Sei sulla pagina 1di 13

Corso di Matematica Trigonometria

Trigonometria
La trigonometria (dal greco trgonon (, triangolo) e mtron (, misura): misurazione del
triangolo) la parte della matematica che studia i triangoli a partire dai loro angoli. Il compito principale della
trigonometria, cos come rivela l'etimologia del nome, consiste nel calcolare le misure che caratterizzano gli
elementi di un triangolo (lati, angoli, mediane, etc.) partendo da altre misure gi note (almeno tre, di cui
almeno una lunghezza), per mezzo di speciali funzioni. Tale compito indicato come risoluzione del triangolo.
anche possibile servirsi di calcoli trigonometrici nella risoluzione di problemi correlati a figure geometriche pi
complesse, come poligoni o figure geometriche solide, ed in molti altri rami della matematica e delle scienze.
Le funzioni trigonometriche (le pi importanti delle quali sono il seno e il coseno), introdotte in questo ambito,
vengono anche usate in maniera indipendente dalla geometria, comparendo anche in altri campi della
matematica e delle sue applicazioni, ad esempio in connessione con la funzione esponenziale o con le
operazioni vettoriali.

Angoli e misura di un angolo (gradi e radianti)


Definizione e significato di radiante (raggio = 1 e angolo = arco)
Utilizzando il goniometro, possibile misurare
langolo .
Il grado sessagesimale la trecentosessantesima
parte dellangolo giro, in altre parole, langolo giro
composto da 360.
Nellesempio riportato in figura, langolo  misura
40.
Ad un angolo di 40, se il raggio vale una unit,
corrisponde un arco della lunghezza di 0.7 unit. Si
pu dunque dire che langolo  vale 0.7 radianti.
Il senso positivo di apertura di un angolo avviene in
senso antiorario.
Esempio, quanti radianti vale langolo coperto da un ciclista che percorre 200 metri su una pista circolare che dista 300
metri dal centro?
Esempio: Il pianeta terra compie una rivoluzione completa attorno al sole in circa 365 giorni (si ponga 360 per semplicit
dei calcoli), la distanza della terra dal sole vale mediamente circa 150'000'000 Km. Che angolo copre il nostro pianeta in 80
giorni? E che distanza percorre nello spazio?

-1
ing. L. Balogh
laurent.balogh@ti.ch

Corso di Matematica Trigonometria

Misura degli angoli: Grado sessagesimale


Un grado sessagesimale (o grado d'arco, o semplicemente grado), indicato dal simbolo (in apice) o con
l'abbreviazione "deg", un'unit di misura per gli angoli; rappresenta 1/360 della circonferenza di un cerchio.
Quando si usano i gradi, vengono utilizzati anche dei sottomultipli: i minuti (1/60 di grado, o 1/21600 di
circonferenza, indicato dal simbolo ' ) e i secondi (1/60 di minuto, o 1/1296000 di circonferenza, indicato dal
simbolo '' ).

Passaggio da grado sessagesimale a numero decimale e viceversa


Per trasformare un numero sessagesimale in numero decimale, si prende la parte intera e vi si sommano i
minuti primi divisi per sessanta pi i secondi divisi per 3600. Per passare invece dai numeri decimali ai numeri
sessagesimali, occorre prendere la parte intera e sommarvi lulteriore parte intera della parte decimale
moltiplicata per sessanta, e si somma ancora lulteriore parte decimale approssimando gli eventuali decimali al
secondo.
Esempi:
Da sessagesimale a decimale
30
430 00 = 4 +
= 4.5
60
30
36
430 36 = 4 +
+
= 4.51
60 3600
52
26
55226" = 5 +
+
5.8739
60 3600
72
47200" = 4 +
= 5.2
60
52
83
55283" = 5 +
+
5.89
60 3600

Da decimale a sessagesimale

4.5 = 4 0.5 60 = 430 00

4.51 = 4 0.51 60 = 430 0.6 60 = 430 36

5.8739 = 5 0.8739 60 = 452 0.434 60 552 26


5.2 = 5 0.2 60 = 51200

5.89 = 5 0.89 60 = 553 0.4 60 = 55324

-2
ing. L. Balogh
laurent.balogh@ti.ch

Corso di Matematica Trigonometria

Misura degli angoli: Rapporto tra circonferenza e diagonale: PI greco e Radiante


Facendo il rapporto tra la circonferenza di un cerchio
e il suo diametro, si ottiene sempre lo stesso numero.
Questo numero, noto fin dallantichit, prende il
nome di Pi greco, lo si rappresenta col simbolo , un
numero irrazionale, possiede cio infinite cifre
decimali, e, pertanto, si pu unicamente calcolare una
sua approssimazione, a seconda delle cifre
significative di cui si necessita.
 

