Sei sulla pagina 1di 93

Guida ai report di Dynamics 365

Versione: 8.2

Visualizza online la versione più recente di questo documento.

1
Contenuto
Guida ai report di Dynamics 365 ............................................................................................................... 1

Report e analisi con Dynamics 365 ........................................................................................................... 6


In questa sezione ................................................................................................................................... 7
Sezioni correlate ..................................................................................................................................... 7

Inizia a scrivere report ............................................................................................................................... 7


In questa sezione ................................................................................................................................... 9
Sezioni correlate ..................................................................................................................................... 9

Ambiente di scrittura report utilizzando SQL Server Data Tools ............................................................... 9


Strumenti necessari ................................................................................................................................ 9
Privilegi necessari ................................................................................................................................ 10
Processo di sviluppo del report ............................................................................................................ 10
Vedere anche ....................................................................................................................................... 11

Creare un nuovo report utilizzando SQL Server Data Tools ................................................................... 11


In questo argomento ............................................................................................................................ 12
Creare un report basato su Fetch personalizzato (Dynamics 365 (online) e Dynamics 365 locale) ... 12
Creare un report basato su SQL personalizzato (solo Dynamics 365 locale) ..................................... 13
Vedere anche ....................................................................................................................................... 14

Utilizzare i report di Microsoft Dynamics 365 .......................................................................................... 15


In questa sezione ................................................................................................................................. 15
Vedere anche ....................................................................................................................................... 15

Formattare il contenuto del report ........................................................................................................... 15


Utilizzare i valori di formattazione nei report ........................................................................................ 15
Valori di data e ora ............................................................................................................................... 16
Valori di numero ................................................................................................................................... 16
Valore della valuta di base ................................................................................................................... 16
Valuta delle transazioni ........................................................................................................................ 17
Vedere anche ....................................................................................................................................... 17

Aggiungere la navigazione del report ...................................................................................................... 17


Drill-through dinamico in Microsoft Dynamics 365 ............................................................................... 17
Vedere anche ....................................................................................................................................... 18

Suddividere in categorie e visualizzazione report in lingue diverse ........................................................ 18


Vedere anche ....................................................................................................................................... 19

Utilizzare i parametri nei report ................................................................................................................ 19


In questo argomento ............................................................................................................................ 20

2
Aggiunta parametri ............................................................................................................................... 20
Parametri nascosti ................................................................................................................................ 22
Vedere anche ....................................................................................................................................... 25

Utilizzare i report basati su SQL (solo Dynamics 365 locale) .................................................................. 25


In questa sezione ................................................................................................................................. 25
Vedere anche ....................................................................................................................................... 25

Modificare il report basato su SQL esistente utilizzando SQL Server Data Tools .................................. 25
In questo argomento ............................................................................................................................ 25
Utilizzo delle query SQL complesse..................................................................................................... 26
Modificare un file RDL .......................................................................................................................... 26
Aggiungere gli elementi utilizzando Progettazione report .................................................................... 26
Eseguire il test del report ...................................................................................................................... 27
Vedere anche ....................................................................................................................................... 27

Utilizzare SQL e le visualizzazioni filtrate per recuperare i dati per i report ............................................ 27
In questo argomento ............................................................................................................................ 28
Entità personalizzate e personalizzabili ............................................................................................... 28
Schemi di entità per la creazione di report basati su SQL personalizzati ............................................ 28
Convenzioni di denominazione nel database Microsoft Dynamics 365 ............................................... 28
In questa sezione ................................................................................................................................. 29
Vedere anche ....................................................................................................................................... 29

Visualizzazioni filtrate in Microsoft Dynamics 365 ................................................................................... 29


Vedere anche ....................................................................................................................................... 45

Testare e risolvere i problemi dei report .................................................................................................. 45


Testare un report .................................................................................................................................. 45
Suggerimenti per il test di un report ..................................................................................................... 46
Drill-through del report con esito negativo nel Visualizzatore report di Visual Studio.......................... 46
Vedere anche ....................................................................................................................................... 47

Pubblicare report ..................................................................................................................................... 47


Pubblicare un report in Microsoft Dynamics 365 tramite l'applicazione Web ...................................... 47
Determinare se il report verrà visualizzato ........................................................................................... 48
Definire un filtro predefinito per il report ............................................................................................... 48
Vedere anche ....................................................................................................................................... 48

Considerazioni e procedure consigliate relative ai report ........................................................................ 49


In questa sezione ................................................................................................................................. 49
Vedere anche ....................................................................................................................................... 49

Procedure consigliate per i report ............................................................................................................ 49


Procedure consigliate generali ............................................................................................................. 49

3
Report basati su SQL ........................................................................................................................... 51
Vedere anche ....................................................................................................................................... 51

Migliorare le prestazioni dei report .......................................................................................................... 51


Generale ............................................................................................................................................... 52
Report basati su SQL ........................................................................................................................... 52
Vedere anche ....................................................................................................................................... 52

Migliorare le prestazioni dei report utilizzando i filtri ................................................................................ 52


In questo argomento ............................................................................................................................ 53
Abilitare il filtro preliminare nei report basati su Fetch ......................................................................... 53
Abilitare il filtro preliminare dei dati nei report basati su SQL (solo Dynamics 365 locale) .................. 55
Passare i filtri nel riepilogo del filtro ...................................................................................................... 58
Filtri predefiniti ...................................................................................................................................... 58
Vedere anche ....................................................................................................................................... 58

Considerazioni sulla creazione dei report inMicrosoft Dynamics 365 (online) ........................................ 58
In questo argomento ............................................................................................................................ 59
Suggerimenti e soluzioni per la creazione di report ............................................................................. 59
Adapter Microsoft Dynamics 365 di terze parti per SSIS ..................................................................... 60
Strumenti ETL ...................................................................................................................................... 61
Vedere anche ....................................................................................................................................... 61

RDL sandboxing per Microsoft Dynamics 365 (online) ........................................................................... 61


In questo argomento ............................................................................................................................ 61
Limita la lunghezza del risultato della matrice e la lunghezza del risultato della stringa ..................... 61
Tipi consentiti e membri negati............................................................................................................. 62
Membri negati comuni .......................................................................................................................... 68
Vedere anche ....................................................................................................................................... 69

Report di esempio .................................................................................................................................... 69


Creare un report tramite un esempio ................................................................................................... 69
In questa sezione ................................................................................................................................. 70
Vedere anche ....................................................................................................................................... 70

Esempio: limitare il numero di elementi visualizzati in un grafico............................................................ 70


Esempio................................................................................................................................................ 70
Esempio................................................................................................................................................ 71
Vedere anche ....................................................................................................................................... 72

Esempio: visualizzare i primi X valori ...................................................................................................... 72


Esempio................................................................................................................................................ 72
Vedere anche ....................................................................................................................................... 73

Esempio: rendere un report sensibile il contesto .................................................................................... 73

4
Creare e configurare un report sensibile al contesto ........................................................................... 73
Vedere anche ....................................................................................................................................... 74

Copiare report tra le distribuzioni di Microsoft Dynamics 365 (locale) .................................................... 75


In questo argomento ............................................................................................................................ 75
Correggere il codice del tipo per un'entità personalizzata utilizzata in un report ................................. 75
Copiare un report tra le distribuzioni .................................................................................................... 76
Vedere anche ....................................................................................................................................... 77

Personalizzare i pacchetti di contenuto di Power BI Microsoft Dynamics 365 ........................................ 77


In questo argomento ............................................................................................................................ 78
Esegui questa operazione prima di personalizzare un pacchetto di contenuto di Dynamics 365 per i
report Power BI ................................................................................................................................. 78
Personalizzare un pacchetto di contenuto di Dynamics 365 ............................................................... 79
Aggiungere un campo personalizzato in un report per l'entità Account ............................................... 83
Aggiungere un campo di tipo set di opzioni a un report ....................................................................... 85
Aumentare il numero di righe da includere nella query ........................................................................ 91
Pubblicare il report nel servizio Power BI ............................................................................................. 92
Vedere anche ....................................................................................................................................... 92

Copyright.................................................................................................................................................. 92

5
Report e analisi con Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (online), Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016, Dynamics
CRM Online
Microsoft Dynamics 365 include report, dashboard e supporto per Power BI per Office 365 che fornisce
le informazioni aziendali utili e visualizzazioni all'utente.
Report impaginati
Microsoft Dynamics 365 include una Creazione guidata report che può essere utilizzata semplicemente
in pochi passi senza utilizzare le query XML o Basato su SQL.Per ulteriori informazioni sulla creazione
di report personalizzati tramite la Creazione guidata report, vediGuida e formazione di CRM: Creare,
modificare o copiare un report mediante la Creazione guidata report
Tuttavia, per creare report più complessi, è possibile creare report personalizzati da zero oppure
utilizzare un report Microsoft Dynamics 365 esistente come modello.Negli argomenti di questa guida
viene illustrato come creare nuovi report o modificare report esistenti quando si utilizza Microsoft Visual
Studio come strumento di scrittura dei report e Microsoft SQL Server Reporting Services come motore
del report.

Dashboard
Esistono due tipi di dashboard in Microsoft Dynamics 365, dashboard utente e dashboard di
sistema.Qualsiasi utente può creare un dashboard visibile solo per sé nella propria area di lavoro come
le Vendite, i Servizi o il Marketing.Un amministratore o un addetto alla personalizzazione crea o
personalizza i dashboard di sistema che, quando pubblicati, diventeranno visibili a tutti gli utenti
dell'organizzazione.Un utente può scegliere di impostare il proprio dashboard utente come dashboard
predefinito e sostituire il dashboard di sistema.Ulteriori informazioni:Utilizza, crea o personalizza i
dashboard
Power BI
Power BI è una piattaforma di Business Intelligence (BI) self service utilizzata per individuare,
analizzare, visualizzare i dati e condividere queste analisi con i colleghi.Power BI offre informazioni ai
lavoratori e agli utenti aziendali eccellenti analisi dei dati e funzionalità di visualizzazione per ottenere
migliori analisi aziendali.Ulteriori informazioni: L'argomento a cui si fa riferimento
http://technet.microsoft.com/library/dn708055(CRM.8).aspx è disponibile solo online.
Per interagire utilizza Power BI con Microsoft Dynamics 365:
• Carica un pacchetto di contenuti di Microsoft Dynamics 365 e inizia a utilizzare il servizio Power BI
per visualizzare informazioni dettagliate di Dynamics 365.
• Personalizza un pacchetto di contenuto di Microsoft Dynamics 365.Ulteriori
informazioni:Personalizzare i pacchetti di contenuto di Power BI Microsoft Dynamics 365
• Utilizza Power BI Desktop per modificare e personalizzare i report e le visualizzazioni.
• Incorpora una sezione Power BI in un dashboard personale di Dynamics 365.
• Utilizza Power BI e Microsoft Office Excel insieme.

Nota
Nella maggior parte dei casi le funzionalità del report sono uguali con Microsoft Dynamics 365 (online)
o Dynamics 365 (locale); tuttavia è importante considerare le differenze seguenti.

6
• I report basati su SQL possono essere utilizzati solo con Dynamics 365 (locale).Utilizzare i report
basati su SQL (solo Dynamics 365 locale)
• Le funzionalità Pianifica report nell'area Report di Microsoft Dynamics 365 consente agli utenti di
pianificare gli snapshot del report a determinati intervalli.Questa funzionalità è al momento
disponibile solo con Dynamics 365 (locale).Per ulteriori informazioni sui report di creazione e
modifica in Microsoft Dynamics 365, vediPersonalizzare e organizzare i report
• L'infrastruttura dei report in Microsoft Dynamics 365 (online) ha una RDL sandboxing
abilitata.Quindi, il codice personalizzato nelle definizioni dei report non funzionerà.RDL sandboxing
per Microsoft Dynamics 365 (online)

In questa sezione
Inizia a scrivere report
Utilizzare i report di Microsoft Dynamics 365
Utilizzare i report basati su SQL (solo Dynamics 365 locale)
Testare e risolvere i problemi dei report
Pubblicare report
Considerazioni e procedure consigliate relative ai report
Report di esempio
Copiare report tra le distribuzioni di Microsoft Dynamics 365 (locale)
Personalizzare i pacchetti di contenuto di Power BI Microsoft Dynamics 365

Sezioni correlate
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/hh699790(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/hh699776(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn531101(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/hh699700(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.
© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Inizia a scrivere report


Si applica a: Dynamics 365 (online), Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016, Dynamics
CRM Online
Microsoft Dynamics 365 utilizza i report RDL (Report Definition Language) di Microsoft SQL Server
Reporting Services per eseguire le query sui dati Dynamics 365 e restituire i risultati finali all'utente del
report.Per ulteriori informazioni su RDL, vediTechNet: Report Definition Language (SSRS)

7
Per creare o modificare i report RDL esistenti che possono essere utilizzati con Microsoft Dynamics
365, utilizzare FetchXML o T-SQL che viene quindi convertito in RDL tramite gli strumenti per la
creazione di report.Nella tabella seguente sono elencate le differenze tra i report basati su SQL e quelli
basati su Fetch in Microsoft Dynamics 365.

Area Report basati su SQL Report basato su Fetch

Versioni di Dynamics 365 (locale) Microsoft Dynamics 365 (online) e Dynamics


Microsoft 365 (locale)
Dynamics 365
supportate
Linguaggio di Utilizza Transact-SQL (T-SQL), un Utilizza FetchXML, un linguaggio Extensible
query di report set di estensioni di programmazione Markup Language (XML) progettato
che fornisce un controllo completo specificamente per le query Microsoft
delle transazioni tramite Structured Dynamics 365.Ulteriori informazioni:MSDN:
Query Language (SQL).Ulteriori Schema FetchXML
informazioni:TechNet: Guida di
riferimento a Transact-SQL (Motore
di database)
Richiede No Sì
Estensione per
la modifica dei
report?
Provider di dati Il valore dell'elemento .rdl nel Il valore dell'elemento .rdl nel
di file RDL file<DataProvider>SQLAd esempio: file<DataProvider>MSCRMFETCHAd esempio:
<DataProvider>SQL</DataProvider> <DataProvider>MSCRMFETCH</DataProvider>

Query di report La query specificata per il recupero La query specificata per il recupero dei dati si
di file RDL dei dati si trova nell'elemento trova nell'elemento
secondario<CommandText><Query>Ad secondario<CommandText><Query>Ad esempio,
esempio, la query per recuperare i la query per il recupero dei nomi di account
nomi di account per un report basato per un report basato su Fetch sarà:
su SQL sarà:
<CommandText>&lt;fetch version="1.0"
<CommandText>SELECT name FROM output-format="xml-platform"
FilteredAccount;</CommandText> mapping="logical"&gt; &lt;entity
name="account"&gt; &lt;attribute
name="name" /&gt;
&lt;/entity&gt;&lt;/fetch&gt;</CommandText>

Se lo desideri, puoi utilizzare uno strumento di terze parti, SQL2FetchXML, per convertire gli script SQL
in FetchXML, quindi utilizzare la query FetchXML nei report basati su Fetch.Ulteriori informazioni:Guida
di SQL2FetchXML

8
In questa sezione
In questa sezione sono riportate le informazioni necessarie per creare un nuovo report Microsoft
Dynamics 365.
Ambiente di scrittura report utilizzando SQL Server Data Tools
Creare un nuovo report utilizzando SQL Server Data Tools

Sezioni correlate
Report e analisi con Dynamics 365
Utilizzare i report basati su SQL (solo Dynamics 365 locale)
Pubblicare report
© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Ambiente di scrittura report utilizzando SQL


Server Data Tools
Si applica a: Dynamics 365 (online), Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016, Dynamics
CRM Online
In questo argomento vengono descritte le operazioni necessarie per la modifica dei report di Microsoft
Dynamics 365.Per Dynamics 365 (locale), in questo argomento si presuppone di avere già una
distribuzione funzionante di Server Microsoft Dynamics 365.Per informazioni sui requisiti di Dynamics
365 (locale) per la creazione di report, vedere L'argomento a cui si fa riferimento
http://technet.microsoft.com/library/hh699754(CRM.8).aspx è disponibile solo online.
È necessario disporre degli strumenti di sviluppo obbligatori e dei privilegi appropriati in Microsoft
Dynamics 365 per scrivere e pubblicare un report.Inoltre, è consigliabile avere conoscenze già
acquisite per:
• Microsoft Visual Studio.
• La creazione di report di Microsoft SQL Server Reporting Services utilizzando SQL Server Data
Tools (SSDT).
• Per scrivere i report basati su Fetch, il linguaggio Microsoft Dynamics 365FetchXML. Ulteriori
informazioni:MSDN: Creare query con FetchXML
• La scrittura di report basati su SQL, quindi della lingua Transact-SQL per Microsoft SQL Server.

Strumenti necessari
Di seguito vengono riportati gli strumenti necessari per la scrittura di un report personalizzato per
Microsoft Dynamics 365:
• .Microsoft SQL Server Reporting ServicesMicrosoft Dynamics 365 utilizza Microsoft SQL Server
Reporting Services come il motore del report.
• .Microsoft Visual StudioPer versioni specifiche, vedi L'argomento a cui si fa riferimento
http://technet.microsoft.com/library/hh699754(CRM.8).aspx è disponibile solo online.

9
• .SQL Server Data ToolsSi tratta di un ambiente di modifica dei report che viene utilizzato come
Microsoft Visual Studio del plug-in.
• Per Microsoft Visual Studio 2013: scarica e installaDownload: Microsoft SQL Server Data Tools
- Business Intelligence per Visual Studio 2013
• Per Microsoft Visual Studio 2012: è necessario scaricare e installareDownload: Microsoft SQL
Server Data Tools - Business Intelligence per Visual Studio 2012
• Per Microsoft Visual Studio 2010: è necessario selezionare e installare la funzionalità di SQL
Server Data Tools (SSDT) inclusa con Microsoft SQL Server 2012 o Microsoft SQL Server
2012 Express nel computer che esegue Microsoft Visual Studio 2010.Download: Microsoft SQL
Server 2012 Express
• .Estensione per la modifica dei report di Microsoft Dynamics 365Questa è un'operazione
necessaria se si stanno scrivendo i report basati su Fetch personalizzati.Microsoft Dynamics 365
(online) supporta solo i report basati su Fetch.Estensione per la modifica dei report di Microsoft
Dynamics 365 deve essere installata su un computer dove sono installati Microsoft Visual Studio e
SQL Server Data Tools.Download: Estensione per la modifica dei report CRM 2016Per le istruzioni
sull'installazione vedereInstallazione dell'estensione per la modifica dei report di Microsoft
Dynamics CRM

Nota
L'Estensione per la modifica dei report di Microsoft Dynamics 365 è disponibile solo nelle versioni a 32
bit.

Privilegi necessari
Per distribuire i report personalizzati in Microsoft Dynamics 365, è necessario disporre di un account
Microsoft Dynamics 365 e di un ruolo di sicurezza assegnato che include il privilegioPublishReportPer
impostazione predefinita, i ruoli di sicurezza dell'addetto alla personalizzazione del sistema e
dell'amministratore di sistema dispongono di tali privilegi.

