere le autorizzazioni nelle seguenti cartelle.
• La cartellaTracePer impostazione predefinita si trova in \Program Files\Microsoft Dynamics
CRM\ e nella cartella%AppData%
• La cartellaCustomizationImportPer impostazione predefinita si trova in \Program
Files\Microsoft Dynamics CRM\.Può essere necessario per l'importazione della soluzione
quando si utilizza Microsoft Dynamics 365 SDK.
• Tutte le autorizzazioni di accesso ad eccezione del controllo completo e del DAC di scrittura nelle
sottochiaviHKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\MSCRMHKEY_LOCAL_MACHINE\
SYSTEM\CurrentControlSet\services\MSCRMSandboxService
• È possibile che per l'account di servizio sia necessario un nome di entità servizio per l'URL
utilizzato per l'accesso al sito Web associato. Per impostare il nome di entità servizio per l'account
del Servizio asincrono, eseguire il comando indicato di seguito al prompt dei comandi del computer
che esegue il servizio.
SETSPN –a MSCRMAsyncService/<ComputerName> <service account>

Servizio di monitoraggio Microsoft Dynamics 365


• Appartenenza al gruppo degli utenti di dominio.
• All'account deve essere concessa l'autorizzazione aLogon as service
• Se il servizio di monitoraggio di Microsoft Dynamics 365 è installato con il ruolo server Server front-
end, l'appartenenza al gruppo di amministratori locali nel computer in cui il servizio è in esecuzione
è necessaria per il monitoraggio del sito Web e dei pool di applicazioni.Ulteriori informazioni:Ruoli
server individuali disponibili
• Autorizzazioni di lettura aHKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\MSCRM
• Appartenenza a SQLAccessGroup.Per impostazione predefinita, questo gruppo viene creato e
viene garantita un'appartenenza appropriate durante il programma di Installazione server Microsoft
Dynamics CRM.
• È possibile che per l'account di servizio sia necessario un nome di entità servizio per l'URL
utilizzato per l'accesso al sito Web associato.

Servizio VSS Writer di Microsoft Dynamics 365.


• Appartenenza al gruppo degli utenti di dominio.
• All'account deve essere concessa l'autorizzazione aLogon as service
• Autorizzazioni di lettura aHKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\MSCRM
• Appartenenza a PrivUserGroup e SQLAccessGroup.Per impostazione predefinita, tali gruppi
vengono creati e viene garantita un'appartenenza appropriate durante il programma di Installazione
server Microsoft Dynamics CRM.

54
Servizio Web di distribuzione (identità del pool di applicazioni
CRMDeploymentServiceAppPool)
• Appartenenza al gruppo degli utenti di dominio.
• All'account deve essere concessa l'autorizzazione aLogon as service
• L'appartenenza al gruppo di amministratori locali nel computer in cui è in esecuzione SQL Server è
necessaria per eseguire operazioni nel database dell'organizzazione (ad esempio, la creazione di
una nuova organizzazione o l'importazione di una esistente).
• Appartenenza al gruppo degli amministratori locali nel computer che esegue il Servizio Web di
distribuzione.
• Autorizzazioni di Sysadmin per l'istanza di SQL Server da utilizzare per la configurazione e
l'organizzazione dei database.
• Autorizzazioni di lettura e scrittura a livello di cartella per le cartelleTraceCRMWeb%AppData%
• Tutte le autorizzazioni di accesso ad eccezione del controllo completo e del DAC di scrittura nelle
sottochiaviHKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\MSCRMHKEY_LOCAL_MACHINE\
SYSTEM\CurrentControlSet\services\MSCRMSandboxService
• Appartenenza a PrivUserGroup e SQLAccessGroup.Per impostazione predefinita, tali gruppi
vengono creati e viene garantita un'appartenenza appropriate durante il programma di Installazione
server Microsoft Dynamics CRM.
• Appartenenza al gruppo CRM_WPG.Questo gruppo è utilizzato per i processi di lavoro di IIS.Il
gruppo viene creato durante l'Installazione server Microsoft Dynamics CRM.
• È possibile che per l'account di servizio sia necessario un nome di entità servizio per l'URL
utilizzato per l'accesso al sito Web associato.

Servizio dell'applicazione (identità del pool di applicazioni di IIS CRMAppPool)


• Appartenenza al gruppo degli utenti di dominio.
• Appartenenza al gruppo Performance Log Users locale predefinito.
• Autorizzazioni di lettura e scrittura a livello di cartella per le cartelleTraceCRMWeb%AppData%
• Tutte le autorizzazioni di accesso ad eccezione del controllo completo e del DAC di scrittura nelle
sottochiaviHKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\MSCRMHKEY_LOCAL_MACHINE\
SYSTEM\CurrentControlSet\services\MSCRMSandboxService
• Appartenenza al gruppo CRM_WPG.Questo gruppo è utilizzato per i processi di lavoro di IIS.Il
gruppo viene creato durante l'Installazione server Microsoft Dynamics CRM.
• È possibile che per l'account di servizio sia necessario un nome di entità servizio per l'URL
utilizzato per l'accesso al sito Web associato.

55
Identità del pool di applicazioni di IIS in esecuzione con autenticazione in
modalità kernel e nomi dell'entità servizio
Per impostazione predefinita, i siti Web di IIS sono configurati per l'utilizzo dell'autenticazione in
modalità kernel.Quando si esegue il sito Web Microsoft Dynamics 365 utilizzando l'autenticazione in
modalità kernel, non è necessario configurare altri nomi delle entità servizio (SPN) per le identità del
CRMAppPool.
Per determinare se la distribuzione di IIS richiede nomi delle entità servizio, vedere la pagina relativa
all'elenco di controllo del nome dell'entità servizio (SPN) per l'autenticazione Kerberos con IIS 7.0/7.5

File di installazione di Microsoft Dynamics CRM


Se si prevede di installare Microsoft Dynamics CRM 2016 da un percorso di rete, ad esempio da una
condivisione di rete, è necessario verificare che siano state applicate le autorizzazioni corrette alla
cartella, preferibilmente in un volume NTFS, in cui si trovano i file di installazione.Potrebbe essere
necessario, ad esempio, concedere le autorizzazioni per la cartella solo ai membri del gruppo Domain
Admins.In questo modo si può ridurre il rischio di attacchi ai file di installazione, che potrebbero
comprometterli o alterarli.Per ulteriori informazioni su come impostare autorizzazioni per file e cartelle
nel sistema operativo Windows, vedere la Guida di Windows.

Vedere anche
Pianificare la distribuzione di Microsoft Dynamics 365
Procedure consigliate per la sicurezza di Microsoft Dynamics 365
Procedure consigliate di amministrazione per le distribuzioni locali di Microsoft Dynamics 365
Porte di rete per Microsoft Dynamics 365
Ruoli server di Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Procedure consigliate per la sicurezza di


Microsoft Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Internet Information Services (IIS) è un servizio Web avanzato incluso in Microsoft Windows Server.Un
servizio Web IIS efficiente e sicuro è fondamentale per Microsoft Dynamics 365.Tenere presente
quanto segue:
• Nei file di configurazionemachine.configweb.configÈ necessario assicurarsi che la funzionalità di
debug sia disabilitata per tutti i server di produzione e che in caso di problema ai client venga
inviato un messaggio di errore generico.In questo modo si evita di inviare ai client informazioni non
necessarie sulla configurazione del server Web.
• Verificare che siano applicati i Service Pack e gli aggiornamenti più recenti del sistema operativo e
di IIS.Per informazioni aggiornate, vedere il sito WebMicrosoft Security
• Il programma di Installazione server Microsoft Dynamics CRM crea pool di applicazioni
denominatiCRMAppPoolCRMDeploymentServiceAppPoolPer agevolare l'adozione di un

56
modello con privilegi minimi, è consigliabile specificare account utente distinti per questi pool di
applicazioni anziché utilizzare l'account del servizio di rete.Inoltre, è consigliabile non installare altre
applicazioni ASP.NET in tali pool di applicazioni.Per informazioni sulle autorizzazioni minime
necessarie per questi componenti, vedereAutorizzazioni minime necessarie per l'installazione e i
servizi di Microsoft Dynamics CRM

Importante
• Accertarsi che tutti i siti Web in esecuzione nello stesso computer che esegue il sito Web di
Microsoft Dynamics 365 abbiano accesso al database di Dynamics 365.
• Se si utilizza un account utente di dominio, prima di eseguire il programma di Installazione server
Microsoft Dynamics CRM potrebbe essere necessario verificare che l'impostazione del nome
dell'entità servizio (SPN) sia corretta per l'account ed eventualmente correggerla.Per ulteriori
informazioni sui nomi delle entità servizio (SPN) e su come impostarli, vedereCome utilizzare SPN
durante la configurazione di applicazioni Web ospitate su Internet Information Services

Gestire il nome dell'entità servizio in Microsoft


Dynamics 365
L'attributo nome dell'entità servizio (SPN) è un attributo a più valori non collegato generato dal nome
host DNS.L'SPN viene utilizzato durante l'autenticazione reciproca tra il client e il server che ospita un
determinato servizio.Il client trova un account computer basato sull'SPN del servizio a cui tenta di
connettersi.
Il programma di installazione del server Server Microsoft Dynamics 365 distribuisce servizi specifici del
ruolo e pool di applicazioni Web che funzionano con le credenziali utente specificate durante la
Configurazione.Per esaminare l'elenco completo di tali ruoli e le autorizzazioni necessarie
corrispondenti, vedereAutorizzazioni minime necessarie per l'installazione e i servizi di Microsoft
Dynamics CRM
Quando si distribuisce un'infrastruttura Microsoft Dynamics 365 ospitata, per due di questi ruoli può
essere necessaria una considerazione ulteriore:
• Servizio Web di distribuzione
• Servizio dell'applicazione
In scenari Web farm, come nel caso delle soluzioni ospitate, è consigliabile lasciare l'autenticazione in
modalità kernel abilitata.È inoltre consigliabile considerare di utilizzare account utente di dominio distinti
per eseguire questi servizi perché:
• Avere account di servizio distinti per questi ruoli server facilita l'implementazione del bilanciamento
del carico hardware.
• Il ruolo server Servizio Web di distribuzione richiede autorizzazioni elevate per eseguire il
provisioning delle organizzazioni nel database di Dynamics 365.Se si desidera aderire a un
modello a privilegi minimi, l'approccio più sicuro per l'implementazione delle entità servizio in
un'infrastruttura di Microsoft Dynamics 365 ospitata implica che il Servizio Web di distribuzione
venga eseguito con un account utente di dominio diverso da quello del servizio dell'applicazione.

57
Se si segue il suggerimento di utilizzare account di dominio distinti per questi ruoli server, sarà
necessario controllare che l'entità servizio sia corretta per ogni account prima di avviare l'Installazione
server Microsoft Dynamics CRM.In tal modo sarà più semplice impostare l'entità servizio corretta
quando necessario.
Se l'autenticazione in modalità kernel è abilitata, verranno definite entità servizio per l'account
computer, indipendentemente dall'account di servizio specificato.Quando si implementa una Web farm,
abilitare l'autenticazione in modalità kernel e modificare il file localeApplicationHost.config
Se sullo stesso computer vengono eseguiti servizi Web di distribuzione e di applicazione e
l'autenticazione in modalità kernel è disabilitata, è possibile configurare entrambi i servizi in modo che
vengano eseguiti nello stesso dominio dell'account utente per evitare la duplicazione di entità
servizio.Se l'autenticazione in modalità kernel non può essere abilitata, installare i servizi Web di
distribuzione e di applicazione Web in computer distinti.Poiché l'autenticazione in modalità kernel è
disabilitata, è possibile che sia necessario creare le entità servizio manualmente.
Per ulteriori informazioni sulle entità servizio e su come configurarle, vedere la pagina relativa all'elenco
di controllo del nome dell'entità servizio (SPN) per l'autenticazione Kerberos con IIS 7.0/7.5

Vedere anche
Considerazioni sulla sicurezza per Microsoft Dynamics 365
Procedure consigliate di amministrazione per le distribuzioni locali di Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Procedure consigliate di amministrazione per le


distribuzioni locali di Microsoft Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Seguendo semplici regole di amministrazione, è possibile migliorare notevolmente la sicurezza
dell'ambiente locale di Microsoft Dynamics 365:
• Di norma non è necessario che gli utenti di Dynamics 365 dispongano di privilegi amministrativi per
il dominio.Pertanto, tutti gli account utente di Dynamics 365 dovrebbero essere limitati al gruppo
Domain Users.In base al principio dei privilegi minimi, inoltre, tutti gli utenti del sistema Dynamics
365 dovrebbero disporre di diritti minimi.Questo viene applicato già al livello di dominio,infatti è
consigliabile creare un account utente di dominio e utilizzarlo per eseguire Dynamics 365.È
necessario evitare di utilizzare gli account di amministratore di dominio per eseguire Dynamics 365.
• Limitare il numero di Amministratori distribuzione e di Amministratore di sistema di Microsoft
Dynamics 365 a pochi utenti che saranno responsabili delle modifiche delle regole.Non è
necessario che altri utenti amministratori di SQL Server, Microsoft Exchange Server o Active
Directory siano membri del gruppo di utenti di Dynamics 365.
• Assicurarsi che almeno due o tre utenti affidabili dispongano del ruolo di Amministratori
distribuzione.Ciò consente di evitare che il sistema si blocchi in caso l'Amministratori distribuzione
principale non sia disponibile.

58
• In alcune organizzazioni è prassi comune riutilizzare le password per diversi sistemi e domini.Ad
esempio, un amministratore responsabile di due domini potrebbe creare account di tipo
amministratore di dominio per i due domini utilizzando la stessa password oppure impostare
password di amministratore locale nei computer del dominio uguali in tutto il dominio.In un caso
come questo, la violazione di un solo account o computer potrebbe portare alla violazione
dell'intero dominio.Non utilizzare mai le password in questo modo.
• Spesso si utilizzano gli account di tipo amministratore di dominio come account di servizio per
servizi comuni quali i sistemi di backup.L'utilizzo degli account di amministratore di dominio come
account di servizio comporta un rischio per la sicurezza.Le password possono essere facilmente
recuperate da chiunque disponga di diritti amministrativi per il computer.In tal caso, un'eventuale
violazione potrebbe interessare l'intero dominio.Non utilizzare mai gli account di tipo amministratore
di dominio per gli account di servizio e limitare al minimo i privilegi concessi a questi account.
• Un account utente di dominio specificato per l'esecuzione di un servizio di Microsoft Dynamics 365
non può essere configurato anche come utente di Dynamics 365,poiché in tal caso si potrebbero
verificare comportamenti imprevisti dell'applicazione.

Vedere anche
Considerazioni sulla sicurezza per Microsoft Dynamics 365
Procedure consigliate per la sicurezza di Microsoft Dynamics 365
Porte di rete per Microsoft Dynamics 365
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/hh699698(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Considerazioni sulla sicurezza del sistema


operativo e della tecnologia della piattaforma
per Microsoft Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Nella scelta del tipo di sicurezza è importante valutare attentamente i pro e i contro relativi a minacce e
accessi.È possibile, ad esempio, chiudere un computer in una stanza a cui ha accesso solo
l'amministratore di sistema.In questo modo il computer è sicuro, ma non è molto utile poiché non è
collegato ad altri computer.Se gli utenti aziendali devono poter accedere a Internet e alla rete Intranet
aziendale, è necessario configurare la rete in modo sicuro e funzionale.
In questo argomento troverai informazioni e collegamenti utili a molte risorse per rendere più sicuro
l'ambiente informatico.Oggi la sicurezza dei dati di Microsoft Dynamics 365 dipende in larga misura
dalla sicurezza del sistema operativo e dei componenti software utilizzati.

59
In questo argomento
Protezione di Windows Server
Proteggere SQL Server
Protezione di Exchange Server e Outlook
Proteggere i dispositivi mobili

Protezione di Windows Server


Windows Server, che costituisce la base di Microsoft Dynamics 365, offre una sicurezza della rete
molto sofisticata.Il protocollo di autenticazione Kerberos versione 5 integrato in Active Directory e
Active Directory Federation Services (ADFS) consente di federare i domini di Active Directory tramite
l'autenticazione basata sulle attestazioni.Entrambi offrono una potente autenticazione basata su
standard.Tali standard di autenticazione consentono agli utenti di immettere una sola combinazione di
nome utente e password per tutte le risorse della rete.Windows Server include anche diverse
funzionalità che contribuiscono ad aumentare la sicurezza della rete.
Usa questi collegamenti per ottenere ulteriori informazioni sulle funzionalità e su come rendere più
sicura la tua distribuzione Windows Server:
• Windows Server 2012
• Proteggere Windows Server 2012 R2 e Windows Server 2012
• Guida di base alla sicurezza in Windows Server 2012

Segnalazione errori Windows


Microsoft Dynamics 365 richiede il servizio Segnalazione errori Windows, che viene installato dal
programma di installazione se non è presente.Il servizio Segnalazione errori Windows raccoglie
informazioni quali gli indirizzi IP.Questi indirizzi IP non vengono usati per identificare gli utenti.Il servizio
Segnalazione errori Windows non raccoglie intenzionalmente nomi, indirizzi, indirizzi e-mail, nomi di
computer o qualsiasi altra informazione personale (PII, Personally Identifiable Information).Nel caso in
cui informazioni di questo tipo vengano acquisite in memoria o nei dati raccolti da file aperti, non
verranno comunque utilizzate da Microsoft per identificare gli utenti.Inoltre alcune delle informazioni che
vengono scambiate tra l'applicazione Microsoft Dynamics 365 e Microsoft potrebbero non essere
sicure.Per ulteriori informazioni sul tipo di informazioni trasmesse, vedere la pagina dedicata
all'informativa sulla privacy per il servizio Segnalazione errori Microsoft

Virus, malware e protezione di identità


Per proteggere meglio la tua identità e il tuo sistema da malware o virus, vedi le risorse seguenti:
• .Microsoft SecurityQuesta pagina è un importante punto di accesso a suggerimenti, materiale
formativo e linee guida su come mantenere aggiornato il computer ed evitare che sia vulnerabile a
exploit, spyware e virus.
• .Security TechCenterQuesta pagina contiene collegamenti a comunicati tecnici, avvisi,
aggiornamenti, strumenti e linee guida realizzati per mantenere i computer sempre aggiornati e più
sicuri.

60
Gestione dell'aggiornamento
Gli aggiornamenti di Microsoft Dynamics 365 includono miglioramenti a livello di sicurezza, prestazioni
e funzionalità.Fare in modo che le applicazioni Microsoft Dynamics 365 includano sempre gli
aggiornamenti più recenti garantisce che il sistema funzioni nel modo più efficiente e affidabile
possibile.Di seguito puoi trovare ulteriori informazioni sulla gestione degli aggiornamenti:
• Windows Server Update Services
• Aggiornamenti software in Gestione configurazione
• Gestione degli aggiornamenti in Windows Server 2012: aggiornamento in ambito cluster e la nuova
generazione di servizi WSUS

Proteggere SQL Server


Poiché Microsoft Dynamics 365 si basa su SQL Server, è importante intraprendere le misure descritte
di seguito per aumentare la sicurezza del database di SQL Server:
• Applica il sistema operativo più recente, i SQL Server Service Pack (SP) e gli aggiornamenti.Per
informazioni dettagliate e aggiornate, visita il sito WebMicrosoft Security
• Installa tutti i file di sistema e dati di SQL Server in partizioni NTFS per una sicurezza a livello di file
system.I file dovranno essere disponibili solo agli utenti di livello amministratore o sistema tramite
autorizzazioni NTFS.In questo modo si impedisce agli utenti di accedere a tali file quando il servizio
MSSQLSERVER non è in esecuzione.
• Utilizzare un account di dominio con privilegi limitati.In alternativa, specifica l'account di sistema
locale o servizio di rete per i servizi SQL Server.Tuttavia, non consigliamo di usare questi account
poiché gli account utente di dominio possono essere configurati con un minor numero di
autorizzazioni per eseguire i servizi SQL Server.Gli account utente di dominio devono avere diritti
minimi per il dominio che dovrebbero contribuire a contenere (ma non a bloccare) un eventuale
attacco al server.In altre parole, gli account utente di dominio dovrebbero avere solo autorizzazioni
a livello utente nel dominio.Nel caso in cui SQL Server venga installato utilizzando un account
amministratore di dominio per eseguire i servizi, una compromissione di SQL Server impatterebbe
sulla sicurezza dell'intero dominio.Per modificare questa impostazione, utilizzare SQL Server
Management Studio per apportare le modifiche necessarie, perché gli elenchi di controllo
dell'accesso (ACL) sui file, il Registro di sistema e i diritti utente verranno modificati
automaticamente.
• Poiché SQL Server autentica gli utenti che dispongono di credenziali Autenticazione di Windows o
SQL Server, suggeriamo di usare Autenticazione di Windows per la semplicità d'uso del servizio
Single Sign-on e per implementare il metodo di autenticazione più sicuro.
• È consigliabile attivare almeno il controllo degli accessi non riusciti.Per impostazione predefinita, il
controllo del sistema SQL Server è disattivato e non viene quindi verificata alcuna
condizione.Questo rende difficoltosa la rilevazione di un'intrusione e favorisce l'occultamento delle
tracce da parte degli aggressori.
• Gli amministratori del Server di report devono abilitare RDL Sandboxing per limitare l'accesso al
Server di report.Ulteriori informazioni:Abilitare e disabilitare la funzionalità RDL Sandboxing

61
• Configura ogni accesso a SQL in modo da utilizzare il database master come database
predefinito.Anche se gli utenti non dovrebbero disporre dei diritti di accesso al database master,
consigliamo di cambiare l'impostazione predefinita per ogni accesso a SQL (ad eccezione di quelli
con ruolo SYSADMIN) in modo che venga utilizzatoNomeOrganizzazioneUlteriori
informazioni:Proteggere SQL Server

Protezione di Exchange Server e Outlook


Le considerazioni riportate di seguito sono valide per Microsoft Exchange Server o Exchange Server in
un ambiente Microsoft Dynamics 365:
• Exchange Server contiene numerosi meccanismi in grado di fornire un controllo amministrativo a
elevata granularità dell'infrastruttura.In particolare, puoi usare i gruppi amministrativi per raccogliere
oggetti di Exchange Server quali server, connettori o criteri e modificare gli elenchi di controllo di
accesso di tali gruppi amministrativi per assicurarti che vi possano accedere solo determinati
utenti.Puoi ad esempio concedere agli amministratori di Microsoft Dynamics 365 un certo controllo
sui server che hanno conseguenze dirette sulle loro applicazioni.Quando implementi in modo
efficiente i gruppi amministrativi, hai la certezza di fornire agli amministratori di Microsoft Dynamics
365 esattamente i diritti di cui hanno bisogno per svolgere le loro mansioni.
• Spesso può essere utile creare un'unità organizzativa distinta per gli utenti di Microsoft Dynamics
365 e concedere agli amministratori di Microsoft Dynamics 365 diritti amministrativi limitati per tale
unità organizzativa.Gli amministratori possono apportare modifiche a qualsiasi utente dell'unità
organizzativa, ma non agli utenti esterni all'unità.
• Assicurati sempre di fornire una protezione adeguata dall'inoltro non autorizzato della posta
elettronica.L'inoltro della posta elettronica è una funzionalità che consente a un client SMTP di
utilizzare un server SMTP per inoltrare messaggi di posta elettronica a un dominio remoto.Per
impostazione predefinita, Microsoft Exchange Server è configurato per impedire l'inoltro della posta
elettronica.Le impostazioni da configurare variano a seconda del flusso di messaggi e della
configurazione del server di posta elettronica del provider di servizi Internet (ISP).Il miglior
approccio consiste tuttavia nel disabilitare completamente le opzioni di inoltro della posta e
nell'abilitarle gradualmente per consentire un flusso corretto dei messaggi di posta elettronica.Per
ulteriori informazioni, vedere la Guida di Exchange Server.
• Se si utilizza il monitoraggio della cassetta postale di inoltro, il Router e-mail richiede una cassetta
postale di Exchange Server o conforme a POP3.Ti consigliamo di impostare le autorizzazioni per
questa cassetta postale per impedire ad altri utenti di aggiungere regole lato server.Per ulteriori
informazioni sulle cassette postali di Exchange Server, vediAutorizzazioni dei destinatari
• Il servizio del Router e-mail di Microsoft Dynamics 365 viene eseguito con l'account di sistema
locale.Ciò consente al Router e-mail di accedere alla cassetta postale dell'utente specificato e di
elaborare la posta elettronica che vi è contenuta.
Per ulteriori informazioni su come rendere Exchange Server più sicuro, vedereElenco di controllo sulla
sicurezza della distribuzione

62
Proteggere i dispositivi mobili
Man mano che le organizzazioni devono supportare una forza lavoro mobile in continuo aumento, una
sicurezza elevata deve rimanere un aspetto essenziale.Di seguito sono elencate alcune risorse che ti
aiutano a implementare le procedure consigliate per i dispositivi mobili, ad esempio smartphone e
tablet:
• Come gestire i dispositivi mobili utilizzando il connettore Windows Intune in Configuration Manager
• Windows per l'azienda
• (Microsoft Surface)Considerazioni sulla sicurezza
• (iPad e iPhone)iOS in azienda

Vedere anche
Pianificare la distribuzione di Microsoft Dynamics 365
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn832099(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn832105(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
Considerazioni sulla sicurezza per Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Porte di rete per Microsoft Dynamics 365


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
In questa sezione vengono descritte le porte utilizzate per Microsoft Dynamics 365.Tali informazioni
sono utili per la configurazione di una rete in cui gli utenti si connettono tramite un firewall.

In questo argomento
Porte di rete per l'applicazione Web Microsoft Dynamics 365
Porte di rete per i ruoli server di servizio asincrono, server applicazioni Web e servizio di elaborazione
in modalità sandbox.
Porte di rete per i ruoli server Servizio Web organizzazione
Porte di rete utilizzate dal computer SQL Server che esegue i ruoli server delle estensioni di report di
SQL Server e Microsoft Dynamics 365

Porte di rete per l'applicazione Web Microsoft


Dynamics 365
Nella tabella seguente sono elencate le porte utilizzate per un server che esegue un'installazione di
Microsoft Dynamics 365 con server completo.Inoltre tutti i ruoli server sono installati nello stesso
computer, ad eccezione dei ruoli server di Microsoft SQL Server e del Estensioni di report di Microsoft
Dynamics 365.

63
Protocollo Porta Descrizione Spiegazione

TCP 80 HTTP Porta predefinita per


l'applicazione Web.Tale porta
può essere diversa, perché
può essere modificata
durante l'Installazione server
Microsoft Dynamics CRM.Per
i nuovi siti Web, il numero di
porta predefinito è 5555.
TCP 135 MSRPC Risoluzione degli endpoint
RPC.
TCP 139 NETBIOS-SSN Servizio di sessione
NETBIOS.
TCP 443 HTTPS Porta predefinita per S-HTTP
(Secure HTTP).Il numero di
porta può essere diverso da
quello predefinito.Questo
trasporto di rete protetto deve
essere configurato
manualmente.Anche se
questa porta non è
necessaria per l'esecuzione di
Microsoft Dynamics 365, è
consigliabile utilizzarla.Per
informazioni su come
configurare HTTPS per
Dynamics 365, vediRendere
più sicure le comunicazioni di
rete tra client e server
Dynamics 365
TCP 445 Microsoft-DS Servizio Active Directory
necessario per l'accesso e
l'autenticazione tramite Active
Directory.
UDP 123 NTP Network Time Protocol.
UDP 137 NETBIOS-NS Servizio nomi NETBIOS.
UDP 138 NETBIOS-dgm Servizio datagrammi
NETBIOS.
UDP 445 Microsoft-DS Servizio Active Directory
necessario per l'accesso e
l'autenticazione tramite Active
Directory.
UDP 1025 Blackjack DCOM viene utilizzato come
listener RPC.

64
Importante
A seconda della configurazione dei livelli di attendibilità dei domini, è possibile che debbano essere
disponibili ulteriori porte di rete per garantire il corretto funzionamento di Microsoft Dynamics
365.Ulteriori informazioni:Requisiti della porta di Active Directory e di Active Directory Domain Services

Porte di rete per i ruoli server di servizio asincrono,


server applicazioni Web e servizio di elaborazione in
modalità sandbox.
Nella tabella seguente sono elencate le porte aggiuntive utilizzate per una distribuzione in cui il ruolo
Servizio di elaborazione in modalità sandbox è eseguito in un computer separato.

Protocollo Porta Descrizione Spiegazione

TCP 808 Comunicazione I servizi Servizio asincrono e Server applicazione Web


dei ruoli server comunicano con il ruolo Servizio di elaborazione in modalità
Dynamics 365 sandbox tramite questo canale.La porta predefinita è 808,
ma è possibile cambiarla nel Registro di sistema di
Windows aggiungendo il valore DWORD TcpPort nella
chiave
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\MSCRM\.

Porte di rete per i ruoli server Servizio Web


organizzazione
Nella tabella seguente viene elencata la porta aggiuntiva utilizzata dal ruolo server Servizio Web
organizzazione.

Protocollo Porta Descrizione Spiegazione

TCP 808 Utilizzata per report I server Microsoft SQL


basati su Fetch Server Reporting Services
che eseguono i report
basati su Fetch avviati dai
client Dynamics 365,
comunicano con il ruolo
server Servizio Web
organizzazione (ruolo
Server front-end) tramite
questa porta.

65
Porte di rete utilizzate dal computer SQL Server che
esegue i ruoli server delle estensioni di report di SQL
Server e Microsoft Dynamics 365
Nella tabella seguente vengono elencate le porte utilizzate per un computer che esegue SQL Server e
nel quale sono installati solo i ruoli server di SQL Server e delle Estensioni di report di Microsoft
Dynamics 365 (Connettore dati SRS).

Protocollo Porta Descrizione Spiegazione

TCP 135 MSRPC Risoluzione degli endpoint


RPC.
TCP 139 NETBIOS-SSN Servizio di sessione
NETBIOS.
TCP 445 Microsoft-DS Servizio Active Directory
necessario per l'accesso e
l'autenticazione tramite
Active Directory.
TCP 1433 ms-sql-s Servizio socket di SQL
Server.Questa porta è
necessaria per l'accesso a
SQL Server.Questo
numero può essere diverso
se l'istanza predefinita di
SQL Server è stata
configurata per l'utilizzo di
un numero di porta diverso
o se si sta utilizzando
un'istanza denominata.
UDP 123 NTP Network Time Protocol.
UDP 137 NETBIOS-NS Servizio nomi NETBIOS.
UDP 138 NETBIOS-dgm Servizio datagrammi
NETBIOS.
UDP 445 Microsoft-DS Servizio Active Directory
necessario per l'accesso e
l'autenticazione tramite
Active Directory.
UDP 1025 Blackjack DCOM viene utilizzato
come listener RPC.

Importante
Oltre alle porte precedentemente elencate, la porta 1434 UDP (servizio SQL Server Browser) in SQL
Server è necessaria all'Installazione server Microsoft Dynamics CRM per restituire un elenco dei
computer che eseguono SQL Server durante l'installazione di Server Microsoft Dynamics 365.Per

66
risolvere il problema, specificareSQLServer\NomeIstanza

Vedere anche
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/hh699698(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
Rischi e vulnerabilità noti

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Rischi e vulnerabilità noti


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
In questo argomento vengono descritti i rischi e le vulnerabilità che si possono presentare quando si
utilizza Microsoft Dynamics 365.Laddove possibile, viene inoltre indicato come attenuare i rischi o
risolvere i problemi.

In questo argomento
Rischi quando gli utenti si connettono a Dynamics 365 in una rete non sicura
Consigli di sicurezza nelle distribuzioni dei ruoli server
Autenticazione autonoma
Isolare il ruolo HelpServer per le distribuzioni con connessione Internet
Problemi e limiti dell'autenticazione basata sulle attestazioni
Proteggere il file web.config
Le chiamate Internet in uscita tramite codice personalizzato eseguito dal servizio di elaborazione in
modalità sandbox sono abilitate
Proteggere la comunicazione tra server
Attacchi di rebinding DNS
JavaScript consentito per URL Power BI in dashboard personali

Rischi quando gli utenti si connettono a Dynamics


365 in una rete non sicura
I problemi che si possono verificare quando esegui Microsoft Dynamics 365 senza utilizzare Transport
Layer Security (TLS) o Secure Sockets Layer (SSL) (HTTPS) sono i seguenti:
• I dati forniti dall'utente di Microsoft Dynamics 365, comprese le definizioni dei grafici, in una
connessione HTTP non sicura, possono essere alterate tramite attacchi di tipo "man-in-the-
middle".Per attenuare questa vulnerabilità, configurare Microsoft Dynamics 365 per l'utilizzo solo di
TLS/SSL.Per ulteriori informazioni su come configurare Server Microsoft Dynamics 365 da
utilizzare TLS/SSL, vedereRendere più sicure le comunicazioni di rete tra client e server Dynamics
365

67
Consigli di sicurezza nelle distribuzioni dei ruoli
server
I consigli seguenti consentono di rendere la distribuzione di Microsoft Dynamics 365 più affidabile e
sicura.

Ruolo server Consiglio

Servizio di elaborazione in modalità sandbox Installa questo ruolo in un server dedicato facente
parte di una LAN virtuale separata dagli altri
computer che eseguono ruoli di Server Microsoft
Dynamics 365.In seguito, se un plug-in dannoso
viene eseguito nel sandbox che sfrutta il
computer, l'isolamento della rete da una VLAN
separata consente di proteggere altre risorse di
Dynamics 365 da un'eventuale compromissione.
Server della Guida Installare questo ruolo in un computer distinto, sia
per IFD che per le distribuzioni interne.Per ulteriori
informazioni, vedereIsolare il ruolo HelpServer per
le distribuzioni con connessione Internet

Autenticazione autonoma
Distribuzione con connessione Internet di Microsoft Dynamics 365 richiede l'autenticazione anonima
abilitata in IIS per l'autenticazione basata sulle attestazioni.Il token per l'autenticazione basata sulle
attestazioni non contiene le credenziali non elaborate o la stringa di connessione a Server Microsoft
Dynamics 365.Il file web.config contiene tuttavia informazioni di configurazione sulla modalità di
autenticazione.Per ulteriori informazioni, vedereProteggere il file web.configPer proteggere il sito Web
Microsoft Dynamics 365, utilizza TLS/SSL.

Isolare il ruolo HelpServer per le distribuzioni con


connessione Internet
Una Distribuzione con connessione Internet di Microsoft Dynamics 365 richiede l'autenticazione
anonima.Poiché viene utilizzata l'autenticazione anonima del sito Web, la directory virtuale utilizzata
per il sito della Guida di Microsoft Dynamics 365 può essere oggetto di attacchi Denial of Service.
Per isolare le pagine della Guida di Guida di Microsoft Dynamics 365 e proteggere gli altri ruoli di
Server Microsoft Dynamics 365 da potenziali attacchi DoS è consigliabile installare il ruolo Server della
Guida su un computer diverso.
Per informazioni sulle opzioni disponibili per l'installazione dei ruoli di Microsoft Dynamics 365 in
computer distinti, vedere laRuoli server di Microsoft Dynamics 365
Per ulteriori informazioni sulla riduzione del rischio di attacchi Denial of Service, vedere la pagina
relativa alMSDN: Miglioramento della sicurezza per le applicazioni Web: minacce e contromisure

68
Problemi e limiti dell'autenticazione basata sulle
attestazioni
In questo argomento vengono descritti i problemi e i limiti legati all'utilizzo dell'autenticazione basata
sulle attestazioni con Microsoft Dynamics 365.

Verificare che il provider di identità utilizzi un criterio per le


password complesse
Quando utilizzi l'autenticazione basata sulle attestazioni, verifica che il provider di identità considerato
attendibile dal servizio token di sicurezza e da Microsoft Dynamics 365 applichi criteri per l'utilizzo di
password complesse.In Microsoft Dynamics 365 non vengono applicate password complesse.Per
impostazione predefinita, quando il servizio directory Active Directory viene utilizzato come provider di
identità, applica criteri per l'utilizzo di password complesse.

Le sessioni del server federativo AD FS sono valide fino a 8 ore


anche per gli utenti disattivati o eliminati
Per impostazione predefinita, i token del server Active Directory Federation Services (ADFS)
assegnano una scadenza di otto (8) ore a un cookie del servizio Web Single Sign-on.Pertanto, anche
quando un utente viene disattivato o eliminato da un provider di autenticazione, fino a quando la
sessione dell'utente è attiva questi può continuare ad essere autenticato per le risorse protette.
Utilizza una di queste opzioni per risolvere il problema:
• Disabilitare l'utente Microsoft Dynamics 365 e Active Directory.Per informazioni sulla disabilitazione
di un utente in Microsoft Dynamics 365, vedere L'argomento a cui si fa riferimento
http://technet.microsoft.com/library/dn531106(CRM.8).aspx è disponibile solo online. Per
informazioni su come disabilitare un utente in Active Directory, vedere la guida Utenti e computer di
Active Directory
• Ridurre la durata del Web single sign-on (SSO).A tale scopo, vedere la Guida di Gestione Active
Directory Federation Services (ADFS).

Proteggere il file web.config


Il file web.config creato da Microsoft Dynamics 365 non contiene stringhe di connessione o chiavi di
crittografia.Il file contiene tuttavia informazioni sulla modalità e la strategia di autenticazione,
informazioni sullo stato della visualizzazione di ASP.NET , nonché messaggi di errore di debug
visualizzati.Se questo file viene modificato da un attacco dannoso risulta minacciato il server in cui
viene eseguito Microsoft Dynamics 365.Per proteggere il file web.config, è consigliabile seguire le
precauzioni seguenti:
• Concedere autorizzazioni per la cartella in cui si trova il file web.config solo agli account utenti che
lo richiedono, ad esempio gli amministratori.Per impostazione predefinita, i file del web.config è
localizzato nella cartella <drive:>Program Files\Microsoft Dynamics CRM\CRMWeb.
• Limitare il numero di utenti con accesso interattivo ai server Dynamics 365, ad esempio
l'autorizzazione di accesso alla console.

69
• Disabilitare l'esplorazione delle directory nel sito Web di Dynamics 365.Questa possibilità è
disabilitata per impostazione predefinita.Per informazioni su come disabilitare l'esplorazione delle
directory, vedere la Guida di Gestione Internet Information Services (IIS).

Le chiamate Internet in uscita tramite codice


personalizzato eseguito dal servizio di elaborazione
in modalità sandbox sono abilitate
Per impostazione predefinita, le chiamate in uscita tramite codice personalizzato eseguito da Servizio di
elaborazione in modalità sandbox di Microsoft Dynamics 365 che accede ai servizi su Internet sono
abilitate.Per le distribuzioni di Microsoft Dynamics 365 ad alta sicurezza, questo aspetto può
comportare un rischio per la sicurezza.Se non desideri consentire chiamate in uscita tramite codice
personalizzato, ad esempio plug-in di Dynamics 365 o attività del flusso di lavoro personalizzate, puoi
disattivare le connessioni in uscita da codice personalizzato eseguito da Servizio di elaborazione in
modalità sandbox attenendoti alla procedura seguente.
Anziché bloccare le chiamate in uscita, è possibile applicare restrizioni all'accesso Web sui plug-in
modalità sandbox.Ulteriori informazioni:MSDN: Isolamento di plug-in, attendibilità e statistiche
La disattivazione delle connessioni in uscita per il codice personalizzato comporta la disabilitazione
delle chiamate ai servizi cloud come Microsoft Azure e Microsoft Azure SQL Database.

Disabilitare le connessioni in uscita per il codice personalizzato sul


computer che esegue il servizio di elaborazione in modalità sandbox
1. Nel computer Windows Server dove è installato il ruolo di server di Servizio di elaborazione in
modalità sandboxMicrosoft Dynamics 365 avviare Editor del Registro di sistema e localizzare la
seguente sottochiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\MICROSOFT\MSCRM
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse suMSCRMNuovoValore
DWORDSandboxWorkerDisableOutboundCalls
3. Fare clic con il pulsante destro del mouse suSandboxWorkerDisableOutboundCallsModifica
4. Chiudere Editor del Registro di sistema.
5. Riavviare Servizio di elaborazione in modalità sandbox.A tale scopo, fare clic sul
pulsanteStartservices.msc
6. Fare clic con il pulsante destro del mouse suServizio di elaborazione in modalità sandbox di
Microsoft Dynamics 365Riavvia
7. Chiudere lo snap-in Servizi Microsoft Management Console (MMC).

Proteggere la comunicazione tra server


Per impostazione predefinita, la comunicazione tra server Microsoft Dynamics 365, ad esempio la
comunicazione tra il ruolo Server applicazione Web e il server che esegue Microsoft SQL Server, non
avviene tramite un canale sicuro.Pertanto, le informazioni trasmesse tra i server sono soggette a
possibili attacchi, ad esempio quelli di tipo man-in-the-middle.

70
Per proteggere le informazioni trasmesse tra i server dell'organizzazione, è consigliabile implementare
reti sicure come Windows Firewall.Ulteriori informazioni:Panoramica su Windows Firewall con
protezione avanzata

Attacchi di rebinding DNS


Come molte applicazioni basate sul Web, Microsoft Dynamics 365 potrebbe essere soggetto ad
attacchi di rebinding DNS.Questo exploit fa in modo che un Web browser recuperi erroneamente
pagine di due server diversi presupponendo che i server appartengano allo stesso dominio e
comprometta di conseguenzai criteri di corrispondenza dell'origineTramite questa tecnica, un pirata
informatico può manomettere i dati di Dynamics 365 utilizzando l'identità della vittima mediante attacchi
tramite script tra siti nelle pagine di Dynamics 365.
Per ulteriori informazioni su come migliorare la protezione da tali attacchi, vedereProtezione dei
browser da attacchi di rebinding DNS

JavaScript consentito per URL Power BI in


dashboard personali
Poiché JavaScript può essere utilizzato per permettere ai dashboard personali di utilizzare gli
URLsPower BI, tenere presente i seguenti rischi di attacchi script injection da origini dannose:
• Reindirizzamento arbitrario a un sito Web imprevisto, ad esempio un sito Web di phishing.
• La creazione di più oggetti JavaScript di grandi dimensioni nel tentativo di arrestare in modo
anomalo il Web browser.
Per ridurre i rischi, è consigliabile implementare le seguenti procedure consigliate:
• Consentire solo ai siti approvati di SharePoint di ospitare documenti di Microsoft Office Excel
utilizzati per l'aggiunta di report Power BI nei dashboard.Ulteriori informazioni:Introduzione
all'interfaccia di amministrazione di Power BI per Office 365
• Proteggere il sito di SharePoint che ospita i componenti di Power BI in modo che solo origini
attendibili possano aggiungere documenti ai dashboard.Leggere le informazioni sui livelli di
autorizzazioni di SharePoint
• Chiedi agli utenti Microsoft Dynamics 365 di evitare di aggiungere componenti non approvati ai
dashboard.Analogamente all'indicazione per gli utenti di non aprire gli allegati o fare clic sui
collegamenti ipertestuali presenti nei messaggi di posta elettronica da origini sconosciute.

Vedere anche
Considerazioni sulla sicurezza per Microsoft Dynamics 365
Porte di rete per Microsoft Dynamics 365
Configurazioni supportate di Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

71
Configurazioni supportate di Microsoft
Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
L'architettura da utilizzare per la distribuzione dipende dalle esigenze aziendali.In questa sezione
vengono forniti esempi per la pianificazione di una distribuzione di Microsoft Dynamics 365 in quattro
architetture di sistema rappresentative: una distribuzione con un solo server basata, una distribuzione
con due server, una distribuzione con cinque server e una distribuzione con più server che coinvolge
almeno sei server.Tali distribuzioni sono descritte in dettaglio inMicrosoft Dynamics CRM 2011
supported configurations
Inoltre, in questa sezione vengono descritte le configurazioni di rete, dominio e server supportate per
Microsoft Dynamics 365, che supporta topologie con più foreste e più domini.

Requisiti di Active Directory


I requisiti di Active Directory sono i seguenti:
• I computer che eseguono i ruoli di Server Microsoft Dynamics 365 e il computer che esegue SQL
Server, dove si trovano i database di Microsoft Dynamics 365, devono essere inclusi nello stesso
dominio di Active Directory.
• Il dominio di Active Directory in cui si trova un ruolo di Server Microsoft Dynamics 365 deve essere
in esecuzione in una delle seguenti modalità di dominio elencate nell'argomentoModalità di Active
Directory
• L'account utente utilizzato per eseguire un servizio di Microsoft Dynamics 365 deve trovarsi nello
stesso dominio del computer che esegue il ruolo Server Microsoft Dynamics 365.
• I gruppi di sicurezza di Microsoft Dynamics 365 (PrivUserGroup, SQLAccessGroup,
ReportingGroup e PrivReportingGroup) devono essere nello stesso dominio del computer che
esegue Server Microsoft Dynamics 365.Questi gruppi di sicurezza possono trovarsi nella stessa
unità organizzativa o in unità organizzative diverse.Per utilizzare gruppi di sicurezza che si trovano
in unità organizzative diverse, è necessario installare il Server Microsoft Dynamics 365 utilizzando
un file di configurazione XML e specificando il nome distinto corretto per ogni gruppo di sicurezza
preesistente nell'elemento<Groups>Ulteriori informazioni:Esempio di file di configurazione XML
per il server per l'installazione con gruppi già creati

Avviso
È richiesta l'appartenenza diretta dell'account utente al gruppo di sicurezza privusergroup di Microsoft
Dynamics CRM e al momento non è supportato l'annidamento dell'appartenenza al gruppo in
privusergroup. Garantendo l'appartenenza a privusegroup tramite un altro gruppo di sicurezza
potrebbero verificarsi errori di sistema nell'applicazione Web di CRM e nelle funzionalità di
creazione dei report. Se ad esempio si aggiunge un gruppo di sicurezza denominato
mycrmprivgroupusers a privusergroup, i membri di mycrmprivgroupusers non verranno risolti come
membri di privusergroup. Sono incluse le identità dei servizi CRMAppPool o SQL Server Reporting
Services

72
• Per gli utenti che accedono a Microsoft Dynamics 365 da un altro dominio e non utilizzano
l'autenticazione basata sulle attestazioni, è necessario che esista un trust unidirezionale nel quale il
dominio in cui si trova il Server Microsoft Dynamics 365 ritenga attendibile il dominio in cui si
trovano gli utenti.

Importante
Per aggiungere utenti a Microsoft Dynamics 365 che non sono autenticati utilizzando l'autenticazione
basata sulle attestazioni, un trust bidirezionale tra più foreste è obbligatorio.

Distribuzione con un solo server


Per basi di utenti di dimensioni limitate, è possibile distribuire un Server Microsoft Dynamics 365 in una
configurazione a server singolo, con Server Microsoft Dynamics 365, SQL Server, Microsoft SQL
Server Reporting Services e facoltativamente Microsoft Exchange Server installati e in esecuzione nello
stesso computer.
Le distribuzioni con un solo server sono tuttavia sconsigliabili se si desidera ottimizzare le prestazioni e
il ripristino di emergenza.
Le distribuzioni con un solo server hanno un limite: il computer in cui è installato il Server Microsoft
Dynamics 365 non può fungere anche da controller di dominio.Se il computer è un server membro,
ovvero non funge da controller di dominio, è possibile distribuire il ruolo del server completo Server
Microsoft Dynamics 365 in un Windows Server singolo che esegue anche altri prodotti richiesti.

Importante
L'esecuzione di Server Microsoft Dynamics 365 in un ambiente di produzione in un controller di dominio
Active Directory non è supportato.

Suggerimento
Per ridurre il sovraccarico di amministrazione IT, considerare la possibilità di eseguire Microsoft
Dynamics 365 nel cloud.Ulteriori informazioni:Microsoft Dynamics

In questa sezione
Distribuzione con più server Microsoft Dynamics 365

Vedere anche
Pianificare la distribuzione di Microsoft Dynamics 365
Distribuzione con più server Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

73
Distribuzione con più server Microsoft
Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Le distribuzioni del Server Microsoft Dynamics 365 possono includere più server in modo da assicurare
ulteriori vantaggi in termini di prestazioni e scalabilità.Tuttavia, questa versione di Server Microsoft
Dynamics 365 Workgroup non supporta l'installazione di ruoli server in computer separati.Pertanto, tutti
i ruoli server vengono installati in tutti i computer in cui si installa Server Microsoft Dynamics 365.

Installare i ruoli server eseguendo il programma di


installazione del server Microsoft Dynamics 365
Durante l'installazione di Installazione server Microsoft Dynamics CRM è possibile scegliere di
installare un ruolo server:
• Singolarmente.
• Come uno dei tre gruppi predefiniti dei ruoli server.
• Come installazione server completa che include tutti i ruoli.
I ruoli server consentono di aumentare la flessibilità e la scalabilità della distribuzione di Microsoft
Dynamics 365.Si noti che per il corretto funzionamento del sistema Microsoft Dynamics 365 è
necessario che tutti i ruoli server siano in esecuzione e disponibili in rete.

Installare ruoli server eseguendo il programma di installazione del


server Microsoft Dynamics 365 dal prompt dei comandi
È possibile installare i ruoli di Server Microsoft Dynamics 365 e Estensioni di report di Microsoft
Dynamics 365 dai rispettivi dischi di installazione o percorsi di download in modalità automatica
utilizzando il prompt dei comandi.Le informazioni necessarie per l'installazione vengono fornite al
programma di installazione sotto forma di parametri della riga di comando e di un file di configurazione
XML a cui il programma di installazione fa riferimento.Ulteriori informazioni:Utilizzare il prompt dei
comandi per installare Microsoft Dynamics Server 365

Posizione del server Microsoft Dynamics 365


Per ottimizzare le prestazioni dell'applicazione, è consigliabile che il computer o i computer che
eseguono i ruoli del Server Microsoft Dynamics 365 e il computer che esegue SQL Server si trovino
nella stessa rete LAN.Questo a causa della notevole quantità di traffico di rete tra i due computer.Ciò è
consigliabile anche con Active Directory, in tal caso è consigliabile che il computer o i computer nei
quali vengono eseguiti il Server Microsoft Dynamics 365 e il controller di dominio Active Directory si
trovino nella stessa rete LAN, per garantire un accesso efficiente di Active Directory a Microsoft
Dynamics 365.

74
Posizione del controller di dominio di Active
Directory e di SQL Server
Per ogni organizzazione, in Microsoft Dynamics 365 tutti i dati relativi alla gestione delle relazioni con i
clienti sono archiviati in un database di SQL Server.Assicurarsi che il computer che esegue SQL Server
e nel quale vengono gestiti i database di Microsoft Dynamics 365 si trovi vicino al Server Microsoft
Dynamics 365.Ciò significa che è necessaria una connessione di rete permanente e ad alta velocità tra
il Server Microsoft Dynamics 365 e il computer che esegue SQL Server.Un errore di comunicazione di
rete tra i due computer può comportare la perdita di dati e la mancata disponibilità del servizio.
Lo stesso vale per Active Directory, poiché da tale servizio dipende la sicurezza delle informazioni di
Microsoft Dynamics 365.Se la comunicazione con Active Directory viene interrotta, Microsoft Dynamics
365 non è in grado di funzionare correttamente.Se la comunicazione con Active Directory è inefficiente,
le prestazioni di Microsoft Dynamics 365 vengono compromesse.È pertanto importante posizionare un
controller di dominio Active Directory nella stessa connessione di rete permanente ad alta velocità
utilizzata dai computer che eseguono Microsoft Dynamics 365 e SQL Server.

Vedere anche
Configurazioni supportate di Microsoft Dynamics 365
Ruoli server di Microsoft Dynamics 365
Supporto per le topologie a più server Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Ruoli server di Microsoft Dynamics 365


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Con il Server Microsoft Dynamics 365 è possibile installare funzionalità, componenti e servizi specifici
in diversi computer.Tali componenti e servizi corrispondono a ruoli server specifici.Ad esempio, i clienti
con basi di clienti più ampie possono installare il ruolo Server front-end in due o più server che
eseguono Internet Information Services (IIS) al fine di aumentare la velocità e migliorare le prestazioni
per gli utenti.In alternativa, è possibile installare un ruolo Server completo in un computer e le
Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 in un altro.Se un ruolo server risulta mancante, viene
visualizzato un messaggio di Gestione distribuzione nell'areaMessaggi
Per installare i ruoli server, utilizzare una delle opzioni seguenti:
• Eseguire l'installazione guidata del Server Microsoft Dynamics 365 per selezionare uno o più gruppi
di ruoli server oppure uno o più singoli ruoli server.Se il Server Microsoft Dynamics 365 è già
installato, per aggiungere o rimuovere ruoli server è possibile utilizzare Programmi e funzionalità
nel pannello di controllo.
• Configurare un file di configurazione XML per l'installazione, quindi eseguire il programma di
installazione dal prompt dei comandi per specificare un gruppo di ruoli server oppure uno o più
singoli ruoli server.Non è possibile selezionare in modo esplicito il ruolo SQL Server per
l'installazione durante l'installazione di Server Microsoft Dynamics 365.Si tratta di un ruolo logico
impostato da SQL Server quando si specifica un'istanza particolare di SQL Server, locale o in un

75
altro computer (scelta consigliata) da utilizzare nella distribuzione di Microsoft Dynamics 365.Per
ulteriori informazioni, vedereMicrosoft Dynamics CRMFile di configurazione XML per il server

Nota
Dopo l'installazione iniziale dei ruoli server, in qualsiasi momento è possibile aggiungerli o rimuoverli
nel panello di controllo.Per ulteriori informazioni, vedereDisinstallare, modificare o ripristinare il server
Microsoft Dynamics 365

Importante
Se si dispone di una distribuzione di Microsoft Dynamics 365 che include uno o più ruoli Server back-
end e server front-end, il Language Pack deve essere installato nel computer con il ruolo server front-
end.Se sono stati distribuiti singoli ruoli server, i Language Pack devono essere installati nei computer
su cui sono in esecuzione i ruoli Server applicazione Web e Server della Guida.

In questo argomento
Gruppi di ruoli server disponibili
Ruoli server individuali disponibili
Definizione degli ambiti
Definizione delle modalità di installazione
Installare il servizio asincronia Microsoft Dynamics 365 per elaborare solo gli eventi asincroni o le e-
mail
Requisiti per i ruoli server di Microsoft Dynamics 365

Gruppi di ruoli server disponibili


Sebbene questi gruppi di ruoli server siano consigliati per la maggior parte delle distribuzioni, durante
l'installazione è possibile installare qualsiasi ruolo server singolo.
Per il corretto funzionamento del sistema, è necessario che tutti i ruoli server siano in esecuzione nella
rete dell'organizzazione.

Gruppo di ruoli server Descrizione Ambito Modalità di


installazione

Server completo Contiene tutti i ruoli da server front- Distribuzione Completa


end, Server back-ende Server di
amministrazione della
distribuzione.Per impostazione
predefinita, l'installazione del Server
Microsoft Dynamics 365 distribuisce
il sistema come server completo.In
una distribuzione con server
completo, i ruoli server non vengono
elencati separatamente nel Pannello
di controllo.Per visualizzare i ruoli

76
Gruppo di ruoli server Descrizione Ambito Modalità di
installazione
installati o eseguire delle modifiche,
fare clic con il pulsante destro del
mouse sulServer Microsoft
Dynamics
365Disinstalla/CambiaConfigura
Server front-end Abilita i ruoli server per l'esecuzione Distribuzione Di gruppo o
delle applicazioni client e di quelle completa
sviluppate con Microsoft Dynamics
365 SDK.
Server back-end Include i ruoli server che gestiscono Distribuzione Di gruppo o
l'elaborazione degli eventi asincroni, completa
ad esempio i flussi di lavoro e i plug-
in personalizzati, la manutenzione
dei database e il routing delle e-
mail.Questi ruoli non sono in genere
esposti a Internet.
Per un elenco dei ruoli server inclusi
in questo gruppo, vedere la tabella
seguente.
Server di Abilita i ruoli server per i componenti Distribuzione Di gruppo o
amministrazione della utilizzati per la gestione della completa
distribuzione distribuzione di Microsoft Dynamics
365 grazie alle modalità descritte in
Microsoft Dynamics 365 SDK o agli
strumenti di distribuzione.Include
inoltre l'interfaccia per il supporto del
ripristino di emergenza del
database.
Per un elenco dei ruoli server inclusi
in questo gruppo, vedere la tabella
seguente.

Ruoli server individuali disponibili


Ruolo server Descrizione Gruppo server Ambito Modalità di installazione

Servizio Web di Trova Server front-end Distribuzione Individuale, di gruppo o


individuazione l'organizzazione a completa
cui un utente
appartiene in una
distribuzione multi-
tenant.
Servizio Web Supporta Server front-end Distribuzione Individuale, di gruppo o
organizzazione l'esecuzione di completa

77
Ruolo server Descrizione Gruppo server Ambito Modalità di installazione
applicazioni che
utilizzano i metodi
descritti in
Microsoft
Dynamics 365
SDK.
Server Esegue il Server Server front-end Distribuzione Individuale, di gruppo o
applicazione applicazione Web completa
Web utilizzato per
connettere gli
utenti ai dati di
Microsoft
Dynamics 365.Per
il ruolo Server
applicazione Web
è necessario il
ruolo Servizio Web
organizzazione.
Server della Rende la Guida di Server front-end Distribuzione Individuale, di gruppo o
Guida Microsoft completa
Dynamics 365
disponibile agli
utenti.
Servizio Elabora eventi Server back-end Distribuzione Individuale, di gruppo o
asincrono asincroni in coda, completa
come i flussi di
lavoro, l'invio di
posta elettronica in
blocco o
l'importazione di
dati.
Servizio di Abilita un ambiente Server back-end Distribuzione Individuale, di gruppo o
elaborazione in isolato per completa
modalità consentire
sandbox l'esecuzione del
codice
personalizzato
come i plug-in.La
disponibilità di un
ambiente isolato
consente di ridurre
le possibili
interferenze del
codice
personalizzato sul
funzionamento
delle
organizzazioni.

78
Ruolo server Descrizione Gruppo server Ambito Modalità di installazione

Servizio Gestisce l'invio e la Server back-end Distribuzione Individuale, di gruppo o


integrazione e- ricezione di completa
mail messaggi e-mail
tramite la
connessione a un
server e-mail
esterno.
Servizio Web di Pubblica il servizio Server di Distribuzione Individuale, di gruppo o
distribuzione Web che fornisce amministrazione completa
un'interfaccia di della
distribuzione distribuzione
descritta inSDK di
Microsoft
Dynamics CRM
Strumenti di È costituito da Server di Distribuzione Individuale, di gruppo o
distribuzione cmdlet di Gestione amministrazione completa
distribuzione e della
Windows distribuzione
PowerShell.Gli
amministratori di
Microsoft
Dynamics 365
possono utilizzare i
cmdlet di Windows
PowerShell per
automatizzare le
attività di Gestione
distribuzione.
Gestione
distribuzione è uno
snap-in di
Microsoft
Management
Console (MMC)
utilizzabile dagli
amministratori di
distribuzione per
gestire
organizzazioni,
server e licenze
per le distribuzioni
di Microsoft
Dynamics 365.
VSS Writer Il servizio VSS Server di Distribuzione Individuale, di gruppo o
Microsoft Writer di Microsoft amministrazione completa
Dynamics 365 Dynamics 365 della
fornisce distribuzione
un'interfaccia per

79
Ruolo server Descrizione Gruppo server Ambito Modalità di installazione
eseguire il backup
e il ripristino dei
dati di Dynamics
365 tramite
l'infrastruttura
Servizio Copia
Shadow del
volume (VSS,
Volume Shadow
Copy Service) di
Windows Server.
Estensioni di Mette a N/D Distribuzione Individuale tramite
report di disposizione srsDataConnectorSetup.exe.
Microsoft funzionalità
Dynamics 365 relative ai report
fornendo
un'interfaccia tra il
sistema Microsoft
Dynamics 365 e
Microsoft SQL
Server Reporting
Services.
SQL Server Installa il database N/D Distribuzione Individuale durante
MSCRM_CONFIG l'installazione del Server
nel computer SQL Microsoft Dynamics 365 o
Server. dallaModifica guidata
organizzazione

Definizione degli ambiti


• .DistribuzioneOgni istanza del ruolo server è valida per l'intera distribuzione.
• .OrganizzazioneOgni istanza del ruolo server è valida per un organizzazione.È pertanto possibile
utilizzare un'istanza diversa del ruolo server per una determinata organizzazione.

Definizione delle modalità di installazione


• .Individuale, di gruppo o completaDurante l'Installazione di Server Microsoft Dynamics 365 è
possibile installare un ruolo server singolarmente, installare uno dei tre gruppi predefiniti di ruoli
server o eseguire un'installazione di server completo che include tutti i ruoli.In alternativa, è
possibile selezionare più ruoli server specifici.
• .Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365Installare questo ruolo utilizzando
srsDataConnectorSetup.exe nel computer in cui è in esecuzione Microsoft SQL Server Reporting
Services.

