Sei sulla pagina 1di 2

- Vena cava superiore: scende verticalmente nella parte superiore del mediastino anteriore e si apre allinterno del tetto

dellatrio.

- Vena cava inferiore: presenta un orifizio che si trova in asse con quello della vena cava superiore, situato nella parete posteriore al limite con il pavimento dellatrio.

Ventricoli.
Hanno forma conica , i muscoli papillari, trabecole impiantate sulla parete ventricolare e con lestremit rimanente emanano un tendine (corda tendinea), insieme formano
lapparato di tensione valvolare.

Valvole atrioventricolari

Le valvole atrioventricolari sono dette valvole a lembi o a cuspidi in quanto son costituite da lamine di forma pressappoco triangolare che: Le due valvole dei rispettivi ventricoli differiscono per il numero di cuspidi: - valvola atrioventricolare destra (tricuspide): possiede due cuspidi - Valvola atrioventricolare sinistra (bicuspide o mitrale): possiede soltanto due lembi. Ciascuna cuspide contiene una lamina fibrosa in posizione centrale , Le cuspidi non sono vascolarizzate: si nutrono per diffusione direttamente dal sangue in cui sono immerse.

Valvole arteriose.

Le valvole arteriose sono dette valvole semilunari e hanno unorganizzazione pi semplice rispetto alle valvole atrioventricolari: - costituite da tre pieghe membranose a tasca situate in corrispondenza della giunzione tra porzione di efflusso del ventricolo e origine dellarteria. Nella porzione di aggancio presente

Setto interventricolare.
Il setto interventricolare separa i due ventricoli luno dallaltro e si estende per tutta laltezza dei ventricoli:

in superficie corrisponde ai solchi interventricolari anteriore e posteriore.

Valvola polmonare.

La valvola polmonare, situata in corrispondenza dellorifizio dellarteria del tronco polmonare, presenta lorganizzazione caratteristica delle valvole semilunari: - tre tasche di uguali dimensioni - Semiluna anteriore - Semilune posteriori desta e sinistra - Ciascuna semiluna possiede sul margine libero il relativo nodulo di Morgagni. - Le semilune posteriori destra e sinistra sono in contatto con le relative semilune della valvola aortica, poich possiedono gli anelli tendinei a contatto.

Valvola atrioventricolare destra o tricuspide.

La valvola atrioventricolare destra prende il nome di valvola tricuspide, in quanto costituita da 3 lembi, parzialmente fusi a livello della loro base dimpianto: - cuspide anteriore - Cuspide posteriore - Cuspide mediale o settale. Con una certa frequenza nelle commessure tra una cuspide e laltra possono essere presenti piccole cuspidi accessorie che non compromettono la funzionalit della valvola

Valvola aortica.

La valvola aortica presenta tre tasche semilunari dotate del nodulo di Aranzio, come quelle del ventricolo destro: - due anteriori (destra e sinistra) - Una posteriore Le semilune destra e sinistra: - si interfacciano con lo scheletro fibroso con le omonime semilune del ventricolo destro. - Sono dette semilune coronariche, in quanto sopra di esse originano i seni aortici che danno luogo alle arterie coronarie destra e sinistra.

Valvola atrioventricolare sinistra o mitrale.

La valvola mitrale presenta soltanto 2 cuspidi, collegate in corrispondenza del loro margine aderente da delle commessure.: - cuspide anteriore (o aortica): altezza notevole, ma pi stretta - Cuspide posteriore: pi larga e pi bassa.

La cuspide anteriore assume stretti rapporti di contiguit con la valvola aortica, in quanto i due anelli fibrosi da cui traggono origine a livello degli orifizi, sono fusi. Le corde tendinee che si inseriscono sul margine libero delle cuspidi originano dai due muscoli papillari: Ventricolo sinistro. Vista mediale da sinistra, con ventricolo aperto.

Sistema di conduzione del cuore.


Il sistema di conduzione del cuore permette: - corretta conduzione e distribuzione dello stimolo contrattile - Insorgenza ritmica dello stimolo contrattile che alla base dellautomatismo cardiaco. Il sistema di conduzione del cuore costituito da: - nodo del seno (nodo senoatriale) - Nodo atrioventricolare - Fascio atrioventricolare e le sue diramazioni intraventricolari.

Nodo senoatriale
Il nodo del seno (o nodo senoatriale) il vero pacemaker (generatore di impulsi, segnapassi) del cuore: - da esso ha origine limpulso contrattile - Questo origina e si diffonde in maniera autonoma Il nodo seno atriale (seno delle vene cave: porzione posteriore, a superficie liscia, in cui sboccano le vene cave e il seno coronario) situato nello spessore della parete dellatrio destro Il nodo costituito da piccoli elementi di miocardio specifico, dette cellule nodali,

Nodo atrioventricolare.
Il nodo atrioventricolare situato sul lato destro della parte basale del setto interatriale, in vicinanza dello sbocco del seno coronario: Il nodo atrioventricolare formato da cellule nodali strettamente addossate luna allaltra: - irrorato da uno specifico ramo arterioso (arteria del nodo atrioventricolare), originato dallarteria coronarica dominante, in prossimit della crux cordis. - innervato da esili rami del plesso cardiaco - Si continua senza precisa demarcazione nel fascio atrioventricolare. Il nodo atrioventricolare formato da cellule nodali strettamente addossate luna allaltra:

Fascio atrioventricolare.
Il fascio atrioventricolare (o fascio di His), dopo lorigine dal nodo atrioventricolare percorre il setto atrioventricolare fino a raggiungere la superficie ventricolare con le fibre di Purkinje

Struttura
La parete del cuore costituita da tre strati che si susseguono dalla superficie alla profondit: - epicardio - Miocardio - Endocardio

Pericardio.
Il pericardio un sacco fibrosioreoso che accoglie il cuore e il peduncolo vascolare(Aorta, tronco polmonare e vena cava superiore, costituiscono il peduncolo vascolare del cuore, il quale nasconde la faccia anteriore dei due atri)

Miocardio.
Il miocardio lo strato pi spesso della parete cardiaca ed costituito da una particolare variet di tessuto muscolare striato, il tessuto miocardico

Endocardio.
Lendocardio una membrana biancastra, liscia e lucente che riveste internamente le cavit cardiache: - si adegua a tutte le superfici aderendo strettamente - A livello degli orifizi atrioventricolari e arteriosi forma delle pieghe caratteristiche, adagiandosi sui lembi valvolari. - Il suo spessore massimo (0,2 mm) a livello del ventricolo sinistro.