Processo di sviluppo del report


Vengono di seguito elencati i passaggi per lo sviluppo di report personalizzati di Microsoft Dynamics
365.Può essere necessario ripetere alcuni passaggi mentre si sviluppa un report:
1. Sviluppare un concetto o una specifica di report in base alle informazioni aziendali da visualizzare.
2. Decidere il tipo di report che si desidera creare: basato su Fetch o basato su SQL.Gli
utentiMicrosoft Dynamics 365 (online) possono creare solo report basati su Fetch
personalizzati.Ulteriori informazioni:Report e analisi con Dynamics 365
3. Creare un report personalizzato oppure utilizzare un report esistente per la modifica utilizzando
SQL Server Data Tools in Microsoft Visual Studio.
• Creare un nuovo report (personalizzato).Ulteriori informazioni:Creare un nuovo report
utilizzando SQL Server Data Tools

10
• Scaricare un file Report Definition Language (RDL) di Microsoft Dynamics 365.È possibile
eseguire questa operazione nell'applicazione Web di Microsoft Dynamics 365.Per ulteriori
informazioni, vedereModificare un file RDL
In alternativa, per Dynamics 365 (locale), i report si trovano nella cartella C:\Program
Files\Microsoft Dynamics 365 Reporting Extensions\LangPacks\ <lcid>\Reports|MSCRM\ in cui
è installato Estensioni di report di Microsoft Dynamics 365.Ulteriori informazioni:Modificare il
report basato su SQL esistente utilizzando SQL Server Data Tools
4. Creare i parametri del report di base.Ulteriori informazioni:Utilizzare i parametri nei report
5. Specificare i set di dati e i criteri di filtro per recuperare i dati:
• Per i report basati su SQL, creare i set di dati che contengono i dati di Microsoft Dynamics 365
ottenuti dalle visualizzazioni filtrate.Ulteriori informazioni:Visualizzazioni filtrate in Microsoft
Dynamics 365
• Abilitare il filtro preliminare nelle entità primarie.Ulteriori informazioni:Migliorare le prestazioni
dei report utilizzando i filtri
6. Definire il layout di base del report, incluse le intestazioni e i piè di pagina.
7. Aggiungere gli elementi del report in base alla specifica del report.Ulteriori informazioni:Aggiungere
la navigazione del report
8. Visualizzare in anteprima il report in Microsoft Visual Studio e risolvere eventuali errori.Ulteriori
informazioni:Testare e risolvere i problemi dei report
9. Distribuire il report nel server di report tramite Microsoft Dynamics 365.Ulteriori
informazioni:Pubblicare report
10. Eseguire il report distribuito per verificare.

Vedere anche
Utilizzare SQL e le visualizzazioni filtrate per recuperare i dati per i report
Report e analisi con Dynamics 365
Creare un nuovo report utilizzando SQL Server Data Tools
Informazioni generali sui report personalizzati nel Cloud
Business Intelligence Development Studio
Progettazione report e Business Intelligence Development Studio

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Creare un nuovo report utilizzando SQL Server


Data Tools
Si applica a: Dynamics 365 (online), Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016, Dynamics
CRM Online
SQL Server Data Tools è un ambiente per la creazion di report che consente di creare o modificare i
report Microsoft SQL Server Reporting Services in Microsoft Visual Studio.Il risultato finale è un file .rdl

11
che contiene la definizione dei report che è possibile pubblicare in Microsoft Dynamics 365 per
visualizzare i report.
In alternativa, è possibile creare report con un comune editor di testo.Per ridurre il lavoro necessario
per creare un report personalizzato, modificare un file di definizione report esistente (.rdl) che offre la
maggior parte della funzionalità desiderata e modificarlo.Per ulteriori informazioni sul formato degli
elementi XML in un file .rdl, vedereRiferimento RDL (Report Definition Language)È possibile verificare il
report XML modificato utilizzando lo schema XML specificato.Reporting Services verificherà inoltre la
definizione report e rifiuterà un report se la definizione non è valida quando si tenta di caricare il report
in Microsoft Dynamics 365.

Nota
Se nel file .rdl è contenuta una query FetchXML, la query in RDL viene convalidata da Estensione per
la modifica dei report di Microsoft Dynamics 365 che convalida internamente lo schema FetchXML.Per
ulteriori informazioni, vediMSDN: Schema FetchXML

In questo argomento
Creare un report basato su Fetch personalizzato (Dynamics 365 (online) e Dynamics 365 locale)
Creare un report basato su SQL personalizzato (solo Dynamics 365 locale)

Creare un report basato su Fetch personalizzato


(Dynamics 365 (online) e Dynamics 365 locale)
Per creare un report personalizzato basato su Fetch:
1. Verificare che sia installata una versione supportata di Microsoft Visual Studio, SQL Server Data
Tools, Estensione per la modifica dei report di Microsoft Dynamics 365 e di disporre dei privilegi
necessari.Ulteriori informazioni:Ambiente di scrittura report utilizzando SQL Server Data Tools
2. Aprire Microsoft Visual Studio e creare un progetto server di report.
3. In Esplora soluzioni fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cartellaReportAggiungi nuovo
report
4. Fare clic suAvanti
5. Nella paginaSelezione origine datiNuova origine dati
• : Digitare un nome per l'origine dati.Nome
• : selezionareTipoMicrosoft Dynamics 365 Fetch
• : Specificare la stringa di connessione.Stringa di connessioneLa stringa di connessione deve
essere specificata nel formato seguente:

;URLServerNomeOrganizzazioneURLRealmHome

In questa stringa di connessione, soloURLServerSe non viene


specificatoNomeOrganizzazionecorrisponde all'URL dell'area di autenticazione principale del
provider di identità utilizzato dall'organizzazione e non è necessario se l'organizzazione utilizza

12
la federazione per la gestione delle identità.HomeRealmURLContattare l'amministratore di rete
per determinare l'URL dell'area di autenticazione principale.

Fare clic suCredenzialiAvanti


6. Nella paginaProgettazione queryQueryPer ottenere questa query, è possibile eseguire una delle
operazioni seguenti:
• Ottenere la query FetchXML da una query di ricerca avanzata.A tale scopo, aprire Microsoft
Dynamics 365, fare clic suRicerca avanzataRicerca avanzataScarica FetchXMLCopiare la
query FetchXML nella casellaQuery
• Immettere manualmente la query FetchXML.Nell'esempio seguente viene illustrato come
creare un report che visualizza tutti gli account da 5000 o più dipendenti.
<fetch version="1.0" output-format="xml-platform" mapping="logical" distinct="false">

<entity name="account">

<attribute name="name" />

<attribute name="numberofemployees" />

<attribute name="accountnumber" />

<order attribute="name" descending="false" />

<filter type="and">

<condition attribute="numberofemployees" operator="gt" value="5000" />

</filter>

</entity>

</fetch>
Ulteriori informazioni: MSDN: Creare query con FetchXML
Fare clic suAvanti
7. Verificare i campi che verranno inclusi nel report, quindi fare clic suAvanti
8. Selezionare uno stile da applicare al report, quindi fare clic suAvanti
9. Verificare i campi che verranno inclusi nel report e immettere un nome per il report, ad
esempioAccount con più di 5000 dipendentiFare clic suFine
10. Se si desidera vedere come il report verrà visualizzato quando viene eseguito, fare clic sulla
schedaAnteprima
Verrà generato un file .rdl con il nome del report specificato.È possibile utilizzare questo file per
pubblicare il report personalizzato in Microsoft Dynamics 365 (online) utilizzando la Creazione guidata
report.Ulteriori informazioni:Pubblicare report

Creare un report basato su SQL personalizzato (solo


Dynamics 365 locale)
Per creare un report Basato su SQL personalizzato utilizzando SQL Server Data Tools:

13
1. Verificare che sia installata una versione supportata di Microsoft Visual Studio, SQL Server Data
Tools e di disporre dei privilegi necessari.Ulteriori informazioni:Ambiente di scrittura report
utilizzando SQL Server Data Tools
2. Aprire Microsoft Visual Studio e creare un progetto server di report.
3. In Esplora soluzioni fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cartellaReportAggiungi nuovo
report
4. Fare clic suAvanti
5. Nella paginaSelezione origine datiNuova origine dati
• : Digitare un nome per l'origine dati.Nome
• : SelezionareTipoMicrosoft SQL Server
• : Specificare la stringa di connessione per la connessione a un'istanza di database di Microsoft
SQL Server.Stringa di connessionePer creare la stringa di connessione,
scegliereModificaorganizationNamePer fornire le credenziali, selezionareCredenzialiFare clic
suAvanti
6. Nella paginaProgettazione queryAvantiAd esempio, per creare un report che visualizza tutti gli
account con 5000 o più dipendenti, doveNomeOrg
Use OrgName_MSCRM Select Name, AccountNumber, NumberofEmployees from AccountBase
where NumberofEmployees > 5000 order by NumberofEmployees desc
In alternativa, è possibile progettare una query scegliendoGeneratore di query
7. Nella paginaSeleziona tipo di reportTabulareMatriceAvanti
8. Verificare i campi che verranno inclusi nel report, quindi fare clic suAvanti
9. Selezionare uno stile da applicare al report, quindi fare clic suAvanti
10. Verificare i campi che verranno inclusi nel report e immettere un nome per il report, ad
esempioAccount con più di 5000 dipendentiFare clic suFine
11. Se si desidera vedere come il report verrà visualizzato quando viene eseguito, fare clic sulla
schedaAnteprima
Verrà generato un file .rdl con il nome del report specificato.È possibile utilizzare il file .rdl per
pubblicare il report personalizzato in Microsoft Dynamics 365.Ulteriori informazioni:Pubblicare report
Per ulteriori informazioni su come creare un report tramite la Progettazione report, vedereCreare un
report tabella semplice (esercitazione su SSRS)

Vedere anche
Ambiente di scrittura report utilizzando SQL Server Data Tools
Modificare il report basato su SQL esistente utilizzando SQL Server Data Tools
Blog: Informazioni generali sui report personalizzati nel Cloud

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

14
Utilizzare i report di Microsoft Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (online), Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016, Dynamics
CRM Online
In questa sezione vengono descritte le diverse funzionalità disponibili per determinare come i report
vengono visualizzati in Microsoft Dynamics 365.

In questa sezione
Formattare il contenuto del report
Aggiungere la navigazione del report
Suddividere in categorie e visualizzazione report in lingue diverse
Utilizzare i parametri nei report

Vedere anche
Report e analisi con Dynamics 365
Utilizzare i report basati su SQL (solo Dynamics 365 locale)
Pubblicare report

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Formattare il contenuto del report


Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
È possibile ottenere i valori di formattazione dell'organizzazione Microsoft Dynamics 365 per la data,
l'ora, il numero e la valuta utilizzando la funzionefn_GetFormatStringsQuesta funzione restituisce
un'unica tabella dati della riga che contiene valori di formattazione.Per visualizzare il contenuto della
tabella restituita, eseguire la seguente query SQL nel server di database.
USE <organization>_MSCRM

SELECT * FROM dbo.fn_GetFormatStrings()

Utilizzare i valori di formattazione nei report


1. Creare un set di dati per includere i dati di formattazione.Per informazioni su come creare un set di
dati, vedereCreare un set di dati condiviso o un set di dati incorporato (Generatore report e SSRS)
a. Assegnare un nome al set di dati DSNumandCurrency o utilizzare un altro
nome.DSNumandCurrency è il nome del set di dati utilizzato nei report inclusi in Microsoft
Dynamics 365.
b. Utilizzare l'istruzione SQLSELECT

15
2. Fare riferimento al campo del formato, ad esempio la data e l'ora, il numero o la valuta (vedere di
seguito) del set di dati nella proprietàFormat

Nota
• Per la data, l'ora e la formattazione della valuta, impostare la proprietàLanguage"=First(Fields!
NumberLanguageCode.Value, "DSNumandCurrency")"

Valori di data e ora


Per la data e l'ora, viene impostata anche la proprietàCalendar"=First(Fields!CalendarType.Value,
"DSNumandCurrency")"

Stringa di formattazione Valore della proprietàFormat

Data =First(Fields!DateFormat.Value,
"DSNumandCurrency")

Ora =First(Fields!TimeFormat.Value,
"DSNumandCurrency")

Valori di numero
La funzionalitàfn_GetFormatStringsÈ possibile specificare la precisione inserendo un valore decimale
tra caratteri di sottolineatura nel nome campo.

Stringa di formattazione Valore della proprietà Formato dell'elemento di


report

Integer =First(Fields!NumberFormat_0_Precision.Value,
"DSNumandCurrency")

Decimali con precisione di 2 punti decimali =First(Fields!NumberFormat_2_Precision.Value,


"DSNumandCurrency")

Valore della valuta di base


La funzionalitàfn_GetFormatStringsÈ possibile specificare la precisione inserendo un valore decimale
tra caratteri di sottolineatura nel nome campo.

Stringa di formattazione Valore della proprietà Formato dell'elemento di report

Valuta di base con precisione di 2 punti decimali =First(Fields!CurrencyFormat_2_Precision.Value,


"DSNumandCurrency")

16
Valuta delle transazioni
Quando si crea un report in un'entità con le informazioni sulla valuta delle transazioni, è possibile
recuperare la stringa del formato valuta transazioni dalla colonna crm_moneyformatstring della
visualizzazione filtrata di un'entità.Dopo aver aggiunto una colonna al set di dati, è possibile fare
riferimento alla colonna nella proprietàFormatPer informazioni su come aggiungere colonne a un set di
dati, vedereMSDN: Aggiungere, modificare o eliminare un campo nel riquadro di dati del reportAd
esempio, per recuperare un'unità dei prezzi e le informazioni di formattazione sulla valuta della
transazione dalla visualizzazione filtrata dei dettagli offerta, utilizzare le seguenti istruzioniSELECT
SELECT priceperunit, crm_moneyformatstring FROM FilteredQuoteDetail
È possibile fare riferimento a una nuova colonna nelle proprietà diFormat
=Fields.crm_moneyformatstring.Value

Vedere anche
Utilizzare i report basati su SQL (solo Dynamics 365 locale)
Aggiungere la navigazione del report

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Aggiungere la navigazione del report


Si applica a: Dynamics 365 (online), Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016, Dynamics
CRM Online
La navigazione del report consente un'esperienza dinamica e interattiva dei report.L'utilizzo dei vari tipi
di azioni, consente agli utenti di navigare in report dettagliati, in record di Microsoft Dynamics 365, o in
altri siti Web.

Nota
Per ulteriori informazioni sulla navigazione dei report, vedereDrill-through, drill-down, sottoreport e aree
dati nidificate (Generatore report e SSRS)In questo argomento viene descritta la navigazione nei report
specifica per i report di Microsoft Dynamics 365.

Drill-through dinamico in Microsoft Dynamics 365


È possibile eseguire il drill-through di un report per spostarsi in un modulo Web Microsoft Dynamics
365.Un report drill-through è implementato nei passaggi seguenti:
1. Un elemento del valore o dell'immagine (ad esempio una casella di testo) viene inserito in un
report.Nella proprietàValue
2. Quando l'utente seleziona l'elemento di report, viene aperta una nuova finestra del browser tramite
l'URL costruito passato come indirizzo Web di destinazione.
3. In Microsoft Dynamics 365 tutte le informazioni vengono caricate per l'entità specificata in un
modulo Web visualizzato nella finestra del browser.

17
Per impostare un report drill-through in Microsoft Dynamics 365
1. Creare un parametro nascosto della stringa tipo nel report con il nome CRM_URL.Per ulteriori
informazioni sull'aggiunta di parametri, vedereUtilizzare i parametri nei reportQuando viene
eseguito il report, questo parametro viene automaticamente impostato sull'indirizzo Web di
Microsoft Dynamics 365.
2. Aggiungere un elemento di report, ad esempioCasella di testo
3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'elemento del report drill-through e
selezionareProprietà
4. Fare clic suAvanzate
5. Nella schedaNavigazionePassa a URL
= Parameters!CRM_URL.Value & "?ID={"& GUID &"}&LogicalName=entity logical name"
Per eseguire il drill-through l'entità GUID e il nome logico dell'entità devono essere aggiunti
all'URL.Ad esempio:
= Parameters!CRM_URL.Value &
"?ID={"&Fields!Opportunityid.Value.ToString()&"}&LogicalName=opportunity"

6. Fare clic suOK


In questo esempio di codice, il valore di un campo set di dati che contiene la GUID di un
oggettoOpportunityViene inoltre aggiunto un parametro che contiene il valore LogicalName per
un'entità Opportunità.
Anche la GUID di un record può essere ottenuta dalla visualizzazione filtrata appropriata, ad
esempio,FilteredOpportunity

Vedere anche
Report e analisi con Dynamics 365
Suddividere in categorie e visualizzazione report in lingue diverse

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Suddividere in categorie e visualizzazione


report in lingue diverse
Si applica a: Dynamics 365 (online), Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016, Dynamics
CRM Online
È possibile abilitare altre lingue in Microsoft Dynamics 365 abilitando i Language Pack.Ciò consente di
visualizzare il testo nell'interfaccia utente, nella guida e nei report in lingue diverse.Per ulteriori
informazioni su come abilitare i Language Pack, vedereAbilita linguePer Dynamics 365 (locale), è
necessario scaricare e installare i Language Pack prima di poterli abilitare.Ulteriori
informazioni:Installare e abilitare un Language Pack

18
Per suddividere in categorie i report per lingua, utilizzare l'attributoReport.LanguageCodeÈ possibile
impostare l'attributo su un ID delle impostazioni locali specifico (ad esempio 1033 per l'inglese degli
Stati Uniti) per rendere il report visibile agli utenti di tale lingua.Ad esempio, il report riepilogo account
inglese predefinito verrà visualizzato nella griglia dei report nell'interfaccia utente inglese, ma non
nell'interfaccia utente spagnola o tedesca nella stessa organizzazione.
È possibile inoltre impostare l'attributoReport.LanguageCodePer informazioni sui valori ID
impostazioni locali validi, vedereMSDN: Valori degli ID delle impostazioni locali di Microsoft
È possibile utilizzare le informazioni della lingua del report insieme alle informazioni contenuti nelle
entità report, nella categoria del report e nelle entità di visibilità report per determinare le aree e le
categorie in Microsoft Dynamics 365 in cui viene visualizzato il report nelle diverse lingue delle
interfacce utenti.

Nota
L'elementoLanguageContiene un'espressione che valuta un codice della lingua in base a quanto
definito nella IETF (Internet Engineering Task Force) RFC1766.Il codice della lingua viene utilizzato
principalmente per formattare i numeri, le date e le ore per una lingua specificata.Ulteriori
informazioni:Elemento lingua (Report) (RDL)

Vedere anche
Report e analisi con Dynamics 365
Utilizzare i parametri nei report

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Utilizzare i parametri nei report


Si applica a: Dynamics 365 (online), Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016, Dynamics
CRM Online
Vengono utilizzati i parametri nei report per controllare i dati recuperati tramite la richiesta da parte
dell'utente di un valore o di un set di valori quando l'utente esegue il report.La query del set di dati
recupera solo i dati necessari all'utente.È inoltre possibile aggiungere i parametri nascosti e speciali nei
report che non richiedano l'input da parte dell'utente, ma possono essere utilizzati per operazioni come
il filtro dei dati e il drill-through dinamico.

Nota
La lunghezza massima dei valori dei parametri passato da Microsoft Dynamics 365 è 2.000 caratteri.Ad
esempio, se si esegue un report e si creare un filtro di dati tramite l'interfaccia utente dellaRicerca
avanzataNon esiste un limite massimo nel numero dei parametri che è possibile specificare.Tuttavia, è
possibile limitare la lunghezza della stringa nella riga dell'URL e il numero di parametri per soddisfare i
requisiti di un browser specifico.

