Sei sulla pagina 1di 5

1

Esercizi sulla funzione integrale - B. Di Bella

Esercizio 1 - Studiare la funzione


F (x) =

e2t 3 t 2 dt .

La funzione integranda f (x) = e2x 3 x 2 non ha una primitiva elementare


e quindi non siamo in grado di ricavare per F (x) unespressione analitica
elementare.
Ora, f (x) `e definita e continua in lR quindi, per il Teorema fondamentale del
calcolo integrale, F (x) `e definita in lR, derivabile per ogni x lR e

F 0 (x) = e2x 3 x 2 .
(1)
Studiamo la funzione ai bordi del dominio. Poich`e lim f (x) = + sar`a
x

lim F (x) = + .

Z x

Per definizione di integrale improprio, se lim F (x) = lim


e2t 3 t 2 dt
x+ 2
Z + x+

2t 3
t 2 dt, quindi vediamo se la
esiste finito esso coincider`a con
e
2

funzione f (x) `e integrabile in senso improprio in [2, +[.

lim f (x) = 0, f (x) 0 x [0, +[ ,

x+

lim

x+

f (x)
1
x

=5/3

= 0

pertanto f (x) `e integrabile in senso improprio in [2, +[ e dunque esiste


lim F (x) = k > 0. Ci`o significa che la funzione F (x) ha un asintoto
x+
orizzontale a destra.
Dalla (1) studiamo la monotonia e la concavit`a della funzione.

F 0 (x) 0 e2x 3 x 2 0 x 2
cio`e la funzione F (x) `e strettamente decrescente in ] , 2[ e strettamente
Z 2

crescente in ]2, +[. Dato che F (2) =


e2t 3 t 2 dt = 0, il punto (2, 0)
2
`e un punto di minimo assoluto. Inoltre,
3x + 7
F 00 (x) = e2x q
0
3 3 (x 2)2

Corso di Analisi Matematica 1 per Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni

la funzione F (x) `e convessa in ], 2[]2, 73 [ e concava in ] 73 , +[, per x = 37


la funzione ha un flesso. Un grafico qualitativo della funzione `e il seguente
Esercizio 2 - Dire se la funzione
F (x) =

et
dt
t2 + 3

`e invertibile e, in caso affermativo, calcolare la derivata della funzione inversa


nel punto y0 = 0.
ex
`e definita e continua in lR quindi, per
x2 + 3
il Teorema fondamentale del calcolo integrale, F (x) `e definita in lR, derivabile
per ogni x lR e
ex
F 0 (x) = 2
> 0 x lR .
x +3
La funzione integranda f (x) =

Allora F (x) `e strettamente crescente in lR e dunque invertibile. Inoltre, per


il Teorema della derivata della funzione inversa
(F 1 )0 (y0 ) =

1
F 0 (x0 )

Esercizi sulla funzione integrale - B. Di Bella

essendo y0 = F (x0 ). Ora


F (x0 ) = 0 x0 = 0
e
F 0 (0) = f (0) =

1
3

dunque
(F 1)0 (y0 ) = (F 1 )0 (0) = 3
Esercizio 3 - Studiare la funzione
F (x) =

t2

e 2
dt .
2

x2

e 2
La funzione integranda f (x) =
non ha una primitiva elementare e
2
quindi non siamo in grado di ricavare per F (x) unespressione analitica pi`
u
semplice.
Ora, f (x) `e definita e continua in lR quindi, per il Teorema fondamentale del
calcolo integrale, F (x) `e definita in lR, derivabile per ogni x lR e
x2

e 2
F (x) =
.
2
0

(2)

Studiamo la funzione ai bordi del dominio. Per come `e definita


lim F (x) = 0 .

Per definizione di integrale improprio, se lim F (x) = lim


x+

esiste finito esso coincider`a con

2
t2

x+

t2

e 2
dt
2

dt, quindi vediamo se la funzione


2
f (x) `e integrabile in senso improprio in ] , +[.

x2

1
e 2
0 x ] , +[ ,
2
2

Corso di Analisi Matematica 1 per Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni

pertanto, per il teorema del confronto, f (x) `e integrabile in senso improprio


in ] , +[ e dunque esiste lim F (x) = k > 0. Ci`o significa che la
x

funzione F (x) ha anche un asintoto orizzontale a sinistra.


Dalla (2) studiamo la monotonia e la concavit`a della funzione.
F 0 (x) = f (x) > 0 x ] , +[
cio`e la funzione F (x) `e strettamente crescente in lR. Inoltre,
x2
2x
F 00 (x) = e 2 0 x 0
2

perci`o la funzione F (x) `e convessa in ], 0[ e concava in ]0, +[, per x = 0


la funzione ha un punto di flesso. Tutti questi fatti portano al seguente grafico
qualitativo

Esercizio 4 - Calcolare
lim

x+

(et + 1) dt
e2x2
2

Osserviamo innanzitutto che la funzione integranda f (x) = ex + 1 non ha


una primitiva elementare e quindi non siamo in grado di ricavare per F (x)

Esercizi sulla funzione integrale - B. Di Bella

unespressione analitica pi`


u semplice.
Ora, f (x) `e definita e continua in lR quindi, per il Teorema fondamentale del
calcolo integrale, F (x) `e definita in lR, derivabile per ogni x lR e
2

F 0 (x) = ex + 1 .

(3)
Z

Poich`e lim f (x) = +, la funzione integrale F (x) =


(et + 1) dt `e
x+
0
infinita per x +. Il limite d`a quindi una forma indeterminata del tipo

. Utilizziamo il Teorema di de LHopital

lim

x+

(et + 1) dt
e2x2

F (x) H
F 0 (x) (3)
ex + 1
= lim 2x2 = lim
=
lim
2
2 = 0 .
x+ e
x+ 4x e2x
x+ 4x e2x