0
=
0 =  |=>|
|=>|

Circonferenza:

!"#!$%&'#'%()
*")+',#$
siccome:

!=- #

|=>| = 2. 0 = 2.

dunque, langolo giro vale:

Per trovare il valore degli altri angoli, si procede


calcolando i sottomultipli:

13"),,$ =

. = 1 0 = 2

12"#$ = - #)*

#)*

1#',,$ =

#)*

Attivit: Si prenda un oggetto rotondo (canestro della carta) e si misuri la sua circonferenza con un metro da sarta, si
misuri anche il diametro e si faccia il rapporto tra la circonferenza e il diametro. Se le misure sono state prese con
precisione, si dovr ottenere un valore prossimo a 3.14.

Conversione gradi radianti e viceversa, con una proporzione e con la formula


Per convertire il valore di un angolo dai gradi ai radianti e viceversa, basta fare una proporzione:
Proporzione

Esempi:

1 4*'25 1 4#)*5
=
678

Trasforma
in radianti:

Passaggio da gradi a radianti


1 4#)*5 = 1 4*'25

678

Trasforma
in gradi:

Soluzione:

Passaggio da radianti a gradi


1 4*'25 = 1 4#)*5
Soluzione:

678


180
=  .9:
 .9:

= 180
180




 180
90
= .9:
.9:
90

= 90
180 2
2
2 



 180
30
= .9:
.9:
30

= 30
180 6
6
6 

14
14
14 180
;56
;56
= ;  .9:
;  .9:
; 
= ;56
45
45
45
180


180
43
0.75 .9:
43
0.75 .9:
0.75
42.97
180

Attivit: Si utilizzino le formule per trasformare i gradi in radianti e viceversa per gli angoli in questa pagina, si provi poi
con angoli qualsiasi.
180

180

-3
ing. L. Balogh
laurent.balogh@ti.ch

Corso di Matematica Trigonometria

Multipli dellangolo di 45 e multipli dellangolo di 30


Multipli di 45, /A #)*

Multipli di 30, /B #)*

angolo in gradi

angolo in radianti

nome angolo

angolo in gradi

angolo in radianti

angolo nullo

45

/4

90

135

/-

270

315
360

60
angolo retto

3/4

180

225

30

120
150
angolo piatto

5/4

180

210
240

C /-

270

7/4
-

90

300
330
angolo giro

360

/6
/3

/-

2/3
5/6
7/6
4/3

C /5/3

11/6
-

Esempio: per calcolare langolo di 225, si pu contare Esempio: per calcolare langolo di 150, si pu contare
quanti multipli di /4 occorrono, nel caso specifico, quanti multipli di /6 occorrono, nel caso specifico,
allangolo di 225, occorrono 5 multipli di /4, dunque allangolo di 225, occorrono 5 multipli di /6, dunque
langolo vale 5/4. Analogamente, langolo di 270 langolo vale 5/6. Analogamente, langolo di 240
corrispondono 3 multipli dellangolo retto, dunque esso corrispondono 8 multipli dellangolo /6, dunque esso vale
vale 3/2.
8/6, cio 4/3.
Attivit: Si trovino, e si costruisca una tabella come quella sopra, per i multipli dellangolo di 15.