80
Per ulteriori informazioni sui ruoli server di Microsoft Dynamics 365, vedere la sezioneInstallare il server
Microsoft Dynamics CRM in più computer

Installare il servizio asincronia Microsoft Dynamics


365 per elaborare solo gli eventi asincroni o le e-mail
Il servizio asincronia Microsoft Dynamics 365 (servizio in stile NT) può essere utilizzato per elaborare
gli eventi asincroni e e-mail, account, contatti e attività utilizzando la sincronizzazione lato server.A
seconda dei ruoli server selezionati durante l'Installazione server Microsoft Dynamics CRM, è possibile
configurare il Servizio asincrono per disporre delle seguenti funzionalità.
• La selezione del Servizio asincrono e dei ruoli server del servizio di integrazione e-mail consente
l'installazione del Servizio di elaborazione asincrona che verrà configurato per elaborare gli eventi
asincroni e le e-mail, gli account, i contatti e le attività usando la sincronizzazione lato server.
• Se si seleziona solo il ruolo server del Servizio asincrono si installa il servizio di elaborazione
asincrona che verrà configurato per elaborare solo gli eventi asincroni.
• Se si seleziona solo il ruolo server del Servizio di integrazione e-mail, si installa il servizio
asincronia che verrà configurato per elaborare solo le e-mail, gli account, i contatti e le attività
usando la sincronizzazione lato server.
Date queste opzioni, è possibile separare gli eventi asincroni dalla sincronizzazione lato server per
ottimizzare le prestazioni di sistema di Dynamics 365 e semplificare il monitoraggio.

Requisiti per i ruoli server di Microsoft Dynamics 365


Nella tabella seguente sono descritti i componenti necessari per ogni ruolo Server Microsoft Dynamics
365.Una "X" indica che il componente è necessario per l'installazione e il funzionamento del ruolo
Server Microsoft Dynamics 365.Nella maggior parte dei casi, se un componente non è già installato,
verrà installato automaticamente dall'Installazione di Server Microsoft Dynamics 365.

Prerequisiti per i ruoli server del Microsoft Dynamics 365


Componente Server back-end Server front-end Server di amministrazione
della distribuzione

Controllo ReportViewer di X
Microsoft SQL Server
Reporting Services
SQL Server Native Client X X X
Strumento Segnalazione X X X
errori applicazioni
Microsoft
Libreria di runtime di X X X
Microsoft Visual C++
Ruolo server Web di X X
Windows Server

81
Componente Server back-end Server front-end Server di amministrazione
della distribuzione

Servizio di indicizzazione X

Microsoft .NET X X X
Framework 4
Microsoft Chart Controls X
per Microsoft .NET
Framework
SDK della piattaforma X X X
Microsoft Azure
Windows PowerShell X

Microsoft URL Rewrite X


Module per IIS
Gestione risorse file X
server

Nella seguente tabella è descritta l'appartenenza ai gruppi per Active Directory utilizzato da Microsoft
Dynamics 365.Una “X” indica l'appartenenza ai gruppi necessaria per il funzionamento del servizio.

Requisiti per l'appartenenza ai gruppi


Servizio PrivUserGroup SQLAccessGroup PrivReportingGroup ReportingGroup

Account del Servizio X X


Web di distribuzione
Servizio Applicazione X X
Web*
Account del Servizio X X
asincronia
Account del Servizio di
elaborazione in
modalità sandbox**
Account di servizio X
SQL Server
Account di servizio X X
Microsoft SQL Server
Reporting Services
Account di servizio del X
Router e-mail
Utente per X
l'installazione/Account
di servizio

82
Servizio PrivUserGroup SQLAccessGroup PrivReportingGroup ReportingGroup

Singoli account utente X


in Microsoft Dynamics
365
Account di servizio del X
Servizio
decompressione
Account di servizio X X
VSS writer di Microsoft
Dynamics 365

* L'identità del servizio Applicazione Web viene applicata al pool di applicazioni CRMAppPool.Questa
identità viene quindi utilizzata da Servizio organizzazione e Applicazione Web e la piattaforma Microsoft
Dynamics CRM.
** Il servizio sandbox non necessita di alcuna appartenenza ai gruppi di Microsoft Dynamics 365.

Nota
Il Router e-mail viene eseguito come sistema locale.

Importante
• L'utente per l'installazione deve essere un account di servizio distinto, ma non deve essere
utilizzato per l'esecuzione di alcun servizio.
• Se eventuali account di servizio vengono creati come utenti in Microsoft Dynamics 365, possono
verificarsi diversi problemi, inclusi potenziali problemi di sicurezza.

Vedere anche
Distribuzione con più server Microsoft Dynamics 365
Supporto per le topologie a più server Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Supporto per le topologie a più server Microsoft


Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
In questa sezione vengono illustrati alcuni esempi di topologie a più server.

83
In questo argomento
Topologia con cinque server
Topologia di Active Directory con più foreste e più domini

Topologia con cinque server


La topologia con cinque server è per basi di utenti di piccole e medie dimensioni, in genere 25 o meno
utenti che utilizzano contemporaneamente Microsoft Dynamics 365.Nell'esempio seguente viene
illustrata una possibile configurazione con una versione supportata di Windows Server e tecnologie
software obbligatorie e facoltative.Include inoltre una distribuzione completa di Server Microsoft
Dynamics 365 configurato per una distribuzione con connessione Internet (IFD).Per un elenco
completo delle versioni supportate delle tecnologie obbligatorie e facoltative, vedereRequisiti software
per il Server Microsoft Dynamics 365
Una topologia di distribuzione con cinque server può presentare la configurazione seguente:
• Server 1: esecuzione in Microsoft Windows Server come controller di dominio funzionante.
• Server 2: in esecuzione su Windows Server come controller di dominio e server Active Directory
Federation Services (ADFS).
• Server 3: in esecuzione su Windows Server con IIS e il proxy Active Directory Federation Services
(ADFS).
• Server 4: in esecuzione su Windows Server con un'istanza di Microsoft SQL Server che include il
motore di database, Microsoft SQL Server Reporting Services e Estensioni di report di Microsoft
Dynamics 365.
• Server 5: in esecuzione su Windows Server, IIS e una distribuzione completa di Server Microsoft
Dynamics 365 configurato per Distribuzione con connessione Internet.
• CRMWebClient, CRMforOutlook, tablet e dispositivi telefonici: questi computer e dispositivi sono
applicazioni in esecuzione disponibili, che si connettono da internet o dalla rete basata su LAN, ad
esempio Dynamics 365 per Outlook, Microsoft Dynamics 365 per tablet e Microsoft Dynamics 365
per telefoni.

84
Esempio di topologia base con cinque server Microsoft Dynamics 365 con accesso a Internet

Topologia di Active Directory con più foreste e più


domini
Per basi di utenti molto grandi che occupano più domini e, in alcuni casi, più foreste, è indicata la
configurazione seguente.Nell'esempio seguente viene illustrata una possibile configurazione con una
versione particolare di Windows Server e un software richiesto, ad esempio SQL Server e Microsoft
SharePoint.
Nel testo e nel diagramma seguente è illustrata una distribuzione che consente agli utenti di accedere a
Microsoft Dynamics 365 tramite Internet grazie all'implementazione della federazione Active Directory
Federation Services (ADFS) supportata da ruoli server Server front-end isolati dai domini degli utenti e
delle risorse in un modello di rete perimetrale (detta anche DMZ).

85
Per un elenco completo delle versioni supportate di queste tecnologie software, vedereRequisiti
software per il Server Microsoft Dynamics 365
Foresta X: Dominio A: Elemento di perimetro
• Il Server virtuale con bilanciamento del carico di rete è costituito da due nodi seguenti:
• Server front-end: che esegue Windows Server e Server Microsoft Dynamics 365 con il ruolo
Server front-end.
• Server front-end: un altro Windows Server che esegue Server Microsoft Dynamics 365 con il
ruolo Server front-end.

Nota
Per utilizzare Server Microsoft Dynamics 365 con NLB è necessaria la configurazione manuale.

• Server Active Directory Federation Services (ADFS): in esecuzione su Windows Server come
servizio token di sicurezza dell'autenticazione basata sulle attestazioni con connessione Internet.
Foresta X: Dominio A: Intranet
• Il Server virtuale NLB è costituito da due nodi seguenti:
• Windows Server, Microsoft SQL Server Reporting Services e Estensioni di report di Microsoft
Dynamics 365 per SQL Server Reporting Services (Server X).
• Windows Server, Microsoft SQL Server Reporting Services e Estensioni di report di Microsoft
Dynamics 365 per SQL Server Reporting Services (Server Y).
• Il Server virtuale NLB è costituito dai nodi seguenti:
• Server front-end e Server di amministrazione della distribuzione: esecuzione di Windows
Server e Server Microsoft Dynamics 365 con ruoli Server di amministrazione della distribuzione
e Server front-end.
• Server front-end e Server di amministrazione della distribuzione: un altro Windows Server che
esegue Server Microsoft Dynamics 365 con ruoli Server di amministrazione della distribuzione
e Server front-end.

Nota
Per utilizzare Server Microsoft Dynamics 365 con NLB è necessaria la configurazione manuale.

• Cluster di failover di Microsoft SQL Server che esegue i due nodi seguenti:
• Windows Server, motore di database di SQL Server (Server X).
• Windows Server, motore di database di SQL Server (Server Y).

Nota
Per utilizzare Server Microsoft Dynamics 365 con il cluster del failover di SQL Server è necessaria la
configurazione manuale.Ulteriori informazioni:Impostare i database di configurazione e
dell'organizzazione per il failover di SQL Server AlwaysOn

86
• Windows Server che esegue il ruolo server di Servizio asincrono.
• Windows Server che esegue il ruolo server di Servizio di elaborazione in modalità sandbox.
• Windows Server che esegue il ruolo Windows Server di Active Directory Federation Services
(ADFS).
• Windows Server che esegue Microsoft SharePoint (richiesto per la gestione del documento).
Foresta Y: Dominio B: Intranet
• Cluster di failover di Exchange Server costituito dai due nodi seguenti:
• Windows Server che esegue Exchange Server (Server X).
• Windows Server che esegue Exchange Server (Server Y).

Più foreste con esempio della topologia di Microsoft Dynamics 365 con accesso a Internet

87
Vedere anche
Distribuzione con più server Microsoft Dynamics 365
Pianificare l'aggiornamento a Microsoft Dynamics CRM 2016 Server

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Pianificare l'aggiornamento a Microsoft


Dynamics CRM 2016 Server
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
L'unico percorso di aggiornamento a Server Microsoft Dynamics 365 supportato è da Server Microsoft
Dynamics CRM 2015Server Microsoft Dynamics CRM 2016, con successiva applicazione di Service
Pack di dicembre 2016 per Microsoft Dynamics 365 (locale).Per ulteriori informazioni su Service Pack
di dicembre 2016 per Microsoft Dynamics 365 (locale), vediChe cosa è Dynamics 365 e come si
ottiene?
In questa sezione sono disponibili linee guida per la preparazione di un aggiornamento a Server
Microsoft Dynamics CRM 2016.L'esecuzione preliminare di queste attività consente di ridurre al minimo
il tempo di inattività del sistema e di garantire la corretta esecuzione dell'aggiornamento.In questa
sezione viene inoltre descritta la modalità di aggiornamento del sistema corrente da parte di Server
Microsoft Dynamics CRM 2016 e le conseguenze su elementi già esistenti, ad esempio i report, le
personalizzazioni e le soluzioni.
I ruoli server di Microsoft Dynamics CRM 2015 non sono compatibili con la distribuzione di Server
Microsoft Dynamics CRM 2016.Pertanto, una volta aggiornato il primo server, gli altri server Microsoft
Dynamics CRM 2015 in esecuzione nella distribuzione verranno disabilitati.Ciascun server verrà
abilitato in seguito al relativo aggiornamento.
È possibile eseguire l'aggiornamento dei ruoli server di Microsoft Dynamics CRM 2015 in qualsiasi
ordine.Tuttavia, per il corretto funzionamento della distribuzione di Server Microsoft Dynamics CRM
2016, è necessario che siano aggiornati tutti i server e i ruoli server.

In questo argomento
Passaggi consigliati per l'aggiornamento
Opzioni di aggiornamento di Microsoft Dynamics Server
Versioni del server Microsoft Dynamics supportate per l'aggiornamento
Aggiornare il codice Product Key
Autorizzazioni e privilegi degli utenti
Condivisione di SQL Server
Suggerimenti per eseguire correttamente l'aggiornamento
Passaggi successivi

88
Passaggi consigliati per l'aggiornamento
Per semplificare il processo di aggiornamento e per ridurre al minimo i tempi di inattività, è consigliabile
seguire i passaggi nell'ordine indicato dopo l'aggiornamento di Server Microsoft Dynamics CRM 2015.
1. Sebbene sia possibile aggiornare qualsiasi versione di Dynamics CRM 2015 per Outlook a
Microsoft Dynamics 365 per Outlook, è consigliabile applicare l'aggiornamento più recente prima di
iniziare l'aggiornamento.Aggiornamenti e aggiornamenti rapidi di Microsoft Dynamics CRM 2015
2. Aggiornare tutti i server e le organizzazioni di Microsoft Dynamics CRM 2015 a Server Microsoft
Dynamics CRM 2016.
3. Aggiornare Dynamics 365 per Outlook a Microsoft Dynamics 365 per Outlook per disporre della
funzionalità diattivazione della modalità offline

Opzioni di aggiornamento di Microsoft Dynamics


Server
Sono disponibili tre opzioni di aggiornamento:
• .Migrazione mediante una nuova istanza di SQL ServerÈ consigliabile utilizzare questa opzione
per l'aggiornamento di Server Microsoft Dynamics CRM 2015.Anche se questo tipo di
aggiornamento richiede un computer differente per Microsoft Dynamics CRM e un'altra istanza di
SQL Server, consente di ridurre al minimo l'eventuale tempo di inattività per gli utenti poiché la
distribuzione esistente può rimanere in funzione fino al completamento e alla verifica
dell'aggiornamento.
• Questo metodo richiede l'utilizzo di un altro computer per Server Microsoft Dynamics CRM 2016,
ma consente di eseguire l'aggiornamento sul posto del database di configurazione e del database
dell'organizzazione predefinito mediante la stessa istanza di SQL Server.Eseguire la migrazione
mediante la stessa istanza di SQL Server.Se si verificano problemi durante l'aggiornamento,
sarà necessario ripristinare la versione precedente di per evitare tempi di inattività significativi.
• .Aggiornamento sul postoAnche se questo metodo non richiede l'utilizzo di un altro computer per
il Server Microsoft Dynamics CRM 2016 o di un'altra istanza di SQL Server, potrebbe risultare il più
rischioso nel caso si verificassero problemi durante l'aggiornamento poiché richiederebbe il
ripristino e la reinstallazione della versione precedente di Microsoft Dynamics CRM per evitare
eventuali tempi di inattività.
Per procedure dettagliate relative a ognuna di queste opzioni, vedereAggiornare un Server Microsoft
Dynamics CRM
Per informazioni aggiornate sul prodotto, vedere ilfile Leggimi di Microsoft Dynamics CRM 2016 e di
Microsoft Dynamics CRM Online

Importante
Eseguire sempre un backup completo dei database di Microsoft Dynamics 365 prima di eseguire
l'aggiornamento a una nuova versione del prodotto.Per ulteriori informazioni sui backup dei database,
vedereEseguire il backup del sistema Microsoft Dynamics 365
Durante un aggiornamento sul posto, solo l'organizzazione specificata per l'aggiornamento viene

89
aggiornata.Se la distribuzione include altre organizzazioni, queste verranno disabilitate e la relativa
versione non verrà aggiornata.Tali organizzazioni vanno aggiornate utilizzando il comando Import-
CrmOrganizationWindows PowerShell o utilizzando Gestione distribuzione.Ulteriori
informazioni:L'argomento a cui si fa riferimento fda07fd1-42d2-47b1-aecf-ed3dc4ab35d3 è disponibile
solo online.Importa organizzazione
Per ogni organizzazione da aggiornare, è consigliabile disporre di uno spazio libero sul volume pari
almeno a tre volte le dimensioni del file del database dell'organizzazione
(organizationName_MSCRM.mdf) e a quattro volte le dimensioni del file di registro
(organizationName_MSCRM.ldf).Ad esempio, se un file di database e il file di registro di
un'organizzazione si trovano nello stesso volume dove le dimensioni del file mdf sono di 326 MB e
quelle del file ldf sono di 56 MB, lo spazio disponibile deve essere di almeno 1,2 GB per consentire la
crescita ((326 x 3) + (56 x 4)).Si noti che le dimensioni dei file di database, che si espandono durante
l'aggiornamento, non si riducono una volta completato l'aggiornamento.

Versioni del server Microsoft Dynamics supportate


per l'aggiornamento
Server Microsoft Dynamics CRM 2015 è supportato per l'aggiornamento Server Microsoft Dynamics
CRM 2016.
Per informazioni sull'aggiornamento da Server Microsoft Dynamics CRM 2013 e Server Microsoft
Dynamics CRM 2011, vediAggiornamento da Dynamics CRM Server 2013 o Dynamics Server 2011

Aggiornare il codice Product Key


Prima di procedere all'aggiornamento, è necessario avere a disposizione il codice Product Key che
dovrà essere immesso durante l'installazione.In Microsoft Dynamics 365, i codici per il server e il client
sono riuniti ed è pertanto richiesta l'immissione di un solo codice.
Ulteriori informazioni: Edizioni e licenze di Microsoft Dynamics 365
Se si desidera apportare modifiche di sistema che richiedono variazioni al contratto di licenza esistente
di Microsoft Dynamics 365, vedereCome acquistare Microsoft Dynamics

Autorizzazioni e privilegi degli utenti


Per eseguire correttamente l'aggiornamento, l'utente che esegue il programma di installazione di
Microsoft Dynamics CRM deve:
• Disporre di un account nello stesso dominio di Active Directory del server o dei server da
aggiornare.
• Essere un membro del ruolo di Amministratori distribuzione e di Ruolo di amministratore di sistema
di Microsoft Dynamics 365 per le organizzazioni che verranno aggiornate.

Importante
L'aggiornamento genererà un errore se l'utente che esegue l'aggiornamento ha un Ruolo di
amministratore di sistema disabilitato.

90
• Disporre dei diritti di amministratore per i server SQL Server e Reporting Services associati alla
distribuzione in fase di aggiornamento.
• Disporre delle autorizzazioni sufficienti per la creazione di nuovi gruppi di sicurezza e l'aggiunta di
membri a quei gruppi nell'unità organizzativa di Active Directory contenente i gruppi di Microsoft
Dynamics CRM esistenti.

Condivisione di SQL Server


È supportata una sola distribuzione di Microsoft Dynamics 365 per ogni istanza di SQL Server,Ciò è
dovuto al fatto che ogni distribuzione richiede il proprio database MSCRM_CONFIG e più istanze del
database MSCRM_CONFIG non possono coesistere nella stessa istanza di SQL Server.In presenza di
più istanze di SQL Server in esecuzione nello stesso computer, è possibile ospitare i database per più
distribuzioni di Microsoft Dynamics 365 nello stesso computer.Ciò potrebbe tuttavia influire
negativamente sulle prestazioni del sistema.

Suggerimenti per eseguire correttamente


l'aggiornamento
I problemi indicati di seguito, se si verificano nella distribuzione corrente di Microsoft Dynamics CRM
2015, devono essere risolti prima di iniziare l'aggiornamento.

Non superare il numero massimo di campi


Se sono stati definiti più di 1023 campi per un'entità, prima di eseguire l'aggiornamento è necessario
eliminare gli attributi eccedenti il limite. In caso contrario, l'aggiornamento genererà un errore e
visualizzerà il messaggio indicato di seguito:
Comando CREATE VIEW non riuscito. La colonna'nome_colonna''nome_vista'

Rimuovere oggetti di database personalizzati


A causa di riprogettazioni, i database di Microsoft Dynamics 365 passano spesso da una versione
principale alla successiva.
Se sono stati aggiunti oggetti di database personalizzati, ad esempio trigger, statistiche, stored
procedure e determinati indici, è consigliabile rimuoverli dai database di configurazione e
dell'organizzazione.In molti casi, quando questi oggetti vengono rilevati dal programma di
Configurazione, viene visualizzato un avviso.

Rimuovere la sottochiave del Registro di sistema IgnoreChecks


Se nel server Server Microsoft Dynamics CRM 2015 è stata aggiunta manualmente la sottochiave del
Registro di sistema ignorechecks, rimuoverla prima di iniziare l'aggiornamento.Ulteriori
informazioni:Non è possibile distribuire Microsoft Dynamics CRM utilizzando un account che dispone
delle autorizzazioni di amministratore locale per Microsoft SQL Server

Passaggi successivi
Ulteriori informazioni sull'aggiornamento sono disponibili negli argomenti seguenti:

91
• Problemi e considerazioni prima di eseguire l'aggiornamento
• Aggiornare la distribuzione di Microsoft Dynamics
• L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/hh699711(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.

Vedere anche
Configurazioni supportate di Microsoft Dynamics 365
Opzioni di distribuzione avanzate per il server Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Problemi e considerazioni prima di eseguire


l'aggiornamento
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Questo argomento descrive le modifiche e le limitazioni durante l'aggiornamento a Microsoft Dynamics
CRM 2016 e ciò che potrebbe interessare la distribuzione al termine dell'aggiornamento.

Aggiornamento da Microsoft Dynamics CRM 2015 a


Microsoft Dynamics CRM 2016
Modifiche alle tecnologie e ai prodotti supportati
Software e componenti di Microsoft Dynamics 2015 non supportati per l'aggiornamento sul posto

Modifiche alle tecnologie e ai prodotti supportati


Per le modifiche della tecnologia di piattaforma, vedere i seguenti argomenti.
• Sistema operativo Windows Server
• Edizioni di SQL Server
• L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/hh699710(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
• L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/hh699689(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.

Software e componenti di Microsoft Dynamics 2015 non supportati


per l'aggiornamento sul posto
I prodotti e i componenti indicati di seguito non sono supportati con Microsoft Dynamics CRM 2016 e
non verranno aggiornati durante l'installazione.Se esegui l'aggiornamento di un sistema Microsoft
Dynamics CRM 2015 che include il prodotto o il componente elencato o installi questi componenti dopo

92
aver installato Microsoft Dynamics CRM 2016, questi prodotti o soluzioni potrebbero non funzionare
correttamente.È consigliabile disinstallare o rimuovere manualmente il componente prima di eseguire
l'aggiornamento.
• Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM 2015 (solo locale)
• Router di posta elettronica per Microsoft Dynamics CRM 2015
• Componente Elenco di Microsoft Dynamics CRM per SharePoint Server

Aggiornamento dalle versioni precedenti di Microsoft


Dynamics CRM
Microsoft Dynamics CRM 2013 e Microsoft Dynamics CRM 2011 non sono supportati per
l'aggiornamento a Microsoft Dynamics CRM 2016.Tuttavia, puoi eseguire la migrazione o
l'aggiornamento sul posto di Server Microsoft Dynamics CRM 2013 SP1 a Server Microsoft Dynamics
CRM 2015 usando un codice Product Key di prova, quindi eseguire la migrazione o l'aggiornamento sul
posto a Server Microsoft Dynamics CRM 2016.Ulteriori informazioni:Aggiornamento da Dynamics CRM
Server 2013 o Dynamics Server 2011

Vedere anche
Pianificare l'aggiornamento a Microsoft Dynamics CRM 2016 Server
Aggiornare la distribuzione di Microsoft Dynamics

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Aggiornare la distribuzione di Microsoft


Dynamics
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Microsoft Dynamics CRM 2016 presenta un significativo miglioramento delle caratteristiche e
funzionalità rispetto alla versione precedente.Pertanto, le funzionalità, le soluzioni e le estensioni
esistenti potrebbero essere compromesse a seguito dell'aggiornamento.In questo argomento viene
fornito un processo basato su procedure consigliate per ridurre il tempo di inattività e determinare
contemporaneamente i problemi che potrebbero verificarsi in conseguenza dell'aggiornamento.

In questo argomento
Processo di aggiornamento
Prepararsi all'aggiornamento
Definire l'ambiente di prova
Aggiornare e convalidare l'ambiente di prova
Come procedere in caso di installazione o migrazione non riuscita?

93
Processo di aggiornamento
Esistono due ambienti distinti nel processo di aggiornamento:
• .Ambiente di provaL'ambiente di prova rappresenta una distribuzione limitata di Microsoft
Dynamics CRM utilizzata per convalidare l'aggiornamento.L'ambiente di prova deve rispecchiare
l'ambiente di produzione il più rigorosamente possibile, con similarità sostanziali a livello di
hardware (processore, disco, memoria e così via), di piattaforma tecnologica (Windows Server,
SQL Server e così via), di topologia (1 server, 2 server, 5 server e così via) e di database di
Microsoft Dynamics CRM.Per creare un ambiente di prova appropriato, può essere necessario
configurare il clustering o il bilanciamento del carico di rete di Windows, installare e configurare
componenti e applicazioni di Microsoft Dynamics CRM, ad esempio Router e-mail, flussi di lavoro,
personalizzazioni e connettori nonché installare eventuali i componenti aggiuntivi, plug-in, o
soluzioni specifiche della distribuzione.La definizione di un ambiente di prova eseguito e
configurato interamente o in parte utilizzando una tecnologia di virtualizzazione come Windows
ServerHyper-V può agevolare ampiamente questo processo.In questo ambiente di prova
l'amministratore esegue l'aggiornamento, ottimizza le prestazioni, può introdurre codice aggiornato
e verifica che il sistema venga eseguito correttamente.
• .Distribuzione di produzioneRappresenta la distribuzione di Microsoft Dynamics CRM utilizzata
da tutti gli utenti di Microsoft Dynamics CRM nell'organizzazione.Nella distribuzione di produzione
viene eseguito l'aggiornamento e l'amministratore può utilizzare strategie che ottimizzino le
prestazioni dell'aggiornamento.L'amministratore dell'aggiornamento può spostare il codice
aggiornato dall'ambiente di sviluppo o di prova nell'ambiente di produzione.L'amministratore porta
quindi online l'ambiente di produzione, convalida la corretta esecuzione del sistema e distribuisce
Microsoft Dynamics CRM 2016 per Outlook per gli utenti secondo le esigenze.

Prepararsi all'aggiornamento
Accertarsi di disporre di personale, risorse e tempo sufficienti da dedicare all'aggiornamento.In questa
fase è necessario determinare chi sarà coinvolto nell'aggiornamento, designare l'hardware e il software
della distribuzione di prova che verranno utilizzati per convalidare l'aggiornamento e pianificare in
funzione di errori potenziali.
È inoltre opportuno valutare se l'ambiente di produzione corrente è idoneo per l'aggiornamento.A tale
scopo è necessario esaminare la documentazione di Microsoft Dynamics 365 più recente.
• Requisiti di sistema e tecnologie necessarie di Microsoft Dynamics 365
• File Leggimi di Microsoft Dynamics CRM 2016 e Microsoft Dynamics CRM Online
• Preparati per la prossima versione
Inoltre, è necessario determinare i criteri di accettazione che verranno utilizzati per decidere se
procedere con l'aggiornamento dell'ambiente di produzione.

Suggerimento
Microsoft Dynamics Sure Step viene offerto ai partner di Microsoft Dynamics per consentire di ridurre i
rischi e svolgere senza problemi le attività associate alla distribuzione e configurazione delle soluzioni
Microsoft Dynamics.Per ulteriori informazioni su Microsoft Dynamics Sure Step, inclusi formazione,

94
metodologia e download di strumenti, visita il sito WebWeb PartnerSource

Determinare la strategia di aggiornamento


Per determinare la strategia di aggiornamento, è necessario rispondere alle domande seguenti:
• Cosa verrà aggiornato?L'aggiornamento del server Microsoft Dynamics CRM può richiedere
l'aggiornamento dei componenti della piattaforma, ad esempio Windows Server o SQL
Server.Richiederà inoltre che vengano aggiornate altre applicazioni o soluzioni di Microsoft
Dynamics CRM, ad esempio Microsoft Dynamics CRM 2016 per Outlook e Unified Service Desk.
• Quando?Qual è la tempistica per l'aggiornamento?
• Come?Ad esempio, l'aggiornamento verrà effettuato sul posto o si eseguirà la migrazione a nuovo
hardware prima di procedere all'aggiornamento?Questo passaggio dovrebbe includere anche la
modalità di implementazione dell'aggiornamento.Chi convaliderà aggiornamento?Si procederà a
un'implementazione pilota o per fasi?In base al risultato dell'aggiornamento di prova potrebbe
essere necessario modificare o attenuare la strategia ed eseguire azioni correttive per assicurare la
funzionalità.Ad esempio, se alcuni flussi di lavoro non possono essere aggiornati, è necessario
prevedere un piano per ricreare i flussi di lavoro e verificarli.
Pianificare in funzione di errori, backup e ripristino
Alcuni componenti, ad esempio i report personalizzati, flussi di lavoro, JavaScript personalizzato o
estensioni di terze parti, potrebbero impedire il completamento dell'aggiornamento o causare un
funzionamento non corretto.Questi elementi dovranno essere documentati e per ogni problema dovrà
essere definito un piano di emergenza.Inoltre, potrebbe essere necessario rimuovere JavaScript
personalizzato ed estensioni di terze parti prima dell'aggiornamento.
Pertanto, è necessario essere pronti a eseguire rapidamente e completamente il rollback del
sistema.Per poter ripristinare il sistema da qualsiasi scenario, è necessario creare copie di backup di
tutte le informazioni richieste e conservare tali copie in un'altra sede.È necessario creare un piano di
backup e provare a implementarlo per tutti i componenti e i servizi di Microsoft Dynamics CRM per
essere certi che in caso di errore sarà possibile recuperare la massima quantità di dati.Per
comprendere le procedure del ripristino in caso di errore, è necessario esaminare molti scenari diversi
e analizzare le modalità di ripristino specifiche dei singoli casi.
Per ulteriori informazioni su come eseguire il backup e il ripristino dei dati di Microsoft Dynamics CRM,
vedereProtezione e ripristino dei dati di Microsoft Dynamics 365
Verificare la documentazione appropriata relativa a pianificazione e prerequisiti
La documentazione del prodotto è fondamentale per definire la quantità di preparazione necessaria
prima di eseguire l'aggiornamento.La documentazione da esaminare deve includere:
• File Leggimi di Microsoft Dynamics CRM 2016 e Microsoft Dynamics CRM Online
• Questo documento eInstallazione di Dynamics 365 localeDi importanza particolare sono gli
argomentiPianificare l'aggiornamento a Microsoft Dynamics CRM 2016 ServerRequisiti di sistema e
tecnologie necessarie di Microsoft Dynamics 365Configurazioni supportate di Microsoft Dynamics
365
• Inoltre, se prevedi di installare componenti aggiuntivi, ad esempio Dynamics 365 per Outlook o
Router e-mail per Microsoft Dynamics CRM, esaminare gli argomenti seguenti:
• L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn832060(CRM.8).aspx
è disponibile solo online.

95
• L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn832137(CRM.8).aspx
è disponibile solo online.
Accertarsi di disporre delle tecnologie più recenti
Per conseguire i migliori risultati, accertarsi di avere applicato i service pack e gli aggiornamenti
cumulativi più recenti non solo per Microsoft Dynamics CRM, ma anche per altre tecnologie dipendenti,
ad esempio Windows Server, SQL Server e Exchange Server.
Definire un piano di aggiornamento e gli elenchi di controllo
In questa attività si determinerà come valutare la funzionalità complessiva e il livello di preparazione per
la produzione dell'ambiente aggiornato.Lo scopo di queste attività consiste nel convalidare un sistema
completamente operativo e pronto per la produzione che possa essere distribuito alla base di utenti.
Utilizzare i passaggi seguenti come elenco di controllo delle attività richieste prima dell'aggiornamento
di produzione o la messa in funzione del sistema.
Verificare che il sistema sia funzionante dopo l'aggiornamento eseguendo questi test di base:
• Controllare i file di registro del programma di installazione per individuare eventuali problemi che
potrebbero essersi verificati durante l'aggiornamento.Per impostazione predefinita, il programma di
installazione crea questi file nella cartella C:\Documents and Settings\<nomeutente>
• Controllare i file di registro del Visualizzatore eventi.Gli eventi di Microsoft Dynamics CRM sono
registrati in diverse origini che iniziano conMSCRM
• Esegui i comandi Microsoft Dynamics 365Windows PowerShell per verificare quali server e
organizzazioni aggiornate sono abilitate.Ulteriori informazioni:Amministrare la distribuzione
utilizzando Windows PowerShell
In alternativa, avvia Gestione distribuzione e verificare che tutti i server Microsoft Dynamics CRM e
le organizzazioni aggiornate siano abilitate.A seconda è stata effettuata la migrazione o sia stato
eseguito un aggiornamento sul posto, altre organizzazioni di vengono aggiornate utilizzando
l'Importazione guidata organizzazione o l'Aggiornamento guidato organizzazione in Gestione
distribuzione.
• Avviare Internet Explorer e connettersi al server Microsoft Dynamics CRM.Dopo aver eseguito le
attività precedenti, eseguire un test di accettazione utente.Di seguito viene fornito un esempio di
alcune funzionalità da verificare in un'organizzazione tipica:
• Convalidare i report con quelli della versione precedente.
• Stampare i report in Microsoft Dynamics CRM.
• Convalidare i dati applicabili nel sistema Microsoft Dynamics CRM, ad esempio creazione,
modifica, eliminazione e promozione/conversione di record perle entità seguenti:
• Account
• Contatti
• Opportunità
• Casi
• Impegni
• Entità personalizzate
• Verificare i flussi di lavoro con quelli precedenti.Aggiornare tutti gli elementi del flusso di lavoro
interessati dalle modifiche della configurazione o del modello di dati.

96
• Verificare tutto il codice personalizzato, JavaScript e i report personalizzati (se necessario).
• Verificare tutti i processi di integrazione (se necessario).
• Verificare l'accesso e le funzionalità dell'app per dispositivi mobili e del client remoto.
• Verificare le applicazioni o le estensioni di terze parti.

Definire l'ambiente di prova


È consigliabile pianificare di eseguire almeno un aggiornamento di prova prima di procedere
all'aggiornamento dell'ambiente di produzione.Dopo aver eseguito un aggiornamento di prova,
verificare la configurazione del prodotto eseguendo le normali operazioni utilizzate in ambiente di
produzione.Nel caso di un'organizzazione dedicata al servizio clienti, ad esempio, è possibile creare un
impegno di posta elettronica correlato a un caso e quindi verificare il funzionamento tramite l'invio di un
messaggio di posta elettronica di prova che contiene testo da un caso esistente.Se vengono generati
errori durante l'utilizzo di Microsoft Dynamics CRM in un ambiente di prova, assicurarsi di risolverli
prima di procedere all'aggiornamento dell'ambiente di produzione.

Suggerimento
Il software di una macchina virtuale, ad esempio Windows ServerHyper-V, può semplificare il momento
della distribuzione per definire l'ambiente di prova, nonché limitare la quantità di risorse hardware
necessarie per emulare la distribuzione di produzione.

Determinare quali computer verranno utilizzati oppure, se si utilizza la tecnologia di una macchina
virtuale, quale macchina virtuale verrà utilizzata.
Eseguire la migrazione utilizzando una nuova istanza di SQL Server
È consigliabile utilizzare questa opzione di aggiornamento perché consente di mantenere una
distribuzione della versione precedente mentre viene distribuito un nuovo sistema Microsoft Dynamics
CRM.In questo modo è possibile ridurre il tempo di inattività durante l'installazione della nuova
distribuzione, l'importazione delle organizzazioni e la relativa verifica senza incidere sulla distribuzione
di produzione di in caso problemi.

Importante
L'opzioneEseguire la migrazione utilizzando una nuova istanza di SQL Server

1. Definire una nuova istanza di SQL Server.È possibile utilizzare un'istanza esistente, ma non deve
essere la stessa istanza in cui si trova il database di configurazione della versione precedente.
2. Esegui il programma di installazione di Microsoft Dynamics CRM Server in un nuovo computer a 64
bit in cui è già installato Microsoft Dynamics CRM Server.
3. Eseguire il backup della configurazione di produzione di Microsoft Dynamics CRM e dei database
dell'organizzazione e ripristinarli nella nuova istanza di SQL Server.
4. Esegui il comando Windows PowerShell Import-CrmOrganization o Importazione guidata
organizzazione per importare una o più organizzazioni nel sistema appena installato.Durante
l'importazione, il database dell'organizzazione verrà aggiornato alla nuova versione.

97
5. Se sono presenti organizzazioni aggiuntive o se si sta utilizzando una nuova istanza di SQL Server
per la migrazione, è necessario importare i database dell'organizzazione nel nuovo sistema.A tale
scopo, nel computer in cui è installata e in esecuzione una nuova versione di Microsoft Dynamics
CRM Server, esegui il comando Windows PowerShell Import-CrmOrganization.In alternativa, avvia
Microsoft Dynamics CRMGestione distribuzione, fai clic con il pulsante destro del mouse
suOrganizzazioniImporta organizzazioneOrganizationName
6. Se sono state apportate personalizzazioni agli assembly .NET o ai file di configurazione, è
necessario copiare tali file personalizzati nel nuovo sistema.Per impostazione predefinita, questi file
si trovano nella cartella<drive>

Aggiornare e convalidare l'ambiente di prova


Verifica la stabilità e il funzionamento dell'ambiente appena aggiornato.Ciò comprende disporre di un
gruppo ristretto di utenti che si connette tramite l'applicazione Web Microsoft Dynamics CRM e utilizza
il sistema per eseguire tutte le normali attività quotidiane.Assicurati che i flussi di lavoro e i report
funzionino correttamente e verifica che le nuove funzionalità dell'aggiornamento funzionino bene.
Eseguire i criteri di accettazione e gli elenchi di controllo
Eseguire attività citate in precedenza nella nuova distribuzione.In base ai test eseguiti, si deciderà se
implementare o meno l'aggiornamento nell'ambiente di produzione.
Test di accettare utente
Al termine dell'elenco di controllo dei test e dopo aver determinato che la qualità attività rientra in limiti
accettabili, si potrà iniziare la verifica dell'accettazione utente.Ciò interessa un sottoinsieme di tutti gli
utenti e di norma può coinvolgere utenti che assolvono le normali attività quotidiane a fronte del
sistema.Tali utenti segnaleranno eventuali problemi o comportamenti imprevisti al team di
amministrazione di Microsoft Dynamics 365 per le opportune azioni.
Mettere in funzione il sistema
Una volta completato il test di accettazione utente, mettere online il nuovo server Microsoft Dynamics
CRM.Potrebbe essere necessaria la rimozione della versione precedente del server prima di
aggiungere il nuovo Microsoft Dynamics CRM Server al dominio, la configurazione dei binding IIS
affinché vengano utilizzati i medesimi binding del sito Web della versione precedente di Microsoft
Dynamics CRM e l'aggiornamento dei record DNS in modo appropriato per risolvere correttamente il
nuovo sito Web.

Come procedere in caso di installazione o


migrazione non riuscita?
Se, dopo aver seguito le linee guida in questa sezione, non è possibile aggiornare correttamente la
distribuzione di produzione o la migrazione, utilizzare le risorse seguenti per risolvere il problema.
Supporto in autonomia
• Utilizzare il Visualizzatore eventi per visualizzare gli eventi che consentono di risolvere il
problema.Gli eventi di Microsoft Dynamics CRM sono registrati in diverse origini che iniziano
conMSCRM
• Attivare l'analisi della piattaforma.Per istruzioni, vedere gli argomenti relativi all'analisi inMonitorare
e risolvere problemi di Microsoft Dynamics 365

98
• Cercare nella Knowledge Base gli articoli relativi a Microsoft Dynamics 365 nelCentro soluzioni per
Microsoft Dynamics CRM
• VisitareCustomerSourcesito Web PartnerSource
Supporto assistito
Contattare Servizio Supporto Tecnico Clienti Microsoft.Per un elenco completo dei numeri di telefono
del Servizio Supporto Tecnico Clienti Microsoft e per informazioni, visitare la pagina delServizio
Supporto Tecnico Clienti Microsoft

Vedere anche
Pianificare l'aggiornamento a Microsoft Dynamics CRM 2016 Server
Opzioni di distribuzione avanzate per il server Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Opzioni di distribuzione avanzate per il server


Microsoft Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Questo argomento descrive le opzioni di distribuzione avanzate per Server Microsoft Dynamics 365.

Usare un pacchetto locale per aggiornare i file del


programma di installazione
La funzionalità di aggiornamento dell'installazione consente di verificare se si dispone degli
aggiornamenti più recenti di Microsoft Dynamics 365 prima di eseguire il programma di
installazione.Puoi indicare al programma di installazione esattamente dove trovare il pacchetto MSP da
applicare ai file di installazione.In questo modo hai un maggiore controllo sugli aggiornamenti, ad
esempio puoi applicare il pacchetto dell'aggiornamento in locale senza dover disporre di una
connessione Internet.
Per specificare il percorso, devi modificare l'elementoPatchUlteriori informazioni:Utilizzare il prompt dei
comandi per installare Microsoft Dynamics Server 365

Aggiungere o rimuovere ruoli server


Usa uno di questi metodi per aggiungere o rimuovere con facilità i ruoli server:
• Esegui l'Installazione guidata del server Microsoft Dynamics CRM per scegliere uno o più gruppi di
ruoli server oppure uno o più singoli ruoli server.Se il Server Microsoft Dynamics 365 è già
installato, è possibile utilizzare Programmi e funzionalità nel Pannello di controllo per aggiungere o
rimuovere ruoli server.Per ulteriori informazioni, vedereRuoli server di Microsoft Dynamics 365

99
• Configura un file di configurazione XML, quindi esegui il programma di installazione al prompt dei
comandi per scegliere un gruppo di ruoli server o uno o più ruoli server.Per ulteriori informazioni,
vedereInstallare i ruoli server di Microsoft Dynamics CRM usando il prompt dei comandi

Utilizzare Windows PowerShell per eseguire attività


di distribuzione
Con Windows PowerShell puoi eseguire molte attività di distribuzione di Microsoft Dynamics
365.Ulteriori informazioni:Amministrare la distribuzione utilizzando Windows PowerShell

In questa sezione
Configurare una distribuzione con connessione Internet di Microsoft Dynamics 365
Distribuzione con più organizzazioni

Vedere anche
Pianificare l'aggiornamento a Microsoft Dynamics CRM 2016 Server
Installazione di Dynamics 365 locale

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Configurare una distribuzione con connessione


Internet di Microsoft Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
È possibile distribuire Microsoft Dynamics 365 in modo che gli utenti remoti siano in grado di
connettersi all'applicazione tramite Internet.Sono supportate le configurazioni di Distribuzione con
connessione Internet seguenti:
• Microsoft Dynamics 365 solo per gli utenti interni
• Microsoft Dynamics 365 per gli utenti interni e accesso con IFD
• Microsoft Dynamics 365 solo per accesso IFD
La configurazione di una distribuzione con connessione Internet consente l'accesso a Microsoft
Dynamics 365 da Internet, al di fuori del firewall aziendale, senza utilizzare una rete privata virtuale
(VPN).Quando Microsoft Dynamics 365 è configurato per l'accesso Internet, la verifica delle credenziali
degli utenti esterni viene eseguita tramite l'autenticazione basata sulle attestazioni.Quando si configura
Microsoft Dynamics 365 per l'accesso Internet, l'Autenticazione di Windows integrata deve comunque
essere utilizzata per gli utenti interni.
Per consentire agli utenti di accedere all'applicazione tramite Internet, è necessario che il server che
esegue Internet Information Services (IIS) in cui è installata l'applicazione Microsoft Dynamics 365 sia
disponibile tramite Internet.

100
Per ulteriori informazioni, vedereAccesso a Microsoft Dynamics 365 da Internet - Autenticazione basata
sulle attestazioni e requisiti di una distribuzione con connessione Internet

In questo argomento
Informazioni sull'autenticazione basata sulle attestazioni
Procedure consigliate per server con connessione Internet
Configurazione di IFD

Informazioni sull'autenticazione basata sulle


attestazioni
Il modello di sicurezza basato sulle attestazioni estende i modelli di autenticazione tradizionali per
includere altre origini directory contenenti informazioni sugli utenti.Questa federazione delle identità
consente a utenti di varie origini, ad esempio Servizi di dominio Active Directory, clienti tramite Internet
o partner aziendali, di autenticarsi con Single Sign-on nativo.
Il modello basato sulle attestazioni include tre componenti: la relying party, che richiede l'attestazione
per decidere che azioni eseguire, il provider di identità, che fornisce l'attestazione, infine l'utente, che
decide le informazioni che desidera fornire.Microsoft fornisce una soluzione di accesso basato sulle
attestazioni denominata Active Directory Federation Services (ADFS).Tale soluzione abilita Servizi di
dominio Active Directory a fungere da provider di identità nella piattaforma di accesso basata sulle
attestazioni.
ADFS è costituito dai componenti seguenti:
• Il framework di AD FS fornisce agli sviluppatori logica di sicurezza .NET predefinita per la creazione
di applicazioni in grado di riconoscere attestazioni, migliorando così l'applicazione ASP.NET o
WCF.
• Active Directory Federation Services (ADFS) è un servizio token di sicurezza per il rilascio e la
trasformazione di attestazioni, l'abilitazione di federazioni e la gestione dell'accesso utente.Active
Directory Federation Services (ADFS) supporta i protocolli WS-Trust, WS-Federation e SAML
(Security Assertion Markup Language).Active Directory Federation Services (ADFS) può inoltre
rilasciare e gestire schede informazioni per gli utenti del Servizi di dominio Active Directory.
Per ulteriori informazioni su ADFS, vedere:
• (Windows Server 2012)Panoramica di Active Directory Federation Services
• Download di ADFS 2.0 per Windows Server 2008:ADFS 2.0 RTW

Procedure consigliate per server con connessione


Internet
Implementare criteri per l'utilizzo di password complesse
Per ridurre il rischio di "attacchi di forza bruta" è consigliabile implementare criteri per l'utilizzo di
password complesse da parte degli utenti remoti che accedono al dominio in cui è installato Microsoft
Dynamics 365.Per ulteriori informazioni sull'implementazione di criteri per l'utilizzo di password

101
complesse in Windows Server, vedere la pagina relativa allacreazione di criteri per la creazione di
password complesse

Firewall connessione Internet


I sistemi operativi Windows Server correnti forniscono software firewall per evitare connessioni non
autorizzate al server da computer remoti.Per ulteriori informazioni sulla configurazione del firewall per la
connessione Internet per Gestione Internet Information Services (IIS), vedere la Guida di IIS.
Per informazioni su come rendere disponibile un sito Web su Internet, vedere l'argomento relativo alla
risoluzione dei nomi di dominio nella Guida di IIS.

Sicurezza di rete avanzata


Se non disponi di una soluzione proxy e firewall sicura nella rete, è consigliabile usare un accesso
remoto, un server proxy o un firewall dedicato, ad esempio il ruolo del server di accesso remoto di
Windows Server o Windows Firewall con sicurezza avanzata.Per ulteriori informazioni, vediPanoramica
dell'accesso remotoPanoramica di Windows Firewall con sicurezza avanzata

Configurazione di IFD
Come linee guida per la configurazione, utilizzare i passaggi seguenti.

Passaggio 1: Configurare il server Microsoft Dynamics 365 per


l'accesso tramite Internet
È possibile configurare il Server Microsoft Dynamics 365 per l'accesso tramite Internet.A tale scopo,
eseguire la Configurazione guidata autenticazione basata sulle attestazioni, quindi eseguire la
Configurazione guidata distribuzione con connessione Internet nel computer in cui il ruolo per il Server
di amministrazione della distribuzione è installato.Per ulteriori informazioni, vedereConfigurare
l'autenticazione basata sulle attestazioniConfigurare una distribuzione con connessione Internet

Passaggio 2: Configurare Microsoft Dynamics 365 per Outlook per la


connessione al server Microsoft Dynamics 365 tramite Internet
Affinché Microsoft Dynamics 365 per Outlook sia in grado di accedere al Server Microsoft Dynamics
365 tramite Internet, è necessario specificare l'indirizzo Web esterno che verrà utilizzato per accedere
al Server Microsoft Dynamics 365 con connessione Internet.A tale scopo, è necessario installare
Dynamics 365 per Outlook e quindi eseguire la Configurazione guidata.Successivamente, durante la
configurazione, digitare l'indirizzo Web esterno nella casellaIndirizzo Web esternoSe si installano ruoli
server, in questo indirizzo Web deve essere indicata la posizione in cui è installato il ruolo Servizio Web
di individuazione.Per ulteriori informazioni sulla configurazione di Dynamics 365 per Outlook, vedere
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn832060(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
Per la procedura dettagliata per configurare IFD, vedereConfigurare IFD per Microsoft Dynamics 365

102
Vedere anche
Opzioni di distribuzione avanzate per il server Microsoft Dynamics 365
Distribuzione con più organizzazioni

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Distribuzione con più organizzazioni


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Gestione distribuzione è uno snap-in di Microsoft Management Console (MMC) utilizzabile per gestire
organizzazioni, server e licenze per le distribuzioni di Microsoft Dynamics 365.Gestione distribuzione
viene installato con il server completo, Server di amministrazione della distribuzione o i ruoli server
degli strumenti di distribuzione.
Per utilizzare Gestione distribuzione è necessario essere membri del gruppo di amministratori di
distribuzione.Questa appartenenza può essere configurata in Gestione distribuzione.Per impostazione
predefinita, l'utente che esegue Installazione server Microsoft Dynamics CRM viene aggiunto al gruppo
di amministratori di distribuzione.
Nell'areaOrganizzazioniPer ulteriori informazioni sulla gestione delle organizzazioni in Dynamics 365,
vediUsare Gestione distribuzione per gestire la distribuzione
In alternativa, è possibile eseguire attività di distribuzione di Microsoft Dynamics 365, ad esempio
gestione dell'organizzazione, in Windows PowerShell.Ulteriori informazioni:Amministrare la
distribuzione utilizzando Windows PowerShell

Importante
Esistono diversi nomi che non possono essere utilizzati per denominare un'organizzazione.Per
visualizzare un elenco dei nomi riservati, aprire la tabellaReservedNamesReservedName

USE MSCRM_CONFIG SELECT ReservedName FROM ReservedNames

Vedere anche
Opzioni di distribuzione avanzate per il server Microsoft Dynamics 365
Installazione di Dynamics 365 locale

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Accesso facilitato in Microsoft Dynamics 365


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Gli amministratori e gli utenti con responsabilità amministrative utilizzano in genere l'area Impostazioni
dell'applicazione Web Microsoft Dynamics 365 per la gestione di Microsoft Dynamics 365

103
(online).Mouse e tastiera sono gli strumenti con cui gli amministratori interagiscono, in genere, con
l'applicazione.
Gli utenti che non dispongono di un mouse possono utilizzare la tastiera per spostarsi nell'interfaccia
utente e completare azioni.La possibilità di utilizzare la tastiera in questo modo è data dal supporto per
le interazioni da tastiera fornito dal browser.
Per ulteriori informazioni, vedere gli argomenti seguenti sull'accessibilità dell'applicazione Web
Microsoft Dynamics 365:
• Tasti di scelta rapida
• Accesso facilitato per utenti con esigenze particolari
Amministratori e altri utenti con responsabilità amministrative per distribuzioni locali di Microsoft
Dynamics 365 utilizzano anche Gestione distribuzione di Microsoft Dynamics 365, un'applicazione di
Microsoft Management Console (MMC), per la gestione di distribuzioni locali di Server Microsoft
Dynamics 365.
Per ulteriori informazioni, vedere i seguenti argomenti sull'accessibilità di Microsoft Management
Console (MMC):
• Spostamenti all'interno di MMC mediante tastiera e mouse
• Tasti di scelta rapida di MMC

Funzionalità di accessibilità nei browser


Nella tabella seguente sono riportati collegamenti alla documentazione relativa all'accessibilità dei Web
browser.

Browser Documentazione

Internet Explorer Accessibilità in Internet Explorer

Mozilla Firefox Funzionalità di accessibilità in Firefox


Apple Safari Safari
Google Chrome Documentazione tecnica sull'accessibilità

Vedere anche
Centro risorse Microsoft per l'accessibilità
Modificare la sottoscrizione di Microsoft Dynamics CRM Online
Guida e risorse aggiuntive per Microsoft Dynamics CRM Online

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Installazione di Dynamics 365 locale


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016

104
I professionisti IT e gli amministratori Dynamics 365 possono utilizzare le risorse e gli argomenti della
Guida come supporto per l'installazione e la configurazione delle distribuzioni locali di Server Microsoft
Dynamics CRM 2016.

In questa sezione
Installare o aggiornare il server Microsoft Dynamics CRM
Installare o aggiornare i Language Pack
Installa Estensione per la modifica dei report di Microsoft Dynamics CRM
Disinstallare, ripristinare e modificare Microsoft Dynamics 365
Utilizzare il prompt dei comandi per installare Microsoft Dynamics Server 365
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/mt412323(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
Linee guida per le operazioni di post-installazione e configurazione per Microsoft Dynamics 365

Sezioni correlate
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/hh699713(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/hh699800(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
Pianificazione di Dynamics 365 locale
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn531101(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Installare o aggiornare il server Microsoft


Dynamics CRM
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
In questa sezione vengono illustrate le procedure per l'installazione del Server Microsoft Dynamics
CRM 2016.Sono inoltre incluse informazioni relative alla risoluzione dei problemi.

Importante
Informazioni aggiuntive sono incluse nel file Leggimi diMicrosoft Dynamics CRM 2016 e Microsoft
Dynamics CRM Online

105
Componenti installati dal programma di installazione
del server Microsoft Dynamics 2016
In questa sezione vengono elencati i componenti installati durante l'Server Microsoft Dynamics CRM
2016Configurazione.

Componenti di configurazione del server Microsoft Dynamics CRM


2016 installati
Quando si installa Server Microsoft Dynamics CRM 2016, per impostazione predefinita il programma di
installazione crea una struttura di cartelle inUnitàSistemaI componenti aggiuntivi includono i seguenti:
Tutti i seguenti componenti Web vengono aggiunti durante un'installazione del ruolo Server
completo.Durante una singola installazione del ruolo, pochi componenti o nessun componente viene
installato nel server.
Componente Nome Descrizione

Pool di applicazioni CRMAppPool Server Microsoft Dynamics


CRM 2016Configurazione crea
un pool di applicazioni separato
per la distribuzione.
Pool di applicazioni CRMDeploymentServiceAppPool Il programma di Configurazione
crea un pool di applicazioni
separato per il Servizio Web di
distribuzione.
Sito Microsoft Dynamics CRM Sito Web per la distribuzione.
Applicazioni XRMDeployment Consentono di semplificare
l'implementazione delle
distribuzioni di XRM.
Applicazioni Guida Fornisce il sistema della Guida
per l'applicazione.

Configurazione crea o utilizza i gruppi di Active Directory preesistenti per gestire le autorizzazioni come
descritto nella tabella seguente.
Gruppo Descrizione

PrivReportingGroup Gruppo di utenti privilegiato a cui sono assegnate


funzioni di creazione di report.Il gruppo viene
creato durante l'Server Microsoft Dynamics CRM
2016Configurazione e configurato durante
l'Estensioni di report di Microsoft Dynamics
CRMConfigurazione.
PrivUserGroup Gruppo di utenti privilegiato per funzonalità
amministrative speciali, tra cui l'identità
CRMAppPool (utente di dominio o servizio di
rete).È necessario aggiungere al gruppo gli utenti
incaricati della configurazione del Server Microsoft

106
Gruppo Descrizione
Dynamics 365.
SQLAccessGroup Tutti i processi server e gli account di servizio che
richiedono l'accesso a SQL Server; inclusa
l'identità CRMAppPool (utente di dominio o
servizio di rete).I membri di questo gruppo
dispongono dell'autorizzazione db_owner nei
database di Microsoft Dynamics 365.
ReportingGroup Il gruppo include tutti gli utenti di Microsoft
Dynamics 365.Quando dalla distribuzione
vengono aggiunti o rimossi utenti, il gruppo viene
aggiornato automaticamente.Per impostazione
predefinita, questo gruppo dispone
dell'autorizzazione di esplorazione in tutti i report
di Microsoft Dynamics 365Reporting Services.

Tutti i seguenti servizi vengono aggiunti durante un'installazione del ruolo Server completo.Durante una
singola installazione del ruolo, pochi servizi o nessun servizio viene installato nel server.
Servizio Descrizione

Microsoft Dynamics 365Asynchronous Processing Gestisce i processi asincroni, ad esempio l'invio di


Service posta elettronica in blocco e i flussi di lavoro.
Microsoft Dynamics 365Asynchronous Processing Gestisce la manutenzione asincrona, ad esempio
Service (maintenance) la generazione delle chiavi di crittografia per
l'autenticazione e l'operazione di pulitura dopo
l'eliminazione di database.
Microsoft Dynamics 365Unzip Service Gestisce la decompressione dei file zip per
l'importazione di dati.Questo servizio viene
installato come parte del ruolo Server applicazione
Web.
Microsoft Dynamics 365Sandbox Processing Il ruolo server Servizio di elaborazione in modalità
Service sandbox consente l'esecuzione di codice
personalizzato, ad esempio plug-in, in un
ambiente isolato.
Microsoft Dynamics 365Monitoring Service Monitora tutti i ruoli di Server Microsoft Dynamics
365 installati nel computer locale.Con questa
versione di Microsoft Dynamics 365, il servizio
consente di rilevare i certificati digitali scaduti che
possono influire sui servizi di Microsoft Dynamics
365 in esecuzione nella distribuzione.Il Servizio di
monitoraggio non esegue altre attività di
monitoraggio e non trasmette informazioni al di
fuori del computer in cui il servizio è in
esecuzione.Il Servizio di monitoraggio viene
installato con l'installazione di qualsiasi ruolo di
Server Microsoft Dynamics 365 e registra gli
eventi nel registro eventi sotto

107
Servizio Descrizione
MSCRMMonitoringServerRole.
Microsoft Dynamics 365VSS Writer Fornisce un'interfaccia per eseguire il backup e il
ripristino dei data di Microsoft Dynamics 365
tramite l'infrastruttura del Servizio Copia Shadow
del volume (VSS, Volume Shadow Copy Service)
di Windows Server.

Vengono aggiunti i componenti di SQL Server seguenti.


Componente Nome Descrizione

Database MSCRM_CONFIG Installazione di Microsoft SQL


OrganizationName_MSCRM Server crea la
cartellaSystemDrive:
Processi di SQL Server MSCRM_CONFIG.SiteWideCleanup Durante l'Server Microsoft
Dynamics CRM
2016Configurazione viene
creato un processo di SQL
Server che viene utilizzato per la
manutenzione.
Account di accesso PrivReportingGroup Server Microsoft Dynamics CRM
ReportingGroup 2016Configurazione crea gli
accessi di SQL Server per i
SQLAccessGroup
gruppi PrivReportingGroup,
MSCRMSqlLogin ReportingGroup e
SQLAccessGroupActive
Directory che vengono creati.
MSCRMSqlLogin viene utilizzato
per le conversioni di fuso orario
in caso di utilizzo di dashboard e
grafici, nonché per eseguire
query con la ricerca avanzata.Se
Microsoft SQL Server è abilitato
per l'utilizzo di CLR (Common
Language Runtime), le
prestazioni possono risultare
decisamente migliorate per
queste funzionalità.

Nota
Per impostazione predefinita,
CRL non è abilitata in
Microsoft SQL Server.Per
ulteriori informazioni su come
abilitare CLR,
vedereAbilitazione
dell'integrazione CRL

108
Componente Nome Descrizione

Altri software installati durante l'installazione


Se non sono già presenti, il seguente software è installato per un server completo durante l'Server
Microsoft Dynamics CRM 2016Configurazione:

Nota
Per l'installazione di alcuni di questi elementi quali Microsoft .NET Framework e i Tipi CLR di sistema
SQL potrebbe essere necessario riavviare il computer prima di continuare con l'esecuzione
dell'installazione di Server Microsoft Dynamics CRM 2016Configurazione.

• Controllo Visualizzatore report di Microsoft SQL Reporting Services


• Microsoft SQL Server Native Client
• Tipi CLR di sistema SQL
• SQL Server Management Objects
• Strumento Segnalazione errori applicazioni Microsoft
• Libreria di runtime di Microsoft Visual C++
• Ruolo Server Web di Windows Server
• Windows Search
• Microsoft .NET Framework 4, che include i componenti seguenti:
• Microsoft .NET Framework 4.5.2 (obbligatorio per Server Microsoft Dynamics 365)
• Windows Workflow Foundation (necessario per il Server Microsoft Dynamics 365)
• Windows Presentation Foundation
• Windows Communication Foundation (WCF) (necessario per il Server Microsoft Dynamics 365)
• Microsoft Chart Controls per Microsoft .NET Framework
• Windows PowerShell
• Microsoft URL Rewrite Module per IIS
• Gestione risorse file server
Negli argomenti seguenti sono illustrate le procedure dettagliate per l'installazione di Server Microsoft
Dynamics CRM 2016 o l'aggiornamento da una versione precedente.
In questa sezione
Installazione del server Microsoft Dynamics CRM
Aggiornare un Server Microsoft Dynamics CRM
Configurare IFD per Microsoft Dynamics 365
Risoluzione dei problemi relativi all'installazione e all'aggiornamento

109
Vedere anche
Installazione di Dynamics 365 locale
Installare o aggiornare i Language Pack

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Installazione del server Microsoft Dynamics


CRM
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
In questa sezione vengono illustrate le procedure per l'installazione del Server Microsoft Dynamics
CRM 2016 in un computer in cui Microsoft Dynamics CRM non è installato.

