Sei sulla pagina 1di 170
A.A. 2013-14 Geometria 2 UNICA Stefano Montaldo
A.A. 2013-14
A.A.
2013-14
A.A. 2013-14 Geometria 2 UNICA Stefano Montaldo
A.A. 2013-14 Geometria 2 UNICA Stefano Montaldo

Geometria 2

A.A. 2013-14 Geometria 2 UNICA Stefano Montaldo

UNICA

Stefano Montaldo

ii

Indice

1 Generalità sugli spazi a ni

1

1.1 Spazi ani

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

1

1.1.1 Sottospazi ani

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

3

1.1.2 Intersezione di sottospazi ani parallelismo

 

4

1.1.3 Coordinate ani

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

5

1.1.4 Cambiamenti di coordinate ani

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

6

1.2 Trasformazioni ani

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

8

1.2.1

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

11

1.3 Esercizi

Il gruppo ane .

.

.

.

.

.

.

.

.

2 Generalità sugli spazi euclidei

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

11

13

2.1 Il prodotto scalare .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

13

2.1.1 Proiezioni ortogonali

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

16

2.1.2 Il procedimento di Gram-Schmidt

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

17

2.1.3 Applicazioni della proiezione ortogonale

.

.

.

.

.

.

.

18

2.2 Spazi euclidei

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

20

2.2.1

Coordinate ortogonali

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

20

2.2.2

Trasformazioni ortogonali

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

21

2.2.3

Endomorfismi simmetrici

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

22

2.2.4

Trasformazioni euclide ed isometrie

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

24

Il gruppo delle isometrie 2.3 .

2.2.5

Esercizi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

27

27

iv

INDICE

3 Geometria euclidea del piano e dello spazio

 

29

3.1 Riferimento Cartesiano nello spazio

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

29

3.2 Sottospazi ani del piano e dello spazio

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

33

3.2.1 La retta ane .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

33

3.2.2 Geometria piana della retta

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

34

3.2.3 Esercizi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

40

3.2.4 Il piano ane

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

42

3.3 Problemi geometrici sulle rette ed i piani nello spazio

.

.

.

.

.

48

3.3.1

Esercizi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

57

4 Classificazione delle isometrie del piano e dello spazio

 

60

4.1 Trasformazioni ortogonali di uno spazio di dimensione 2

.

.

.

61

4.2 Classificazione delle isometrie del piano

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

64

4.3 Classificazione delle trasformazioni ortogonali in dimensione 3

68

4.4 Angoli di Eulero

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

70

4.5 Classificazione delle isometrie dello spazio

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

72

4.6 Esercizi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

74

5 Geometria quadratica 1

 

76

5.1 Sfere e circonferenze

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

76

5.1.1 Circonferenza per tre punti e sfera per quattro punti

 

78

5.1.2 Parametrizzazione della circonferenza e della sfera

 

.

.

80

5.1.3 Intersezione di una sfera (circonferenza) con una retta

81

5.1.4 Potenza di un punto rispetto ad una sfera (circonferenza)

85

5.1.5 Intersezione di due circonferenze

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

88

5.1.6 Fasci di circonferenze

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

89

5.1.7 Circonferenza su un piano qualunque dello spazio

 

90

5.1.8 Esercizi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

92

5.2 Cilindri e Coni

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

95

5.2.1 Equazione cartesiana del cilindro e del cono

 

97

5.2.2 Cono e cilindro circoscritto ad una sfera

 

.

.

.

.

.

98

5.2.3 Esercizi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

98

5.3 Coniche come luogo geometrico

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

99

5.3.1 Esercizi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

104

5.3.2 Parametrizzazioni delle coniche in forma canonica

.

.

105

5.4 Superfici di rivoluzione

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

106

5.4.1

Equazione parametrica di una superficie di rivoluzione

107

INDICE

v

5.5

Quadriche di rotazione

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

107

5.5.1 Ellissoidi

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

108

5.5.2 Iperboloidi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

109

5.5.3 Paraboloidi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

111

5.5.4 Esercizi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

114

6 Geometria quadratica 2: quadriche e coniche a ni

 

116

6.1 La definizione di quadrica e conica .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

116

6.2 Intersezione di una quadrica con un piano

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

121

6.3 Intersezione di una quadrica con una retta

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

123

6.3.1 Asintoti di una conica

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

125

6.3.2 Asintoti di una quadrica

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

127

6.3.3 Generatori rettilinei di una quadrica

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

129

6.3.4 Rette tangenti ad una quadrica

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

130

6.4 Centro di simmetria

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

133

6.5 Diametri di una quadrica

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

137

6.6 Classificazione ane delle quadriche

 

.

