Sei sulla pagina 1di 4

Fanta-scienza Nelle stanze blindate del Goddard Space Center della Nasa

Il nuovo telescopio
che guarder
dentro le case di E.T.
James Webb sar cento volte pi potente dello
Hubble. Dimostrer che ci sono altri pianeti simili alla
Terra che ospitano acqua, oceani e quindi la vita
di Marzio G. Mian

on prendetevi impegni nei


primi mesi del 2019. Ci sar
la rivoluzione universale. Gli
astrofisici dello Space Telescope science Institute di Baltimora, gente
che ragiona in milliarcosecondi, anni siderali, mesi luce, insomma alieni incapaci
di cogliere i cambiamenti millimetrici cui
noi diamo epocale importanza, tipo linformazione digitale, e associano ancora la
consacrazione di uno scoop alla copertina
di Time come fossimo ai tempi dello sbarco
sulla Luna, ne hanno gi preparata una per
godersi la notizia con calma: We are not
alone!, non siamo soli, il titolo-bomba
del finto magazine che compare ultimamente sui loro desktop. Nei primi mesi
del 2019 avremo la conferma scientifica di
quello che tutti noi gi sappiamo matematicamente, che c vita nelluniverso, dice
Alberto Conti, uno dei maggiori protagonisti della progettazione del telescopio James
Webb, gi definito il pi importante dopo
quello inventato e sperimentato da Galileo
Galilei quattrocento anni fa.
Un filo diretto lega infatti listituto spaziale
di Baltimora e il collegato centro Goddard
della Nasa immerso nei boschi fuori citt,
al casino di caccia sul Gianicolo a Roma,
dove Galilei dimostr, nella storica (e per lui
sciagurata) notte del 14 aprile 1611, davanti
a monsignori e cardinali, che la Terra non
era al centro dellUniverso e che esistevano
altri sistemi simili al nostro sistema solare:
Ora James Webb dimostrer che ci sono
altri pianeti simili alla Terra, che ospitano
acqua e quindi oceani e quindi la vita. La
chiusura del cerchio della rivoluzione copernicana. Teologi e psichiatri debbono
prepararsi a fare gli straordinari, gli uni
54

sETTE | 14 08.04.2016

Costato quasi
dieci miliardi di dollari,
verr lanciato
nellottobre del 2018
a un milione
e mezzo di chilometri,
quattro volte
la distanza
tra la Terra e la Luna

Italiano uno dei padri del nuovo occhio universale


A sinistra, unimmagine ripresa da Hubble della Arp
273, una coppia di galassie che interagiscono tra di
loro, situata a 340 milioni di anni luce da noi, nella
costellazione di Andromeda. Al centro, una delle aree
dove si stanno svolgendo i test del telescopio James
Webb. Nel tondo, litaliano Alberto Conti.

spl/ contrasto (2)

chiamati a contrastare leuforia degli atei, gli


altri a soccorrere le vittime dello sconforto
procurato dalla notizia che non siamo poi
tanto speciali. E, nellera della visione selfie
del mondo, una bella botta.
Detective galattico. Un detective galattico.
Sono settimane frenetiche nel blindatissimo Goddard. Si stanno assemblando i 18
specchi ricoperti di berillio e oro che rifrangeranno le immagini dello Spazio nelle
lenti del telescopio. In via esclusiva, Sette
entra nella pi grande camera asettica del
mondo, gli ingegneri sono bardati come i
medici di Ebola, un solo granello di polvere potrebbe mandare a monte dieci anni
di lavoro e quasi dieci miliardi di dollari
dinvestimento. James Webb verr lanciato
nellottobre 2018 a un milione e mezzo di
chilometri, quattro volte la distanza tra la
Terra e la Luna, e orbiter attorno al Sole,
utilizzando, a differenza del suo predecessore Hubble, i raggi infrarossi, quindi riuscir a catturare stelle e pianeti perforando
nebulose e masse scure, ricostruir la storia
delle galassie (e del nostro sistema solare)
andando a ritroso di 13,77 miliardi di anni,
cio allalba dellUniverso, immediatamente
dopo il Big Bang: Sar una gigantesca macchina fotografica, cento volte pi potente di
Hubble, il quale gira nellorbita della Terra
e ci ha mostrato lUniverso nella sua adolescenza, mentre ora lo vedremo sin dalla culla e seguiremo passo-passo la sua crescita,
dice Conti. Soprattutto, e questa la missione di questo nostro inviato speciale, James
Webb operer come un detective dello
sETTE | 14 08.04.2016