19
In questo argomento
Aggiunta parametri
Parametri nascosti

Aggiunta parametri
È possibile aggiungere parametri a un report per definire i singoli parametri di un report, passare le
informazioni tramite una query, o fornire l'accesso alle impostazioni utente, ad esempio i
parametriCRM_CurrencySymbolCRM_CurrencyPositivePattern
è un elemento nel file RDL utilizzato per descrivere un parametro singolo nel
report.<ReportParameter>In<QueryParameter>Il codice XML seguente viene estratto dal file RDL del
report Riepilogo account illustra come utilizzare i parametriQueryParameterReportParameter

<

ReportParameter

Name

="CRM_FilteredAccount"

>

<DataType>String</DataType>

<Nullable>true</Nullable>

<DefaultValue>

<Values>

<Value>select * from FilteredAccount</Value>

</Values>

</DefaultValue>

<AllowBlank>true</AllowBlank>

<Prompt>CRM_FilteredAccount</Prompt>

</ReportParameter>

<

Query

>

<rd:UseGenericDesigner>true</rd:UseGenericDesigner>

<CommandText>declare @sql as nVarchar(max)

set @sql = '

20
SELECT top 10 CAST(accountid as nvarchar(100)) as AccountID,

name, '''' as None

FROM (' + @FilteredAccount + ') as fa'

exec(@sql)

</CommandText>

<QueryParameters>

<QueryParameter Name="@FilteredAccount">

<Value>=Parameters!FilteredAccount.Value</Value>

</QueryParameter>

</QueryParameters>

<DataSourceName>CRM</DataSourceName>

</Query>

In questo esempio viene illustrato come utilizzare i parametriQueryParameterReportParameterFetch

<

ReportParameter

Name

="FilteredAccount"

>

<DataType>String</DataType>

<Prompt>Filtered Account</Prompt>

<DefaultValue>

<Values>

<Value>

<fetch version="1.0" output-format="xml-platform"


mapping="logical" distinct="false">

<entity name="account">

<all-attributes/>

</entity>

</fetch>

</Value>

</Values>

</DefaultValue>

21
</ReportParameter>

<

Query

>

<DataSourceName>DataSource1</DataSourceName>

<CommandText>

<fetch>

<entity name="account" enableprefiltering="true"


prefilterparametername="FilteredAccount">

<attribute name="accountid" />

<attribute name="name" />

</entity>

</fetch>

</CommandText>

<QueryParameters>

<QueryParameter Name="FilteredAccount">

<Value>=Parameters!FilteredAccount.Value</Value>

</QueryParameter>

</QueryParameters>

<rd:UseGenericDesigner>true</rd:UseGenericDesigner>

</Query>

Parametri nascosti
La progettazione report in Microsoft Visual Studio dispone di un supporto incorporato per i parametri
nascosti.È inoltre possibile nascondere i parametri aggiungendo un CRM_ prefix al nome dei parametri
in un report di Microsoft Dynamics 365.Per impostazione predefinita, i parametri con un CRM_ prefix
sono nascosti quando il report viene pubblicato tramite Microsoft Dynamics 365.Quando si esegue il
report, non viene richiesto di immettere i valori dei parametri per i parametri nascosti.

Parametri speciali
Nella tabella seguente sono indicati i parametri nascosti speciali che è possibile utilizzare nei report.
Parametro Descrizione

CRM_FilterText Contiene il valore del testo di filtro che un utente


del report crea in modo interattivo nel
Visualizzatore report quando l'utente esegue un

22
Parametro Descrizione
report.Il parametro si trova in una casella di testo
riepilogativa dei filtri disponibile nell'intestazione dl
report.Il valore iniziale è impostato sul filtro
predefinito.
CRM_URL Impostare l'URL dell'applicazione Web Microsoft
Dynamics 365.Utilizzare questo parametro quando
si esegue il drill-through in Microsoft Dynamics
365.
CRM_FilteredEntity Utilizzare in un'espressione query per abilitare il
filtro preliminare dei dati (inRicerca avanzata

È necessario creare i parametri in un report prima di poter fare riferimento a questo.I valori di questi
parametri speciali sono inseriti da Microsoft Dynamics 365 quando si esegue il report.

Parametri del formato aggiuntivi


Nella tabella seguente sono contenuti altri parametri che è possibile utilizzare nei report.Tra loro sono
presenti i parametri che consentono di accedere alle informazioni relative alle impostazioni del numero
utente.È possibile utilizzare questi valori per formattare e visualizzare i valori numerici.Questi parametri
sono simili ai valori specificati inClasse NumberFormatInfoUtilizzare questi parametri nei report
personalizzati per formattare i dati in base alle impostazioni utente.
Parametro Descrizione

CRM_FullName Il nome completo dell'utente al nome del quale si


sta eseguendo il report.
CRM_UserTimeZone Nome del fuso orario dell'utente, ad esempio, ora
solare Pacifico.
CRM_UILanguageId Impostazioni locali correnti (LCID) dell'utente.
CRM_YearStartWeekCode La prima settimana dell'anno utilizzata in Microsoft
Dynamics 365.
CRM_WeekStartDayCode Il primo giorno della settimana utilizzato in
Dynamics 365.
CRM_FiscalCalendarStart La data di inizio dell'anno fiscale utilizzata in
Dynamics 365.
CRM_FiscalPeriodType Specifica come viene diviso l'anno fiscale, in
trimestri, mesi, anni e così via.
CRM_FiscalYearDisplayCode Specifica la modalità di denominazione dell'anno
fiscale, ovvero in base alla data di inizio o alla data
di fine.
CRM_FiscalYearPeriodConnect Specifica come sono connessi l'anno fiscale e il
periodo fiscale quando vengono visualizzati
insieme.
CRM_FiscalYearFormat Specifica come verrà visualizzato il nome

23
Parametro Descrizione
dell'anno fiscale.
CRM_FiscalPeriodFormat Specifica come verrà visualizzato il nome del
periodo fiscale.
CRM_FiscalYearPrefixFormat Specifica se il prefisso è collegato all'anno fiscale
quando viene visualizzato.
CRM_FiscalYearSuffixFormat Specifica se il suffisso è collegato all'anno fiscale
quando viene visualizzato.
CRM_CurrencyDecimalPrecision La precisione decimale della valuta.
CRM_CurrencySymbol Il simbolo di valuta dell'organizzazione.
CRM_CurrencyPositivePattern Il modello del formato per i valori di valuta positivi.
CRM_CurrencyNegativePattern Il modello del formato per i valori di valuta negativi.
CRM_NumberDecimalDigits Il numero di posizioni decimali da utilizzare nei
valori numerici.
CRM_NumberDecimalSeperator La stringa utilizzata come separatore decimale nei
valori numerici.
CRM_NumberNegativePattern Il modello del formato per i valori numerici
negativi.
CRM_NumberGroupSizes Il numero di cifre in ogni gruppo a sinistra dei
decimali in valori numerici.
CRM_NumberGroupSeperator La stringa che separa i gruppi di cifre a sinistra dei
decimali in valori numerici.
CRM_DateSeperator La stringa che separa i componenti di una data, ad
esempio, anno, mese e giorno.
CRM_TimeSeperator La stringa che separa i componenti dell'ora, ad
esempio, ora, minuti e secondi.
CRM_AMDesignator La stringa che separa i componenti dell'ora, ad
esempio, ora, minuti e secondi
CRM_PMDesignator L'identificatore delle ore pomeridiane.
CRM_ShortDatePattern Il modello del formato per un valore di data breve
associato al modello del formato "d".
CRM_LongDatePattern Il modello del formato per un valore di data lungo
associato al modello del formato "D".
CRM_ShortTimePattern Il modello del formato per un valore di ora breve
associato al modello del formato "t".
CRM_MonthDayPattern Il modello del formato per i valori di giorno e di
mese associati ai modelli del formato "m" e "M".

24
Vedere anche
Report e analisi con Dynamics 365
Utilizzare i report basati su SQL (solo Dynamics 365 locale)
Pubblicare report

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Utilizzare i report basati su SQL (solo Dynamics


365 locale)
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Questa sezione contiene informazioni su come modificare i report che usano Transact-SQL.

In questa sezione
Modificare il report basato su SQL esistente utilizzando SQL Server Data Tools
Utilizzare SQL e le visualizzazioni filtrate per recuperare i dati per i report

Vedere anche
Inizia a scrivere report
Suddividere in categorie e visualizzazione report in lingue diverse

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Modificare il report basato su SQL esistente


utilizzando SQL Server Data Tools
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
In questa sezione vengono fornite informazioni sulla modifica del file RDL esistente che utilizza SQL
Server Data Tools.Verificare tuttavia che il file RDL modificato sia conforme allo schema e alle
specifiche RDL.Ulteriori informazioni:MSDN: Elementi XML di definizione report

In questo argomento
Utilizzo delle query SQL complesse
Modificare un file RDL
Aggiungere gli elementi utilizzando Progettazione report
Eseguire il test del report

25
Utilizzo delle query SQL complesse
Quando si crea o si modifica un report basato su SQL mediante la Creazione guidata report in SQL
Server Data Tools, è necessario immettere alcune query SQL complesse in Progettazione query
standard a causa delle limitazioni delle query SQL nel Generatore di query.Utilizzare il Generatore di
query per creare una query SQL semplice iniziale e quindi passare alla Progettazione query standard
per aggiungere una logica query più complessa.

Nota
Le query SQL nuove o esistenti possono contenere un massimo di 260 unioni tabella.La limitazione di
unione tabella include le proprie unioni tabella e tutti le unioni eseguite nelle visualizzazioni filtrate a cui
si fa riferimento.

Quando si aggiungono molte concatenazioni di stringa a una query SQL mediante la Progettazione
query o il Generatore di query , in SQL Server Data Tools è necessario più tempo per aggiornare gli
elementi di report collegati al set di dati della query.Ciò dà come risultato una produttività utente ridotta
quando si modifica un report.Per una migliore produttività di scrittura report, è possibile ignorare
l'aggiornamento dell'elemento del report modificando manualmente il codice per la query SQL nel file
RDL.

Modificare un file RDL

1. In Microsoft Dynamics 365, vai aVenditeReportsFai clic suModificaAzioniScarica report


2. Aprire SQL Server Data Tools e creare un progetto server di report.
3. In Esplora soluzioni fare clic con il pulsante destro del mouse sulla
cartellaReportAggiungiElemento esistenteNella finestra di dialogo del file selezionare il file RDL
scaricato nella fase precedente.
4. Per visualizzare il codice XML del file RDL, nel riquadro Esplora soluzioni fare clic con il pulsante
destro del mouse sul file RDL e quindi selezionaVisualizza codiceApportare le modifiche
necessarie e salvare il file.

Aggiungere gli elementi utilizzando Progettazione


report

1. Eseguire i passaggi da 1 a 3 come specificato inModificare un file RDL


2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul file RDL e quindi fare clic suProgettazione
visteL'elemento di report viene visualizzato nella schedaProgettazione

26
3. Utilizzare il riquadroDati report
4. Salvare le modifiche.In questo modo verrà aggiunto il codice XML obbligatorio per questi elementi
di report nel file RDL.

Eseguire il test del report


Al termine della modifica del file RDL, salvare le modifiche e passare alla scheda del
reportAnteprimaTutti gli errori relativi allo schema XML o gli errori SQL vengono segnalati in SQL
Server Data Tools.
Quando il report è pronto,Pubblicare report

Vedere anche
Report e analisi con Dynamics 365
Utilizzare SQL e le visualizzazioni filtrate per recuperare i dati per i report
Creare un nuovo report utilizzando SQL Server Data Tools

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Utilizzare SQL e le visualizzazioni filtrate per


recuperare i dati per i report
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
I dati e i metadati diMicrosoft Dynamics 365 vengono archiviati in un database Microsoft SQL Server
denominato<organization_name>I report Basato su SQL in Microsoft Dynamics 365 utilizzano
visualizzazioni filtrate fornite per ogni entità per recuperare i dati per i report.Le visualizzazioni filtrate
sono completamente compatibili con il modello di sicurezza di Microsoft Dynamics 365.Quando si
esegue un report che ottiene i dati dalle visualizzazioni filtrate, il ruolo di sicurezza di Microsoft
Dynamics 365 determina quali dati visualizzare nel report.I dati nelle visualizzazioni filtrate sono limitati
ai seguenti livelli: l'organizzazione, la business unit, il proprietario e il livello di campo.
Le visualizzazioni filtrate esistono per tutte le entità di Microsoft Dynamics 365, incluse le entità
personalizzate.Nei report Basato su SQL personalizzati non è possibile leggere i dati direttamente dalle
tabelle di database di Microsoft Dynamics 365.Invece, è necessario utilizzare le visualizzazioni filtrate
per recuperare i dati dai report Basato su SQL personalizzati.
La seguente query SQL restituisce tutte le colonne della visualizzazione filtrata per l'entitàAccount
SELECT * FROM dbo.FilteredAccount

Le visualizzazioni filtrate consentono inoltre di estrarre i dati di report di Microsoft Dynamics 365 nelle
applicazioni Microsoft Office, ad esempio Microsoft Office Excel e Microsoft Access.Per un elenco
completo di tutte le visualizzazioni filtrate standard organizzate per area di prodotto,
vedereVisualizzazioni filtrate in Microsoft Dynamics 365

27
In questo argomento
Entità personalizzate e personalizzabili
Schemi di entità per la creazione di report basati su SQL personalizzati
Convenzioni di denominazione nel database Microsoft Dynamics 365

Entità personalizzate e personalizzabili


Quando si crea una nuova entità personalizzata nel database di Microsoft Dynamics 365, viene creata
una nuova visualizzazione filtrata per l'entità.Inoltre, se si aggiunge o si modifica un attributo in un'entità
personalizzata o personalizzabile, la modifica viene inclusa automaticamente nella visualizzazione
filtrata associata.

Schemi di entità per la creazione di report basati su


SQL personalizzati
Per trovare informazioni di schema su qualsiasi visualizzazione filtrata, entità, o attributo nel database
di Microsoft Dynamics 365, utilizzare uno dei metodi seguenti:
• In Microsoft Visual Studio, utilizzareEsplora oggetti di SQL ServerEspandere il
nodoDatabase<organization_name>Le visualizzazioni filtrate, ad esempio FilteredContact, sono
accessibili nel nodoVisualizzazioniFare clic con il pulsante destro del mouse sulla visualizzazione
filtrata per visualizzare un menu di scelta rapida che consente di visualizzare la progettazione della
visualizzazione filtrata e dei dati che restituisce.
• Accedere all'applicazione Web di Microsoft Dynamics 365 utilizzando un account con il ruolo di
sicurezza amministratore di sistema.In Microsoft Dynamics 365
scegliereImpostazioniPersonalizzazioneSuccessivamente, sceglierePersonalizza il
sistemaEntità
• ScegliereCampiPer visualizzare le dipendenze degli attributi, selezionare un attributo,
scegliereAltre azioniMostra dipendenze
• ScegliereRelazioni 1:NRelazioni N:1Relazioni N:N
• Utilizzare Microsoft SQL Server Management Studio per visualizzare direttamente il contenuto del
database.
Tutti i metodi qui elencati consentono di accedere alle informazioni di schema per le entità e gli attributi
personalizzati o personalizzabili.

Convenzioni di denominazione nel database


Microsoft Dynamics 365
Di seguito vengono elencate le convenzioni di denominazione dell'attributo nel database Microsoft
Dynamics 365.

28
Attributi ottenuti mediante visualizzazioni filtrate
Sebbene i nomi dei campi in Microsoft Dynamics 365 siano sensibili al maiuscolo e minuscolo, i nomi
dell'attributo ottenuti tramite le visualizzazioni sono in minuscolo.

Attributi dell'elenco a discesa


Tutti gli elenchi a discesa (set di opzioni) hanno due campi associati per ogni tipo stringa
nell'elenco.Per ogni stringa, è disponibile un campo valore (codice) e un campo etichetta (nome), ad
esempioleadsourceleadsourcenameAd esempio, la visualizzazione filtrata per i lead restituisce due
campi correlati all'attributoLeadSourcePicklistNei report viene visualizzato il campo etichetta e
utilizzato il campo valore per i confronti numerici.

Attributi DateTime
Gli attributiDateTimeNel primo campo è contenuto il valore di data e ora del fuso orario appropriato e
nel secondo campo è contenuto il valore di data e ora in Coordinated Universal Time (UTC).

Campo di entità
Per una tabella di entità nel database, il campo di chiave primaria è nel formato
nomeEntityIdAccountIdOgni campoEntityIdAd esempio, per l'entità account, il campo èName

In questa sezione
Visualizzazioni filtrate in Microsoft Dynamics 365

Vedere anche
Utilizzare i report basati su SQL (solo Dynamics 365 locale)
Formattare il contenuto del report

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Visualizzazioni filtrate in Microsoft Dynamics


365
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
In questo argomento vengono elencate molte delle visualizzazioni filtrate disponibili in Dynamics 365
(locale).È possibile utilizzare le visualizzazioni filtrate per recuperare i dati in modo sicuro per i report
basati su SQL personalizzati e per mostrare i report a un utente in base al ruolo di sicurezza in
Microsoft Dynamics 365.

29
Nome schema entità Cod Nome visualizzazione report Descrizione
ice
tipo
entit
à

Account 1 FilteredAccount Azienda che rappresenta un


cliente o un potenziale
cliente.Società a cui viene
intestata la fattura nelle
transazioni aziendali.
AccountLeads 16 FilteredAccountLeads Rappresenta la tabella di
intersezione per
accountleads_associationrelatio
nship.
ActivityMimeAttachment 100 FilteredActivityMimeAttachment L'allegato MIME (Multipurpose
1 Internet Mail Extension) per un
impegno di posta elettronica.
ActivityParty 135 FilteredActivityParty Persona o gruppo associato a
un impegno.Un impegno può
avere più partecipanti.
ActivityPointer 420 FilteredActivityPointer Attività eseguita, o che deve
0 essere eseguita, da un
utente.Un impegno è una
qualsiasi azione per cui sia
possibile creare una voce di
calendario.
Questa visualizzazione esegue
il rollup di diversi impegni in una
visualizzazione.
Annotation 5 FilteredAnnotation Annotazione (nota) allegata a
uno o più oggetti, incluse altre
note.
AnnualFiscalCalendar 2.00 FilteredAnnualFiscalCalendar Calendario fiscale annuale
0 dell'organizzazione.Periodo di
tempo per il quale vengono
calcolate le attività finanziare di
un'organizzazione.
ApplicationFile 470 FilteredApplicationFile Solo per uso interno.
7
Appointment 420 FilteredAppointment Impegno che rappresenta un
1 intervallo di tempo di cui sono
indicati l'ora di inizio, quella di
fine e la durata.
AsyncOperation 470 FilteredAsyncOperation Processo la cui esecuzione può
0 proseguire in modo

30
Nome schema entità Cod Nome visualizzazione report Descrizione
ice
tipo
entit
à
indipendente o in background.
Attachment 100 FilteredAttachment Solo per uso interno.
2
BulkDeleteOperation 442 FilteredBulkDeleteOperation Processo dell'operazione di
4 eliminazione in blocco inviato
dall'utente.
BulkOperation 440 FilteredBulkOperation Operazione di sistema utilizzata
6 per eseguire operazioni lunghe
e asincrone su set di dati di
grandi dimensioni, ad esempio
per distribuire un'attività di una
campagna o di una mini-
campagna.
BulkOperationLog 440 FilteredBulkOperationLog Registro utilizzato per tenere
5 traccia dell'esecuzione delle
operazioni in blocco e delle
relative operazioni riuscite o non
riuscite.
BusinessUnit 10 FilteredBusinessUnit Azienda, divisione o reparto nel
database di Microsoft Dynamics
365.
BusinessUnitNewsArticle 132 FilteredBusinessUnitNewsArticle Annuncio associato a
un'organizzazione.
Calendar 400 FilteredCalendar Calendario utilizzato dal sistema
3 di pianificazione per definire la
data e l'ora di un appuntamento
o impegno.
CalendarRule 400 FilteredCalendarRule Solo per uso interno.
4
Campaign 440 FilteredCampaign Contenitore di attività e risposte
0 di una campagna,
documentazione di vendita,
prodotti ed elenchi utilizzati per
creare, pianificare ed eseguire
una specifica campagna di
marketing nonché per tenere
traccia dei risultati ottenuti nel
corso dell'intera campagna.
CampaignActivity 440 FilteredCampaignActivity Attività eseguita, o che deve
2 essere eseguita, da un utente
per la pianificazione o