.

.

.

.

.

.

.

138

6.6.1 Invarianti ani

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

142

6.6.2 Classificazione ane delle quadriche

.

.

.

.

.

.

.

.

.

143

7 Geometria quadratica 3: quadriche e coniche euclidee

 

148

7.1 Direzioni principali

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

148

7.2 Classificazione euclidea delle coniche e delle quadriche

 

151

7.2.1

Invarianti euclidei .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

156

7.3 Riduzione di una conica e di una quadrica in forma canonica

.

160

7.3.1

Quadriche a centro

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

160

7.3.2

Quadriche non degeneri senza centro

.

.

.

.

.

.

.

.

.

161

7.3.3

7.3.4

7.3.5

Esercizi

Quadriche degeneri con ρ = 2

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

161

Quadriche degeneri con ρ = 1

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

162

Forma canonica delle coniche 7.4 .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

163

163

vi

INDICE

1

1 Generalita` sugli spazi affini 1.1 Spazi a ffi ni Definizione 1.1. Uno spazio a ffi

Generalita` sugli spazi affini

1.1 Spazi a ni

Definizione 1.1. Uno spazio a ne è una terna (A, V, η), dove A è un insieme, V è uno spazio vettoriale mentre η è una applicazione

η : A × A V

de f

che ad ogni coppia ordinata (A, B), A, B A, associa un vettore v = η(A, B) ==== AB , tale che:

(i) per ogni punto A A, l’applicazione η A : A V definita, per ogni B A, da η A (B) = η(A, B) è una biezione;

(ii) per ogni A, B, C A vale la relazione AB = AC + CB (regola di Chasles).

L’insieme A si chiama spazio dei punti, mentre lo spazio vettoriale V prende il nome di spazio vettoriale associato allo spazio dei punti A o giacitura dello spazio ane.

2

Generalità sugli spazi a ni

La dimensione di uno spazio ane (A, V, η) è definita come la dimensione dello spazio vettoriale V. Si osservi che quest’ultima potrebbe essere infinita. In ogni caso in questo testo ci occuperemo esclusivamente del caso in cui la dimensione sia finita ed, in particolare, del caso di dimensione 1, 2 o 3. Dalla definizione di spazio ane segue immediatamente che, per ogni A, B A, AA = 0 e AB = BA.

Esempio 1.2.

(i) L’insieme vuoto è uno spazio ane rispetto a qualsiasi spazio vettoriale associato. Si conviene che in questo caso lo spazio ane non abbia dimensione.

(ii) L’insieme formato da un unico elemento è uno spazio ane, con spazio vettoriale associato V = { 0 } , di dimensione zero.

(iii)

Uno spazio vettoriale V si può pensare in modo naturale (canonico) come lo spazio ane (V, V, η) con η(u, v) = v u, u, v V.

(iv)

Se (A 1 , V 1 1 ) e (A 2 , V 2 2 ) sono due spazi

ani si consideri il prodotto

cartesiano A 1 × A 2 . Definendo l’applicazione

η :

(A 1 × A 2 ) × (A 1 × A 2 ) V 1 × V 2

come η((A 1 , A 2 ), (B 1 , B 2 )) = (η 1 (A 1 , B 1 )2 (A 2 , B 2 )) è facile verificare che η soddisfa la Definizione 1.1. Quindi la terna (A 1 × A 2 , V 1 × V 2 ) definisce uno spazio ane chiamato spazio a ne prodotto.

Da ora in poi, quando non vi è pericolo di ambiguità, indicheremo con A uno spazio ane intendendo che è chiaro dal contesto lo spazio vettoriale associato.

Osservazione 1.3. Dato uno spazio ane A e fissato un punto O A segue, dalla definizione, che ad ogni punto B A resta associato un unico vettore v V. Possiamo quindi introdurre sull’insieme dei punti A una struttura di spazio vettoriale nel modo seguente. Dati A, B A definiamo A + B = Q con OA + OB = OQ, mentre dato un numero λ R definiamo λA come quel punto di A tale che OλA = λ(OA). Si noti, tuttavia, che la struttura di spazio vettoriale introdotta su A dipende dal punto O A che gioca il ruolo del vettore nullo.