-4
ing. L. Balogh
laurent.balogh@ti.ch

Corso di Matematica Trigonometria

Cerchio Goniometrico

I valori delle funzioni seno e coseno possono variare entro un intervallo compreso tra ;6 e 6, una
volta compiuto un intero giro, i valori delle funzioni si ripetono, si dice cio che le funzioni
trigonometriche sono funzioni periodiche.
Dato il Cerchio goniometrico, si
possono individuare le seguenti
grandezze:
raggio: |LM| = # = 6
coseno dellangolo:
|LMN | = J 1
Periodo: -O , O R
seno dellangolo:
HLMS H = JK 1
Periodo: -O , O R

tangente dellangolo:
HLMS H
JK 1
|TU| =
= VWK 1 =
|LMN |
J 1
Periodo: O , O R
cotangente dellangolo
|XY| = VWK 1
Periodo:

Relazione fondamentale (Pitagora)


ed equazione della circonferenza:
G

|DEF |G + HDEI H = 1 J - 1 + JK- 1 = 6

Valori cardinali delle funzioni seno, coseno e tangente


fondamentale, per le innumerevoli applicazioni matematiche e tecniche in generale che questo aspetto
comporta, saper ricostruire mentalmente le quattro situazioni cardinali sottostanti, e saper sempre ricostruire i
relativi valori trigonometrici
Angolo nullo 40, 0 .9:5 e
supplementare ang. retto
Angolo retto
Angolo piatto

3
angolo giro
4180,  .9:5
Z90, .9:[
\270,  .9:]
4360, 2 .9:5
2
2

J 8 = 6
JK 8 = 8

VWK 8 = 8

J ^8 = 8

J 678 = ;6

JK ^8 = 6

JK 678 = 8

VWK ^8 =

VWK 678 = 8

-5
ing. L. Balogh
laurent.balogh@ti.ch

J -_8 = 8

JK -_8 = ;6

VWK -_8 = ;

Corso di Matematica Trigonometria


.9:[
6


.9:[
4


.9:[
3

Alcuni valori notevoli delle funzioni seno, coseno e tangente


Z30,

Z45,

Z60,

 4:ab5
0

30
1
cos 30 = 3
2
1
sin 30 =
2
1
tan 30 = 3
3

1
cos 45 = 2
2
1
sin 45 = 2
2
tan 45 = 1

1
cos 60 =
2
1
sin 60 = 3
2
tan 60 = 3

45
60
90

 4.9:5
0

6

4

3

2

sin 
0
1
2

1
2
2
1
3
2
1

cos 
1
1
3
2
1
2
2

tan 

1/2
0

0
1
3
3
1

Dimostrazione dei valori notevoli dellangolo di 45 e degli angoli di 30 e 60


Angolo di 45 : semidiagonale del quadrato

Quando langolo vale 45, il raggio pu essere


considerato come il lato del quadrato OPQR. Il seno e
il coseno dellangolo sono la mezza diagonale di
questo quadrato. Essendo la diagonale di un quadrato
pari al lato moltipliocato per la radice di due, ed
essendo il lato pari al raggio, ossia, uguale a uno, vale:
6
J Ak = JK Ak = Angoli di 30 e 60: altezza del triangolo equilatero

Quando langolo vale 30, il raggio pu essere


considerato come il lato del triangolo OPV, che un
triangolo equilatero, di conseguenza, essendo tutti i
lati uguali, PT vale 0.5:
6
JK C8 =
Il coseno invece pu essere ricavato tramite pitagora:

1 G
3
6
cos 30 = l1 ; m n = l J C8 = C
2
4
Quando langolo vale 60, valgono le medesime
considerazioni per langolo di 30, se non che seno e
coseno, essendo in questa situazione simmetrici, si
scambiano i valori:
6
6
J B8 = ; JK B8 = C
-

-6
ing. L. Balogh
laurent.balogh@ti.ch

Corso di Matematica Trigonometria

Dominio e codominio delle funzioni trigonometriche


Funzione

Notazione

seno
coseno
tangente

sen, JK
J

VWK, tg

Dominio


\ u + rv
2

Codominio

Zeri

4;1 , +15


+ r
2

4;1 , +15

r

Periodo

r

r

Funzioni trigonometriche: coseno e seno di un angolo


Funzione del coseno

Funzione del seno

Funzione della tangente

Sovrapposizione delle funzioni del coseno e del seno e della tangente di un angolo

-7
ing. L. Balogh
laurent.balogh@ti.ch

2r
2r

F. inversa

arcoseno
arcocoseno
arcotangente
(cotangente)