31
Nome schema entità Cod Nome visualizzazione report Descrizione
ice
tipo
entit
à
esecuzione di una campagna.
CampaignActivityItem 440 FilteredCampaignActivityItem Rappresenta la tabella di
4 intersezione per le seguenti
relazioni:
• campaignactivitysalesliterat
ure_association
• campaignactivitylist_associ
ation
CampaignItem 440 FilteredCampaignItem Rappresenta la tabella di
3 intersezione per le seguenti
relazioni:
• campaignproduct_associati
on
• campaigncampaign_associ
ation
• campaignsalesliterature_as
sociation
• campaignlist_association
CampaignResponse 440 FilteredCampaignResponse Risposte a una campagna
1 ricevute da un cliente esistente
o da un potenziale nuovo
cliente.
Competitor 123 FilteredCompetitor Azienda concorrente in una
vendita rappresentata da
un'opportunità o da un lead.
CompetitorAddress 100 FilteredCompetitorAddress Solo per uso interno.
4
CompetitorProduct 100 FilteredCompetitorProduct Rappresenta la tabella di
6 intersezione per la relazione
competitorproduct_association.
CompetitorSalesLiterature 26 FilteredCompetitorSalesLiteratur Rappresenta la tabella di
e intersezione per
competitorsalesliterature_associ
ationrelationship.
Connection 323 FilteredConnection Relazione tra due entità.
4
ConnectionRole 323 FilteredConnectionRole Ruolo che descrive la relazione

32
Nome schema entità Cod Nome visualizzazione report Descrizione
ice
tipo
entit
à
1 tra due record.
ConnectionRoleAssociation 323 FilteredConnectionRoleAssociati Rappresenta la tabella di
2 on intersezione per la relazione
connectionroleassociation_asso
ciation.
ConstraintBasedGroup 400 FilteredConstraintBasedGroup Gruppo o insieme di persone,
7 attrezzature e/o strutture che è
possibile pianificare.
Contact 2 FilteredContact Persona con cui una Business
Unit si relaziona, ad esempio un
cliente, un fornitore o un
collega.
ContactInvoices 17 FilteredContactInvoices Rappresenta la tabella di
intersezione per la relazione
contactinvoices_association.
ContactLeads 22 FilteredContactLeads Rappresenta la tabella di
intersezione per
contactleads_associationrelatio
nship.
ContactOrders 19 FilteredContactOrders Rappresenta la tabella di
intersezione per
contactorders_associationrelatio
nship.
ContactQuotes 18 FilteredContactQuotes Rappresenta la tabella di
intersezione per
contactquotes_associationrelati
onship.
Contract 101 FilteredContract Contratto per la fornitura del
0 servizio clienti per uno specifico
periodo di tempo o numero di
casi.
ContractDetail 101 FilteredContractDetail Voce di un contratto che
1 specifica il tipo di servizio a cui
un cliente ha diritto.
ContractTemplate 201 FilteredContractTemplate Modello di contratto contenente
1 gli attributi standard di un
contratto.
CustomerAddress 107 FilteredCustomerAddress Indirizzo e informazioni sulla
1 spedizione.Utilizzato per
archiviare ulteriori indirizzi per

33
Nome schema entità Cod Nome visualizzazione report Descrizione
ice
tipo
entit
à
un account o un contatto.
CustomerOpportunityRole 450 FilteredCustomerOpportunityRol Relazione tra un account o
3 e contatto e
un'opportunità.Deprecato.
CustomerRelationship 450 FilteredCustomerRelationship Relazione tra un cliente e un
2 partner in cui entrambi possono
essere un account o un
contatto.Deprecato.
Discount 101 FilteredDiscount Riduzione sul prezzo di listino di
3 un prodotto o servizio basata
sulla quantità acquistata.
DiscountType 108 FilteredDiscountType Tipo di sconto specificato come
0 percentuale o importo.
DuplicateRule 441 FilteredDuplicateRule Regola utilizzata per il
4 rilevamento dei potenziali
duplicati.
Email 420 FilteredEmail Impegno recapitato tramite
2 protocolli e-mail.
Equipment 400 FilteredEquipment Risorsa che è possibile
0 pianificare.
Fax 420 FilteredFax Impegno che tiene traccia del
4 risultato della chiamata e del
numero di pagine per un fax.
Facoltativamente, può
memorizzare una copia
elettronica del documento.
FieldSecurityProfile 120 FilteredFieldSecurityProfile Profilo che definisce il livello di
0 accesso per gli attributi protetti.
FixedMonthlyFiscalCalenda 200 FilteredFixedMonthlyFiscalCalen Calendario fiscale mensile fisso
r 4 dar di un'organizzazione.Periodo di
tempo durante il quale vengono
calcolate le attività finanziarie di
un'organizzazione.
Goal 960 FilteredGoal Obiettivo target di un utente o
0 team per un periodo di tempo
specificato.
GoalRollupQuery 960 FilteredGoalRollupQuery Query utilizzata per filtrare i
2 risultati del rollup dell'obiettivo.
Import 441 FilteredImport Informazioni sullo stato e la

34
Nome schema entità Cod Nome visualizzazione report Descrizione
ice
tipo
entit
à
0 proprietà per un processo di
importazione.
ImportFile 441 FilteredImportFile Nome del file utilizzato per
2 l'importazione.
ImportLog 442 FilteredImportLog Motivo dell'errore e altre
3 informazioni dettagliate su un
record che non è stato possibile
importare.
ImportMap 441 FilteredImportMap Mapping dei dati utilizzato
1 nell'importazione.
Incident 112 FilteredIncident Caso per una richiesta di
servizio associato a un
contratto.
IncidentResolution 420 FilteredIncidentResolution Speciale tipo di impegno che
6 include la descrizione della
risoluzione, lo stato di
fatturazione e la durata del
caso.
IntegrationStatus 300 FilteredIntegrationStatus Solo per uso interno.
0
InternalAddress 100 FilteredInternalAddress Solo per uso interno.
3
Invoice 109 FilteredInvoice Ordine già fatturato.
0
InvoiceDetail 109 FilteredInvoiceDetail Voce di una fattura contenente
1 informazioni dettagliate sulla
fatturazione per un prodotto.
KbArticle 127 FilteredKbArticle Contenuto strutturato che fa
parte della soluzione della
Knowledge Base.
KbArticleComment 108 FilteredKbArticleComment Commento su un articolo della
2 Knowledge Base.
KbArticleTemplate 101 FilteredKbArticleTemplate Modello di articolo della
6 Knowledge Base che contiene
gli attributi standard di un
articolo.
Lead 4 FilteredLead Opportunità delle potenziali
vendite o di potenziali clienti.I
lead vengono convertiti in

35
Nome schema entità Cod Nome visualizzazione report Descrizione
ice
tipo
entit
à
account, in contatti, oppure in
un'opportunità periodi
qualificati.In caso contrario,
verranno eliminate o archiviati.
LeadAddress 101 FilteredLeadAddress Solo per uso interno.
7
LeadCompetitors 24 FilteredLeadCompetitors Rappresenta la tabella di
intersezione per
leadcompetitors_associationrela
tionship.
LeadProduct 27 FilteredLeadProduct Rappresenta la tabella di
intersezione per
leadproduct_associationrelation
ship.
Letter 420 FilteredLetter Impegno che tiene traccia del
7 recapito di una lettera.Può
contenere una copia elettronica
della lettera.
List 430 FilteredList Gruppo di clienti esistenti o
0 potenziali creato per una
campagna di marketing o altri
fini di vendita.
ListMember 430 FilteredListMember Rappresenta la tabella di
1 intersezione per le seguenti
relazioni:
• listaccount_association
• listcontact_association
• listlead_association
MailMergeTemplate 910 FilteredMailMergeTemplate Modello per un documento di
6 stampa unione contenente gli
attributi standard del
documento.
Metric 960 FilteredMetric Tipo di misura per un obiettivo,
3 ad esempio un numero o un
importo in denaro.
MonthlyFiscalCalendar 200 FilteredMonthlyFiscalCalendar Calendario fiscale mensile di
3 un'organizzazione.Periodo di
tempo per il quale vengono
calcolate le attività finanziare di
un'organizzazione.

36
Nome schema entità Cod Nome visualizzazione report Descrizione
ice
tipo
entit
à

Opportunity 3 FilteredOpportunity Evento potenzialmente in grado


di generare ricavi, o una vendita
a un account, di cui è
necessario tenere traccia fino al
completamento del processo di
vendita.
OpportunityClose 420 FilteredOpportunityClose Impegno creato
8 automaticamente alla chiusura
di un'opportunità. Include
informazioni quali la descrizione
della chiusura e i ricavi effettivi.
OpportunityCompetitors 25 FilteredOpportunityCompetitors Rappresenta la tabella di
intersezione per
opportunitycompetitors_associat
ionrelationship.
OpportunityProduct 108 FilteredOpportunityProduct Associazione tra un'opportunità
3 e un prodotto.
OrderClose 420 FilteredOrderClose Impegno generato
9 automaticamente alla chiusura
di un ordine.
Organization 101 FilteredOrganization Livello principale della gerarchia
9 aziendale di Microsoft Dynamics
365.L'organizzazione può
essere una specifica azienda,
società holding o
multinazionale.
In questa visualizzazione è
incluso il formato utilizzato in
Microsoft Dynamics 365 per la
valuta, il formato data e ora, il
formato numeri, la gestione di
numeri negativi, la precisione
decimale dei prezzi e il giorno
iniziale della settimana.Inoltre
definisce il periodo fiscale per
l'organizzazione.
PhoneCall 421 FilteredPhoneCall Impegno che consente di tenere
0 traccia di una telefonata.
PluginAssembly 460 FilteredPluginAssembly Assembly contenente uno o più
5 tipi di plug-in.
PluginType 460 FilteredPluginType Tipo che eredita

37
Nome schema entità Cod Nome visualizzazione report Descrizione
ice
tipo
entit
à
2 dall'interfacciaIPlugin
PluginTypeStatistic 460 FilteredPluginTypeStatistic Statistica per il tipo di plug-in.
3
PriceLevel 102 FilteredPriceLevel Entità che definisce i livelli dei
2 prezzi.
Privilege 102 FilteredPrivilege Autorizzazione all'esecuzione di
3 un'azione in Microsoft Dynamics
365.Microsoft Dynamics 365
verifica la presenza del
privilegio e, se l'utente non lo
possiede, rifiuta il tentativo.
ProcessSession 471 FilteredProcessSession Informazioni generate durante
0 l'esecuzione di
un'interazione.Per ogni
esecuzione di un'interazione,
viene creata una sessione di
interazione.
Product 102 FilteredProduct Informazioni sui prodotti e i
4 relativi prezzi.
ProductAssociation 102 FilteredProductAssociation Rappresenta la tabella di
5 intersezione per
productassociation_associationr
elationship.
ProductPriceLevel 102 FilteredProductPriceLevel Informazioni sulla definizione
6 del prezzo di un prodotto nel
listino prezzi specificato, inclusi
il metodo di determinazione dei
prezzi, l'opzione di
arrotondamento e il tipo di
sconto, in base a un'unità di
prodotto specificata.
ProductSalesLiterature 21 FilteredProductSalesLiterature Rappresenta la tabella di
intersezione per
productsalesliterature_associati
onrelationship.
ProductSubstitute 102 FilteredProductSubstitute Rappresenta la tabella di
8 intersezione per
productsubstitute_associationrel
ationship.
Publisher 710 FilteredPublisher Autore di una soluzione

38
Nome schema entità Cod Nome visualizzazione report Descrizione
ice
tipo
entit
à
1 Microsoft Dynamics 365.
PublisherAddress 710 FilteredPublisherAddress Indirizzo e informazioni sulla
2 spedizione.Utilizzato per
archiviare gli indirizzi aggiuntivi
di un autore.
QuarterlyFiscalCalendar 200 FilteredQuarterlyFiscalCalendar Calendario fiscale trimestrale di
2 un'organizzazione.Periodo di
tempo per il quale vengono
calcolate le attività finanziare di
un'organizzazione.
Queue 202 FilteredQueue Elenco di record per cui è
0 necessaria un'azione, ad
esempio account, casi e attività.
QueueItem 202 FilteredQueueItem Elemento specifico di una coda,
9 ad esempio il record di un caso
o di un impegno.
Quote 108 FilteredQuote Offerta formale di prodotti e/o
4 servizi, proposti con prezzi
specifici e condizioni di
pagamento correlate, inviata a
un potenziale cliente.
QuoteClose 421 FilteredQuoteClose Impegno generato alla chiusura
1 di un'offerta.
QuoteDetail 108 FilteredQuoteDetail Voce di un'offerta relativa a un
5 prodotto.I dettagli includono
informazioni su un prodotto
quali ID, descrizione, quantità e
costo.
RecurringAppointmentMast 425 FilteredRecurringAppointmentM Appuntamento master di una
er 1 aster serie di appuntamenti ricorrenti.
RelationshipRole 450 FilteredRelationshipRole Relazione tra un account o
0 contatto e
un'opportunità.Deprecato.
RelationshipRoleMap 450 FilteredRelationshipRoleMap Mapping degli oggetti primari
1 associati tra cui il ruolo
relazione è valido.Deprecato.
Report 910 FilteredReport Riepilogo dei dati in un layout di
0 semplice lettura.
ReportCategory 910 FilteredReportCategory Categorie correlate a un
report.Un report può essere

39
Nome schema entità Cod Nome visualizzazione report Descrizione
ice
tipo
entit
à
2 correlato a più categorie.
ReportEntity 910 FilteredReportEntity Entità correlate a un report.Un
1 report può essere correlato a
più entità.
ReportLink 910 FilteredReportLink Collegamenti e dipendenze tra
4 report.È possibile eseguire il
drill-through da un report a un
altro report oppure includere un
report in un altro come
sottoreport.
ReportVisibility 910 FilteredReportVisibility Area in cui visualizzare un
3 report.È possibile visualizzare
un report in più aree.
Resource 400 FilteredResource Utenti, struttura o attrezzature
2 pianificabili per un servizio.
ResourceGroup 400 FilteredResourceGroup Team o gruppo di risorse i cui
5 membri possono essere
pianificati per un servizio.
ResourceSpec 400 FilteredResourceSpec Regola di selezione che
6 consente al motore di
pianificazione di selezionare un
numero di risorse specifico da
un pool di risorse.Le regole
possono essere associate a un
servizio.
RibbonCommand 111 FilteredRibbonCommand Solo per uso interno.
6
RibbonContextGroup 111 FilteredRibbonContextGroup Solo per uso interno.
5
RibbonDiff 113 FilteredRibbonDiff Solo per uso interno.
0
RibbonRule 111 FilteredRibbonRule Solo per uso interno.
7
RibbonTabToCommandMa 111 FilteredRibbonTabToCommand Solo per uso interno.
p 3 Map
Role 103 FilteredRole Gruppo di privilegi di
6 sicurezza.Agli utenti vengono
assegnati ruoli che li
autorizzano ad accedere a

40
Nome schema entità Cod Nome visualizzazione report Descrizione
ice
tipo
entit
à
Microsoft Dynamics 365.
RollupField 960 FilteredRollupFieldItem Campi di cui eseguire il rollup
4 per calcolare i valori effettivi e
correnti rispetto all'obiettivo.
SalesLiterature 103 FilteredSalesLiterature Entità in cui viene memorizzata
8 la documentazione di vendita,
che può contenere uno o più
documenti.
SalesLiteratureItem 107 FilteredSalesLiteratureItem Elemento dell'insieme della
0 documentazione di vendita.
SalesOrder 108 FilteredSalesOrder Offerta che è stata accettata.
8
SalesOrderDetail 108 FilteredSalesOrderDetail Voce in un ordine di vendita.
9
SalesProcessInstance 32 FilteredSalesProcessInstance Solo per uso interno.
SavedQuery 103 FilteredSavedQuery Query sul database salvata.
9
SdkMessage 460 FilteredSdkMessage Messaggio supportato da
6 Microsoft Dynamics 365 SDK.
SdkMessageFilter 460 FilteredSdkMessageFilter Filtro che definisce quali
7 messaggi Microsoft Dynamics
365 SDK sono validi per ogni
tipo di entità.
SdkMessagePair 461 FilteredSdkMessagePair Solo per uso interno.
3
SdkMessageProcessingSte 460 FilteredSdkMessageProcessing Fase della pipeline di
p 8 Step esecuzione che deve essere
eseguita da un plug-in.
SdkMessageProcessingSte 461 FilteredSdkMessageProcessing Solo per uso interno.
pImage 5 StepImages
SdkMessageProcessingSte 461 FilteredSdkMessageProcessing Solo per uso interno.
pSecureConfig 6 StepSecureConfig
SdkMessageRequest 460 FilteredSdkMessageRequest Solo per uso interno.
9
SdkMessageRequestField 461 FilteredSdkMessageRequestFiel Solo per uso interno.
4 d
SdkMessageResponse 461 FilteredSdkMessageResponse Solo per uso interno.

41
Nome schema entità Cod Nome visualizzazione report Descrizione
ice
tipo
entit
à
0
SdkMessageResponseFiel 461 FilteredSdkMessageResponseFi Solo per uso interno.
d 1 eld
SemiAnnualFiscalCalendar 200 FilteredSemiAnnualFiscalCalend Calendario che rappresenta il
1 ar semestre per cui sono calcolate
le attività finanziarie di
un'organizzazione.
Service 400 FilteredService Attività che rappresenta il lavoro
1 svolto per soddisfare le
esigenze di un cliente.
ServiceAppointment 421 FilteredServiceAppointment Attività offerta
4 dall'organizzazione per
soddisfare le esigenze del
cliente.Ogni impegno di tipo
servizio include data, ora,
durata e risorse necessarie.
ServiceContractContacts 20 FilteredServiceContractContacts Rappresenta la tabella di
intersezione per
servicecontractcontacts_associ
ationrelationship.
ServiceEndpoint 461 FilteredServiceEndpoint Endpoint del servizio che è
8 possibile contattare.
SharePointDocumentLocati 950 FilteredSharePointDocumentLoc Raccolte documenti e cartelle in
on 8 ation un computer che esegue
SharePoint Server da dove è
possibile gestire i documenti in
Microsoft Dynamics 365.
SharePointSite 950 FilteredSharePointSite Sito di SharePoint Server da cui
2 è possibile gestire documenti in
Microsoft Dynamics 365.
Site 400 FilteredSite Località o filiale in cui si svolge
9 l'attività
dell'organizzazione.Un'organizz
azione può avere più siti.
Solution 710 FilteredSolution Soluzione contenente
0 personalizzazioni di Microsoft
Dynamics 365.
SolutionComponent 710 FilteredSolutionComponent Componente di una soluzione
3 Microsoft Dynamics 365.