Installa Server Microsoft Dynamics CRM


1. Verificare che le attività di pianificazione necessarie siano state completate e che i componenti
hardware e software richiesti siano installati e in esecuzione.Ulteriori informazioni:Pianificazione di
Dynamics 365 locale
2. Verificare di avere le autorizzazioni appropriate per eseguire Server Microsoft Dynamics CRM
2016Configurazione.Ulteriori informazioni:Autorizzazioni minime necessarie per l'installazione e i
servizi di Microsoft Dynamics CRM
3. Eseguire l'Server Microsoft Dynamics CRM 2016Configurazione.
4. In un server con Microsoft SQL Server Reporting Services, eseguire Estensioni di report di
Microsoft Dynamics CRMConfigurazione.
5. Se si desidera configurare Microsoft Dynamics 365 per l'accesso a Internet, eseguire i comandi
Set-CRMSettings ClaimsSettings e Set-CRMSettings IfdSettings di Windows PowerShell.Ulteriori
informazioni:L'argomento a cui si fa riferimento fda07fd1-42d2-47b1-aecf-ed3dc4ab35d3 è
disponibile solo online.
In alternativa, avviare Gestione distribuzione ed eseguire la Configurazione guidata autenticazione
basata sulle attestazioni e la Configurazione guidata distribuzione con connessione Internet.
6. Se per uno o più utenti di Microsoft Dynamics 365 è necessaria la distribuzione della posta
elettronica, configurare la sincronizzazione lato server oppure, per le opzioni di distribuzione della
posta elettronica più complesse, è consigliabile installare il Router e-mail in modo da abilitare la
registrazione dei messaggi di posta elettronica.Ulteriori informazioni: L'argomento a cui si fa
riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn832099(CRM.8).aspx è disponibile solo online.

File di installazione di Microsoft Dynamics CRM


Nella tabella seguente sono elencati i file di installazione di Microsoft Dynamics CRM 2016 da utilizzare
e il relativo percorso.

110
File di installazione Posizione

per l'installazione di Server Microsoft Dynamics ..\Server\amd64


CRM 2016SetupServer.exe
per l'installazione di Estensioni di report di ..\Server\amd64\SrsDataConnector
Microsoft Dynamics
CRMSetupSrsDataConnector.exe
per l'installazione di Estensione per la modifica dei ..\BIDSExtensions\i386
reportSetupBIDSExtensions.exeSi tratta di una
funzionalità facoltativa che può essere installata in
un computer con Microsoft Visual Studio per
creare e personalizzare i report basati su Fetch
per l'installazione di Microsoft Dynamics CRM • ..\Client\amd64 for 64-bit
2016 per OutlookSetupclient.exe
• ..\Client\i386 per 32 bit

per il Router e-mail per Microsoft Dynamics • ..\EmailRouter\amd64 for 64-bit


CRMSetupEmailRouter.exe
• ..\EmailRouter\i386 for 32-bit

In questa sezione
Installare i ruoli Front-end e Back-end di Microsoft Dynamics CRM
Installare il ruolo Server Full Server Microsoft Dynamics CRM in un server senza Microsoft Dynamics
CRM installato
Installare il server Microsoft Dynamics CRM in più computer
Installa Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM
Impostare i database di configurazione e dell'organizzazione per il failover di SQL Server AlwaysOn

Vedere anche
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/hh699713(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/hh699800(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
Installare o aggiornare il server Microsoft Dynamics CRM
Aggiornare un Server Microsoft Dynamics CRM

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

111
Installare i ruoli Front-end e Back-end di
Microsoft Dynamics CRM
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Nella procedura seguente vengono installati i ruoli Server front-end e Server back-end di Microsoft
Dynamics 365 in due server distinti che non hanno già Microsoft Dynamics CRM installato.Si consiglia
questa configurazione invece di una distribuzione singola del server completo poiché migliora la
sicurezza e le prestazioni isolando servizi specifici di Server Microsoft Dynamics 365 su ogni
computer.Come parte di questa procedura, le Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM sono
installate nel server in cui sono installati i ruoli Server back-end e gli Strumenti di distribuzione sono
installati nel server in cui sono installati i ruoli Server front-end.Ulteriori informazioni:Ruoli server di
Microsoft Dynamics 365
Una configurazione di distribuzione di back-end e front-end richiede due computer distinti che
eseguono Windows Server.In questo esempio sono utilizzati due computer
denominatiCRMbackendCRMfrontend

Importante
Dopo aver completato l'installazione, è necessario importare o creare almeno un'organizzazione per
essere in grado di collegare un client alla distribuzione di Microsoft Dynamics 365.È possibile eseguire
questa operazione utilizzando Windows PowerShell o Gestione distribuzione.Per ulteriori informazioni,
vedereAmministrare la distribuzione utilizzando Windows PowerShell

In questo esempio, il ruolo Server back-end verrà installato prima del ruolo Server front-end.

In questo argomento
Installare il ruolo Server back-end
Installare il ruolo Server front-end
Creare l'organizzazione di Microsoft Dynamics CRM

Installare il ruolo Server back-end


Nel computer denominatoCRMbackend

1. Soddisfare tutti i requisiti specificati inRequisiti di sistema e tecnologie necessarie di Microsoft


Dynamics 365
2. Accedere al dominio come utente che dispone di privilegi di amministratore per il computer in cui
verrà installato Microsoft Dynamics CRM 2016 ed è membro del gruppo di amministratori del
computer locale.Non è possibile installare l'applicazione con un account utente membro di un
dominio trusted.
3. Trovare i file di installazione di Microsoft Dynamics CRM 2016.I pacchetti per il download di Server
Microsoft Dynamics CRM 2016 sono disponibili nell'Area Download Center di Microsoft

112
4. Nella cartella contenente i file di Microsoft Dynamics CRM 2016 passare alla cartella Server\amd64
e quindi fare doppio clic suSetupServer.exe
5. Nella pagina di installazione delServer Microsoft Dynamics CRMRecupera aggiornamenti per
Microsoft Dynamics CRMFare clic suAvanti
6. Nella paginaInformazioni codice Product KeyCodice Product KeyAvanti
7. Leggere le informazioni visualizzate nella paginaContratto di LicenzaAccetto il Contratto di
LicenzaAccetto
8. Se viene rilevata la mancanza di alcuni componenti, verrà visualizzata la paginaInstalla
componenti necessari
• Se i componenti necessari sono già installati, questa pagina non verrà visualizzata.
• Se i componenti necessari elencati non sono ancora stati installati, è possibile installarli da
questa pagina.Fare clic suInstallaAl termine dell'installazione dei componenti la colonna dello
stato cambierà daInstallazione non eseguitaInstallazione eseguitaAvanti

Nota
Se richiesto, riavviare il computer, quindi eseguire nuovamente il programma di installazione.

9. Nella paginaSelezione percorso di installazioneAvanti


10. Nella paginaImpostazioni ruoli serverLasciare vuoto il resto.

113
11. Nella paginaSpecifica opzioni di distribuzioneImmettere o selezionare il nome del computer
che esegue SQL Server da utilizzare con la distribuzione
12. Nella paginaSelezione unità organizzativaSfogliaSeleziona l'unità organizzativa in cui desideri
vengano aggiunti i gruppi di sicurezza, quindi fai clic suOKAvanti
13. Nella paginaImpostazione account di servizioAvanti
I servizi verranno descritti più avanti.Per ulteriori informazioni sugli account di servizio necessari per
eseguire questi servizi, vedereAutorizzazioni minime necessarie per l'installazione e i servizi di
Microsoft Dynamics CRM
• .Servizio di elaborazione in modalità sandboxAbilita un ambiente isolato per consentire
l'esecuzione del codice personalizzato come i plug-in.La disponibilità di un ambiente isolato
consente di ridurre le possibili interferenze del codice personalizzato sul funzionamento delle
organizzazioni nella distribuzione di Microsoft Dynamics 365.

114
• Elabora eventi asincroni in coda, come la posta elettronica inviata in blocco o l'importazione di
dati.Servizio elaborazione eventi asincroni.
• Questo servizio verrà installato con qualsiasi installazione del ruolo Server Microsoft Dynamics
365 per monitorare i ruoli server di Microsoft Dynamics 365 in esecuzione nel computer
locale.Servizio di monitoraggio.
Ulteriori informazioni: Ruoli server individuali disponibili
Per ogni servizio, si consiglia di selezionare un account utente di dominio con privilegi limitati
dedicato all'esecuzione di questi servizi e che non venga utilizzato per altri scopi.L'account utente
utilizzato per l'esecuzione di un servizio di Microsoft Dynamics 365 non può inoltre essere un
utente di Microsoft Dynamics 365.L'account di dominio deve essere membro del gruppo di utenti
del dominio.Inoltre, se sono installati i ruoli Servizio asincrono e Servizio di elaborazione in
modalità sandbox, ad esempio in un'installazione di tipo server completo o Server back-end,
l'account di dominio deve essere membro del gruppo di sicurezza Performance Log Users.
14. Nella paginaSelezionare le preferenze per Microsoft UpdateAvantiÈ consigliabile utilizzare
Microsoft Update perché consente di mantenere il computer aggiornato e sicuro.Per ulteriori
informazioni sulla privacy e i termini legali di utilizzo di Microsoft Update, vedereDomande frequenti
su Microsoft Update
15. Verrà visualizzata la paginaControlli di sistemache include un riepilogo di tutti i requisiti necessari
per una corretta installazione, nonché consigli su come procedere.Prima di continuare, è
necessario correggere gli eventuali errori.Se non vengono visualizzati errori o vengono visualizzati
solo avvisi, sarà possibile continuare l'installazione.A tale scopo, fare clic suAvanti
16. Verrà visualizzata la paginaAvviso di interruzione dei serviziin cui sono elencati tutti i servizi che
verranno interrotti o riavviati durante l'installazione.
17. Controllare la paginaInizio installazione di Microsoft Dynamics CRMIndietroAl termine fare clic
suInstalla
18. Una volta terminato il programma di installazione, fare clic suFine
19. Eseguire l'Installazione delle Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM.Ulteriori
informazioni:Installa Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM

Importante
Le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 per SQL Server Reporting Services sono necessarie
per completare la distribuzione di Server back-end e Server front-end di Server Microsoft Dynamics
365.

20. Una volta completata l'Installazione delle Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM, eseguire
la procedura descritta di seguito per installare il ruolo Server front-end.

Installare il ruolo Server front-end


Nel computer denominatoCRMfrontend

115
1. Accedere al dominio come utente che dispone di privilegi di amministratore per il computer in cui
verrà installato Microsoft Dynamics CRM ed è membro del gruppo di amministratori del computer
locale.Non è possibile installare l'applicazione con un account utente membro di un dominio
trusted.
2. Dalla cartella contenente i file di Microsoft Dynamics CRM 2016 passare alla cartella
Server\amd64, quindi fare doppio clic suSetupServer.exe
3. Nella pagina di installazione delMicrosoft Dynamics CRMRecupera aggiornamenti per
Microsoft Dynamics CRMFare clic suAvanti
4. Nella paginaInformazioni codice Product KeyCodice Product KeyAvanti
5. Leggere le informazioni visualizzate nella paginaContratto di LicenzaAccetto il Contratto di
LicenzaAccetto
6. Se viene rilevata la mancanza di alcuni componenti, verrà visualizzata la paginaInstalla
componenti necessari
• Se i componenti necessari sono già installati, questa pagina non verrà visualizzata.
• Se i componenti necessari elencati non sono ancora stati installati, è possibile installarli da
questa pagina.Fare clic suInstallaAl termine dell'installazione dei componenti la colonna dello
stato cambierà daInstallazione non eseguitaInstallazione eseguitaAvanti

Nota
Se richiesto, riavviare il computer, quindi eseguire nuovamente il programma di installazione.

7. Nella paginaSelezione percorso di installazioneAvanti


8. Nella paginaImpostazioni ruoli serverLasciare vuoto il resto.

116
9. Nella paginaSpecifica opzioni di distribuzioneConnetti a una distribuzione esistente e se
necessario aggiornalaImmettere o selezionare il nome del computer che esegue SQL Server
da utilizzare con la distribuzioneAvanti
10. Nella paginaSelezione unità organizzativaSfogliaSeleziona la posizione in cui desideri che venga
installata l'unità organizzativa, fai clic suOKAvantiSi consiglia di selezionare la stessa unità
organizzativa selezionata nel passaggio precedente.
11. Nella paginaImpostazione account di servizioAvanti
I servizi verranno descritti più avanti.Per ulteriori informazioni, vedereAutorizzazioni minime
necessarie per l'installazione e i servizi di Microsoft Dynamics CRM
• . Questo servizio esegue l'applicazione Web Microsoft Dynamics 365 utilizzata per connettere
gli utenti ai dati di Dynamics 365.Servizio dell'applicazione
• Pubblica il servizio Web che fornisce un'interfaccia di distribuzione descritta inServizio Web di
distribuzione.MSDN: SDK di Microsoft Dynamics CRM

117
Importante
Per ogni servizio, si consiglia di selezionare un account utente di dominio con privilegi limitati
dedicato all'esecuzione di questi servizi e che non venga utilizzato per altri scopi.L'account
utente utilizzato per l'esecuzione di un servizio di Microsoft Dynamics 365 non può inoltre
essere un utente di Microsoft Dynamics 365.Tale account di dominio deve essere membro del
gruppo di utenti del dominio.
Se si sceglie di eseguire il servizio ASP.NET con un account utente di dominio diverso da quello di
amministratore di dominio o di amministratore locale, per fare in modo che il servizio ASP.NET
funzioni correttamente, è necessario impostare criteri di sicurezza locali dopo l'installazione del
Server Microsoft Dynamics 365.In base ai criteri di gestione delle password implementati per
l'organizzazione, è inoltre possibile che la password dell'utente abbia una scadenza.Ulteriori
informazioni:Come utilizzare l'utilità ASP.NET per crittografare credenziali e stringhe sullo stato
della connessione delle sessioni

• Il servizio VSS Writer di Microsoft Dynamics 365 fornisce un'interfaccia per eseguire il backup e
il ripristino dei dati di Microsoft Dynamics 365 tramite l'infrastruttura Servizio Copia Shadow del
volume (VSS, Volume Shadow Copy Service) di Windows Server.Servizio VSS Writer.
• Questo servizio viene installato con qualsiasi di installazione del ruolo Server Microsoft
Dynamics 365 per il monitoraggio dell'evento.Servizio di monitoraggio.
12. Nella paginaSeleziona sito WebCrea nuovo sito WebSeleziona sito WebPer impostazione
predefinita, verrà utilizzato il sito Web predefinito.

Importante
Prima di specificare che nel programma di installazione dovrà essere utilizzato il sito Web esistente, è
consigliabile verificarne lo stato.Assicurarsi di selezionare un sito Web configurato per
TLS/SSL.Per ulteriori informazioni, vedere la documentazione di IIS.Durante l'esecuzione del
programma di installazione, l'applicazione Microsoft Dynamics 365 può essere associata al sito
Web HTTPS.Se si seleziona una porta di rete non predefinita, verificare che non sia bloccata dal
firewall.

Se si seleziona l'opzioneCrea nuovo sito WebÈ possibile specificare l'opzione seguente:


• .Numero portaDigitare il numero di porta TCP che verrà utilizzata dai client Microsoft
Dynamics 365 per la connessione al Server Microsoft Dynamics 365.Il numero di porta
predefinito è 5555.
13. Fare clic suAvanti
14. Nella paginaDefinizione impostazioni router di posta elettronicaNome server router di posta
elettronicaDa tale computer verrà effettuata la distribuzione dei messaggi di posta elettronica di
Microsoft Dynamics 365.Se non si intende installare il Router e-mail, è possibile lasciare vuota
questa casella.Se, tuttavia, in seguito si installa il Router e-mail, sarà necessario aggiungere il
computer in cui viene eseguito il servizio Router e-mail quando si utilizza il Sistema locale oppure,
se si utilizza un account utente di dominio, sarà necessario aggiungere l'account al gruppo di
sicurezza PrivUserGroup.Fare clic suAvanti

118
15. Nella paginaSelezionare le preferenze per Microsoft UpdateAvantiÈ consigliabile utilizzare
Microsoft Update perché consente di mantenere il computer aggiornato e sicuro.Per ulteriori
informazioni sulla privacy e i termini legali di utilizzo di Microsoft Update, vedereDomande frequenti
su Microsoft Update
16. Verrà visualizzata la paginaControlli di sistemache include un riepilogo di tutti i requisiti necessari
per una corretta installazione, nonché consigli su come procedere.Prima di continuare, è
necessario correggere gli eventuali errori.Se non vengono visualizzati errori o vengono visualizzati
solo avvisi, sarà possibile continuare l'installazione.A tale scopo, fare clic suAvanti
17. Verrà visualizzata la paginaAvviso di interruzione dei serviziin cui sono elencati tutti i servizi che
verranno interrotti o riavviati durante l'installazione.
18. Controllare la paginaInizio installazione di Microsoft Dynamics CRMIndietroAl termine fare clic
suInstalla
19. Una volta terminato il programma di installazione, fare clic suFine

Creare l'organizzazione di Microsoft Dynamics CRM


Dopo che il programma di Installazione server Microsoft Dynamics CRM ha completato l'installazione
dei ruoli Server back-end, Server front-end e delle Server di amministrazione della distribuzione e
Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM, è necessario creare almeno un'organizzazione per
rendere la distribuzione disponibile per gli utenti.
Per creare un'organizzazione, nel computer denominatoCRMfrontendUlteriori
informazioni:Amministrare la distribuzione utilizzando Windows PowerShell
In una distribuzione di Microsoft Dynamics CRM 2015 è possibile importare i database
dell'organizzazione nella nuova distribuzione.I database importati verranno aggiornati durante
l'operazione.Per importare un'organizzazione, nel computer denominatoCRMfrontendIn alternativa, è
possibile utilizzare Gestione distribuzione.

Vedere anche
Installazione del server Microsoft Dynamics CRM
Installare il ruolo Server Full Server Microsoft Dynamics CRM in un server senza Microsoft Dynamics
CRM installato

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Installare il ruolo Server Full Server Microsoft


Dynamics CRM in un server senza Microsoft
Dynamics CRM installato
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016

119
Installare il software del server Microsoft Dynamics
CRM

1. Soddisfare tutti i requisiti specificati inRequisiti di sistema e tecnologie necessarie di Microsoft


Dynamics 365
2. Accedere al dominio come utente che dispone di privilegi di amministratore per il computer in cui
Server Microsoft Dynamics CRM 2016 verrà installato ed è membro del gruppo di amministratori
del computer locale.Non è possibile installare l'applicazione con un account utente membro di un
dominio trusted.
3. Per determinare la posizione dei file di installazione di Microsoft Dynamics CRM, vedere ilfile
Leggimi di Microsoft Dynamics CRM e di Microsoft Dynamics CRM Online
4. Nella cartella contenente i file di Microsoft Dynamics CRM passare alla cartella Server\amd64 e
quindi fare doppio clic suSetupServer.exe
5. Nella pagina di installazione delServer Microsoft Dynamics CRMRecupera aggiornamenti per
Microsoft Dynamics CRMFare clic suAvanti
6. Nella paginaInformazioni codice Product KeyCodice Product KeyAvanti
7. Leggere le informazioni visualizzate nella paginaContratto di LicenzaAccetto il Contratto di
LicenzaAccetto
8. Se viene rilevata la mancanza di alcuni componenti, verrà visualizzata la paginaInstalla
componenti necessari
• Se i componenti necessari sono già installati, questa pagina non verrà visualizzata.
• Se i componenti necessari elencati non sono ancora stati installati, è possibile installarli da
questa pagina.Fare clic suInstallaAl termine dell'installazione dei componenti la colonna dello
stato cambierà daInstallazione non eseguitaInstallazione eseguitaAvanti

Nota
Se richiesto, riavviare il computer, quindi eseguire nuovamente il programma di installazione.

9. Nella paginaSelezione percorso di installazioneAvanti


10. Se si sta installando una versione di Server Microsoft Dynamics CRM 2016 che supporta i ruoli
server, verrà visualizzata la paginaImpostazione ruoli serverPer impostazione predefinita, è
selezionata l'opzione Server completo che consente di installare tutti i ruoli server nel computer.In
alternativa è possibile selezionare un gruppo predefinito di ruoli server oppure uno o più ruoli server
singoli.Tieni presente che tutti i ruoli server roles devono essere distribuiti sulla rete nello stesso
dominio Active Directory perché la distribuzione venga eseguita correttamente.Per ulteriori
informazioni, vederePianificare la distribuzione di Microsoft Dynamics 365Fare clic suAvanti

120
Importante
Quando si seleziona un ruolo server diverso da Server completo, il programma di Installazione server
Microsoft Dynamics CRM non crea un database dell'organizzazione.Se la distribuzione non
comprende alcun database dell'organizzazione, è necessario utilizzare il cmdlet Windows
PowerShell o Gestione distribuzione per creare una nuova organizzazione.Per informazioni su
come creare una nuova organizzazione mediante Windows PowerShell, vedi il comando New-
CrmOrganization nelL'argomento a cui si fa riferimento fda07fd1-42d2-47b1-aecf-ed3dc4ab35d3 è
disponibile solo online.

11. Se viene rilevata una distribuzione esistente, nella paginaSpecifica opzioni di distribuzioneNella
casellaImmettere o selezionare il nome del computer che esegue SQL Server da utilizzare
con la distribuzione

Importante
Quando si selezionaCrea una nuova distribuzioneSe esiste già un database MSCRM_CONFIG,
viene visualizzato un messaggio di errore.Per creare un nuovo database MSCRM_CONFIG, è
necessario eliminare quello esistente.Per ogni istanza di SQL Server è supportata una sola
distribuzione.
Attualmente, non è possibile specificare un listener del gruppo di disponibilità di Microsoft SQL Server
2012 durante l'Installazione server Microsoft Dynamics CRM.Per utilizzare i gruppi di disponibilità di
SQL Server 2012 per una disponibilità elevata, completare l'installazione di Server Microsoft
Dynamics CRM 2016 selezionando la replica primaria di SQL Server 2012.Dopo il completamento
dell'installazione, eseguire la procedura illustrata nell'argomentoImpostare i database di
configurazione e dell'organizzazione per il failover di SQL Server AlwaysOn
Quando si selezionaConnetti a una distribuzione esistente e se necessario aggiornalaSe il
database MSCRM_CONFIG non esiste, viene visualizzato un messaggio di errore.

12. Nella paginaSelezione unità organizzativaSfogliaSelezionare l'unità organizzativa di in cui si


desidera vengano aggiunti i gruppi di sicurezza, quindi fare clic suOKAvanti
13. Nella paginaImpostazione account di servizioAvanti
I servizi verranno descritti più avanti.Per ulteriori informazioni sugli account di servizio necessari per
eseguire questi servizi, vedereAutorizzazioni minime necessarie per l'installazione e i servizi di
Microsoft Dynamics CRM
• . Questo servizio esegue l'applicazione Web Microsoft Dynamics 365 utilizzata per connettere
gli utenti ai dati di Dynamics 365.Servizio dell'applicazione
• Pubblica il servizio Web che fornisce un'interfaccia di distribuzione descritta inServizio Web di
distribuzione.SDK di Microsoft Dynamics CRM
• Abilita un ambiente isolato per consentire l'esecuzione di codice personalizzato come i plug-
in.Servizio di elaborazione in modalità sandbox.La disponibilità di un ambiente isolato consente
di ridurre le possibili interferenze del codice personalizzato sul funzionamento delle
organizzazioni nella distribuzione.
• Il servizio VSS Writer di Microsoft Dynamics 365 fornisce un'interfaccia per eseguire il backup e
il ripristino dei dati di Microsoft Dynamics 365 tramite l'infrastruttura Servizio Copia Shadow del
volume (VSS, Volume Shadow Copy Service) di Windows Server.Servizio VSS Writer.

121
• .Servizio elaborazione eventi asincroniElabora eventi asincroni in coda, come la posta
elettronica inviata in blocco o l'importazione di dati.

Importante
È consigliabile selezionare un account di dominio con privilegi limitati dedicato all'esecuzione di
questi servizi e che non venga utilizzato per altri scopi.L'account utente utilizzato per
l'esecuzione di un servizio di Microsoft Dynamics 365 non può inoltre essere un utente di
Microsoft Dynamics 365.Tale account di dominio deve essere membro del gruppo di utenti del
dominio.Inoltre, se sono installati i ruoli Servizio asincrono e Servizio di elaborazione in
modalità sandbox, ad esempio in un'installazione di tipo server completo o Server back-end,
l'account di dominio deve essere membro del gruppo di sicurezza Performance Log Users.
Se si sceglie di eseguire il servizio ASP.NET con un account utente di dominio diverso da quello di
amministratore di dominio o di amministratore locale, per fare in modo che il servizio ASP.NET
funzioni correttamente, è necessario impostare criteri di sicurezza locali dopo l'installazione del
Server Microsoft Dynamics CRM 2016.In base ai criteri di gestione delle password
implementati per l'organizzazione, è inoltre possibile che la password dell'utente abbia una
scadenza.Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo 329290 della Microsoft Knowledge Base
(KB)Come utilizzare l'utilità ASP.NET per crittografare le credenziali e stringhe di connessione
dello stato sessione

• Questo servizio verrà installato con qualsiasi installazione del ruolo Server Microsoft Dynamics
CRM 2016 per il monitoraggio degli eventi dei ruoli server Microsoft Dynamics 365 in
esecuzione nel computer locale.Servizio di monitoraggio.
14. Nella paginaSeleziona sito WebCrea nuovo sito WebSeleziona sito WebPer impostazione
predefinita, verrà utilizzato il sito Web predefinito.

Importante
Prima di specificare che nel programma di installazione dovrà essere utilizzato il sito Web esistente, è
consigliabile verificarne lo stato.
Assicurarsi di selezionare un sito Web configurato per TLS/SSL.Per ulteriori informazioni, vedere la
documentazione di IIS.Durante l'esecuzione del programma di installazione, l'applicazione verrà
associata al sito Web HTTPS.Se si seleziona una porta di rete non predefinita, verificare che non
sia bloccata dal firewall.

Se si seleziona l'opzioneCrea nuovo sito WebÈ possibile specificare l'opzione seguente:


• .Numero portaDigitare il numero di porta TCP che verrà utilizzata dai client Microsoft
Dynamics 365 per la connessione al Server Microsoft Dynamics 365.Il numero di porta
predefinito è 5555.
15. Fare clic suAvanti
16. Nella paginaDefinizione impostazioni router di posta elettronicaNome server router di posta
elettronicaDa tale computer verrà effettuata la distribuzione dei messaggi di posta elettronica di
Microsoft Dynamics 365.Se non si installa il Router e-mail, è possibile lasciare vuota questa
casella.Se tuttavia in seguito si installa il Router e-mail, sarà necessario aggiungere il computer in
cui viene eseguito il servizio Router e-mail quando si utilizza Sistema locale oppure, se si utilizza

122
un account utente di dominio, sarà necessario aggiungere l'account al gruppo di sicurezza
PrivUserGroupP.Fare clic suAvanti
17. Nella paginaSpecifica nome organizzazione
a. Nella casellaNome visualizzato
b. Nella casellaNomeGli spazi e i caratteri estesi non sono consentiti.
c. InCodice valuta ISOSfogliaOK
È possibile modificare il simbolo, il nome o la precisione della valuta.
d. Nell'elencoLingua di base
In Server Microsoft Dynamics 365 solo la lingua di base della prima organizzazione è collegata
alla lingua dell'installazione del server.Per tutte le altre organizzazioni è possibile impostare
lingue di base diverse, ma è innanzitutto necessario installare i Language Pack per tali
lingue.Per istruzioni sull'installazione dei Language Pack, vedereInstallare o aggiornare i
Language Pack
e. Nell'elencoRegole di confronto SQL
Le regole di confronto predefinite di SQL variano a seconda della lingua di base selezionata.
Per ulteriori informazioni, vedereSupporto per Unicode e regole di confronto
f. Fare clic suAvanti

Importante
Dopo il completamento dell'installazione non sarà più possibile modificare le regole di confronto del
database, il codice valuta ISO di base o il nome univoco dell'organizzazione.Sarà tuttavia
possibile modificare il nome e il simbolo della valuta di base.

18. Nella paginaImpostazione del server Reporting ServicesAssicurarsi di utilizzare l'URL di Server
di report, né quello di Gestione report.Per verificare se si sta utilizzando l'URL corretto, in un
browser digitare come indirizzo l'URL del Server di report.Dovrebbe venire visualizzata una pagina
con il titolo<server>/ReportServer - /:Microsoft SQL Server Reporting Services versione
<numero di versione>Fare clic suAvanti
19. Nella paginaPartecipazione al programma Analisi utilizzo softwareAvanti

Nota
Per ulteriori informazioni, vedereProgramma Analisi utilizzo software

20. Nella paginaSelezionare le preferenze per Microsoft UpdateAvantiÈ consigliabile utilizzare


Microsoft Update perché consente di mantenere il computer aggiornato e sicuro.Per ulteriori
informazioni sulla privacy e i termini legali di utilizzo di Microsoft Update, vedereDomande frequenti
su Microsoft Update
21. Verrà visualizzata la paginaControlli di sistemache include un riepilogo di tutti i requisiti necessari
per una corretta installazione, nonché consigli su come procedere.Prima di continuare, è
necessario correggere gli eventuali errori.Se non vengono visualizzati errori o vengono visualizzati
solo avvisi, sarà possibile continuare l'installazione.A tale scopo, fare clic suAvanti

123
22. Verrà visualizzata la paginaAvviso di interruzione dei serviziVerificare l'idoneità dei servizi che
verranno arrestati o riavviati e quindi fare clic suAvanti
23. Controllare la paginaInizio installazione di Microsoft Dynamics CRMIndietroAl termine fare clic
suInstalla
Se il programma di installazione viene completato correttamente, verrà visualizzata la
paginaInstallazione del server Microsoft Dynamics CRM completataSe l'istanza del server di
report specificata durante questa installazione punta al computer locale in cui è installato Server
Microsoft Dynamics CRM 2016, nel programma di installazione sarà disponibile un'opzione che
consente di richiamare l'Installazione delle Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM.
24. Per installare immediatamente Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM nel computer,
selezionare la casella di controlloAvviare l'installazione delle estensioni di report di Microsoft
Dynamics CRMFare clic suFine

Importante
• Dopo avere installato il Server Microsoft Dynamics CRM 2016, è necessario installare le
Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM per la creazione, l'esecuzione e la
pianificazione dei report in Microsoft Dynamics 365.Per istruzioni vedereInstalla Estensioni di
report di Microsoft Dynamics CRM
• Per impostazione predefinita, il programma di installazione attiva la compressione HTTP sul
server che esegue l'IIS in cui è installata l'applicazione Web del server Microsoft Dynamics
365.Se si desidera utilizzare un altro metodo per comprimere le comunicazioni HTTP, è
possibile disattivare questa funzionalità.A tale scopo, avviare Gestione Internet Information
Services (IIS), fare clic sul sito Web, fare doppio clic suCompressione
• Nel caso di una distribuzione IFD, al termine dell'Installazione server Microsoft Dynamics CRM
è necessario configurare l'autenticazione basata sulle attestazioni e le relying party nel server
del servizio token di sicurezza.A tale scopo, eseguire Configurazione guidata distribuzione con
connessione Internet per il completamento della configurazione.Per ulteriori informazioni sul file
di configurazione, vedereConfigurare IFD per Microsoft Dynamics 365

Vedere anche
Installazione del server Microsoft Dynamics CRM
Installa Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Installare il server Microsoft Dynamics CRM in


più computer
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016

124
È possibile installare il Server Microsoft Dynamics CRM 2016 in più computer per distribuire il carico di
elaborazione tra vari server.Una distribuzione del Server Microsoft Dynamics CRM 2016 di questo tipo
consente di migliorare le prestazioni e aumentare la disponibilità.

Importante
La distribuzione del Server Microsoft Dynamics 365 Workgroup in più server non è supportata e
costituisce una violazione del Contratto di Licenza.

In questo argomento
Informazioni generali sulla configurazione a più server
Passaggio 1: Abilitare il bilanciamento del carico di rete
Passaggio 2: Configurare Active Directory
Passaggio 3: Installare i server Microsoft Dynamics CRM
Passaggio 4: Configura il clustering di failover per la distribuzione
Passaggio 5: Verificare e monitorare l'installazione cluster

Informazioni generali sulla configurazione a più


server
Nella configurazione di base vengono in genere utilizzati computer distinti che eseguono i componenti
di una distribuzione di Microsoft Dynamics 365 che include Microsoft SQL Server e un'istanza di
Windows Server con la funzione di controller di dominio di Active Directory.Una configurazione di
Microsoft Dynamics 365 a più server è costituita da più computer che eseguono Server Microsoft
Dynamics 365 e accedono a un unico server che esegue SQL Server.
In questo argomento viene descritta la procedura per l'installazione di Server Microsoft Dynamics CRM
2016 in una configurazione a due nodi con clustering di failover in cui tutti i ruoli server sono installati in
un unico computer utilizzando la funzionalità clustering di failover in Windows Server.Questo tipo di
distribuzione è denominatoinstallazione server completoÈ possibile eseguire una procedura simile per
installare un determinato ruolo gruppo di server, ad esempio Server front-end, oppure uno o più ruoli
server singoli.Quando installi Server Microsoft Dynamics CRM 2016, per il bilanciamento del carico
dell'applicazione Web Dynamics 365 sono disponibili le opzioni seguenti secondo cui in entrambi i
server del cluster del failover devono essere installati i seguenti ruoli gruppo di server o ruoli server
singolo.
1. Installazione server completo.
2. Installazione Front End Server.
3. Installazione ruolo server (mediante Installazione guidata del server Microsoft Dynamics CRM o
l'installazione da riga di comando con un file di configurazione XML).È necessario installare almeno
i due ruoli seguenti nei server con bilanciamento del carico di rete presenti nel cluster.
• Ruolo Server applicazione Web.Questo ruolo Server Microsoft Dynamics 365 viene utilizzato
per l'esecuzione dei componenti dell'applicazione Web che connettono gli utenti ai dati di
Microsoft Dynamics 365.

125
• Ruolo Servizio Web organizzazione.Questo ruolo Server Microsoft Dynamics 365 viene
utilizzato per eseguire le applicazioni che utilizzano i metodi descritti in Microsoft Dynamics 365
SDK.

Importante
Se si decide di installare solo ruolo Server front-end, è necessario installare il gruppo di ruoli Server
back-end in un altro server del dominio di Active Directory.Analogamente, se si desidera installare
solo i ruoli obbligatori Server applicazione Web e Servizio Web organizzazione, è necessario
installare i ruoli server rimanenti in altri server del dominio di Active Directory.

Prima di iniziare con il clustering di failover, è necessario comprendere quali opzioni di distribuzione di
Server Microsoft Dynamics 365 a più server sono necessarie.Ulteriori informazioni:Distribuzione con
più server Microsoft Dynamics 365
Questa sezione presuppone che l'hardware e il cluster di failover siano già definiti e funzionanti.Per
informazioni sulle procedure per la configurazione e l'amministrazione del clustering di failover su
Windows Server vedi la Guida di Gestione cluster di failover sul computer che esegue Windows
Server.Per informazioni sui requisiti di clustering di failover e su come configurare il clustering di
failover in Windows Server, vediClustering di failover
In questo esempio verrà installato un cluster a due nodi utilizzando due computer che eseguono
Windows Server.I nomi dei server sonoCRM01CRM02

Passaggio 1: Abilitare il bilanciamento del carico di


rete
Verifica che il clustering di failover sia configurato correttamente e funzioni in rete per i
serverCRM01CRM02Quando abiliti il cluster di failover, sono richieste le seguenti impostazioni delle
regole relative alla porta.
• .Intervallo portaLasciare l'intervallo predefinito, ovvero da 0 a 65535.
• .ProtocolliEntrambe
• .AffinitàCelibe/Nubile

Passaggio 2: Configurare Active Directory


Configurare Active Directory creando un account per l'esecuzione del servizioCRMAppPoolQuesta
operazione è obbligatoria se si esegue IIS in un ambiente di cluster o con bilanciamento del carico di
rete.Il nome SPN identifica in modo univoco un'istanza di un servizio in esecuzione.Active Directory
utilizza il nome SPN per l'autenticazione reciproca dell'istanza di un servizio, che consente
l'autenticazione dell'istanza stessa quando un utente cerca di accedere a queste risorse situate in altri
computer membri del dominio.Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo di MSDNMSDN: Nomi entità
servizio
Per creare SPN, è possibile utilizzare ADSI Edit incluso in Windows Server.Questo strumento snap-in
di Microsoft Management Console (MMC) consente di immettere valori SPN per un computer o un
account utente specifico.

126
Configurare SPN
1. Se non è già specificato un account utente per l'entità CRMAppPool, creare un account utente che
verrà utilizzato per eseguire il pool di applicazioni CRMAppPool in IIS.A tale scopo, aprire Utenti e
computer di Active Directory e creare un nuovo account utente.Quando si crea l'account utente, è
consigliabile utilizzare un nome descrittivo dell'uso a cui è destinato l'account, ad
esempioCRMAppPoolService

Importante
L'account utente deve essere membro del gruppo Domain Users.Per conoscere le autorizzazioni
specifiche necessarie, vedereAutorizzazioni minime necessarie per l'installazione e i servizi di
Microsoft Dynamics CRM
Anziché utilizzare ADSI Edit per configurare l'SPN come descritto, è possibile utilizzare lo strumento da
riga di comando setspn con il il parametro -s per verificare se l'SPN sia già utilizzato e, in caso
contrario, impostarlo.In questo esempioCRMAppPoolServiceUlteriori informazioni:setspn -s
http/CRMNLBName.FQDN CRMAppPoolServiceSetspn

2. AvviareADSI edit
3. Espandere il dominio, espandere il nodo che inizia conDC=CN=Utenti
4. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'account utente creato nel passaggio precedente, ad
esempioCRMAppPoolServiceProprietà
5. Scorrere verso il basso l'elencoAttributoservicePrincipalNameModifica
6. Nella casellaValore da aggiungereCRMNLBNameFQDNAggiungi(NomeNLBCRMFQDNAd
esempio, il nome CRMNLBName.FQDN può essereCRMNLBCluster.contoso.com

Importante
Prendi nota di questo nome del cluster di failover.Devi utilizzare questo nome nel passaggio successivo
quando crei il cluster di failover e quando aggiorni il database di configurazione.

7. Nella casellaValore da aggiungereCRMNLBNameAggiungi


8. Fare clic suOK
9. Chiudere ADSI Edit.

Passaggio 3: Installare i server Microsoft Dynamics


CRM
In una distribuzione a più server è necessario installare le istanze di Server Microsoft Dynamics CRM
2016 una alla volta.Nei passaggi seguenti si presume di dover distribuire un'istanza di un'installazione
server completo di Server Microsoft Dynamics CRM 2016 in un computer denominatoCRM01CRM02

127
Installare la prima istanza del server Microsoft Dynamics CRM in
CRM01:
1. Eseguire Installazione server Microsoft Dynamics CRM nel serverCRM01Per informazioni
aggiuntive dettagliate, vedereInstallare il ruolo Server Full Server Microsoft Dynamics CRM in un
server senza Microsoft Dynamics CRM installato
2. Nella paginaSpecifica opzioni di distribuzioneSelezionare quindi l'opzioneCrea una nuova
distribuzioneFare clic suAvanti
3. Nella paginaImpostazione account di sicurezzaCRMAppPoolService
4. Completare l'Configurazione.

Installare la seconda istanza del server Microsoft Dynamics CRM in


CRM02:
1. Eseguire Installazione server Microsoft Dynamics CRM nel serverCRM02
2. Nella paginaSpecifica opzioni di distribuzioneCRM01Connetti a una distribuzione esistente e
se necessario aggiornalaFare clic suAvanti
3. Nella paginaImpostazione account di sicurezzaCRMAppPoolService
4. Completare l'Configurazione.

Passaggio 4: Configura il clustering di failover per la


distribuzione
Al termine dell'installazione dei Server Microsoft Dynamics CRM 2016, esegui il comando Set-
CrmSettings WebAddressSettings di Windows PowerShell per configurare il clustering di failover per la
distribuzione.Per ulteriori informazioni, vedereL'argomento a cui si fa riferimento fda07fd1-42d2-47b1-
aecf-ed3dc4ab35d3 è disponibile solo online.
In alternativa, è possibile utilizzare Gestione distribuzione come descritto in questo documento.

Verificare o modificare gli indirizzi Web utilizzando Gestione


distribuzione
1. Nel server Microsoft Dynamics CRM avviare Gestione distribuzione.
2. Nell'albero della console fare clic con il pulsante destro del mouse suMicrosoft Dynamics
CRMProprietà
3. Fare clic sulla schedaIndirizzo Webcrmcluster:5555

Importante
In base alla distribuzione dell'installazione con gruppo di ruoli di Server Microsoft Dynamics CRM 2016
(Full o Front End) o dell'installazione del ruolo server singolo, e alla configurazione di ogni server nel
cluster di failover, è possibile che gli indirizzi Web di Server applicazione Web, Servizio Web
organizzazione, Servizio Web di individuazione o Servizio Web di distribuzione siano diversi.Se ad

128
esempio hai installato il gruppo di ruoli Server front-end in un server di cluster di failover
denominatoclustercrm1contosoclustercrm2
Nel caso di una distribuzione del ruolo Server completo, per tutti gli indirizzi Web viene utilizzato lo
stesso nome di computer oppure lo stesso nome FQDN del cluster.Se si utilizza una porta TCP diversa
dalla porta 80 (HTTP non sicuro) o 443 (HTTP sicuro o TLS/SSL), è necessario specificare il numero
della porta aggiungendo al nome FQDN :5555, dove 5555 rappresenta il numero della porta,
adcrmcluster:5555

Imposta il clustering di failover per la distribuzione


1. In Server Microsoft Dynamics CRM 2016 avviare Gestione distribuzione.
2. Nell'albero della console fare clic con il pulsante destro del mouse suMicrosoft Dynamics
CRMProprietà
3. Fare clic sulla schedaIndirizzo WebAvanzate
4. Per fare in modo che la distribuzione riconosca il cluster di failover, devi selezionare l'opzioneLa
distribuzione utilizza NLBLa selezione diLa distribuzione utilizza NLBI cookie crittografati
possono essere quindi elaborati da un qualunque server nel cluster di failover.
Per informazioni sulle procedure per il caricamento e l'amministrazione del clustering di failover su
Windows Server vedi la Guida di Gestione cluster di failover sul computer che esegue Windows
Server.Per informazioni su come configurare il clustering di failover in Windows Server, vediCrea
un cluster di failover

Nota
Se stai utilizzando una soluzione cluster che utilizza hardware di offload Transport Layer Security (TLS)
o Secure Sockets Layer (SSL), devi specificare l'intestazione TLS/SSL nella casellaIntestazione
SSLTenere presente che l'intestazione TLS/SSL non è un URL o un dominio.È un valore
dell'intestazione effettivamente concordato per la richiesta HTTP configurata sul dispositivo che
gestisce l'offload TLS/SSL.Per il valore dell'intestazione, consultare la documentazione del
dispositivo di offload TLS/SSL.

5. Fare clic suOK

Configurare nomi di dominio per IFD


Per configurare l distribuzione per IFD, è necessario eseguire il comando Set-Crmsetting ifdSettings di
Windows PowerShell o avviare Gestione distribuzione ed eseguire la Configurazione guidata
distribuzione con connessione Internet per aggiungere o aggiornare i valori del dominio.In base alla
distribuzione dell'installazione con gruppo di ruoli di Server Microsoft Dynamics CRM 2016 o con ruoli
server singolo, e alla configurazione di ogni server nel cluster di failover, i valoriDominio Server
applicazione WebDominio Servizio Web organizzazioneDominio Servizio Web di
individuazioneSe, ad esempio, il Server applicazione Web è installato in un cluster di failover con
connessione Internet dotato del nome virtuale FQDNcrmcluster.contoso.comcontoso.comDominio
Server applicazione WebUlteriori informazioni:Configurare il server Microsoft Dynamics 365 per IFD.
Per ulteriori informazioni sulla configurazione dell'indirizzo Web interno e dei valori del dominio esterno
utilizzando Gestione distribuzione, vedere la Guida di Gestione distribuzione.

129
Passaggio 5: Verificare e monitorare l'installazione
cluster
Verificare che per le applicazioni client sia possibile connettersi alla distribuzione utilizzando il nome del
cluster, ad esempioClusterNLBCRM
Per il monitoraggio del cluster sono disponibili le opzioni seguenti.
• .Gestione cluster di failoverLe voci di registro sono visualizzate nella parte inferiore di Gestione
cluster di failover.
• .Visualizzatore eventiLe voci vengono registrate nei registri di sistema mediante l'origine
delClustering di failover
• Esegui i comandi Windows PowerShell del clustering di failover per visualizzare informazioni sullo
stato del cluster.Ulteriori informazioni:Cmdlet di cluster di failover in Windows PowerShell

Vedere anche
Installazione del server Microsoft Dynamics CRM
Installa Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Installa Estensioni di report di Microsoft


Dynamics CRM
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016

Per l'installazione delle Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 devono essere soddisfatti i
requisiti seguenti:
• È necessario completare l'Installazione server Microsoft Dynamics CRM prima di eseguire
l'Installazione delle Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM.
• È necessario eseguire Installazione delle Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM in un
computer con una versione supportata di Microsoft SQL Server Reporting Services.Ulteriori
informazioni:Requisiti di report di Microsoft Dynamics 365

Avviso
Gli utenti di Microsoft Dynamics 365 che utilizzano il controllo Visualizzatore report incluso in Microsoft
Visual Studio 2008 possono visualizzare informazioni relative ai report a cui hanno accesso.Mediante
tale controllo è infatti possibile visualizzare dati aggiuntivi relativi ai report e alle sessioni che non
vengono visualizzati quando i report vengono eseguiti in Microsoft Dynamics 365.Per ridurre il rischio di
esposizione di dati riservati, è consigliabile configurare il sito Web di Microsoft SQL Server Reporting
Services in cui sono installate le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 in modo che siano
consentite solo le connessioni Transport Layer Security (TLS) o Secure Sockets Layer (SSL), note
anche come connessioni HTTP sicure.Ulteriori informazioni:Configurare connessioni SSL in un server

130
di report in modalità nativa
Per ridurre i rischi relativi ad alcune vulnerabilità di sicurezza, è consigliabile utilizzare account di Active
Directory diversi per i pool di applicazioni utilizzati per eseguire il Microsoft Dynamics 365 e i siti Web di
Microsoft SQL Server Reporting Services.

Installa le estensioni di report di Microsoft Dynamics


CRM
Per installare le Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM, individuare i file di installazione di
Microsoft Dynamics CRM ed eseguire la procedura seguente:

1. Nella cartella ..\Server\amd64\SrsDataConnector fare doppio clic suSetupSrsDataConnector.exe


2. Nella paginaInstallazione del delle Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRMSe sono
disponibili aggiornamenti, è consigliabile consentire il download dell'ultima versione del programma
di installazione.A tale scopo, fare clic suAggiorna file di installazioneAvanti
3. Leggere le informazioni visualizzate nella paginaContratto di LicenzaAccetto il Contratto di
LicenzaAccetto
4. Se viene rilevata la mancanza di alcuni componenti, verrà visualizzata la paginaInstalla
componenti necessari
a. Se i componenti necessari sono già installati, questa pagina non verrà visualizzata.
b. Se i componenti necessari elencati non sono ancora stati installati, è possibile installarli da
questa pagina.Fare clic suInstallaAl termine dell'installazione dei componenti, nella colonna di
stato verrà visualizzato il testoInstallazione eseguitaMancanteAvanti
5. Se stai utilizzando l'istanza predefinita di SQL Server, nella paginaSpecifica server di database di
configurazioneAvanti

Nota
Se non si utilizza l'istanza predefinita di SQL Server, immettere <machine-name>\<instance-name>.

6. Nella paginaSpecifica nome istanza SSRSAvanti


7. Nella paginaSelezionare le preferenze per Microsoft UpdateAvantiÈ consigliabile utilizzare
Microsoft Update perché consente di mantenere il computer aggiornato e sicuro.
8. Nella paginaSelezione percorso di installazioneFare clic suAvanti
9. Verrà visualizzata la paginaControlli di sistemain cui è riportato un riepilogo di tutti i requisiti di
sistema necessari per una corretta installazione del Estensioni di report di Microsoft Dynamics
CRM.Prima di continuare, è necessario correggere tutti gli eventuali errori.È necessario correggere
tutti gli errori.Se non vengono visualizzati errori o vengono visualizzati solo avvisi, sarà possibile
continuare l'installazione.A tale scopo, fare clic suAvanti

131
10. Verrà visualizzata la paginaAvviso di interruzione dei serviziVerificare l'idoneità dei servizi che
verranno arrestati o riavviati e quindi fare clic suAvanti
11. Verificare il contenuto della paginaInizio installazione delle estensioni di report di Microsoft
Dynamics CRMIndietroAl termine fare clic suInstalla
12. Se il programma di installazione viene completato correttamente, verrà visualizzata la
paginaInstallazione delle estensioni di report di Microsoft Dynamics CRMFare clic suFine
Durante l'installazione, i report verranno pubblicati per l'organizzazione predefinita.

Importante
I report non verranno pubblicati se:
• L'utente che esegue Installazione delle Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM non
dispone delle autorizzazioni appropriate per il database dell'organizzazione.
• Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM è installato per un'istanza Microsoft SQL
Server Reporting Services diversa da quella utilizzata dall'organizzazione.
• La lingua di base dell'organizzazione è diversa dalla lingua utilizzata per l'installazione delle
Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM.

Vedere anche
Installazione del server Microsoft Dynamics CRM
Installa Estensione per la modifica dei report di Microsoft Dynamics CRM

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Impostare i database di configurazione e


dell'organizzazione per il failover di SQL Server
AlwaysOn
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Le istanze del cluster di failover (FCI) Microsoft SQL ServerAlwaysOn e i gruppi di disponibilità
AlwaysOn offrono una soluzione completa di ripristino di emergenza e di disponibilità elevata.In questo
argomento viene descritto come configurare una distribuzione locale di Server Microsoft Dynamics 365
esistente in modo che i database di configurazione e dell'organizzazione facciano parte di un'istanza
del cluster di failover a due nodi AlwaysOn che utilizza i gruppi di disponibilità.

Importante
Se si esegue l'aggiornamento dei database di configurazione e di organizzazione di Microsoft
Dynamics 365 che includono già SQL ServerAlwaysOn FCI configurato, non è necessario ripetere
questa procedura.

132
Per ulteriori informazioni su queste soluzioni a disponibilità elevata SQL Server, vediIstanze del cluster
di failover AlwaysOnGruppi di disponibilità AlwaysOn
In questo argomento
Prerequisiti
Abilitare SQL Server AlwaysOn
Creare il gruppo di disponibilità
Creare gli account di accesso di SQL per i gruppi di sicurezza di Microsoft Dynamics 365 in tutte le
repliche secondarie
Aggiornare le stringhe di connessione del database di configurazione nel registro di sistema di
Windows
Aggiornare la stringa di connessione nel database di configurazione
Riavviare i servizi IIS e Microsoft Dynamics 365
Monitorare il gruppo di disponibilità e testare il failover

Prerequisiti
In questo argomento, verrà configurato un cluster di failover dell'istanza a due server semplice e sarà
necessario quanto segue:
• Due server SQL Server in esecuzione in una configurazione con cluster di failover a due nodi con
spazio di archiviazione condiviso, ad esempio SAN, NAS o Windows Storage Server.Per un elenco
delle versioni di SQL Server supportate, vediEdizioni di SQL Server
• Due server che eseguono SQL Server in Microsoft Windows Server che saranno repliche nel
cluster di failover dell'istanza di SQL ServerAlwaysOn.L'istanza di replica primaria di SQL Server
dispone dei database di configurazione (MSCRM_CONFIG) e dell'organizzazione
(OrganizationName_MSCRM).
Per ulteriori informazioni su quali versioni di AlwaysOn supportano SQL Server, vediDisponibilità
elevata (AlwaysOn)Per ulteriori informazioni su come creare un cluster di failover di SQL Server,
vedereCreare un nuovo cluster di failover di SQL Server (installazione)

Abilitare SQL Server AlwaysOn


I passaggi seguenti per la definizione delle funzionalità AlwaysOn utilizzano Microsoft SQL Server
Management Studio.Può anche utilizzare Transact-SQL o SQL ServerPowerShell.Ulteriori
informazioni:Introduzione ai gruppi di disponibilità AlwaysOn (SQL Server)

133
Nota
Sebbene i passaggi descritti sono specifici per Microsoft SQL Server 2012, puoi utilizzare una
procedura analoga per altre versioni supportate di SQL Server.

1. In Gestione configurazione SQL Server abilitare i gruppi di disponibilità AlwaysOn sulla replica
primaria e secondaria.Per istruzioni dettagliate, vedereAbilitare i gruppi di disponibilità AlwaysOn
2. In SQL Server Management Studio creare un gruppo di disponibilità: specificare i database di
configurazione e dell'organizzazione e la replica primaria e secondaria.Ulteriori
informazioni:Creazione e configurazione di gruppi di disponibilità (SQL Server)

Creare il gruppo di disponibilità


Nei passaggi seguenti viene creato un singolo gruppo di disponibilità di SQL Server che include un
database di configurazione di Microsoft Dynamics 365 e un unico database dell'organizzazione.Verrà
inoltre aggiunto un listener al gruppo di disponibilità.

Creare il gruppo di disponibilità per i database di configurazione e


dell'organizzazione
1. In SQL Server che sarà la replica primaria, avviare SQL Server Management Studio.
2. In Esplora oggetti, fare clic con il pulsante destro del mouse suDisponibilità elevata
AlwaysOnCreazione guidata Gruppo di disponibilità
3. Quando viene visualizzata la procedura guidata, fare clic suAvanti
4. Nella paginaSpecifica nomeDynamics 365Avanti
5. Nella paginaSeleziona databaseNomeOrganizzazioneAvanti

Importante
Requisiti per aggiungere un database a un gruppo di disponibilità:
• Il modello di recupero deve essere impostato su Completo.Per impostazione predefinita, i
database dell'organizzazione (OrganizationName_MSCRM) sono impostati su Semplice.
• Backup completo del database.

6. Nella paginaSpecifica replicheAggiungi replicaServerCRMNode2ConnettiL'istanza del server di


replica verrà visualizzata nell'elencoIstanza server
7. Fai clic sulla schedaEndpointScorrere a destra fino aAccount del servizio SQL ServerUn
account utente di dominio per il servizio SQL Server è necessario per il clustering di failover di SQL
Server.
8. Fare clic sulla schedaListenerIl listener del gruppo di disponibilità consente una connessione al
client più rapida in scenari su più subnet.Immettere le informazioni seguenti:
• : digitare un nome per il listener.Nome DNS del listener

134
• Per completare la creazione del listener, specificare una porta TCP e impostare laModalità di
reteIP staticoFare clic suAggiungiOKPer ulteriori informazioni su queste proprietà, fare clic
sulla guida nella Creazione guidata Gruppo di disponibilità.
Fare clic suAvanti
9. Stabilire le eventuali ulteriori modifiche da eseguire sulle repliche, quindi fare clic suAvantiPer
ulteriori informazioni, fare clic sulla guida nella Creazione guidata Gruppo di disponibilità.
a. Nella paginaSeleziona sincronizzazione datiSe si selezionaCompletaSi noti che l'account di
servizio SQL Server richiede autorizzazioni di scrittura e di lettura per la condivisione.Per
ulteriori informazioni, fare clic sulla guida nella Creazione guidata Gruppo di disponibilità.
Fare clic suAvanti
10. Verrà visualizzata la paginaConvalidaRisolvi tutti gli errori prima di creare il gruppo di
disponibilità.Fare clic suAvanti
11. Nella paginaRiepilogoFine

Creare gli account di accesso di SQL per i gruppi di


sicurezza di Microsoft Dynamics 365 in tutte le
repliche secondarie
Creare gli account di accesso di SQL per i gruppi di sicurezza di Microsoft Dynamics 365 nella replica
secondaria.A tale scopo, effettuare i passaggi seguenti:
1. Avviare SQL Server Management Studio e connettersi alla replica secondaria SQL Server
(CRMNode2).
2. Espandi il nodoSicurezzaAccount di accessoNuovo accesso
3. Nella casella nomeAccessoCercaGruppiSelezionare questo tipo di
oggettoDigitareNomeDominioPrivReportingGroupControlla nomiOK

Nota
Il nome effettivo diPrivReportingGroupVerificare che il nome sia presente in Active Directory.

4. Ripeti i passaggi 2 a 3 per i seguenti gruppi di sicurezza:


• ReportingGroup
• SQLAccessGroup
Creare l'account di accesso SQL MSCRMSqlClrLogin
1. Crea la chiave asimmetrica per l'account di accesso SQL MSCRMSqlClrLogin.
In tutte le repliche secondarie, eseguire l'istruzione SQL seguente sul database master per creare
la chiave asimmetrica, dove <path> è il percorso della cartella del file
Microsoft.Crm.SqlClr.Helper.dll ubicato nel server in cui è installato il ruolo server Strumenti di
distribuzione.Ad esempio, specificare il percorso UNC in una condivisione simile a
\\crmdeploymenttoolsCRMsharePer impostazione predefinita, Microsoft.Crm.SqlClr.Helper.dll si

135
trova nel server Strumenti di distribuzione server nella cartella C:\Program Files\Microsoft
Dynamics CRM\Tools\.
IF NOT EXISTS (SELECT * FROM sys.asymmetric_keys WHERE name = 'MSCRMSqlClrKey') BEGIN
CREATE ASYMMETRIC KEY MSCRMSqlClrKey FROM EXECUTABLE FILE =
’<path>\Microsoft.Crm.SqlClr.Helper.dll’;

END

2. Crea l'account di accesso SQL MSCRMSqlClrLogin.


Eseguire le seguenti istruzioni SQL sul database master per creare l'account accesso SQL
MSCRMSqlClrLogin.
IF NOT EXISTS (SELECT * FROM sys.syslogins WHERE name = 'MSCRMSqlClrLogin') BEGIN
CREATE LOGIN MSCRMSqlClrLogin FROM ASYMMETRIC KEY MSCRMSqlClrKey GRANT UNSAFE
ASSEMBLY TO MSCRMSqlClrLogin END

Aggiornare le stringhe di connessione del database


di configurazione nel registro di sistema di Windows
Aggiorna la stringa di connessione di SQL Server in ogni Registro di sistema di Windows di tutti i server
che eseguono un ruolo di Server Microsoft Dynamics 365, tra cui il server Estensioni di report di
Microsoft Dynamics 365.A tale scopo, eseguire la procedura seguente.

Avviso
Se si modifica il Registro di sistema in modo errato tramite l'Editor del Registro di sistema o con un altro
metodo, possono verificarsi gravi problemi che possono richiedere la reinstallazione del sistema
operativo e di Microsoft Dynamics 365. La risoluzione di tali problemi non può essere garantita. La
modifica del Registro di sistema è a esclusivo rischio dell'utente.

1. Nel computer che esegue il ruolo di Server Microsoft Dynamics 365, avviare Editor del Registro di
sistema e individuare la sottochiave seguente:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\MSCRM\
2. Fai clic con il pulsante destro del mouse suconfigdbModifica
a. SeFailover Partner=MSCRM_Mirror
b. ModificareOrigine dati
La stringa di connessione completa deve essere simile all'esempio seguente, doveMSCRMAG
Data Source MSCRMAG;Initial Catalog= MSCRM_CONFIG;Integrated Security=SSPI

Suggerimento
Il nome del listener può essere ubicato nel nodoGruppi di disponibilità

c. Se usi un listener, aggiungi;multisubnetfailover=trueUlteriori informazioni:Supporto SqlClient


per la disponibilità elevata, ripristino di emergenza
Un valore configdb completo per più subnet verrà visualizzato nel modo seguente:

136
Data Source MSCRMAG;Initial Catalog= MSCRM_CONFIG;Integrated
Security=SSPI;multisubnetfailover=true
3. Fare clic suOK
4. Ripetere i passaggi precedenti per aggiungere la stringa di connessione alla sottochiave di
configurazione per ogni server che esegue un ruolo Server Microsoft Dynamics 365 incluso il
server che esegue Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365.

Aggiornare la stringa di connessione nel database di


configurazione
Aggiornare la tabella dell'organizzazione nel database dell'organizzazione per specificare il nome del
listener del gruppo di disponibilità per la stringa di connessione del client.A tal fine, eseguire l'istruzione
di aggiornamento seguente sul database di configurazione (MSCRM_CONFIG):

Avviso
Prima di eseguire le istruzioni di aggiornamento, eseguire il backup del database di configurazione di
Microsoft Dynamics 365 (MSCRM_CONFIG).