Corso di Matematica Trigonometria

Operazioni trigonometriche inverse: arcocoseno, arcoseno, e arcotangente


Le operazioni trigonometriche inverse, permettono di trovare il valore dellangolo partendo dai lati noti.
Trovare langolo dato il coseno
cos  = w  = arccos w = yz{{9 09{0|{9w.}0a: cos w
(ipotenusa e cateto adiacente)
Trovare langolo dato il seno
sin  = w = arcsin w = yz{{9 09{0|{9w.}0a: sin w
(ipotenusa e angolo opposto)
1
Trovare langolo data la tangente
tan  = w  = arctan w = cotan w = tan w =
(due cateti)
tan w

Attenzione:

arccos w = cos w

1
1

cos t cos 

arcsin w = sin w

1
1

sin t sin 

Dominio e codominio delle funzioni trigonometriche


Funzione
arcoseno
arcocoseno
arcotangente
(cotangente)

Notazione

Dominio

arcsen
WJK

4;1 , +15

V, tan

\ r

WJ

4;1 , +15

Codominio
 
Z; , [
2 2
40, 5

 
[; , Z
2 2

Utilizzo della calcolatrice tascabile classica

Zeri

0
1
0

Periodo

F. inversa

arcoseno

arcocoseno

arco
cotangente
(tangente)

Le funzioni arcocoseno e arcocoseno sono rappresentate rispettivamente con i simboli cos e sin ,
questi vanno interpretati come linverso della funzione coseno e linverso della funzione seno, nel senso
appunto di arcocoseno e arcoseno rispettivamente, e non come linverso del prodotto. Larcotangente invece,
oltre ad essere la funzione inversa della tangente, anche linverso del prodotto della tangente.
Per eseguire i calcoli goniometrici con una calcolatrice tascabile classica, occorre digitare il numero (il quale
appare sul display) e poi premere il tasto con loperazione desiderata (sin, cos, tan).
Quando si eseguono i calcoli goniometrici molto importante specificare se si sta operando con gradi
sessagesimali (DEG) o in radianti (RAD), solitamente, sul display appare la dicitura DEG o RAD, a seconda
del modo attivo. Esiste anche una terza unit, il gradiente, quando si opera in modalit gradiente, sul display
appare la dicitura GRA. Limpostazione del modo DEG, RAD o GRA sulla calcolatrice varia da modello a
modello, a volte basta premere un tasto, a volta occorre premere una combinazione di tasti.
Sulle calcolatrici, oltre ai simboli e alle funzioni disponibili sui tasti, si possono utilizzare i simboli e le funzioni
visualizzabili sopra i tasti (o sotto), per accedervi, occorre premere il tasto INV (SHIFT o 2nd o altre
diciture ancora a seconda del modello) prima del tasto desiderato.
-8
ing. L. Balogh
laurent.balogh@ti.ch

Corso di Matematica Trigonometria

Esempio: per visualizzare il numero  sul display, premere INV  .


Operando in gradi: deg
MODE 4

Operando in radianti: rad


MODE 5

Esempio: si calcoli il seno di 70:


7 0 sin
Il risultato ritornato :

Esempio: si calcoli il seno di /5:


INV  5 = sin
Il risultato ritornato :

Esempio: si calcoli il coseno di -56:


5 6 +/- cos
Il risultato ritornato :

Esempio: il coseno di ;3/7


3 x INV  +/- 7 = cos
Il risultato ritornato :

Esempio: la tangente di 40:


4 0 tan
Il risultato ritornato :

Esempio: la tangente di /3:


INV  3 = tan
Il risultato ritornato :

Esempio: larcoseno di 0.84:


0 . 8 4 INV sin
Il risultato ritornato in gradi:

Esempio: larcoseno di 0.36:


0 . 3 6 INV cos
Il risultato ritornato in gradi:

Esempio: larcotangente di -0.15:


0 . 1 5 +/- INV tan
Il risultato ritornato in gradi:

Il risultato in radianti:

Il risultato in radianti:

Il risultato in radianti:

Attivit: si verifichino i risultati mostrati utilizzando una calcolatrice tascabile.