42
Nome schema entità Cod Nome visualizzazione report Descrizione
ice
tipo
entit
à

StatusMap 107 FilteredStatusMap Contiene i valori di motivo stato


5 validi e motivo stato
predefinito.Solo alcuni motivi
stato validi per ogni valore di
stato.
StringMap 104 FilteredStringMap Contiene valori numerici validi
3 per gli elementi di un elenco a
discesa, regioni etichette
equivalenti per i valori e
nell'ordine di visualizzazione di
elementi nell'elenco.
Subject 129 FilteredSubject Informazioni sugli argomenti
disponibili in Microsoft
Dynamics 365.
SystemForm 103 FilteredSystemForm Personalizzazioni di entità
0 appartenenti all'organizzazione,
inclusi dashboard e layout di
moduli.
SystemUser 8 FilteredSystemUser Persona con accesso a
Microsoft Dynamics 365 e chi
può essere proprietario dei
record.
SystemUserProfiles 120 FilteredSystemUserProfiles Rappresenta la tabella di
2 intersezione per
systemuserprofiles_associationr
elationship.
SystemUserRoles 15 FilteredSystemUserRoles Rappresenta la tabella di
intersezione per
systemuserroles_associationrel
ationship.
Task 421 FilteredTask Impegno generico che
2 rappresenta un lavoro da
svolgere.
Team 9 FilteredTeam Insieme di utenti del sistema
che collaborano abitualmente.I
team possono essere utilizzati
per semplificare la condivisione
dei record e fornire ai membri
autorizzazioni di accesso
comuni ai dati
dell'organizzazione, nel caso in
cui appartengano a Business

43
Nome schema entità Cod Nome visualizzazione report Descrizione
ice
tipo
entit
à
Unit diverse.
TeamMembership 23 FilteredTeamMembership Rappresenta la tabella di
intersezione per
teammembership_associationre
lationship.
TeamProfiles 120 FilteredTeamProfiles Rappresenta la tabella di
3 intersezione per
teamprofiles_associationrelation
ship.
TeamRoles 40 FilteredTeamRoles Rappresenta la tabella di
intersezione per
teamroles_associationrelationsh
ip.
Template 201 FilteredTemplate Modello di messaggio
0 contenente gli attributi standard
di un messaggio e-mail.
Territory 201 FilteredTerritory Le aree rappresentano le zone
3 di vendita.
TransactionCurrency 910 FilteredTransactionCurrency Valuta utilizzata per eseguire
5 una transazione finanziaria.
UnresolvedAddress 201 FilteredUnresolvedAddress Solo per uso interno.
2
UoM 105 FilteredUoM Unità di misura.
5
UoMSchedule 105 FilteredUoMSchedule Gruppo di unità.
6
UserFiscalCalendar 108 FilteredUserFiscalCalendar Calendario fiscale
6 personalizzato utilizzato per
tenere traccia degli obiettivi di
vendita.
UserQuery 423 FilteredUserQuery Query su database salvata
0 appartenente a un utente.
UserSettings 150 FilteredUserSettings Impostazioni preferite
dell'utente.
WebResource 933 FilteredWebResource Dati equivalenti ai file utilizzati
3 nello sviluppo Web.Le risorse
Web forniscono i componenti
lato client utilizzati per generare
gli elementi di interfaccia utente

44
Nome schema entità Cod Nome visualizzazione report Descrizione
ice
tipo
entit
à
personalizzati.
Workflow 470 FilteredWorkflow Set di regole logiche che
3 definiscono i passaggi
necessari per automatizzare un
processo aziendale, un'attività o
un set di azioni da eseguire.
WorkflowDependency 470 FilteredWorkflowDependency Dipendenze per un
4 processo.Deprecato.
WorkflowLog 470 FilteredWorkflowLog Registro utilizzato per tenere
6 traccia dell'esecuzione del
processo.

Vedere anche
Report e analisi con Dynamics 365
Utilizzare SQL e le visualizzazioni filtrate per recuperare i dati per i report

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Testare e risolvere i problemi dei report


Si applica a: Dynamics 365 (online), Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016, Dynamics
CRM Online
Dopo aver creato un report, testarlo per verificare se produce i risultati desiderati.

Testare un report

1. Testare il report in Microsoft Visual Studio nella schedaAnteprima


2. Se vengono segnalati errore, correggere la causa degli errori ed eseguire il test di nuovo.
3. Quando il report viene eseguito correttamente, pubblicare il report nel server di report.A tale scopo,
in Microsoft Dynamics 365, vai aVenditeReportFare clic suNuovo
4. Eseguire il report pubblicato da Microsoft Dynamics 365 per verificare il funzionamento del report.

45
Suggerimenti per il test di un report
Nel seguente elenco dei suggerimenti viene fornito come guida per testare i report:
• : Verificare che i report accedano ai dati di Microsoft Dynamics 365 tramite le visualizzazioni filtrate
per seguire le restrizioni di sicurezza di Dynamics 365.Solo report basati su SQL
• : Verificare il numero di unioni tabella SQL.Solo report basati su SQLI report potrebbero non
funzionare se sono presenti troppe unioni tabella.Dopo aver caricato il report, aprire la sezione di
filtro preliminare del report e aggiungere alcune entità correlate, ad esempio, account con
opportunità associate.Eseguire il report con le entità correlate.Se si verifica un numero massimo di
errori di unioni SQL, è consigliabile semplificate il report o rimuovere alcune entità filtrabiliRicerca
avanzata
• Verificare di aver specificato i filtri dei report per le entità corrette.Dopo aver caricato il report,
aprirlo e controllare se le entità designate per il filtroRicerca avanzata
• Se il report esegue la query di un'entità personalizzata, accertarsi che tale entità possa essere
filtrata in modo corretto.e che la restituzione dei dati da parte del report in base ai ruoli utente con
la sicurezza a livello utente nelle entità, ruoli di sicurezza personalizzati e altri ruoli.
• Alcuni report sono sensibili al contesto e possono essere eseguiti sui record selezionati in un
elenco.Per i tipi di report, verificare che il report possa essere eseguito nelle visualizzazioni di
sistema, nelle visualizzazioni di sistema personalizzate e nei record selezionati.
• Verificare di poter acquisire snapshot di report tramite la pianificazione guidata nell'applicazione
Web Dynamics 365.
• Verificare di poter salvare il report come file PDF.I report stampano spesso meglio con la
formattazione PDF.
• Verificare che i sottoreport dettagliati siano nascosti quando si pubblica un report, in modo da non
essere eseguiti direttamente dagli utenti.

Drill-through del report con esito negativo nel


Visualizzatore report di Visual Studio
Alcuni parametri nei report che sono generati dalla Creazione guidata report sono contrassegnati
internamente (sola lettura).Di conseguenza, quando si caricano i report in Visual Studio e si prova a
eseguire il drill-through, nel visualizzatore report di Visual Studio non vengono visualizzati i report.Per
risolvere questo problema, utilizzare la Progettazione report di Visual Studio per modificare i parametri
da interno a nascosto.Deselezionare la casella di controlloInternoNascosto
• CRM_Drillthrough
• CRM_DrillthroughFilterBy
• CRM_FilterText
• CRM_URL
I parametri con prefissoCRM_FilteredCRM_FilteredAccountCRM_FilteredContact

Nota

46
Il report potrebbe non contenere tutti i parametri elencati di seguito.

Vedere anche
Report e analisi con Dynamics 365
Pubblicare report
Utilizzare i parametri nei report
Creare un nuovo report utilizzando SQL Server Data Tools

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Pubblicare report
Si applica a: Dynamics 365 (online), Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016, Dynamics
CRM Online
Per rendere disponibili i report degli utenti, pubblicare i report in Microsoft Dynamics 365.

Pubblicare un report in Microsoft Dynamics 365


tramite l'applicazione Web

1. Creare un nuovo report o modificare un report tramite SQL Server Data Tools.Ulteriori
informazioni:Creare un nuovo report utilizzando SQL Server Data Tools
2. Accedere a Microsoft Dynamics 365 e passare aVenditeReport
3. Nella barra dei comandi, fai clic suNuovo
4. Nella finestra di dialogoReport:Nuovo reportTipo di reportFile esistenteSfogliaPercorso file
5. Specificare i dati appropriati nella sezioneDettagliReport:Nuovo report
6. Fare clic suSalva e chiudi
È possibile testare il report selezionandolo nell'elenco Report disponibili.Per aggiungere il report
agli elenchi sensibili al contesto e ai moduli in Microsoft Dynamics 365 seguire le operazioni
inDeterminare se il report verrà visualizzato

Suggerimento
Per aggiornare il report o per aggiornare le informazioni visualizzate in Microsoft Dynamics 365, ad
esempio la descrizione, nell'elenco dei Report disponibili selezionare il report e quindi fare clic
suModifica

47
Determinare se il report verrà visualizzato

1. Nella vista dei report, selezionane uno e nella barra dei comandi fai clic suModifica
2. Nella finestra di dialogoReportCategorizzazione
• : consente di suddividere in categorie il report in base allo scopo desiderato.CategorieAd
esempio, un report delle vendite può essere incluso in elenchi sensibili al contesto e in moduli
nell'area vendite di Microsoft Dynamics 365.
• : consente di associare il report a entità specifiche, ad esempio account o contatti.Tipi di
record correlati
• : consente al report di essere visualizzato nei moduli e negli elenchi sensibili al
contesto.Visualizza inÈ possibile limitare la visualizzazione del report.Se si intende pubblicare
un report nascosto, deselezionare la casella di controlloVisualizza in
3. Fare clic suSalva e chiudi
Per impostazione predefinita, un report viene caricato come report di proprietà dell'utente.Per rendere il
report visibile all'intera organizzazione, è possibile eseguire una delle seguenti operazioni quando si
modifica un report:
• Nella finestra di dialogoReportAmministrazioneVisualizzabile daSingolo
• Nella finestra di dialogoReportAzioniPubblica report per utilizzo esterno

Definire un filtro predefinito per il report


È possibile definire un filtro predefinito per un report in modo da utilizzare i criteri di filtro ogni volta che
il report viene eseguito.
1. Selezionare un report nella griglia dei report e dal menu Altre azioni (...)selezionareModifica filtro
predefinito
2. Nella finestra di dialogoVisualizzatore reportSalva filtro predefinito

Vedere anche
Report e analisi con Dynamics 365
Considerazioni e procedure consigliate relative ai report

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

48
Considerazioni e procedure consigliate relative
ai report
Si applica a: Dynamics 365 (online), Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016, Dynamics
CRM Online
Verificare che i report vengano eseguiti in modo affidabile ed efficiente attenendosi alle procedure
consigliate e alle considerazioni descritte in questo argomento.

In questa sezione
Procedure consigliate per i report
Migliorare le prestazioni dei report
Migliorare le prestazioni dei report utilizzando i filtri
Considerazioni sulla creazione dei report inMicrosoft Dynamics 365 (online)
RDL sandboxing per Microsoft Dynamics 365 (online)

Vedere anche
Pubblicare report
Report di esempio

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Procedure consigliate per i report


Si applica a: Dynamics 365 (online), Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016, Dynamics
CRM Online
Le seguenti procedure consigliate consentono di creare report che sono più semplici da scrivere, che
soddisfano gli standard stabiliti e vengono eseguiti con maggiore efficienza.

Procedure consigliate generali


In questa sezione vengono illustrate le procedure consigliate per creare report personalizzati basati su
Fetch e su Basato su SQL.

Utilizzare un report esistente per creare report personalizzati


Verificare se esiste un report in Microsoft Dynamics 365 simile alla progettazione che si sta
cercando.Scaricare la definizione per quel report, quindi modificare il file RDL anziché creare uno
completamente nuovo.In questo modo, risparmierete tempo di sviluppo e ridurrete gli errori di scrittura
dei report.

49
Utilizzare i formati di Microsoft Dynamics 365 per la valuta, i numeri,
la data e ora e il calendario.
La vistaFilteredUserSettingsMicrosoft Dynamics 365 svolge la funzione
databasefn_GetFormatStringsFilteredUserSettings
Utilizzare queste risorse per formattare in modo corretto i valori dei dati nei report.

Impostare le dimensioni della pagina


In Reporting Services non viene fornito un orientamento esplicito della pagina, ad esempio verticale e
orizzontale, o preimpostate le dimensioni della pagina.I report di Microsoft Dynamics 365 standard sono
stati progettati per dimensioni di pagina 8,25 x 11 (orientamento verticale) o 11 x 8,25 (orientamento
orizzontale) che vanno bene sia per il formato lettera USA che A4.

Eseguire il backup dei report


Eseguire copie di backup dei report e archiviarli in un computer diverso dal server di report.

Definire il troncamento se necessario


La disposizione testo è il comportamento predefinito per un report della casella di testo in Reporting
Services.Questo significa che, a meno che non indicato diversamente, tutto il testo verrà disposto con
la larghezza definita di qualsiasi area di testo e quindi si svilupperà verticalmente.Se il troncamento
viene specificato, una casella di testo troncherà il testo alla larghezza della casella di testo all'interno
del riempimento specificato (quello predefinito è 2 pt destro e sinistro).Il troncamento lunghezza
massimo oltre a quello indicato richiede la codifica personalizzata.
I report di Microsoft Dynamics 365 predefiniti sono impostati con queste descrizioni comandi per
visualizzare il testo o i valori statici dai campi dati quando l'utente passa il puntatore del mouse
sull'elemento di report.Se si utilizza il troncamento, prendere in considerazione la possibilità di
impostare la proprietàToolTip

Procedure consigliate per la creazione di report che includono


campi di data e ora
Quando crei i report che utilizzano i campi di data e ora, tieni presente quanto segue:
• Per la coerenza dei valori di data e ora in Microsoft Dynamics 365, quando crei i report che
utilizzano un campo basato su UTC (Coordinated Universal Time) (Indipendente da fuso orario o
Solo data), non convertire il valore in un valore basato su fuso orario internazionale (Locale utente).
• Se apporti una modifica al comportamento di data e ora per un campo di un'entità, potresti aver
bisogno di rigenerare i report che utilizzano la data e l'ora per visualizzare il campo correttamente
nel report.
• Rigenera i report di Creazione guidata report.Modifica il report mediante la Creazione guidata
report con gli stessi parametri per rigenerare il report.
• Rigenera i report in base a una soluzione gestita.Per le soluzioni gestite, anziché modificare il
report, reimportare la soluzione per rigenerare il report.

50
• Rigenera i report personalizzati creati con Microsoft Visual Studio.Aggiorna i campi di data e
ora in Visual Studio come necessario e ripubblica il report.Ulteriori informazioni:Modificare il
report basato su SQL esistente utilizzando SQL Server Data Tools
Per ulteriori informazioni sui campi di data e ora, vedi L'argomento a cui si fa riferimento
http://technet.microsoft.com/library/dn946904(CRM.8).aspx è disponibile solo online.

Report basati su SQL


In questa sezione vengono fornite solo le procedure consigliate per i report basati su Basato su SQL.

Scrittura di stored procedure


L'aggiunta di stored procedure personalizzate al database di Microsoft Dynamics 365 non è
supportata.Tuttavia, è possibile creare un database separato e scrivere le stored procedure nel
database.

Limitare la lunghezza e il numero del testo degli elementi nei grafici


Microsoft Dynamics 365 utilizzano solo alcuni tipi di grafico possibili di Reporting Services.Per ogni tipo
di grafico, limitando la lunghezza dell'etichetta e il numero di elementi si consiglia dei contenuti di
grafico stato viene visualizzato correttamente.Quando in Reporting Services viene visualizzato un
grafico con etichette lunghe, il grafico stesso diventa troppo piccolo per essere utilizzato.Esistono
diversi modi per limitare la lunghezza e gli elementi del testo nei grafici:
• Limitare la lunghezza dell'etichetta del grafico in modo esplicito accorciandola, se necessario.
• Considerare la possibilità di limitare il numero di elementi visualizzati nei grafici.Per ulteriori
informazioni, vedereEsempio: limitare il numero di elementi visualizzati in un grafico

Utilizzare le immagini incorporate in un report


Il modo più semplice di utilizzare le immagini di Reporting Services è di inserirle in un database.Se le
immagini non si trovano in un database, è possibile utilizzare le immagini incorporate in formato PNG,
GIF o JPG in un report.I file di immagine che vengono utilizzati da Microsoft Dynamics 365 si trovano
nella cartellaC:/Inetpub/wwwroot/_imgs/ico in un'installazione predefinita di Microsoft Dynamics 365.

Vedere anche
Report e analisi con Dynamics 365
Migliorare le prestazioni dei report

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Migliorare le prestazioni dei report


Si applica a: Dynamics 365 (online), Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016, Dynamics
CRM Online

51
Vengono di seguito sono elencate alcune linee guida che consentono di migliorare le prestazioni del
report.

Generale
Le linee guida sono disponibili sia per i report basati su Fetch che per i report basati su SQL.
• Limitare un report per visualizzare le informazioni da un periodo di tempo specificato, anziché
visualizzare tutti i record nel database di Microsoft Dynamics 365.
• Filtrare un report in modo preliminare in modo che il set di dati sia limitato.
• Calcolare i totali di aggregazione utilizzando le aggregazioni in una query FetchXML o in
un'istruzione SQL, anziché passare i dati non elaborati ai Reporting Services e al raggruppamento.
• Limitare il numero dei set di dati utilizzati, se possibile.
• Quando si confrontano le date, utilizzare i campi di data UTC per i confronti.Ad esempio,
confrontare i campicreatedonutccreatedon

Report basati su SQL


Le linee guida sono disponibili solo per i report basati su SQL.
• Non creare un report che utilizza un ampio un set di dati o una query SQL complessa disponibile su
richiesta per tutti gli utenti.
• Non selezionare tutte le colonne da una visualizzazione filtrata di Microsoft Dynamics 365.In
alternativa, specificare in modo esplicito le colonne che si desidera selezionare nell'istruzione SQL.
• Utilizzare le stored procedure SQL anziché SQL inline.

Vedere anche
Report e analisi con Dynamics 365
Migliorare le prestazioni dei report utilizzando i filtri

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Migliorare le prestazioni dei report utilizzando i


filtri
Si applica a: Dynamics 365 (online), Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016, Dynamics
CRM Online
I report che restituiscono ampi set di dati possono essere difficile da utilizzare e possono causare
problemi di prestazioni.Per limitare i dati presentati in un report, utilizzare i filtri di dati.
Oltre al filtro di dati supportato in Reporting Services, Microsoft Dynamics 365 supporta il filtro
preliminare dei dati.È possibile utilizzare il filtro preliminare dei dati per:

52
• Creare report sensibili al contesto restringendo l'ambito di un report in modo da restituire dati più
rilevanti.
• Recuperare e visualizzare un set di risultati in modo più rapido perché solo i dati più rilevanti
vengono restituiti.
• Consentire il filtro del report tramite la funzionalitàRicerca avanzata

Importante
Al momento, le query del report con operatori gerarchici, ad esempio l'operatoreUnderQuando si tenta
di eseguire un report che utilizza un operatore gerarchico, il report non eseguirà il rendering.

In questo argomento
Abilitare il filtro preliminare nei report basati su Fetch
Abilitare il filtro preliminare dei dati nei report basati su SQL (solo Dynamics 365 locale)
Passare i filtri nel riepilogo del filtro
Filtri predefiniti

Abilitare il filtro preliminare nei report basati su Fetch


I report basati su Fetch supportano solo il filtro preliminare dei dati automatici.Un report può avere più
set di dati e più query FetchXML.Un set di dati supporta una query FetchXML.Per abilitare il filtro
preliminare per l'entità primaria o collegata in un report basato su Fetch, è necessario impostare il
valore del parametroenableprefilteringprefilterparameternameIl nome parametro deve iniziare con
"CRM_" per specificarlo come parametro nascosto.Come per il report basato su Microsoft SQL Server,
questo parametro specificato nella query FetchXML funge da query secondaria nella query FetchXML e
la query secondaria viene progettato con il valore specificato dall'utente nell'areaRicerca avanzata
Nella seguente visualizzazione viene mostrato come abilitare il filtro preliminare per l'entità primaria
nella query FetchXML.
<CommandText

<fetch distinct="false" mapping="logical">

<entity name="account" enableprefiltering="1" prefilterparametername="CRM_FilteredAccount">

<attribute name="name" />

<attribute name="accountid" />

</entity>

</fetch>

</CommandText>

<DataSourceName>CRM</DataSourceName>
Analogamente, è possibile abilitare il filtro preliminare per l'entità collegata.È inoltre possibile
specificare una condizione di filtro preliminare per l'entità collegata nella query FetchXML specificando
un nome diverso e univoco per il nome del parametro nella proprietàprefilterparametername

53
Se si modifica manualmente una definizione del report basata su Fetch senza utilizzare la Creazione
guidata report nell'applicazione Web Microsoft Dynamics 365 o SQL Server Data Tools per abilitare il
filtro preliminare per le entità principali e collegate, assicurarsi di:
1. Analogamente, è possibile abilitare il filtro preliminare per l'entità collegata.È inoltre possibile
specificare una condizione di filtro preliminare per l'entità collegata nella query FetchXML
specificando un nome diverso e univoco per il nome del parametro nella
proprietàprefilterparametername
Se si modifica manualmente una definizione del report basata su Fetch senza utilizzare la
Creazione guidata report nell'applicazione Web Microsoft Dynamics 365 o SQL Server Data Tools
per abilitare il filtro preliminare per le entità principali e collegate, assicurarsi di:

<

fetch

distinct

="false"

mapping

="logical"

>

<entity name="account" enableprefiltering="1"


prefilterparametername="CRM_FilteredAccount">

2. Creare un parametro della query corrispondente con lo stesso nome specificato per la creazione
della proprietàprefilterparameternameAssicurarsi che il nome del parametro inizi conCRM_

<

QueryParameters

>

<QueryParameter Name="CRM_FilteredAccount">

<Value>=Parameters!CRM_FilteredAccount.Value</Value>

</QueryParameter>

3. Creare un parametro del report corrispondente con lo stesso nome.

<

ReportParameters

>

<ReportParameter Name="CRM_FilteredAccount">

<DataType>String</DataType>

54
<Prompt>CRM Filtered Account</Prompt>

</ReportParameter>

</ReportParameters>

Abilitare il filtro preliminare dei dati nei report basati


su SQL (solo Dynamics 365 locale)
Vi sono due modi per abilitare il filtro preliminare dei dati nei report Basato su SQL di Microsoft
Dynamics 365: automatico e esplicito.