Update Organization set ConnectionString = 'Provider=SQLOLEDB;Data


Source=AG_Listener_Name;Initial Catalog=OrganizationName_MSCRM;Integrated
Security=SSPI';MultiSubnetFailover=True' where DatabaseName = 'OrganizationName_MSCRM'

• SostituireAG_Listener_Name
• SostituireNomeOrganizzazione
Parametri aggiuntivi disponibili
Se utilizzi un numero di porta diverso da 1433 per la disponibilità del listener del gruppo, aggiungi il
seguente parametro dovePort_Number
Update Organization set ConnectionString = 'Provider=SQLOLEDB;Data
Source=AG_Listener_Name,Port_Number;Initial Catalog=OrganizationName_MSCRM;Integrated
Security=SSPI;multisubnetfailover=true' where DatabaseName = 'OrganizationName_MSCRM'

Riavviare i servizi IIS e Microsoft Dynamics 365


Dopo aver apportato le modifiche, reimpostare IIS nel computer che esegue il ruolo del Server
applicazione Web.

Avviso
Tutti gli utenti di Microsoft Dynamics 365 attivi verranno disconnessi.

A tale scopo, fare clic sul pulsanteStartEseguiNella casellaApriiisresetOK


Riavviare tutti i servizi di Microsoft Dynamics 365 nella distribuzione in tutti i server in cui sono installate
le funzionalità di Server Microsoft Dynamics CRM 2013.

137
Monitorare il gruppo di disponibilità e testare il
failover
In Microsoft SQL Server Management Studio sono incluse funzionalità che semplificano la
visualizzazione dello stato del gruppo di disponibilità e l'esecuzione di un failover manuale.

Visualizzare lo stato del gruppo di disponibilità


1. Avviare SQL Server Management Studio e connettersi all'istanza di SQL Server che rappresenta la
replica primaria nel gruppo di disponibilità.
2. In SQL Server Management Studio, espandereGruppi di disponibilitàMostra dashboard
Nel dashboard vengono visualizzate tutte le repliche e lo stato della sincronizzazione.Puoi visualizzare
il dashboard da qualsiasi replica nel gruppo di disponibilità.

Test del failover


1. Verificare che sia possibile connettere Microsoft Dynamics 365 al gruppo di disponibilità.Ad
esempio, avviare Internet Explorer e collegarlo all' URL dell'organizzazione di Microsoft Dynamics
365.
2. Dal dashboard descritto nella procedura precedente, fare clic suAvvia Failover guidato
3. Seguire le istruzioni nella procedura guidata per completare il failover.
Una volta completato un failover, la replica primaria diventa la secondaria e la replica secondaria
diventa la primaria.
4. Passare al Web browser connesso all'organizzazione di Microsoft Dynamics 365 e verificare che
sia possibile connettersi senza problemi alla nuova replica primaria facendo clic all'interno
dell'applicazione.
Per ritornare alle repliche principali e secondarie originali, ripetere la procedura manuale di failover
nella nuova replica primaria.

Vedere anche
Installare o aggiornare il server Microsoft Dynamics CRM
Guida dettagliata al cluster di failover: Configurazione di un cluster di failover di un file server con due
nodi
Aggiornare un Server Microsoft Dynamics CRM

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Aggiornare un Server Microsoft Dynamics CRM


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016

138
In questa sezione vengono illustrate le linee guida consigliate e le procedure per installare il Server
Microsoft Dynamics CRM 2016 in una distribuzione in cui è già disponibile la versione precedente di
Microsoft Dynamics CRM Server.

Opzioni di aggiornamento
Sono disponibili tre opzioni di aggiornamento:
• .Migrazione mediante una nuova istanza di Microsoft SQL ServerQuesta opzione è consigliata per
l'aggiornamento di Microsoft Dynamics CRM Server.Anche se questo tipo di aggiornamento
richiede un altro computer per la nuova versione di Microsoft Dynamics CRM Server e un'altra
istanza di SQL Server, consente di ridurre al minimo l'eventuale tempo di inattività per gli utenti di
Microsoft Dynamics CRM poiché la precedente distribuzione di Microsoft Dynamics CRM può
rimanere in funzione fino al completamento e alla verifica dell'aggiornamento.
• .Migrazione mediante la stessa istanza di SQL ServerQuesto metodo richiede l'utilizzo di un
altro computer per la nuova versione di Microsoft Dynamics CRM Server, ma consente di eseguire
l'aggiornamento sul posto del database di configurazione e del database dell'organizzazione
predefinito mediante la stessa istanza di SQL Server.Se si verificano problemi durante
l'aggiornamento, sarà necessario ripristinare la distribuzione precedente per evitare tempi di
inattività significativi.
• .Aggiornamento sul postoAnche se questo metodo non richiede l'utilizzo di un altro computer per
la nuova versione di Microsoft Dynamics CRM Server o di un'altra istanza di SQL Server, potrebbe
risultare il più rischioso nel caso si verificassero problemi durante l'aggiornamento poiché
richiederebbe il ripristino e la reinstallazione della distribuzione precedente per evitare eventuali
tempi di inattività.

In questa sezione
Preparativi per l'aggiornamento del server di Microsoft Dynamics CRM
Eseguire l'aggiornamento da Microsoft Dynamics Server 2015
Aggiornamento da Dynamics CRM Server 2013 o Dynamics Server 2011
Aggiornare le Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM
Dopo l'aggiornamento
© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Preparativi per l'aggiornamento del server di


Microsoft Dynamics CRM
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Per preparare l'aggiornamento, attenersi alle linee guida di questa sezione.
I ruoli del Microsoft Dynamics CRM 2015 non sono compatibili con la distribuzione di Microsoft
Dynamics CRM 2016.Pertanto, dopo aver eseguito l'aggiornamento del primo Server Microsoft

139
Dynamics CRM 2015, gli altri server Microsoft Dynamics CRM 2015 in esecuzione nella distribuzione
verranno disabilitati.Ciascun server verrà abilitato in seguito al relativo aggiornamento.

Importante
Per ogni organizzazione da aggiornare, è consigliabile disporre di uno spazio libero sul volume pari
almeno a tre volte le dimensioni del file del database dell'organizzazione e a quattro volte le dimensioni
del file di registro.Ad esempio, se il file del database dell'organizzazione e il file di registro si trovano
nello stesso volume e sono di dimensioni totali pari a un gigabyte, è consigliabile disporre di almeno
sette gigabyte di spazio libero su disco prima di eseguire l'aggiornamento.

Tempo di inattività stimato dovuto all'aggiornamento


In questa sezione vengono illustrate le procedure consigliate per gestire il periodo di inattività della
distribuzione di Microsoft Dynamics CRM a cui si verrà sottoposti durante l'aggiornamento.
• Aggiornamento in un ambiente di prova per stimare la durata del tempo di inattività e per
determinare i problemi che si potrebbero verificare a seguito dell'aggiornamento.Ulteriori
informazioni:Aggiornare la distribuzione di Microsoft Dynamics
• Prendere in considerazione un approccio per gradi per eseguire l'aggiornamento.
• Solo aggiornamento di Microsoft Dynamics CRM Server (aggiornamento binario).A tale scopo,
non specificare un'organizzazione durante l'aggiornamento.

Importante
Dopo l'aggiornamento di Microsoft Dynamics CRM Server l'aggiornamento viene completato, tutte
le organizzazioni di Microsoft Dynamics CRM 2015 verranno disabilitate e non è possibile
abilitarle fino a che non vengono aggiornate.

• Aggiornamento organizzazioni.Utilizza il comando Import-CrmOrganizationWindows


PowerShell per aggiornare ogni organizzazione.Per ulteriori informazioni, vedereAmministrare
la distribuzione utilizzando Windows PowerShell
In alternativa, è possibile utilizzare Gestione distribuzione per aggiornare singolarmente ogni
organizzazione.

Prerequisiti software
Prima di eseguire l'aggiornamento, è consigliabile installare o abilitare i componenti seguenti nel
computer in cui è stato installato Server Microsoft Dynamics CRM 2016 o in cui verrà migrato Microsoft
Dynamics CRM:
• .NET Framework 4.5.2
• Microsoft SQL Server Native Client
• Strumento Segnalazione errori applicazioni Microsoft
• Microsoft URL Rewrite Module per IIS

140
Se questi componenti non sono disponibili al momento dell'esecuzione dell'aggiornamento, verranno
installati automaticamente.Per ridurre i tempi di elaborazione dell'aggiornamento, è tuttavia
consigliabile installare in anticipo tali componenti.Questi componenti sono disponibili nella cartellaredist

Vedere anche
Aggiornare un Server Microsoft Dynamics CRM
Eseguire l'aggiornamento da Microsoft Dynamics Server 2015

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Eseguire l'aggiornamento da Microsoft


Dynamics Server 2015
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
In questa sezione viene descritto come eseguire l'aggiornamento sul posto in Server Microsoft
Dynamics CRM 2015.Se si verificano problemi durante l'aggiornamento, vedereRisoluzione dei
problemi relativi all'installazione e all'aggiornamento

Attenzione
L'esecuzione della procedura seguente potrebbe comportare tempi di inattività dell'applicazione
significativi in caso di problemi durante l'aggiornamento.Anziché utilizzare un metodo di aggiornamento
che potrebbe influire negativamente sulla distribuzione della produzione, è consigliabile eseguire la
migrazione della distribuzione.Ulteriori informazioni:Opzioni di aggiornamento di Microsoft Dynamics
Server

Importante
Prima di eseguire il programma di installazione, è consigliabile eseguire il backup dei dati di Microsoft
Dynamics CRM, inclusi i report e le personalizzazioni.Prima di eseguire il programma di installazione è
inoltre consigliabile implementare la strategia di backup seguente:
1. Configurare i database di Microsoft Dynamics CRM della distribuzione esistente utilizzando un
modello di recupero con registrazione minima.
2. Eseguire un backup completo dei database di configurazione, dei database dell'organizzazione e
dei registri delle transazioni.
Ulteriori informazioni: Eseguire il backup del sistema Microsoft Dynamics 365

Importante
• Solo le versioni di Microsoft Dynamics CRM 2015 possono essere aggiornate.Per informazioni
sull'aggiornamento nelle versioni precedenti di Microsoft Dynamics CRM, vedereAggiornamento da
Dynamics CRM Server 2013 o Dynamics Server 2011

141
• Per aggiornare una distribuzione esistente di Microsoft Dynamics CRM l'utente che esegue Server
Microsoft Dynamics CRM 2016Configurazione deve essere membro del gruppo Amministratori
distribuzione.Deve inoltre disporre dell'autorizzazionedb_ownersysadminPer ulteriori informazioni
su come aggiungere un membro al gruppo Amministratori distribuzione, vedi il comando Windows
PowerShellthe New-CrmDeploymentAdministratorPer ulteriori informazioni, vedereImpostare le
proprietà utilizzando i cmdlet di PowerShellIn alternativa, è possibile utilizzare Gestione
distribuzione.Per ulteriori informazioni su come concedere le autorizzazioni in SQL Server, vedere
la guida di SQL Server Management Studio.

Attività da eseguire prima dell'aggiornamento


• È consigliabile installare gliAggiornamenti di Microsoft Dynamics CRM
• Soddisfare tutti i requisiti specificati inRequisiti hardware per il server di Microsoft Dynamics
365Requisiti software per il Server Microsoft Dynamics 365
• Accedere al dominio come utente con autorizzazioni di amministratore.
• La replica di SQL Server non è supportata con Microsoft Dynamics CRM.Se si esegue la replica di
SQL Server, disabilitare la replica.
• Disinstallare Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM se non è installato nello stesso
computer di Server Microsoft Dynamics CRM 2015.Ulteriori informazioni:Disinstalla o ripristina le
estensioni di report di Microsoft Dynamics 365
• Per determinare la posizione dei file di installazione di Microsoft Dynamics CRM, vedere il file
Leggimi diMicrosoft Dynamics CRM 2016 e di Microsoft Dynamics CRM Online

Eseguire l'aggiornamento

1. Nella cartella contenente i file di Microsoft Dynamics CRM andare alla cartella Server\amd64 e
quindi fare doppio clic suSetupServer.exe
2. Nella pagina di installazione delServer Microsoft Dynamics CRMRecupera aggiornamenti per
Microsoft Dynamics CRMFare clic suAvantiQuando il programma di installazione termina il
controllo degli aggiornamenti, fare di nuovo clic suAvanti

Importante
Affinché la funzionalitàRecupera aggiornamenti per Microsoft Dynamics CRM
• Disporre di una connessione Internet nel computer in cui è in esecuzione il programma di
installazione.
• Abilitare Microsoft Update per "altri prodotti Microsoft" nel computer Windows Server in cui è in
esecuzione Server Microsoft Dynamics CRM 2016Configurazione.

142
3. Nella paginaInformazioni codice Product KeyCodice Product KeyAvanti

Nota
Se si è acquistato Microsoft Dynamics CRM tramite un programma di Microsoft Volume Licensing, il
codice di licenza si trova nel filelicense.txt

4. Leggere le informazioni visualizzate nella paginaContratto di LicenzaAccetto il Contratto di


LicenzaAccetto
5. Se viene rilevata la mancanza di alcuni componenti, verrà visualizzata la paginaInstalla
componenti necessari
• Se i componenti necessari sono già installati, questa pagina non verrà visualizzata.
• Se i componenti necessari elencati non sono ancora stati installati, è possibile installarli da
questa pagina.Fare clic suInstallaAl termine dell'installazione dei componenti la colonna dello
stato cambia daInstallazione non eseguitaInstallazione eseguitaAvanti

Nota
Se richiesto, riavviare il computer, quindi eseguire nuovamente il programma di installazione.

6. Nella paginaAggiornamento a Microsoft Dynamics CRM<Nessuno>Prima di selezionare


un'organizzazione, tenere presente quanto segue:
• Si noti che qualsiasi organizzazione non aggiornata verrà disattivata dopo aver completato
l'aggiornamento.Per migliorare le organizzazioni al termine dell'installazione, utilizza il
comandoImport-CrmOrganizationIn alternativa, è possibile utilizzare Gestione distribuzione.
Fare clic suAvanti
7. Nella paginaImpostazione account di servizioÈ possibile utilizzare gli account di servizio esistenti
o specificarne di nuovi.Per informazioni sulle autorizzazioni necessarie per eseguire questi servizi
vedereAutorizzazioni minime necessarie per l'installazione e i servizi di Microsoft Dynamics CRM
8. Per utilizzare la sincronizzazione lato server e/o Microsoft Dynamics CRM 2016 per Outlook per la
distribuzione, lasciare la casella vuota.Ulteriori informazioni: L'argomento a cui si fa riferimento
http://technet.microsoft.com/library/dn832099(CRM.8).aspx è disponibile solo online.
In caso contrario, nella paginaDefinizione impostazioni router di posta elettronicaNome server
router di posta elettronicaDa tale computer verrà effettuata la distribuzione dei messaggi di posta
elettronica di Microsoft Dynamics CRM.Se si lascia vuota la casella, ma successivamente si decide
di utilizzare il Router e-mail, è necessario aggiungere il computer in cui viene eseguito il servizio
Router e-mail (parte del Servizio asincrono) quando si utilizza il Sistema di rete oppure, se si
utilizza un account utente di dominio, al gruppo di sicurezza PrivUserGroup.
Fare clic suAvanti
9. Nella paginaSelezionare le preferenze per Microsoft UpdateAvantiÈ consigliabile utilizzare
Microsoft Update perché consente di mantenere il computer aggiornato e sicuro.Per ulteriori
informazioni sulla privacy e i termini legali di utilizzo di Microsoft Update, vedereDomande frequenti
su Microsoft Update

143
10. Verrà visualizzata la paginaControlli di sistemache include un riepilogo di tutti i requisiti necessari
per una corretta installazione, nonché consigli su come procedere.Prima di continuare, è
necessario correggere gli eventuali errori.Se non vengono visualizzati errori o vengono visualizzati
solo avvisi, sarà possibile continuare l'installazione.A tale scopo, fare clic suAvanti
11. Verrà visualizzata la paginaAvviso di interruzione dei serviziin cui sono elencati tutti i servizi che
verranno interrotti o riavviati durante l'installazione.Verificare l'idoneità dei servizi che verranno
arrestati o riavviati e quindi fare clic suAvanti
12. Controllare la paginaInizio aggiornamento applicazioneIndietroPer continuare, fare clic
suInstalla
Se il programma di installazione viene completato correttamente, verrà visualizzata la pagina
Installazione del server Microsoft Dynamics CRM completata.Se l'istanza del server di report
specificata durante questa installazione punta al computer locale in cui è installato Microsoft
Dynamics CRM, nel programma di installazione sarà disponibile un'opzione che consente di
richiamare l'Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRMConfigurazione.
13. Per la distribuzione server completo in esecuzione nel computer Microsoft SQL Server Reporting
Services, selezionare la casella di controlloInstallazione delle estensioni di report di Microsoft
Dynamics CRMFare clic suFine

Importante
• Terminato l'aggiornamento, è necessario installare Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM
per creare, eseguire e pianificare report in Microsoft Dynamics 365.Per istruzioni, vedereInstalla
Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM
• Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM non può essere installata prima dell'installazione o
dell'aggiornamento di Microsoft Dynamics CRM Server.
• Se è stato eseguito il provisioning dei Language Pack nella distribuzione, per continuare a utilizzare
più lingue, aggiornare ogni Language Pack a Microsoft Dynamics CRM 2016, quindi eseguirne il
provisioning.Ulteriori informazioni:Aggiornare e abilitare un Language Pack
• Si noti che il programma di installazione attiva la compressione HTTP sul server che esegue l'IIS in
cui è installata l'applicazione Web.Se si desidera utilizzare un altro metodo per comprimere le
comunicazioni HTTP, è possibile disattivare questa funzionalità al termine dell'installazione.A tale
scopo, avviare Gestione Internet Information Services (IIS), scegliere il sito Web, fare doppio clic
suCompressione

Vedere anche
Amministrare la distribuzione utilizzando Windows PowerShell
Aggiornare un Server Microsoft Dynamics CRM
Aggiornamento da Dynamics CRM Server 2013 o Dynamics Server 2011
Preparativi per l'aggiornamento del server di Microsoft Dynamics CRM

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

144
Aggiornamento da Dynamics CRM Server 2013
o Dynamics Server 2011
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Non è possibile aggiornare direttamente Microsoft Dynamics CRM 2013 o Microsoft Dynamics CRM
2011 a Microsoft Dynamics CRM 2016.Tuttavia puoi aggiornare una distribuzione di Microsoft
Dynamics CRM 2013 o Microsoft Dynamics CRM 2011 sul posto utilizzando un codice Product Key
Microsoft Dynamics CRM oppure eseguire la migrazione utilizzando un codice Product Key di una
versione di valutazione di Microsoft Dynamics CRM 2013 come passaggio provvisorio del processo di
aggiornamento.

In questo argomento
Procedure consigliate per l'aggiornamento di Dynamics CRM
Aggiornamento sul posto: aggiornare una distribuzione di CRM 2013 utilizzando un codice Product Key
valido di CRM 2015
Aggiornamento della migrazione: aggiornare una distribuzione di CRM 2013 utilizzando un codice
Product Key valido di una versione di valutazione di CRM 2015
Migrare da CRM 2011

Procedure consigliate per l'aggiornamento di


Dynamics CRM
• Prima di aggiornare Microsoft Dynamics CRM Server, accertati che tutti gli utenti di Microsoft
Dynamics CRM per Outlook impostino offline la sincronizzazione delle funzionalità con il server
Microsoft Dynamics CRM per inviare e ricevere i dati più recenti.
• Considerare la migrazione della distribuzione mediante una nuova istanza di SQL Server.Anche se
questo tipo di aggiornamento richiede un altro computer per il server Microsoft Dynamics CRM e
un'altra istanza di SQL Server, consente di ridurre al minimo l'eventuale tempo di inattività per gli
utenti di Microsoft Dynamics CRM poiché la distribuzione esistente di Microsoft Dynamics CRM
può rimanere in funzione fino al completamento e alla verifica dell'aggiornamento.
• Quando si esegue la migrazione della distribuzione da Microsoft Dynamics CRM 2013 a Microsoft
Dynamics CRM 2016, è possibile creare distribuzioni separate per CRM 2015 e Microsoft
Dynamics CRM 2016 contemporaneamente.Una volta verificate le distribuzioni, puoi importare le
organizzazioni di Microsoft Dynamics CRM 2013 nella distribuzione di CRM 2015 e quindi
importarle rapidamente nella distribuzione di Microsoft Dynamics CRM 2016, come descritto
nell'argomento seguenteAggiornamento della migrazione: aggiornare una distribuzione di CRM
2013 utilizzando un codice Product Key valido di una versione di valutazione di CRM 2015Poiché
la distribuzione di CRM 2015 è solo temporanea, la distribuzione di CRM 2015 può essere creata
come macchina virtuale.

145
Aggiornamento sul posto: aggiornare una
distribuzione di CRM 2013 utilizzando un codice
Product Key valido di CRM 2015
Tieni presente che l'esecuzione della procedura seguente potrebbe comportare tempi di inattività
dell'applicazione significativi in caso di problemi durante l'aggiornamento sul posto del server Microsoft
Dynamics CRM di produzione.Anziché utilizzare un metodo di aggiornamento che potrebbe influire
negativamente sulla distribuzione di produzione, è consigliabile eseguire la migrazione della
distribuzione.Ulteriori informazioni:Eseguire l'aggiornamento da Microsoft Dynamics CRM 2013
1. Verifica che i server in cui è in esecuzione Microsoft Dynamics CRM 2013 soddisfino i requisiti
minimi per hardware e software.Ulteriori informazioni:Requisiti hardware per il server di Microsoft
Dynamics 365Requisiti software per il Server Microsoft Dynamics 365
2. Aggiornare Server Microsoft Dynamics CRM 2013 utilizzando un codice Product Key valido.A tale
scopo, seguire la procedura descritta in questo argomento:Eseguire l'aggiornamento da Microsoft
Dynamics CRM 2013 Server
3. Eseguire le attività successive all'aggiornamento, ad esempio installare Estensioni di report di
Microsoft Dynamics CRM.Dopo l'aggiornamento: procedure successive all'aggiornamento dei
server
4. Gli utenti di Microsoft Dynamics CRM 2013 per Outlook devono essere aggiornati a Microsoft
Dynamics CRM 2015 per Outlook.Ulteriori informazioni:Aggiornare a Microsoft Dynamics CRM
2015 per Outlook
5. Aggiornare Server Microsoft Dynamics CRM 2015 a Server Microsoft Dynamics CRM 2016.Ulteriori
informazioni:Eseguire l'aggiornamento da Microsoft Dynamics Server 2015

Importante
Microsoft Dynamics CRM 2013 per Outlook non è compatibile con Server Microsoft Dynamics CRM
2016.Gli utenti Microsoft Dynamics CRM 2013 per Outlook devono essere aggiornati ad almeno
Microsoft Dynamics CRM 2015 per Outlook per la compatibilità con Server Microsoft Dynamics
CRM 2016.Ulteriori informazioni: L'argomento a cui si fa riferimento
http://technet.microsoft.com/library/dn832152(CRM.8).aspx è disponibile solo online.

6. Per gli utenti che richiedono la modalità offline, aggiornare Dynamics CRM 2015 per Outlook a
Microsoft Dynamics CRM 2016 per Outlook.Ulteriori informazioni: L'argomento a cui si fa
riferimento http://technet.microsoft.com/library/hh699711(CRM.8).aspx è disponibile solo online.

146
Aggiornamento della migrazione: aggiornare una
distribuzione di CRM 2013 utilizzando un codice
Product Key valido di una versione di valutazione di
CRM 2015
Notare che quando si utilizza il codice Product Key di una versione di valutazione di Microsoft
Dynamics CRM 2015 non è possibile eseguire l'aggiornamento di Microsoft Dynamics CRM 2013 sul
posto.È invece necessario creare una nuova distribuzione di Microsoft Dynamics CRM 2015 e quindi
eseguire la migrazione delle organizzazioni di Microsoft Dynamics CRM 2013 nella nuova distribuzione
di Microsoft Dynamics CRM 2015.

1. Creare una nuova distribuzione.Operazioni da eseguire


• Almeno un computer Windows Server in cui è in esecuzione IIS.
• Sebbene sia possibile eseguire SQL Server nello stesso computer in cui è in esecuzione IIS, è
consigliabile avere almeno un computer SQL Server dedicato da utilizzare per il motore di
database.
• Microsoft Dynamics CRM Server.Scaricare e installare ilServer Microsoft Dynamics CRM 2015I
codici Product Key della versione di valutazione sono inclusi nella descrizione del
download.Ulteriori informazioni:Installare il ruolo Server completo di Microsoft Dynamics CRM
in un server in cui Microsoft Dynamics CRM non è installato

Importante
Non è possibile eseguire sul posto l'aggiornamento da Server Microsoft Dynamics CRM 2013 a Server
Microsoft Dynamics CRM 2015 utilizzando un codice Product Key della versione di valutazione.È
necessario creare una nuova distribuzione.
Le versioni di valutazione di Microsoft Dynamics CRM Server possono essere utilizzate entro un
periodo di 90 giorni, trascorsi i quali è necessario immettere un codice Product Key valido.
Per fare in modo che al programma di installazione vengano applicati gli aggiornamenti più recenti in
modo da semplificare l'aggiornamento, è consigliabile fare clic suRecupera aggiornamenti per
Microsoft Dynamics CRM

2. Nella nuova distribuzione della versione di valutazione di Server Microsoft Dynamics CRM 2015:
a. Installare Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM.

147
3. Impostare la modalità offline per la distribuzione di produzione di Microsoft Dynamics CRM
2013.Per informazioni su come disabilitare le organizzazioni e i server in Microsoft Dynamics CRM,
vediDisabilitare o abilitare un'organizzazioneDisabilitare o abilitare un server
4. Importare ogni organizzazione nella nuova distribuzione.Durante l'importazione, tutte le
organizzazioni verranno aggiornate.A tale scopo, eseguire il backup dei database
dell'organizzazione in SQL Server che gestisce i database dell'organizzazione di Microsoft
Dynamics CRM 2013 e ripristinare i database nel nuovo SQL Server.Quindi, utilizza il
comandoUpdate-CrmOrganization
5. Eseguire l'installazione o l'aggiornamento della nuova versione di valutazione di Server Microsoft
Dynamics CRM 2016 eseguendo le procedure descritte nell'argomentoInstallare o aggiornare il
server Microsoft Dynamics CRM

Importante
CRM 2013 per Outlook non è compatibile con Server Microsoft Dynamics CRM 2016.Gli utenti CRM
2013 per Outlook devono essere aggiornati ad almeno Dynamics CRM 2015 per Outlook per la
compatibilità con Server Microsoft Dynamics CRM 2016.Ulteriori informazioni: L'argomento a cui si
fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn832152(CRM.8).aspx è disponibile solo online.
Se si importa (migra) un'organizzazione di Microsoft Dynamics CRM 2015 in una nuova distribuzione di
Microsoft Dynamics CRM 2016, creare una copia della chiave di crittografia per ogni
organizzazione di Microsoft Dynamics CRM 2015 nella distribuzione.La chiave sarà necessaria
quando si importa un'organizzazione di Microsoft Dynamics CRM 2015 in una nuova distribuzione
di Microsoft Dynamics CRM 2016.Ulteriori informazioni: L'argomento a cui si fa riferimento
http://technet.microsoft.com/library/dn531199(CRM.8).aspx è disponibile solo online.

6. Nella nuova distribuzione di Microsoft Dynamics CRM 2016:


a. Installare Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM.
b. Importare ogni organizzazione di CRM 2015 nella nuova distribuzione.A tale scopo, utilizza il
comandoUpdate-CrmOrganization
c. Aggiornare le applicazioni facoltative a Microsoft Dynamics CRM 2016.
i. Aggiornare sul posto Dynamics CRM 2015 per Outlook.Ulteriori informazioni: L'argomento
a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/hh699711(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
ii. Disinstallare le applicazioni facoltative che non possono essere aggiornate sul posto, ad
esempio Router e-mail per Microsoft Dynamics CRM, e installare la versione di Microsoft
Dynamics CRM 2016 secondo le esigenze.
d. Aggiornare i record appropriati al server DNS in modo che i client Microsoft Dynamics CRM
vengano risolti nel nuovo server Microsoft Dynamics CRM.
7. Aggiornare Microsoft Dynamics CRM per Outlook.
a. Aggiornare sul posto le versioni di CRM 2013 di Microsoft Dynamics CRM per Outlook a CRM
2015.Ulteriori informazioni:Aggiornare a Microsoft Dynamics CRM 2015 per Outlook

Importante

148
Per utilizzare Microsoft Dynamics CRM Server, gli utenti di Microsoft Dynamics CRM per Outlook
devono disporre di Microsoft Dynamics CRM 2016 per Outlook o Dynamics CRM 2015 per
Outlook.Sebbene Dynamics CRM 2015 per Outlook sia compatibile con Server Microsoft Dynamics
CRM 2016, CRM 2013 per Outlook non lo è.Ulteriori informazioni: L'argomento a cui si fa
riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn832152(CRM.8).aspx è disponibile solo online.

8. Per gli utenti che richiedono la funzionalità di attivazione della modalità offline, aggiorna Dynamics
CRM 2015 per Outlook a Microsoft Dynamics CRM 2016 per Outlook.

Migrare da CRM 2011


È possibile utilizzare una procedura analoga per eseguire la migrazione da CRM 2011 a Microsoft
Dynamics CRM 2016.A tale scopo, devi includere l'attività preliminare di migrare le organizzazioni CRM
2011 aCRM 2013, quindi puoi seguire la procedura descritta in precedenze per migrare le
organizzazioni CRM 2013 a CRM 2015 prima di completare l'aggiornamento a Microsoft Dynamics
CRM 2016.Per informazioni su come eseguire la migrazione da CRM 2011 a CRM 2013,
vediAggiornare da Microsoft Dynamics CRM Server 2011

Vedere anche
Eseguire l'aggiornamento da Microsoft Dynamics Server 2015
Aggiornare le Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Aggiornare le Estensioni di report di Microsoft


Dynamics CRM
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Le Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM non sono supportate per l'aggiornamento sul
posto.Per eseguire l'aggiornamento alla nuova versione, è necessario prima disinstallare la versione
esistente.
Per aggiornare Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM, eseguire le operazioni seguenti:
1. Soddisfare tutti i requisiti specificati inRequisiti di report di Microsoft Dynamics 365
2. Disinstallare la versione esistente di Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM.
3. Prima di eseguire la nuova versione di Estensioni di report di Microsoft Dynamics
CRMConfigurazione, esegui l'aggiornamento a Server Microsoft Dynamics CRM 2015.Ulteriori
informazioni:Eseguire l'aggiornamento da Microsoft Dynamics Server 2015
4. Accedere al computer in cui è installato il Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM come
utente con privilegi di amministratore locale.
5. Nella cartella..\Server\amd64\SrsDataConnectorSetupSrsDataConnector.exe

149
6. Seguire le istruzioni visualizzate.Ulteriori informazioni:Installa Estensioni di report di Microsoft
Dynamics CRM

Vedere anche
Aggiornare un Server Microsoft Dynamics CRM
Aggiornamento da Dynamics CRM Server 2013 o Dynamics Server 2011
Dopo l'aggiornamento
Risoluzione dei problemi relativi all'installazione e all'aggiornamento

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Dopo l'aggiornamento
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Al termine dell'aggiornamento eseguito dal programma di installazione, effettuare le attività seguenti.

Procedure successive all'aggiornamento dei server


Eseguire le procedure successive all'aggiornamento del server
1. Se si dispone di altri server con bilanciamento del carico di rete o di ruoli server di Microsoft
Dynamics 365 installati in altri computer, aggiornare oppure disinstallare e reinstallare Microsoft
Dynamics 365 in tali server come descritto inInstallare i ruoli Front-end e Back-end di Microsoft
Dynamics CRM
2. Installare le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365.Devi installare Estensioni di report di
Microsoft Dynamics 365 prima di poter importare e aggiornare le organizzazioni non aggiornate
durante l'esecuzione di Installazione server Microsoft Dynamics CRM.
3. Se è stato eseguito il provisioning dei Language Pack nella distribuzione, scaricare e installare il
Language Pack di Microsoft Dynamics 365 per le lingue desiderate.Ulteriori
informazioni:Aggiornare e abilitare un Language Pack
4. Installare gli ultimi pacchetti di aggiornamento cumulativo.
5. Se necessario, importare le organizzazioni.Durante l'importazione, ogni organizzazione verrà
aggiornata.A tale scopo, utilizzare il comando Import-CrmOrganization di Windows PowerShell.In
alternativa, è possibile utilizzare Gestione distribuzione di Microsoft Dynamics 365.
6. In Gestione report di Microsoft SQL Server Reporting Services ricreare tutte le origini dati
personalizzate nelle cartelleNomeOrganizzazione
7. Alcuni dati dell'organizzazione vengono crittografati utilizzando le chiavi di crittografia.Tali chiavi
devono essere copiate nell'ambito delle procedure di ripristino in caso di errore.Ulteriori
informazioni: L'argomento a cui si fa riferimento
http://technet.microsoft.com/library/dn531199(CRM.8).aspx è disponibile solo online.

150
8. Verificare che i processi di sistema e i flussi di lavoro siano in esecuzione.
9. Anche se non è necessario, è consigliabile registrare Microsoft Dynamics 365.

Procedure successive all'aggiornamento dei client


Per semplificare il processo di aggiornamento, Microsoft Dynamics CRM 2015 per Outlook è
compatibile con Server Microsoft Dynamics 365.

Importante
Per disporre della funzionalitàPassare alla modalità offline

Client di aggiornamento
1. Esegui Dynamics 365 per Outlook nei computer di ogni utente di Dynamics 365 per Outlook.Per
distribuire l'aggiornamento, utilizzare Microsoft System Center o Criteri di gruppo Microsoft per
eseguire il push dell'aggiornamento nei computer degli utenti.Per ulteriori informazioni sulla
distribuzione dei Criteri di gruppo, vedere L'argomento a cui si fa riferimento
http://technet.microsoft.com/library/hh699775(CRM.8).aspx è disponibile solo online.
2. Dopo aver completato l'aggiornamento, verificare che Dynamics 365 per Outlook disponga degli
aggiornamenti più recenti.
3. Verificare il corretto funzionamento da Microsoft Outlook e dal client Web Microsoft Dynamics 365.
Ulteriori informazioni: L'argomento a cui si fa riferimento
http://technet.microsoft.com/library/hh699711(CRM.8).aspx è disponibile solo online.

Vedere anche
Aggiornare un Server Microsoft Dynamics CRM
Configurare IFD per Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Configurare IFD per Microsoft Dynamics 365


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Dynamics 365 (locale) utilizza l'autenticazione basata sulle attestazioni per autenticare gli utenti interni
e per abilitare l'accesso Internet per gli utenti che non utilizzano VPN.
Nell'autenticazione basata sulle attestazioni, un provider di identità che contiene un servizio token di
sicurezza risponde alle richieste di autenticazione ed emette token di sicurezza SAML che includono
qualsiasi numero di attestazioni su un utente, ad esempio un nome utente e i gruppi a cui l'utente
appartiene.Un'applicazione relying party riceve il token SAML e utilizza le attestazioni contenute per
decidere se concedere l'accesso client alla risorsa richiesta.L'autenticazione basata sulle attestazioni

151
può essere utilizzata per autenticare gli utenti interni dell'organizzazione, gli utenti esterni e gli utenti di
organizzazioni partner.
In questa sezione vengono forniti i passaggi necessari per configurare Distribuzione con connessione
Internet utilizzando l'autenticazione basata sulle attestazioni.Molte altre informazioni concettuali e
procedurali sono disponibili nel white paper relativo allaconfigurazione dell'autenticazione basata sulle
attestazioni per il server Microsoft Dynamics CRM

In questa sezione
Implementare l'autenticazione basata sulle attestazioni: accesso interno
Implementare l'autenticazione basata sulle attestazioni: accesso esterno
Dynamics 365 per tablet e IFD
Dynamics 365 per telefoni e IFD
Configurare Microsoft Dynamics 365 per Outlook per l'utilizzo dell'autenticazione basata sulle
attestazioni
Risoluzione dei problemi per la distribuzione IFD del Server Microsoft Dynamics 365

Vedere anche
Installare o aggiornare il server Microsoft Dynamics CRM
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/hh699800(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Implementare l'autenticazione basata sulle


attestazioni: accesso interno
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Per abilitare l'autenticazione basata sulle attestazioni per l'accesso interno ai dati di Server Microsoft
Dynamics 365 sono richiesti i passaggi seguenti:
1. Distribuire e configurare AD FS.
2. Configurare il server Microsoft Dynamics 365 per l'autenticazione basata sulle attestazioni.
3. Configurare il server AD FS per l'autenticazione basata sulle attestazioni.
4. Testare l'autenticazione basata sulle attestazioni interna.
L'autenticazione basata sulle attestazioni non è un requisito per l'accesso intranet di Server Microsoft
Dynamics 365.Tuttavia, l'autenticazione basata sulle attestazioni è richiesta per l'accesso IFD di
Microsoft Dynamics 365.

In questa sezione
Distribuire e configurare AD FS

152
Configurare il server Microsoft Dynamics 365 per l'autenticazione basata sulle attestazioni
Configurare il server AD FS per l'autenticazione basata sulle attestazioni
Aggiungere il sito Web di AD FS all'area di sicurezza Intranet locale
Testare l'autenticazione basata sulle attestazioni interna

Vedere anche
Configurare IFD per Microsoft Dynamics 365
Implementare l'autenticazione basata sulle attestazioni: accesso esterno

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Distribuire e configurare AD FS
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Con Server Microsoft Dynamics 365 è possibile utilizzare vari provider di identità.Questo documento
utilizza Active Directory Federation Services (AD FS) per il servizio token di sicurezza.Per informazioni
sulla configurazione della distribuzione della federazione di identità tra AD FS e altri provider di identità,
vedere:Guide dettagliate e procedure su AD FS 2.0

Importante
Se si distribuisce in Windows Server 2012 e si desidera installare AD FS nello stesso server di
Microsoft Dynamics 365, AD FS viene installato nel sito Web predefinito.Prima di installare AD FS, è
necessario creare un nuovo sito Web per Server Microsoft Dynamics 365.
Questo non si applica a Windows Server 2012 R2 poiché AD FS in Windows Server 2012 R2 non
dipende da IIS.

Distribuire un server federativo


Per informazioni sulla distribuzione di un server AD FS, vedereDistribuzione di AD FS

Configurare AD FS per Windows Server 2012 R2


Per configurare AD FS come server federativo autonomo per l'autenticazione basata sulle attestazioni
di Server Microsoft Dynamics 365, eseguire le operazioni seguenti:
1. Aprire l'Aggiunta guidata ruoli e funzionalitàActive Directory Federation Services
2. Procedere con la procedura guidata.Fare clic suConfigurare il servizio federativo nel server
3. Nella pagina iniziale della Configurazione guidata di Active Directory Federation Services scegliere
un'opzione per un server federativo e quindi fare clic suAvanti
4. Procedere con la procedura guidata.Nella paginaImpostazione proprietà del servizioNome
servizio federativoNome visualizzato servizio federazione

153
Nota
Aggiungere il nome servizio federativo solo se si utilizza un certificato con caratteri jolly per il sito Web
AD FS.
Se si installa AD FS e Server Microsoft Dynamics 365 nello stesso server, non utilizzare lo stesso URL
per il nome servizio federativo e l'accesso basato su attestazioni interno in Server Microsoft
Dynamics 365.Ad esempio, si utilizza per sts1.contoso.com il nome servizio federativo, non
utilizzare https://sts1.contoso.com per l'accesso ai dati di Microsoft Dynamics 365 interni.

5. Proseguire e completare laConfigurazione guidata di Active Directory Federation


ServicesChiudere l'Aggiunta guidata ruoli e funzionalità
6. Se non si è ancora creato un record host in DNS per il nome del server federativo specificato nel
passaggio 4, crearlo ora.
Per ulteriori informazioni, vedereConfigurare un server federativo

Verifica dell'installazione AD FS
Utilizzare i passaggi seguenti per verificare l'installazione di AD FS:
1. Nel server AD FS aprire Internet Explorer.

154
2. Passare all'URL dei metadati di federazione.Ad esempio,
https://sts1.contoso.com/federationmetadata/2007-06/federationmetadata.xml.
Potrebbe essere necessario abilitareVisualizzazione Compatibilità
3. Verificare che non vengano visualizzati avvisi relativi ai certificati.Se necessario, controllare il
certificato e le impostazioni DNS.

Vedere anche
Implementare l'autenticazione basata sulle attestazioni: accesso interno

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Configurare il server Microsoft Dynamics 365


per l'autenticazione basata sulle attestazioni
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Dopo aver installato AD FS, è necessario impostare il tipo di binding Server Microsoft Dynamics 365 e
domini radice prima per abilitare l'autenticazione basata sulle attestazioni.

155
In questo argomento
Impostare il binding del server Microsoft Dynamics 365 su HTTPS e configurare gli indirizzi Web dei
domini radice
Account CRMAppPool e certificato di crittografia di Microsoft Dynamics CRM
Configurazione dell'autenticazione basata sulle attestazioni mediante la Configurazione guidata
autenticazione basata sulle attestazioni
Configurazione dell'autenticazione basata sulle attestazioni mediante Windows PowerShell
Impostare le autorizzazioni Lettura per l'account ADFSAppPool

Impostare il binding del server Microsoft Dynamics


365 su HTTPS e configurare gli indirizzi Web dei
domini radice

1. Nel server Microsoft Dynamics 365 avviare Gestione distribuzione.


2. Nel riquadroAzioniProprietà
3. Fare clic sulla schedaIndirizzo Web
4. InTipo di bindingHTTPS
5. Verificare che gli indirizzi Web siano validi per il certificato TLS/SSL e la porta TLS/SSL sia
associata al sito Web di Microsoft Dynamics 365.Poiché si configura Server Microsoft Dynamics
365 per utilizzare l'autenticazione basata sulle attestazioni per l'accesso interno, utilizzare il nome
host per gli indirizzi Web dei domini radice.
Ad esempio, per un certificato con caratteri jolly *.contoso.com, occorre utilizzare
internalcrm.contoso.com per gli indirizzi Web.
Se si installa AD FS e Server Microsoft Dynamics 365 in server distinti, non specificare la porta 443
per Server applicazione Web, Servizio Web organizzazione o Servizio Web di individuazione.

156
6. Fare clic suOK

Avviso
Se i client Dynamics 365 per Outlook sono stati configurati utilizzando i precedenti valori di binding,
sarà necessario configurare tali client con i nuovi valori.

Account CRMAppPool e certificato di crittografia di


Microsoft Dynamics CRM
Il certificato specificato in Configurazione guidata autenticazione basata sulle attestazioni viene
utilizzato da AD FS per crittografare i token di sicurezza inviati al client Server Microsoft Dynamics
365.L'account CRMAppPool di ogni applicazione Web Microsoft Dynamics 365 deve disporre
dell'autorizzazione di lettura per la chiave privata del certificato di crittografia.
1. Nel server Microsoft Dynamics 365 creare una Microsoft Management Console (MMC) con la
console snap-inCertificatiComputer locale

157
2. Nell'albero della console espandere il nodoCertificati (Computer locale)PersonaleCertificati
3. Nel riquadro dei dettagli fare clic con il pulsante destro del mouse sul certificato di crittografia
specificato nella Configurazione guidata autenticazione basata sulle attestazioni, scegliereTutte le
attivitàGestisci chiavi private
4. Fare clic suAggiungiCRMAppPoolLettura

Nota
È possibile utilizzare Gestione IIS per determinare l'account utilizzato durante l'installazione per
l'account CRMAppPool.Nel riquadro Connessioni fare clic su Pool di applicazioni e quindi
controllare il valore Identità per CRMAppPool.

5. Fare clic suOK

Configurazione dell'autenticazione basata sulle


attestazioni mediante la Configurazione guidata
autenticazione basata sulle attestazioni
Eseguire Configurazione guidata autenticazione basata sulle attestazioni per abilitare l'autenticazione
basata sulle attestazioni nel Server Microsoft Dynamics 365.

158
1. Nel server Microsoft Dynamics 365 avviare Gestione distribuzione.
2. Nell'albero della console diGestione distribuzioneMicrosoft Dynamics 365Configura
autenticazione basata sulle attestazioni
3. Verificare il contenuto della pagina, quindi fare clic suAvanti
4. Nella paginaSpecificare il servizio token di sicurezza
In genere questi dati si trovano nel sito Web in cui è in esecuzione Active Directory Federation
Services.Per verificare l'URL corretto, aprire un browser Internet e visualizzare l'URL dei metadati
di federazione.Verificare che non vengano visualizzati avvisi relativi ai certificati.
Potrebbe essere necessario abilitareVisualizzazione Compatibilità
5. Fare clic suAvanti
6. Nella paginaSpecificare il certificato di crittografia
• Nella casellaCertificato
• InCertificatoSeleziona
Questo certificato viene utilizzato da AD FS per crittografare i token di sicurezza dell'autenticazione
inviati al client Microsoft Dynamics 365.

Nota
L'account di servizio di Microsoft Dynamics 365 deve disporre delle autorizzazioni di lettura per la
chiave privata del certificato di crittografia.Per ulteriori informazioni, vedere l'argomento "Account
CRMAppPool e certificato di crittografia Microsoft Dynamics 365" precedente.

7. Fare clic suAvanti


Il token e il certificato specificati verranno verificati dalla Configurazione guidata autenticazione
basata sulle attestazioni.
8. Nella paginaControlli di sistemaAvanti
9. Nella paginaControllare le impostazioni selezionate, quindi fare clic su ApplicaApplica
10. Prendere nota dell'URL da utilizzare per aggiungere la relying party al servizio token di
sicurezza.Visualizzare e salvare il file di registro per riferimento futuro
11. Fare clic suFine

Configurazione dell'autenticazione basata sulle


attestazioni mediante Windows PowerShell

1. Nel server Microsoft Dynamics 365 aprire un prompt di Windows PowerShell.


2. Aggiungere lo snap-in di Microsoft Dynamics 365Windows PowerShell:
PS > Add-PSSnapin Microsoft.Crm.PowerShell

159
3. Recuperare le impostazioni dell'autenticazione basata sulle attestazioni:
PS > $claims = Get-CrmSetting -SettingType "ClaimsSettings"

4. Configurare l'oggetto dell'autenticazione basata sulle attestazioni:


PS > $claims.Enabled = 1 (or $true) PS > $claims.EncryptionCertificate =
certificate_namePS > $claims.FederationMetadataUrl = federation_metadata_URL
Dove:
• 1 = "true".
• è il nome del certificato di crittografia.certificate_name
• è l'URL dei metadati di federazione per il servizio token di
sicurezza.federation_metadata_URLAd esempio,
https://sts1.contoso.com/federationmetadata/2007-06/federationmetadata.xml.
5. Impostare i valori dell'autenticazione basata sulle attestazioni:
PS > Set-CrmSetting $claims

Impostare le autorizzazioni Lettura per l'account


ADFSAppPool
Se si installa AD FS in un server distinto, verificare che l'account utilizzato per il pool di applicazioni
ADFSAppPool disponga di autorizzazioniLetturaPer i passaggi della procedura vedere l'argomento
"Account CRMAppPool e certificato di crittografia Microsoft Dynamics 365" precedente.

Vedere anche
Implementare l'autenticazione basata sulle attestazioni: accesso interno

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Configurare il server AD FS per l'autenticazione


basata sulle attestazioni
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Dopo avere attivato l'autenticazione basata sulle attestazioni, è necessario aggiungere e configurare il
provider di attestazioni e i trust delle relying party in AD FS.

Configurare il trust del provider di attestazioni


È necessario aggiungere una regola attestazione per recuperare l'attributo di nome dell'entità utente
(UPN) da Active Directory e inviarlo a Microsoft Dynamics 365 come UPN.

160
Configurare AD FS per l'invio dell'attributo UPN LDAP come
attestazione a una relying party
1. Nel server che esegue AD FS, avviare AD FS Management.
2. Nelriquadro di spostamentoRelazioni di trustAttendibilità provider di attestazioni
3. InAttendibilità provider di attestazioniActive DirectoryModifica regole attestazione
4. Nell'Editor regole attestazione, fare clic suAggiungi regola
5. Nell'elencoModello di regola attestazioneInviare attributi LDAP come attestazioniAvanti
6. Creare la regola seguente:
• Nome regola attestazione:Regola attestazione UPN
• Aggiungere il mapping seguente:
i. Archivio attributi:Active Directory
ii. Attributo LDAP:Nome dell'entità utente
iii. Tipo di attestazione in uscita:UPN
7. Fare clic suFineOK

Configurare un trust della relying party


Dopo aver abilitato l'autenticazione basata sulle attestazioni, è necessario configurare Server Microsoft
Dynamics 365 come una relying party per utilizzare le attestazioni da AD FS per l'autenticazione
dell'accesso basato su attestazioni interno.

1. Nel server che esegue AD FS, avviare AD FS Management.


2. Nelriquadro di spostamentoRelazioni di trustAttendibilità componente
3. Nel menuAzioniAggiungi attendibilità componente
4. Nell'Aggiunta guidata attendibilità componenteAvvia
5. Nella paginaSeleziona origine datiImporta dati sul componente pubblicati online o in una rete
locale
I metadati di federazione vengono creati durante l'installazione delle attestazioni.Utilizzare l'URL
elencato nell'ultima pagina della Configurazione guidata autenticazione basata sulle attestazioni
(prima di fare clic suFineVerificare che non vengano visualizzati avvisi relativi ai certificati.
6. Fare clic suAvanti
7. Nella paginaSpecifica nome visualizzatoAvanti
8. Nella paginaConfigura ora autenticazione a più fattoriAvanti
9. Nella paginaScegli regole di autorizzazione rilascioConsenti a tutti gli utenti l'accesso a
questo componenteAvanti
10. Nella paginaAggiunta attendibilitàIdentificatoriIdentificatori relying party
• https://internalcrm.contoso.com

161
Se l'identificatore è diverso diversi dall'esempio seguente, fare clic suIndietroAggiunta guidata
attendibilità componente
11. Fare clic suAvantiChiudi
12. Se viene visualizzato l'Editor regole attestazione, fare clic suAggiungi regolaIn caso contrario,
nell'elencoAttendibilità componenteModifica regole attestazioneAggiungi regola

Importante
Assicurarsi che la schedaRegole di trasformazione rilascio

13. Nell'elencoModello di regola attestazioneApplicare la funzione di pass-through o di filtro a


un'attestazione in ingressoAvanti
14. Creare la regola seguente:
• Nome regola attestazione:UPN pass-through
• Aggiungere il mapping seguente:
i. Tipo di attestazione in ingresso:UPN
ii. Pass-through di tutti i valori attestazione
15. Fare clic suFine
16. Nell'Editor regole attestazioneAggiungi regolaModello di regola attestazioneApplicare la
funzione di pass-through o di filtro a un'attestazione in ingressoAvanti
17. Creare la regola seguente:
• Nome regola attestazione:SID primario pass-through
• Aggiungere il mapping seguente:
i. Tipo di attestazione in ingresso:SID primario
ii. Pass-through di tutti i valori attestazione
18. Fare clic suFine
19. Nell'Editor regole attestazioneAggiungi regola
20. Nell'elencoModello di regola attestazioneTrasformare un'attestazione in ingressoAvanti
21. Creare la regola seguente:
• Nome regola attestazione:Trasforma nome account Windows in
• Aggiungere il mapping seguente:
i. Tipo di attestazione in ingresso:Nome account Windows
ii. Tipo di attestazione in uscita:Nome
iii. Pass-through di tutti i valori attestazione
22. Fare clic suFineOK

162
La figura mostra le tre regole trust della relying create.
Il trust della relying party creato definisce il modo in cui AD FS Federation Service riconosce la relying
party Microsoft Dynamics 365 e invia attestazioni a essa.

Abilitare l'autenticazione basata su form


In AD FS in Windows Server 2012 R2, l'autenticazione basata su form non è abilitata per impostazione
predefinita.

1. Accedere al server AD FS come amministratore.


2. Aprire la console di gestione AD FS e fare clic suCriteri di autenticazione

163
3. InAutenticazione principaleImpostazioni globaliMetodi di autenticazioneModifica
4. InIntranetAutenticazione basata su formOK

Vedere anche
Implementare l'autenticazione basata sulle attestazioni: accesso interno

164
© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Aggiungere il sito Web di AD FS all'area di


sicurezza Intranet locale
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Poiché il sito Web AD FS viene caricato come nome di dominio completo, Internet Explorer lo inserisce
nell'areaInternetPer impostazione predefinita, i client Internet Explorer non passano ticket Kerberos ai
siti Web nell'areaInternetÈ necessario aggiungere il sito Web AD FS all'areaIntranet

Aggiungere il server AD FS all'area di sicurezza


intranet locale
1. In Internet Explorer fare clic suStrumentiOpzioni Internet
2. Fare clic sulla schedaSicurezzaIntranet localeSiti
3. Fare clic suAvanzate
4. InAggiungi il sito Web all'area
5. Fare clic suAggiungiChiudiOK
6. Selezionare la schedaAvanzateScorrere verso il basso e verificare che in Sicurezza sia
selezionatoAbilita autenticazione di Windows integrata
7. Fare clic suOK

Vedere anche
Implementare l'autenticazione basata sulle attestazioni: accesso interno

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Testare l'autenticazione basata sulle


attestazioni interna
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
A questo punto sarà possibile accedere internamente al Server Microsoft Dynamics 365 utilizzando
l'autenticazione basata sulle attestazioni.Passare alla pagina Web di Microsoft Dynamics 365 interna
(ad esempio, https://internalcrm.contoso.com).
Verrà richiesto di accedere più volte alla pagina Web di Microsoft Dynamics 365.Le successive visite al
sito Web di Microsoft Dynamics 365 richiederanno un solo accesso.Nel browser notare che viene
caricato l'URL di AD FS e quindi si è reindirizzati al server Microsoft Dynamics 365.

165
Risoluzione dei problemi
Se il sito Web Microsoft Dynamics 365 non viene visualizzato, dal prompt dei comandi eseguire il
comando iisreset e quindi provare nuovamente a passare al sito Web Microsoft Dynamics 365.
Provare ad aggiungere i siti seguenti ai siti attendibili del browser:
• https://sts1.contoso.com – modificare con quanto in uso in DNS
• https://internalcrm.contoso.com – modificare con quanto in uso in DNS

Vedere anche
Implementare l'autenticazione basata sulle attestazioni: accesso interno

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Implementare l'autenticazione basata sulle


attestazioni: accesso esterno
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Per abilitare l'autenticazione basata sulle attestazioni per l'accesso esterno ai dati di Server Microsoft
Dynamics 365, eseguire le operazioni seguenti:
1. Completare i passaggi nella sezione precedente, Implementazione dell'autenticazione basata sulle
attestazioni: accesso interno.
2. Configurare il Server Microsoft Dynamics 365 per IFD.
3. Configurare AD FS per IFD.
4. Testare l'autenticazione basata sulle attestazioni esterna.

In questa sezione
Configurare il server Microsoft Dynamics 365 per IFD.
Configurare il server AD FS per IFD
Testare l'autenticazione basata sulle attestazioni esterna

Vedere anche
Implementare l'autenticazione basata sulle attestazioni: accesso interno
Dynamics 365 per tablet e IFD

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

166
Configurare il server Microsoft Dynamics 365
per IFD.
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Con accesso con autenticazione basata sulle attestazioni interno abilitato sul Server Microsoft
Dynamics 365, è ora possibile abilitare l'accesso basato su attestazioni esterno tramite IFD.

Configurare una distribuzione con connessione


Internet utilizzando la Configurazione guidata
distribuzione con connessione Internet

1. Avviare Gestione distribuzione.


2. Nell'albero della console di Gestione distribuzione fare clic con il pulsante destro del mouse
suMicrosoft Dynamics 365Configura distribuzione con connessione Internet
3. Fare clic suAvanti
4. Nella paginaRende disponibile Microsoft Dynamics 365 agli utenti che si connettono tramite
InternetAvanti

Importante
• Specificare domini, non server.
• Se la distribuzione è in un singolo server o in più server nello stesso dominio, il dominio Server
applicazione Web e il dominio Servizio Web organizzazione saranno identici.
• Il dominio Servizio Web di individuazione deve essere un nome host risolvibile e non un
dominio radice.Ad esempio: dev.contoso.com.
• Il dominio di Servizio Web di individuazione non deve corrispondere al nome di dominio
completo (FQDN) di un'organizzazione.Ad esempio, il dominio di Servizio Web di
individuazione non deve essere: orgname.contoso.com.
• I domini devono essere validi per il nome o i nomi comuni del certificato TLS/SSL.
• I domini devono essere impostati per risolversi correttamente in DNS nei server Microsoft
Dynamics 365 che utilizzano i ruoli server.
• I domini possono trovarsi in un dominio diverso dal dominio in cui risiedono i server Microsoft
Dynamics 365.
Domini di esempio:
• Dominio Server applicazione Web:contoso.com
• Dominio Servizio Web organizzazione:contoso.com

167
• Dominio Servizio Web di individuazione:dev.contoso.com

Con le impostazioni dell'esempio precedente, se il nome dell'organizzazione fosse "orgname", i


client accederebbero il sito Web Microsoft Dynamics 365 con l'url
seguente:https://orgname.contoso.com

5. Nella casellaImmettere il dominio esterno dei server con connessione InternetAvanti


Il dominio che si specifica deve essere un sottodominio del dominio Server applicazione Web
specificato nel passaggio precedente.Per impostazione predefinita, "auth."viene aggiunto all'inizio
del dominio Server applicazione Web.

Importante
• Il dominio esterno viene utilizzato dal server AD FS durante il recupero del file
federationmetadata.xml IFD Microsoft Dynamics 365.
• Il dominio esterno non deve contenere il nome di un'organizzazione.
• Il dominio esterno non deve contenere un carattere di sottolineatura ("_")

168
• Il dominio esterno deve essere valido per il nome o i nomi comuni del certificato TLS/SSL.
• Il dominio esterno deve essere impostato per venire risolto correttamente in DNS nel server
Microsoft Dynamics 365 che utilizza il ruolo Server applicazione Web.

Dominio di esempio:
• Dominio esterno:auth.contoso.com

6. Nella paginaControlli di sistemaAvanti


7. Nella paginaControllare le impostazioni selezionate, quindi fare clic su ApplicaApplica
8. Fare clic suFine
9. Eseguire il comando seguente dal prompt dei comandi:iisreset
10. Aggiungere record host in DNS per gli endpoint IFD (ad esempio: orgname.contoso.com,
auth.contoso.com, dev.contoso.com), se non li si è ancora aggiunti

169
Per configurare una distribuzione con connessione Internet tramite
Windows PowerShell
1. Aprire il prompt di Windows PowerShell.
2. Aggiungere lo snap-in di Microsoft Dynamics 365Windows PowerShell:
PS > Add-PSSnapin Microsoft.Crm.PowerShell

3. Recuperare le impostazioni della distribuzione con connessione Internet:


PS > $ifd = Get-CrmSetting -SettingType "IfdSettings"

4. Configurare l'oggetto della distribuzione con connessione Internet:


PS > $ifd.Enabled = 1 (or $true) PS > $ifd.DiscoveryWebServiceRootDomain =
Discovery_Web_Service_DomainPS > $ifd.ExternalDomain = External_Server_DomainPS >
$ifd.OrganizationWebServiceRootDomain= Organization_Web_Service_DomainPS >
$ifd.WebApplicationRootDomain = Web_Application_Server_Domain
dove:
• 1 = "true".
• Discovery_Web_Service_Domain è il dominio Servizio Web di individuazione.
• Dominio_Server_Esterno è il dominio del server esterno.
• Organization_Web_Service_Domain è il dominio Servizio Web organizzazione.
• Web_Application_Server_Domain è il dominio Server applicazione Web.
Per i percorsi di dominio, i valori devono essere nel formato:
server:porta
o
server.dominio.tld:porta,
dove:
• è il nome del computerserver
• è il percorso completo del sottodominio in cui si trova il computerdomain
• è il dominio di primo livello, ad esempio com or orgtld
• La designazione:port
In genere, in una distribuzione di ruolo server completo o server front-end i valori dei percorsi sono
gli stessi.Tuttavia, se si distribuisce Microsoft Dynamics 365 in più server con ruoli server distinti
ovvero con i ruoli server Server applicazione Web, Servizio Web organizzazione o Servizio Web di
individuazione in server diversi, tali valori saranno diversi:
• Server applicazione Web.NomeServerApplicazioneWeb.dominio.tld:porta
• Servizio Web organizzazione.NomeServerServizioWebOrganizzazione.dominio.tld:porta
• Servizio Web di individuazione.NomeServerServizioWebIndividuazione.dominio.tld:porta
5. Impostare l'oggetto della distribuzione con connessione Internet.
PS > Set-CrmSetting $ifd

170
Vedere anche
Implementare l'autenticazione basata sulle attestazioni: accesso esterno

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Configurare il server AD FS per IFD


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Dopo aver abilitato IFD sul Server Microsoft Dynamics 365 è necessario creare una relying party per
l'endpoint IFD sul server AD FS.

