Sei sulla pagina 1di 3
RP: En MO, ». , Nersidi A.R.Borella TANGO [Addie Tabarin Ormai dot-to-ri ma seon- In CANTO* 22222 08 erupnedixty len ~ ti PP [aero] = ten-ti Can-tan-do adwiocit=té versa, ta-zion se ne vas... Ma_premso ad unagranve-tre-ta da mit-le luci arabe~ ‘ hh - z = ett a ¥ 3 = ZOPYRIGHT 1922 BY ITALIAN BOOK CO. Casa Editrice Musicale “oncessionario eschusivo per gli Stati Uniti d'America e Canada Pus FRANCHI - Corso Vittorio Emanuele 18 z oF e eee * © Si’ svende ibd pp atempo reno di aeaTalg™ rentte de-raste 1 soledi af pa ere " Te- ba-rin Jazz Tango Sehinfmy Pox-tvot Danza-tri— oi c0—| / = -eot_e _prser—to a == tumaipitici ve —ay =: a =-- fraitueirossi abat— jour a Te. > git mai [pid. poco rail. [acer] vall.assar _ I 1D FH AR Bode ‘ra, €-un gruppo di studénti ‘mai dottori... ma scontenti, intando: idio citta...,, srso la stazione se ne va. a presso ad una gran vetrata 1 mille luci arabescata, indugian tutti ancora un po’ ticordar... — “Si scende? — “Addio Tabarin, “Paradiso di volutta “che inghiottivi nel ventre dorato “{ soldi di papa! “Tabarin! wz e tingo - Shimmy e Fox-Trét! Danzatrici e cocottes!... € passato tempo folle ormai. u mai pitt ci vedrai, a i tuoi rossi abatjour, laggit.. mai pra. DIO TABA Musica dic Bi Il ; Minata’ d’un terribile male, nel bianco letto d’Ospedale sen muor la “Bella Elene,, PEtoile, dei Bals Tabarins. Amiche e amici affezionati le son d’intorno desolati: “Coraggio... petisa che laggit a tvaspettan tutti .« » —‘“Ormai... non pit, «Addio Tabarins “mie rey smaglianti d’or! “Gai e folli mercati d’ebbrezza e di fugaci amor! Tabarin, quant’oblio mi desti tu, da quel di che laggiit la carezza d'un tango mi chiamd ea scordar m’aiutd che dovevo finire un di cosi |... gui Oibo! li Nell’alta notte desolata Vinsegna sfolgora sfacciata, de! Tabarin, ancor, esca pei nottambuli amor: quand’ecco s’apre la portiera e dall’interno un’ombra nera s'affaccia in atto di fuggir ¢ leva il pugno a maledir: Addio Tabarin, i beffa atroce all’uman dolor! - Vituperio alla povera gente che di miseria muor! Bada a te! Se il “can-can,, del tuo carneval spegne il grido che sal, fatalmente verré la ribeltion! Freme ormai la legion di chi incerto é-d’aver un pan loman. Bada a te, Tabarin! 1 pia reeenti grandi suecessi della casa: se