Filtro preliminare automatico


Il filtro preliminare dei dati automatico è adatto per le query semplici.Per abilitare il filtro preliminare dei
dati automatico in un report, è possibile utilizzare gli alias per le tabelle di entità nelle query.Questa
operazione viene eseguita utilizzando un nome alias che inizia conCRMAF_
Ad esempio, nella tabella seguente viene mostrata una semplice query modificata per consentire il filtro
preliminare nell'entitàAccount
Query senza filtro preliminare Query modificata con il filtro preliminare abilitato
SELECT <column1>, <column2>, <columnN> SELECT <column1>, <column2>, <columnN>

FROM FilteredAccount; FROM FilteredAccount AS CRMAF_FilteredAccount;

Quando si abilita le funzionalità di filtro preliminare dati automatica utilizzando CRMAF_P1


Query con filtro preliminare automatico Autore modifica Microsoft Dynamics 365

SELECT <column1>, <column2>, <columnN> SELECT <column1>, <column2>, <columnN>

FROM FilteredAccount AS CRMAF_FilteredAccount; FROM (@P1) AS CRMAF_FilteredAccount;

Microsoft Dynamics 365 passerà una query al parametroP1In altre parole, il filtro preliminare dei dati
automatico funge da query secondari in una query esistente.
Negli esempi seguenti viene illustrato come Microsoft Dynamics 365 passa due query al parametro
(P1In questo esempio, si presuppone che si esegua il report dall'areaReport
: Per visualizzare solo gli account attivi, la query risultante dovrebbe essere la seguente:Esempio 1
SELECT <column1>, <column2>, <columnN>

FROM (SELECT FilteredAccount.* FROM FilteredAccount WHERE statecode = 0)

AS CRMAF_FilteredAccount
: Se ci si trova in un account specifico e si esegue il report, la query risultante sarebbe la
seguente:Esempio 2
SELECT <column1>, <column2>, <columnN>

FROM (SELECT FilteredAccount.* FROM FilteredAccount WHERE AccountId = '<CurrentAccountId>')

55
AS CRMAF_FilteredAccount
: Se si sta cercando un elenco di tre account selezionati e si sceglie l'opzione per eseguire il report nei
record selezionati, la query risultante sarà la seguente:Esempio 3
SELECT <column1>, <column2>, <columnN>

FROM (SELECT FilteredAccount.* FROM FilteredAccount WHERE AccountId in ('<1stAccountId>',


'<2ndAccountId>', '<3rdAccountId>')

AS CRMAF_FilteredAccount
Quando viene effettuato l'aliasing di tutti i nomi della tabella di entità, l'interfaccia utente Ricerca
avanzata viene automaticamente inclusa nel report distribuito quando viene eseguita da Microsoft
Dynamics 365.
Per effettuare l'aliasing di un nome tabella di entità nel Generatore di query, fare clic con il pulsante
destro del mouse su ogni tabella nel report, selezionareProprietàFilteredEntity
Limitazione del filtro preliminare automatico
Quando utilizzare il prefissoCRMAF_Con una query più complessa, ad esempio una query che utilizza le
istruzioniUNION
Ad esempio, prendere in considerazione la seguente query che include le istruzioniUNION
SELECT <column1>, <column2>, <columnN>

FROM FilteredAccount AS CRMAF_FilteredAccount

WHERE address1_stateorprovince = ‘FL'

UNION

SELECT <column1>, <column2>, <columnN>

FROM FilteredAccount AS CRMAF_FilteredAccount

WHERE address1_stateorprovince = 'CA'


Durante il caricamento del report, Microsoft Dynamics 365 potrebbe filtrare solo la prima query
utilizzando il parametro.Ciò comporterà che il filtro non verrà applicato alla seconda query:
SELECT <column1>, <column2>, <columnN>

FROM (@P1) AS CRMAF_FilteredAccount WHERE address1_stateorprovince = 'FL'

UNION

SELECT <column1>, <column2>, <columnN>

FROM FilteredAccount AS CRMAF_FilteredAccount

WHERE address1_stateorprovince = 'CA'


Nell'esempio precedente, mentre si esegue il report dall'areaReportP1
SELECT <column1>, <column2>, <columnN>

FROM (SELECT FilteredAccount.* from FilteredAccount where AnnualRevenue > 1000000) AS


CRMAF_FilteredAccount

WHERE address1_stateorprovince = 'FL'

UNION

56
SELECT <column1>, <column2>, <columnN>

FROM FilteredAccount AS CRMAF_FilteredAccount

WHERE address1_stateorprovince = 'CA'


Ciò implica che la query restituisce solo gli account in Florida con ricavi annuali maggiori di $1.000.000
e tutti gli account In California e questa non era l'opzione desiderata.Si desiderava visualizzare tutti gli
account in Florida e in California con ricavi annuali maggiori di $1.000.000.
Se si scarica il report da Microsoft Dynamics 365 e lo si apre in Microsoft Visual Studio, verrà
visualizzata la versione originale del report caricata in Microsoft Dynamics 365.Se si scarica il report
direttamente da Microsoft SQL Server Reporting Services, si noterà che Microsoft Dynamics 365 ha
modificato la query ma non ha posizionato il parametro dove si desiderava.
Per le query complesse, è necessario utilizzare il filtro preliminare esplicito.

Filtro preliminare esplicito


Per query complesse come quelle che utilizzano le istruzioniUNIONA differenza del filtro preliminare
automatico, Microsoft Dynamics 365 non riscrive la query di report passando i valori ai parametri
durante il filtro preliminare esplicito quando questo report viene caricato in Microsoft Dynamics 365.È
necessario apportare le modifiche desiderate al report in modo esplicito aggiungendo il parametro del
filtro preliminare al report e quindi facendo riferimento al parametro nella query.È quindi possibile
eseguire la query utilizzando SQL dinamico.
Quando si utilizza SQL dinamico, il filtro tramite la Ricerca avanzata viene abilitato creando un
parametro nascosto denominatoCRM_FilteredEntityQuesto parametro consente il filtro dei dati della
tabella ottenuti dalla visualizzazione filtrata specificata.
Facendo lo stesso esempio illustrato in precedenza per evidenziare il limite del filtro preliminare
automatico, nella tabella seguente viene mostrata una query con il filtro preliminare automatico
modificato per utilizzare il filtro preliminare esplicito con SQL dinamico.Si presuppone inoltre che
durante l'esecuzione del report nell'areaReport
Query con filtro preliminare automatico Query modificata per l'utilizzo esplicito del filtro
preliminare

SELECT <column1>, <column2>, <columnN> DECLARE @SQL nvarchar(4000)

FROM FilteredAccount AS CRMAF_FilteredAccount DECLARE @CRM_FilteredAccount nvarchar(2000)

WHERE address1_stateorprovince = ‘FL' Set @CRM_FilteredAccount = 'Select

UNION FilteredAccount.* FROM FilteredAccount where


AnnualRevenue > 1000000'
SELECT <column1>, <column2>, <columnN>
SET @SQL = 'SELECT <column1>, <column2>,
FROM FilteredAccount AS CRMAF_FilteredAccount
<columnN>
WHERE address1_stateorprovince = 'CA'
FROM ('+@CRM_FilteredAccount+') AS FA where
address1_stateorprovince = ''FL''

UNION

SELECT <column1>, <column2>, <columnN>

FROM ('+@CRM_FilteredAccount+') as CA where


address1_stateorprovince = ''CA'' '

57
Query con filtro preliminare automatico Query modificata per l'utilizzo esplicito del filtro
preliminare
EXEC (@SQL)

Nota
La maggior parte dei report Basato su SQL di Microsoft Dynamics 365 standard utilizzano l'opzione di
filtro preliminare esplicita.

Passare i filtri nel riepilogo del filtro


Nel riepilogo del filtro viene visualizzato il valore del filtro utilizzato quando viene eseguito un report.Nei
report di Microsoft Dynamics 365, questo viene visualizzato come elemento di report della casella di
testo nell'intestazione del report contenente il valore di testo del filtro.Quando l'utente esegue il report,
nel Visualizzatore report viene visualizzato un pulsanteModifica filtroQuando fa clic sul pulsante,
l'utente può definire un filtro di dati.È possibile trovare un esempio di un riepilogo del filtro nel report
Riepilogo utente incluso in Microsoft Dynamics 365.
Per aggiungere un riepilogo del filtro a un report, eseguire la procedura seguente:
1. Creare un parametro stringa nascosto denominatoCRM_FilterText
2. Aggiungere un report della casella di testo al report e impostare la proprietàValue
=Parameters!CRM_FilterText.Value.
Quando il report viene eseguito, il valore del parametroCRM_FilterText

Filtri predefiniti
Quando si pubblica un report, è possibile impostare un filtro predefinito.Per tutti i report creati
utilizzando la creazione guidata report, se non si imposta un filtro predefinito, tale filtro viene impostato
automaticamente su tutti i record dell'entità modificata negli ultimi 30 giorni.Affinché la procedura
definisca un filtro del report predefinito, vederePubblicare report

Vedere anche
Report e analisi con Dynamics 365
Considerazioni sulla creazione dei report inMicrosoft Dynamics 365 (online)

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Considerazioni sulla creazione dei report


inMicrosoft Dynamics 365 (online)
Si applica a: Dynamics 365 (online), Dynamics CRM Online

58
Microsoft Dynamics 365 (online) include diverse funzionalità che consentono ai clienti di utilizzare i dati
aziendali per determinare le decisioni e interagire con i clienti nel modo più efficiente.Le funzionalità
disponibili in Dynamics 365 (online) includono le visualizzazioni, i grafici, i dashboard e i report di
Microsoft SQL Server Reporting Services.Include anche l'integrazione Microsoft Office Excel che
consente agli utenti di creare facilmente report self service utilizzando le funzionalità Power
BIPowerViewPowerQueryCon il volume dei dati memorizzati nel database Dynamics 365 (online) in
costante crescita, è più che mai importante individuare una strategia BI e determinare i meccanismi più
efficaci per creare report e visualizzare set di dati di grandi dimensioni.
In un ambiente Dynamics 365 (online), l'infrastruttura di report è condivisa e separata dal database.In
questa architettura, sebbene i clienti condividano le risorse necessarie per l'esecuzione dei report, ogni
report viene eseguito con le singole istanze del database dei clienti.Inoltre, con Dynamics 365 (online),
gli utenti possono eseguire tutti i report necessari ogni volta che lo desiderano per raggiungere gli
obiettivi aziendali.Non sono previste restrizioni di tempo per i report.
Le funzionalità di creazione di report predefinite in Dynamics 365 (online) sono progettate per
consentire agli utenti di eseguire i report sui set di dati in un intervallo di tempo più limitato.A tale scopo,
Microsoft Dynamics 365 include le seguenti impostazioni fisse:
• I report e le query possono essere eseguiti per cinque minuti al massimo.Quando il limite massimo
viene raggiunto, si verifica il timeout del report e viene visualizzato un messaggio per l'utente.Nel
periodo dei cinque minuti, i report e le query possono estendersi ai set di dati di grandi dimensioni
con oltre 50.000 record offrendo così una significativa flessibilità per soddisfare la maggior parte
delle esigenze operative della creazione dei report.
• Per migliorare il tempo di risposta delle query, è consigliabile che per i report dettagliati si riduca la
visualizzazione di un numero elevato di record.A tale scopo, applicare il filtro appropriato per ridurre
il numero dei record che viene restituito.Quando si creano report di riepilogo o aggregazione, le
query devono eseguire il push dell'aggregazione alla query anziché recuperare i record dettagliati
per l'esecuzione dell'aggregazione nel report.Questa operazione può essere eseguita mediante
l'aggregazione FetchXML.Ulteriori informazioni:Utilizzare l'aggregazione FetchXML
• Per i grafici e le griglie visualizzati nei dashboard, Microsoft Dynamics 365 consente agli utenti di
eseguire query con un set di dati con meno di 50.000 righe.Se un utente esegue una query del
dashboard che utilizza un set di dati con 50.000 o più righe, Microsoft Dynamics 365 restituisce il
messaggio "Limite massimo di record superato.Ridurre il numero di record.”L'impostazione del set
di dati consente di garantire le prestazioni ottimali dell'applicazione Dynamics 365 (online).

In questo argomento
Suggerimenti e soluzioni per la creazione di report
Adapter Microsoft Dynamics 365 di terze parti per SSIS
Strumenti ETL

Suggerimenti e soluzioni per la creazione di report


In genere, queste impostazioni sono adatte per la maggior parte delle esigenze di creazione di report
delle organizzazioni.Per assicurarsi che gli utenti non superino queste impostazioni e per migliorare le
prestazioni delle query dei report in generale, è opportuno attenersi alle seguenti procedure consigliate.

59
• Quando si creano report o dashboard personalizzati, è opportuno progettarli per eseguire query su
set di dati più piccoli e in periodi di tempo più brevi, aggiungendo un filtro basato sull'ora nel report
per limitare i risultati, ad esempio il mese o il trimestre corrente per limitare il numero di risultati.
• È consigliabile limitare il numero di entità necessarie per restituire il risultato.In questo modo si
riduce il tempo necessario per l'esecuzione della query e per la restituzione del set di risultati.
• È consigliabile ridurre il numero di record visualizzato nei report dettagliati.Un filtro appropriato può
essere utilizzato per ridurre il numero di record restituiti dalla query e i timeout.
• Per i report di riepilogo o aggregazione, è necessario utilizzare le query per eseguire il push
dell'aggregazione al database anziché recuperare i record ed eseguire l'aggregazione nel report
Microsoft SQL Server Reporting Services.
• Se appropriato per la propria azienda, gli utenti devono eseguire i report e i dashboard
predefiniti.Questi report e dashboard in genere sono progettati per eseguire query sui set di dati di
ogni utente, quindi nella maggior parte dei casi non superano il limite del set di dati.
Se gli utenti Dynamics 365 (online) devono eseguire report che superano le impostazioni, è
consigliabile leggere le opzioni seguenti per informazioni utili sulle esigenze dei report
complessi.Entrambe le opzioni eseguono in modo efficace l'offload dei carichi di lavoro dei report
Dynamics 365 (online) in un altro archivio dati SQL Server utilizzando una soluzione di integrazione dati
di Dynamics 365 (online).
• GliAdapter Microsoft Dynamics 365 di terze parti per SSIS
• Gli strumenti Extract Transform Load (Strumenti ETLGli strumenti ETL offrono soluzioni complete
per la connessione di sistemi Dynamics 365 ai dati di spostamento.

Importante
Quando si utilizzano questi strumenti, si consiglia di non spostare o sincronizzare i dati durante le ore
lavorative.

Se necessario, esistono numerosi partner Microsoft Dynamics che contribuiscono a fornire una
soluzione per esigenze specifiche di report, come creare una copia offline dei dati utilizzati in modo
specifico per eseguire report di grandi dimensioni.I partner sono esperti degli strumenti disponibili per
l'integrazione dei dati di Dynamics 365.Ulteriori informazioni:Trovare il partner corretto

Adapter Microsoft Dynamics 365 di terze parti per


SSIS
• Componente CozyRoc SSIS+ per Microsoft Dynamics CRM
• Toolkit di integrazione di KingswaySoft SSIS per Microsoft Dynamics CRM
• Attività RSSBus SSIS per Microsoft Dynamics CRM
• Connettore Team4 SSIS per Microsoft CRM
• Origine/Destinazione PragmaticWorks TaskFactory SSIS per Dynamics CRM

60
Strumenti ETL
• Scribe Insight e Scribe Online con l'adapter per Microsoft Dynamics CRM
• Strumenti di produttività di Informatica

Vedere anche
Estensione per la modifica dei report di Microsoft Dynamics CRM 2015 (con supporto di SQL Server
Data Tools)
Guida per sviluppatori relativa ai report per Microsoft Dynamics CRM
Introduzione a Microsoft Power Query per Excel
Feed OData Dynamics CRM e Power Query: Qual è il [record?]
Uso di Power View in Excel 2013 per analizzare i dati di CRM
Report e analisi con Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

RDL sandboxing per Microsoft Dynamics 365


(online)
Si applica a: Dynamics 365 (online), Dynamics CRM Online
In Microsoft Dynamics 365 (online) i report vengono eseguiti in modalità sandbox.A tale scopo abilitare
una sandbox RDL (Report Definition Language) in Microsoft SQL Server Reporting Services.La
sandbox RDL consente di rilevare e limitare l'utilizzo di tipi specifici di risorse.Come risultato, alcune
funzionalità in Microsoft Dynamics 365 (online) potrebbero non essere disponibili.Per ulteriori
informazioni, vedere l'articolo MSDN relativo all'abilitazione e alla disabilitazione della sandbox RDL
(informazioni in lingua inglese)
Le impostazioni di configurazione di una sandbox RDL correnti in Microsoft Dynamics 365 (online) sono
descritte nelle seguenti sezioni in questo argomento.

In questo argomento
Limita la lunghezza del risultato della matrice e la lunghezza del risultato della stringa
Tipi consentiti e membri negati
Membri negati comuni

Limita la lunghezza del risultato della matrice e la


lunghezza del risultato della stringa
Il numero massimo di elementi consentiti per il valore restituito in una matrice per un'espressione RDL
è aumentato da 250 a 102400.Anche il numero massimo di elementi consentiti per il valore restituito in
una stringa per un'espressione RDL è aumentato da 250 a 102400.In questo modo sarà possibile
includere immagini e logo con dimensioni fino a 75 KB, che verranno archiviati in un database con
codifica Base 64.

61
MaxResourceSize è impostato su 2000.Ciò consente di includere immagini esterne in un report fino a
1500 KB di dimensioni.Ulteriori informazioni:Aggiungere un'immagine esterna (generatore report e
SSRS)

Tipi consentiti e membri negati


La funzionalità di sandbox RDL consente di creare un elenco di tipi approvati e un elenco dei membri
negati.L'elenco dei tipi approvati è chiamato un elenco consentito.L'elenco dei membri negati che non
sono consentiti nelle espressioni RDL viene chiamato un elenco di blocco.
Nella tabella seguente è contenuto un elenco di tipi consentiti e di membri negati disponibili in modalità
sandbox in Microsoft Dynamics 365 (online).

