Sei sulla pagina 1di 1

Il funambolismo cerebrale che non fa inciampare nelle parole - Le Scienze

Page 1 of 1

21 febbraio 2013

Il funambolismo cerebrale che non fa inciampare nelle parole


Parlare scorrevolmente richiede una coordinazione rapidissima dei movimenti di diverse strutture anatomiche: anche piccoli
sfasamenti si tradurrebbero in una "catastrofe fonetica". Per la prima volta sono state ora individuate le reti che orchestrano questo
complesso lavoro, scoprendo che si reggono su una complessa gerarchia funzionale, ben distinta da quella anatomica che si riteneva
presiedesse a questo compito (red)
Gli specifici modelli di attivit neurale che sottostanno alla nostra capacit di parlare in modo scorrevole sono stati individuati da un gruppo di neuroscienziati
dell'Universit della California a San Francisco, che li descrivono in un articolo pubblicato su Nature.
Anche se quasi tutti imparano a parlare senza sforzo, la produzione fluente delle parole una delle attivit umane pi complesse, che richiede un movimento
perfettamente coordinato e in tempi rapidissi di tutte le parti del corpo coinvolte nell'articolazione della parola: dalle labbra alla mascella fino alla lingua e alla
laringe. Ciascuna di queste parti, inoltre, pu muoversi in molti modi diversi, producendo, anche con piccole variazioni, notevoli differenze nei suoni emessi.
Precedenti ricerche avevano indicato che l'articolazione della parola non archiviata in aree corticali discrete, ma che la produzione di fonemi e di sillabe
sorge da uno schema motorio coordinato che coinvolge numerose rappresentazioni di articolazione.
Per comprendere l'organizzazione funzionale della corteccia sensomotoria ventrale
(vSMC) - che con le sue proiezioni al viso e al tratto vocale presiede a questo
compito - i ricercatori hanno registrato l'attivit neurale direttamente dalla superficie
corticale in tre soggetti in cui era stata impiantata una schiera di elettrodi ad alta
densit nel corso della preparazione a un intervento chirurgico.
La registrazioni corticali dirette ad alta risoluzione eseguite mentre i soggetti
leggevano ad alta voce una serie di parole con la pi ampia gamma di suoni
Spettrogramma di tre sillabe (a sinistra) e le quattro principali strutture che partecipano
comunemente usati in inglese e americano hanno messo in evidenza una gerarchia
all'artcolazione della parola. (Cortesia K.E. Bouchard et al. / Nature)
funzionale di stati della rete cerebrale che presiede alla coordinazione dei
movimenti articolatori durante il discorso ben distinta dalla gerarchia anatomica che si pu individuare nella corteccia motoria. Nello spazio degli stati corticale
definito dai ricercatori consonanti e vocali occupano comunque regioni distinte.
Un altro dato interessante rilevato dai ricercatori l'esistenza di una rappresentazione corticale supplementare della laringe situata nell'estremit dorsale della
VSMC. L'assenza di questa rappresentazione nei primati non umani suggerisce che si tratti di una caratteristica per il controllo specializzato della parola.

http://www.lescienze.it/news/2013/02/21/news/articolazione_parola_discorso_fluente... 24/02/2013