Sei sulla pagina 1di 80
STUDI BIBLICI 1 PAIDEIA 4 Lino RanvELLint, dei Frati Minori, nato a Tegoleto (Arezzo) nel 1904, ha compiuto gli Studi Superiori di Teologia all’An- tonianum di Roma (1928-1930) ed allo Studio Biblico di Ge- rusalemme (1930-1932), ove consegu? il Diploma in Scienze bibliche con la tesi I/ regno di Damasco nella luce dell’ Antico Testamento e dei testi cuneiformi (1934). Licenziato in S. Scrittura presso la Pontificia Commissione Biblica (1935), in- segna nelle case dell’Ordine, nel Seminario Arcivescovile della citta di Firenze e nella Scuola di Teologia per i Laici della stessa citta. E autore di numerose e importanti pubblicazioni bibliche re- lative ai due Testamenti. Per l’Antico Testamento ricordia- mo: Ricchi e poveri nel libro del profeta Amos. La Tenda e l’Arca. Il vaticinio di Natan ed il suo significato. La figura di Satana nell’ Antico Testamento. II libro delle Cronache, edito nella grande collezione «La Sacra Bibbia» di Marietti. Per il Nuovo Testamento ricordiamo, fra molte, La Tradizio- ne evangelica che pud considerarsi il primo tentativo fatto in Italia per risalire dagli attuali evangeli alla predicazione di Gest attraverso l’attivita della Chiesa. Questo studio si propone di fare il punto sulla storia della Chiesa dei Giudeo-cristiani, usufruendo dei reperti archeolo- gici venuti alla luce negli ultimi anni, soprattutto dopo il 1953, allorché sulle pendici occidentali del Monte Oliveto il P. Saller e il P. Bagatti misero alla luce un sepolcreto gebu- seo del sec. x11t a.C. ed un sepolcreto del-sec. 1 dell’era vol- gare. I reperti archeologici di cui ci occupiamo sono graffiti tracciati sulle pareti di santuari cristiani, umili iscrizioni e specialmente emblemi impressi sopra ossuati o altrove, rin- venuti in Gerusalemme, in Palestina, in Siria, specialmente nel territorio delle sette chiese dell’Apocalisse, e a Roma. Poiché i reperti archeologici studiati e per lo pit rinvenuti dai padri francescani Bagatti e Testa, hanno trovato una inter- pretazione oggettiva, e percid generalmente accettabile, 1’A. ha tentato in questo volumetto di indicare rapidamente, te- nendo conto dei documenti etnico-cristiani e soprattutto giu- deo-cristiani ispirati, apocrifi ed eretici, le direttrici fonda- mentali della storia interna ed esterna della Chiesa giudeo-cri- stiana dalle sue origini al suo melanconico tramonto. a es Lire 700 STUDI BIBLICI n, I - GENNAIO-FEBBRAIO 1968 Direttore responsabile: Giuseppe Scarpat Periodico iscritto all’albo del Tribunale di Brescia LINO RANDELLINI La Chiesa dei Giudeo-cristiani PAIDEIA EDITRICE BRESCIA