Tipi consentiti Membri negati

System.Array CreateInstance
Finalize
GetType
MemberwiseClone
Resize

System.DateTime FromBinary
GetDateTimeFormats
GreaterThan
GreaterThanOrEqual

System.Object GetType
MemberwiseClone
ReferenceEquals

System.DbNull Finalize
MemberwiseClone
GetObjectData
GetTypeCode

System.Math BigMul
DivRem

62
Tipi consentiti Membri negati

IEEERemainder
E
PI
Pow
System.String
System.TimeSpan Hours
TicksPerDay
TicksPerHour
TicksPerMillisecond
TicksPerMinute
TicksPerSecond
Zero
TryParse
TryParseExact
System.Convert ChangeType
IConvertible.ToBoolean
IConvertible.ToByte
IConvertible.ToChar
IConvertible.ToDateTime
IConvertible.ToDecimal
IConvertible.ToDouble
IConvertible.ToInt16
IConvertible.ToInt32
IConvertible.ToInt64
IConvertible.ToSByte
IConvertible.ToSingle
IConvertible.ToType
IConvertible.ToUInt16
IConvertible.ToUInt32
IConvertible.ToUInt64
System.StringComparer Create

63
Tipi consentiti Membri negati

Finalize

System.TimeZone Finalize
GetType
MemberwiseClone

System.Uri Unescape
Parse
Escape
Finalize

System.UriBuilder Finalize

System.Globalization.CultureInfo ClearCachedData

System.Text.RegularExpressions.Match Empty
NextMatch
Result
Synchronized

System.Text.RegularExpressions.Regex CacheSize
CompileToAssembly
GetGroupNames
GetGroupNumbers
GetHashCode
Unescape
UseOptionC
UseOptionR
capnames
caps

64
Tipi consentiti Membri negati

capsize
capslist
roptions
pattern
factory
IsMatch
Matches
Iserializable.GetObjectData
InitializeReferences
RightToLeft
Options

Microsoft.VisualBasic.Constants vbAbort
vbAbortRetryIgnore
vbApplicationModal
vbArchive
vbBinaryCompare
vbCancel
vbCritical
vbDefaultButton1
vbDefaultButton2
vbDefaultButton3
vbExclamation
vbFormFeed
vbGet
vbHidden
vbHide
vbHiragana
vbIgnore
vbInformation

65
Tipi consentiti Membri negati

vbKatakana
vbLet
vbLinguisticCasing
vbMaximizedFocus
vbMinimizedFocus
vbMinimizedNoFocus
vbMsgBoxHelp
vbMsgBoxRight
vbMsgBoxRtlReading
vbMsgBoxSetForeground
vbNo
vbNormal
vbNormalFocus
vbNormalNoFocus
vbObjectError
vbOK
vbOKCancel
vbOKOnly
vbQuestion
vbReadOnly
vbRetry
vbRetryCancel
vbSet
vbSystem
vbSystemModal
VbTypeName
vbVolume
Zero
Microsoft.VisualBasic.ControlChars Finalize
GetType
MemberwiseClone

66
Tipi consentiti Membri negati

Microsoft.VisualBasic.Conversion Err
ErrorToString
Fix

Microsoft.VisualBasic.DateInterval Finalize
GetType
MemberwiseClone

Microsoft.VisualBasic.Financial Finalize
GetType
MemberwiseClone
IRR
NPV
MIRR

Microsoft.VisualBasic.Interaction AppActivate
Beep
CallByName
Command
CreateObject
Environ
Finalize
GetAllSettings
GetObject
GetSetting
GetType
InputBox
MemberwiseClone
MsgBox

67
Tipi consentiti Membri negati

SaveSetting
Shell
Choose
Switch

Microsoft.VisualBasic.Information Erl
Err
IsError
IsDBNull
Lbound
Ubound
SystemTypeName

Microsoft.VisualBasic.Strings Finalize
GetType
MemberwiseClone
Lset
Rset

Microsoft.Crm.Reporting.RdlHelper

Membri negati comuni


Nella tabella seguente è contenuto un elenco di membri negati comuni nei tipi consentiti:

DateString
Duration
Equality
Equals
Erl
Filter

68
GetChar
GroupNameFromNumber
GroupNumberFromName
Int
MaxValue
MinValue
Negate
Timer
TimeString
ToBinary
Finalize
GetType
MemberwiseClone

Vedere anche
Report e analisi con Dynamics 365
Report di esempio

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Report di esempio
Si applica a: Dynamics 365 (online), Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016, Dynamics
CRM Online
In questa sezione vengono illustrati alcuni esempi di report che mostrano come implementare le
tecniche comuni nei report di Microsoft Dynamics 365.

Creare un report tramite un esempio


1. Creare un report utilizzando SQL Data Tools.Ulteriori informazioni:Ambiente di scrittura report
utilizzando SQL Server Data Tools
2. Durante la configurazione dei report, incollare l'esempio nel report e seguire le istruzioni di
configurazione aggiuntive di report incluse nell'esempio.
• Per un esempio di Fetch XML, vedereCreare un report basato su Fetch personalizzato
(Dynamics 365 (online) e Dynamics 365 locale)

69
• Per un esempio basato su SQL, vedereCreare un report basato su SQL personalizzato (solo
Dynamics 365 locale)
3. Pubblicare il report.Ulteriori informazioni: L'argomento a cui si fa riferimento
http://msdn.microsoft.com/library/gg328437(CRM.8).aspx è disponibile solo online.

In questa sezione
Esempio: limitare il numero di elementi visualizzati in un grafico
Esempio: visualizzare i primi X valori
Esempio: rendere un report sensibile il contesto

Vedere anche
Report e analisi con Dynamics 365
Copiare report tra le distribuzioni di Microsoft Dynamics 365 (locale)

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Esempio: limitare il numero di elementi


visualizzati in un grafico
Si applica a: Dynamics 365 (online), Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016, Dynamics
CRM Online
I report del grafico sono limitati a 15 punti dati.Il set di dati deve limitare il set di risultati alle 15 righe
superiori per il valore tracciato.Inoltre un "altro" sedicesimo valore del punto di dati è facoltativo.Questo
valore rappresenta un'aggregazione di tutte le altre righe del dominio.Il sedicesimo valore è sempre
ordinato nella parte inferiore del set di risultati.Ciò aggiunge un livello di complessità ai report che
contiene la funzionalità drill-through appropriata per alcuni report.

Nota
È possibile che il numero di dati e la lunghezza dell'etichetta debbano essere ridotti per visualizzare
correttamente il contenuto del grafico.

Esempio
Viene di seguito riportato un esempio di query SQL che genera i 15 punti di dati superiori più un altro
sedicesimo punto per un grafico:
INSERT INTO @AcctTopTbl SELECT Top 15 accountid FROM FilteredAccount ORDER BY Revenue Desc

SELECT AcctTop.accountid, AcctTop.name, AcctTop.Revenue, 1 As SortOrder FROM (SELECT Top 15


accountid, name, Revenue FROM FilteredAccount ORDER BY Revenue Desc) AS AcctTop

70
UNION

SELECT Null As accountid, 'Other' As name, Sum(Revenue) As Revenue, 2 As SortOrder FROM


FilteredAccount

WHERE accountid NOT IN (Select accountid FROM @AcctTopTbl)

ORDER BY SortOrder Asc, Revenue Desc

Esempio
Nell'esempio seguente viene illustrato come limitare un numero di punti di dati visualizzato nella tabella
utilizzando la query FetchXML.È necessario fornire due set di dati con una query FetchXML per set di
dati.I risultati della prima query del set di dati e vengono trasferiti tramite i parametri in valori multipli al
secondo set di dati per filtrare i risultati della query.Dataset1 recupera i 15 record principali ordinati per
ricavi e Dataset2 recupera "TotalRevenue" che aggrega tutti gli account tranne quelli del DataSet1.
DataSet1:

<fetch count="15">

<entity name="account" >

<attribute name="accountid" />

<attribute name="name" />

<attribute name="revenue" />

<order attribute="revenue" descending="true" />

</entity>

</fetch>

DataSet2:

<fetch aggregate="true">

<entity name="account">

<attribute name="revenue" aggregate="sum" alias="TotalRevenue" />

<filter>

<condition attribute="accountid" operator="not-in" value="@TopAccountIds"/>

</filter>

</entity>

</fetch>

Report Parameter:

<ReportParameter Name=" TopAccountIds ">

71
...

<MultiValue>true</MultiValue>

<Hidden>true</Hidden>

<DefaultValue>

<DataSetReference>

<DataSetName>DataSet1</DataSetName>

<ValueField>accountid</ValueField>

</DataSetReference>

</DefaultValue>

</ReportParameter>

Vedere anche
Report di esempio
Esempio: visualizzare i primi X valori
Report e analisi con Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Esempio: visualizzare i primi X valori


Si applica a: Dynamics 365 (online), Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016, Dynamics
CRM Online
Microsoft Dynamics 365 include doversi report in cui vengono visualizzati i primi elementiXX
Per eseguire la query dei primi elementi, utilizzare SQL dinamico.Assegnare la stringa di query SQL
che include il parametro specificato dall'utente su una variabile.Ciò risolve questo parametro specificato
dall'utente.La stringa di query viene quindi passata alla funzioneSQL EXEC

Esempio
Nel seguente esempio SQL, nel parametroTopCount
Declare @SQL nVarchar (4000)

SET @SQL = '

Select Top ' + CONVERT(nvarchar(10), @TopCount) + ' kb.kbarticleid FROM

(' + @CRM_FilteredKBArticle + ') kb '

Exec (@SQL)
Se si sta creando un report basato su FetchXML, questa è la query FetchXML corrispondente.

72
<

fetch

count

="@TopCount"

>

<entity name="kbarticle" enableprefiltering="true"


prefilterparametername="CRM_FilteredKbArticle" >

<attribute name="kbarticleid"/>

</entity>

</fetch>

Vedere anche
Creare un nuovo report utilizzando SQL Server Data Tools
Report di esempio
Esempio: rendere un report sensibile il contesto

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Esempio: rendere un report sensibile il


contesto
Si applica a: Dynamics 365 (online), Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016, Dynamics
CRM Online
Nella procedura seguente viene descritto come configurare un report sensibile al contesto in Microsoft
Dynamics 365.
Ad esempio, se il report visualizza tutti gli impegni relativi a un account specifico e si desidera
visualizzare il report nel moduloAccountAttivitàAccountTipi di record correlatiModuli per tipi di
record correlatiVisualizzazione

Creare e configurare un report sensibile al contesto


1. Creare un report contenente i campi da una visualizzazione database <entity> filtrata e stabilire
una o più unioni SQL con altre visualizzazioni filtrate correlate in base alle esigenze.
2. Utilizzare CRMAF_Filtered<entity> come nome alias nell'istruzione della query SQL del report.Ecco
un esempio.
SELECT CRMAF_FilteredActivityPointer.activitytypecodename as

activitytypecodename,

73
CRMAF_FilteredActivityPointer.regardingobjectidname as regardingobjectidname,

CRMAF_FilteredActivityPointer.subject as subject,

CRMAF_FilteredAccount.name

FROM FilteredActivityPointer AS CRMAF_FilteredActivityPointer

INNER JOIN FilteredAccount As CRMAF_FilteredAccount on

CRMAF_FilteredAccount.accountid =

CRMAF_FilteredActivityPointer.regardingobjectid
Se si dispone di un report basato su Fetch, è possibile utilizzare la seguente query FetchXML
anziché la query SQL.

<

fetch

>

<entity name="activitypointer" enableprefiltering="1" >

<attribute name="activitytypecode" />

<attribute name="regardingobjectid" />

<attribute name="subject" alias="subject" />

<link-entity name="account" from="accountid" to="regardingobjectid" link-


type='inner' alias="accountLink">

<attribute name="name" alias="name" />

</link-entity>

</entity>

</fetch>

3. Durante il caricamento del report in Microsoft Dynamics 365 mediante il moduloReport: NuovoTipi
di record correlati
4. Nel campoVisualizzaModuli per tipi di record correlatiElenchi per tipi di record
correlatiSelezionare gli elenchi per tipi di record correlati consente di eseguire un report dalla
griglia elenco di entità.SelezionareModuli per tipi di record correlati

Vedere anche
Report di esempio
Copiare report tra le distribuzioni di Microsoft Dynamics 365 (locale)
Report e analisi con Dynamics 365

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

74
Copiare report tra le distribuzioni di Microsoft
Dynamics 365 (locale)
Si applica a: Dynamics 365 (on-premises), Dynamics CRM 2016
Il metodo preferito per copiare un report tra organizzazioni o distribuzioni è di includere il report e tutte
le entità personalizzate che il report utilizza in una soluzione.Se si esegue tale operazione, il sistema
eseguirà automaticamente il mapping dei tipi di entità.Se si sceglie di copiare manualmente un report in
altre distribuzioni di Microsoft Dynamics 365, è necessario modificare i codici del tipo entità per le entità
personalizzate indicate nel report.

In questo argomento
Correggere il codice del tipo per un'entità personalizzata utilizzata in un report
Copiare un report tra le distribuzioni

Correggere il codice del tipo per un'entità


personalizzata utilizzata in un report
Il codice del tipo per un'entità personalizzata può essere diverso nelle diverse installazioni di Microsoft
Dynamics 365.Se il report contiene riferimenti a un codice del tipo di entità personalizzato, ad esempio
quando si esegue un drill-through in un'entità personalizzata di Microsoft Dynamics 365, è necessario
modificare il codice del tipo di entità personalizzata a cui si fa riferimento nel report nel codice del tipo di
entità personalizzata nell'altro sistema in cui si sta distribuendo il report.
Il codice del tipo di entità per tutte le entità predefinite (non personalizzate) è predefinito.

&etc=<entity_type_code>.
Il metodo consigliato per fare riferimento al codice del tipo è di definire un parametro nascosto nel
report e di impostarne il valore sul codice del tipo di entità personalizzata nel sistema di origine.Dopo la
distribuzione a un'altra installazione di Microsoft Dynamics 365, utilizzare un'istruzione SQL per
impostare il valore del parametro sul codice del tipo di entità personalizzata in quel sistema.

Per utilizzare un parametro di CRM_OTC anziché il codice del tipo


hardcoded in drill-through eseguire il collegamento a Microsoft
Dynamics 365
1. Ottenere il valore del codice del tipo di entità personalizzata.A tale scopo, eseguire la seguente
query SQL nel database dell'organizzazione Microsoft Dynamics 365.Sostituire il nome
organization_MSCRM appropriato.Individuare il codice del tipo di entità personalizzata nel set di
risultati.
use <organization>_MSCRM select Name,ObjectTypeCode from dbo.Entity order by
ObjectTypeCode

75
2. Nel report, creare due parametri del report:CRM_URLCRM_OTCdeve essere della stringa di
tipo.CRM_OTCIl valore predefinitoCRM_OTC
3. Nell'elemento del report da utilizzare per un collegamento drill-through, aggiungere il codice del
valore seguente:
=Parameters!CRM_URL.Value &"?ID={" & Fields!new_custentityid.Value.ToString() &
"}&OTC="+Parameters!CRM_OTC.Value

4. Visualizzare in anteprima e salvare il report.


5. Copiare il report nel server di destinazione in base alle istruzioni nella sezione seguente.

Copiare un report tra le distribuzioni


Dopo aver ridistribuito Microsoft Dynamics 365 da un server a un altro, i report personalizzati devono
essere copiati singolarmente nel server (destinazione) ridistribuito.

Per ridistribuire uno o più report


1. Quando si copia un report che fa riferimento a un codice del tipo di entità personalizzata, è
necessario aggiornare la definizione dei parametri del report di CRM_OTC per indicare il codice del
tipo di oggetto dell'entità nel sistema di destinazione.
Dal server Microsoft Dynamics 365 di destinazione, aprire una finestra del browser e passare al
sistema di origine e Microsoft Dynamics 365.
2. Nell'elenco di report Microsoft Dynamics 365 selezionare il report personalizzato.Sulla barra degli
strumenti, fare clic suModificaAzioniNel menuAzioniScarica report
3. Fare clic suSalvaSpecificare un nome file quando viene richiesto e salvare il report nel sistema di
destinazione.Una copia del report esiste ora nel sistema di destinazione.
4. Nel browser, passare a Microsoft Dynamics 365 nel sistema di destinazione.
5. Nella barra degli strumenti posizionata sopra l'elenco Report di Microsoft Dynamics 365, fare clic
suNuovo
6. Nella finestra di dialogoReport:Nuovo reportInoltre, compilare la sezioneDettagli
7. Fare clic suSalva e chiudi
8. Il report verrà ora visualizzato nell'elenco Report.È necessario selezionare una categoria o un'entità
appropriata negli elenchi a discesa sopra la barra degli strumenti per visualizzare il report.
Se non si desidera designare un filtro predefinito, andare al passaggio 13.
9. Selezionare il report nell'elenco Report.
10. Nella barra degli strumenti, scegliereAltre azioniModifica filtro predefinito
11. Nella finestra di dialogo Visualizzatore report, definire i criteri di filtro predefinito che verranno
utilizzati ogni volta che viene eseguito il report.
12. Fare clic suSalva filtro predefinito
13. Fare clic suEsegui report

76
Dopo aver testato il report e verificato che funziona correttamente, seguire questi passaggi per
aggiungere il report agli elenchi sensibili al contesto e ai moduli in Microsoft Dynamics 365.

Per aggiungere il report agli elenchi sensibili al contesto e ai moduli


in Microsoft Dynamics 365
1. Selezionare il report nell'elenco Report.
2. Nella barra degli strumentiAzioniModifica
3. Nella finestra di dialogoReportCategorizzazione
• : consente di suddividere in categorie il report in base allo scopo desiderato.CategorieAd
esempio, un report delle vendite può essere incluso in elenchi sensibili al contesto e in moduli
nell'area vendite di Microsoft Dynamics 365.
• : consente di associare il report a entità specifiche, ad esempio un account o un contatto.Tipi
di record correlatiIl report può essere visualizzato in elenchi sensibili al contesto e in moduli
per tali entità.
• : consente al report di essere visualizzato nei moduli e negli elenchi sensibili al
contesto.Visualizza inÈ possibile limitare la visualizzazione del report utilizzando questa
impostazione.Se si intende pubblicare un report nascosto, deselezionare la casella di
testoVisualizza in
• : consente di associare il report a tutti le lingue o solo all'inglese.Lingue
4. Fare clic suSalva e chiudi

Vedere anche
Report e analisi con Dynamics 365
Pubblicare report

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Personalizzare i pacchetti di contenuto di


Power BI Microsoft Dynamics 365
Si applica a: Dynamics 365 (online), Dynamics CRM Online
Microsoft Power BI è una raccolta completa di servizi e strumenti utilizzata per visualizzare i dati
aziendali.I pacchetti di contenuto sono disponibili per semplificare la visualizzazione e l'analisi dei dati
Dynamics 365 con Power BI basandosi su un modello di dati predefinito.I pacchetti di contenuto sono
sviluppati con un set di entità e campi di Dynamics 365 utili per la maggior parte degli scenari di
vendita, servizio, o report.
Le istanze di Dynamics 365 vengono estese frequentemente con campi personalizzati.Questi campi
personalizzati non vengono mostrati automaticamente Power BI nel modello.In questo argomento

77
vengono descritti i diversi modi si possono utilizzare per modificare o estendete i report inclusi in un
pacchetto di contenuto per includere campi personalizzati nel modello di Power BI.

In questo argomento
Esegui questa operazione prima di personalizzare un pacchetto di contenuto di Dynamics 365 per i
report Power BI
Personalizzare un pacchetto di contenuto di Dynamics 365
Pubblicare il report nel servizio Power BI

Esegui questa operazione prima di personalizzare un


pacchetto di contenuto di Dynamics 365 per i report
Power BI
Prima di personalizzare un pacchetto di contenuto, leggere le informazioni indicate ed eseguire le
singole attività in base alle esigenze.

Requisiti
• .Registrazione del servizio Power BI
• domanda di modifica dei report Power BI.Power BI Desktop
• File PBIX per il pacchetto di contenuto che si desidera personalizzare.
• Scarica il file .PBIX per direttore commerciale Microsoft Dynamics CRM Online
• Scarica il file .PBIX per direttore servizio Microsoft Dynamics CRM Online
I pacchetti di contenuto Dynamics 365 (online) sono attualmente supportati solo in lingua inglese degli
Stati Uniti.

Preparare un pacchetto contenuti per la personalizzazione


Importante
Per connettere i feed OData all'istanza di Dynamics 365 (online) si devono seguire i passaggi descritti
qui prima di personalizzare il pacchetto di contenuto.

