Sei sulla pagina 1di 34

LEUCEMIE

DEFINIZIONE

PROLIFERAZIONE CLONALE
E INCONTROLLATA DI CELLULE
EMOPOIETICHE IMMATURE
LEUCEMIE
CLASSIFICAZIONE

MIELOIDE LINFOIDE
Acuta Acuta
Cronica Cronica
LEUCEMIE MIELOIDI ACUTE
DEFINIZIONE

GRUPPO DI MALATTIE CARATTERIZZATE


DALLA PROLIFERAZIONE CLONALE ED
INCONTROLLATA DI PRECURSORI MIELOIDI
ORIGINE DELLA LAM
CELLULA STAMINALE TOTIPOTENTE

CFU- GEMM

BFU- E CFU- Mega CFU- GM

CFU- M CFU- G
CFU- E

Mieloblasto
Megacariocita Monoblasto

Promielocita

Gl. Rossi Piastrine


Neutrofilo

Monocita
LEUCEMIE MIELOIDI ACUTE
EPIDEMIOLOGIA

• Rara in età pediatrica

• Età mediana > 60 anni

• ~ 70% delle leucemie acute dell’adulto


LEUCEMIE MIELOIDI ACUTE
ENTITA’ CLINICO-BIOLOGICHE
e modalità di insorgenza

LAM
LAM anziano
LAP
} De novo
Secondarie
LEUCEMIE
EZIOLOGIA

•MULTIFATTORIALE
•FATTORI PREDISPONENTI
AMBIENTALI
GENETICI
LEUCEMIE
FATTORI AMBIENTALI:

• Radiazioni
• Benzene
• Pesticidi
• Alchilanti
LEUCEMIE
FATTORI GENETICI PREDISPONENTI

• Sindr. di Down
• Sindr. di Bloom
• Sindr. di Klinefelter
• Anemia di Fanconi
LEUCEMIE
Anomalie genetiche acquisite

• Traslocazioni
• Delezioni
• Mutazioni
Ruolo delle anomalie genetiche

• Patogenesi

• Diagnosi

• Prognosi
SR SR

TRASLOCAZIONE
CROMOSOMICA

SR SR

DEREGOLAZIONE
TRASCRITTO DI FUSIONE
DELLA TRASCRIZIONE
Amplificazione del trascritto di fusione PML/RARα

PML α
RARα

3 4 5 6 3 bcr 1

3 4 5 6 3 bcr 2

3 3 bcr 3
I GENI COINVOLTI NELLE PRINCIPALI
TRASLOCAZIONI DELLE LEUCEMIE
CODIFICANO SPESSO PER FATTORI DI
TRASCRIZIONE
Principali caratteristiche dei
fattori di trascrizione

Localizzazione: nucleare

Struttura: proteine con caratteristici


domini funzionali

Attività: stimolazione/inibizione
della trascrizione
1 = Interaz. recettore/ligando
2 = Trasduz. segnale 1
3 = Trascrizione
2
4 = Divisione cell. 3
5 = Apoptosi
4

.
DIAGNOSI di LAM

• Manifestazioni cliniche

• Esami di laboratorio
Sintomatologia
1) da insufficienza midollare

• Anemia

• Infezioni
• Emorragie
Manifestazioni cliniche
2) Da infiltazione

• Iperviscosita’/leucostasi
• Infiltrati cute / mucose
• Interessamento del SNC
• Disturbi metabol./elettrol.
• Linfoadenomegalie
• Splenomegalia
DIAGNOSI di LAM
Esami di laboratorio

• Emocromo
• Morf. dello Striscio
• Aspirato Midollare
• Citochimica
• Immunofenotipo
• Citogenetica
• Biologia Molecolare
DIAGNOSI di LAM

• Citochimica: mieloperossidasi
sudan black
esterasi

• Immunofenotipo: CD 13 e 33 (Mielo)
CD 11 e 14 (Mono)
CD 34 (Indif.)
DIAGNOSI DIFFERENZIALE

• Reazioni leucemoidi
• Mielodisplasia
• Leucemia acuta linfoide
• Leucemia acuta promielocitica
CLASSIFICAZIONE FAB DELLE LAM

TIPO: DESCRIZIONE

M0 Indifferenziata
M1 Senza Maturazione
M2 Mieloblastica
M3 Promielocitica
M4 Mielomonocitica
M5 Monocitica
M6 Eritroleucemia
M7 Megacarioblastica
ANOMALIE CROMOSOMICHE NELLA LAM

ANOMALIA: SOTTOTIPO LAM: PROGNOSI:

t(8;21) M2 Buona
t (15;17) M3 Buona
inv 16 M4 Buona
alter. 11q23 M4 / M5 e LAM Sec. Intermedia
Crom. #5 LAM Secondaria Cattiva
Crom. #7 LAM Secondaria Cattiva
TERAPIA
Considerazioni generali

• Centri di alta specializzazione

• Rapporto con il paz. e consenso informato

• Coinvolgimento dei familiari


TERAPIA DELLE LAM

LAP ALTRE LAM


TERAPIA DELLA LAM (non M3)

• Lo scopo del trattamento è quello


di ottenere e mantenere la RC

• La guarigione si ottiene nel 30% dei casi


con la CHT e nel 50% con allo TMO

• Nei pazienti anziani, la tolleranza alla


CHT è ridotta e le guarigioni assai rare
TERAPIA DELLA LAM (non M3)

SUPPORTO: CHEMIO: Allo TMO:


età < 45aa
•Gl. Rossi • DNR + ARA-C
•Piastrine Auto TMO:
+ VP-16 età < 65aa
•Antibiotici
•Idratazione
•Allopurinolo
FATTORI PROGNOSTICI NELLA LAM

• Età
• Conta leucocitaria
• Anomalie citogenetiche
• Risposta iniziale alla terapia
• Sesso
• Coinvolgimento del SNC
LAM DELL’ANZIANO

• Frequente evoluzione da SMD


• Cariotipi sfavorevoli
• Ridotta riserva midollare
• Frequente espressione di MDR
• Ridotta tolleranza alle terapie
LEUCEMIA ACUTA PROMIELOCITICA

• Grave sindrome emorragica

• t (15;17) e proteina ibrida pml/rara

• Risposta differenziativa ai retinoidi


TERAPIA DELLA LAP

• Diagnosi genetica
• Combinazione ATRA + antracicline
• Importanza del monitoraggio molecolare
• Non indicazione al trapianto in 1a RC
TERAPIA DELLA LAM
Approcci in fase di sperimentazione

• Immunomodulanti (IL-2)
• Modulatori della MDR
• Anticorpi monoclonali (anti CD33)
• Terapia trascrizionale e differenziativa
• Minitrapianti
TERAPIA E PROGNOSI DELLA LAM
PROSPETTIVE FUTURE

• Identificazione di nuove lesioni genetiche

• Migliore definizione della patogenesi

• Impiego di terapie piu’ mirate