55

bloomberg/getty images

Spazio per trovare in almeno quattromila


pianeti candidati le prove della vita: legger attraverso lo spettro luminoso le componenti chimiche di centinaia, migliaia di
pianeti, determinandone la compatibilit
con il nostro.
James Webb, dicono qui a Goddard verr
piegato come un origami per poter essere
sparato dal razzo Arianne 5 e poi si dispiegher, durante un mese di viaggio, come un
fiore, sviluppando una superficie grande
quanto un campo da tennis, protetto da
uno scudo termico che lo manterr a una
temperatura costante di 250 gradi sotto
zero. La cosa affascinante, dice Conti guidandoci dove lelaboratore del telescopio
viene testato in un gigantesco freezer,
che James Webb risponder a domande che
ora non siamo neanche in grado di porci.
Come accaduto con Hubble, il quale ci ha
svelato che luniverso sta accelerando, che
allinterno di ogni galassia esistono buchi
neri, che la dark energy, lenergia del vuoto, fa accelerare luniverso Tutte cose che
non gli avevamo chiesto. Da Webb tuttavia

ci aspettiamo subito La Notizia. La comunit astrofisica ha fretta, tutti noi vogliamo


ripartire dalla certezza di altri pianeti abitabili. La mia amica Sara Seager di Mit lha addirittura giurato al marito morente, dice
lastrofisico friulano che per conto del colosso aerospaziale Northrop Grumman sta
gi lavorando al prossimo telescopio Nasa:
Ci informer nel dettaglio di che tipo di
vita si tratta. Infatti questi alieni della Nasa
escludono che nellinfinito altrove si siano
create le identiche condizioni evolutive della Terra, ma ritengono che la vita sia sbocciata attraverso molte altre - forse migliaia
- forme e combinazioni. Insomma nello
spazio c ancora spazio per il mistero e la
poesia.
Linfinito di Leopardi. Il riferimento di Conti, pi di Margherita Haak, sua maestra a
Trieste prima di sbarcare in America 23
anni fa, Giacomo Leopardi; tra questa
immensit sannega il pensier mio la
firma della sua mail. Senza Leopardi non
sarei quello che sono, grazie alla visione

della realt da italiano che ha fatto il liceo in


Italia, indago luniverso con senso estetico e
immaginazione. cos che mentre Hubble era in piena attivit di mappatura della
volta celeste un giorno ha telefonato a quelli
di Google: bello il vostro Google Earth, ma
che ne dite di guardare al cielo? Conti, nato
a Palmanova in Friuli, colui che ha fatto
vedere le stelle a tutti. Lartefice di un evento
unico nella storia dellumanit: un gigantesco telescopio virtuale che permette agli
utenti di navigare nello spazio e visionare
oltre 100 milioni di oggetti celesti e 200 milioni di galassie. Ha inventato Google Sky,
basta cliccare ad esempio unicona di Saturno nella barra dei comandi di Google Earth
e si viaggia negli spazi interstellari, in due
secondi percorri migliaia di miliardi di chilometri, giri la rotellina sul mouse e ti spingi
verso lOrsa Maggiore, a 430 anni luce dalla
Terra e un anno luce vale 9.461 miliardi
di chilometri, davvero un dolce naufragare nellinfinito. Ho dovuto contrattare
per due mesi affinch fosse messo nero su
bianco il divieto assoluto di pubblicit su