Triangolo rettangolo costruito sul semicerchio dellipotenusa

, i cateti che dagli estremi = e


Data una diagonale =>
> sincontrano nel punto C ( = >) sulla
semicirconferenza, individuano sempre un angolo
retto.
: Ortocentro, D: Incentro
), : cateti, !: ipotenusa
Pitagora:
0 G = 9G + G
: angolo retto
Soma angoli:  + = = 90

La somma degli angoli interni di qualsiasi triangolo vale 180, ed essendo , di un triangolo rettangolo, retto uno
dei tre angoli, si conclude che la somma degli altri due valga 90.

Attivit: si verifichi che langolo in (cos come in e G )sia retto, si misurino gli angoli  e e si verifichi che la loro
somma valga effettivamente 90.
Attivit: Si disegnino alcuni triangolo qualsiasi, si misurino i suoi angoli interni e si verifichi che la loro somma valga sempre
180

-9
ing. L. Balogh
laurent.balogh@ti.ch

Corso di Matematica Trigonometria

Risoluzione del triangolo rettangolo: coseno, seno e tangente di un angolo


Le funzioni trigonometriche trovano unimmediata applicazione geometrica nel triangolo rettangolo, in
particolare, dato un lato qualsiasi e un altro lato o angolo, possibile risolverlo in tutti gli altri lati e angoli.
Triangolo rettangolo
Relazioni:
9:
:
0:

cateto opposto ad 
cateto adiacente ad 
ipotenusa

J 1 =
JK 1 =

VWK 1 =

= ! J 1
!

)
) = ! JK 1
!

)
JK 1
VWK 1 =

J 1

VWK 1 =

J 1
= VWK6 1 =
)
JK 1

JK- 1 + J- 1 = !In un triangolo rettangolo, il coseno di un angolo rappresenta la lunghezza del lato adiacente moltiplicato per
la lunghezza dell'ipotenusa, il seno invece il lato opposto moltiplicato per l'ipotenusa. La tangente di un
angolo poi il rapporto tra il seno e il coseno dello stesso angolo,cio tra il lato opposto e il lato adiacente, e
non dipende dallipotenusa.

Esempi risolti
Dati:

Trovare:

0 =?
 =?
=?

Soluzione algebrica:

Sostituzione numerica e risultati:

due cateti
9 =5z
=8z
Dati:

Trovare:
=?
0 =?
=?

Soluzione algebrica:

= 9 tan 
9
0=
|. 0 = 9G + G
cos 
= 90 ; 

Sostituzione numerica e risultati:

Trovare:

Soluzione algebrica:

Sostituzione numerica e risultati:

Trovare:
9 =?
=?
=?

Soluzione algebrica:
9 = 0 cos 
= 0 sin 
= 90 ; 

Sostituzione numerica e risultati:

Trovare:

Soluzione algebrica:

Sostituzione numerica e risultati:

angolo e cateto
opposto
 = 35
9 =5z
Dati:
angolo e cateto
adiacente
 = 27
=6z
Dati:
angolo e
ipotenusa
 = 54
0 =9z
Dati:

cateto e
ipotenusa
9 =9z
0 = 15 z

9 =?
0 =?
=?

9 =?
=?
=?

0=

9G

tan  =  = tan m n
9
9
= 90 ; 

9 = tan 

0=
|. 0 = 9G + G
sin 
= 90 ; 

9=

0 G

;
9
9
cos  =  = arccos u v
0
0
= 90 ; 
- 10

ing. L. Balogh
laurent.balogh@ti.ch

0 = 5G + 8G = 89 z 9.43 z
8
 = tan m n 58
5
90 ; 48 42
= 5 tan 35 3.50 z
5
0=
6.10 z
cos 35
= 90 ; 35 = 55

9 = 6 tan 27 11.78 z


6
0=
13.22 z
sin 27
= 90 ; 27 = 63
9 = 9 cos 54 5.29 z
= 9 sin 54 7.28 z
= 90 ; 54 = 36

9 = 15G ; 9G = 12 z
9
 = arccos m n 53.13
15
90 ; 53.13 36.87

Corso di Matematica Trigonometria

Attivit: Si rappresentino i triangoli degli esercizi appena visti.


