Sei sulla pagina 1di 7

Morfologia esterna

Cuore

Faccia anteriore o sternocostale

Convessa, orientamento

Solco interventricolare anteriore

Incisura cardiaca

Auricole

Solco atrioventricolare

Cono arterioso

Peduncolo vascolare

Faccia postero-inferiore o diaframmatica

Pianeggiante, orientamento

Solco interventricolare posteriore

Incisura cardiaca

Solco coronario o atrioventricolare (porzione atriale e ventricolare)

Crux cordis

Base

Parete postero superiore atri (coperta da a.polmonare e aorta) + striscia inferiore al di sotto del vestibolo atriale (nella faccia diaframmatica) + auricole

Solco interatriale (non sempre visibile)

Tetto o vestibolo dell’atrio sx -> auricola sx

Seno delle vene cave -> auricola dx

Solco terminale (confine laterale del seno vene cave)

Punta

Estremità inf ventricolo sx

V spazio intercostale incrociando la linea emiclaveare (1 cm medialmente)

Nei soggetti magri è apprezzabile l’itto della punta

Margine ottuso (sx)

Ventricolo sx molto sviluppato da convessità al margine

Spesso detta faccia polmonare

Percorso da ramo a.coronaria sx

Margine acuto (dx)

orizzontale

formato da ventricolo dx (base maggiore dell’aia cardiaca) e auricola dx

incisura cardiaca

Rapporti (sempre mediati da pericardio)

Faccia sternocostale

sterno e cartilagini costali (III – V)

seni pleurici costo-mediastinici

piccola area contatto diretto con sterno e cartilagini costali

Faccia diaframmatica

centro frenico diaframma – pericardio aderisce (mediato con fondo stomaco e lobo sx fegato)

Base

Superiormente

peduncolo vascolare in alto (VCS, Aorta ascendente, tronco polmonare)

Destra

pleura mediastinica

nervo frenico

vasi pericardio-frenici

Posteriormente (con mediastino post)

esofago

nervi vaghi

linfonodi medistinici

Punta

Rapporti a distanza

vena azigos

dotto toracico

aorta toracica

circondata da incisura cardiaca (margine ant polmone sx)

anteriormente seno pleurico costo-mediastinico di sx

Margine ottuso (come base)

pleura mediastinica polmone sx (fossa cardiaca)

nervo frenico

vasi pericardio-frenici

Margine acuto (come faccia diaframmatica)

cupola diaframmatica

Morfologia interna

ATRI

Superficie interna

forma globosa, spessi 1 mm

superficie interna liscia (sbocco grandi vene)

aspetto trabecolato (altre zone e auricole)

Setto interatriale:

DX

fossa ovale (residuo Forame di Botallo)

lembo della fossa ovale (margine libero setto secondario)

SX

zona più trasparente corrispondente a fossa ovale

plica semilunare (residuo valvola forame)

ATRIO DX (216A)

sviluppo verticale (tetto, parete ant, post e settale, pavimento=orifizio atrioventr)

seno vene cave liscio

trabecolato da cresta terminale (corrisponde a solco terminale est)

a auricola dx

m.pettinati, rilievi muscolari est da

cresta terminale a auricola

valvola di Eustachio (VCI -> forame botallo)

sbocco seno coronario e valvola di Tebesio (impedisce reflusso in sistole atriale)

sbocco vene minime e cardiache anteriori

ATRIO SX

sviluppo trasversale (tetto, parete ant, post e settale, pavimento)

tetto o vestibolo liscio

meno trabecole e manca confine netto

sbocco 4 vene polmonari senza dispositivi valvolari

sbocco vene minime

Superficie interna

forma conica

trabecole carnee

VENTRICOLI

III° ordine – bassorilievo II° ordine – a ponte

I° ordine – m.papillari con corde tendinee (si inseriscono su margine libero dei lembi

delle valvole atrioventricolari evitandone il ribaltamento nella sistole ventricolare)

orifizio atrioventricolare (porzione di afflusso)

orifizio arterioso (porzione di efflusso)

parte trabecolata

Valvole

Apparato valvolare Atrio-ventricolare

Struttura

o

anello fibroso (circonda orifizio)

o

lamine fibrose o cuspidi (dirette verso cavità ventricolare)

o

corde tendinee (su margine libero e sup parietale)

o strato spongioso (connettivo lasso su sup assiale) con inserz muscolari rivestite da endocardio superficie assiale o atriale / superficie parietale o ventricolare

Chiusura In sistole ventricolare si sollevano premendo le une contro le altre, affacciandosi su una linea di chiusura poco sopra il margine libero, ritenuto in basso dalle corde tendinee

Valvole arteriose (semilunari o a nido di rondine)

Struttura: 3 pieghe semilunari a tasca

o

Anello fibroso

o

Margine aderente

o

Margine libero (con ispessimenti nodulari)

o

Faccia superiore concava e inferiore convessa

rivestite da endocardio dividono porzione di efflusso da origine arteria

Chiusura In diastole ventricolare, le tasche si riempiono e premendo le une contro le altre chiudono l’orifizio arterioso; ispessimenti nodulari (nodulo di Aranzio [Aorta] e nodulo di Morgagni [A.polmonare] completano chiusura. La lunula è la striscia sottile fra linea di chiusura e margine libero

Complessivamente le valvole giacciono su un piano valvolare, parte dello scheletro fibroso del cuore. In senso ant-post: Valvola polmonare -> Valvola aortica -> Tricuspide -> Mitrale

Setto interventricolare Suddivide ventricoli (ventricolo sx da atrio dx – setto atrioventricolare)