Configurare trust della relying party.

1. Nel computer che esegue Windows Server in cui è installato il server federativo di AD FS avviare
Gestione AD FS.
2. Nelriquadro di spostamentoRelazioni di trustAttendibilità componente
3. Nel menuAzioniAggiungi attendibilità componente
4. Nell'Aggiunta guidata attendibilità componenteAvvia
5. Nella paginaSeleziona origine datiImporta dati sul componente pubblicati online o in una rete
locale
Questi metadati di federazione vengono creati durante l'installazione di IFD, ad esempio,
https://auth.contoso.com/FederationMetadata/2007-06/FederationMetadata.xml.
Digitare questo URL nel browser e verificare che non vengano visualizzati avvisi relativi ai
certificati.
6. Fare clic suAvanti
7. Nella paginaSpecifica nome visualizzatoDynamics 365 IFD Relying PartyAvanti
8. Nella paginaConfigura ora autenticazione a più fattoriAvanti
9. Nella paginaScegli regole di autorizzazione rilascioConsenti a tutti gli utenti l'accesso a
questo componenteAvanti
10. Nella paginaAggiunta attendibilitàIdentificatoriIdentificatori relying party
• https://auth.contoso.com
• https://orgname.contoso.com
• https://dev.contoso.com
Se gli identificatori sono diversi dall'esempio seguente, fare clic suIndietroAggiunta guidata
attendibilità componente
11. Fare clic suAvantiChiudi

171
12. Se viene visualizzato l'Editor regole attestazione, fare clic suAggiungi regolaIn caso contrario,
nell'elencoAttendibilità componenteModifica regole attestazioneAggiungi regola

Importante
Assicurarsi che la schedaRegole di trasformazione rilascio

13. Nell'elencoModello di regola attestazioneApplicare la funzione di pass-through o di filtro a


un'attestazione in ingressoAvanti
14. Creare la regola seguente:
• Nome regola attestazione:Pass Through UPN
• Aggiungere il mapping seguente:
i. Tipo di attestazione in ingresso:UPN
ii. Pass-through di tutti i valori attestazione
15. Fare clic suFine
16. Nell'Editor regole attestazioneAggiungi regolaModello di regola attestazioneApplicare la
funzione di pass-through o di filtro a un'attestazione in ingressoAvanti
• Nome regola attestazione:Pass Through Primary SID
• Aggiungere il mapping seguente:
i. Tipo di attestazione in ingresso:SID primario
ii. Pass-through di tutti i valori attestazione
17. Fare clic suFine
18. Nell'Editor regole attestazioneAggiungi regola
19. Nell'elencoModello di regola attestazioneTrasformare un'attestazione in ingressoAvanti
20. Creare la regola seguente:
• Nome regola attestazione:Transform Windows Account Name to Name
• Aggiungere il mapping seguente:
i. Tipo di attestazione in ingresso:Nome account Windows
ii. Tipo di attestazione in uscita:Nome
iii. Pass-through di tutti i valori attestazione
21. Fare clic suFineOK

Vedere anche
Implementare l'autenticazione basata sulle attestazioni: accesso esterno

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

172
Testare l'autenticazione basata sulle
attestazioni esterna
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
A questo punto sarà possibile accedere esternamente al Server Microsoft Dynamics 365 utilizzando
l'autenticazione basata sulle attestazioni.Passare all'indirizzo esterno del sito Web di Microsoft
Dynamics 365 (ad esempio: https://orgname.contoso.com).Verrà visualizzata una schermata analoga
alla seguente:

Accedere e verificare di disporre di accesso esterno a Server Microsoft Dynamics 365.

Nota
Può essere necessario aggiungere il sito Web per l'accesso esterno come sito attendibile.Utilizzare la
designazione tramite carattere jolly (ad esempio: https://*.contoso.com).

Vedere anche
Implementare l'autenticazione basata sulle attestazioni: accesso esterno

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

173
Dynamics 365 per tablet e IFD
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Le distribuzioni locali diMicrosoft Dynamics 365 richiedono la distribuzione con connessione internet
(IFD) affinché gli utenti accedano ai dati nei tablet.Se il sito Web di Microsoft Dynamics 365 è
disponibile su Internet ma non utilizza la configurazione di IFD Microsoft Dynamics 365,non è
supportataPer verificare che la distribuzione locale sia configurata per IFD, aprire Gestione
distribuzione di Microsoft Dynamics 365 nel server Microsoft Dynamics 365.La sezione Riepilogo
autenticazione deve visualizzare che sia l'autenticazione basata sulle attestazioni che la distribuzione
con connessione Internet sono abilitate.

Importante
Affinché Microsoft Dynamics 365 per tablet sia in grado di connettersi a una nuova distribuzione di
Microsoft Dynamics 365, è necessario eseguire un ripristino del Microsoft Dynamics 365 sul server che
esegue IIS in cui il ruolo Server applicazione Web è installatodopoUlteriori informazioni:Disinstallare,
modificare o ripristinare il server Microsoft Dynamics 365

Vedere anche
Guida e formazione: Installare Dynamics 365 per telefoni e Dynamics 365 per tablet
Configurare IFD per Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Dynamics 365 per telefoni e IFD


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Per impostazione predefinita, l'autenticazione integrata di Windows è abilitata in Active Directory
Federation Services (ADFS) in Windows Server 2012 R2.L'autenticazione integrata di Windows (WIA)
è utilizzata per le richieste di autenticazione che si verificano nella rete interna dell'organizzazione
(intranet) per qualsiasi applicazione che utilizza un browser per ottenere l'autenticazione.

174
L'autenticazione WIA non è supportata per Microsoft Dynamics 365 per telefoni in esecuzione su
Windows Phone 8.1.Se è stato distribuito Dynamics 365 (locale) con Distribuzione con connessione
Internet, sarà necessario eseguire uno script di Windows PowerShell nel server AD FS per passare
all'autenticazione basata su moduli per Dynamics 365 per smartphone in Windows Phone 8.1.Per lo
script e ulteriori informazioni su questo problema, vedereConfigurazione dell'autenticazione basata su
moduli di intranet per dispositivi che non supportano WIA

Vedere anche
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn531085(CRM.7).aspx è
disponibile solo online.
Configurare IFD per Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Configurare Microsoft Dynamics 365 per


Outlook per l'utilizzo dell'autenticazione basata
sulle attestazioni
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
In un ambiente che supporta l'autenticazione basata sulle attestazioni, un client (ad esempio Dynamics
365 per Outlook) può utilizzare AD FS federato per la connessione al Server Microsoft Dynamics 365.Il
client ottiene le credenziali tramite il servizio AD FS federato e le utilizza per essere autenticato nello
stesso dominio o in un diverso dominio di Active Directory per connettersi al Server Microsoft Dynamics
365.
È possibile connettere Dynamics 365 per Outlook in un dominio di Active Directory a un server
Microsoft Dynamics 365 in un dominio di Active Directory diverso.A tale scopo, è necessario che le
credenziali utilizzate da Dynamics 365 per Outlook nel proprio dominio siano autenticate da un server
nell'altro dominio.Affinché ciò funzioni, utilizzare AD FS.
Quando sarà stabilita la federazione, per tentare la connessione al Server Microsoft Dynamics 365 il
client potrà utilizzare le credenziali di dominio correnti o credenziali di dominio diverse.È possibile
specificare il dominio Active Directory da utilizzare tramite l'area di autenticazione principale, ovvero il
provider di identità per l'autenticazione degli utenti.

Nota
Per distribuzioni con autenticazione basata sulle attestazioni esterna, utilizzare il sito Web di Server
Microsoft Dynamics 365 (ad esempio: https://orgname.contoso.com) per l'impostazione di
connessioneURL server

175
Impostare un client per l'autenticazione basata sulle
attestazioni
Nella procedura seguente, verrà creata un chiave del Registro di sistema in un singolo computer
client.È possibile inoltre utilizzare i Criteri di gruppo, in modo da apportare la modifica al Registro di
sistema in più computer client.

1. Verificare che nel client il Web browser sia in grado di raggiungere l'URL del Server Microsoft
Dynamics 365 senza errori di certificato.Se si utilizza un certificato autofirmato, è necessario
importarlo per evitare errori.Dopo l'importazione degli eventuali certificati necessari, sarà possibile
connettersi all'organizzazione utilizzando credenziali non federate.
2. Per utilizzare credenziali federate, specifica HomeRealmUrl nel Registro di sistema di Windows,
come illustrato di seguito:

Nota
La chiave del Registro di sistema è necessaria solo se il server del provider di attestazioni è diverso dal
server del provider di attestazioni utilizzato da Server Microsoft Dynamics 365, ad esempio, se il
client Microsoft Dynamics 365 esegue l'autenticazione tra aree di autenticazione in un dominio
diverso.

a. Con privilegi di amministratore, aprire l'editor del Registro di sistema


b. Aprire la chiave del Registro di
sistemaHKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Policies\Microsoft\MSCRMClient
c. Creare la stringa del Registro di sistemaHomeRealmUrl
d. Immettere i dati valore del servizio AD FS federato.Tale URL terminerà con
/adfs/services/trust/mex.Ad esempio, https://adfs.ediliziadef.com/adfs/services/trust/mex.
e. Chiudere l'Editor del Registro di sistema.
f. Configurare Dynamics 365 per Outlook.Ulteriori informazioni: L'argomento a cui si fa riferimento
http://technet.microsoft.com/library/dn832060(CRM.8).aspx è disponibile solo online.
A questo punto sarà possibile connettere Dynamics 365 per Outlook al Server Microsoft Dynamics 365
utilizzando l'autenticazione basata sulle attestazioni.

Utilizzare un file di modello amministrativo (con


estensione adm)
Modificare i dati dell'esempio seguente per creare un file con estensione adm per utilizzare i criteri di
gruppo per pubblicare l'impostazione del Registro di sistema HomeRealmUrl.
CLASS MACHINECATEGORY "Microsoft CRM" KEYNAME "Software\Policies\Microsoft\MSCRMClient"
POLICY "Home Realm URL" EXPLAIN "Allow Administrator to specify the Home Realm URL for
federated domains." PART "Specify Home Realm URL (example:

176
https://adfs.contoso.com/adfs/services/trust/mex" EDITTEXT REQUIREDVALUENAME "HomeRealmUrl"
END PART END POLICYEND CATEGORY
Per ulteriori informazioni, vedereFormato di file del modello amministrativo

Vedere anche
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/hh699760(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
Configurare IFD per Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Risoluzione dei problemi per la distribuzione


IFD del Server Microsoft Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016

Breve elenco di controllo


Verificare di aver eseguito le operazioni seguenti: Riferimento

Configurare i record DNS. Vedere "Configurazione DNS" neldocumento


scaricabile
Installare e associare il certificato nel sito Web di Vedere "Selezione certificato e requisiti"
Microsoft Dynamics 365. neldocumento scaricabile
Aggiungere un certificato di firma di AD FS come Vedere "Abilitare la firma del token AD FS"
certificato attendibile nel profilo dell'account neldocumento scaricabile
CRMAppPool.
Modificare il tipo di associazione per i siti Web Configurare il server Microsoft Dynamics 365 per
Microsoft Dynamics 365 su HTTPS e utilizzare gli IFD.
indirizzi Web corretti in Gestione distribuzione.
Fornire all'account CRMAppPool i diritti per Configurare il server Microsoft Dynamics 365 per
utilizzare un certificato esistente utilizzato da l'autenticazione basata sulle attestazioni
Microsoft Dynamics 365 come certificato di
firma.Questo può essere un certificato con
caratteri jolly installato nel server Microsoft
Dynamics 365.
Eseguire la Configurazione guidata autenticazione Configurare il server Microsoft Dynamics 365 per
basata sulle attestazioni da Gestione distribuzione l'autenticazione basata sulle attestazioni
di Microsoft Dynamics 365.Specificare l'URL
corretto nella procedura guidata.Selezionare il

177
Verificare di aver eseguito le operazioni seguenti: Riferimento
certificato di crittografia appropriato.
Configurare il trust della relying party in AD FS per Configurare il server AD FS per l'autenticazione
l'endpoint attestazioni interno Microsoft Dynamics basata sulle attestazioni
365.Fornire l'URL corretto per l'endpoint Configurare il server AD FS per IFD
attestazioni IFD Microsoft Dynamics
365.Impostare le regole corrette per i trust della
relying party.

ADFS
Utilizzare quanto segue per verificare le impostazioni di AD FS.

Rivedere gli eventi AD FS


1. Aprire il Visualizzatore eventi.
2. EspandereRegistri applicazioni e serviziEspandereAD FSFare clic suAdmin
3. Rivedere gli eventi per verificare se sono presenti errori.

Verificare gli identificatori trust della relying party


1. Aprire la console di gestione di AD FS.
2. InRelazioni di trustAttendibilità componenteVerificare che i trust della relying siano abilitati e
non visualizzino un avviso.
3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul trust della relying party e scegliereProprietàFare clic
sulla schedaIdentificatoriVerranno visualizzati identificatori analoghi ai seguenti.
Trust della relying party per le attestazioni: internalcrm.contoso.com

178
Trust della relying party per IFD: auth.contoso.com

179
Quando si tenta una connessione di autenticazione basata sulle attestazioni interna, possono venire
richieste le credenziali.Provare i passaggi seguenti.

Risolvere la richiesta delle credenziali


1. Aggiungere l'indirizzo del sito Web per il server AD FS (ad esempio, https://sts1.contoso.com)
all'area Intranet dei siti attendibili in Internet Explorer.
2. Disattivare la protezione estesa.Nel server che esegue IIS per il sito Web di Microsoft Dynamics
365:
Disattivare la protezione estesa sul sito Web di Microsoft Dynamics 365.
a. Aprire IIS.
b. Selezionare il sito Web di Microsoft Dynamics 365.
c. In IIS fare doppio clic suAutenticazione
d. Fare clic con il pulsante destro del mouse suAutenticazione di WindowsImpostazioni
avanzate

180
e. ImpostareProtezione estesaDisattivata

Per ulteriori informazioni per la risoluzione dei problemi di AD FS


1. Vedere:Risoluzione dei problemi di AD FS 2.0

Errore HTTP 401.1 - Autorizzazione negata: accesso


negato
Se il sito Web Microsoft Dynamics 365 non viene visualizzato o produce l'errore seguente: Errore HTTP
401.1 - Autorizzazione negata: accesso negato, sono disponibili due operazioni per risolvere il
problema:
1. Può essere necessario aggiornare gli URL dei metadati di federazione ed eseguire una
reimpostazione di IIS.VedereKB2686840
2. Può essere necessario registrare il server AD FS come nome dell'entità servizio (SPN).Vedere
"Registrare il server AD FS come nome principale del servizio" neldocumento scaricabile

Differenza di ora tra i due server


Può verificarsi un errore di autenticazione se l'ora tra AD FS e il server Microsoft Dynamics 365
differisce di oltre 5 minuti.Per informazioni su come configurare la sincronizzazione dell'ora tra i server,
vedereRiferimento tecnico per il servizio Ora di Windows

Vedere anche
Configurare IFD per Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Risoluzione dei problemi relativi


all'installazione e all'aggiornamento
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
In questa sezione viene descritto come risolvere i problemi relativi all'installazione e vengono illustrati i
problemi noti.

File di registro
Durante l'installazione vengono sempre creati file di registro che possono essere esaminati e utilizzati
per la risoluzione dei problemi.I file di registro vengono prodotti in un testo non strutturato e non
crittografato o xml ed è possibile visualizzarlo tramite un editor di testo di base, ad esempio Blocco
note.Per impostazione predefinita, il percorso dei file di registro, doveUtente
SystemDrive:\Users\Utente

181
Importante
Per impostazione predefinita, Windows Server nasconde le cartelle in cui i file di registro si trovano.Per
visualizzare queste cartelle, passare aOpzioni cartella

Installazione server Microsoft Dynamics CRM genera più file di registro distinti, a seconda se
l'installazione è per una nuova distribuzione o un aggiornamento da una versione precedente.
• Crmserversetup.log.Il file contenente la maggior parte delle operazioni di installazione o di
aggiornamento di Server Microsoft Dynamics 365.
• Crmsetup.log.Il file che contiene l'attività di aggiornamento di Configurazione (programma di
installazione con riparazione automatica).
• LegacyFeatureCheck.xml.Durante l'aggiornamento di Server Microsoft Dynamics 365, il
programma di installazione analizza la distribuzione per le funzionalità di personalizzazione ed
estendibilità scadute (legacy) , ad esempio plug-in o soluzioni di Microsoft Dynamics CRM 4.0 che
utilizzano l'endpoint dei servizi Web 2007.Questo file contiene i risultati.
• SrsDataConnectorSetup.log.Il file contenente la maggior parte delle operazioni di installazione di
Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365.

Vedere anche
Installare o aggiornare il server Microsoft Dynamics CRM
Installare o aggiornare i Language Pack

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Installare o aggiornare i Language Pack


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Language Pack di Microsoft Dynamics 365 consente di cambiare la lingua dell'interfaccia utente e della
Guida visualizzata nell'applicazione.Ad esempio, in un'organizzazione multinazionale che usa l'inglese
come lingua standard dell'interfaccia utente per semplificare la formazione e la risoluzione dei problemi,
se un utente preferisce leggere la Guida nella sua lingua madre, può fare in modo che la Guida di
Microsoft Dynamics 365 venga visualizzata in tale lingua.

Informazioni generali sui Language Pack


I passaggi fondamentali per l'installazione e il provisioning di uno o più Language Pack sono descritti in
questo argomento.
1. Scarica il Language Pack desiderato.I Language Pack non sono inclusi con altre applicazioni
Microsoft Dynamics 365 e sono disponibili solo tramite Area download Microsoft.Ogni file di
installazione dei Language Pack (con estensione msi) include l'ID impostazioni locali (LCID) che
rappresenta la lingua.Scaricare un Language PackMicrosoft Dynamics CRM 2016

182
Nota
Per un elenco degli ID impostazioni locali e della lingua associata, vedereMSDN: Impostazioni locali
assegnate da Microsoft
Non puoi installare un Language Pack con lo stesso ID impostazioni locali della lingua di base di
Microsoft Dynamics 365.

2. Installare il pacchetto msi del Language Pack in Server Microsoft Dynamics 365.Se sono stati
distribuiti i ruoli server, installarli in Server front-end o nei server che eseguono il ruolo Server
applicazione Web.
3. Accedi alle organizzazioni per cui desideri fornire il supporto per la lingua e abilita ogni Language
Pack.Ulteriori informazioni:Installare e abilitare un Language Pack
4. Per gli utenti di Microsoft Dynamics 365 per Outlook, gli stessi Language Pack devono essere
installati nei PC gli utenti.
Una volta installato e abilitato il Language Pack, le relative funzionalità e opzioni diventano disponibili
agli utenti nelle applicazioni client di Microsoft Dynamics 365 daImpostazioniOpzioni
Per ulteriori istruzioni dettagliate sull'installazione e sull'abilitazione, vedi gli argomenti seguenti.

In questa sezione
Installare e abilitare un Language Pack
Aggiornare e abilitare un Language Pack

Vedere anche
Installare o aggiornare il server Microsoft Dynamics CRM
Installa Estensione per la modifica dei report di Microsoft Dynamics CRM

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Installare e abilitare un Language Pack


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Per installare Language Pack di Microsoft Dynamics 365, eseguire le procedure descritte in questo
argomento.

Installare il Language Pack (solo locale)


Se alcuni utenti utilizzano Microsoft Dynamics 365 per Outlook, oltre ad installare il Language Pack nel
computer che esegue il Server Microsoft Dynamics 365, sarà necessario installare lo stesso Language
Pack nel computer in cui è installato Dynamics 365 per Outlook.

183
1. Accedere al computer in cui è installato il Server Microsoft Dynamics 365 o Dynamics 365 per
Outlook.
2. Verificare di disporre dell'autorizzazione di amministratore locale nel computer e del ruolo di
sicurezza di amministratore di sistema o privilegio equivalente in Microsoft Dynamics 365.
3. .Microsoft Dynamics CRM 2016 Language Pack
4. Nel percorso dei file del Language Pack fare doppio clic sul file MUISetup_<loc_codeproc_type
dove:
<loc_ code(Ad esempio, "1031" per il tedesco o "1041" per il giapponese).
<proc_typeAd esempio,amd64i386
5. Nella paginaContratto di licenzaAccetto i termini del Contratto MicrosoftInstalla
Il programma di installazione copia i file del Language Pack nelle posizioni corrette in Microsoft
Dynamics 365.Per impostazione predefinita, i file del Language Pack vengono copiati in
unità:\Programmi\Microsoft Dynamics 365\LangPacks\<loc_ code>, dove <loc_ code> identifica il
codice delle impostazioni locali per il Language Pack che si sta installando.
6. Per completare l'installazione, fare clic suFine
Ripeti i passaggi precedenti per ogni Language Pack che desideri rendere disponibile per la
Distribuzione di Dynamics 365 (locale).
7. Abilitare i Language Pack che si desidera rendere disponibili per gli utenti.Ulteriori informazioni:
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn832148(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.

Vedere anche
Installare o aggiornare i Language Pack
Aggiornare e abilitare un Language Pack

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Aggiornare e abilitare un Language Pack


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Dopo l'aggiornamento di Server Microsoft Dynamics CRM 2015, se è stato installato Microsoft
Dynamics CRMLanguage Pack è necessario installare il nuovo Language Pack corrispondente alla
nuova versione di Server Microsoft Dynamics 365.Quindi, abilitare i Language Pack per renderli
disponibili agli utenti dopo l'aggiornamento.

Aggiornare un Language Pack ed eseguirne il provisioning


1. In ogni server Microsoft Dynamics CRM aggiornato, scaricare il nuovo Language Pack.Ulteriori
informazioni:Download: Language Pack di Microsoft Dynamics CRM 2016

184
2. Per installare ogni Language Pack eseguire la procedura riportata di seguito.Ulteriori
informazioni:Installare il Language Pack (solo locale)

Importante
Dopo aver installato un nuovo Language Pack, abilitarlo per il caricamento dei nuovi file del Language
Pack in Server Microsoft Dynamics 365.Ulteriori informazioni: L'argomento a cui si fa riferimento
http://technet.microsoft.com/library/dn832148(CRM.8).aspx è disponibile solo online.

3. Dopo l'installazione e il provisioning dei nuovi Language Pack, disinstallare la versione precedente
di ogni Language Pack.Ulteriori informazioni:Disinstallare o ripristinare un Language Pack di
Microsoft Dynamics 365

Vedere anche
Installare o aggiornare i Language Pack
Disinstallare, ripristinare e modificare Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Installa Estensione per la modifica dei report di


Microsoft Dynamics CRM
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Estensione per la modifica dei report di Microsoft Dynamics 365 è necessario per creare e
personalizzare i report basati su Fetch utilizzando SQL Server Data Tools - Business Intelligence, un
ambiente di creazione per Microsoft Visual Studio.Per ulteriori informazioni, vedereRequisiti delle
estensioni di report di Microsoft Dynamics 365
Se non sono già installati, durante l'installazione dell'Estensione per la modifica dei report vengono
installati i componenti seguenti:
• .NET Framework
• Strumento Segnalazione errori applicazioni Microsoft
• Assistente per l'accesso di Windows Live ID 6.5

Avviso
Gli utenti di Microsoft Dynamics 365 che utilizzano il controllo Visualizzatore report incluso in Microsoft
Visual Studio possono visualizzare informazioni relative ai report a cui hanno accesso.Mediante tale
controllo è infatti possibile visualizzare dati aggiuntivi relativi ai report e alle sessioni che non vengono
visualizzati quando i report vengono eseguiti in Microsoft Dynamics 365.Per ridurre il rischio di
esposizione di dati riservati, è consigliabile configurare l'URL di Microsoft SQL Server Reporting
Services in cui sono installate le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 in modo che siano
consentite solo le connessioni Transport Layer Security (TLS) o Secure Sockets Layer (SSL), note
anche come connessioni HTTP sicure.Ulteriori informazioni:MSDN: Configurare connessioni SSL in un

185
server di report in modalità nativa

Importante
Se l'organizzazione utilizza Microsoft Office 365, verificare che nel computer in cui è installata
l'Estensione per la modifica dei report di Microsoft Dynamics 365 sia installato anche l'Assistente per
l'accesso ai Microsoft Online Services.Se Assistente per l'accesso ai Microsoft Online Services è già
installato, controllare la chiave del Registro di sistema SOFTWARE\Microsoft\MSOIdentityCRL e
verificare che la chiave del Registro di sistema TargetDir in MSOIdentityCRL contenga msoidcli.dll.

Installare il plug-in
Estensione per la modifica dei report di Microsoft Dynamics 365 è un plug-in che ottiene metadati e dati
da Microsoft Dynamics 365.Questi metadati sono necessari per creare e visualizzare in anteprima
report basati su fetch in SQL Server Data Tools.

1. Nella cartella /BIDSExtensions/ fare doppio clic suSetupBIDSExtensions.exe.Scaricare dall'Area


download Microsoft
2. Nella pagina di installazione diInstallazione di Estensione per la modifica dei report di
Microsoft Dynamics CRMRecupera aggiornamenti per Microsoft Dynamics CRMFare clic
suAvanti
3. Nella paginaContratto di licenzaAccetto il Contratto di LicenzaAccetto
4. Se viene rilevata la mancanza di alcuni componenti, verrà visualizzata la paginaInstalla
componenti necessariPer installarli, fare clic suInstallaUna volta installati i componenti, la
colonna dello stato cambierà daInstallazione non eseguitaInstallazione eseguitaFare clic
suAvanti

Nota
• Tali componenti sono necessari per l'installazione di Estensione per la modifica dei report.È
possibile uscire dal programma di installazione e installare i componenti manualmente oppure
selezionareInstallaIl pulsanteAvanti
• Per l'installazione di questi componenti potrebbe essere necessario riavviare il computer.Se
richiesto, riavviare il computer, quindi eseguire nuovamente il programma di installazione.

5. Nella paginaSelezione preferenze per Microsoft UpdateUtilizza Microsoft Update durante la


verifica della disponibilità degli aggiornamenti (opzione consigliata)Microsoft Update assicura
che il computer disponga delle tecnologie più recenti e sia pertanto meno esposto a rischi di
vulnerabilità e problemi di sicurezza.
6. Nella paginaSelezione percorso di installazioneAvanti

186
7. Nella paginaControlli di sistemaPrima di continuare, è necessario correggere tutti gli eventuali
errori.Se non vengono visualizzati errori o vengono visualizzati solo avvisi, sarà possibile
continuare l'installazione.A tale scopo, fare clic suAvanti
8. Verifica la paginaInizio installazione dell'Estensione per la modifica dei report di Microsoft
Dynamics CRMIndietroAl termine fare clic suInstalla
9. Se il programma di installazione viene completato correttamente, verrà visualizzata la
paginaEstensioni di report di Microsoft Dynamics CRM completataFare clic suFine

Vedere anche
Download: Assistente per l'accesso ai Microsoft Online Services per professionisti IT RTW
Installazione del server Microsoft Dynamics CRM
Aggiornare un Server Microsoft Dynamics CRM

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Disinstallare, ripristinare e modificare Microsoft


Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
In questa sezione viene descritto come disinstallare, ripristinare o modificare Microsoft Dynamics
365.Per disinstallare Microsoft Dynamics 365 ed eliminare dal computer tutti i dati di Dynamics 365 e
apportare modifiche al sistema è necessario eseguire una serie di procedure automatiche e
manuali.Tali procedure interessano le aree seguenti:
• Microsoft Dynamics 365
• Internet Information Services (IIS)
• Microsoft SQL Server
• Microsoft SQL Server Reporting Services
• Active Directory

In questa sezione
• Disinstallare, modificare o ripristinare il server Microsoft Dynamics 365
• Disinstalla o ripristina le estensioni di report di Microsoft Dynamics 365
• Disinstallare o ripristinare l'estensione per la modifica dei report di Microsoft Dynamics 365
• L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/hh699728(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
• L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/hh699717(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.

187
• Disinstallare o ripristinare un Language Pack di Microsoft Dynamics 365

Vedere anche
Installare o aggiornare i Language Pack

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Disinstallare, modificare o ripristinare il server


Microsoft Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Per eseguire le operazioni di manutenzione del Server Microsoft Dynamics 365, selezionare una delle
seguenti opzioni disponibili.Prima di selezionare un'opzione, è necessario avviareProgrammi e
funzionalità
1. Accedere al computer in cui è installata l'applicazione Server Microsoft Dynamics 365.Quindi,
avviareProgrammi e funzionalitàPannello di controllo
2. Selezionare le opzioni disponibili riportate di seguito.
• .DisinstallaSe si seleziona questa opzione, il Server Microsoft Dynamics 365 verrà rimosso dal
computer.A questo scopo, fare doppio clic sulServer Microsoft Dynamics
365Disinstalla/CambiaDisinstallaDisinstallaSeguire le istruzioni visualizzate sullo schermo.

Importante
Alcuni componenti non vengono rimossi dal processo di disinstallazione di Microsoft Dynamics 365,
ad esempio i database di SQL Server, i gruppi di Active Directory o il sito Web di Microsoft
Dynamics 365 (se il sito Web non viene creato dal programma di Installazione server Microsoft
Dynamics CRM).Tali componenti devono essere rimossi manualmente.Inoltre, alcuni
componenti installati durante l'Installazione server Microsoft Dynamics CRM non vengono
rimossi durante la disinstallazione.Ulteriori informazioni:Componenti non rimossi durante la
disinstallazione del Server Microsoft Dynamics 365

• .ConfiguraPer aggiungere o rimuovere uno o più ruoli server di Microsoft Dynamics 365, fare
clic con il pulsante destro del mouse sulServer Microsoft Dynamics
365Disinstalla/CambiaConfiguraAvantiSeguire le istruzioni visualizzate per selezionare o
cancellare uno o più ruoli server.Ulteriori informazioni:Ruoli server di Microsoft Dynamics 365
• .RipristinaPer ripristinare un'installazione di Server Microsoft Dynamics 365, fare clic con il
pulsante destro del mouse sulServer Microsoft Dynamics
365Disinstalla/CambiaRipristinaAvantiSeguire le istruzioni visualizzate sullo schermo.

Nota
Il ripristino di un'installazione del Server Microsoft Dynamics 365 comporta la reinstallazione dei file

188
di programma,ma non influisce sui database.Per eseguire recuperi a seguito di problemi con il
database di Microsoft Dynamics 365, è necessario ripristinare i database MSCRM_CONFIG
eNomeOrganizzazionePer informazioni sul backup dei database e sul ripristino in caso di
errore, vedereBackup di SQL Server, incluso Reporting Services

Componenti non rimossi durante la disinstallazione del Server


Microsoft Dynamics 365
I componenti di sistema seguenti che vengono installati durante l'Installazione server Microsoft
Dynamics CRM non vengono rimossi quando si disinstalla il Server Microsoft Dynamics 365.
Servizi ruolo di Windows:
• Servizi ruolo server Web
• Contenuto statico
• Documento predefinito
• Esplorazione directory
• Errori HTTP
• ASP.NET
• Estendibilità Microsoft .NET Framework
• Estensioni ISAPI
• Filtri ISAPI
• Registrazione HTTP
• Monitor richieste
• Autenticazione di Windows
• Filtro richieste
• Compressione contenuto statico
• Compressione contenuto dinamico
• Console di gestione IIS
• Compatibilità metabase IIS
• Servizi ruolo servizi file:
• Windows Search
• Funzionalità di Windows:
• Microsoft .NET Framework
• Attivazione HTTP
• Windows PowerShell
• Attivazione processo Windows

189
Vedere anche
Disinstallare, ripristinare e modificare Microsoft Dynamics 365
Disinstalla o ripristina le estensioni di report di Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Disinstalla o ripristina le estensioni di report di


Microsoft Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Per eseguire le operazioni di manutenzione di Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365, accedi al
computer in cui è installato Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365.Avviare quindiProgrammi e
funzionalità
• .DisinstallaPer rimuovere (disinstallare) Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365, fai clic con
il pulsante destro del mouse suEstensioni di report di Microsoft Dynamics
365Disinstalla/CambiaDisinstallaDisinstallaSeguire le istruzioni visualizzate.
• .RipristinaPer ripristinare Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365, fai clic con il pulsante
destro del mouse suEstensioni di report di Microsoft Dynamics
365Disinstalla/CambiaRipristinaAvantiSeguire le istruzioni visualizzate.

Vedere anche
Disinstallare, ripristinare e modificare Microsoft Dynamics 365
Disinstallare o ripristinare l'estensione per la modifica dei report di Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Disinstallare o ripristinare l'estensione per la


modifica dei report di Microsoft Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Per eseguire le operazioni di manutenzione dell'Estensione per la modifica dei report di Microsoft
Dynamics 365, selezionare una delle seguenti opzioni.Prima di selezionare un'opzione, è necessario
avviareProgrammi e funzionalità
Accedere al computer in cui è installata Estensione per la modifica dei report di Microsoft Dynamics
365.
• .DisinstallaPer rimuovere (disinstallare) l'Estensione per la modifica dei report di Microsoft
Dynamics 365, fare clic con il pulsante destro del mouse suEstensione per la modifica dei report
di Microsoft Dynamics 365Disinstalla/CambiaDisinstallaDisinstallaSeguire le istruzioni
visualizzate.

190
• .RipristinaPer ripristinare il Estensione per la modifica dei report di Microsoft Dynamics 365, fare
clic con il pulsante destro del mouse suEstensione per la modifica dei report di Microsoft
Dynamics 365Disinstalla/CambiaRipristinaAvantiSeguire le istruzioni visualizzate.

Vedere anche
Disinstallare, ripristinare e modificare Microsoft Dynamics 365
Disinstallare o ripristinare un Language Pack di Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Disinstallare o ripristinare un Language Pack di


Microsoft Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Per eseguire le operazioni di manutenzione del Language Pack, selezionare una delle seguenti opzioni
disponibili.Prima di selezionare un'opzione, è necessario avviareProgrammi e funzionalità

Importante
Anziché disinstallare un Language Pack installato nel server Microsoft Dynamics 365, è possibile
disabilitare un Language Pack nell'organizzazione.A seguito di tale operazione, gli utenti non saranno
più in grado di visualizzare la Guida e l'interfaccia utente di Microsoft Dynamics 365 nella lingua
disabilitata.In seguito, sarà possibile abilitare il Language Pack selezionando la lingua
nell'elencoImpostazioni lingua

Quando un Language Pack viene rimosso o disabilitato, gli utenti per cui la lingua di tale Language
Pack è selezionata nel moduloPreferenze personaliSi consideri ad esempio lo scenario seguente.In
una distribuzione di Microsoft Dynamics 365 in cui la lingua di base è l'inglese è presente
un'organizzazione che utilizza il Language Pack per la lingua spagnola.Se l'amministratore del sistema
disabilita (o disinstalla) il Language Pack per la lingua spagnola, nei computer degli utenti che hanno
scelto di utilizzare la lingua spagnola l'interfaccia utente verrà visualizzata in inglese.
Per disabilitare un Language Pack, vedere L'argomento a cui si fa riferimento
http://technet.microsoft.com/library/dn832148(CRM.8).aspx è disponibile solo online.
.DisinstallaSe si seleziona questa opzione, il Language Pack selezionato verrà rimosso dal
computer.Se si disinstalla un Language Pack, è necessario reinstallarlo e abilitarlo prima che sia
nuovamente disponibile per gli utenti.

Disinstallare un Language Pack


1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul Language Pack, ad esempioLanguage Pack
tedesco per Microsoft Dynamics 365Disinstalla
2. Se al computer sono connessi altri utenti, verrà visualizzato un messaggio di avviso.Per continuare
con la rimozione del Language Pack, fare clic suContinua

191
3. Fare clic suSì
.RipristinaPer ripristinare un'installazione danneggiata di un Language Pack, fare clic con il pulsante
destro del mouse sul Language Pack, scegliereRipristina

Vedere anche
Disinstallare, ripristinare e modificare Microsoft Dynamics 365
Utilizzare il prompt dei comandi per installare Microsoft Dynamics Server 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Utilizzare il prompt dei comandi per installare


Microsoft Dynamics Server 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Puoi installare Server Microsoft Dynamics CRM 2016, Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM
e Microsoft Dynamics CRM per Outlook dai rispettivi dischi di installazione o percorsi di download del
file utilizzando il prompt dei comandi.Le informazioni necessarie per l'installazione vengono fornite al
programma di installazione sotto forma di parametri della riga di comando e di un file di configurazione
XML a cui il programma di installazione fa riferimento.
Uno dei vantaggi legati all'installazione di Microsoft Dynamics CRM dal prompt dei comandi è che non
richiede l'intervento dell'utente.L'installazione non automatica richiede l'intervento dell'utente per la
scelta delle opzioni e per l'immissione di informazioni che consentono il completamento del
processo.L'installazione automatica, effettuata dal prompt dei comandi, richiede l'immissione delle
informazioni di installazione sotto forma di parametri della riga di comando e un file di configurazione
XML.Non sono richiesti altri interventi finché il programma di installazione non finisce.Gli avvisi e lo
stato di avanzamento dell'installazione possono essere registrati in un file che potrà essere visualizzato
e analizzato in seguito.

Suggerimento
Per semplificare la risoluzione dei problemi segnalati dai messaggi di errore che indicano la presenza di
codice XML non valido, aprire il file di configurazione XML in Internet Explorer, che semplifica
l'individuazione del problema all'interno del file.

Procedure generali
Le procedure generali per eseguire il programma di installazione da un prompt dei comandi sono
descritte di seguito.Per informazioni più dettagliate, vedere gli articoli diIn questa sezioneSono inoltre
validi i prerequisiti relativi a ogni funzionalità del sistema Microsoft Dynamics CRM illustrata nelle
sezioni precedenti.

192
Per eseguire il programma di installazione da un prompt dei
comandi, eseguire la procedura seguente:
1. Immettere un file di configurazione di installazione predefinito.Gli esempi sono presenti negli
argomenti che seguono.
2. Accedi come membro del gruppo del servizio directory Active Directory degli utenti di dominio e del
gruppo di amministratori del computer locale.Se si sta installando il Server Microsoft Dynamics
CRM 2016 utilizzando un ruolo Server completo, è necessario che l'utente che esegue il
programma di installazione sia un membro del gruppo degli amministratori locali nel computer in cui
è installato Microsoft SQL Server e disponga di autorizzazioni sull'unità organizzativa atte a creare
o modificare i gruppi di Active Directory nel dominio in cui è installato il Server Microsoft Dynamics
CRM 2016.Se si utilizzano gruppi creati preliminarmente, è necessario disporre di autorizzazioni di
lettura e scrittura su ogni gruppo.
3. Se si esegue l'installazione da un disco di installazione, inserire nell'unità CD/DVD il disco di
installazione di Server Microsoft Dynamics CRM 2016 o Microsoft Dynamics CRM 2016 per
Outlook.Verrà visualizzata la schermata diesecuzione automaticaChiudere la schermata
diesecuzione automatica
4. Aprire una finestra del prompt dei comandi.
5. Al prompt dei comandi passare all'unità CD/DVD o al percorso in cui si trovano i file di installazione
di Microsoft Dynamics CRM:
• per il Server Microsoft Dynamics CRM 2016 è ubicato nella cartella Server nel percorso di
download o nel disco di installazione del Server Microsoft Dynamics CRM
2016.SetupServer.exe
• per le Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM è ubicato nella cartella
\SrsDataConnector del percorso di download del file o del disco di installazione del Server
Microsoft Dynamics CRM 2016.SetupSrsDataConnector.exe
• per Microsoft Dynamics CRM per Outlook è ubicato nella cartellaSetupclient.exeClient
6. Esegui il comando di installazione utilizzando la sintassi seguente:
SetupServer.exe /Q /config c:\CRMSetupconfig.xml

Problemi noti

Messaggio di errore "Impossibile convalidare il server di report di


Reporting Services specificato http://ServerName/ReportServer"
durante l'installazione del server Dynamics CRM sui componenti di
base del server
Questo messaggio di errore può essere visualizzato quando le condizioni seguenti sono vere:

193
• Esegui Installazione server Microsoft Dynamics CRM su Windows Server che esegue i componenti
di base del server.
• Il server Microsoft SQL Server Reporting Services specificato nel file di configurazione XML per
l'installazione esegue Microsoft SQL Server 2012 Reporting Services configurato per un tipo di
autenticazione che non è solo l'autenticazione NTLM.
Per risolvere il problema, nell'istanza di Windows Server in cui stai installando Server Microsoft
Dynamics CRM 2016, modifica il file RSServer.config per rimuovere tutti i tipi di autenticazione in modo
che l'unico tipo di autenticazione sia RSWindowsNTLM.
<AuthenticationTypes>

<RSWindowsNTLM/>

</AuthenticationTypes>

Ulteriori informazioni: File di configurazione RSReportServer


Dopo aver apportato la modifica al file RSServer.config, esegui di nuovo Installazione server Microsoft
Dynamics CRM.
Questo problema non si verifica quando si specificano versioni più recenti di SQL Server Reporting
Services.

In questa sezione
Installare il Server Microsoft Dynamics CRM mediante un prompt dei comandi
Microsoft Dynamics CRMFile di configurazione XML per il server
Installare i ruoli server di Microsoft Dynamics CRM usando il prompt dei comandi
Installare le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 mediante un prompt dei comandi

Vedere anche
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/hh699665(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/hh699798(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
Installazione di Dynamics 365 locale
Linee guida per le operazioni di post-installazione e configurazione per Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Installare il Server Microsoft Dynamics CRM


mediante un prompt dei comandi
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016

194
I comandi seguenti consentono di installare il Server Microsoft Dynamics CRM 2016:
[SetupServer.exe/Q/L/config

Parametri
None
Se non si specificano parametri, l'installazione verrà eseguita con tutte le schermate del programma di
installazione.
/Q
Installazione in modalità non interattiva.Questo parametro richiede un file di configurazione in formato
XML.Il parametro/configNon vengono visualizzate finestre di dialogo o messaggi di errore.
/InstallAlways
Questo parametro obbliga il programma di installazione a ignorare lo stato dell'installazione e a
funzionare in modalità di installazione.Quando si utilizza questo parametro, il programma di
installazione proverà a eseguire l'installazione in un server in cui un server Microsoft Dynamics
CRM è già installato.
/QR
Richiede il file di configurazione in formato XML specificato dal parametro /config.È simile al
parametro/Q
/L [drive:][[path] logfilename.log]]
Specifica il percorso e il nome del file di registro in cui memorizzare delle operazioni di
installazione.Ulteriori file di registro possono essere creati durante l'installazione dei prerequisiti e
verranno posizionati nel percorso specificato.Il percorso non può essere un percorso relativo, quale
..\..\crmlog.txt.Se non specifichi un nome o una posizione, verrà creato un file di registro nella
cartella drive:\Documents and Settings\NomeUtenteNomeUtente
/config [drive:] [[path] configfilename.xml]]
Il parametro/configNella sezione seguente è illustrato un esempio di file di configurazione XML.Nota
che quando si specifica un file di configurazione senza il parametro/Q/QR

Vedere anche
Utilizzare il prompt dei comandi per installare Microsoft Dynamics Server 365
Microsoft Dynamics CRMFile di configurazione XML per il server

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Microsoft Dynamics CRMFile di configurazione


XML per il server
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016

195
Il parametro della riga di comando /config [unità:] [[percorso] nomefileconfig.xml]] fornisce le
informazioni necessarie all'Installazione server Microsoft Dynamics CRM.Le informazioni fornite dal file
di configurazione XML sono richieste da tutte le schermate dell'installazione.

Importante
Gli elementi XML devono essere in inglese (USA).Un file di configurazione XML con elementi XML
tradotti non funziona correttamente.Se ad esempio la versione del Microsoft Dynamics CRM è in
tedesco, gli elementi del file XML devono comunque essere in inglese (USA).
Per impostazione predefinita, per il file di configurazione XML viene utilizzata la codifica UTF-8.Il
programma di installazione non è in grado di caricare un file di configurazione XML contenente caratteri
estesi.In questo caso viene visualizzato un messaggio di errore, in cui si informa che il file XML non è
valido.Se il file di configurazione XML contiene caratteri estesi, è possibile ovviare a ciò salvandolo con
la codificaUnicodeA questo scopo aprire il file di configurazione XML in Blocco note, scegliereSalva
con nomeCodificaUnicodeSalva

Di seguito vengono descritti i singoli elementi XML e viene illustrato un file XML di esempio per
un'installazione con server completo.Per informazioni su come installare ruoli server distinti al prompt
dei comandi, vedereInstallare i ruoli server di Microsoft Dynamics CRM usando il prompt dei comandi

Riferimento del file di configurazione


<CRMSetup> </CRMSetup>
Il file di configurazione deve essere un file XML valido che utilizza<CRMSetup>

<Server> </Server>
Specifica l'installazione di un Server Microsoft Dynamics CRM 2016.Tutte le voci che
seguono devono essere all'interno degli elementi<Server>

<InstallType>Uninstall/Repair/Configure</InstallType>
Specifica il tipo di installazione da eseguire.Di seguito vengono illustrate le opzioni
disponibili.
.DisinstallaDisinstalla il Server Microsoft Dynamics 365.
.RipristinaAvvia l'installazione in modalità di ripristino.
.ConfiguraAvvia il programma di installazione in modalità di configurazione.

<Patch update="true"/"false">\\NomeServer\NomeCondivisione\Percorso_Patch</Patch>
Determina il comportamento della tecnologia di aggiornamento dell'Installazione server
Microsoft Dynamics CRM.Questa caratteristica consente al programma di installazione di
eseguire una singola ricerca ed eventualmente scaricare e applicare i file di installazione di
Microsoft Dynamics CRM più recenti.
Per impostazione predefinita, questo elemento non specifica un percorso, configurando in tal
modo il programma di installazione per la ricerca di eventuali aggiornamenti tramite Microsoft
Update.Se si desidera che nel programma di installazione venga effettuata la ricerca degli
aggiornamenti in una posizione diversa, ad esempio una condivisione nella rete locale,
aggiungere i percorsi dei file al file con estensione msp indicato nell'elemento, come illustrato
nell'argomento seguente.

Importante

196
La funzionalità di aggiornamento delle patch può essere utilizzata solo per gli aggiornamenti di
Configurazione, ovvero del programma di Configurazione con riparazione automatica.Non è
possibile utilizzare tale funzionalità per applicare gli aggiornamenti delle applicazioni, come ad
esempio Microsoft Dynamics CRM 2016 Service Pack 1.

aggiorna
Specifica se nel programma di installazione verranno cercati, scaricati e applicati eventuali
aggiornamenti dell'Installazione server Microsoft Dynamics CRM.È consigliabile consentire il
download dell'ultima versione del programma di installazione specificandotruePer
impostazione predefinita, questo valore è impostato sufalseSe il valore è impostato
sufalseSe comunque si esegue il programma di installazione utilizzando il parametro/Q/QR

<SqlServer>NomeServerSQL\NomeIstanza</SqlServer>
Specifica il nome dell'istanza di Microsoft SQL Server che gestirà i file del database.Se si
utilizza l'istanza predefinita, è possibile indicare il nome del computer in cui è installato SQL
Server.If SQL Server è i esecuzione sul comouter dove stai effettuando l'installazione, puoi
specificare "." o "localhost".

<Database create="true"/"false" update="true"/"false"/>


crea
Questo parametro può avere il valoretruefalsecomporta la creazione di un nuovo database
di configurazione tramite il programma di installazione.Truecomporta invece la connessione
a un database di configurazione esistente tramite il programma di installazione.False
aggiorna
Questo parametro può avere valoretruefalseQuando si
selezionatrueSelezionarefalseQuando si selezionafalseIl valore predefinito ètrue

<Organization>Nome descrittivo o esteso dell'organizzazione</Organization>


Specifica il nome esteso dell'organizzazione.Il nome può contenere fino a 250 caratteri.
Sono supportati i caratteri estesi.

<OrganizationUniqueName>Nome univoco</OrganizationUniqueName>
UniqueName
Specifica il nome dell'organizzazione che verrà utilizzato nell'URL immesso dagli utenti per
accedere alla distribuzione.Può contenere al massimo 30 caratteri.Non sono consentiti
caratteri estesi o spazi.Se non si specifica questo elemento o si lascia il valore vuoto, nel
programma di installazione verrà generato un nome breve basato sul valore
dell'elemento<Organization>

Importante
Il nome univoco dell'organizzazione verrà utilizzato per formare l'URL che gli utenti utilizzeranno
per accedere all'applicazione.È pertanto consigliabile limitare la lunghezza del nome univoco
dell'organizzazione per ridurre la lunghezza complessiva dell'URL.
<muoptin optin="true”/“false" />
Specifica se utilizzare Microsoft Update per scaricare e installare gli aggiornamenti del
Server Microsoft Dynamics CRM 2016 e delle altre applicazioni installate.Dopo
l'installazione, questa funzionalità mantiene il computer costantemente aggiornato.
• .TrueQuando si specifica questa opzione, il programma di installazione imposta
Microsoft Update come servizio di aggiornamento e utilizza le impostazioni di

197
aggiornamento automatico di Windows al computer.Le impostazioni di aggiornamento
automatico di Windows possono essere esaminate in Windows Update nel Pannello di
controllo.Microsoft Update contribuisce ad assicurare che il computer disponga delle
tecnologie più recenti e sia pertanto meno esposto a rischi di vulnerabilità e problemi di
sicurezza.
• .FalseQuando si specifica questa opzione, il programma di installazione non modifica le
impostazioni di aggiornamento automatico esistenti di Windows.Se il computer non è già
configurato per l'utilizzo di Microsoft Update come servizio di aggiornamento, è
consigliabile prevedere un modo alternativo per l'installazione degli aggiornamenti nel
computer, ad esempio utilizzando Windows Update Services.Se non si specifica alcun
valore, verrà selezionato il valorefalse

<OU> OU=valore,DC=valore,DC=valore,DC=valore,DC=valore</OU>
L'elemento <OU> specifica l'nità organizzativa Active Directory in cui i gruppi di sicurezza
verranno creati, ad esempio <OU> OU=Dynamics CRM, DC=MySubDomain,
DC=MyDomain, DC=com</OU>.

Importante
Non è possibile utilizzare l'elemento <Groups> con l'elemento <OU>.Se si specificano entrambi
gli elementi, l'installazione non può continuare.

<PreferredDC>nomeserver.dominio.com</PreferredDC>
Specifica il controller di dominio da contattare quando si eseguono operazioni che richiedono
Active Directory.Se non viene specificato, nel programma di installazione verrà utilizzato il
primo controller di dominio disponibile.Questa impostazione è disponibile solo quando si
utilizza un file di configurazione.

<LicenseKey>ValoreProductKey</LicenseKey>
Specifica il codice Product Key di questa distribuzione.Il file di configurazione può contenere
un solo codice Product Key di .Ad esempio:
<licenseKey>XXXXX-XXXXX-XXXXX-XXXXX-XXXXX</licenseKey>

Nota
Se si acquista Microsoft Dynamics 365 tramite un programma di contratti multilicenza Microsoft, il
codice Product Key è contenuto nel file license.txt.Il file license.txt è incluso nei file di installazione
di Microsoft Dynamics CRM.

<WebsiteUrl Create="true"/"false" port="NumeroPortaTCP">percorso</WebsiteUrl>


Specifica il sito Web da utilizzare per
l'applicazione.UtilizzaCreate="true"UsaportTCPportnumberTCPportnumberSe non si
specifica alcun valore, verrà utilizzato il numero di porta 5555.
SpecificareCreate="false"Quando si utilizza l'attributoCreate="false"
Ad esempio:
• http://server:portaserver.contoso.com
• /LM/W3SVC/nn

198
<Help anonymous="true"/"false">http://host/Guida</Help>
Elemento facoltativo che consente di specificare un URL diverso in cui è disponibile la
Microsoft Dynamics CRM?.Questa impostazione è solitamente utilizzata nelle distribuzioni
multiserver o per sostituire l'URL predefinito, ad esempio quando si utilizza un'intestazione
dell'host.Se si selezionafalseQuesta impostazione è disponibile solo quando si utilizza un file
di configurazione.

<InstallDir>c:\programmi\Microsoft Dynamics CRM</InstallDir>


Specifica la cartella in cui verranno installati i file dell'applicazione.Per impostazione
predefinita, per il programma di installazione verrà utilizzata la cartella
C:\Programmi\Microsoft Dynamics CRM.

<basecurrency isocurrencycode="CodiceValuta" currencyname="NomeValuta"


currencysymbol="SimboloValuta" currencyprecision=”2"/"3"/"4”/>
isocurrencycode
Specifica il codice di valuta ISO di tre lettere, il nome da visualizzare e il simbolo da utilizzare
per la valuta di base.Se ad esempio si desidera utilizzare il dollaro statunitense come valuta
di base, utilizzareisocurrencycode="USD"È necessario specificare una descrizione di
valuta ISO valida per l'attributoisocurrencycode
ecurrencynamecurrencysymbol
È inoltre necessario specificare i nomi visualizzati currencyname e currencysymbol per la
valuta di base ISO.Se ad esempio il codice ISO della valuta è USD, il nome della valuta
dovrebbe essere "Dollaro USA" e il simbolo "$".Per questi attributi è comunque possibile
utilizzare qualsiasi stringa.

Importante
Al termine dell'installazione non è possibile modificare il codice valuta ISO di base.Sarà tuttavia
possibile modificare il nome, il simbolo e la precisione della valuta di base.

I codici di valuta sono forniti da Microsoft .NET Framework e sono soggetti a variazioni.
currencyprecision
È necessario specificare la precisione della valuta di base indicata
nell'attributocurrencycodeI valori validi dipendono dal tipo di valuta specificato.Per USD, ad
esempio, i valori validi sono compresi tra 1 e 9 e il valore predefinito è 2.

<OrganizationCollation>NomeRegoleDiConfronto</OrganizationCollation>
Questo elemento facoltativo specifica il nome delle regole di confronto del database SQL
Server da utilizzare per il database dell'organizzazione.Le regole di confronto predefinite
dipendono dalla lingua del Microsoft Dynamics CRM che si sta installando, ad esempio,
Latin1_General_Cl_Al, che è l'impostazione predefinita per le distribuzioni in lingua inglese
(Stati Uniti).Per ulteriori informazioni sulle regole di confronto del database, vedere la
paginaMSDN: Utilizzo di regole di confronto di SQL Server

<CrmServiceAccount type="DomainUser"/"NetworkService">

Specifica l'account di servizio di utilizzato per eseguire il Servizio decompressione di


Microsoft Dynamics 365 e l'identità del pool di applicazioni di ASP.NET AppPool.
I valori ammessi sono DomainUser, che utilizza il dominio specificato dall'utente
nell'elemento <prefixServiceAccountNetworkServiceL'utilizzo dell'account di sistema Servizio
di rete è comunque sconsigliato perché può limitare alcune operazioni sul database come la

199
creazione, l'importazione o l'aggiornamento delle organizzazioni.Per impostazione
predefinita, nel programma di installazione verrà utilizzata l'opzioneDomainUserSe viene
specificatoDomainUserServiceAccountLoginServiceAccountPasswordQuando si esegue
il programma di installazione utilizzando il parametro/Q/QR

Avviso
La conservazione del file di configurazione in cui sono specificati i valori
<ServiceAccountLoginServiceAccountPasswordEliminare questi elementi subito dopo avere
utilizzato il file di configurazione per installare Server Microsoft Dynamics CRM 2016.
È consigliabile selezionare un account di dominio con privilegi limitati dedicato all'esecuzione di
questi servizi e che non venga utilizzato per altri scopi.L'account utente utilizzato per l'esecuzione
di un servizio di Microsoft Dynamics 365 non può inoltre essere un utente di Microsoft Dynamics
365.Tale account di dominio deve essere membro del gruppo di utenti del dominio.Inoltre, se
sono installati i ruoli Servizio asincrono e Servizio di elaborazione in modalità sandbox, ad
esempio in un'installazione di tipo server completo o Server back-end, l'account di dominio deve
essere membro del gruppo di sicurezza Performance Log Users.

<SandboxServiceAccount type="DomainUser"/"NetworkService">
<ServiceAccountLogin>Dominio\Utente</ServiceAccountLogin>
<ServiceAccountPassword>password</ServiceAccountPassword>
</SandboxServiceAccount>
Specifica l'account di servizio da utilizzare per il Servizio di elaborazione in modalità
sandbox.
I valori ammessi sonoDomainUserprefixServiceAccountNetworkServicePer impostazione
predefinita, nel programma di installazione verrà utilizzata l'opzioneDomainUserSe viene
specificatoDomainUserServiceAccountLoginServiceAccountPasswordQuando si esegue
il programma di installazione utilizzando il parametro/Q/QR

Avviso
La conservazione del file di configurazione in cui sono specificati i valori
<ServiceAccountLoginServiceAccountPasswordEliminare questi elementi subito dopo avere
utilizzato il file di configurazione per installare Server Microsoft Dynamics CRM 2016.
Se non si specifica questo elemento, il programma di installazione utilizzerà l'account specificato
nell'elemento <CrmServiceAccountÈ pertanto consigliabile specificare un account utente diverso
con bassi privilegi per ogni account di servizio.

<DeploymentServiceAccount type="DomainUser"/"NetworkService">
<ServiceAccountLogin>Dominio\Utente</ServiceAccountLogin>
<ServiceAccountPassword>password</ServiceAccountPassword>
<DeploymentServiceAccount>
Specifica l'account di servizio da utilizzare per il Servizio Web di distribuzione.
I valori ammessi sonoDomainUserprefixServiceAccountNetworkServiceL'utilizzo dell'account
di sistema Servizio di rete è comunque sconsigliato perché può limitare alcune operazioni sul
database come la creazione, l'importazione o l'aggiornamento delle organizzazioni.Per
impostazione predefinita, nel programma di installazione verrà utilizzata l'opzione
DomainUser.Se viene specificato DomainUser, o non viene specificato alcun tipo, è
obbligatorio specificare <ServiceAccountLoginServiceAccountPasswordQuando si
esegue il programma di installazione utilizzando il parametro/Q/QR

Attenzione

200
La conservazione del file di configurazione in cui sono specificati i valori
<ServiceAccountLoginServiceAccountPasswordEliminare questi elementi subito dopo avere
utilizzato il file di configurazione per installare Server Microsoft Dynamics CRM 2016.Se non si
specifica questo elemento, il programma di installazione utilizzerà l'account specificato
nell'elemento <CrmServiceAccountÈ pertanto consigliabile specificare un account utente diverso
con bassi privilegi per ogni account di servizio.Oltre alle autorizzazioni richieste dagli altri account
di servizio, è necessario che l'account del Servizio Web di distribuzione disponga di autorizzazioni
da amministratore di sistema su SQL Server e sia membro del gruppo Administrators locale nel
computer che esegue SQL Server per poter creare o importare organizzazioni.

Importante
Per eseguire operazioni sulle organizzazioni tramite Servizio Web di distribuzione o Windows
PowerShell, è necessario che l'account del Servizio distribuzione disponga di autorizzazioni di
amministratore di sistema sul computer che esegue SQL Server e sia membro del gruppo
Administrators locale nel computer in cui è installato SQL Server.È inoltre necessario che l'utente
che esegue le operazioni sulle organizzazioni sia un Amministratori distribuzione.
Il ruolo in Amministratori distribuzione viene impostato in Gestione distribuzione.

<AsyncServiceAccount type="DomainUser"/"NetworkService">
<ServiceAccountLogin>Dominio\Utente</ServiceAccountLogin>
<ServiceAccountPassword>password</ServiceAccountPassword>
<AsyncServiceAccount>
Specifica l'account di servizio da utilizzare per i servizi di elaborazione eventi asincroni.
I valori ammessi sonoDomainUserprefixServiceAccountNetworkServiceL'utilizzo dell'account
di sistema Servizio di rete è comunque sconsigliato perché può limitare alcune operazioni sul
database come la creazione, l'importazione o l'aggiornamento delle organizzazioni.Per
impostazione predefinita, nel programma di installazione verrà utilizzata
l'opzioneDomainUserSe viene
specificatoDomainUserServiceAccountLoginServiceAccountPassword

Avviso
La conservazione del file di configurazione in cui sono specificati i valori
<ServiceAccountLoginServiceAccountPasswordEliminare questi elementi subito dopo avere
utilizzato il file di configurazione per installare Server Microsoft Dynamics CRM 2016.
Se non si specifica questo elemento, il programma di installazione utilizzerà l'account specificato
nell'elemento <CrmServiceAccountÈ pertanto consigliabile specificare un account utente diverso
con bassi privilegi per ogni account di servizio.

