Sei sulla pagina 1di 13

PRINCIPALI PARAMETRI DI UN CROMATOGRAMMA

EFFICIENZA della SEPARAZIONE CROMATOGRAFICA


TEORIA DEI PIATTI TEORICI

N= (V Ri /σi) 2= (t Ri / σi) 2 = 16(t Ri /Wi) 2


Ν=L/Η

L’efficienza N = Numero dei piatti teorici, è una misura della ritenzione


relativa di una sostanza in relazione all’ampiezza del picco, dipende dal
tempo tra iniezione e “uscita” (V Ri o t Ri ) e dall’ampiezza del picco (W).
L: lunghezza colonna H: altezza piatto teorico

Per bande più larghe sono necessari tempi maggiori.

Utile per confrontare separazioni in condizioni diverse.

Il termine deriva dalle distillazioni in torri di frazionamento (“piatti” di


condensazione).
EFFICIENZA della SEPARAZIONE CROMATOGRAFICA
TEORIA DEI PIATTI TEORICI

H: altezza Equivalente di un Piatto Teorico (HEPT)

H= L/N= L/16 (W / t Ri ) 2

L: lunghezza della colonna

Il sistema cromatografico è tanto più efficiente quanto più è basso


il valore di HEPT (ideale HEPT 0)
EFFICIENZA della SEPARAZIONE CROMATOGRAFICA

TEORIA DEI PIATTI TEORICI

Allargamento di Banda

Equazione di van Deemter: H= A+B/u+Cu

H: efficienza (in termini di altezza di piatti teorici)


è funzione della velocità lineare della fase mobile u

A : diffusione vorticosa (è inutile per GC).


B : diffusione longitudinale
C : trasferimento di massa (cinetica di adsorbimento/desorb)
TEORIA DEI PIATTI TEORICI
Allargamento di banda: Equazione di van Deemter

In HPLC In GC
Meccanismo della DIFFUSIONE LONGITUDINALE
(termine B/u dell’Eq. di van Deemter)
Risoluzione dei picchi
cromatografici R = 0.5

R s = Distanza picchi
ampiezza media
Efficienza della Cromatografia
Effetto VELOCITA’ di FLUSSO su HEPT
per diversi metodi cromatografici
Effetto VELOCITA’ della FASE MOBILE su HEPT
per HPLC e GC

•Minimo valore di H (massima efficienza) per valori bassi di flusso


•Flussi e H più bassi per HPLC
•GC più efficiente per lunghezza colonne (50 m contro 25 cm)
•Numero piatti N in GC molto maggiore che in HPLC
MIGLIORAMENTO delle SEPARAZIONI

La Risoluzione (R s) o separazione dei picchi cromatografici


dipende da:
•Scelta fase stazionaria
•Scelta fase mobile
•Temperatura
•Lunghezza colonna

L’ Efficienza (N) o allargamento dei picchi cromatografici


dipende da:
•Fattori costruttivi
•Impaccamento colonna
•Velocità fase mobile