DX

Attacco cuspide settale

M. papillare settale

Fascio moderatore di L. da Vinci [trabecola II: da papillare settale a ant]

Convessa

SX

Parte muscolare [trabecole III]

Parte membranacea [superiore – scheletro del cuore]

Concava

VENTRICOLO DX

Piramide triangolare, in sezione 3 mm Sez. trasversale semiluna

Porzione afflusso poche trabecole

Cresta sopraventricolare [continua con Fascio mod di L.Vinci]

Porzione efflusso liscia

Valvola polmonare Semilune: anteriore, dx e sx Nodulo di Morgagni

Valvola tricuspide Cuspidi: ant, post e settale

M. papillari anteriore, post e settale

Raggio curvatura del flusso ampio

VENTRICOLO SX

conoide, in sezione 10 mm Sez.trasversale cerchio

Porzione afflusso poche trabecole

Parte trabecolata [manca cresta sopraventric x divisione]

Porzione efflusso

Valvola aortica Semilune: posteriore, dx e sx [coronariche] Nodulo di Aranzio

Valvola mitrale Cuspide: anteriore [aortica] e post (anteriore più alta, post più larga)

M. papillari Anteriore e post

Raggio di curvatura più stretto

Aia cardiaca

base maggiore: margine acuto del cuore (porzione ventricolare) + parte ventricolo sx

margine dx: auricola dx

margine sx: margine ottuso + parte auricola sx

base minore: peduncolo vascolare

Focolai anatomici Proiezioni delle valvole cardiache (giacciono sul piano cardiaco II-VI cartilagine costale) sulla parete toracica

Focolai di ascoltazione Non corrispondono ai focolai anatomici, ma sono i punti del flusso cardiaco più vicini alla parete toracica che permettono l’ascoltazione del funzionamento valvolare.

Scheletro fibroso Struttura di connettivo fibroso per l’inserzione dei fasci muscolari e impalcatura delle valvole cardiache. Giace sul piano valvolare (anelli fibrosi delle valvole con trigoni fibrosi interposti) e in basso continua con la parte membranacea del setto interventricolare [dal trigono di destra]. L’anello fibroso dell’orifiizio polmonare è più distante ed è collegato tramite il tendine del cono (vd cono arterioso). Dagli anelli fibrosi si dipartono lamine connettivali che costituiscono parte delle cuspidi e delle semilune valvolari.

Muscolatura cardiaca

La componente muscolare è detta miocardio di lavoro (miocardiociti organizzati in fasci, immersi nello stroma)

I fasci originano e terminano sullo scheletro fibroso.

La muscolatura atriale e ventricolare è indipendente [fascio di His unico collegamento]

ATRI

Fasci propri – circondano sbocco vene [vi fanno parte i m.pettinati su auricola dx]

Fasci limbici – circondano fossa ovale sul lato dx

Fasci comuni (a entrambi)

o

Trasversali: superficie sbocco vena cava atrio dx -> circondano atrio sx

o

Verticali: soprattutto sul tetto dell’atrio sx

VENTRICOLI

Fasci propri - formano un sacco subepicardico aperto sul bordo inferiore degli anelli fibrosi atrio-ventricolari

Fasci suturali – uniscono le due sacche proprie

Fasci comuni (superficiali)

o

Anteriori: faccia sterno-costale fino a punta, poi si approfondano e risalgono nel ventricolo sx subepicardici, costituendo i due m.papillari (sx)

o

Posteriori: faccia diaframmatica, si approfondano nel margine acuto, costituendo i tre m.papillari (dx)

SISTEMA DI CONDUZIONE Costituito da miocardio specifico

Nodo seno-atriale

posto tra lo sbocco della VCS e l’atrio (parte superiore linea terminale), pacemaker

Cellule nodali (miocardio specifico) -> miocardiociti di transizione -> miocardio di lav La propagazione avviene attraverso il sincizio funzionale del miocardio di lavoro. Terminazioni parasimpatiche sono presenti nello stroma del nodo. L’eccitazione del nodo AV avviene tramite i tratti internodali ma soprattutto con il sincizio funzionale.

Nodo atrio-ventricolare

Nel setto interatriale, vicino a sbocco seno coronario [apice del triangolo di Koch], applicato sopra il trigono fibroso di dx

Fascio di His

Penetra trigono di dx, costeggia a dx parte membranacea setto interventricolare

Si divide in due branche dx e sx

Nella compagine dei fasci le cellule nodali aumentano di volume per lasciare via via spazio alle cellule giganti di Purkinje Branca dx: entra nella trabecola settomarginale sino al m. papillare ant Branca sx: nastro appiattito, si divide in due rami principali per i due m.papillari

STRUTTURA

Epicardio Foglietto viscerale della sierosa cardiaca, riveste interamente cuore e in alto si

riflette nel foglietto parietale (riveste internamente sacco fibroso pericardico).

- Mesotelio

- Strato sottoepicardico (connettivo in connessione con quello interstiziale muscolare sottostante, vi decorrono i vasi coronarici)

Miocardio Miocardio di lavoro (tessuto muscolare cardiaco: strie scalariformi, sincizio funz, fattore atriale natriuretico ANF per incrementare pipì e rilascio musc liscia x farla!) Miocardio specifico (cellule nodali, cellule di transizione e cellule gig di Purkinje)

Endocardio Riveste intimamente le cavità interne, forma i lembi delle valvole.

- Endotelio (in continuità con i grossi vasi)

- Strato sottoendoteliale (connettivo in connessione con quello interstiziale del miocardio sovrastante, manca nei m.papillari, vi decorrono le ramificazioni terminali del sistema di conduzione)