<VSSWriterServiceAccount type="DomainUser"/"NetworkService">
<ServiceAccountLogin>="DomainUser"/"NetworkService"</ServiceAccountLogin>
<ServiceAccountPassword>password</ServiceAccountPassword>
</VSSWriterServiceAccount>
Specifica l'account di servizio da utilizzare per il servizio VSS Writer di Microsoft Dynamics
365.
I valori ammessi sonoDomainUserprefixServiceAccountNetworkServicePer impostazione
predefinita, nel programma di installazione verrà utilizzata l'opzioneDomainUserSe viene
specificatoDomainUserServiceAccountLoginServiceAccountPassword

Avviso

201
La conservazione del file di configurazione in cui sono specificati i valori
<ServiceAccountLoginServiceAccountPasswordEliminare questi elementi subito dopo avere
utilizzato il file di configurazione per installare Server Microsoft Dynamics CRM 2016.
È consigliabile specificare un account utente diverso con bassi privilegi per ogni account di
servizio di .

<MonitoringServiceAccount type="DomainUser"/"NetworkService">
<ServiceAccountLogin>="DomainUser"/"NetworkService"</ServiceAccountLogin>
<ServiceAccountPassword>password</ServiceAccountPassword>
</MonitoringServiceAccount>
Specifica l'account di servizio da utilizzare per il servizio di monitoraggio di Microsoft
Dynamics 365.
I valori ammessi sonoDomainUserprefixServiceAccountNetworkServicePer impostazione
predefinita, nel programma di installazione verrà utilizzata l'opzioneDomainUserSe viene
specificatoDomainUserServiceAccountLoginServiceAccountPassword

Avviso
La conservazione del file di configurazione in cui sono specificati i valori
<ServiceAccountLoginServiceAccountPasswordEliminare questi elementi subito dopo avere
utilizzato il file di configurazione per installare Server Microsoft Dynamics CRM 2016.
È consigliabile specificare un account utente diverso con bassi privilegi per ogni account di
servizio.

Per ulteriori informazioni sui servizi Microsoft Dynamics 365, vedere laRuoli server di
Microsoft Dynamics 365Per informazioni sulle autorizzazioni necessarie per i servizi
Microsoft Dynamics 365 e il tipo di account da utilizzare, vedere Considerazioni sulla
sicurezza per Microsoft Dynamics 365

<SQM optin=" true / false"/>


Specifica se si desidera o meno partecipare al programma Analisi utilizzo
software.Specificandotrue

Nota
Per ulteriori informazioni, vedereProgramma Analisi utilizzo software

<Reporting URL="http://srsserver1/ReportServer"/>
URL
Specifica l'URL del server di report.

<Groups autogroupmanagementoff="true/false">

Se si specifica questa impostazione, nel programma di installazione verranno utilizzati i


gruppi esistenti in Active Directory anziché crearne di nuovi.Se
<automanagegroupsofftrueSe si imposta <automanagegroupsofftrue

202
Importante
• Non è possibile utilizzare l'elemento<Groups><OU>Se si specificano entrambi gli elementi,
l'installazione non può continuare.
• È richiesta l'appartenenza diretta dell'account utente al gruppo di sicurezza privusergroup di
Microsoft Dynamics CRM e al momento non è supportato l'annidamento dell'appartenenza al
gruppo in privusergroup. Garantendo l'appartenenza a privusegroup tramite un altro gruppo di
sicurezza potrebbero verificarsi errori di sistema nell'applicazione Web di CRM e nelle
funzionalità di creazione dei report. Se ad esempio si aggiunge un gruppo di sicurezza
denominato mycrmprivgroupusers a privusergroup, i membri di mycrmprivgroupusers non
verranno risolti come membri di privusergroup. Sono incluse le identità dei servizi
CRMAppPool o SQL Server Reporting Services

Questa impostazione è disponibile solo quando si utilizza un file di configurazione.

<remoteinstall>"true" / "false" </remoteinstall>


Questa opzione è obbligatoria se esegui un'installazione remota utilizzando la
comunicazione remota di Windows PowerShell.Il valore predefinito èfalse

<Reboot>"true" / "false"</Reboot>
Se questa opzione non viene specificata, il valore predefinito èfalseQuesto significa che il
server non verrà riavviato automaticamente alla fine dell'installazione.Questa opzione,
inoltre, si applica solo al riavvio finale dell'installazione, non a eventuali riavvii precedenti che
potrebbero essere necessari per altri componenti.

Nota
L'installazione di Microsoft .NET Framework potrebbe richiedere di riavviare il computer prima di
continuare con l'esecuzione di Installazione server Microsoft Dynamics CRM.

<Email>

Questo elemento facoltativo specifica il computer Microsoft Exchange Server o POP3 che
verrà utilizzato dal Router e-mail per distribuire i messaggi di posta elettronica in arrivo.Se
non viene specificato e in seguito il Router e-mail viene utilizzato nella distribuzione, il
computer deve essere aggiunto al gruppo di sicurezzaPrivUserGroup

</Email>
Specifica il server di posta elettronica da utilizzare per la distribuzione della posta elettronica.

<configdb>
È l'elemento padre dei seguenti elementi della chiave di crittografia:

Avviso
Per impostazione predefinita, le chiavi di crittografia non vengono archiviate nel database di
configurazione in formato crittografato.È tuttavia consigliabile specificarne la crittografia durante
l'esecuzione del programma di installazione.

203
<encryptionkeys certificate="CrmEncryptionCertificate" generate="true"/"False"
password="SCpassword" keysource="uniqueID">
L'elemento <encryptionkeysPer abilitare le chiavi crittografate generate dal sistema,
utilizzaregenerate="true"Il parametrokeysourcekeysourceè la password da utilizzare per
creare il certificato simmetrico.SCpasswordQuesta impostazione è disponibile solo quando
si utilizza un file di configurazione.

Avviso
La conservazione di un file di configurazione in cui sono specificati i valori
dipasswordkeysourceÈ consigliabile salvare la password in una posizione sicura, da cui possa
essere recuperata in seguito nel caso in cui sia necessaria per un ripristino.Per ulteriori
informazioni sulle procedure consigliate per l'archiviazione delle password, vedere l'articolo di
MSDNProcedure ottimali relative alle passwordEliminare questi elementi subito dopo avere
utilizzato il file di configurazione per installare Server Microsoft Dynamics CRM 2016.

<encryptionkey physicalname="CrmSymmetricKey"
virtualname="CrmKeyEncryptionKey"/>
Ogni elemento <encryptionkeysQuesta impostazione è disponibile solo quando si utilizza
un file di configurazione.

</encryptionkeys>

<LaunchReportingExtensionsSetup>"false" / "true"</LaunchReportingExtensionsSetup>
Elementi facoltativi che specificano se avviare l'Installazione delle Estensioni di report di
Microsoft Dynamics CRM immediatamente dopo l'Installazione server Microsoft Dynamics
CRM.Per impostazione predefinita, il valore di questo elemento è false e l'Installazione delle
Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM non viene avviata al termine
dell'Installazione server Microsoft Dynamics CRM.L'Installazione delle Estensioni di report di
Microsoft Dynamics CRM viene inoltre avviata solo in presenza delle condizioni seguenti:
• Nell'Installazione server Microsoft Dynamics CRM viene creata e aggiornata la prima
organizzazione della distribuzione
• Il computer Server di report specificato è il computer locale in cui viene eseguito il
programma di installazione

Vedere anche
Utilizzare il prompt dei comandi per installare Microsoft Dynamics Server 365
Esempio di file di configurazione XML per il server
Esempio di file di configurazione XML per il server per l'installazione con gruppi già creati

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Esempio di file di configurazione XML per il


server
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016

204
Il file di configurazione seguente installa un file di aggiornamento che si trova in una condivisione
interna, installa un server completo con tutte le funzionalità di Server Microsoft Dynamics CRM 2016 e
crea nuovi database sull'istanza predefinita di SQL Server denominataSQLServer

<

CRMSetup

>

<Server>

<Patch update="true">\\ServerName\ShareName\patchfile.msp</Patch>

<LicenseKey>XXXXX-XXXXX-XXXXX-XXXXX-XXXXX</LicenseKey>

<SqlServer>SQLServer</SqlServer>

<Database create="true"/>

<Reporting URL="http://MyReportingServer/ReportServer"/>

<OrganizationCollation>Latin1_General_CI_AI</OrganizationCollation>

<basecurrency isocurrencycode="USD" currencyname="US Dollar" currencysymbol="$"


currencyprecision="2"/>

<Organization>Organization Display Name</Organization>

<OrganizationUniqueName>Organization-Name</OrganizationUniqueName>

<OU>OU=value,DC=subdomain,DC=subdomain,DC=subdomain,DC=com</OU>

<WebsiteUrl create="true" port="5555"> </WebsiteUrl>

<InstallDir>c:\Program Files\Microsoft Dynamics CRM</InstallDir>

<CrmServiceAccount type="DomainUser">

<ServiceAccountLogin>Contoso\CRMAppService</ServiceAccountLogin>

<ServiceAccountPassword>password</ServiceAccountPassword>

</CrmServiceAccount>

<SandboxServiceAccount type="DomainUser">

<ServiceAccountLogin>Contoso\CRMSandboxService</ServiceAccountLogin>

<ServiceAccountPassword>password</ServiceAccountPassword>

</SandboxServiceAccount>

<DeploymentServiceAccount type="DomainUser">

<ServiceAccountLogin>Contoso\CRMDeploymentService</ServiceAccountLogin>

205
<ServiceAccountPassword>password</ServiceAccountPassword>

</DeploymentServiceAccount>

<AsyncServiceAccount type="DomainUser">

<ServiceAccountLogin>Contoso\CRMAsyncService</ServiceAccountLogin>

<ServiceAccountPassword>password</ServiceAccountPassword>

</AsyncServiceAccount>

<VSSWriterServiceAccount type="DomainUser">

<ServiceAccountLogin>Contoso\CRMVSSWriterService</ServiceAccountLogin>

<ServiceAccountPassword>password</ServiceAccountPassword>

</VSSWriterServiceAccount>

<MonitoringServiceAccount type="DomainUser">

<ServiceAccountLogin>Contoso\CRMMonitoringService</ServiceAccountLogin>

<ServiceAccountPassword>password</ServiceAccountPassword>

</MonitoringServiceAccount>

<SQM optin="true"/>

<muoptin optin="true"/>

<!-- Settings for IFD installation. May be skipped for intranet-only deployment or to configure
IFD later. -->

<ifdsettings enabled="false">

<!-- Define what address considered internal, required only if enabled=true -->

<internalnetworkaddress>10.0.0.1-255.0.0.0</internalnetworkaddress>

<!-- Define URLs with IFD authentication, required only if enabled=true -->

<rootdomainscheme>http</rootdomainscheme>

<sdkrootdomain>api.contoso.com</sdkrootdomain>

<webapplicationrootdomain>app.contoso.com</webapplicationrootdomain>

<discoveryrootdomain>disc.contoso.com</discoveryrootdomain>

</ifdsettings>

206
<Email>

<IncomingExchangeServer name="ExchangeServerName"/>

</Email>

</Server>

</CRMSetup>

Attenzione
La conservazione del file di configurazione in cui sono specificati i valori
<ServiceAccountLoginServiceAccountPasswordEliminare questi elementi subito dopo avere
utilizzato il file di configurazione per installare Server Microsoft Dynamics CRM 2016.

Vedere anche
Microsoft Dynamics CRMFile di configurazione XML per il server
Esempio di file di configurazione XML per il server per l'installazione con gruppi già creati

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Esempio di file di configurazione XML per il


server per l'installazione con gruppi già creati
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Per impostazione predefinita, il programma di installazione crea quattro gruppi di sicurezza di Active
Directory che sono utilizzati da Microsoft Dynamics 365.È possibile creare in anticipo tali gruppi e
quindi fornire informazioni per i gruppi nel file di configurazione di impostazione.
Per utilizzare i gruppi di sicurezza del servizio directory di Active Directory creati preliminarmente,
creare un file di configurazione XML che utilizza la sintassi del nome LDAP distinto simile all'esempio
seguente.e modificando opportunamente le variabili.
Ad esempio, l'esempio seguente viene utilizzato quando l'unità organizzativa (OU) in cui verranno
ubicati i gruppi precreati (PrivUserGroup, SQLAccessGroup, ReportingGroup e PrivReportingGroup)
viene denominataCRMCRM

Importante
L'utente che esegue Installazione server Microsoft Dynamics CRM deve disporre delle
autorizzazioniAggiungi utente o gruppoPer ulteriori informazioni su come assegnare diritti di utente a
un gruppo in Servizi di dominio Active Directory, vedere la Guida di Utenti e computer di Active
Directory.
Poiché l'unità organizzativa verrà specificata quando si utilizza l'elemento <GROUPS> dei gruppi Active

207
Directory, non sarà possibile specificare di nuovo l'unità organizzativa utilizzando l'elemento <OU>.
L'elemento <Groups> deve trovarsi all'interno degli elementi <Server> e <CRMSetup>.Per la struttura
della sintassi, vedereMicrosoft Dynamics CRMFile di configurazione XML per il server

<Groups AutoGroupManagementOff="false">

<PrivUserGroup>CN=PrivUserGroup,OU=CRM,DC=sales,DC=contoso,DC=com</PrivUserGroup>

<SQLAccessGroup>CN=SQLAccessGroup,OU=CRM,DC=sales,DC=contoso,DC=com</SQLAccessGroup>

<ReportingGroup>CN=ReportingGroup,OU=CRM,DC=sales,DC=contoso,DC=com</ReportingGroup>

<PrivReportingGroup>CN=PrivReportingGroup,OU=
CRM,DC=sales,DC=contoso,DC=com</PrivReportingGroup>

</Groups>

Vedere anche
Microsoft Dynamics CRMFile di configurazione XML per il server
Installare i ruoli server di Microsoft Dynamics CRM usando il prompt dei comandi

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Installare i ruoli server di Microsoft Dynamics


CRM usando il prompt dei comandi
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Per impostazione predefinita, tramite il programma di installazione vengono installati tutti i ruoli del
Server Microsoft Dynamics CRM 2016 nel computer locale.Tuttavia, quando si installa Server Microsoft
Dynamics CRM 2016, è possibile scegliere di installare uno o più ruoli server.Inoltre, è possibile
installare lo stesso o gli stessi ruoli server in due o più computer, in grado di offrire vantaggi ai fini del
bilanciamento del carico.A tale scopo, è possibile selezionare i ruoli desiderati eseguendo
l'Installazione guidata del server Microsoft Dynamics CRM o preparare un file di configurazione XML e
quindi eseguire il programma di installazione al prompt dei comandi sul computer in cui si desidera
installare il ruolo.

Nota
È possibile eseguire il programma di installazione al prompt dei comandi o tramite Programmi e
funzionalità nel Pannello di controllo per aggiungere o rimuovere ruoli server da un computer in cui
sono già installati uno o più ruoli server.

Per ulteriori informazioni sui ruoli server, vedereRuoli server di Microsoft Dynamics 365

208
Parametri
I parametri per il prompt dei comandi supportati sono quelli già descritti inInstallare il Server Microsoft
Dynamics CRM mediante un prompt dei comandi

File di configurazione XML per i ruoli server


Il parametro della riga di comando/configunitàpercorsonomefileconfig.xmlLe informazioni fornite dal file
di configurazione XML corrispondono a quelle richieste nelle singole schermate dell'installazione.

Importante
Gli elementi XML devono essere in inglese (USA).Un file di configurazione XML con elementi XML
tradotti non funziona correttamente.

Di seguito vengono descritti i singoli elementi XML e viene illustrato un file XML di esempio:
<Roles>
<Role Name="RoleName1" Action="Add" / "Remove"/>
<Role Name="RoleName2" Action="Add" / "Remove"/>
.NomeNome del ruolo di Server Microsoft Dynamics 365.Per i nomi di ruoli server disponibili,
vedereNomi dei ruoli server di Microsoft Dynamics 365 usati nel file di
configurazione XML
.ActionQuesto attributo è obbligatorio solo quando si riconfigura una distribuzione esistente
aggiungendo o rimuovendo ruoli server.

</Roles>

Nomi dei ruoli server di Microsoft Dynamics 365 usati nel file di
configurazione XML
WebApplicationServer
Installa i componenti necessari per eseguire il componente server dell'applicazione Web.

OrganizationWebService
Installa i componenti del Servizio Web organizzazione necessari per eseguire le applicazioni
che utilizzano i metodi descritti in Microsoft Dynamics 365 SDK.

DiscoveryWebService
Installa il componente Servizio Web di individuazione, che consente agli utenti di trovare
l'organizzazione di cui sono membri in una distribuzione multi-tenant.

HelpServer
Installa i componenti necessari per rendere la Guida di Microsoft Dynamics 365 disponibile
agli utenti.

AsynchronousProcessingService
Installa il Servizio asincrono.Questo servizio viene utilizzato per elaborare eventi asincroni in
coda, ad esempio l'importazione dei dati o la posta elettronica inviata in blocco.

EmailConnector
Installa il servizio e i file relativi che gestiscono l'invio e la ricezione di messaggi e-mail

209
tramite la connessione a un server e-mail esterno.

SandboxProcessingService
Installa i componenti necessari per consentire l'isolamento dell'esecuzione del codice
personalizzato.

DeploymentTools
Installa Gestione distribuzione e i cmdlet di Windows PowerShell che ti consentono di
automatizzare le attività di distribuzione.Gestione distribuzione è uno snap-in di Microsoft
Management Console (MMC) utilizzabile dagli amministratori di sistema per gestire
organizzazioni, server e licenze per le distribuzioni di Microsoft Dynamics 365.

DeploymentWebService
Installa il componente Servizio Web di distribuzione necessario per gestire la distribuzione
utilizzando i metodi descritti in Microsoft Dynamics 365 SDK, ad esempio per la creazione di
un'organizzazione o la rimozione di un ruolo Amministratori distribuzione da un utente.

VSSWriter
Installa l'interfaccia che può essere utilizzata per eseguire il backup e il ripristino dei dati di
Microsoft Dynamics 365 tramite l'infrastruttura del Servizio Copia Shadow del volume (VSS,
Volume Shadow Copy Service) di Windows Server.

Importante
Benché non sia possibile specificare un gruppo di ruoli server (Server front-end, Server back-end o
Server di amministrazione della distribuzione), è possibile specificare tutti i ruoli server nel gruppo di
ruoli server, come il seguente frammento XML di esempio che installa tutti i ruoli di Server front-end.

<

Roles

>

<Role Name="WebApplicationServer" />

<Role Name="OrganizationWebService" />

<Role Name="DiscoveryWebService" />

<Role Name="HelpServer" />

</Roles>

Vedere anche
Microsoft Dynamics CRMFile di configurazione XML per il server
Esempio di file di configurazione XML per l'installazione dei soli ruoli WebApplicationServer e
OrganizationWebService

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

210
Esempio di file di configurazione XML per
l'installazione dei soli ruoli
WebApplicationServer e
OrganizationWebService
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Nell'esempio seguente vengono installati solo i ruoli server Server applicazione Web e Servizio Web
organizzazione nel computer locale.Per utilizzare questo file di configurazione, il database di
configurazione deve già esistere nell'istanza di Microsoft SQL Server denominataSQLServerQuesta
funzionalità verrà installata nel sito Web predefinito di IIS.Per specificare un sito Web diverso, utilizzare
l'elemento<WebsiteUrl>Per ulteriori informazioni, vedereMicrosoft Dynamics CRMFile di
configurazione XML per il server

Nota
Server applicazione Web richiede il Servizio Web organizzazione.Pertanto, anche quando specifichi
solo il nome del ruolo WebApplicationServer, il Servizio Web organizzazione (OrganizationWebService)
verrà installato automaticamente.

<

CRMSetup

>

<Server>

<Patch update="true">\\server\share\patchfile.msp</Patch>

<LicenseKey>XXXXX-XXXXX-XXXXX-XXXXX-XXXXX</LicenseKey>

<SqlServer>SQLServer</SqlServer>

<Database create="false" />

<InstallDir>c:\Program Files\Microsoft Dynamics CRM</InstallDir>

<WebsiteUrl create="true" port="5555"> </WebsiteUrl>

<Roles>

<Role name="WebApplicationServer"/>

</Roles>

<SQM optin="true" />

<MUoptin optin="true" />

<CrmServiceAccount type="DomainUser">

<ServiceAccountLogin>contoso\user1</ServiceAccountLogin>

211
<ServiceAccountPassword>password</ServiceAccountPassword>

</CrmServiceAccount>

<MonitoringServiceAccount type=”DomainUser”>

<ServiceAccountLogin>Contoso\CRMMonitoringService</ServiceAccountLogin>

<ServiceAccountPassword>password</ServiceAccountPassword>

</MonitoringServiceAccount>

</Server>

</CRMSetup>

Attenzione
La conservazione del file di configurazione in cui sono specificati i valori
<ServiceAccountLoginServiceAccountPasswordEliminare questi elementi subito dopo avere
utilizzato il file di configurazione per installare Server Microsoft Dynamics CRM 2016.

Vedere anche
Installare i ruoli server di Microsoft Dynamics CRM usando il prompt dei comandi
Esempio di file di configurazione XML che installa solo il ruolo HelpServer

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Esempio di file di configurazione XML che


installa solo il ruolo HelpServer
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Nell'esempio seguente viene installato solo il ruolo Server della Guida nel computer locale.

<

CRMSetup

>

<Server>

<Patch update="true"/>

<LicenseKey>XXXXX-XXXXX-XXXXX-XXXXX-XXXXX</LicenseKey>

212
<SqlServer>SQLServerName</SqlServer>

<Database create="false"/>

<WebsiteUrl create="true" port="5555">LM/W3SVC/1</WebsiteUrl>

<Help anonymous="true">http://LocalHost/Help</Help>

<InstallDir>c:\Program Files\Microsoft Dynamics CRM</InstallDir>

<Roles>

<Role name="HelpServer"/>

</Roles>

<SQM optin="true"/>

<MUoptin optin="true"/>

<CrmServiceAccount type="DomainUser">

<ServiceAccountLogin>contoso\CRMHelpservice</ServiceAccountLogin>

<ServiceAccountPassword>password</ServiceAccountPassword>

</CrmServiceAccount>

<MonitoringServiceAccount type=”DomainUser”>

<ServiceAccountLogin>Contoso\CRMMonitoringService</ServiceAccountLogin>

<ServiceAccountPassword>password</ServiceAccountPassword>

</MonitoringServiceAccount>

</Server>

</CRMSetup>

Importante
A meno che venga utilizzato<Help anonymous="true">Se l'applicazione Server della Guida non è
configurata per l'accesso anonimo, agli utenti potrebbero essere richieste ripetutamente le credenziali
di autenticazione quando eseguono l'accesso a Guida di Microsoft Dynamics 365.
Per impostazione predefinita, in Server della Guida viene utilizzato l'indirizzo Web Server applicazione
Web visualizzato in Gestione distribuzione.Inoltre, il programma di Installazione server Microsoft
Dynamics CRM non aggiorna l'URL quando si installa Server della Guida in un computer distinto.È
necessario modificare l'URL manualmente.Per modificare l'URL, eseguire i comandi Windows
PowerShell seguenti nell'argomento seguente nel computer che esegue il ruolo server Strumenti di
distribuzione.

Modificare l'URL di Microsoft Dynamics 365 HelpServer


I seguenti cmdlet Windows PowerShell cambiano l'URL del Server della GuidaMicrosoft Dynamics 365
su https://crmhelpserver.contoso.com, un Server della Guida con connessione Internet configurato per
TLS/SSL.Prima di poter eseguire i cmdlet Server della Guida di Microsoft Dynamics 365, è necessario

213
innanzitutto registrarli.Per ulteriori informazioni, vedereIniziare a utilizzare i cmdlet PowerShell di
Dynamics 365
Visualizzare le impostazioni esistenti dell'indirizzo Web.Nota che, se l'impostazione dell'indirizzo Web
HelpServerUrl è vuota quando esegui il seguente comando Windows PowerShell, il Server della Guida
usa lo stesso indirizzo Web come Server applicazione Web (WebAppRootDomain).
Get-CrmSetting WebAddressSettings
Impostare l'url del server della guida.
$websetting = Get-CrmSetting WebAddressSettings

$websetting.HelpServerUrl = “https://crmhelpserver.contoso.com”

Set-CrmSetting $websetting
Verificare il nuovo URL visualizzando nuovamente le impostazioni dell'indirizzo Web.
Get-CrmSetting WebAddressSettings

Vedere anche
Esempio di file di configurazione XML per l'installazione dei soli ruoli WebApplicationServer e
OrganizationWebService
Installare i ruoli server di Microsoft Dynamics CRM usando il prompt dei comandi
Installare le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 mediante un prompt dei comandi

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Installare le Estensioni di report di Microsoft


Dynamics 365 mediante un prompt dei comandi
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 sono estensioni di elaborazione dei dati installate nel
server Microsoft SQL Server Reporting Services.Le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365
ricevono le informazioni di autenticazione dal Server Microsoft Dynamics 365 e le passano al server
Microsoft SQL Server Reporting Services.
Il programma di Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM include due estensioni di elaborazione
dei dati: l'Estensione per l'elaborazione dei dati Fetch e l'Estensione per l'elaborazione dei dati di SQL
di Microsoft Dynamics CRM.L'Estensione per l'elaborazione dei dati Fetch è necessaria per creare,
eseguire e pianificare report basati su Fetch in Microsoft Dynamics 365.L'Estensione per l'elaborazione
dei dati di SQL è necessaria per pianificare report basati su SQL in Microsoft Dynamics 365.

Requisiti delle estensioni di report di Microsoft


Dynamics 365
Per l'installazione delle Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 devono essere soddisfatti i
requisiti seguenti:

214
• È necessario eseguire tutti i ruoli del Server Microsoft Dynamics CRM 2016 installati prima di
eseguire Installazione delle Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM.
• È necessario eseguire Installazione delle Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM in un
computer in cui è installato Microsoft SQL Server Reporting Services.
• Puoi eseguire Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 con una qualsiasi versione supportata
di Microsoft SQL Server Reporting Services.Per informazioni dettagliate sulle versioni supportate di
Microsoft SQL Server Reporting Services, vedereRequisiti di report di Microsoft Dynamics 365
• Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM non può essere installato in un server in cui è
eseguita l'installazione dei componenti di base di Windows Server.Questo perché Microsoft SQL
Server Reporting Services, che è obbligatorio, non può essere installato in un server in cui viene
eseguita l'installazione dei componenti di base di Windows Server.
• Per set di dati minori e un numero minore di utenti, è possibile utilizzare una distribuzione con un
solo server in cui il motore di database di Microsoft SQL Server Reporting Services e SQL Server
vengono eseguiti nello stesso server.Tuttavia, con set di dati maggiori e con un numero di utenti più
elevato, le prestazioni diminuiranno rapidamente quando vengono eseguiti report complessi,
pertanto è consigliabile utilizzare una distribuzione con più server con un computer che esegue
SQL Server per i database di Microsoft Dynamics 365 e un altro server per Microsoft SQL Server
Reporting Services.

Esempio di comando
Per le Installazione delle Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM vengono utilizzati gli stessi
parametri da riga di comando validi per il Installazione server Microsoft Dynamics CRM.Per installare
Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM in modalità non interattiva, ovvero utilizzando un file di
configurazione XML denominatoinstall-config.xmllog.txtSrsDataConnector
SetupSrsDataConnector /Q /CONFIG folderpath\install-config.xml /L c:\logfiles\crm\log.txt

Vedere anche
Utilizzare il prompt dei comandi per installare Microsoft Dynamics Server 365
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/hh699665(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
File di configurazione XML delle estensioni di report di Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

File di configurazione XML delle estensioni di


report di Microsoft Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Prima di eseguire il programma di Installazione delle Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM
dal prompt dei comandi, è necessario modificare il file di configurazione XML per inserirvi le

215
informazioni necessarie, ad esempio il nome del computer in cui si trova il database di
configurazione.Un file di configurazione Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM di esempio
denominatoinstall-config.xml
Il parametro della riga di comando/configLe informazioni fornite da questo file di configurazione sono le
stesse richieste nelle schermate dell'installazione.Gli elementi XML devono essere in inglese (USA) e
non possono contenere caratteri estesi o speciali.Un file di configurazione XML con elementi XML
tradotti non funziona correttamente.Di seguito vengono descritti i singoli elementi XML e viene illustrato
un file XML di esempio:
<CRMSetup> </CRMSetup>
Il file di configurazione deve essere un file XML valido che utilizza <CRMSetup

<srsdataconnector>
Il file di configurazione deve essere un file XML valido che utilizza<srsdataconnectorTutte
le voci che seguono devono essere racchiuse da tag <srsdataconnector

<InstallType>Uninstall/Repair</InstallType>
Specifica il tipo di installazione da eseguire.Di seguito vengono illustrate le opzioni
disponibili.
. Disinstalla il Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365.Uninstall
Avvia il programma di installazione in modalità di ripristino.Repair.

<Patch update="true"/"false">\\ServerName\ShareName\Patch_Location</Patch>
Se non si specifica un percorso, per impostazione predefinita il programma di installazione
accederà a un sito Web gestito da Microsoft per cercare gli aggiornamenti disponibili.In
alternativa è possibile configurare il programma di installazione in modo che venga installato
un file con estensione msp per l'aggiornamento del programma di Installazione delle
Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM da un percorso diverso, ad esempio da una
condivisone interna.
update
Specifica se nel programma di installazione verranno cercati, scaricati e applicati eventuali
aggiornamenti dell'Installazione server Microsoft Dynamics CRM.È consigliabile consentire il
download dell'ultima versione del programma di installazione specificandotruePer
impostazione predefinita, questo valore è impostato sufalseSe questo valore è impostato
sufalse

<configdbserver>SQLServerName\Instancename</configdbserver>
Specifica l'istanza di SQL Server in cui è archiviato il database di configurazione.Per
specificare l'istanza predefinita, utilizzareNomeServerSQLNomeServerSQL\NomeIstanza

<muoptin optin="true”/“false" />


Specifica se utilizzare Microsoft Update per scaricare e installare gli aggiornamenti per
l'Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM.Dopo l'installazione, questa funzionalità
mantiene il computer costantemente aggiornato.
• .TrueQuando si specifica questa opzione, il programma di installazione imposta
Microsoft Update come servizio di aggiornamento e utilizza le impostazioni di
aggiornamento automatico di Windows al computer.Le impostazioni di aggiornamento
automatico di Windows possono essere esaminate in Windows Update nel Pannello di
controllo.Microsoft Update contribuisce ad assicurare che il computer disponga delle
tecnologie più recenti e sia pertanto meno esposto a rischi di vulnerabilità e problemi di
sicurezza.

216
• .FalseQuando si specifica questa opzione, il programma di installazione non modifica le
impostazioni di aggiornamento automatico esistenti di Windows.Se il computer non è già
configurato per l'utilizzo di Microsoft Update come servizio di aggiornamento, è
consigliabile prevedere un modo alternativo per l'installazione degli aggiornamenti nel
computer, ad esempio utilizzando Windows Update Services.Se non si specifica alcun
valore, verrà selezionato il valorefalse

<InstallDir>c:\program files\Microsoft Dynamics CRM Reporting Extensions</InstallDir>


Specifica la cartella in cui verranno copiati i file delle Estensioni di report di Microsoft
Dynamics CRM.Il percorso predefinito è c:\Programmi\Microsoft Dynamics CRM Reporting
Extensions.

<autogroupmanagementoff>1/0</autogroupmanagementoff>
Se <automanagegroupsoff1È pertanto necessario aggiungere manualmente l'account di
servizio di Microsoft SQL Server Reporting Services per l'istanza associata di SQL Server al
gruppo di sicurezzaPrivReportingGroup

Vedere anche
Installare le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 mediante un prompt dei comandi
Esempio di file di configurazione XML delle estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Esempio di file di configurazione XML delle


estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Nell'esempio di configurazione XML seguente viene eseguita la ricerca di aggiornamenti al programma
di installazione. Se trovati, gli aggiornamenti vengono scaricati e applicati.Verrà dato il consenso
esplicito a Microsoft Update, quindi verrà cercato il database di configurazione in un Microsoft SQL
Server denominatoSQLServerSQLReportServerInstanceInoltre, la Configurazione aggiungerà o
rimuoverà tutti i membri ai gruppi di sicurezza di Microsoft Dynamics 365 nel servizio directory Active
Directory in base alle esigenze e installerà il servizio di monitoraggio configurato per un account utente
di dominio esistente denominatoCRMMonitoringService

<

crmsetup

>

<srsdataconnector>

<configdbserver>SQLServer</configdbserver>

<autogroupmanagementoff>0</autogroupmanagementoff>

217
<instancename>SQLReportServerInstance</instancename>

<patch update="true" />

<muoptin optin="true" />

<MonitoringServiceAccount type=”DomainUser”>

<ServiceAccountLogin>Contoso\CRMMonitoringService</ServiceAccountLogin>

<ServiceAccountPassword>password</ServiceAccountPassword>

</MonitoringServiceAccount>

</srsdataconnector>

</crmsetup>

Registrazione
Per impostazione predefinita, il programma di installazione crea un file
denominatoSrsDataConnectorSetup.log

Vedere anche
File di configurazione XML delle estensioni di report di Microsoft Dynamics 365
Installare l'Estensione per la modifica dei report di Microsoft Dynamics 365 mediante un prompt dei
comandi

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Installare l'Estensione per la modifica dei report


di Microsoft Dynamics 365 mediante un prompt
dei comandi
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Dal prompt dei comandi, è possibile utilizzare il seguente comando per installare Microsoft Dynamics
CRMEstensione per la modifica dei report:
SetupBIDSExtensions.exe [/Q] [/config configfile.xml]

Parametri della riga di comando per l'estensione per la modifica dei


report di Microsoft Dynamics CRM
/Q
Installazione in modalità non interattiva.Questo parametro richiede un file di configurazione in
formato XML.Il parametro/configNon vengono visualizzate finestre di dialogo o messaggi di
errore.

218
/config [drive:] [[path] configfilename.xml]]
Il parametro/configUn esempio di file di configurazione XML viene illustrato inFile di
configurazione XML per l'estensione per la modifica dei report di Microsoft
Dynamics 365Si noti che se si specifica un file di configurazione senza il parametro /Q,
verranno visualizzate le schermate di installazione complete delle informazioni attinte dal file
di configurazione.

/uninstall
Disinstalla le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365.Questa è un'opzione della
modalità di manutenzione ed è disponibile solo dopo l'installazione dell'applicazione.

Vedere anche
Installare le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 mediante un prompt dei comandi
File di configurazione XML per l'estensione per la modifica dei report di Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

File di configurazione XML per l'estensione per


la modifica dei report di Microsoft Dynamics
365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
In questo argomento vengono fornite le spiegazioni per i singoli elementi XML e viene illustrato un file
XML di esempio per l'installazione di Microsoft Dynamics CRMEstensione per la modifica dei report:
<CRMSetup> </CRMSetup>
Il file di configurazione deve essere un file XML valido che utilizza <CRMSetup

<bidsextensions> </bidsextensions>
Il file di configurazione deve essere un file XML valido che utilizza <<bidsextensions>Tutte
le voci relative all'Estensione per la modifica dei report seguenti devono essere racchiuse tra
i tag<bidsextensions>

<patch update=”true” / ”false” />


Determina il comportamento dell'aggiornamento per il programma di installazione.Se
specifichiTrueSe si specificaFalse

<muoptin optin="true” / “false" />


Specifica se utilizzare Microsoft Update per scaricare e installare gli aggiornamenti per
l'Estensione per la modifica dei report.Dopo l'installazione, questa funzionalità mantiene il
computer costantemente aggiornato.
• .TrueQuando si specifica questa opzione, il programma di installazione imposta
Microsoft Update come servizio di aggiornamento e utilizza le impostazioni di
aggiornamento automatico di Windows al computer.Le impostazioni di aggiornamento
automatico di Windows possono essere esaminate in Windows Update nel Pannello di

219
controllo.Microsoft Update contribuisce ad assicurare che il computer disponga delle
tecnologie più recenti e sia pertanto meno esposto a rischi di vulnerabilità e problemi di
sicurezza.
• .FalseQuando si specifica questa opzione, il programma di installazione non modifica le
impostazioni di aggiornamento automatico esistenti di Windows.Se il computer non è già
configurato per l'utilizzo di Microsoft Update come servizio di aggiornamento, è
consigliabile prevedere un modo alternativo per l'installazione degli aggiornamenti nel
computer, ad esempio utilizzando Microsoft Windows Update Services (WSUS).Se non
si specifica alcun valore, verrà selezionato il valorefalse

<InstallDir>c:\program files\Microsoft Dynamics CRM</InstallDir>


Specifica la cartella in cui verranno installati i file dell'applicazione.Per impostazione
predefinita, per il programma di installazione viene utilizzata la cartella C:\Program Files
(x86)\Microsoft Dynamics CRM.

<InstallType>uninstall/repair</InstallType>
Disinstalla o ripristina Estensione per la modifica dei report.Questa è un'opzione della
modalità di manutenzione ed è disponibile solo quando l'applicazione è già installata.

<InstanceName>NomeIstanza</InstanceName>
Specifica un'istanza denominata di Microsoft SQL Server in cui installare Estensione per la
modifica dei report.Se non si specifica alcun valore o non si utilizza l'opzione, la
Configurazione utilizza l'istanza predefinita di SQL Server.

<<MonitoringServiceAccount type="DomainUser"/"NetworkService">
<ServiceAccountLogin>="DomainUser"/"NetworkService"</ServiceAccountLogin>
ServiceAccountPassword>password</ServiceAccountPassword>
</MonitoringServiceAccount>
Specifica l'account di servizio da utilizzare per il servizio di monitoraggio di Microsoft
Dynamics 365.
I valori ammessi sonoDomainUserprefixServiceAccountNetworkServicePer impostazione
predefinita, nel programma di installazione verrà utilizzata l'opzioneDomainUserSe viene
specificatoDomainUserServiceAccountLoginServiceAccountPassword

Avviso
La conservazione del file di configurazione in cui sono specificati i valori
<ServiceAccountLoginServiceAccountPasswordEliminare questi elementi subito dopo avere
utilizzato il file di configurazione per installare l'applicazione.
È consigliabile specificare un account utente diverso con bassi privilegi per ogni account di
servizio di Microsoft Dynamics 365.

Per ulteriori informazioni sui servizi Microsoft Dynamics 365, vedere la Ruoli server di
Microsoft Dynamics 365Per informazioni sulle autorizzazioni necessarie per i servizi
Microsoft Dynamics 365 e il tipo di account da utilizzare, vedere Considerazioni sulla
sicurezza per Microsoft Dynamics 365

Nota
Estensione per la modifica dei report è disponibile solo nelle versioni a 32 bit.

220
L'Estensione per la modifica dei report richiede SQL Server Data Tools (SSDT).Per ulteriori
informazioni sui requisiti di sistema, vedereRequisiti delle estensioni per la modifica dei report di
Microsoft Dynamics 365

Vedere anche
Installare l'Estensione per la modifica dei report di Microsoft Dynamics 365 mediante un prompt dei
comandi
Installare le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 mediante un prompt dei comandi
Esempio di file di configurazione XML delle estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Esempio di file di configurazione XML per


l'estensione per la modifica dei report di
Microsoft Dynamics CRM
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Con il file di configurazione XML seguente verrà installata l'Estensione per la modifica dei report che
sceglierà di utilizzare Microsoft Update, eseguire la ricerca e l'applicazione degli aggiornamenti
esistenti e installare l'Estensione per la modifica dei report nella cartella C:\Program Files (x86)\Not
default CRM Report Authoring Extension.Per impostazione predefinita, l'installazione avviene nella
cartella<drive>:\Program Files (x86)\Microsoft Dynamics CRM Report Authoring Extension

<

crmsetup

>

<bidsextensions>

<patch update="true" />

<muoptin optin="true" />

<installdir>C:\Program Files (x86)\Not default CRM Report Authoring Extension</installdir>

</bidsextensions>

</crmsetup>

Vedere anche
File di configurazione XML per l'estensione per la modifica dei report di Microsoft Dynamics 365
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/hh699665(CRM.8).aspx è

221
disponibile solo online.

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Linee guida per le operazioni di post-


installazione e configurazione per Microsoft
Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
In questa sezione vengono descritte numerose attività che l'amministratore di Microsoft Dynamics 365
deve considerare dopo l'installazione dell'applicazione Server Microsoft Dynamics 365.Questa sezione
non è concepita per essere una fonte esauriente di informazioni per configurare le distribuzioni.ma
deve essere utilizzata come linea guida per identificare le procedure consigliate da implementare e le
funzionalità da configurare, in base alle esigenze dell'organizzazione.

In questo argomento
Aggiornare la distribuzione a Dynamics 365
Copiare la chiave di crittografia dell'organizzazione
Rendere più sicure le comunicazioni di rete tra client e server Dynamics 365
Configurare una distribuzione con connessione Internet di Dynamics 365
Aggiungere o rimuovere dati di esempio
Completare le attività di configurazione per le nuove organizzazioni
Importare una soluzione da Microsoft Dynamics Marketplace
Come è possibile disabilitare il video di presentazione della navigazione?
Configurare Windows Server 2012 R2 per le applicazioni Dynamics 365 che utilizzano OAuth
Formazione e adozione da parte degli utenti

Aggiornare la distribuzione a Dynamics 365


Aggiornamento di dicembre 2016 per Dynamics 365 (online e locale) è ora disponibile.Come parte di
questo aggiornamento, il nome del prodotto cambia da Microsoft Dynamics CRM 2016 a Microsoft
Dynamics 365.Per ulteriori informazioni sul Service Pack, vedi l'articolo di supportoDecember 2016
update for Dynamics 365 (on-premises)

Copiare la chiave di crittografia dell'organizzazione


Tutte le nuove organizzazioni e quelle aggiornate utilizzano la crittografia dei dati che utilizza una
chiave di crittografia per proteggere dati quali password utente per le cassette postali gli account
Yammer.Questa chiave di crittografia può essere necessaria per utilizzare Microsoft Dynamics 365
dopo una ridistribuzione o un ripristino in caso di errori.È consigliabile eseguire una copia della chiave
di crittografia e salvarla in una posizione sicura.Ulteriori informazioni: L'argomento a cui si fa riferimento
http://technet.microsoft.com/library/dn531199(CRM.8).aspx è disponibile solo online.

222
Rendere più sicure le comunicazioni di rete tra client
e server Dynamics 365
In tutte le strutture di rete è importante valutare il problema della sicurezza delle comunicazioni tra i
sistemi client e server dell'organizzazione.Prima di definire le strategie da adottare per la protezione dei
dati, è consigliabile leggere le informazioni seguenti sulla comunicazione in rete tra i componenti di
Microsoft Dynamics 365 e sulle varie tecnologie disponibili per migliorare la protezione dei dati
trasmessi.
Se è stato installato Microsoft Dynamics 365 o eseguito l'aggiornamento di un Server Microsoft
Dynamics 365 non configurato per il protocollo HTTPS, le comunicazioni tra client e server Microsoft
Dynamics 365 non vengono crittografate.Quando si utilizza un sito Web che supporta solo HTTP, le
informazioni provenienti dai client Dynamics 365 vengono trasmesse in testo non crittografato, pertanto
sono potenzialmente vulnerabili ad attacchi dannosi, ad esempio quelli di tipo man-in-the-middle, in
grado di compromettere i contenuti aggiungendo script per l'esecuzione di azioni dannose.

Configurazione di Dynamics 365 per HTTPS


La configurazione di un sito per l'utilizzo di HTTPS causerà un'interruzione dell'applicazione Microsoft
Dynamics 365, pertanto è consigliabile pianificarla in un momento nel quale l'interruzione causerà
disagi minimi agli utenti.La procedura generale per la configurazione di Microsoft Dynamics 365 per
HTTPS è la seguente:
1. In Gestione distribuzione di Microsoft Dynamics 365, disabilitare il server in cui sono in esecuzione
i ruoli Server applicazione Web, Servizio Web organizzazione, Servizio Web di individuazione, e
Servizio Web di distribuzione.Se si tratta di una distribuzione di tipo Server completo, tutti i ruoli
server vengono eseguiti nello stesso computer.Per informazioni sulla disabilitazione di un server,
vedi la Guida di Gestione distribuzione di Microsoft Dynamics 365.
2. Configurare il sito Web in cui è installato il ruolo Server applicazione Web per utilizzare HTTPS.Per
ulteriori informazioni su come eseguire questa operazione, vedere la Guida di Gestione Internet
Information Services (IIS).
3. Impostare il binding in Gestione distribuzione.Per eseguire tale operazione, utilizzare la
schedaIndirizzo WebProprietàPer ulteriori informazioni sulla modifica dei binding, vedereProprietà
della distribuzione di Microsoft Dynamics 365
4. Se si desidera rendere più sicuri altri servizi di Dynamics 365 e Microsoft Dynamics 365 è installato
utilizzando ruoli server diversi, ripetere i passaggi precedenti per ogni altro ruolo server.

Configurare una distribuzione con connessione


Internet di Dynamics 365
Dopo che tutti i ruoli di Server Microsoft Dynamics 365 sono installati, è possibile configurare la
distribuzione in modo che gli utenti remoti siano in grado di connettersi all'applicazione tramite
Internet.A tale scopo, avviare Gestione distribuzione regole ed eseguire la Configurazione guidata
autenticazione basata sulle attestazioni seguita dalla Configurazione guidata distribuzione con
connessione Internet.In alternativa, è possibile eseguire queste attività in Windows PowerShell.Per
ulteriori informazioni, vedereAmministrare la distribuzione utilizzando Windows PowerShell

223
Importante
Affinché Microsoft Dynamics 365 per tablet sia in grado di connettersi a una nuova distribuzione di
Server Microsoft Dynamics 365, è necessario eseguire un ripristino dell'applicazione Server Microsoft
Dynamics 365 sul server che esegue IIS in cui il ruolo Server applicazione Web è installatodopoUlteriori
informazioni:Disinstallare, modificare o ripristinare il server Microsoft Dynamics 365

Per ulteriori informazioni sulla configurazione di Microsoft Dynamics 365 per l’autenticazione basata
sulle attestazioni, vedereConfigurare IFD per Microsoft Dynamics 365

Aggiungere o rimuovere dati di esempio


I dati di esempio sono utili per acquisire familiarità con il funzionamento di Microsoft Dynamics 365.Con
i dati di esempio è possibile, infatti, lavorare con i record e capire come si correlano l'uno all'altro,
vedere in che modo i dati vengono visualizzati nei grafici e scoprire quali informazioni sono disponibili
nei report.
È possibile aggiungere o rimuovere dati di esempio direttamente dall'applicazione Dynamics
365.Ulteriori informazioni:Aggiungere o rimuovere dati di esempio

Completare le attività di configurazione per le nuove


organizzazioni
Dopo l'installazione di Microsoft Dynamics 365, ma prima che gli utenti aziendali inizino a utilizzarlo, è
necessario che l'amministratore di Dynamics 365 completi alcune attività di base.Queste attività
includono la definizione di Business Unit e dei ruoli di sicurezza, l'aggiunta di utenti e l'importazione dei
dati.
Ulteriori informazioni: L'argomento a cui si fa riferimento
http://technet.microsoft.com/library/dn531153(CRM.8).aspx è disponibile solo online.

Importare una soluzione da Microsoft Dynamics


Marketplace
Utilizzare le soluzioni per estendere la funzionalità e l'interfaccia utente.Gli addetti alla
personalizzazione e gli sviluppatori distribuiscono il proprio lavoro sotto forma di soluzioni.Le
organizzazioni utilizzano Microsoft Dynamics 365 per importare la soluzione.Le soluzioni sono
disponibili inMicrosoft Dynamics Marketplace

Importante
L'importazione di una soluzione e la pubblicazione di personalizzazioni possono interferire con il
regolare funzionamento del sistema.È consigliabile pianificare le importazioni della soluzione nel
momento meno dannoso per gli utenti.

Per ulteriori informazioni sull'importazione di una soluzione, vedereImportare una soluzione

224
Come è possibile disabilitare il video di
presentazione della navigazione?
Per impostazione predefinita, la richiesta relativa al video di presentazione della navigazione viene
visualizzata la prima volta che un utente accede a Microsoft Dynamics 365 (online) o Dynamics 365
(locale) tramite un Web browser.La richiesta per il video non verrà visualizzata agli accessi seguenti
dopo che l'utente fa clic suNon visualizzare più la presentazioneSi noti che se l'utente cancella la
cache del browser o accede dal Web browser di un computer diverso la richiesta viene visualizzata di
nuovo.
Per la distribuzione tipica, il video di presentazione della navigazione può essere uno strumento
importante per gli utenti che non hanno familiarità con Microsoft Dynamics 365.Tuttavia, per alcune
distribuzioni di Dynamics 365 (locale) che utilizzano Servizi Desktop remoto o notevolmente
personalizzate, è possibile disabilitare il video.Per disabilitare la richiesta relativa al video, eseguire la
procedura seguente in Server Microsoft Dynamics 365, in cui è in esecuzione il ruolo Server front-end.
È possibile disattivare la presentazione di navigazione per l'intera organizzazione impostandoMostra
una presentazione di navigazione agli utenti dopo
l'accessoImpostazioniAmministrazioneImpostazioni di sistemaGeneraleNoIn tal caso, agli utente
non viene presentata la schermata iniziale della presentazione quando effettuano l'accesso a Microsoft
Dynamics 365.

Nota
È possibile eseguire il video di presentazione della navigazione in qualsiasi momento da un Web
browser che esegue Microsoft Dynamics 365.A tale scopo fare clic su o toccareImpostazioniApri
presentazione di navigazione

Configurare Windows Server 2012 R2 per le


applicazioni Dynamics 365 che utilizzano OAuth
Le informazioni seguenti descrivono come configurare Windows Server 2012 R2 con Active Directory
Federation Services (ADFS) 2.2 per supportare le delle applicazioni Dynamics 365 quali Dynamics 365
per smartphone, Microsoft Dynamics 365 per tablet, Dynamics 365 per Outlook, Microsoft Social
Engagement o altre applicazioni Dynamics 365 che hanno necessità del supporto OAuth.

Nota
• Durante la configurazione di AD FS 2.0 e 2.1 venivano riscontrati alcuni problemi che, con AD FS
2.2 sono stati risolti.Ad esempio, con 2.0/2.1 era necessario configurare l'endpoint MEX utilizzando
uno script o ottenere un aggiornamento rapido.Questo non è più necessario con AD FS 2.2.Inoltre,
AD FS 2.2 aggiunge la regola "Pass-through di tutte le attestazioni UPN" nel provider di attestazioni
di Active Directory per impostazione predefinita. In questo modo, il passaggio aggiuntivo per
aggiungere la regola non è più necessario.
• Per registrare Microsoft Social Engagement, vediConfigurare la connessione tra Dynamics CRM e
Social Engagement

225
Abilitare l'autenticazione dei moduli
Per impostazione predefinita, l'autenticazione dei moduli è disabilitata nelle Intranet.È necessario
abilitare l'autenticazione dei moduli attraverso procedura seguente.

1. Accedere al server AD FS come amministratore.


2. Aprire la procedura guidata di gestione del servizio ADFS.
3. Fare clic suCriteri di autenticazioneAutenticazione principaleImpostazioni globaliMetodi di
autenticazioneModifica
4. Fare clic su (controllo)Autenticazione basata su moduliIntranet

Configurare il provider OAuth


Seguire la procedura seguente per configurare il provider OAuth in Microsoft Dynamics 365.

1. Accedere al server Microsoft Dynamics 365 come amministratore.


2. In una finestra della console Windows PowerShell eseguire il seguente script.
$ClaimsSettings = Get-CrmSetting -SettingType OAuthClaimsSettings

$ClaimsSettings.Enabled = $true

Set-CrmSetting -Setting $ClaimsSettings

Registrare le applicazioni client


Le app client devono essere registrate con AD FS.

1. Accedere al server AD FS come amministratore.


2. Nella finestra PowerShell, esegui i comandi seguenti per registrare ogni applicazione applicabile
alla tua distribuzione.
App Dynamics 365 per dispositivi mobili per Apple iPhone, Android e Windows.
Add-AdfsClient -ClientId ce9f9f18-dd0c-473e-b9b2-47812435e20d -Name "Microsoft
Dynamics CRM for tablets and phones" -RedirectUri ms-app://s-1-15-2-2572088110-
3042588940-2540752943-3284303419-1153817965-2476348055-1136196650/, ms-app://s-1-15-
2-1485522525-4007745683-1678507804-3543888355-3439506781-4236676907-2823480090/, ms-
app://s-1-15-2-3781685839-595683736-4186486933-3776895550-3781372410-1732083807-
672102751/, ms-app://s-1-15-2-3389625500-1882683294-3356428533-41441597-3367762655-
213450099-2845559172/, ms-auth-dynamicsxrm://com.microsoft.dynamics,ms-auth-

226
dynamicsxrm://com.microsoft.dynamics.iphone.moca,ms-auth-
dynamicsxrm://com.microsoft.dynamics.ipad.good,msauth://code/ms-auth-
dynamicsxrm%3A%2F%2Fcom.microsoft.dynamics,msauth://code/ms-auth-
dynamicsxrm%3A%2F%2Fcom.microsoft.dynamics.iphone.moca,msauth://code/ms-auth-
dynamicsxrm%3A%2F%2Fcom.microsoft.dynamics.ipad.good,msauth://com.microsoft.crm.crmta
blet/v%2BXU%2FN%2FCMC1uRVXXA5ol43%2BT75s%3D,msauth://com.microsoft.crm.crmphone/v%2BX
U%2FN%2FCMC1uRVXXA5ol43%2BT75s%3D, urn:ietf:wg:oauth:2.0:oob
Dynamics 365 per Outlook.
Add-AdfsClient -ClientId 2f29638c-34d4-4cf2-a16a-7caf612cee15 -Name "Dynamics CRM
Outlook Client" -RedirectUri app://6BC88131-F2F5-4C86-90E1-3B710C5E308C/
Client Unified Service Desk.
Add-AdfsClient -ClientId 4906f920-9f94-4f14-98aa-8456dd5f78a8 -Name "Dynamics 365
Unified Service Desk" -RedirectUri app://41889de4-3fe1-41ab-bcff-d6f0a6900264/
Strumenti di sviluppo di Microsoft Dynamics 365.
Add-AdfsClient -ClientId 2ad88395-b77d-4561-9441-d0e40824f9bc -Name "Dynamics 365
Development Tools" -RedirectUri app://5d3e90d6-aa8e-48a8-8f2c-58b45cc67315/

3. Per registrare App Dynamics 365 per Outlook, in Dynamics 365 (locale) passa aImpostazioniApp
Dynamics 365 per Outlook

Formazione e adozione da parte degli utenti


Ulteriori informazioni:Kit di adozione e formazione per Microsoft Dynamics CRM

Vedere anche
Installazione di Dynamics 365 locale
Funzionamento di Dynamics 365 locale

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Funzionamento di Dynamics 365 locale


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
La sezione dell'utilizzo di Microsoft Dynamics 365 contiene le risorse e gli argomenti progettati per
facilitare l'utilizzo e la gestione della distribuzione locale di Microsoft Dynamics 365.

In questa sezione
Funzionamento di Microsoft Dynamics 365

227
Sezioni correlate
Installazione di Dynamics 365 locale
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn531101(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Funzionamento di Microsoft Dynamics 365


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Come amministratore di Microsoft Dynamics 365, è necessario garantire la disponibilità per gli utenti
tramite il monitoraggio dello stato e delle prestazioni del server, la risoluzione dei problemi e la
pianificazione per il ripristino di emergenza.
La manutenzione regolare di Microsoft Dynamics 365 include operazioni quali aggiornamento,
personalizzazione, monitoraggio e rilocazione o riconfigurazione di Server Microsoft Dynamics 365 e di
tecnologie necessarie o facoltative come Microsoft SQL Server e Microsoft SharePoint.

Attenzione
Le operazioni che richiedono transazioni di database intensive non possono essere eseguite
contemporaneamente.Sono incluse le operazioni seguenti.
• Provisioning di Language Pack
• Importazione di una soluzione
• Pubblicazione personalizzazioni
• Aggiornamenti del database (solo Dynamics 365 (locale))
• Operazioni di aggiornamento della soluzione (soloMicrosoft Dynamics 365 (online))

In questa sezione
Aggiornare Microsoft Dynamics CRM

Sezioni correlate
Pianificazione di Dynamics 365 locale
Installazione di Dynamics 365 locale
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn531101(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
L'argomento a cui si fa riferimento fda07fd1-42d2-47b1-aecf-ed3dc4ab35d3 è disponibile solo online.
© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

228
Amministrare la distribuzione utilizzando
Windows PowerShell
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Con Windows PowerShell puoi eseguire facilmente i comandi per modificare la configurazione della
distribuzione, ad esempio attività che possono essere eseguite dall'interfaccia utente di Gestione
distribuzione.Puoi anche eseguire tali attività utilizzando i metodi descritti in Microsoft Dynamics 365
SDK.I cmdlet di PowerShell vengono installati nel computer quando si installa un ruolo Server completo
o quando si installa il ruolo server Strumenti di distribuzione se i ruoli server installati sono
individuali.Per eseguire i comandi, è necessario registrare i comandi Microsoft Dynamics 365 con
PowerShell.In questo argomento vengono descritte la procedura e le attività aggiuntive da eseguire per
l'utilizzo di PowerShell.
Cerca informazioni sui cmdlet di PowerShell per Microsoft Dynamics 365 nellaGuida di riferimento di
Microsoft Dynamics CRM PowerShell
Per ulteriori informazioni sull'utilizzo di PowerShell, vediScripting con Windows PowerShell
Per ulteriori informazioni sull'uso a livello di programmazione del Servizio Web di distribuzione,
vediMSDN: Amministrazione della distribuzione tramite il servizio Web in Centro per sviluppatori

In questo argomento
Iniziare a utilizzare i cmdlet PowerShell di Dynamics 365
Utilizzare i cmdlet di PowerShell
Impostare le proprietà utilizzando i cmdlet di PowerShell
Recuperare gli argomenti della guida relativi ai cmdlet di Dynamics 365 PowerShell
Aggiornare le impostazioni di configurazione della distribuzione utilizzando PowerShell

Iniziare a utilizzare i cmdlet PowerShell di Dynamics


365
Registrare i cmdlet
1. Accedi utilizzando un account di amministratore al server Microsoft Dynamics 365.
2. Aprire un prompt dei comandi di PowerShell.
3. Immettere il comando seguente.
Add-PSSnapin Microsoft.Crm.PowerShell
Questo comando aggiunge lo snap-in PowerShell di Dynamics 365 alla sessione corrente.Lo snap-
in viene registrato durante l'installazione e la configurazione del server Microsoft Dynamics 365.

Importante
• Per informazioni sulla registrazione dei cmdlet del connettore degli strumenti XRM, Get-
CrmConnection e Get-CrmOrganizations, vediMSDN: Utilizzare cmdlet PowerShell per gli strumenti

229
XRM per connettersi a CRM
• Per ulteriori informazioni sulla registrazione dei cmdlet di Package Deployer, vedi L'argomento a cui
si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn647420(CRM.8).aspx è disponibile solo
online.
• Devi registrare i comandi PowerShell di Dynamics 365. In caso contrario, ti verrà restituito il
messaggio indicato di seguito quando tenti di eseguire un cmdlet:
Termine 'Comando Windows PowerShell di Microsoft Dynamics 365Controllare l'ortografia del nome o
verificare che il percorso sia incluso e corretto, quindi riprovare.

Ottenere un elenco di cmdlet di Dynamics 365


1. Al prompt di PowerShell digita quanto segue.
Get-Help *Crm*

Scaricare la Guida per un cmdlet


1. Al prompt di PowerShell, digita quanto segue, sostituendoCrmCmdletName
Get-Help CrmCmdletName

Utilizzare i cmdlet di PowerShell


Dopo aver registrato i comandi PowerShell di Dynamics 365, puoi utilizzarli per eseguire le attività.
Utilizza il comando seguente per ottenere l'elenco degli amministratori di distribuzione.
PS C:\Users\Administrator> Get-CrmDeploymentAdministrator
Questo comando restituisce l'output seguente.

ID Nome ExtensionData
-- ---- -------------
4f431656-90f8-e211-831c- Nomemiodominio\Amministratore
00155da83c4f

Impostare le proprietà utilizzando i cmdlet di


PowerShell
Una volta registrati i comandi di Microsoft Dynamics 365PowerShell, puoi utilizzarli per eseguire attività,
come l'impostazione di proprietà ad ampia distribuzione o l'impostazione di proprietà
dell'organizzazione.
Ad esempio, per aggiungere un amministratore della distribuzione di Microsoft Dynamics 365, esegui il
comando indicato di seguito dovedomain\adminName
New-CrmDeploymentAdminstrator domain\adminName

230
Recuperare gli argomenti della guida relativi ai
cmdlet di Dynamics 365 PowerShell
Per un elenco completo dei cmdlet PowerShell di Microsoft Dynamics 365 con i collegamenti agli
argomenti della guida, vedi laGuida di riferimento a Microsoft Dynamics CRM PowerShell

Aggiornare le impostazioni di configurazione della


distribuzione utilizzando PowerShell
Utilizzare PowerShell per aggiornare le impostazioni di distribuzione, ad esempio l'autenticazione
basata sulle attestazioni, la distribuzione con connessione Internet e gli indirizzi Web.Ulteriori
informazioni:Aggiornare le impostazioni di configurazione della distribuzione

Vedere anche
Aggiornare le impostazioni di configurazione della distribuzione
Funzionamento di Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Aggiornare le impostazioni di configurazione


della distribuzione
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
È possibile utilizzare i cmdletMicrosoft.Crm.PowerShell.Get-
CrmSettingMicrosoft.Crm.PowerShell.Set-CrmSettingIl cmdletGet-CrmSettingIfdSettingsIl
cmdletSet-CrmSetting
In questo argomento vengono elencati i tipi di impostazione con i relativi parametri.Per ulteriori
informazioni su queste impostazioni, vedereMSDN; Microsoft.Xrm.Sdk.Deployment NamespacePer un
esempio di codice utilizzare i cmdletSet-CrmSettingGet-CrmSettingModificare le impostazioni di
monitoraggio

In questo argomento
AsyncSettings
ClaimsSettings
CustomCodeSettings
DashboardSettings
DupSettings
EtmSettings
IfdSettings
ImportSettings

231
MarketplaceSettings
MonitoringSettings
MultiEntityQuickFindSettings
OAuthClaimsSettings
QuickFindSettings
SqmSettings
TeamSettings
ThrottleSettings
TraceSettings
WebAddressSettings
WorkflowSettings
YammerSettings

AsyncSettings
Di seguito sono illustrate le impostazioni disponibili.

