Sei sulla pagina 1di 1

Minatori Cile, incubo cannibalismo

"Troppa fame, ci abbiamo pensato"


C'è stato, per poco, anche l'incubo del cannibalismo a rendere duri i giorni in attesa
della liberazione per i 33 minatori cileni intrappolati a 700 metri di profondità. Lo ha rivelato uno
di loro, il ventitreenne Richard Villarroel, in un'intervista alla stampa locale. "Aspettavamo la
morte", ha raccontato delle tre settimane prima che venissero localizzati dai soccorritori, "ci
stavano spegnendo, eravamo così magri. Io avevo perso 11 chili".
"Ho temuto di non poter vedere il figlio che mia moglie sta aspettando", ha aggiunto Villarroel, che ha
ammesso di aver pensato al rischio di doversi trasformare in un cannibale per sopravvivere: "Dopo ci
abbiamo scherzato su con gli altri, ma solo dopo che ci hanno trovati", ha spiegato.
Per i 33 minatori cileni che hanno appena concluso il loro calvario di oltre due mesi non ci sono solo
offerte di soldi dai media e regali vari. Anche alcune delle più sensuali modelle cilene non hanno esitato a
mettersi a loro disposizione con la propria specialità. ''Mi offro per 33 strip-dance in privato per ciascuno
di loro. Non c'e' di meglio per sollevare lo stato d'animo'', ha assicurato al quotidiano La Cuarta la
voluttuosa Adriana Barrientos, che attualmente partecipa al programma tv 'La febbre del ballo'. La collega
Nicole 'Luli' Moreno, anche lei curve da infarto, ha esternato a sua volta un'offerta, anche se meno hot:
''Un ballo non mi sembra adatto. Io darei loro una lezione di relax, completandola con un massaggio''.

Francia, ferme raffinerie del Paese


Sciopero contro riforma delle pensioni
Le dodici raffinerie della Francia sono tutte in sciopero nel quadro della mobilitazione contro la
riforma delle pensioni. Le ultime due a proclamare lo sciopero sono state quelle di Gravenchon,
nella regione della Seine-Maritime, e di Reichstett, nella regione del Basso Reno. La protesta ha
già portato al blocco, per mancanza di carburante, dell'oleodotto che rifornisce gli aeroporti
parigini di Orly e Roissy. La battaglia contro l'innalzamento dell'età minima per la pensione volontaria
da 60 a 62 anni rischia davvero di mettere in ginocchio i trasporti in Francia. La società che gestisce i
rifornimenti per gli aeroporti parigini, la Trapil, ha avvertito che lo Charles de Gaulle potrebbe esaurire le
sue scorte di carburante per gli aerei e gli automezzi gia' all'inizio della settimana prossima mentre quello
di Orly può resistere fino a 17 giorni. Il blocco dell'oleodotto collegato ai due scali colpira' anche tre
depositi che riforniscono le stazioni di servizi a sud della capitale. I nuovi blocchi sono arrivato in una
giornata di grande tensione in tutto il Paese per l'intervento della polizia ordinato dal presidente Nicolas
Sarkozy per "liberare" i depositi petroliferi picchettati dai manifestanti che contestano la riforma delle
pensioni.

Fango tossico: arrestato capo ditta


Premier Ungheria: "Azienda negligente"
La marea di fango tossico, che ha causato il disastro ambientale in Ungheria, è stata la
conseguenza dinegligenza umana. Per questo il direttore generale dell'azienda di alluminio,
la Mal S.A., è stato arrestatoe la ditta commissariata sotto il diretto controllo dello Stato.
L'annuncio arriva direttamente dal premier ungherese Viktor Orban. Il bilancio della tragedia è
di otto morti e oltre 100 feriti. Resta alta anche la preoccupazione per lo stato di salute del Danubio. Al
momento il tratto di fiume in territorio serbo non presenta segni di inquinamento. Lo ha detto a Belgrado il
viceministro dell'ambiente, Nebojsa Pokimica. Citato dalla Tanjug, Pokimica ha sottolineato che gli ultimi
rilevamenti sui campioni di acqua del fiume hanno mostrato che i valori sono rimasti ai livelli registrati
prima della fuoriuscita del fango rosso.
"Stiamo effettuando test e controlli, e se ci sarà qualcosa di nuovo, se ci saranno cambiamenti nella
composizione dell'acqua del Danubio, la popolazione sarà avvisata tempestivamente", ha detto Pokimica,
che non è stato in grado di dire quando l'acqua del grande fiume eventualmente inquinata dal fango
tossico raggiungerà la Serbia.