Da James Webb ci aspettiamo la notizia della certezza di altri pianeti abitabili. La mia
amica Sara Seager del Mit lha giurato al marito morente, dice lastrofisico Conti
56

sette | 14 08.04.2016

spl/ contrasto (3)

Dalle camere asettiche allinfinito


A sinistra, ingegneri spaziali al lavoro sulla
struttura in grafite del modulo che dovr
portare nello spazio il telescopio James
Webb. Sopra, unimmagine di V838 Mon,
una stella situata nella costellazione
dellUnicorno a circa 20 mila anni luce dalla
Terra diventata, nel 2002, la pi luminosa
dellintera Via Lattea. A destra, una delle foto
pi celebri scattata dal telescopio Hubble, il
primo aprile 1995, chiamata I pilastri della
creazione. Ritrae colonne di gas interstellare
e polveri visibili nella Nebulosa Aquila.

Google Sky, dice Conti: Non volevo che


un domani gli saltasse in mente di far sponsorizzare gli astri a qualche azienda. Come
continua la mappatura dellUniverso, cos il
caricamento delle immagini su Google Sky:
Non sar mai completo Esistono 100 miliardi di galassie e si calcola che ognuna di
esse sia formata in media da 200 miliardi di
stelle Ci sono pi stelle nellUniverso che
granelli di sabbia su tutte le spiagge della
Terra. Ogni giorno tante ne nascono e tante
ne muoiono. Siamo animali curiosi, dice
Conti. Tentiamo di capire da dove veniamo e dove andiamo. Ci rifiutiamo di credere che siamo qui per caso. Molto pi facile
dunque credere che in tutto questo ci sia
uno scopo.
La teoria del dio tuono. La solitudine dellastrofisico, soprattutto se si pone domande

inopportune, deve essere davvero siderale,


leopardiana. Come possono convivere luomo che sta per assistere alla nascita dellUniverso in diretta e d per certa lesistenza di
altre vite extraterrestri con luomo cos consapevole dei limiti della condizione umana?
Soffro terribilmente, ammette con una
punta di imbarazzo velato di malinconia:
Vivo in modo schizofrenico, mi sento socialmente inadeguato, perch difficile
confrontarsi con chi non usa il linguaggio
della matematica per indagare luniverso
e non ha la stessa percezione della nostra
esistenza tuttaltro che speciale. Uno potrebbe cedere e cambiare linguaggio, quello
della fede. La storia della nostra specie
costellata di prove che hanno smentito lorigine divina dei fenomeni naturali. Il dio
tuono morto con la spiegazione scientifica del fenomeno tuono. E levoluzione dal

politeismo al monoteismo non stato forse un tentativo di cercare la sorgente unica


della creazione? La cosmologia sta dando
risposte su risposte, conosciamo let delluniverso, 13,77 miliardi di anni, non necessario invocare lesistenza dun creatore
per spiegare let delluniverso. Riusciamo a
spiegare quello che successo in questi miliardi di anni, dimostreremo tra poco che il
nostro non affatto un pianeta speciale che
gira intorno a una stella eccezionale. Vuol
dire che il mistero della vita sar rivelato
dalla scienza? Come spiegher, il teologo,
lesistenza di migliaia di specie di vita nellUniverso? Noi siamo costituiti dagli elementi
chimici pi abbondanti nel cosmo. Perch
dovrebbe essere capitato solo a noi? Perch
le condizioni che hanno creato la Terra dovrebbero essersi verificate una volta sola? La
vita sulla Terra si generata grazie allacqua,
la quale dal punto di vista chimico il solvente che ha sviluppato il Dna, ma potrebbero esserci altri solventi nello spazio, tipo
il metano liquido, che hanno prodotto forme di vita sviluppatesi in modo radicalmente diverso Insomma luomo, nonostante
il titolo di Time, continuer ad essere unico
e irripetibile. Ma questo non fa notizia.
Marzio G. Mian
riproduzione riservata

sette | 14 08.04.2016

57