Nome Descrizione Tipo di dati

JobTimeoutLockedInterval Ottiene o imposta l'intervallo Intero


utilizzato per eseguire una
query per verificare se sono
presenti processi di gestione
scaduti.
MaxJobExecutionTime Ottiene o imposta un valore Intero
utilizzato per i processi di
gestione dell'organizzazione
per determinare se un
processo è scaduto.
MaxRetries Ottiene o imposta il numero di Intero
tentativi di un processo
asincrono prima che si verifichi
un errore o che si sospenda.
MaxStateStatusUpdateMaxRetryCount Ottiene o imposta il numero Intero
massimo di volte in cui
un'operazione di database
verrà tentata prima che si
verifichi un errore.
OrgDatabaseMaintenanceJobInterval Ottiene o imposta l'intervallo Intero
utilizzato per eseguire una
query per verificare se sono
presenti processi di gestione
dell'organizzazione in sospeso.
RetryInterval Ottiene o imposta la frequenza Intero
predefinita di tentativi per

232
Nome Descrizione Tipo di dati
operazioni asincrone non
riuscite.
SdkRootDomain Ottiene o imposta il dominio Stringa
radice utilizzato per chiamate al
servizio Microsoft Dynamics
365 per il servizio asincrono.
SelectInterval Ottiene o imposta l'intervallo Intero
utilizzato per determinare se le
nuove operazioni asincrone
devono essere caricate in
memoria.
ThrottlingConfiguration Ottiene o imposta la Stringa
configurazione della
limitazione.
TimeoutLockedInterval Ottiene o imposta l'intervallo Intero
utilizzato per eseguire una
query per verificare se sono
presenti operazioni asincrone
scadute.

ClaimsSettings
Per un esempio di codice che è possibile utilizzare per aggiornare le impostazioni delle Distribuzione
con connessione Internet nella distribuzione di Microsoft Dynamics 365, vedereConfigurare le
impostazioni IFDDi seguito sono illustrate le impostazioni disponibili.

Nome Descrizione Tipo di dati

Enabled Ottiene o imposta un valore Booleano


che indica se le attestazioni
sono abilitate.
EncryptionCertificate Ottiene o imposta il nome Stringa
del certificato di crittografia.
FederationMetadataUrl Ottiene o imposta l'URL dei Stringa
metadati di federazione.
FederationProviderType Ottiene o imposta l'URL del Intero
provider del tipo di
federazione.
SessionSecurityTokenLifetimeInHours Ottiene o imposta la durata Intero
del token della sessione di
sicurezza in ore.

233
CustomCodeSettings
Di seguito sono illustrate le impostazioni disponibili.

Nome Descrizione Tipo di dati

AllowDeclarativeWorkflows Ottiene o imposta un valore che Booleano


indica se i flussi di lavoro XAML
sono consentiti nel server.
AllowExternalCode Ottiene o imposta un valore che Boolean
indica se plug-in e attività
personalizzate del flusso di
lavoro possono essere registrati
nel server.

DashboardSettings
È disponibile l'impostazione seguente.

Nome Descrizione Tipo di dati

MaximumControlsLimit Ottiene o imposta il numero Integer


massimo di controlli consentiti
nei dashboard per il server.Il
numero massimo non può
superare 20.

DupSettings
Di seguito sono illustrate le impostazioni disponibili.

Nome Descrizione Tipo di dati

BulkDetectBatchSize Ottiene o imposta le dimensioni Intero


del batch di rilevamento in
blocco dei duplicati.
MatchcodeLength Ottiene o imposta la lunghezza Intero
del matchcode.
MatchcodePersistenceInterval Ottiene o imposta l'intervallo di Intero
permanenza del matchcode.
MaxPublishedRules Ottiene o imposta il numero Intero
massimo di regole pubblicate.
PublishAsyncPollingInterval Ottiene o imposta l'intervallo di Intero
polling per il processo
asincrono.

234
Nome Descrizione Tipo di dati

PublishPageSize Ottiene o imposta le dimensioni Intero


della pagina dei risultati.

EtmSettings
Di seguito sono illustrate le impostazioni disponibili.

Nome Descrizione Tipo di dati

Enabled Ottiene o imposta un valore che Booleano


indica se lo strumento di
monitoraggio delle transazioni
aziendali (ETM, Enterprise
Transaction Monitor) è abilitato.
ThrottlingEnabled Ottiene o imposta un valore che Booleano
indica se la limitazione per lo
strumento di monitoraggio delle
transazioni aziendali (ETM,
Enterprise Transaction Monitor)
è abilitata.

IfdSettings
Per un esempio di codice che è possibile utilizzare per aggiornare le impostazioni della distribuzione
con connessione Internet nella distribuzione di Microsoft Dynamics 365, vedereConfigurare le
impostazioni IFDDi seguito sono illustrate le impostazioni disponibili.

Nome Descrizione Tipo di dati

DiscoveryWebServiceRootDomain Ottiene o imposta il dominio del Stringa


servizio Web di individuazione.
Enabled Ottiene o imposta un valore Booleano
che indica se la distribuzione
con connessione Internet (IFD)
è abilitata.
ExternalDomain Ottiene o imposta il valore del Stringa
dominio esterno per la
distribuzione con connessione
Internet (IFD).
IntranetAccessEnabled Ottiene o imposta un valore Booleano
che indica se l'accesso alla rete
Intranet è abilitato.
OrganizationWebServiceRootDomain Ottiene o imposta il dominio del Stringa

235
Nome Descrizione Tipo di dati
servizio Web
dell'organizzazione.
WebApplicationRootDomain Ottiene o imposta il dominio del Stringa
server dell'applicazione.

ImportSettings
Di seguito sono illustrate le impostazioni disponibili.

Nome Descrizione Tipo di dati

BatchSize Convince o imposta il numero di Intero


elementi per l'elaborazione in
batch.
ContentBufferSize Ottiene o imposta la dimensione Intero
del buffer del contenuto.
CountUpdateBatchSize Ottiene o imposta le dimensioni Intero
batch per l'aggiornamento del
numero di importazioni.
MaxColumnsAllowed Ottiene o imposta il numero Intero
massimo di colonne di un file di
importazione.
MaxDataTruncationRetryCount Ottiene o imposta il numero Intero
massimo di tentativi.
ParsedColumnDefaultSize Ottiene o imposta la dimensione Intero
predefinita della colonna
analizzata.
PickListBatchSize Ottiene o imposta le dimensioni Intero
batch per l'importazione degli
elenchi a discesa.

MarketplaceSettings
Di seguito sono illustrate le impostazioni disponibili.

Nome Descrizione Tipo di dati

InternetConnectionProxyEndpoint Ottiene o imposta il server Stringa


proxy e la porta utilizzati per
richieste Internet in uscita.
SolutionsMarketplaceEnabled Ottiene o imposta un valore Booleano
che indica se il sito

236
Nome Descrizione Tipo di dati
marketplace per le soluzioni è
abilitato.

MonitoringSettings
Di seguito sono illustrate le impostazioni disponibili.

Nome Descrizione Tipo di dati

CertificateLifetimeNotificationThreshold Ottiene o imposta la soglia Intero


della durata del certificato
rimanente dalla quale avviare
il report delle notifiche di
scadenza.
MonitoringOrganizationUniqueName Ottieni o imposta il nome Stringa
univoco dell'organizzazione
che servirà come
organizzazione di controllo.
MonitoringOrganizationUserAccount Ottiene o imposta l'account Stringa
utente per accedere
all'organizzazione.
MonitoringOrganizationUserPassword Ottiene o imposta la password Credenziali PS
per accedere a tale
organizzazione.
ResultsToKeep Ottiene o imposta il numero Intero
massimo di risultati da
conservare come file dal
controllo.
ResultsToKeepInDatabase Ottiene o imposta il numero Intero
massimo di risultati da
conservare nel database.
StoreResultsInDatabase Ottiene o imposta il numero Booleano
massimo di risultati da
archiviare nel database e
come file.

MultiEntityQuickFindSettings
Di seguito sono illustrate le impostazioni disponibili.

Nome Descrizione Tipo di dati

MultiEntityQuickFindDegreeOfParallelism Ottiene o imposta il Intero

237
Nome Descrizione Tipo di dati
massimo grado di
parallelismo per query di
ricerca in più entità.
MultiEntityQuickFindEntityLimit Ottiene o imposta il limite Intero
superiore per il numero di
entità che possono
partecipare a una query
di ricerca su più entità.
MultiEntityQuickFindMaxRequestsPerOrgPerServer Ottiene o imposta il Intero
numero massimo di
richieste diQuickFind
MultiEntityQuickFindMaxRequestsPerServer Ottiene o imposta il Intero
numero massimo di
richieste diQuickFind

OAuthClaimsSettings
Di seguito sono illustrate le impostazioni disponibili.

Nome Descrizione Tipo di dati

Enabled Ottiene o imposta un valore Booleano


che indica se le attestazioni
sono abilitate.
EncryptionCertificate Ottiene o imposta il nome Stringa
del certificato di crittografia.
FederationMetadataUrl Ottiene o imposta l'URL dei Stringa
metadati di federazione.
FederationProviderType Ottiene o imposta l'URL del Intero
provider del tipo di
federazione.
SessionSecurityTokenLifetimeInHours Ottiene o imposta la durata Intero
del token della sessione di
sicurezza in ore.

QuickFindSettings
Di seguito sono illustrate le impostazioni disponibili.

Nome Descrizione Tipo di dati

QuickFindEntityIndexLimit Ottiene o imposta il numero Intero


massimo di attributi utilizzati nelle

238
Nome Descrizione Tipo di dati
query di ricerca rapida dopo il
quale gli indici diQuickFind
QuickFindRecordLimit Ottiene o imposta il numero Intero
massimo di record corrispondenti
ai criteri della query di ricerca
rapida prima che venga generata
un'eccezione.Ciò è necessario
per eseguire più rapidamente le
ricerche rapide.

SqmSettings
Di seguito sono illustrate le impostazioni disponibili.

Nome Descrizione Tipo di dati

SqmEnabled Ottiene o imposta il valore che Booleano


indica se la raccolta di
informazioni per il programma
Analisi utilizzo software è
attivata.

TeamSettings
Di seguito sono illustrate le impostazioni disponibili.

Nome Descrizione Tipo di dati

MaxAutoCreatedAccessTeamsPerEntity Ottiene o imposta il numero Intero


massimo di team di accesso
creati automaticamente
(gestiti dal sistema) per
entità.
MaxEntitiesEnabledForAutoCreatedAccessTeams Ottiene o imposta il numero Intero
massimo di entità che
possono essere abilitate per
i team di accesso creati
automaticamente (gestiti dal
sistema).

ThrottleSettings
Di seguito sono illustrate le impostazioni disponibili.

239
Nome Descrizione Tipo di dati

ExecuteAsyncMaxConnectionsPerServer Ottiene o imposta il Intero


numero massimo di
richieste di operazioni di
esecuzione asincrone
simultanee per
organizzazione.
ExecuteAsyncPerOrgMaxConnectionsPerServer Ottiene o imposta il Intero
numero massimo di più
operazioni di esecuzione
simultanee per
organizzazione e per
server.
ExecuteMultipleMaxConnectionsPerServer Ottiene o imposta il Intero
numero massimo di
richieste di più operazioni
di esecuzione simultanee
per organizzazione.
ExecuteMultiplePerOrgMaxConnectionsPerServer Ottiene o imposta il Intero
numero massimo di più
operazioni di esecuzione
simultanee per
organizzazione e per
server.
FollowInYammerMaxConnectionsPerServer Solo per uso interno. Intero
FollowInYammerPerOrgMaxConnectionsPerServer Solo per uso interno. Intero
MapiSyncMaxConnectionsPerServer Convince o imposta la Intero
configurazione del server
per verificare il numero
massimo di operazioni di
sincronizzazione MAPI.
MapiSyncPerOrgMaxConnectionsPerServer Ottiene o imposta la Intero
configurazione del server
per verificare il numero
massimo di operazioni di
sincronizzazione per
organizzazione.
MaxBackgroundSendEmailRequestsPerOrgPerServer Convince o imposta la Intero
configurazione del server
per verificare il numero
massimo di operazioni di
invio in background di
messaggi e-mail per
organizzazione.
MaxBackgroundSendEmailRequestsPerServer Convince o imposta la Intero
configurazione del server

240
Nome Descrizione Tipo di dati
per verificare il numero
massimo di operazioni di
invio in background di
messaggi e-mail.
MaxSharepointThreadsperOrganisation Ottiene o imposta il Intero
numero massimo di
thread di Microsoft
SharePoint consentiti per
organizzazione.
MaxSharepointThreadsperUser Ottiene o imposta il Intero
numero massimo di
thread di Microsoft
SharePoint consentiti per
utente.
OfflineSyncMaxConnectionsPerServer Convince o imposta la Intero
configurazione del server
per verificare il numero
massimo di operazioni di
sincronizzazione offline.
OfflineSyncPerOrgMaxConnectionsPerServer Convince o imposta la Intero
configurazione del server
per verificare il numero
massimo di operazioni di
sincronizzazione offline
per organizzazione.
OutlookSyncMaxConnectionsPerServer Ottiene o imposta la Integer
configurazione del server
per verificare il numero
massimo di operazioni di
sincronizzazione di
Dynamics 365 per
Outlook.
OutlookSyncPerOrgMaxConnectionsPerServer Ottiene o imposta la Integer
configurazione del server
per verificare il numero
massimo di operazioni di
sincronizzazione per
Dynamics 365 per
Outlook.

TraceSettings
Di seguito sono illustrate le impostazioni disponibili.

241
Nome Descrizione Tipo di dati

CallStack Ottiene o imposta un valore che Booleano


indica se salvare lo stack di
chiamate.
Categories Ottiene o imposta categorie per Stringa
l'analisi.
Directory Ottiene o imposta la directory dei Stringa
file di analisi.
Enabled Ottiene o imposta un valore che Booleano
indica se l'analisi è abilitata.
FileSize Ottiene o imposta il limite delle Intero
dimensioni del file di analisi (MB).

WebAddressSettings
Per un esempio di codice che è possibile utilizzare per aggiornare le impostazioni dell'indirizzo Web
nella distribuzione di Microsoft Dynamics 365, vedereConfigurare le impostazioni di indirizzo WebDi
seguito sono illustrate le impostazioni disponibili.

Nome Descrizione

DeploymentSdkRootDomain Ottiene o imposta il dominio Stringa


radice del servizio Web di
distribuzione Web (SDK).
DiscoveryRootDomain Ottiene o imposta il dominio Stringa
radice del servizio Web di
individuazione.
HelpServerUrl Ottiene o imposta l'URL del Stringa
server del contenuto della Guida.
NlbEnabled Ottiene o imposta un valore che Booleano
specifica se Bilanciamento carico
di rete è abilitato.
RootDomainScheme Ottiene o imposta lo schema del Stringa
dominio radice: http o https.
SdkRootDomain Ottiene o imposta il dominio Stringa
radice del servizio Web
dell'organizzazione (SDK).
SslHeader Ottiene o imposta l'intestazione Stringa
del protocollo SSL (Secure
Sockets Layer).
WebAppRootDomain Ottiene o imposta il dominio Stringa
radice dell'applicazione Web.

242
WorkflowSettings
Di seguito sono illustrate le impostazioni disponibili.

Nome Descrizione Tipo di dati

MaxDepth Ottiene o imposta la profondità Intero


massima per un flusso di lavoro.
MinInactiveSeconds Ottiene o insiemi il numero Intero
massimo di secondi di inattività
per un flusso di lavoro.

YammerSettings
Di seguito sono illustrate le impostazioni disponibili.

Nome Descrizione Tipo di dati

ApplicationId Ottiene o imposta l'ID Stringa


dell'applicazione
ApplicationSecret Ottiene o imposta il segreto Stringa
dell'applicazione

Vedere anche
Amministrare la distribuzione utilizzando Windows PowerShell
Riferimento di Microsoft Dynamics CRM PowerShell

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Configurare le impostazioni delle attestazioni


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Con i cmdlet PowerShellGet-CrmSettingSet-CrmSettingUno dei tipi di impostazioni che è possibile
modificare è quello delle attestazioni.

Requisiti
Per impostare i cmdlet PowerShell di Microsoft Dynamics 365, vediAmministrare la distribuzione
utilizzando Windows PowerShell

243
Dimostra
È possibile utilizzare lo script seguente per abilitare o disabilitare l'autenticazione basata sulle
attestazioni.È necessario specificare i parametri seguenti:
- ValoreEnabledBoolean
- Certificato di crittografia.EncryptionCertificate
- URL per i metadati di federazione.FederationMetadataUrl

Esempio
param

#optional params

[boolean]$Enabled,

[string]$EncryptionCertificate,

[string]$FederationMetadataUrl

$RemoveSnapInWhenDone = $False

if (-not (Get-PSSnapin -Name Microsoft.Crm.PowerShell -ErrorAction SilentlyContinue))

Add-PSSnapin Microsoft.Crm.PowerShell

$RemoveSnapInWhenDone = $True

$ClaimsSettings = Get-CrmSetting -SettingType ClaimsSettings

if($PSBoundParameters.ContainsKey('Enabled')) {$ClaimsSettings.Enabled = $Enabled}

if($EncryptionCertificate) {$ClaimsSettings.EncryptionCertificate = $EncryptionCertificate}

if($FederationMetadataUrl) {$ClaimsSettings.FederationMetadataUrl = $FederationMetadataUrl}

Set-CrmSetting -Setting $ClaimsSettings

$ClaimsSettings

244
if($RemoveSnapInWhenDone)

Remove-PSSnapin Microsoft.Crm.PowerShell

Vedere anche
Amministrare la distribuzione utilizzando Windows PowerShell
Aggiornare le impostazioni di configurazione della distribuzione

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Configurare le impostazioni IFD


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Con i cmdlet PowerShellGet-CrmSettingSet-CrmSettingUno dei tipi di impostazioni che è possibile
modificare è per la distribuzione con connessione Internet (IFD).

Requisiti
Per impostare i cmdlet PowerShell di Microsoft Dynamics 365, vediAmministrare la distribuzione
utilizzando Windows PowerShell

Dimostra
È possibile utilizzare lo script seguente per aggiornare le impostazioni dell'indirizzo per una
distribuzione con connessione Internet (IFD).È necessario specificare i parametri seguenti:
- Dominio del servizio Web di individuazione.DiscoveryWebServiceRootDomain
- ValoreEnabledBoolean
- Valore del dominio esterno per IFD.ExternalDomain
- Dominio del servizio Web dell'organizzazione.OrganizationWebServiceRootDomain
- Dominio del server Web dell'organizzazione.WebApplicationRootDomain

Esempio
param

#optional params

[string]$DiscoveryWebServiceRootDomain,

[boolean]$Enabled,

245
[string]$ExternalDomain,

[string]$OrganizationWebServiceRootDomain,

[string]$WebApplicationRootDomain

$RemoveSnapInWhenDone = $False

if (-not (Get-PSSnapin -Name Microsoft.Crm.PowerShell -ErrorAction SilentlyContinue))

Add-PSSnapin Microsoft.Crm.PowerShell

$RemoveSnapInWhenDone = $True

$IfdSettings = Get-CrmSetting -SettingType IfdSettings

if($DiscoveryWebServiceRootDomain) {$IfdSettings.DiscoveryWebServiceRootDomain =
$DiscoveryWebServiceRootDomain}

if($ExternalDomain) {$IfdSettings.ExternalDomain = $ExternalDomain}

if($PSBoundParameters.ContainsKey('Enabled')) {$IfdSettings.Enabled = $Enabled}

if($OrganizationWebServiceRootDomain) {$IfdSettings.OrganizationWebServiceRootDomain =
$OrganizationWebServiceRootDomain}

if($WebApplicationRootDomain) {$IfdSettings.WebApplicationRootDomain =
$WebApplicationRootDomain}

Set-CrmSetting -Setting $IfdSettings

$IfdSettings

if($RemoveSnapInWhenDone)

Remove-PSSnapin Microsoft.Crm.PowerShell

246
Vedere anche
Amministrare la distribuzione utilizzando Windows PowerShell
Aggiornare le impostazioni di configurazione della distribuzione

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Configurare le impostazioni di indirizzo Web


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Con i cmdlet PowerShellGet-CrmSettingSet-CrmSettingUno dei tipi di impostazioni che è possibile
modificare è quello dell'indirizzo Web.

Requisiti
Per impostare i cmdlet PowerShell di Microsoft Dynamics 365, vediAmministrare la distribuzione
utilizzando Windows PowerShell

Dimostra
È possibile utilizzare lo script seguente per aggiornare le impostazioni dell'indirizzo Web: ospitate dal
partner (IFD).È necessario specificare i parametri seguenti:
: schema del dominio radice: http o https.RootDomainScheme
: dominio radice del servizio Web di distribuzione Web (SDK).DeploymentSdkRootDomain
: dominio radice del servizio Web di individuazione.DiscoveryRootDomain
: valoreNlbEnabledBoolean
: dominio radice per il servizio Web dell'organizzazione (SDK).SdkRootDomain
: intestazione del protocollo SSL (Secure Sockets Layer).SslHeader
: dominio radice per l'applicazione Web.WebAppRootDomain

Esempio
param

#optional params

[string]$RootDomainScheme,

[string]$DeploymentSdkRootDomain,

[string]$DiscoveryRootDomain,

[boolean]$NlbEnabled,

[string]$SdkRootDomain,

[string]$SslHeader,

247
[string]$WebAppRootDomain

$RemoveSnapInWhenDone = $False

if (-not (Get-PSSnapin -Name Microsoft.Crm.PowerShell -ErrorAction SilentlyContinue))

Add-PSSnapin Microsoft.Crm.PowerShell

$RemoveSnapInWhenDone = $True

$WebAddressSettings = Get-CrmSetting -SettingType WebAddressSettings

if($DeploymentSdkRootDomain) {$WebAddressSettings.DeploymentSdkRootDomain =
$DeploymentSdkRootDomain}

if($DiscoveryRootDomain) {$WebAddressSettings.DiscoveryRootDomain = $DiscoveryRootDomain}

if($PSBoundParameters.ContainsKey('NlbEnabled')) {$WebAddressSettings.NlbEnabled = $NlbEnabled}

if($RootDomainScheme) {$WebAddressSettings.RootDomainScheme = $RootDomainScheme}

if($SdkRootDomain) {$WebAddressSettings.SdkRootDomain = $SdkRootDomain}

if($PSBoundParameters.ContainsKey('SslHeader')) {$WebAddressSettings.SslHeader = $SslHeader}

if($WebAppRootDomain) {$WebAddressSettings.WebAppRootDomain = $WebAppRootDomain}

Set-CrmSetting -Setting $WebAddressSettings

$WebAddressSettings

if($RemoveSnapInWhenDone)

Remove-PSSnapin Microsoft.Crm.PowerShell

248
Vedere anche
Amministrare la distribuzione utilizzando Windows PowerShell
Aggiornare le impostazioni di configurazione della distribuzione

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Usare Gestione distribuzione per gestire la


distribuzione
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Gestione distribuzione di Microsoft Dynamics 365 è uno snap-in Microsoft Management Console
(MMC) che gli amministratori di sistema e i rivenditori a valore aggiunto usano per gestire account,
organizzazioni, server e licenze di Amministratori distribuzione per le distribuzione di Microsoft
Dynamics 365.
Notare quanto segue:
• Per utilizzare Gestione distribuzione, è necessario disporre del ruolo Amministratori
distribuzione.Durante l'installazione di Server Microsoft Dynamics 365, viene automaticamente
assegnato tale ruolo all'utente che esegue il programma di installazione.

Importante

Assicurarsi che almeno due o tre utenti affidabili dispongano del ruolo di Amministratori
distribuzione.Ciò consente di evitare che il sistema si blocchi in caso l'amministratore della
distribuzione principale non sia disponibile.

• Per creare e gestire account utente di Microsoft Dynamics 365, devi utilizzare il client Web
Microsoft Dynamics 365 o Dynamics 365 per Outlook.
• Il ruolo Amministratori distribuzione è distinto dal ruolo di sicurezza dell'utente di Microsoft
Dynamics 365.Un membro di Amministratori distribuzione può disporre o meno del ruolo di
sicurezza dell'utente di Microsoft Dynamics 365.

In questa sezione
Proprietà della distribuzione di Microsoft Dynamics 365
Modificare il codice Product Key
Utilizzare Windows PowerShell per eseguire attività di Gestione distribuzione
Configurare l'autenticazione basata sulle attestazioni
Disabilitare l'autenticazione basata sulle attestazioni
Configurare una distribuzione con connessione Internet
Disabilitare una distribuzione con connessione Internet

249
Vedere anche
Amministratori distribuzione
Gestisci organizzazioni
Gestire i server

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Proprietà della distribuzione di Microsoft


Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Nella finestra di dialogoProprietà

Aprire la finestra di dialogo Proprietà di Microsoft Dynamics 365


È possibile aprire la finestra di dialogo Proprietà di Microsoft Dynamics 365 in uno dei due modi
seguenti:

• Nel riquadroAzioniProprietà
• Nell'albero della console fare clic con il pulsante destro del mouse suMicrosoft Dynamics
365Proprietà

Suggerimento
È possibile implementare alcune delle procedure qui descritte utilizzando un cmdlet Windows
PowerShell.Per ulteriori informazioni, vediAmministrare Microsoft Dynamics CRM utilizzando Windows
PowerShell

In questo argomento
Scheda Generale
Scheda Indirizzo Web
Scheda Licenza
Scheda Report utilizzo

Scheda Generale
Nella schedaGenerale

Scheda Indirizzo Web


La schedaIndirizzo WebTipo di bindingServer applicazione WebServizio Web
organizzazioneServizio Web di individuazioneServizio Web di distribuzione

250
Avviso

Se in questi campi vengono immessi valori non corretti, alcuni utenti potrebbero non essere in grado di
accedere a Microsoft Dynamics 365.

Immettere le informazioni sull'indirizzo Web


1. Dopo avere aperto la finestra di dialogoProprietàIndirizzo Web
2. Specificare unTipo di binding

Nota

• Per utilizzare l'autenticazione basata sulle attestazioni, il campoTipo di bindingdeve


• Gestione distribuzione non consente di configurare il sito Web Microsoft Dynamics 365 per
l'utilizzo di HTTPS.Il sito Web deve essere già configurato per HTTPS.Per informazioni su
come configurare un sito Web per poter utilizzare HTTPS, vedi la Guida di Gestione Internet
Information Services (IIS).

3. Nelle caselle disponibili immettere i percorsi di dominio.


Per i percorsi di dominio, i valori devono essere nel formato:
server:port
o
server.domain.tld:port
dove:
• è il nome del computerserver
• è il percorso completo del sottodominio in cui si trova il computerdomain
• è il dominio di primo livello, ad esempio com o orgtld
• La designazione:port
In genere, in una distribuzione di ruolo server completo o server front-end i valori dei percorsi sono
gli stessi.Tuttavia, se si distribuisce Microsoft Dynamics 365 in più server con ruoli server distinti
ovvero con i ruoli serverServer applicazione WebServizio Web organizzazioneServizio Web di
individuazione
• .Server applicazione WebNomeServerApplicazioneWeb.dominio.tld:porta
• .Servizio Web organizzazioneNomeServerServizioWebOrganizzazione.dominio.tld:porta
• .Servizio Web di individuazioneNomeServerServizioWebIndividuazione.dominio.tld:porta
• .Servizio Web di distribuzioneNomeServerServizioWebDistribuzione.dominio.tld:porta
Per ulteriori informazioni sugli indirizzi Web, vediInstallare il Server Microsoft Dynamics CRM in più
computer

251
Per specificare le informazioni sull'intestazione NLB e SSL
1. Nella parte inferiore della schedaIndirizzo WebAvanzate
2. Nella finestra di dialogoInformazioni intestazione NLB e SSL
La selezione diLa distribuzione utilizza NLBI cookie crittografati possono essere quindi elaborati
da un qualunque server nel cluster NLB.
Per informazioni sulle procedure relative al caricamento e all'amministrazione di Bilanciamento
carico di rete (NLB) in Windows Server, vedere la Guida di Gestione bilanciamento carico di rete
nel computer Windows Server.Per informazioni su come configurare NLB in Windows Server 2008,
vedereNetwork Load Balancing Deployment Guide
3. Se si sta utilizzando NLB, selezionareLa distribuzione utilizza NLB
4. Se si utilizza l'offload SSL, digitare l'intestazione SSL per il sistema di offload SSL nella
casellaIntestazione SSL

Nota
L'intestazione SSL non è un URL o un dominio.È un valore dell'intestazione effettivamente concordato
per la richiesta HTTP configurata sul dispositivo che gestisce l'offload SSL.Per il valore
dell'intestazione, consultare la documentazione del dispositivo di offload SSL.

5. Fare clic suOK

Configurare nomi di dominio per IFD


Per configurare Microsoft Dynamics 365 per IFD, è necessario avviare Gestione distribuzione ed
eseguire la Configurazione guidata distribuzione con connessione Internet per aggiungere o aggiornare
i valori del dominio.In base alla distribuzione dell'installazione con gruppi di ruoli di Server Microsoft
Dynamics 365 o con ruoli server distinti e alla configurazione di ciascun server nel cluster NLB, i valori
diDominio Server applicazione WebDominio Servizio Web organizzazioneDominio Servizio Web
di individuazioneSe ad esempio il Server applicazione Web è installato in un cluster NLB con
connessione Internet dotato del nome virtuale FQDNcrmcluster.contoso.comcontoso.comDominio
Server applicazione Web
Per ulteriori informazioni sulla configurazione dell'indirizzo Web interno e dei valori del dominio esterno,
vediConfigura IFD per Microsoft Dynamics CRM

Scheda Licenza
Dopo avere aperto la finestra di dialogoProprietàLicenza
La schedaLicenzaPer informazioni su tutti i tipi di licenze di accesso client, vedereCRM purchase plans
Sono visualizzate le informazioni seguenti per tutti gli utenti di Microsoft Dynamics 365 e i rispettivi tipi
di licenze di accesso client (CAL):
• .Utenti amministrativiVisualizza il numero totale di utenti di Microsoft Dynamics 365 configurati
come utenti amministrativi.
• .Licenze CAL professionali richiesteVisualizza il numero totale di utenti di Microsoft Dynamics
365 configurati con licenza di accesso client (CAL) professionale nella distribuzione.
• .Licenze CAL di base richiesteVisualizza il numero totale di utenti di Microsoft Dynamics 365
configurati con licenza di accesso client (CAL) di base nella distribuzione.

252
• .Licenze CAL essenziali CAL richiesteVisualizza il numero totale di utenti di Microsoft Dynamics
365 configurati con licenza di accesso client (CAL) essenziale nella distribuzione.
• .Licenze server richiesteVisualizza il numero totale delle licenze di Server Microsoft Dynamics
365 nella distribuzione.
Nella schedaLicenzaModifica codice Product KeyPer modificare il codice Product Key,
vedereModificare il codice Product Key
Se Gestione distribuzione non è in grado di accedere a una o più organizzazioni, il numero di licenze
indicato è "Non disponibile".

Nota

Se un utente è membro di più organizzazioni e utilizza una licenza diversa in ognuna di esse, Gestione
distribuzione segnala per l'utente l'utilizzo del livello di licenza con privilegi più elevati.Se ad esempio
l'utente dispone di una licenza utente completa in un'organizzazione e di una licenza limitata in un'altra
organizzazione, tale utente viene segnalato come utilizzatore di una licenza completa.
Gli utenti che dispongono del ruolo Amministratori distribuzione non diventano automaticamente utenti
di Microsoft Dynamics 365 e non utilizzano una licenza CAL (Client Access License).

Scheda Report utilizzo


Nella scheda Report utilizzo, puoi indicare se si desidera consentire alle organizzazioni della
distribuzione la partecipazione anonima al Programma Analisi utilizzo software.Se si accetta, ogni
organizzazione della distribuzione potrà essere configurata per l'invio di dati a Microsoft.Se non si
accetta per l'intera distribuzione, nessuna organizzazione potrà inviare dati, indipendentemente dalle
impostazioni relative ai report di utilizzo delle singole organizzazioni.

Per consentire i report di utilizzo


1. Dopo avere aperto la finestra di dialogoProprietàReport utilizzo
2. Selezionare l'opzioneConsenti alle organizzazioni di partecipare in forma anonima al
Programma Analisi utilizzo software
Per informazioni sul Programma Analisi utilizzo software, vedereProgramma Analisi utilizzo software

Vedere anche
Configurare l'autenticazione basata sulle attestazioni
Configurare una distribuzione con connessione Internet
Modificare il codice Product Key

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Modificare il codice Product Key


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016

253
Nella finestraModifica codice Product Key

Suggerimento
È possibile implementare la procedura qui descritta utilizzando un cmdlet Windows PowerShell.Per
ulteriori informazioni, vediAmministrare Microsoft Dynamics CRM utilizzando Windows PowerShell

Modificare il codice Product Key


1. Aprire la finestraModifica codice Product Key
• Nel riquadroAzioniModifica codice Product Key
• Nell'albero della console fare clic con il pulsante destro del mouse suMicrosoft Dynamics
365Modifica codice Product Key
2. Digitare il nuovo codice Product Key nelle caselleImmettere il codice Product Key di Microsoft
Dynamics 365
3. Fare clic suApplica

Vedere anche
Proprietà della distribuzione di Microsoft Dynamics 365
Utilizzare Windows PowerShell per eseguire attività di Gestione distribuzione

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Utilizzare Windows PowerShell per eseguire


attività di Gestione distribuzione
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
È possibile utilizzare i cmdlet Windows PowerShell per eseguire molte delle attività che possono essere
eseguite tramite l'interfaccia utente di Gestione distribuzione.
Per ulteriori informazioni sui cmdlet Windows PowerShell di Microsoft Dynamics 365, vediUtilizzare
Windows PowerShell per eseguire attività di distribuzione e amministrazione di Microsoft Dynamics
CRM

Registrare il cmdlet Microsoft Dynamics 365


1. Accedi utilizzando un account di amministratore al server Microsoft Dynamics 365.
2. Aprire il prompt di Windows PowerShell.
3. Aggiungere lo snap-in di Microsoft Dynamics 365Windows PowerShell.

254
Questo comando aggiunge lo snap-in Microsoft Dynamics 365Windows PowerShell alla sessione
corrente.Lo snap-in viene registrato durante l'installazione e la configurazione del server Microsoft
Dynamics 365.
Ecco come ottenere l'elenco dei cmdlet di Microsoft Dynamics 365.
Get-Help *Crm*
Per una guida dettagliata su uno specifico cmdlet, utilizzare Get-HelpCRMCmdletImport-
CRMOrganization
Get-Help Import-CRMOrganization

Vedere anche
Usare Gestione distribuzione per gestire la distribuzione
Configurare l'autenticazione basata sulle attestazioni

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Configurare l'autenticazione basata sulle


attestazioni
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Il modello di sicurezza basato sulle attestazioni estende i modelli di autenticazione tradizionali per
includere altre origini directory contenenti informazioni sugli utenti.Questa federazione delle identità
consente l'utilizzo di Microsoft Dynamics 365 a utenti di varie origini, ad esempio Servizi di dominio
Active Directory, a clienti tramite Internet o a partner aziendali.

Importante
L'autenticazione basata sulle attestazioni è necessaria per accedere alla Distribuzione con
connessione Internet di Microsoft Dynamics 365.Tuttavia questo tipo di autenticazione non è richiesto
per l'accesso a Microsoft Dynamics 365 sull'intranet se Microsoft Dynamics 365 è distribuito nello
stesso dominio in cui si trovano tutti gli utenti di Microsoft Dynamics 365 o se gli utenti sono in un
dominio attendibile.
Prima di eseguire la Configurazione guidata autenticazione basata sulle attestazioni è necessario che
sia disponibile un servizio token di sicurezza, come ad esempio Active Directory Federation Services
(ADFS).Per ulteriori informazioni su Active Directory Federation Services (ADFS), vedere lapagina
relativa alla gestione di identità e accesso

Configurare l'autenticazione basata sulle attestazioni


1. Avviare Gestione distribuzione.
2. Impostare ilTipo di binding
• Nel riquadroAzioniProprietà
• Fare clic sulla schedaIndirizzo Web

255
• InTipo di bindingHTTPS
• Fare clic suOK

Importante
Per utilizzare l'autenticazione basata sulle attestazioni, il campoTipo di bindingdeve
Verificare che gli indirizzi Web siano validi per il certificato TLS/SSL e la porta TLS/SSL sia associata al
sito Web di Microsoft Dynamics 365.
Se i client Dynamics 365 per Outlook sono stati configurati utilizzando i precedenti valori di binding,
sarà necessario configurare tali client con i nuovi valori.

3. Aprire la Configurazione guidata autenticazione basata sulle attestazioni in uno dei due modi
seguenti:
• Nel riquadroAzioniConfigura autenticazione basata sulle attestazioni
• Nell'albero della console di Gestione distribuzione fare clic con il pulsante destro del mouse
suMicrosoft Dynamics 365Configura autenticazione basata sulle attestazioni
4. Fare clic suAvanti
5. Nella paginaSpecifica il servizio token di sicurezzaURL metadati federazione
In genere questi dati si trovano nel sito Web in cui è in esecuzione Active Directory Federation
Services (ADFS).Per verificare l'URL corretto, aprire un browser Internet utilizzando l'URL per
visualizzare i metadati di federazione.Verificare che non vengano visualizzati avvisi relativi ai
certificati.
6. Fare clic suAvanti
7. Nella paginaSpecificare il certificato di crittografia
• Nella casellaCertificatoDigitare il nome comune (CN) completo del certificato utilizzando il
formato CN=certificate_subject_name.
• InCertificatoSeleziona
Questo certificato viene utilizzato per crittografare i token di sicurezza dell'autenticazione inviati al
servizio token di sicurezza di Active Directory Federation Services (ADFS).

Nota
L'account di servizio di Microsoft Dynamics 365 deve disporre delle autorizzazioni di lettura per la
chiave privata del certificato di crittografia.Vedere la sezione seguenteAccount CRMAppPool e
certificato di crittografia di Microsoft Dynamics CRM

8. Fare clic suAvanti


Il token e il certificato specificati verranno verificati dalla Configurazione guidata autenticazione
basata sulle attestazioni.
9. Nella paginaControlli di sistemaAvanti
10. Nella paginaControllare le impostazioni selezionate, quindi fare clic su ApplicaApplica
11. Prendere nota dell'URL da utilizzare per aggiungere la relying party al servizio token di
sicurezza.Visualizzare e salvare il file di registro per riferimento futuro

256
12. Leggere le informazioni sulla pagina e quindi fare clic suFine
13. Configurare le relying party per l’autenticazione basata sulle attestazioni

Importante
L'autenticazione basata sulle attestazioni non funzionerà fino a quando non si creano le relying party
nel servizio token di sicurezza.Per ulteriori informazioni, vedereConfigure the AD FS server for
claims-based authentication

Account CRMAppPool e certificato di crittografia di Microsoft


Dynamics CRM
I dati sulle attestazioni inviati da Microsoft Dynamics 365 a Active Directory Federation Services
(ADFS) vengono crittografati con un certificato specificato nella Configurazione guidata autenticazione
basata sulle attestazioni.L'account CRMAppPool di ogni applicazione Web di Microsoft Dynamics 365
deve disporre dell'autorizzazione di lettura per la chiave privata del certificato di crittografia.
1. Nel Server Microsoft Dynamics 365 creare una Microsoft Management Console (MMC) con la
console snap-inCertificatiComputer locale
2. Nell'albero della console espandere il nodo Certificati (Computer localePersonaleCertificati
3. Nel riquadro dei dettagli fare clic con il pulsante destro del mouse sul certificato di crittografia
specificato nella Configurazione guidata autenticazione basata sulle attestazioni, scegliereTutte le
attivitàGestisci chiavi private
4. Fai clic suAggiungiCRMAppPool

Suggerimento
È possibile utilizzare Gestione IIS per determinare l'account utilizzato durante l'installazione per
l'account CRMAppPool.Nel riquadroConnessioniPool di applicazioniIdentità

5. Fare clic suOK

Vedere anche
Disabilitare l'autenticazione basata sulle attestazioni
Configurare una distribuzione con connessione Internet

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Disabilitare l'autenticazione basata sulle


attestazioni
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016

257
Per disabilitare l'autenticazione basata sulle attestazioni utilizzare la procedura seguente.

Disabilitare l'autenticazione basata sulle attestazioni


• Disabilitare l'autenticazione basata sulle attestazioni in uno dei due modi seguenti:
• Nel riquadroAzioniDisabilita l'autenticazione basata sulle attestazioni
• Nell'albero della console di Gestione distribuzione fare clic con il pulsante destro del mouse
suMicrosoft Dynamics 365Disabilita autenticazione basata sulle attestazioni

Vedere anche
Configurare l'autenticazione basata sulle attestazioni
Configurare una distribuzione con connessione Internet

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Configurare una distribuzione con connessione


Internet
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
La configurazione di una Distribuzione con connessione Internet consente l'accesso a Microsoft
Dynamics 365 da Internet, al di fuori del firewall aziendale, senza utilizzare una rete privata virtuale
(VPN).Quando Microsoft Dynamics 365 è configurato per l'accesso Internet, la verifica delle credenziali
degli utenti esterni viene eseguita tramite l'autenticazione basata sulle attestazioni.Quando si configura
Microsoft Dynamics 365 per l'accesso a Internet, l'autenticazione integrata di Windows deve comunque
essere utilizzata per gli utenti che accedono a Microsoft Dynamics 365 tramite la rete LAN o WAN.

Importante
L'autenticazione basata sulle attestazioni è necessaria per accedere alla Distribuzione con
connessione Internet di Microsoft Dynamics 365.Se Microsoft Dynamics 365 è distribuito nello stesso
dominio in cui si trovano tutti gli utenti di Microsoft Dynamics 365 oppure gli utenti si trovano in un
dominio trusted, l'autenticazione basata sulle attestazioni non è necessaria per l'accesso a Microsoft
Dynamics 365 tramite Internet.
Prima di eseguire la Configurazione guidata autenticazione basata sulle attestazioni è necessario che
sia disponibile un servizio token di sicurezza, come ad esempio Active Directory Federation Services
(ADFS).Per ulteriori informazioni su Active Directory Federation Services (ADFS), vedere lapagina
relativa alla gestione di identità e accesso

258
Consente di configurare la distribuzione con connessione Internet.
1. Avviare Gestione distribuzione.
2. Se non è già stato fatto, configurare l'autenticazione basata sulle attestazioni.
VedereConfigurare l'autenticazione basata sulle attestazioni
3. Aprire la configurazione guidata distribuzione con connessione Internet in uno dei due modi
seguenti:
• Nel riquadroAzioniConfigura distribuzione con connessione Internet
• Nell'albero della console di Gestione distribuzione fare clic con il pulsante destro del mouse
suMicrosoft Dynamics 365Configura distribuzione con connessione Internet
4. Rivedere la pagina e fare quindi clic suAvanti
5. Nella paginaRende disponibile Microsoft Dynamics 365 agli utenti che si connettono tramite
InternetdominiAvanti

Nota
• Specificare domini, non server.
• Se la distribuzione è in un singolo server o in più server nello stesso dominio, i valori
diDominio Server applicazione WebDominio Servizio Web organizzazione
• IlDominio Servizio Web di individuazioneDominio Server applicazione WebPer
impostazione predefinita, "dev."viene aggiunto all'inizio delDominio Server applicazione
WebDominio Servizio Web di individuazione
• I domini devono essere validi per il nome o i nomi comuni del certificato Transport Layer
Security (TLS) o Secure Sockets Layer (SSL).

Per ulteriori informazioni sugli indirizzi Web, vediInstallare il Server Microsoft Dynamics CRM in più
computer
6. Nella casellaImmettere il dominio esterno dei server con connessione InternetAvanti
Il dominio specificato deve essere un sottodominio delDominio Server applicazione WebPer
impostazione predefinita, "auth."viene aggiunto all'inizio delDominio Server applicazione Web
7. Nella paginaControlli di sistemaAvanti
8. Nella paginaControllare le impostazioni selezionate, quindi fare clic su ApplicaApplica
9. Fare clic suFine
10. Se si verificano problemi durante la connessione a Microsoft Dynamics 365 tramite un indirizzo
esterno, reimpostare Internet Information Services (IIS).
Riavviare Internet Information Services (IIS).A tale scopo, fare clic sul
pulsanteStartEseguiIISRESETOK
11. Configurare le relying party per la distribuzione con connessione Internet.

259
Importante
È necessario configurare una relying party per la distribuzione con connessione Internet.Per ulteriori
informazioni, vedereConfigure the AD FS server for IFD

Vedere anche
Configurare l'autenticazione basata sulle attestazioni
Disabilitare una distribuzione con connessione Internet

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Disabilitare una distribuzione con connessione


Internet
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016

Disabilitare una distribuzione con connessione


Internet
• Disabilita una Distribuzione con connessione Internet in uno dei due modi seguenti:
• Nel riquadroAzioniDisabilita la distribuzione con connessione Internet
• Nell'albero della console di Gestione distribuzione fare clic con il pulsante destro del mouse
suMicrosoft Dynamics 365Disabilita la distribuzione con connessione Internet

Vedere anche
Configurare una distribuzione con connessione Internet
Configurare l'autenticazione basata sulle attestazioni

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Amministratori distribuzione
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Per eseguire Gestione distribuzione, è necessario disporre del ruolo di Amministratori distribuzione.Gli
amministratori distribuzione dispongono di un accesso illimitato per l'esecuzione delle attività di
Gestione distribuzione per tutti i server e le organizzazioni in una distribuzione di Microsoft Dynamics
365.

260
Importante
Assicurarsi che almeno due o tre utenti affidabili dispongano del ruolo di Amministratori
distribuzione.Ciò consente di impedire che il sistema si blocchi in caso l'amministratore della
distribuzione principale non sia disponibile.

Durante l'installazione di Server Microsoft Dynamics 365, all'utente che esegue il programma di
installazione viene automaticamente assegnato il ruolo di Amministratori distribuzione.Un
Amministratori distribuzione può assegnare il ruolo Amministratori distribuzione ad altri utenti del
servizio directory Active Directory.

Nota
Gli utenti che dispongono del ruolo Amministratori distribuzione non diventano automaticamente utenti
di Microsoft Dynamics 365 e non utilizzano una licenza CAL (Client Access License).
Il ruolo Amministratori distribuzione non può essere gestito nelle applicazioni client di Microsoft
Dynamics 365.

Vedere anche
Aggiungere un nuovo amministratore della distribuzione
Rimuovere un amministratore della distribuzione

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Aggiungere un nuovo amministratore della


distribuzione
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Non è possibile concedere o rimuovere il ruolo di Amministratori distribuzione nel nodoAmministratori
distribuzione

Suggerimento
È possibile implementare la procedura qui descritta utilizzando un cmdlet Windows PowerShell.Per
ulteriori informazioni, vedereAmministrare la distribuzione utilizzando Windows PowerShell

Aggiungi a Amministratori distribuzione


1. Nell'albero della console, fare clic con il pulsante destro del mouse suAmministratori
distribuzioneNuovo Amministratori distribuzione
2. Nella finestra di dialogoSeleziona utenteImmettere il nome dell'oggetto da
selezionareControlla nomi

261
3. Dopo l'accettazione del nome, fare clic suOK

Vedere anche
Amministratori distribuzione
Rimuovere un amministratore della distribuzione

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Rimuovere un amministratore della


distribuzione
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
In Microsoft Dynamics 365 è possibile rimuovere un utente dal ruolo Amministratori distribuzione.

Suggerimento
È possibile implementare la procedura qui descritta utilizzando un cmdlet Windows PowerShell.Per
ulteriori informazioni, vedi il comando Remove-CrmDeploymentAdministrator nellaGuida di riferimento
di Microsoft Dynamics CRM PowerShell

Rimuovere un amministratore della distribuzione


1. Nell'albero della console di Gestione distribuzione fare clic suAmministratori distribuzione
2. Nell'elencoNome
3. Fare clic suRimuoviSì

Vedere anche
Amministratori distribuzione
Aggiungere un nuovo amministratore della distribuzione

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Gestisci organizzazioni
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Utilizzare la paginaOrganizzazioni

Suggerimento

262
È possibile implementare la procedura qui descritta utilizzando un cmdlet Windows PowerShell.Per
ulteriori informazioni, vediInformazioni di riferimento su Microsoft Dynamics CRM PowerShell

Per visualizzare la pagina Organizzazioni


1. Nell'albero della console fare clic suOrganizzazioni
2. Nel riquadro dei dettagli verranno elencate le organizzazioni e nel riquadroAzioni

Vedere anche
Modificare gli attributi di un'organizzazione
Disabilitare o abilitare un'organizzazione
Aggiungere una nuova organizzazione
Importa organizzazione
Eliminare un'organizzazione

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Modificare gli attributi di un'organizzazione


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Per poter modificare un'organizzazione, è innanzitutto necessario disabilitarla.Dopo avere apportato le
modifiche desiderate, abilitare di nuovo l'organizzazione.
È possibile modificare il nome visualizzato e il computer SQL Server in cui si trova il database.È inoltre
possibile modificare l'URL del Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 per SQL Server Reporting
Services che specifica il percorso in cui Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 per SQL Server
Reporting Services è installato.
Non è possibile modificare il nome dell'organizzazione.

Suggerimento
È possibile implementare la procedura qui descritta utilizzando un cmdlet Windows PowerShell.Per
ulteriori informazioni, vedi i comandi Disable-CrmOrganization ed Edit-CrmOrganization nellaGuida di
riferimento di Microsoft Dynamics CRM PowerShell

Per modificare un'organizzazione


1. Nell'albero della console fare clic suOrganizzazioni
2. Fai clic con il pulsante destro del mouse sull'organizzazione che desideri modificare,
scegliDisabilitaSì
3. Fare di nuovo clic sull'organizzazione con il pulsante destro del mouse e quindi scegliereModifica
organizzazione

263
4. NellaModifica guidata organizzazione
• .Nome visualizzatoDigitare un nome per l'organizzazione.
• .SQL ServerDigitare il nome del computer SQL Server in cui si trova il database
dell'organizzazione.Tenere presente che per poter modificare il computer SQL Server per
un'organizzazione, è necessario che il database dell'organizzazione si trovi nel nuovo computer
SQL Server, che sia collegato e che sia disponibile.Durante la Modifica guidata organizzazione
il database non viene spostato automaticamente.Per ulteriori informazioni su come spostare un
database in SQL Server, vedereMSDN: Documentazione Online di SQL Server
• .URL SQL Server Reporting ServicesDigitare l'URL del computer che esegue Microsoft SQL
Server Reporting Services e in cui è installato il Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365
per SQL Server Reporting Services.
5. Fare clic suAvanti
Verrà visualizzata la paginaControlli di sistemaIn questa pagina è disponibile un riepilogo di tutti i
requisiti di sistema necessari per creare le nuove impostazioni dell'organizzazione.Per applicare le
impostazioni è necessario correggere i test non riusciti e tutti gli errori risolti.Se necessario,
annullare la Modifica guidata organizzazione, risolvere i problemi e riprovare.
6. Se non vengono visualizzati errori o vengono visualizzati solo avvisi, fare clic suAvanti
7. Nella paginaInizio applicazione modificheApplica
8. Nella paginaModifica organizzazioneFine

Vedere anche
Gestisci organizzazioni
Disabilitare o abilitare un server
Gestire i server

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Disabilitare o abilitare un'organizzazione


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Per disabilitare o abilitare un'organizzazione, utilizzare la paginaOrganizzazioniÈ consigliabile
disabilitare un'organizzazione temporaneamente quando si eseguono operazioni di manutenzione del
database.

Importante
Quando si disabilita un'organizzazione, gli utenti non possono accedere all'applicazione Microsoft
Dynamics 365 di tale organizzazione.

Suggerimento

264
È possibile implementare la procedura qui descritta utilizzando un cmdlet Windows PowerShell.Per
ulteriori informazioni, vedi i comandi Disable-CrmOrganization ed Enable-CrmOrganization nellaGuida
di riferimento di Microsoft Dynamics CRM PowerShell

Disabilitare o abilitare un'organizzazione


1. Nell'albero della console fare clic suOrganizzazioniNel riquadro centrale verrà visualizzato l'elenco
delle organizzazioni.
2. Nel riquadro dei dettagli selezionare l'organizzazione desiderata.
3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'organizzazione, quindi:
• Se l'organizzazione è abilitata, scegliereDisabilita
• Se l'organizzazione è disabilitata, scegliereAbilita

Vedere anche
Gestisci organizzazioni
Aggiungere una nuova organizzazione

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Aggiungere una nuova organizzazione


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
È possibile aggiungere una nuova organizzazione alla distribuzione di Microsoft Dynamics 365 nel
nodo Organizzazioni di Gestione distribuzione.

Nota
• Non tutte le versioni di Microsoft Dynamics 365 consentono di aggiungere più organizzazioni.
• Per aggiungere un'organizzazione, è necessario essere membri del dominio in cui è installato
Microsoft Dynamics 365.Non è possibile aggiungere un'organizzazione come membri di un dominio
figlio o trusted.

Suggerimento
È possibile implementare la procedura qui descritta utilizzando un cmdlet di Windows PowerShell.Per
ulteriori informazioni, vedi il comando New-CrmOrganization nellaGuida di riferimento di Microsoft
Dynamics CRM PowerShell

265
1. Nell'albero della console di Gestione distribuzione fai clic con il pulsante destro del mouse
suOrganizzazioniNuova organizzazione
2. Nella paginaDefinizione impostazioni organizzazione
• Nella casellaNome visualizzato
• Nella casellaNomeTale nome può contenere al massimo 30 caratteri.Gli spazi e i caratteri
estesi non sono consentiti.
• InCodice valuta ISOSfogliaOKÈ possibile modificare il simbolo, il nome o la precisione della
valuta.
• Nell'elencoLingua di baseIn Microsoft Dynamics 365 solo la lingua di base della prima
organizzazione è collegata alla lingua dell'installazione del server.Per tutte le altre
organizzazioni è possibile impostare lingue di base diverse, ma è innanzitutto necessario
installare i language pack di Microsoft Dynamics 365 per l'altra lingua.Per istruzioni
sull'installazione del Language Pack, vediInstallare o aggiornare i Language Pack per Microsoft
Dynamics CRM
• Nell'elencoRegole di confronto SQL
• Le regole di confronto predefinite di SQL variano a seconda della lingua di base
selezionata.Per ulteriori informazioni, vediRegole di confronto e supporto Unicode
3. Fare clic suAvanti

Importante
Dopo aver completato la Creazione guidata nuova organizzazione non sarà più possibile modificare il
nome dell'organizzazione, il codice di valuta ISO o le regole di confronto del database di SQL
Server.

4. Nella paginaPartecipazione al programma Analisi utilizzo softwareAvanti


Per ulteriori informazioni sul Programma Analisi utilizzo software, vedereProgramma Analisi utilizzo
software
5. Nella paginaSelezione SQL ServerAvanti
6. Nella paginaImpostazione del server Reporting ServicesVerifica che l'URL sia quello di
Microsoft SQL Report Server, non quello di Gestione report.quindi fare clic suAvanti
7. Nella paginaControlli di sistema
Prima di creare una nuova organizzazione, è necessario correggere i test non riusciti.Se
necessario, annulla la Creazione guidata nuova organizzazione, risolvi i problemi e correggi gli
errori, quindi avvia nuovamente la Creazione guidata nuova organizzazione.
Se non vengono visualizzati errori o vengono visualizzati solo avvisi, fare clic suAvanti
8. Rivedere la paginaInizio creazioneCrea

266
9. Nella paginaNuova organizzazioneFine

Vedere anche
Gestisci organizzazioni
Importa organizzazione

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Importa organizzazione
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Puoi importare un'organizzazione di Microsoft Dynamics 365 esistente con l'Importazione guidata
organizzazione.Puoi usare questa procedura guidata quando sposti un Server Microsoft Dynamics 365
in un altro computer.Usa l'Importazione guidata organizzazione per importare un'organizzazione da
qualsiasi dominio nella foresta del servizio directory di Active Directory.

Importante
• Prima di importare o aggiornare un'organizzazione di Microsoft Dynamics 365, è consigliabile
eseguire il backup dei database dell'organizzazione e di configurazione.
• Non è possibile importare un database già distribuito nella distribuzione di Microsoft Dynamics 365
di destinazione.
• Non tutte le versioni di Server Microsoft Dynamics 365 supportano più organizzazioni nella
distribuzione.Quando si importa un'organizzazione in una versione di Microsoft Dynamics 365 che
supporta solo un'organizzazione e che include già un'organizzazione, l'organizzazione esistente
verrà sostituita da quella importata.
• Se l'Importazione guidata organizzazione rileva che l'organizzazione da importare proviene da una
versione precedente di Microsoft Dynamics 365, il database dell'organizzazione verrà aggiornato
alla nuova versione.
• Per ogni organizzazione da aggiornare, è consigliabile disporre di uno spazio libero sul volume pari
almeno a tre volte le dimensioni del file del database dell'organizzazione e a quattro volte le
dimensioni del file di registro.Ad esempio, se il file del database dell'organizzazione e il file di
registro si trovano nello stesso volume e sono di dimensioni totali pari a un gigabyte, dovresti avere
almeno sette gigabyte di spazio libero su disco prima di eseguire l'aggiornamento.
• Prima di importare un'organizzazione utilizzando l'Importazione guidata organizzazione è
necessario ripristinare il database dell'organizzazione e collegarlo all'istanza di SQL Server.Per
ulteriori informazioni sul ripristino dei database, vedereMSDN: Documentazione online di SQL
Server
• La chiave di crittografia è obbligatoria per attivare la crittografia dei dati quando importi un database
dell'organizzazione in una nuova distribuzione, una distribuzione in cui il database di configurazione
(MSCRM_CONFIG) è stato ricreato dopo la crittografia dell'organizzazione o un ripristino da un

267
backup precedente che non contiene la chiave di crittografia.È possibile copiare la chiave di
crittografia originale nel Blocco Note e incollarla nella finestra di dialogo Impostazioni > Gestione
dati > Crittografia dati al termine dell'importazione dell'organizzazione.Quando attivi la crittografia
dei dati dopo la ridistribuzione, è consigliabile utilizzare Internet Explorer per incollare la chiave di
crittografia nella finestra di dialogo Crittografia dati.Per ulteriori informazioni sulla crittografia dei
dati, vedereData encryption

Suggerimento
È possibile implementare la procedura qui descritta utilizzando un cmdlet di Windows PowerShell.Per
ulteriori informazioni, vedi il comando Import-CrmOrganization nellaGuida di riferimento di Microsoft
Dynamics CRM PowerShell

Importa organizzazione
1. Nell'albero della console di Gestione distribuzione fai clic con il pulsante destro del mouse
suOrganizzazioniImporta organizzazione
2. Nella casella SQL Server della paginaSeleziona
3. Nell'elencoDatabase organizzazione
4. Fare clic suAvanti
5. Nella paginaDefinizione impostazioni organizzazioneNome visualizzatoNome visualizzato
6. Accettare ilNome database univocoNome database univoco
7. Fare clic suAvanti
8. Nella paginaImpostazione del server Reporting Services
9. Nella paginaSelezione modalità di mapping utenti
• .Esegui automaticamente mapping utentiQuesta selezione comporta il mapping automatico
dei nomi account di Active Directory agli account di Microsoft Dynamics 365.
Gli utenti del dominio di Active Directory vengono verificati in base alle informazioni sugli utenti
del dominio corrente.Se l'organizzazione da importare include utenti aggiunti con il nome
dell'entità utente (UPN, User Principal Name), verrà eseguito il mapping delle informazioni
utente senza alcuna modifica o convalida.
• Seleziona opzioni di mapping personalizzateQuesta selezione ti consente di specificare le
opzioni personalizzate per la corrispondenza tra gli account utente.
10. Fare clic suAvanti
11. Se hai sceltoSeleziona opzioni di mapping personalizzateLe opzioni disponibili sono le seguenti:
• .Mantieni mapping utenti esistentiSeleziona questa opzione per mantenere i mapping utente
esistenti nel database dell'organizzazione.In genere si seleziona questa opzione se si importa

268
un database dell'organizzazione che si trova nello stesso dominio di Active Directory del Server
Microsoft Dynamics 365 in cui l'organizzazione deve essere importata.
Per gli utenti al di fuori del dominio di Active Directory che sono stati aggiunti con il relativo
UPN, verrà eseguito il mapping delle informazioni utente senza alcuna modifica o convalida.
• .Esegui mapping utenti manualmenteSeleziona questa opzione per eseguire il mapping di
ogni utente manualmente, digitando nella tabella del mapping tutti gli ID degli utenti.
• .Genera nuovo file di mappingSelezionare questa opzione per creare un file di mapping XML
di esempio.Successivamente, puoi uscire dall'Importazione guidata organizzazione, modificare
il file di mapping degli utenti per selezionare la modalità di importazione degli utenti e quindi
eseguire nuovamente l'Importazione guidata organizzazione.Per impostazione predefinita, il file
di mapping degli utenti viene creato nella cartella <unità
• .Esegui mapping automatico utentiSeleziona questa opzione per eseguire automaticamente
il mapping delle impostazioni utente, selezionando una delle opzioni seguenti:
• .Nome account di Active DirectorySeleziona questa opzione per utilizzare il nome di
accesso dell'utente impostato in Active Directory.Gli utenti del dominio di Active Directory
vengono verificati in base alle informazioni sugli utenti del dominio corrente.
• .Nome completo di Microsoft Dynamics 365 corrispondente a nome completo di
Active DirectorySeleziona questa opzione per utilizzare il nome visualizzato o quello
completo impostato in Active Directory.
• .PrefissoSeleziona questa opzione per creare un prefisso seguito da un valore numerico
per ogni utente.
• .Usa file di mapping esistenteSelezionare questa opzione se è stato creato un file di
mapping per importare gli utenti.Digita quindi il percorso completo e il nome del file nella
casella fornita oppure fai clic suSfoglia

Nota
In tutte le modalità di mapping automatico, il mapping degli utenti immessi con il nome
dell'entità utente viene eseguito senza alcuna modifica.