1. Avviare Power BI Desktop.


Fare clic suFileApriApri
Molte pagine dei report nel pacchetto di contenuto vengono caricate e visualizzate in Power BI
Desktop.
2. Sulla barra multifunzione di Power BI Desktop fare clic suModifica query
3. Nel riquadro di spostamento sinistro della finestra di modifica query,
inQueryCRMServiceUrlEditor avanzatoNella definizione di origine,
sostituirebase.crm.dynamics.comAd esempio, se il nome dell'organizzazione èContoso

78
Origine = "https://contoso
4. Fai clic suFineChiudi e applica
5. Nella finestra di dialogo Accedi a un feed OData visualizzata, fare clic suAccount
dell'organizzazioneAccedi

6. Nella pagina di accesso visualizzata, immettere le credenziali per l'autenticazione nell'istanza


Dynamics 365 (online).
7. Nella finestra di dialogo Accedi a un feed Odata, fare clic suAccedi
Le query del pacchetto di contenuto sono aggiornate.Ciò potrebbe richiedere alcuni minuti.

Personalizzare un pacchetto di contenuto di


Dynamics 365
Convertire un campo DateTime in un campo Date per i report
Aggiungere un campo personalizzato a un report
Aggiungere un campo personalizzato in un report per l'entità Account
Aggiungere un campo di tipo set di opzioni a un report
Aumentare il numero di righe da includere nella query

Convertire un campo DateTime in un campo Date per i report


In Microsoft Dynamics 365 determinate date vengono salvate in un formato di data/ora/fuso orario, che
potrebbe non corrispondere al formato orario preferito per l'agglomerazione dei dati in un report.È
possibile convertire la data visualizzata nei report per un campo di un'entità.Ad esempio, il campo della

79
data di creazione dell'opportunità può essere convertito in una data per un report delle opportunità
create basato sulla data.
1. In Power BI Desktop, fare clic suModifica query
2. Nel riquadro di spostamento sinistro dell'editor di query in Query, fai clic sulla query con il campo di
data che desideri modificare, ad esempioData chiusura previstaOpportunità
3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'intestazione della colonna, ad esempioData chiusura
previstaModifica tipoData

4. Fare clic suChiudi e applica


5. Nella pagina principale di Power BI, fare clic suApplica modifiche

Aggiungere un campo personalizzato a un report


Nella procedura seguente viene descritto come aggiungere un campo personalizzato come data,
stringa o numero a un report per tutte le entità disponibili con l'eccezione dell'entità Account.

Nota
Per aggiungere un campo all'entità Account, vediAggiungere un campo personalizzato in un report per

80
l'entità AccountPer aggiungere un campo che corrisponde a un tipo set di opzioni, vedereAggiungere
un campo di tipo set di opzioni a un report

1. In Power BI Desktop, fare clic suModifica query


2. Nel riquadro di spostamento sinistro dell'editor di query, in Query fai clic sulla query con il campo
personalizzato da rendere disponibile per i report, ad esempio la query dell'entitàOpportunità
3. Nel riquadro destro, in PASSAGGI APPLICATI fai clic sul pulsante Impostazioni Rimossi altre
colonne
4. L'elenco Scegli colonne viene visualizzato con tutti i campi per l'entità inclusi i campi
personalizzati.Selezionare il campo personalizzato da aggiungere e quindi fare clic suOK
La query dell'entità viene aggiornata e una colonna viene aggiunta nella tabella di entità per il
campo personalizzato selezionato.
5. Nel riquadro destro, in PASSAGGI APPLICATI fare clic suLingua - Colonne rinominateEditor
avanzatoAd esempio, se il nome del campo personalizzato per l'entità Opportunità
èint_forecastPrevisione
{"int_forecast","Forecast"}

81
6. Dopo aver aggiunto il mapping del campo verifica che non siano presenti errori di sintassi
visualizzati nella parte inferiore dell'editor avanzato.Inoltre, verifica che il nome del campo sia

82
esattamente come viene visualizzato nell'intestazione della colonna inclusa la distinzione tra
maiuscole e minuscole.Se nessuna sintassi o errore della tabella viene rilevato, fare clic suFine
7. Nell'editor di query, fare clic suChiudi e applica
Il campo personalizzato è ora disponibile nel riquadro destro inCampi

Aggiungere un campo personalizzato in un report per


l'entità Account
Poiché nella query Account utilizza FetchXML per filtrare la query, i passaggi per aggiungere un campo
sono differenti da altre query che utilizzano OData.Per aggiungere un campo personalizzato alle entità
con query OData, vedereAggiungere un campo personalizzato a un report
1. Copiare la query FetchXML codificata per l'entità Account.A tale scopo, effettuare i passaggi
seguenti:
a. In Power BI Desktop, fare clic suModifica query
b. Nel riquadro di spostamento sinistro dell'editor di query, fai clic sulla query
dell'entitàAccountEditor avanzato
c. Nella prima riga che inizia con %3Cfetch e termina con fetch%3E copia l'intero XML Fetch
codificato.
d. L'XML Fetch codificato copiato deve essere simile al seguente esempio:
%3Cfetch%20version%3D%221.0%22%20output-format%3D%22xml-
platform%22%20mapping%3D%22logical%22%20distinct%3D%22true%22%3E%3Centity%20
name%3D%22account%22%3E%3Cattribute%20name%3D%22territorycode%22%20%2F%3
E%3Cattribute%20name%3D%22customersizecode%22%20%2F%3E%3Cattribute%20name
%3D%22owningbusinessunit%22%20%2F%3E%3Cattribute%20name%3D%22ownerid%22%
20%2F%3E%3Cattribute%20name%3D%22originatingleadid%22%20%2F%3E%3Cattribute%
20name%3D%22revenue%22%20%2F%3E%3Cattribute%20name%3D%22sic%22%20%2F%
3E%3Cattribute%20name%3D%22marketcap%22%20%2F%3E%20%3Cattribute%20name%3
D%22parentaccountid%22%20%2F%3E%3Cattribute%20name%3D%22owninguser%22%20
%2F%3E%3Cattribute%20name%3D%22accountcategorycode%22%20%2F%3E%3Cattribute
%20name%3D%22marketcap_base%22%20%2F%3E%3Cattribute%20name%3D%22custom
ertypecode%22%20%2F%3E%3Cattribute%20name%3D%22address1_postalcode%22%20%
2F%3E%3Cattribute%20name%3D%22numberofemployees%22%20%2F%3E%3Cattribute%2
0name%3D%22accountratingcode%22%20%2F%3E%3Cattribute%20name%3D%22address1
_longitude%22%20%2F%3E%3Cattribute%20name%3D%22revenue_base%22%20%2F%3E
%3Cattribute%20name%3D%22createdon%22%20%2F%3E%3Cattribute%20name%3D%22n
ame%22%20%2F%3E%3Cattribute%20name%3D%22address1_stateorprovince%22%20%2F
%3E%3Cattribute%20name%3D%22territoryid%22%20%2F%3E%3Cattribute%20name%3D%
22accountclassificationcode%22%20%2F%3E%3Cattribute%20name%3D%22businesstypeco
de%22%20%2F%3E%3Cattribute%20name%3D%22address1_country%22%20%2F%3E%3C
attribute%20name%3D%22accountid%22%20%2F%3E%3Cattribute%20name%3D%22addres
s1_latitude%22%20%2F%3E%3Cattribute%20name%3D%22modifiedon%22%20%2F%3E%3
Cattribute%20name%3D%22industrycode%22%20%2F%3E%3Clink-
entity%20name%3D%22opportunity%22%20from%3D%22parentaccountid%22%20to%3D%2
2accountid%22%20alias%3D%22ab%22%3E%3Cfilter%20type%3D%22and%22%3E%3Ccon
dition%20attribute%3D%22opportunityid%22%20operator%3D%22not-
null%22%20%2F%3E%3Ccondition%20attribute%3D%22modifiedon%22%20operator%3D%2

83
2last-x-days%22%20value%3D%22365%22%20%2F%3E%3C%2Ffilter%3E%3C%2Flink-
entity%3E%3C%2Fentity%3E%3C%2Ffetch%3E
2. Decodificare l'XML Fetch.L'XML Fetch codificato deve essere valido e, una volta codificato, deve
essere simile a quanto segue:
<fetch version="1.0" output-format="xml-platform" mapping="logical" distinct="true"> <entity
name="account"> <attribute name="territorycode" /> <attribute name="customersizecode" />
<attribute name="owningbusinessunit" /> <attribute name="ownerid" /> <attribute
name="originatingleadid" /> <attribute name="revenue" /> <attribute name="sic" /> <attribute
name="marketcap" /> <attribute name="parentaccountid" /> <attribute name="owninguser" />
<attribute name="accountcategorycode" /> <attribute name="marketcap_base" /> <attribute
name="customertypecode" /> <attribute name="address1_postalcode" /> <attribute
name="numberofemployees" /> <attribute name="accountratingcode" /> <attribute
name="address1_longitude" /> <attribute name="revenue_base" /> <attribute name="createdon" />
<attribute name="name" /> <attribute name="address1_stateorprovince" /> <attribute
name="territoryid" /> <attribute name="accountclassificationcode" /> <attribute
name="businesstypecode" /> <attribute name="address1_country" /> <attribute name="accountid"
/> <attribute name="address1_latitude" /> <attribute name="modifiedon" /> <attribute
name="industrycode" /> <link-entity name="opportunity" from="parentaccountid" to="accountid"
alias="ab"> <filter type="and"> <condition attribute="opportunityid" operator="not-null" /> <condition
attribute="modifiedon" operator="last-x-days" value="365" /> </filter> </link-entity> </entity>
</fetch>

Suggerimento
Sul Web, sono disponibili molti strumenti gratuiti per la codifica e la decodifica di URL.

3. Nell'XML Fetch aggiungi l'entità personalizzata come nodo di attributo tra i nodi <entity>.Ad
esempio, aggiungere un campo personalizzato denominatocustomclassificationcodeindustrycode

<attribute name="industrycode" />

<attribute name=" customclassificationcode "/>

<link-entity name="opportunity" from="parentaccountid" to="accountid" alias="ab">

4. L'URL codifica l'XML Fetch aggiornato.L'XML Fetch che include il nuovo attributo personalizzato
deve essere codificato e quindi utilizzato per sostituire la query di feed OData che include il
pacchetto di contenuto.A tale scopo, copiare FetchXML aggiornato negli appunti e incollarlo in un
codificatore URL.
5. Incollare l'URL FetchXML codificato in un feed OData.A tale scopo, incolla l'URL codificato tra
virgolette dopo il testoQuery=[fetchXml=Fine
La schermata sottostante indica il punto in cui sono posizionate la prime virgolette a sinistra.

84
6. Nel riquadro destro, in PASSAGGI APPLICATI fai clic sul pulsante Impostazioni Rimossi altre
colonne
7. L'elenco Scegli colonne viene visualizzato con tutti i campi per l'entità inclusi i campi
personalizzati.Selezionare il campo personalizzato, ad esempiocustomclassificationcodeOK

Nota
Il nome del campo selezionato nel selettore di colonna e il nome del campo aggiunto alla query
FetchXML devono corrispondere.

La query dell'entità viene aggiornata e una colonna viene aggiunta nella tabella di entità per il
campo personalizzato selezionato.
8. Nell'editor di query, fare clic suChiudi e applica
Il campo personalizzato è ora disponibile nel riquadro destro inCampi

Aggiungere un campo di tipo set di opzioni a un


report
I campi di set di opzioni consentono di scegliere tra più valori.Esempi dei campi con set di opzioni
predefiniti sono i campi Livello di interesse e Fase di vendita per un'opportunità.Si immagini di disporre
di un campo di tipo set di opzioni nel modulo Opportunità principale con i valori e le etichette seguenti.

85
Per aggiungere il campo di tipo set di opzioni a un report, seguire questa procedura.
1. Aggiungere la colonna del campo personalizzato.
• Nel riquadro di spostamento sinistro dell'editor di query in Query, fai clic sull'entità contenente il
set di opzioni personalizzato associato, ad esempio l'entità Opportunità.
• Nel riquadro destro, in PASSAGGI APPLICATI fai clic sul pulsante Impostazioni Rimossi
altre colonne
• L'elenco Scegli colonne viene visualizzato con tutti i campi per l'entità inclusi i campi
personalizzati.Selezionare il campo personalizzato, ad esempionew_customoptionsetOK
• Fai clic suSalvaApplica
La colonna per il campo personalizzato viene visualizzata nella tabella dell'entità.
2. Per creare la query del set di opzioni.
a. In Power BI Desktop, fare clic suModifica query
b. Nel riquadro di spostamento sinistro dell'editor di query.Nel riquadro di spostamento sinistro
dell'editor di query in Query, fai clic sulla query nel gruppoCrea tabellePer questo esempio, la
querySalesStageOptionSet
c. Fare clic suEditor avanzato
La query del set di opzioni viene visualizzata.

86
d. Copiare l'intera query agli Appunti.È possibile incollarla in un editor di testo, come Blocco note
per riferimento futuro.
e. Nell'editor di query, fare clic con il pulsante destro del mouse sul gruppoCrea tabelleNuova
queryQuery vuota
f. Nel riquadro destro, in Nome immetti un nome, ad esempioCustomOptionSet
g. Fare clic suEditor avanzato
h. Nell'Editor avanzato incolla la query copiata in precedenza.
i. Sostituire i valori esistenti e le opzioni con valori e opzioni personalizzati.In questo esempio,
vengono apportate queste modifiche.
let

Source =
#table({"Value","Option"},{{0,"Qualify"},{1,"Develop"},{2,"Propose"},{3,"Close"}})

in

Source

In questo modo.
let

Source = #table({"Value","Option"},{{0,"A"},{1,"B"},{2,"C"},{3,"D"},{4,"E"}})

in

87
Source

j. Assicurati che non siano presenti errori di sintassi e quindi fai clic suFineLa tabella dei valori e
delle opzioni viene visualizzata nell'editor di query.

k. Fai clic suSalvaApplica


3. Inserire una query di tipo merge per le tabelle del set di opzioni di personalizzazione e delle entità.
a. Nel riquadro sinistro dell'editor di query, nelle entità, fare clic sull'entità che include il set di
opzioni personalizzato.Per questo esempio, la query dell'entitàOpportunità
b. Sulla barra multifunzione fare clic suUnione queryInserisci
c. Nella finestra di dialogo Unione fai clic nell'intestazione della colonna per il set di opzioni
personalizzato, ad esempionew_optionsetNella nell'elenco a discesa, seleziona la query
corrispondente del set di opzioni creato in precedenza.Quando la tabella del set di opzioni
viene visualizzata, fare clic sull'intestazione della colonnaValore

88
d. Lasciare il tipo di join comeLeft Outer (tutto dal primo, corrispondente dal secondo)OK

Suggerimento
Rinominare la query di unione.In PASSAGGI APPLICATI, fare clic con il pulsante destro del mouse
sulla query di unione creata, quindi suRinominaUnione CustomOptionSet

4. Definire la colonna in modo che vengano visualizzate solo le etichette.


a. Nel riquadro sinistro dell'editor di query, nelle entità, fare clic sull'entità che include il set di
opzioni personalizzato.Per questo esempio, la query dell'entitàOpportunità
b. Nel riquadro destro, in PASSAGGI APPLICATI fare clic sulla query ampliata per mostrare le
colonne unite, ad esempioSalesStage espanso
c. Individuare e selezionare l'intestazione della colonna per la nuova colonna creata nel
passaggio precedente della query di unione.
d. Nella scheda di trasformazione, fare clic suEspandere
e. Nella finestra di dialogo Espandi della nuova colonna, deseleziona la colonna corrispondente ai
valori (poiché solo le etichette devono essere visualizzate nella colonna).Fai clic suFine

89
f. Fai clic suSalvaApplica
5. Modificare il nome di colonna per la creazione di report.
a. Nel riquadro sinistro dell'editor di query, nelle entità, fare clic sull'entità che include il set di
opzioni personalizzato.Per questo esempio, la query dell'entitàOpportunità
b. Fare clic suEditor avanzato
c. Aggiungi una voce di colonna rinominata, verifica che non siano presenti errori di sintassi e fai
clic suFineIn questo esempio, il nome della colonna di tipo set di opzioni creato in precedenza
èNewColumnSet di opzioni personalizzato

90
d. Fai clic suSalvaApplica
6. Fare clic suChiudi e applica
Il set di opzioni personalizzato può essere ora utilizzato per generare report Power BI.

Aumentare il numero di righe da includere nella


query
Per impostazione predefinita, tutte le query di entità di Power BI nei pacchetti di contenuto Microsoft
Dynamics 365 non devono sperare le 100.000 righe.Per aumentare il numero di righe che può essere
interrogato, seguire questa procedura.

Importante
L'aumento del limite di conteggio righe può influire notevolmente sul tempo necessario per
l'aggiornamento di un report.Inoltre, per il servizio Power BI è previsto un limite massimo di 30 minuti
per l'esecuzione di query.Prestare molta attenzione quando si aumenta il limite di conteggio righe.

1. In Power BI Desktop, fare clic suModifica query


2. Nel riquadro di spostamento sinistro dell'editor di query in Query, fai clic sulla query dell'entità per
cui aumentare il limite del numero di righe, come l'entitàLead
3. Nel riquadro destro, in PASSAGGI APPLICATI fare clic suPrime righe utilizzate
4. Aumentare il numero di righe filtrato.Ad esempio per aumentare fino a 150.000, modificare
Table.FirstN(#"Filtered Rows",100001) in Table.FirstN(#"Filtered Rows",150000)
5. Nel riquadro destro, in PASSAGGI APPLICATI fare clic suVerifica conteggio righe
6. Individuare la parte>100,000

91
7. Aumentare il valore a un numero maggiore, ad esempio150,000
8. Nell'editor di query, fare clic suChiudi e applica

Pubblicare il report nel servizio Power BI


Pubblicare il report per la condivisione nell'organizzazione e l'accesso da qualsiasi luogo sulla maggior
parte dei dispositivi.
1. Nella barra multifunzione della schedaHomePubblica
2. Se richiesto accedere al servizio Power BI facendo clic su Accedi.
3. Se sono disponibili più destinazioni, selezionare quella desiderata e quindi fare clic suPubblica

Vedere anche
L'argomento a cui si fa riferimento http://technet.microsoft.com/library/dn708055(CRM.8).aspx è
disponibile solo online.

© 2016 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati. Copyright

Copyright
Questo documento è fornito senza alcuna garanzia. Le informazioni e le opinioni espresse nel presente
documento, inclusi URL e altri riferimenti a siti Web Internet, sono soggette a modifiche senza
preavviso.
Alcuni esempi forniti nel presente documento hanno solo scopo illustrativo e sono fittizi. Non è intesa
né dovrà intendersi alcuna connessione.
Questo documento non concede alcun diritto legale su qualsiasi proprietà intellettuale di qualsiasi
prodotto Microsoft. È consentito copiare e utilizzare il presente documento solo a scopo di riferimento
interno.

92
I video e gli eBook possono essere solo in lingua inglese. Inoltre, se si fa clic sui collegamenti si può
venire reindirizzati a un sito Web negli Stati Uniti con contenuti in inglese.
© 2017 Microsoft. Tutti i diritti sono riservati.
Microsoft, Active Directory, Azure, Bing, Cortana, Delve, Dynamics, Excel, Hyper-V, Internet Explorer,
Microsoft Dynamics, Microsoft Edge, Microsoft Intune, MSDN, Office 365, OneDrive, OneNote, Outlook,
Power BI, PowerPoint, PowerShell, PowerApps, SharePoint, Skype, SQL Server,Visual Studio,
Windows, Windows PowerShell e Windows Server sono marchi delle società del gruppo Microsoft.Tutti
gli altri marchi citati nel presente documento appartengono ai rispettivi proprietari.

93