1.1 Spazi a ni

3

1.1.1 Sottospazi a ni

Definizione 1.4. Un sottoinsieme F A di uno spazio ane (A, V, η) è un sottospazio a ne se è vuoto o se contiene un punto A tale che η A (F) è un sottospazio vettoriale di V.

La definizione di sottospazio ane non dipende dalla scelta del punto A, infatti si ha

Proposizione 1.5. Sia F un sottospazio ane di A. Allora esiste un sottospazio vettoriale W di V tale che, per ogni B F, η B (F) = W.

Dimostrazione. Essendo F un sottospazio ane esiste A F tale che η A (F) = { AC : C F } = W è un sottospazio vettoriale di V . Sia adesso B F un altro

Chasles segue

che BC = BA + AC = AB + AC W. Quindi η B (F) W. Dimostriamo che η B (F) è un sottospazio vettoriale di W. Siano v, w η B (F), dalla definizione

esistono C, C F tali che v = BC e w = BC . Siccome v + w V esiste

C A con v + w = BC + BC = BC .

bisogna verificare che C F. Da BC = BA + AC = AC AB, essendo

Allo

stesso modo si dimostra che se v η B (F) e λ R allora λv η B (F). In fine,

AC = AB + BC = BC + BC η B (F) da cui W η B (F).

Vice versa, si ha la seguente

Proposizione 1.6. Sia W un sottospazio vettoriale di V e sia A A. Allora esiste un unico sottospazio ane F contenente A con giacitura W.

Dimostrazione. Sia A A e definiamo

Per dimostrare che v + w η B (F)

punto e si consideri η B (F) = { BC : C F } . Dalla regola di

BC , AB W, segue che AC W da cui, per definizione di W, C F.

1

F = { B A : AB W } = η (W) .

A

Chiaramente A F e η A (F) = W, quindi F è un sottospazio ane contenente

A il cui spazio vettoriale associato è W. Per l’unicità, supponiamo per assurdo

che

può essere un sottoinsieme proprio di F, essendo entrami in corrispondenza

biunivoca tramite η A con W. Sia quindi C F con C F. Segue che η A (C)

Esempio 1.7.

esista F F con η A (F ) = W e A F . Osserviamo per primo che F non

1

A

(η A (C)) F.

W e, per la biettività di η A , si ha che C = η

4

Generalità sugli spazi a ni

(i) Tutti i punti di uno spazio ane sono sottospazi di dimensione zero.

(ii) Un sottospazio ane di dimensione uno si chiama retta a ne.

(iii) Un sottospazio ane di dimensione due si dice piano a ne.

Proposizione 1.8. Sia V uno spazio vettoriale visto come spazio ane e sia f : V W un’applicazione lineare da V in un altro spazio vettoriale W. Per ogni w f (V), l’insieme delle contro immagini f 1 (w) V è un sottospazio ane di V con giacitura ker( f ).

Dimostrazione. Basta mostrare che, dato u f 1 (w), si ha

η u (f 1 (w)) = ker( f ) ,

dove, per definizione, η u (x) = x u. Sia y ker( f ), allora f (y + u) = f (u) = w, quindi y + u = x f 1 (w). Segue che y = x u = η u (x) η u (f 1 (w)), cioè ker( f ) η u (f 1 (w)). Vice versa, sia y η u (f 1 (w)), allora y = x u

= w w = 0, quindi

per qualche x f 1 (w). Segue che f (y) = f (x) f (u) η u (f 1 (w)) ker( f ).

Osservazione 1.9. La proposizione precedente dice che tutti i punti del sotto- spazio ane f 1 (w) si possono scrivere nella forma u 0 + y dove u 0 è un punto fissato di f 1 (w) mentre y è un elemento del nucleo. Più in generale, si può mo- strare che i sottospazi ani di uno spazio vettoriale V sono della forma W + v 0 , dove W è un sottospazio vettoriale e v 0 è un vettore di V. Si osservi che W + v 0 definisce un sottospazio vettoriale solo se v 0 W o, in altri termini, W + v 0 definisce un sottospazio vettoriale solo se contiene il vettore nullo.

1.1.2 Intersezione di sottospazi a ni parallelismo

Proposizione 1.10. Siano F 1 e F 2 due sottospazi ani di uno spazio ane A. Allora l’intersezione F 1 F 2 è un sottospazio ane di A.

Dimostrazione. Sia V la giacitura di A. Se F 1 F 2 = allora è un sottospazio ane. Altrimenti si scelga A F 1 F 2 . Segue che η A (F i ) = W i V è la giacitura di F i per ogni i = 1, 2. Poniamo W = W 1 W 2 . Allora F 1 F 2 è

l’unico sottospazio ane passante per A con giacitura W.