12. Fai clic suAvantiRequisiti di sistema


In questa pagina è presente un riepilogo di tutti i requisiti di sistema necessari per creare una nuova
organizzazione.Prima di creare la nuova organizzazione è necessario correggere i test non
riusciti.Se necessario, annulla l'Importazione guidata organizzazione, risolvi i problemi e correggi gli
errori, quindi avvia nuovamente l'Importazione guidata organizzazione.
13. Se non vengono visualizzati errori o vengono visualizzati solo avvisi, fai clic suAvanti
14. Nella paginaInizio importazioneImporta
15. Nella paginaImporta organizzazioneFine

269
Vedere anche
Gestisci organizzazioni
Risoluzione dei problemi relativi all'importazione e all'aggiornamento delle organizzazioni

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Aggiornare la versione di un'organizzazione


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Puoi aggiornare le organizzazioni delle versioni precedenti di Microsoft Dynamics 365 locale utilizzando
Gestione distribuzione per importarle nella nuova distribuzione.

Suggerimento
È possibile implementare la procedura qui descritta utilizzando un cmdlet Windows PowerShell.Per
ulteriori informazioni, vedi i comandiImport-CrmOrganizationUpdate-CrmOrganizationGuida di
riferimento Microsoft Dynamics CRM PowerShell

Aggiornare un'organizzazione tramite importazione


Durante il processo di importazione, l'Importazione guidata organizzazione rileva la versione e aggiorna
automaticamente l'organizzazione.

Importante
Prima di importare o aggiornare un'organizzazione di Microsoft Dynamics 365, è consigliabile eseguire
il backup dei database dell'organizzazione e di configurazione.
Solo le organizzazioni Microsoft Dynamics CRM 2015 sono supportate per l'importazione con questa
versione di Microsoft Dynamics 365.Per aggiornare le versioni precedenti, vediAggiornamento da
Dynamics CRM Server 2013 o Dynamics Server 2011

Aggiornare un'organizzazione in loco


Dopo l'aggiornamento di Server Microsoft Dynamics 365, se la distribuzione include altre
organizzazioni nella versione precedente di Microsoft Dynamics 365, le organizzazioni vengono
disabilitate e non vengono aggiornate.Puoi aggiornare queste organizzazioni attenendoti ai passaggi
indicati di seguito.

Utilizzare Gestione distribuzione per aggiornare le organizzazioni


1. Nella pagina iniziale di Gestione distribuzione, nell'albero della console, fare clic suOrganizzazioni
2. Per ogni organizzazione, nel riquadro dei dettagli verificare il valore della colonnaVersione
3. Per ogni organizzazione la cuiVersioneAggiorna organizzazione

270
Vedere anche
Gestisci organizzazioni
Importa organizzazione
Aggiornare un'organizzazione
Risoluzione dei problemi relativi all'importazione e all'aggiornamento delle organizzazioni

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Aggiornare un'organizzazione
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Quando aggiorni le organizzazioni presenti nella distribuzione, le organizzazioni disabilitate non
possono essere aggiornate se prima non vengono abilitate.Nell'elenco delle organizzazioni disponibile
nel riquadro di dei dettagli dell'organizzazione disabilitata, nella colonnaAggiornaDisponibile

Importante
Prima di importare o aggiornare un'organizzazione di Microsoft Dynamics 365, è consigliabile eseguire
il backup dei database dell'organizzazione e di configurazione.

Suggerimento
È possibile implementare la procedura qui descritta utilizzando un cmdlet Windows PowerShell.Per
ulteriori informazioni, vedi i comandiEnable-CrmOrganizationUpdate-CrmOrganizationGuida di
riferimento Microsoft Dynamics CRM PowerShell

Per aggiornare un'organizzazione disabilitata


1. Per abilitare l'organizzazione, nel riquadro dei dettagli fare clic con il pulsante destro del mouse
sull'organizzazione disabilitata e quindi scegliereAbilita
2. Per aggiornare l'organizzazione, nel riquadro dei dettagli fare clic con il pulsante destro del mouse
sull'organizzazione e quindi scegliereAggiorna

Gestione dell'aggiornamento
Gli aggiornamenti di Microsoft Dynamics 365 includono miglioramenti a livello di sicurezza, prestazioni
e funzionalità.Fare in modo che le applicazioni Microsoft Dynamics 365 includano sempre gli
aggiornamenti più recenti garantisce che il sistema funzioni nel modo più efficiente e affidabile
possibile.
Per informazioni sulla gestione degli aggiornamenti, vedere le pagine seguenti:
• Windows Server Update Services
• Introduzione agli aggiornamenti software in Gestione configurazione

271
Vedere anche
Gestisci organizzazioni
Importa organizzazione
Aggiornare la versione di un'organizzazione
Risoluzione dei problemi relativi all'importazione e all'aggiornamento delle organizzazioni

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Risoluzione dei problemi relativi


all'importazione e all'aggiornamento delle
organizzazioni
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Se si verificano problemi durante l'importazione e l'aggiornamento dell'organizzazione, di seguito sono
riportati alcuni suggerimenti per risolverli:
• Verifica che l'account utente che esegue l'importazione disponga delle autorizzazioni
amministrative per l'istanza di SQL Server.Per ulteriori informazioni su come concedere le
autorizzazioni in Microsoft SQL Server, vediProcedure per la gestione di accessi, utenti e schemi
• Visualizza il file di registro DMSnapin che si trova nella seguente cartella: <drive

Vedere anche
Gestisci organizzazioni
Importa organizzazione
Aggiornare la versione di un'organizzazione

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Eliminare un'organizzazione
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Per eliminare un'organizzazione, è innanzitutto necessario disabilitarla.

Nota
Non tutte le edizioni di Microsoft Dynamics 365 prevedono la possibilità che una singola distribuzione di
Microsoft Dynamics 365 includa più organizzazioni.
Quando si elimina un'organizzazione, il database di SQL Server non viene eliminato.Pertanto sarà
possibile importare l'organizzazione in seguito.

272
Suggerimento
È possibile implementare la procedura qui descritta utilizzando un cmdlet Windows PowerShell.Per
ulteriori informazioni, vedi i comandiDisable-CrmOrganizationRemove-CrmOrganizationGuida di
riferimento di Microsoft Dynamics CRM PowerShell

Eliminare un'organizzazione
1. Nell'albero della console di Gestione distribuzione fare clic suOrganizzazioni
2. Nel riquadro centrale fare clic con il pulsante destro del mouse sull'organizzazione che si desidera
eliminare e quindi scegliereDisabilita
3. Fare clic suSì
4. Fare di nuovo clic sull'organizzazione con il pulsante destro del mouse e quindi scegliereElimina
5. Fare clic suSì

Vedere anche
Gestisci organizzazioni
Disabilitare o abilitare un'organizzazione

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Gestire i server
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Nell'areaServer
• Visualizzare l'elenco dei server Microsoft Dynamics 365.
• Abilitare o disabilitare un server.
• Eliminare un server.
Puoi personalizzare la visualizzazione dell'areaServerInoltre puoi esportare l'elenco dei server e gli
eventuali dettagli visualizzati in un file di testo.

Vedere anche
Ruoli server di Microsoft Dynamics 365
Disabilitare o abilitare un server
Eliminare (rimuovere) un server Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

273
Disabilitare o abilitare un server
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Per disabilitare o abilitare un Server Microsoft Dynamics 365, è possibile utilizzare l'areaServer

Avviso
Quando si disabilita un server, gli utenti non possono accedere all'applicazione Microsoft Dynamics 365
tramite tale server.Se la distribuzione include un solo server che esegue Microsoft Dynamics 365, gli
utenti non saranno più in grado di accedere all'applicazione.

A seconda dei ruoli server installati, la disabilitazione di un server comporta l'arresto dei servizi o dei
ruoli server seguenti:
• Server applicazione Web
• Servizio Web organizzazione
• Server della Guida
• Servizio Web di individuazione
• Servizio Web di distribuzione
• Servizio elaborazione eventi asincroni
• Servizio elaborazione eventi asincroni (manutenzione)
• Servizio di elaborazione in modalità sandbox
• Servizio VSS Writer di Microsoft Dynamics 365.
Se si abilita un server disabilitato, vengono avviati i servizi del ruolo server.

Importante
Non puoi disabilitare i ruoli server di SQL Server e Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365
utilizzando la funzione di disabilitazione di Gestione distribuzione.

Suggerimento
È possibile implementare la procedura qui descritta utilizzando un cmdlet Windows PowerShell.Per
ulteriori informazioni, vedi i comandiDisable-CrmServerEnable-CrmServerGuida di riferimento di
Microsoft Dynamics CRM PowerShell

Disabilitare o abilitare un server


1. Nell'albero della console di Gestione distribuzione fare clic suServer
2. Nel riquadro dei dettagli fare clic con il pulsante destro del mouse sul server e quindi
scegliereDisabilitaAbilita

274
Vedere anche
Gestire i server
Ruoli server di Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Eliminare (rimuovere) un server Microsoft


Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Per eliminare un Server Microsoft Dynamics 365 da una distribuzione, usa l'areaServerTuttavia, prima
di eliminare un server è necessario disabilitarlo.

Attenzione
Dopo l'eliminazione di un server, gli utenti non saranno più in grado di accedere all'applicazione
Microsoft Dynamics 365 oppure di utilizzare tale applicazione o alcune sue funzionalità, ad esempio i
report.Per ripristinare un server eliminato, è necessario eseguire il programma di installazione di Server
Microsoft Dynamics 365 e reinstallare i ruoli server rimossi al momento dell'eliminazione del server.

Suggerimento
È possibile implementare la procedura qui descritta utilizzando un cmdlet di Windows PowerShell.Per
ulteriori informazioni, vedi i comandiDisable-CrmServerRemove-CrmServerGuida di riferimento di
Microsoft Dynamics CRM PowerShell

Eliminare un server
1. Nell'albero della console di Gestione distribuzione fare clic suServer
2. Nel riquadro dei dettagli fare clic con il pulsante destro del mouse sul server che si desidera
eliminare e quindi scegliereDisabilita
3. Fare clic suSì
4. Dopo aver disabilitato il server, nel riquadro dei dettagli fare clic con il pulsante destro del mouse
sul server che si desidera eliminare e quindi scegliereElimina
5. Fare clic suSì

Vedere anche
Gestire i server
Disabilitare o abilitare un server

275
© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Risoluzione dei problemi e problemi noti per


Microsoft Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Gli amministratori possono utilizzare le informazioni in questa sezione per risolvere i problemi relativi a
Microsoft Dynamics 365.

In questa sezione
Monitorare e risolvere problemi di Microsoft Dynamics 365
Ulteriori informazioni:
• Creazione di file di analisi per risolvere messaggi di errore o altri problemi in Microsoft Dynamics
365.
• Utilizzo di System Center Monitoring Pack per Microsoft Dynamics 365 per amministrare
l'applicazione Microsoft Dynamics 365 in Microsoft System Center Operations Manager.

Vedere anche
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn531104(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
Funzionamento di Microsoft Dynamics 365
L'argomento a cui si fa riferimento fda07fd1-42d2-47b1-aecf-ed3dc4ab35d3 è disponibile solo online.

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Monitorare e risolvere problemi di Microsoft


Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016

Microsoft Dynamics 365, consente di creare file di analisi per monitorare le azioni eseguite dalle
applicazioni client e server.I file di analisi sono utili quando è necessario risolvere messaggi di errore o
altri problemi di Microsoft Dynamics 365.
Per abilitare l'analisi di Server Microsoft Dynamics 365, puoi utilizzare l'analisi a livello di distribuzione o
l'analisi a livello del server.La scelta di uno dei metodo determina l'intervallo dei ruoli server monitorati,
il grado di controllo e la modalità di attivazione dell'analisi e il percorso dei file di analisi.
Inoltre, le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365, Dynamics 365 per Outlook e Microsoft
Dynamics 365 per tablet possono essere abilitate per l'analisi.

276
In questo argomento
Analisi a livello di distribuzione di Microsoft Dynamics 365 (solo versioni locali)
Analisi a livello di server di Microsoft Dynamics 365 (solo versioni locali)
Abilitare l'analisi per le estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 per SQL Server Reporting
Services (solo versioni locali)
Abilitare l'analisi per Microsoft Dynamics 365 per Outlook
Abilitare l'analisi per il router di posta elettronica di Microsoft Dynamics 365
Abilitare l'analisi per Dynamics 365 per telefoni per Windows Phone
Abilitare l'analisi in Dynamics 365 per tablet
System Center Operations Manager Management Pack per Microsoft Dynamics 365 (solo versioni
locali)

Analisi a livello di distribuzione di Microsoft


Dynamics 365 (solo versioni locali)
L'analisi a livello di distribuzione esegue il monitoraggio di tutti i ruoli server e dei servizi di Microsoft
Dynamics 365, indipendentemente dai ruoli server installati nel computer locale.Una volta abilitata
l'analisi a livello di distribuzione, tutti i ruoli server vengono monitorati ad esempio Servizio asincrono,
Servizio di elaborazione in modalità sandbox, Servizio decompressione, Applicazione Web (w3wp) e
Strumenti di distribuzione (mmc-Tools).I file di analisi corrispondenti vengono creati.
L'analisi a livello di distribuzione è impostata utilizzando i comandi di Windows PowerShell ma è gestita
nel database MSCRM_CONFIG.L'analisi a livello di distribuzione può essere attivata solo da un
computer con il ruolo server Strumenti di distribuzione di Microsoft Dynamics 365.
I file di analisi si trovano in una cartella nel computer in cui è in esecuzione il ruolo server Strumenti di
distribuzione di Microsoft Dynamics 365.Per impostazione predefinita, il percorso è C:\crmdrop\logs

Attenzione
I file di analisi possono contenere informazioni riservate o personali.Usare cautela nell'inviare a terzi i
file di analisi o nel consentire a terzi di visualizzare le informazioni in un file di analisi.
L'attivazione dell'analisi può ridurre in modo significativo le prestazioni dell'applicazione.È consigliabile
attivare l'analisi solo per il periodo strettamente necessario alla risoluzione dei problemi.

Importante
Prima di eseguire i comandi Windows PowerShell di Microsoft Dynamics 365, lo snap-in
Microsoft.Crm.PowerShell deve essere registrato eseguendo il comandoAdd-PSSnapin
Microsoft.Crm.PowerShell
Per ulteriori informazioni, vedereAmministrare la distribuzione utilizzando Windows PowerShell

Suggerimento
Per ottenere un elenco di snap-in Windows PowerShell registrati, esegui il comandoGet-PsSnapin –
registered

277
Visualizzare le impostazioni di analisi a livello di distribuzione
Get-CrmSetting TraceSettings

Abilitare l'analisi a livello di distribuzione


Per attivare le impostazioni di analisi a livello di distribuzione che registrano la quantità massima di
informazioni che includano la registrazione dettagliata delle informazioni in callstack, esegui i comandi
seguenti nell'ordine indicato nella console di Windows PowerShell del computer in cui il ruolo server
Strumenti di distribuzione è in esecuzione.Per abilitare la registrazione dettagliata o modificarne il
percorso dei file di registro, vediParametri facoltativi
$Setting = Get-CrmSetting TraceSettings$Setting.Enabled = $True
$Setting.CallStack=$True$Setting.Categories="*:Verbose"Set-CrmSetting $setting

Parametri facoltativi
• .CallStackRegistra le informazioni di callstack.Per una risoluzione dei problemi avanzata, è
consigliabile attivare questo parametro.Per impostazione predefinita, il parametro è disattivato.
• .CategorieIndica il livello di dettaglio da registrare.
• .ErrorePer impostazione predefinita, il valore diCategoriesError
• .AvvisoInclude errori e avvisi.
• .InfoInclude avvisi, errori e informazioni aggiuntive.
• .VerboseRegistra le informazioni nel modo più dettagliato possibile.
• .DirectorySpecifica il percorso dei file del registro di analisi.Per impostazione predefinita, il
percorso è c:\crmdrop\logs
• .FileSizeSpecifica le dimensioni massime del file di registro in megabyte prima che le informazioni
nel file di analisi vengano sovrascritte.

Disabilitare l'analisi a livello di distribuzione (solo versioni locali)


Per disabilitare l'analisi eseguire i comandi seguenti, nell'ordine indicato, dalla console di Windows
PowerShell del computer che esegue il ruolo server Strumenti di distribuzione.
$Setting = Get-CrmSetting TraceSettings$setting.Enabled = $FalseSet-CrmSetting $setting
I file di analisi non vengono eliminati quando l'analisi è disattivata.Inoltre, tramite i servizi utilizzati dal
blocco di Server Microsoft Dynamics 365 vengono aperti i file di analisi.Pertanto, può essere
necessario riavviare i servizi Microsoft Dynamics 365 e il servizio Pubblicazione sul Web se questi sono
in esecuzione nel computer in cui si desidera eliminare i file di analisi.

Analisi a livello di server di Microsoft Dynamics 365


(solo versioni locali)
L'analisi a livello del server esegue il monitoraggio solo dei ruoli server di Microsoft Dynamics 365 in
esecuzione nel computer locale in cui è abilitata l'analisi a livello del server.Quando l'analisi a livello del
server è attivata, vengono creati i file di analisi specifici dei ruoli server o dei servizi Microsoft Dynamics

278
365 in esecuzione nel computer locale.L'analisi a livello del server non richiede il ruolo Strumenti di
distribuzione e può fornire un maggior grado di controllo in cui è possibile impostare valori di analisi
specifici ad esempio sulle funzionalità di Microsoft Dynamics 365 da analizzare o le dimensioni
massime del file di analisi.
Per ulteriori informazioni sull'impostazione delle proprietà di analisi a livello del server in Microsoft
Dynamics 365, vediAttivazione del rilevamento in Microsoft Dynamics CRM
Se è abilitata l'analisi a livello di distribuzione e a livello del server nello stesso computer, verrà
utilizzata solo l'analisi a livello del server.
L'analisi a livello del server deve essere impostata manualmente in Registro di sistema di Windows nel
computer in cui sono in esecuzione uno o più ruoli server di Microsoft Dynamics 365.
I file di analisi a livello del server si trovano nella cartellaTraccePer impostazione predefinita, il percorso
è C:\Program Files\Microsoft Dynamics CRM\Trace

Abilitare o disabilitare l'analisi a livello del server

Attenzione
I file di analisi possono contenere informazioni riservate o personali.Usare cautela nell'inviare a terzi i
file di analisi o nel consentire a terzi di visualizzare le informazioni contenute nei file di analisi.
L'attivazione dell'analisi può ridurre in modo significativo le prestazioni dell'applicazione.È consigliabile
attivare l'analisi solo per il periodo strettamente necessario alla risoluzione dei problemi.

Attenzione
Questa attività include i passaggi che offrono un'indicazione su come modificare il Registro di
sistema.Se, tuttavia, si modifica il Registro di sistema in modo errato, possono verificarsi gravi
problemi.Pertanto, assicurarsi di osservare attentamente la procedura seguente.Per una maggiore
protezione, eseguire il backup del Registro di sistema prima di modificarlo.Successivamente, è
possibile ripristinare il Registro di sistema se si verifica un problema.Per ulteriori informazioni su come
eseguire il backup e il ripristino del Registro di sistema, vedere:Come eseguire il backup e il ripristino
del Registro di sistema in Windows

Nel Server Microsoft Dynamics 365 in cui desideri attivare l'analisi a livello del server, avvia RegEdit e
individua il percorso seguente del Registro di sistema:HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\MICROSOFT\MSCRM
Creare i due nuovi valori seguenti richiesti.
Nome valore Tipo Valore

TraceEnabled DWORD (a 32 bit) 0o1


Se si specifica il valore 0, l'analisi
viene disabilitata.Se si specifica il
valore 1, l'analisi viene abilitata.
TraceRefresh DWORD (a 32 bit) Numero compreso tra 0 e 99.
Questo valore deve cambiare
affinché Microsoft Dynamics 365
individui una modifica a uno degli
altri valori di analisi nel Registro di

279
Nome valore Tipo Valore
sistema di Windows.Ad esempio,
se il valore è 2, è possibile
impostarlo su 1 in modo da
applicare altre modifiche ai valori
di analisi, ad esempio la modifica
a TraceCategories.

Abilitare l'analisi per le estensioni di report di


Microsoft Dynamics 365 per SQL Server Reporting
Services (solo versioni locali)
In Microsoft Dynamics 365 è possibile creare file di analisi per monitorare le azioni eseguite dalle
Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365.I file di analisi sono utili quando è necessario risolvere
messaggi di errore o altri problemi delle Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365.

Attenzione
I file di analisi possono contenere informazioni riservate o personali.Usare cautela nell'inviare a terzi i
file di analisi o nel consentire a terzi di visualizzare le informazioni contenute nei file di analisi.
L'attivazione dell'analisi può ridurre in modo significativo le prestazioni dell'applicazione.È consigliabile
attivare l'analisi solo per il periodo strettamente necessario alla risoluzione dei problemi.

È possibile abilitare l'analisi per le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365 in due modi:
Abilitare l'analisi utilizzando i valori del Registro di sistema
Abilitare l'analisi tramite le proprietà di distribuzione

Importante
Se la cartella specificata inTraceDirectory

Abilitare l'analisi utilizzando i valori del Registro di sistema

Attenzione
Questa attività include i passaggi che offrono un'indicazione su come modificare il Registro di
sistema.Se, tuttavia, si modifica il Registro di sistema in modo errato, possono verificarsi gravi
problemi.Pertanto, assicurarsi di osservare attentamente la procedura seguente.Per una maggiore
protezione, eseguire il backup del Registro di sistema prima di modificarlo.Successivamente, è
possibile ripristinare il Registro di sistema se si verifica un problema.Per ulteriori informazioni su come
eseguire il backup e il ripristino del Registro di sistema, vedere:Come eseguire il backup e il ripristino
del Registro di sistema in Windows

280
1. Nel computer in cui sono installate le Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365, individuare la
sottochiave seguente del Registro di sistema:HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\MICROSOFT\MSCRM
2. Impostare i valori seguenti:
• TraceEnabled = 1
• TraceDirectory = <percorso della directory in cui verranno memorizzati i file di analisi
È anche possibile impostare altri valori di riga comeTraceCategories
3. Riavviare Microsoft SQL Server Reporting Services.

Abilitare l'analisi tramite le proprietà di distribuzione


1. Visualizzare la tabellaDeploymentProperties
2. Individuare la riga con il valore "TraceEnabled" e impostare il valore della relativa colonna
"BitColumn" su "True".
Altri valori di riga comeTraceCategoriesTraceDirectory
Verranno generate le prime analisi nella directory specificata nella riga TraceDirectory della
tabellaDeploymentProperties
3. Riavviare Microsoft SQL Server Reporting Services.
Le impostazioni del Registro di sistema hanno la precedenza sulle proprietà della distribuzione.Se il
Registro di sistema contiene dati non validi (ad esempioTraceDirectory

Abilitare l'analisi per Microsoft Dynamics 365 per


Outlook
Questa sezione si applica a Microsoft Dynamics 365 (online) e alle versioni locali di Microsoft Dynamics
365.L'analisi di Dynamics 365 per Outlook esegue il monitoraggio dell'istanza di Dynamics 365 per
Outlook in esecuzione nel computer locale.Se il problema è isolato a un determinato utente che esegue
Dynamics 365 per Outlook, l'abilitazione dell'analisi di Dynamics 365 per Outlook può aiutare a
determinarne la causa.
I file di analisi di Dynamics 365 per Outlook si trovano nella cartella
C:\Users\<username>\AppData\Local\Microsoft\MSCRM\Traces.

Attenzione
I file di analisi possono contenere informazioni riservate o personali.Usare cautela nell'inviare a terzi i
file di analisi o nel consentire a terzi di visualizzare le informazioni contenute nei file di analisi.
L'attivazione dell'analisi può ridurre in modo significativo le prestazioni dell'applicazione.È consigliabile
attivare l'analisi solo per il periodo strettamente necessario alla risoluzione dei problemi.

Abilitare o disabilitare l'analisi per Microsoft Dynamics 365 per


Outlook
1. Nel computer che esegue Dynamics 365 per Outlook fai clic suStartTutti i programmiMicrosoft
Dynamics 365Diagnostica

281
2. Fare clic sulla schedaRisoluzione dei problemi avanzataAnalisiAnalisi
3. Selezionare un livello di registrazione nell'elenco a discesa.
4. Fare clic suSalva
Puoi ridurre la quantità di informazioni durante l'analisi impostando il valoreTraceCategoriesAd
esempio, è possibile impostare il valore in modo che vengano registrati solo i messaggi di errore.La
riduzione della quantità di accessi può essere utile durante la risoluzione dei problemi specifici, ad
esempio quando si ricevono messaggi di errore quando si passa alla modalità offline.A tale scopo,
eseguire la procedura seguente.

Attenzione
L'abilitazione dell'analisi dettagliata durante azioni intense del processo come l'avvio di Outlook o il
passaggio online e offline con Dynamics 365 per Outlook, non e consigliata e potrebbe causare
problemi di stabilità con Dynamics 365 per Outlook.
Questa attività include i passaggi che offrono un'indicazione su come modificare il Registro di
sistema.Se, tuttavia, si modifica il Registro di sistema in modo errato, possono verificarsi gravi
problemi.Pertanto, assicurarsi di osservare attentamente la procedura seguente.Per una maggiore
protezione, eseguire il backup del Registro di sistema prima di modificarlo.Successivamente, è
possibile ripristinare il Registro di sistema se si verifica un problema.Per ulteriori informazioni su come
eseguire il backup e il ripristino del Registro di sistema, vediCome eseguire il backup e il ripristino del
Registro di sistema in Windows

Notare che l'analisi che deve già essere abilitata affinché i passaggi seguenti funzionino.
1. Nel computer in cui hai installato Dynamics 365 per Outlook, avvia RegEdit, quindi individua e
seleziona la seguente sottochiave del Registro di sistema:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\MSCRMClient.
2. Se il valore della stringa TraceCategories non è presente, è necessario aggiungerlo.A tale scopo,
fare clic con il pulsante destro del mouse suMSCRMClientNuovoValore stringaTraceCategories
3. Fare clic con il pulsante destro del mouse
suTraceCategoriesModificaApplication.Outlook:ErrorOK
Per ulteriori informazioni sui valori disponibili per TraceCategories, vediAttivazione del rilevamento in
Microsoft Dynamics CRM
I file di analisi non vengono eliminati quando l'analisi è disattivata.

Abilitare l'analisi per il router di posta elettronica di


Microsoft Dynamics 365
Questa sezione si applica a Microsoft Dynamics 365 (online) e alle versioni locali di Microsoft Dynamics
365.L'analisi del Router e-mail per Microsoft Dynamics CRM esegue il monitoraggio del servizio Router
e-mail in esecuzione sul computer locale.

282
Abilitare o disabilitare l'analisi per il router di posta elettronica di
Microsoft Dynamics 365
1. Nel computer in cui il servizio Router e-mail per Microsoft Dynamics CRM (router di posta
elettronica di Microsoft Dynamics 365) è in esecuzione, apri Microsoft.Crm.Tools.EmailAgent.xml
utilizzando codice XML o un editor di testo.Per impostazione predefinita,
Microsoft.Crm.Tools.EmailAgent.xml si trova nella cartella <unità>:\Program Files\Microsoft CRM
Email\Service.
2. Aggiungi le voci seguenti tra gli elementi padre<SystemConfiguration>
<LogLevelLivelloLogLevel
Specifica il livello di registrazione.I valori accettabili perLivello
• 0. Nessuna registrazione.Per impostazione predefinita, la registrazione è impostata su 0.
• 1. Solo la registrazione degli errori.
• 2. Registrazione di informazioni dettagliate a livello della cassetta postale.
• 3. Registrazione di informazioni estremamente dettagliate a livello di messaggio.

<LogFilePercorso\NomefileregistroLogFile
Specifica il percorso completo del percorso nel file di registro.
3. Riavviare il servizio del Router e-mail.

File Microsoft.Crm.Tools.EmailAgent.xml di esempio


Il seguente file Microsoft.Crm.Tools.EmailAgent.xml imposta la registrazione a livello 1 e memorizza il
file di registro come c:\emailRouterLog.txt.

<?

xml

version

="1.0"

encoding

="utf-8"

?>

<Configuration>

<SystemConfiguration>

<MaxThreads>50</MaxThreads>

<MaxThreadExecution>600000</MaxThreadExecution>

<SchedulingPeriod>1000</SchedulingPeriod>

<ConfigRefreshPeriod>5000</ConfigRefreshPeriod>

283
<ConfigUpdatePeriod>3600000</ConfigUpdatePeriod>

<LogLevel>1</LogLevel>

<LogFile>c:\emailRouterLog.txt</LogFile>

<ProviderOverrides>

<CacheCapacity>1024</CacheCapacity>

<PendingStatusDelay>300000</PendingStatusDelay>

<SendingStatusDelay>1800000</SendingStatusDelay>

<MaximumDeliveryAttempts>10</MaximumDeliveryAttempts>

<EWSRetrieveMessageCount>10</EWSRetrieveMessageCount>

<BatchSize>5</BatchSize>

<RequestBatchSize>5</RequestBatchSize>

</ProviderOverrides>

</SystemConfiguration>

</Configuration>

Abilitare l'analisi per Dynamics 365 per telefoni per


Windows Phone
Per facilitare la risoluzione dei problemi, esegui la procedura seguente per catturare e visualizzare i
registri in Windows Phone.

Installare l'app Field Medic


1. Installare l'app Field Medic daWindows Phone Store

284
Creare un profilo personalizzato per la registrazione di AppHost
1. Connetti Windows Phone al computer tramite USB.
2. Crea il file FieldMedic-AppHost.xml nella seguente cartella:computer\<windows
phone>\Phone\Documents\FieldMedicCrea la struttura di cartelle se non esiste già.Puoi creare il file
tramite Blocco note e salvarlo come FieldMedic-AppHost.xml.

285
3. Utilizzando Blocco note, aggiungi il codice seguente al file FieldMedic-AppHost.xml.
<?xml version="1.0" encoding="utf-8" standalone='yes'?>

<WindowsPerformanceRecorder Version="1.0" Author="CXE Ecosystem SATT" Team="CXE


Ecosystem SATT" Comments="FieldMedic ETW profiles" Company="Microsoft Corporation"
Copyright="Microsoft Corporation" Tag="FieldMedic">

<Profiles>

<!-- Event Collectors -->

<EventCollector Id="EventCollector_AppHost" Name="FieldMedic AppHost Category


Event Collector" Private="false" ProcessPrivate="false" Secure="false"
Realtime="false">

<BufferSize Value="128"/>

<Buffers Value="40"/>

<MaximumFileSize Value="5" FileMode="Circular"/>

<FileMax Value="3"/>

</EventCollector>

<!-- Event Providers -->

<EventProvider Id="EventProvider_Microsoft-Windows-AppHost" Name="98e0765d-8c42-


44a3-a57b-760d7f93225a" Level="5"/>

286
<!-- Profiles -->

<Profile Id="AppHost.Verbose.File" LoggingMode="File" Name="AppHost"


DetailLevel="Verbose" Description="FieldMedic AppHost category profile">

<Collectors>

<EventCollectorId Value="EventCollector_AppHost">

<EventProviders>

<EventProviderId Value="EventProvider_Microsoft-Windows-AppHost"/>

</EventProviders>

</EventCollectorId>

</Collectors>

</Profile>

</Profiles>

</WindowsPerformanceRecorder>

Abilitare la registrazione
1. Apri l'app Field Medic.
2. ToccaAvanzate

3. ToccaScegli il provider ETW da utilizzare

287
4. Scorri verso l'alto per individuare la sezioneGruppo personalizzatoFieldMedic-AppHost.xml

5. Tocca due volte il pulsante Indietro.

288
6. ToccaAvvia registrazione

Viene visualizzato quando indicato di seguito.

289
>

Riprodurre il problema
1. Passa all'app Dynamics 365 per smartphone.
2. Riproduci il problema.

Arrestare la registrazione
1. Passa all'app Field Medic.
2. ToccaArresta registrazione

290
3. Immetti un titolo per le registrazioni e toccaSalva

291
4. ToccaVisualizzazione report

292
>

Individuare i file di registro


1. Disconnetti e riconnetti il cavo USB a Windows Phone.In tal modo vengono visualizzati i file più
recenti.
2. Nel computer, passa a:computer\<windows phone>\Phone\Documents\FieldMedic\reports
3. Copia il contenuto della cartella nel computer.

293
Visualizzare i registri utilizzando il Visualizzatore eventi
1. Apri Visualizzatore eventi nel computer.
2. Fai clic suAzioneApri registro salvato...

3. Passa a:computer\<windows phone>\Phone\Documents\FieldMedic\reports


4. Seleziona e apri il file Custom-FieldMedic-AppHost.

294
5. Se viene richiesto di aprire il registro nel nuovo formato del registro eventi, fai clic suSìOK
6. Esamina le voci del registro eventi per individuare eventuali errori.

Abilitare l'analisi in Dynamics 365 per tablet


È possibile abilitare l'analisi nell'app Microsoft Dynamics 365 per tablet per diagnosticare i
problemi.Quando si abilita l'analisi, informazioni dettagliate sono registrate nel dispositivo.Queste
informazioni possono essere analizzate in modo da individuare l'origine di un problema.La modalità di
abilitazione e di visualizzazione dell'analisi è diversa a seconda del sistema operativo del tablet.

Windows
Eseguire la procedura seguente per visualizzare gli eventi.L'analisi è abilitata per impostazione
predefinita.

1. Aprire l'Visualizzatore eventi.A tale scopo, passa alla schermata iniziale, digitaRunINVIONella
casella Esegui digitaeventvwrINVIO
2. Selezionare la cartellaAppHost
3. Dal menuVisualizzaVisualizza registri analitici e di debug

295
4. Altri nodi vengono visualizzati nella cartellaAppHost

5. Fare clic con il pulsante destro del mouse (tenendo premuto) sul nodoAppTracingAttiva registro

296
6. Fare clic su o toccareOK

7. Dopo aver riprodotto il problema, fare clic con il pulsante destro del mouse (tenendo premuto) sul
nodoAppTracingDisattiva registro

297
8. Aggiornare il Visualizzatore eventi per visualizzare gli eventi di registro.È possibile utilizzare il
tastoF5AppTracingAggiorna

9. Esaminare i dettagli degli eventi registrati.Cerca le voci che contengono "Dynamics 365" nel campo
nella schedaGenerale

Suggerimento
È possibile fare clic con il pulsante destro del mouse (tenendo premuto) suAppTracingTrovaQuindi
cerca tutti gli eventi contenenti una parola come "Dynamics 365".CTRL + F è la scelta rapida da
tastiera.

10. Esaminare anche gli eventi registrati inAmministrazione

298
Per salvare un registro eventi, fare clic con il pulsante destro del mouse (tenendo premuto) sul
registro e selezionareSalva tutti gli eventi con nomeSpecificare la directory in cui si desidera
salvare il file di registro.

iPad
Per impostare e visualizzare eseguire la registrazione sull'iPad, eseguire la procedura seguente:

Attivare la registrazione sull'iPad


1. AprireImpostazioni

299
2. SelezionaDynamics 365

300
3. L'opzioneAttiva registrazioneDISATTIVATOAttivare o disattivare questa opzione per passare
questa impostazione suATTIVATO

301
4. Dopo la riproduzione del problema, passare l'impostazioneAttiva registrazioneDISATTIVATO

302
Visualizzare i file di registro dell'iPad
1. Connettere l'iPad al computer.
2. Aprire iTunes.
3. Selezionare il proprio dispositivo dalla sezione Dispositivi.

303
4. Selezionare l'area delle app dall'intestazione.

5. Individua la sezione di condivisione file e selezionare l'app Dynamics 365.

304
6. Nella colonna a destra verrà visualizzato un elenco dei file di registro se la registrazione è abilitata
per l'app.Selezionare il file di registro, premereSalva in

7. Individuare il file di registro salvato e aprirlo per visualizzare i dettagli del registro.

Android
Su un dispositivo Android, puoi abilitare la registrazione durante o dopo la configurazione.
• Se stai configurando Dynamics 365 per tablet, vediAbilita la registrazione nella pagina di
configurazione

305
• Se Dynamics 365 per tablet è già stato configurato e si verifica un errore successivo alla
configurazione, è necessario disconnettersi o rieseguire la configurazione per abilitare la
registrazione.VedereAbilitare la registrazione dopo la configurazione

Nota
Per impostazione predefinita, la registrazione è disabilitata.Se si abilita la registrazione e si chiude e si
riapre Dynamics 365, la registrazione viene disabilitata.

Abilita la registrazione nella pagina di configurazione


1. Nella pagina di configurazione per Dynamics 365 per tablet, tocca l'ellissi (...)per visualizzare
l'opzione e abilitare la registrazione.

2. Toccare la casella di controlloAbilita registrazione

Abilita la registrazione dopo la configurazione


1. Aprire l'app Dynamics 365 per Android.
2. Nel dashboard, tocca l'ellissi (...)nell'angolo inferiore destro per visualizzare la barra dei comandi.

306
3. ToccareImpostazioniDisconnetti
4. Nella pagina di accesso, toccare il pulsante indietro per passare alla pagina di configurazione.
5. Nella pagina di configurazione per Dynamics 365 per tablet, tocca l'ellissi (...)per visualizzare
l'opzione e abilitare la registrazione.

6. Tocca la casella di controlloAbilita registrazione

Visualizzare i file di registro Android


1. La registrazione viene scritta su un file di registro nella cartella MSCRM della directory radice del
dispositivo.È possibile connettere il tablet nel computer con USB per sfogliare il file system.Puoi
inoltre utilizzare app Android di altre società per visualizzare il file system.
2. Apri la cartella MSCRM, quindi seleziona e visualizza il file di registro.

307
Registro di esempio
L'esempio seguente illustra quali informazioni potrebbero essere visualizzate in un file di registro.
2013-08-20 15:33:23 +0000 [INFO]: Unique install id | 5FDD3711-9E89-4D8B-B835-88B2C7C51703
2013-08-20 15:33:23 +0000 [INFO]: Application activated 2013-08-20 15:33:24 +0000 [INFO]:
Application resume 2013-08-20 15:33:25 +0000 [ERROR]: App WebView Load failed | -1003 2013-08-
20 15:33:32 +0000 [INFO]: [PAL] | Authentication: Starting 2013-08-20 15:33:32 +0000 [INFO]: [PAL] |
Authentication: Starting authorization 2013-08-20 15:33:32 +0000 [INFO]: [PAL] | Authentication:
Authorization error: -2147093999 2013-08-20 15:33:39 +0000 [INFO]: [PAL] | Authentication: Starting
2013-08-20 15:33:39 +0000 [INFO]: [PAL] | Authentication: Starting authorization 2013-08-20 15:33:39
+0000 [INFO]: [PAL] | Authentication: Authorization error: -2147093999 2013-08-20 15:33:42 +0000
[INFO]: Application Pause 2013-08-20 15:34:27 +0000 [INFO]: Unique install id | 5FDD3711-9E89-
4D8B-B835-88B2C7C51703 2013-08-20 15:34:27 +0000 [INFO]: Application activated 2013-08-20
15:34:27 +0000 [INFO]: Application resume 2013-08-20 15:34:27 +0000 [INFO]: [PAL] | Authentication:
Failed - cookie setup 2013-08-20 15:34:28 +0000 [INFO]: [PAL] | Authentication: Complete 2013-08-20
15:34:30 +0000 [INFO]: [PAL] | Authentication: Starting 2013-08-20 15:34:30 +0000 [INFO]: [PAL] |
Authentication: Starting authorization 2013-08-20 15:34:30 +0000 [INFO]: [PAL] | Authentication:
Authorization complete 2013-08-20 15:34:30 +0000 [INFO]: [PAL] | Authentication: Complete 2013-08-
20 15:34:31 +0000 [INFO]: [PAL] | Error Messages: 1: Principal user (Id=d0961fb9-0f09-e311-b8aa-
00155d05381a, type=8) is missing prvReadAccount privilege (Id=886b280c-6396-4d56-a0a3-
2c1b0a50ceb0)2: Principal user (Id=d0961fb9-0f09-e311-b8aa-00155d05381a, type=8) is missing

308
prvReadAccount privilege (Id=886b280c-6396-4d56-a0a3-2c1b0a50ceb0)2013-08-20 15:36:30 +0000
[INFO]: Application Pause

System Center Operations Manager Management


Pack per Microsoft Dynamics 365 (solo versioni
locali)
Operations Manager Management Pack per CRM consente di monitorare Microsoft Dynamics 365
locale in Microsoft System Center Operations Manager.
Puoi scaricare Microsoft System Center Operations Manager management pack for Microsoft
Dynamics CRM 2016qui

Vedere anche
Funzionamento di Microsoft Dynamics 365
Protezione e ripristino dei dati di Microsoft Dynamics 365
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn531104(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
L'argomento a cui si fa riferimento fda07fd1-42d2-47b1-aecf-ed3dc4ab35d3 è disponibile solo online.

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Servizio di monitoraggio Microsoft Dynamics


365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Il servizio di monitoraggio Microsoft Dynamics 365 è un servizio di tipo NT che monitora tutti i ruoli
Server Microsoft Dynamics 365 in esecuzione nel computer locale.Il servizio di monitoraggio non
trasmette informazioni all'esterno del computer in cui il servizio è in esecuzione.Il servizio di
monitoraggio viene installato con l'installazione di un qualsiasi ruolo Server Microsoft Dynamics 365.
Il servizio di monitoraggio convalida l'integrità dei ruoli server in esecuzione nel computer locale
eseguendo una serie di test.Per impostazione predefinita, il monitoraggio viene eseguito ogni 15 minuti
e vengono conservati 10 record prima che il record precedente venga sostituito.Alcuni test eseguiti dal
servizio di monitoraggio richiedono che l'organizzazione sia impostata per il monitoraggio.Per ulteriori
informazioni, vedereModificare le impostazioni di monitoraggio

Visualizzare i risultati del monitoraggio


Gli eventi vengono registrati nell'origineMSCRMMonitoringServerRole
Per impostazione predefinita, i risultati dettagliati del monitoraggio vengono salvati come file XML in
C:\Program Files\Microsoft Dynamics CRM\Monitoring\results.

309
Suggerimento
Utilizzare un Web browser per visualizzare i registri del monitoraggio.A tale scopo, in Internet Explorer
fare clic con il pulsante destro del mouse sul file XML di monitoraggio, selezionareApri con

Inoltre, è possibile registrare i risultati del monitoraggio nel database di configurazione come descritto
più avanti in questo argomento.È quindi possibile utilizzare un'istruzione SQL come la seguente per
visualizzare le informazioni sul monitoraggio per la distribuzione.
USE MSCRM_CONFIG SELECT * FROM MonitoringResults ORDER BY EndTime

Modificare le impostazioni di monitoraggio


I seguenti comandi PowerShell eseguono queste operazioni.
• Visualizza le impostazioni correnti del monitoraggio.
• Imposta il servizio di monitoraggio per registrare un massimo di 10 risultati nella tabella
MonitoringResults nel database di configurazione (MSCRM_CONFIG
Imposta l'organizzazionetestorg
• Visualizza nuovamente le impostazioni correnti del monitoraggio.

Nota
Sebbene in questo esempio vengono configurate due opzioni distinte, non è necessario configurare
entrambe le opzioni.La prima opzione è per archiviare i record del monitoraggio nel database di
configurazione e la seconda opzione è per impostare l'account, la password e l'organizzazione del
monitoraggio.

Add-PSSnapin Microsoft.Crm.PowerShell

Get-CrmSetting -SettingType MonitoringSettings

$set =Get-CrmSetting -SettingType Monitoringsettings

$set.StoreResultsInDatabase = "true"

$set.ResultsToKeepInDatabase = "10"

$set.MonitoringOrganizationUniqueName ="testorg"

$set.MonitoringOrganizationUserAccount = "contoso\administrator"

$set.MonitoringOrganizationUserPassword = "password"

Set-CrmSetting -Setting $set

Get-CrmSetting -SettingType MonitoringSettings

Importante
Dopo avere apportato una modifica alle impostazioni del servizio di monitoraggio, potrebbe essere
necessario riavviare il servizio di monitoraggio Microsoft Dynamics 365 per includere la modifica.

310
Vedere anche
L'argomento a cui si fa riferimento fda07fd1-42d2-47b1-aecf-ed3dc4ab35d3 è disponibile solo online.
Funzionamento di Dynamics 365 locale

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Aggiornare Microsoft Dynamics CRM


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Con Microsoft Dynamics CRM 2016 si dispone di diverse opzioni che contribuiscono a garantire che la
distribuzione venga eseguita in modo ottimale, affidabile e sicuro.Nella maggior parte dei casi in cui
Microsoft Dynamics CRM viene eseguito in un ambiente di produzione, è consigliabile applicare
l'aggiornamento più recente per tutte le applicazioni di Dynamics 365 non appena esso diventa
disponibile.
Nelle versioni locali di Microsoft Dynamics CRM vengono utilizzati due tipi di tecnologie:
• , applicabili come parte del processo di installazione.Aggiornamenti a livello di installazione
• , resi disponibili come un pacchetto di aggiornamento che può essere installato automaticamente
utilizzando Microsoft Update.Aggiornamenti dell'applicazione

In questo argomento
Che cosa è Dynamics 365 e come si ottiene?
Aggiornamento del programma di installazione di Microsoft Dynamics CRM
Aggiornamenti all'applicazione Microsoft Dynamics CRM

Che cosa è Dynamics 365 e come si ottiene?


Dynamics 365 combina funzionalità ERP e CRM in applicazioni che funzionano in perfetta sinergia per
attività quali Sales, Customer Service, Field Service, Operations, Financials, Marketing e Project
Service Automation.Inizia con quello di cui hai bisogno per poi aggiungere altre applicazioni man mano
che la tua azienda cresce.
Per rimanere aggiornati con la versione corrente, i clienti di Microsoft Dynamics CRM 2016 (locale)
devono scaricare e applicare ilService Pack di dicembre 2016 per Microsoft Dynamics 365 (locale)
Per informazioni sulle funzionalità disponibili con Dynamics 365, vediDynamics 365: Novità
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn531078(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
Per ulteriori informazioni sulla versione di Dynamics 365, vediMicrosoft Dynamics 365 – Ora
generalmente disponibile

311
Aggiornamento del programma di installazione di
Microsoft Dynamics CRM
L'aggiornamento dell'installazione di Microsoft Dynamics CRM, ovvero del programma di installazione
con riparazione automatica, garantisce agli utenti di disporre della versione del programma di
installazione più recente.Con questa funzionalità, puoi aggiornare il programma di installazione, prima
di eventuali installazioni sul computer, per le seguenti applicazioni di Microsoft Dynamics CRM:
• Server Microsoft Dynamics CRM 2016
• Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM
• Microsoft Dynamics CRMEstensione per la modifica dei report
• Router e-mail per Microsoft Dynamics CRM
Per utilizzare l'aggiornamento del programma di installazione, selezionaRecupera aggiornamenti per
Microsoft Dynamics CRMPer Microsoft Dynamics CRM 2016 per Outlook, l'aggiornamento del
programma di installazione applica l'ultimo pacchetto di aggiornamento pubblicato alla fine
dell'installazione.

Aggiornamenti all'applicazione Microsoft Dynamics


CRM
Microsoft Dynamics CRM pubblica regolarmente aggiornamenti sotto forma di pacchetto, vale a dire
una raccolta di aggiornamenti software.L'installazione di qualsiasi aggiornamento pubblicato per
Microsoft Dynamics CRM viene testata accuratamente da Microsoft al momento del rilascio ed è
supportata integralmente da Microsoft.Ottieni gli aggiornamenti più recenti dell'applicazione Microsoft
Dynamics CRM 2016Knowledge Base: Aggiornamenti e aggiornamenti rapidi di Microsoft Dynamics
CRM 2016

Distribuzione e applicazione degli aggiornamenti di Microsoft


Dynamics CRM
Microsoft Dynamics CRM (locale) è progettato per utilizzare Microsoft Update, un servizio in grado di
scaricare e installare automaticamente gli aggiornamenti alle applicazioni Microsoft, come Server
Microsoft Dynamics CRM 2016, Estensioni di report di Microsoft Dynamics CRM, Estensione per la
modifica dei report, Microsoft Dynamics CRM 2016 per Outlook, Language Pack e Router e-mail per
Microsoft Dynamics CRM.
Durante l'installazione o l'aggiornamento di un'applicazione di Microsoft Dynamics CRM, il programma
di installazione richiede all'utente se desidera impostare l'applicazione di aggiornamenti automatici in
Microsoft Update.Se non si desidera applicare gli aggiornamenti automatici durante l'installazione, sarà
possibile abilitare questa funzionalità in un secondo momento nell'area Windows Update del Pannello
di controllo.Ulteriori informazioni:Attivare o disattivare l'aggiornamento automaticoModificare le modalità
di installazione e di notifica degli aggiornamenti in Windows
Se si abilita Microsoft Update, gli aggiornamenti verranno automaticamente scaricati per Microsoft
Dynamics CRM e per qualsiasi altra applicazione Microsoft abilitata per l'utilizzo di Microsoft Update.
Se non desideri utilizzare Microsoft Update, puoi comunque scaricare gli aggiornamenti dal Area
download Microsoft e installarli manualmente o eseguirne il push nei computer appropriati utilizzando
Windows Server Update Services (WSUS).Ulteriori informazioni:Windows Server Update Services

312
Requisiti degli aggiornamenti
Un aggiornamento potrebbe richiedere degli aggiornamenti a dei componenti necessari, come
l'aggiornamento di Microsoft .NET Framework o anche un aggiornamento di Microsoft Dynamics CRM
precedente.Per ulteriori informazioni su tali requisiti, vedi l'articolo della Microsoft Knowledge Base (KB)
relativo all'aggiornamento.

Vedere anche
Funzionamento di Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Manutenzione del database di Microsoft


Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
In una distribuzione Microsoft Dynamics 365 sono presenti i seguenti database:
• MSCRM_CONFIG.Questo database contiene i metadati di Microsoft Dynamics 365, ad esempio le
informazioni relative alla configurazione e alla posizione specifiche di ogni database
dell'organizzazione.
• _MSCRM.NomeOrganizzazioneUno o più database dell’organizzazione.Questo è il database in cui
vengono memorizzati i dati di Microsoft Dynamics 365, quali i record e gli impegni, e i dettagli dei
metadati, quali le relazioni di entità.
La manutenzione dei database di Dynamics 365 deve prevedere backup regolari, frequente valutazione
di patch di sicurezza e monitoraggio dell'integrità del sistema.

Importante
Le operazioni di manutenzione e ripristino dei database che possono risultare in una perdita dei dati,
quali DBCC CHECKDB CON REPAIR_ALLOW_DATA_LOSS, non sono supportate.

In questa sezione
Indici del database dell'organizzazione Dynamics 365

Vedere anche
Eseguire il backup del sistema Microsoft Dynamics 365
Aggiornare Microsoft Dynamics CRM
Panoramica sull'installazione dei servizi SQL Server
Monitoraggio delle prestazioni del server e delle attività

313
Indici del database dell'organizzazione
Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Gli indici creati in un database dell'organizzazione Microsoft Dynamics 365 sono progettati per fornire il
rapido recupero dei dati comunemente richiesti da tabelle e viste archiviate in Microsoft SQL Server.Di
seguito sono elencate alcune caratteristiche degli indici creati in un database dell'organizzazione
Microsoft Dynamics 365.
• A seconda della versione e l'aggiornamento applicati, un database dell'organizzazione Microsoft
Dynamics 365 senza alcuna personalizzazione o soluzione installata (database predefiniti) avrà tra
1.000 e 1.600 indici in totale.
• Le versioni successive di Microsoft Dynamics 365 includono più funzionalità e, di conseguenza, più
oggetti di database come tabelle e indici.
• Almeno cinque nuovi indici vengono creati ogni volta che viene creata una nuova entità o si fa
riferimento a una nuova colonna in una ricerca rapida.
• Installare una soluzione aumenta il numero degli indici totali.

Come recuperare l'elenco di tutti gli indici archiviati


in un database dell'organizzazione
Per recuperare l'elenco di tutti gli indici, eseguire la seguente query SQL di esempio sul database
dell'organizzazione.
SELECT s.name +'.'+t.name AS 'table_name',i.name,i.index_id

FROM sys.schemas s JOIN sys.tables t ON s.schema_id=t.schema_id

JOIN sys.indexes i ON t.object_id=i.object_id LEFT OUTER JOIN sys.objects o

ON o.parent_object_id=t.object_id AND i.name=o.name

WHERE i.name is not null

Per un'approssimazione degli indici predefiniti nel database di un'organizzazione che corrisponde a una
versione particolare di Microsoft Dynamics 365, scegliere da questi collegamenti per scaricare i fogli di
lavoro Microsoft Office Excel che contengono gli elenchi degli indici.
• Area download Microsoft: Elenco degli indici predefiniti Dynamics CRM 2016 RTM
• Area download Microsoft: Elenco degli indici predefiniti Dynamics CRM 2015 Aggiornamento 0.2
• Area download Microsoft: Elenco degli indici predefiniti Dynamics CRM 2013 Service Pack 1
• Area download Microsoft: Elenco degli indici predefiniti Dynamics CRM 2011 Aggiornamento
cumulativo 18
Per ulteriori informazioni sugli indici di SQL Server, vedereGuida per la progettazione di indici di SQL
Server

314
Vedere anche
Funzionamento di Microsoft Dynamics 365
Protezione e ripristino dei dati di Microsoft Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Protezione e ripristino dei dati di Microsoft


Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
In questa sezione vengono illustrate le opzioni disponibili e vengono fornite le istruzioni per il backup
dei dati e il ripristino in caso di errore.

In questa sezione
Servizio VSS Writer di Microsoft Dynamics 365.
Eseguire il backup del sistema Microsoft Dynamics 365
Importare ed esportare personalizzazioni e soluzioni
Ripristino di Microsoft Dynamics 365 in caso di errore

Vedere anche
Funzionamento di Dynamics 365 locale

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Servizio VSS Writer di Microsoft Dynamics 365.


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Il servizio VSS (Volume Shadow Copy Service Writer, Servizio Copia Shadow del volume) di Microsoft
Dynamics 365 offre una funzionalità aggiunta per il backup e il ripristino dei database di Microsoft
Dynamics 365 tramite il framework VSS.
VSS è un set di API di COM (Component Object Model) che offre interfacce standardizzate, abilitando il
software di backup e di ripristino, quali Systems Center Data Protection Manager, per gestire
centralmente le operazioni di backup e di ripristino in più applicazioni.VSS implementa inoltre un
framework che abilita i backup di volume da eseguire mentre le applicazioni in un sistema continuano a
scrivere nei volumi.

315
In questo argomento
Dipendenze
Autorizzazioni obbligatorie
Funzionalità
Passaggi necessari per utilizzare System Center Data Protection Manager

Dipendenze
• System Center 2012Data Protection Manager (DPM)
• Servizio VSS Writer di SQL Server.Il servizio VSS Writer di SQL Server disponibile con Microsoft
SQL Server deve essere avviato affinché il servizio VSS Writer di Microsoft Dynamics 365 funzioni
correttamente.

Importante
Le versioni precedenti di System Center DPM non sono supportate.

Autorizzazioni obbligatorie
VSS Writer di Microsoft Dynamics 365 viene eseguito come servizio e può essere eseguito nel Servizio
di rete o nell'account utente di dominio.Per ulteriori informazioni sulle autorizzazioni richieste,
vedereAutorizzazioni minime necessarie per l'installazione e i servizi di Microsoft Dynamics CRM

Funzionalità
VSS Writer di Microsoft Dynamics 365 supporta:
• Backup e ripristino dei database di configurazione (MSCRM_CONFIG) e di più organizzazione
(nomeOrganizzazione
• L'applicazione Microsoft Dynamics 365 non deve essere offline durante il backup dei database.
• Durante il ripristino del database, l'applicazione viene automaticamente portata offline e dopo un
corretto ripristino, riportato di nuovo in linea.
VSS Writer di Microsoft Dynamics 365 non supporta:
• Backup e ripristino dei database di Microsoft SharePoint che sono integrati con Microsoft Dynamics
365.Per questi database, utilizzareSharePoint VSS Writer
• Backup e ripristino dei database di Microsoft SQL Server Reporting Services utilizzati per la
creazione dei report di Microsoft Dynamics 365.Per questi database, utilizzareSQL Server VSS
Writer

316
Passaggi necessari per utilizzare System Center Data
Protection Manager
Il comando seguente deve essere eseguito in DPM Management Shell nel computer in cui viene
eseguito System Center 2012 DPM in modo che Data Protection Manager possa riconoscere VSS
Writer Microsoft Dynamics 365.L'utente che deve eseguire il comando deve essere un membro del
gruppo di amministratori nel computer locale.
Set-DPMGlobalproperty -dpmservername DPM_SRVR_NAME -registeredwriters APPS_VSS_WRITER_ID
DPM_SRVR_NAME è il nome del computer in cui viene eseguito System Center 2012 DPM.
APPS_VSS_WRITER_ID rappresenta l'identificatore univoco del servizio VSS Writer di Microsoft
Dynamics 365 che è sempre74bf91e0-e0fa-4ba9-9258-48f4fd1d0445

Vedere anche
Protezione e ripristino dei dati di Microsoft Dynamics 365
Eseguire il backup del sistema Microsoft Dynamics 365
MSDN: Servizio Copia Shadow del volume
Data Protection Manager

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Eseguire il backup del sistema Microsoft


Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Per poter ripristinare il sistema da qualsiasi scenario, è necessario creare copie di backup di tutte le
informazioni richieste e archiviare tali copie in un'altra sede.È necessario creare un piano di backup e
provare a implementarlo per tutti i componenti e i servizi di Microsoft Dynamics 365 per essere certi che
in caso di errore di un disco o di altro tipo sarà possibile recuperare la massima quantità di dati.

In questo argomento
Riepilogo dei requisiti di backup
Selezione di un tipo e una tecnologia di backup
Backup di Windows Server
Backup di Active Directory
Backup di SQL Server, incluso Reporting Services
Eseguire il backup del server Microsoft Dynamics 365

Riepilogo dei requisiti di backup


I requisiti di backup variano a seconda dei server interessati.Nella tabella seguente è riportato un
riepilogo degli elementi di cui eseguire il backup per Microsoft Dynamics 365.

317
Server Elementi di cui eseguire il backup Commenti

Controller Stato dell'intero sistema Nessuna.


di dominio
SQL Server MSCRM_CONFIG Per i database di
OrganizationName_MSCRM OrganizationName_MSCRM
eReportServer
master
Per i database aggiornati
msdb
raramente, ad esempio
ReportServer msdb, è possibile
tempdbReportServer selezionare solo il backup
completo del database.
I backup dei database
master e msdb non sono
necessari per Microsoft
Dynamics 365, ma devono
essere comunque eseguiti
nell'ambito di una strategia
di backup globale.
SharePoint B