Esercizi con soluzione: Si svolgano i seguenti esercizi con lausilio della calcolatrice e si confrontino le soluzioni
Tipo di
due cateti
angolo e cateto
angolo e cateto
angolo e
cateto e ipotenusa
problema
adiacente
opposto
ipotenusa
Dati del
problema
Soluzioni:

9=2z
=4z

0 = 4.47 z
 = 63.43
= 26.57

 = 70
9 =6z

 = 28
=5z

= 16.48
0 = 17.54
= 20

 = 22
0 = 12 z

9 =?
0 =?
=?

9 =?
=?
=?

Attivit: Si rappresentino i triangoli degli esercizi appena svolti.

9 =6z
0 = 13 z
9 =?
=?
=?

Area del triangolo qualunque, con lutilizzo della trigonometria


Altezza:

= sin 

Area:

= =

1
1
= = 0 = 0 sin 
2
2
= =

Erone:

9G sin  sin 
2 sin 

90
= 2. G sin  sin  sin 
4.

perimetro: = 9 + + 0
; 9

: = 2

; 0

= = + + +
Attivit: Una volta compresi i meccanismi della trigonometria, si provi a disegnare dei triangoli e si utilizzino le
varie tecniche conosciute per calcolare larea dei vari triangoli e si confrontino i risultati ottenuti, si utilizzi
anche la formula di Erone.
Teorema della corda
!
= -#
JK 
Teorema del seno
)

!
=
=
JK 1 JK  JK 
Teorema del coseno
)- = - + !- ; -! J 1
- = )- + !- ; -)! J 
!- = )- + - ; -) J 

- 11
ing. L. Balogh
laurent.balogh@ti.ch

Corso di Matematica Trigonometria

Relazioni fondamentali

J- 1 + JK- 1 = 6

VWK 1 =

JK 1
J 1

Periodicit delle funzioni trigonometriche


cos  = cos  + - 

sin  = sin  + - 

tan  = tan  + 

Multipli di alcuni archi

sin  = ;sin ;


sin  = sin  ; 
sin  = ;sin  + 

sin  = cos u ; v
2

sin  = ;cos u + v
2

tan  = ; tan ;


tan  = ; tan  ; 
tan  = tan  + 

cot  = tan u ; v
2

cot  = ;tan u + v
2

cos  = cos ;


cos  = ;cos  ; 
cos  = ;cos  + 

cos  = sin u ; v
2

cos  = sin u + v
2

Formule di addizione e sottrazione


Le formule di addizione e sottrazione permettono di trasformare le funzioni trigonometriche della somma o
differenza di due angoli in un'espressione composta da funzioni trigonometriche dei due angoli.
JK 1 +  = JK 1 J  + J 1 JK 
JK 1 ;  = JK 1 J  ; J 1 JK 
J 1 +  = J 1 J  ; JK 1 JK 
J 1 ;  = J 1 J  ; JK 1 JK 
tan  + tan 
tan  ; tan 
tan  +  =
tan  ;  =
1 ; tan tan 
1 + tan tan 

Formule di duplicazione
cos 2 = cosG  ; sinG 

sin 2 = 2sin cos 

Formule di bisezione

1 + cos 
cosG u v =
2
2

1
;
cos 
tanG u v =
2
1 + cos 

tan 2 =

2tan 
1 ; tanG 


1 ; cos 
sinG u v =
2
2

1 ; cos 
sin 
tan u v =
=
2
sin 
1 + cos 

Formule di prostaferesi: Trasformazione di una somma in un prodotto


1+
1;
JK 1 + JK  = - JK m
n J m
n
1+
1;
JK 1 ; JK  = - J m
n JK m
n
-

1+
1;
JK 1 + J  = - J m
n J m
n
1+
1;
J 1 ; J  = ; - JK m
n J m
n
-

Formule di Werner: Trasformazione di un prodotto in una somma


1
sin  cos  = 4sin  +  + sin  ; 5
2
1
cos  cos  = 4cos  +  + cos  ; 5
2
ing. L. Balogh
laurent.balogh@ti.ch

1
cos  cos  = 4cos  +  + cos  ; 5
2

- 12

Corso di Matematica Trigonometria

Applicazioni
Proiezione di un vettore

Piano inclinato

- 13
ing. L. Balogh
laurent.balogh@ti.ch