1.1 Spazi a ni

5

Definizione 1.11. Due sottospazi ani F 1 e F 2 di uno spazio ane A sono detti paralleli (si scrive F 1 F 2 ) se hanno la stessa giacitura.

Osservazione 1.12. Si noti che due sottospazi possono essere disgiunti senza essere paralleli, per esempio una retta ane la cui giacitura è un sottospazio della giacitura di un piano ane non è parallela al piano. In ogni caso in uno spazio ane di dimensione 2 due rette ani sono parallele se e solo se sono disgiunte. Qualche volta si utilizza una definizione di parallelismo più debole: due sot- tospazi ani F 1 e F 2 di uno spazio ane A sono detti debolmente paralleli se la giacitura di uno è un sottospazio vettoriale della giacitura dell’altro. Con questa terminologia ha senso parlare di retta ane parallela ad un piano ane.

Esempio 1.13. Se f : V W è una applicazione lineare, allora tutti i sotto- spazi f 1 (w), w f (V), sono paralleli avendo la stessa giacitura ker( f ).

1.1.3 Coordinate a ni

Sia (A, V, η) uno spazio ane. Fissato un punto O A, ad ogni altro punto A

, e n }

dello spazio vettoriale V il vettore OA ammette un unica decomposizione ri-

spetto alla base B :

A resta associato un unico vettore OA V. Scelta una base B = { e 1 ,

OA = a 1 e 1 + · · · +

a n e n =

n

i=1

a i e i ,

a i R.

Definizione 1.14. Definiamo coordinate a ni del punto A rispetto alla base

, alla base B . La coppia (O, B ) prende il nome di riferimento a ne.

Al punto O resta associata la n-pla (0,

origine. Quando l’origine O e la base B sono fissate useremo la notazione breve

B ed al punto O la n-pla (a 1 ,

a n ) delle componenti del vettore OA rispetto

, 0) ed è comunemente chiamato

A

= (a 1 ,

, a n )

per indicare un punto di uno spazio ane. Facendo riferimento alla struttura di spazio vettoriale definita su uno spazio ane nella Osservazione 1.3, si vede facilmente che le operazioni ivi descritte diventano:

6

Generalità sugli spazi a ni

A

+ B = (a 1 ,

,

a n ) + (b 1 ,

,

b n ) = (a 1 + b 1 ,

,

a n + b n )

λA = λ(a 1 ,

,

a n ) = (λa 1 ,

a

n )

A, B A, λ R.

b n ) rispetto ad un ri-

ferimento ane (O, B ) su A, allora le componenti del vettore AB sono (b 1

a 1 ,

Osservazione 1.15. Se A = (a 1 ,

,

a n ) e B

=

(b 1 ,

,

,

b n a n ). Infatti, dalla regola di Chasles si ha

AB = AO + OB = OB OA.

1.1.4 Cambiamenti di coordinate a ni

Sia (A, V, η) uno spazio ane. Siano (a 1 ,

, Vediamo come cambiano le coordinate ani se si cambia l’origine e/o la base della giacitura.

a n ) le coordinate ani di un pun-

e n } di V.

, to A A rispetto ad un origine O A ed ad una base B = { e 1 ,

Iniziamo cambiando solo l’origine. Sia O A un altro punto di A di coor-

dinate ani (o

1 , riferimento (O , B ). Dalla regola di Chasles si ha

le coordinate ani di A rispetto al

, o

n ) e siano (a 1 ,

,

a

n )

OA = OO + O A

o, equivalentemente,

O A = OA OO

da cui segue che per un cambiamento d’origine le coordinate ani rispetto alla nuova origine sono le vecchie coordinate meno le coordinate della nuova origine rispetto alla vecchia. In formula

(a 1 ,

, a

n ) = (a 1 ,

,

a n ) (o 1 ,

, n ).

o

Vediamo adesso il caso in cui cambiamo la base dello spazio vettoriale V. Sia

dunque B = { e 1 ,

n } una nuova base di V. La matrice M = (m ij ) del

cambiamento di base è definita da

, e

e i = m 1i e 1 + · · · + m ni e n ,

i = 1,

n.

1.1 Spazi a ni

7

Se le componenti del vettore OA rispetto alla base B sono (a 1 , componenti di OA rispetto alla base B sono date da

Infatti, da una parte si ha

OA =

n

j=1

a j e j =